verticale

La norma europea UNI EN 15714-2 “Attuatori elettrici per valvole industriali”

Un contributo fondamentale per l’intera industria di processo, a totale vantaggio degli strumentisti, dei progettisti, dei costruttori di valvole e degli utilizzatori finali. Questa norma stabilisce i requisiti fondamentali richiesti agli attuatori elettrici per la motorizzazione di valvole, di intercettazione e di regolazione.
La EN 15714-2 premia, in particolar modo, il lavoro di importanti gruppi di studio nazionali (AIS-ISA, CTI, ATI, UNI) che hanno portato il proprio contributo sui tavoli normativi, sia italiani che internazionali, permettendo di sostituire le numerose e diverse specifiche utilizzate per anni dall’industria di processo.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Workshop mcT Tecnologie per il Petrolchimico 2013

Pubblicato
da Benedetta Rampini
mcT PetrolchimicoSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Milano, 28 novembre 2013! Dr. Maurizio Brancaleoni Amministratore Delegato, AUMA Italiana S.r.l. Presidente, Commissione UNI Valvole Industriali Presidente, Associazione AVR '' ANIMA/CONFINDUSTRIA La norma europea UNI EN 15714-2: ''Attuatori elettrici per valvole industriali' Un contributo fondamentale per l''industria di processo, a totale vantaggio degli strumentisti, dei progettisti, dei costruttori di valvole e degli utilizzatori finali. 2 Enti di normazione ' UNI ' CEN ' ISO ' ISA ' CEIR ' CEI ' CENELEC ' IEC Quali sono, oggi, gli enti normativi e le organizzazioni
internazionali che coinvolgono i costruttori di valvole e attuatori'
Associazioni ' ANIMA-AVR (Italia) ' BVAMA (UK) ' NPAA (Russia) ' PROFLUID (Francia) ' VDMA (Germania) ' VMA (U.S.A.) 3 What is CEN (www.cen.eu) CEN is a non-profit technical organization set up under Belgian law.
The membership is comprised of the National Standards Bodies of 30 European countries. Additionally, CEN has 7 Associate Members representing pan-European professional and trade federations as well as consumer and
environmental interests. 17 National Standards Bodies from an EU neighbouring country with an Affiliate status. CEN also has a Partner Standardization Body (PSB) programme which links NSBs from outside Europe to CEN. The European Commission and the EFTA Secretariat act as CEN''s
Counsellors for policy issues. 4 Cos''è l''UNI (www.uni.com) UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione - è un''associazione privata senza scopo di lucro fondata nel 1921 e riconosciuta dallo Stato e
dall''Unione Europea, che studia, elabora, approva e pubblica le
norme tecniche volontarie - le cosiddette ''norme UNI' - in tutti i
settori industriali, commerciali e del terziario (tranne in quelli elettrico
ed elettrotecnico). Le principali tipologie di soci UNI sono imprese, professionisti, associazioni, enti pubblici, centri di ricerca e istituti scolastici. UNI rappresenta l''Italia presso le organizzazioni di normazione europea (CEN) e mondiale (ISO). 5 Cos''è l''ANIMA '' AVR (Confindustria) (www.associazione avr.it) AVR è l'associazione industriale di categoria che rappresenta a livel o nazionale ed internazionale le aziende italiane del settore. AVR è
federata ad ANIMA (Federazione delle Associazioni Nazionali
dell'Industria Meccanica varia ed Affine). AVR raggruppa oggi 70 tra le più qualificate e prestigiose aziende di un settore che in Italia conta 15.000 addetti e sviluppa un fatturato di
oltre 4.200 milioni di euro di cui oltre il 60% destinato all'export.
Le aziende iscritte operano all'interno di AVR nell'ambito dei seguenti
gruppi merceologici: ' rubinetteria sanitaria;
' valvole e rubinetteria in bronzo e ottone;
' valvole industriali e attuatori;
' raccordi e componenti. 6 What is CEIR (www.ceir-online.org) CEIR is the European Committee for the Valve Industry grouping most of the European federations dealing with industrial valves, actuators and taps. CEIR Mission is:
To facilitate reciprocal contacts on the European level within the valve industry and, by these contacts, to contribute to an improvement of market conditions and growth in
productivity; to take part in research work, testing and other activities; to promote these in so far as they can contribute to the development of the valve industry; to promote standardization of European specifications relating to construction and safety and the preparation of recommendations within the framework of standardization
activities of international standards bodies (e.g. CEN and ISO); to make progress in standardization and to improve the quality of products of the valve industry and to strive for the standardization of conditions of sale and commerce in
the various countries. 7 What is ISO (www.iso.org) (www.iso.org) ISO (International Organization for Standardization) is the world's largest developer and publisher of International Standards. ISO is a network of the national standards institutes of 162 countries, one member per country, with a Central Secretariat in Geneva, Switzerland, that coordinates the system. ISO is a non-governmental organization that forms a bridge between the public and private sectors. On the one hand, many of its member institutes are part of the governmental
structure of their countries, or are mandated by their government. On the other hand,
other members have their roots uniquely in the private sector, having been set up by
national partnerships of industry associations. Therefore, ISO enables a consensus to be reached on solutions that meet both the requirements of business and the broader needs of society. Because "International Organization for Standardization" would have different acronyms in different languages ("IOS" in English, "OIN" in French for Organisation internationale de
normalisation), its founders decided to give it also a short, al -purpose name. They chose
"ISO", derived from the Greek isos, meaning "equal". Whatever the country, whatever
the language, the short form of the organization's name is always ISO. 8 What is ISA (www.isa.org) ISA , ''The International Society of Automation', is a leading, global, nonprofit organization that is setting the standard for automation by helping over 30,000 worldwide members and
other professionals solve difficult technical problems, while enhancing their leadership and
personal career capabilities. ISA develops standards, certifies industry professionals, provides education and training, publishes books and technical articles and hosts the largest conference and exhibition for
automation professionals in the Western Hemisphere. ISA''s mission:
Become the standard for automation globally by certifying industry professionals; providing education and training; publishing books and technical articles; hosting conferences and
exhibitions for automation professionals; and developing standards for industry. ISA''s Vision
To work in partnership with members, customers, and subject matter experts to disseminate the highest quality, unbiased automation information worldwide. 9 What is IEC (www.iec.ch) The International Electrotechnical Commission (IEC) is the leading global organization that prepares and publishes international standards for all electrical, electronic and
related technologies. These serve as a basis for national standardization and as
references when drafting international tenders and contracts. Through its members, the IEC promotes international cooperation on all questions of electrotechnical standardization and related matters, such as the assessment of
conformity to standards, in the fields of electricity, electronics and related
technologies. The IEC charter embraces all electrotechnologies including electronics, magnetics and electromagnetics, electroacoustics, multimedia, telecommunication, and energy
production and distribution, as well as associated general disciplines such as
terminology and symbols, electromagnetic compatibility, measurement and
performance, dependability, design and development, safety and the environment. 10 What is CENELEC (www.cenelec.eu) CENELEC, the European Committee for Electrotechnical Standardization, is a non- profit technical organization set up under Belgian law and composed of the National
Electrotechnical Committees of 30 European countries. In addition, 10 National
Committees from neighbouring countries are participating in CENELEC work with an
Affiliate status. CENELEC members have been working together in the interests of European harmonization since the 1950s, creating both standards requested by the market and
harmonized standards in support of European legislation and which have helped to
shape the European Internal Market. CENELEC works with 15,000 technical experts
from 30 European countries. Its work directly increases market potential, encourages
technological development and guarantees the safety and health of consumers and
workers. CENELEC''s mission is to prepare voluntary electrotechnical standards that help develop the Single European Market/European Economic Area for electrical and electronic
goods and services removing barriers to trade, creating new markets and cutting
compliance costs. 11 La valvola industriale e le sue origini Le valvole e le paratoie controllano la portata, la pressione, la temperatura, la
direzione del flusso di liquidi, gas, granulati, attraverso tubazioni, canali,
condotti. Possono aprire, chiudere, regolare, modulare, intercettare. Le loro
dimensioni vanno da pochi millimetri ad alcuni metri, la loro storia si perde nei
millenni e durerà certamente ancora a lungo. 12 La valvola industriale e le sue origini ' Gli Egizi e i Greci svilupparono diversi organi di
intercettazione, prevalentemente per la
distribuzione dell''acqua e per uso irriguo, ma la
paternità del rubinetto su scala industriale va ai
Romani, che introdussero specifiche e normative
sui materiali, sulle dimensioni e sulle classi di
servizio. Ancora ai Romani va il merito
dell''invenzione del primo rubinetto a maschio (in
tre pezzi) e delle valvole di ritegno. ' Il Codice scritto da Frontinus (De aquae ductu
urbis Romae) nel 98 D.C. è un''efficace descrizione
delle leggi che regolavano gli acquedotti urbani, le
tecnologie e i relativi consumi, e rappresenta
contemporaneamente il primo approccio di
normalizzazione per le valvole e le tubazioni. 13 Le valvole romane:
una storia di italica capacità e ingegno (1)
Come riportato nel bellissimo volume «Pipelines
degli acquedotti di Roma Antica», scritto e
pubblicato molti anni fa dall''indimenticabile
ricercatore ed amico Prof. Enzo Fassitelli, gli studi
effettuati nel 1969, presso l''Istituto di Ricerche
Breda di Milano, su reperti originali (valvole in
bronzo e tubi di collegamento in piombo),
rinvenuti negli scavi archeologici di Minori,
confermarono che i Romani avevano sviluppato
una consistente esperienza nella costruzione di
valvole a maschio e che utilizzavano un bronzo
simile al moderno ASTM B61 . Inoltre, i progettisti della Roma Antica erano
ingegneri ed architetetti particolarmente esperti
nella realizzazione di sistemi idrici complessi, che
prevedevano già standard dimensionali per future
sostituzioni e intercambiabilità! 14 Citando Enzo Fassitelli, non dobbiamo mai
dimenticare che
'. siamo il Popolo che già duemila anni fa
produceva valvole con le norme romane
«Moduli et formulae», chiare e ben
definite'..
L''analisi radiografica effettuata su alcuni
reperti ha permesso di scoprire, inoltre, che
tutte le valvole romane avevano un originale
accorgimento costruttivo (bulinatura del corpo
in corrispondenza del maschio) per
permettere all'' 'aquarius' (il fontaniere
municipale) di limitare la corsa e riducendo
così, di caso in caso, la portata massima
erogabile, sulla base di precise istruzioni del
''curator aquarum' (sovrintendente idrico). Le valvole romane:
una storia di italica capacità e ingegno (2)
15 La valvola industriale e le sue origini Breve cenno storico ' Nel a Roma imperiale, gli acquedotti distribuivano su tutto il territorio cittadino ben 200 litri
d''acqua al giorno per ognuno del milione e mezzo di abitanti. L''acqua era disponibile per
tutti, nelle fontane e nei bagni pubblici. Poche famiglie privilegiate potevano derivare
l''acqua pubblica all''interno delle proprie dimore, dietro autorizzazione scritta
dell''imperatore: l''autorizzazione imperiale era legata alle dimensioni del collettore
domestico principale e alla valvola di intercettazione primaria. ' In seguito, per molti secoli, non ci furono sostanziali innovazioni: poi, durante il
Rinascimento, Leonardo da Vinci, progettando e costruendo canali irrigui e importanti
sistemi idraulici complessi, diede ulteriore stimolo allo sviluppo di particolari organi di
intercettazione, molti dei quali sono ancora in sito. ' La storia moderna del e valvole corre paral ela al a rivoluzione industriale. ' Dal ''invenzione del primo motore a vapore e della locomotiva di Watt, gli inventori, i
progettisti e i costruttori di macchine termiche e idrauliche hanno continuamente
sviluppato nuovi tipi di valvole, anche se queste non vennero mai considerate per molti
decenni un prodotto fine a se stesso e producibile su vasta scala industriale. 16 La valvola industriale e le sue origini Breve cenno storico (seguito) ' Il primo progetto di grande rilevanza -
per l''ampio uso di valvole anche di
grosso diametro - è quasi certamente
rappresentato dall''acquedotto Croton-
New York che nel 1842 portò acqua
alla metropoli, da oltre 50 chilometri,
con un investimento di 10 milioni di
dollari dell''epoca. ' Questo progetto dimostrò i vantaggi
offerti da un così vasto sistema di
acquedotti municipali e creò,
indirettamente, la prima grande
domanda di valvole industriali nel
mondo moderno. 17 La prima norma mondiale sugli attuatori
ha origine in Italia (1)
Il 10 settembre 1975, nell''ambito delle
attività associative del «Centro I.S.A. ''
Associazione Italiana Strumentisti»,
il
Presidente Ing. Mario Porreca (Foster
Wheeler Italiana) costituì il primo Comitato di
Studio per la stesura di normative su
attuatori elettrici e relativi sistemi di
comando.
Tale Comitato venne formato per proporre
agli strumentisti delle chiare e univoche
norme di riferimento
, con opportune linee
guida, che tenessero anche conto degli
sviluppi nella strumentazione di processo e
all''evoluzione tecnologica che iniziava a
vedere il passaggio dal classico segnale
analogico pneumatico di 3-15 p.s.i.
a
quello elettronico di 4-20 mA. 18 La prima norma mondiale sugli attuatori
ha origine in Italia (2)
Successivamente il C.T.I. (Comitato Termotecnico
Italiano) - nel a sua veste di Ente di unificazione del
settore termotecnico, federato all''UNI - per
rispondere alle analoghe esigenze della crescente
domanda di automazione nelle nuove centrali di
produzione di energia
, costituì un analogo
Gruppo di Lavoro (11/261) - il 20 Settembre
1988
- durante il Congresso Nazionale A.T.I
(Associazione Termotecnica Italiana) tenutosi ad
Ancona. Il G.d.L 11/261, nell''ambito del S.C.11 (Centrali
termoelettriche, presieduto dall''Ing. Luigi Chiappa -
grazie alla disponibilità di un gruppo di esperti
nazionali, in rappresentanza dei produttori, società
di ingegneria e utilizzatori finali '' iniziò a sviluppare
la prima bozza della norma «Sistemi di
azionamento per il comando del valvolame di
grandi impianti».
19 La prima norma mondiale sugli attuatori
ha origine in Italia (3)
La prima riunione del neo GdL 11/261 si tenne
a Milano presso il Politecnico il 12 Ottobre 1988. Nel corso di due anni il G.d.L. giunge ad una
prima bozza che, presentata all''UNI, venne
ratificata come tale, dando così origine anche alla
Commissione UNI Valvole Industriali (U-78), con
segreteria pro-tempore presso lo stesso C.T.I. La creazione di una Commissione UNI permise
una partecipazione più ampia e qualificata dei
vari esperti Italiani a tutte le attività, a livello
internazionale, del neo costituito CEN / TC69
(Valvole Industriali) , dell''ISO TC 153 e ISO TC
185
, sia nei vari sotto-comitati che negli specifici
gruppi di lavoro (Working Groups). L''Italia iniziava così, nel campo delle valvole
industriali, ad essere maggiormente presente
e correttamente rappresentata presso tutti i
tavoli normativi europei e mondiali
. 20 La prima norma mondiale sugli attuatori
ha origine in Italia (4)
Il CEN TC 69 decise, durante la riunione plenaria estiva tenutasi a Lione nel
Giugno 1992
, di creare uno specifico Sotto-gruppo che si occupasse della
normativa per gli attuatori e relativi accessori. La decisione venne presa a maggioranza con la Risoluzione Nr. 79
(Documento CEN/TC69/WG1-ON 76) e la presidenza venne affidata al ''Italia. In base all''accordo di Vienna, tra ISO e CEN, il primo compito affidato al neo
sotto-gruppo fu quello di dirigere l''attività di revisione delle norme ISO 5210 e
ISO 5211 (Accoppiamenti valvole/attuatori). Il nuovo sotto-gruppo (SG 10) venne intitolato «Attuatori per valvole
industriali» ed inserito nel Gruppo di Lavoro WG1 '' Norme di base.
La prima riunione del SG 10 si tenne a Haywards Heath (Gran Bretagna)
il 3 Novembre 1992.
21 La prima norma mondiale sugli attuatori
ha origine in Italia (5)
Dal 3 Novembre 1992 al 9 Giugno 2009, gli Esperti europei '' e Italiani - del
CEN/TC69/WG/SG10 SG 10, nel corso di primi 17 anni di attività: ' si sono incontrati 35 volte (con una durata media di due giorni per riunione), in diverse località europee ' si sono scambiati migliaia di pagine (lettere, fotocopie, fax e e-mail) ' esaminato, revisionato, discusso e prodotto i seguenti standard EN: ' EN ISO 5210 (Industrial Valves - Multi-turn actuator attachments) ' EN ISO 5211 (Industrial valves - Part-turn actuator attchments) ' EN 12570 (Industrial valves - Method for sizing the operating element) ' EN 15081 (Industrial valves '' Mounting kits for part-turn valve actuator
attachment) ' EN 15714 (Industrial valves '' Actuators), diviso in 4 parti (Terminologia,
Attuatori Elettrici, Attuatori Pneumatici e Attuatori Idraulici)
22 La norma UNI EN15714-2:2009 23 EN 15714-2:2009 Lo scopo e il campo di applicazione (estratto '' Cap. 1) Il presente documento fornisce i requisiti di base per gli attuatori elettrici delle valvole,
usati sia per servizio di intercettazione sia di regolazione. Esso include le linee guida per
la classificazione, la tipologia, la protezione dell''involucro e contro la corrosione e i metodi
per la valutazione di conformità. Le combinazioni di attuatori elettrici multi giro con riduttori forniti dal produttore degli
attuatori sono inclusi nello scopo
del presente documento. In tutti gli altri casi questa norma europea si applica solo all'attuatore elettrico. Esso non si applica a: attuatori a solenoide, attuatori elettro-idraulici ed elettrici che sono
parte integrale nella progettazione e costruzione delle valvole. Altre richieste o condizioni di uso diverse da quel e indicate nel presente documento
dovrebbero essere concordate tra l'acquirente ed il produttore/fornitore, prima dell'ordine.
I termini e le definizioni applicabili a questa norma europea sono indicati nella EN 15714-1. 24 EN 15714 - 2:2009 La classificazione del tipo (estratto '' Cap. 3.2) 3.2.1) A frazione di giro: un attuatore che trasmette alla valvola la coppia per una
rotazione di un giro o minore.
Non deve essere necessariamente in grado di resistere alla spinta assiale.
Un attuatore multi giro accoppiato ad un riduttore a frazione di giro può essere
considerato, secondo la presente norma europea, come un attuatore a frazione di giro. 3.2.2) Attuatore multi giro: Un attuatore che trasmette alla valvola/riduttore la coppia
per una rotazione di almeno un giro.
Esso può essere in grado di resistere alla spinta assiale. Un attuatore multi giro accoppiato a
un riduttore multi giro può essere considerato, secondo la presente norma europea, come un
attuatore multi giro. 3.2.3) Attuatore lineare: Un attuatore che trasmette alla valvola la spinta per una corsa
lineare definita.
Un attuatore multi giro accoppiato a un dispositivo di spinta lineare può essere
considerato, secondo la presente norma europea, come un attuatore lineare.. 25 EN 15714 - 2:2009 Le classi di servizio (estratto '' Cap. 3.3) 3.3.2 Classe A: Intercettazione
All''attuatore è richiesto di essere in grado di fare effettuare alla valvola l''intera sua corsa,
dalla posizione di completa apertura a quel a di completa chiusura o viceversa. 3.3.3 Classe B: Tasteggio
All''attuatore è richiesto di essere in grado di fare effettuare, occasionalmente, alla valvola
corse parziali (portando l''otturatore in posizione di completa apertura, in completa chiusura
oppure in posizioni intermedie). 3.3.4 Classe C: Regolazione
All''attuatore è richiesto di essere in grado di azionare frequentemente la valvola, portando
l''otturatore in qualsiasi posizione tra la completa apertura e la completa chiusura o viceversa. 3.3.5 Classe D: Regolazione continua
All''attuatore è richiesto di essere in grado di azionare in maniera continua la valvola,
portando l''otturatore in qualsiasi posizione tra la completa apertura e la completa chiusura
o viceversa. 26 EN 15714 - 2:2009 La classificazione dell''azione (estratto '' Cap. 3.4) 3.4 Azione in mancanza dell''alimentazione elettrica esterna 3.4.1 Azione normale
In caso di perdita dell''alimentazione esterna, l'attuatore rimane nel a posizione raggiunta
prima della mancanza di alimentazione. 3.4.2 Azione di sicurezza
In caso di perdita dell''alimentazione esterna, l'attuatore è in grado di azionare la valvola
facendole raggiungere una posizione di sicurezza predefinita. 27 EN 15714 - 2:2009 I requisiti per la prova di durata: es. attuatori multi giro (Cap. 4.1.3) 28 EN 15714 - 2:2009 I requisiti per la prova di durata: es. attuatori lineari (Cap. 4.1.4) 29 EN 15714 - 2:2009 Protezione dalla corrosione (Cap. 4.2.6 '' prospetto 4) 30 EN 15714 - 2:2009 Prestazioni: es. attuatori multi giro (Cap. 4.7.2.3 '' prospetto 7) 31 EN 15714 - 2:2009 Prestazioni: es. attuatori lineari (Cap. 4.7.2.4 '' prospetto 8) 32 EN 15714 - 2:2009 Requisiti di base: es. Motori (Cap. 4.8.1.) Questo è uno dei punti più salienti di questa norma che introduce, per la prima
volta e in campo internazionale, le corrette classi di servizio in linea con
l''evoluzione tecnologica e con le esigenze dei mercati e dei suoi stake-holders.
33 La norma CEN EN 60034-1 33 ' Fino a fine 2009, la norma CEI EN 60034-1 (Macchine elettriche rotanti Parte 1: Caratteristiche nominali e di funzionamento) è stata utilizzata - in
assenza di una norma specifica di riferimento
- come «lo» standard di
riferimento per la definizione delle classi di servizio (Duty ratings) dei motori
utilizzati negli attuatori elettrici. ' Questa norma (ricavata dalla Raccomandazione IEC 60034-1) è tuttora in vigore e si applica genericamente a tutte le macchine elettriche rotanti
(motori), non coperte da altre normative
: i motori degli attuatori
elettrici, quindi, non rientrano più nello scopo della EN 60034-1, come
ben definito nel paragrafo 4.8.1 della nuova EN 15714-2, sia per i
servizi di intercettazione che di regolazione .
' Le definizioni usate '' fino al 2009 '' per classificare i motori degli attuatori elettrici erano le seguenti: 34 Le ''vecchie'' definizioni delle
classi di servizio (CEI EN 60034-1)
34 S2 Servizio di durata
limitata
Funzionamento a carico costante per un periodo determinato,
inferiore a quello richiesto per raggiungere l''equilibrio termico,
seguito da un periodo di riposo di durata sufficiente per
ristabilire l''eguaglianza termica tra il motore e il fluido di
raffreddamento. S4 Servizio intermittente
periodico
Sequenza di cicli di funzionamento identici, ciascuno con una
fase significativa di avviamenti, un funzionamento a carico
costante e un periodo di riposo. S5 Servizio intermittente
priodico con
frenatura elettrica
Sequenza di cicli di funzionamento identici, ciascuno
comprendente una fase di avviamento, un periodo di
funzionamento a carico costante, una fase di frenatura e una
fase di riposo. S9 Servizio con
variazioni non
periodiche di carico e
velocità
Servizio in cui il carico e la velocità variano in modo non
periodico nel campo di funzionamenrto ammissibile. Questo
servizio include sovraccarichi frequentemente applicati che
possono essere largamente superiori ai valori di pieno carico. 35 Attuatori elettrici '' Nuove e corrette definizioni 35 NUOVA CLASSIFICAZIONE UNI EN 15714-2:2011) (EN 15714-2:2009 ' Classe A: Intercettazione
' Classe B: Tasteggio
' Classe C: Regolazione
' Classe D: Regolazione continua 36 36 Classe A - Intercettazione All''attuatore è richiesto di essere in grado di fare effettuare alla valvola l''intera sua corsa, dalla posizione di completa apertura a quella di completa chiusura o viceversa Valvole a saracinesca
Valvole a globo o a flusso avviato
Valvole a lama
Valvole a farfal a
Valvole a maschio
Valvole a sfera
Serrande
Paratoie Attuatori elettrici '' Definizione Classe ''A'' EN 15714-2 37 37 Attuatori elettrici '' Definizione Classe ''B'' EN 15714-2 Classe B: Tasteggio All''attuatore è richiesto di essere in grado di effettuare, elettricamente, corse parziali (portando l''otturatore della valvola in posizione di completa apertura, in completa chiusura oppure in posizioni intermedie). Valvole a saracinesca
Valvole a globo o a flusso avviato
Valvole a lama
Valvole a farfal a
Valvole a maschio
Valvole a sfera
Serrande
Paratoie 38 38 Attuatori elettrici '' Definizione Classe ''C'' EN 15714-2 Valvole a fuso
Valvole a globo o a flusso avviato
Valvole a farfal a
Valvole a settore sferico
Serrande
Paratoie
Pompe dosatrici Classe C: Regolazione All''attuatore è richiesto di essere in grado di azionare frequentemente la valvola, portando l''otturatore in qualsiasi posizione tra la completa apertura e la completa chiusura o viceversa. I tecnici definiscono questa azione come «regolazione a tre-punti» 39 39 Attuatori elettrici '' Definizione Classe ''D'' EN 15714-2 Valvole a fuso
Valvole a globo o a flusso avviato
Valvole a farfal a
Valvole a settore sferico
Serrande
Paratoie
Pompe dosatrici Classe D: Regolazione continua All''attuatore è richiesto di essere in grado di azionare in maniera continua la valvola, portando l''otturatore in qualsiasi posizione tra la completa apertura e la completa chiusura o viceversa. 40 La norma UNI EN15714-2:2009 15714-2_UniEn-It (2) Pagg. 2-40.pdf Domande' Grazie per l''attenzione! E-mail:mbrancaleoni@auma.it


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186