verticale

Tecnica fusoria di pressocolata per leghe di alluminio: ottimizzazione del processo e del warm-up

Questo lavoro è stato sviluppato nell’ambito di uno stage aziendale durato 7 mesi presso una importante fonderia di pressocolata di leghe di Alluminio, la ALMEC Spa di Nusco (AV) . Obiettivi del lavoro, concordati con la azienda, erano i seguenti: • fornire le indicazioni che il personale avrebbe utilizzato in seguito in fase di formazione; • stendere uno standard interno sulla gestione della pressocolata, uniformando tutte le procedure relative alle fasi di warm-up; •indicare i criteri per l’ottimizzazione dei tempo-ciclo, applicandoli ad un caso concreto. La tesi è stata scritta, tenendo presente il primo obiettivo, analizzando il normale ciclo produttivo, seguendo il flusso cronologico della materia prima (dal rottame al particolare finito) e spiegando il funzionamento dei principali macchinari e delle relative periferiche impiegati nelle isole di lavoro.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Tesi di Laurea, Politecnico di Milano, Anno Accademico 2013-2014

Pubblicato
da Alessia De Giosa
VerticaleSegui aziendaSegui




Parole chiave: 


Estratto del testo
POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica



TECNICA FUSORIA DI PRESSOCOLATA PER LEGHE DI ALLUMINIO: OTTIMIZZAZIONE DEL PROCESSO E DEL WARM-UP.

Relatore: Prof. Elisabetta GARIBOLDI
Co-relatore: Dott. Ing. Roberto DUTTO, Ing. Carmine DEL GROSSO



Tesi di Laurea di:

Angelo Enrico Maria
MIGLIERINA Matr. 635899

Anno Accademico 2008 - 2009 A mia madre, a mio padre, a mio fratello, ai miei amici, ai compagni di università ed a tutti quanti hanno creduto in me e mi hanno sostenuto dall''inizio alla fine. Un''ultima dedica a mia nonna che non c''è più tra noi ma che fino all''ultimo ha sognato la mia laurea. ''Molti sono di questa oppenione, che l''arte de metalli sia cosa di fortuna e, come si dice, nasca da la sorte, e che ella sia un mestiere molto sporco, il quale habbia vie più bisogno di fatica che d''ingegno, e di sapere. Ma quando io la vengo ben fra me stesso discorrendo, et tutte le sue parti minutamente esaminado, a me pare che la cosa, di grand lunga sia altrimenti.'''' GIORGIO AGRICOLA (1494-1555), ''De Re Metallica' ''Colare alla temperatura più bassa possibile nel più breve tempo possibile.' PRIMA REGOLA DELLA FONDERIA '''in Europa le richieste dell''industria automobilistica di particolari realizzati in Alluminio crescono continuamente: di media in ciascun nuovo veicolo prodotto ci sono 120 Kg di getti realizzati in lega di Alluminio e la crescita è del 7÷8% annua, [omissis]. L''industria dell''auto assorbe circa il 75% delle fusioni in Alluminio e più del 70% viene colato tramite la pressofusione'' IL SOLE 24 ORE (14 dicembre 2009) RINGRAZIAMENTI I ringraziamenti vanno a: ' Tutto il personale della ALMEC S.p.A., Nusco (AV) ed in particolare: Dott. Ing. Roberto Dutto, Ing. Carmine Del Grosso, Sig. Salvatore De Vito, Sig. Michele Tammaro, Sig. Antonio Ucci, Sig. Fulvio Ciccarese. ' Tutto il personale della RIFOMETAL Spa, Nusco (AV) ed in particolare: Dott. Dino Madaro, Sig. Angelo Biancaniello, Sig. Marcello Di Genua. ' Dott. Ing. Manuel Callegari, BUHLER Ag, Uzwill (CH).
' Sig. Massimo Miglierina, Dott. Franco Miglierina, OMNIA TECNO Srl, Gallarate (VA). ' Un ringraziamento particolare e sentito va all''amico Vito Carbonara, collega durante i mesi di tirocinio e prezioso sostegno del lavoro di tesi. Indice Generale Sommario, Parole chiave 9 Introduzione 11 1. Lega 15 1.1. Introduzione 15 1.2. Lega primaria e secondaria 15 1.3. Rottame 17 1.4. Carica rottame 18 1.4.1. Procedimento di raffinazione sotto sale 20 1.5. Colata 21 1.6. Trattamenti metallurgici 22 1.7. Approvvigionamento 26 1.8. Forni 29 1.8.1. Forni fusori 29 1.8.2. Forno fusorio Flexifire® 33 1.8.3. Forni di mantenimento 36 1.8.4. Forno di attesa 37 1.8.5. Forno dosatori 38 1.8.6. Analisi dei costi di fusione 40 1.9. Trasferimento della lega alle isole 41 1.10. Filtrazione 43 1.11. Esempio di ciclo produttivo in una raffineria 44 2. Isola di lavoro 45 2.1. Introduzione 45 2.2. Unità 46 2.3. Fasi 53 3. Ottimizzazione dell''avviamento (warm-up) 61 3.1. Introduzione 61 3.2. Definizione della fase di avviamento 61 3.3. Procedura tradizionale di avviamento 62 3.4. Monitoraggio degli avviamenti con procedura tradizionale 63 3.5. Definizione degli intervalli 65 3.6. Nuova procedura di avviamento 66 3.7. Monitoraggio degli avviamenti con nuova procedura 68 3.8. Monitoraggio temperature fase avviamento con nuova procedura 72 3.9. Sviluppi futuri sulla fase di avviamento 73 4. Ottimizzazione del tempo ciclo 75 4.1. Introduzione 75 4.2. Composizione funzionale delle isole 75 4.3. Attuale procedura di gestione del tempo ciclo 76 4.4. Nuova didattica delle fasi e dei tempi 78 4.5. Aggregazione del tempo ciclo 81 4.5.1. Influenza e classificazione dei vincoli 83 4.6. Approccio metodologico all''ottimizzazione 85 4.7. Tipi di intervento 89 4.7.1. Classe degli interventi di modifica 89 4.7.2. Classe degli interventi di riduzione 90 4.7.3. Classe degli interventi di compressione 91 4.8. Creazione di una check list degli interventi 91 4.9. Scelta e priorità degli interventi 95 5. Ottimizzazione di processo 97 5.1. Monitoraggio del processo 97 5.1.1. Influenza dell''operatore 98 5.2. Analisi dei dati 99 5.2.1. Cause di fermi 101 5.3. Gestione della manutenzione 104 5.3.1. Risoluzione standard dei fermi 107 5.4. Analisi di performance: l''OEE 107 5.5. Composizione delle inefficienze 109 6. Gruppo Iniezione 111 6.1. Introduzione 111 6.2. Contenitore 111 6.2.1. Scelta del materiale 111 6.2.2. Ciclo di lavorazione 112 6.2.3. Trattamenti termici 113 6.2.4. Contenitore tradizionale 115 6.2.5. Contenitore integrale 117 6.2.6. Contenitore termoregolato 118 6.2.7. Analisi delle dilatazioni e delle deformazioni 122 6.2.8. Verifiche dei criteri di qualità 124 6.3. Pistone 125 6.3.1. Scelta del materiale 125 6.3.2. Ciclo di lavorazione e meccanica pistoni in lega di rame 128 6.3.3. Raffreddamento e lubrificazione 129 6.3.4. Scelta del diametro del pistone 130 6.3.5. Pistone in acciaio con anelli in lega di rame 131 6.4. Stelo 134 6.4.1. Caratteristiche costruttive 134 7. Stampo 135 7.1. Introduzione 135 7.2. Lavoro termico dello stampo 136 7.3. Trasferimenti di calore 137 7.3.1. Gradiente termico 139 7.4. Equilibrio termico 141 7.5. Influsso del tempo ciclo sull''asportazione di calore 143 7.6. Divisione del pezzo in sezioni termiche 144 7.7. Degrado tecnologico degli stampi 145 7.8. Componentistica per stampi 149 7.9. Cenni di progettazione 150 8. Lubrificazione 151 8.1. Introduzione 151 8.2. Funzioni della lubrificazione 151 8.3. Meccanismo di formazione del film 156 8.4. Degrado e distruzione del film 159 8.5. Asciugatura del lubrificante ed evacuazione dell''aria 161 8.6. Sistemi di lubrificazione automatici 162 8.6.1. Selezione di un impianto di lubrificazione 164 8.7. Materiali per la lubrificazione 164 8.7.1. Lubrificanti in polvere 166 8.8. Serbatoi ed impianti di miscelazione 168 8.9. Polverizzazione delle emulsioni 169 8.10. Tecniche di spruzzatura 171 8.10.1. Caratteristiche dello spruzzo 172 8.10.2. Apparecchiature per la spruzzatura automatica 174 8.11. Realizzazione dei cicli di lubrificazione 175 8.12. Procedure di lubrificazione evolute 177 8.12.1. Analisi termografiche 177 8.13. Esercizio e manutenzione del sistema di lubrificazione 180 8.13.1. Influenza delle acque industriali 182 9. Finitura 185 9.1. Tranciatura automatica 185 9.2. Controlli dopo la tranciatura 186 9.3. Presbavatura 186 9.4. Prove di tenuta 187 9.5. Timbratura 188 9.6. Granigliatura 189 9.7. Sbavatura 190 9.8. Trattamenti termici 190 9.9. Prelavorazione meccanica ed ispezione finale 191 9.10. Imballaggio ed audit 191 10. Difetti e qualità 193 10.1. Introduzione 193 10.2. Interazioni tra struttura cristallina e caratteristiche meccaniche 194 10.3. Contenuto di gas nei pressofusi 196 10.4. Difetti legati alla lega fusa 196 10.4.1. Formazione della scoria 196 10.4.2. Porosità da gas 197 10.4.3. Punti duri 198 10.5. Classificazione dei difetti 198 10.5.1. Difetti interni 198 10.5.2. Difetti superficiali 200 10.5.3. Difetti di geometria 201 11. Tecnologie innovative 203 11.1. Introduzione 203 11.2. Leghe da pressofusione innovative 203 11.3. Trattamenti termici 204 11.3.1. Trattamenti senza solubilizzazione 204 11.3.2. Trattamenti con solubilizzazione 205 11.4. Tecniche per il ricoprimento superficiale 205 11.5. Varianti al classico processo di pressofusione 206 Conclusioni 207 Bibliografia 209 9 SOMMARIO

Questo lavoro è stato sviluppato nell''ambito di uno stage aziendale durato 7 mesi
presso una importante fonderia di pressocolata di leghe di Alluminio, la ALMEC
Spa di Nusco (AV) .
Obiettivi del lavoro, concordati con la azienda, erano i seguenti: ' fornire le indicazioni che il personale avrebbe utilizzato in seguito in fase di formazione; ' stendere uno standard interno sulla gestione della pressocolata, uniformando tutte le procedure relative alle fasi di warm-up; ' indicare i criteri per l''ottimizzazione dei tempo-ciclo, applicandoli ad un caso concreto. La tesi è stata scritta, tenendo presente il primo obiettivo, analizzando il normale
ciclo produttivo, seguendo il flusso cronologico della materia prima (dal rottame
al particolare finito) e spiegando il funzionamento dei principali macchinari e
delle relative periferiche impiegati nelle isole di lavoro.

L''attenzione maggiore è stata poi posta alla ottimizzazione dell''avviamento o
warm-up (capitolo 3) e alla ottimizzazione del tempo ciclo e del processo fusorio
(capitoli 4-5). In questi capitoli sono anche stati valutati nuovi e diversi approcci
effettuando sperimentazioni sugli impianti durante la produzione ed è stata
individuata la migliore procedura di avviamento macchina e di gestione del
processo con il fine di ottenere una maggior produttività.

PAROLE CHIAVE

Fonderia, pressocolata, Alluminio, forni, warm-up, tempo ciclo. 10 11 INTRODUZIONE

Il processo di pressocolata consiste nel versare in forme permanenti d'acciaio
leghe di Al, Mg, Zn allo stato liquido e trova convenienti applicazione per getti
che richiedono una buona finitura superficiale, una forma complessa con discreti
valori di caratteristiche meccaniche e con caratteristiche dimensionali costanti, e
produzioni in serie di grandi quantità per giustificare i grossi investimenti in
impianti ed attrezzature.
Il processo si divide in: ' pressofusione a camera calda, con gruppo iniezione immerso nel forno, per la fusione di leghe a basso punto di fusione e poco aggressive
all''acciaio come Ottone e Zama; ' pressofusione a camera fredda, con gruppo iniezione esterno al forno, per la fusione di leghe aventi un punto di fusione relativamente alto come Al
(660°C) e Mg (650°C) per realizzare getti di grandi dimensioni come
ossature di plance, schienali, radiatori, oggetti di arredamento,
componentistica del motore, etc.
In questo volume ci si è dedicati al processo di pressofusione a camera fredda
orizzontale utilizzato presso l''azienda ALMEC S.p.A. di Nusco (AV), impegnata
nella produzione di scatole cambio, scatole trasmissione e supporti motori in lega
di Al.
Panoramica dello stabilimento
Le fasi essenziali del processo fusorio si possono così riassumere: 1. riempimento dello stampo con versamento della lega fusa nel contenitore d''iniezione, iniezione del metallo nella cavità dello stampo, aumento della
pressione sul metallo in fase di solidificazione; 2. fuoriuscita dell''aria dalla cavità per evitare che essa venga inglobata nel getto, dando luogo al fenomeno indesiderato della porosità; 3. solidificazione del metallo con modalità diversa secondo l''intervallo di solidificazione, temperatura del metallo, spessori del pezzo e tipo di lega; 12 4. estrazione del getto allorché la sua temperatura sia scesa a valori di 250÷350°C, per evitare possibili deformazioni; 5. lubrificazione dello stampo, effettuata allo scopo di facilitare l''estrazione del pezzo, impedire la saldatura tra Al e stampo, isolare termicamente il
metallo fuso durante la fase di riempimento del getto ed impedendo una
solidificazioni troppo anticipata. Foto aerea di una isola da pressofusione
I principali vantaggi del processo sono: ' l''iniezione è molto rapida impiegando una pressione di alimentazione elevata; ' la solidificazione è molto rapida e consente di ottenere una microstruttura fine; ' le leghe di impiego in pressocolata hanno una percentuale di Si intorno al valore eutettico e quindi sono caratterizzate da un intervallo di
solidificazione limitato; ' l''economicità del singolo getto prodotto.
I principali svantaggi del processo sono invece: ' genesi non complessa e quindi la non possibilità di realizzare getti con angoli in sottosquadro; ' presenza nella matrice di Al di aria inglobata durante l''iniezione che può portare a caratteristiche meccaniche non elevate soprattutto per
l''allungamento.
Quest''ultima caratteristica ha come effetto negativo la non possibilità di
effettuare sui getti presso colati successivi trattamenti termici che richiedano il
riscaldamento oltre i 300°C. Infatti all''aumentare della temperatura la bolla di gas
rimasta imprigionata nella superficie solida a volume costante subisce un
aumento di pressione e contemporaneamente le caratteristiche della lega 13 diminuiscono: la concomitanza di questi due fenomeni può causare la frattura di
pareti di pori adiacenti e dare origine a delle microfessure, che possono ridurre la
vita dei componenti sollecitati.
Questo fenomeno è dovuto principalmente alla solubilità dell''idrogeno, presente
nel vapore acqueo e nella matrice metallica in fase liquida.
Componentistica per automotive e motoveicoli prodotta il ALMEC S.p.A. 14 15 1. LEGA

1.1 INTRODUZIONE

La tecnologia di fusione e raffinazione della lega di Al si è sviluppata in seguito
all''evoluzione del processo produttivo della fonderia; fino a qualche tempo fa
non era posta particolare attenzione, se non per processi e prodotti estremamente
qualificati, alla qualità metallurgica ed ai costi di fusione ma ci si focalizzava solo
sulla quantità di metallo fuso. L''utilizzo dell''Al nel mercato automobilistico ha
imposto di rivedere completamente la politica e la tecnica per l''ottenimento di
queste leghe.
Il capitolo seguente vuole fornire una descrizione sull''arte e sulla tecnica di
produzione di leghe di Al secondarie utilizzate nella pressofusione, dal parco
rottame al prodotto raffinato e pronto per colare nello stampo.
Da un punto di vista metallurgico ci si concentrerà sui differenti processi fusori,
sui controlli, sugli interventi correttivi e sulle analisi finali.

1.2 LEGA PRIMARIA E SECONDARIA

L''Al di prima fusione è ottenuto direttamente dalla riduzione elettrolitica
dell''ossido di Al, che ha un titolo medio del 99,5% ma ,senza trattamenti
opportuni, limitate caratteristiche meccaniche; inoltre i costi di acquisto sono
elevati e quindi è poco usato in applicazioni industriali.
L''Al di seconda fusione, usato invece abbondantemente per applicazioni
industriali, è ottenuto dalla rifusione e dal recupero di rottami, ritagli, sfridi etc,
con l''aggiunta di eventuali elementi di lega che migliorano la lavorabilità e la
resistenza.

Le leghe adottate in pressocolata sono prevalentemente leghe secondarie ottenute
dalla rifusione di rottami; in pressofusione è richiesto che la lega abbia come
proprietà principale una temperatura di fusione inferiore ai 700°C, affinché si
possano utilizzare stampi in acciaio lavorati alle macchine utensili con estrema
precisione dimensionale e buona finitura superficiale.
L''impiego di leghe di Al comporta: ' ridotto intervallo di solidificazione, pari per alcuni particolari a pochi secondi, che causa un elevato ritiro durante il passaggio di stato; ' elevata affinità con l''umidità presente in atmosfera; ' elevata affinità con l''O 2 presente in atmosfera causando la formazione di ossidi di Al nel bagno metallurgico se questo non è protetto.
Si è deciso di prendere in considerazione due tra le molteplici leghe di Al presenti
sul mercato essendo attualmente le più utilizzate in pressofusione: 46000 e 16 46100. Esse coprono circa l''80÷85% dei volumi di utilizzo nel mercato europeo
della pressocolata.
Nomenclatura 46000 UNI 5075 EN AB-AlSi9Cu3(Fe) 46100 UNI 5076 EN AB-AlSi11Cu2 Fig. 1.1 Corrispondenza tra le diverse nomenclature
Lega Si Mg Cu Zn Ni Cr Fe Mn 46000 8,0÷11,0 0,15÷0,55 2,0÷4,0 1,20
max 0,55
max 0,15
max 0,60÷1,10 0,55 max 46100 10,0÷12,0 0,30 max 1,5÷2,5 1,70
max 0,45
max 0,15
max 0,45÷1,00 0,55 max Lega Ti Pb Sn Ca Na Sb impurità Al 46000 0,20 max 0,35 max 0,25
max 160 ppm 0,1 max 0,05
max 0,25 max resto 46100 0,25 max 0,25 max 0,25
max - - - 0,25 max resto Fig. 1.2 Specifiche delle due leghe secondo la norma UNI EN 1706
Queste leghe di Al utilizzano le stesse materie prime e sono ideali per il processo
di pressocolata poiché hanno: 1. ciclo di raffinazione molto simile;
2. bassa temperatura di fusione avendo una percentuale di Si prossima all''eutettico che diminuisce la temperatura di fusione; 3. ritiro volumetrico accettabile in fase di solidificazione;
4. elevata colabilità per riempire la cavità dello stampo, riproducendo esattamente i getti richiesti con buone caratteristiche fisiche e meccaniche
anche in presenza di forme o geometrie complesse e sottili; 5. una discreta resistenza meccanica a caldo che permette all''operatore di poter estrarre i getti dallo stampo ad una temperatura di 260÷290°C,
maneggiarli senza incorrere in danneggiamenti di forma e sbavarli con
utensili; 6. formazione di strutture eutettiche che portano alla creazione di strutture di elevata finezza utilizzando un rapido raffreddamento. 7. Lega Rm [MPa] Rp02 [MPa] A% Durezza [HB] 46000 220 150 1,0 85 46100 270 160 1,0 85 Fig. 1.3 Caratteristiche meccaniche minime delle due leghe
Consideriamo adesso i principali elementi che vanno a modificare le
caratteristiche di queste leghe di Al, valutando i pro ed i contro.
La presenza del Fe (max 1,1%) rende meno aggressiva la lega di Al nei confronti
degli stampi e delle altre parti in acciaio, riduce il rischio di metallizzazioni, 17 favorisce l''estrazione del getto e migliora la resistenza meccanica a caldo del
pressocolato.
La presenza dello Zn (max 1,7%) migliora la resistenza meccanica, aumenta la
lavorabilità alle macchine utensili, favorisce la plasticità ma induce il getto ad
una fragilità a caldo favorendo anche la corrosione.
La presenza del Mg (max 0,3%) aumenta la durezza, accresce il carico di rottura,
migliora la resistenza alla corrosione, favorisce la lavorabilità e la lucidabilità ma
diminuisce la colabilità aumentando la fragilità di ritiro.
Gli altri principali elementi disciolti nel bagno di Al che devono essere
maggiormente controllati durante le varie fasi sono: Si, Cu e Ca.

1.3 ROTTAME

La materia prima è principalmente costituita da vecchi rottami di leghe di Al che
hanno terminato il loro ciclo di vita (carter di autovetture, radiatori, cerchioni,
pentolame, etc), da nuovi rottami di leghe di Al che provengono dalla fonderia
(sfridi, boccame, materozze, canali di colata, etc) e da vecchi rottami di Al
primario (lattine pressate).
Una prima classificazione del rottame quando arriva presso la raffineria di Al
viene eseguita in accettazione, in base alla dimensione. Si distinguono in questo
modo pezzature fini di Al (spezzettato, frantumato, flottato, torniture varie) da
rottame di grandi dimensioni (carter, radiatori, cerchioni, pentolame, stoviglie,
vasellame, lastre pressate). Di norma le aziende che raccolgono e poi vendono il
rottame eseguono una preselezione ed una classificazione in modo che sia
possibile acquistare il rottame desiderato già cernito. Fig. 1.4 Parco rottame cernito 18 Con l''arrivo del rottame in raffineria e dopo la verifica del peso viene eseguito un
controllo sulla qualità prelevando dei campioni ed analizzandoli, per identificare
gli elementi nocivi e la composizione chimica (in gergo si parla di calo 1) e quantificare la resa di fusione che corrisponde alla percentuale di prodotto finito.
Queste operazioni sono eseguite in manuale da un addetto alla campionatura
utilizzando dei piccoli fornetti di fusione.A partire dalle analisi eseguite e dal tipo
di lega che si vuol ottenere si determina il mix di carica scegliendo tra il parco
rottame disponibile i materiali opportuni nelle quantità ottimali.
Un buon parco rottame deve essere custodito in un ambiente protetto, privo di
umidità e con assenza di residui oleosi; è buona norma far acclimatare all''interno
della raffineria il materiale prima di inserirlo nel forno, per evitare grosse
dispersioni termiche durante la carica del forno e quindi migliorare il rendimento
energetico.

1.4 CARICA ROTTAME

Tutti i materiali di piccola pezzatura (torniture, flottato, frantumato e spezzettato)
vengono inseriti in una tramoggia e caricati in un essiccatore rotante al cui
interno agisce un sistema di coclee interne per l''avanzamento del materiale.
All''inizio della tramoggia inoltre è istallata una griglia di sicurezza per non
permettere a grossi rottami entrare nel ciclo.
La temperatura all''interno dell''essiccatore è di 150÷300°C ed è necessaria per
eliminare la maggior parte dei materiali non metallici che fondono a basse
temperature: vernici, oli, grassi, acqua ed inerti in questo modo vengono eliminati
e non contaminano il bagno, abbassando la resa finale. I fumi che escono
dall''essiccatore vengono raccolti e convogliati in un post-bruciatore che,
lavorando a 850°C, riduce le componenti incombuste abbassando il potere
inquinante dei fumi. Dopo l''essiccatore i rottami passano nel vibro-vagliatore
dove perdono la componente polverulenta, in seguito le polveri scorrono sotto un
cilindro magnetico che serve per separare le polveri di Al da quelle di Fe: è
importante che le polveri di Al non entrino nel forno fusorio perché brucerebbero
a contatto con il metallo fuso. I rottami vagliati scorrono sotto un altro cilindro
magnetico che serve per separare gli inserti o le parti in Fe ancora presenti; in
seguito si ha la caduta dei rottami vagliati e puliti nel forno fusorio. Per
migliorare la produttività è possibile istallare una pompa, realizzata in materiale
refrattario, che crea un vortice nel metallo liquido: in questo modo i piccoli
rottami appena inseriti vengono risucchiati al di sotto della superficie del metallo
liquido, fondono con una velocità maggiore e non vengono a contatto con agenti
ossidanti presenti nel forno.
Tutti i materiali di grossa pezzatura (carter, radiatori, cerchioni, etc) vengono
invece cerniti a mano mediante controllo visivo: si separano così dal rottame parti
in Fe, Cu, Inox, etc; in seguito il rottame di elevata dimensione, con l''aggiunta di 1 Di norma il calo tra il rottame da fondere ed il prodotto finito è del ordine del 5÷6%. 19 materozze e canali di colata provenienti dagli scarti di fonderia, viene caricato
tramite pala meccanica nel forno ad una temperatura di 650÷700°C. L''utilizzo di
forni rotativi permette di eliminare la componente di Fe utilizzando tempi e
temperature di processo diversi: il Fe non riesce a fondere e quindi viene
trattenuto nella scoria e non viene poi inserito nel forno fusorio.
Fig. 1.5 Forno basculante 1.4.1 PROCEDIMENTO DI RAFFINAZIONE SOTTO SALE

Le aziende che producono leghe di Al secondario si possono suddividere in 2
categorie a seconda che il sistema di fusione e raffinazione da loro impiegato sia
sotto sale o senza sale.
Per il procedimento sotto sale si usano i forni rotativi: i rottami vengono come
detto caricati in una tramoggia e poi attraverso un nastro e un condotto vibrante
vengono immessi nel forno. La carica viene eseguita alternando sale copertone a
rottami molto grossi e di medie dimensioni; in questa fase il bruciatore è spento
ed il forno è in rotazione per mischiare il materiale. Al completamento della
carica si chiude la porta, inizia la combustione con la fusione sia del sale sia del
metallo. Il sale che si dispone in superficie proteggendo il bagno di metallo
liquido dalla ossidazione. Quando tutto il materiale è fuso si esegue una seconda
carica: in media la durata totale di queste operazioni è di 3 ore e la fase di fusione
occupa circa 90 minuti; segue lo spillaggio verso un forno di attesa per le
operazioni di degasaggio, affinazione, analisi chimiche con spettrometro e analisi
del menisco 2. 2 Il menisco è il pelo libero di un campione di lega di Al fatto solidificare presso un contenitore
incluso in una campana di vetro dentro la quale viene realizzato il vuoto. In base alla curvatura
della superficie viene stimata la bontà del degasaggio. 20 Fig. 1.6 Impianto per il controllo del menisco 21 1.5 COLATA

La lega secondaria può essere fornita allo stato solido oppure allo stato liquido.
Mantenere la lega allo stato liquido si hanno vantaggi energetici (risparmi sui
costi di colata e di rifusione), economici (non si ha il calo di fusione) e
metallurgici (si hanno meno ossidi e lega più omogenea).
Nella fornitura allo stato liquido in metallo deve arrivare ad una temperatura di
circa 720°C, ammettendo che il raffreddamento durante il trasporto debba essere
di massimo 10°C/h.
La colata del metallo liquido avviene con il ribaltamento del forno e la raccolta
nelle siviere riscaldate in precedenza; durante questa fase il liquido può essere
depurato per eliminare le inclusioni a tale fine si utilizzano filtri in materiale
ceramico, in allumina, in carburi di Si o in grafite; una volta colato il metallo
nella siviera è importante che essa venga chiusa prima del trasporto anche
all''interno della fonderia.
Fig. 1.7 Siviera chiusa con carrello
La fornitura in forma solida viene effettuata colando il liquido in una lingottiera
per produrre panetti da rifusione. Per realizzare i lingotti si può spillare il liquido
ad una temperatura più bassa ma è necessario preriscaldare le forme dei pani per
eliminare ogni traccia di umidità e per limitare sbalzi termici. I lingotti così
realizzati e solidificati vengono messi in pedane e successivamente reggettati e
identificati con un cartello che indica conformità e indicazioni della colata.
1.6 TRATTAMENTI METALLURGICI 22
Nel corso della fusione dei rottami si verificano reazioni chimiche e fisiche che
causano l''inquinamento del bagno di Al ad opera di gas, ossidi, nitruri e carburi;
tutti questi elementi influenzano la microstruttura, la velocità di raffreddamento e
la composizione chimica della lega, modificando le principali caratteristiche
meccaniche.
La temperatura del forno fusorio è molto importante perché tanto più è alta, tanto
maggiore è la tendenza del metallo liquido ad ossidarsi ed assorbire elementi
nocivi: quindi è chiaro il motivo per cui sia necessario mantenere la giusta
temperatura.
Considerando questi fattori è necessario realizzare durante la fusione del rottame
e la permanenza del bagno di Al allo stato liquido degli interventi per eliminare o
ridurre l''inquinamento della lega; spesso in pressocolata molti difetti possono
essere evitati con adeguati trattamenti metallurgici senza intervenire sui parametri
macchina.
FENOMENI CAUSE SOLUZIONI Reazione con umidità Tempi di attesa eccessivi,
surriscaldamenti del
bagno Degasaggio con azoto,
sali, vuoto Microcristallo grossolano Surriscaldamenti del bagno, inquinamento da
Fe Affinazione del grano,
rapidità di colata Inquinamento da leghe
esterne Scarti estranei,
mescolamento eccessivo Maggiore distinzione
nel parco rottame Inquinamento da Fe Surriscaldamenti del
bagno, uso di attrezzi non
protetti Diluire con metallo a
basso tenore di Fe Inquinamento con ossidi Immissione nel forno di
materiale ossidato o con
alto rapporto
superficie/volume Maggior controllo della
carica da inserire nel
forno Sedimentazione di
elementi pesanti Tempi di attesa eccessivi Spillare il metallo da
un''altezza superiore,
movimentare il bagno Fig. 1.8 Principali fenomeni inquinanti cause e soluzioni
TRATTAMENTI DI MODIFICA
La cosiddetta ''modifica' delle leghe consiste nell''impiegare particolari elementi
chimici in modo da modificare la morfologia della fase Si che altrimenti
formerebbe placchette con notevole effetto di intaglio. La modifica della lega in
termini chimico-fisico agisce ampliando l''intervallo di solidificazione ed è più
efficace quanto maggiore è la percentuale di Si prossima a quella dell''eutettico
(11,7%). 23 Questa azione modifica la struttura aciculare che tende ad acquisire il Si durante
la solidificazione e che espone la lega alla formazione di croste indesiderate,
porosità grossolane, ricalo, diminuzione della lavorabilità e calo delle proprietà
meccaniche.
Fig. 1.9 Micrografia dopo i trattamenti di modifica per lega 46000
Le caratteristiche che traggono più vantaggio da questa operazione sono la
riduzione del ritiro, la maggior lavorabilità meccanica (in quanto non si hanno
cristalli di Si grandi e duri) ed il miglioramento delle caratteristiche meccaniche
(in particolare la resistenza a trazione e l''allungamento).
Gli elementi modificanti maggiormente utilizzati sono: Sr, Sb e Na.
La modifica al Na, in passato, era la più usata: il Na viene aggiunto nel bagno,
poco prima di colare, in quantità di 35÷80 ppm ma la sua azione dura pochi
minuti (max 30 minuti). I moti turbolenti che vengono creati servono per
uniformare la distribuzione ma possono portare all''inglobamento di gas da parte
della lega.
La modifica allo Sr ha un''azione più duratura nel tempo (3÷5 ore) e tale elemento
viene aggiunto in quantità maggiori con un intervallo di 150÷500 ppm.
Oggi possiamo dire che esistono in commercio leghe che vengono chiamate pre-
modificate: esse sono caratterizzate dalla presenza in lega di Na-Sr

TRATTAMENTI METALLURGICI PREVENTIVI
I trattamenti preventivi hanno lo scopo di proteggere ed impedire l''ossidazione
del metallo liquido durante la permanenza nel forno; questa operazione avviene
grazie alla formazione di una barriera liquido-gassosa che impedisce il contatto
tra il bagno e l''aria evitando così la contaminazione da agenti estranei.
I più comuni trattamenti coprenti si ottengono con flussi salini a base di miscele
di criolite, cloruri alcalini e fluoruri; queste miscele hanno un basso peso 24 specifico e un''elevata fluidità, proprietà che determinano un''ottima protezione
contro l''aria.

TRATTAMENTI METALLURGICI DEPURANTI DISOSSIDANTI
Le leghe di Al si ossidano con facilità sia allo stato solido sia allo stato liquido,
formando un sottile e compatto film che d''altro canto ha la funzione di
proteggere da un ulteriore ossidazione; durante le fasi di travaso dal forno alla
siviera e viceversa questo film potrebbe rompersi annullando la funzione
conservativa e quindi altre particelle di ossido si formerebbero ed
intrappolerebbero nel bagno liquido.
Si è pertanto giunti a formulare un processo per eliminare gli ossidi (il peggiore è
l''allumina) trasformandoli in composti facilmente separabili dal metallo fuso o
riducendoli. Questo processo avviene aggiungendo al bagno miscele di appositi
sali, insufflando gas inerte, per facilitare la risalita degli ossidi, ed agitando
meccanicamente il liquido per favorire il più possibile la distribuzione dei
disossidanti.
I sali disossidanti per le leghe di Al sono in prevalenza costituiti da cloruri e
fluoruri, che reagiscono con gli ossidi di Al formando sali complessi. Questi
ultimi hanno elevati punti di fusione, galleggiano in superficie nel bagno di
metallo fuso e non si agglomerano rimanendo allo stato di leggera polvere
grigiastra. In entrambi i casi le reazioni avvengono fra un liquido (depurante
fuso) e le placchette di ossido Al2O3 presenti in fase solida distinta.
La fase successiva consiste nell''eliminazione della scoria che ha intrappolato gli
ossidi al proprio interno, intervenendo meccanicamente.
Affinché i depuranti reagiscano efficacemente è necessario che la temperatura del
metallo sia sufficientemente elevata e tale da superare il punto di fusione del
prodotto impiegato; generalmente i fornitori di queste miscele saline indicano la
temperatura di impiego.

TRATTAMENTI METALLURGICI DEPURANTI DEGASANTI
Le leghe di Al a contatto con l''atmosfera reagiscono chimicamente con
l''idrogeno presente, il quale tende ad entrare in soluzione con il bagno liquido:
infatti gli atomi di idrogeno sono solubili in fase liquida e non in fase solida. L''idrogeno è un gas che ha anche una buona solubilità nelle leghe di Al allo stato liquido tuttavia durante la solidificazione la quantità in eccesso viene espulsa dai
cristalli in formazione, si concentra e resta in forma molecolare causando forti
pressioni. Si formano delle bolle distribuite nella massa del getto che
diminuiscono le caratteristiche tecnologiche (possibilità di trattamenti termici,
saldabilità) e le caratteristiche meccaniche (allungamento percentuale, durezza e
resistenza meccanica).
Il processo di degasaggio per eliminare l''H2 consiste nell''inserire gas inerti (Ar,
N) nel bagno utilizzando lance sommerse o setti porosi sul fondo, che creano
delle bolle veicolanti l''H2 verso la superficie. Il degasaggio è migliore se il flusso
di gas crea delle bolle di piccolo diametro. 25 Fig. 1.10 Trattamento di degasaggio in siviera con setto poroso In questi ultimi anni si stanno diffondendo come impianti degasanti lance rotanti
con ugelli sulle lame per diffondere i gas inerti: sono dei sistemi molto affidabili
ed efficienti. La verifica del funzionamento del processo avviene attraverso
l''analisi di campioni solidificati sottovuoto e la misura della densità con la
bilancia di Archimede.
Lega Prova Durata degasaggio [min] Densità [g/cm 3] 46000 1 0 2,33 46000 2 4 2,65 46000 3 6 2,67 46100 4 0 2,34 46100 5 4 2,69 Fig. 1.11 Confronto sulle densità rilevate tramite bilancia di Archimede
TRATTAMENTI METALLURGICI DI AFFINAZIONE
Le leghe di Al possono essere trattate per ottenere una microstruttura che
garantisca caratteristiche meccaniche elevate operando sull''affinazione del grano
a livello metallurgico. L''obbiettivo di questo trattamento è di poter ottenere
durante la solidificazione una struttura cristallina molto fine; una struttura
grossolana ha minori caratteristiche meccaniche e maggior tendenza alla
formazione di risucchi e cricche a caldo.
Il trattamento di affinazione, chiamato anche di nucleizzazione, consiste nel
modificare la struttura cristallina che viene a formarsi durante il processo di
solidificazione; a fine trattamento i cristalli si presentano molto più fini e con una
matrice molto più serrata di quella che si otterrebbe con una solidificazione
naturale senza interventi esterni. L''affinamento della microstruttura fornisce 26 caratteristiche meccaniche (durezza, resistenza a trazione, snervamento etc) molto
superiori alla lega non affinata.
Le leghe che vengono affinate sono quelle che hanno un intervallo di
solidificazione molto alto (4÷5 min) e che vengono usate nei processi a gravità;
di solito nelle leghe per la pressocolata, poiché la solidificazione avviene in tempi
brevissimi, non è indispensabile il trattamento di affinazione visto che si ottiene
già una struttura cristallina abbastanza fine. Tuttavia se dovessero essere richieste
delle caratteristiche meccaniche elevate, in zone massicce o in getti di grosso
spessore o in presenza di borchie di fissaggio, un trattamento di affinazione può
essere eseguito e portare dei grossi miglioramenti qualitativi.
Gli elementi affinanti maggiormente usati per le leghe sono il boro (B) ed il
titanio (Ti) con aggiunte nell''ordine dello 0,15% per entrambi gli elementi sotto
forma di pastiglie oppure di sali fluoro-titanati e fluoro-borati che promuovono
l''enucleazione di un elevato numero di grani all''interno del liquido consentendo
l''ottenimento di una struttura affinata.
Comunque in pressofusione il modo più semplice per ottenere l''affinazione del
grano è far avvenire la solidificazione nel modo più rapido possibile.

1.7 APPROVVIGIONAMENTO

Le fonti di approvvigionamento delle leghe di Al di una fonderia di pressofusione
possono essere: 1. approvvigionamento di lingotti certificati: all''arrivo dei pani, di circa 7 Kg di peso ciascuno ed in cataste di circa 1000 Kg regettate e fasciate con
film di plastica, viene verificato il peso rispetto a quello dichiarato sul
documento di trasporto; si effettua in reparto un controllo dell''analisi
chimica prima della fusione attraverso un test su un provino, sezionato e
lucidato da un lingotto, utilizzando lo spettrometro ottico. Nel caso in cui i
lingotti non superino il controllo si rifiuta la lega che viene stoccata in
un''area asciutta per limitare il più possibile l''esposizione all''umidità
presente nell''aria. In deroga si può accettare fino al 3% delle forniture
settimanali che non superano il controllo, non consecutive, per ciascun
fornitore di pani. 27 Fig. 1.12 Parco lingotti in lega 46000 2. approvvigionamento di lega liquida: circa il 50÷60% del fabbisogno potrebbe arrivare mediante lega liquida. Il materiale viene trasportato con
appositi camion e consegnato in siviere isolanti della capacità variabile di
7÷17 t; prima dell''accettazione si deve controllare il peso dichiarato sul
documento di trasporto, la temperatura (670÷770°C), la composizione
chimica attraverso campioni prelevati da una siviera analizzati con lo
spettrometro ed il controllo dei gas disciolti attraverso micrografie e
controlli visivi su provini solidificati sotto vuoto. Il pelo del bagno che si
forma nella siviera deve essere solo costituito dal naturale film di ossido
di alluminio che fornisce una certa auto-protezione al materiale liquido;
per verificare ciò è necessario che la siviera sia dotata di una bocchetta di
ispezione. 28 Fig. 1.13 Approvvigionamento lega liquida 3. Scarti interni e ritorni dalle linee: per questi specifici lotti, costituiti da scarti interni di processo e scarti derivanti dalle linee di lavorazione del
cliente, la lega è già certificata ma è necessario controllare che i getti non
abbiano impurità liquide come oli minerali e lubrificanti di lavorazione
meccanica e che non abbiano inserti di acciaio o in altri metalli come
dime, raccordi, tappi etc, che inquinano la composizione chimica del
bagno. Fig. 1.14 Scarti interni
L''informativa di non accettabilità viene inviata al grossista di materia prima; la
fonderia in alcuni casi può eseguire operazioni per sanare la non conformità ma i
costi per tali operazioni saranno a carico del fornitore. In generale non sono
accettate forniture con particelle radioattive: questa verifica viene eseguita
secondo la legislatura nazionale in vigore utilizzando contatori Gayger sui pani
presenti in magazzino. 29 Per ottenere un miglioramento qualitativo ed una riduzione dei costi si deve
stabilire un rapporto di collaborazione duraturo e di fiducia tra il fornitore della
lega ed la fonderia. Il ricorso a laboratori esterni qualificati avviene in caso di
grosse contestazioni di analisi chimiche: i costi dovuti a tali analisi sono a carico
di chi è competente sulla non conformità della lega.
La professionalità di un fornitore viene valutata anche in base alla presenza di
una scorta di sicurezza , conservata presso la propria sede, per una eventuale
consegna nel caso di un rifiuto di una normale fornitura.

1.8 FORNI

Dopo che la lega è stata certificata secondo le caratteristiche definite dalla norma
si procede a curare attentamente la carica delle batterie dei forni, generalmente
costituite da un forno fusorio ed uno di attesa.
Fig. 1.15 Batteria forni
1.8.1 FORNI FUSORI

FORNO A RIVERBERO
Il forno a riverbero è utilizzato nella produzione di grossi tonnellaggi di Al; la
capacità è di 15÷50t e la velocità di fusione è di 2÷6t/h. Il calore prodotto dalla
combustione di gas metano è riflesso dalla volta e diretto verso il bagno
all''interno del forno: il calore si trasferisce per radiazione dai refrattari e per
convezione dai gas caldi prodotti dalla combustione. La temperatura della volta
può arrivare a 1000°C ed il metallo fuso a 750°C.
30 Fig. 1.16 Forno fusorio di grosso tonnellaggio
Al suo interno può essere istallata una pompa che agita il contenuto del bagno,
omogeneizzandolo ed incrementando la produttività; le scorie devono essere
eliminate con la scorifica ad intervalli regolari e con opportuni utensili.
Normalmente questi forni vengono caricati in continuo con rottami di pezzatura
fine ed in discontinuo con rottami massivi.

FORNO ROTATIVO
Questo tipo di forno garantisce un''ottima qualità della lega fusa; è costituito da
un cilindro di acciaio con un diametro di 4÷4,5 m ed una capacità di 50÷80 t,
rivestito all''interno con materiale refrattario che deve resistere alle alte
temperature ed all''aggressione del sale fondente. Il combustibile impiegato è gas
metano con un rapporto CH4/O2 che varia a seconda della carica di rottami
inserita.
Al seguito del forno rotativo è presente un forno a bacino con la funzione di forno
di mantenimento, dove si eseguono le operazioni di alligazione e degasaggio.
Fig. 1.17 Forno rotativo collegato al forno fusorio FORNO A SUOLA SECCA 31 La carica di questo tipo di forno è costituita da getti di scarto (circa 60%) e da
lingotti (circa 40%), la sua capacità fusoria varia tra 1,5÷5t/h, la temperatura di
fusione arriva ad un massimo di 840÷860°C, la miscela aria/gas metano deve
essere in proporzione di 10/1 per non ossidare la lega.
Fig. 1.18 Carica dei lingotti in forno a suola secca
Inoltre bisogna controllare la composizione dei gas di scarico all''uscita del
camino, dove la quantità di CO2 deve essere presente in percentuale del 9÷11%.
Ogni 8 ore questi forni devono essere puliti per evitare l''accumulo di scorie
(ossidi vari e corindone) che danneggiano le pareti refrattarie, riducono la vita del
forno, diminuiscono la capacità fusoria ed ostruiscono i vani di alloggiamento dei
bruciatori. Questa operazione deve essere eseguita manualmente sul refrattario
impiegando attrezzi specifici come barre e puntalini distaccando gli ossidi dal
refrattario.
Successivamente bisogna controllare la perfetta chiusura delle porte in modo di
ridurre la dispersione di calore e limitare così il consumo di combustibile.

FORNO A TORRE
Questo tipo di forno, cui fa riferimento il modello Striko Westofen, è stato
progettato con l''obiettivo di raggiungere un''elevata qualità metallurgica con un
alto rendimento energetico, partendo dal presupposto che immettere una carica
solida nel metallo fuso non è una soluzione corretta. Se infatti si analizza la fase
del caricamento si può evidenziare che i lingotti e le materozze sono ad una
temperatura di circa 20°C mentre la lega fusa si trova a circa 700°C: questo
grossa differenza crea un brusco raffreddamento della parte liquida con la
segregazione dei componenti alto-fondenti, la formazione di melme con composti
inter-metallici contenenti Fe e Mn e la combustione di olio o altre sostanze 32 presenti sugli scarti di fonderia. La conseguenza di tutto ciò è che per ottenere la
fusione del rottamen è necessario mantenere la temperatura del forno molto alta,
il che favorisce l''ossidazione della lega di Al.
I forni a torre di tipo Striko sono dei forni fusori ad imbuto caratterizzati da una
camera superiore dove si inseriscono i lingotti e le materozze da fondere, Esse
vengono investite da un flusso di aria calda proveniente dalla camera inferiore; il
materiale comincia così a fondere e gocciola nella camera inferiore, dove viene
convogliato in un bacino di raccolta separato.In pratica ci sono 2 bruciatori: il
primo dedicato alla fusione, il secondo dedicato alla camera di attesa; entrambi
sono dotati di termocoppie e collegati a schede di termoregolazione e la
combustione è regolata in proporzioni stechiometriche per evitare effetti riducenti
o ossidanti sulla lega.
La lega liquida può essere prelevata attraverso il ribaltamento del forno, il
traboccamento da un becco o la valvola di spillaggio.
I vantaggi metallurgici di questo tipo di forno sono notevoli: ' la lega di Al non viene mai surriscaldata limitando così la solubilità del O2 e del H2; ' il materiale caricato sporco, unto e bagnato subisce un''asciugatura e una pulizia essendo colpito dai fumi caldi; ' la fusione del materiale avviene su un piano inclinato che funge da filtro nei confronti di ossidi e inserti alto-fondenti (parti dei refrattari o
residui in acciaio); ' l''indice di densità (D.I.)3 5÷8% migliorabile con l''utilizzo di setti porosi; ' il costo energetico è ridotto; ' la struttura è di facile pulizia e gestione;
' il calo di fusione è basso, con valori intorno all''1÷1,5%.
Come svantaggio bisogna evidenziare l''alto costo di acquisto dovuto alla
complessità del sistema, che in pratica è la somma di due forni indipendenti,
sovrapposti e comunicanti. 3 La formula per il calcolo dell''indice di densità, che evidenzia la presenza di H 2, è la seguente: D.I.=(ρA-ρV)/ρA 100% ρA = densità dell''Al solidificato a pressione atmosferica;
ρV = densità dell''Al solidificato sotto vuoto con P assoluta = 80 mbar. 33 1.8.2 FORNO FLEXIFIRE®

Il forno fusorio Flexifire® è ideale per l''incremento produttivo ed il risparmio
energetico massimizzando la resa. Tale forno è lo sviluppo e la messa a regime di
un forno fusorio LOW DROSS GENERATION (L.D.G.) ad O2 puro: questo
sistema è in grado di minimizzare le perdite per ossidazione a caldo, incrementare
la produttività e ridurre i consumi specifici energetici. Fig. 1.19 Particolare del bruciatore ad O2
L''obiettivo principale è la resa metallurgica: l''elemento significativo che
incrementa la performance di questo processo fusorio è il sistema di combustione
innovativo ad O2. di seconda generazione, applicato con successo già negli Stati
Uniti, che garantisce ottimi risultati in termini di processo fusorio. L''impianto
prevede il montaggio bruciatori ad O2 sulla volta e l''installazione di un sistema di
controllo della temperatura tale da garantire una puntuale regolazione della
combustione migliorando notevolmente la gestione operativa, economica e
metallurgica del forno. L''impiego del bruciatore ad O2 sulla volta del forno consente di ottenere un''uniforme distribuzione della temperatura all''interno della
camera di combustione grazie al predetto sistema di iniezione a controllo del
combustibile e del comburente. Questo sistema fornisce alla fiamma un
movimento continuo tale da provocare il progressivo spazzolamento della
superficie del bagno, riducendo i fenomeni di hot-spot sui refrattari mantenendo
invariate le condizioni di stress termico e di usura termica. 34 All''interno del forno si creano dei moti a turbolenza misurata causati dalla
fiamma mobile e dai fumi di combustione che omogeneizzano la temperatura del
forno migliorando in maniera significativa: ' l''efficienza globale del forno; ' i costi di gestione; ' la flessibilità di esercizio; ' la capacità di riscaldamento e fusoria aggiuntiva; ' le perdite per ossidazione con una riduzione del 16% rispetto alla norma; ' le emissioni di NOx. ' il trasferimento di calore per irraggiamento diretto ed indiretto; ' la temperatura più omogenea in camera di combustione e sul metallo grazie alla possibilità di orientare selettivamente la fiamma nelle zone
più fredde; ' la riduzione gli hot-spot sul metallo e sul refrattario.
Tutto questo viene ottenuto conservando le normali condizioni di usura del
refrattario. Fig. 1.20 Grafico del materiale di una carica ottimale per un forno Flexifire® 35 L''analisi termica svolta nella fase progettuale dei forni fusori per Al ha portato a rivisitare i
criteri tradizionali, consentendo di reinterpretare in chiave migliorativa la scelta di: ' posizione dei bruciatori;
' posizione del camino per ottimizzare i flussi termici in forno;
' superficie ed altezza del bagno;
' modalità di gestione del processo del materiale di carica;
' andamento delle temperatura in funzione della sezione del forno. Fig. 1.21 Resa dei materiali caricati in forno Flexifire®
Questo forno fusorio è ridisegnato nelle scelte progettuali, in termini di controllo e di gestione
della fusione dell''Al allo scopo di lavorare nell''ottimizzazione: ' delle rese medie in metallo;
' della produttività del forno [t h/m2]; dei consumi energetici; ' della riduzione delle emissioni qualitative e quantitative dai camini. 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 36 Il Flexifire® melting furnace di norma ha una capacità di 40t ed una produttività di 4t/h; usa
un sistema di combustione a fiamma mobile ed un innovativo modello di controllo e gestione
della parte termica e di agitazione del bagno a mezzo di setti porosi.
La parte di controllo e gestione consiste nel far lavorare in modo armonico e controfase il
sistema di agitazione ed i bruciatori secondo la seguente filosofia: ' Bruciatore in fase di potenza: sistema di agitazione in stand-by per creare una omogeneizzazione delle temperature senza rompere la patina tra la scoria e l''atmosfera
della camera di combustione; ' Bruciatori in bassa potenza: sistema di agitazione in modulazione verso la portata di punta, conferendo al bagno movimenti caratteristici a seconda che si voglia lavorare
per: o omogeneizzare;
o dissolvere Si;
o scarificare;
o degasare. In conclusione l''impiego del forno fusorio Flexifire® ad O 2 con fiamma mobile rappresenta una nuova soluzione efficace per la fusione dell''Al garantendo elevate rese, produttività e
ridotti consumi energetici.
1.8.3 FORNO DI MANTENIMENTO

FORNO A BACINO
Questo impianto riceve lega liquida dal forno fusorio e da cariche liquide che arrivano
dall''esterno: non bisogna mai caricare materiale solido perché le funzioni di questo forno non
sono quelle di fondere ma solo di lasciare la lega in un ambiente che non abbia eccessivi
sbalzi di temperatura, al fine di evitare ossidazioni, e dove possa subire alcuni eventuali
trattamenti per migliorare la qualità.
Fig. 1.22 Forno a bacino 37 La temperatura viene mantenuta a 710÷730°C, inferiore di 30÷40°C a quella del forno fusorio
e non superiore a quella dei forni di attesa presenti nell''isola di lavoro. Anche in questo caso
la miscela di gas/aria deve essere di 1/10 e avere una percentuale di CO2 nel camino pari al
9÷11%.
Il bagno deve essere protetto per evitare l''assorbimento di H 2 da parte della lega fusa mantenendo sempre sotto controllo la miscela del gas, evitando di introdurre un eccesso di
combustibile, controllando che la porta chiuda per limitare i contatti con l''ambiente esterno e
che non vi siano dispersioni di calore. Un lieve strato di ossido (1÷2 mm) aiuta a proteggere il
bagno dall''assorbimento di H 2; questo strato isolante può svolgere la sua azione protettiva fino ad una temperatura di 900°C, oltre la quale si trasforma in Al2O3. Per eliminare gli ossidi
in eccesso che si formano nel forno si ricorre ad elementi disossidanti quali NaCl, KCl etc,
che vengono depositati sul pelo libero del bagno e agitati lievemente; dopo 5÷10 minuti
vengono rimossi con appositi utensili e con essi gli ossidi galleggianti che si sono formati.
La pulizia è necessaria una volta ogni 24 ore intervenendo con apposite barre per staccare il
corindone (SiO2) che aggredisce la pareti refrattarie del forno: il corindone reagendo con l''Al
liquido manda in soluzione il Si inquinando il bagno secondo la seguente reazione:
4Al + 3SiO2' 2Al2O3 + Si
il corindone penetra nelle pareti ed i cristalli di Al2O3 hanno un ingrossamento sensibile del
grano che provoca la distruzione della compattezza del refrattario del forno. Inoltre l''Al
aggredisce le pareti scoperte corrodendole ulteriormente.
Quando si prevede un arresto della produzione è opportuno abbassare la temperatura del forno
al di sotto di 700°C per ridurre l''ossidazione della lega e la cristallizzazione del Si; se questi
cristalli venissero inglobati nei getti causerebbero rotture degli utensili durante le lavorazioni
meccaniche, essendo molto duri.
Alla ripresa delle attività produttive è necessario alzare la temperatura agitando il bagno per
riportare in soluzione gli elementi sedimentati che possono portare fuori specifica la lega, ed
eseguire un''azione di disossidazione; dopo questi accorgimenti si può ricominciare a spillare
Al. Si consiglia di controllare la densità e la composizione chimica almeno una volta a turno,
mentre la temperatura deve essere costantemente controllata.

FORNO A INDUZIONE
Questo tipo di forno ha un elevato costo di gestione per le notevoli richieste di energia
elettrica; viene impiegato per esigenze particolari come la rifusione di trucioli.

1.8.4 FORNO DI ATTESA

Il forno di attesa ha una capacità di 1÷5t ed è riscaldato con gas o con resistenze elettriche; ha
una potenza calorifica variabile per compensare l''abbassamento della temperatura durante il
rabbocco della lega.
Questo forno gasa e ossida la lega quindi è necessario una volta a turno disossidare il bagno;
la degasificazione può avvenire in maniera continua mediante setti porosi sul fondo o lance
inserite.
38 Fig. 1.23 Forno di attesa dotato di filtro
' molto importante che la densità della lega sia controllata almeno una volta a turno e che la
temperatura venga registrata in continuo; la pulizia di questi forni deve essere effettuata ogni
giorno per evitare l''accumulo di corindone che danneggia le pareti refrattarie dei forni.
' buona norma, nella conduzione del forno, adottare le più basse temperature possibili
compatibili con il buon esito qualitativo del prodotto finale (660-680°C).
I forni con alimentazione elettrica sono migliori perché non hanno sbalzi di temperatura e la
lega viene gasata in modo limitato.

1.8.5 FORNO DOSATORE

Questo tipo di forno ha una duplice funzione: mantenere l''Al liquido nei pressi della
macchina da pressofusione e versarlo direttamente nel contenitore senza l''utilizzo della
tradizionale tazza automatica attraverso un apposito sifone ed una canalina.
' un forno completamente chiuso, sigillato ed a tenuta di pressione; è alimentato solamente
dalla rete elettrica ed al suo interno non avviene nessuna combustione che inquina la lega.
39 Fig. 1.24 Forno dosatore tipo Striko-Westofen
Il caricamento della lega liquida avviene per travaso da una siviera al cono di riempimento
che funge da sifone: questa fase può avvenire senza interrompere la produzione visto che il
bacino del forno rimane in pressione. Nella camera del forno viene inserita aria compressa che
pressurizza il bagno in maniera controllata, facendo aumentare il livello di Al e quindi
permettendone la fuoriuscita attraverso il tubo: i sistemi di regolazione di cui è dotato il forno
consentono di realizzare con precisione il dosaggio.
Fig. 1.25 Schema di funzionamento del forno dosatore Striko-Westofen 40 I principali vantaggi sono: ' il prelievo del metallo liquido attraverso un sifone permette di non prelevare la pellicola superficiale di ossido che ricopre il bagno; inoltre non si danneggia questa
pellicola che preserva lo strano inferiore della lega liquida. Si ricordi che con
l''aumentare della profondità di prelievo diminuisce il contenuto di ossido; ' maggior controllo della temperatura che rimane più costante e più bassa; è possibile regolare la temperatura con intervalli di +/- 2°C; ' risparmio energetico dovuto alla qualità dei materiali coibendanti usati ed alla mancanza di superfici di lega liquida esposte; in caso di guasto elettrico il metallo
rimane preservato allo stato liquido per 6÷8 ore; ' durata dei refrattari, grazie all''assenza di combustioni e di sbalzi termici;
' assenza della tazza caricatore e dei fermi per la sua manutenzione e sostituzione.
In questo tipo di forno un elemento caratteristico è il dosaggio che avviene per aumento della
pressione nella camera del forno. Il controllo sulla variazione di pressione interna è quindi
molto importante per poter arrivare a dosaggi precisi; il sistema elabora in base al peso
richiesto una curva di variazione di pressione, controlla una valvola proporzionale che
garantisce la pressione necessaria alla fuoriuscita e dialoga con l''elettrodo sensore che
fornisce il segnale di inizio dosaggio nel momento in cui il metallo inizia a traboccare dal
tubo alla canalina. In pratica solo per pressioni superiori a quella di contatto con l''elettrodo,
posizionato nel punto di fuoriuscita, si avrà il dosaggio.
Per monitorare la quantità di lega presente nel forno è stata predisposta una cella di carico
collegata ad una grande spia (a forma di semaforo) oppure si desume il livello semplicemente
dalla lettura della pressione al momento del contatto con l''elettrodo attraverso un display.

1.8.6 ANALISI DEI COSTI DI FUSIONE

Per raggiungere la temperatura di fusione di un metallo o di una lega è necessario fornire
energia per vincere le reazioni molecolari di aggregazione dello stato solido: normalmente in
un forno si fornisce calore usando combustibili fossili o corrente elettrica.
La quantità di calore necessaria alla carica metallica per raggiungere la temperatura di fusione
viene calcolata utilizzando la seguente formula:
Q = CS p (°tf -°ti)+ Cl P dove Q = quantità di calore necessaria per la colata [Kcal/Kg]
CS = calore specifico [Kcal/Kg]
p = peso della lega [Kg]
°tf = temperatura di colata finale del bagno fuso [°C]
°ti = temperatura iniziale del metallo solido [°C]
Cl = calore latente di fusione [Kcal/Kg]
con CS= 0,24 [Kcal/Kg] medesimo valore per metallo allo stato solido e liquido
con Cl = 93 [Kcal/Kg] per leghe di Al-Si. 41 La quantità di calore erogata dal bruciatore viene ricavata considerando il rendimento η del
forno come: P = (Q 100) / η dove P = quantità di calore erogato dal bruciatore per la fusione [Kcal/Kg]
Q = quantità di calore necessario per la fusione [Kcal/Kg]
η = rendimento del forno
IL potere calorifico del combustibile fossile utilizzato (metano) è 9200 Kcal/m3 e potere calorifico dell''energia elettrica è 860 kcal/KWh.

1.9 TRASFERIMENTO DELLA LEGA ALLE ISOLE

Esistono diversi sistemi di spillaggio e diversi mezzi di trasferimento della lega ai forni di
attesa delle isole volti a proteggere il materiale dall''attacco dell''atmosfera, dai repentini sbalzi
di temperatura e dai non corretti trattamenti da parte degli addetti.
Lo spillaggio ed il trasferimento della lega possono avvenire attraverso: 1. pompa di travaso realizzata con una girante di aspirazione e di mandata fabbricata con materiale granitico; 2. basculamento del forno su apposite cerniere;
3. prelievo dal pozzo di spillata con mestoli;
4. siviere carrellabili della capacità di 500÷700 kg movimentate con carrelli elettrici o a gasolio equipaggiate con setti porosi sistemati sul fondo e con una perdita di circa
15÷25°C; 5. automatismi sotto vuoto;
6. pompa con grande prevalenza per trasferire la lega tra piani situati a differenti livelli;
7. siviere pensili con capacità di circa 1,5÷2 t su vie guidate;
8. flusso continuo tramite canaline Launder rivestite internamente con materiale refrattario e mantenute in temperatura con resistenze elettriche. 42 Fig. 1.26 Spillaggio con siviera carrellabile
Durante lo spillaggio dell''Al la lega subisce azioni esterne che alterano la qualità; la
principale operazione che influisce sullo stato del liquido è senz''altro il repentino movimento
di travaso: in questa fase l''inclusione di gas nelle siviere è notevole così come anche la
formazione di ossidi quindi è bene prima di distribuire la lega alle isole eseguire i trattamenti
di degasaggio e disossidazione.
Qualora non si avessero dei setti porosi si possono usare delle lance o dei sistemi rotativi che
si immettono nella siviera dall''alto.
Il sistema Launder è ottimale, in quanto i forni di attesa delle isole hanno un livello del bagno
sempre costante e la temperatura non subisce variazioni; come svantaggio ha l''alto costo di
realizzazione. Se si impiega questa soluzione per distribuire la lega alle isole di lavoro, viene
offerta la possibilità di installare una stazione permanente tra il pozzo di spillaggio del forno
di mantenimento e l''inizio della canalina di distribuzione che compie un''azione continua di
degasaggio perché tutta la lega passa attraverso questa stazione; inoltre c''è la possibilità di
posizionare un filtro a valle del degasaggio che filtra tutto il liquido prima di essere immesso
nel processo di fabbricazione. 43 1.10 FILTRAZIONE

L''integrità strutturale, le proprietà meccaniche e l''aspetto della superficie sono qualità
importanti delle leghe di Al: l''operazione di filtrazione porta a questi obiettivi.
I principali vantaggi dell''utilizzo dei filtri sono: ' le inclusioni di ossido che creano porosità diminuiscono; ' le criccature a caldo che durante la solidificazione provocando difetti in superficie diminuiscono; ' le scorie inter-metalliche calano; ' i punti duri (presenza di corindone e silicio) che provocano guasti e rotture durante la lavorazione alle macchina utensili diminuiscono; ' l''intera gamma di proprietà della lega migliora; ' la colabilità migliora poiché il metallo diventa più fluido; ' la resa e la produttività migliorano per la minore presenza di scarti.
I filtri impiegati sono a grani legati ed hanno le seguenti caratteristiche: ' struttura rigida, duratura e resistente che funziona da barriera tra il letto di fusione ed il pozzetto di alimentazione; ' basso gradiente termico dovuto al carburo di Si (allumina) che è il materiale di base del filtro che ha un''ottima conducibilità termica; ' durata effettiva di 1÷2 mesi, in base all''uso, alla pulizia periodica, alla cura per evitare danni meccanici; ' riduzione dell''usura dello stampo grazie al grado di pulizia del materiale fuso; ' filtratura di particelle fino a 10 µm in base alla dimensione dei pori del filtro impiegato; di solito in pressofusione si usa un grado di porosità tale da rimuovere tutte
le inclusioni più grandi di 30 µm considerate dannose.
La manutenzione dei filtri va eseguita in modo periodico e accurato eliminando l''accumulo di
ossido all''ingresso degli stessi ed evitando un ciclo termico completo, poiché le inclusioni
solidificate nel corpo del filtro non vengono rifuse ed espulse nel momento in cui il filtro
ritorna alla temperatura di esercizio.
Di norma la filtrazione avviene nel forno di attesa o nel forno dosatore prima che il metallo
venga versato nel contenitore. 44 1.11 ESEMPIO DI CICLO PRODUTTIVO IN UNA RAFFINERIA

Un esempio di ciclo produttivo completo in una raffineria per ottenere una lega di Alluminio
per la pressocolata è riassunto qui di seguito: si parte da tre tipologie di rottame (carter,
spezzettato e primario), si utilizzano diversi tipi di forni secondo le proprie caratteristiche, si
eseguono i trattamenti metallurgici e la filtrazione per ottenere una lega di qualità (allo stato
liquido o in lingotti) ed si ottiene una parte di scarto-scoria da dismettere.
Arrivo rottame pesatura e controllo qualitativo Box parco rottame esterno Carter (legaAl+Fe) Spezzettato Primario '' '' '' Cernita manuale Cernita manuale Cernita manuale '' '' '' Box parco rottame interno Forno basculante 650-700°C Essiccatore 150°C '' '' '' '' Fe + scoria legaAl liquida legaAl solida legaAl liquida Primario solido '' '' '' '' '' Grossi forni fusori Piccoli forni fusori '' '' Trattamenti metallurgici Trattamenti metallurgici '' '' Spillato liquido Canale colata '' '' Filtrazione Filtrazione '' '' Scarto Siviera Lingottiera 45 2. ISOLA DI LAVORO

2.1 INTRODUZIONE

I principali componenti di un''isola da pressofusione sono: ' forno di attesa a bacino o dosatore; ' macchina di pressofusione; ' caricatore di lega liquida con forno dosatore; ' robot di lubrificazione;
' impianto di miscelazione del lubrificante;
' rilevatori del getto estratto; ' robot di estrazione getto; ' vasca o tunnel di raffreddamento; ' trancia di sbavatura; ' banco di controllo visivo e presbavatura. Fig.2.1 Rappresentazione dei principali componenti di un''isola da pressofusione
Poiché alcune tipologie di getti possono presentare la necessità di contenere degli inserti
metallici, l''isola deve essere anche dotata di: ' deposito degli inserti; ' piccolo forno di preriscaldo per inserti dove richiesto dalle specifiche;
' robot di presettaggio e di ramollaggio degli inserti su maschera o falso stampo.


Se si vuole realizzare una prodotto finito pronto per la spedizione al cliente finale l''isola deve
essere inoltre completata con altri impianti: ' robot di prelievo; 46 ' impianto di sbavatura; ' granigliatrice; ' impianto di fresatura;
' scarico getto dall''impianto all''imballo.
Con l''aggiunta di tutti queste periferiche si ha un''isola da pressofusione ottimizzata e
completa dove il tutto può essere gestito da un''unica consolle che deve coincidere con quella
della macchina da pressofusione; questa soluzione porta a vantaggi qualitativi ed economici
sul processo, sulla formazione professionale degli operatori e sulla manutenzione.
Ad un eventuale cambio stampo l''isola di lavoro non cambia ma vengono solo modificate e
riprogrammate le varie periferiche secondo il nuovo processo; di norma il software della
consolle principale ha gia in memoria diversi parametri salvati che basta richiamare.

2.2 UNITÁ

FORNO DI ATTESA
Il forno di attesa deve garantire l''approvvigionamento e l''autonomia di funzionamento della
macchina e quindi deve avere requisiti di capacità calcolati in rapporto al peso del getto ed al
tempo ciclo; la temperatura di mantenimento impostata è in base alla geometria del getto ed
alla lega impiegata.

MACCHINA DA PRESSOFUSIONE
Una macchina da pressofusione a camera fredda orizzontale viene classificata in base alla
forza di chiusura che essa esercita sullo stampo durante l''iniezione, che varia da 100÷4000t,
pertanto una pressa può essere usata per produrre particolari diversi con stampi differenti
purché le caratteristiche dei getti siano compatibili con le caratteristiche idrauliche.
Nella pratica la pressione unitaria di stampaggio moltiplicata per la superficie sviluppata del
getto e dei canali di colata non deve essere superiore alla forza di chiusura della macchina
(FLI).
FLI = K * ( pi * ATI ) /100 FLI = forza di chiusura macchina [kN];
K = 1,1 coefficiente di sicurezza minimo;
ATI = area totale: area getto + area colata + area pozzetti [cm 2]; pi = pressione minima consigliata [bar]:
pi particolari semplici pi particolari tecnici pi particolari strutturali pi particolari strutturali con vacum (sotto vuoto) 550÷560 650÷800 >800 700÷800 Fig. 2.2 Pressione minima consigliata
I parametri standard di una macchina da pressofusione sono: ' pressione accumulatore 130÷180 bar; ' pressione pompa 110÷160 bar; 47 ' contro-pressione indicatore 6÷15 bar.
I parametri specifici per ciascun getto che devono essere regolati secondo le caratteristiche
sono: ' lunghezza delle fasi e rispettiva velocità; ' moltiplicatore; ' forza di iniezione; ' forza di chiusura prefissata;
' forza di estrazione prefissata; ' tempi ciclo. Fig. 2.3 Macchina da pressofusione 1800t integrata nell''isola
Il principio di funzionamento della macchina è in base alle funzioni che deve compiere: 1. chiusura dello stampo;
2. iniezione della lega;
3. estrazione del getto.
Il gruppo di chiusura, realizzato in costruzione robusta, è composto dal piano traversa cilindro
(chiamato anche piano di reazione), dalla ginocchiera, dal piano mobile e fisso e da 4 colonne
con ghiere filettate; le 2 colonne superiori sono dotate di impianto di estrazione automatica
per il montaggio stampi con interruttori di fine corsa.
Il basamento della pressa è progettato per assorbire i carichi statici del gruppo di chiusura ed è
dotato di punti di appoggio che distribuiscono il carico in modo uniforme sulle fondamenta;
nel basamento è integrato il serbatoio idraulico.
Il piano porta stampo fisso è bullonato al basamento macchina mentre il piano mobile e la
piastra cilindro poggiano su nastri di scorrimento. I piani porta stampi sono realizzati con
ghisa sferoidale anticorrosiva, con perni di articolazione temprati ed alloggiati in bussole di
bronzo: il tutto per garantire un''elevata durata e una ridotta manutenzione; i piani sono dotati
di un sistema idraulico di bloccaggio automatico e rapido degli stampi.
48 Fig 2.4 Gruppo di chiusura e ginocchiere
Tramite il cilindro di chiusura si crea una spinta idraulica sulla ginocchiera che sposta il piano
mobile fino alla chiusura dello stampo; il sistema meccanico della ginocchiera a leva doppia
blocca il gruppo chiusura per evitare la possibilità di aprirsi durante l''iniezione; per la
regolazione dell''altezza dello stampo è presente un sistema meccanico a motore idraulico con
sistema di misurazione della corsa e disinserimento meccanico a fondo corsa, il tutto gestito
dall''unità di comando.
Il gruppo d''espulsione idraulico a 2 cilindri con limite meccanico della corsa e con fori
calibrati può essere dotato del giunto rapido per l''innesto ed il disinnesto automatico della
piastra d''espulsione.
Tutti gli alloggiamenti in movimento sono alimentati con lubrificante tramite dispositivo
centralizzato, il dosaggio avviene direttamente nei punti di lubrificazione tramite distributori a
pistone integrati, il controllo dell''impianto avviene tramite pressostato posizionato in un
punto remoto. La pompa elettrica ad ingranaggi è in rete con il serbatoio e con l''interruttore a
galleggiante.
49 Fig. 2.5 Vista d''insieme
Il gruppo di iniezione è dotato di una regolazione automatica in tempo reale sia per la fase di
riempimento sia per la post-compressione: l''adattabilità ottimale della curva di iniezione al
pressofuso è assicurata da 20 punti sulla curva per ciascuna fase.
Il gruppo accumulatore a pistone garantisce in breve tempo durante la fase di riempimento
grosse quantità di olio; l''accumulatore è collegato con le bombole di azoto dotate di disco
antirottura per pressioni eccessive.
Fig. 2.6 Schema gruppo di iniezione Nella fase di iniezione sullo stampo e quindi sul piano mobile agiscono delle forze che
tendono ad aprire la macchina: queste forze sono generate dalla spinta del pistone d''iniezione
sul metallo fuso in base al principio di Pascal.
Quindi all''aumentare dell''area frontale deve quindi aumentare la forza di apertura, che deve
essere modulata con la forza di chiusura per evitare inconvenienti durante l''iniezione. Nel 50 calcolare queste forze è necessario considerare anche le superfici frontali di tutte le porzioni
in cui è presente metallo liquido (esempio canali di colata e bave).
Mantenere lo stampo leggermente aperto per sfiatare l''aria durante l''iniezione è un errore
molto grosso e peggiora la qualità poiché viene a mancare la pressione di compressione e si
sottopone la macchina a sforzi anormali che possono causare la rottura delle colonne e
deformazione dello stampo. Per garantire una perfetta chiusura delle parti mobili e per evitare
errori dimensionali sul getto tutte le parti dello stampo devono essere pulite dall''Al; inoltre è
necessario verificare che non ci siano perdite d''acqua o micro-cricche che possano
danneggiare la macchina.
Stampo e gruppo di iniezione sono dotati di circuiti di raffreddamento suddivisi in più circuiti,
con mandata pilotata in funzione della programmazione da una valvola magnetica, sul circuito
di ritorno è possibile impostare la portata intervenendo manualmente; inoltre è possibile
misurare la temperatura del fluido nel circuito di ritorno.

ROBOT DI COLATA
Il robot di colata, a 2 assi, identifica tutto l''impianto necessario a dosare ed a trasportare la
quantità di lega utile per realizzare il getto.

CARICATORE DI LEGA LIQUIDA
Il caricatore di lega liquida ha la funzione di contenere il metallo dal forno di attesa al
contenitore tramite una tazza di ghisa o di materiale ceramico; i parametri che bisogna
controllare sono il dosaggio, la velocità e l''angolo della tazza rispetto al contenitore.
Fig. 2.7 Caricatore con tazza
ROBOT DI LUBRIFICAZIONE
Il robot di lubrificazione può essere a 2, 3 o 6 assi (in ALMEC S.p.A. vengono impiegati
quelli a 2 o 3) con dimensioni diverse per ciascuno stampo e può essere dotato di una testina
lubrificante fino ad 8 circuiti distinti per diversi lubrificanti, regolabili e programmabili;
completa la testina il doppio circuito di soffiaggio ad alto rendimento. 51 I diversi ugelli sono comandati dal software che regola la portata e la pressione intervenendo
sulle diverse valvole servo-comandate; il suo ciclo e i movimenti sono svolti con servomotori
a corrente alternata.

ROBOT DI ESTRAZIONE GETTI
Il robot per l''estrazione dei getti dallo stampo ha un''automazione molto complessa,
un''elevata affidabilità e non richiede molta manutenzione; inoltre è concepito per resistere al
calore, all''umidità ed all''ambiente di fonderia.
Fig. 2.8 Robot di estrazione getti
Il normale ciclo del robot è di estrarre i getti, avvicinarli al rilevamento, depositarli nella
stazione di raffreddamento ed infine caricarli nella pressa per la tranciatura.
In questa fase del ciclo di produzione è necessario verificare e talvolta riprogrammare, nel
caso di un nuovo set up dovuto ad un cambio stampo, il robot di estrazione del getto che
posizionerà il getto nella vasca di raffreddamento e nello stampo di trancia. Qualora fosse
necessario cambiare lo stampo di tranciatura è assolutamente indispensabile che tutti i
posizionamenti siano ricontrollati per evitare danneggiamento al getto finale.
' importante sottolineare che, quando si cambia stampo ma non produzione non è necessario
cambiare la pinza del robot, mentre lo diventa se si cambia anche produzione; in quest''ultimo
caso probabilmente si presenta la necessità di riprogrammare alcuni punti del ciclo di
estrazione.

VASCA DI RAFFREDDAMENTO
La vasca raffreddamento getti deve avere la capacità sufficiente a contenere e raffreddare i
getti che, estratti ad una temperatura di 260÷320°C, non hanno una sufficiente rigidezza per
sopportare le successive operazioni di tranciatura e quindi potrebbero danneggiarsi durante la
lavorazione 4.
4 L''immissione del getto in acqua ha quindi la funzione di fornire stabilità nella fase di tranciatura. 52 Fig. 2.9 Immersione di un getto nella vasca di raffreddamento
TRANCIA DI SBAVATURA E TRONCATURA COLATA
Una volta raffreddato, il pezzo viene posto sullo stampo di trancia perché vengano rimosse le
parti estranee al prodotto.
Fig. 2.10 Trancia e scivolo
Lo stampo di trancia è costituito da due semistampi, uno che rimane fissato sulla parte stabile
della pressa di tranciatura e una parte mobile che è fissata nella parte superiore dell''impianto
in modo che in fase di inizio ciclo lo stampo resti aperto, pronto ad accogliere il getto da
tranciare del quale ne è copia negativa.

MAGAZZINO INSERTI
Qualora fosse richiesta dal cliente l''inserzione di elementi ferrosi o similari nei getti, è
necessario che si abbia un magazzino ordinato a bordo isola. 53
FORNETTO DI RISCALDAMENTO
Alcuni tipi di inserti, quali le canne in ghisa, prima di essere ramolati devono essere riscaldati
ad una temperatura di circa 150°C in modo tale da facilitare l''adesione tra i due metalli e
ridurre le tensioni legate ai differenti coefficienti di dilatazione termica lineare: per ottenere
queste temperature il fornetto deve essere predisposto per raggiungere circa 250°C.

MASCHERINA DI PRESETTAGGIO
Prima di essere ramolati sullo stampo gli inserti devono essere ordinati su una maschera o
falso stampo in modo tale che si riproduca la stessa configurazione finale in modo da evitare
errori di posizionamento.

ROBOT DI PRESETTAGGIO
Questo robot serve a prendere gli inserti dal magazzino o dal fornetto ed ordinarli sulla
mascherina o sul falso stampo.

ROBOT DI RAMOLAGGIO
Il robot fornito di speciali pinze preleva tutto il set ordinato di inserti per essere ramolati.
Se fossero richieste delle pre-lavorazioni sul getto verrebbero poi ad essere necessari: ' robot di prelievo, che preleva il getto dalla stazione di riposo e lo carica su una stazione dell''impianto di fresatura; ' stazione di riposo, in cui viene posato il getto dopo la tranciatura; ' scarico getto,cioè un manipolatore che preleva il getto dalla stazione e lo deposita fuori dall''isola perché subisca i successivi controlli.
2.3 FASI

DOSAGGIO E TRASPORTO
Il dosaggio ed il trasporto del metallo al contenitore possono avvenire attraverso tre metodi: ' Autoladle; ' Mestolo o tazza; ' Forno dosatore.
Il dosaggio con Autoladle consiste nel posizionare un crogiolo in un forno d''attesa e calibrare
la quantità di metallo necessaria per produrre un getto e poi far travasare quel metallo nel
crogiolo esercitando una pressione con delle pompe regolabili.
Questo tipo di dosaggio presenta degli inconvenienti qualora il crogiolo fosse fessurato e
quindi presenterebbe delle perdite di pressione che indurrebbero ad un dosaggio non corretto;
una discontinuità nella calibrazione del metallo può anche avverarsi qualora la pompa non
funzioni correttamente. Se si adatta questo sistema è necessario usare canaline di
congiunzione tra forno e bocca di carico del contenitore.
Se si adotta il dosaggio con mestolo, alcuni degli inconvenienti anzidetti verrebbero ad essere
eliminati, poiché il prelievo ha un''elevata ripetibilità in quanto si hanno delle sonde che
individuano sempre il pelo libero del bagno nel forno, ed una volta conosciuto il livello di Al
inizia la valutazione della quantità di metallo liquido per il corretto dosaggio. Con l''uso del 54 mestolo non si ha la necessità di usare le canaline viste prima però diventa indispensabile
usare i mestoli in materiale ceramico o in ghisa verniciati con appositi materiali refrattari a
base di talco, mica per evitare la metallizzazione della lega sulla tazza.
Quando si cambia produzione e presumibilmente varia il peso del getto, l''attenzione deve
essere quella di cambiare mestolo, regolare l''altezza della sonda e la velocità di versamento
dell''Al nel contenitore.
Una nota valida in entrambi i casi è quella di tenere il forno di attesa sempre pieno e
comunque non abbassare il livello e la capacità a meno di 2/3 del volume del forno per
minimizzare gli sbalzi di temperatura durante le successive fasi di riempimento.
Nel terzo caso il forno dosatore è completamente chiuso: all''interno è presente una sonda di
livello regolabile secondo le esigenze di peso richieste dal prodotto. Quando si richiede il
dosaggio si pressurizza tutto il bagno di metallo contenuto nel forno seguendo una linea di
pressurizzazione predeterminata ed il metallo fluisce all''esterno attraverso un tubo collegato
con una canalina che porta il metallo al contenitore della macchina.

PREPARAZIONE STAMPO
Preparare lo stampo per la produzione significa seguire accuratamente tutte le operazioni
necessarie ad evitare interruzioni durante la produzione. Il collegamento delle connessioni
idrauliche ed elettriche delle radiali, degli espulsori, dei tallonaggi, delle eventuali valvole del
vuoto, deve assorbire il tempo necessario che permetta di avere un ciclo sequenziale corretto,
che significa evitare interferenze così da ridurre il più possibile il tempo ciclo.
Le fasi di un ciclo produttivo, ad avviamento attrezzature avvenuto, sono: ' raffreddamento della superficie dello stampo; ' lubrificazione con prodotto chimico distaccante-lubrificante della impronta stampo; ' soffiatura e ascigatura; ' ritorno pistone in posizione iniziale e lubrificazione del medesimo;
' ramolaggio inserti, quando previsto; ' chiusura radiali; ' chiusura stampo; ' riempimento del contenitore; ' iniezione; ' attesa solidificazione;
' apertura stampo con accompagnamento all''espulsione della materozza dal contenitore con il pistone; ' apertura delle radiali;
' espulsione del getto; ' estrazione getto e controllo pezzo fuori ingombro mediante fine corsa di prossimità o maschera; ' ripresa del ciclo di raffreddamento esterno dello stampo.
Contemporaneamente all''avanzamento del ciclo produttivo, a monte ed a valle della
pressocolata le altre attrezzature componenti l''isola di lavoro si preparano al prossimo ciclo,
senza incidere sul ciclo produttivo: gli impianti a monte della macchina di pressocolata
preparano gli inserti che saranno ramolati nel ciclo successivo, mentre gli impianti a valle
dopo l''estrazione getti proseguono con il raffreddamento del getto in vasca, tranciatura 55 pozzetti, sfondamento bave e tagli colata e, dove previsto, pre-lavorazione dei getti, scarico
getto dall''isola e primo controllo.

RAFFREDDAMENTO INTERNO ED ESTERNO
Il raffreddamento dello stampo può avvenire in due differenti modi: uno è quello interno, che
consiste nel creare, mediante foratura dei tasselli, circuiti che permettono il passaggio del
liquido refrigerante.
Fig. 2.11 Vista posteriore dello stampo e dei circuiti di raffreddamento
Le forature vengono prestabilite in fase di progettazione, in modo tale che siano interessate le
aree ritenute più sensibili ad un aumento eccessivo di temperatura.
Il secondo modo è quello esterno, che consiste essenzialmente nell''evacuare calore dallo
stampo mediante getti di refrigerante derivanti da ugelli fissi posizionati sul perimetro esterno
dello stampo ed indirizzati in maniera da colpire quelle zone non interessate dal
raffreddamento interno.

LUBRIFICAZIONE E SOFFIATURA
In ordine sequenziale interviene prima la lubrificazione, poi la soffiatura; il tutto avviene con
l''ausilio di robot che portano delle strutture porta-ugelli chiamate testine lubrificanti, che si
posizionano tra le due matrici dello stampo e coprono con un film di lubrificante tutte le
superfici facenti figura. Ultimata la fase lubrificante, intervengono gli ugelli soffianti che
portano via tutti gli eccessi di liquidi che altrimenti si ingloberebbero nel getto sotto forma di
porosità del gas.

RITORNO PISTONE
Durante tutte le fasi di raffreddamento e lubrificazione il pistone si trova in posizione di fine
iniezione e questo per evitare che tutti i liquidi usati vadano a depositarsi nel contenitore. Solo
dopo la fine del ciclo di lubrificazione il pistone ritorna in posizione di inizio ciclo ed in
questo momento un getto di lubrificante investe la superficie esterna del pistone.

POSIZIONAMENTO INSERTI
Quando previsto un robot afferra l''inserto in acciaio tramite l''opportuna pinza e lo posiziona
all''interno dello stampo presso una determinata sede, prima dell''iniezione della lega liquida. 56 Fig. 2.12 Getto con inserto di acciaio
CHIUSURA RADIALI
In maniera preordinata e senza che interferiscano tra loro si chiudono gli eventuali radiali (o
anime metalliche) e quindi lo stampo.
Fig. 2.13 Esempio stampo con 3 radiali
RIEMPIMENTO DEL CONTENITORE
Dopo la chiusura dello stampo avviene il riempimento del contenitore nella misura
prestabilita per l''ottenimento del getto (tale misura considera anche il materiale per i pozzetti
e le colate).

INIEZIONE
' questa la fase più importante dell''intero ciclo produttivo perché la sua influenza sulla
riuscita di un prodotto di qualità è fondamentale. L''iniezione è tutt''oggi oggetto di studi da
parte di moltissimi gruppi fornitori di impianti di pressocolata e ricercatori universitari. 57 L''iniezione è la fase in cui la lega viene iniettata nella forma. Durante l''iniezione tutta l''aria
contenuta nel contenitore e nelle cavità dello stampo deve essere espulsa man mano che l''Al
riempie la forma del getto.
Il riempimento avviene con la seguente modalità: ' Fase 1: il pistone, con velocità variabile tra 0,04÷0,05 m/s accompagna l''Al fino all''attacco di colata; ' Fase 2: con velocità variabili da 3÷6 m/s avviene il riempimento della forma. La velocità di riempimento all''attacco di colata può raggiungere valori compresi tra
25÷60 m/s; ' Fase 3: in questo momento interviene il moltiplicatore di pressione5 che si porta a valori compresi tra 100÷700 kN.
La scelta delle pressioni viene fatta in fase di progettazione ed in genere le pressioni
aumentano man mano che aumenta la massa del getto, si richiedono elevate caratteristiche
meccaniche e buona prova a tenuta minimizzando la porosità nelle pareti del getto. La
velocità di pre-riempimento di questi prodotti è bassa per permettere una migliore
evacuazione dell''aria. Pezzi con peso non molto elevato e con pareti sottili (1,5÷2,0 mm)
richiedono delle velocità più elevate (circa 6 m/s in modo che tutto il getto si riempia
rapidamente prima che l''abbassarsi della temperatura riduca eccessivamente la fluidità) e
pressioni più moderate nella terza fase.

SFOGHI D''ARIA
Gli studi effettuati e le conseguenti applicazioni sono volte ad eliminare le quantità di aria e di
gas che vengono a formarsi quando l''immissione di Al va a toccare i lubrificanti depositati
negli stampi nelle sue parti facenti figura.
Ogni applicazione comporta degli investimenti da sopportare da parte dei produttori, quindi si
ricorre ad essi quando con le soluzioni tradizionali non si ottengono i risultati sperati.
La creazione di pozzetti di tracimazione lungo il perimetro del getto è la soluzione
tradizionalmente adottata ed è anch''essa soggetta a studi e guidata da regole, quali che l''area
totale delle sezioni degli attacchi di questi pozzetti deve essere correlata alla sezione degli
attacchi di colata in modo tale che la fuoriuscita dei gas dagli attacchi dei pozzetti siano
verosimilmente uguali alle portate con cui il metallo riempie la cavità. Pertanto se non proprio
uguale la somma delle sezioni degli efflussi deve essere circa il 60÷70% della sezione
dell''attacco di colata. Molte volte non è possibile collocare i pozzetti e per questo si adottano
le soluzioni alternative come valvole di evacuazione di aria o circuiti di aspirazione.

ATTESA DI SOLIDIFICAZIONE
Generalmente il tempo di solidificazione delle leghe pressocolate è molto breve, nell''ordine di
pochi secondi, tuttavia prima di aprire lo stampo si devono attendere 15÷30 secondi in modo
che il getto raffreddi da 660÷700°C a 260÷300°C ed acquisisca rigidezza tale da poter
sopportare gli sforzi di sformatura.
Un''osservazione da tenere in considerazione in fase di progettazione è che i tempi di
solidificazione del pezzo e del suo attacco di colata (comprensivo di materozza) devono
5 . Il moltiplicatore serve a compattare e ad alimentare il getto durante la solidificazione. 58 essere bilanciati, nel senso che l''attacco deve rimanere aperto il più a lungo possibile per
consentire l''alimentazione del getto.

APERTURA STAMPI E RADIALI
Dopo la solidificazione si ha l''apertura stampo con accompagnamento all''espulsione del
contenitore della materozza con il pistone; mentre si apre lo stampo inizia anche il ciclo di
fuoriuscita sequenziale delle eventuali radiali o maschi meccanici.

ESPULSIONE GETTO ED ESTRAZIONE
Quando la matrice mobile ha raggiunto la fine della corsa di apertura e tutti i radiali sono fuori
ingombro si ha l''espulsione del getto mediante una piastra che parte dagli espulsori (tendini di
acciaio trattato) di differente lunghezza che si adattano alla geometria in modo tale da
esercitare la pressione necessaria al distacco sulle parti del prodotto strutturalmente più rigide,
evitando deformazioni.
Un robot provvederà a portare fuori dallo stampo il pezzo mediante pinza compatibile così da
poter riprendere il ciclo produttivo ripartendo dal raffreddamento esterno e dalla
lubrificazione.
Fig. 2.14 Pinza robot
TRANCIATURA AUTOMATICA
Questa operazione consiste nell''evacuazione del sistema di colata/alimentazione necessario
per la produzione del pezzo. La tranciatura automatica provvede anche all''eliminazione di
tutte quelle bave che si formano durante la produzione (bave di divisione stampo). Viene fatta
in automatico mediante una pressa specifica detta pressa a trance e dotata di stampo trance.
La tranciatura generalmente avviene subito dopo lo stampaggio: il robot di estrazione getto
preleva il pezzo dallo stampo, ne verifica l''integrità mediante fotocellule o fine corsa e, dopo
essere stato raffreddato, lo deposita sulla parte fissa dello stampo trancia. Nel ciclo automatico
ci sono dei sensori sullo stampo trancia che verificano l''avvenuto posizionamento del pezzo
sull''attrezzo: se è corretto i sensori danno l''input alla chiusura dello stampo. 59 A questo punto la trancia effettua l''operazione secondo il ciclo impostato fino ad arrivare al
fine corsa inferiore. La pressa di tranciatura più comunemente utilizzata è di tipo
oleodinamico verticale. Tutto il sistema di colata e alimentazione non facente parte figura
viene staccato dal pezzo e convogliato o in apposito contenitore (boccame) o in convogliatori
che portano tali sfridi direttamente ai forni fusori per la rifusione. Il pezzo viene quindi
tranciato e sbavato ovvero ripulito dalle eccedenze (il grado di sbavatura dipende dalla
progettazione dello stampo trancia e dal grado di manutenzione che su questo si applica in
quanto soggetto ad usura) e viene generalmente trattenuto dalla parte mobile dello stampo; a
questo punto la pressa si apre raggiungendo il tratto di fine corsa superiore, dopo di che entra
un piatto estrattore sul quale la trancia depone il pezzo. 60 61 3. OTTIMIZZAZIONE DELL''AVVIAMENTO

3.1 INTRODUZIONE

Questo capitolo sviluppa l''analisi e l''ottimizzazione della procedura di warm-up adottata
presso le isole di lavoro della Fonderia C della azienda Almec Spa al fine di minimizzare gli
scarti in fase di avviamento. L''idea è di definire una normativa interna da seguire punto per
punto per fare ripartire la produzione: in base ai minuti di fermo impianto deve corrispondere
un ciclo predeterminato di warm-up.

3.2 DEFINIZIONE DELLA FASE DI AVVIAMENTO

Lo scopo della fase di avviamento di una macchina da pressofusione è quello di portare, in
modo graduale, la temperatura dello stampo da quella ambiente a quella di regime, che a
seconda della geometria dello stampo si aggira tra 200÷280°C .
In questa prima fase di produzione dei getti la macchina da pressocolata lavora con parametri
diversi rispetto alla fase di regime: ' la pressione di iniezione è ridotta tra 150÷300 bar; ' la velocità di seconda fase è ridotta tra 2,1÷3,0 m/s.
Produrre con i normali parametri di pressione e di velocità e con la temperatura dello stampo
bassa può causare: ' un ritiro molto rapido del getto; ' un tempo di solidificazione molto breve e quindi il getto di Al si incolla o si salda nello stampo; ' difficoltà per l''estrazione; ' elevata la possibilità di causare rotture all''interno della figura stampo, che portano ad un lavoro di ripristino molto costoso.
Per questi motivi, nella fase di avviamento è bene adottare un ciclo di lubrificazione apposito;
per ottenere il deposito di uno strato uniforme di lubrificante sullo stampo così da favorire
l''estrazione e l''espulsione del getto. L''impiego dei normali lubroseparatori a base di acqua
raffreddano l''impronta ritardando il processo di distribuzione omogenea del calore. Dei buoni
lubrificanti da utilizzare in fase di avviamento potrebbero essere preparazioni al bisolfuro di
molibdeno o soluzioni a base di olio; le funzioni che devono compiere queste soluzioni sono
quella di bonificare la superficie dove scorre la lega liquida, quella di permettere un
riscaldamento mediato e quella di livellare le micro-fessure.
Come inconveniente i primi pezzi prodotti dopo la fase di avviamento, utilizzando questi
particolari lubrificanti, presenteranno degli aloni neri e quindi saranno considerati scarti visivi
' necessario evidenziare che tutti i getti prodotti con questi valori ridotti di pressione-velocità,
anche se non presentano aloni, sono da considerarsi scarti perché hanno elevata porosità e
basse caratteristiche meccaniche.
Si possono ridurre i tempi di avviamento impiegando anche circuiti all''interno dello stampo
per il passaggio di liquidi ,olio diatermico o acqua, pre-riscaldati da apposite centraline tarate 62 tra i 100÷180°C che fungono da termoregolazione; in questo caso la temperatura iniziale dello
stampo non quella ambiente ma è prossima a quella ottimale di regime.
Di norma la lega di Al cede durante la solidificazione allo stampo circa 200 Kcal/Kg(Al),
quindi in fase di progettazione i canali di raffreddamento vengono dimensionati per asportare
tale energia.
Durante le prime stampate, per evitare che lo stampo subisca shock termici e rallentamenti nel
raggiungimento della temperatura ottimale, i circuiti di raffreddamento ad acqua devono
essere chiusi; sarà cura dell''operatore aprire tali canali solo quando il getto presenterà al
controllo visivo un aspetto lucido.
Le nuove macchine hanno un comando di autoriduzione che in automatico riduce pressioni e
velocità dei valori di iniezione per le prime stampate senza dover intervenire in manuale nella
modifica dei parametri. Con alcuni software di gestione ancora più moderni è possibile anche
automatizzare tempi, numero dei cicli e tipi di lubrificante da usare durante la fase di
autoriduzione, impiegando l''uso di termocamere e pirometri installati all''interno dell''isola
che interagiscono in continuo con il software dell''isola.

3.3 PROCEDURA TRADIZIONALE DI AVVIAMENTO

La procedura tradizionale di avviamento in azienda viene eseguita selezionando il comando di
autoriduzione sul pannello della consolle dell''isola: in questo modo la macchina riduce in
automatico pressioni e velocità nella fase di iniezione ma non modifica il normale ciclo di
spruzzatura e di asciugatura.
In pratica per un certo numero di stampate si effettua il ciclo in autoriduzione, in seguito per
un altro numero di stampate si disinserisce il comando di autoriduzione e si producono getti
con parametri macchina a regime ma ancora considerati scarti per vari motivi (inclusioni di
aria, soffiature e macchie nere). Il grosso problema di questa procedura è l''alto numero di
getti prodotti ma non conformi poiché la termica dello stampo impiega molti cicli per
raggiungere condizioni ottimali di processo; questo grosso inconveniente avviene perché il
ciclo di lubrificazione è quello standard utilizzato per la figura già a 200÷280°C. Seguendo
questa procedura e senza modificare il ciclo di lubrificazione per le prime stampate si produce
il paradosso per cui viene svolto il raffreddamento di uno stampo non sufficientemente caldo;
si ritarda così il raggiungimento della temperatura ottima e si producono quindi molti scarti
che corrispondono ad un costo come mancata produzione.
Un altro inconveniente di questa procedura è il libero arbitrio dell''operatore nel decidere il
numero di getti da produrre in autoriduzione e con i parametri macchina a regime: infatti allo
stato attuale la persona addetta alla conduzione dell''isola stabilisce quando effettuare il
controllo radiografico secondo esperienza personale, bravura e discrezione: se positivo egli
fornisce lo start di produzione.
63 Fig. 3.1 Esecuzione del controllo radiografico
3.4 MONITORAGGIO DEGLI AVVIAMENTI CON PROCEDURA
TRADIZIONALE


Presso l''ALMEC S.p.A. di Nusco (AV) sono state monitorate per circa 8 settimane le isole di
lavoro presenti in Fonderia C ed in particolare sono state esaminate tre Buhler Evolution B
180D ed una Buhler Evolution B 140D, di recente installazione, dotate di forni dosatore,
robot e trancia dedicati.
Su queste isole di lavoro sono stati prodotti durante il periodo di osservazione 6 particolari
simili tra loro, tutti supporti per scatole cambio o trasmissione di autovetture; le principali
differenze consistono nella forma di alcuni dettagli oppure nel peso del getto finito ma la
tecnica di fusione è la medesima.
La tecnologia e l''affidabilità dei 4 impianti ha escluso qualsiasi differenza di comportamento
in fase di avviamento; le uniche variabilità sul rendimento sono state l''usura, l''età, la
geometria ed i circuiti di preriscaldo di ogni stampo.
Tutti i dati raccolti a bordo macchina con la collaborazione degli operatori, degli attrezzisti,
dei capi turno e del capo fonderia sono stati inseriti in diversi fogli elettronici per ottenere
grafici e tabelle; i più significativi sono riportati in Fig. 3.2 e Fig. 3.3. 64 Fig. 3.2 Foglio elettronico MPF 27 con procedura tradizionale Fig. 3.3 Foglio elettronico MPF 28 con procedura tradizionale MPF 28 COD.STAMPO 985823-I/3 0 5 10 15 20 25 data AUTORIDUZIONE PARAMETRI A REGIME PARAMETRI A REGIME 0 1 0 3 1 1 4 2 1 1 13 3 1 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 15 AUTORIDUZIONE 12 4 0 6 0 0 7 0 0 0 5 2 0 1 0 0 0 2 0 0 3 0 1 0 0 5 01- mar- 02- mar- 07- mar- 14- mar- 23- mar- 23- mar- 02- apr- 13- apr- 13- apr- 13- apr- 13- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 14- apr- 16- apr- MPF 27 COD.STAMPO 986161-I/2 I/2 0 2 4 6 8 10 0 12 2 14 4 16 6 data a n.pz scarto scarto AUTORIDUZIONE E PARAMETRI A REGIME REGIME PARAMETRI A REGIME REGIME 4 1 7 5 1 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 5 AUTORIDUZIONE E 11 1 5 8 8 4 2 2 5 1 4 2 5 5 2 3 3 4 2 5 12- - mar- - 12- - mar- - 02- - apr- - 03- - apr- - 16- - apr- - 16- - apr- - 16- - apr- - 16- - apr- - 16- - apr- - 17- - apr- - 17- - apr- - 17- - apr- - 17- - apr- - 17- - apr- - 18- - apr- - 18- - apr- - 18- - apr- - 18- - apr- - 18- apr- 19- apr- 19- apr- 19- apr- 19- apr- 20- apr- n.pz. scarto 65 Da questi grafici si evince che non esiste una regola fissa su quale debba essere il numero
totale di scarti che è necessario produrre prima di portare lo stampo in temperatura, di pezzi
prodotti con i parametri in autoriduzione ed a regime.
Dal diagramma si può osservare come talvolta venga realizzato un numero spropositato di
getti in avviamento, anche fino a 20, che corrisponde a circa 30 minuti di mancata
produzione. ' quindi evidente che è necessario stendere una nuova procedura tecnologica per
effettuare gli avviamenti in modo che ci siano un numeri di scarti confrontabili a prescindere
dall''operatore di turno a bordo macchina.

3.5 DEFINIZIONE DEGLI INTERVALLI

Durante le 8 settimane di monitoraggio e in quelle successive si sono realizzate 2 tabelle per
classificare i tipi di fermi e le durate degli stop di produzione.
sigla Nome Casistica Range Pezzi ON autoriduzione Pezzi. a regime Tot. pezzi scarti t0 Stop nullo Controllo chiusura radiali,
biscotto fuori parametri 0-4 minuti 0 0 0 t1 Stop breve Caricamento forno 5-9 minuti 0 1 1 t2 Stop medio Anomalia periferica, pulizia
spina, pulizia stampo 10-15 minuti 1 1 2 t3 Stop lungo Guasto periferica, cambio
spina, guasto stampo 15-60 minuti 3 1 4 t4 Inizio settimana Guasto grave Oltre 60 minuti 4 1 5 t5 Cambio stampo 5 1 6 Fig. 3.4 Tabella obiettivi avviamenti con termoregolazione inserita (temperatura 120÷180°C) sigla Nome Casistica Range Pezzi ON autoriduzione Pezzi. a regime Tot. pezzi scarti t0 Stop nullo Controllo chiusura radiali,
biscotto fuori parametri 0-3 minuti 0 0 0 t1 Stop breve Caricamento forno 4-9 minuti 1 1 2 t2 Stop medio Anomalia periferica, pulizia
spina, pulizia stampo 10-15 minuti 2 1 3 t3 Stop lungo Guasto periferica, cambio
spina, guasto stampo 15-60 minuti 4 1 5 t4 Inizio settimana Guasto grave Oltre 60 minuti 5 1 6 t5 Cambio stampo 6 1 7 Fig. 3.5 Tabella obiettivi avviamenti con termoregolazione non inserita
Queste tabelle sono state realizzate e ottimizzate secondo le esigenze della produzione della
ALMEC S.p.A. e secondo l''esperienza personale acquisita dai tecnici presso altre aziende di
pressofusione, e sono parametriche rispetto alla funzionalità della termoregolazione.
Nella colonna ''sigla' t0 ÷ t5 indicano la nomenclatura impiegata per identificare i tipi di
avviamento; nella colonna ''nome' compare la nomenclatura del tipo di fermo abbinato a
quell''avviamento;. nella colonna ''casistica' i principali guasti o anomalie che causano i 66 fermi; nella colonna ''range' infine i tempi di classificazione di ogni tipo di fermo6; questi
intervalli sono molto importanti perché permettono di identificare ed inserire nella nuova
procedura di avviamento tutti i tipi di fermi anche se hanno una frequenza limitata.
Gli avviamenti macchina dovuti alla sostituzione dello stampo per cambio del lotto di
produzione non vengono presi in considerazione per questo lavoro di miglioramento del
numero degli scarti poiché la ripetizione dei cambi stampi in Fonderia C è poco frequente.
Le ultime 3 colonne rappresentano gli obiettivi prefissati sul numero di getti da produrre in
fase di avviamento con l''impianto in autoriduzione e a regime; in seguito questi valori
potrebbero essere modificati in base a controlli con pirometri e con termografie per verificare
l''effettivo raggiungimento della temperatura di regime dell''impronta.

3.6 NUOVA PROCEDURA DI AVVIAMENTO

Dopo l''analisi dell''attuale procedura di avviamento e la classificazione dei tempi di fermo
macchina è stata approntata una nuova procedura di avvio produzione, anche grazie alla
consulenza della azienda produttrice delle MPF installate presso la Fonderia C.
Per prima cosa si è deciso di non impiegare più i cicli in automatico di spruzzatura e
asciugatura poiché rallentano il raggiungimento della temperatura necessaria per ottenere getti
di qualità; quindi è stato impostato, tramite il software di gestione presente sulle macchine da
pressofusione, un ciclo ridotto di lubrificazione. In pratica la testina, dotata di ugelli e
cannoncini, effettua una fase ridotta nei tempi, nelle portate (di lubrificante e di aria) e nei
movimenti all''interno dello stampo: con questa procedura modificata la temperatura dello
stampo non subisce un grosso calo ad ogni ciclo favorendo il raggiungimento dei 200°C in un
numero basso di cicli.
Tuttavia questo nuovo ciclo di spruzzatura non permette la formazione del film
lubrodistaccante quindi è necessario effettuare una lubrificazione manuale; questa procedura
viene eseguita con l''ausilio di un''apposita lancia ed un serbatoio carico di prodotto
distaccante in pressione. Il lubrificante impiegato è di tipo oleoso ed ha caratteristiche diverse
rispetto a quello in uso nella normale testina; è un ottimo prodotto per evitare l''incollaggio del
getto all''interno dello stampo, per lubrificare i carrelli e per ostruire i micro-fori e le
microfessure che si formano sulla superficie dello stampo ma può formare aloni neri,
rilasciare residui gommosi e quindi aumentare il numero di scarti. La bravura dell''operatore
consiste nello stendere la giusta quantità di olio attraverso la lancia nebulizzante per formare
la pellicola lubrodistaccante senza la creazione di aloni neri sui getti fusi.
6 Bisogna evidenziare che l''avviamento di inizio settimana che avviene di norma la domenica sera ha le stesse
caratteristiche di avviamento a partire da un fermo causato da un guasto grave che implica uno stop superiore ai
60 minuti. 67 Fig. 3.6 Serbatoio per lubrificazione manuale
Questo nuovo sistema da seguire in fase di warm-up permette di raggiungere in un numero
più ristretto di iniezioni la temperatura ideale dello stampo ed inoltre standardizzare per
ciascuno stampo il numero di getti da realizzare in fase iniziale con i parametri macchina in
auto-riduzione ed a regime. Infatti dopo alcuni avviamenti realizzati con la nuova procedura si
è passati alla compilazione di scheda di avviamento divisa per ciascun stampo e per ciascun
sigla di fermo. A titolo esplicativo, per ciascun particolare prodotto in Fonderia C sono state
pubblicate a bordo macchina le istruzioni per: ' eseguire in modo corretto la lubrificazione manuale;
' specificare il numero di getti da produrre; ' definire il campione da portare al controllo radiografico. 68 Fig. 3.7 Esempio di scheda nuova procedura di avviamento 3.7 MONITORAGGIO DEGLI AVVIAMENTI CON NUOVA PROCEDURA

A seguito della stesura e della messa a regime della nuova procedura di warm-up sulle
macchine da pressofusione è stata eseguita una raccolta di dati attraverso delle schede
compilate dagli operatori durante i vari turni di lavoro; in seguito sono stati compilati alcuni
fogli elettronici per la visualizzazione dei risultati e la verifica del raggiungimento degli
obiettivi preposti dopo la definizione del range. 69 In Fig. 3.8 sono rappresentati i dati di alcuni avviamenti: le colonne hanno una diversa
colorazione per identificare i getti prodotti con i parametri in autoriduzione e quelli prodotti a
regime; dal diagramma si può constatare che dopo alcune tipologie di fermo non è stato
necessario avviare con i parametri di velocità e pressione modificati. Fig. 3.8 Foglio elettronico MPF 28 con nuova procedura di avviamento
In Fig. 3.9 sono rappresentati i dati di alcuni avviamenti suddividendo il numero di getti
prodotti secondo il range degli intervalli di fermo; dal diagramma si può constatare che la
tipologia di fermo t1 causa pochi getti in fase di avviamento ma è molto frequente come
ripetizione nel corso delle giornate. MPF 28 COD.STAMPO 985823-I/3 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 data n.p z . scar to AUTORIDUZIONE PARAMETRI A REGIME PARAMETRI A REGIME 1 1 1 1 1 1 1 1 4 3 2 4 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 1 1 1 1 3 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 AUTORIDUZIONE 0 0 2 4 1 1 2 1 2 4 1 5 5 5 2 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 16-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 17-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 18-
ap r- 19-
ap r- 19-
ap r- 19-
ap r- 19-
ap r- 70 Fig. 3.9 Scarti per range di fermo In Fig. 3.10 ÷ 3.14 sono rappresentati i pezzi di scarto in rapporto al range: ' le colonne sono in colore rosso se il numero di pezzi prodotti scartati è superiore al totale di pezzi scarto che prevede il range; ' le colonne sono in colore giallo se il numero di pezzi prodotti scartati è pari al totale di pezzi scarto che prevede il range; ' le colonne sono in colore verde se il numero di pezzi prodotti è inferiore al totale di pezzi scarto che prevede il range. Fig. 3.10 Range t0: obiettivo 0 pz di scarto OBIETTIVO RANGE t0 0 pz. 0 1 2 3 4 5 6 7 17-apr 17-apr 18-apr 18-apr data n.pz.scarto NUMERO SCARTI PER TIPO DI FERMO 0 1 2 3 4 5 6 7 data n.pz.scarto t0 t1 t2 t3 t4 t0 1 1 1 1 t1 1 1 1 1 4 3 2 4 0 1 1 1 1 1 1 3 1 1 1 2 1 1 t2 3 1 5 1 2 t3 2 3 1 6 6 t4 5 2 5 6 17- apr- 17- apr- 18- apr- 18- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 18- apr- 18- apr- 18- apr- 71 Fig. 3.11 Range t1: obiettivo 2 pz di scarto Fig. 3.12 Range t2: obiettivo 3 pz di scarto Fig. 3.13 Range t3: obiettivo 5 pz di scarto OBIETTIVO RANGE t3 5 pz. 0 1 2 3 4 5 6 7 16-apr- 16-apr- 16-apr- 18-apr- 18-apr- data n.pz.scarto OBIETTIVO RANGE t2 3 pz. 0 1 2 3 4 5 6 7 16-apr- 16-apr- 16-apr- 17-apr- 17-apr- data n.pz.scarto OBIETTIVO RANGE t1 2 pz. 0 1 2 3 4 5 6 7 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 16- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 17- apr- 18- apr- 18- apr- 18- apr- 19- apr- 19- apr- 19- apr- 19- apr- data n.pz. scarto 72 Fig. 3.14 Range t4: obiettivo 6 pz di scarto
Dai grafici si può notare che dopo fermi brevi non si è ancora raggiunto l''obiettivo sul
numero massimo di pezzi di scarto mentre dopo stop prolungati, caso t4, il numero di scarti è
pari se non inferiore al target prefissato.
Tuttavia anche quando la quantità di pezzi prodotti supera il target, il valore di eccedenza
risulta contenuto (1÷2 unità) quindi con una maggiore attenzione in fase di avviamento da
parte dell''operatore anche per i casi t0 ÷ t2 si potrebbe centrare l''obiettivo prefissato.


3.8 MONITORAGGIO TEMPERATURE IN FASE DI AVVIAMENTO
CON NUOVA PROCEDURA

La corrispondenza tra durata dei fermi e numero di getti da produrre in fase di avviamento è
stata eseguita, come riportato in precedenza, secondo le esigenze della produzione e
l''esperienza dei tecnici; tuttavia non si può escludere che, adottando strumenti di analisi
appropriati, si possa approdare a valori dei range differenti da quelli appena prefissati.
Per esempio, prendendo in esame la situazione t4 per uno stampo senza la termoregolazione
in funzione ed impiegando pirometri e termocamere, si potrebbe verificare se effettivamente
dopo 6 stampate la temperatura dello stampo sia già a regime o piuttosto se sia necessario un
numero inferiore di stampate.
In Fig. 3.15 sono riportati i rilevamenti effettuati su stampi differenti.
OBIETTIVO RANGE t4 6 pz. 0 1 2 3 4 5 6 7 16-apr- 16-apr- 17-apr- 18-apr- data n.pz.scarto 73 Fig. 3.15 Rilevamento delle temperature
Lo stato della temperatura è stato suddiviso secondo il seguente schema: ' t0 fermo nullo;
' t1 fermo breve; ' t2 fermo medio; ' t3 fermo lungo; ' t4 fermo inizio settimana; ' + dopo 5 minuti;
' ++ dopo 10 minuti; ' +++ dopo 15 minuti;
Nella fase attuale di questo studio l''ottimizzazione e l''eventuale rettifica dei range e del
numero di pezzi di scarto è ancora in fase di approfondimento in quanto ci sono limitazioni
all''acquisizione dei dati dovute ai fermi macchina e mancanze di programma.
3.9 SVILUPPI FUTURI SULLA FASE DI AVVIAMENTO

La nuova procedura di avviamento ha come limite la completa manualità e quindi il
mantenimento degli obiettivi sulla riduzione dei pezzi scarto è lasciato alla bravura ed alla
esperienza dell''operatore a bordo macchina.
Le attuali ricerche e sperimentazioni di alcuni produttori di macchine da pressofusione in
collaborazioni con aziende specializzate nei lubrificanti stanno mettendo a punto un sistema 74 automatico che interagisca durante l''avviamento in tempo reale per ciascuna iniezione con il
software dell''isola di lavoro; in pratica si arriverà ad automatizzare le procedure.
Nella fase produttiva bisogna utilizzare un lubrificante con basso calore specifico ed alta
capacità distaccante, ma nella fase iniziale di avviamento la scelta del distaccante deve essere
differente in quanto lo stampo non è ancora in temperatura.
Un altro grosso vantaggio nella fase di warm-up sarebbe la possibilità di modificare la durata
della lubrificazione, in funzione dei cambiamenti delle temperature dell''acciaio, stampata per
stampata.
La nuova soluzione da applicare per la fase di avviamento prevede che l''isola di lavoro venga
dotata di 1 o 2 pirometri fissi, secondo la grandezza e la geometria dello stampo, che possono
controllare i punti caratteristici dell''impronta; l''individuazione delle posizioni viene eseguita
mediante l''analisi termografica. Bisogna evidenziare che la misurazione del calore avviene
tramite i sensori IR che leggono la temperatura superficiale; in questo modo il dato che si
acquisisce non è la misurazione del valore della massa dell''acciaio ma è la temperatura
effettiva della pelle.
Inoltre un software aggiuntivo, che interagisce con il principale della macchina, acquisisce le
diverse temperature prima del ciclo di lubrificazione e definisce il ciclo di lubrificazione
ideale per ridurre al minimo il tempo necessario al riscaldamento dello stampo senza rischi
per lo stesso; a fine di ciascun ciclo il pirometro rileva nuovamente le condizioni termiche e
valuta se ha eseguito una termoregolazione adeguata secondo una procedura a feedback.
' quindi il nuovo programma a decidere: ' quante iniezioni devono essere eseguite in bassa pressione ed a regime; ' come regolare la testina lubrificante modificando portata pressione e ciclo; ' se attivare appositi cannoncini dedicati per stampi con geometrie particolari; ' quale tipo di lubrificante impiegare ed in quale diluizione. Questo programma interagisce in modo continuo con quello già presente sulla MPF
integrando nel quadro di controllo tutte le operazioni da gestire in fase di avviamento avendo
anche la possibilità di memorizzare i dati di temperatura raccolti a tutti gli altri parametri già
presenti negli archivi del sistema per le future fasi di start-up.
Lo scopo finale di questa nuova tecnologia è di: ' ridurre del 50% di scarti nella fasi di warm-up; ' avere tempi di lubrificazione ridotti in fase di riscaldamento fino allo 80% rispetto alla lubrifica tradizionale, risparmiando lubrificante ed energia; ' diminuire gli stress termici con stampo freddo all''avvio ed incrementare la vita utile dello stesso.
In definitiva questa nuova tecnologia permette di automatizzare anche la fase di warm-up e di
lasciar decidere molti parametri alla macchina stessa come avviene già per il ciclo a regime;
ha come lato negativo il costo economico, quindi è una soluzione da applicare nel caso la
nuova procedura di avviamento messa a punto nei paragrafi precedenti non sia attuabile per
motivi anche di personale macchina. In conclusione se la nuova procedura manuale messa a
punto nei paragrafi precedenti viene rispettata in tutte i punti secondo i diversi range il
numero dei pezzi scarto è molto prossimo alla nuova tecnologia completamente
automatizzata. 75 4. OTTIMIZZAZIONE DEL TEMPO CICLO

4.1 INTRODUZIONE

Lo scopo di questo capitolo è quello di approfondire l''analisi del processo produttivo,
attraverso la definizione di una procedura standard per il rilevamento del tempo ciclo ed un
format di monitoraggio della produzione.
Alla luce dei dati raccolti è stato inoltre possibile determinare alcune tra le principali cause di
inefficienza del sistema e di conseguenza imbastire un modello di intervento nell''ottica
manutentiva.
In tal senso, e per avere un ambito di lavoro circoscritto, lo studio si è concentrato le
macchine di pressofusione 17, 18, 27 e 28 componenti il parco della Fonderia C dell''ALMEC
S.p.A. Tali macchine, con una forza di chiusura di 1400÷1800 t, rappresentano alcune tra le
più evolute presenti attualmente sul mercato.

4.2 COMPOSIZIONE FUNZIONALE DELLE ISOLE

Un''isola di pressofusione è un ambiente produttivo complesso ad elevato contenuto tecno-
meccanico, le cui unità fondamentali sono: ' macchina di pressofusione (MPF); ' robot (RBT); ' impianto di lubrificazione (LUB); ' impianto di iniezione (INI);
Queste unità sono anche definite critiche in quanto rivestono un ruolo determinante nella
definizione della durata unitaria del processo produttivo 7. Tutte le altre unità, se ben progettate e gestite, non sono in questo senso influenti e pertanto, in condizioni di lavoro non
anomale, non devono inficiare la cadenza produttiva: esse sono pertanto dette unità ausiliarie.
Il ruolo delle unità ausiliarie può essere quello di garantire determinati standard di sicurezza
per l''operatore: ' Sportello (SPT);
Altre unità sono invece legate a quali e quante lavorazioni meccaniche vogliono essere
realizzate sul getto solido, quindi sono in numero e tipologia variabile.
Nel caso dell''ALMEC S.p.A. l''unica lavorazione meccanica che viene realizzata all''interno
dell''isola è quella di tranciatura, allo scopo di rimuovere la materozza, i pozzetti ed eventuali
bave.
Pertanto le unità aggiuntive sono: ' trancia (TRA); ' piano di scarico8 (PDS).
7 In uno scenario tecno-meccanico più evoluto non si può escludere che alcune di queste unità possano perdere la loro criticità. ' il caso per esempio della movimentazione del pezzo, per ora gestita dal robot ma chiaramente
impostabile anche in altro modo (espulsione dagli stampi per gravità, movimentazione su nastri etc).
8 Se non vi fosse stata tranciatura il robot avrebbe potuto poggiare il getto solido su di uno scivolo fisso; il piano
di scarico è dunque da ritenersi un''unità opzionale abbinata alla trancia. 76 Tutte queste unità, le cui abbreviazioni sono indicate tra parentesi, vengono poi controllate e
gestite dalla manodopera (MO).
Anche l''operatore svolge sul pezzo alcune operazioni ma non è ritenuto in questa sede un
soggetto critico per le seguenti ragioni: ' perché le operazioni che svolge non hanno influenza diretta sul processo di pressofusione e quindi non devono determinare un rallentamento della cadenza
produttiva; ' perché l''operatore esercita le sue operazioni fisicamente al di fuori dell''isola, fuori dal target di analisi preso in considerazione.
4.3 ATTUALE PROCEDURA DI GESTIONE DEL TEMPO CICLO

La cadenza produttiva di un''isola è detta, come vedremo meglio in seguito, tempo ciclo (TC).
Il problema della gestione del tempo ciclo è già noto in ALMEC S.p.A., come mostra il
documento proposto in Fig. 4.1.
Fig. 4.1 Foglio master di gestione del TC secondo procedura tradizionale 77 In esso vediamo come il ciclo sia diviso in 6 fasi e che il format di intervento sia legato alla
rilevazione di una anomalia.
Fig 4.2 Scheda miglioramento cicli scomposti, secondo l''approccio tradizionale
La scheda in Fig. 4.2 invece mostra il tentativo già percorso di penetrare all''interno delle fasi
definendo delle sottofasi: alla semplicità di questo documento fa tuttavia riscontro la minor
cura nell''identificazione delle azioni elementari.
L''idea di approfondire le opportunità di intervento sul ciclo è stata la prima leva
motivazionale di questo lavoro; in seguito la necessità di approfondire la caratterizzazione
delle sottofasi di ognuna delle 6 descritte ha evidenziato il bisogno di proporre una nuova
catalogazione delle fasi e delle sottofasi, dominata non dalle operazioni ma dalle unità 9. 9 Si considerino le vecchie fasi C, E ed F: come si può intuire la loro responsabilità è del tutto riconducibile al
ruolo della MPF: pertanto, nella costruzione dei sottocicli, si è cercato di realizzare i raggruppamenti delle
sottofasi secondo responsabilità. 78 4.4 NUOVA DIDATTICA DELLE FASI E DEI TEMPI

Ogni unità svolge in sequenza una serie di azioni che in questa sede vengono definite fasi;
l''insieme di tutte le fasi che ogni unità compie è detto sottociclo: il ciclo è dunque l''insieme
delle azioni compiute in aggregato presso l''isola, il sottociclo è invece l''insieme di solo quelle
che attengono ad una determinata unità.
UNITÁ SOTTOCICLO CRITICO RBT Movimentazione del getto LUB Lubrificazione dello stampo INI Alimentazione MPF Chiusura dello stampo Fig. 4.3 Sottocicli critici ed unità abbinate
In Fig. 4.3 è presentato l''insieme dei sottocicli critici vigenti in ALMEC S.p.A.; si badi che la
MPF è responsabile non solo della chiusura/apertura dello stampo ma anche
comprensibilmente della dinamica di raffreddamento che si svolge al suo interno nella fase di
post-iniezione.
Nelle Fig. 4.4 a-d compaiono in dettaglio le fasi che compongono ognuno dei sottocicli,
ognuna delle quali è per semplicità accompagnata da un codice identificativo univoco.
A1: da termine ritorno in HP a ripartenza A8: da rilevamento sensore presenza pezzo a rilevamento sensore di
integrità del pezzo A2: da ripartenza a fine corsa di accostamento A9: da rilevamento sensore di integrità del pezzo a stop in
immersione A3: da fine corsa di accostamento a chiusura della morsa A10: da stop in immersione a ripresa del moto A4: da chiusura della morsa a inizio folle A11: da ripresa del moto a stop ultima rotazione di sgocciolamento A5: da inizio folle a fine folle A12: da stop ultima rotazione di sgocciolamento ad alloggiamento in
trancia A6: da fine folle a fine reinnesto marcia A13: da alloggiamento in trancia a termine ritorno in HP A7: da fine reinnesto marcia a rilevamento sensore presenza pezzo Fig. 4.4.a Sottociclo di movimentazione del getto B1: da termine ritorno in HP a ripartenza B4: da avvio ciclo (rilevamento del fuori ingombro)
a posizionamento in quota di start B2: da ripartenza a fine corsa verticale (pre-ingombro) B5: da posizionamento in quota di start a fine asciugatura (ultimo
ingombro) B3: da fine corsa verticale (pre-ingombro) ad avvio ciclo
(rilevamento di fuori ingombro) B6: da fine asciugatura (ultimo ingombro) a termine ritorno in HP Fig. 4.4.b Sottociclo di lubrificazione dello stampo C1: da fine corsa estrazione a sensore presenza pezzo C9: da termine riempimento a termine solidificazione
(inizio apertura lenta) C2: da sensore presenza pezzo a fine prima fase di lubrificazione
con macchina in quiete (start estrattori) C10: da termine solidificazione (inizio apertura lenta)
a fine apertura radiali piano fisso C3: da inizio rientro degli estrattori a fine rientro degli estrattori C11: da fine apertura radiali piano fisso a fine apertura lenta C4: da fine rientro degli estrattori a fine seconda fase di
lubrificazione con macchina in quiete C12: da fine apertura lenta a fine apertura C5: da fine seconda fase di lubrificazione con macchina in quiete a fine
sequenza chiusura radiali C13: da fine apertura a termine sequenza apertura radiali C6: da fine sequenza chiusura radiali a fine terza fase di
lubrificazione con macchina in quiete (end lubrif) C14: da termine sequenza apertura radiali a chiusura
della morsa del robot C7: da fine lubrificazione a fine chiusura (pronto iniezione) C15: da chiusura della morsa del robot a fine corsa estrazione C8: da fine chiusura (pronto iniezione) a termine riempimento Fig. 4.4.c Sottociclo di chiusura dello stampo 79 D1: da fine lubrificazione testa del pistone a pronto iniezione D8: da fine corsa di accompagnamento del pistone ad avvio
riposizionamento D2: da pronto iniezione ad apertura della bocca del forno D9: da avvio riposizionamento a riposizionamento effettuato D3: da apertura della bocca del forno a termine colata D10: da riposizionamento effettuato a fine attesa lubrificatore D4: da termine colata a chiusura della bocca del forno D11: da fine attesa lubrificatore a fine interazione col ciclo di
lubrificazione D5: da chiusura della bocca del forno a III fase avvenuta D12: da fine interazione col ciclo di lubrificazione a termine
ritorno in HP D6: da III fase avvenuta a termine solidificazione D13: da termine ritorno in HP a fine lubrificazione testa del
pistone D7: da termine solidificazione a fine corsa di accompagnamento del
pistone Fig. 4.4.d Sottociclo di alimentazione
La ripartizione appena presentata è frutto di un lavoro di analisi ed ottimizzazione del
processo, fase per fase.
A seguito di questo lavoro si è ritenuto opportuno impostare una divisone delle fasi 10 come segue: ' Fasi attive, impiegate per compiere un''operazione; ' Fasi passive, non impiegate per compiere un''operazione.
Le fasi attive possono a loro volta essere suddivise in: ' Fasi critiche (fc), che influenzano la cadenza produttiva dell''isola;
' Fasi non critiche (fa), che non influenzano la cadenza produttiva dell''isola.
Le fasi passive invece si suddividono in: ' Fasi di attesa (fw), determinate da vincoli di precedenza verso altre unità; ' Fasi di riposo, includenti la fase di posizione iniziale (hp, home position11) ed eventuali altre fasi di riposo o morte (fm).
La durata di un sottociclo può essere misurata secondo 3 indicatori: ' Durata bruta DB DB = Σ tc + Σ ta ' Durata unitaria DU (o tempo ciclo puro) DU = Σ tc + Σ ta + Σ tw ' Durata a regime DR DR = Σ tc + Σ ta + Σ tw + Σ hp (con tc tempo critico, ta tempo non critico, tw tempo attesa, hp tempo di riposo)

Mentre le caratteristiche del sottociclo in termini di criticità possono essere misurate secondo
gli indici: ' Criticità (C) del sottociclo C = Σ tc / TC ' Saturazione (S) del sottociclo S = DB / TC
10 Per uniformità di notazione i tempi di una fase attiva sono stati definiti tempi attivi, i tempi di una fase passiva tempi passivi e così via. Allo stesso modo tutte le sigle finora presentate e relative alle fasi possono essere
tradotte in tempi associati solo sostituendo la sigla f* con t*.
11 La fase di home position è convenzionalmente ritenuta la fase iniziale di ogni sottociclo. 80 Il sottociclo o i sottocicli più lunghi sono detti colli di bottiglia (CDB) e di norma essi non
presentano fasi morte; tutti gli altri sottocicli hanno un tempo di hp (home position) non nullo,
calcolato per differenza tra la durata del tempo ciclo e la DU del sottociclo considerato.
Dove il TC rappresenta la somma dei tempi delle fasi critiche di tutte le unità attive sull''isola: TC = Σ tc tutti i sottocicli TC = DR qualunque sottociclo = max (DU) questo valore è anche pari alla durata a regime DR di un qualunque sottociclo per effetto della
sussistenza dei tempi passivi, che hanno in tal senso funzione armonizzante.

I tempi delle fasi critiche, poiché incidono direttamente sulla formazione del TC sono detti
appunto tempi critici (tc); tutti gli altri invece sono genericamente definiti tempi nascosti (tn)
ed includono sia quelli attivi che quelli passivi: va infatti sottolineato che il concetto di fase
include anche situazioni in cui l''unità sia ferma (a riposo o in attesa di un qualche segnale o
precedenza).
Tra tutte le unità, infine, si fa notare che la più complessa è la MPF: tale macchina infatti
contiene delle sottounità con comportamenti potenzialmente autonomi: il piano mobile (PM),
gli estrattori (EXT), i radiali sul piano mobile (RPM) e sul piano fisso (RPF), questi ultimi
tuttavia abbastanza rari.
Per ottenere un monitoraggio dei sottocicli ALMEC S.p.A. il più possibile accurato sono stati
elaborati ed adottati degli appositi fogli di stato (Fig. 4.5).
Fig. 4.5 Esempio del nuovo foglio di stato per il sottociclo di movimentazione del pezzo
La novità di questi fogli è che in essi l''analista va ad inserire una serie di dati tecnici sul
sottociclo: tempi delle sottofasi, indici vari, vincoli tra le sottofasi etc: questo tipo di foglio 81 rappresenta una significativa evoluzione rispetto al precedente in uso in azienda perché
approccia al tempo ciclo in maniera più accurata.
Inoltre esso segna il passaggio da un monitoraggio orientato alle macroazioni ad un altro
orientato alle unità che le realizzano, come è riassunto nella tabella seguente:
ORIENTAMENTO DELL''ANALISI VECCHIO APPROCCIO NUOVO APPROCCIO Uscita robot Movimentazione/Robot Lubrificazione Apertura-chiusura/MPF Chiusura Lubrificazione/Lubrificatore Colata/iniezione Alimentazione/Sistema d''iniezione Raffreddamento Apertura/estrazione Fig. 4.6. Confronto tra il vecchio ed il nuovo approccio
Procedendo in questo modo con il nuovo approccio vengono rappresentate alcune fasi prima
analizzate separatamente e viceversa.

4.5 AGGREGAZIONE DEL TEMPO CICLO

In questo paragrafo si intende comprendere cosa accade quando si vogliono assemblare le
unità in un unico sistema di produzione. I sottocicli appena presentati infatti non possono più
operare indipendentemente: ad esempio il robot non può entrare tra gli stampi se essi sono
chiusi, o gli stampi chiudere se il lubrificatore è ancora al lavoro.
Risulta evidente che l''interazione tra i sottocicli impone la definizione di un certo numero di
vincoli: l''insieme dei vincoli agenti sul ciclo -ovvero tra i sottocicli- in un dato istante è detto
sistema dei vincoli.
L''esistenza dei tempi passivi in un sottociclo è strettamente legata all''esistenza dei vincoli: i
tempi passivi infatti non sono mai una scelta ma sempre una necessità condizionata al sistema
dei vincoli, come vedremo meglio in seguito.
Si definisce sincronizzazione l''attività di composizione del ciclo a partire dalla conoscenza
dei sottocicli e da una data configurazione del sistema dei vincoli. La sua rappresentazione
grafica è detta diagramma di sincronizzazione (Fig. 4.7).
I vincoli sono relazioni cronologiche tra fasi di uno stesso sottociclo o sottocicli diversi; se
non vi fossero vincoli, decurtando quindi ogni tipo di tempo passivo, il diagramma di
sincronizzazione si potrebbe comprimere all''estremo ed il TC diventerebbe pari
sistematicamente alla più lunga DB.
82 Fig. 4.7 Diagramma di sincronizzazione
Nella figura seguente (Fig. 4.8) è invece presentato il pannello di controllo e gestione del
tempo ciclo per una MPF Buhler, che, come si vede, non è molto dissimile dal diagramma di
sincronizzazione elaborato autonomamente. Fig. 4.8 Immagine dal pannello di controllo: analisi tempo ciclo 83 4.5.1 INFLUENZA E CLASSIFICAZIONE DEI VINCOLI

Come detto sopra, la sussistenza dei tempi passivi è strettamente legata al sistema dei vincoli;
rileggendo ora la classificazione dei tempi passivi alla luce di questo aspetto, essi possono
essere suddivisi nel modo seguente: ' Tempi passivi vincolati, cioè inutilizzati per compiere azioni per effetto di un vincolo (in questa categoria ricadono tutti i tempi di attesa); ' Tempi passivi non vincolati, cioè non impiegati in azione alcuna pur non agendo alcun vincolo (in questa categoria ricadono i tempi morti ed i tempi di home position).
In genere nel diagramma di sincronizzazione i tempi passivi vengono indicati con segmenti
privi di colore se non vincolati.
I vincoli, anche detti impropriamente formule, sono relazioni matematiche o logiche tra due o
più fasi. Essi possono essere: ' Di uguaglianza, se obbligano le fasi cui sono abbinati ad avere estensioni pari alla durata di certe altre; ' Di disuguaglianza, se inducono le fasi cui sono abbinati ad avere estensioni obbligatoriamente diverse da certe altre (di norma il valore della disuguaglianza è
dipende da considerazioni di carattere tecnico); ' Di precedenza, se determinano che una fase possa avere inizio solo al raggiungimento di un certo istante, legato ad altra fase.
I vincoli si possono anche dividere in un altro modo: ' Vincoli in linea, che riguardano fasi contigue o meno appartenenti allo stesso sottociclo; ' Vincoli trasversali, che riguardano fasi contigue o meno appartenenti a sottocicli distinti.
I vincoli di uguaglianza e disuguaglianza sono di norma trasversali e servono a quantificare le
attese di cui sono responsabili altre unità; talvolta possono però anche essere in linea, quando
per esempio due fasi dislocate ad una certa distanza lungo un sottociclo siano l''una l''esatto
contrario dell''altra se non proprio la medesima fase.

ESEMPIO 4.1 '' VINCOLO DI UGUAGLIANZA TRASVERSALE: la fase A5 di
allontanamento passivo è pari al tempo C15 che serve agli estrattori per completare la loro
corsa.

ESEMPIO 4.2 '' VINCOLO DI UGUAGLIANZA IN LINEA: il tempo di transizione in
marcia del robot A6 è pari al tempo che lo stesso robot impiega per realizzare la transizione in
folle A4.

ESEMPIO 4.3 '' VINCOLO DI DISUGUAGLIANZA TRASVERSALE: l''accompagnamento
del pistone in apertura D7 deve essere sempre un po'' inferiore per motivi di sicurezza al
tempo di apertura lenta della macchina C11.
84 I vincoli di precedenza possono essere invece tanto in linea quanto trasversali: in linea perché
giustificano la cronologia di tutte le fasi e per tutti i sottocicli, trasversali in quanto descrivono
tutti i legami critici nella costruzione del TC.

ESEMPIO 4.4 '' VINCOLO DI PRECEDENZA TRASVERSALE: il lubrificatore non può
entrare nell''area di ingombro della MPF (inizio B4) se il robot non ha raggiunto il sensore di
presenza pezzo (fine A7).

Nella catalogazione dei vincoli attivi di norma si tende a non indicare i vincoli di precedenza
in linea, essendo essi naturali ed intrinseci.
Occorre sottolineare che l''esistenza dei vincoli determina per le unità coinvolte la contestuale
acquisizione di uno status di unità vincolante (in grado di esercitare la fase in maniera
autonoma) o vincolata (la cui fase può essere realizzata in dipendenza dell''altra): dal punto di
vista dell''ottimizzazione l''unità critica, cui deve essere rivolta l''analisi, è solo quella
vincolante.
Una facoltà di ogni fase a tempo passivo è che la fase precedente, se non ha l''istante di fine
vincolato, può allungarsi all''interno della successiva. Per questo motivo essa viene ad avere
una durata arbitraria, scelta nella maniera più comoda entro l''intervallo formato dal suo valore
minimo e la somma di tale valore con la fase passiva seguente.
Se poi la fase precedente non è vincolata nemmeno nell''istante iniziale allora può addirittura
scorrere, fissata una durata compatibile, fino al termine della fase passiva successiva. Facendo
riferimento al diagramma di sincronizzazione (Fig. 4.7) ecco due esempi:
ESEMPIO 4.5: la fase D13 può allungarsi arbitrariamente nello spazio successivo dell''hp D1
secondo le esigenze di esecuzione di tale fase.
ESEMPIO 4.6: le fasi D9 e B2 possono scorrere arbitrariamente nello spazio precedente o
successivo. 85 Nel foglio in Fig. 4.9 si rappresenta una semplificazione del diagramma di sincronizzazione.
Fig. 4.9 Aggregazione del tempo ciclo secondo un diagramma di sincronizzazione semplificato
Tutti i fogli di stato e quello di sincronizzazione devono essere aggiornati ogni volta che viene
fatto un intervento sull''isola oppure, se non vi sono state modifiche, periodicamente a titolo di
conferma.
Un monitoraggio adeguato consente di capire meglio le fasi soggette a maggior deriva e
quelle su cui è possibile ottenere i maggiori guadagni di tempo.

4.6 APPROCCIO METODOLOGICO ALL''OTTIMIZZAZIONE

Esistono diversi modi per condurre una ottimizzazione sul TC, a seconda della natura
dell''intervento che si vuole realizzare.
L''oggetto dell''intervento è comunque, dal punto di vista dell''analista, la fase.
Gli interventi di ottimizzazione possono essere organizzati in tre classi, in base al loro target: ' modifica: velocizzazione delle fasi attraverso il cambiamento dello stato tecnologico della produzione o di una sua parte; ' riduzione: velocizzazione delle fasi a partire da un certo e non modificabile stato tecnologico della produzione o di una sua parte; ' compressione: incremento dei tempi nascosti a partire da uno stato tecnologico della produzione dato o modificato. 86 Per modifica dunque si intende la sostituzione di una fase, la sua riqualificazione, il suo
ampliamento o al contrario eliminazione etc; la pianificazione di questo intervento è legata
all''attività di ricerca e sviluppo e le innovazioni così prodotte possono essere orientate tanto al
prodotto/macchina quanto al processo.
Per riduzione si intende l''accorciamento del tempo di realizzazione di una fase; questo tipo di
intervento si persegue attraverso azioni di monitoraggio, manutenzione e gestione delle unità.
Per compressione infine si intende l''accavallamento parziale o totale di più fasi contigue
convertendo così parti di tempi critici in tempi nascosti; questo obiettivo è legato all''analisi
dei tempi e metodi, talvolta abbinata a progetti d''innovazione.
Fig. 4.10 Rappresentazione dei 3 tipi di intervento
Dall''analisi della classificazione proposta si può notare che gli approcci metodologici su cui si
basa l''ottimizzazione del TC sono sostanzialmente due: ' approccio manutentivo; ' approccio innovativo.
Il primo fa riferimento a tutta la gamma di interventi che non modificano l''organizzazione del
processo e come abbiamo detto pocanzi includono le riduzioni e parte delle compressioni; il
secondo invece prevede la possibilità di modificare lo stato dell''arte insistente sull''isola ed
include l''altra parte delle compressioni e tutti gli interventi di modifica.
Da un punto di vista prettamente teorico è possibile ipotizzare che il limite inferiore del tempo
ciclo ottenibile senza intervenire sulla durata delle fasi ma solo sulla loro interazione sia pari
alla massima DB dei sottocicli. 87 LIteorico (TC) = max (DB)
Pertanto la comprimibilità teorica del sistema produttivo, sotto le ipotesi esposte, può
esprimersi come:
COMPRteorica = [TC - LIteorico (TC)] / TC
Se questo indice è molto basso vuol dire che il TC è già molto compresso, quindi gli
interventi di ottimizzazione devono essere incentrati sulla modifica e/o riduzione delle fasi;
viceversa, più è alto e più teoricamente esistono margini di compressione.
Sottocicli Tc DB COMPRteorica Saturazione Movimentazione 6,3 69,5 7,69% 84,86% Lubrificazione 36,9 47,6 45,05% 58,12% Alimentazione 32,0 74,0 39,07% 90,35% Chiusura 6,7 81,9 8,18% 100,00% TOTALE 81,9 Fig. 4.11 Valori dei tempi dei sottocicli critici durante il monitoraggio di una settimana
Poiché esiste una saturazione dell''unita MPF (gruppo chiusura) del 100% si deve dedurre che
non è possibile effettuare ulteriori interventi di compressione ma solo di riduzione o modifica.
Si nota inoltre come la criticità della lubrificazione sia preponderante rispetto alle altre,
pertanto deve essere il principale oggetto di ottimizzazione.
Fig. 4.12 Diagramma di Pareto sulla criticità
Nel diagramma di Pareto (Fig. 4.12) presentato vediamo in bianco le colonne già ordinate in
maniera decrescente che rappresentano l''incidenza di ogni unità, in blu i valori cumulati delle
stesse: spicca il dato sull''alimentazione e lubrificazione, che insieme hanno un''incidenza
prossima all''85%. CRITICITA' DEI CICLI 45,05% 84,12% 92,30% 100,00% 45,05% 39,07% 8,18% 7,69% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 120,00% Lubrificazione Alimentazione Chiusura Movimentazione VALORI CUMULATI VALORI ASSOLUTI 88 La pianificazione degli interventi dipende molto dalle caratteristiche sopra esposte. In Fig.
4.11 è presentato il foglio di miglioramento: esso va compilato ogni volta che cambia
qualcosa nella conduzione dell''isola. Dopo la definizione degli interventi verrà steso un
nuovo foglio di stato
La struttura di monitoraggio è dunque del tipo: fogli di stato
foglio di miglioramento (definizione degli interventi migliorativi)
nuovo fogli di stato
foglio di miglioramento (definizione dei nuovi interventi migliorativi)
''
Col passar del tempo viene dunque a prodursi una documentazione storica precisa e completa
dell''evoluzione delle prestazioni dell''isola.
Fig. 4.13 Foglio di intervento
Va d''altronde considerato che spesso fare una modifica sul sistema di produzione significa
incorrere in inconvenienti non immaginabili all''inizio, come: ' rischio di collisioni; ' inadeguatezza del ciclo di lubrificazione o chiusura; ' aumento dell''incidenza di guasto sul componente migliorato o su altri;
' riduzione della vita utile di componenti soggetti a maggior sforzo; ' modifiche agli equilibri termici delle impronte o degli altri elementi termoregolati. 89 Peraltro tali conseguenze possono non manifestarsi nel breve termine, dando la percezione
ingannevole di aver condotto una buona ottimizzazione 12. Come si può vedere il foglio di intervento tiene conto di questi aspetti in quanto dedica una
sezione apposita agli impatti di lungo periodo: è pertanto evidente che l''ottimizzazione del
tempo ciclo sia però una attività da affidare a persone particolarmente esperte e fortemente
competenti sul processo.

4.7 TIPI DI INTERVENTO

A partire dalla classificazione proposta al paragrafo precedente è possibile stilare il seguente
elenco dei tipi di intervento, accompagnato da una breve analisi per ogni tipo.

4.7.1 CLASSE DEGLI INTERVENTI DI MODIFICA

MODIFICHE STRUTTURALI DEGLI IMPIANTI PRIMARI ED AUSILIARI
Consistono nel sostituire un determinato impianto con un altro tecnologicamente più avanzato
o comunque più rispondente alle necessità produttive dell''isola; questa voce, molto generica,
è dunque adattabile ad ogni tipo di ciclo.
Questo intervento deve essere sostenuto da un accurato studio di fattibilità, di compatibilità
con gli altri impianti, di comunicabilità tra i software e soprattutto da una convincente analisi
dei costi/benefici.

SOSTITUZIONE, RIGENERAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEI MATERIALI DI
CONSUMO ED ACCESSORI
Questo tipo di intervento può garantire maggiore efficienza e produttività agli impianti ed alle
macchine. D''altronde modificare un materiale di consumo come per esempio un distaccante è
un intervento da valutare accuratamente in quanto, impatti economici a parte, occorre vedere
come risponde l''impianto al nuovo prodotto, come e se la qualità dei getti viene alterata ed
ovviamente quanti benefici sono ottenibili sul tempo del ciclo di lubrificazione e sul
raffreddamento.

RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEI CICLI
La modifica dei cicli è un intervento molto complesso ma che offre i maggiori margini di
miglioramento. Per modifica si intende, in questa sede, ogni intervento che produca delle
innovazioni di processo, riqualifichi impianti o macchine e determini più efficienti forme di
interazione tra le unità. Esempi di ristrutturazione o riqualificazione possono essere la
riscrittura del ciclo di lubrificazione mediante l''ausilio di testine dedicate ed analisi
termografiche.
Anche in questo caso, l''intervento deve essere sostenuto da un accurato studio di fattibilità, di
compatibilità con gli altri impianti, di comunicabilità tra i software e soprattutto da una
convincente analisi dei costi/benefici.
12 Un intervento che ad esempio garantisca un risparmio di un secondo su ogni ciclo è certamente interessante, poniamo ad esempio la razionalizzazione del ciclo di lubrificazione; ma se in sua conseguenza si dovesse
provocare un''incidenza superiore delle incollature sullo stampo, che spesso obbligano addirittura a smontare lo
stampo con perdite di alcune ore, viene vanificato tutto il risparmio di un mese. 90 4.7.2 CLASSE DEGLI INTERVENTI DI RIDUZIONE

MANUTENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGA
Di norma l''ottimizzatore di processo dà per assodate le caratteristiche della lega impiegata in
produzione ma è chiaro che se essa è di buona qualità cambiano le caratteristiche
fluidodinamiche e dunque le fasi di iniezione e raffreddamento.
La gestione della lega è tuttavia un''attività condotta da altre figure gestionali, pertanto si può
al limite auspicare un feedback produttivo simile a quello con il settore della progettazione.

MANUTENZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI PRIMARI ED AUSILIARI
Questa voce è molto generica ed allude agli interventi ordinari che garantiscono un
determinato livello di efficienza delle macchine: la manutenzione in sé non ha
controindicazioni, ma il suo esercizio è legato a discorsi di natura economico-produttiva in
quanto il più delle volte richiede che gli impianti siano fermi.
Come vedremo nel prossimo capitolo, la manutenzione in ALMEC S.p.A. è di tipo preventivo
o più spesso a guasto, e prevede interventi straordinari secondo opportunità di fermo impianti.
La possibilità di realizzare degli interventi su condizione consentirebbe un livello di efficienza
media superiore a quello attuale e delle performance tecniche più elevate.

ACCOSTAMENTO DELLE PRESTAZIONI AI LIMITI TECNOLOGICI E RIVISITAZIONE DEI RANGE
Per velocizzare una fase a cui sia associata un parametro fisico (velocità, pressione) si può
pensare di aumentare il valore impostato di tale parametro, nel rispetto delle interazioni con le
altre unità.
Attenzione però a non esporre l''impianto a condizioni di carico critici (ad esempio con cicli di
sforzo eccessivi) perché in tal caso tutti i vantaggi preventivati verrebbero a decadere
bruscamente nel medio/lungo periodo. Per esempio, la causa maggiore di usura per un robot
non è tanto la sua velocità media bensì i picchi di velocità, le decelerazioni e la taratura di fine
corsa.

OTTIMIZZAZIONE SPAZIALE DELLE QUOTE E DELLE TRAIETTORIE
Consiste nella correzione delle traiettorie delle unità che realizzano moti non vincolati, oppure
nella variazione delle quote di fermo (home-position, quote di lavoro, collocazione dei sensori
etc). Questo tipo di modifiche può essere realizzato solo se non si inficia negativamente lo
svolgimento degli altri sottocicli.

FEEDBACK DI PROGETTAZIONE DEGLI STAMPI E DEI PRODOTTI
Come noto il ciclo di lubrificazione è progettato e gestito anche per correggere i problemi di
termoregolazione dello stampo: se dunque ci fosse una comunicazione tra i reparti di
progettazione e produzione si potrebbero segnalare tali questioni che vengono
sistematicamente rilevate in fase di termoregolazione. I progettisti così interverrebbero sullo
stampo successivo e si potrebbero avere dei grossi benefici, soprattutto sul ciclo di
lubrificazione. Ci si potrebbe poi anche soffermare su questioni progettuali di prodotto, come
ad esempio la forma dell''attacco di colata: con una migliore ingegnerizzazione si possono
ridurre notevolmente i tempi di raffreddamento. 91 ' tuttavia evidente che un intervento come quello di miglioramento di uno stampo ha dei
tempi di implementazione lunghi, dai 6 ai 9 mesi a seconda che lo stampo voglia essere solo
migliorato o rifatto del tutto, al termine della sua vita utile. Le modifiche alla forma del
prodotto inoltre richiedono un attentissimo studio di fattibilità, legato essenzialmente alla
qualità del nuovo getto e alle conseguenze sulla termoregolazione della riduzione del
raffreddamento, oltre che alle esigenze del cliente.

4.7.3 CLASSE DEGLI INTERVENTI DI COMPRESSIONE

ANTICIPI E SINCRONIZZAZIONI
Gli anticipi consistono nella possibilità di partizionare la seconda di due fasi legate ad un
vincolo di precedenza nel modo seguente: una prima quota anticipata, in cui si possono
condurre le azioni senza intralci (in tempo nascosto), una seconda quota, legata alla
contingenza di fasi appartenenti ad altri sottocicli, rallentata dall''attesa di esse ma per lo meno
più breve della intera fase di partenza, essendo alcune azioni già state svolte.
Le sincronizzazioni invece prevedono che, se un''unità realizza movimenti indipendenti in una
stessa fase, si può pensare di accavallarli più o meno parzialmente producendo un risparmio
pari alla dimensione della sovrapposizione. In pratica anticipo e sincronizzazione sono
entrambe ottimizzazioni cronologiche tuttavia mentre l''anticipo si realizza tra fasi
mutuamente vincolate, la sincronizzazione si realizza tra fasi non vincolate.
Realizzare una compressione è un''attività comunque molto vasta in quanto ammette la
possibilità di intervento per ogni coppia di fasi contigue: l''ordine di grandezza di questo tipo
di intervento è pertanto pari al numero complessivo delle fasi di tutti i cicli.
Gli anticipi non si possono sempre realizzare in quanto esistono molti vincoli tra i sottocicli;
si deve peraltro ricordare che quando un TC si riduce significativamente si possono avere
ripercussioni sul raffreddamento e quindi può diventare necessario rivedere il ciclo di
lubrificazione, realizzando così un feedback negativo sullo stesso TC.

4.8 CREAZIONE DI UNA CHECK-LIST DEGLI INTERVENTI

Ognuno degli interventi proposti va coniugato con i 4 sottocicli critici, producendo un elenco
omnicomprensivo delle azioni di miglioramento che di fatto possono essere condotte
sull''isola.
Naturalmente non è detto che ad ogni tipo corrispondano necessariamente 4 modi di
applicazione: possono essere meno, quando qualche unità non ha caratteristiche tali da
rendere significativo o consentire quel intervento (vedi il feedback di progettazione dello
stampo per il robot o la modifica delle quote di lavoro per il pistone), ma possono anche
essere di più, quando su una unità l''intervento può essere interpretato in più modi (l''esempio
più eclatante sono gli anticipi e le sincronizzazioni).
Nel seguito è presentata la catalogazione dei tipi di intervento, coniugati secondo i modi di
applicazione che è stato ritenuto significativo considerare.
Ogni voce è stata messa in relazione ai tempi e costi di implementazione.
I tempi di implementazione possono essere: ' Brevi (B) se dell''ordine dei secondi \ minuti; ' Medi (M) se dell''ordine delle ore \ giorni; ' Lunghi (L) se dell''ordine delle settimane \ mesi. 92
I costi di implementazione, con ordine di grandezza la spesa economica: ' Zero (Z) se nulli o trascurabili; ' Quasi zero (QZ) se non nulli ma poco significativi; ' Significativi (S) se determinano un importante onere finanziario. INTERVENTO TEMPI COSTI MODIFICHE STRUTTURALI DEGLI IMPIANTI
PRIMARI ED AUSILIARI
B M L Z QZ S 1 Acquisizione di impianti a maggior efficienza e\o
tecnologicamente evoluti, in sostituzione o in
affiancamento agli esistenti x x x 2 Razionalizzazione del layout x x 3 Rimozione di parti, componenti macchine etc e
conseguente riqualificazione delle altre x x 4 Ristrutturazione del sistema di ugelli e canne della testina x x 5 Impiego di testine dedicate x x 6 Scomposizione del ciclo di lubrificazione in parte acqua e
parte olio x x 7 Lubrificazione parziale o totale attraverso cannoncini
montati a bordo stampo o sul robot o sulla struttura di
sostegno del sensore presenza pezzo x x 8 Aggiunta di nuovi sensori in posizioni critiche x x 9 Desensibilizzazione dalla canalina o altri elementi
marginali x x SOSTITUZIONE, RIGENERAZIONE ED
AGGIORNAMENTO DEI MATERIALI DI CONSUMO
ED ACCESSORI
B M L Z QZ S 10 Sostituzione o aggiornamento degli oli lubrificanti dei
componenti in moto, degli oli impiegati negli
accumulatori oleodinamico di pressione, dei fluidi
diatermici di raffreddamento etc x x 11 Sostituzione o aggiornamento del distaccante impiegato
nel circuito di lubrificazione x x RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEI
CICLI
B M L Z QZ S 12 Realizzazione di cicli di lubrificazione dedicati x x 13 Analisi innovativa di ogni fase (nuove tecnologie di
raffreddamento, di estrazione del pezzo, di iniezione, di
controllo della lega etc) x x 14 Alterazione delle sequenze di lavoro dei sottocicli x x 15 Analisi della saturazione delle unità e pianificazione di
scopi più complessi o del tutto ridefiniti, lavorando sia
sulle fasi di lavoro che sulle fasi morte x x x 93 MANUTENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGA B M L Z QZ S 16 Ottimizzazione della composizione della lega x x MANUTENZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI
PRIMARI ED AUSILIARI
B M L Z QZ S 17 Aggiustamento del ciclo di lubrificazione in seguito al
controllo dell''efficienza dell''impianto di miscelazione x x 18 Aggiustamento del ciclo di lubrificazione e di
solidificazione in seguito al controllo dell''efficienza
dell''impianto di raffreddamento dello stampo x x 19 Messa in efficienza dei componenti di ogni unità x x 20 Manutenzione delle elettrovalvole responsabili delle
pressioni dei fluidi x x 21 Pulitura o sostituzione dei circuiti e degli ugelli
parzialmente o completamente intasati x x 22 Pulitura o sostituzione delle cannette di lubrificazione,
controllo dell''esatto posizionamento ed angolazione x x 23 Sostituzione delle parti cui venga associata
un''inefficienza legata all''usura x x x 24 Manutenzione del software orientata al superamento di
determinati vincoli ed alla eliminazione dei tempi
d''inerzia x x 25 Ottimizzazione delle tarature e dei parametri macchina x x ACCOSTAMENTO DELLE PRESTAZIONI AI LIMITI
TECNOLOGICI E RIVISITAZIONE DEI RANGE
B M L Z QZ S 26 Accostamento delle impostazioni di velocità ai limiti
tecnologici per il robot ed il lubrificatore x x 27 Accostamento di altre variabili fisiche ai limiti
tecnologici x x 28 Controllo termografico in generale e controllo visivo dei
sintomi di sforzo sulla materozza per ottimizzare il tempo
di raffreddamento (se vengono rilevate criticità occorre
intervenire al contrario per ridurre il rischio di non
qualità) x x OTTIMIZZAZIONE SPAZIALE DELLE QUOTE E
DELLE TRAIETTORIE
B M L Z QZ S 29 Modifica delle quote di lavoro di tutte le unità in moto
vincolato x x 30 Ottimizzazione della distanza degli ugelli dagli stampi x x 31 Controllo del tipo di getto e delle angolazioni di tutti gli
ugelli e cannette x x 32 Collocazione dei sensori in punti ottimizzati rispetto alle
traiettorie, agli altri cicli etc x x 33 Rivisitazione al punto più vicino, rispetto ai moti
condotti, di tutte le home position x x 34 Collocazione più razionale delle unità nell''isola x x 94 35 Ottimizzazione della traiettoria percorsa dal robot x x 36 Ottimizzazione dell''angolo di inclinazione della canalina x x FEEDBACK DI PROGETTAZIONE DEGLI STAMPI E
DEI PRODOTTI
B M L Z QZ S 37 Segnalazione ai progettisti dello stampo dei punti con
problemi di termoregolazione e difficilmente lubrificabili x x x 38 Segnalazione ai progettisti del pezzo delle geometrie poco
efficienti del pezzo, del canale di colata e della materozza
in termini di tempo di raffreddamento x x x ANTICIPI B M L Z QZ S 39 Compattazione di tutte le fasi attigue appartenenti ad uno
stesso sottociclo, non vincolate da una sequenza rigida x x x 40 Compattazione di tutte le fasi attigue appartenenti al ciclo
ma non allo stesso sottociclo, non vincolate da una
sequenza rigida x x x 41 Sincronizzazione di fasi attualmente consecutive
mediante accorgimenti tecnologici e\o logistici x x x 95 4.9 SCELTA E PRIORITÁ DEGLI INTERVENTI

Una volta chiaro il quadro delle possibilità d''azione ci si devono porre alcune domande: ' tra quali degli interventi proposti è possibile scegliere effettivamente' ' quali interventi, all''interno dei possibili, conviene realizzare'
' in quale ordine'
La risposta a queste domande è legata alla schematizzazione proposta: gli interventi fattibili
sono infatti solo quelli abbinati ad uno studio di fattibilità positivo, che abbia cioè stimato i
benefici di lungo periodo superiori ai costi.
Tra gli interventi fattibili si può in seguito procedere a costruire un elenco ordinato
cronologicamente secondo il tempo di implementazione minore ed il costo minore.
Per valutare il margine di beneficio ottenibile si può invece ordinare le unità critiche per
indice di criticità o saturazione crescente.
Infine occorre valutare il supporto tecnico necessario per la messa in atto. Ognuno di questi
interventi infatti coinvolge un''area tra progettazione, produzione e manutenzione e deve
quindi essere pianificato in armonia con essa, sottostando peraltro alle priorità ordinarie che
tali aree devono rispettare.
In linea di massima comunque conviene sempre realizzare gli interventi nei periodi di
inattività dell''isola.

ESEMPIO DI OTTIMIZZAZIONE DEL TEMPO CICLO

Osservando il ciclo di movimentazione di una scatola cambio di grosse dimensioni sulla MPF
28, che esprimeva un TC di 83,5 secondi, si osservò che la fase di stretta delle pinze sulla
materozza era troppo lunga (circa 1,5 secondi); per questo motivo si è ricorso all''intervento di
un tecnico programmatore, per ridurre il tempo associato a quella sottofase fino a 0,5 secondi,
ritenendo infatti che mezzo secondo è un tempo adeguato per garantire una sufficiente presa
da parte del robot.
Il tempo ciclo è così sceso ad 82,5 secondi.
In seguito, poiché il robot avrebbe comunque potuto lavorare più velocemente, si è intervenuti
sulla velocità dello stesso in uscita dagli stampi (impostando il valore di velocità al 55% della
massima ammessa) aumentandola da 3000 a 4000mm/s.
Contestualmente si era notato che la quota di partenza della pinza non era in linea con quella
della materozza; pertanto la si è abbassata di 15 cm.
Il tempo ciclo si è così ulteriormente ridotto fino a 81,9 secondi.
96 Fig. 4.14 Rappresentazione dell''intervento
Questi miglioramenti non hanno prodotto inefficienze in altri fasi del ciclo, né rischi di
collisione alcuna, pertanto sono stati acquisiti stabilmente presso l''isola.

SIGNIFICATIVITA'' DELL''INTERVENTO

Si consideri che ad un tempo ciclo di 83,5 secondi corrisponde una produzione di 43,1
stampate/ora, mentre al valore di 81,9 secondi una produzione di 44,0 stampate/ora.
Solo sulla MPF 28 sono dunque stati guadagnati 5,4 pezzi a turno, 21,6 pezzi al giorno.
Se pertanto adesso si immaginasse di trasferire questo intervento sulle altre 43 isole dello
stabilimento, nell''ipotesi esso fosse fattibile su tutte le MPF mediamente con lo stesso
beneficio ed a partire da un tempo ciclo assimilabile a quello considerato, si giungerebbe ad
un guadagno complessivo pari a 950 pezzi al giorno.
97 5. OTTIMIZZAZIONE DI PROCESSO

5.1 MONITORAGGIO DEL PROCESSO

Seconda parte del piano di ottimizzazione è quella che prevede il monitoraggio del processo
di pressofusione per determinare le cause di fermo, la performance del sistema e stilare dei
piani di manutenzione efficaci.
Lo strumento proposto per il monitoraggio delle isole è stato il seguente foglio (Fig. 5.1),
adottato in via sperimentale su tutte le 4 isole della Fonderia C.
Fig 5.1 Foglio di monitoraggio della produzione e dei fermi
In questo foglio l''operatore è tenuto a riportare tutte le cause di fermo, indicando esattamente
l''ora di inizio e fine, la descrizione dettagliata del fermo ed alcuni dati riguardanti il turno: ' produzione buona e scarti; ' pit stop (breve e rapida pulizia dello stampo e del gruppo di iniezione); ' pulizie varie a tutta l''isola di lavoro; ' segnalazione di modifica parametri;
' tempo ciclo. 98 Il dato sulla sostituzione delle fasce serve all''area magazzino per conoscere il fabbisogno di
fasce; quelli sulla pulizia servono invece nell''ottica di una manutenzione minuta e per
responsabilizzare l''operatore.
Il pit stop è un fermo di breve durata (circa 10 minuti) in cui vengono eseguite operazioni di
manutenzione spicciola, dalla pulizia delle superfici dello stampo al rabbocco dell''olio al
controllo visivo delle spine alla rimozione di pezzi di scarto dal vassoio della MPF.
' stato recentemente disposto che debba essere eseguito ad ogni turno, o su opportunità
quando possibile o intenzionalmente fermando l''isola per il tempo necessario.
Un dato di particolare rilevanza è dato dagli scarti in autoriduzione ed a regime: come da
capitolo precedente, a seguito di un fermo la produzione riprende passando per una fase
transitoria in cui i parametri di produzione sono ridotti, detta di autoriduzione. In questa fase i
getti prodotti sono considerati scarti in quanto presentano caratteristiche meccaniche basse e
spesso sono esteticamente imperfetti, presentando macchie scure dovute alla lubrificazione
manuale mediante altro tipo di distaccante che lascia traccia sulla pelle del getto.
Un''isola di pressofusione produce scarti quasi esclusivamente durante l''autoriduzione e
nell''immediata fase successiva (scarti a regime): l''operatore è tenuto a riportare questi dati al
fine di determinare la qualità della produzione.
Altri scarti che potrebbero rilevarsi in regime di produzione standard non compaiono nella
scheda in quanto non hanno determinato fermo; tuttavia questa imprecisione informativa è
particolarmente bassa, in quanto è stato verificato che gli scarti determinati sotto queste
condizioni sono significativamente inferiori all''0,1% del totale della produzione.


5.1.1 INFLUENZA DELL''OPERATORE

La consultazione dei dati trasmessi ha messo in evidenza che a volte gli operatori non
eseguono questa disposizione compilativa, oppure la eseguono ma in maniera errata,
imprecisa, lacunosa o approssimativa, o ancora non hanno una percezione esatta della causa
del fermo. Inizialmente però questa condizione è stata assorbita come fisiologica, essendo tali
operatori non abituati a fornire un simile numero di informazioni, peraltro dovendo riportarle
in tempo reale sulla scheda per non perdere memoria dei dettagli di alcun episodio.
Questi problemi comunque hanno comportato la necessità di sensibilizzare il gruppo degli
operatori e dei capi turno, istruendoli sulla corretta compilazione.
D''altro canto infatti si è compresa la criticità del coinvolgimento dell''operatore nel processo
di miglioramento, pertanto la scheda offre appositi spazi in cui egli può fornire proprie
considerazioni sull''andamento dell''isola (note isola di lavoro) o sulla specifica causa di
guasto (note & suggerimenti), nella convinzione che gli operatori siano empiricamente i
migliori conoscitori dell''isola e del processo.
Un altro aspetto che è emerso dalla compilazione delle schede è che si sarebbero dovute
codificare le cause di fermo secondo i codici standard forniti dalla macchina Buhler, tuttavia
questa direzione non è stata imboccata per non complicare troppo la transizione al nuovo
modello di controllo.
Infine si fa presente che, a fronte di una descrizione del fermo incoerente, può realmente
succedere che una stessa causa di fermo produca fermi molto diversi. La rottura di una spina
può avere ad esempio tempi di ripristino molto diversi a seconda dell''altezza di rottura: la
rottura a metà lunghezza per esempio comporta un semplicissimo intervento di svitaggio a 99 mano; la rottura alla radice invece comporta un molto più lungo e pericoloso 13 intervento di saldatura sulla radice, in modo da avere una parte afferrabile da cui svitare.
Allo stesso modo, l''incollaggio di un pezzo o di una sua parte sulle impronte può essere
risolto direttamente tra gli stampi con la fiamma, oppure si deve smontare integralmente lo
stampo nei casi più complessi, con una perdita di tempo significativa.

5.2 ANALISI DEI DATI

I dati rilevati turno per turno nell''arco di settimane sono stati inseriti all''interno di opportuni
fogli di analisi, che hanno consentito la valutazione di numerosi aspetti.
In primo luogo si è potuto monitorare il reale andamento della produzione isola per isola,
valutando poi la costanza della produzione ed il confronto con i target aziendali.
Nella Fig. 5.2 è mostrato un recente andamento della produzione per la MPF 28.
Fig. 5.2 Andamento della produzione fino al giorno 18
Questo diagramma, come molti altri elaborati nel periodo di monitoraggio, sono stati
pubblicati a bordo macchina in modo da sensibilizzare l''attenzione degli operatori e fargli
percepire il feedback del loro lavoro.
Tuttavia si è cercato di omettere riferimenti troppo precisi al singolo turno, di modo da non
alimentare percezioni inquisitorie negli stessi.

13 La saldatura direttamente sullo stampo può infatti danneggiarlo irreparabilmente, per questo l''intervento va fatto con estrema cura. PRODUZIONE GIORNALIERA MPF 28 SETTIMANA 14-19 MAGGIO 172 219 193 248 159 238 147 231 236 236 236 237 242 106 129 177 84 0 0 0 0 0 0 0 0 50 100 150 200 250 300 14 15 16 17 18 19 Giorno Pz buoni 100 Fig. 5.3 Pubblicazione dei risultati
Attraverso il calcolo della deviazione standard dei valori diagrammati si è potuto avere un
indice quantitativo della costanza della produzione dell''isola.
Nel caso proposto in Fig. 5.2, che corrisponde al valore di settimana 20 nel diagramma
successivo, si notano due giorni di mancata produzione per mancanza lega: in tal caso la
deviazione standard è stata misurata sia in maniera integrale (100,06) che dopo decurtazione
degli ultimi due giorni (46,06). ' prassi condurre delle misurazioni nella doppia modalità, in
modo da depurare i dati da anomalie non consuetudinarie.
Fig. 5.4 Il controllo della varianza come strumento di monitoraggio della costanza di produzione
' evidente che l''ideale sarebbe una deviazione standard prossima a zero (in gergo si parla di
''altopiano' per indicare questa condizione di produttività costante ed alta); più
realisticamente però si può ritenere che il target aziendale debba attestarsi a 25÷35.

ANDAMENTO DELLA VARIANZA MPF 28 0 20 40 60 80 100 120 15 16 19 20 SETTIMANA ANDAMENTO SCONTATO ANDAMENTO INTEGRALE STIMA DEL TARGET 101 Vediamo un altro diagramma:
Fig. 5.4. Andamento della produzione dal giorno 15
In questo caso la deviazione standard è pari a 67,65 nella settimana, 48,35 omettendo i dati
del lunedi 14 (un giorno intero è stato perso per ripristinare una spina).
Ecco, proprio questo dato fa riflettere su come a volte si tenda ad approssimare di fatto un
fermo ad un turno o suo multiplo: considerato infatti che nella peggiore delle ipotesi una spina
possa essere rimossa in 3÷4 ore, il dato presentato segnala una severa inefficienza (deviazione
standard cresciuta quasi del 40%).

5.2.1 CAUSE DI FERMO

A seguito di numerosi rilevamenti è emerso un dato significativo sulla gestione dei fermi: essi
tendono ad essere risolti con maggior lentezza in corrispondenza dei turni notturni e dei giorni
finali della settimana. Questo significa che non vi è un atteggiamento da parte degli addetti
alla produzione e manutenzione sempre efficiente.
Le cause di fermo sono state analizzate una ad una e raggruppate nelle seguenti macroaree: ' Risorse (mancanza energia, mancanza lega etc); ' Qualità (scarti e non conformità);
' Manutenzione e balance (fermi macchina vari o interventi preventivi).
Alla voce manutenzione e balance, come detto, fanno capo essenzialmente tutte le cause di
fermo registrate presso un''isola. La differenza tra manutenzione e balance consiste nel fatto
che le voci di fermo relative alla manutenzione hanno comportato un intervento da parte dei PRODUZIONE GIORNALIERA MPF 27 SETTIMANA 14-19 MAGGIO 0 0 0 100 66 165 131 131 224 189 114 114 180 178 118 208 174 125 42 210 210 169 151 131 0 50 100 150 200 250 14 15 16 17 18 19 Giorno Pz buoni 102 manutentori; i fermi raggruppati come balance sono stati gestiti invece direttamente
dall''operatore a bordo isola.
Le aree su cui si sono applicate le voci manutenzione e balance sono state: ' Software; ' Forno; ' Iniezione;
' Stampo; ' Robot; ' Trancia.
Nella Fig. 5.5 è presentato nel dettaglio il foglio di analisi dei dati di fermo. In esso sono
riassunti tutti i concetti finora esposti: dal dettaglio sui fermi (incidenza, gravità,
raggruppamento in macroaree) alla produzione buona, dalla deviazione standard all''indice di
efficienza etc.
Si può notare in particolare che le cause di fermo riconducibili a manutenzione sono state
abbinate a quelle dovute a balance in quanto esprimono sostanzialmente due livelli di
sensibilità degli operatori nell''approccio allo stesso problema.

Più specificamente, ad ogni causa di fermo sono stati abbinati i seguenti dati riferiti ad una
singola settimana: ' frequenza; ' incidenza delle cause di fermo, in assoluto e rispetto al totale.
Inoltre si è considerato il dato giornaliero aggregato e rispetto ad esso sono stati valutati: ' disponibilità della MPF; ' produzione giornaliera;
' produttività giornaliera a rubrica (cioè richiesta dalla cliente finale) e tecnica; ' fermi programmati; ' tempi medi corrispondenti alla produzione di un getto.
I casi di fermi programmati della produzione non sono stati considerati nel calcolo
dell''efficienza delle isole. 103 Fig. 5.5 Esempio di elaborazione dei dati d''ingresso della scheda di monitoraggio 104 5.3 GESTIONE DELLA MANUTENZIONE

La gestione della manutenzione si occupa di garantire la disponibilità dei sistemi,
l''economicità della conduzione dei sistemi, la loro sicurezza e l''impiego ottimale delle risorse
ambientali.
Una prima distinzione da evidenziare è quella tra strategie e politiche manutentive: mentre le
prime descrivono l''approccio operativo ai problemi della manutenzione, le politiche indicano
l''atteggiamento complessivo che l''organizzazione assume nei confronti delle stesse
problematiche.
Per quanto riguarda le politiche si annovera la Reliability Centered Maintenance (RCM) e la
Total Productive Maintenance (TPM); le strategie manutentive includono la manutenzione a
guasto, la manutenzione preventiva (su condizione o secondo programma), la manutenzione
predittiva e la manutenzione migliorativa.
Nell''ALMEC S.p.A. la politica manutentiva adottata è principalmente quella a guasto, più di
rado quella preventiva. Questa soluzione è legata al fatto che la squadra di manutentori è
dimensionata per un numero di macchine inferiore a quelle disponibili in azienda (attualmente
più di 40), o comunque ad un livello di difettosità delle macchine inferiore a quello
attualmente in atto; inoltre la ridotta capacità del personale a bordo macchina di condurre
un''efficiente auto-manutenzione aggrava la mole di interventi.
Il personale manutentivo non è in grado di intervenire nel caso dell''occorrenza di anomalie
troppo tecniche in quanto gli impianti installati presentano un contenuto tecnologico elevato:
ad esse si deve far fronte con manutentori provenienti dalle stesse aziende fornitrici dei
macchinari, spesso legate all''azienda da appositi contratti di assistenza: questi sono di norma
gli interventi stabiliti preventivamente e vengono fissati in periodi di fermo impianti.
Resta infine la considerazione sulla necessità che operatori e manutentori frequentino dei
corsi di formazione ed aggiornamento specifici sulla gestione e manutenzione ordinaria delle
macchine: questi corsi dovrebbero essere organizzati in sede per permettere al maggior
numero possibile di persone dello staff ALMEC S.p.A. di acquisire nuove conoscenze.
Per quanto riguarda la gestione della mole informativa in questo reparto, essa risultava
obsoleta: a questo problema ha fatto recentemente fronte il piano di acquisizione di un nuovo
software di gestione della manutenzione.
La raccolta dei dati di fermo è il primo passo per stilare dei nuovi piani di manutenzione
secondo frequenza e gravità, come mostrano le figure seguenti.
105 Fig.5.6 Evoluzione dell''incidenza dei fermi calcolati in minuti
Nel diagramma di Fig. 5.6 è possibile osservare come si è ridotto il peso di alcune voci di
guasto a seguito degli interventi di manutenzione realizzati sulla MPF 28 nelle settimane 17 e
18.
La voce risorse esprime tutte le cause di fermo riconducibili a problemi organizzativi
(mancanza lega, mancanza manodopera, mancanza energia'); la mancanza lega ha avuto una
incidenza significativa sulla produzione in quanto l''azienda ha avuto una fase transitoria di
sostituzione dei propri fornitori.
Resta comunque il fatto che a seguito dei dati raccolti nelle precedenti settimane e che
avevano evidenziato una certa criticità dei forni, sono stati fatti degli interventi specifici su di
essi producendo dei significativi miglioramenti.
TREND DEI TEMPI DI FERMO RAGGRUPPATI PER MACROAREE MPF 28 0 500 1000 1500 2000 2500 RISORSE QUALITA' SOFTWARE FORNO INIEZIONE STAMPO ROBOT TRANCIA Settimana 16 Settimana 19 Settimana 20 106 Fig. 5.7 Dettaglio delle cause di fermo
Una importante considerazione è quella che riguarda il rapporto tra frequenza di guasto e
gravità. In effetti i diagrammi mostrano come il balance incida poco sulle cause di fermo,
questo a dispetto dell''alta frequenza di manifestazione di quei fenomeni.
Il motivo è che l''operatore, essendo in grado di gestire il balance autonomamente, riesce a
perdere non più del tempo di una stampata: questa perdita, seppur cumulata nel tempo su un
numero elevato di registrazioni, non è paragonabile ai fermi per manutenzione a guasto,
soprattutto se si tiene conto della non tempestività degli interventi, come esposto nel seguito.
INCIDENZA FERMI MPF 28 SETTIMANA 14-19 MAGGIO 0 100 200 300 400 500 600 mancanza lega mancanza energia elettrica mancanza lubrificante mancanza olio cassone materozze pieno (mancanza carrellista) avviamento pit stop transizione spontanea in semiautomatico (forno) manutenzione plc contatto azionato più volte, probl ai compressori sfiato troppo tardi \ troppo lento (coincide caricam) mat. fuorirange\blocco rbt in mpf\pz nello st\caric forn versamento lega sostituzione piastra isolazione dosatore pistone time out ritorno\ anomalia lubrificatore pistone parametri fuori range grippaggio pistone\ perdita acqua dall'asta intervento sul gocciolatore olio pistone sostituzione pistone \ stelo \ fasce perdita acqua\olio \ sostituzione tubo pezzo incollato grippaggio radiali sostituzione estrattore \ ripristino estrattore in rilievo lucidatura stampo e radiali PM rottura trottolina radiale blocco in trancia (causa fagioli o parti materozza) blocco nello stampo \ anomalia pinza time out funzionamento motori anomalia discesa stampo trancia \ pozzetto in stampo saldatura stampo \ rottura smaterozzatore minuti FREQUENZA 0 10 20 30 40 n. volte 107 5.3.1 RISOLUZIONE STANDARD DEI FERMI

Un dato che non emerge da quelli raccolti è quanto tempo servirebbe per risolvere in maniera
standard un fermo. Questo problema è legato ad alcuni aspetti: ' L''operatore indica l''intervallo di fermo, non l''intervallo di ripristino della funzionalità della macchina, pertanto non si conoscono i tempi di attesa che la manutenzione abbia
luogo e se esistono dei tempi morti dopo tale ripristino; ' Fermi impianti riportati sotto la stessa voce possono avere in realtà peculiarità e gravità molto diverse.
Per questi motivi l''unica cosa che si potrebbe fare, ma che in questa sede non si è fatta, è
valutare media e varianza per ogni tempo di ripristino di un fermo, ottenendo un dato
macroscopicamente significativo.
Una varianza molto alta infatti, fermo restando che una stessa voce di fermo può comportare
tempi di ripristino differenti, sta ad indicare con grande probabilità una gestione inefficiente
del fermo.
Per avere dati più precisi sul tempo di manutenzione sono stati anche consultati i registri delle
squadre di manutenzione, notando tuttavia che essi non sono sempre ben compilati e che
molte informazioni necessarie risultano mancanti.

5.4 ANALISI DI PERFORMANCE: L''OEE

Sebbene la produttività teorica della MPF sia deducibile dal tempo ciclo medio, l''azienda
tende a fissare degli indici sulla base del proprio target (produttività a rubrica), di norma più
basso di quello tecnicamente possibile.
' il caso ad esempio della MPF 28, in grado di produrre un pezzo ogni 82 secondi circa (43
stampate/ora in assenza di fermi). Per l''azienda il target è invece 35÷40 stampate ora.
Il target aziendale è un dato concordato con il cliente ed esprime una garanzia per
quest''ultimo di affidabilità del fornitore: di norma il valore minimo di produttività è il 60% di
quello ottenibile a partire da quello concordato.
Il parametro conclusivo di analisi della produttività è stato l''Overall Equipment Effectiveness,
il cui acronimo è OEE (efficienza globale dell''attrezzatura).
L''OEE fornisce una valutazione dei livelli prestazionali delle singole aree (produzione,
manutenzione, qualità') presenti all''interno di un''azienda o dell''azienda nel suo complesso.
L''OEE è: ' un indice di tipo globale usato per stabilire il livello prestazionale di un''isola produttiva; ' un parametro utilizzato per eseguire una classificazione ed una quantificazione delle principali cause di perdita di efficienza; ' una misura del valore aggiunto apportato da una macchina o da un impianto alla produzione. 108 L''OEE è dato dal prodotto di 3 fattori, che sono:
OEE = DISPONIBILIT' * EFFICIENZA PRODUTTIVA * QUALIT' A * E * Q
Dove: ' A è la disponibilità data dal rapporto tra il tempo in cui l''impianto può essere utilizzato (durata della produzione pianificata meno durata del downtime non previsto)
ed il tempo totale (che comprende oltre al tempo di utilizzo anche il tempo di
riparazione); ' E è il livello di prestazioni (efficienza produttiva) dato dal rapporto tra la produzione reale e quella teorica sulla base del tempo ciclo teorico in assenza di fermi; ' Q è la qualità della produzione data dal rapporto tra la produzione buona e quella totale (quella buona è data dalla differenza tra la produzione totale e quella scartata).
Come si vede dalle definizioni, questo indice è generale e calcolabile per ogni tipologia di
industria (sia quella di processo sia quella manifatturiera). Ogni fattore è esprimibile come
percentuale e pertanto anche l''OEE varierà in generale tra 0 e 100%.
Nell''analisi ALMEC S.p.A. sono state individuate, come detto, 4 cause di decremento: ' balance;
' manutenzione; ' qualità; ' organizzazione.
A partire dalla determinazione dell''OEE e conoscendo le cause di perdita, si potrà anche
determinare quel fattore o quei fattori che penalizzano l''indice complessivo, intervenendo in
modo mirato per conseguire il miglioramento.
Ciascuna delle cause indicate incide su uno dei 3 fattori.
Valori dell''OEE inferiori al 70÷75% indicano la presenza di criticità, che devono essere
corrette in modo tempestivo, soprattutto nel caso ci sia un trend negativo.
L''OEE delle MPF presenti in Fonderia C è risultato mediamente pari ad un valore intorno al
70% nel periodo monitorato, con punte in determinate finestre temporali anche prossime al
90% per alcune macchine.
Questo valore è calcolato sotto l''ipotesi che i periodi di mancanza programma possano essere
esclusi dal calcolo al pari dei fermi per indisponibilità degli impianti; questa ipotesi è
suffragata dal fatto che questo calcolo mirava essenzialmente a relazionare la produttività ai
guasti o più in generale ai fermi.
Nel diagramma seguente si può notare un esempio di analisi della produttività estratto da una
delle settimane monitorate. 109 Fig. 5.8. Risultati sul monitoraggio dell''efficienza dell''isola
5.5 COMPOSIZIONE DELLE INEFFICIENZE

In definitiva, aggregando i dati per tutte le MPF della Fonderia C e realizzando delle medie
per le settimane analizzate, i fermi macchina sono da attribuire alle seguenti cause:
Fig.5.9 Composizione media delle cause di fermo
La voce manutenzione è quella a maggiore incidenza (64%), seguita dalla qualità (24%),
organizzazione (9%) e balance (3%).
Colpisce il dato della manutenzione, sulla quale si sono già spese molte considerazioni, ma
anche quello della qualità, relativo ad avviamenti e pit-stop. Si tenga presente infatti che il 0,81% 12,46% 3,40% 9,07% 74,26% 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00% 70,00% 80,00% BALANCE MANUTENZIONE QUALITA' ORGANIZZAZIONE PRODUZIONE BUONA RIPARTIZIONE DEI TEMPI - MPF 28 SETTIMANA 14-19 MAGGIO 3% 64% 24% 9% BALANCE MANUTENZIONE QUALITA' ORGANIZZAZIONE 110 dato è stimato per difetto, in quanto, nella elaborazione dei dati ora mostrati, i tempi di
avviamento sono stati inseriti nella voce apposita solo in seguito a fermi di almeno 1 ora 14. La voce organizzazione si è rivelata una mina vagante, nel senso che può determinare dei
grossi scompensi nella produzione. All''interno di questo gruppo la parte principale è stata
svolta dalla mancanza lega: un dato che colpisce però è che talvolta tale mancanza non è
determinata dall''assenza di lingotti o siviere liquide, ma dal fatto che l''addetto al riempimento
dei forni di mantenimento ritarda il trasferimento della lega.
Infine il balance, del quale inizialmente si temeva l''incidenza, ha mostrato essere una voce di
ridotto peso: l''importanza del monitoraggio di questa voce tuttavia persiste, ed è rappresentata
dal fatto di aver quantificato una voce fino a poco tempo addietro mai approfondita. 14 Approssimando che dopo 1 ora la temperatura dello stampo sia scesa così tanto da rendere il riavvio pari a
quello di un lunedì mattina 111 6. GRUPPO INIEZIONE

6.1 INTRODUZIONE

In pressofusione il materiale liquido non viene versato nello stampo ma è necessario
imprimere una forza che inietti la lega nella forma in pochissimi secondi: questa funzione è
eseguita dal gruppo di iniezione costituito principalmente dal contenitore, dal pistone
d''iniezione e dallo stelo: il suo perfetto funzionamento, l''accoppiamento pistone-contenitore
sono importanti per ottenere getti di qualità all''interno del processo produttivo della
pressofusione.

6.2 CONTENITORE

Il contenitore deve poter raccogliere la lega liquida necessaria per realizzare il getto e deve
poter sopportare lo scorrimento al suo interno del pistone di iniezione; è quindi sottoposto
continuamente a sbalzi di temperatura, ad usura meccanica ed a processi di metallizzazione
dell''Al sulla sua superficie.
Fig. 6.1. Parco contenitori ALMEC S.p.A.
6.2.1 SCELTA DEL MATERIALE
DIN UNI AISI Wnr. AFNOR C Si Mn Cr Mo V Altri X38CrMoV51 X37CrMoV51KU H11 23 43 Z38CDV5 0,37 1,OO 0,4O 5,OO 1,3O 0,4O - X40CrMoV51 X40CrMoV511KU H13 23 44 Z40CDV6 0,4O 1,OO 0,4O 5,2O 1,4O 1,OO - X32CrMoV33 30CrMoV1227KU H10 23 65 30DCV28 0,3O 0,3O 0,3O 3,OO 2,8O 0,6O - Fig.6.2 Denominazione e composizione chimica
Questi acciai speciali mediante processi dalla fusione al trattamento termico offrono notevoli
miglioramenti dell''isotropia dovuti a: ' migliore concentrazione degli elementi leganti; ' miglioramento del grado di purezza solfidrico; ' miglioramento dei valori tecnologici del processo fusorio; ' struttura di ricottura uniforme. 112 Esiste inoltre la possibilità di costruire contenitori con i nuovi acciai speciali a basso
contenuto di Si con maggiori proprietà meccaniche e particolare aumento della resilienza,
maggiore resistenza alla fatica termica e con la possibilità di essere temprati fino a 54÷58
HRC.
L''uso dell''acciaio W1.2365 (AISI H10) è consigliabile solo per contenitori di piccole
dimensioni (diametro massimo del foro 90 mm) ed in fonderie dove è prassi effettuare un
preriscaldo al contenitore; infatti questo acciaio garantisce ottima resistenza all''usura e al
rinvenimento ma non resiste agli shock termici.

6.2.2 CICLO DI LAVORAZIONE

Il ciclo di lavorazione e di produzione del contenitore è costituito da diverse fasi, impiega
differenti macchine utensili e necessita di trattamenti termici. Nel dettaglio le lavorazioni per
l''ottenimento della camera di pressione in acciaio sono: 1. foratura della barra di acciaio;
2. primo trattamento termico di ricottura;
3. prima lavorazione meccanica di tornitura e di fresatura lasciando un sovrametallo;
4. trattamento termico di bonifica costituito da tempra e rinvenimento per ottenere una durezza di 46'49 HRC; 5. lavorazione meccanica di finitura con rettifica del diametro esterno e del foro interno;
6. trattamento termico finale di nitrurazione con una bassa profondità (0,10-0,15 mm) ma con elevata durezza che raggiungere resistenza ai continui shock termici; 7. per contenitori particolarmente sollecitati dopo il trattamento finale si può eseguire una lucidatura del foro.
La finitura meccanica dell''esterno e dei fori con rettifiche universali a controllo numerico e la
lappatura del foro con levigatrici verticali devono garantire al contenitore tolleranze
centesimali: ' rugosità Ra 0,1÷0,2;
' foro con tolleranza H6; ' rotondità del foro 0,02 mm max; ' ortogonalità 0,02 mm max; ' coassialità 0,02 mm max; ' parallelismo 0,02 mm max.
Le tolleranze del contenitore devono evitare la formazione di tensioni e deformazioni che
ostacolano o rallentano la corsa del pistone, permettere la dilatazione all''interno dello stampo
e del piano fisso della macchina da pressofusione.
In conclusione le lavorazioni meccaniche devono essere di elevata precisione per via della
stretta tolleranza tra i diametri del foro e quello del pistone: bisogna garantire lo scorrimento,
la coassialità ed il parallelismo per tutta la lunghezza.



113 6.2.3 TRATTAMENTI TERMICI

Intervallati alle lavorazioni meccaniche vengono effettuati diversi trattamenti termici:
ricottura, bonifica, rinvenimento e nitrurazione: ' ricottura del materiale a seguito della realizzazione del foro interno; il trattamento è eseguito a 780°C: un''ora per ogni mm di spessore con raffreddamento in forno. ' bonifica del pezzo per ottenere 45 HRC con i seguenti cicli termici: o preriscaldo a 650°C;
o riscaldo a 830°C per 2 ore;
o austenizzazione sottovuoto per 2 ore;
o tempra con raffreddamento in 2 bagni rispettivamente a 500°C e a 200°C; i tempi di permanenza nei bagni sono legati alle dimensioni dei pezzi. ' rinvenimento dove il numero dei cicli è in funzione della durezza desiderata: o 1° rinvenimento a 560÷620°C;
o 2° rinvenimento a 560÷620°C;
o 3° rinvenimento a 560÷600°C.
Nelle Fig. 6.3 vengono visualizzate alcune strutture a cuore di un acciaio di lavorazione a
caldo AISI H13 dopo tempra e rinvenimento con martensite rinvenuta con carburi globulari.
Fig.6.3.a Dimensionamento del grano ingrandimento 100x Fig.6.3.b Dimensionamento del grano ingrandimento 500x 114 La nitrurazione è un trattamento termo-chimico superficiale e varia a seconda delle
condizione d''esercizio finale del contenitore: ' nitrurazione gassosa con ciclo di 30 ore e penetrazione di 0,15÷0,20 mm; questo rivestimento è quello normalmente proposto, lo spessore dei nitruri risulta essere
esiguo e di struttura non omogenea quando non viene effettuato in forni sotto vuoto. ' nitrurazione ionica profonda per uno strato superficiale di durezza pari a 1050÷1400 HV e spessore variabile da 0,3÷0,5 mm; si forma una coltre bianca di tipo monofasico,
compatta, tenace, con elevate proprietà di antigrippaggio e di resistenza all''usura da
strisciamento delle particelle silicee in sospensione nella lega di Al. Si esegue in forni
verticali per controllare meglio le deformazioni.
Nella Fig. 6.4 viene analizzata la profondità efficace dello strato nitrurato dopo nitrurazione
ionica con profondità 0,4 mm di spessore e con durezza di picco della sezione in HV0.3 1100.
Fig. 6.4 Grafico della durezza dello strato di nitrurato I trattamenti termici finalizzati all''ottenimento delle durezze stabilite, devono essere eseguiti a
carico del fornitore esterno alla fonderia (presso la propria officina o altri sub-fornitori),
purché abbiano le caratteristiche adatte allo scopo, devono effettuarsi in atmosfera controllata
o sottovuoto e in conformità alle norme prescritte dalle ditte fornitrici dell''acciaio. Per quel
che concerne i valori delle durezze da realizzare dovranno essere fissati in funzione delle
criticità delle parti figura e riportati sui disegni finali. Su tutti i particolari principali facenti
figura, nel lato opposto, verrà fatto un bassopiano con punzonati i dati salienti quali posizione
nella distinta base, numero di commessa del fornitore, durezza richiesta, tipo e marca di
materiale. Per la verifica dei criteri di qualità il certificato di conformità deve essere allegato alla
documentazione del contenitore e deve riportare: ' dati di preriscaldo con indicazione delle temperature;
' temperatura della tempra e tempi di mantenimento;
' numero dei rinvenimenti (min. 3 per gli acciai utilizzati) praticati con menzione delle temperature e dei tempi; 115 ' valore dell''ultima temperatura di rinvenimento;
' durezza dopo il trattamento termico;
' dimensioni del grano austenitico;
' esame microstrutturale al microscopio ottico 500 ingrandimenti prima e dopo trattamento, da effettuarsi secondo le UNI 4001. ' durezza HV 0.3 dopo il trattamento superficiale di nitrurazione ionica; ' rugosità superficiale del foro del contenitore.
6.2.4 CONTENITORE TRADIZIONALE

Il contenitore tradizionale è costituito da 2 parti distinte che devono accoppiarsi con
precisione per via dello scorrimento del pistone all''interno del foro: la prima è il contenitore
che viene fissato nel piano fisso della macchina e la seconda è la bussola fissata nel piano
fisso dello stampo.
Deve essere garantito che tra il contenitore e la sua bussola ci sia una perfetta concentricità
del foro, un centraggio dei diametri e un allineamento assiale.
Fig. 6.5 Schema bussola e contenitore
Per la costruzione di bussole e delle contro colate (parte di stampo) vengono utilizzati i
principali acciai da lavorazione a caldo:
DIN UNI AISI Wnr. AFNOR C Si Mn Cr Mo V X38CrMoV51 X37CrMoV51KU H11 23 43 Z38CDV5 0,37 1,OO 0,4O 5,OO 1,3O 0,4O X40CrMoV51 X40CrMoV511KU H13 23 44 Z40CDV6 0,4O 1,OO 0,4O 5,2O 1,4O 1,OO X32CrMoV33 30CrMoV1227KU H10 23 65 30DCV28 0,3O 0,3O 0,3O 3,OO 2,8O 0,6O Fig. 6.6. Denominazione e composizione chimica
Ogni bussola viene realizzata, partendo da barre forgiate e ricotte, su disegno del cliente
secondo le seguenti procedure: ' lavorazione meccanica su torni a controllo numerico; 116 ' fresatura e costruzione di circuito di termoregolarizzazione dove richiesto; ' tempra e bonifica per ottenere una durezza compresa tra 44-48 HRC; ' rettifica su macchine automatizzate;
' rivestimento superficiale con formazione di superfici ad elevate proprietà antigrippanti e antimetallizzazione.
Fig. 6.7. Bussole di varie dimensioni
Dopo avere eseguito tutte le lavorazione meccaniche presso l''officina le bussole subiscono i
trattamenti termochimici superficiali a seconda delle condizione d''esercizio: ' nitrurazione gassosa con ciclo di 10 ore e penetrazione di 0,10÷0,25 mm oppure ciclo di 30 ore con penetrazione di 0,15÷0,20 mm; ' nitrurazione ionica per ottenere uno strato superficiale di durezza pari a 1050 HV e spessore variabile da 0,2÷0,5 mm. Si ha una coltre bianca di tipo monofasico,
compatta, tenace, con elevate proprietà di antigrippaggio e di resistenza all''usura da
strisciamento delle particelle silicee in sospensione nella lega di Al. Si esegue in forni
verticali per controllare meglio le deformazioni.
Può essere richiesto il certificato dell'acciaio, dei trattamenti termo-chimici e quello
dimensionale.
Si può quindi evincere che il ciclo produttivo della bussola è molto simile a quello del
contenitore e quindi sono richieste elevate durezze ed elevate tolleranza meccaniche visto che
nel tratto finale della bussola avvengono importanti processi per ottenere getti di qualità.
Il costo di una bussola non è molto oneroso e quindi si consiglia la sua sostituzione nel caso di
usura per evitare i fermi macchina, il maggior numero di scarti e la maggior usura dei pistoni.
117 6.2.5 CONTENITORE INTEGRALE

Il contenitore integrale è costituito da un''unica parte; viene fissato da un''estremità nel piano
fisso della macchina e dall''altra nel piano fisso dello stampo.
Fig. 6.8 Schema contenitore integrale
Questa tipologia di contenitori sono soggetti a forti shock termici causati dai continui sbalzi
termici che avvengono ad ogni ciclo di iniezione; la zona di versamento, in prossimità della
bocca di carico, è quella più soggetta alla formazione di cricche e alla rottura per
invecchiamento.
Fig. 6.9 Contenitori integrali Per prolungare la vita tecnica del contenitore integrale non termoregolato è bene eseguire un
ciclo di pre-riscaldo, ridurre al minimo la temperatura del metallo liquido senza
compromettere il processo, non far solidificare o calmare all''interno del contenitore la lega
liquida, nel caso di caricatore con tazza ridurre al minimo l''altezza di caduta, mantenere
lubrificato il pistone, verificare la tolleranza all''interno del foro ed eventualmente sostituire il
pistone prima che possa danneggiare il foro. 118 6.2.6 CONTENITORE TERMOREGOLATO

Nella moderna pressofusione vi è la tendenza a pressocolare getti di dimensioni sempre
maggiori, con una geometria più complicata e con una qualità elevata ma con minor costi; per
questo si realizzano macchine sempre più precise ed assistite dall''elettronica che controlla il
processo durante ogni fase dell''iniezione.
In fase di progettazione di un contenitore di elevate dimensioni occorre prevedere la
termoregolazione mediante opportuni canali per il passaggio di olio diatermico.
L''acciaio, rimanendo in contatto con l''Al fuso a circa 650÷700°C per tempi sempre maggiori,
rinviene e perde le sue caratteristiche meccaniche; da parte delle acciaierie c''è una notevole
attenzione nel cercare di produrre materiali con speciali tecniche di raffinazione in modo da
ottenere prodotti con basse impurità, una migliore distribuzione degli elementi leganti, un
miglioramento del grado di purezza solfidrico, un miglioramento dei valori tecnologici in tutte
le direzioni ed una struttura di ricottura eccezionalmente uniforme.
Risulta di primaria importanza eseguire il trattamento di bonifica in impianti sottovuoto con
raffreddamento in bagni termali a 500°C e 200°C ed almeno 3 rinvenimenti compresi tra
560÷620°C per ottenere prodotti con durezze uniformi e con un grano estremamente fine.
Il miglior trattamento superficiale per i contenitori è la nitrurazione ionica, da eseguire in un
impianto con forni verticali al fine di ottenere: ' contenimento delle deformazioni; ' resistenza ai carichi torsionali; ' limitazione della coltre bianca con la formazione di quella di tipo monofasico ( oppure  no tensionata, con elevate proprietà antiusura e antigrippaggio; ' formazione della coltre bianca più compatta e tenace che quella bifasica tipica della nitrurazione tradizionale; ' eliminazione o confinamento verso l''interno del grossi carbonitruri interlamellari fragilizzanti; ' formazione di uno strato di durezza pari a 1050 HV con spessore variabile da 0.20÷0.35 mm. e con massima resistenza all''usura da strisciamento delle particelle di
silice in sospensione nella lega di Al.
Nonostante le precauzioni adottate un contenitore si deteriora principalmente per fatica
termica ed usura meccanica.
Ogni qualvolta viene versato il materiale fuso, il contenitore subisce uno shock termico che
influisce sul suo rendimento: questa continua e rapida variazione di temperatura porta, a lungo
andare, ad una perdita della durezza dell''acciaio ed ad una fessurazione del rivestimento
superficiale con inevitabile corrosione e metallizzazione da parte del Al fuso.
Inoltre durante l''iniezione c''è la continua abrasione da parte del pistone, delle fasce, delle
inevitabili particelle di silice libere e dell''Al liquido.
Secondo alcuni studi un contenitore che è surriscaldato nella zona inferiore subisce
deformazioni ed ovalizzazioni del foro fino a 0,3 mm: un pistone d''iniezione che scorre a
velocità e pressioni elevate in un foro ovale certamente non potrà mai pressocolare con le
medesime caratteristiche e quindi preclude la qualità dei getti.
La zona dove cade il materiale è sottoposta oltre alla fatica meccanica di erosione, dovuta alla
velocità di caduta della lega, anche ad uno stress termico dovuto al continuo riscaldo di questa 119 zona, che tende ad avvicinarsi sempre più alla temperatura di ricottura dell''acciaio con la
conseguente perdita delle caratteristiche meccaniche e metallurgiche.
Utilizzare un contenitore a termoregolazione integrale porta come vantaggi: una minor usura
dei pistoni d''iniezione, una maggior durata del contenitore d''iniezione, una costanza nella
realizzazione dei getti, una migliore applicazione della potenza d''iniezione, una riduzione dei
costi d''esercizio a scapito del maggior costo di acquisto.
La termoregolazione avviene preferibilmente tramite dei passaggi d''olio diatermico collegati
in un circuito, la temperatura è controllata tramite l''uso di una centralina che mantiene il
fluido regolato a circa 80÷200°C; prima delle prime iniezioni è possibile e consigliato pre-
riscaldare e portare il contenitore alla temperatura ottimale per ridurre la possibilità di shock
termici.
Il circuito può essere costruito solo nella parte inferiore del contenitore (zona di caduta
materiale), con due o quattro fori: in questo caso si parla di contenitore integrale con
termoregolazione non su tutto il contorno; mentre se il circuito è su tutta la circonferenza e su
tutta la lunghezza si parla di contenitore integrale termoregolarizzato.
Questa tecnologia mantiene il foro d''iniezione perfettamente cilindrico, controlla la
temperatura d''esercizio dell''acciaio e mantiene una costanza d''iniezione nella velocità e nella
pressione specifica.
Tutti i contenitori termoregolarizzati hanno: ' i diametri di appoggio a settori per renderlo autonomo da ogni influenza esterna (spalla fissa della macchina e parte fissa dello stampo) e per facilitarne l''assiemaggio; ' un''entrata ed un''uscita per il passaggio dell''olio nel circuito finalizzati secondo l''esigenza; ' sedi di attacco delle termocoppie per la lettura istantanea della temperatura in qualsiasi fase di lavoro.
Il contenitore a termoregolazione integrale con acciaio di qualità, con trattamenti di bonifica
in bagno di sale e trattamento superficiale di nitrurazione è ad oggi la migliore tecnologia sul
mercato. 120 Senza stravolgere il disegno del pezzo meccanico esistono sul mercato diversi tipi di
termoregolazione: 1. costruzione di un circuito di termoregolazione con 4 fori in zona caduta materiale; con questo sistema però non si riescono a controllare tutte le deformazioni, la zona
materozza rimane ad una temperatura elevata ed esistono probabilità di criccature
per shock termico; Fig. 6.10 Disegno del circuito raffreddamento con acqua in zona caduta materiale 2. costruzione di un circuito termoregolarizzato di 4'6 fori nella zona inferiore del contenitore collegato ad una camicia in zona materozza. Questo sistema serve per
eliminare il calore in eccesso sia in zona caduta materiale che nella zona a contatto
con lo stampo; il foro risulta essere sempre ovale e non perfettamente cilindrico
(effetto bending) in quanto c''è sempre una differenza di temperatura tra la parte
inferiore e la parte superiore; Fig. 6.11 Disegno del circuito termoregolazione con olio in zona caduta materiale e zona materozza 3. costruzione di un circuito termoregolarizzato di 12 fori sull''anello della circonferenza del contenitore. Questo sistema serve per eliminare il calore in
eccesso sia in zona caduta materiale che nella zona a contatto con lo stampo; il
foro non risulta ovale ed rimane cilindrico senza avere più l''effetto bending in
quanto la differenza di temperatura tra la sua parte inferiore e quella superiore è
minima. Questa tecnologia può essere applicata a qualsiasi contenitore; lo spessore
minimo della parete esterna al foro deve essere di 32÷35 mm. 121 Fig. 6.12 Disegno del circuito termoregolazione su tutto il contenitore
Come si vede nelle Fig. 6.13 e 6.14 le temperature in un contenitore termoregolato risultano
essere minori nella parte inferiore, maggiori nella superiore.
Fig. 6.13 Contenitore termoregolato Fig. 6.14 Contenitore non termoregolato 122 Per riassumere nel seguente grafico viene messo in risalto il vantaggio di durata in numero di
iniezioni tra un contenitore normale ed uno con termoregolazione. Fig. 6.15 Confronto tra contenitore integrale standard e termoregolato
Il vantaggio maggiore si ottiene per contenitori con diametri grandi; bisogna però evidenziare
che il numero delle iniezione non è assoluto, ma può variare per i seguenti parametri che
modificato le condizioni operative del contenitore: 1. quantità lega versata;
2. qualità della lega di Al;
3. tipo di versamento impiegato;
4. ciclo macchina;
5. tonnellaggio macchina;
6. tipo di lubrificante;
7. tipo di pistone;
8. numero iniezioni per lotto di lavoro;
9. tempo per preriscaldo contenitore.
6.2.7 ANALISI DELLE DILATAZIONI E DELLE DEFORMAZIONI

Di norma in fonderia non viene molto considerato il fenomeno della distorsione che il
contenitore subisce a causa dell''usura meccanica tra diametro del pistone e foro, dello shock
termico continuo causato dalla temperatura della lega liquida, dal rapporto di riempimento e
dal rapporto fra la lunghezza e lo spessore dell''acciaio.Quindi è evidente che la vita tecnica
del contenitore dipende principalmente da: ' attriti; ' tensioni meccaniche e termiche; ' erosioni meccaniche; ' reazioni chimiche sulla superficie dell''acciaio; ' tipo di lubrificante. 0 20000 40000 60000 80000 100000 120000 85 90 95 100 105 110 115 120 125 130 135 140 145 N. Iniez ion i Diametro Foro-mm Contenitori Pressofusione Contenitore Standart Contenitore Termoregolazione integrale 123 Tuttavia i fattori che influiscono principalmente sull''usura del contenitore sono l''effetto della
temperatura (modifica strutturale dell''acciaio dovuta agli shock termici) e l''usura (attrito tra il
foro del contenitore ed il pistone).
La massima usura si ha nel caso gli assi del pistone e del contenitore non siano perfettamente
allineati tra loro, nel caso di curvatura longitudinale e conseguente ovalizzazione del foro. In
Fig. 6.16 vengono evidenziate le deformazioni sul diametro e sulla lunghezza che si creano
per la non regolare distribuzione delle temperature sull''acciaio.
Fig. 6.16 Schema della deformazione di un contenitore integrale L rappresenta la lunghezza totale del contenitore integrale;
L1 rappresenta la lunghezza dove avviene la deformazione longitudinale;
v rappresenta il valore della curvatura che aumenta con l''aumentare della quantità di
lega che viene versata e con l''aumentare del rapporto spessore/lunghezza.
La curvatura, chiamata anche effetto banana, è causata dall''espansione termica dell''acciaio
nella parte inferiore del contenitore a contatto con la lega liquida e dalla costrizione nella
porzione superiore; le principali conseguenze di questo effetto sono: ' trafilamento della metallo liquida dal pistone; ' perdita dell''allineamento di tutto il gruppo di iniezione; ' variazioni nei parametri di iniezione (velocità e pressione); ' eccessivo consumo dei pistoni o degli anelli; ' rischio di bloccaggio del pistone all''interno del contenitore durante la propria corsa;
' aumento dei pezzi di scarto.
La continua variazione della temperatura, causata dal versamento di lega liquida nel
contenitore e la successiva fase di raffreddamento, crea cricche superficiali e tensioni interne.
E'' evidente il beneficio della termoregolazione che riduce la abrasione nella parte inferiore
del contenitore Per evitare che questi fenomeni sopraggiungano all''inizio della vita di un
contenitore è bene che: ' l''acciaio abbia un basso coefficiente di dilatazione termica lineare, che mantenga una resistenza all''alta temperatura e che sappia resistere almeno a shock termici contenuti; ' se il contenitore è termoregolarizzato impostare una temperatura dell''olio diatermico prossima ai 200°C per ridurre al minimo il differenziale termico; 124 ' versare la lega alla temperatura più bassa possibile evitare l''inizio della solidificazione (circa 650°C); ' realizzare contenitori con un forte spessore per ridurre il rapporto lunghezza/spessore e dunque la curvatura; ' riempire al massimo il 50% del volume della cavità del contenitore per limitare la potenza in fase di iniezione; ' lubrificare il pistone ad ogni iniezione; ' raffreddare la testa del pistone ad una temperatura di 40°C per essere certi delle tolleranze calcolate in fase di progettazione tra contenitore e pistone. ' stato calcolato che la massima deformazione accettabile tra la lunghezza della parte
inferiore e della parte superiore è di circa 0,30 mm; oltre tale valore l''effetto banana è
eccessivo, con tutti in rischi del caso.

6.2.8 VERIFICHE DEI CRITERI DI QUALITÁ
Per effettuare una corretta verifica del prodotto è bene richiedere al proprio fornitore i
certificati di conformità dell''acciaio e dei trattamenti termici.
Questi certificati dovranno contenere i seguenti elementi: ' certificato d''identificazione della colata da cui sono stati ricavati i blocchi richiesti;
' composizione chimica dell''acciaio con aggiunta della certificazione del contenuto di S e P (minore rispettivamente di 0.003 e 0.009); ' dimensione del grano austenitico secondo le norme EURONORM 9679, ISO 4857 o ASTM A681; ' classificazione delle inclusioni secondo norma ASTM E45 metodo A;
' esistenza o meno di bande di segregazioni secondo tabella NADCA;
' controllo della struttura di ricottura (deve essere conforme ad una delle foto della tavola delle strutture), del grado di sferoidizzazione e della distribuzione dei carburi
secondo tabella NADCA; ' specificazione della durezza allo stato ricotto in accordo con le norme EURONORM 9679, ISO 4857 o ASTM A681; ' prova di resilienza Charpy-V come per ASTM A-370;
' omogeneità della struttura verificata all''ingrandimento 100x;
' certificato di controllo ad ultrasuoni che accerti l''assenza di cricche secondo norma ASTM A388 '' E114; ' analisi micrografica con commento a margine;
' specificazione della durezza in accordo con le norme EURONORM 9679, ISO 4857 o ASTM A681; ' dati di preriscaldo con indicazione delle temperature;
' temperatura della tempra e tempi di mantenimento;
' numero dei rinvenimenti praticati con menzione delle temperature e dei tempi. 125 Le prove meccaniche di resilienza e di misura della durezza devono essere eseguite a spese
del fornitore anche su un apposito provino che il fornitore stesso deve ricavare
opportunamente dal materiale grezzo durante le fasi di sgrossatura. Per le dimensioni del
provino, le relative prove e i valori di accettabilità valgono le norme ASTM A370. 6.3 PISTONE
La funzione del pistone è quella di iniettare nella cavità dello stampo il metallo liquido e
comprimerlo con forte pressione.
Con il seguente paragrafo si definiscono le caratteristiche chimiche, fisiche e meccaniche
della lega di Cu impiegata per la costruzione dei pistoni di iniezione definendo le modalità di
realizzazione, di dimensionamento e di fornitura; inoltre si definiscono le principali nozioni
del pistone con le fasce.

6.3.1 SCELTA DEL MATERIALE

' stato studiato che il materiale ideale per realizzare un pistone da impiegare in pressofusione
deve avere; ' un''elevata resistenza e durezza (durezza Brinell a 20°C max 260 HB); ' un''eccellente conducibilità termica ( min 0,50 cal/cm°C);
' un ridotto coefficiente d''attrito rispetto al materiale della camera su un ampio campo di temperature; ' un ridotto coefficiente di dilatazione termica e buona stabilità dimensionale a caldo (20÷200°C -17x10-6°C -1); ' un''elevata resistenza a caldo (costante fino a 100°C); ' una bassa bagnabilità da parte della lega fusa ma una buona bagnabilità dai lubrificanti; ' un costo accessibile.
Un pistone realizzato in una lega di Cu2CoBe ha una conduttività termica 10 volte superiore
ad uno realizzato in acciaio: questa è la prima condizione a favore dell''uso del pistone in Cu.
Il pistone in acciaio più lavora velocemente più tende a scaldarsi, poiché il ciclo di produzione
non prevede il tempo di raffreddamento; più si scalda più si dilata e, scorrendo in una camicia
del medesimo acciaio che comunque sarà ad una temperatura diversa e sicuramente non avrà
la medesima dilatazione, tende a grippare; per questo non realizza iniezione sempre alla
medesima velocità e potenza.
Il pistone in lega in Cu2CoBe offre la garanzia di poter essere raffreddato velocemente, con
un semplice circuito programmato: se non si superano mai i 100°C non si hanno deformazioni
tali da modificare il diametro di scorrimento e quindi si realizzano sempre iniezioni con le
medesime caratteristiche.
Inoltre essendo a temperatura molto minore di quella corrispondente ad un pistone d''acciaio,
la materozza si solidifica più velocemente ed in determinati casi è possibile diminuire i tempi
del ciclo di lavoro. 126 COMPOSIZIONE CHIMICA
La composizione chimica dei pistoni forniti deve rispettare quanto riportato nella seguente
tabella per la lega Cu2CoBe da indurimento per precipitazione.
designazione Cu Co Be Si Mn Fe Ni Al Altri DIN 17666 2.1285 Resto 2,0÷2,8 0,40÷0.70 - - Ni+Fe = Max 0.5% - 0.5 ASTMB44I C17500 Resto 2,4÷2,7 0,40÷0.70 - - - - - - RBC 1 Resto 2,1÷2,4 Co+Ni 0,45÷0,70 Max 0,2 - Max 0,2 Fig. 6.17. Composizione chimica in percentuale Cu-2Co-Be
La fornitura deve risultare ad un controllo visivo esente da ossidi, da veli oleosi e da qualsiasi
traccia di materiale estraneo; inoltre non deve presentare segni di corrosione, ammaccature,
scheggiature e rarefazioni.
In commercio esistono leghe di Cu-Be con elevate caratteristiche meccaniche (vedi tabella
sottostante) che sono normalmente usate nei casi critici dei getti d''Al ma hanno costi più
elevati. Fig. 6.18 Leghe di Cu particolari 127 CARATTERISTICHE FISICHE
Le caratteristiche fisiche dei pistoni forniti devono rispettare quanto riportato nella seguente
tabella per la lega Cu2CoBe da indurimento per precipitazione.
Caratteristiche valori Densità 8,80÷8,83 g/cm 3 Coefficiente dilatazione termica lineare 20÷2000°C 17,6.10 -6K-1 Conduttività termica a 20÷200°C 200~226 W/mC Conduttività elettrica 45÷60% JACS Modulo di elasticità 138 GPa Calore specifico a 20°C 418,6 J/KgK Fig. 6.19 Caratteristiche fisiche


CARATTERISTICHE MECCANICHE
Le caratteristiche meccaniche dei pistoni forniti devono rispettare quanto riportato nella
seguente tabella per la lega Cu2CoBe da indurimento per precipitazione.
Caratteristiche valori Resistenza a frazione Rm 680÷900 MPa Resistenza allo snervamento R p0.2 550÷690 MPa Allungamento A5 10÷25% Durezza Brinnel HB2.5/187.5 220÷250 Fig. 6.20 Caratteristiche meccaniche dopo trattamento di solubilizzazione ed invecchiamento
La prova per valutare la durezza Brinnel viene eseguita a temperatura ambiente di 10÷35 °C, con una sfera di acciaio di diametro 2,5 mm ed applicando un carico di 1839 kN. Le durezze
sono misurate sulla zona di battuta pistone/asta d''iniezione, precisamente all''interno della
corona circolare tra foro filettato ed esterno.
La superficie su cui viene effettuato il rilievo deve essere liscia e piana, esente da ossidi, da
materiale estraneo e da lubrificanti.
L''apparecchiatura, il metodo di prova e di taratura adottati devono essere conformi a quanto
previsto dalle Norme UNI EN 1003 1, 2 e 3. 128 6.3.2 CICLO DI LAVORAZIONE E MECCANICA DEI PISTONI IN LEGA
DI RAME
Fig. 6.21 Pistoni in rame-berilio-cobalto
Nella pressofusione la selezione del materiale, il disegno e la geometria del pistone
d''iniezione sono aspetti di grande importanza per realizzare getti di qualità con costi
contenuti; uno dei problemi principali nella pressocolata è l''accoppiamento tra il pistone ed il
contenitore che spesso influenza la buona riuscita dei getti.
Ogni pistone è realizzato su disegno secondo le seguenti procedure: ' uso di barre forgiate; ' tempra e bonifica per ottenere una durezza compresa tra 230÷250 HB;
' lavorazione meccanica su torni a controllo numerico; ' fresatura.
Le caratteristiche dimensionali dei pistoni devono corrispondere a quanto riportato nel
disegno.
L''eventuale certificato di conformità e di qualità dei pistoni devono essere compilati secondo
quanto descritto dalla norma UNI -EN 10204 92/AI settembre 1997; il certificato deve
accompagnare la fornitura.
Nel documento deve essere riportato quanto segue: ' ragione sociale del costruttore; ' numero del lotto produttivo; ' tipo di lega;
' numero colata;
' trattamento termico subito; ' analisi chimica della colata del materiale utilizzato; ' durezza HB; ' rilievi dimensionali eseguiti su ogni pistone fornito; ' firma del responsabile qualità del fornitori.
Ogni pistone deve riportare sulla zona della chiave la sigla di identificazione del fornitore ed
il numero del lotto di produzione e deve essere posto in un imballo tale da preservare i pezzi
da umidità, sporcizia e danneggiamenti durante il trasporto. 129 Lo studio della geometria e le caratteristiche meccaniche sono prerogative importanti per la
vita del pistone: la tolleranza tra pistone e contenitore deve essere in funzione del diametro.

Diametro cont. [mm] Toll. testina pist. Diam.contenitore [mm] Toll. testina pist. 40 0.02÷0.04 90 0.06÷0.08 50 0.03÷0.05 100 0.08÷0.10 60 0.04÷0.06 110 0.08÷0.10 70 0.05÷0.07 120 0.08÷0.10 80 0.06÷0.08 > 120 0.10÷0.12 Fig. 6.22 Tabella sulle tolleranze
' necessario un perfetto allineamento sia tra il pistone ed il contenitore e sia tra lo stelo
d''iniezione ed il cilindro d''iniezione della macchina da pressofusione. Il pistone quando
scorre all''interno del contenitore con un angolo eccessivo ha un deterioramento non uniforme.
Il contenitore deve avere essere perfettamente cilindrico, avere coassialità, parallelismo,
rotondità massime di 0,02 mm e foro con tolleranza H7. Inoltre, come precedentemente
spiegato, è meglio che i contenitori con foro di diametro oltre i 100 mm. abbiano la
termoregolazione integrale su tutto il foro e su tutta la lunghezza: in questo modo il foro
rimane cilindrico e non si ovalizza.
In ogni caso il valore più importante per la durata del pistone è la durezza che deve essere
compresa tra 235÷250 HB. Un pistone che scorre nel contenitore ad elevate velocità e
pressione nel suo movimento striscia sulla parte inferiore della circonferenza; se la lega di Cu
non ha una durezza minima di 235 HB il pistone avrà un consumo precoce nella parte
inferiore e tenderà ad abbassarsi e la lega d''Al si potrà infiltrare nella parte superiore del
pistone, iniziando a creare problemi nella corsa lineare dell''iniezione. La lega di Cu-Be-Co è
da preferire rispetto alla lega di Cu-Ni-Si per la conduttività termica,superiore di circa il 10%,
(ne consegue maggior raffreddamento) e soprattutto per la durezza, che nel caso del CuCo2Be
è minimo di 235 HB mentre nel caso del CuSiNi2 è al massimo di 210 HB.
Per mantenere comunque omogenea l''usura del pistone è opportuno effettuare una rotazione
di 180° ogni 5.000 iniezioni.
6.3.3 RAFFREDDAMENTO E LUBRIFICAZIONE

' molto importante che il pistone si mantenga non oltre i 100°C poiché oltre si ha un degrado
delle caratteristiche meccaniche e fisiche. La maggior conduttività termica della lega di Cu-
Be-Co rispetto alla lega in Cu-Ni-Si o all''acciaio nitrurato porta ad una rapida dissipazione
del calore; sono così ridotte le distorsioni e le dilatazioni durante l''iniezione ed in molti casi è
possibile diminuire i tempi del ciclo di lavoro.
Una minor dilatazione porta ad una minor usura con un aumento della vita del pistone.
Una minore temperatura della parte frontale elimina la metallizzazione e l''aderenza dell''Al e
diminuisce i tempi di solidificazione della materozza.
Per una vita prolungata del pistone è dunque indispensabile un buon raffreddamento: è
consigliabile avere un basso spessore della testa del pistone supportato da uno speciale porta-
pistone che con un apposito circuito garantisca la miglior circolazione dell''acqua. La
temperatura di quest''ultima deve essere al massimo di 14÷16°C ed indicativamente la portata
dovrebbe seguire la seguente tabella: 130 Pistoni in CuCo2Be litri/minuti. H2O fino diametro 60 mm 25 fino diametro 80 mm 30 fino diametro 100 mm 40 fino diametro 120 mm 45 oltre diametro 120 mm 50 Fig. 6.23. Rapporto diametro portata acqua La lubrificazione del pistone d''iniezione può essere fatta con olio e con polveri. In ogni caso è
importante che sia ben lubrificata la testa del pistone e tutta la camera d''iniezione. ' possibile
anche costruire appositi circuiti o tasche all''interno del contenitore per indirizzare il
lubrificante solo nelle zone critiche. Il pistone in lega di Cu-Be-Co necessita meno
lubrificante che un pistone in acciaio ed un pistone con fasce in acciaio. Inoltre sono eliminati
i casi di grippamento e di usura del contenitore perché vengono fatti scorrere durante
l''iniezione materiali diversi. 6.3.4 SCELTA DEL DIAMETRO DEL PISTONE

Il corretto uso del pistone d''iniezione è condizionato da: ' un perfetto allineamento tra lo stelo d''iniezione ed il contenitore; ' un contenitore con coassialità, parallelismo, rotondità max 0,02 mm e foro con tolleranze H7; ' una buona lubrificazione del pistone; ' una tolleranza ben precisa tra pistone e contenitore; ' un ottimo sistema di raffreddamento del pistone.
' di fondamentale importanza la scelta del diametro in rapporto al getto in Al che si deve
realizzare; la scelta del diametro del pistone dipende dai seguenti agenti: ' presenza di una pressione specifica sul metallo sufficiente per il riempimento di tutta la cavità; ' non superare la forza di chiusura della macchina da pressofusione; ' permettere il riempimento di almeno il 40'60% del volume interno del contenitore per evitare soffiature, giunzioni fredde e moti turbolenti.
Per il calcolo del diametro è necessario conoscere il peso del getto che si vuole realizzare
(compreso di canale di colata ed eventuali fagioli), la pressione specifica da esercitare sul
metallo in base alle caratteristiche strutturali che il pezzo finale dovrà avere ed infine la
lunghezza del contenitore e dell''eventuale bussola. Tutti questi valori vanno inseriti in un
grafico chiamato normogramma d''iniezione che ci fornisce la misura del diametro del
pistone; nella pratica questo valore viene approssimato per eccesso o per difetto in modo tale
da avere al massimo 4'5 diametri di pistoni per tutta la gamma di stampi presenti in una
fonderia di media grandezza. 131 Si ricordi che: ' il tasso di riempimento R% è pari al rapporto tra volume del getto e volume della camera del contenitore; ' la pressione specifica sul metallo (lega di Al) varia dai 400 Kg/cm2 per getti semplice ai 1200 Kg/cm 2 per getti tecnologici che richiedono minima porosità ed elevata tenuta alla pressione.
6.3.5 PISTONE IN ACCIAIO CON ANELLI IN LEGA DI RAME

Come evoluzione del pistone d''iniezione esiste la combinazione dell''acciaio e della lega in
Cu2CoBe: si realizza il pistone con una particolare conformazione e con uno spessore ridotto
della testa che andrà in appoggio sul porta-pistoni grazie ad uno specifico circuito di
raffreddamento disegnato sulla testa del codulo. Il pistone e l''anello in lega di Cu2CoBe
hanno sempre una temperatura bassa e formeranno un colletto di Al che, essendo il primo a
raffreddarsi, crea una guarnizione naturale durante la fase d''iniezione. Il porta-pistoni si realizza con un labirinto di raffreddamento nella zona di appoggio del
pistone, una camera di raffreddamento per il mantello del pistone e un O.R. in Viton che non
permette all''acqua di interessare la zona di fissaggio del pistone sul porta-pistone, si evita
quindi la formazione di calcare sui filetti e non si avranno più problemi durante la
sostituzione. Il pistone in acciaio da lavorazione a caldo serve per supportare un anello di
tenuta in lega Cu2CoBe: con questa tecnologia è la lega di Cu che, scorrendo nel contenitore,
garantisce la tenuta durante l''iniezione. Ovviamente durante l''uso si deteriorerà solo la fascia
in lega di Cu, mentre il pistone in acciaio avrà praticamente una durata illimitata. Il corretto uso del pistone d''iniezione con anello in lega di Cu2CoBe è condizionato da: 1. un perfetto allineamento tra lo stelo d''iniezione ed il contenitore;
2. un contenitore con coassialità, parallelismo, rotondità max. 0.02 mm e foro con tolleranze H7; 3. una perfetta lubrificazione dell''anello;
4. una tolleranza ben precisa tra anello-pistone e contenitore;
5. un ottimo raffreddamento del pistone. 132 Fig. 6.24 Pistone in acciaio con fasce in Cu
La fascia realizzata in una lega di Cu2CoBe ha una conduttività termica 10 volte superiore ad
un anello realizzato in acciaio: questa è la prima condizione a favore dell''anello in Cu.
Inoltre l''anello in acciaio più lavora velocemente più tende a scaldarsi e si dilata: scorrendo in
una camicia del medesimo materiale ad una temperatura diversa tende a ''grippare', rovina i
trattamenti superficiali del contenitore e non realizza iniezione sempre alla medesima velocità
e potenza.
Il pistone, con un opportuno disegno della testa, formerà un colletto di tenuta sulla materozza:
è questo colletto che ad ogni iniezione tenderà a dilatare l''anello per una perfetta tenuta.
L''anello in lega di Cu2CoBe offre la garanzia di poter essere raffreddato velocemente, non si
hanno deformazioni tali da modificare il diametro di scorrimento e quindi si realizzano
sempre iniezioni con le medesime caratteristiche.
Per la realizzazione degli anelli si impiega la seguente lega di Cu:
Denominazione Co Be Si Al Cu Cu-Be-Co 2,1÷2,4 0,45÷0,60 Max 0,2 Max 0,2 resto Fig. 6.25 Denominazione e composizione chimica lega di CuCo2Be 133 Fig. 6.26 Particolare di un pistone con anello
Ogni anello è realizzato secondo le seguenti procedure: ' uso di barre forgiate; ' solubilizzazione ed invecchiamento per ottenere una durezza compresa tra 230÷250 HB; ' lavorazione meccanica su torni a controllo numerico; ' fresatura. 134 6.4 STELO

La funzione dello stelo è quella di trasmettere il moto e la forza della pressione dal cilindro
della macchina da pressofusione al pistone, riportare il pistone al punto di partenza a fine
ciclo e portare il liquido di raffreddamento al pistone.

6.4.1 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Durante la progettazione e la fabbricazione dello stelo porta-pistone è necessario eseguire
opportuni passaggi per il liquido raffreddante del pistone, allineare il suo asse con tutto il
gruppo di iniezione e con il cilindro della macchina, realizzare un filetto che faciliti il
montaggio e lo smontaggio del pistone ma che garantisca la tenuta senza giochi e scegliere un
tipo di acciaio da bonifica che possa resistere alle sollecitazioni meccaniche e che abbia una
resistenza di 100'120 Kg/mm 2. Le principali operazioni meccaniche per la realizzazione dello stelo vengono eseguite sul
tornio visto che è necessaria una lavorazione accurata ma non sono richieste finiture da
rettifica. 135 7. STAMPO

7.1 INTRODUZIONE

Lo stampo è costituito da un insieme di elementi metallici, di norma di acciaio per lavorazioni
a caldo, che realizzano in posizione di chiusura il profilo di una cavità avente forma del getto
da produrre e dei diversi condotti del sistema di alimentazione (colata) nei quali è iniettato il
metallo fuso.
Lo stampo deve soddisfare a numerose esigenze: ' riprodurre esattamente la forma e la dimensione del getto;
' prestarsi dopo la solidificazione del metallo ad una espulsione del getto senza rotture e deformazioni; ' assicurare a caldo i movimenti relativi degli elementi mobili e di estrazione; ' resistere agli sforzi termici e meccanici dovuti alla colata/iniezione.
Uno stampo è composto da una parte fissa, ancorata alla piastra fissa della macchina, e da una
parte mobile, legato al piano mobile dello stampo.


Sulla parte mobile e talvolta sulla fissa troviamo in taluni casi dei tasselli mobili chiamati
radiali: la loro presenza è determinata dalla forma del getto, che presenta dei sottosquadri, o
dalla necessità di creare nel pezzo dei fori il cui asse non giace sul piano di divisione.
Fig. 7.1 Vista completa stampo 136 Il prezzo di uno stampo è sempre molto elevato e viene ammortizzato sul numero dei getti da
produrre (come ordine di grandezza il costo può raggiungere anche 1 Mln di '); una durata in
servizio inferiore a quella prevista aumenta proporzionalmente il costo dei getti.
La durata di uno stampo può essere notevolmente prolungata scegliendo materiali adeguati e
osservando scrupolosamente i trattamenti termici ai quali i materiali vengono sottoposti ed i
cicli di lavorazione.

7.2 LAVORO TERMICO DELLO STAMPO

Lo stampo, oltre alla funzione di far assumere la geometria desiderata al metallo in fase di
solidificazione, ha la funzione termica di assorbire il calore contenuto nella lega iniettata fino
a farla solidificare ed a far scendere la temperatura della stessa fino al valore più adatto per
l''estrazione del getto: per questa ragione si parla di lavoro termico dello stampo.
Ad ogni ciclo di iniezione allo stampo viene somministrato un impulso termico; l''entità di
questi impulsi dipende dal contenuto termico della lega iniettata. Tale contenuto dipende da: ' quantità di metallo iniettata; ' temperatura della lega; ' caratteristiche fisiche della lega;
' temperatura di estrazione del getto.
L''apporto termico è dato dalla quantità oraria di lega che passa nello stampo (quindi dal peso
del getto per la quantità oraria di getti prodotti). Per effetto ed in rapporto alla quantità di
calore immesso lo stampo aumenta di temperatura fino al raggiungimento di equilibrio
termico in cui:
CALORE IMMESSO = CALORE DISPERSO
Il punto di equilibrio si stabilisce ad una determinata temperatura in rapporto alla capacità
dissipativa dello stampo a quel determinato regime termico.
Fig. 7.2 Esempio di calcolo del lavoro termico dello stampo 137 La dissipazione di calore immesso nello stampo avviene in varie forme contemporaneamente
e precisamente per: ' convezione ed irraggiamento verso l''ambiente; ' conduzione verso la macchina; ' asportazione (convezione) da parte dei liquidi contenuti nei circuiti di raffreddamento;
' spruzzatura (convezione) di liquidi distaccanti e raffreddanti sulla superficie della figura dello stampo.
Per dare un ordine di grandezza degli apporti termici che lo stampo deve assorbire e dissipare,
si consideri l''esempio dello stampo 985823-I/3, montato sulla MPF 28 della Fonderia C in
ALMEC S.p.A..
Il getto pressofuso ha un peso di 7,70 Kg e la temperatura della lega fusa è di 667°C.La
temperatura di estrazione del getto è di 290°C ed il tempo ciclo è di 84 secondi, quindi la
cadenza oraria corrisponde a 42,86 pezzi/ora.
Considerando che il calore latente di fusione della lega 46000 è pari a 93 Kcal/Kg e che il
calore specifico è pari a 0,23 Kcal/Kg°C, avremo che il contenuto termico del getto è pari a:
[93 Kcal/Kg + (667-290 °C)*0,23 Kcal/Kg°C]*7,70 Kg = 1383,77 Kcal/pezzo
Quindi il trasferimento di calore entrante nello stampo vale:
1383,77 Kcal/pezzo *42,86 pezzi/ora = 59308 Kcal/h
Il lavoro termico dello stampo è condizionato anche dal rapporto esistente tra la quantità di
metallo iniettata e la superficie di scambio termico che il metallo presenta con lo stampo, a
sua volta influenzata dallo spessore del pezzo e dalla geometria. Là dove lo spessore è più
elevato della media del pezzo, la solidificazione avviene in un tempo maggiore e la struttura
morfologica è diversa dal resto del pezzo.
Un''indagine micrografica ha permesso di verificare come in queste zone la morfologia
strutturale sia più somigliante a quella di un pezzo fuso per gravità.
Per ovviare a questo inconveniente, in corrispondenza di queste zone lo stampo deve nel
medesimo tempo assorbire un flusso termico più elevato o in altre parole, deve presentare una
minore resistenza alla penetrazione termica.

7.3 TRASFERIMENTI DI CALORE

' stato accertato che la solidificazione avviene a temperatura di interfaccia lega/stampo
sostanzialmente costante; dopo la solidificazione, il raffreddamento del getto (che è sempre in
contatto con lo stampo) prosegue fino al momento dell''estrazione ma la temperatura di
interfaccia e la trasmissione del calore diminuiscono rapidamente successivamente all''istante
in cui termina la solidificazione.
138 Fig. 7.3 Variazioni di intensità del flusso termico immesso nello stampo
Per meglio individuare l''entità del gradiente termico esistente in seno allo stampo nelle fasi
più importanti del ciclo, durante l''intervallo tra un''iniezione e l''altra possiamo dividere il
ciclo come segue: ' I fase, dall''iniezione alla solidificazione; ' II fase, dalla solidificazione all''apertura dello stampo;
' III fase, dall''apertura dello stampo all''iniezione successiva.
Al momento dell''iniezione lo shock termico provoca un aumento quasi istantaneo della
temperatura della superficie dello stampo a contatto con il getto, poi il calore penetra nello
stampo. La profondità di penetrazione è determinata dal tempo e dalle caratteristiche del
materiale con il quale è stato realizzato lo stampo; per un comune acciaio H11 tale profondità
è stato accertato essere uguale a circa il doppio dello spessore del pezzo.
Si constata allora come alla fine della solidificazione tutto il calore ceduto allo stampo sia
accumulato in uno strato di spessore relativamente piccolo (che costituisce una specie di pelle
termica) e non ha avuto ancora il tempo di diffondersi e penetrare negli strati sottostanti.
La seconda fase dura 5 volte più della prima e la trasmissione del calore è meno intensa. 139 7.3.1 GRADIENTE MEDIO

Se si lavora con ritmo regolare, gli impulsi termici apportati dalle successive iniezioni
determinano un flusso medio costante che va dall''impronta verso il cuore dello stampo ed i
canali di raffreddamento.
Le forme di dissipazione ed asportazione sono molteplici e concomitanti, e vengono qui di
seguito rielencate: ' dissipazione per convezione; ' dissipazione per irraggiamento;
' dissipazione per conduzione; ' asportazione da parte dei circuiti di raffreddamento;
' asportazione per mezzo della spruzzatura delle impronte.
Le ultime due forme sono motivate dal fatto che il calore ceduto allo stampo per dissipazione
naturale non è quasi mai sufficiente ad impedire che, ciclo dopo ciclo, lo stampo assuma una
temperatura sempre più elevata.

DISSIPAZIONE PER CONVEZIONE
In fase operativa rileviamo sulle facce esterne dello stampo temperature variabili tra 70 e
120°C mentre l''aria ambiente si trova a 20÷30°C.
Sussiste quindi un gradiente termico (salto di temperatura) fra lo stampo e l''atmosfera di
40÷100°C.
L''aria in contatto con lo stampo si riscalda ed attiva un moto convettivo di circolazione che
asporta calore dallo stampo.
La quantità di calore dissipata in questa forma è legata ai seguenti fattori: ' area della superficie dello stampo; ' gradiente di temperatura; ' stato di quiete o moto dell''aria.
Le quantità dissipate in questa forma sono modeste se lo stampo è chiuso ma diventano
rilevanti se lo stampo è aperto e sono esposte all''aria oltre che le superfici laterali anche
quelle frontali.

DISSIPAZIONE PER IRRAGGIAMENTO
La dissipazione del calore per irraggiamento (radiazione) è legata ai seguenti fattori: ' emissività del materiale; ' temperatura dello stampo; ' superficie dell''area di emissione.
La dissipazione per irraggiamento è strettamente dipendente dalla temperatura; la curva dei
valori ha un andamento iperbolico. La dispersione è pertanto più alta quanto più elevata è la
temperatura. 140 DISSIPAZIONE PER CONDUZIONE
La dissipazione per conduzione è determinata dal fatto che lo stampo caldo è in contatto con i
piani della macchina più freddi: si stabilisce pertanto un flusso termico che dallo stampo passa
ai piani della macchina.
La temperatura di questi ultimi si eleva rispetto alla temperatura ambiente e pertanto dissipano
a loro volta per convezione ed irraggiamento una certa quantità di calore.
Dei due piani della macchina quello che assume la temperatura più elevata e disperde quindi
più calore è il piano fisso.
Si fa presente che le forme di dissipazione appena esposte sono concomitanti, continue e tra
loro interrelate.

ASPORTAZIONE AD OPERA DEL CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO
Il circuito di raffreddamento di uno stampo è essenzialmente realizzato mediante opportuni
condotti idraulici ricavati nello spessore degli inserti di figura e disposti in modo da creare
uno o più circuiti. Fig. 7.5. Centraline di termoregolazione
Entro questi circuiti viene fatta circolare acqua o più raramente un fluido diatermico.
L''asportazione del calore avviene per cessione di calore dallo stampo al fluido refrigerante
che entra ad una temperatura bassa e ne uscirà a temperatura più elevata.
La quantità di calore asportata da un circuito di raffreddamento dipende da: ' gradiente termico tra lo stampo ed il fluido;
' area del circuito in cui avviene lo scambio termico; ' portata del circuito.
Se il circuito è alimentato con acqua la capacità di asportazione del calore sarà elevata in
relazione al calore specifico dell''acqua (1 Kcal/°C Kg). La quantità di calore asportata sarà 141 inferiore se il circuito è alimentato con un fluido diatermico, olio o fluidi sintetici, che hanno
un calore specifico più basso (0,44÷0,50) 15. Lo scambio termico tra lo stampo e il fluido è regolato (a parità di superficie di scambio del
circuito) dal tipo di moto del fluido e sarà alto se il moto è turbolento, meno elevato se il moto
è laminare.

ASPORTAZIONE PER MEZZO DELLA SPRUZZATURA DELLE IMPRONTE
Anche questo è uno dei mezzi a disposizione per raffreddare uno stampo. La spruzzatura delle
impronte ha lo scopo di creare sullo stampo il film distaccante e lubrificante; esso è ottenuto
con emulsioni acquose ed ha come effetto secondario quello di raffreddare lo stampo.
Il raffreddamento dovuto a spruzzatura avviene nei seguenti due modi concomitanti: ' asportazione di calore per riscaldamento dell''emulsione; ' asportazione di calore per vaporizzazione dell''acqua.
Va precisato che il calore asportato dalla spruzzatura delle impronte è quello della pelle
termica e cioè il calore accumulatosi nel primo strato e che non ha avuto ancora il tempo di
penetrare nello spessore dell''acciaio.
Quindi il calore viene rimosso direttamente là dove esso è accumulato senza attendere che
esso penetri così come è necessario per il circuito interno di raffreddamento. Questo fatto,
positivo agli effetti della rimozione del calore, ha però un risvolto di notevole importanza:
acuisce lo stress termico dell''acciaio, sollecitandolo ad una maggior fatica termica che può
accelerare la comparsa di fessurazioni superficiali.

7.4 EQUILIBRIO TERMICO

Teniamo anzitutto conto delle seguenti circostanze: ' il calore è immesso nello stampo dal metallo che solidifica e si raffredda;
' la quantità di calore immessa in un ciclo è proporzionale al peso del getto; ' la quantità di calore globale è legata alla frequenza delle immissioni (stampate/ora); ' per effetto del calore immesso lo stampo si riscalda in modo naturale e continuo e in relazione al suo gradiente termico disperde il calore nell''ambiente per convezione ed
irraggiamento e verso i piani della macchina per conduzione (Kcal/ora); ' la dissipazione è continua finché lo stampo non ha la stessa temperatura dell''ambiente; ' la quantità dissipata nell''unità di tempo è proporzionale al gradiente dello stampo; ' la quantità di calore dissipata nell''unità di tempo dipende dalle caratteristiche dello stampo (peso e dimensioni). 15 L''acqua è dunque più performante degli oli e dei fluidi sintetici ed è infatti il target per tutti gli impianti di
lubrificazione in ALMEC; inoltre, essendo più comprimibile consente di arrivare a pressioni di 14-15 atm nei
circuiti, contro le 2 atm degli oli: una maggior pressione favorisce l''abbattimento del gradiente anche perché il
moto tende ad essere più turbolento.
Lo svantaggio dell''impiego dell''acqua è che essa può essere portata fino a 150-160°C, contro i 220°C degli oli.
Sarebbe pericolosissimo se si raggiungesse la fase di evaporazione nei circuiti in quanto verrebbero a
danneggiarsi le valvole degli stessi. 142 Se il calore dissipato è minore del calore immesso lo stampo avrà tendenza a riscaldarsi come
avviene nella pratica industriale se teniamo conto della frequenza delle immissioni richieste
da una produzione economica di pressofusi.
Al riguardo possiamo fare alcune considerazioni.
Lo stampo viene munito di un proprio sistema di asportazione del calore per mezzo di un
circuito di raffreddamento; esso asporta calore in quantità che è funzione del gradiente
termico interno allo stampo. Ora, la quantità di calore asportato dal raffreddamento interno
dello stampo è regolabile entro un minimo ed un massimo in relazione alle caratteristiche del
circuito e a seconda delle modalità di moto laminare o turbolento del fluido refrigerante e
quindi è possibile pilotare (entro certi limiti) l''asportazione di calore secondo necessità.
Il calore è asportato anche dallo stampo dalla spruzzatura delle impronte per riscaldamento ed
evaporazione dell''acqua contenuta nell''emulsione distaccante.
E così, dato che l''asportazione della superficie calda dell''impronta avviene in modo rapido, la
quantità di calore asportata è proporzionale alla quantità di fluido spruzzato, ed inoltre
l''asportazione di calore può essere localizzata ed interessare solo alcune parti dello stampo.
Questo è dunque un mezzo di asportazione del calore a disposizione, regolabile e
localizzabile.
Sappiamo inoltre, per quanto ci risulta dalle considerazioni fatte nei precedenti paragrafi, che: ' il calore è immesso nello stampo in un tempo pari a circa 1/6 del tempo del ciclo; ' questo calore è asportabile nei rimanenti 5/6 del tempo del ciclo.
Dunque: ' l''equilibrio termico dello stampo si avrà quando il calore immesso è completamente evacuato nell''intervallo di tempo che intercorre tra l''espulsione del pezzo e la
successiva iniezione; ' questo intervallo di tempo è dato dalla cadenza di produzione;
' la quantità di calore evacuata è determinabile regolando le asportazioni globali (agendo cioè su circuiti di raffreddamento e spruzzatura); ' l''equilibrio termico è ottenibile a diverse temperature dello stampo; ' generalmente queste temperature sono comprese tra 200 e 350°C; ' entro questo range è compresa quella più adatta alla produzione del pezzo; ' la temperatura più adatta è quella che produce la solidificazione uniforme e progressiva del metallo dai fagioli all''attacco di colata.
Da quanto detto si intuisce come sia necessario che le varie grandezze impostate siano
mantenute uniformi ciclo dopo ciclo e come il ciclo stesso debba avere una durata costante.
Possiamo quindi in definitiva dire che per fabbricare un pezzo pressofuso di qualità sono
necessarie regolarità e continuità. 143 7.5 INFLUSSO DEL TEMPO CICLO SULL''ASPORTAZIONE DI
CALORE

Le condizioni di equilibrio termico sono verificate quando nel tempo ciclo il calore immesso è
completamente evacuato.
Fig. 7.6 Relazione tra tempo ciclo e calore asportato
Nella figura di cui sopra è riportata la ripartizione del calore disperso nel tempo di un ciclo di
un pezzo effettivamente stampato.
La temperatura dell''impronta in gioco è approsimamente di 500°C per la durata di 0,5 secondi
(corrispondente al tempo di solidificazione) poi la temperatura scende perché il calore ceduto
penetra nello stampo e raggiunge i 285°C al momento dell''espulsione. Per cicli di durata di 35
secondi nei 20 secondi successivi la temperatura scende da 285 a 200°C: a questa temperatura
verrà fatta la successiva iniezione.
Diremo allora che lo stampo ha un punto di equilibrio termico a 200°C (temperatura minima
sulla superficie dello stampo).
Nel ciclo i sistemi di asportazione del calore dello stampo operano come segue: ' dissipazione naturale (continua); ' raffreddamento interno allo stampo (continuo);
' spruzzatura (a tempo limitato).
Nella stessa figura si può vedere che, assegnate le percentuali di asportazione dei vari sistemi,
viene evidenziato come , riducendo di 1/3 il tempo ciclo e volendo mantenere l''equilibrio
termico allo stesso livello di temperatura, la percentuale di asportazione fatta dalla spruzzatura
passi dal 14 al 48%. Ciò è possibile aumentando la portata degli ugelli di spruzzatura e la
quantità di fluido erogato.
Si noti come nel primo caso il controllo nella regolazione del sistema interno di
raffreddamento sia molto importante in quanto rappresenta l''80% di asportazione del carico
termico. 144 Nel secondo caso (ciclo di 30 secondi) il raffreddamento interno perde parte dell''importanza
mentre diventa più importante il controllo dell''asportazione del carico termico mediante
spruzzatura.

7.6 DIVISIONE DEL PEZZO IN SEZIONI TERMICHE

Nei pezzi pressofusi difficilmente riscontriamo la situazione termica ideale (pezzi aventi la
forma di una lastra piana a sezione costante) per cui il calore ceduto è uguale su tutta la
superficie della cavità dello stampo. Di solito invece i pezzi hanno le geometrie più disparate,
spessori non sempre uniformi, nervature, alettature, borchie etc.
La solidificazione delle diverse sezioni del pezzo non avverrà nel medesimo tempo ma questo
sarà maggiore là dove gli spessori sono più elevati o vi sono concentrazioni di calore.
' pur vero però che la solidificazione tende ad uniformarsi con un''opportuna scelta dei
seguenti fattori: ' conducibilità interna delle leghe; ' conducibilità interna dell''acciaio. Per cui i punti caldi cedono calore alle adiacenti zone più fredde ma ciò avviene in misura
trascurabile
Il primo passo per analizzare il flusso di calore che lo stampo deve assorbire è quello di
suddividere il pezzo in sezioni o segmenti termici.
Per questa divisione sono usualmente utilizzati gli stessi segmenti già considerati per il
calcolo del dispositivo di colata, con le varianti del caso.
Nella Fig. 7.7 è riportata, a titolo di esempio, la divisione di un ipotetico pezzo in sezioni
termiche, e sono stati indicati peso e contenuto di calore di ogni sezione termica.
Il calore contenuto in ciascuna sezione è assorbito localmente dallo stampo che verrà ad
assumere un carico termico diverso da zona a zona.
La divisione del pezzo in sezioni termiche ci permette di individuare le zone ed il relativo
carico termico, così da poter predisporre raffreddamenti interni dello stampo, riserve di calore
nelle zone con scarso apporto termico, e modalità di raffreddamento mediante spruzzatura.
Pressofusi ideali accoppiati a stampi ben progettati sotto il profilo termico e correttamente
utilizzati, hanno mostrato che la solidificazione inizia dai pozzetti di tracimazione (fagioli)
passando attraverso tutto il pezzo per completarsi nei canali di colata; infatti generalmente le
sezioni più calde sono i canali e le zone vicino l''attacco di colata.
145 Fig. 7.7 Divisione del pezzo in sezioni termiche
7.7 DEGRADO TECNOLOGICO DEGLI STAMPI

Gli stampi in servizio sono soggetti ad un ''tormento' causato principalmente da: ' cicli di forte shock termico con conseguenti cicli di dilatazioni,contrazioni e tensioni); ' erosione per lo scorrimento di metallo fuso;
' sollecitazioni meccaniche per la pressione del metallo liquido.
Questi tre fattori concorrono a provocare l''usura delle superfici delle impronte, usura che si
manifesta in forma di criccature e provoca col tempo la messa fuori uso dello stampo.

FATICA TERMICA
La causa più rilevante resta la fatica termica a ciascuna iniezione viene accompagnato un
surriscaldamento superficiale delle impronte, di qualche mm, prima che il calore penetri ella
massa dello stampo, creando nel medesimo tensioni interne. 146 L''escursione termica superficiale oscilla tra un massimo subito dopo l''iniezione ed un
minimo prima dell''iniezione seguente. Ne consegue una fatica termica che porta alla
formazione di finissime fessurazioni che, progredendo, si raggruppano in cricche tendenti a
localizzarsi dove maggiore è il tormento: ' spigoli sena adeguate raggiature; ' aree prossime ai fori delle spine e degli espulsori.
Da queste zone le cricche a poco a poco irradiano, si dilatano cioè al punto da poter trattenere
particelle anche minime di lega fusa che, consolidandosi, trattengono il getto al momento
dell''espulsione.
Per ridurre il fenomeno delle criccature occorre anzitutto contenere le variazioni termiche
entro un ciclo regolare con stampo in equilibrio termico; evitare di avviare la produzione con
lo stampo non sufficientemente riscaldato; aprire bruscamente i raffreddamenti quando lo
stampo è molto caldo: in questo caso lo shock termico può provocare addirittura l''incrinatura
del blocco di acciaio.
L''insufficiente riscaldamento iniziale viene statisticamente riconosciuto come causa per il
30% responsabile del degrado prematuro.

EROSIONE
La lega fusa entra ad alta temperatura ed, esaltata dalla pressione e dall''attrito, specialmente
nelle strettoie, determina un rapporto elettromagnetico particolare con l''acciaio. In queste
condizioni i fattori concausanti l''erosione sono: ' Velocità della corrente; ' Temperatura del metallo;
' Caratteristiche chimiche ed elettro-meccaniche della lega.
In questo senso sono determinanti i lubroseparatori che: ' svolgono azione lubrificante interponendo un velo isolante alle cariche elettromagnetiche che si formano; ' smorzano lo shock termico in fase di riempimento; ' accelerano il processo di riempimento quindi abbreviano il periodo sopra citato di massima temperatura superficiale. 147 Fig. 7.8 Esempio di stampo usurato
METALIZZAZIONE
Il fenomeno è dovuto all''implosione: una sacca d''aria anziché essere espulsa è riassorbita
dalla lega fusa e, causa l''alta temperatura, tede a dilatarsi e comunque ad esaltare la propria
pressione, soprattutto nei punti in cui la lega cambia bruscamente direzione.
La saldatura, o attaccatura, è causata dall''esaltazione della pressione interna che porta a
intima unione tra l''acciaio dello stampo e la lega.
La presenza fino all''1% di Fe contrasta la saldatura riducendo l''aggressività della lega.
L''Al tende a sciogliere anche i metalli ferrosi, provocando metalizzazioni (attaccature e
aderenze) superficiali; queste creano strappi superficiali sui pezzi, rendono difficoltosa
l''estrazione ed inducono a deformazioni.
Per ridurre il fenomeno occorre operare a: ' temperatura della lega non troppo superiore al punto di fusione (680÷700°C); ' velocità le più contenute possibili (non oltre i 50 m/s); ' temperatura dello stampo ottimale (200÷300°C) affinché la minor temperatura della superficie eserciti effetto repellente sul getto, accelerando la solidificazione e quindi
prevenendo la metalizzazione); ' pressione finale la più bassa possibile in rapporto alle esigenze del pezzo.
DEFORMAZIONI E SCHIACCIATURE
La struttura dello stampo è data dalla parte centrale contenente la cavità in cui sarà colato il
metallo liquido (figura) e dal perimetro (piastre di inquadramento).
La figura assorbe enormemente più calore rispetto alla periferia perché riceve periodicamente
la lega fusa.
Il risultato di questa somministrazione di calore è l''aumento di temperatura, dilatazioni della
figura che non può sfogarsi verso l''esterno ma porta i piani dei semistampi, specialmente
intorno alla figura, a diventare convessi.
Il fenomeno è mitigato, ma non eliminato, dai circuiti di raffreddamento che passano 25÷30
mm dietro le figure e che cercano di mantenere l''equilibrio termico. 148 Quando si chiudono i semistampi, questi appoggiano tra di loro prima al centro, poi via via
verso l''esterno creando sforzi di compressione che possono dar luogo a schiacciature dei
profili della figura: l''uso corretto di raffreddamenti neutralizza questa tendenza.
Le schiacciature possono anche essere causa di formazione di bave attorno al getto (sugli
sfoghi d''aria, infiltrate tra gli aggiustaggi, al limite degli sfridi o per materozza troppo
abbondante).
Per contrastare questi fenomeni è necessario: ' non chiudere bave tra i semistampi; ' materozza e scarichi d''aria devono rimanere attaccati al getto in fase di estrazione; ' lo stampo non deve spruzzare: lo spruzzo indica chiusura imperfetta dei due semistampi per la presenza di spessori come sopra descritto o residui induriti di
lubrificante in eccesso; ' usare correttamente i raffreddamenti;
' mantenere costanti ritmo e temperature, ' regolare accuratamente il dispositivo di sicurezza dello stampo.
Tutte queste misure presuppongono a monte altri accorgimenti: ' mantenere nel forno la temperatura stabilita; ' mantenere velocità e pressione prescritte; ' monitorare il corretto e dosato svolgimento del ciclo di lubrificazione; ' evitare di chiudere lo stampo in presenza di bave;
Lo stampo rappresenta il cuore della MPF; è un fattore determinante del costo, in relazione
alla serie; ogni suo difetto porta a rallentamento produzione, aumento scarti, con secco
influsso negativo sul rendimento della pressa. 149 7.8 COMPONENTISTICA PER STAMPI

In questo paragrafo infine vengono brevemente approfondite spine, estrattori, maschi, anime,
cannocchiali e tutta la ricambistica degli stampi da pressofusione con acciai legati da
lavorazione a caldo.
Fig. 7.9 Piastra estrattori
Accanto ai tradizionali acciai da stampo (X38CrMo, X40CrMo) questi componenti, poiché
devono subire delle altissime sollecitazioni, vengono realizzati con acciai speciali.
Questi acciai sono caratterizzati da: ' elevatissima resistenza alle alte temperature; ' eccezionale resistenza alla fatica termica ed agli shock termici; ' eccellente tenacità e duttilità sia in senso trasversale che in senso longitudinale;
' elevato ed uniforme livello di lavorabilità; ' buone proprietà di trattamento termico; ' miglior conducibilità termica rispetto agli acciai tradizionali per lavorazione a caldo.
Sono acciai non convenzionali, di qualità superiore e specificatamente sviluppati per
applicazioni ad elevata temperatura.
Brevemente vengono esposte nella tabella seguente i principali elementi presenti in questi
acciai:

C Si Mn Cr Mo V Fe 0,38 0,3 0,75 2,6 2,25 0,9 rimanente Fig. 7.9 Componenti degli acciai
La loro eccellente resistenza a caldo limita in modo sostanziale la formazione di cricche da
fatica termica e quindi prolunga la vita degli inserti. 150 La lavorazione meccanica viene effettuata su torni a controllo numerico e su centri di lavoro;
la rettifica viene invece effettuata su macchine a controllo numerico per rispettare le
tolleranze richieste.
Le spine, maschi, anime, bussole e cannocchiali possono essere fornite allo stato bonificato o
con rivestimenti termo-chimici superficiali: ' nitrurazione in fase gassosa; ' nitrurazione ionica in plasma; ' P.V.D. (Nitruro di Cr, Nitruro di Zirconio o rivestimenti multistrato). In ogni caso tutti i prodotti vengono realizzati su disegno del cliente.

7.9 CENNI DI PROGETTAZIONE

In conclusione a questo capitolo riportiamo come cenno sulla progettazione dello stampo la
formula per il calcolo della sezione di attacco di colata per un particolare pressofuso.
FA = MA / ( Tr * VA ) FA = sezione attacco di colata [mm 2]; MA = volume del metallo liquido passante per l''attacco di colata [cm 3]; Tr = tempo di riempimento dello stampo [s].
VA = velocità all''attacco di colata [m/s].
Spessore parete
[mm] 1,5 1,8 2,0 2,3 2,5 3,0 3,8 Tempo di
riempimento[s] 0,01÷0,03 0,02÷0,04 0,02÷0,06 0,03÷0,07 0,04÷0,09 0,05÷0,10 0,05÷0,12 Fig. 7.10 Rapporto spessore parete/tempo di riempimento Velocità all''attacco di colata per leghe di Al [m/s] Tipo di particolare 20÷40 Non strutturale 40÷60 Strutturale 15÷30 Colato con tecnologia sotto vuoto Fig. 7.11 Velocità del metallo liquido all''ingresso sull''attacco di colata Fig. 7.12 Schema attacco di colata 151 8. LUBRIFICAZIONE

8.1 INTRODUZIONE

Per lubrificazione delle impronte si intende l''operazione di deposizione di uno o più prodotti
lubrificanti sulle superfici di lavoro degli stampi e conseguente formazione su di esse di una
patina o film.
La lubrificazione delle impronte, che comprende le fasi di spruzzatura ed asciugatura, è uno
dei fattori determinanti nelle operazioni di pressofusione e possiamo senz''altro affermare che
essa costituisce una chiave determinante per l''ottenimento della qualità in questo processo.

8.2 FUNZIONI DELLA LUBRIFICAZIONE

Le funzioni principali della lubrificazione dello stampo si possono riassumere come segue: ' formazione di uno strato separante termo-fisico tra la lega e le cavità; ' formazione di un film lubrificante tra le stesse, allo scopo di agevolare l''estrazione ed il movimento delle parti mobili; ' raffreddamento della superficie dello stampo, allo scopo di permettere al lubrificante stesso di lavorare entro il proprio range e contribuire al mantenimento dell''equilibrio
termico; ' funzione protettiva/attutente dallo schiaffo dell''iniezione di lega nei confronti dello stampo.
FUNZIONE SEPARANTE
Questa funzione è svolta dallo strato di ossido amorfo prodotto dalle reazioni chimiche
innescate per l''elevata temperatura della pelle dello stampo e dai prodotti attivi poggiati
sull''ossido non interessati dalle reazioni. 152 Fig. 8.1 Deposizione e caratteristiche del film
Il film impedisce il contatto diretto fra il metallo fuso e l''acciaio, contatto che può comportare
una minore qualità del getto ed una minor vita utile dello stampo, senza contare la
sospensione della produttività della macchina.
Alla base della necessità di scongiurare un simile contatto vi è il fatto che l''Al, a temperature
superiori ai 700°C, tende a comportarsi da solvente universale (si dice che l''Al degrada lo
stampo) e disciogliere pertanto il Fe contenuto nell''acciaio dello stampo (oltre il 90%)
secondo la seguente reazione:
Fe + 3 Al = FeAl3
Per impedire che ciò avvenga le impronte vengono spruzzate con del lubrificante in modo da
garantire una barriera tra i due metalli. Se questa barriera non ci fosse o venisse a distruggersi
sotto l''azione del flusso di lega entrante nella cavità, i risultati sarebbero molto probabilmente
la metallizzazione della cavità dello stampo o vere e proprie saldature tra lega e stampo.
L''agente separante, oltre ad impedire l''aggressione dell''Al verso lo stampo, esplica anche una
funzione di isolamento termico. La pellicola lubrificante possiede infatti una conducibilità
termica piuttosto bassa e ciò rallenta lo scambio termico tra lega e stampo, ritardando la
solidificazione della lega fusa e diminuisce il salto termico sulla superficie dello stampo
durante un ciclo.
Peraltro il film costituisce una barriera non solo solida ma anche aeriforme, in quanto per
effetto dell''elevata temperatura della lega alcune frazioni di lubrificante si trasformano in gas
e vapori creando un micro-cuscinetto, come si illustrerà meglio nel seguito. 153 FUNZIONE LUBRIFICANTE
Dopo l''iniezione il film precedentemente formatosi sullo stampo dalla spruzzatura risulta
assottigliato o distrutto e di esso non rimangono che una frazione residua e le sue ceneri; è in
questo momento che si esplica l''azione lubrificante.
Risulta evidente che nella fase di lubrificazione in senso ampio avvengono due serie di
trasformazioni: ' quella per il contatto lubrificante-stampo, che produce prima vapore, poi ossidi ed infine lubrificante intatto; ' quella per il contatto aria di asciugatura-lubrificante, che assottiglia o rimuove il lubrificante in eccesso; ' quella per il contatto lega-lubrificante, che produce gas16, ceneri e frazioni residue di lubrificante.
Questi elementi più o meno combusti devono assolvere al compito di lubrificare il getto nella
fase di estrazione ad una temperatura compresa tra 280÷350°C, leggermente superiore a
quella dell''acciaio dello stampo.
Nel caso specifico la lubrificazione esercitata assolve a compiti di tipo statico, dinamico e
funzionale alle parti mobili, come meglio spiegato nel seguito.


LUBRIFICAZIONE STATICA
Il lubrificante interposto tra lo stampo ed il getto impedisce la coesione tra i due metalli che
sono tra loro pressati a 60÷100 MPa e riduce lo sforzo iniziale di distacco del getto. Lo sforzo
di distacco deve essere contenuto a mezzo del lubrificante nei limiti di resistenza a caldo
offerti dalla lega; in caso contrario si determinano deformazioni o sfondamenti. Va infatti
sottolineato che a temperature dell''ordine dei 300°C la lega solidificata è ancora
relativamente plastica ed in particolari punti del getto può essere ancora in stato di fragilità.
Lo sforzo iniziale di stacco viene anche ridotto da una certa pressione che i vapori e i gas
prodotti dal film lubrificante esercitano in fase di decomposizione 17. Sotto questo profilo è desiderabile che il film non venga completamente distrutto in fase di iniezione così che la
frazione rimasta continui la sua decomposizione anche dopo l''iniezione, di modo che i gas
che si sviluppano, non trovando via d''uscita, possano esercitare una pressione sul getto
favorendo così il distacco.

LUBRIFICAZIONE DINAMICA
L''aspetto dinamico della lubrificazione si manifesta quando, in fase di estrazione, il getto
deve scorrere sulla forma d''acciaio che lo ha generato determinando un attrito di tipo radente.
Non esistono in letteratura dati precisi sul coefficiente di attrito tra acciaio ed Al a
temperature elevate ma per dare un''idea delle grandezze in gioco si pensi che tale coefficiente
16 I gas che si liberano durante l''iniezione includono anche vapori d''acqua in quanto l''asciugatura: ' non rimuove tutta l''umidità molecolare;
' spesso non è dimensionata correttamente, producendo zone troppo asciugate ed altre troppo poco; ' non tiene conto che la formazione in spruzzatura degli ossidi può determinare che sacche umide sul lato che guarda allo stampo in quella fase restino imprigionate (in iniezione poi la cavità umida crea una
leva di rimozione dell''ossido). 17 La produzione di gas da parte dl film durante l''iniezione ha dunque origine sia fisica che chimica. 154 di attrito, a secco tra acciaio duro ed Al a 20°C, è 0,65. Considerato lo stato di relativa
plasticità dell''Al a temperature comprese tra 280÷350°C si può supporre che il coefficiente di
attrito sia più alto e ragionevolmente stimarlo in valori prossimi a 0,9.
I valori sopra citati sono molto elevati; di qui la necessità di ridurli drasticamente a mezzo di
un opportuno lubrificante. I residui del film devono quindi anche effettuare una lubrificazione
di tipo semi-secco in presenza di attrito radente tra acciaio ed Al.
Un''insufficiente o inadatta lubrificazione in questa fase può provocare deformazioni,
incrinature e rotture del getto.
La lubrificazione dinamica risulta tanto più critica quanto più la geometria del pezzo tende ad
essere ostile all''estrazione, ad esempio a causa di angoli di sformo ridotti o porzioni di figura
in sottosquadro. In tali casi è raccomandabile una lubrificazione più generosa.

LUBRIFICAZIONE DELLE PARTI MOBILI DELLO STAMPO
La spruzzatura delle cavità dello stampo inevitabilmente investe anche parti fuori figura, ove
possono essere localizzati corsoi, tasselli mobili, spine etc. Questa forma di lubrificazione
spesso non è progettata come effetto diretto ma si dimostra abitualmente molto utile.
Le parti mobili infatti operano a temperature comprese tra 100÷200°C e spesso scorrono su
piste o lardoni trattati termicamente (temperati). A causa dei movimenti che essi realizzano si
sviluppano degli attriti di tipo radente, generalmente tra acciaio ed acciaio. Il coefficiente di
attrito è molto più basso che non nel caso dell''estrazione, valendo a 20°C circa 0,39: le
esigenze poste al lubrificante sono pertanto più modeste.
Generalmente queste parti mobili sono lubrificate al montaggio con speciali paste, come Cu-
Pb, grassi grafitati e bisolfuro di molibdeno. La lubrificazione è successivamente mantenuta
proprio dalla porzione di film che viene a formarsi, specie sulle parti terminali interne, in
conseguenza della spruzzatura delle cavità dello stampo; il degrado del film (in queste zone
meno accentuato) è sotto questo aspetto non molto favorevole.
La formazione di grosse molecole viscose mantiene in posizione i lubrificanti di base degli
elementi mobili, che altrimenti scorrerebbero via a causa della temperatura.
In generale si osserva come la lubrificazione indiretta dalla spruzzatura sia sufficiente a
consentire il regolare funzionamento di detti elementi. Casi particolari possono richiedere
l''applicazione, una tantum, di prodotti speciali anzidetti.

FUNZIONE RAFFREDDANTE
La funzione raffreddante della spruzzatura si manifesta nella fase di bagnatura dello stampo
per effetto dell''impatto della nube d''acqua polverizzata contro le impronte.
Questa funzione non rappresenta un obiettivo diretto ma diventa di fatto propedeutica alla
altre funzioni in quanto il film possiede un range di lavoro al di fuori del quale non si forma.
Più specificamente, al di sopra del range il film non riesce ad aderire alle cavità; al di sotto il
principio attivo non si trasforma in ossido amorfo e gli shock termici lega-stampo diventano
eccessivi 18. La polverizzazione del prodotto distaccante è realizzata con l''uso di aria compressa. Lo
spruzzo sarà quindi composto da aria e goccioline di emulsione. 18 Sarebbe sempre meglio, in via del tutto teorica, se lo stampo si raffreddasse il meno possibile in modo da
allungare la propria vita utile, scongiurare le solidificazioni premature, ridurre il consumo di lubrificante ed i
tempi di lubrificazione. 155 Anche l''aria esercita una funzione raffreddante ma molto più blanda (in questo contesto si
intende l''aria di polverizzazione, non quella di asciugatura).
Il calore asportato dall''aria non è determinabile in quanto il rapporto emulsione/aria di
polverizzazione non è un valore fisso ma può variare secondo le necessità.
Per dare una dimensione della quantità di calore asportata mediante lubrificazione e facendo
le seguenti ipotesi: ' rapporto emulsione/aria: 1:600; ' temperatura assunta dall''aria: 100°C; ' calore specifico dell''aria: 0,30KCal/m3°C.
Si può affermare che la spruzzatura di un litro di emulsione sullo stampo, posto che questa
venga completamente trasformata in vapore, sottrae allo stampo 637Kcal, pari a quelle cedute
in fase di solidificazione e raffreddamento fino alla temperatura ottimale di estrazione, per un
getto di 3,5 Kg raffreddato con questo unico mezzo. Va sottolineato che nella pratica non tutto
il litro di emulsione spruzzato si trasforma in vapore perché una parte non si riscalda
abbastanza e cade a terra.
In definitiva quindi il lubrificante spruzzato sulle impronte può: ' evaporare senza raggiungere le impronte;
' evaporare in seguito al raggiungimento; ' ancorarsi alle impronte senza evaporare; ' precipitare a terra prima del raggiungimento della superficie; ' precipitare dopo il raggiungimento per l''eccessiva quantità spruzzata.
La percentuale di principio attivo del liquido spruzzato è molto variabile e dipende dalle
modalità dello spruzzo, dalla geometria e dalla temperatura delle impronte.
Si stima comunque che un''emulsione con principio attivo al 20÷40% (percentuale rilevata
prima della miscelazione con la base) sia sufficientemente efficace agli effetti del
raffreddamento. L''azione di raffreddamento data dalla spruzzatura è molto efficace ed occorre
sottolineare che è anche più immediata, rispetto a quella dei circuiti refrigeranti, in quanto
asporta il calore dalla pelle termica dello stampo.
L''importanza del raffreddamento dato dalla spruzzatura diviene via via più elevata in rapporto
alla cadenza di produzione.

FUNZIONE ATTUTENTE
Questa funzione indica il comportamento ammortizzante del lubrificante, il quale è il primo
elemento ad esser colpito dal getto di lega liquida. La velocità di iniezione del metallo supera
i 50 m/s, pertanto la possibilità che lo stampo si danneggi per via di questo ''schiaffo' esiste.
Il lubrificante in tal senso tende a scongiurare questa eventualità. 156 8.3 MECCANISMO DI FORMAZIONE DEL FILM

Quando si spruzzano le superfici calde dello stampo, che possono trovarsi a temperature tra
150÷350°C, con l''emulsione convenientemente diluita si verificano diversi fenomeni di
natura sia fisica che chimica.
Per meglio comprenderli si immagini di seguire una goccia di emulsione che arriva sulla
superficie dello stampo e si osserveranno in sequenza i seguenti fenomeni: 1. vaporizzazione dell''acqua;
2. reazioni chimiche tra la parte attiva dell''emulsione e l''acciaio dello stampo;
3. ebullizione ed evaporazione dell''emulsione;
4. aggancio dei prodotti attivi alla superficie dello stampo.
VAPORIZZAZIONE DELL''ACQUA
' esperienza comune che goccioline di acqua che cadano su superfici roventi rimbalzino
senza bagnarla. Questo effetto è definito di Leinderfrost, dal nome del fisico che ha studiato il
fenomeno. Come la goccia tocca la superficie calda infatti si forma un cuscinetto di vapore
che contrastano l''adesione della goccia alla superficie. L''acqua è così rifiutata dalla superficie
calda. Fig. 8.2 Formazione del film lubrificante, con effetto Leinderfrost
L''effetto Leinderfrost è tanto più marcato quanto più alta è la temperatura della superficie ed
in funzione della tensione superficiale dell''acqua.La vaporizzazione della frazione della
goccia asporta energia termica dalla superficie, creando un processo a catena tale che le gocce
successive troveranno temperature via via più basse, riuscendo alla fine a bagnare lo stampo.

REAZIONI CHIMICHE E FISICHE TRA L''EMULSIONE E LO STAMPO
Tra le sostanze attive dell''emulsione che non vaporizzano, si trovano additivi favorevoli alla
formazione di un velo di ossido sulle superfici dello stampo. Questo è perfettamente ancorato
e, grazie alla sua bassa conducibilità termica, forma un''efficace barriera isolante a favore
delle gocce successive facilitando loro l''ancoraggio.
Esso inoltre forma un''efficace barriera all''aggressione dell''Al fuso verso lo stampo. 157 EBOLLIZIONE ED EVAPORAZIONE
Le gocce di emulsione attaccate allo stampo si riscaldano fino all''ebollizione e successiva
evaporazione, sottraendo calore allo stampo ed abbassando la temperatura delle superfici.
La bagnabilità è favorita anche da una certa micro-rugosità della superficie stampo.

AGGANCIO DEI PRODOTTI ATTIVI ALLO STAMPO
In questa sede ci si riferisce all''aggancio del film lubroseparatore dovuto ad effetti fisici.
Oli, cere, altre frazioni attive hanno propria viscosità ed adesività. Alla temperatura di
aggancio essi evidenziano anche fenomeni di capillarità cosicché essi si espandono sulle
superfici e tendono a penetrare nella micro-porosità del materiale ed entro lo strato di ossido
formato in precedenza dalla vaporizzazione. La penetrazione è facilitata dalla bassa tensione
superficiale di questi prodotti.
La micro-rugosità della superficie favorisce e mantiene l''aggancio delle parti attive. Lo strato
di ossido amorfo che si era creato è poroso ed anche in questo caso favorisce l''ancoraggio del
film.
Nella tabella seguente sono visualizzati schematicamente i vari fenomeni che si manifestano
durante la spruzzatura della superficie calda dello stampo.
Fig. 8.3 Deposizione e caratteristiche del film 158 Un aspetto molto interessante da approfondire è quello dell''impatto della goccia. In effetti, la
deformazione della goccia incidente la superficie può essere messa in relazione al momentum
della stessa nell''impatto (velocità di impatto).
Fig. 8.4 Fisica della formazione del film
Si distinguono in tal senso 5 possibilità: 1. quantità di moto troppo basso, evaporazione senza contatto per via della radiazione di calore; 2. quantità di moto insufficiente, la goccia è già in parte evaporata quando incontra la superficie dello stampo; 3. ancora quantità di moto insufficiente, sebbene una maggiore superficie della goccia entri in contatto con lo stampo; 4. quantità di moto ideale, circa il 50% della superficie della goccia tocca lo stampo consentendo il maggior scambio termico tra lo stampo e la goccia; 5. quantità di moto troppo alto, spruzzatura troppo vigorosa, parte della goccia rimbalza.
Quando la dimensione della goccia è troppo grande non c''è una quantità di moto delle
particelle e più dell''85% del lubrificante cade a terra e va nei canali collettori; se invece le
gocce sono piccole la perdita non supera il 20%.
Adeguatamente programmati, gli ugelli massimizzano l''efficacia del prodotto applicato che
evapora quasi completamente.
159 Fig. 8.5 Dispersione di lubrificante in base alla dimensione delle goccie
8.4 DEGRADO E DISTRUZIONE DEL FILM

Il film, dopo che si è agganciato per contatto, assume la temperatura della zona dello stampo
in cui si trova. Il riscaldo del film provoca l''asciugatura dello stesso ed inizia il processo di
degrado.
Mantenendo per un certo tempo il film a temperatura pari o superiore al suo punto di
ebollizione, il film emulsionante si ossida e libera le parti volatili in esso contenute. In queste
condizioni gli idrocarburi, che costituiscono la parte preponderante dei componenti dei film,
tendono a formare grosse molecole molto viscose che si trasformano poi in depositi resinosi o
asfaltaci.
SOSTANZA PUNTO \ INTERVALLO DI EBOLLIZIONE Acqua 100°C Paraffina 170÷190°C Oli raffinati 200÷230°C Oli di sintesi 230÷250°C Siliconi 250÷300°C Fig. 8.6 Ebollizione di alcune basi lubrificanti
A seconda delle caratteristiche dei componenti del film questi depositi possono essere
gommosi o presentarsi sotto forma di lacche.
' stato osservato che gli oli di sintesi hanno minore tendenza a formare depositi in quanto
contengono elementi che per un certo tempo fungono da solubilizzanti, rallentando la
formazione di grosse molecole che costituiscono i depositi.
Le emulsioni a base siliconica invece non presentano questo inconveniente in quanto i siliconi
sono stabili anche ad elevate temperature.
Una volta effettuata l''iniezione nella cavità dello stampo, la lega fusa che la raggiunge ha una
temperatura di 650÷700°C. Il film agganciato alle parti dello stampo viene così in contatto 160 con la lega e viene profondamente alterato dall''elevata temperatura. Il gas generato dai
prodotti formati da idrocarburi è principalmente metano (CH4). Le molecole di idrocarburi
vengono scisse e viene liberato idrogeno.
Il film così decomposto si assottiglia e di esso non rimangono che residui e ceneri: nel frasario
corrente di fonderia si dice che il lubrificante brucia. Ciò tuttavia non è del tutto esatto in
quanto, affinché avvenga la combustione è necessaria la presenza di O2 e quindi di aria. Nel sottile strato di aria che rimane imprigionato tra film e metallo fuso, l''O 2 presente non è disponibile in quanto è immediatamente catturato dall''Al per formare ossido (Al 2O3). L''idrogeno liberato dalla reazione di scissione delle molecole di idrocarburi è
immediatamente assorbito dall''Al, verso il quale ha grande affinità.
Alla fine dell''iniezione, sulle superfici dello stampo in precedenza rivestite dal film non ne
rimane che un''esigua frazione. La parte più o meno alterata che rimane con le ceneri residue
sullo stampo dipende dai componenti del film, dalla loro quantità e dalla temperatura. Sono
questi residui che provvedono alla lubrificazione statica e dinamica necessaria per estrarre il
pezzo senza inconvenienti.

EFFETTO BLACK HOLE
L''effetto buco nero si manifesta quando l''angolo di incidenza tra ugello e superficie dello
stampo è 90° e l''angolo di apertura del cono di spruzzo è relativamente stretto.
Esso rappresenta il paradosso per il quale il punto o l''area su cui si concentra di più lo spruzzo
dell''ugello è quella in cui resta deposta la minor quantità di film, a causa dell''azione
rimovente del flusso stesso. Pur con gli svantaggi esistono molte ragioni per cui si potrebbe
voler condurre una simile lubrificazione, di norma localizzata: prima tra tutte quella legata
all''ottenimento di maggior raffreddamento. Fig. 8.7 Effetto buco nero
TURBOLENZA DEI FLUSSI EMULSORI PER UGELLI CONTIGUI
Quando si progetta un ciclo di lubrificazione un aspetto che bisogna tenere in considerazione
è che gli ugelli posti sulla testina sono a distanza tale per cui i coni che ognuno produce
tendono ad interagire.
Questa interazione determina un distribuzione di velocità del flusso sulla figura secondo una
configurazione a maglie, dove i vuoti sono i centri dei coni ed i percorsi delle maglie le zone
turbolente. D''altro canto su queste zone tende a realizzarsi mediamente un film di spessore
superiore alla media. 161 L''influenza della accelerazione di gravità sull''efflusso è quasi nulla per via della
preponderanza della pressione di uscita rispetto alla breve distanza dalle impronte e poiché
l''aria calda a contatto con lo stampo tende a creare una corrente di ricircolo verso l''alto.
Il lubrificante in deposizione può comunque modificare la propria disposizione in base alle
geometrie dei particolari in figura.

AZIONE USURANTE DELLO SCORRIMENTO DI LEGA SUL FILM
Quando la lega entra nella cavità sollecita le pareti interne in maniera molto variabile e
pertanto ha una capacità di rimozione del film parimenti variabile. Di solito i punti dove il
lubrificante è più vulnerabile è nelle zone basse della figura, nelle aree in cui le traiettorie di
scorrimento subiscono le modifiche più brusche picchiando con maggior violenza contro le
pareti.
Questo problema produce spesso con conseguenza la presenza di difettosità localizzate sul
getto, per risolvere le quali si ricorre di norma a lubrificazioni localizzate molto intense, in
modo da abbassare fortemente la temperatura ed ottenere così una minore interazione tra i
metalli. Il problema di questa modalità è tuttavia l''incidenza dell''effetto black hole e
l''aumento localizzato del gradiente termico, aumentando così il rischio di solidificazioni
precoci.


8.5 ASCIUGATURA DEL LUBRIFICANTE ED EVACUAZIONE
DELL''ARIA

Subito dopo la spruzzatura e prima che la lega venga iniettata nelle cavità, il ciclo di
lubrificazione prevede l''asciugatura degli stampi.
L''asciugatura è un''operazione di soffiatura mediante aria compressa a temperatura ambiente,
realizzata attraverso un apposito circuito collocato sulla testa di lubrificazione e movimentato
allo stesso modo dei circuiti di spruzzatura; l''aria viene indirizzata mediante delle strutture
tubolari dette cannette di asciugatura, tipicamente orientate dall''alto verso il basso secondo
una logica di rimozione solidale alla gravità.
Questa operazione si rende necessaria in quanto dopo la spruzzatura le impronte restano
normalmente umide o bagnate ed occorre eliminare queste frazioni in quanto possono essere
dannose 19. L''aria esercita sulle gocce di lubrificante un''azione rimovente meccanica e di sollecitazione
all''evaporazione a causa delle correnti che si formano presso le impronte umide.
L''utilità dell''asciugatura si riassume nei seguenti punti: ' se la lega fusa incontrasse all''interno delle impronte parti di liquido, esse potrebbero evaporare così velocemente da realizzare delle esplosioni; ' le zone dove il lubrificante non viene asciugato bene, rimanendo umide, tendono a presentare difettosità di varia natura, prime tra tutte delle antiestetiche macchie scure a
causa delle quali il getto viene considerato scarto; ' con l''asciugatura possono essere rimosse dalla superficie degli stampi eventuali impurità solide o pellicole di Al metallizzato o spruzzato, che determinerebbero difetti 19 Per assurdo, se la spruzzatura venisse progettata e realizzata perfettamente, non occorrerebbe asciugare. 162 sul getto (visivi o rilevabili al controllo radiografico) o addirittura mancata chiusura
della macchina.
Il ciclo di asciugatura è ovviamente legato nei tempi e nei modi a quello di spruzzatura,
eventualmente tenendo presente che la geometria della stampo e l''influenza della gravità
tendono a modificare la disposizione superficiale delle gocce e a creare zone di accumulo.
Asciugature insufficienti possono determinare i problemi sopra esposti; in caso contrario
invece non si segnalano particolari problemi processuali, senza contare però il non
trascurabile inconveniente dell''allungamento del tempo ciclo.
L''espulsione dell''aria dalle impronte nella fase di iniezione è un fenomeno legato alla
repentina immissione della lega nelle cavità. A causa di questa operazione si crea un moto
efflussorio dell''aria molto turbolento il quale tende ad inglobare parte delle goccioline di
lubrificante ancora presenti, che si staccano per via della perturbazione e vengono condotte
nei punti di sfogo o nei pozzetti, se essi sono stati ben progettati, o comunque negli ultimi
punti raggiunti dalla lega.
Nel bilancio di materia relativo al lubrificante quindi si deve tener conto anche di questo
fenomeno.
Altro aspetto di cui già si accennava nei paragrafi precedenti è la liberazione di gas e vapori
dal film per contatto con la lega, a causa dell''elevata temperatura.
Il cuscinetto d''aria così formatosi viene a costituire una sorta di lubrificante aeriforme, il
quale però tende ad essere assorbito dalla lega stessa, inquinandola ed aumentando così la sua
porosità.

8.6 SISTEMI DI LUBRIFICAZIONE AUTOMATICI

Per realizzare la spruzzatura (detta anche lubrificazione in senso stretto) si ricorre solitamente
a delle teste o testine lubrificanti; è stata abbandonata la possibilità di lubrificare a mano che
rimane solo in caso di particolari esigenze o forme del pezzo, oppure laddove non sia presente
un''attrezzatura automatica utilizzando una pistola. Fig. 8.8 Testina lubrificante
La spruzzatura automatica rappresenta la tecnica di lubrificazione più adottata in
pressofusione.
I vantaggi della spruzzatura automatica infatti sono: ' qualità costante del getto; ' riduzione al minimo della percentuale degli scarti; ' riproducibilità del ciclo;
' aumento della produzione oraria (stampate/ora) ed elevata velocità di funzionamento; ' migliore rendimento ed utilizzo dei tempi macchina; 163 ' maggiore durata degli stampi; ' riduzione dei tempi morti e della dipendenza dalle assenze del personale; ' possibilità di orientare in modo universale gli ugelli;
' velocità e pressione elevate, soprattutto nel caso di lubrificanti a base acqua; ' sistema di lubrificazione universale, adatto ad utilizzare tutti i tipi di fluido reperibili in commercio; ' peso ed ingombro ridotto dell''apparecchiatura.
Le testine lubrificanti sono essenzialmente delle piastre, mosse da robot a più assi, che
emettono un flusso di lubrificante sulle zone interessate; in seguito vedremo che esistono
anche delle versioni antropomorfe, che tendono ad adattarsi meglio alla figura.
Le testine possono essere flessibili o dedicate, a seconda che presentino una configurazione
standard o adattata alla geometria dello stampo. Sulle facce orientate verso gli stampi si
trovano una serie di ugelli, dai quali esce l''emulsione e l''aria che si mescolano nella prima
parte dell''ugello.
Una testa complessa è composta dalle seguenti unità: ' Attacco braccio lubrificatore; ' Blocco controllo pneumatico; ' Blocco base spruzzatori; ' Segmenti aggiuntivi;
' Tubi di estensione con ugello terminale; ' Ugelli spruzzatori; ' Raccordi di prolungamento regolabili; ' Soffietti per aria in pressione; ' Tubi di estensione.
Gli ugelli sono diversificati tra loro in base alla sostanza che emettono (lubrificante per
lubrificare o aria per pulire o asciugare), alla tecnica di emissione (a getto o nebulizzante), alla
portata, all''estensione del cono di spruzzatura e alla concentrazione dei lubrificanti.
Essi sono costituiti da un corpo in acciaio collegato a 3 circuiti: ' circuito dell''acqua;
' circuito del lubrificante; ' circuito dell''aria (pilotaggio).
Il circuito dell''aria funge sia da polverizzante che da vero e proprio interruttore, in quanto
direttamente collegato ad una valvola pneumatica composta da una membrana ed un maschio
o spillo di valvola. In uscita l''ugello presenta due tubi coassiali che conducono al posatore,
ovvero un beccuccio nebulizzante fissato al corpo mediante un apposito dado.
Le ultime evoluzioni prevedono l''utilizzo di robot antropomorfi dotati di pistola porta-ugelli,
che uniscono la velocità di esecuzione del dispositivo automatico all''accuratezza e precisione
dell''esecuzione manuale. Un contributo notevole è la maggior flessibilità di questi robot,
grazie alla quale è possibile passare da un ciclo di lavorazione ad un altro mediante la
semplice sostituzione del programma che gestisce i comportamenti dello stesso; con tali
mezzi è possibile abbassare ulteriormente il tempo ciclo e quindi giustificare il maggior costo.
164 8.6.1 SELEZIONE DI UN IMPIANTO DI LUBRIFICAZIONE

La gestione della termica dello stampo e la lubrificazione della figura occupano una porzione
importante del ciclo produttivo di una macchina di pressocolata.
Gli impianti di lubrificazione possono essere: ' Lineari; ' Su robot antropomorfi. TIPOLOGIA VANTAGGI SVANTAGGI Lineare Velocità di movimentazione lineare Tempi di attrezzamento delle testate
su stampi complessi relativamente
lunghi Semplicità d''uso Minor flessibilità Gestione economica Ideale per stampi di lunga
produzione Robot Antropomorfi Tempo di attrezzamento contenuto Talvolta cicli di lavoro prolungati Compattezza dell''impianto rispetto
al lineare, specie su macchine di
grosse dimensioni Necessaria conoscenza
programmazione di base dei robot Flessibilità di movimentazione Rapidità di cambio produzione, per
cambi stampo frequenti
Getti di migliore qualità Fig. 8.9 Comparazione delle tipologie di impianto
Gli impianti lineari possono essere ad uno o più assi. Quelli ad un asse sono montati sulle
cappe di aspirazione e sono adottati per macchine di piccole dimensioni. Gli impianti a due
assi invece si impiegano per macchine più grandi e che presentino geometrie più complesse,
oltre ad eventuali carrelli ed inserti sulla figura. Il caso a tre assi è più raro e descrive una
struttura a portale.
I robot antropomorfi possono essere dedicati oppure impiegati anche per l''estrazione.
Quest''ultimo caso è quello più abbordabile sotto tutti i punti di vista ma va bene solo per
macchine non troppo grandi e stampi semplici, che implichino movimentazioni minime.
Quando questo non è possibile si ricorre a robot dedicati, di solito montati sul piano macchina
o a terra.

8.7 MATERIALI PER LA LUBRIFICAZIONE

Anche disponendo di una macchina a tecnologia avanzata e di uno stampo progettato e
costruito in modo ineccepibile, non è possibile ottenere buoni pezzi ed alta cadenza di
produzione senza un''adeguata lubrificazione delle impronte.
La quantità, il tipo di prodotto, la sua distribuzione sulla figura dello stampo sono fattori
molto importanti che spesso non vengono considerati nella giusta misura. Difetti sui pezzi, 165 qualità scadenti, bassa produttività, rotture di spine, fermi di produzione, metallizzazione,
sono spesso determinati da inadeguata lubrificazione delle impronte.
Prodotti lubrificanti e strumenti tecnicamente avanzati non rappresentano più un fattore
ausiliario ma un componente essenziale del processo per ottenere le massime prestazioni ed il
miglior rendimento.
I lubrificanti nel corso degli anni sono cambiati, passando da miscele di oli, petroli, benzine e
gasoli, altamente inquinanti e nocivi, a prodotti sintetici più evoluti. Tali prodotti, a base di
idrocarburi, oli organici, grafite, ossidi di Al, grassi, siliconi e cere, rispondono alle seguenti
caratteristiche: ' Incolumità e non tossicità per le persone; ' Rispondenza alle necessità di fonderia;
' Salvaguardia dell''ambiente.
I fluidi per la lubrificazione possono essere classificati in: ' Fluidi ad alta densità (grafite emulsionata, oli pesanti);
' Fluidi a media densità (siliconi, oli leggeri); ' Fluidi a bassa densità (emulsioni a base acquosa).
I prodotti pesanti (a media o alta densità) possiedono un gradiente termico più elevato, quindi
trasferiscono più calore, tuttavia non possiedono mai le buone proprietà elencate in letteratura.
I lubrificanti attualmente utilizzati possono essere distinti in diverse categorie in funzione dei
loro componenti quantitativamente predominanti. Essi risultano dalla combinazione di
molteplici componenti scelti tra: idrocarburi (olio minerale, olio sintetico), oli organici (olio
animale, olio vegetale), siliconi (silossani, polisilossani), cere (cera minerale, cera carnauba,
cera sintetica), polimeri vari e stearine.
Ad essi vengono aggiunti, secondo necessità, alcuni additivi. In particolare: ' Inibitori (di ossidazione, corrosione, schiume, flore batteriche); ' Fautori (di adesività, capillarità, untuosità).
In talune formulazioni (che però attualmente sono quasi del tutto abbandonate) alle miscele
dei prodotti sopra citate sono aggiunte cariche o pigmenti come grafite, talco, polvere di mica,
polvere di Al ed ossidi coloranti, in quantità tali da poter emulsionare con acqua le miscele
stesse.
I prodotti più frequentemente impiegati sono comunque: ' idrocarburi (olio paraffinico a catena lunga, olio naftenico di sintesi e olio aromatico di sintesi). Gli oli di sintesi vengono utilizzati per correggere le variazioni di viscosità
a caldo e la tendenza alla formazione di macromolecole; queste sono responsabili della
formazione di depositi gommosi o asfaltici sugli stampi. ' cere (paraffine minerali e di sintesi). Esse vengono utilizzate a rinforzo del contenuto paraffinico degli oli. ' composti siliconici (oli e polisilossati), impiegati per elevare le prestazioni alle alte temperature; ' additivi, per l''ottenimento delle caratteristiche e delle prestazioni particolari richieste dallo specifico impiego. 166 Normalmente, allo stato della commercializzazione la sostanza attiva è già pre-emulsionata
con acqua in un rapporto che va dal 10÷40% di concentrato. Il prodotto così acquistato viene
successivamente diluito fino a raggiungere percentuali dell''1÷3%, riducendo la sostanza
attiva a limiti ''omeopatici'. Nella loro diluizione viene non di rado raccomandato di usare
acqua deionizzata o addolcita in quanto le molecole dei sali non disciolte possono creare dei
nuclei di condensazione o floculazione, rompere l''equilibrio chimico ed inoltre sedimentare
sullo stampo.
Le variabili che influenzano le prestazioni sono: ' caratteristiche intrinseche del film lubrodistaccante; ' diluizione finale d''impiego; ' caratteristiche dell''acqua impiegata per la diluizione;
' quantità di prodotto diluito erogato sullo stampo e modalità di applicazione; ' contaminazione batterica presente nella acqua industriale impiegata.
Le caratteristiche fisico-chimiche risultanti dalle miscele dei componenti dopo l''evaporazione
dell''acqua, rispetto alle quali se ne definisce la bontà, sono: ' quantità del residuo; ' pH del residuo; ' punto di ebollizione; ' punto di infiammabilità; ' punto di accensione spontanea;
' viscosità del residuo alle temperature di 200°C e 350°C; ' quantità del residuo dopo combustione. Le caratteristiche delle miscele emulsionate con H2O sono: ' densità a 20°C; ' tensione di vapore; ' viscosità a 20°C; ' pH a 10g / l H 2O.
Le composizioni sono accuratamente formulate perché diano luogo a miscele che siano: ' compatibili; ' prontamente emulsionabili; ' facilmente diluibili con acqua potabile; ' stabili nel tempo a temperature superiori di 0°C.
8.7.1 LUBRIFICANTI IN POLVERE

Esistono anche delle forme di lubrificanti in polvere, attualmente in prova ma non ancora
utilizzati in produzione. L''applicazione di tale prodotto può essere eseguita in due diverse
maniere: ' attraverso l''immissione di 3÷4g di prodotto nel contenitore, nel quale vaporizza a causa dell''alta temperatura ed, entrando nella cavità dello stampo, va a ricoprire tutti
gli angoli della forma; 167 ' attraverso l''utilizzo di una testina lubrificante che entra tra le matrici dello stampo e polverizza il prodotto lubrificante fino a ricoprire tutte le cavità dello stampo,
mediante una turbina che gira a circa 3000 giri/min.
I vantaggi di quest''ultimo prodotto sono essenzialmente: ' riduzione tempo ciclo; ' omogeneità;
' ripetibilità; ' produttività.
Gli svantaggi invece risiedono nel fatto che la qualità definita in sperimentazione è inferiore a
quella di normale utilizzo ed inferiore rispetto a quella dei lubrificanti misti, poiché i getti si
presentano più porosi a causa della non completa decomposizione dei lubrificanti in polvere. 168 8.8 SERBATOI ED IMPIANTI DI MISCELAZIONE

I serbatoi per il lubrificante sono recipienti plastici chiusi carrellabili ove viene ospitato il
lubrificante concentrato (pre-diluito al 20÷40% in principio attivo). Un sistema di aspirazione
preleva la quantità predeterminata di prodotto e lo conduce presso un impianto di
miscelazione ad impulsi, connesso alla rete idrica 20. L''impianto realizza la miscelazione delle due sostanze in un''apposita vasca secondo le
percentuali di principio attivo volute (di solito 1÷3%), ottenendo il lubrificante pronto per
l''uso; quindi una seconda pompa pneumatica lo immette nel circuito di alimentazione della
testina.
Fig. 8.10 Impianto di miscelazione
L''ordine di grandezza della pressione all''ugello lubrificante è di circa 6÷10 atm.
Alcuni fluidi lubrificanti poco solubili in acqua, subiscono un vigoroso rimescolamento sotto
l''azione della pressione, per cui tendono a schiumeggiare.
Considerando la deriva fisiologica dell''impianto di miscelazione e la criticità della
percentuale di principio attivo nel lubrificante, si rende spesso opportuno il monitoraggio
della composizione del lubrificante miscelato a valle dell''impianto. A questo scopo si
effettuano periodicamente dei controlli chimici su campioni di prodotto mediante strumenti
tra i quali il torbidimetro, che analizza la percentuale di diluizione del lubrificante sfruttando
il legame di questo parametro con la trasparenza della soluzione.
Un altro aspetto da curare con attenzione è la carica batterica del prodotto nei serbatoi, aspetto
molto negativo ai fini dell''efficienza del lubrificante. Per scongiurarlo è necessario rispettare
alcune regole manutentive: ' ridurre il più possibile il contatto del lubrificante con l''atmosfera mediante la chiusura ermetica dei serbatoi; 20 La connessione alla rete idrica sottintende che il lubrificante sia a base acquosa. Questa scelta è la più comune
in pressofusione, tuttavia non si escludono altre soluzioni come le basi oleose, cerose o siliconiche. 169 ' controllare visivamente che non vi siano nel serbatoio depositi melmosi e gommosi, segno della degenerazione batterica, e nel caso ve ne siano preoccuparsi di rimuoverli; ' evitare di esporre il contenitore alla luce solare ed a fonti di calore; ' disciogliere nella soluzione additivi antibatterici ed antiprecipitanti.
8.9 POLVERIZZAZIONE DELLE EMULSIONI

Per trasformare le emulsioni in minuscole goccioline occorre polverizzarle. Il metodo di
polverizzazione più idoneo è costituito dall''impiego di aria compressa.
Secondo il principio di conservazione dell''energia 21 e trascurando gli attriti avremo che: p * v = cost
Su questo principio è basato il tubo di Venturi, che è lo strumento che permette di
polverizzare le emulsioni: la polverizzazione viene effettuata facendo affluire (per aspirazione
o mandata in pressione) le emulsioni nel punto in cui si crea la depressione, punto che
corrisponde alla strozzatura del tubo, all''incirca all''uscita dell''eiettore.
Fig. 8.11 Applicazione del tubo di Venturi alla lubrificazione
Il liquido fatto affluire in questo punto viene in contatto con un getto d''aria a forte velocità
che lo fraziona in minute goccioline, le quali sono trascinate dal flusso di aria verso l''uscita
(efflusso).
A seconda che il liquido venga in contatto con l''aria all''interno della testa di polverizzazione
o all''uscita si parla di sistemi di polverizzazione interna o esterna. I due sistemi differiscono
per la finezza della polverizzazione: mentre i dispositivi a polverizzazione interna infatti
producono un frazionamento delle goccioline medio-fine, i dispositivi a polverizzazione
esterna si spingono ad un livello fine-finissimo se non ad una nebulizzazione vera e propria 22. Se si assume che il grado di polverizzazione dei due sistemi sia uguale in prossimità
dell''eiettore, la dimensione delle goccioline resterà tale nei dispositivi di polverizzazione
esterna, mentre nel caso della polverizzazione interna le goccioline dovranno fare, sospese nel
flusso d''aria, un percorso più lungo e tortuoso prima di raggiungere il punto di efflusso.
Durante questo percorso le goccioline hanno maggiore possibilità di urtarsi fra loro e di
coalescere in una goccia più grossa, peraltro tanto più facilmente quanto minore è la tensione

21 L''energia non si crea né si distrugge ma si trasforma. 22 Va detto comunque che il grado di polverizzazione dipende anche largamente dalla struttura del dispositivo,
dalla pressione dell''aria e dalle rispettive portate dell''aria e del liquido. 170 superficiale delle emulsioni: pertanto all''efflusso si riscontrano goccioline di maggiori
dimensioni insieme a goccioline della dimensione originaria.
Sulla scorta di quanto detto risulta evidente che il grado di polverizzazione di un sistema
interno è largamente influenzato dalla lunghezza e tortuosità del percorso verso la zona di
efflusso. Si osserva infatti che nel caso siano adottate prolunghe per indirizzare o avvicinare
lo spruzzo allo stampo, la polverizzazione dell''emulsione all''uscita di queste prolunghe è più
grossolana.

GRADO DI POLVERIZZAZIONE
Ai fini della formazione del film lubrificante e separante la dimensione delle goccioline gioca
un ruolo importate: per la formazione ottimale del film le goccioline che raggiungono la
superficie dello stampo dovrebbero avere un''energia tale da farle appiattire sulle superfici
stesse.
La grandezza delle goccioline è una delle componenti della carica energetica dello spruzzo in
relazione alla loro massa.
Fig. 8.12 Impatto delle gocce sulla superficie in relazione alle loro dimensioni 171 Una polverizzazione grossolana dell''emulsione produce gocce di elevata grandezza, che
possono determinare una forza di impatto troppo elevata e tale da farle rimbalzare, senza
effetto per la formazione del film. Analogamente, polverizzazioni fini o molto fini producono
goccioline di dimensioni molto piccole che possono determinare una bassa forza di impatto.
In tal caso la vaporizzazione (effetto Leinderfrost) impedisce che si crei lo stato di vapore e
che esse bagnino la superficie calda dello stampo: in pratica scorrono via senza effetto. Fig. 8.13 Effetto Leinderfrost
La dimensione delle goccioline deve quindi essere la più adatta in relazione alla temperatura
dello stampo, oltre che ovviamente alla distanza che intercorre tra l''ugello e la superficie dello
stesso. L''alta velocità posseduta dai fluidi in uscita infatti viene immediatamente smorzata
dalla resistenza offerta dall''aria ambiente.

DURATA DI IRRORAZIONE DELLE SUPERFICI
Agli effetti della formazione del film lubroseparante la durata dell''irrorazione delle superfici
dello stampo deve essere limitata. Infatti qualora con la spruzzatura la temperatura della
superficie della cavità dello stampo dovesse scendere al di sotto della temperatura di
ebollizione delle goccioline di emulsione successive, queste potrebbero dissolvere o spostare
in tutto o in parte il film già formato per effetto del risciacquo della superficie investita dal
getto.
Esperienze condotte hanno dimostrato che i tempi ottimali di formazione del film
lubroseparante su superfici a temperatura di 200÷250°C sono nell''ordine di 2÷4 secondi.
I tempi di formazione del film sono comunque determinati dal tempo necessario prima che la
superficie venga bagnata e pertanto soggetti alle caratteristiche del prodotto impiegato e alle
caratteristiche dello spruzzo.

8.10 TECNICHE DI SPRUZZATURA

I parametri che caratterizzano lo spruzzo sono: ' portata d''aria di spruzzo;
' portata dell''emulsione; ' pressione dell''aria; ' pressione dell''emulsione; ' grado di polverizzazione; 172 ' distanza di spruzzatura.
Le quantità irrorate sullo stampo da parte degli ugelli sono pari al prodotto delle portate per il
tempo di spruzzatura. Il tempo totale del ciclo di spruzzatura è dato dalla sommatoria dei
tempi delle singole fasi che comprendono ovviamente i tempi dei movimenti relativi alla testa
di spruzzatura.
Il ciclo ottimale è quello che con la minore quantità di prodotto e nel tempo più breve riesce a
portare lo stampo nelle condizioni di ricevere la successiva iniezione.
I tempi dei cicli di spruzzatura non sono parametri indipendenti o impostabili a piacimento ma
dipendono dalle esigenze dello stampo. I tempi di esercizio complessivi della lubrificazione
sono variabili a seconda delle caratteristiche del processo; recenti statistiche comunque
sostengono come il tempo ottimale del ciclo di una operazione di spruzzatura automatica si
attesti comunemente sul 20% del tempo totale.

8.10.1 CARATTERISTICHE DELLO SPRUZZO

Lo spruzzo che esce dai dispositivi di lubrificazione degli stampi è caratterizzato da vari
fattori geometrici.
La conformazione e il disegno dell''ugello determinano la forma dello spruzzo (Fig. 8.12): ' da un ugello il cui condotto di efflusso è un foro (Fig. 8.12 a) , lo spruzzo da questi generato ha sempre forma di un cono il cui vertice presenta un angolo più o meno
acuto; ' da un ugello costituito da un tubo schiacciato all''estremità (Fig. 8.12 c) lo spruzzo generato ha la forma di un ventaglio conico ellissoidale. 173 Fig. 8.14 Angoli di spruzzatura
La figura 8.12 è in grado di interessare una superficie via via crescente man mano che
aumenta la distanza tra la superficie dello stampo e l''ugello; a pari distanza la superficie
interessata può essere maggiore o minore a seconda dell''entità dell''angolo al vertice del cono.
Un''altra caratteristica dello spruzzo è la forza, la quale è influenzata dalla velocità
dell''efflusso, dal grado di polverizzazione, dalla distanza tra stampo ed ugello e dallo stesso
angolo del cono incidente nella maniera qui presentata:
ANGOLO FORZA 10° Spruzzo duro penetrante 15° Spruzzo di media durezza 20° Spruzzo morbido Fig. 8.13 Angolazione dei coni di spruzzatura
Le modalità di applicazione del lubrificante su stampi da pressocolata seguono regole ben
definite: ' Distanza degli ugelli allo stampo: 100÷200 mm; ' Pressione dell''aria: 5÷6 atm; ' Pressione dell''emulsione: circa 4 atm;
' Tempi di durata della spruzzatura: in funzione del prodotto e della cadenza produttiva; ' Angolo non definito a priori ma in rapporta alla geometria del getto finale; 174
8.10.2 APPARECCHIATURE PER LA SPRUZZATURA AUTOMATICA

Le teste di spruzzo di nuova concezione realizzano la polverizzazione all''esterno presso gli
ugelli, che possono essere 200÷300 nelle apparecchiature per grosse macchine di
pressofusione. La polverizzazione è dunque di tipo fine, essendo minore il percorso della
miscela verso l''afflusso ed inoltre permette di controllare per ogni singolo ugello il rapporto
emulsione/aria, essendo la portata di questa regolabile mediante l''apertura e la chiusura dello
spillo di immissione dell''emulsione.
Fig. 8.15 Testina dedicata in fase di manutenzione
Essendo piccoli i passaggi dell''emulsione in ogni singolo ugello può accadere che le testine si
intasino ma d''altro canto risulta praticamente eliminato l''inconveniente per il quale
l''emulsione polverizzata continua a fuoriuscire dopo la chiusura dello spillo di comando
dell''aria, cosa che accadeva con la polverizzazione centralizzata in quanto occorreva tener
conto anche dei tempi di svuotamento dei circuiti della testa fino agli ugelli.
Il problema dell''intasamento è dovuto ai seguenti fattori: ' diametro del foro degli ugelli relativamente piccolo; ' effetto raffreddante, dato dall''espansione dell''aria che aumenta con la viscosità dell''emulsione.
In effetti, emulsione di acqua e prodotti oleosi costituiscono miscele instabili. Fenomeni di
ossidazione o di abbassamento della temperatura provocano la rottura dell''emulsione e la
scissione dei suoi componenti. Il meccanismo di ostruzione degli ugelli dello spruzzatore è
dovuto ai fenomeni sopra accennati.
Nell''ugello esistono le condizioni per l''ossidazione ed il raffreddamento dell''emulsione a
causa dell''aria di polverizzazione. Essa, espandendosi, crea un intenso raffreddamento nel
corpo dell''ugello.
Il raffreddamento può favorire il deposito nel foro di alcuni componenti della parte attiva
dell''emulsione, come le frazioni cerose ed altre parti consimili. 175 I depositi nel foro diminuiscono la portata dell''ugello e possono progressivamente ostruirlo.
Grumi di prodotto attivo che si formano nei circuiti o nelle teste di spruzzo possono ostruire
totalmente ed istantaneamente il foro dell''ugello.
Verificandosi questi inconvenienti le modalità e le quantità del fluido spruzzato possono
essere alterate e creare difficoltà come attaccature e problemi di espulsione dei getti.
Per ovviare all''inconveniente in alcune apparecchiature si è adottato un accorgimento che
consiste nell''immettere aria nei condotti dell''emulsione alla fine dell''erogazione. L''aria,
trovandosi a pressione più elevata dell''emulsione e uscendo a forte velocità dai fori, esercita
un''auto-pulizia dei fori stessi ovviando all''inconveniente.
Questo accorgimento comporta tuttavia il fatto che tutti i condotti dell''emulsione sono
svuotati ad ogni ciclo del loro contenuto e quindi l''erogazione di emulsione non sarà
istantaneamente interrotta al richiudersi della valvola di adduzione ma continuerà fino allo
svuotamento completo del circuito susseguente valvola.
Inoltre, essendo lo scopo quello di rimuovere l''eventuale particolato dai circuiti, è possibile
che poi esso finisca sugli stampi aumentando il rischio che le deposizione solide su di essi
conducano a difettosità; l''asciugatura pertanto dovrebbe essere in questo caso leggermente più
intensa.
Nel caso di stampi dalle superfici estese o complesse o con punti surriscaldati si prolunga il
tempo di lubrificazione.
La lubrificazione automatica con più ugelli, rispetto a quella manuale, consente di applicare il
lubrificante nello stesso tempo su più punti della superficie dello stampo: quanto più grandi
sono le macchine e gli stampi, tanto maggiore diventa il vantaggio di tempo d''applicazione
automatico.

8.11 REALIZZAZIONE DEI CICLI DI LUBRIFICAZIONE

Esercitare la lubrificazione correttamente implica minimizzare il consumo di emulsioni con
un massimo di produzione dei getti.
Il prodotto emulsionato che si raccoglie ai piedi della macchina rappresenta il consumo
superfluo, a cui si accompagna un aumento dei costi e l''inquinamento dell''ambiente. Le
emulsioni, se non vengono impiegate per il raffreddamento, possono essere spruzzate in modo
molto contenuto con un getto leggero o semipenetrante e con una nebulizzazione molto fine.
A seconda della figura dello stampo lo spruzzo può essere diretto sull''intera superficie o su
determinati punti. I lubrificanti infatti vengono utilizzati in quantità più elevata in zone
soggette ad alte punte termiche (maschi e parti figura surriscaldate) o in parti figura profonde
o complesse, o su anime metalliche scorrevoli. I prodotti solubili in acqua hanno un''azione
raffreddante significativa su determinate parti dello stampo, soprattutto sui risalti e le spine.
Il raffreddamento della superficie viene tuttavia ostacolato dalla formazione di vapore, poiché
la temperatura dello stampo si trova molto al di sopra del punto di evaporazione dell''acqua.
Per superare questa barriera di vapore è necessaria un''energia più alta del getto. Le goccioline
che sono proiettate ad alta velocità non devono essere troppo grandi, altrimenti
rimbalzerebbero e la loro azione di raffreddamento sarebbe minima.
Cambiando l''angolo di spruzzo durante il movimento vengono raggiunte anche parti dello
stampo difficilmente raggiungibili.
La capacità ridotta di penetrazione dei lubroseparatori solubili in acqua richiede lo spruzzo
diretto di tutte le zone critiche. 176 Nella figura seguente è presentato un diagramma di lubrificazione delle anime per una
macchina Buhler:
Fig. 8.16 Programmazione della lubrificazione delle anime
Come si può notare ogni anima possiede una propria specifica di lubrificazione (righe
orizzontali). Un programma di lubrificazione non utilizza necessariamente tutti gli ugelli ma
se ne studia l''impiego passata per passata.
Il numero ed il posizionamento degli ugelli di spruzzo comunque dovrebbero essere tali per
cui ogni figura dello stampo o zona di grossi stampi siano spruzzate con 1÷2 spruzzatori fissi
o mobili. Ciò permette di risparmiare tempo e prodotto ed evitare accumuli eccessivi in talune
zone dello stampo.
Utilizzando apparecchiature ad ugelli mobili e per macchine medio-grandi, il ciclo di
spruzzatura ideale dovrebbe prevedere la possibilità di avere un''apparecchiatura per
l''erogazione di due linee di emulsione indipendenti. Può essere così erogato lo stesso prodotto
con differenti diluizioni (più concentrato per i punti più tormentati), oppure addirittura due
tipi di lubroseparatori, secondo l''esigenza. Possono comunque rendersi necessari ulteriori
limitati spostamenti all''interno della figura nel caso di geometria molto complessa della
stessa.
Il ciclo suddetto è quello che può essere realizzato con il minor tempo a vantaggio della
cadenza produttiva.
Le tecniche correntemente impiegate possono essere riassunte come segue: ' spruzzatura con getto ad erogazione continua;
' spruzzatura con getto ad impulsi; ' spruzzatura da posizione fissa o da fermo; ' spruzzatura da posizione variabile, o in movimento o in passata; ' spruzzatura a più passate o pendolare.
Alcune indicazioni pratiche per un''analisi di partenza: 177 ' un''analisi delle condizioni termiche; ' un''analisi numerica delle condizioni geometriche e della dinamica di riempimento della cavità; ' un concetto per il trattamento dello stampo;
' un''adeguata tecnologia di spruzzatura; ' un lubrificante ottimale.
8.12 PROCEDURE DI LUBRIFICAZIONE EVOLUTE

Come noto, una delle funzioni del film lubro-distaccante è quella di sottrarre calore dalla
superficie della figura mediante l''evaporazione dell''acqua che veicola i principi attivi del
lubro-distaccante stesso. Questa funzione tuttavia non è attualmente del tutto controllata, in
quanto: ' non è noto in modo preciso e preventivo quanto calore deve essere sottratto; ' non esiste un controllo a ciclo della termica; ' non è nota la relazione esistente tra il tempo ciclo e la quantità di calore che è necessario asportare.
Alla luce di queste considerazioni si sono sviluppati dei sistemi di monitoraggio termico real-
time con logica feedback come lo Smart Lubrification System.
L''acquisizione dei dati viene realizzata mediante un sistema di controllo della temperatura
della pelle, essenzialmente costituito da un sensore posizionato sul robot estrattore, senza
problemi di ingombro né modifiche al tempo ciclo. In base ai dati raccolti ed attraverso
opportune elaborazioni si riesce a pervenire ad una retroazione sul ciclo di lubrificazione,
abbinata ad un controllo dei circuiti di raffreddamento, orientata alla risoluzione di problemi
di variabilità (fasi di warm-up, anomalie e guasti).

8.12.1 ANALISI TERMOGRAFICHE

Le analisi termografiche rappresentano la nuova frontiera della gestione della termica e della
lubrificazione in pressofusione; esse vengono realizzate mediante video-termocamere che
descrivono la mappatura termica completa delle impronte in vari istanti scelti
opportunamente.
178 Fig. 8.17 Piano fisso dopo estrazione Fig. 8.18 Piano fisso prima della lubrificazione
Attraverso le termografie è possibile determinare, in ogni istante: ' i punti più caldi e freddi delle impronte e pertanto quali zone devono essere riviste nell''ottica della termoregolazione; ' la sollecitazione termica e lo shock subiti dagli elementi accessori dello stampo (spine, anime etc); ' la reale incidenza della lubrificazione sulla termoregolazione, attraverso una comparazione tra più termografie; ' la relazione che intercorre tra la gestione termica dello stampo e le difettosità rilevate sui getti. 179 Di norma questi rilevamenti vengono effettuati sulle impronte prima e dopo la lubrificazione,
in modo da capire come ha interagito il lubrificante con lo stampo ed eventualmente prendere
i provvedimenti di cui si è prima parlato. L''esecuzione è tuttavia non semplice perché bisogna
prima avvicinarsi agli stampi mentre l''isola è a lavoro, nel minor tempo possibile per evitare
che la temperatura degli stessi cambi.
Fig. 8.19 Parte fissa prima della lubrificazione (230°C circa nel punto più caldo) Fig. 8.20 Parte fissa dopo la lubrificazione (180°C circa nel punto più caldo)
Un''alternativa alle termografie è data dai rilevamenti puntuali mediante pirometro; essi sono
certamente meno precisi e presentano più incertezza sul rilevamento dei dati, tuttavia vengono
spesso realizzati in quanto i costi di analisi sono minori.
Peraltro si tenga presente che il rilevamento della temperatura a scopo di monitoraggio ha
senso fin quando lo stampo raggiunge un proprio equilibrio termico, oltre il quale vale la pena
solo fare dei monitoraggi. 180 Alcune case produttrici di robot hanno interpretato questa esigenza dei pressofonditori
realizzando dei robot estrattori dotati di pirometro e collegati ad un software di gestione del
ciclo di lubrificazione ''intelligente', che riesce a modificare e/o aggiornare il programma di
lubrificazione ciclo per ciclo a seconda delle variazioni termiche dello stampo.

8.13 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

' indispensabile che il sistema di lubrificazione dello stampo sia predisposto a norma, con la
giusta sequenza di tempi, pressioni, angolazioni, spostamenti ugelli etc.
In caso di interventi di riparazione o cambio stampo lo spruzzatore non deve interferire con le
operazioni a bordo macchina, non arrecare pericolo e preferibilmente venire rimosso con
facilità.
La lubrificazione degli stampi nel processo di pressofusione assolve un compito
importantissimo. Si può dire che una buona lubrificazione può fornire la chiave per accedere
ad un elevato livello di qualità del getto.
I compiti dei lubrificanti infatti sono molteplici e non sempre le strade per ottenerne i diversi
vantaggi vanno nella stessa direzione.
Le qualità intrinseche del prodotto devono essere supportate da una corretta tecnica di
impiego e di applicazione che richiede di comprendere i meccanismi chimico-fisici che vi
sono coinvolti.
L''utilizzatore deve verificare volta per volta la messa a punto di tutto il processo. Per
applicazioni particolarmente severe poi occorre che egli si muova con particolare cautela e,
come sempre, tenga presente che non è lecito attendersi soluzioni universalmente valide e,
men che meno, miracolistiche.
' dunque indispensabile che l''utilizzatore abbia cura nella scelta del prodotto e nelle sue
specifiche di impiego: diluizione, quantità, applicazione globale e locale, distribuzione
uniforme ed asciugatura finale mediante soffiaggio ad aria compressa. Dovrà coordinare
questi parametri con il livello di qualità più elevato possibile e comunque appropriato alla
classe del getto richiesto, nonché allo stato delle attrezzature a disposizione, tenendo presente
che il miglior risultato è sempre il frutto di compromessi tra esigenze anche contrastanti.
Nella tabella seguente vengono evidenziati gli effetti negativi che la lubrificazione dello
stampo può presentare in seguito a scelte errate di prodotti e/o tecniche applicative
approssimative in generale. Questi effetti possono essere ovviati, minimizzati e resi accettabili
ma nella maggior parte dei casi non del tutto eliminabili.
181 Fig. 8.21 Conseguenze di un''errata lubrificazione
BOX TESTINE
La revisione delle testine viene effettuata presso un apposito box, dove la testina viene
anzitutto smontata e pulita manualmente ugello per ugello.
Per depurare efficacemente i circuiti del corpo lubrificante dai residui e dalle melme
depositate all''interno è necessario far circolare opportune sostanze chimiche, detergenti,
gasoli, etc per alcune ore.
Gli ugelli inoltre, vengono controllati uno ad uno e su di essi si interviene con degli aghi per
liberare le parti più strette dei canali interni; viene controllato lo stato di usura di ogni
elemento, dalle membrane agli spilli ai dadi, e se necessario si procede alla sostituzione.
A questo punto testine ed ugelli vengono asciugate e riassemblate, quindi si procede al
testaggio dei risultati mediante una speciale macchina di soffiaggio, progettata e realizzata
dall''ALMEC S.p.A., formata da una struttura portante, un corpo compressore ed apposite
bocche di soffiaggio che vengono connesse agli ingressi della testina ed immettono aria ad 182 altissima pressione in tutti i circuiti, rimuovendo meccanicamente i residui solidi ed
asciugando le residue cavità umide.
Una volta revisionata completamente la testina è pronta per essere rimontata in macchina.
L''intervento manutentivo completo può raggiungere le 20 ore di lavoro.
Fig. 8.22 Testina da revisionare
8.13.1 INFLUENZA DELLE ACQUE INDUSTRIALI

Le formazioni di accumuli che evolvono in incrostazioni dure dall''aspetto carbonioso
(asfaltico), a seconda dei componenti presenti nel distaccante, in molti casi è dovuto alla
dislocazione del film lubroseparante che viene staccato e trascinato dalla corrente del metallo
fuso che riempie lo stampo.
Lo stacco è spesso imputabile a fenomeni di cavitazione, determinati dalla turbolenza della
corrente di metallo fuso.
Una notevole influenza agli effetti della formazione di incrostazioni è data dalle
caratteristiche dell''acqua impiegata per la preparazione e la diluizione delle emulsioni.
Come è noto, nell''acqua sono contenuti, disciolti in forma ionica, diversi elementi che variano
in quantità e qualità a seconda della provenienza. L''insieme di questi contenuti determina la
quantità del residuo secco dell''acqua stessa. In particolare, il parametro di maggior interesse
in questo contesto è la durezza ovvero l''ammontare di carbonati e bicarbonati disciolti, che
sono i maggiori responsabili delle incrostazioni sulle cavità degli stampi.
Considerata la struttura chimico-fisica del calcio si osserva che il calcio contenuto in forma
ionica disciolto nell''acqua (CaCO 3), per effetto dell''evaporazione perde CO2 che lo mantiene in soluzione e, precipitando, assume la forma molecolare di un cristallo cubico a facce
centrate che si aggrega formando cristalli colonnari.
Una delle proprietà del calcio cristallizzato è quella di essere adsorbente e quindi di assorbire
parte dei componenti attivi come gli oli, le cere, i polimeri ed i siliconi o silossani presenti
nelle emulsioni, formando con essi dei composti molto aderenti alle superfici delle cavità
degli stampi, che sono l''origine delle incrostazioni osservate.
Il trattamento dell''acqua con campi magnetici ad alta intensità (livelli superiori a 10000
Gauss) induce nella stessa un''accelerazione ionica che modifica la forma di cristallizzazione
del calcio trasformando completamente il composto duro di carbonato di calcio in un
composto incoerente di aragonite. I depositi sono di quantità inferiore ed anziché presentarsi
come concrezioni ed agglomerati duri assumono la forma di polvere finissima.
Inoltre recenti studi hanno dimostrato anche che attraverso questa procedura si determina un
consistente abbattimento della carica batterica. Il passaggio dell''acqua attraverso il campo 183 magnetico riduce dell''80÷90% l''azione della carica di batteri, spore, virus e protozoi
impedendo la loro proliferazione sul substrato dei depositi di carbonato di calcio.
Batteri, funghi e spore presenti nell''acqua contaminata o nell''ambiente attaccano le
emulsioni, ove trovano un terreno molto favorevole. Le conseguenze di questi attacchi
batterici sono alterazioni e ridistribuzioni degli emulgatori, e conseguente squilibrio chimico
delle emulsioni, che producono: ' formazioni di affioramenti oleosi e cerosi; ' precipitazioni o ancoraggi sui recipienti e le tubazioni di melme saponose insolubili; ' odori sgradevoli, per la formazione di acido solfidrico. Le parti attive contenute in seno alle emulsioni dei distaccanti sono così ridotte
quantitativamente dalle pellicole affioranti e dalle precipitazioni, rendendo insufficiente la
capacità lubroseparante dei prodotti.
La forma di cristallizzazione assunta dal deposito del contenuto di calcio dell''acqua trattata
con campi magnetici fa intravedere la possibilità che l''impiego di acqua trattata per la
preparazione e la diluizione delle emulsioni dei prodotti lubroseparanti abbia un influsso
benefico sul meccanismo di formazione delle incrostazioni dure sugli stampi. Esse vengono
infatti contenute o eliminate, di modo che le parti attive (olio minerale o sintetico, cere,
polimeri silossani) contenute nelle emulsioni, evitata la formazione di colonie batteriche che
possono alterare l''equilibrio chimico delle emulsioni stesse, possono così esplicare appieno le
loro proprietà. 184 185 9. FINITURA

9.1 TRANCIATURA AUTOMATICA

La tranciatura automatica consiste nell''evacuazione del sistema di colata/alimentazione
necessario per la produzione del pezzo. La tranciatura automatica provvede inoltre
all''eliminazione di tutte quelle bave che si formano durante la produzione e delle bave di
divisione stampo: si svolge in automatico mediante una pressa specifica detta pressa a trancia,
dotata di apposito stampo trancia.
La tranciatura generalmente avviene subito dopo lo stampaggio. Il robot di estrazione preleva
il pezzo dallo stampo, verifica mediante fotocellule o fine corsa la presenza o meno di tutto il
grappolo (integrità del getto e dell''ingate system o sistema di alimentazione) e, dopo essere
stato raffreddato, lo deposita sulla parte fissa dello stampo trancia (Fig.9.1).
Fig. 9.1 Pressa stazione trancia
Nel ciclo automatico ci sono dei sensori sullo stampo trancia che verificano il corretto
posizionamento del pezzo sull''attrezzo: in caso affermativo danno l''input alla chiusura dello
stampo.
A questo punto la trancia effettua l''operazione secondo il ciclo impostato fino ad arrivare al
fine corsa inferiore.
La pressa di tranciatura più comunemente utilizzata è di tipo oleodinamico verticale. Tutto il
sistema di colata e alimentazione non facente parte figura viene staccato dal pezzo e
convogliato o in apposito contenitore (boccame) o in convogliatori che portano tali sfridi
direttamente ai forni fusori per la rifusione, ma non è il caso dell''ALMEC S.p.A..
Il pezzo tranciato e sbavato è ripulito dalle eccedenze e viene generalmente trattenuto dalla
parte mobile dello stampo; a questo punto la pressa si apre raggiungendo il tratto di fine corsa
superiore, dopo di che entra un piatto estrattore sul quale la trancia depone il pezzo.
Il grado di sbavatura dipende dalla progettazione dello stampo trancia, dal grado di finitura
che si vuole ottenere e dal grado di manutenzione che su questo si applica, in quanto soggetto
ad usura. 186 Vengono così a definirsi vari livelli di tranciatura: ' smaterozzatura, realizzata mediante uno stampo molto semplice; ' tranciatura, realizzata con uno stampo più articolato, abbinato a movimenti fuori-asse di altri componenti, cilindri idraulici etc; ' tranciatura fine, che perfeziona la qualità del tranciato mediante componentistica più complessa e strumenti ulteriori come la sega elettrica integrata etc.
E'' evidente che il costo di questi stampi cresce in base alla qualità richiesta sul getto.
Fig. 9.2 Stampo trancia con sega
9.2 CONTROLLI DOPO LA TRANCIATURA

Dopo la tranciatura i controlli da effettuare sono: ' 100% controllo visivo dei getti da parte dell''operatore23 con la finalità di rilevare l''integrità del prodotto e che non vi siano macrodifetti quali: strappature, cricche,
maschi rotti, fusioni incomplete, etc. In seguito, se il controllo è superato i getti
vengono ordinati in appositi contenitori per l''operazione successiva (trattamento
termico su richiesta o granigliatura); ' almeno una volta ogni turno bisogna controllare la geometria dei pezzi mediante macchine 3D (DEA, PAG etc), generalmente un pezzo per ogni prodotto; ' una volta al turno controllare la qualità metallurgica dei pezzi prodotti mediante esame radiologico Rx; ' controllo delle caratteristiche meccaniche (trazione, durezza, allungamento, etc) con una tempistica secondo la criticità del getto o la funzione strutturale del compomente. 9.3 PRESBAVATURA

Dopo i controlli eseguiti ad ultimazione del ciclo di tranciatura, il prodotto prosegue nel suo
processo subendo, sempre ad opera dell''operatore, una presbavatura consistente in: 23 Si utilizzano calibri manuali per riscontrare eventuali deformazioni. 187 ' rimozione di bave ed apertura di determinati fori; ' asportazione di eccessi di materiale e residui incompleti di tranciatura. Fig. 9.3 Presbavatura di una scatola cambio
9.4 PROVE DI TENUTA

L''operazione successiva alla presbavatura è data dalle prove di tenuta ed è realizzata mediante
un impianto aria/aria (Air Decay a pressione di controllo di 1÷1,5 bar) quando richiesta al
100%.
Generalmente sui getti ALMEC gear box (scatole cambio) le specifiche di perdita sono:
Perdita < 12 cc/min OK 12 cc/min < Perdita > 50 cc/min pcs impregnabili Perdita > 50cc/min Scrap (scarti) Fig. 9.4 Specifiche di perdita concesse
Comunque queste specifiche vengono sempre concordate con il cliente.
Fig. 9.5 Foto impianto aria aria 188 Quando la prova a tenuta non è espressamente richiesta, ma il particolare comunque deve
garantire una certa tenuta, viene eseguita come controllo di processo e verifica della qualità la
prova di tenuta in %, generalmente in impianti aria/acqua. La prova è statistica secondo il
piano di controllo approvato, è un controllo utilissimo per l''avviamento produttivo. La prova
di tenuta aria/acqua inoltre viene eseguita come riprova sui particolari scrap alla prova
aria/aria anche per individuare la zona di perdita.
Fig. 9.6 Impianto aria/acqua
In entrambi i casi, quando la prova di tenuta ad aria dà esito negativo la si fa seguire da una
seconda prova in acqua, in modo da poter individuare precisamente la zona di perdita
(controllo aria/acqua) e prendere dei provvedimenti correttivi.

9.5 TIMBRATURA

La timbratura è un''operazione che serve per garantire la tracciabilità del prodotto e consiste
nel porre meccanicamente sulla superficie del pezzo una scritta includente tutte le
informazioni necessarie a questo scopo (un codice).
La timbratura si realizza mediante una macchina timbratrice che colpisce ripetutamente la
superficie scelta del getto mediante una punta diamantata vibrante, in moto secondo una
traiettoria compatibile con l''immagine o la scritta che si vuole imprimere. Gli impatti
provocano una deformazione permanente sul getto che consente di ottenere il risultato
suddetto. 189 La programmazione della timbratrice avviene in maniera arbitraria mediante una consolle
PLC e può essere regolata in energia di deformazione e intertempo tra gli impatti a seconda
della visibilità necessaria. Nel caso dell''ALMEC S.p.A. la timbratura viene eseguita in
maniera molto evidente in quanto le informazioni impresse non devono svanire a seguito
dell''esposizione del getto alla granigliatura.
Fig. 9.7 Timbratrice al lavoro
9.6 GRANIGLIATURA

Qualora fosse richiesta da parte del cliente, è un''operazione meccanica che viene effettuata
sulle superfici colpendo i getti con sferette metalliche di circa 1 mm di diametro tramite
apposite turbine schermate e protette in un impianto chiamato granigliatrice.
Gli effetti di questa operazione sono quelli di migliorare l''aspetto estetico, rimuovere
eventuali bave residue di piccole dimensioni, conferire un aumento della durezza superficiale
(in quanto l''azione delle sfere provoca una deformazione permanente sul getto e, quindi, un
incrudimento).
Dopo l''operazione di granigliatura è necessario pulire molto bene i getti in modo da eliminare
la contaminazione del prodotto dalle graniglie; questa operazione può essere effettuata
manualmente o mediante impianti automatici di soffiaggio.
190 Fig. 9.8 Granigliatrice
In ALMEC S.p.A. la granigliatura è un''attività affidata in outsourcing ad una ditta
specializzata, tuttavia esistono delle granigliatrici nella Fonderia C all''occorrenza impiegabili.

9.7 SBAVATURA

L''attività di sbavatura è realizzata o da personale interno o in outsourcing e si articola nelle
seguenti azioni: ' pulizia dei profili e dei piani di divisione; ' sbavatura delle zone non tranciate né pre-sbavate; ' apertura di condotti; ' soffiaggio di residui da granigliatrice;
' controllo del getto: o GP12, cioè controllo delle quote critiche;
o Firewall, cioè controllo delle aree critiche evidenziate durante il processo.
9.8 TRATTAMENTI TERMICI

I pezzi pressocolati non sono predisposti per subire un trattamento di bonifica o un qualsiasi
trattamento che comporti l''innalzamento della temperatura al di sopra di 300°C perché,
avendo questi particolari una rilevante presenza di gas nella struttura, subirebbero per
l''innalzamento della temperatura un aumento della pressione nelle bolle di gas nelle pareti,
con rischio di esplosione e di danneggiamento del prodotto.
Si possono tuttavia realizzare dei trattamenti di distensione al fine di ridurre le tensioni
interne, ad una temperatura di 180÷220°C senza eccessivi pericoli. 191 9.9 PRELAVORAZIONE MECCANICA ED ISPEZIONE FINALE

L''operazione successiva consiste nell''esecuzione di eventuali prelavorazioni meccaniche
come la tornitura, fresatura, levigatura etc.
In seguito si valuta visivamente la qualità del getto finito e si individuano eventuali ulteriori
pezzi scarto.
Fig. 9.9 Getto granigliato e lavorato alla MU
I pezzi scartati per controlli visivi talvolta possono essere recuperati mediante saldatura dove
è possibile questa operazione, tuttavia non è consigliata per i getti pressocolati perché le
eventuali inclusioni d''aria e di residui di lubrificanti carburizzati non permettono un recupero
dei getti, anzi talvolta peggiorano le superfici e le caratteristiche.

9.10 IMBALLAGGIO ED AUDIT

Superati questi esami, tutti i pezzi vengono poi posizionati ordinatamente sui piani di
imballaggio specifici concordati con il cliente. Nel caso delle scatole cambio prodotte in
Fonderia C, essi vengono realizzati secondo precisi schemi dispositivi, quindi viene avvolta
tutta la struttura, pallet compreso, da una robusta pellicola plastica che svolge azione
protettiva contro gli agenti atmosferici e azione di contenimento/stabilità sui pezzi.
192 Fig. 9.10 Esempio di imballaggio
Quando gli imballaggi sono pronti si passano tutti all''Audit finale, che preleva dei getti in
maniera casuale per controllarne la conformità prevista.
Identificazione certificata del prodotto e della qualità sono le ultime operazioni prima della
spedizione al cliente.
Fig. 9.11 Clienti ALMEC S.p.A. 193 10. DIFETTI E QUALITÁ

10.1 INTRODUZIONE

La Norma UNI EN 9000:2000 al punto 3.1.1 definisce la qualità come grado in cui un
insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti; quindi la qualità è un complesso di
elementi distintivi di un prodotto che riguarda l''idoneità al soddisfacimento di determinate
esigenze.
I costi di realizzazione di un getto in pressofusione sono molto influenzati dal livello di
qualità richiesto: è buona norma che i requisiti minimi siano sensati e condivisi dal progettista
e dal fonditore.
Qui in seguito vengono riportati alcuni controlli radiografici che il reparto qualità effettua
periodicamente per tipologia, in seguito ai quali valuta l''accettabilità di un lotto di produzione
ed eventuali interventi sul processo.

Fig. 10.1a Esempio accettabile Fig. 10.1b Esempio non accettabile 194 Fig. 10.2 Particolare di un getto risultato buono al controllo radiografico
Fig. 10.3 Particolare di un getto non risultato buono al controllo radiografico
10.2 INTERAZIONE TRA STRUTTURA CRISTALLINA E
CARATTERISTICHE MECCANICHE

Nella solidificazione i metalli formano strutture in varie forme, dimensioni, orientamento di
cristalli e loro aggregati: la frattura di un getto metallico ha luogo in generale sulle superfici di
contatto fra i cristalli di solidificazione e non all'interno dei cristalli stessi.
Poiché la superficie di contatto è proporzionale alle dimensioni del cristallo nell'ambito delle
caratteristiche proprio di quel determinato tipo di lega, una struttura grossolana presenta
scarsa resistenza mentre una struttura fine presenta un'alta resistenza meccanica.
195 Fig. 10.4. Micrografia prima dei trattamenti di modifica per lega 46000
Anche la forma dei cristalli influisce molto sulle caratteristiche di resistenza meccanica dei
pezzi. le strutture che presentano cristallizzazioni sotto forma di aghi o placchette presentano
scarsa resistenza in quanto innescano nel pezzo superfici preferenziali di rottura. E' chiaro
infatti che se una delle dimensioni prevalenti di una placchetta è orientata trasversalmente alla
direzione dello sforzo di trazione cui il pezzo è sottoposto, questi offrirà una resistenza assai
bassa.
Le strutture di tipo globulare e/o molto finemente cristallizzate, nelle quali i cristalli sono ben
compenetrati fra di loro in modo da formare una struttura risultante di tipo "feltrato"
presentano le più alte caratteristiche meccaniche e di tenuta. Ne consegue l'opportunità di
eseguire sul metallo, per la produzione di particolari pezzi, trattamenti capaci di conferire alla
lega questa struttura metallografica.
Le reazioni che avvengono in fase di fusione durante la permanenza nelle leghe di alluminio
nei forni introducono nella massa fusa: ' gas che sono cause di formazione di ossidi come l''Al 2O3; ' grossi cristalli di Si; ' sedimentazioni dei componenti altofondenti.
Si rende pertanto necessario rimuovere il più possibile dalla massa fusa ossidi e gas
inevitabilmente presenti perché quantità apprezzabili di essi provocano diminuzione di
colabilità, concorrono a generare porosità, influenzano negativamente le caratteristiche
meccaniche finali come la resistenza a trazione la tenacità e l''allungamento.
196 10.3 CONTENUTO DI GAS NEI PRESSOFUSI

Il processo di pressocolata comporta inevitabilmente la presenza di gas all'interno della
struttura dei pezzi.
La presenza di quantitativi più o meno consistenti di gas è dovuta ai seguenti fattori: ' assorbimento di gas nella fusione della lega; ' segregazione di aria e umidità che avviene durante il processo.
I gas presenti in un pezzo pressocolato sono azoto ed idrogeno; l'ossigeno, che pure è presente
nella atmosfera nella misura del 21%, non lo si trova mai all'interno di un pezzo pressofuso in
quanto entra immediatamente in combinazione con l'alluminio formando Al2O3.
I gas di qualsiasi natura intrappolati all'interno di un pezzo pressocolato abbassano la qualità
del pezzo e le caratteristiche meccaniche-tecnologiche come resistenza meccanica e tenuta a
pressione: ' se sono finemente dispersi in seno alla massa metallica determinano porosità;
' se sono concentrati in particolari zone del pezzo determinano macro cavità e soffiature.
10.4 DIFETTI LEGATI ALLA LEGA FUSA

Spesso la qualità della lega liquida è considerata un fattore secondario e solo la sua
composizione chimica viene misurata attraverso lo spectrometro.
Le impurità normali che si trovano nel bagno sono dovute alla presenza di elementi chimici
come Fe, Si, Mn, Cu, Cr, Ti in quantità differenti rispetto alle richieste della normativa.
Le impurità sono invece dovute alla sporcizia, ai film di ossidi ed alle inclusioni che creano
getti di scarto a causa della formazione di porosità, punti duri, riduzione delle fluidità e calo
delle proprietà meccaniche.
Quindi per entrambe le tipologie di impurità è necessario un adeguato controllo del processo e
bisogna fissare dei limiti di accettabilità precisi.
In generale si può riassumere che l''inquinamento sul metallo fuso porta alla formazione di
ossidi e di nitruri, favorisce la solubilizzazione dei gas e causa l''inclusione di particelle
carboniose argillose e sabbiose.

10.4.1 FORMAZIONE DELLA SCORIA

Le caratteristiche chimico-fisiche delle lega di Al sono influenzate da: ' formazione di scoria per la facilità di ossidazione dell''Al liquido a contatto con l''O 2: questo strato se non viene rotto o agitato esercita una protezione all''assorbimento di
gas ed alla formazione di un ulteriore strato di scoria; ' quantità di H 2 che il bagno assorbe; è questo un altro fattore che varia le caratteristiche chimico-fisiche variando il ciclo di solidificazione con formazione di porosità; ' bassa densità della lega liquida che causa una bassa pressione idrostatica nello stampo e quindi influisce sulla solidificazione: sono necessarie adeguate materozze e fagioli in
numero e disposizione per evitare difetti di risucchio; 197 ' impurità nel metallo fuso che segregano detriti che causano cricche di solidificazione e strappi del metallo appena solidificato.
Allo stato liquido l''Al reagisce con l''atmosfera e con l''umidità contenuta formando una scoria
costituita da ossido di Al e nitruri; all''aumentare della temperatura la quantità di ossidi
aumenta e quindi cresce lo strato di residuo che intrappola anche il metallo formando scoria
ricca. La formazione di scoria è anche influenzata dall''utilizzo di rottami non essiccati,
presenza di Mg nella carica ed agitazione eccessiva all''interno del bagno.
Tuttavia un giusto strato di scoria compie una funzione protettiva contro l''eccessiva
ossidazione e l''inquinamento dovuto alla combustione all''interno del forno.
Nei grossi forni a riverbero la formazione di ossidi si sviluppa nell''interfaccia metallo-
refrattario mutando la produttività del forno, riducendo la vita del refrattario, contaminando il
metallo ed aumentando i costi di combustione.

10.4.2 POROSITÁ DA GAS

L''assorbimento da parte del bagno liquido di Al del H 2 è molto problematico ed avviene per l''esistenza del vapore acqueo nel forno, per l''umidità dai refrattari e dalle schiumarole, per
lingotti rottami o trucioli umidi; la presenza di H2 libero nell''atmosfera è trascurabile. Le reazioni chimiche che regolano l''assorbimento dell''idrogeno nel bagno liquido sono:
2Al + 3H2O '' Al2O3 + 3H2 H2 '' 2H
La solubilità dell''idrogeno diminuisce rapidamente quando il metallo solidifica con la
formazione di porosità tondeggiante e blisters in superficie.
Fig.10.5. Test solubilità del H2 in rapporto alla temperatura 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 1,6 1,8 2 500 550 600 650 700 750 800 850 Idrogeno m l/ 1 0 0 g Temperatura °C TEST POROSITA' 198 10.4.3. PUNTI DURI

I punti duri sono delle inclusioni eterogenee di elevata durezza, di dimensioni inferiori al mm,
impediscono la lavorazione dei getti alle macchine utensili, possono provocare la rottura
fragile del pezzo perché causano una disomogenea distribuzione interna degli sforzi, sono un
punto di innesco per le microcricche e per la rottura a fatica in esercizio anche in presenza di
sovradimensionamenti, non possono essere eliminati una volta presenti nel getto, non sono
visibili all''esterno e si posizionano negli strati sotto pelle sfuggendo ai controlli radiografici.
L''origine dei punti duri può essere di: ' origine estranea alla lega causata dalla presenza di frammenti di crogioli, dai materiali refrattari del forno; questa origine non è un grave danno perché avendo un''origine
casuale non costituisce un difetto continuativo durante la produzione dei getti; ' solidificazione rapida causando gocce fredde per via di errori nella progettazione di condotti e delle cavità dello stampo, eccessiva velocità di iniezione, eccessiva durezza
per la presenza di strutture fini che causano l''estrema rapidità di raffreddamento; ' grumi di pelle che contribuiscono alla discontinuità geometriche e che se si compattano formano piccoli grumi di elevata durezza; ' particelle d''ossido parzialmente trasformate in cristalli di corindone che si formano per la lenta reazione delle pelli di ossido con l''Al liquido; ' Composti intermetallici duri, contenenti soprattutto Mn, Cr, Cu, Fe e Si derivanti dalla composizione della lega e dai suoi elementi inquinanti, che si cristallizzano grazie ai
germi di nucleazione costituiti da pelli di ossido.
10.5 CLASSIFICAZIONE DEI DIFETTI

Ora segue una breve classificazione di alcuni difetti riscontrabili sui getti prodotti in
pressofusione secondo la seguente classificazione: 1. difetti interni;
2. difetti superficiali;
3. difetti di geometria.
Per alcune importanti tipologie di difetti sono riportate alcune foto.

10.5.1 DIFETTI INTERNI

I difetti interni si possono suddividere in: ' difetti da ritiro: porosità interdendritica, planare, macroporosità; 199 ' difetti da gas: porosità da idrogeno, per intrappolamenti di aria, di umidità e di lubrificante; ' difetti da riempimento: giunzioni, sfogliature e gocce fredde; ' fasi indesiderate: inclusioni metalliche, inclusioni non metalliche di ossidi e di scoria, fasi intermetalliche; ' difetti da contrazione termica contrastata: cricche e cricche a caldo. 200 10.5.2 DIFETTI SUPERFICIALI

I difetti superficiali si possono suddividere in: ' difetti da ritiro: ricali; ' Difetti da gas: blisters;
' difetti di riempimento: giunzioni, sfogliature e gocce fredde; ' fasi indesiderate e corrosione: depositi, contaminazioni esterne, inclusione metalliche e non metalliche; 201 ' difetti da contrazione termica contrastata: cricche e cricche a caldo; ' difetti da interazione metallo/stampo: erosione, metallizzazione, criccature, segni di espulsioni e corrosione dello stampo;
10.5.3 DIFETTI DI GEOMETRIA

I difetti di geometria si possono suddividere in: ' mancanza di materiale: getto incompleto; ' eccesso di materiale: bava; 202 ' fuori tolleranza: getto deformato. 203 11. TECNOLOGIE INNOVATIVE

11.1 INTRODUZIONE

Per la realizzazione di getti il processo di pressofusione al giorno d''oggi sta subendo un
grosso incremento soprattutto per via del grande impiego di pezzi pressocolati nell''industria
automobilistica; grossi volumi produttivi, pesi ridotti ed economicità del processo sono le
principali richieste da parte dei costruttori di veicoli.
Solo da qualche anno, con la realizzazione di leghe primarie a basso tenore di Fe, il processo
di colata in pressione realizza nodi di strutture Space-Frame, supporti motori, telai di volante
e traverse varie grazie all''impiego di leghe che presentano ottime caratteristiche meccaniche
ed elevata duttilità.
In questo capitolo verrà presentata una panoramica generale sulle alcune nuove leghe di Al e
su alcune varianti al processo di pressofusione; nei prossimi anni subiranno un incremento di
utilizzo ed impiego soprattutto per la possibilità di effettuare trattamenti termici e realizzare
getti con geometrie più complesse.

11.2 LEGHE DA PRESSOFUSIONE INNOVATIVE

AlSi9MgMn
Le principali caratteristiche della lega primaria AlSi9MgMn sono: ' Buona saldabilità; ' Elevata resistenza a fatica; ' Possibilità di effettuare trattamenti termici per ottenere elevato allungamento (T4,T5,T6,T7); ' Buona colabilità; ' Possibilità a realizzare spessori molto sottili; ' Facilità di distacco dallo stampo in fase di estrazione; ' Discreta resistenza alla corrosione; ' Ideale per operazioni di rivettatura e ribaditura.
' una lega da pressofusione che permette di ottenere allungamenti elevati, resistenze
meccaniche medie e un carico di snervamento di 250 MPa, ha una densità di 2,64 Kg/dm 3, un modulo elastico di 75 GPa ed un limite di fatica per 10 6 cicli di 89 MPa. I principali elementi chiave nella sua composizione chimica sono il Mn per evitare incollature
nello stampo e favorire la formazione di fasi intermetalliche per aumentare la duttilità ed il
Mg per la definizione del carico di snervamento e di rottura. La presenza ridotta di Fe evita la
formazione di fasi intermetalliche infragilenti.
I suo campi di impiego sono la realizzazione di montanti anche integrali per autovetture,
particolari di portiere, forcelle per motoveicoli, corpo strutturale per motoveicoli, supporti
motori etc. 204 AlSi9Mn
Le principali caratteristiche della lega primaria AlSi9Mn sono: ' Assenza di invecchiamento alle alte temperature; ' Buona saldabilità; ' Elevata resistenza a fatica;
' Buona lavorabilità alle macchine utensili; ' Buona colabilità; ' Elevato carico di snervamento allo stato grezzo; ' Possibilità a realizzare spessori molto sottili; ' Facilità di distacco dallo stampo in fase di estrazione;
' Discreta resistenza alla corrosione;
' Ideale per operazioni di rivettatura e ribaditura.
' una tipologia di lega che permette di ottenere getti con caratteristiche meccaniche elevate,
inoltre con ottima saldabilità e quindi ideale per realizzare progetti e strutture complesse;
inoltre le principali caratteristiche sono una densità di 2,69 Kg/dm 3, un modulo elastico di 75 GPa ed un limite di fatica per 10 6 cicli di superiore a 89 MPa. I suo campi di impiego sono la realizzazione di nodi di telai per autovetture, particolari di
parabrezza etc.

Spessore di parete Carico di snervamento Resistenza a trazione Allungamento a rottura Rp0,2 Rm A mm MPa MPa % 2÷3 120÷150 260÷300 10÷14 3÷5 100÷130 230÷280 10÷14 5÷7 80÷110 200÷250 10÷14 Fig. 11.1
11.3 TRATTAMENTI TERMICI

Il trattamento termico sulle leghe leggere ha la capacità di migliorare le caratteristiche
meccaniche di alcun leghe base Al con un procedimento stabilito in base all''effetto
desiderato. L''esecuzione di trattamenti termici potrebbe originare tuttavia dei bisters
superficiali in caso di presenza di bolle d''aria. Utilizzando processi tipo vacuum o vacural,
che ne limitano notevolmente la presenza, è possibile eseguire trattamenti termici come per
processi in gravity e low pressure, che conferiscono al getto elevate caratteristiche
meccaniche e tecnologiche .

11.3.1 TRATTAMENTI SENZA SOLUBILIZZAZIONE

STATO O
Con questo stato si ha un aumento del carico di snervamento e dell''allungamento senza avere
deformazioni sul getto pressofuso; è composto dal trattamento di ricottura e dal trattamento di
invecchiamento a 320÷380°C per 30÷60 minuti.
205 STATO T5
Con questo stato si ha un moderato aumento del carico di snervamento e dell''allungamento
con però il rischio di avere deformazioni durante la tempra in acqua; segue anche il
trattamento di invecchiamento a 190÷220°C per 120 minuti.

11.3.2 TRATTAMENTI CON SOLUBILIZZAZIONE

Non devono essere presenti porosità gassose per evitare difetti superficiali e durante i
trattamenti bisogna porre qualche accorgimento per evitare deformazione dei getti prodotti.

STATO T4
Allo stato T4 il getto viene mantenuto per 180 minuti ad una temperatura di solubilizzazione
di 490°C per permettere agli elementi solubili di diffondersi in soluzione solida ed al Si
eutettico di sferoidizzarsi; segue spegnimento in acqua per evitare il mescolamento degli
elementi in soluzione che devono rimanere intrappolati nella matrice

STATO T6
Lo stato T6 è un trattamento termico completo con solubilizzazione a 490°C per 6÷8 h in
spegnimento aria calma o forzata porta la lega ad un''elevata resistenza meccanica.

STATO T7
' uno stato aumentato del T6 dove tempi di invecchiamento lunghi e temperature più elevate
(235°C) portano allo stato di super-invecchiamento ottenendo una buon allungamento con
resistenza meccanica elevate.

TEMPRA IN ARIA
Si effettua al termine della solubilizzazione una tempra in aria invece dell''acqua per
minimizzare le distorsioni del getto per 120 minuti a 170°C.
11.4 TECNICHE PER IL RICOPRIMENTO SUPERFICIALE

I getti pressofusi che devono essere rivestiti hanno bisogno di una elevata qualità superficiale
per soddisfare esigenze estetiche e resistenza alla corrosione. I fattori che incidono
maggiormente sulla correttezza e sulla integrità sono: ' diverse fasi del processo di pressocolata e ciclo di lubrificazione; ' lavorazioni meccaniche che subiscono i getti prodotti; ' progetto della geometria dello stampo;
' presenza di criccature; ' trattamenti termici.
Di norma prima di effettuare qualsiasi ricoprimento superficiale è necessario effettuare un
pre-trattamento superficiale che può essere la barilatura, pallinatura e sabbiatura; queste
operazioni vengono eseguite con perle di vetro, graniglia metallica e materiali ceramici che
hanno una modesta asportazione di materiale superficiale. Non bisogna mai usare materiali
estranei alla lega come i quelli plastici che a causa della penetrazioni in fiocchi nella
superficie da lavorare causano anomalie di adesione; se invece si impiegano particelle in Fe
c''è il rischio di corrosioni perforanti. 206 Segue a questi primi trattamenti la sgrassatura del getto per evitare inglobamenti e per
eliminare residui incombusti del distaccante dello stampo e del lubrificante del pistone.
11.5 VARIANTI AL CLASSICO PROCESSO DI PRESSOFUSIONE

Il Thixo-Formingin rappresenta un segmento di mercato speciale ed ha sue applicazioni per
produrre con una macchina da pressofusione getti che fino ad oggi erano possibile realizzare
solo in conchiglia.
Nella pressofusione tixotropica la lega invece che allo stato liquido viene iniettata allo stato
semi-solido (Semi Solid Metal Casting SSM) riscaldando delle billette, a forme di barre, da
inserire nel contenitore; la viscosità varia sotto l''azione della pressione durante il riempimento
dello stampo ottenendo un miscuglio solido-liquido con buone caratteristiche di fluidità.
I vantaggi del SSM sono i seguenti: ' Tempi inferiori di solidificazione;
' Meno porosità di ritiro; ' Maggior durata di vita dello stampo; ' Ottimi valori di resistenza meccanica e di allungamento; ' Saldabilità e attitudine ai trattamenti termici.
Lo Squeeze Casting rappresenta un altro segmento di mercato speciale e si presta per ottenere
pressofusi con spessori importanti con elevate esigenze meccaniche come pezzi di sicurezza
nel settore automobilistico ottenendo getti saldabili e trattabili termicamente. 207 CONCLUSIONI

La fonderia di pressocolata nella quale è stata realizzata questa tesi è un''azienda che lavora
leghe di Al allo stato liquido, in pressione, impiegando una tecnologia significativamente
complessa con l''interazione di varie unità. Ogni isola di pressofusione possiede delle unità
proprie; dal punto di vista produttivo le parti critiche sono: la macchina di pressocolata in
senso stretto, l''impianto di lubrificazione, il robot di movimentazione del pezzo, la pressa di
trancia e gli stampi.
La redditività di un''isola di pressofusione è strettamente collegata al tempo ciclo durante il
normale funzionamento, dai tempi di arresto (programmati e non) ed dal numero di getti di
scarto durante la fase di avviamento e la normale produzione.
Nella tesi ci si è concentrati sulla ottimizzazione del warm-up, del tempo ciclo e del processo
fusorio; per ciascuna di queste parti si è arrivati a risultati concreti: una nuova procedura di
avviamento, una modifica delle fasi ed un nuovo approccio per gestire al meglio gli impianti
industriali.
Tutti questi sviluppi hanno portato ad un aumento della produzione e ad un contemporaneo
calo del numero di getti non accettabili, riorganizzando l''iterazione interna tra i macchinari
ottenendo una riduzione del tempo ciclo.
Realizzare questi interventi è stato complesso, in quanto è stato richiesto un valido studio di
fattibilità ed una stima degli impatti sul resto delle fasi di produzione che non ha mai potuto
essere interrotta, trattandosi di un impianto a ciclo continuo h24. Mentre la nuova procedura
di warm-up e l''analisi del tempo ciclo sono andati ad ottimizzare il periodo di singola
produzione, l''ottimizzazione del processo è stata un''attività che è intervenuta più
globalmente sulla produzione nel lungo periodo.
I risultati di questi interventi hanno garantito all''azienda dei significativi benefici, ma il
miglioramento può continuare non interrompendo le seguenti azioni: ' definizione e monitoraggio del livello prestazionale della fonderia; ' approfondimento della conoscenza delle cause di fermo e di scarto; ' definizione degli interventi di miglioria sul processo e di manutenzione. A partire da questo lavoro si sono stabiliti, anche nel campo della fonderia, l''importanza di
perseguire un approccio analitico alla produzione e la necessità di disporre di dati sufficienti e
mezzi di elaborazione. Infine si è compreso che esistono tantissimi modi di ottimizzazione,
ma essi non possono prescindere o scavalcare quella che deve essere una gestione ordinaria
della produzione il più possibile puntuale ed efficiente. 208 209 BIBLIOGRAFIA
[1] L. ANDREOLI, M. CAS', G. POMESANO, ''Lubrificazione della cavità dello stampo', Quaderni della colata a pressione delle leghe di alluminio, EDIMET
(settembre 1996). pp 159-160 [2] L. ANDREOLI, M. CAS', G. POMESANO, ''Il lavoro termico dello stampo', Quaderni della colata a pressione delle leghe di Al, EDIMET (dicemb 1995).pp 136-142 [3] L. FEDELE, L. FURLANETTO, D. SACCARDI, ''Progettare e gestire la manutenzione', McGraw-Hill (2004). [4] TEKSID ALUMINIUM, ''Guida tascabile della qualità', (Marzo 2004).
[5]
F. CECCHETTO '' CHEN TREND, SESTO ULTERIANO, ''La lubrificazione nell''isola di pressocolata', Giornata di studio AIM Università di Padova, Vicenza
(giugno 2005) pp 156-158. [6] G. MONFREDINI '' ACHESON ITALIA, MEZZAGO, ''La lubrificazione degli stampi', Giornata di studio AIM Università di Padova, Vicenza (giugno 2005). [7] L. ANDREONI, C. BERETTA, ''L''arte della pressocolata', KLUBER LUBRIFICATION ITALIA s.r.l. (aprile 1990). [8] L. BARALDI '' BARALDI LUBRIFICANTI, OSTERIA GRANDE, R. BONI '' IDRA PRESSE, BRESCIA, ''Smart lubrification system"', Giornata di studio AIM Università
di Padova, Vicenza (giugno 2005). [9] G. MONFREDINI '' ACHESON ITALIA, MEZZAGO, ''Relazione tra la lubrificazione e lo stampo', Dallo stampo alla qualità del pressocolato Università di Bologna (ottobre
2004). [10] L. BARALDI '' BARALDI LUBRIFICANTI, CASTEL SAN PIETRO, ''Relazione tra la lubrificazione e lo stampo', Dallo stampo alla qualità del pressocolato Università di
Bologna (ottobre 2004). [11] ISVOR FIAT spa, TEKSID, ''La pressocolata', (2000).
[12]
ACHESON INDUSTRIES, ''Istruzione di servizio DAG 1000 FCT' (luglio 1999).
[13]
B. MOLINAS, D. GIANTIN, C. RAONE, L. BARALDI, R. BONI, ''Warm-Up Lube System (WULS)'''', pp 27-32, La Metallurgia Italiana (febbraio 2007). [14] BUHLER DRUCKGUSS AG, ''Il sistema di controllo della nuova generazione'''' (giugno 2005). [15] L. ANDREONI, C. BERETTA, ''L''arte della pressocolata'''', Kluber Lubrification Italia srl (aprile 1990). [16] M. CHECCACCI, ''Fusione e mantenimento delle leghe di Al'''',Giornata di Studio AIM (25 maggio 2005). [17] S. CONSOLI, ''Il trattamento della lega tra la fusione e il mantenimento'''', Giornata di Studio AIM (25 maggio 2005). [18] R. FERRARIO, M. ROSSO, P. VARESE, ''Tecnologie di produzione di lega leggera secondaria per pressocolata'''', Giornata di Studio AIM (25 maggio 2005). [19] M. ROSSO, S. GUELFO, ''I difetti legati alla gestione della lega fusa e loro influenza sulla qualità del getto'''', Giornata di Studio AIM (25 maggio 2005). [20] F. MIGLIERINA, ''Contenitori e pistoni d''iniezione nella pressocolata', Giornata di Studio AIM (25 maggio 2005). pp 111-124 210 [21] A. D''ETTORRE, R. DUTTO, D. MADARO, F. MIGLIERINA, ''Forno fusorio Flexifire® per la produzione di leghe di alluminio hight quality', Convegno 60° anno
AIM (22-23-24 novembre 2006). pp 33-36 [22] AA.VV., Convegno 60° anni AIM (22-23-24 novembre 2006).
[23]
L. ANDREONI, M. CAS', G. POMESANO, ''Qualità e conformità dei getti pressofusi'''', Quaderni della colata a pressione delle leghe di alluminio, EDIMET
(gennaio 1997). [24] L. ANDREONI, M. CAS', G. POMESANO, ''Fenomeni chimico-fisici del processo di pressofusione'''', Quaderni della colata a pressione delle leghe di alluminio, EDIMET
(novembre 1994). [25] L. ANDREONI, M. CAS', G. POMESANO, ''Il processo della pressofusione'''', Quaderni della colata a pressione delle leghe di alluminio, EDIMET (maggio 1993). [26] A. ZOVI, F. CASAROTTO, ''Silafont-36 the low iron ductile die casting alloy development and applications'''', pp 33-38, La Metallurgia Italiana (giugno 2007). [27] E. GARIBOLDI, F. BONOLLO, M. ROSSO ''Proposal of a classification of defects of high-pressure diecast products'''', pp 39-46, La Metallurgia Italiana (giugno 2007). [28] BUHLER DRUCKGUSS AG, ''Elettronica Idraulica Dataspeed Datanet' (dicembre 2004). [29] C. DEL GROSSO, ''Comportamento del metallo, trattamento delle leghe fuse e scelta delle modalità operative', Giornata di studio sull''HPDC (maggio 2005). [30] W.NICODEMI, ''Acciai e leghe non ferrose', ZANICHELLI
[31]
W.NICODEMI, ''Metallurgia, principi generali', ZANICHELLI


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186