verticale

La filiera legno-energia in Lombardia: opportunità di crescita

La filosofia che qualifica DAEL è improntata alla promozione
di nuove filiere di approvvigionamento, alla creazione di economie
di scala nella gestione forestale e di sinergia tra filiere e sottoprodotti.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Intervento al convegno mcTER Forest 2012 Milano

Pubblicato
da Alessia De Giosa
mcTERSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
La filiera Legno-Energia in Lombardia: opportunità di crescita San Donato Milanese - 28 Giugno 2012 Vanessa Gallo- DAEL/FIPER Chi Siamo Ad oggi il Distretto riunisce 82 Imprese operanti nel settore della filiera agroenergetica e del e fonti rinnovabili  Libera aggregazione di imprese agro- energetiche ed imprese del settore impiantistico e tecnologico operanti in Regione Lombardia. FIPER è referente del distretto Agro energetico lombardo per lo sviluppo e consolidamento della filiera legno-energia 78* impianti di teleriscaldamento a biomassa 26 impianti a biogas agricolo e gassificazione 422 MW potenza termica 630 MW instal ati utenze finali 5 MW elettrici in co-generazione 21,766 MW elettrici dal biogas agricolo 910 Km. rete di trasmissione calore 85 Milioni di Euro fatturati 220.000 Tonnel ate di CO2 risparmiata 480 Dipendenti aziende e indotto 16.000 Edifici al acciati * Di cui 5 cogenerativi Chi Siamo 1-La biomassa è una fonte rinnovabile, ciò non ne giustifica il suo spreco o l''utilizzo non conforme 2-Per il raggiungimento dell''obiettivo del 17% di energia rinnovabile la produzione e l''utilizzo del calore sono destinati a fornire il contributo più rilevante 3-Realizzazione, in particolare nei territori montani, di centrali di teleriscaldamento e/o cogenerative a biomassa di potenza da 5/10 MW termici e 0,5/1 MW elettrici 4-Siamo contrari agli impianti di sola produzione elettrica con utilizzo di biomasse vergini Filosofia FIPER-DEAL per crescita filiera legno energia Obiettivi Punto di riferimento e di aggregazione delle imprese agronergetiche lombarde Coordinare Promuovere Ottimizzare I processi di sviluppo della filiera agro-energetica lombarda Piano di distretto x filiera legno-energia Biomassa Solida Manutenzione dei boschi Mitigazione impatti di infrastrutture Nuove opportunità Realizzazione impianti prototipo Cura e tutela del territorio Mitigazione impatto paesaggistico di nuove infrastrutture Diffusione teleriscaldamento in Lombardia e nuovi filiere locali Promozione nuovi progetti Interlocutore per rafforzare il coinvolgimento degli operatori agricoli Promotore e coordinatore del a gestione di filari o fasce alberate Promotore del o sviluppo di nuovi impianti e favorire il crearsi di nuove filiere Convenzioni con Università e Centri di Ricerca Risorse finanziarie reperite da bandi Comunitari, Nazionali e Regionali Reperimento delle finanze attraverso accordi di programma con i gestori delle infrastrutture Risorse finanziarie reperite da bandi Comunitari, Nazionali e Regionali Realizzazione di due impianti prototipali di gassificazione/pirolisi di biomasse legnose e/o lignocel ulosiche con una spesa prevista di 6M'. Attivazione due cantieri di raccolta entro 2013 per una spesa preventivabile di 2,5M'. Ipotizzabili iniziative solo a seguito di accordi pervenuti a infrastrutture. Realizzazione di 10 impianti TRL mediamente per circa 5.000abitanti Altri assi di intervento Biogas Biometano Digestato Biocarburanti Altre filiere connesse Aree improduttive o dismesse Residui forestali Residui agricoli Colture da energia Facilitare l''approvvigionamento di materia prima Incentivare il recupero del legname da manutenzioni boschive (in Ton.) , replicando le buone prassi sviluppate in Valtel ina (SO) tra i consorzi forestali, imprese boschive e centrali di teleriscaldamento Evoluzione dei consumi di legname da recupero nel e 3 centrali TCVVV di Tirano, Sondalo, Santa Caterina Valfurva 2000- 01 2001- 02 2002- 03 2003-04 2004-05 2005- 06 2006-07 2007-08 2008-09 2009-10 TOTALE in TON == 40 1.922 4.641 6.101 7.682 3.962 4.648 5.661 8.724 43.381 Divulgare le buone prassi di filiera su altri territori Promuovere nuove filiere di approvvigionamento Gestione '' pulizia Alvei fluviali regionali per approvvigionamento biomassa a fini energetici. Stipula accordi con enti di gestione





Misure di mitigazione Piantumazione Short-Medium Rotation ai margini autostrada MI-VE/Pedemontana' Stipula accordi con gestori autostrade





Creare economie di scala nella gestione forestale Promuovere occupazione locale Finanziato da Regione Lombardia Progetto per la messa a punto di un ammendante costituito dalle ceneri di combustione delle centrali di teleriscaldamento + digestato derivante dal biogas Creare sinergia tra filiere e sottoprodotti La visione di sviluppo filiera legno-energia Zona climatica E : gradi-giorno > 2100 e < 3000 © 2012 The Fiper management limited. All rights reserved Lombardia Zona E N° comuni non metanizzati 28 Tot abitanti 30 .000 Potenza termica 23 MW Potenza elettrica 4,6 MW Biomassa 130 .000 m3/anno Comuni lombardi non metanizzati Zona climatica E 10 4 4 3 3 2 1 1 Como
Pavia
Varese
Brescia
Sondrio
Lecco
Bergamo
Lodi Potenziale tele a biomassa legnosa Zona climatica F: gradi-giorno > 3000 © 2012 The Fiper management limited. All rights reserved Lombardia Zona F N° comuni non metanizzati 65 Tot abitanti 59 .410 Potenza termica 46,2 MW Potenza elettrica 9,25 MW Biomassa 261 .500 m3/anno Comuni lombardi non metanizzati Zona climatica F Sondrio; 25 Brescia; 12 Como; 11 Lecco; 9 Bergamo; 8 Potenziale tele a biomassa legnosa 1. POTATURE DEL VERDE PUBBLICO URBANO E PRIVATO COSTO O RISORSA '


Criticità per la crescita del settore 2. Il Servizio di TELERISCALDAMENTO ' SERVIZIO PUBBLICO LOCALE O ATTIVITA'' COMMERCIALE PRIVATA ' Grazie per attenzione!

Document Outline

Chi Siamo Diapositiva numero 3 Diapositiva numero 4 Obiettivi Piano di distretto x filiera legno-energia Altri assi di intervento Diapositiva numero 8 Incentivare il recupero del legname da manutenzioni boschive (in Ton.) , replicando le buone prassi sviluppate in Valtellina (SO) tra i consorzi forestali, imprese boschive e centrali di teleriscaldamento Evoluzione dei consumi di legname da recupero nelle 3 centrali TCVVV di Tirano, Sondalo, Santa Caterina Valfurva Promuovere nuove filiere di approvvigionamento Diapositiva numero 11 Promuovere occupazione locale Diapositiva numero 13 Diapositiva numero 14 Zona climatica E : gradi-giorno > 2100 e < 3000 Zona climatica F: gradi-giorno > 3000 Diapositiva numero 17 Diapositiva numero 18


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186