verticale

Lo Smart Readiness Indicator (SRI), metodologie di calcolo

Art.8 nuova Direttiva 2018/844. Primo technical support study Marzo 2017 - Agosto 2018. Aspetti valutati per la definizione dell'SRI. Metodologia proposta per la valutazione dell'SRI. Catalogo servizi intelligenti - primo technical study.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Smart Efficiency - Milano giugno 2019 L'Efficienza Energetica di domani è Smart

Pubblicato
da Atti di convegno Atti di convegno
mcTER Smart Efficiency - Milano 2019Segui aziendaSegui




Settori: 


Estratto del testo
Gli atti dei convegni e più di 10.000 contenuti su www.verticale.net Smart Efficiency Ing. Biagio Di Pietra ENEA '' Dip. Unità per l''Efficienza Energetica (DUEE-SPS-SEI) Smart Readiness Indicator (SRI): metodologie di calcolo Milano, 27 Giugno 2019 Convegno L'Efficienza Energetica di domani è Smart Art.8 - nuova Direttiva 2018/844 Prevede che entro il 31 dicembre 2019 la Commissione adotti un atto delegato che istituisce un sistema comune Europeo
facoltativo
per valutare la predisposizione all''intelligenza (smart readiness) degli edifici 2 E'' previsto:
- Le definizione di un indicatore di predisposizione degli edifici all''intelligenza (SRI: smart readiness indicator) - L''implementazione di una metodologia per calcolarlo. Ovvero valutare la capacità dell''edificio di adattare il proprio funzionamento alle esigenze sia dell'occupante sia della rete e di migliorare l'efficienza
energetica e le prestazione complessiva Entro il 31 Dicembre 2019 la Commissione specificherà - le modalità tecniche per l''attuazione negli stati membri del nuovo indicatore (non vincolante) - i relativi periodi di prova - la complementarità dell''indicatore rispetto al sistema degli attestati di prestazione energetica 3 Art.8 nuova Direttiva 2018/844 Primo technical support study Marzo 2017 '' Agosto 2018 Lo studio è stato condotto dal Consorzio 4 Fonte: https://smartreadinessindicator.eu Obiettivo: fornire supporto alla Commissione Europea (DG Energy) al fine di
- valutare una primo quadro metodologico per il calcolo dell''indice - s tabilire i servizi intelligenti su cui l''SRI può basarsi in funzione della tipologia di edificio - fornire una valutazione preliminare dell'impatto potenziale dell'indicatore proposto su scala UE Svolti tre stakeholder meeting con circa 100 rappresentanti di Enti di Ricerca,
Associazioni di categoria e Multinazionali del settore impianti tecnici e building
automation
Rapporto finale scaricabile al seguente link
https://smartreadinessindicator.eu/1st-technical-study-outcome Aspetti valutati per la definizione dell''SRI 1. Capacità di mantenere il comfort ambientale: capacità
dell''edificio di adattare il funzionamento degli impianti in funzione
delle esigenze dell'occupante (esempio. uso di sensori di CO2 per
regolare la velocità di ricambio dell''aria) 2. I nformare l''utente sull''andamento dei consumi energetici (sempio: utilizzo di cruscotto con indicazione di consumi storici e
istantanei) 3. Capacità di mantenere una gestione efficiente dell''edificio
(es. gestione dell''impianto termico e di illuminazione attraverso
sensori di presenza) 4. Capacità di interagire in modo attivo con la rete (esempio
applicazione di logiche di Demand Response , load shifting dei
consumi, modulazione del carico nei momenti critici per la rete) 5 Fonte: https://smartreadinessindicator.eu Metodologia proposta per la valutazione dell''SRI Metodologia di calcolo proposta (approccio checklist): I. Valutare i singoli servizi smart ready presenti in nell''immobile II. Valutare il punteggio del servizio in base a vari criteri. III.Associare un punteggio complessivo utilizzando un metodo di valutazione del tipo multicriterio: 8 criteri di impatto: energia, flessibilità per la rete, auto generazione, comfort,
convenienza, benessere e salute, manutenzione e predizione guasti, informazione
degli occupanti 10 Domini di applicazione: Riscaldamento, condizionamento, acqua calda sanitaria,
ventilazione controllata, illuminazione, involucro edilizio dinamico, generazione locale
di energia rinnovabile, demand side management, ricarica veicoli elettrici,
monitoraggio e controllo A tale scopo sono stati definiti: Servizi intelligenti: per ciascun dominio sono stati definiti i servizi intelligenti da
valutare secondo gli 8 criteri di impatto Fonte :https://smartreadinessindicator.eu Catalogo servizi intelligenti '' primo technical study 7 Al seguente link è possibile scaricare il catalogo completo dei servizi intelligenti
https://smartreadinessindicator.eu/1st-technical-study-outcome Definiti 112 servizi intelligenti associati ai diversi domini Punteggio parziale: associato a ciascuno degli 8 criteri di impatto
Espresso in valore percentuale rispetto al massimo valore potenziale raggiungibile dallo
stesso criterio per un edificio di riferimento della stessa tipologia Punteggio complessivo per l''edificio valutato Ottenuto dalla media dei punteggi parziali associati a ciascuno degli 8 criteri di impatto Fonte :https://smartreadinessindicator.eu Avvio secondo technical study 8 La Commissione ha istituito due gruppi di lavoro costituiti da 15 -20 esperti
(rappresentanti di associazioni e/o degli Stati Membri) Compito del gruppo A
- Stabilire le modalità di implementazione dell''indice da parte degli Stati Membri Compito del gruppo B
- Consolidare la metodologia di calcolo dell''indice - Avviato a Dicembre 2018 - Primo stakeholder meeting: Marzo 2019 - Secondo stakeholder meeting: previsto per Ottobre 2019 - Report finale previsto per Luglio 2020 - Settembre 2019: avvio testing del metodo di calcolo dell''SRI da parte degli stakeholder Fonte: https://smartreadinessindicator.eu GRAZIE DELL''ATTENZIONE biagio.dipietra@enea.it


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186