verticale

I benefici indiretti dell'efficienza energetica

La Federazione Italiana per l'uso Razionale dell'Energia è un'associazione tecnicoscientifica che dal 1987 promuove per statuto efficienza energetica e rinnovabili, supportando chi opera nel settore. La FIRE è attiva sia a livello italiano, sia a
livello europeo ed internazionale, attraverso progetti co-finanziati e commesse. Benefici multipli dell'efficienza energetica. Schema M-Benefits

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Smart Efficiency - Milano giugno 2019 L'Efficienza Energetica di domani è Smart

Pubblicato
da Atti di convegno Atti di convegno
mcTER Smart Efficiency - Milano 2019Segui aziendaSegui




Settori: 


Estratto del testo
Gli atti dei convegni e più di 10.000 contenuti su www.verticale.net Smart Efficiency www.fire-italia.org La Federazione Italiana per l''uso Razionale
dell''Energia è un''associazione tecnico-
scientifica che dal 1987 promuove per statuto
efficienza energetica e rinnovabili,
supportando chi opera nel settore. Oltre alle attività rivolte agli associati, la FIRE
opera su incarico del Ministero dello Sviluppo
Economico per gestire l''elenco e promuovere
il ruolo degli Energy Manager nominati ai
sensi della Legge 10/91. La Federazione collabora con le Istituzioni, la
Pubblica Amministrazione e varie Associazioni
per diffondere l''uso efficiente dell''energia
ed opera a rete con gli operatori di settore e
gli utenti finali per individuare e rimuovere le
barriere di mercato e per promuovere buone
pratiche. La FIRE certifica gli EGE attraverso il SECEM. Cos''è la FIRE' 2 Circa 400 associati, di cui una metà persone fisiche e l''altra organizzazioni che includono sia medi e grandi consumatori, sia società attive nell''offerta di soluzioni e servizi. Come può supportarti FIRE può essere un partner per varie attività: realizzazione di indagini presso energy
manager, ESCO, EGE, società con ISO 50001,
etc.;
studi di mercato o di settore;
guide e analisi su strumenti di incentivazione e
policy;
realizzazione di campagne di informazione e
cambiamento comportamentale;
realizzazione di campagne di disseminazione;
diagnosi e studi di fattibilità;
corsi di formazione sull''energy management e i
suoi strumenti (ISO 50001, diagnosi, EPC, IPMVP,
LCCA, fattibilità, etc.), politiche e incentivi,
soluzioni per l''efficienza, cogenerazione, etc;
progetti europei e molto altro' segreteria@fire-italia.org 3 4 La FIRE è attiva sia a livello italiano, sia a
livello europeo ed internazionale, attraverso
progetti co-finanziati e commesse.
Fra i clienti delle commesse negli ultimi anni
si segnalano: Ministero dell''Ambiente, ENEA,
GSE, RSE, Regione Piemonte, Provincia di
Torino, Comune di Vignola, EASME, Ecofys,
ENEL, Engie, Estra, Ferrovie dello Stato, FCA,
Galbani, Hitachi, Leonardo, Poste Italiane,
Schneider Electric, TIM, Unioncamere, Vigili
del Fuoco, Wind Tre, università, associazioni,
ordini professionali, agenzie ed enti fieristici. Guide, studi e rapporti FIRE Energy management a 360 gradi www.fire-italia.org Collabora con Policy Management e buone pratiche Finanziamento progetti EPC e standardizzazione Progetti internazionali recenti e collaborazioni www.secem.eu SECEM, Sistema Europeo per la Certificazione in
Energy Management, è un organismo di
certificazione del personale facente capo alla
FIRE.
Primo organismo a offrire la certificazione di
parte terza per gli Esperti in Gestione
dell''Energia (EGE) secondo la norma UNI CEI
11339, ad aprile 2012 SECEM ha ottenuto da
Accredia l''accreditamento secondo i requisiti
della norma internazionale ISO/IEC 17024.
SECEM certifica gli EGE in virtù di un
regolamento rigoroso e imparziale, basato
sull''esperienza di FIRE con gli energy manager. 
Un vantaggio di chi si certifica con SECEM è la
possibilità di accedere ai servizi informativi e
formativi e di essere coinvolto nelle iniziative
della FIRE.
SECEM inoltre riconosce corsi di formazione
sull''energy management, su richiesta dell''ente
erogatore. SECEM: la certificazione degli EGE 5 Benefici multipli dell''efficienza energetica 6 Emissioni climalteranti Mitigazione povertà energetica Sicurezza energetica Fornitura di energia Prezzi dell''energia Effetti macro economici Produzione industriale Salute Occupazione Inquinamento locale Gestione delle risorse Spesa pubblica Risorse disponibili Valore degli asset Risparmi energetici Il risparmio energetico è solo un elemento dei quattordici su cui fare leva' Fonte: elaborazione FIRE di figura IEA. Cogliere il collegamento fra uso razionale dell''energia e core business può cambiare l''approccio all''energy management. Quali sono i benefici multipli' 7 Tre motivi per cui sono utili Valore: L''appetibilità economica degli
investimenti migliora, in quanto al flusso di
cassa dei risparmi energetici si somma quello
degli altri elementi. De-risking: La valutazione delle ricadute
negative consente di valutare meglio i rischi
connessi all''intervento, e dunque di ridurre il
r i s c h i o p e r c e p i t o , c h e è l a r a g i o n e
fondamentale per cui ai progetti di efficienza
energetica sono richiesti indicatori economici
p i ù p e r f o r m a n t i p e r p r o c e d e r e c o n
l''investimento. Proposta: Diventa possibile proporre gli
interventi facendo leva sugli altri benefici,
facilitando l''individuazione di alleati in azienda
e mostrando ai decisori gli aspetti a cui sono
più sensibili. 8 Tre ragioni per valutare le ricadute non energetiche! Efficienza energetica, molti benefici Il progetti Combi negli ultimi anni ha svolto una serie di analisi per quantificare il valore
dei benefici non energetici collegati all''efficienza energetica. Nel caso degli edifici tali
benefici hanno un valore nell''ordine del 70% di quelli energetici, senza contare l''effetto
potenziale sul PIL e la spesa pubblica. Considerando tutti i settori si ottengono numeri
di poco inferiori. (fonte: Thema et al., ECEEE 2019). 9 Benefici multipli: esempio 1 Applicazione di un cogeneratore e di un addensatole dinamico di fanghi a un impianto
di trattamento rifiuti. I benefici economici non energetici sono quattro volte quelli
energetici. 10 Benefici multipli: esempio 2 Applicazione di una pompa di calore per limitare l''impiego di caldaie all''interno di una
rete di teleriscaldamento. I benefici non energetici sono circa un terzo di quelli
energetici. 11 Schema M-Benefits Il progetto M-Benefits mira a introdurre una metodologia che aiuti gli energy manager,
le ESCO e gli altri soggetti coinvolti nella proposta di interventi di efficientamento
energetico a comprendere gli effetti di tali soluzioni sul core business. 12 Schema M-Benefits 1.Analisi semplificata del business dell''impresa, che evidenzi le priorità di investimento e le basi della proposta di valore. 2.Analisi energetica, individuazione delle misure di efficientamento, benefici energetici e individuazione di quelli non energetici. 3.Analisi valore-rischi-costi e quantificazione dei benefici multipli. 4.Analisi finanziaria considerando i benefici multipli. 5.Presentazione dei progetti di investimento. 13 1 2 3 Diagnosi energetica La diagnosi energetica è fondamentale per: 'tradurre l''idea iniziale in una decisione di investimento 'influenza le fasi di analisi delle soluzioni e di valutazione e scelta 14 La diagnosi energetica è una
risorsa ed un input chiave per il
processo!
Analisi energetica allargata Fonte: M-Benefits 15 Migliore qualità del prodotto
Maggiore affidabilità del prodotto Riduzione rischio di incidenti
Riduzione dei rischi commerciali
R i d u z i o n e d e i r i s c h i s u l l e emissioni
Riduzione dei rischi di rottura dei componenti Maggiore efficienza produttiva (comfort migliorato)
Riduzione dei tempi produttivi (pre-riscaldamento più veloce)
R i d u z i o n e d e l l e p e r d i t e d i prodotto (qualità forno)
Riduzione costi CO2
Riduzione O&M
Riduzione costi energetici Esempio di ricadute per il cambio di un forno in un''industria dolciaria. La loro
quantificazione consente di proporsi in modo molto più convincente al top management
e alle altre unità produttive. Quattro requisiti fondamentali' Comunicazione Supporto da parte del top management Qualità dei dati Tempistiche Sono necessari per applicare con
successo la metodologia M-Benefits e
valutare i benefici multipli degli interventi
di efficienza energetica! 16 Open mindness 17 Investire in efficienza energetica nell''industria sarà meno conveniente che in passato per la diffusione della generazione distribuita (costo equivalente dell''energia più basso) e per le agevolazioni sugli energivori. Investire in efficienza energetica negli altri settori si scontra con tempi di ritorno molto lunghi. Imparare a quantificare i benefici non energetici connessi ai progetti di efficientamento consente di rendere nuovamente interessanti tali interventi e di avere a disposizione nuove leve per convincere i decisori. Inoltre, la collaborazione fra unità aziendali necessaria per l''analisi favorirà ulteriori sinergie e sviluppi del core business. Il supporto del progetto M-Benefits M-Benefits mira a sviluppare un toolkit per aiutare le imprese ad identificare i benefici
multipli dell''efficienza energetica.
Oltre a metter a punto una serie di eventi informativi e di corsi di formazione, è
prevista la realizzazione di progetti pilota, in cui verifica e mettere a punto le
metodologie e gli strumenti creati nell''ambito del progetto.
Le sessioni di training si terranno nel 2019 (webinar e corsi in aula) attraverso
un''esercitazione basata su un serious game ispirato da un''esperienza aziendale.
I progetti pilota verranno sviluppati fra fine 2019 e inizio 2020 impiegando la
metodologia sviluppata dal progetto M-Benefits, eventualmente migliorata e adattata
alle esigenze del mercato italiano. 18 www.mbenefits.eu Ciclo di webinar: I lunedì di M-Benefits (8, 15 e 22 luglio 2019) 1) Introduzione ai benefici multipli dell''efficienza energetica 2) Come valutare i benefici multipli dell''efficienza energetica 3) Benefici multipli: gli strumenti del progetto M-Benefits Serious game 19 www.mbenefits.eu Parte teorica alternata a parte pratica Applicazione della metodologia M-Benefits Lavoro di gruppo: scambio di esperienze, condivisione
delle conoscenze Serious game - piattaforma 20 www.mbenefits.eu 1. Organizzazione 2. Processo ed energia 3. Analisi strategica 4. Analisi finanziaria Per maggiori informazioni e per aderire alle
attività del progetto M-Benefits contattare
Livio De Chicchis
dechicchis@fire-italia.org Appuntamenti FIRE 21 I prossimi eventi FIRE: Webinar M-Benefits, 8-15-22 luglio 2019
Pillola PPA, 18 luglio 2019
Conferenza EPC, Bologna, 2 ottobre 2019
Convegni KeyEnergy, Rimini, 5-8 novembre 2019
Premio Energy manager
Conferenza Enermanagement#2, Milano, 11 dicembre 2019 www.fire-italia.org/eventi I prossimi corsi: energy manager ed EGE (on-site e on-line);
IPMVP-CMVP;
corsi intensivi (mercato energia, FER, CHP, SGE, LCA, soluzioni per edifici e industria, etc.). Nome relatore, FIRE Grazie! http://blog.fire-italia.org www.facebook.com/FIREenergy.manager www.linkedin.com/company/fire-federazione- italiana-per-l'uso-razionale-dell'energia www.twitter.com/FIRE_ita


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186