verticale

Struttura genetica del Blenniidae Parablennius sanguinolentus, bioindicatore dell'inquinamento delle acque costiere

Obiettivo di questo studio, è stata l'analisi della struttura genetica di popolazioni campionate in 10 siti di aree costiere italiane attraverso lo studio della variazione delle sequenze della regione di controllo mitocondriale e l'utilizzo, negli stessi siti, di P. sanguinolentus quale valido bioindicatore, prendendo in esame l'analisi chimica dei siti, il bioaccumulo di alcuni metalli nel muscolo e biomarker molecolari, quali il Test Comet e Test dei Micronuclei.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Dottorato, Università degli Studi di Catania, Anno Accademico 2011- 2012

Pubblicato
da Alessia De Giosa
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
1 INTRODUZIONE Recenti studi sulla variabilità molecolare in popolazioni ittiche di ambiente marino, hanno descritto differenti pattern che vanno da situazioni di panmissia con alto flusso genico fra i siti a un''elevata strutturazione genetica con popolazioni distintamente separate fra di loro (Bernardi, 2000; Bernardi et al., 2001; Bargelloni et al., 2003; Bernardi et al., 2003; Bernardi e Vagelli, 2004; Costagliola et al., 2004; Bekkevold et al., 2005; Debes et al., 2008; Domingues et al., 2008a; Burford, 2009). Tradizionalmente, la diversità genetica in popolazioni di specie ittiche marine, a causa della carenza o assenza di barriere al flusso genico, è stata considerata minore di quella delle specie dulcacquicole e anadrome. Infatti, in specie d''acqua dolce, sono stati descritti spesso pattern di strutturazione genetica che vengono interpretati sulla base della presenza di barriere fisiche al flusso genico; tali casi di strutturazione sono stati citati in Cyprinidae (Durand et al., 1999; Wang et al., 2000; Wang et al., 2004; Lin et al., 2009) e Cyprinodontidi (Stockwell et al., 1998; Maltagliati, 1998, 1999; Ferrito et al., 2003; Tigano et al., 2004, 2006; Haney et al., 2007; Rocco et al., 2007; Pappalardo et al., 2008). Per quanto riguarda le specie ittiche marine, diversi studi hanno riportato risultati che ben si adeguano ad un modello di mancanza di strutturazione genetica e minore diversità rispetto alle specie d''acqua dolce (Gyllenstein, 1985; Ward et al., 1994; Fruciano et al 2011). Tuttavia, in tempi più recenti, è stato osservato che diversi fattori, tra cui ad esempio la ritenzione larvale, possono determinare, anche in specie con fase larvale planctonica, una certa divergenza genetica tra le popolazioni (Palumbi, 1994; Knutsen et al., 2003), 2 in particolare Gerlach et al. (2007) hanno dimostrato che le larve planctoniche sono in grado di distinguere le tracce olfattive dei loro reef natali, ipotizzando che le larve possano seguire la corrente ritornando preferenzialmente ai loro siti natali. Pertanto, l''idea che le popolazioni di specie marine siano difficilmente strutturate dal punto di vista genetico, è stata messa in discussione da una serie di casi in cui è stata riscontrata una evidente strutturazione genetica (Burford, 2009; Debes et al., 2008). Inoltre, la strutturazione genetica delle popolazioni può essere correlata a variabili ambientali e, in accordo con Bergek e Bjorklund (2009) ''il flusso genico potrebbe essere limitato per molte possibili ragioni e pattern potrebbero essere presenti in luoghi e a scale geografiche imprevedibili specialmente negli ambienti acquatici in cui le barriere alla dispersione sono difficili da individuare'. I Blennidi sono una famiglia di Teleostei Perciformi i cui rappresentanti sono tipicamente marini e bentonici, viventi soprattutto lungo le coste dei mari caldi e temperati, e, in qualche caso anche in acqua dolce. Nel Mar Mediterraneo e nell''Atlantico nord-orientale sono presenti 22 specie di Blennidi, alcune delle quali sono intertidali, e solo raramente pelagiche. La loro sedentarietà, dimostrata dal fatto che una volta insediatisi nel loro ambiente effettuano scarsi movimenti e tendono a rimanere vicino a pietre, massi ed altri rifugi, rende i blennidi un gruppo particolarmente interessante in studi di strutturazione genetica di specie marine. Tuttavia, sulla struttura di popolazione delle singole specie esistono pochi dati; in particolare, Muss et al. (2001) hanno studiato Ophioblennius atlanticus e O. steindachneri utilizzando la regione mitocondriale del citocromo b; mentre, sulla base dell''analisi delle sequenze della regione di controllo mitocondriale (D- 3 Loop), Domingues et al. (2007) hanno condotto uno studio sulla specie Coryphoblennius galerita e Stefanni et al., 2006 e Francisco et al., 2006 in Lipophrys pholis. Recentemente, Almada et al. (2009), hanno studiato i rapporti filogenetici esistenti all''interno del genere Salaria, confrontando il livello di variabilità genetica intraspecifica in S. pavo e S. fluviatilis. Ancora più carenti sono i dati sulla struttura di popolazione di Parablennius sanguinolentus,(Pallas, 1814); le poche informazioni che esistono sono riportate in Domingues et al. (2008b), i quali hanno preso in esame le sequenze della regione di controllo mitocondriale al fine di studiare la filogeografia e la demografia storica di P. parvicornis e P. sanguinolentus sebbene di quest''ultima specie vengano analizzate soltanto due popolazioni di cui una portoghese e l''altra spagnola. Parablennius sanguinolentus (Pallas, 1814) è un blennide ampiamente distribuito nel Mediterraneo, Mar Nero e costa Atlantica dal Marocco alla Loira in Francia. ' una specie intertidale che produce uova che vengono attaccate sotto le pietre o nelle conchiglie vuote e vengono poi tenute sotto controllo dal maschio. Questa specie presenta larve pelagiche, della durata di 34 giorni, con dispersione di tipo ''inshore' in quanto le larve non vengono generalmente riscontrate oltre un miglio di distanza dalla costa (Raventos e Macpherson, 2001). Gibson (1999) riporta che Blennius (= Parablennius) sanguinolentus è capace di ritornare nei luoghi precedentemente occupati (comportamento di homing) nell'' 83% dei casi esaminati, dopo aver percorso distanze che variano da 10 ai 120 metri; tale comportamento è stato dimostrato anche nella specie P. parvicornis, strettamente affine (Thyssen, 2010). Oltre che suscitare interesse per gli studi di strutturazione genetica, recentemente, P. sanguinolentus si è rivelato anche un 4 valido bioindicatore nella valutazione della qualità dell''ambiente costiero in una ristretta area della costa ionica siciliana (Tigano et al. 2009). A tal riguardo, negli ultimi decenni, l''approccio multimarker con l''utilizzo di pesci bioindicatori, ha rappresentato un valido strumento d''indagine (Akcha et al., 2004; Kilemade et al., 2004; Gabbianelli et al., 2003; Moraes de Andrade et al., 2004; Frenzilli et al., 2004; Pereira et al., 2010; Tlilli et al., 2010; Fonseca et al., 2011; Tsangaris et al., 2011) e, anche l''analisi molecolare ha fornito un ottimo contributo alla valutazione della qualità ambientale associata ad indicatori della contaminazione ambientale, quali il bioaccumulo dei metalli nel muscolo e l''analisi chimica dei biotopi (Bickham 2001, 2011, Bourret et al., 2008; Knapen et al., 2009; Maes et al., 2005; Mulvey et al., 2003; Rinner et al., 2011). Sulla base della considerazione che sia gli studi di strutturazione genetica che quelli sulla bioindicazione di P. sanguinolentus sono stati ad oggi svolti su scala locale, obiettivo dello studio sono: a) l''analisi della struttura genetica di popolazioni campionate in 10 siti di aree costiere italiane attraverso lo studio della variazione delle sequenze della regione di controllo mitocondriale; b) l''utilizzo, negli stessi siti, di P. sanguinolentus quale valido bioindicatore, prendendo in esame l''analisi chimica dei siti, il bioaccumulo e biomarker molecolari. 5 1. I BLENNIIDAE 1.1. EVOLUZIONE, FILOGENESI E DISTRIBUZIONE DEI BLENNIIDAE NEL MEDITERRANEO Fra i Perciformi, il sottordine Blennioidei ha preso origine nell''Eocene (Berg, 1958). Le specie di questo taxon oggi si trovano negli oceani di tutto il mondo e, alcune di esse, sono anche in grado di vivere in acqua dolce. Diversi eventi paleostorici dal Miocene al Pleistocene hanno influenzato notevolmente la distribuzione e l''ulteriore evoluzione dei Blennioidei (Eckman, 1953; Mars, 1963; Ruggieri, 1967) nell''area mediterranea. Dal confronto della ricchezza faunistica dei Blennidi presenti nel Mar Mediterraneo, nell''Africa occidentale e nell''Atlantico nord-orientale emerge che il Mar Mediterraneo presenta una fauna comparativamente più ricca caratterizzata da specie endemiche (11% del numero totale delle specie atlantiche) e da specie che, pur non essendo strettamente endemiche, si sono probabilmente evolute nel Mediterraneo, da cui si sono disperse in aree adiacenti. Sulla speciazione dei Blennioidei nel Mediterraneo sono stati proposti diversi modelli (Tortonese, 1964: Eckman, 1967; Zander, 1973, 1980; Wirtz, 1978) che comunque individuano nella crisi di salinità del Messiniano (6,5 milioni di anni fa) l''evento che ha determinato, dopo il Miocene, la colonizzazione del Mediterraneo da parte di specie (molte delle quali vivono attualmente in questo mare) che si sono evolute da stock provenienti dall''Atlantico. Gli effetti degli eventi paleoclimatici del Pleistocene sui Blennidi del Mediterraneo sono stati diversamente interpretati. Zander (1973) suppone che durante il Pleistocene la 6 maggior parte delle specie di Blennioidi non avrebbe potuto sopravvivere nel Mediterraneo e che gli antenati delle forme qui presenti dovrebbero essere sopravvissute nei rifugi più caldi sulle coste dell'Africa occidentale. In una seconda ipotesi, lo stesso autore (Zander 1980) suggerisce che, per alcune linee di Blennidi, la speciazione potrebbe aver seguito un percorso diverso, con popolazioni che colonizzarono e si isolarono nelle isole Atlantiche della Macaronesia da cui invasero nuovamente l'Atlantico orientale e il Mediterraneo. In contrapposizione all''ipotesi che il Mar Mediterraneo durante le glaciazioni si trasformò in un mare inospitale per le bassa temperatura dell''acqua, è stato dimostrato che, almeno nella parte meridionale del Mediterraneo, la temperatura dell''acqua fu soltanto di pochi gradi inferiore rispetto a quella attuale (Thiede, 1978). Di conseguenza, la maggior parte dei blennidi che attualmente vivono lungo le coste settentrionali del Mediterraneo, furono probabilmente in grado di sopravvivere, durante le glaciazioni, lungo le coste meridionali dello stesso mare piuttosto che rifugiarsi lungo le coste dell''Africa occidentale. Sulla base di tale constatazione Almada et al (2001) hanno ipotizzato che, durante le fasi glaciali, sia il Mediterraneo che la costa occidentale dell'Africa sono servite come rifugio per le specie termofile e che durante i periodi interglaciali, queste due aree geografiche sono rimaste separate a causa dell''aumento del livello del mare che si verificò lungo la costa della Mauritania (vedi Marañón et al., 2001). Questo modello implica che, oltre a un centro di speciazione primaria di elevata diversità nei tropici, il Mediterraneo può aver agito come un centro di speciazione secondaria, divenendo un rifugio per specie atlantiche di acque caldo-temperate che, successivamente, si sarebbero disperse 7 fuori da questo mare. L''abbassamento del livello del mare durante le glaciazioni e il confinamento delle acque calde in zone del Mediterraneo meridionale potrebbero spiegare, inoltre, il verificarsi di differenze, sia a livello di specie che di sottospecie, tra il Mediterraneo orientale e occidentale (Thiede, 1978; Wirtz, 1980). Se questo scenario si rivelasse vero, gli eventi di speciazione che hanno portato all'' attuale fauna di Blennidi del Mediterraneo e dell''adiacente Atlantico sarebbero relativamente recenti essendosi verificati durante il Pleistocene. 1.2. TASSONOMIA DEI BLENNIIDAE Tra i primi dati bibliografici presenti in letteratura sulla tassonomia dei Blennidi, Norman (1943) indica che la famiglia dei Blenniidae comprende tre sottofamiglie, Ophioblenniinae, Salariinae e Blenniinae; l''Autore inserisce la maggior parte dei Blennidi dell''Atlantico nord-orientale e del Mediterraneo nel genere Blennius che viene suddiviso in tre sottogeneri: Blennius, Lipophrys e Salaria, e segnala, altresì, l''esistenza di un genere monospecifico Coryphoblennius con Coryphoblennius galerita (Linnaeus, 1758). Studi tassonomici di Springer (1968), Springer e Smith-Vaniz (1972) e Smith-Vaniz (1976) sulla famiglia Blenniidae hanno indicato, all'interno dei Blenniidae, sei linee filetiche, mentre Bock e Zander (1986) hanno segnalato in questa famiglia le seguenti sei tribù: Salariinae, Blenniini, Parablenniini, Omobranchini, Phenablenniini e Nemophini. Ulteriori studi di Nelson (1994) sulla tassonomia dei Blennidi inseriscono la maggior parte delle specie dell''Atlantico nord orientale e del Mediterraneo nella tribù Parablenniini, la specie Ophioblennius atlanticus 8 (Valenciennes, 1836) nella tribù dei Salariini e Blennius ocellaris (Linnaeus, 1758) nella tribù dei Blenniini. Bath (1977) in ''Revision der Blenniini (Pisces: Blnniidae)' indica che Parablennius è un genere polifiletico ed inserisce, altresì, alcune specie (attualmente facenti parte di questo genere) nel genere Pictiblennius (ipotesi non più sostenuta, Bath 1996); l''Autore, inoltre, indica che Lipophrys deve essere considerato un genere e propone un nuovo genere monospecifico con la specie Paralipophrys trigloides (Valenciennes, 1836). Anche Zander (1978) mantiene separati i due generi Parablennius e Pictiblennius mentre considera inclusi nell''unico genere Lipophrys i due generi Paralipophrys e Salaria; tale ipotesi è stata successivamente sostenuta anche da Bock e Zander (1986) e Nelson (1994). Nel lavoro del 1996, Bath individua nel genere Parablennius cinque gruppi distinti ed indica che i generi Lipophrys e Salaria sono più strettamente correlati tra loro rispetto a qualsiasi altro genere. Richtarski & Patzner (2000), in uno studio condotto sulla morfologia del sistema riproduttivo del maschio dei Blennidi del Mediterraneo hanno indicato che Parablennius sanguinolentus (Pallas, 1814) è più strettamente affine a Salaria pavo (Risso, 1810) piuttosto che a Lipophrys, in accordo con quanto riportato da Garcia et al. (1987) sulla base di dati sulla cariologia di alcuni Blennidi; inoltre, gli Autori hanno indicato una stretta somiglianza tra i due generi Lipophrys e Blennius. E ancora, Nieder e Busse (1992) hanno studiato ulteriormente la sistematica della tribù Parablenniini confrontando i pattern di bande elettroforetiche del siero sanguigno proveniente da sette specie di Blennidi, e individuando tre gruppi: Parablennius, Lipophrys e Scartella. Infine, il primo 9 approccio molecolare e cladistico alla filogenesi dei Blennioidi è stato condotto da Stepien et al. (1997). Sulla base di dati molecolari su un frammento di rDNA mitocondriale 12S, gli Autori hanno suggerito che: (1) la famiglia Blenniidae è monofiletica, (2) la tribù Parablenniini è monofiletica, la tribù Salariini è parafiletica e (3) i Salariini, con l'eccezione di Ophioblennius, sono sister group dei Parablenniini; Stepien et al. (1997) hanno anche preso in esame alcune relazioni all'interno del sottordine Blennioidei, precisando che i Tripterygiidae sono la sister family dei Blenniidae, come già osservato da Williams (1990). Infine, i risultati di Almada et al. (2005a) su O. atlanticus sostengono le conclusioni di Stepien et al. (1997) e Bath (2001) per la forte affinità tra Ophioblennius e il gruppo Blenniini/Parablenniini. Gli Autori hanno indicano che Parablennius non è chiaramente riconosciuto come clade monofiletico; in esso, sono inclusi tre cladi: (1) P. sanguinolentus e P. parvicornis, (2) P. gattorugine e P. ruber, e (3) P. pilicornis (Cuvier, 1829), P. salensis (Bath, 1990); P.tentacularis, P. rouxi, P. incognitus (Bath 1968) e P. zvonimiri (Kolombatovic, 1892); gli Autori indicano, inoltre, che la divergenza tra il clade P. parvicornis/P. sanguinolentus e gli altri Parablennius appare considerevole; queste due specie, infatti, sono morfologicamente e ecologicamente molto specializzate, essendo tipicamente pesci erbivori viventi in acque molto basse, in habitat rocciosi e in pozze intertidali (Gibson, 1968; Goldschmid et al, 1980;. Santos e Almada, 1988). 10 1.3. MORFOLOGIA E BIOLOGIA DI Parablennius sanguinolentus (Pallas, 1814) La specie presenta un corpo ingrossato anteriormente e schioacciato posteriormente, la test5a è tondeggfiante e l''occhio è sormontato da una brevissima appendice dermica frangiata. La bocca è munita di 34-38 denti. La pinna dorsale è unica e di altezza quasi uniforme, con una lieve indentatura tra i raggi spinosi e quelli molli, e termina al peduncolo codale, a cui si collega con una piccola membrana. L'anale è più bassa della dorsale ed è collegata al peduncolo codale da una breve membrana. Le pettorali sono ampie e lunghe quanto la testa. Le ventrali sono filiformi. La codale è arrotondata. Raggi dorsali: XII-XIII. 19- 22; presenta 11 raggi anali, 13-14 raggi pettorali estesi fino all'origine dell'anale o quasi. La colorazione è variabile, su una tinta neutra grigiastra risaltano macchie e strie vermicolari chiare e scure. Presenti macchie rosse sulle pettorali e sulla coda. La pinna anale ha spesso un margine nero, con punte bianche dei raggi, in quella dorsale si nota quasi sempre una macchia nera tra i primi due raggi (Fig. 1a). Preferisce climi caldi ( 50°N - 30°N, 18°W - 42°E) e oltre che nel Mediterraneo (è comune sulle coste italiane) e nell'Adriatico, si ritrova nel mar Nero e nell'Atlantico (dal Portogallo al Congo) e nelle isole Azzorre (Fig. 1b). Ha scarso interesse commerciale. Si lascia avvicinare, ma resta sempre sospettosa; si cattura con nasse e retini a bilancia, nei tramagli costieri. Abbocca facilmente agli ami e può raggiungere i 20 cm di lunghezza, con una media di 15 cm. 11 a) b) Figura 1 - a) esemplare di Parablennius sanguinolentus; b) distribuzione della specie
' una specie intertidale, vive fra le posidonie, i ciottoli o ai margini delle rocce coperte da alghe (di cui si nutre) filamentose, ripide e esposte a luce solare, in attesa delle prede. Percorre sott'acqua lunghe distanze "a volo". E' una specie euriterma, vive a profondità raramente superiore al metro ed è ovipara. Maschi e femmine si ritrovano insieme al di fuori della stagione della fecondazione. Si riproduce da Aprile a Luglio e le uova prodotte da Maggio a Luglio, vengono attaccate sotto le pietre o nelle conchiglie vuote e vengono sorvegliate dal maschio.Le larve sono pelagiche e si trovano nei mesi da Giugno ad Agosto; la loro dispersione viene definita ''inshore', poiché non supera il miglio di distanza 12 dalla costa (Macpherson e Raventos, 2006). La vita pelagica dura 34 giorni (Raventos e Macpherson, 2001) e termina quando raggiungono circa 30 mm di lunghezza. Santos (1956) riporta un comportamento di homing. 13 2. 2.1. I PESCI BIOINDICATORI Per bioindicatori si intendono tutti quegli organismi che, mediante reazioni identificabili (biochimiche, fisiologiche, morfologiche, corologiche), forniscono informazioni sulla qualità dell''ambiente; possono essere utilizzati come bioindicatori sia popolamenti naturali sia organismi introdotti nell''ambiente. La scelta dell''organismo indicatore deve tenere presente una serie di caratteristiche relative alla sua fisiologia, al tipo di alimentazione, all''habitat, allo stile di vita (Fossi, 1998). Molti gruppi di organismi sono stati proposti come indicatori di cambiamenti ambientali ed ecologici; sebbene non esista un gruppo che metta d''accordo tutti i biologi, sembra che i pesci abbiano ricevuto notevoli attenzioni. I pesci, infatti, sono stati utilizzati con successo come bioindicatori dei cambiamenti della qualità dell'ambiente in una grande varietà di habitat acquatici in quanto presentano numerosi vantaggi al fine del monitoraggio ambientale: 1) sono tipicamente presenti in tutti i sistemi acquatici, con l'eccezione di acque altamente inquinate; 2) per molte specie sono disponibili numerose informazioni riguardo la risposta ambientale; 3) rispetto a molti invertebrati, i pesci sono relativamente facili da identificare e molti esemplari possono essere processati sul campo, e rilasciati in acqua (in caso di campionamento non distruttivo); 4) le comunità dei pesci includono specie che rappresentano una ampia varietà di livelli trofici; 5) i pesci sono comparativamente più longevi di organismi invertebrati e forniscono, quindi, registrazioni a lungo termine dello stress ambientale. In particolare la "salute" 14 dei pesci viene sfruttata come eccellente biomarker: la "salute" cellulare, rappresenta l'integrità strutturale delle componenti cellulari e il mantenimento dei processi cellulari a livello biochimico; la "salute" individuale, descrive la condizione strutturale, morfologica e funzionale dell'intero organismo; la "salute" della popolazione, rappresenta la sostenibilità ed il mantenimento della popolazione di una particolare specie; la "salute" della comunità, rappresenta l'appropriato insieme di organismi e le relazioni tra le specie di questo insieme. Correlato alla salute dei pesci, è lo "stress", cioè l'effetto cumulativo e quantificabile di fattori o combinazioni di essi, che operano su un individuo, una popolazione, una comunità o un ecosistema e che spesso riduce la fitness di sopravvivenza di ogni livello biologico di organizzazione (Withfield and Elliott, 2002). I pesci possono, inoltre, costituire un sistema per individuare dei potenziali rischi per la salute umana e un sistema di verifica dell''efficienza d''interventi di riqualificazione degli ambienti acquatici (Tancioni et al, 2005). 2.2. NOTE DI ECOTOSSICOLOGIA 2.2.1. I BIOMARKER (da Fossi, 1998) Quando un contaminante raggiunge un ecosistema, sia questo marino, terrestre o di acqua dolce, esso può provocare una serie di alterazioni o danni a diversi livelli di complessità strutturale che, partendo dal danno molecolare, seguendo la complessità dell''organizzazione gerarchica dei viventi, giungono fino ad alterazioni su popolazioni e comunità biologiche. 15 Uno degli aspetti fondamentali su cui si basa la moderna tossicologia ambientale è l''identificazione del bersaglio primario d''azione di un composto inquinante. La tossicità primaria di un contaminante si esercita, infatti, in linea generale a livello biochimico e molecolare (modificazione delle attività enzimatiche, danni al DNA, ecc) e solo, successivamente gli effetti si possono riscontrare, con un meccanismo a cascata, ai livelli superiori dell''organizzazione gerarchica, fino a giungere al livello di popolazione e di comunità. Parallelamente all''impatto negativo del composto tossico ai diversi livelli strutturali, si sviluppano delle risposte adattative allo ''stress chimico' che tendono a riportare il sistema ad uno stato di omeostasi. Si potrebbe quindi affermare che le diverse risposte, omeostatiche e non, che un organismo genera nei confronti di uno stress rappresentano dei potenziali marker di contaminazione ambientale. La National Accademy of Science statunitense descrive un biomarker come: '''quella variazione, indotta da un contaminante, a livello delle componenti biochimiche o cellulari di un processo, di una struttura o di una funzione, che può essere misurata in un sistema biologico.' Depledge (1989) definisce come biomarker ecotossicologico '''quella variazione biochimica, cellulare, fisiologica o comportamentale, che può essere misurata in un tessuto, in un fluido biologico o a livello di un intero organismo (individuo o popolazione) che dà evidenza di esposizione e/o effetto di uno o più composti inquinanti (e/o radiazioni).' In sintesi, l''utilizzo di biomarker permette, attraverso lo studio delle risposte immediate (induzione dei sistemi detossificanti, alterazioni del DNA, ecc), di prevedere il verificarsi di effetti negativi a lungo termine. Il ruolo dei biomarker 16 non è quello di dare informazioni quantitative sui livelli di esposizione di un organismo, ma è quello di fornire indicazioni sul suo ''stato di salute' come segnale potenziale di alterazioni ambientali. I principali vantaggi dell''uso di biomarker nei programmi di monitoraggio sono i seguenti: ' forniscono una risposta integrata all''esposizione della specie sentinella o bioindicatore, tenendo conto sia delle diverse vie di assunzione che delle esposizioni, nel tempo ed entro una determinata area; ' danno una risposta integrata dell''insieme delle interazioni tossicologiche e farmacocinetiche della miscela di composti a cui è sottoposto l''organismo; ' forniscono una risposta immediata all''esposizione degli agenti tossici (ore '' giorni) che può essere impiegata per prevedere effetti a lungo termine. L''applicazione di questo approccio metodologico deve tenere conto tuttavia della presenza di alcuni fattori di disturbo. Ad esempio, certe reazioni enzimatiche, subiscono modificazioni in funzione dello stato ormonale, dell''età e del sesso dell''organismo. La conoscenza però dei cicli riproduttivi dell''organismo ''sentinella', o bioindicatore, delle sue caratteristiche fisiologiche, della variabilità tra individui, permette in parte di eliminare tali fattori. I biomarker vengono comunemente classificati a seconda del significato del loro segnale in: Biomarker di esposizione e Biomarker di effetto. I primi sono rappresentati da tutte quelle risposte di un organismo, ai diversi livelli di complessità strutturale, che indicano l''esposizione ad un composto chimico o ad una classe di composti chimici, ma che non forniscono nessuna indicazione dei 17 reali effetti tossicologici sull''organismo. Fanno parte invece dei biomarker di effetto tutte quelle risposte che indicano sia l''esposizione che l''effetto di un composto tossico. I marcatori biologici si possono dividere anche in specifici e generali, a seconda della loro specificità di risposta nei confronti di agenti inquinanti. Ai primi appartengono tutte quelle risposte molecolari e biochimiche che si realizzano in un organismo a seguito dell''esposizione ad una specifica classe di contaminanti. Si definiscono invece biomarker generali le risposte dell''organismo a livello molecolare, cellulare e fisiologico, che non possono essere direttamente ricondotte ad una sola classe di contaminanti, ma che rappresentano lo stato generale di stress dell''organismo (ad''esempio, alcuni danni al DNA.). Entrambe queste famiglie di biomarker sono indispensabili nei programmi di biomonitoraggio ambientale, infatti si collocano in due diverse fasi dell''attività conoscitiva. I biomarker vengono comunemente classificati in funzione della diversa risposta a livello gerarchico nelle seguenti categorie: ' Alterazioni del DNA (ad esempio, test Comet e test del micronucleo) ' Risposte di proteine ' Prodotti metabolici ' Variazioni a carico del sistema immunitario ' Alterazioni osteopatologiche ' Biomarker non specifici e fisiologici 18 2.2.2. CENNI DI TOSSICOLOGIA EVOLUTIVA La Tossicologia Evolutiva è lo studio degli effetti degli inquinanti chimici sulla genetica delle popolazioni naturali. Le ricerche in tossicologia evolutiva, utilizzano disegni sperimentali familiari all''ecotossicologo, con corrispondenti siti di riferimento e siti contaminati e la selezione di specie sentinella. Secondo Bickham et al. (2011), uno dei quattro capisaldi della Tossicologia Evolutiva analizza i cambiamenti della diversità genetica nell''intero genoma degli organismi esposti a sostanze inquinanti. Quando le popolazioni sono inizialmente esposte all'inquinamento c'è spesso una drastica riduzione della dimensione della popolazione. Questo processo di riduzione può portare alla perdita di variabilità genetica attraverso la deriva genetica e l''esame della diversità aplotipica e nucleotidica rappresenta una delle diverse modalità di valutazione della diversità genetica. Una differenza fondamentale tra Tossicologia Evolutiva e le altre aree della ricerca ecotossicologica è che queste ultime si occupano, principalmente, della salute degli individui, mentre la Tossicologia Evolutiva studia le popolazioni naturali e focalizza la sua attenzione sul benessere delle popolazioni. 19 3. MATERIALI E METODI 3.1. CAMPIONAMENTO Sono stati analizzati 250 esemplari di Parablennius sanguinolentus provenienti da 10 siti di campionamento riportate in tab. I e fig. 2. Tabella I '' Siti di campionamento degli esemplari di P. sanguinolentus
Localizzazione Località Grado di
inquinamento Coordinate
geografiche Anno di
campionamento n. di
esemplari Abbreviazione Mar Tirreno Rapallo
(Genova) Sito con
inquinamento
antropico 44°20''54'''' N ''
09°13''53'''' E 2009 25 GE Antignano
(Livorno) Sito con
inquinamento
antropico 43°29''47'''' N ''
10°19''20'''' E 2010 25 LI Santa
Marinella
(Roma) Sito con
inquinamento
antropico 42°01''55'''' N ''
11°49''56'''' E 2009 25 SM Mar Adriatico Brindisi Area portuale 40°39''45'''' N ''
17°57''49'''' E 2010 25 BR Cupra
marittima
(Fermo) Sito con
inquinamento
antropico 43°01''34'''' N ''
13°51''43'''' E 2009 25 AN Sicilia ''Plemmirio' ''
Siracusa Area Marina
Protetta 37°00''53'''' N ''
15°18''01'''' E 2009 25 A.M.P.PL Riposto
(Catania) Sito con
inquinamento
antropico 37°43''35'''' N ''
15°12''36'''' E 2008 25 RI Trapani Area portuale 38°00''49'''' N ''
12°31''14'''' E 2009 25 TP ''Isola dei
Ciclopi ''
Acitrezza
(Catania) Area Marina
Protetta 37°33''49'''' N ''
15°09''41'''' E 2009 25 A.M.P. AC Augusta
(Siracusa) Area portuale 37°14''42'''' N ''
15°12''27'''' E 2008/2009 25 AU 20
Figura 2 '' Posizionamento geografico dei siti di campionamento di P. sanguinolentus
(per le abbreviazioni, vedi Tab.I) Da ogni esemplare sono state prelevate, in campo, porzioni di muscolo per l''analisi molecolare e per la valutazione del bioaccumulo dei metalli, nonché campioni di sangue, tramite puntura dalla vena caudale, per la determinazione della presenza di micronuclei e di anomalie nucleari. Contemporaneamente, sono stati campionati, in ogni sito, acque e sedimenti per sottoporli ad analisi chimiche. 21 3.2. ANALISI MOLECOLARE 3.2.1. ANALISI DELLE SEQUENZE Dal tessuto muscolare (25-30 mg) conservato in etanolo, è stato estratto, utilizzando un kit di estrazione SIGMA secondo il protocollo suggerito dal produttore, Il DNA genomico totale . La reazione di PCR, per l''amplificazione del frammento di DNA mitocondriale, è stata eseguita in un volume di 50 l, mediante BIOMETRA Personal Cycler. L''estremità 5'' del frammento utilizzato è stato amplificato mediante i seguenti primer: L-pro1 (5''-ACT CTC ACC CCT AGC TCC CAA AG-3'') e H-DL1 (5''-CCT GAA GTA GGA ACC AGA TGC CAG-3'') (Ostellari et al., 1996). Per la reazione sono stati utilizzati: 2 µl di DNA genomico, 0.25 µl di Taq Polimerasi (INVITROGEN), 2,5 µl Buffer (fornito con la Taq Polimerasi), 1 l MgCl2 (fornito con la Taq Polimerasi), 0,5 l dNTPmix (INVITROGEN), 1 l Primer L-pro1 e 1 l Primer H-DL1. Le condizioni di PCR sono state le seguenti: una denaturazione iniziale a 94°C per 2 min, seguita da 30 cicli di denaturazione a 94°C per 1 min, anneling a 52°C per 45 sec ed estensione a 72°C per 45 sec, seguiti da uno step di estensione finale a 72°C per 7 min. L''assenza di prodotto di PCR aspecifico è stata verificata mediante elettroforesi su gel di agarosio al 2%. I prodotti di PCR sono stati sequenziati tramite un servizio di sequenziamento esterno. 3.2.2. ANALISI STATISTICA Le sequenze sono state allineate con il software CLUSTAL X (Thompson et al., 1997). L''analisi della saturazione è stata effettuata tramite il software DAMBE 22 (Xia, 2007), utilizzando il calcolo dell''Indice di saturazione di sostituzione (Iss). Al fine di valutare la variabilità genetica sono stati calcolati gli indici di diversità aplotipica (h) e nucleotidica () per ogni sito di campionamento. La differenziazione genetica a coppie tra siti di campionamento è stata stimata calcolando i valori di Fst (Wright 1969; 1978) e testata con la procedura di permutazione implementata nell software ARLEQUIN ver. 3.0 (Excoffier et al., 2005). L''analisi della divergenza genetica è stata effettuato tramite il software ARLEQUIN ver. 3.0 (Excoffier et al., 2005) che ha calcolato i valori di divergenza tra le popolazioni e le corrispondenti probabilità. La correlazione tra distanze genetiche e distanze geografiche tra i campioni è stata testata mediante il test di Mantel (Mantel, 1967) utilizzando come matrici di distanze i valori di divergenza genetica e le distanze geografiche. Le distanze geografiche tra le località, espresse in chilometri, sono state misurate sia come distanze ''in linea d''aria' (Fig. 3a) sia come distanze ''via mare' (Fig. 3b) ottenute utilizzando l''atlante digitale del software GOOGLE EARTH, utilizzando il software NTSYSpc 2.2 (Rohlf, 2007). a) b) Figura 4 - a)Esempio di calcolo di distanza 'in linea d''aria' tra due siti (AN e SM);
b) esempio di calcolo di distanza ''via mare' tra due siti (AN e BR) 23 Le relazioni tra gli aplotipi sono state rappresentate con un network median joining (Bryant e Moulton, 2004), ottenuto con il software NETWORK (Fluxus Technology, Ltd). Le relazioni tra gli aplotipi sono state analizzate con la realizzazione di alberi filogenetici, ''maximum-likelihood' e ''neighbour-joining', utilizzando Salaria pavo come outgroup, utilizzando il software MEGA 5 (Tamura et al., 2011). La struttura di popolazione è stata valutata tramite un''analisi di varianza molecolare (AMOVA) (Excoffier et al., 1992) con l''utilizzo del software ARLEQUIN ver. 3.0 (Excoffier et al., 2005), raggruppando, dapprima, tutte le popolazioni su base geografica, distinguendo, cioè le popolazioni siciliane (A.M.P.AC, AU, A.M.P.PL, RI, TP), tirreniche (GE, LI, SM) ed adriatiche (AN, BR); successivamente, l''analisi è stata ripetuta separando le popolazioni in orientali (A.M.P.AC, AN, AU, BR, A.M.P.PL, RI) ed occidentali (GE, LI, SM, TP). Il test D di Tajima (Tajima, 1989) e il test Fs di Fu (Fu, 1997) sono stati utilizzati per valutare il possibile discostamento da un modello di evoluzione neutrale per ogni popolazione; inoltre, è stata effettuata l''analisi della distribuzione delle frequenza delle differenze a coppia delle sequenze (mismatch analysis) per verificare se le popolazioni hanno subito una espansione demografica (Li, 1977; Rogers, 1995; Harpending, 1994; Schneider e Excoffier, 1999; Excoffier, 2004). Differenze statisticamente significative tra distribuzione attesa ed osservata sono state valutate utilizzando due indici: ''sum of squared deviation (SSD)' e ''Harpending''s raggedness index (hg)' per rigettare l''ipotesi di espansione. Tutti i test sono stati effettuati con il software ARLEQUIN ver. 3.0 (Excoffier et al., 2005). 24 3.3. ANALISI DEI CONTAMINANTI E APPROCCIO MULTIMARKER 3.3.1. ANALISI CHIMICA DEI SEDIMENTI DEI BIOTOPI I sedimenti provenienti da ciascun sito sono stati sottoposti ad analisi chimiche al fine di valutare la concentrazione di alcuni metalli pesanti, quali Cadmio (Cd), Cromo (Cr), Mercurio (Hg), Piombo (Pb), Arsenico (As), Zinco (Zn), Rame (Cu), Nichel (Ni), Selenio (Se), Ferro (Fe), Cobalto (Co), Manganese (Mn), Vanadio (V), Alluminio (Al), Antimonio (Sb). I campioni di sedimenti sono stati raccolti in appositi contenitori di teflon, precedentemente trattati con HNO3 1 M per 12 ore e poi lavati con acqua bidistillata (Merk) e/o bottiglie di vetro scuro dotati di tappi a vite rivestiti di teflon. I campioni d'acqua sono stati stabilizzati con l'aggiunta di 1 ml di HNO3 al 65% per ogni campione da 1 litro per l'analisi di cromo (Cr), Mercurio (Hg), Piombo (Pb), cadmio (Cd), Arsenico (As) e conservati a -4° C. L''analisi dei metalli nei sedimenti è stata effettuata con il metodo EPA 3051A per As, Cr, Cd, Pb, Hg. Per la quantificazione dei metalli nei sedimenti è stato utilizzato un ICP Optima 2000 DV (Perkin Elmer). Hg è stato analizzato con un FIAS 100 (Perkin Elmer) utilizzando la tecnica della cattura di vapore freddo (Perkin Elmer). Il limite di lettura stimato è: Hg 0.006, Se 0.004, As 0.013, Cd 0.0003, Cr 0.003, Pb 0.001, Mn 0.055, Ni 0.007, V 0.002, Zn 1.09. (mg/kg w.w.). Per tre siti (A.M.P.AC, AU, RI) è stata riportata (Tigano et al., 2009; Tomasello et al., 2012) anche la presenza di Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) nei sedimenti. 25 I valori delle concentrazioni dei metalli e degli IPA sono stati confrontati con il Decreto del Ministero Ambiente e Tutela del Territorio (Decr. Min. Amb.) n.367 del 6 Novembre 2003, per gli standard di qualità delle acque e dei sedimenti; e infine, con i valori riportati nella guida alla valutazione della qualità dei sedimenti marini fornita dall''Agenzia di protezione ambientale americana (SQG-EPA; MacDonald, D.D., 1994). 3.3.2. BIOACCUMULO DEI METALLI NEL MUSCOLO Il muscolo di tutti gli esemplari è stato sottoposto ad analisi al fine di stimare il bioaccumulo di alcuni metalli pesanti, quali Cadmio (Cd), Cromo (Cr), Mercurio (Hg), Piombo (Pb), Arsenico (As), Zinco (Zn), Rame (Cu), Nichel (Ni), Selenio (Se), Manganese (Mn), Ferro (Fe), Cobalto (Co), Litio (Li), Vanadio (V), Uranio (U). Utilizzando una miscela riscaldata di acidi forti, un grammo di tessuto muscolare per esemplare è stato mineralizzato in un sistema a microonde Ethos TC (Milestone). Il metodo per tessuti animali richiede una soluzione di digestione preparata con 6 ml di HNO3 65% (Carlo Erba) e 2 ml di H2O2 al 30% (Carlo Erba) per 50 min, con cicli di operazione a 200°C. Dopo mineralizzazione, i campioni sono stati portati a 20 ml con l'aggiunta di acqua ultra pura (Merck), poi sono stati divisi in due aliquote di 10 ml ciascuno: una per la misurazione Hg e la seconda per gli altri metalli. Il campione per l'analisi Hg è stata ossidata con permanganato di potassio al 5% (KMnO4), per ottenere la conversione di Hg organica in Hg inorganico, poi neutralizzato con idrossilammina cloridrato (NH2OH '' HCl) 1.5%. Hg è stato analizzato con FIAS 100 (Perkin Elmer) usando la tecnica di cattura di vapore freddo, mentre l''analisi degli altri metalli è stata 26 effettuata con ICP-MS Elan-DRC-e (Perkin Elmer). Le curve per la calibrazione dello strumento sono stati preparati sulla base del mono-elemento di riferimento certificati AAS soluzione standard (Merck). Sono stati applicati test statistici per valutare la significatività delle concentrazione dei metalli sia tra le popolazioni (Test ANOVA ''one-way') che tra cascun metallo indicati nel Regolamento CE n. 1881/2006 (Pb, Cd). I valori delle concentrazioni dei metalli sono stati confrontati con i limiti stabiliti dal Regolamento CE n. 1881 del 19 Dicembre 2006. Inoltre, è stato calcolato l''indice IMBI (Indice di Bioaccumulo Medio Individuale) come: Σ n i=1 Ci/Cimax IMBI = ---------------------
n

dove n è il numero totale di metalli, Ci la concentrazione individuale del metallo i, Cimax la massima concentrazione osservata del metallo i; 0 < IMBI < 1. Per comparare il bioaccumulo dei metalli tra i siti è stata eseguita dell''ANOVA sui valori IMBI, seguita da un''analisi post hoc (Test di Tukey) (Maes et al., 2005) con software STATISTICA (StatSoft, Italia). 3.3.3. DANNO AL DNA A) TEST DEI MICRONUCLEI La tecnica è stata eseguita in accordo con Al-Sabti (1995). Una goccia di sangue, prelevata con siringa eparinizzata, è stata strisciata su un vetrino portaoggetto. I 27 vetrini, dopo avere asciugato all''aria per 24 h, sono stati fissati in metanolo per 10 min e colorata con una soluzione di GIEMSA al 10% per 15 min. Ogni vetrino è stato osservato al microscopio luce ad un ingrandimento di 100X e sono stati contati 2000 nuclei. Sono state incluse in tale conteggio soltanto le cellule chiaramente distinguibili e sono stati interpretati come ''micronuclei' quelle strutture nucleari di forma tondeggiante simili alla cromatina per colore e struttura, con un diametro da 1/3 ad 1/50 del nucleo principale e chiaramente separate da esso. Le altre anomalie nucleari sono state classificate come suggerito da Carrasco et al (1990). L''analisi statistica è stata condotta applicando il test t di Student, applicando una significatività pari al 5% ed utilizzando il software STATISTICA (StatSoft, Italia). B) COMET ASSAY I dati relativi al test Comet ai campioni provenienti dalle località di A.M.P. AC e RI sono stati riportati da Tigano et al. (2009). Per quanto riguarda i campioni di AU, il test è stato effettuato su sangue intero e su nuclei epatici isolati secondo il protocollo standardizzato riportato in Tigano et al. (2009). Prima del test, la vitalità sia degli eritrociti che degli epatociti è stata valutata con trypan blu ed una vitalità cellulare pari a 85% è stata giudicata idonea per il test. Il protocollo FPG- comet (Trevigen Fpg-flare kit ®) è stato eseguito come già descritto in Tigano et al. (2009). L''elettroforesi è stata condotta in ambiente alcalino (pH 21). Per ciascun campione sono stati preparati due minigel con cellule o nuclei incorporati in agarosio ed incubati in camera umida per 40 min, coprendo ogni minigel con 100 l di soluzione di enzima FPG (1:1000) o soltanto con 100 l Fpg 28 Flare reaction buffer (kit), come controllo negativo. I campioni sono stati analizzati usando un microscopio a fluorescenza (Leica), equipaggiato con una fotocamera e software CASP (1.2.2) per l''analisi dell''immagine. Ogni fase è stata eseguita al buio e tutte le analisi sono state effettuate in triplicato, identificando 50 nucleoidi a caso per campione e calcolando la percentuale di DNA della coda (TDNA%), secondo le linee guida ESCODD (2003). I valori di riferimento di TDNA% sono stati valutati in esperimenti separati, attraverso una taratura indiretta ottenuta esponendo eritrociti di P. sanguinolentus ai raggi X (Collins et al., 1996). 3.3.4. VARIABILITA'' GENETICA E CONTAMINANTI E'' stata condotta un''analisi di regressione lineare al fine di evidenziare la correlazione esistente tra variabilità genetica (h e ) delle popolazioni e: 1) concentrazione dei metalli nel muscolo e 2) percentuale di micronuclei ed anomalie nucleari negli eritrociti. Per quanto riguarda l''indice di correlazione è stato utilizzato il coefficiente di regressione (R 2), calcolato con il software Excell del pacchetto applicativo Windows Office 2007. 29 4. RISULTATI 4.1. STRUTTURA GENETICA DELLE POPOLAZIONI 4.1.1. ANALISI DELLE SEQUENZE Una porzione di 392 pb della regione di controllo mitocondriale è stata sequenziata in 250 campioni di Parablennius sanguinolentus provenienti da 10 popolazioni del Mar Mediterraneo. La composizione in basi mostra che il contenuto A+T (pari al 67%) è tipica di questa regione mitocondriale; l''analisi della saturazione mostra che i dati della regione di controllo supportano un basso grado di saturazione (con un Indice Iss significativamente minore rispetto all''Indice Iss.c), indicando che i nostri dati possono essere utilizzati nell''analisi filogenetica. Sono stati individuati 41 aplotipi; di questi, 37 sono popolazione-specifici (presenti con frequenza che varia da 0,46% a 6,48%). Per quanto riguarda gli aplotipi condivisi, l''aplotipo H28 risulta il più frequente ed è presente nel 46,76% dei campioni e in tutte le popolazioni, ad eccezione di LI, SM, TP, mentre gli aplotipi H13 e H32 sono entrambi presenti nelle popolazioni siciliane (ad eccezione di TP) e in quella di AN, infine, l''aplotipo H18 è condiviso soltanto dalle popolazioni di AN e RI (fig. 4 e Tab. II).







30






Figura 4 - Istogrammi di frequenza degli aplotipi; in bianco: aplotipi condivisi, in nero: aplotipi popolazione-
specifici (vedi Tab. II)










31 Tabella II - Distribuzione degli aplotipi nelle 10 popolazioni di P. sanguinolentus;
%: percentuale di presenza dell''aplotipo; in grassetto: aplotipi condivisi (per le abbreviazioni,
vedi Tab.I).
% A.M.P.AC AN AU BR GE LI A.M.P.PL RI SM TP H1 0,92 2 H2 0,92 2 H3 0,92 2 H4 0,46 1 H5 1,39 3 H6 1,39 3 H7 5,1 11 H8 0,92 2 H9 0,46 1 H10 0,92 2 H11 0,46 1 H12 0,46 1 H13 5,1 3 4 1 1 2 H14 0,46 1 H15 0,46 1 H16 0,46 1 H17 0,46 1 H18 0,92 1 1 H19 0,46 1 H20 0,46 1 H21 0,46 1 H22 1,85 4 H23 5,55 12 H24 1,85 4 H25 0,46 1 H26 6,48 15 H27 0,92 2 H28 46,76 17 9 18 8 15 18 16 H29 0,92 2 H30 0,46 1 H31 0,46 1 H32 4,6 2 4 1 1 2 H33 0,46 1 H34 0,46 1 H35 0,46 1 H36 0,92 2 H37 0,46 1 H38 0,92 2 H39 0,92 2 H40 0,46 1 H41 0,92 2

32 Per quanto riguarda gli aplotipi della popolazione di TP (H10, H11, H20, H25, H26 '' vedi Tab. II), essi risultano peculiari a causa di una delezione di 11 pb (tra la posizione 20 e 30) assente in tutte le altre popolazioni esaminate (fig. 5).

Figura 5 - Siti variabili; nella prima riga verticale: gli aplotipi (vedi Tab. II); nella prima riga orizzontale:
posizione dei siti variabili; il puntino indica che il nucleotide è lo stesso del primo aplotipo; il trattino (--)
indica la mancanza del nucleotide in quella posizione.
H
1 H 2 H 3 H 4 H 5 H 6 H 7 H 8 H 9 H 1
0 H 1
1 H 1
2 H 1
3 H 1
4 H 1
5 H 1
6 H 1
7 H 1
8 H 1
9 H 2
0 H 2
1 H 2
2 H 2
3 H 2
4 H 2
5 H 2
6 H 2
7 H 2
8 H 2
9 H 3
0 H 3
1 H 3
2 H 3
3 H 3
4 H 3
5 H 3
6 H 3
7 H 3
8 H 3
9 H 4
0 H 4
1 12 A . C C C C C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 G . A A A A A A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 C . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 21 C . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 22 C . . . . . . . T -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 23 C . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 24 A . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 25 T . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . C C . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 26 A . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 27 A . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- G . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 28 T . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 29 A . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 30 G . . . . . . . . -- -- . . . . . . . . -- . . . . -- -- . . . . . . . . . . . . . . . 37 A . . . . . . . . . -- G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 T G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55 A . . . . . . T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . 69 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C 70 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . 71 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T 76 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C 90 G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A 92 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T . . T 96 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C 100 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T 102 T . . . C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A 125 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C 128 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C . . . . . . . . . . 133 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C 135 T . . . . . . . . . . C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . . 140 C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G 145 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A 150 T . . . . . . . . . . . . . . . C C C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C C C . . . . . . . . . . . . . . . . . 171 A . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A 180 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G G G . . . . . . . . . 184 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . . 192 C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T . . . . . . . . . . . 225 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . . . 253 C T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T 258 A . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268 A . . . . . . . . . . . . G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . 289 A . T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T T . . . 291 T A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A . 304 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . T 306 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G . . . . 313 C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A . . . . . . . . . . . . 318 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C . . . . . . . . . . . . . . . . 327 T . . . . . . . . . . . . . . A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A . . . . . . . . . . . . . . . . . . A . 345 A . C C C C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347 -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- G -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- 352 T . A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360 -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- -- G G -- -- -- -- -- -- 362 T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C A . . . . . . . 368 C . . . . . . . . . . . . . T T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369 A . . . . . . . G G G G G G G . G G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . -- . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388 C . . . . . . . . . . . . . . . . . . A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 I valori di diversità aplotipica (h) sono compresi tra 0,2714 (AU) e 0,8224 (AN), mentre i valori di diversità nucleotidica () sono compresi tra 0.00077 (AU) e 0,0122 (AN); infine, il numero di aplotipi varia da 9 (AN) a 3 (LI) (Tab. III). Tabella III - Numero di aplotipi (n) , diversità aplotipica (h) e diversità nucleotidica () nelle
10 popolazioni (per le abbreviazioni vedi Tab. I); in neretto: i valori più alti, cerchiati: i valori
più bassi; SD= deviazione standard.
Popolazioni n h ± SD '± SD' A.M.P.AC 5 0,4927 ± 0,1222 0,0014 ± 0,0013 AN 9 0,8224 ± 0,0825 0,0122 ± 0,0069 AU 4 0,2714 ± 0,1145 0,0008 ± 0,0009 BR 7 0,8211 ±0,0707 0,0050 ± 0,0033 GE 4 0,4368 ± 0,1295 0,0015 ± 0,0014 LI 3 0,5895 ± 0,0926 0,0017 ± 0,0015 A.M.P.PL 7 0,4867 ± 0,1309 0,0012 ± 0,0012 RI 7 0,5217 ± 0,1332 0,0018 ± 0,0015 SM 5 0,6737 ± 0,0560 0,0013 ± 0,0013 TP 5 0,4620 ± 0,1284 0,0027 ± 0,0021 4.1.2. RELAZIONI TRA APLOTIPI Gli alberi filogenetici (non riportati), sia neighbour joining, sia maximum likelihood, mostrano una bassa differenziazione tra le popolazioni, indicati dai bassi valori di boot-strap. Il network mostra un aplotipo comune a tutte le popolazioni, ad eccezione di quella di TP e SM; sono presenti, inoltre, altri due aplotipi condivisi da AN, A.M.P.AC, AU, BR, RI. Gli aplotipi di TP sono privati e nettamente staccati dagli altri, così come risultano staccati dagli altri quelli di BR che sono ad una notevole distanza dall''aplotipo centrale per l''alto numero di mutazioni. Infine, risultano privati anche quelli di SM, pur essendo a poche mutazioni da quello centrale (Fig. 6).
34




LE G EN D A: RO SSO : A. M .P. AC V IOLA : AN AZ ZUR RO : AU RO SA :BR G RI G IO : GE G IALLO : LI ARAN C ION E: A. M .P. PL V ERDE SC UR O : RI V ERDE C H IARO : SM N ERO : TP Fi gu ra 6 - N et w o rk d eg li ap lo ti p i (p er le ab b rev iaz io n i, ved i T ab .I ) 35 4.1.3. STRUTTURA DI POPOLAZIONE E DIVERGENZA GENETICA L''indice FST (pari a 0,72), è significativo rispetto all''ipotesi nulla di panmissia, indicando un elevato grado di strutturazione nelle popolazioni. Il valore più basso dei confronti a coppia degli FST si riscontra tra A.M.P.AC e RI (- 0,006) (giustificato dalla vicinanza dei siti) , mentre sono significativi i confronti tra BR, LI, SM e tutte le altre popolazioni e i confronti tra AN/GE, AN/A.M.P.PL, GE/TP, GE/RI. La divergenza genetica calcolata correggendo le distanze con il modello di sostituzione nucleotidica TrN+G, mostra che il valore maggiore si riscontra tra BR e SM (0,015). Risultano particolarmente significativi tutti i confronti a coppia con BR, LI, SM, ed inoltre tra AN/GE (Tab. IV). Tabella IV - Confronti a coppia degli indici Fst (sotto la diagonale) e Distanza genetica (sopra la
diagonale); in neretto: i confronti più significativi (per le abbreviazioni, vedi Tab. I). A.M.P.AC AN AU BR GE LI A.M.P.PL RI SM TP A.M.P.AC - 0,003 0,001 0,01 0,001 0,004 0,001 0,002 0,008 0,001 AN 0.024 - 0,003 0,011 0,003 0,006 0,003 0,003 0,010 0,003 AU -0.009 0.059 - 0,008 0,001 0,004 0,001 0,001 0,008 0,001 BR 0.114 0.115 0.113 - 0,008 0,011 0,009 0,009 0,015 0,009 GE 0.052 0.090 0.012 0.110 - 0,004 0,001 0,001 0,008 0,001 LI 0.732 0.573 0.773 0.422 0.728 - 0,004 0,004 0,011 0,004 A.M.P.PL -0.017 0.036 -0.025 0.111 0.029 0.741 - 0,002 0,008 0,002 RI -0.006 0.064 -0.01 0.095 0.024 0.707 -0.003 - 0,008 0,002 SM 0.803 0.647 0.842 0.463 0.799 0.866 0.812 0.783 - 0,008 TP 0.933 0.881 0.944 0.797 0.933 0.933 0.936 0.928 0.945 -
L''analisi AMOVA condotta nei tre gruppi (popolazioni siciliane-popolazioni adriatiche-popolazioni tirreniche) ha mostrato una variazione molto elevata (81%) tra le popolazioni all'interno dei gruppi; l''analisi AMOVA ripetuta suddividendo le popolazioni in due gruppi est '' ovest, sebbene abbia indicato una elevata variazione tra le popolazioni all''interno dei gruppi (64%), ha, 36 comunque, evidenziato un aumento della variazione tra i gruppi (9%) rispetto all''analisi precedente (Tab. V). Tabella V - Analisi AMOVA a) nei tre gruppi su base geografica (siciliane '' adriatiche '' tirreniche);
b) nei due gruppi su base della collocazione est - ovest a) Source of variation d.f. Sum of squares Variance
components Percentage of
variation Among groups 2 42.942 -0.194 Va -9.56 Among population within groups 7 234.513 1.646 Vb 81.13 Within populations 190 109.600 0.577 Vc 28.43 Total 199 387.055 2.029 b) Source of variation d.f. Sum of squares Variance
components Percentage of
variation Among groups 1 47.918 0.200 Va 9.17 Among population within groups 8 229.537 1.406 Vb 64.40 Within populations 190 109.600 0.577 Vc 26.43 Total 199 387.055 2.183
Il test di Mantel ha indicato significative correlazioni tra la matrice delle distanze genetiche e la matrice delle distanze ''in linea d''aria' (R=0,28, p=0,001) e ''via mare' (R=0,42, p=0,03), indicando che all''aumentare della distanza geografica aumenta la distanza genetica tra le popolazioni esaminate. 4.1.4. TEST DI NEUTRALIT' E MISMATCH ANALYSIS I risultati dell''analisi Mismatch e del test di neutralità suggeriscono che le popolazioni di AN, AU, A.M.P.PL, RI, seguono un modello di evoluzione non neutrale, avendo probabilmente subito una espansione demografica; le popolazioni di LI e SM sembrano seguire un modello di evoluzione neutrale, supportato dai valori significativi di SSD, che rigettano l''ipotesi di una espansione demografica improvvisa (Tab. VI). 37 Tabella VI '' Analisi mismatch e test di neutralità nelle 10 popolazioni (per le abbreviazioni, vedi
Tab. I). p(SSD)= p-value sum of squared deviation; p(hg)= p-value Harpending''s raggedness index.
Tra parentesi: p-value dell''indice D di Tajima's e dell''indice Fs di Fu
Sudden-expansion model p(SSD) p (hg) Tajima's D Fu's Fs test A.M.P.AC 0,145 0,321 -1,319 (0,093) -1,166 (0,091) AN 0,776 0,928 -1,229 (0,098) -3,013 (0,032) AU 0,263 0,670 -1,457 (0,063) -2,199 (0,004) BR 0,172 0,419 -0,749 (0,226) 1,477 (0,771) GE 0,962 0,806 -1,441 (0,064) -0,674 (0,230) LI 0,043 0,103 0,352 ( 0,776) 0,721 (0,476) A.M.P.PL 0,698 0,810 -2,036 (0,002) -2,978 (0,012) RI 0,731 0,778 -1,359 (0,082) -3,046 (0,003) SM 0,025 0,094 0,621 (0,756) -1,009 (0,176) TP 0,680 0,783 -1,410 (0,076) 2,738 (0,918) 38 4.2 ANALISI DEI CONTAMINANTI E APPROCCIO MULTIMARKER 4.2.1. ANALISI CHIMICA DEI BIOTOPI I valori delle concentrazioni dei metalli nei sedimenti sono stati confrontati con i valori di Cd, Cr, Hg, Pb, Ni, stabiliti dal Decr. Min. Amb. n. 367/2003. Da tale confronto emerge che, nei siti di AU e SM, la presenza di Hg supera i limiti normativi; analogamente, in GE le concentrazioni di Cr, Pb e Ni sono superiore alla soglia fissata, così come i valori di Pb a TP e di Cr e Ni a LI (Fig. 7 e Tab. VII).


























Figura 7 - Valori della concentrazione di alcuni metalli nei sedimenti; in tratteggiato: limite stabilito dal
Decreto Ministeriale n. 367/2003 39 SQ G - EPA HC >7 5 >6 >6 0 >5 0 >5 0 >2 0 0 MC 25 '' 75 / 40 - 60 20 - 50 25 - 50 90 - 2 0 0 NC <2 5 / <4 0 <2 0 <2 5 <9 0 PE L 0 ,7 160 4 ,2 1 112 4 2 ,8 108 271 TE L 0 ,1 3 5 2 ,3 0 ,6 8 3 0 ,2 156 1 8 ,7 124 V al o ri So gl ia 0 ,3 50 0 ,3 30 30 12 0 ,2 AN ALI SI C H IM IC A D EI B IOT OPI TP 0 ,0 6 7 ,8 7 0 ,1 3 3 ,4 7 ,7 3 0 ,0 0 2 6 3 ,5 1 ,1 8 4743 1 7 ,2 2 1 ,4 9 ,7 5 0 ,3 6594 n .d . SM 1 ,3 1 § 1 7 ,6 0 ,0 4 1 6 ,8 2 1 ,4 0 ,0 9 254 3 ,7 7 7829 1 0 ,3 1 8 ,5 26 048 1 3 9 9 9 n .d . RI <0 ,0 0 6 2 2 ,9 <0 ,0 1 3 1 2 ,4 n .d . <0 ,0 1 3 n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . 0 ,0 0 7 A. M .P .PL 0 ,1 2 3 ,4 1 0 ,1 5 ,1 5 6 ,9 9 1 ,0 4 119 2 ,0 6 1288 1 ,8 7 2 ,1 9 1 6 ,5 0 ,2 6 6035 n .d . LI 0 ,1 6 8 ,5 0 ,0 7 29 39 7 n .d . n .d . n .d . 57 # 48 n .d . n .d . n .d . n .d . GE 0 ,0 7 116 # 0 ,0 5 4 2 ,1 6 0 ,2 # § 0 ,0 2 202 4 ,8 5172 6 ,3 5 1 1 ,9 1 2 ,4 0 ,1 8 1 0 2 4 1 n .d . BR 0 ,1 4 ,7 0 ,0 2 1 ,5 3 ,4 3 ,6 n .d . n .d . n .d . 0 ,7 1 ,2 n .d . n .d . n .d . n .d . AU 1 ,7 9 § 3 5 ,9 0 ,1 1 1 8 ,7 1 4 ,5 <0 ,0 1 3 n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . 2 ,4 2 AN 0 ,0 4 4 ,8 0 ,0 4 1 ,5 5 ,2 3 0 ,0 8 155 1 ,6 9 1450 0 ,9 3 2 ,7 1 4 ,6 0 0 3239 n .d . A. M .P .AC <0 ,0 0 6 9 ,7 6 0 ,0 0 1 0 ,2 5 n .d . <0 ,0 1 3 n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . n .d . 0 ,0 4 5 Hg Cr Cd Pb Ni As Mn Co Al Cu Zn V Sb Fe '' IP A Q Tab el la V II - An al is i c h imi ch e d ei s ed im en ti ; v al o ri s o gl ia in d ic at e n el D ecr et o d el M in is ter o Amb ien te e Tu tel a d el T er ri to ri o n .3 6 7 / 2 0 0 3 ; v al o ri r ip o rt at i n el la gu id a al la val u taz io n e d el la q u al it à d ei s ed iment i mar in i f o rn it a d al l''E PA (SQ G -E PA ; M acD o n al d , D .D ., 1 9 9 4 ) in r o ss o : v al o ri s u p er io ri al D ecr e to d el M in is ter o Amb ien te e Tu tel a d el T er ri to ri o n .3 6 7 / 2 0 0 3 ; i n g ras set to : v al o ri p iù el ev at i p er s in go lo el em en to ; T EL: v al o ri al d i so tt o d ei q u al i n o n c i s i as p et tan o eff et ti av ver si ; PE L: v al o ri al d i s o p ra d ei q u al i c i s i as p et tan o eff et ti av ver si ; N C n o n c o n tami n at o ; M C mo d er at ame n te co n tami n at o ; H C al tame n te co n tami n at o ; ; # : v al o ri s u p er io ri a val o ri PE L; § : v al o ri s u p er io ri a val o ri H C ; n .d .: n o n d is p o n ib ile. (tutt e le co n cen tr az io n i s o n o es p res se in mg /Kg ) 40 I valori delle concentrazioni dei metalli non inclusi nel Decr. Min. Amb. n.367/2003, in SM sono più elevati per quanto riguarda Mn, Al, V, Sb e Fe; in LI per Cu e per Zn, mentre, il Co si trova in concentrazione maggiore in GE, rispetto agli altri siti. I dati sulla concentrazione totale di IPA nei sedimenti, indicano che in AU è presente una concentrazione molto elevata, superiore ai limiti imposti dal Decr. N. 367/2003 (Tomasello et al., 2012). Prendendo in esame la tabella SQG-EPA si evince che GE è un sito altamente contaminato da Cr e Ni; in particolare, la concentrazione di Ni è tale da causare, potenzialmente, effetti avversi. In AU e in SM vi è una moderata contaminazione, rispettivamente da Cr e da Ni; mentre la presenza di Hg, in questi due siti di campionamento, è superiore alla soglia sopra la quale ci si aspettano effetti avversi. Infine, nel sito di LI vi è una moderata contaminazione da Cr e Ni ed una elevata contaminazione da Cu (Tab. VII). 4.2.2. BIOACCUMULO DEI METALLI NEL MUSCOLO Il Test ANOVA ''one-way', applicato alle dieci popolazioni prese in esame, mostra valori altamente significativi (p<0,001) per le concentrazioni di Pb, Cr, As nel muscolo degli esemplari (Tab. 8a). Il T di Student applicato alle concentrazioni di ciascun metallo (Pb, Cd) indicati nel Regolamento CE n. 1881/2006 mostra che per quanto riguarda il Cd, sono altamente significativi (p<0,001), la maggiorparte dei confronti tra AU e le altre popolazioni (AN, GE, A.M.P.PL, TP). Per quanto riguarda le concentrazioni di Pb, risultano altamente significativi la maggiorparte dei confronti tra A.M.P.AC e le altre popolazioni (AN, A.M.P.PL, RI, TP), così come i confronti AU/RI, AU/TP (Tab. 8b). 41 Tabella VIII '' a) Test ANOVA one-way applicato ai valori delle concentrazioni dei metalli nelle dieci
popolazioni. b) Test T di Student applicato alle concentrazioni di ciascun metallo indicato nel Reg. CE n.
188172006; al di sotto della diagonale, i confronti relativi al Cd; al di sopra della diagonale, i confronti
relativi al Pb.
***: confronto altamente significativo (p<0,001); **: confronto mediamente significativo (p<0,01); *:
confronto significativo (p<0,05); n.s.: confronto non significativo.
a) Significatività Pb *** b) A.M.P.(AC) AN AU GE A.M.P.(PL) RI SM TP Cd n.s. A.M.P.(AC) - *** * n.s. *** *** * *** Cr *** AN n.s. - * * n.s. * n.s. n.s. As *** AU ** *** - n.s. n.s. *** n.s. *** Mn n.s. GE n.s. *** - * ** n.s. ** Cu n.s. A.M.P.PL n.s. n.s. *** n.s. - ns n.s. n.s. Co n.s. RI * ** n.s. * * - * n.s. Ni n.s. SM * * ** n.s. n.s. * - * Se n.s. TP n.s. n.s. *** n.s. n.s. ** n.s. - V n.s. Zn n.s.
Dal confronto fra i valori del bioaccumulo di Pb, Cd e Hg con i valori soglia stabiliti dal suddetto Regolamento, emerge che i valori della concentrazione di Hg in A.M.P.AC superano il limite normativo. Per quanto riguarda le concentrazioni di Pb, la soglia stabilita dal Reg. CE viene superata in A.M.P.AC, AU, GE, SM; in RI i valori, seppur elevati, non superano i limiti normativi. Nelle popolazioni di AN e A.M.P.PL, sebbene la media del bioaccumulo di Pb sia sotto i limiti normativi, tali soglie sono superate, rispettivamente, nel 22% e 20% degli individui esaminati (Fig. 8 e Tab. IX). 42
Figura 8 - Valori del bioaccumulo di Pb E Cd; in tratteggiato: limite fissato dal Regolamento EU
1881/2006

Le concentrazioni dei metalli non inclusi nel Reg. CE 1881/2006 presentano indicano quanto segue: 1) in A.M.P.AC i valori più elevati per As e V; 2) in AU per Cr; 3) in GE per Zn; 4) in RI per Mn, Co, Ni; 5) in TP per Cu (Tab. IX).

Tabella IX '' Valori medi del bioaccumulo dei metalli (espresse in mg/Kg); in rosso: valori superiori ai
limiti del Regolamento CE n.1881 del 19 Dicembre 2006; n.d.: non riportato; in grassetto: valori più alti
per singolo elemento (per le abbreviazioni, vedi Tab. I) A.M.P.AC AN AU BR GE LI A.M.P.PL RI SM TP 1881/2006 Pb 1,22 0,21 0,42 n.d. 0,74 n.d. 0,15 0,21 0,53 0,14 0,3 Cd 0,003 0,003 0,001 n.d. 0,004 n.d. 0,004 0,005 0,007 0,005 0,05 Hg 0,31 n.d. 0,32 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 0,5 Cr 0,63 0,57 1,71 n.d. 0,54 n.d. 0,5 0,41 0,59 0,49 As 12,3 3,2 1,7 n.d. 2,4 n.d. 7,3 2,05 3,43 5,47 Mn 3,06 0,74 0,41 n.d. 0,51 n.d. 0,92 3,27 1,93 0,84 Cu 1,22 0,58 0,34 n.d. 0,67 n.d. 0,45 0,94 0,57 1,26 Co 0,04 0,04 0,01 n.d. 0,02 n.d. 0,02 0,16 0,04 0,02 Ni 0,21 0,18 0,06 n.d. 0,14 n.d. 0,13 0,35 0,14 0,21 Se 0,27 0,45 0,15 n.d. 0,44 n.d. 0,62 0,29 0,31 0,40 V 0,34 0,17 0,02 n.d. 0,16 n.d. 0,23 0,28 0,21 0,25 Zn 37,5 28,5 13,8 n.d. 55,5 n.d. 41,6 25,4 29,6 34,9 I valori del bioaccumulo sono stati utilizzati per calcolare l''Indice IMBI; il valore maggiore si riscontra nei campioni del sito di AU, mentre il valore più basso si riscontra nel sito di RI. L''analisi ANOVA ''one-way' seguita dal test post hoc di Tuckey sui dati ottenuti dall''Indice IMBI, indica che i valori del bioaccumulo nel 43 sito di AU sono significativi sia rispetto GE, AC, A.M.P.PL ,AN (p<0.05) che TP, RI, SM (p<0,001) (Fig. 9). Figura 9 - a)Indice Medio Bioaccumulo Individuale (IMBI); b) risultati del test ANOVA one way.
***: confronto altamente significativo (p<0,001); *: confronto significativo (p<0,05); n.s.: confronto
non significativo (per le abbreviazioni, vedi Tab. I).
Sulla base dei dati indicati dall''analisi chimica dei biotopi e dal bioaccumulo dei metalli nel muscolo, è possibile separare le 10 popolazioni in due gruppi: GRUPPO 1 -(AU, GE, LI, SM, TP) in cui vengono superati i limiti normativi almeno in uno dei due casi; GRUPPO 2 - (A.M.P.AC, AN, BR, A.M.P.PL, RI) in cui la presenza di metalli si mantiene al di sotto della soglia stabilita dalla legge (Tabella X). Tabella X '' Siti appartenenti al GRUPPO 1 e al GRUPPO 2 GRUPPO 1 - GRUPPO 2 - Sito Codice Sito Codice Augusta AU A.M.P. ''Isola dei Ciclopi' A.M.P.AC Rapallo GE Cupra marittima AN Livorno LI Brindisi BR Santa Marinella SM A.M.P. ''Plemmirio' A.M.P.PL Trapani TP Riposto RI
a) b) AU GE SM TP A.M.P.
AC AN A.M.P. PL RI AU - GE ** - SM *** n.s. - TP *** n.s. n.s. - A.M.P.AC * n.s. n.s. n.s. - AN * n.s. n.s. n.s. n.s. - A.M.P.PL * n.s. n.s. n.s. n.s. n.s. - RI *** n.s. n.s. n.s. n.s. n.s. n.s. - 44 L''analisi AMOVA, ottenuta distinguendo le popolazioni del GRUPPO 1 da quelle del GRUPPO 2, ha evidenziando una maggiore variazione, pari al 71%, tra le popolazioni all''interno dei gruppi, piuttosto che tra i gruppi (0,92%) (Tab. XI). Tabella XI - Analisi AMOVA nei due GRUPPI Source of variation d.f. Sum of squares Variance Components Percentage of
variation Among groups 1 32,545 0,019 Va 0,92 Among populations within
groups 8 244,910 1,502 Vb 71,58 Within populations 190 109,600 0,577 Vc 27,49 Total 199 387,055 2,098 4.2.3. DANNO AL DNA A) TEST DEI MICRONUCLEI Le percentuali maggiori sia di micronuclei e di anomalie nucleari sono state riscontrate in due siti di AU e GE; mentre le percentuali minori di micronuclei e anomalie nucleari sono presenti, rispettivamente, nei campioni di RI (GRUPPO 2) e di TP ( GRUPPO 1) (Fig. 10). Il Test T di Student ha rivelato che le percentuali sia di micronuclei che di anomalie nucleari in AU e GE sono significativamente elevati (p< 0,005) rispetto i restanti siti di campionamento. 45 Micronuclei 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 A.M.P.AC AN AU BR GE LI A.M.P.PL RI SM TP % Anomalie nucleari 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 A.M.P.AC AN AU BR GE LI A.M.P.PL RI SM TP % Figura 10 '' Percentuali (%) di Micronuclei e di Anomalie Nucleari rilevate negli eritrociti degli
esemplari esaminati (per le abbreviazioni, vedi Tab. I).
In nero: GRUPPO 1 e in bianco: GRUPPO 2 (vedi Tab. IX).
B) COMET ASSAY Il test Comet ha rilevato una maggiore frammentazione negli eritrociti e negli epatociti di AU (sito in cui sono superati i limiti legislativi), sia per quanto riguarda il danno totale, sia per quanto riguarda il danno ossidativo; inoltre, per quanto riguarda le cellule del sangue, il danno minore (sia come danno totale sia come danno ossidativo) si riscontra nell''A.M.P.AC (sito incluso tra quelli in cui non vengono superati i limiti dei Decreti), mentre per le cellule del fegato la minore frammentazione del DNA si rileva in RI ( GRUPPO 2) (Fig. 11). 46 Figura 11 - Test Comet effettuato negli eritrociti e negli epatociti degli esemplari
esaminati; da Tigano et al. (2009) (per le abbreviazioni, vedi Tab. I)
4.2.4. VARIABILITA'' GENETICA E CONTAMINANTI Nei due gruppi di popolazioni presi in esame il GRUPPO 1 (AU, GE, LI, SM, TP), presenta, nella maggiorparte, dei casi una variabilità nucleotidica, aplotipica e un numero di aplotipi con valori piuttosto bassi (h da 0,27a 0,67; 'da 0,0008 a 0,0013; n da 3 a 5); in questo GRUPPO le due popolazioni di LI e SM presentano valori di variabilità genetica più elevati. Le due Aree Marine Protette (A.M.P.AC, A.M.P.PL), pur appartenendo al GRUPPO 2 in cui il grado di inquinamento risulta 47 più moderato, presentano una variabilità nucleotidica, aplotipica e numero di aplotipi con valori bassi (Tab XII). Tabella XII - Numero di aplotipi (n) , diversità aplotipica (h)
nucleotidica () nei due gruppi (per le abbreviazioni, vedi Tab. I) GRUPPO 1 n h  SM 5 0,6737 0,001292 LI 3 0,5895 0,00172 TP 5 0,4620 0,002673 GE 4 0,4368 0,001477 AU 4 0,2714 0,00077
GRUPPO2 n h ' AN 9 0,8224 0,012169 BR 7 0,8211 0,005034 RI 7 0,5217 0,001763 A.M.P.AC 5 0,4927 0,001427 A.M.P.PL 7 0,4867 0,001252



Nel GRUPPO 1 sono stati riscontrati valori elevati dei coefficienti di correlazione. Per quanto riguarda i metalli una correlazione negativa è stata rilevata tra gli indici di variabilità genetica e le concentrazioni di alcuni metalli nel muscolo; in particolare con Cr (R 2=0,53 e 0,48) (fig. 12a e b) e Co (R2=0,53) (fig. 12c). Diversamente, è presente una correlazione positiva tra uno dei due indici di variabilità genetica e bioaccumulo nel muscolo di Cd, Co, Mn e Cu (fig. 12 d, e, f, g). 48 a) b) c) d) e) f) g)
Figura 12 '' Regressione lineare tra variabilità genetica e bioaccumulo di alcuni metalli.
49 Una correlazione negativa è stata sempre trovata tra gli Iindici di variabilità genetica e le percentuali di Micronuclei (R 2=0,65 e 0,52) (fig. 13a e b) e di Anomalie Nucleari (R 2=0,44 e 0,61) (fig. 13c e d). a) b) c) d)
Figura 13 - Regressione lineare tra variabilità genetica e le percentuali di micronuclei ed anomalie nucleari negli
eritrociti.

Diversamente per i siti del GRUPPO 2 non esiste alcuna correlazione tra gli indici di variabilità genetica e le concentrazioni dei metalli bioaccumulo, né con le percentuali di micronuclei e anomalie nucleari. 50 5. DISCUSSIONE 5.1. ANALISI MOLECOLARE Almada et al. (2001) suggeriscono che gli eventi di speciazione, che hanno portato all''attuale fauna di Blennidi del Mediterraneo e dell''adiacente Atlantico, sarebbero relativamente recenti essendosi verificati durante il Pleistocene. Tale affermazione si basa sull''ipotesi che le isole dell''Atlantico, le coste tropicali dell''Africa nonché le aree del Mediterraneo meridionale hanno costituito aree di rifugio durante i periodi glaciali. La successiva dispersione da tali rifugi ha determinato il differenziamento dei Blennidi che attualmente occupano le coste occidentali dell'Africa e le isole Atlantiche (Azzorre, Madeira e Canarie) nonchè il Mediterraneo e le adiacenti coste dell'Atlantico europeo (Domingues et al., 2007). Lo studio ora condotto ha indicato che P. sanguinolentus presenta una forte strutturazione genetica (Fst=0,72); tale valore, piuttosto elevato, non è frequente in ambiente marino e in specie caratterizzate da uno stadio larvale planctonico. Tuttavia, il comportamento di homing dimostrato per questa specie (Gibson, 1999) e le caratteristiche biologiche della larva con dispersione ''inshore' (Raventos e Macpherson, 2001; Macpherson e Raventos, 2006), potrebbero giustificare l''elevato livello di strutturazione genetica. Diversamente, Francisco et al. (2006) non hanno rilevato alcuna strutturazione genetica (Fst=-0,0017) nel Blenniidae Lipophrys pholis proveniente da tre popolazioni portoghesi, indicando, come possibile motivazione che la larva pur avendo anch''essa una diffusione di tipo ''inshore', potrebbe essere condizionata dalla presenza nei siti 51 di campionamento di due grandi correnti oceaniche che determinerebbe un incremento del flusso genico causato proprio dalla dispersione larvale. I dati ora ottenuti su P. sanguinolentus mostrano bassi valori di variabilità genetica, la diversità aplotipica e nucleotidica varia dai valori più elevati di AN (h: 0,82 e : 0,012) a quelli più bassi di AU (h: 0,27 e : 0,00077). Tali dati concordano con quelli riportati da Domingues et al. (2008b) in una popolazione di P. sanguinolentus dove i valori di diversità aplotipica (h) e nucleotidica (), relativi al Dloop, sono, rispettivamente, a 0,6 e 0,001 e da Domingues et al. (2007) in quattro popolazioni mediterranee di Coryphoblennius galerita (h: da 0,33a 0,66; : da 0,005 a 0,055); diversamente, valori più elevati di indici di variabilità sono stati riscontrati in specie di Blennidi provenienti dall''Atlantico, in particolare, in P. parvicornis (h: da 0,74 a 0,99; : 0,002 a 0,005) (Domingues et al., 2008b), in Lipophrys pholis (h: 0,99; : 0,03) (Francisco et al., 2006 e 2011) e in due specie di Ophioblennius (h: da 0,42 a 1,00; : da 0,001 a 0,013) (Muss et al., 2001). Inoltre, la bassa variabilità genetica ora riscontrata in P. sanguinolentus trova conferma nel fatto che circa il 60% degli esemplari esaminati condivide tre aplotipi di cui uno ampiamente rappresentato (46,76% dei campioni). Per quanto riguarda la divergenza genetica, i valori ora riscontrati sono piuttosto bassi (da 0,0010 a 0,015); anche Almada et al. (2009) riportano per il genere Salaria, strettamente correlato a Parablennius (Almada et al., 2005a), bassi livelli di divergenza genetica in S. pavo; tali valori vengono attribuiti ad un drastico evento di bottleneck probabilmente verificatosi nell''ultima glaciazione (Dias et al., 1997; Loncaric et al., 1998); in particolare, le temperature non adatte alla 52 riproduzione di questa specie e le sue peculiari esigenze per quanto riguarda l''habitat ne avrebbero determinato l''estinzione nell''Atlantico e la sua sopravvivenza nelle aree più calde del Mediterraneo. Gli Autori, inoltre, ipotizzano che la bassa divergenza potrebbe essere stata causata da un elevato flusso genico, che giustificherebbe, in tal caso, la mancanza di un pattern geografico di distribuzione della variazione, come riscontrato anche in P. sanguinolentus. I risultati del test di Mantel indicano nelle dieci popolazione ora esaminate correlazione tra la distanza geografica e la distanza genetica. Tuttavia, alcuni dati sono contraddittori; un esempio è il valore della divergenza genetica tra BR e AN che risulta significativamente elevato, pur essendo questi siti relativamente vicini e posti lungo lo stesso versante adriatico. Zardoya et al. (2004) spiegano risultati simili ottenuti per il genere Scomber del mar Adriatico che sono da attribuire alla peculiare idrografia di questo mare ed il modello delle correnti; in particolare, gli Autori sostengono che la presenza di due forti correnti circolari abbia condotto alla separazione dell''Adriatico meridionale (in cui si trova BR) dall''Adriatico centrale e settentrionale (dove è localizzato AN), come pure dal resto del Mediterraneo (vedi figura in APPENDICE B). La presenza di tali ''barriere' fisiche date dall''andamento delle correnti marine, potrebbe spiegare come possano essere significativi anche i confronti tra LI e SM con siti relativamente vicini. Sebbene la maggiore percentuale di variazione resti tra le popolazioni all''interno dei gruppi, indicando la strutturazione delle popolazioni, il confronto dei risultati dell''analisi AMOVA tra i tre gruppi su base geografica (siciliane '' adriatiche '' tirreniche) e i due gruppi est '' ovest (sulla base della collocazione dei siti di 53 campionamento) ha mostrato un trend nel differenziamento con una maggiore percentuale di variazione tra i gruppi est '' ovest. Differenze genetiche tra la parte occidentale ed orientale del Mediterraneo sono state osservate in alcuni pesci marini (Bahri-Sfar et al., 2000; Stefanni e Thorley, 2003; Zardoya et al., 2004); tali differenze vengono spiegate sulla base del regime idrografico del bacino (Astraldi et al., 1999; Béranger et al., 2004). La batimetria delle aree attorno lo stretto siculo-tunisino è molto complessa ed esercita una forte influenza sulle masse d''acqua che lo attraversano, causando la formazione di correnti locali che creano una miscelazione turbolenta dei corpi idrici di questo braccio di mare; tale modello idrografico, quindi, potrebbe limitare la dispersione naturale delle specie attraverso lo stretto siculo-tunisino, permettendo una progressiva differenziazione genetica delle specie ed esercitando una forte influenza sui meccanismi che contrastano il flusso genico. Inoltre, le oscillazioni climatiche verificatesi durante il periodo Plio-Pleistocenico determinarono variazioni cicliche del livello del mare e della temperatura superficiale delle acque (Lambeck et al., 2002) che influenzarono significativamente la connessione fisica tra le masse d''acqua occidentali e orientali e le popolazioni delle specie che vi vivevano (Mejri et al., 2009). 5.2 ANALISI DEI CONTAMINANTI E APPROCCIO MULTIMARKER Nel biomonitoraggio degli ecosistemi acquatici l''approccio multimarker permette di ottenere un quadro esauriente della qualità dell''ambiente insieme ai dati forniti dalle analisi chimico-fisiche dei biotopi presi in esame (Ferrito et al., 2008). 54 Dai dati ottenuti nei dieci siti esaminati emerge che la concentrazione di Pb nei sedimenti è significativamente più elevata rispetto a tutti gli altri metalli. Inoltre, si osserva un''elevata contaminazione da metalli (Cr, Pb, Ni) nei sedimenti del sito di GE che potrebbe essere attribuita ad attività connesse al porticciolo turistico presente in questo sito. Analogamente, la notevole contaminazione di Hg e IPA nel sito di AU (Pulvirenti et al., 2012) potrebbe derivare dall'intensa attività petrolchimica del porto. Per quanto riguarda il sito di LI, i livelli di concentrazione di Cr e Ni qui ottenuti sono in accordo con quelli riportati da Lafabrie et al. (2007) e potrebbero essere conseguenza della presenza degli impianti chimici della vicina (15 Km) Rosignano. Le concentrazioni dei metalli nei sedimenti dei dieci siti esaminati, sebbene in alcuni casi molto elevati, rientrano nel range dei valori riportati per il bacino del Mediterraneo (Alomary e Belhadj, 2007; Benamar et al., 1999; Bernardello et al., 2006; Caredda et al., 1999; Feldstein et al., 2003; Mzoughi e Chouba, 2011). Anche i valori di bioaccumulo del Pb nelle dieci popolazioni rientrano nei valori riportati in pesci demersali del Mediterraneo (Giorgi et al., 2009; Storelli e Marcotrigiano, 2005; Tepe et al., 2009). In alcuni casi i dati riguardanti il bioaccumulo del Pb sono concordanti con le concentrazioni rilevate nei sedimenti (ad esempio, GE). Invece, per quanto riguarda A.M.P.AC si riscontrano discordanze tra i dati delle analisi chimiche del biotopo e quelli del bioaccumulo, infatti, pur essendo un sito scarsamente inquinato da metalli, la concentrazione media di Pb nel muscolo è la più elevata; tale contaminazione potrebbe derivare dalle attività legate al porto turistico e peschereccio presente in questo sito. Inoltre, appare interessante la situazione riscontrata nel sito di AU dove i valori dell''Indice Medio di Bioaccumulo 55 Individuale sono significativamente più elevati rispetto agli altri siti. In questa località, negli ultimi anni, è stata osservata una grave difficoltà nella reperibilità dei campioni, che associata alla sensibile riduzione di diversità genetica ora riscontrata potrebbe avere compromesso, in accordo con Silbiger et al. (2001), la capacità di risposta ai cambiamenti ambientali degli organismi e, di conseguenza, la vitalità delle popolazioni. Il test Comet e il test dei micronuclei sono due strumenti molto utili per determinare il grado di frammentazione del DNA e, di conseguenza, la potenziale genotossicità degli inquinanti acquatici; infatti, la presenza di una più elevata contaminazione da metalli sia nei sedimenti sia nel muscolo in AU concorda con i dati del test Comet disponibili. Analogamente, diversi Autori (Hartl et al., 2007; Šrut et al., 2010; Tomasello et al., 2012) osservano una notevole frammentazione del DNA in esemplari di Teleostei catturati in ambienti particolarmente contaminati da metalli ed IPA. La maggiore frammentazione del DNA rilevata, attraverso il Test Comet, negli epatociti degli esemplari di P. sanguinolentus presi in esame rispetto agli eritrociti, potrebbe derivare dalla funzione di detossificazione svolta dal fegato, per cui gli inquinanti vi si accumulerebbero, causando effetti genotossici (Ingelman-Sundberg e Hagbjork, 1982;. Lemaire et al, 1994). Le cellule circolanti sarebbero meno sensibili rispetto agli epatociti o alle cellule branchiali, in quanto gli eritrociti hanno una scarsa capacità di metabolizzazione ed un elevato turnover (Tomasello et al., 2012). Infine, le percentuali di micronuclei e di anomalie nucleari presenti negli eritrociti delle popolazioni di AU e GE sono in accordo con la contaminazione dei siti, così come riportato anche da Ali et al. (2008) e Saleh 56 (2010), i quali evidenziano che la presenza di micronuclei in diverse specie di Teleostei aumenti in siti inquinati. Secondo Bickham (2011), un altro effetto dell''esposizione ai contaminanti, è la diminuzione della variabilità genetica. Questo è il caso delle popolazioni di AU e GE che presentano bassi valori di indici di variabilità genetica, in presenza di valori elevati di metalli nel muscolo degli esemplari dei due siti. Nelle popolazioni del GRUPPO 1 l''analisi della regressione lineare applicata tra i valori della diversità aplotipica e nucleotidica e la concetrazione dei metalli, quali Cr e Co, potrebbe essere in accordo con tale ipotesi. Appare, altresì, interessante la correlazione negativa riscontrata in questo GRUPPO tra diversità aplotipica e bioaccumulo di Cr (R 2=0,53), un metallo capace di indurre importanti effetti tossici, anche se non possono essere prevedibili le modalità con cui l''inquinante esplica la sua tossicità (Bickam, 2011). I dati sono in accordo con Matson et al. (2006) che (utilizzando come marcatore genetico il D-loop) hanno osservato che nelle popolazioni di Rana ridibunda (Pallas, 1771) di aree industriali altamente contaminate la diversità aplotipica è più bassa rispetto a quella riscontrata in aree incontaminate di riferimento. Analogamente, Maes et al. (2005) e Bourret et al. (2008) hanno indicato una ridotta variabilità genetica (valutata con l''utilizzo dei microsatelliti, quali marcatori genetici) rispettivamente, in Anguilla anguilla (L. 1758) e in Perca flavescens (L. 1758) che presentano elevate concentrazioni di metalli nel muscolo. Tuttavia, in altri studi (Berckmoes et al., 2005; Roark et al., 2005; McMillan et al., 2006) non sono riportati effetti significativi dei contaminanti sulla diversità genetica. In particolare, McMillian et al. (2006) sostengono che vi sono diverse motivazioni perché la genetica di 57 popolazione si modifichi e perché gli effetti di tale contaminazione non possono essere previsti prendendo in considerazione soltanto l''ampiezza dell''esposizione ai contaminanti; secondo questi Autori, ad esempio, l''espansione della popolazione e l''immigrazione con successo di nuovi individui potrebbero aiutare la popolazione a contrastare la perdita di diversità genetica. E ancora, Berckmoes et al. (2005) sostengono che lo stress indotto dai contaminanti, ovvero il tempo di esposizione ad essi, potrebbero non essere sufficienti per provocare risposte genetiche nella popolazione; inoltre, gli Autori suggeriscono che il flusso genico potrebbe mascherare gli effetti dei metalli, come già osservato da Matson et al. (2006) in uno studio sulle rane di palude, evidenziando la presenza di un flusso di migranti diretto verso le aree fortemente inquinate e proveniente dalle aree circostanti che probabilmente ha compensato il relativamente povero successo riproduttivo o la sopravvivenza negli habitat contaminati. Studi di Mulvey et al. (2003) hanno indicato un aumento della diversità genetica del mtDNA in Fundulus heteroclitus proveniente da siti contaminati da IPA attribuendo tale risultato alla presenza di un tasso di migranti tale da compensare la perdita di diversità genetica. Infine, Baker et al. (2001), Cohen (2002), Shugart et al. (2010), Theodorakis e Shugart (1997) riportano un aumento della diversità genetica in popolazioni provenienti da siti contaminati per effetti di diversi fattori quali migrazione, mescolanza delle popolazioni, selezione diversificata o aumento dei tassi di mutazione (Shugart et al., 2010). Comunque, la difficoltà nello spiegare alcuni dati ottenuti potrebbe derivare da diversi fattori come, ad esempio, il marcatore molecolare prescelto, infatti, sebbene il DNA mitocondriale sia un mezzo sensibile per rivelare gli 58 effetti genetici del bottleneck e sia un efficace sistema genetico per monitorare il declino della popolazione, l''utilizzo dei microsatelliti può rappresentare uno strumento di indagine più valido nel monitoraggio degli ambienti inquinati (Bickham et al., 2000). 59 6. CONCLUSIONI 1) P. sanguinolentus presenta una forte strutturazione genetica (Fst=0,72) dovuta, probabilmente, al tipo di dispersione larvale ''in shore' e ad un comportamento di ''homing' che dovrebbe essere ulteriormente studiato; tale strutturazione non è, comunque, associata ad una elevata divergenza genetica delle sue popolazioni probabilmente a causa del loro recente differenziamento, successivo alle glaciazioni; 2) i valori della diversità aplotipica (da 0,27 a 0,82) e della diversità nucleotidica (da 0,0008 a 0,012) rientrano nel quadro della variabilità genetica riscontrata nei Blennidi del Mediterraneo (Domingues et al., 2007 e 2008b). 3) La popolazione di TP è peculiare per la presenza negli aplotipi privati di una delezione di 11pb. 4) I dati del bioaccumulo e quelli relativi al test Comet e al test dei micronuclei, confermano che P. sanguinolentus può essere considerato un valido bioindicatore. 5) Per quanto riguarda le Aree Marine Protette prese in esame, malgrado il moderato grado di contaminazione dei sedimenti e di bioaccumulo dei contaminanti nel muscolo degli esemplari esaminati, presentano una bassa variabilità genetica; le aree marine protette sono di notevole interesse per la conservazione della biodiversità, tuttavia la loro contiguità con aree fortemente antropizzate influenza negativamente la qualità ambientale come dimostrato ad esempio dalla elevata concentrazione di Pb nel muscolo degli esemplari di A.M.P.AC. 60 6) Le popolazioni di AU e GE presentano una elevata contaminazione da inquinanti genotossici sia nei sedimenti che nel muscolo e i più bassi valori degli indici di variabilità genetica. 7) Dai dati ottenuti, si ritiene di poter concordare con quanto asserito da Bickham (2011), il quale sostiene che '' gli impatti genetici sono conseguenza dell''esposizione delle popolazioni ai contaminanti, tuttavia, non sono non sono direttamente prevedibili dalla modalità con cui l''inquinante esplica la propria tossicità'. 8) Infine, dati recenti in letteratura indicano l''approccio multidisciplinare come uno strumento valido per monitorare gli effetti avversi acuti e cronici causati dagli inquinanti. Infatti, l''uso di un singolo approccio, per analizzare lo stato degli ecosistemi marini, sottostima la complessità dell''impatto antropico e, generalmente, conduce ad una conoscenza non chiara e distorta delle conseguenze (Tomasello et al., 2012). 61 7. BIBLIOGRAFIA Akcha F., Leday G., Pfohl-Leszkowicz A. (2004) Measurement of DNA adducts and
strand breaks in dab (Limanda limanda) collected in the field: effects of biotic
(age, sex) and abiotic (sampling site and period) factors on the extent of DNA
damage. Mutation Research 552, 197''207.

Ali F.K., El-Shehawi A.M., Seehy M.A. (2008) Micronucleus test in fish genome: A
sensitive monitor for aquatic pollution African Journal of Biotechnology 7 (5),
606-612.

Almada V.C., Oliveira R.I. Gonçalves E.J., Almeida A.J., Santos R.S., Wirtz P.
(2001) Patterns of diversity of the north-eastern Atlantic blenniid fish fauna
(Pisces: Blenniidae). Global Ecology & Biogeography 10, 411''422.

Almada F., Almada V.C., Guillemaud T., Wirtz P. (2005a) Phylogenetic
relationships of the north-eastern Atlantic and Mediterranean blenniids.
Biological Journal of the Linnean Society, 86, 283''295.

Almada V.C., Robalo J.I. , Levy A., Freyhof J., Bernardi G., Doadrio I. (2009)
Phylogenetic analysis of Peri-Mediterranean blennies of the genus Salaria:
Molecular insights on the colonization of freshwaters. Molecular Phylogenetics
and Evolution 52 (2) 424-431.

Alomary A.A., Belhadj S. (2007) Determination of heavy metals (Cd, Cr, Cu, Fe, Ni,
Pb, Zn) by ICP-OES and their speciation in Algerian Mediterranean Sea sediments
after a five-stage sequential extraction procedure. Environmental Monitoring
and Assessment 135, 265''280.

Al-Sabti K.. (1995), An in vitro binucleated blocked hepatic cell technique for
genotoxicity testing in fish. Mutation Research 335 (2) 109-120. Astraldi M., Balopoulos S., Candela J., Font J., Gacic M., Gasparini G.P., Manca B.,
Theocharis A., Tintore J. (1999) The role of straits and channels in understanding
the characteristics of Mediterranean circulation. Progress in Oceanography 44,
65''108.

Bahri-Sfar L., Lemaire C., Ben Hassine O.K., Bonhomme F. (2000) Fragmentation
of sea bass populations in the western and eastern Mediterranean as revealed by
microsatellite polymorphism. Proceedings of the Royal Society of London. Series
B, Biological Sciences 267, 929''935.

Baker R., Bickham A., Bondarkov M., Gaschak S., Matson C., Rodgers B., Wickliffe
J., Chesser R. (2001) Consequences of polluted environments on population
structure: The bank vole (Clethrionomys glareolus) at Chornobyl. Ecotoxicology
10, 211''216.

62 Bargelloni L., Alarcon J.A., Alvarez M.C., Penzo E., Magoulas A., Reis C., Patarnello
T. (2003) Discord in the family Sparidae (Teleostei): divergent phylogeographical
patterns across the Atlantic''Mediterranean divide. J Evolution Biol 16, 1149''
1158.

Bath H. (1968) Untersuchung von Blennius zvonimiri Kolombatovic und
Beschreibung von Blennius incognitus n. sp. Aus dem Mittelmeer (Pisces,
Blennioidea, Blenniidae). Senckenbergiana Biologica 49, 367''386.

Bath H. (1977) Revision der Blenniini (Pisces: Blenniidae). Senckenbergiana
Biologica 57, 167''234.

Bath H. (1990) Taxonomie und Verbreitung von Parablennius Ribeiro 1915 an der
W-Küste Afrikas und den Kapverdischen Inseln mit Revalidation von P. verryckeni
(Poll 1959) und
Beschreibung drei neuer Arten (Pisces: Blenniidae). Senckenbergiana Biologica
70, 15''69.

Bath H. (1996) Beitrag zur Osteologie der Arten der Tribus Parablenniini Die
Beziehungen der Knochen des Schädeldaches zum Seitenorgan-System und zu
den Weichteilbildungen
der Kopfoberseite Sowie die Systematische Bedeutung der Befunde nebst
Bemerkungen zu Lupinoblennius dispar Herre 1942 (Pisces: Blenniidae).
Senckenbergiana Biologica 76, 65''92.

Bath H.( 2001) Osteology and morphology of fishes of the subfamily Salariini and
its junior synonym Parablenniinae (Pisces: Blenniidae). Stuttgarter Beiträge zur
Naturkund '' Serie A 628, 1''42.

Bekkevold M.A., Andrè C., Dahlgren T.G., Clausen L.A.W., Torstensen E.,
Mosegaard H., Carvalho G.R., Christensen T.B., Norlinder E., Ruzzante D.E. (2005)
Environmental correlates of population differentiation in Atlantic herring. 59 (12)
2656-2668.

Benamar M.A., Toumert I., Tobbeche S., Tchantchane A., Chalabi A. (1999)
Assessment of the state of pollution by heavy metals in the surficial sediments of
Algiers Bay. Applied Radiation and Isotopes 50, 975-980.

Béranger K., Mortier L., Gasparini G.P., Gervasio L., Astraldi M., Crépon M. (2004)
The dynamics of the Sicily Strait: a comprehensive study from observations and
models. Deep-Sea Research II 51, 411''440.
Berckmoes V., Scheirs J., Jordaens K., Blust R., Backeljau T., Verhagen R. (2005)
Effects of environmental pollution on microsatellite DNA diversity in wood
mouse (Apodemus sylvaticus) populations. Environmental Toxicology and
Chemistry 24 (11), 2898''2907. 63 Berg L.S. (1958) System der rezenten und fossilen Fischartigen und Fische. Berlin,
310.

Bergek S., Bjorklund M. (2009) Genetic and morphological divergence reveals
local subdivision of perch (Perca fluviatilis L.). Biol J Linn Soc 96, 746''758.

Bernardello M., Secco T., Pellizzato F., Chinellato M., Sfriso A., Pavoni B.(2006)
The changing state of contamination in the Lagoon of Venice. Part 2: Heavy
metals. Chemosphere 64, 1334''1345.

Bernardi G. (2000) Barriers to gene flow in Embiotoca jacksoni, a marine fish
lacking a pelagic larval stage. Evolution 54 (1) 226-237.

Bernardi G., Holbrook S.J., Schmitt R.J. (2001) Gene flow at three spatial scales in
a coral reef fish, the three-spot damselfish, Dascyllus trimaculatus. Marine
Biology 138, 457-465.

Bernardi G., Holbrook S.J., Schmitt R.J., Crane N.L. (2003) Genetic evidence for
two distinct clades in a French Polynesian population of the reef three-spot
damelfish, Dascyllus trimaculatus. Marine Biology 143, 485-490.

Bernardi G., Vagelli A. (2004) Population structure in Banggai cardinalfish,
Pterapogon kauderni, a coral reef species lacking a pelagic larval phase. Marine
Biology 145, 803-810.

Bickham J. W., Sandhu S., Hebert P.D.N., Chikhi L., Athwal R. (2000) Effects of
chemical contaminants on genetic diversity in natural populations: implications
for biomonitoring and ecotoxicology. Mutation Research 463, 33-51.

Bickham J. W. (2011) The four cornerstones of Evolutionary Toxicology.
Ecotoxicology 20, 497''502.

Bock M., Zander C.D. (1986) Osteological characteres as tools for Blenniid
taxonomy '' a generic revision of European Blenniidae (Percomophi; Pisces).
Zeitschrift fur Zoologische
Systematik und Evolutionsforschung 24, 138''143.

Bourret V., Couture P., Campbell P.G.C., Bernatchez L. (2008) Evolutionary
ecotoxicology of wild yellow perch (Perca flavescens) populations chronically
exposed to a polymetallic gradient. Aquatic Toxicology 86, 76''90.

Bryant D., Moulton V. (2004) Neighbor-Net: an agglomerative method for the
construction of phylogenetic networks. Molecular Biology and Evolution 21, 255''
265.
Burford M.O. (2009) Demographic history, geographical distribution and
reproductive isolation of distinct lineages of blue rockfish (Sebastes mystinus), a
marine fish with a high dispersal potential. J Evol Biol 22 (7), 1471''1486. 64
Caredda A.M., Cristini A., Ferrara C., LobinaM.F., Baroli M. (1999) Distribution of
heavy metals in the Piscinas beach sediments (SW Sardinia, Italy). Environmental
Geology 38, 91-100.

Carrasco K.R., Tilbur K.L., Myers M.S. (1990) An assessment of piscine
micronuclei test as an in situ biological indicator of chemical contaminant effect.
Canadian Journal of Fisheries and Aquatic Science 47, 2123-2136.

Cohen S. (2002) Strong positive selection and habitat-specific aminoacid
substitution patterns in MHC from an estuarine fish under intense pollution
stress. Mol Biol Evol 19, 1870''1880.

Collins A.R., Dusinska M., Gedik C.M., Stetina R. (1996) Oxidative damage to DNA:
do we have a reliable biomarker' Environ. Health Perspect. 104, 465''469.

Costagliola D., Robertson D.R., Guidetti P., Stefanni S., Wirtz P., Heiser J.B.,
Bernardi G. (2004) Evolution of coral reef fish Thalassoma spp. (Labridae). 2.
Evolution of the eastern Atlantic species. Marine Biology 144, 377''383.

Cuvier G. (1829) Le Règne Animal, distribué d''après son organisation, pour servir
de base à l''histoire naturelle des animaux et d''introduction à l''anatomie
comparée. Paris.

Debes P.V., Zachos F.E., Hanel R. (2008) Mitochondrial phylogeography of the
European sprat (Sprattus sprattus L., Clupeidae) reveals isolated climatically
vulnerable populations in the Mediterranean Sea and range expansion in the
northeast Atlantic. Molecular Ecology 17, 3873''3888.

Depledge M. (1989) The rational basis for detection of the early effects of marine
pollutants using physiological indicators. Ambio 18, 301-302.

Dias J.A., Rodrigues A., Magalhães F. (1997) Evolução da linha de costa em
Portugal, desde o último máximo glaciário até a actualidade: síntese dos
conhecimentos. Estudos do Quaternário 1, 53''66.

Domingues V. S., Faria C., Stefanni S., Santos R.S., Brito A., Almada V.C. (2007)
Genetic divergence in the Atlantic''Mediterranean Montagu''s blenny,
Coryphoblennius galerita (Linnaeus 1758) revealed by molecular and
morphological characters. Molecular Ecology 16, 3592''3605.

Domingues V.S., Alexandrou M., Almada V.C., Robertson D.R., Brito A., Santos
R.S., Bernardi G. (2008a) Tropical fishes in a temperate sea: evolution of the
wrasse Thalassoma pavo and the parrot fish Sparisoma cretense in the
Mediterranean and the adjacent Macaronesian and Cape Verde Archipelagos.
Marine Biology 154, 465''474.
65 Domingues V. S., Stefanni S., Brito A., Santos R.S., Almada V.C. (2008b)
Phylogeography and demography of the Blenniid Parablennius parvicornis and its
sister species P. sanguinolentus from the northeastern Atlantic Ocean and the
western Mediterranean Sea. Molecular Phylogenetics and Evolution 46, 397''
402.

Durand J.D., Templeton A.R., Guinand B., Imsiridou A., Bouvet Y. (1999) Nested
clade and phylogeographic analyses of the chub, Leuciscus cephalus (Teleostei,
Cyprinidae), in Greece: implication for Balkan peninsula biogeography. Molecular
Phylogenetics and Evolution 13, 566-580.

Eckman S. (1953) Zoogeography of the sea. London, 417.

Eckman, S. (1967) Zoogeography of the Sea. Sidgwick & Jackson, London.

ESCODD (The European Standards Committee on Oxidative DNA Damage, 2003)
Measurement of DNA oxidation in human cell by chromatographic and enzymic
methods. Free Rad. Biol. Med. 34, 1089''1099.

Excoffier l., Smouse P.E., Quattro J.E. (1992) Analysis of molecular variance
inferred from metric distance among DNA haplotype: application to human
mitochondrial DNA restriction data. Genetics 131, 479-491.

Excoffier L. (2004) Patterns of DNA sequencve diversity and genetic structure
after a range expansion: lessons from the infinite-island model. Molecular
Ecology 3, 853-864.

Excoffier L., Laval G., Schneider S. (2005) Arlequin ver. 3.0: An integrated
software package for population genetics data analysis. Evolutionary
Bioinformatics Online 1, 47-50.

Feldstein T., Kashman Y., Abelson A., Fishelson L., Mokady O., Bresler V., Erel Y.
(2003) Marine molluscs in environmental monitoring III. Trace metals and
organic pollutants in animal tissue and sediments. Helgol Mar Res 57, 212''219.

Ferrito V., Maltagliati F., Mauceri F., Adorno A., Tigano C. (2003) Morphological
and genetic variation in four italian population of Lebias fasciata (Teleostei,
Cyprinodontidae). Italian Journal of Zoology 70 (2) 115-121.

Ferrito V., Copat C., Pulvirenti V., Marino A., Fruciano C., Pappalardo A.M.,
Sciacca S., Tigano C. (2008) Approccio multimarker in due specie di Teleostei
bioindicatori: Coris julis (Linneo, 1758) e Parablennius sanguinolentus (Pallas,
1814). Atti 69° Congresso Nazionale dell''Unione Zoologica Italiana. Riassunti dei
contributi scientifici p. 45

Fonseca V.F., França S., Serafim A., Company R., Lopes B., Bebianno M.J., Cabrala
H.N. (2011) Multi-biomarker responses to estuarine habitat contamination in 66 three fish species: Dicentrarchus labrax, Solea senegalensis and Pomatoschistus
microps. Aquatic Toxicology 102 (3-4) 216''227.

Fossi M. C. (1998) Biomarker: strumenti diagnostici e prognostici di «salute»
ambientale. Ecotossicologia. UTET.

Francisco S.M., Vieira M.N., Almada V.C. (2006) Genetic structure and historical
demography of the shanny Lipophrys pholis in the Portuguese coast based on
mitochondrial DNA analysis. Molecular Phylogenetics and Evolution 39, 288''292.

Francisco S.M., Faria C., Lengkeek W., Vieira M.N., Velasco E.M., Almada V.C.
(2011) Phylogeography of the shanny Lipophrys pholis (Pisces: Blenniidae) in the
NE Atlantic records signs of major expansion event older than the last glaciations.
Journal of Experimental Marine Biology and Ecology 403, 14-20.

Frenzilli G., Scarcelli V., Del Barga I., Nigro M., Förlin L., Bolognesi C., Sturve J.
(2004) DNA damage in eelpout (Zoarces viviparus) from Göteborg harbor.
Mutation Research 552, 187''195.

Fruciano C., Hanel R., Debes P.V., Tigano C., Ferrito V. (2011) Atlantic-
Mediterranean and within-Mediterranean molecular variation in Coris julis (L.
1758) (Teleostei, Labridae). Marine Biology 158, 1271-1286.

Fu Y.X. (1997) Statistical tests of neutrality of mutations against population
growth, hitchking and background selection. Genetics 147, 915-925.

Gabbianelli R., Lupidi G., Villarini M., Falcioni G. (2003) DNA damage induced by
copper on erythrocytes of Gilthead Sea Bream Sparus aurata and mollusk
Scapharca inaequivalvis. Archives of Environmental Contamination and
Toxicology 45, 350''356.

Garcia E., Alvarez M.C., Thode G. (1987) Chromosome relationships in the genus
Blennius (Blenniidae Perciformes) C-banding patterns suggest two karyoevolutional pathways. Genetica 72, 27''36.

Gerlach G., Atema J., Kingsford M.J., Black K.P., Miller-Sims V. (2007) Smelling
home can prevent dispersal of reef Wsh larvae. PNAS 104, 858''863.

Gibson R.N. (1968) The agonistic behaviour of juvenile Blennius pholis L.
(Teleostei). Behaviour 30, 192''217.

Gibson R.N. (1999) Movement and homing in interdial fishes in: Horn H.H.,
Martin K.L.M., chotkowski M.A. Interdial Fishes. Life in two worlds.

Giorgi I., Abete M.C., Squadrone S., Tarasco R., Arsieni P., Pellegrino M.,
Leogrande M., Prearo M. (2009) Contaminazione da metalli pesanti nel pescato
del Mar Ligure. A.I.V.I., 6.
67 Goldschmid A., Kotrschal K., Krautgartner W.D., Adam H. (1980) Morphologie des
Gebisses und Nahrungspräferenzen von Dreizehn Adriatischen Blenniden
(Teleostei, Perciformes). Zoologica Scripta 9, 67''78.

Gyllenstein U. (1985) The genetic structure of fish: differences in the intraspecific
distribution of biochemical genetic variation between marine, anadromous and
freshwater species. Journal of Fish Biology 26, 691-699.

Haney R.A., Silliman B.R., Fry A.J., Layman C.A., Rand D.M. (2007) The Pleistocene
history of the sheepshead minnow (Cyprinodon variegatus): non-equilibrium
evolutionary dynamics within a diversifying species complex. Molecular
Phylogenetics and Evolution 43, 743-754.

Harpending R.C. (1994) Signature of ancient population growth in a low-
resolution mitochondrial DNA mismatch distribution. Human Biology 66, 591-
600.

Hartl M.G., Kilemade M., Sheehan D., Mothersill C., O''Halloran J., O''Brien N.M.,
van Pelt F.N. (2007) Hepatic biomarkers of sediment-associated pollution in
juvenile turbot. Scophthalmus maximus L. Marine environmental research 64,
191''208.

Ingelman-Sundberg M., Hagbjork A.L. (1982) On the significance of the
cytochrome P-450-dependent hydroxyl radical-mediated oxygenation mechanism. Xenobiotica; the fate of foreign compounds in biological systems 12,
673''686.

Kilemade M.F., Hartl M.G.J., Sheehan D., Mothersill C., van Pelt F.N.A.M.,
O''Halloran J., O''Brien N.M. (2004) Genotoxicity of field-collected intertidal
sediments from Cork Harbor, Ireland, to juvenile turbot (Scophthalmus maximus
L.) as measured by the Comet assay. Environmental and Molecular Mutagenesis
44, 56 ''64.

Knapen D., Knapkens G., Bervoets L., Verheyen E., Eens M. (2009) High
microsatellite genetic variability of the stone loach, Barbatula barbatula, in
anthropogenically disturbed watercourses. Fisheries Management and Ecology
16, 112''120.

Knutsen H., Jorde P.E., Andrè C., Stenseth N.C. (2003) Fine-scaled geographical
population structuring in a highly mobile marine species: the Atlantic cod.
Molecular Ecology 12, 385-394.

Kolombatovic J. (1892) Blennius zvonimiri n. sp., nova vrsta babice dalmatinskoga
mora. Glasniku Hrvatskog Naravoslovnog Druttva 7, 107''112.

Lafabrie C., Pergent G., Kantin R., Pergent-Martini C., Gonzalez J.-L. (2007) Trace
metals assessment in water, sediment, mussel and seagrass species - Validation 68 of the the use of Posidonia oceanica as a metal biomonitor. Chemosphere 68
(11), 2033-2039.

Lambeck K., Esat T.M., Potter E.K. (2002) Links between climate and sea levels for
the past three million years. Nature 419, 199''206.

Lemaire P., Matthews A., Forlin L., Livingstone D.R. (1994) Stimulation of
oxyradical production of hepatic microsomes of flounder (Platichthys flesus) and
perch (Perca fluviatilis) by model and pollutant xenobiotics. Arch. Environ.
Contam. Toxicol. 26, 191''200.

Li W.H. (1977) Distributionof nucleotide differences between two randomly
chosen cistrons in a finite population. Genetics 85, 331-337.

Lin C.J., Lin H.D., wang J.P., Chao S.C., Chiang T.Y. (2009) Phylogeography of
Hemibarbus labeo (Cyprinidae): secondary contact of ancient lineages of mtDNA.
Zoologica Scripta.

Linnaeus C. (1758) Systema Naturae (Systema naturae per regna tria naturae,
secundum classes, ordines, genera, species, cum characteribus, differentiis,
synonymis, locis. Tomus
I. Editio decima, reformata) Holmiae. Stockholm. Loncaric N., Auffret G.A., Abrantes F., Baas J.H., Gaspar L., Pujol C. (1998) Late
quaternary sedimentation patterns on the Meriadzek Terrace, Bay of Biscay
(ESSCAMP 02 core: 47 N 9 W). Mar. Geol. 152, 57''73.

MacDonald, D.D. (1994) Approach to the assessment of sediment quality in
Florida coastal waters. vol. 1 '' Development and evaluation of sediment quality
assessment guidelines. Florida Department of Environmental Protection Office of
Water Policy.

Macpherson E., Raventos N. (2006) Relationship between pelagic larval duration
and geographic distribution of Mediterranean littoral fishes. Marine Ecology
Progress Series, 327, 257''265.

Maes G.E., Raeymaekers J.A.M., Pampoulie C., Seynaeve A., Goemans G.,
Belpaire C., Volckaert F.A.M. (2005) The catadromous European eel Anguilla
anguilla (L.) as a model for freshwater evolutionary ecotoxicology: Relationship
between heavy metal bioaccumulation, condition and genetic variability. Aquatic
Toxicology 73, 99''114.

Maltagliati F. (1998) Does the Mediterranean killifish Aphanius fasciatus
(Teleostei: Cyprinodontidae) fit the one-dimensional stepping-stone model of
gene flow' Environmental Biology of Fishes 53 (4) 385-392.

Mantel N.A. (1967) The detection of diseas clustering and a generalized
regression approach. Cancer Research 27, 209-220. 69
Marañón E., Holligan P.M., Barciela R., González N., Mouriño B., Pazó M.J., Varela
M. (2001) Patterns of phytoplankton size structure and productivity in
contrasting open-ocean environments. Marine Ecology Progress Series 216, 43''
56.

Mars P. (1963) Les faunes et la stratigraphie du Quaternaire mèditerranèen, Rec.
Trav. Sta. Mar. Endoume 26, 61-97.

Matson C.W., Lambert M.M., McDonald T. J., Autenrieth R.L., Donnelly K.C.,
Islamzadeh A., Politov D.I., Bickham J.W. (2006) Evolutionary Toxicology:
population-level effects of chronic contaminant exposure on the Marsh Frogs
(Rana ridibunda) of Azerbaijan. Environmental Health Perspectives 114 (4) 547-
552.

McMillan A.M., Bagley M.J., Jackson S.A., Nacci D.E. (2006) Genetic diversity and
structure of an estuarine fish (Fundulus heteroclitus) indigenous to sites
associated with a highly contaminated urban harbor. Ecotoxicology 15, 539''548.

Mejri R., Lo Brutto S., Ben Hassine O.K., Arculeo M. (2009) A study on
Pomatoschistus tortonesei Miller 1968 (Perciformes, Gobiidae) reveals the Siculo-
Tunisian Strait (STS) as a breakpoint to gene flow in the Mediterranean basin.
Molecular Phylogenetics and Evolution 53, 596''601.

Moraes de Andrade V., de Freitas T. R.O., da Silva J. (2004) Comet assay using
mullet (Mugil sp.) and sea catfish (Netuma sp.) erythrocytes for the detection of
genotoxic pollutants in aquatic environment. Mutation Research 560, 57''67.

Mulvey M., Newman M.C., Vogelbein W.K., Unger M.A., Ownby D. R. (2003)
Genetic structure and mtDNA diversity of Fundulus heteroclitus populations from
polycyclic aromatic hydrocarbon-contaminated sites. Environmental Toxicology
and Chemistry, 22 (3) 671''677.

Muss A., Robertson D.R., Stepien C.A., Wirtz P., Bowen B.W. (2001)
Phylogeography of Ophioblennius: the role of Ocean current and geography in
reef fish evolution. Evolution, 55 (3) 561''572.

Mzoughi N., Chouba L. (2011) Distribution of trace metals, aliphatic
hydrocarbons and polycyclic aromatic hydrocarbons in sediment cores from Sicily
Channel and the Gulf of Tunis (south-western Mediterranean Sea).
Environmental Technology 32 (1-2) 43-54.

Nelson J.S. (1994) Fishes of the world, 3rd edn. New York: John Wiley & Sons, Inc.

Nieder J., Busse K. (1992) Remarks on the systematics of the tribe Parablenniini
based on blood serum electrophoresis (Pisces: Blenniidae). Zeitschrift fur
Zoologische Systematik und Evolutionsforschung 30, 123''128.
70 Norman J.R. (1943) Notes on the Blennioid fishes '' I. A provisional synopsis of
the genera of the family Blenniidae. Annals and Magazine of Natural History 72,
793''812.

Ostellari L., Bargelloni L., Penzo E., Patarnello P., Patarnello T. (1996)
Optimization of single-strand conformation polymorphism and sequence analysis
of the mitochondrial control region in Pagellus bogaraveo (Sparidae, Teleostei):
rationalized tools in fish population biology. Animal Genetics 27 (6), 423''427.

Pallas P.S. (1814) Zoographia Rosso-Asiatica, sistens omnium animalium in
extenso Imperio Rossico et adjacentibus maribus observatorum recensionem,
domicilia, mores et descriptiones, anatomen atque icones plurimorum. Petropoli,
Academiae Scientiarum St. Petersburg.

Palumbi S.R. (1994) Genetic divergence, reproductive isolation and marine
speciation. Annu Rev Ecol Syst 25:547''572

Pappalardo A.M., Ferrito V., Messina A., Guarino F., Patarnello T., De Pinto V.,
Tigano C. (2008) Genetic structure of the killifish Aphanius fasciatus, Nardo 1827
(Teleostei: Cyprinodontidae), results of mitochondrial DNA analysis. Journal of
Fish Biology 72 (5) 1154-1173.

Pereira P., de Pablo H., Vale C., Pacheco M. (2010) Combined use of
environmental data and biomarkers in fish (Liza aurata) inhabiting a eutrophic
and metal-contaminated coastal system '' Gills reflect environmental
contamination. Marine Environmental Research 69, 53''62.
Pulvirenti V., Ferrito V., Copat C., Sciacca S., Tigano C, (2012) Biomonitoring of a
particularly polluted site on the Ionic Sicilian coast: port of Augusta. IL GRIFONE.
In press
Raventos N., Macpherson E. (2001) Planktonic larval duration and settlement
marks on the otoliths of Mediterranean littoral fishes. Marine Biology 138, 1115-
1120.

Richtarski U., Patzner R.A. (2000) Comparative morphology of male reproductive
systems in Mediterranean blennies (Blenniidae). Journal of Fish Biology 56: 22''
36.

Rinner B. P., Matson C.W., Islamzadeh A., McDonald T.J., Donnelly K.C., Bickham
J.W. (2011) Evolutionary toxicology: contaminant-induced genetic mutations in
mosquitofish from Sumgayit, Azerbaijan. Ecotoxicology 20, 365''376.

Roark S.A., Nacci D., Coiro L., Champlin D., Guttman S.I. (2005) Population
genetic structure of a non migratory estuarine fish (Fundulus heteroclitus) across
a strong gradient of polychlorinated biphenyl contamination. Environmental
Toxicology and Chemistry 24 (3) 717''725.
71 Rocco L., Ferrito V., Costagliola D., Marsilio A., Pappalardo A.M., Stingo V., Tigano
C. (2007) Genetic divergence among and within four Italian population of
Aphanius fasciatus (Teleostei, Cyprinodontiformes). Italian Journal of Zoology 74
(4) 371-379.

Rogers A. (1995) genetic evidence for a Pleistocene population explosion.
Evolution 49, 608-615.

Rohlf F.J. (2007) NTSYSpc: numerical taxonomy system, ver. 2.20. Exeter
Publishing Ltd, Setauket, NY.

Ruggieri G. (1967) The Miocene and later evolution of the Mediterranean Sea,
Syst. Assoc. Publ. 7, 283-290.

Saleh K.A.J. (2010) The Intensity of Pollutant Genotoxicity in Lake Uluabat.
International Journal of Biotechnology and Biochemistry 6 (4) 625''631.

Santos R.S., Almada V.C. (1988) Intraspecific variations in reproductive tacties in
males of the rocky intertidal fish Blennius sanguinolentus in the Azores. In:
Chelazzi G., Vannini M., eds. Behaviour adaptation to intertidal life. Nato Asi
Series: Life Sciences 151, 421''447.

Schneider S., Excoffier L. (1999) Estimation of demographic parameters fron the
distribution of pairwise differences when the mutation rates vary among sites:
Application to human mitochondrial DNA. Genetics 152, 1079-1089.
Shugart L.R., Theodorakis C.W., Bickham J.W. (2010) Evolutionary toxicology. In:
DeWoody J.A., Bickham J.W., Michler C.H., Nichols K.M., Rhodes O.E., Woeste
K.W. (eds) Molecular Approaches in Natural Resource Conservation and
Management. Cambridge University Press, New York, 320''362.
Silbiger R.N., Leonard A.C., Dimsoski P., Forè S., Guttman S.I., Roth A.C., Gordon
D.A., Wessendarp T., Toth G.P., Smith M.K. (2001) Use of molecular markers to
study the effects of environmental impacts on genetic diversity in brown
bullhead (Ameirus nebulosus) populations. Environmental Toxicology and
Chemistry 20, 2580-2587.

Smith-Vaniz W.F. (1976) The saber-toothed blennies, tribe Nemophini (Pisces
Blenniidae). Academy of Natural Sciences of Philadelphia 19, 1''196.

Springer V.G. (1968) Osteology and classification of the fishes of the family
Blenniidae. U.S. National Museum Bulletin 284, 1''97.

Springer V.G., Smith-Vaniz W.F. (1972) A new tribe (Phenablenniini) and genus
(Phenablennius) of blenniid fishes based on Petroscirtes heyligeri Bleeker. Copeia
1, 64''71.
72 Šrut M., Štambuk A., Pavlica M., Klobučar G.I.V. (2010) Cage exposure of
European sea bass (Dicentrarchus labrax) for in situ assessment of pollution-
related genotoxicity. Arh Hig Rada Toksicol 61, 29-36.

Stefanni S., Domingues V., Bouton N., Santos R.S., Almada F., Almada V. (2006)
Phylogeny of the shanny, Lipophrys pholis, from the NE Atlantic using
mitochondrial DNA markers. Molecular Phylogenetics and Evolution 39, 282''
287.

Stefanni S., Thorley J.S. (2003) Mitochondrial DNA phylogeography reveals the
existence of an Evolutionarily Significant Unit of the sand goby Pomatoschistus
minutus in the Adriatic (Eastern Mediterranean). Molecular Phylogenetics and
Evolution 28, 601''609.

Stepien C.A., Dillon A.K., Brooks M.J., Chase K.L., Hubers A.N. (1997) The
evolution of blennioid fishes based on an analysis of mitochondrial 12S rDNA. In:
Kocher T., Stepien C.,
eds. Molecular systematics of fishes. New York: Academic Press, 245''269.

Stockwell C.A., Mulvey M., Jones A.G. (1998) Genetic evidence for two
evolutionarily significant units of With Sands pupfish. Animal Conservation 1,
213-225.

Storelli M.M., Marcotrigiano G.O. (2005) Bioindicator organisms: heavy metal
pollution evaluation in the Ionian Sea (Mediterranean Sea''Italy). Environmental
Monitoring and Assessment 102, 159''166.

Tajima F. (1989) Statistical-method for testing the neutral mutation hypothesis
by DNA polymorphism. Genetics 123, 585-595.

Tamura K., Peterson D., Peterson N., Stecher G., Nei M., and Kumar S.
(2011) MEGA5: Molecular Evolutionary Genetics Analysis using Maximum
Likelihood, Evolutionary Distance, and Maximum Parsimony Methods. Molecular
Biology and Evolution 28, 2731-2739.

Tancioni L., Scardi M., Cataudella S. (2005) I Pesci Nella Valutazione Dello Stato
Ecologico Dei Sistemi Acquatici. Ann. Ist. Super Sanità 41 (3), 399-402.

Tepe Y. (2009) Metal concentrations in eight fish species from Aegean and
Mediterranean Seas. Environmental Monitoring and Assessment 159, 501-509.
Theodorakis C.W., Shugart L.R. (1997) Genetic ecotoxicology II: population
genetic structure in radionuclide-contaminated mosquitofish (Gambusia affinis).
Ecotoxicology 6, 335''354.
Thiede J. (1978) A glacial Mediterranean. Nature 276, 680''683.
73 Thompson J.D., Gibson T.J., Plewniak F., Jeanmougin F., Higgins D.G. (1997) The
ClustalX windows interface: flexible strategies for multiple sequence alignment
aided by quality analysis tools. Nucleic Acids Research, 24, 4876-4882.

Thyssen L. (2010) Homing behaviour of Parablennius parvicornis (Pisces:
Blenniidae). Anales Universitarios de Etología 4: 25-30.

Tigano C., Canapa A., Ferrito V., Barucca M., arcidiacono I., Olmo E. (2004)
Morphological and molecular analysis of three Sicilian population of Lebias
fasciata (Teleostei, Cyprinodontidae). Italian Journal of Zoology 71, 107-113.

Tigano C., Tomasello B., Sciacca S., Pulvirenti V., Ferrito V., Carpinteri G., Copat
C., Renis M. (2006) Danno al DNA di Parablennius sanguinolentus della costa
ionica siciliana. Atti 67° Congresso Nazionale dell''Unione Zoologica Italiana.
Riassunti dei contributi scientifici p.52.

Tigano C., Tomasello B., Pulvirenti V., Ferrito V., Copat C., Carpinteri G., Mollica
E., Sciacca S., Renis M. (2009) Assessment of environmental stress in
Parablennius sanguinolentus (Pallas, 1814) of the Sicilian Ionian coast.
Ecotoxicology and Environmental Safety 72, 1278''1286.

Tlili S., Jebali J., Banni M., Haouas Z., Mlayah A., Helal A.N., Boussetta H. (2010)
Multimarker approach analysis in common carp Cyprinus carpio sampled from
three freshwater sites. Environmental Monitoring and Assessment 168, 285''298.

Tsangaris C., Vergolyas M., Fountoulaki E., Nizheradze K. (2011) Oxidative stress
and genotoxicity biomarker responses in Grey Mullet (Mugil cephalus) from a
polluted environment in Saronikos Gulf, Greece. Archives of Environmental
Contamination and Toxicology 61 (3) 482-490.

Tomasello B., Copat C., Pulvirenti V., Ferrito V., Ferrante M., Renis M., Sciacca S.,
Tigano C. (2012) Biochemical and bioaccumulation approaches for investigating
marine pollution using Mediterranean rainbow wrasse, Coris julis (Linneaus
1798). Ecotoxicology and Environmental Safety 86, 168''175.

Tortonese E. (1964) The main biogeographical features and problems of the
Mediterranean fish fauna. Copeia 1964, 98''107.

Valenciennes A. (1836) Histoire naturelle des poissons. De la famille des
Gobioïdes. Paris: Tome onzième Livre quatorzième.

Wang J.P., Hsu K.C., Chiang T.Y. (2000) Mitochondrial DNA phylogeography of
Acrossocheilus paradoxus (Cyprinidae) in Taiwan. Molecular Ecology 9, 1483-
1494.

Wang J.P., Lin H.D., Huang S., Pan C.H., Chen X.L., Chiang T.Y.(2004)
Phylogeography of Varicorhinus barbatulus (Cyprinidae) in Taiwan based on 74 nucleotide variation of mtDNA and allozymes. Molecular Phylogenetics and
Evolution 31, 1143-1156.

Ward R.D., Woodmark M., Skibinski D.O.F. (1994) A comparison of genetic
diversity levels in marine, freshwater and anadromous fishes. Journal of Fish
Biology 44, 213-232.

Whitehead P.J.P., Bauchot M.-L., Hurean J.-C., Nielsen J., Tortonese E. (1986)
Fishes of the North-Eastern Atlantic and the Mediterranean. UNESCO.

Withfield A.K., Elliot M. (2002) Fishes as indicators of environmental and
ecological changes within estuaries:a review of progress and some suggestions
for the future. Journal of Fish Biology 61, 229-250.

Williams J.T. (1990) Phylogenetic relationship and revision of the blenniid fish
genus Scartichthys. Smithsonian Contributions to Zoology 492, 1''30.

Wirtz P. (1978) The behaviour of the Mediterranean Tripterygion species (Pisces,
Blennioidei). Zeitschrift für Tierpsychologie, 48, 142''174.

Wirtz P. (1980) A revision of the eastern-Atlantic Tripterygiidae (Pisces,
Blennioidei) and notes on some West African blennioid fish. Cybium, 3e Serie, 11,
83''101.

Wright, S. (1969) Evolution and the Genetics of Populations, Vol. 2. University of
Chicago Press, Chicago.

Wright, S. (1978) Evolution and the Genetics of Populations, Vol. 4. University of
Chicago Press, Chicago.

Xia, X. (2007) Bioinformatics and the cell: modern computational approaches in
genomics, proteomics and transcriptomics. Springer. 361 pp.

Zander C.D. (1973) Evolution of Blennioidei in the Mediterranean sea. Revue
Travaux de L''Institut de Péches Maritimes, 37, 215''221.

Zander C.D. (1978) Kritische Anmerkungen Zur ''Revision der Blenniini (Pisces:
Blenniidae)'' von H. Bath (1977). Zeitschrift Fur Zoologische Systematik und
Evolutionsforschung 16, 290''296.

Zander C.D. (1980) Zoogeography and speciation of Mediterranean blennioids.
Journées de Etudes Systématiques et Biogéographiques de Mediterraneen,
CIESM, Cagliari, 13''38.

Zardoya R., Castilho R., Grande C., Favre-Krey L., Caetano S., Marcato S., Krey G.,
Patarnello T. (2004) Differential population structuring of two closely related fish
species, the mackerel (Scomber scombrus) and the chub mackerel (Scomber
japonicus), in the Mediterranean Sea. Molecular Ecology 13, 1785''1798. 75 APPENDICE A '' Chiavi di riconoscimento per la determinazione del genere e della
specie (da Whitehead et al., 1986).


Chiave di riconoscimento per la determinazione del genere
1 Membrana della branchia formante piega attraverso l'istmo 3 Membrana della branchia non unita e non formante piega attraverso
l'istmo 2 2 Parte anteriore della pinna dorsale cospicuamente più alta della
parte posteriore, raggi anteriori elongati oltre la membrana della
pinna Biennius Parte anteriore della pinna dorsale non cospicuamente più alta della
parte posteriore, raggi anteriori non elongati Hypleurochilus 3 Mascella superiore con 50 o più denti; impari, triangolari, tentacoli
frangiati carnosi sulla nuca seguiti da parecchi piccoli tentacoli Coryphoblennius Mascella superiore con 40 denti o meno; se presentano tentacoli, non
triangolari, carnosi e frangiati 4 4 Tentacoli sopra-orbitali assenti Lipophrys Tentacoli sopra-orbitali presenti 5 5 Pinna dorsale con incisura distintiva tra parte spinosa e molle 6 Pinna dorsale senza incisura distintiva tra parte spinosa e molle Parablennius 6 Tentacolo sopra-orbitale di ogni occhio un singolo, non diramato,
filamento filiforme (solo raramente filamento ramoso in cima); area
blu con un margine rosso dietro gli occhi Aidablennius Tentacoli sopra-orbitali spessi e/o ramosi alla base; nessuna area blu
dietro gli occhi 7 7 Raggi della pinna dorsale molli 14-15; tentacoli nucali presenti;
nessun canino sulla mascella superiore Scartella Raggi della pinna dorsale molli 17-21; tentacoli nucali presenti o
assenti; canini su entrambe le mascelle Parablennius















76 Chiave di riconoscimento per la determinazione della specie 1 Pinna dorsale con incisura distinta tra parte spinosa e soffice 2 Pinna dorsale senza incisura distinta tra parte spinosa e soffice 3 2 Tentacoli nucali spesso presenti; corpo brunastro con 5-7 chiazze
bianche lungo la base della pinna dorsale; generalmente una chiazza
brunastra variegata alla base della pinna caudale P. zvonimiri Tentacoli nucali assenti; corpo verde-verdastro; nessuna chiazza
lungo la base della pinna dorsale o alla base della pinna caudale P. incognitus 3 Pinna dorsale con 13-14 spine; nessun canino nelle mascelle
superiore 4 Pinna dorsale con 11-12 spine; canini su entrambe le mascelle 5 4 Parte posteriore del sistema della linea laterale senza ramificazioni P. gattorugine Parte posteriore del sistema della linea laterale con ramificazioni P. ruber 5 Corpo bianco, solo una striscia scura dall'occhio alla base della pinna
caudale P. rouxi Corpo non bianco; almeno una seconda striscia scura presente lungo
la base della pinna dorsale (P.pilicoris) 6 6 Tentacoli sopra-orbitali consistenti di uno spesso elemento che
potrebbe portare estensioni simili a lembi solo sul lato posteriore P. tentacularis Tentacoli sopra-orbitali consistenti in un gruppo di filamenti piccoli,
sottili, simili a fili 7 7 14 raggi delle pinne pettorali P. pilicoris 13 raggi delle pinne pettorali 8 8 11 spine dorsali P. parvicornis 12 spine dorsali P. sanguinolentus




















77 APPENDICE B - Andamento delle correnti nel bacino del
Mediterraneo

78 APPENDICE C '' RIEPILOGO
BASSI VALORI h e  BASSA CONCENTRAZIONE DI
METALLI NEL MUSCOLO MODESTO DANNO AL DNA
TESTATO CON TEST COMET BASSA FRAMMENTAZIONE DEL
DNA BASSA CONTAMINAZIONE
DA METALLI NEI SEDIEMNTI A.M.P. AC A.M.P.PL TP APLOTIPI PRIVATI DELEZIONE DI 11 pb CONTAMINAZIONE DA Pb
NEI SEDIMENTI SCARSE CONCENTRAZIONI DI
METALLI NEL MUSCOLO BASSI VALORI h e  AU LI ELEVATO
DANNO AL
DNA
TESTATO
CON TEST
COMET ELEVATA
FRAMMENTAZIONE DEL
DNA GE ELEVATA CONTAMINAZIONE DA
METALLI NEI SEDIMENTI BASSI VALORI h e  ELEVATE CONCENTRAZIONI DI
METALLI NEL MUSCOLO 79
























































SCARSA CONTAMINAZIONE DA
METALLI NEI SEDIMENTI BASSE CONCENTRAZIONI DA
METALLI NEL MUSCOLO BASSA
FRAMMENTAZIO
NE DEL DNA RI MODESTO DANNO AL DNA
TESTATO COL TEST COMET AN VALORI PIU''
ELEVATI DI h E ' SM CONTAMINAZIONE DA Hg
NEI SEDIMENTI CONTAMINAZIONE DA Pb
NEL MUSCOLO BASSA
FRAMMENTAZIONE DEL
DNA ELEVATI VALORI DI h E ' PRESENZA DI APLOTIPI
PRIVATI BR ELEVATI VALORI DI h E ' SCARSA CONTAMINAZIONE DA
METALLI NEI SEDIMENTI BASSA
FRAMMENTAZIONE DEL
DNA PRESENZA DI APLOTIPI
PRIVATI


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186