Verticale
Verticale

Edison e le soluzioni digitali

Sommario

Le aziende si trovano sempre più spesso e urgentemente a dover rispondere in modo efficace alle sfide dettate dalla digitalizzazione, facendo spazio a nuovi comparti e figure professionali.
Lo sviluppo di prodotti innovativi, così come l'introduzione di novità tecniche e la riprogettazione dei processi produttivi, è ormai legata a doppio filo allo studio dei dati, che aiutano ad orientare le scelte manageriali.
In quest'ottica, oggi conviene non basarsi più soltanto su idee e risorse interne, ma aprirsi a tecnologie e competenze che arrivano dall'esterno.

Edison e il digitale

E' per questo che l'azienda ha scommesso sia sulla costruzione di nuove competenze interne che sull'alfabetizzazione dei clienti all'utilizzo di strumenti quali l'Internet of things, l'intelligenza artificiale e la data analysis.
Il digitale è infatti una chiave di lettura dello sviluppo: è al contempo servizio e metodologia, perché aiuta a monitorare, analizzare e gestire - in efficienza e nel corso del tempo - i processi industriali, conferendo agli stessi edifici che ospitano le aziende un'anima "smart".

Dal 2017 Edison ha avviato un ampio progetto di trasformazione digitale, che ora caratterizza tutto il suo modo operare. Un approccio, questo, basato sullo scambio continuo con il mondo dell'innovazione, al fine di facilitare lo sviluppo di nuove progettualità e la circolarità dei saperi.

L'approccio all'innovazione e alla digitalizzazione di Edison sono focali nel modello di business che la unit Servizi Energetici e Ambientali sta sviluppando insieme e per i propri Clienti, abbracciando a pieno i presupposti e le caratteristiche dell'Industria 4.0.

L'industria 4.0 è il livello di frontiera delle imprese industriali e manifatturiere in cui, grazie alle tecnologie digitali, vengono adottati sistemi hi-tech che consentono di aumentare la produttività degli impianti, affinare la qualità dei prodotti e migliorare le condizioni e gli ambienti di lavoro.

L'Industria 4.0 fa dunque riferimento a quell'insieme di innovazioni digitali che, venuto a maturazione negli ultimi anni principalmente nel terziario avanzato, sta oggi cercando un nuovo spazio nel mondo industriale: un'ondata di novità che ha dato inizio a una vera e propria rivoluzione - la quarta per l'appunto, che segue quella innescata dalla macchina a vapore, quella dell'elettricità e dalla produzione di massa, e quella nata con la prima informatizzazione.

Era il 2011 quando si parlò per la prima volta di Industria 4.0 - alla fiera di Hannover, nel nord della Germania - e un anno dopo un gruppo di ingegneri presentò al governo federale tedesco il primo piano di implementazione di Industria 4.0; nel 2016 anche l'italia si allinea a questo trend, con l'introduzione del Piano Nazionale Industria 4.0, che detta i processi, gli assetti di governance, il quadro giuridico e gli strumenti di natura finanziaria utili allo sviluppo dell'industria di quarta generazione.
Oggi uno dei pilastri dell'Industria 4.0 sono le tecnologie digitali e l'impatto della loro implementazione nei processi operativi delle aziende industriali: queste spaziano dall'Internet of things ai big data, fino al cloud computing, così come dalla robotica collaborativa alla realtà aumentata.

L'ottimizzazione energetica tramite i dati

Il dato energetico è, per sua stessa natura, centrale nel settore industriale, perché permette di valutare le prestazioni energetiche del cliente e di conseguenza provare a migliorarle. Leggere in maniera intelligente i numeri, inoltre, consente un maggiore controllo e consapevolezza sulla propria struttura produttiva, nonché di ottenere informazioni utili da sfruttare nelle proprie strategie.

La gestione energetica e ambientale di qualsiasi "sistema" non è una formula matematica, ma un articolato insieme di opzioni che richiede competenze e tempo per essere valutato. Spesso, infatti, è difficile far comprendere all'interlocutore la differenza tra la massimizzazione di valore economico nel breve periodo, e la minimizzazione del costo complessivo di una gestione ottimizzata nel tempo: se fino a poco tempo fa era inimmaginabile leggere insieme al cliente i "dati", ora tutto questo è possibile e sempre più frequente.

A partire dalla raccolta, gestione e valorizzazione dei dati, Edison ha configurato una gamma di servizi digitali che prospettano soluzioni dinamiche,specializzate e al contempo personalizzate, per accompagnare le aziende nella costruzione di valore e per generare un risparmio economico e ambientale.

Edison propone alle realtà industriali opportunità a partire proprio dall'analisi del dato e del suo utilizzo. L'azienda fa questo attraverso il monitoraggio e l'ottimizzazione dei consumi in tempo reale: al fine di individuare nuove aree di efficienza, sfrutta algoritmi basati su intelligenza artificiale e machine learning per controllare gli asset di campo e realizzare importanti risparmi energetici.

In questo filone si inserisce ad esempio l'accordo siglato da Edison con METRON, per il servizio Edison Analytics powered by METRON, volto a offrire ai clienti industriali gli strumenti necessari per essere consapevoli rispetto a quanto e come consumano, così come il know-how per definire strategie energetiche di lungo periodo, grazie all'Intelligenza Artificiale basata sul machine learning.

Alla consapevolezza e alla conoscenza maggiore dei propri consumi, la soluzione Edison Analytics powered by METRON unisce poi la possibilità di correlare e contestualizzare i dati che sono stati raccolti, così da proporre soluzioni avanzate di business che integrano dati di campo, kpi di produzione e altri fattori.

In definitiva, le competenze assodate di ingegneria energetica di Edison si intrecciano oggi con un nuovo know-how di information technology. Questo permette di generare un nuovo modo di lavorare, reattivo e votato all'innovazione digitale, che accompagna i clienti nella presa di coscienza rispetto alla potenzialità dei loro dati energetici.

Conclusioni

Alla base delle proposte digitali di Edison trovano spazio la raccolta, la comprensione, la visualizzazione e, infine, la valorizzazione del dato - tutti aspetti, questi, che integrati permettono agli interlocutori di Edison di sperimentare un nuovo modo di fare business.

Edison è in grado di comprendere e presidiare tutte le fasi della catena del valore del dato: dalla rilevazione attenta alla conoscenza dei KPI "di campo", dalla gerenza del dato (come la trasmissione, la gestione di data platform o la data storage) al suo utilizzo secondo standard di privacy e norme - è la cosiddetta data quality.

Va in questa direzione la partnership tra Edison e Enerbrain, scale-up torinese dell'energy-tech, che offre un'innovativa soluzione di ottimizzazione dei consumi energetici per gli edifici dell'industria e del terziario, basata su IoT e intelligenza artificiale.
Attraverso sensori wireless installati nell'edificio che raccolgono i dati ambientali, una piattaforma cloud elabora le informazioni attraverso algoritmi adattivi e predittivi (basati su metodi di machine learning) e fornisce istruzioni agli impianti di ventilazione, riscaldamento e raffrescamento, al fine di consentirne una regolazione ottimizzata. <>, ha detto in merito Paolo Quaini, Direttore servizi energetici e ambientali di Edison.

Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Settori: , ,


Parole chiave: ,
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186