Verticale
Verticale

Cogenerazione e risparmio dell'energia primaria nel settore alimentare

Fratelli Pinna risparmia il 27% di energia primaria con la cogenerazione CGT

Richiedi informazioni a CGT

Il cuore della soluzione CGT per i Fratelli Pinna, industria Casearia, è stato un impianto di cogenerazione containerizzato da 1,2 MW uno dei pochissimi in Italia alimentati a Gas Naturale Liquefatto, progettato e realizzato "chiavi in mano" per la produzione di acqua calda e vapore, oltre che di energia elettrica.

CGT è una storica azienda italiana, nata nel 1934, con una presenza radicata sul territorio attraverso 1.160 persone e 28 Filiali dirette. Nell'ambito della generazione di energia, CGT dimensiona, progetta e realizza impianti di cogenerazione personalizzati "chiavi in mano" gestendo ogni fase, dall'iter autorizzativo fino all'avviamento e al collaudo, con servizio di manutenzione "full service" e monitoraggio da remoto.

Fornisce inoltre il servizio Energy Report per ottimizzare le prestazioni nell'intero ciclo di vita e, se richiesto, agisce anche come "main contractor" per proporre una soluzione di efficientamento energetico più ampia e integrata con il processo produttivo.

Fratelli Pinna S.p.A. è un'industria Casearia leader nella produzione di formaggi ovicaprini, con oltre 100 anni di storia, parte attiva dei consorzi di tutela dei formaggi prodotti in Sardegna che hanno ottenuto la Denominazione di Origine Protetta: il Pecorino Romano e il Pecorino Sardo.

Per Fratelli Pinna il rispetto per l'ambiente è una priorità e un impegno quotidiano. La caseificazione è figlia della cultura contadina secondo la quale nulla va sprecato. Acqua, latte, energia: niente va perso, tutto è prezioso. Da questa filosofia nasce la scelta di installare un impianto di cogenerazione che riduce consumi ed emissioni.

Sostituire gli impianti di combustione tradizionali con un impianto di cogenerazione, infatti, permette di recuperare il calore di scarto e renderlo nuovamente disponibile per il processo, aumentando l'efficienza e la sostenibilità.

La soluzione CGT per il Caseificio F.lli Pinna è nata da un'approfondita analisi delle esigenze del Cliente e, in particolare, dalla necessità di disporre di acqua calda con temperature e portate diverse per le varie fasi del processo produttivo.

Il cuore della soluzione è stato un impianto di cogenerazione containerizzato da 1,2 MW uno dei pochissimi in Italia alimentati a Gas Naturale Liquefatto, progettato e realizzato "chiavi in mano" per la produzione di acqua calda e vapore, oltre che di energia elettrica.

CGT ha quindi progettato e curato la realizzazione del circuito di distribuzione dell'acqua calda che si sviluppa in tutto lo stabilimento: oltre 300 metri di tubazioni a servizio di ogni reparto produttivo in cui avviene la trasformazione del latte nelle varie tipologie di formaggi prodotti.

L'installazione di 13 scambiatori di calore, governati da altrettante valvole a 3 vie e da un sistema di automazione e controllo, garantisce la corretta temperatura e portata dell'acqua in ogni reparto produttivo, assicurando la realizzazione di un prodotto finito di alta qualità.

Tutto l'impianto di cogenerazione e i suoi apparati sono governati da un sistema di supervisione accessibile dal reparto service nella control room di Vercelli. Dal sistema di supervisione, è possibile monitorare tutti i parametri significativi di funzionamento dell'impianto, ma anche apportare modifiche ai set point per migliorarne la funzionalità.

Il rendimento dell'impianto di cogenerazione è protetto da CGT attraverso un contratto di service pluriennale, mentre il monitoraggio della sua efficienza energetica avviene attraverso l'Energy Report. Questo strumento "web based" assicura una
reportistica energetica intuitiva, semplice ed efficace per effettuare un'analisi puntuale della produttività e della redditività dell'impianto.

Come affermato da Pierluigi Pinna, Direttore di produzione in Fratelli Pinna S.p.A., "grazie alla soluzione cogenerativa CGT, potremo risparmiare fino al 27% di energia primaria, riducendo notevolmente le emissioni di anidride carbonica, ossidi di zolfo e di azoto e di particelle inquinanti".

L'impianto di cogenerazione, infatti, consentirà di evitare fino a 1400 tonnellate/anno di emissioni di CO2 all'anno. "Il nostro obiettivo" conclude Pierluigi Pinna "è offrire alle generazioni che verranno un futuro sempre più green, in grado di sfruttare i beni preziosi della nostra terra a impatto ambientale bassissimo."

Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Fonte: Guida Cogenerazione luglio 2023
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti

Richiedi informazioni a CGT



Settori: , , , ,


Parole chiave: , , , ,

In evidenza

© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186