verticale

Partecipazione di piccoli sistemi di accumulo ai servizi ancillari al sistema elettrico

Nelle regole consolidate, a MSD sono ammessi impianti di generazione <> (programmabili, sopra 10 MVA). La delibera 300/2017, aggiornata con la 422/2018, consente a titolo sperimentale la partecipazione di altre risorse:
1) Generazione 2) Carichi 3) Sistemi di accumulo 4) Sistemi misti (generazione + carico + accumulo) anche mediante aggregazioni di più unità, sufficienti a raggiungere una <> complessiva

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Energy Storage giugno 2019 Energy Storage per l'efficienza energetica: tecnologie, normativa, soluzioni

Pubblicato
da Atti di convegno Atti di convegno
mcTER Energy Storage 2019Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Gli atti dei convegni e più di 10.000 contenuti su www.verticale.net Energy Storage Termotecnica Industriale Pompe di Calore L. Mazzocchi Partecipazione di piccoli sistemi di accumulo ai servizi ancillari per il sistema elettrico 1 27 Giugno 2019 Apertura del Mercato dei Servizi di Dispacciamento Nel e regole consolidate, a MSD sono ammessi impianti di generazione «rilevanti» (programmabili, sopra 10 MVA)
La delibera 300/2017, aggiornata con la 422/2018, consente a titolo sperimentale la partecipazione di altre risorse:
' Generazione «non rilevante» (di taglia minore e/o non programmabile) ' Carichi ' Sistemi di accumulo ' Sistemi misti (generazione + carico + accumulo) anche mediante aggregazioni di più unità, sufficienti a raggiungere una «potenza minima di control o» complessiva (1 MW). 2 I «perimetri di aggregazione» Le aggregazioni sono possibili non su base nazionale, ma su 15 aree 3 Che tipo di servizi '
Nei regolamenti emessi da TERNA finora si tratta di:
' Riserva terziaria di sostituzione, a salire e/o a scendere (la terziaria di sostituzione richiede una variazione di potenza entro 2 ore dal a
richiesta) ' Bilanciamento, a salire e/o a scendere (intervento entro 5 minuti
dal a richiesta) ' Risoluzione congestioni (intervento entro 5 minuti) Per tutti i servizi si può offrire anche solo a salire o a scendere Apertura del Mercato dei Servizi di Dispacciamento (segue) 4 Opportunità su MSD per un''aggregazione di unità miste in Lombardia Due bandi di cofinanziamento (2016 e 2017, con una fase supplementare nel 2019) emessi da Regione Lombardia per acquisto e instal azione di sistemi di accumulo di energia da fotovoltaico:
Requisiti 2016
' Potenza impianto FV < 20 kW ' Batterie o volani ' Finanziamento massimo 50 % ' Risorse 2 Meuro Requisiti 2017
' Solo privati ' Potenza impianto FV < 20 kW ' Batterie o volani ' Finanziamento massimo 50 % e comunque < 3000 Euro per intervento ' Risorse 4 Meuro Il finanziamento è applicabile a impianti incentivati e non, ma non con il primo CE 5 Risultato dei bandi Regionali Notevole successo (fondi esauriti in poche ore) Realizzati circa 2300 SdA Taglia media 6 kW à potenza instal ata circa 14 MW (ben ripartiti fra le aree 3 e 4) 6 Ipotesi di aggregazione Da studi effettuati da RSE (secondo libro bianco sul ''accumulo), l''aggregazione di accumuli appartenenti a prosumers, finalizzati al ''autoconsumo del fotovoltaico, presenta rilevanti vantaggi:
' La gestione del ''aggregato evidenzia importanti margini in potenza e capacità ' Senza interferire con la funzione «autoconsumo» è possibile offrire servizi al a rete ' Il ricavo è sufficiente a coprire il 20 ÷ 30 % del ''investimento ' ' un modello di grande replicabilità '' Nel 2017 l''11% dei nuovi impianti FV è con accumulo '' Al 2030 la SEN prevede oltre 30 GW di nuovo FV, la maggior parte su copertura e con propensione al ''autoconsumo 7 Qualche esempio in Europa Germania: Tennet (TSO) + Sonnen (sistemi di accumulo) + IBM (Blockchain). Accumuli domestici
Olanda: Tennet (TSO) + Vanderbron (startup). Gestione di flotta di veicoli elettrici e stazioni di ricarica
Danimarca: Nissan (veicoli elettrici), Enel, Nuvve (soluzioni SW), Frederiksberg Forsyning (utility). Flotta veicoli elettrici fornisce servizi al a rete 8 Ipotesi di aggregazione in Lombardia RSE si fa promotrice del seguente percorso:
' Contattare tutti gli utenti che hanno beneficiato dei bandi regionali, e chiunque altro in Lombardia possegga un SdA ' Proporre un''aggregazione in ambito «UVAM» ' Se le adesioni raggiungono almeno la minima «potenza di control o» (1 MW), l''aggregatore concorda con TERNA i termini del servizio e la remunerazione ' L''aggregatore offre agli utenti una certa forma di remunerazione/compensazione ' Si attuano gli interventi tecnici necessari (scambio dati/comandi fra aggregatore e singoli SdA) ' Si attiva il servizio 9 Soggetti coinvolti ARERA REGIONE UTENTE TERNA AGGREGATORE RSE UTENTE UTENTE UTENTE 10 Regole ARERA (del 300/17 e segg.) Occorre superare alcune limitazioni: ' Esclusione degli utenti che non hanno misure orarie (< 55 kW)
à verrà eliminata a breve da ARERA+TERNA ' Sconto oneri di sistema e/o di rete per l''energia accumulata e restituita al a rete (oggi non possibile)à c''è l''intenzione di ARERA di introdurlo, a seguito DM su V2G ' Possibile estensione anche al a riserva secondaria per le UVAM 11 Requisiti TERNA ' Riserva terziaria pronta e di sostituzione ' Bilanciamento (intervento entro 5 minuti) ' Risoluzione congestioni Per tutti i servizi si può offrire anche solo a salire o a scendere.
Potenza di control o: > 1 MW
Risposta su richiesta: entro 15 minuti (2 ore per terziaria di sostituzione)
Durata minima: 2 ore (8 ore per terziaria di sostituzione)
Aggiornamento dati: ogni 60 secondi per potenze < 250 kW (ogni 4 s va comunicata una stima)
Riferimento per il profilo di scambio: Programma vincolante del giorno prima con correzioni prossime al tempo reale
Remunerazione: come da MSD ma possibilità di partecipare ad aste di capacità a termine (durata fino ad 1 anno) 12 Benefici ' Per gli utenti: '' modesto introito (fisso e/o variabile) o compensazione equivalente '' costo '' zero salvo l''invecchiamento del e batterie ' Per il sistema elettrico: dimostrare la capacità di una risorsa potenzialmente grande (anche migliaia di MW) di partecipare ai servizi essenziali, riducendone il costo ' Per gli aggregatori: qualificarsi come i primi in Italia, fra i primi al mondo, quindi vantaggio competitivo + immagine innovativa. Ritorno economico (modesto nel a fase sperimentale) ' Per RSE: dimostrare la reale efficacia di uno schema studiato in simulato e con prove su propria facility. Contributo ad aprire una strada con ricadute positive sugli utenti, sia attivi che passivi 13 Possibili criticità ' Adesione degli utenti (ottenuta risposta preliminare positiva da circa 1/3 degli utenti noti con batteria) ' Regolamentazione esonero oneri su energia accumulata da rete e scaricata in rete ' Modalità e tempi di misura potenza e scambio dati ' Gestione batterie in logica multiservizio ' Comando inverter diverse tipologie/costruttori (è anche una sfida, quindi un pregio del progetto) 14 Stato attuale del progetto ' Formalizzato accordo RSE-Regione Lombardia ' Formalizzato accordo fra RSE e due aggregatori (ENEL X per zona 3 ed Evolvere per zona 4) ' In corso la raccolta delle adesioni degli utenti (finora 750 hanno dato il consenso, 33 % di quel i contattati) ' Gli aggregatori stanno avviando i contatti con gli utenti ' RSE ha fatto simulazioni del ''aggregato 15 Risultati del e simulazioni Ipotesi: aggregato da 3.3 MW/10 MWh (circa 500 utenti) Fl essi bi lit à in p ot en za (MW ) 16 Risultati del e simulazioni Fl essi bi lit à in e ne rg ia (MW h) 17 Stima dei ricavi annui T_ver: interval o di tempo, successivo al ''esecuzione del servizio, per il quale l''autoconsumo resta invariato 18 Grazie per l''attenzione ! luigi.mazzocchi@rse-web.it 19


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186