Verticale
Verticale

Aggiornamento e attuazione degli strumenti di pianificazione

Un corpo idrico (e al prevedibile sviluppo nel tempo) è più se la sua capacità di resistere alle pressioni (resilienza) è pari a quella degli altri. Ipotizzando, per il principio di precauzione, che ogni corpo idrico sia esposto più degli altri alle pressioni cioè vulnerato (e vulnerabile), la pre-analisi di rischio individua, sulla scorta delle macro-pressioni e per lo stato di qualità dei corpi idrici al 2012, una prima ipotesi di sistemi di corpi idrici sui quali intervenire prioritariamente. Questa ipotesi è soggetta a consultazione pubblica dei portatori d’interesse per discuterne la fondatezza. Una strategia di tutela deve considerare condizionamenti e opportunità del contesto d’azione nazionale, sia essa il risultato di una “politica” dell’acqua di un unico soggetto o di un insieme di azioni a livelli e tempi diversi, ma coordinate per eliminare conflittualità e ridondanza.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Intervento al Simposio dell’Associazione Idrotecnica Italiana, Bari 2014




Settori: 


Parole chiave: 


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186