verticale

Qualificazione delle figure professionali e delle loro nuove competenze indotte dalle tecnologie emergenti: il ruolo del

Il gruppo IMQ.
Normativa: il D. LGS. 9 aprile 2008, n. 81, DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATO I.
Terminologia e principi generali, Sicurezza del macchinario e principi ergonomici di progettazione.
Interazioni tra la progettazione del macchinario e i compiti lavorativi.
Due esempi:
- DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014 , n. 102 Attuazione della direttiva sull'efficienza Energetica
- DECRETO LEGISLATIVO 4 giugno 2014 , n. 115 Relativo agli istituti di vigilanza privati
Disposizioni in materia di professioni non organizzate.
Certificazione delle persone secondo la norma ISO/IEC 17024 “Requisiti generali per Organismi che operano nella certificazione delle persone".

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
SAVE ottobre 2015 Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l’Operatore a Giro

Pubblicato
da Benedetta Rampini
SAVE 2015Segui aziendaSegui




Settori: 


Estratto del testo
Veronafiere 27-28 ottobre 2015 Gli atti dei convegni e più di 6.000 contenuti su www.verticale.net Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore 27 ottobre Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Alimentare Alimentare Petrolchimico Alimentare 28 ottobre Alimentare Petrolchimico Alimentare Alimentare Petrolchimico Visione e Tracciabilità 28 ottobre Luce Energia Domotica LED Luce Energia Domotica LED Alessandro Ciusani Verona, 28 ottobre 2015 Qualificazione delle figure professionali e delle loro competenze indotte dalle tecnologie emergenti: il ruolo dell''ente di certificazione La nostra storia Il Gruppo e alcuni numeri Il Gruppo e alcuni numeri 21.000 mq LABORATORI STAFF 200.000 mq Mondo Italia ALTRE AREE TESTING 700 DIPENDENTI Servizi I tre assi Qualità dei prodotti El e vata Ottimo '' ' ' ' Sistemi di gestione Le norme Sistemi di gestione UNI EN ISO 9001 UNI EN ISO 14001 BS OHSAS 18001 ISO 50001 Sostenibilità Il percorso Qualità dei prodotti Unione Europea LIBERA CIRCOLAZIONE DI BENI E SERVIZI
(miglioramento livelli di sicurezza, qualità, eco-compatibilità) Pur in contesi differenti (common law vs. modello
giuridico ''codicistico') requisito imprescindibile la
LIBERA CIRCOLAZIONE DEL ''CAPITALE UMANO' MERCATO UNICO COMUNITARIO Figure professionali Unione Europea Due sono gli intenti principali: promuovere la mobilità dei cittadini tra i paesi
e facilitare la formazione continua.

Tali obiettivi sono però spesso impediti da diversi ostacoli, alcuni dei quali
strettamente legati alla trasparenza delle qualificazioni:
1. le differenze tra i paesi
2. le differenze tra sistemi di istruzione e formazione
3. la diversità di approcci tra l''apprendimento informale e non formale
4. le differenze presenti all''interno di uno stesso paese, all''interno del relativo sistema di istruzione (università ed altri istituti per l''istruzione
superiore), e tra sistemi educativi e iniziative di settore, ecc. Di conseguenze il bisogno di un meccanismo in grado di tradurre ogni tipo di
qualificazione è stato ritenuto essenziale per la formazione continua e per una
maggiore mobilità, per cambiare lavoro in un paese o da un paese all''altro. Figure professionali EQF RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO del 23 aprile 2008 sulla costituzione del Quadro Europeo delle Qualifiche per l''apprendimento permanente Tre descrittori fondamentali: CONOSCENZE, ABILITA'', COMPETENZE Figure professionali 'istituire un quadro di riferimento comune' ...consentire alle organizzazioni
settoriali internazionali di
mettere in relazione i propri
sistemi di qualifica'
'migliorare la trasparenza, la comparabilità e la trasferibilità delle qualifiche' Leggi, Norme' Figure professionali D. LGS. 9 aprile 2008, n. 81
TITOLO III - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E
DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE
6. Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché il posto di
lavoro e la posizione dei lavoratori durante l''uso delle attrezzature
presentino requisiti di sicurezza e rispondano ai principi
dell''ergonomia. Qualità dei prodotti DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATO I
Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute relativi
alla progettazione e alla costruzione delle macchine
1.1.6. Ergonomia
Nelle condizioni d'uso previste devono essere ridotti al minimo
possibile il disagio, la fatica e le tensioni psichiche e fisiche (stress)
dell'operatore, tenuto conto dei principi seguenti dell'ergonomia:
'' evitare un controllo che richiede una concentrazione prolungata,
'' adattare l'interfaccia uomo/macchina alle caratteristiche
prevedibili dell'operatore. UNI EN 614-1 Figure professionali Sicurezza del macchinario

Principi ergonomici di
progettazione

Parte 1:
Terminologia e
principi generali
Qualità dei prodotti UNI EN 614-2 Figure professionali Sicurezza del macchinario

Principi ergonomici di
progettazione

Interazioni tra la
progettazione
del macchinario e
i compiti lavorativi
Qualità dei prodotti Due esempi DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014 , n. 102
Attuazione della direttiva sull''efficienza
Energetica

Diagnosi energetica
Sistemi di gestione (ISO 50001 o ISO 14001)

Art. 8. Diagnosi energetiche e sistemi
di gestione dell''energia
''Decorsi 24 mesi dalla data di entrata in
vigore del presente decreto, le diagnosi
sono eseguite da soggetti certificati
da organismi accreditati ''
(rif. UNI CEI 11339)


Ministero Sviluppo Economico e
Ministero dell''Ambiente
DECRETO LEGISLATIVO 4 giugno 2014 , n. 115
Relativo agli istituti di vigilanza privati

Art. 6. Certificazione di conformità degli
istituti di vigilanza

''Ai fini della certificazione sono norme di
riferimento':'
a) per gli Istituti di vigilanza ed i relativi servizi:
UNI 10891
b) per le Centrali operative e le centrali di
telesorveglianza: UNI 11068 / EN 50518
c) per la figura del Professionista della
security: UNI 10459


Ministero dell''Interno
Figure professionali Sistemi di gestione Qualità dei prodotti Legge n. 4 14/01/2013 Figure professionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROFESSIONI NON ORGANIZZATE Art. 6. Autoregolamentazione volontaria 1. La presente legge promuove l''autoregolamentazione
volontaria e la qualificazione dell''attività dei soggetti che
esercitano le professioni di cui all''art. 1, anche indipendentemente
dall''adesione degli stessi ad una delle associazioni di cui all''art. 2.

2. La qualificazione della prestazione professionale si basa sulla
conformità della medesima a norme tecniche UNI ISO, UNI EN ISO,
UNI EN e UNI, di seguito denominate «normativa tecnica UNI», di cui
alla direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del
22 giugno 1998, e sulla base delle linee guida CEN 14 del 2010. Legge n. 4 14/01/2013 Riconoscimento giuridico di quelle attività professionali '' presenti
nel tessuto socio-economico nazionale - non riconducibili a Ordini,
Collegi o Albi. Norme tecniche per la
autoregolamentazione volontaria Sono stimabili 250 figure professionali che operano sul mercato
nazionale, che auspicano un riconoscimento del proprio operato, a
tutela della propria professionalità e dei propri clienti/consumatori.

I rappresentanti delle parti economico/sociali interessate possono
prendere attivamente parte all'iter di elaborazione di una norma,
partecipando ai lavori dello specifico organo tecnico (gruppo di lavoro,
sottocommissione o commissione tecnica). DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROFESSIONI NON ORGANIZZATE Figure professionali Livello UE
Regolamento 842/2006 su taluni gas fluorurati
ad effetto serra

Livello Nazionale
D.M. 11 febbraio 2011 relativo ai formatori di personale
che opera sotto tensione
COGENTE VOLONTARIO Ambiti Figure professionali
Figure professionali operanti sugli impianti a gas di tipo civile
alimentati da reti di distribuzione
Figure professionali afferenti al campo delle scienze motorie
Figure professionali operanti nel settore ICT
Valutatore immobiliare
Figure professionali operanti nel campo della fotografia e
comunicazione visiva correlata Standard L''apprendimento delle conoscenze,
abilità e competenze, deve essere
valutato in modo oggettivo e
uniforme. Capacità di applicare conoscenze per portare a termine compiti e risolvere problemi Risultato dell''assimilazione di informazioni attraverso l''apprendimento Comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale, esercitabile con un determinato grado di autonomia e responsabilità Figure professionali OPERATORE A GIRO Prove 'in modo oggettivo e uniforme' ISO/IEC 17024 Certificazione delle persone secondo la norma ISO/IEC 17024 ''Requisiti generali per Organismi che operano nella certificazione delle persone' CERTIFICAZIONE
Attività finalizzata ad attestare che una
determinata persona possiede i requisiti per
operare con competenza in un determinato settore
di attività Regolamento n. 765/2008 Decreto 22.12.2009 ISO/IEC 17024 ACCREDITAMENTO
Procedimento con cui un Organismo nazionale
riconosciuto attesta formalmente che un
Organismo di valutazione della conformità
soddisfa specifici requisiti ed è competente per
svolgere specifici compiti di valutazione della
conformità Figure professionali Il percorso Prova SCRITTA consistente in domande
intese a valutare una
determinata abilità,
competenza e conoscenza
Prova ORALE consistente in un colloquio
con ''domande aperte'
Decisione finale per
emissione del certificato OK Viene dato un voto finale dalla Commissione d''esame Prova PRATICA consistente in verifiche
strumentali e/o attività
simulate in laboratorio
Figure professionali FORMAZIONE OPERATORE A GIRO Vantaggi Grazie alessandro.ciusani@imq.it


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186