verticale

Soluzioni e opportunità per la filiera legno-energia: convegno CTI a mcTER FOREST

Il 25 giugno scorso si è tenuta la quarta edizione dell’mcTER FOREST, una manifestazione ormai consolidata nel panorama degli eventi dell’area metropolitana di Milano, che attira l’interesse di molti operatori grazie anche alla sinergia con due eventi di uguale portata come l’mcTER Cogenerazione, giunto alla quindicesima edizione, e il più recente mcTER Biogas. Alla manifestazione mcTER hanno partecipato circa 1000 persone a cui si devono sommare circa altri 1500 operatori che, pur dimostrando interesse nell’iniziativa, non sono potuti intervenire.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Energia e Dintorni - Giugno 2014

Pubblicato
da Dario Tortora
Energia e DintorniSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
13 IL CTI INFORMA Dossier CTI Antonio Panvini
panvini@cti2000.it Il 25 giugno scorso si è tenuta la quarta edizione
del ''mcTER FOREST, una manifestazione ormai conso-
lidata nel panorama degli eventi del ''area metropoli-
tana di Milano, che attira l''interesse di molti operatori
grazie anche al a sinergia con due eventi di uguale
portata come l''mcTER Cogenerazione, giunto al a
quindicesima edizione, e il più recente mcTER Biogas.
Al a manifestazione mcTER hanno partecipato circa
1000 persone a cui si devono sommare circa altri
1500 operatori che, pur dimostrando interesse nel ''i-
niziativa, non sono potuti intervenire. Questi numeri
permettono di affermare che l''attenzione a questa
tipologia di eventi (Mostre Convegno di breve durata
con espositori, convegni tecnici di elevato livel o e
workshop formativi da parte del e aziende) è alta e
in continua crescita nonostante il periodo poco felice,
proprio perché si riesce a concentrare in poco tempo
e quindi a bassi costi, informazione, aggiornamento
e stimoli per l''innovazione.
In questo contesto, il CTI è organizzatore tecni-
co-scientifico del a parte ''FOREST' sul e biomasse
legnose e, quest''anno, ha promosso un convegno dal titolo ''Impianti a biomassa legnosa: soluzioni e
opportunità per la filiera' al quale hanno partecipato
più di 150 persone.
I lavori sono stati aperti da Antonio Panvini, Direttore
tecnico CTI, che ha informato circa l''avvio dei lavori
sul a futura norma UNI 10389-2 ''Generatori di calo-
re - Analisi dei prodotti del a combustione e misura-
zione in opera del rendimento di combustione '' Parte
2: generatori a combustibile solido'. Ha inoltre se-
gnalato la prossima uscita del e nuove norme UNI EN
ISO 17225 sul pel et, legna e cippato che andranno
a sostituire la serie UNI EN 14961, e ha poi introdot-
to il problema del pel et non conforme al e specifiche
tecniche di riferimento e con errate indicazioni in
etichetta richiamando l''attenzione sulla necessità di
maggiori controlli di mercato. Nel secondo intervento Walter Ri-
ghini, Presidente FIPER (Federazio-
ne Italiana Produttori di Energia
da Fonti Rinnovabili), ha puntato
l''attenzione sui ''numeri' che con- traddistinguono la sua associazione, riferimento
nazionale per il settore del teleriscaldamento a
biomassa, e ha inquadrato tale settore nel ''ambito Soluzioni e opportunità per la filiera legno-
energia: convegno CTI a mcTER FOREST
Dossier CTI 14 del ''attuale quadro legislativo in attesa del ''uscita
del ''imminente decreto di recepimento del a Diretti-
va 2012/27/UE sul ''efficienza energetica.
Ha inoltre fornito alcuni spunti sulle modalità di
accesso al credito da parte degli associati FIPER
e sottolineato una proposta avanzata al MiPAF su
come coinvolgere il settore forestale negli attuali
meccanismi incentivanti. ' seguito l''intervento di Maria Ele-
na Massarini, Segretario dell''Asso-
ciazione Consorzi Forestali del a
Lombardia, che ha evidenziato
l''importante ruolo svolto dai con- sorzi forestali nel a gestione integrata del patrimo-
nio boschivo nazionale e lombardo nel o specifico.
I consorzi forestali forniscono una molteplicità di
prodotti e servizi derivati dal bosco, tra i quali,
non ultimo, la produzione di legname da destinare
al a filiera dell''energia. Ma per migliorare questo
servizio è necessario supportare l''attività dei con-
sorzi con incentivi adeguati che consentano di ot-
tenere una giusta remunerazione del lavoro svolto
al a luce dei bassi prezzi di mercato del legname
causati anche dal a massiccia disponibilità di ma-
teriale estero. I consorzi comunque non stanno ad
aspettare e sono al lavoro per migliorare la col a-
borazione con gli impianti a biomassa presenti sul
territorio. Domenico Cipriano, ricercatore
presso RSE (Ricerca sul Sistema
Energetico), ha affrontato il tema
legato alle ''Soluzioni tecnologi-
che per la riduzione del e emissio- ni da combustione di biomassa'.
Tra i messaggi trasmessi al ''attenta platea si segna-
la quel o relativo al fatto che le emissioni in atmo-
sfera sono la conseguenza di molteplici fattori tra i
quali spicca, oltre al e soluzioni tecnologiche e al
combustibile utilizzate, la gestione del ''impianto e
del o stesso biocombustibile. Non meno importante
è la necessità di sviluppare tecnologie di tratta-
mento fumi ottimizzate per soluzioni impiantistiche di piccola taglia, laddove l''attuale mercato offre
soluzioni principalmente per taglie medio grandi. Giuseppe Tomassetti, advisor
scientifico di FIRE (Federazione
Italiana per l''uso Razione dell''E-
nergia), ha invece ripreso il tema
del pellet, introdotto in apertura del convegno, per sottolineare come oggi circa il
90% del e ''pastiglie' di legno sia importato dal ''e-
stero quando l''elevata disponibilità di biomassa
forestale nazionale è ben lontana dal ''essere uti-
lizzata in modo soddisfacente a causa anche del e
difficoltà operative ben evidenziate dai consorzi fo-
restali. Sottolineando che ''le incentivazioni energe-
tiche hanno stimolato la domanda prima che l''offer-
ta fosse preparata, il risultato è stato di richiamare
l''importazione da tutto il mondo, com''è successo
per il fotovoltaico', ha concluso l''intervento spie-
gando che ''solo valorizzando in modo integrato
le funzioni del e foreste nazionali il bilancio può
diventare positivo anche nei nostri boschi difficili.' L''intervento di Paolo Grigollo di
ABB Spa, oltre a evidenziare le
molteplici attività del gruppo che
rappresenta, con la col aborazio-
ne del ''ing. Roberto Oggioni, ha il ustrato in dettaglio un innovativo impianto di pi-
rogassificazione, che consente, a fronte di un inte-
ressante business plan, di migliorare le prestazioni
energetiche e ambientali di un processo ancora
poco conosciuto ed utilizzato. A questo si aggiun-
gono le soluzioni ABB per la gestione impiantistica
che consentono un''ulteriore miglioramento del ''effi-
cienza di processo. Alessandro Dorigati, di Ingeco,
ha presentato il funzionamento e
le potenzialità del e nuove micro-
turbine a vapore saturo ed ha mo-
strato una serie di casi applicativi in cui tali soluzioni sono state accoppiate a sistemi
ORC a bassa temperatura per massimizzare l''effi- 15 IL CTI INFORMA Dossier CTI cienza anche in quei contesti, parlando di impianti
di teleriscaldamento, dove durante la stagione esti-
va il calore non può essere efficacemente utilizzato
con metodi tradizionali. Vari casi studio relativi a
soluzioni tecnologiche per serre o processi produt-
tivi diversi, alimentati a cippato o a scarti lignocel-
lulosici hanno al argato il panorama del e soluzioni
tecnologiche disponibili. ' stata la volta di Guido Lanzani,
di ARPA Lombardia (Agenzia Re-
gionale per la Protezione del ''Am-
biente), Settore Monitoraggi Am-
bientali, che ha mostrato in modo chiaro e preciso il problema, sempre attuale, del a
qualità del ''aria in Lombardia e nel bacino Padano.
Come ormai riconosciuto da anni, la combustione
del a legna è la principale fonte di particolato (pol-
veri sottili) in regione e costituisce uno dei grandi
problemi ''ambientali' tuttora critici del ''intero baci-
no Padano. Non mancano però gli aspetti positivi:
il trend di miglioramento del a qualità del ''aria è
evidente (anche se in continuo adeguamento ai limiti imposti dal legislatore europeo) grazie al a
continua attività di monitoraggio di ARPA e al fatti-
vo dialogo tra la Pubblica amministrazione locale e
gli operatori del settore sempre più attenti a queste
problematiche. Il convegno è stato chiuso del ''in-
tervento di Maarten van Cleef di
Electratherm, che ha proposto al-
cune soluzioni tecnologiche ba-
sate sulla cogenerazione tramite sistemi ORC a bassa temperatura applicati alla
combustione di biomasse. Si tratta di sistemi di
bassa potenza (fino a poco più di 100 kWe) adatti
al a generazione distribuita e con costi di interven-
to contenuti. Sono stati mostrati vari casi applicativi
presenti sul territorio nazionale a dimostrazione
che l''utilizzo di biomassa per fini con generativi è
oramai una realtà di grande interesse. Gli atti del convegno sono disponibili nell''area
''Pubblicazioni '' Atti convegni CTI' del sito.


In evidenza

ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
select * from VERT_CONTENUTI as con left join VERT_UTENTI_AZIENDE as azi on con.iduteazienda = azi.iduteazienda where testataurl like '%%' or eventourl like '%'%' or testataurl like '%'%' or eventourl like '%''%'
Array ( ) Array ( [0] => Array ( [0] => 42000 [SQLSTATE] => 42000 [1] => 402 [code] => 402 [2] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]The data types varchar and varchar are incompatible in the modulo operator. [message] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]The data types varchar and varchar are incompatible in the modulo operator. ) [1] => Array ( [0] => 42000 [SQLSTATE] => 42000 [1] => 16945 [code] => 16945 [2] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]The cursor was not declared. [message] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]The cursor was not declared. ) )
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186