verticale

Il nuovo taglio dei progetti formativi nell'industria

Nuovi scenari: organici più ridotti, minor tempo e minori risorse disponibili da un lato,
ma anche strumenti tecnici e gestionali più potenti, più semplici da usare e meno costosi dall' altro.
Deve allora essere reso disponibile anche un approccio formativo mirato, modulare, in grado di soddisfare esigenze specifiche di recupero e/o integrazione.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Intervento al convegno mcm Days 2011 Milano

Pubblicato
da Alessia De Giosa




Settori: 


Estratto del testo
La ''crisi' ha aumentato la probabilità di regressione dalle logiche TPM alle logiche del pronto intervento. Tanto per cominciare, sarà quindi bene riassumere le logiche TPM ' Prevenzione ' Monitoraggio ' Automanutenzione ' Lavoro di gruppo multidisciplinare ' Miglioramento continuo OBIETTIVO: affidabilità/disponibilità consolidate Risorse / Performances 0,00 20,00 40,00 60,00 80,00 100,00 120,00 0 50 100 150 200 Risorse ( Tempo, ', KH...) Pe rf o rm a nc e s M a x 1 Per arrivare dal 60 al 90% delle performances occorrono le risorse assorbite per arrivare da 0 a 60%
Per arrivare dal 90 al 95% delle performances occorrono le risorse assorbite per arrivare dal 60 a
90%. VANNO REPERITE CON SOLUZIONI ADEGUATE
Per una stazione di lavorazione di una linea automatizzata, una disponibilità tecnica del 99,5 % è da
ritenersi normale (NON eccellente)
La prima grande causa di regressione è in agguato anche in condizioni ''normali'. In momenti di crisi trova ulteriore spazio: Condizione necessaria di successo è che l''adesione alle logiche TPM sia un processo Top'Down. Deve essere voluta, sostenuta ( se necessario imposta ) dal Top Management aziendale. Un avvicendamento ai vertici può far cadere questo presupposto strategico. Se si decide di ''risparmiare' sulla Manutenzione, si risparmia su una voce di costo che incide mediamente non più del 5% sul totale ma che può generare il 100% dei problemi' La seconda grande causa di regressione consiste nel mancato reintegro di manutentori preparati in fase di turn'over Ammesso (e solo raramente concesso) che in un''ipotetica situazione la Manutenzione Correttiva sia la politica migliore, la riparazione richiede personale più preparato sul campo rispetto alla prevenzione. Servono: ' Conoscenza approfondita del macchinario ' Presenza assidua ' Capacità di diagnosi ' Abilità specifiche Per preparare un ''Interventista' occorrono mediamente tre anni di cui almeno la metà di affiancamento assiduo con personale già esperto. La terza grande causa di regressione consiste nell''interruzione della raccolta dei dati tecnici di manutenzione. y La Produzione non emette più richieste di lavoro formali per ogni richiesta di intervento. y La Manutenzione non lascia traccia completa, veritiera e ''interrogabile' della propria attività. PARADOSSALMENTE, la smania di ''risparmio' porta alla perdita della conoscenza delle cause all''origine dei costi che
si vorrebbero limitare. Una quarta grande causa di regressione consiste nella terziarizzazione della Manutenzione relativa al Processo senza aver rispettato le condizioni necessarie per ricorrere a detta formula su attività ''core'. Le principali sono: ' La gestione della Manutenzione deve essere rigorosamente informatizzata ' Il rapporto deve essere regolato in funzione di misure condivise del livello di servizio reso. Pertanto' ' Committente ed Assuntore devono disporre di due strutture adeguate di Ingegneria di Manutenzione che operano in totale sinergia e partnership In fase di Assessment si riscontra un rinnovato fabbisogno di formazione, che deve però avere connotati rispondenti ai
nuovi scenari: organici più ridotti, minor tempo e minori risorse disponibili da un lato, ma anche strumenti tecnici e gestionali più potenti,
più semplici da usare e meno costosi dall''altro. Deve allora essere reso disponibile anche un approccio formativo mirato, modulare, in grado di soddisfare esigenze specifiche
di recupero e/o integrazione. ' Avvicendamento ai Vertici, con persone non pienamente consapevoli delle potenzialità di profitto insite nella Manutenzione ' Decadimento della registrazione completa e veritiera dello ''storico' dei dati tecnici e gestionali ' Necessità di ritaratura scientifica dei piani di Manutenzione Programmata. ' Analisi costi'benefici in particolare e reporting difficoltoso in generale ' Terziarizzazione di attività core senza adeguato presidio del KH ' Ripristinare l''equilibrio corretto delle risorse tra la logica del pronto intervento e quelle della prevenzione e del
miglioramento continuo procedendo scientificamente,
secondo progetto di Ingegneria di Manutenzione snello e con
concrete valenze applicative. ' Permettere ai Corsisti di scegliere il proprio percorso progettuale in funzione della Cultura di Manutenzione già
posseduta, selezionando i moduli più aderenti ai propri
fabbisogni. ' Stimolare e promuovere applicazioni mirate presso le Sedi dei Corsisti medesimi. Tali applicazioni potranno essere sia
ancora formative che prettamente operative. FASE 1: IL MODULO BASE ' Deve essere strutturato UN MODULO FORMATIVO DI BASE, finalizzato a definire ed armonizzare terminologia, obiettivi,
modalità di lavoro, strumenti, verifica del grado di cultura e
conoscenza posseduto sulla manutenzione. In particolare si
verificherà lo stato dell'' Ingegneria di Manutenzione
all''interno dell''Azienda, ' Destinatari: Top Management, Direzione Tecnica, Direzione Operations, Amministrazione, Qualità, Sicurezza, EDP FASE 2: il MODULO SPECIALISTICO A valle del modulo base viene proposta UNA PARTE SPECIALISTICA, a struttura modulare. Ogni Modulo Formativo Specialistico sviluppa un tema di Ingegneria di Manutenzione puntando, ad esempio, a recuperare: ' Lo ''storico' dei dati tecnici e gestionali ' L''aggiornamento dei Piani di Manutenzione Programmata e di Auto'manutenzione ' La capacità di analisi costi'benefici, in particolare a supporto di modifiche/migliorie. ' La capacità di misurazione delle performances e di reporting. ' La padronanza di attività core terziarizzate con adeguato presidio del KH Condizioni al contorno da soddisfare
' Contenimento dei costi
' Contenimento del tempo distolto dall''operatività
' Immediatezza dei risultati
Erogazione dei moduli
' Modulo Base: in aula, scelta in località ''baricentrica' ed aperta a più Aziende. ' Moduli Specialistici: in aula, organizzati per sessioni parallele, in modo che ci sia possibilità di scelta. ' Seguono di norma applicazioni specifiche presso il singolo utente con valenza mista Formazione / Consulenza / formazione tecnica. Trasformare quello che troppo spesso è considerato una spesa improduttiva
nella capitalizzazione di un know'how
interno insostituibile ed in gran parte
ancora non messo a profitto. ' La Risorsa Umana conferma il suo ruolo strategico anche nello scenario attuale. ' La Formazione, purchè impostata in forme e contenuti coerenti alle nuove condizioni al
contorno ed in modo agevolmente fruibile, è
strumento di elezione per la saturazione delle
risorse esistenti, rispettando le inderogabili
''Regole del gioco' esposte in apertura


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186