Verticale
Verticale

Caldaie idrogeno Baxi e sistemi ibridi

H2: un'opportunità per le caldaie a gas e per i sistemi ibridi

Sommario

Presentazione della road map di gruppo e dell'azienda relativamente a prodotti funzionanti a idrogeno sviluppati in ottica di decarbonizzare i sistemi di riscaldamento. Inoltre, verranno illustrati case studies di progetti pilota già avviati in Europa: comfort ambientale ad impatto zero.

Una caldaia ad Idrogeno ha diversi obiettivi tra cui il funzionamento con 100% H2 e/o miscele con Gas naturale. Il gas, con formula chimica H2, ha un enorme potenziale. La produzione green dell'Idrogeno è fondamentale nel settore energetico.

Baxi SPA ha 700 persone impiegate a Bassan, ha 270 milioni di ? di fatturato, oltre 90 anni di storia, Export in 70 Paesi in tutto il mondo e oltre 10 milioni di caldaie prodotte dal 1978.

Il Gruppo BDR Thermea è uno dei principali produttori e distributori mondiale di soluzioni sostenibili ed intelligenti per la climatizzazione e il comfort sanitario, la sede centrale è ad Apeldoorn, in Olanda, fatturato annuo ? 1,8 miliardi, BDR Thermea è presente nel mondo in più di 100 Paesi ed impiega 6.300 persone e BDR Thermea è uno dei marchi leader in Europa nel settore.
Il ruolo di BAXI e di BDR Thermea Group nella filiera dell'Idrogeno:

1. Generazione & Stoccaggio:
a. Eolico;
b. Fotovoltaico;
c. Serbatoi.

2. Distribuzione:
a. Serbatoi;
b. Rete.

3. Uso:
a. Caldaia a Condensazione e sistemi ibridi;
b. Fuel Cell (Pila a combustibile) ad alta;
c. Sistema di cogenerazione con accumulo e management energetico.

"Hydrogen Lab Valley" Produzione green dell'Idrogeno

L'idrogeno, nella sua composizione molecolare (H2), non è presente spontaneamente in natura. La sua disponibilità può essere raggiunta attraverso molteplici processi chimici e fisici.

3.600 pannelli fotovoltaici potenza di 1.000kWp L'energia prodotta viene utilizzata anche per la generazione di idrogeno.
Una valle dell'idrogeno è essenzialmente un progetto (di solito finanziato da fondi locali, nazionali e internazionali) che raggruppa diverse iniziative industriali e di ricerca per realizzarne una lungo l'intera catena del valore dell'idrogeno (produzione, trasporto, distribuzione e uso finale con stoccaggio a volte nel mix).

L'impegno di Baxi per il comfort abitativo a impatto ambientale zero

Un sistema di riscaldamento a idrogeno è un impianto di riscaldamento che funziona con un boiler, delle celle di riscaldamento, un'alimentazione esterna (elettrica di solito) e l'ossigeno preso direttamente dall'ambiente esterno. L'impianto non fa altro che favorire l'unione tra ossigeno e idrogeno per formare l'acqua.

Dopo la prima caldaia domestica premiscelata a idrogeno puro prodotto tramite energia rinnovabile con zero emissioni di CO e CO2, Baxi ha ora attrezzato, presso lo stabilimento bassanese, un locale esterno dedicato al processo di elettrolisi per la trasformazione di energia elettrica in idrogeno.

"Un caso concreto in Italia" annuncia Alberto Favero, Direttore Generale di Baxi S.p.A, "della fattibilità del processo di trasformazione di energia solare in energia termica per il riscaldamento abitativo utilizzando l'idrogeno come vettore a zero emissioni". "Con questo nuovo passo continua il cammino pionieristico nell'applicazione dell'idrogeno al comfort abitativo" afferma Andrea Manini, Innovation Director di BDR Thermea Group, "e ora siamo pronti con ulteriori dimostrazioni di applicabilità della tecnologia sviluppata. BDR Thermea Group presta grande attenzione alla decarbonizzazione e agli obiettivi ambientali europei. È una sfida che onoriamo dal 2015, anno in cui abbiamo avviato strategicamente lo sviluppo della tecnologia per la caldaia premiscelata a idrogeno".

La sensibilità di Baxi verso l'ambiente parte nel 2010, quando ha sviluppato i primi sistemi ibridi. Ha poi introdotto, tra le altre, la tecnologia in pompa di calore e, nel 2018, installato sul tetto dello stabilimento di Bassano un impianto fotovoltaico ad alta efficienza di 6.000 mq che, con una potenza di 992 kW, consente alla green factory di ottenere il 100% dell'energia necessaria per produrre le circa 4.000 caldaie al giorno, evitando di immettere nell'atmosfera oltre 400 tonnellate di CO2 annue. Energia che da oggi verrà utilizzata anche per l'autoproduzione di idrogeno.

La caldaia ad Idrogeno: obiettivi

La caldaia ad idrogeno verrà installata in un locale accanto ad una caldaia a gas naturale esistente che garantirà che i residenti dispongano di calore e acqua calda in ogni momento. Stedin sta utilizzando, per l'approvvigionamento di idrogeno, un gasdotto esistente per dimostrare che la rete è idonea al trasporto del nuovo gas.

La caldaia a idrogeno BAXI

La nuova caldaia funzionante con puro idrogeno, di potenza termica resa di 28 kW, è in grado di garantire la stessa efficienza termica delle caldaie a condensazione a gas naturale ed è stata progettata per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria.
- Funzionamento con 100% H2 e/o miscele con Gas naturale;
- Stessa efficienza termica delle caldaie a condensazione a Gas naturale;
- Installazione e messa in servizio simili rispetto alle versioni a gas naturale;
- Zero emissioni di CO / CO2 e valori di NOX inferiori a quelli del Gas naturale;
- Approvazione DVGW /PAS 4444 (attualmente per test sul campo);
- Stesse potenze termiche delle caldaie a Gas naturale;
- Basse pressioni di alimentazione gas analoghe al Gas metan.

Caldaie idrogeno Baxi e sistemi ibridi

La prima caldaia premiscelata certificata alimentata ad idrogeno è stata messa in funzione in un contesto reale nella cittadina di Rozenburg, Olanda. Il progetto è stato sviluppato da BDR Thermea Group, leader nella produzione di sistemi di riscaldamento smart, la cui mission, lo sviluppo e la produzione di soluzioni di riscaldamento e acqua calda senza emissioni di anidride carbonica (CO2).

Baxi offre un'ampia gamma di sistemi ibridi in cui interagiscono diverse tecnologie e fonti energetiche per fornire soluzioni complete ed energeticamente efficienti.

"La ricerca di soluzioni efficienti ed eco-compatibili", commenta Alberto Favero, Direttore Generale Baxi S.p.A., è da sempre nel DNA di Baxi in piena sintonia con gli obiettivi di gruppo. Nel 2010 siamo stati pionieri nel proporre al mercato i sistemi ibridi, in cui diverse tecnologie e fonti energetiche interagiscono per fornire soluzioni complete ed energeticamente efficienti. Ora cogliamo la nuova sfida della caldaia ad idrogeno che ci proietta verso il futuro del comfort ambientale ad impatto zero".

"Lo sviluppo di una caldaia ad idrogeno fa parte delle soluzioni di BDR Thermea Group per decarbonizzare i sistemi di riscaldamento", conferma Bertrand Schmitt, CEO di BDR Thermea. "Ad oggi offriamo un'ampia gamma di tecnologie come caldaie a gas ad alta efficienza e pompe di calore, e ora anche caldaie ad idrogeno e a celle a combustibile. L'idrogeno prodotto in modo sostenibile è un importante, e potenzialmente molto interessante, vettore energetico per il futuro.

Conclusioni

Baxi ha avuto due riconoscimenti: VSK 2020 Audience Award nel febbraio del 2020 alla fiera di Utrecht, e Innovation Award nel Maggio del 2021 in Gran Bretagna.

Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Fonte: mcTER Idrogeno Web Edition giugno 2021 Idrogeno, prospettive e applicazioni di oggi e di domani
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Settori: , , , , , ,


Parole chiave: , , , ,
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186