verticale

Sicurezza dei prodotti alimentari e la responsabilità civile nell'Unione europea e negli Stati Uniti.

Le profonde trasformazioni che hanno interessato l’industria alimentare, unitamente alle accresciute capacità delle scienze mediche ed epidemiologiche di individuare nessi causali tra il consumo di determinate sostanze e l’insorgere di patologie, hanno imposto al legislatore di intervenire nella materia della c.d. sicurezza alimentare mettendo in atto sistemi articolati e complessi tesi a tutelare la salute dei consociati. Quest’ultimo obiettivo viene perseguito, da un lato, mediante disposizioni di natura pubblicistica e di carattere preventivo e, dall’altro lato, dallo strumento della responsabilità civile. Le due prospettive di tutela della salute delle persone costituiscono parti distinte ma al tempo stesso fortemente integrate in una logica unitaria.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Tesi di Dottorato di Ricerca in Stato e persona negli ordinamenti giuridici, Bologna 2013

Pubblicato
da Martina Gambini
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Alma Mater Studiorum '' Università di Bologna Dottorato di ricerca ''Stato e persona negli ordinamenti giuridici': Indirizzo diritto civile Ciclo: XXV
Settore Concorsuale di afferenza: 12/A1 '' DIRITTO PRIVATO Settore Scientifico disciplinare: IUS/01 '' DIRITTO PRIVATO


Sicurezza dei prodotti alimentari e la responsabilità civile nell''Unione europea e negli Stati Uniti: tecniche a confronto

Tesi di Dottorato presentata da Carolina Magli



Coordinatore Dottorato
Relatore Prof. Luigi Balestra Prof. Michele Sesta




Esame finale anno 2013 I INDICE PREMESSA ............................................................................................................ VII PARTE PRIMA CAPITOLO I LA RESPONSABILIT' DEL PRODUTTORE NELLA DIRETTIVA EUROPEA E NEL DIRITTO ITALIANO . 1. La responsabilità del produttore: profili generali .............................................. 1 2. Le origini, i motivi ed i caratteri della responsabilità del produttore ................ 2 3. Il contenuto della direttiva 85/374/CEE ed il suo ambito di applicazione ........ 5 3.1. La finalità della direttiva sulla responsabilità del produttore: il ravvicinamento tra le legislazioni nazionali ........................................... 25 3.2. Le cause del mancato raggiungimento di un''armonizzazione completa ed il reale impatto della direttiva nei diversi Stati membri ..... 38 4. I prodotti agricoli del suolo, dell'allevamento, della pesca e della caccia e la loro iniziale esclusione dal campo di applicazione della direttiva ........... 45 4.1. (Segue) La direttiva 1999/34/CE del 10 maggio 1999 e l''introduzione di un sistema di responsabilità oggettiva anche a
carico dell''agricoltore, allevatore, pescatore e cacciatore per i
difetti dei prodotti del suolo, dell''allevamento, della caccia e della
pesca ........................................................................................................ 46 5. La normativa italiana relativa alla responsabilità del produttore. Brevi cenni sulla disciplina applicabile nell''ordinamento italiano nelle ipotesi
di danno da prodotto precedentemente all''emanazione della direttiva
85/374/CEE ...................................................................................................... 47 5.1. L''attuazione della direttiva 1985/374/CEE: dal d.p.r. del 24 maggio 1988, n. 224 al d.lgs. 6 settembre 2005, n. 2005 .................................... 59 II 5.2. Le applicazioni giurisprudenziali della disciplina di attuazione della direttiva comunitaria 1985/374/CEE ............................................. 84 CAPITOLO II LA DIVERSA ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI RESPONSABILIT' DEL PRODUTTORE NEI PI' RILEVANTI PAESI DELL ''UNIONE EUROPEA
1. L''ordinamento francese: la responsabilità del produttore prima della legge di attuazione della direttiva 85/374/CEE ............................................... 95 1.1. I tentativi di recepire il testo comunitario e i fallimenti degli avat projects .................................................................................................... 98 1.2. Il campo di applicazione della legge francese di attuazione della direttiva comunitaria in materia di responsabilità per danni da
prodotti difettosi .................................................................................... 101 1.3. L''accentuata tutela del consumatore ..................................................... 113 2. La responsabilità del produttore nell''ordinamento spagnolo prima dell''introduzione della legge di attuazione della direttiva ............................. 119 2.1. La legge 1994/22 sulla Responsabilidad civil por los danos causados por productos defectuoso ...................................................... 124 2.2. Il Real Decreto Legislativo del 16 novembre 2007 .............................. 131 3. La responsabilità del produttore nell''ordinamento tedesco. La disciplina applicabile prima della legge di attuazione della direttiva comunitaria ........ 134 3.1. La legge di attuazione della direttiva: il c.d. Produkthaftungsgesetz.... 139 3.2. La normativa speciale in materia di danni cagionati da farmaci:
Arzneimittelgesetz .......................................................................................... 143 4. L''ordinamento inglese: la disciplina dei danni da prodotto prima della legge di attuazione della direttiva .................................................................. 147 4.1. La normativa di attuazione della direttiva: il Consumer Protection Act del 15 maggio 1987 ........................................................................ 149 5. Brevi cenni alle altre esperienze europee ...................................................... 160 6. Le scelte dei singoli Stati membri relative alle opzioni concesse dalla direttiva 1985/374/CEE. Tabella riassuntiva ................................................. 174 III 7. Alcune differenze sostanziali rispetto alla direttiva comunitaria presenti nelle singole legislazioni di attuazione dei diversi Stati membri. Tabella
riassuntiva ...................................................................................................... 177 8. Questioni particolari in materia di danni cagionati dal consumo di alimenti .......................................................................................................... 193 9. Le difficoltà di applicazione delle leggi di attuazione della direttiva nelle ipotesi di danni cagionati dal consumo di alimenti ........................................ 193 10. (Segue) La tendenza a facilitare l''onere della prova concernente la difettosità del bene ed il nesso causale attraverso il ricorso al meccanismo
delle presunzioni ............................................................................................ 194 CAPITOLO III LA DISCIPLINA EUROPEA DELLA SICUREZZA ALIMENTARE. IL COLLEGAMENTO TRA NORMATIVA PUBBLICISTICA E REGOLE RISARCITORIE 1. La legislazione in materia di sicurezza alimentare nel diritto dell''Unione europea e nel diritto interno ........................................................................... 197 2. Il contenuto del regolamento (Ce) n. 178/2002 del 28 gennaio 2002 ............ 201 3. La nozione di alimento ed il campo di applicazione della legislazione alimentare ....................................................................................................... 203 4. La costituzione dell'Autorità Europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ........................................................................................................... 207 5. Il principio di precauzione ............................................................................. 210 6. Le procedure in materia di sicurezza alimentare: sistema di allarme rapido, la gestione della crisi e le situazioni di emergenza ........................... 212 7. L''etichettatura dei prodotti alimentari ed informazione del consumatore ..... 214 8. Le normative in materia di sicurezza alimentare adottate successivamente al regolamento (Ce) n. 178/2002. In particolare, il c.d.
''Pacchetto igiene' .......................................................................................... 218 9. La disciplina europea della sicurezza alimentare come chiave di lettura della normativa risarcitoria ai fini dell''individuazione della colpa
dell''operatore o della difettosità del prodotto ................................................ 223 IV PARTE SECONDA CAPITOLO I LA PRODUCT LIABILITY LAW NEGLI STATI UNITI D ''AMERICA: PROFILI GENERALI 1. L'evoluzione della responsabilità del produttore negli Stati Uniti ................. 231 2. La product liability negli Stati Uniti: brevi cenni sulle differenze sussistenti tra i diversi Stati............................................................................ 232 3. Le diverse teorie utilizzabili dal danneggiato al fine di ottenere il risarcimento del danno (theories of recovery) ............................................... 235 3.1. Negligenza (Negligence) ....................................................................... 235 3.2. Responsabilità oggettiva (Strict liability) ............................................. 241 3.3. Violazione della garanzia di sicurezza (Breach of warranty) ............... 244 3.4. Le false dichiarazioni (Tortious Misrepresentation) ............................. 246 4. Le diverse tipologie di difetto (product defectiveness): difetti di fabbricazione (manufacturing defects) '' difetti di progettazione (design
defects) '' difetti d''informazione (warning defects) ....................................... 246 5. Il problema della causalità: (causation in fact - proximate causation) ......... 251 6. Le difese che possono essere utilizzate dal convenuto. Le argomentazioni riconducibili alla condotta del danneggiato (user
misconduct defenses) ..................................................................................... 252 6.1.1. Concorso di colpa (contributory negligence) .................................... 253
6.1.2. La teoria della c.d. comparative fault ................................................ 254
6.1.3. L''assunzione del rischio (assumption of risk) ................................... 254 6.2. Le tecniche di difesa che possono essere utilizzate dal produttore (special defenses).......................................................................................................... 255 6.2.1. Il rispetto degli standards normativi (compliance) ........................... 290
6.2.2. La conformità ai requisiti di sicurezza richiesti a livello federale (federal preemption) .......................................................................... 256 6.2.3. Termini di prescrizione (statutes of limitation) ................................. 259
7. Il rischio da sviluppo e la state of the art defence ......................................... 267 8. La disciplina della class action. ..................................................................... 273 V 9. La funzione della class action: tra obiettivi di efficienza processuale (process efficiency) e perseguimento di scopi legati alla deterrence ............. 279 10. I poteri del giudice ed il ruolo dell''avvocato nel contesto della class action statunitense .......................................................................................... 282 11. La tendenza delle corti americane a negare la certificazione della class nelle ipotesi di azioni che coinvolgono giurisdizioni di diversi Stati
(multi state class action) e le problematiche concernenti la scelta della
legge applicabile (choice of law rule) ............................................................ 289 12. Verso forme di aggregazione informale delle cause (informal aggregations) ................................................................................................. 296 13. I danni risarcibili: compensatory damages e punitive damages .................... 298 14. Le ragioni e le conseguenze dell''esplosione della product liability litigation negli Stati Uniti .............................................................................. 304 15. La tendenza dell''ordinamento americano a circoscrivere la portata assunta dalla products liability litigation ..................................................... 309 16. Ulteriori cause della perdita di competitività delle imprese americane: la sussistenza di diverse discipline concernenti la products liability law e
l''incertezza della legge applicabile nelle ipotesi di danni cagionati da
prodotti difettosi ............................................................................................. 311 17. Le possibili soluzioni finalizzate al conseguimento di una maggiore uniformità normativa ..................................................................................... 312 CAPITOLO II LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL ''ORDINAMENTO STATUNITENSE ED I RIFLESSI SULLA RESPONSABILIT' CIVILE 1. La FDA: poteri e funzioni .............................................................................. 317 2. Il crescente rafforzamento della tutela preventiva del consumatore di alimenti: il c.d. Food Safty Modernization Act .............................................. 321 3. Le conseguenze della violazione dei regolamenti concernenti la sicurezza dei prodotti alimentari (products safty regulations) ....................... 322 4. I danni conseguenti al consumo di sostanze alimentari: dal foreign/natural al consumer expectation test ................................................. 324 VI 5. Le class actions promosse contro la Food Industry ...................................... 332 5.1. La c.d. Obesity Litigation. Il fallimento delle cause intentate contro la Big Food Industry ed il timore di un''eccessiva espansione del
contenzioso (crushing exposure to liability). I c.d. cheeseburger
Acts ........................................................................................................ 332 5.1.1. Un parallelismo tra le cause promosse contro le grandi industrie di tabacco e quelle instaurate contro la c.d. Fast
Food Industry ............................................................................ 336 5.2. I contenziosi conseguenti ad etichettature false ed ingannevoli (labeling false and mislending) ............................................................. 343 5.3. I casi relativi ad intossicazioni alimentari (food poisoning cases) ....... 349 6. Le ragioni per cui le class actions non ottengono la certicazione e la tendenza a trovare un accordo (settlement) .................................................... 350 CONCLUSIONI ...................................................................................................... 353 BIBLIOGRAFIA ..................................................................................................... 367 VII PREMESSA Alla luce di alcuni ''scandali' che hanno coinvolto le imprese operanti nel mercato alimentare - si pensi, per esempio, ai casi del vino al metanolo, al c.d. morbo della mucca pazza, alle uova alla diossina, alle mozzarella blu e, da ultimo, alla scoperta della presenza di carne equina al posto di quella bovina in determinati prodotti alimentari nonché al pericolo connesso alla vendita di animali non allevati per la macellazione - con il presente lavoro si è inteso effettuare una comparazione tra il sistema europeo (vedi parte prima) e quello statunitense (vedi parte seconda) in materia di sicurezza alimentare e responsabilità civile al fine di indagare quali sono, in relazione a tale specifica materia, i tratti comuni e le linee di tendenza sussistenti all''interno di entrambi gli ordinamenti. D''altra parte le profonde trasformazioni che hanno interessato l''industria alimentare, unitamente alle accresciute capacità delle scienze mediche ed epidemiologiche di individuare nessi causali tra il consumo di determinate sostanze e l''insorgere di patologie, hanno imposto al legislatore di intervenire nella materia della c.d. sicurezza alimentare mettendo in atto sistemi articolati e complessi tesi a tutelare la salute dei consociati. Atteso che quest''ultimo obiettivo viene perseguito, da un lato, mediante disposizioni di natura pubblicistica e di carattere preventivo (per quanto riguarda il sistema europeo, vedi parte prima, capitolo III; con riferimento agli Stati Uniti, vedi parte seconda, capitolo II) e, dall''altro lato, dallo strumento della responsabilità civile (in relazione al sistema europeo, vedi parte prima, capitolo I e II; con riferimento agli Stati Uniti, vedi parte seconda, capitolo I), il presente lavoro intende altresì individuare quale dimensione prevalga all''interno del sistema italiano e di quello americano al fine di accertare se, nei predetti ordinamenti, il consumatore di alimenti trovi una maggiore tutela nelle regole pubblicistiche concernenti la sicurezza alimentare oppure nelle diposizioni in materia di responsabilità civile. Inoltre, si è verificato se le due prospettive di tutela della salute delle persone - ossia quella pubblicistica e quella risarcitoria - possono essere integrate in una logica unitaria. In particolare, si è indagato in quale misura la normativa in VIII materia di sicurezza alimentare influenzi la lettura delle norme in materia di responsabilità civile al fine di comprendere se le disposizioni pubblicistiche possano servire al fine di individuare la nozione di difetto o per accertare la colpa dell''operatore; inoltre, si è verificato se la conformità a detti standards di sicurezza sia sufficiente per escludere la responsabilità del produttore oppure se tale circostanza rappresenti esclusivamente un livello minimo di sicurezza il cui rispetto non esime il produttore da responsabilità (con riferimento all''ordinamento europeo, vedi parte prima, capitolo III, paragrafo 9; in relazione agli Stati Uniti, vedi parte seconda, capitolo I, paragrafo 6.2.1 e 6.2.2. e capitolo II, paragrafo 3). Quest''ultima prospettiva emerge chiaramente nel sistema statunitense: partendo dall''analisi della c.d. compliance e della federal preemption doctrine (vedi parte seconda, capitolo I, paragrafo 6.2.1 e 6.2.2.) si è analizzata, infatti, come in quell'' ordinamento la disciplina pubblicistica della sicurezza degli alimenti costituisca un punto di riferimento imprescindibile anche quando si tratta di stabilire se un prodotto alimentare è difettoso e se, di conseguenza, il produttore è chiamato a risarcire i danni che scaturiscono dal suo utilizzo (vedi parte seconda, capitolo II, paragrafo 3). Da ultimo, dopo aver indagato quale sia il criterio utilizzato dalle corti americane al fine di individuare quando un prodotto è difettoso, si sono analizzate le ragioni per cui, nel contesto statunitense, i contenziosi aventi per oggetto i prodotti alimentari hanno avuto notevole successo e come spesso gli stessi hanno assunto una dimensione collettiva (vedi parte seconda, capitolo II, paragrafo 5). Individuate, inoltre, i limiti del sistema americano (si pensi solamente a come la class action statunitense, nata come strumento finalizzato a promuovere gli obiettivi di deterrence e process efficiency, finisca di fatto per sacrificare gli interessi dei consumatori e soddisfare quelle delle imprese e del class counsel) (vedi parte seconda, capitolo I, paragrafi 9 e 10) e le ragioni per cui nel contesto italiano, nonostante le recenti aperture verso un rafforzamento della tutela risarcitoria (vedi parte prima, capitolo I, paragrafo 5.2), quest''ultima sembra ancora non offrire una protezione adeguata al consumatore di alimenti dannosi, si è inteso verificare se, all''interno del nostro sistema, possono essere introdotti istituti propri dell''ordinamento statunitense (si pensi, per esempio, ai danni punitivi. Cfr., parte seconda, capitolo I, paragrafo 13) che potrebbero rafforzare la IX tutela risarcitoria riconosciuta a favore dei consumatori di alimenti dannosi. Ecco dunque che l''attenzione si focalizza sull''individuazione di soluzioni interpretative e de iure condendo che, anche ispirandosi agli strumenti di tutela propri del diritto statunitense, contribuiscano a rendere maggiormente efficace la sinergia tra regole preventive sulla sicurezza alimentare e regole risarcitorie in materia di responsabilità del produttore. 1 CAPITOLO I LA RESPONSABILIT' DEL PRODUTTORE NELLA DIRETTIVA EUROPEA E NEL DIRITTO ITALIANO 1. La responsabilità del produttore: profili generali La responsabilità oggettiva per danno da prodotti difettosi esplose nel corso degli anni Settanta del secolo scorso negli Stati Uniti; l''aumento dell''esposizione risarcitoria dei produttori fu presto criticata e accusata di pregiudicare l''economia statunitense e di distruggere l''equilibrio del mercato assicurativo. Nonostante l''esperienza statunitense, il legislatore europeo decise emanare una direttiva in materia di responsabilità del produttore per i danni cagionati da prodotti difettosi la quale '' occorre precisare '' rappresentava un compromesso che rifletteva non già la forza del movimento pro-consumatori, bensì la crescente rappresentanza degli interessi corporativi all''interno del Parlamento Europeo, delle legislazioni nazionali e dei circoli accademici 1. Prima dell''introduzione della direttiva comunitaria 85/374/CEE relativa al riavvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi mancavano, all''interno dei vari paesi europei, delle disposizioni specificatamente dirette a disciplinare i casi di danni cagionati dall''utilizzo di prodotti difettosi e, proprio per tali ragioni, all''interno dei vari paesi, si erano sviluppati diversi orientamenti finalizzati a rendere effettiva la tutela del consumatore nelle ipotesi di danni cagionati da prodotti difettosi. Rinviando l''analisi delle disposizioni vigenti nei singoli ordinamenti giuridici nel capitolo secondo, occorre in questa sede ricordare come, prima dell''emanazione della direttiva comunitaria 1985/374/CEE 2, in mancanza di una 1 Caruso-Pardolesi, Per una storia della direttiva 1985/374/CEE, in Danno e resp., Gli Speciali,
2012, 9.
2 In argomento, v. ex multis, Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 1; D''Arrigo,
La responsabilità del produttore. Profili dottrinali e giurisprudenziali dell''esperienza italiana,
Milano, 2006, 12; Visintini, Responsabilità del produttore per danni da prodotto difettosi, in
Trattato breve della responsabilità civile, Padova, 2005; Monateri, Illecito e responsabilità civile, 2 legislazione che disciplinasse la materia in esame e al fine di dividere nella maniera più economica i costi derivanti dalle conseguenze dannose della commercializzazione di prodotti non sicuri tra i diversi soggetti coinvolti nella catena di produzione e diffusione della merce, si faceva ricorso alle norme di diritto privato, ed in particolare, o alle regole che disciplinavano la responsabilità contrattuale, oppure, a quelle che regolavano la responsabilità extracontrattuale 3. Per quanto concerne la possibilità inizialmente offerta dal legislatore comunitario ai singoli Stati membri di decidere se applicare o meno la legislazione nazionale di attuazione della direttiva anche ai prodotti agricoli, occorre anticipare, poi, che, tra tutti i Paesi membri, il Lussemburgo era l''unico che, fin dall''origine, aveva esteso la disciplina di attuazione della direttiva - e quindi il regime di responsabilità oggettiva '' anche a tale categoria di prodotti 4. Con riferimento gli altri paesi europei, invece, solamente con la successiva direttiva 1999/34/CE del 10 maggio 1999 (recepita in Italia con il d.lgs. 2 febbraio 2001, n. 25) 5 la normativa comunitaria in tema di responsabilità del produttore per i danni cagionati da prodotti difettosi, è stata definitivamente modificata; in tale sede, infatti, si è introdotto un sistema di responsabilità oggettiva anche a carico dell''agricoltore, allevatore, pescatore e cacciatore per i difetti dei prodotti del suolo, dell''allevamento, della caccia e della pesca 6. 2. Le origini, i motivi ed i caratteri della responsabilità del produttore Il Consiglio d''Europa, spinto dall''esigenza di assicurare la più ampia tutela a favore dei consumatori, elaborò una Carta dei diritti fondamentali,
in Bessone, Trattato di diritto privato, X, t. 2, Torino, 2002, 259; Carnevali, Responsabilità del
produttore, cit.; Id., La responsabilità del produttore, Milano,1979.
3 Tra i tanti, v. Di Palma, Responsabilità da prodotto difettoso e onere della prova: la
Cassazione riporta gli interpreti sul sentiero della strict liability, in Corr. giur., 2008, 6, 813;
Castronovo, La nuova responsabilità civile, Milano, 2006.
4 Fagnart, La directive du 25 juillet 1985 sur la responsabilitè du fait des produits, in Cahiers de
droit européen, 1987, 18; Costato, Prodotti agricoli ed attuazione della Direttiva CEE sulla
responsabilità da prodotto difettoso, in Giur. agr. it., 1990, 2, 71.
5 Ponzanelli, Estensione della responsabilità oggettiva anche all'agricoltore, al pescatore e al
cacciatore, in Danno e resp., 2001, 792; Galgano, Trattato di diritto civile, vol. III, 2° ed., Padova,
2010, 225; Cagnasso, La responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotti difettosi:
la disciplina della comunità europea, in Nuovo dir. soc., 2010, 5, 9; Carnevali, "Produttore" e
responsabilità per danno da prodotto difettoso nel codice del consumo, cit., 1938; Giuffrida, Dalla
responsabilità dell'imprenditore all'imprenditore responsabile, in Riv. dir. agr., 2007, 545 '' 567.
6 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 120. 3 all''interno della quale, si sanciva il diritto del consumatore ad ottenere il risarcimento del danno. Con la risoluzione del 17 maggio 1973, n. 543, l''Assemblea Consultiva del Consiglio d''Europa ha, quindi, invitato i singoli Paesi membri ad adeguarsi alle regole presenti nella Carta di protezione del consumatore ed, in assenza di disposizioni speciali già esistenti, ad emanare provvedimenti legislativi diretti ad predisporre strumenti giuridici finalizzati a tutela il consumatore 7. La problematica concernente la responsabilità del produttore coinvolse anche la Commissione della Comunità Europea, la quale nel 1975 aveva predisposto un primo progetto di direttiva finalizzata ad uniformare la normativa in tema di circolazione dei prodotti difettosi all'interno del mercato comune europeo 8. Tuttavia, le proposte presentate dalla Commissione della Comunità Europea sono sempre state oggetto di diverse ed accese discussioni all'interno dei vari ordinamenti europei, in primo luogo perché, sulla base delle disposizioni del Trattato CEE, la direttiva, una volta approvata, diveniva vincolante per i singoli Stati membri, con la conseguenza che quest'ultimi erano obbligati ad introdurre '' 7 In particolare, in materia di responsabilità del produttore per i danni provocati dalla
distribuzione di prodotti difettosi, il Consiglio d''Europa aveva elaborato un progetto di
Convenzione '' composto da una preambolo e da 18 articoli '' diretto ad uniformare la normativa
giuridica relativa a questa specifica materia all''interno, appunto, dei diversi ordinamenti dei
singoli Stati membri. Piu specificatamente, attraverso tale progetto di Convenzione, il Consiglio
d''Europa mostrava la propria propensione ad elaborare un sistema di disciplina della materia
relativa alla responsabilità del produttore, basato su criteri oggettivi; in tale ottica, poi, risultava
particolarmente significativo la circostanza per cui la responsabilità oggettiva si riferiva non
solamente ai fabbricanti dei prodotti difettosi, bensì anche agli importatori e a coloro che ponevano
sui prodotti il proprio marchio o segno distintivo.
8 Tale testo ha subito diverse modifiche nel corso del tempo e la sua ultima stesura risaliva al
1978 '' c.d. quarto progetto di direttiva - il quale comprendeva quindici articoli che presentavano,
però, un contenuto differente rispetto al progetto redatto dalla Commissione del Consiglio
d'Europa; una volta definito il termine ''produttore' - il quale comprendeva altresì l'importatore '' e
specificato il significato della nozione ''prodotto difettoso' '' nel senso di prodotto che non
presenta la sicurezza che una persona avrebbe potuto attendersi -, la direttiva della Comunità
Europea sanciva il criterio di responsabilità oggettiva in capo al fabbricante . Ai sensi dell'art. 1 del progetto sopra richiamato, il produttore non poteva andare esente da responsabilità provando il
proprio comportamento diligente; l'art. 5 disponeva, difatti, che il produttore medesimo non era
responsabile se dimostrava che il bene non era difettoso quando fu messo in circolazione. Neppure
la colpa dell'utilizzatore '' che non avesse seguito le istruzioni fornite dal produttore stesso o non
avesse osservato le normali regole di diligenza '' poteva escludere la responsabilità del fabbricante
qualora il bene fosse difettoso. 4 all'interno dei vari ordinamenti europei - regole conformi ai principi introdotti dal testo comunitario. Così, per esempio, una delle questioni su cui si è maggiormente discusso all'interno dei diversi Paesi era quella relativa ai c.d. rischi da sviluppo; a molti Stati, infatti, sembrava eccessivo attribuire al produttore la responsabilità per quei prodotti che, al momento della loro immissione in commercio, non potevano '' sulla base delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti '' essere considerati difettosi. Si temeva, difatti, che l'inclusione dei rischi connessi con il progresso tecnologico potesse rappresentare un ostacolo alle innovazioni, rischiando di comportare uno svantaggio sul mercato internazionale per alcuni settori europei. In merito a questa specifica questione, il legislatore comunitario ha accolto una soluzione che potremmo definire ''di compromesso'; infatti, da un lato, ha disposto che, in via di principio, il produttore non è responsabile per quei difetti che lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti al momento della messa in circolazione del prodotto non permetteva di scoprire il difetto e, dall''altro lato, ha permesso agli Stati membri di derogare al predetto principio, introducendo all''interno dei propri ordinamenti una responsabilità del produttore anche per i difetti da sviluppo 9. Le critiche maggiormente incisive erano state presentate nella Relazione predisposta dalla Commissione giuridica al Parlamento europeo il 10 agosto 1978. Al riguardo, è interessante notare come, in tale occasione, si contestava non tanto il contenuto del documento, bensì l'opportunità di assoggettare a direttiva una materia che '' secondo il relatore '' non avrebbe dovuto essere regolata a livello comunitario. Allo stesso tempo, emergevano dubbi circa l'opportunità di imporre alle imprese europee un regime di responsabilità che poteva comportare conseguenze particolarmente onerose e si evidenziava come l'introduzione nel settore della responsabilità del produttore di un sistema giuridico completamente nuovo che si affiancava alle regole nazionali vigenti avrebbero potuto essere fonte di maggiore confusione in un settore o in cui la chiarezza era, invece, 9 Carnevali, Responsabilità del produttore, a cura di Alpa, Carnevali, Di Giovanni, Ghidini,
Ruffolo, Verardi, Milano, 1990, 4. 5 indispensabile affinché i consumatori stessi fossero incentivati a far valere i propri diritti 10. 3. Il contenuto della direttiva 85/374/CEE ed il suo ambito di applicazione La direttiva relativa al riavvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi 11 fu approvata in data 25 luglio 1985 dalla Comunità Europea (85/375/ CEE) 12 . Prima di analizzare dettagliatamente il 10 In altre parole, atteso che le disposizioni comunitarie non andrebbero a sostituire le norme
interne già esistenti ma si affiancherebbero a quest'ultime, si creerebbe una dicotomia di
regolamentazione contrastante, peraltro, con gli stessi scopi di armonizzazione della normativa che
il progetto intende perseguire. Inoltre, la proposta sembrava non considerare adeguatamente le
problematiche della concorrenza in quanto, si riteneva che il regime di responsabilità più rigoroso
avrebbe provocato distorsioni di concorrenza tra le industrie comunitarie e le imprese dei paesi
dell'EFTA che partecipano alla zona europea di libero scambio con gli Stati della Comunità
Europea. Proprio per tali ragioni, il relatore riteneva che fosse il caso di evitare l'elaborazione di
una direttiva e affermava, invece, l'opportunità di aderire alla Convenzione di Strasburgo alla quale
possono essere vincolati Paesi che , pur non essendo membri della CEE, hanno tuttavia scambi con
i diversi Stati membri.
11 Il testo definitivo è stato pubblicato nella Gazz. Uff. Com. eur., n. L. 210 del 7 agosto 1985.
12 Sulla direttiva 85/374/CEE e la sua attuazione in Italia, v. ex multis; Bitetto, Dal biscotto al pan
carrè: il tortuoso percorso della responsabilità da prodotto, in Danno e resp., 2012, 1, 80;
Marenghi, La legge applicabile al danno da prodotto nell'Unione europea: l'art. 5 del regolamento
864/2007/CE, in Dir. comm. int., 2011, 2, 335; Frata, La responsabilità del fornitore di prodotto
difettoso e l'onere di una effettiva informazione, in Danno e resp., 2011, 3, 279; Alpa-Bessone, La
responsabilità del produttore, cit., 248; Querci, Responsabilità da prodotto negli Usa e in Europa.
Le ragioni di un revirement "globale", in Nuova giur. civ. e comm., 2011, 2, 115; Venchiarutti,
Applicazione estensiva della direttiva sulla responsabilità dei danni da prodotti difettosi: un nuovo
equilibrio tra competenze comunitarie e interne', in Resp. civ. prev., 2010, 10, 2009; Arbour, Da
Leroy Somer a Aventis Pasteur: ancora a proposito della Direttiva prodotti difettosi, in Danno e
resp., 2010, 2, 131; Correnti, La Direttiva sulla responsabilità del produttore ed i danni alle cose
destinate ad un uso professionale, in Danno e resp., 2010, 2, 138; Carnevali, "Produttore" e
responsabilità per danno da prodotto difettoso nel codice del consumo, in Resp. civ. e prev., 2009,
10, 1938; Bitetto, (In tema di responsabilità per danno da prodotto difettoso), in Foro it., 2009, 10,
441; Villani, Vizi della cosa venduta: codice civile e Direttiva 85/374/CEE a confronto, in Resp.
civ., 2009, 8-9, 732; Maietta, Scoppio di bombola a gas: esercizio di attività pericolosa o danni da
prodotto difettoso', in Danno e resp., 2009, 6, 659; Cagnasso, La responsabilità del produttore per
i danni derivanti da prodotti difettosi: la disciplina della comunità europea, in Nuovo dir. e soc.,
2009, 5, 9; Arbour, Sicurezza alimentare e prodotti difettosi dopo Lidl e Bilka: un binomio
sfasato', in Danno e resp., 2007, 10, 992; Bitetto, La responsabilità del produttore: da mera
comparsa a protagonista., in Riv. crit. dir. priv., 2008, 137; Villani, Il danno da prodotto tra la
Direttiva CEE n. 374/1985, il D.P.R. 224/1988 ed il Codice del Consumo, in Resp. civ. e prev.,
2007, 5, 1238; Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, Milano, 2007, [*]; Nicolini,
Danni da prodotti agroalimentari difettosi. Responsabilità del produttore, Milano, 2006, 19 ss.;
Stella, La responsabilità del produttore per danno da prodotto difettoso nel nuovo Codice del
Consumo, in Resp. civ. e prev., 2006, 10, 1589; Villani, Il danno da prodotto: casi più recenti e
nuovi utilizzi della direttiva della Comunità Europea n. 374 del 1985, in Resp. civ., 2005, 10, 844; 6 contenuto del testo comunitario, occorre premettere che, secondo l''orientamento dottrinale maggioritario, la responsabilità introdotta dal legislatore comunitario consisterebbe in una responsabilità di tipo oggettivo 13 e non già di responsabilità
Arbour, Corte di giustizia e protezione delle tradizioni giuridiche nell'interpretazione della
direttiva CEE/374/85, in Danno e resp., 2003, 4, 375; Lenoci, Luci ed ombre della normativa
europea in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, in Nuova giur. civ. e comm.,
2003, 1, 134; Bastianon, Responsabilità del produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il
consumatore', in Resp. civ. e prev., 2002, 4-5, 997; Id. La Cassazione, il "Trilergan" e la
responsabilità per i danni da emoderivati infetti, in Resp. civ. e prev., 1996, 146; Conti, Corte di
giustizia e responsabilità del produttore. Un passo avanti (o tre) passi indietro nella tutela del
consumatore', in Corr. giur., 2002, 9, 1144; Weir, European directives protective of the individual
consumer - Direttive europee a protezione del consumatore individuale, in Economia e diritto del
terziario, 2002, 443; Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso
della responsabilità del produttore, in Danno e resp., 2002, 7, 728; Palmieri-Pardolesi, Difetti del
prodotto e del diritto privato europeo, in Foro it., 2002, 6, 295; Klesta, Trapianto di rene e
responsabilità per danno da prodotti difettosi: un'interpretazione ardita della Corte di
Lussemburgo, in Nuova giur. civ. e comm., 2002, 1-2, 186; Borraccetti, La responsabilità per
danno da prodotto difettoso e la prestazione di servizi in campo medico, in Dir. scambi int., 2002,
2, 51; Bastianon, La responsabilità dell''ente ospedaliero alla luce della normativa comunitaria in
tema di prodotti difettosi, in Resp. civ.e prev., 2001, 4-5, 843; Id., Prime osservazioni sul ''Libro
Vede' della Commissione in materia di responsabilità civile per danno da prodotti difettosi, in
Resp. civ.e prev., 2000, 3, 807; Palazzo, Tutela de consumatore e responsabilità civile del
produttore e del distributore di alimenti in Europa e negli Stati Uniti, in Eur. e dir. priv., 2001, 3,
685; Solinas, La responsabilità del produttore nel settore dei giocattoli, in Contr. e impr., 2001, 1,
476; Palmieri, Dalla ''mountain bike' alla bottiglia d''acqua minerale: un nuovo capitolo per
un''opera incompiuta, in Foro it., 1998, 12, 3666; Meriani, La responsabilità del produttore: prima
applicazione del d.p.r. 24 maggio 1988, n. 224, in Rassegna di diritto civile, 1996, 2, 393;
Martorana, L'orditoio: una macchina che non offre le sicurezze che si possono legittimamente
attendere ... le persone di non alta statura, in Resp. civ. e prev., 1996, 2, 379; Pesce, Primi passi
della giurisprudenza italiana ed europea sulla responsabilità da prodotto, in Resp. civ. e prev.,
1994, 3, 518; Caiola, L''evoluzione della giurisprudenza italiana in materia di responsabilità per
danni da prodotti difettosi, in Dir. scambi int., 1993, 4, 638; Franzoni, La responsabilità del
produttore di beni di consumo, in Dir. ed econ. ass., 1993, 1, 3; Sheinmann, The EEC Directive on
Product Liability, in Journal Business law, 1985, 504; Di Majo, La responsabilità per prodotti
difettosi nella direttiva comunitaria, in Riv. dir. civ., 1989, 1, 21; Pizzorno, La responsabilità del
produttore nella Direttiva del 25 luglio 1985 del Consiglio delle Comunità europee (85/374 Cee),
in Riv. dir. comm., 1988, 3-4, 233; Pieri, La Direttiva CEE sulla responsabilità per i danni
provocati da prodotto difettosi, in Dir. scambi int., 1987, 4, 773; Fusaro, Note sulla direttiva
comunitaria in tema di responsabilità del produttore, cit., 130; Battistig, Responsabilità da
prodotto, in Assicurazioni, 1986, 6, 588; Cardani, Quadro giuridico ed extragiuridico della
responsabilità del produttore della CEE, in Dir. e prat. ass., 1986, 4, 545; Trimarchi, La
responsabilità del fabbricante nella direttiva comunitaria, in Riv. soc., 1986, 3, 593.
13 Galgano, Diritto civile e commerciale, cit., 397, secondo cui la responsabilità imposta al
produttore in attuazione della direttiva prescinde dalla prova della sua colpa; è, dunque, una
responsabilità oggettiva, collegata alla circostanza per cui il produttore ha messo in circolazione un
prodotto difettoso; Franzoni, L'illecito, cit., 648. In giurisprudenza, v. Trib. Vercelli 7 aprile 2003,
cit., il quale afferma che ''la responsabilità del produttore è oggettiva, essendo sufficiente, ai fini di
fondare la responsabilità del produttore, il riconoscimento di un rapporto di causalità tra il prodotto
difettoso e l'evento lesivo, indipendentemente dalla prova della colpa; Trib. Ascoli Piceno 5 marzo
2002, in Dir. e lav. Marche, 2002, 75; Cass. 18 dicembre 1992, n. 13437, in Giust. civ. mass., 1992, 7 per colpa presunta 14, atteso che il presupposto per la sussistenza della suddetta responsabilità consiste, appunto, nella sussistenza del difetto a nulla rilevando il fatto che il produttore abbia posto in essere un comportamento colposo 15. Tale linea interpretativa pare, peraltro, coerente con quanto disposto nei ''considerando' che precedono il testo della direttiva stessa 16 e nella Relazione della Commissione di studio istituita presso il Ministero di Grazie e Giustizia con l''intento di porre in essere uno schema di attuazione della direttiva medesima 17; in tale occasione, difatti, si evidenziava come la responsabilità introdotta del testo comunitario fosse di tipo oggettivo, a differenza, invece, della responsabilità per colpa che veniva considerata una soluzione inadeguata alla problematica in esame 18 . Tramite il predetto sistema di sistema di responsabilità oggettiva, appunto, si voleva introdurre uno strumento mediante il quale dare concretezza a quello che doveva essere l''obiettivo reale della direttiva, ossia appunto la tutela del consumatore; un criterio d''imputazione della responsabilità del produttore
secondo cui ''In materia di responsabilità aquiliana del produttore, per i danni cagionati da prodotti
pericolosi o difettosi, è suscettibile di delibazione la sentenza straniera di condanna resa in
applicazione di norme del locale ordinamento che consentono l'affermazione della responsabilità
stessa sul rilievo dell'esistenza del solo nesso di causalità e con salvezza di prova liberatoria in
ordine alla sussistenza di fatti interruttivi del detto nesso, in quanto si tratta di decisione non
incompatibile con l'ordine pubblico interno, essendo noti anche all'ordinamento italiano ipotesi di
responsabilità cosiddetta oggettiva, ancor prima di quelle che, con riguardo alla menzionata
materia, risultano dal d.P.R. 28 maggio 1988 n. 224, di ricezione della direttiva comunitaria 25
luglio 1985 n. 374'.
14 Nel caso di responsabilità del produttore si può parlare non di un'ipotesi di ''colpa presunta',
bensì di un caso di ''responsabilità presunta' atteso che, provato il difetto del prodotto, il danno ed
il nesso causale, si presume la responsabilità del produttore. (Trib. Roma 4 dicembre 2003, in Foro
it., 2004, 1361). Sulla distinzione tra responsabilità presunta e la presunzione di colpa, v., per
esempio, Cass. 1° giugno 2004, n. 10482, in Resp. civ. e prev., 2005, 132, con nota di Tordaro; in
Danno e resp., con nota di Bitetto.
15 Esistono delle ipotesi di responsabilità oggettiva di tipo assoluto, ossia che prescindono
completamente da qualsiasi riferimento alla colpa del danneggiante, mentre alcune regole di
responsabilità oggettiva '' come nel caso della responsabilità del produttore '' riconoscono una
qualche rilevanza al comportamento del danneggiante (Ponzanelli, in Bessone, Casi e questioni di
diritto privato, Milano, 2002, 4° ed., 452).
16 In linea generale, in sede di ''considerando, la direttiva afferma che ''solo la responsabilità del
produttore indipendentemente dalla sua colpa costituisce un'adeguata soluzione del problema,
specifico di un'epoca caratterizzata dal progresso tecnologico, di una giusta attribuzione dei rischi
inerenti alla produzione e tecnica moderna'.
17 Nella Relazione della Commissione CE del 31 gennaio 2001 si legge che ''la direttiva sulla
responsabilità per danno da prodotti difettosi ha introdotto nella Comunità il principio della
responsabilità oggettiva o senza colpa, secondo il quale ogni produttore di un bene mobile
difettoso è tenuto al risarcimento dei danni causati all'integrità fisica o al patrimonio privato delle
persone, che vi sia o non negligenza da parte sua'.
18 Carnevali, Responsabilità del produttore, cit., 4. 8 indipendente dalla colpa veniva, infatti, considerato funzionale ad un più efficace perseguimento di quei fini risarcitori e di prevenzione esplicitamente richiamati fin dai primi progetti del provvedimento insieme alle note argomentazioni di efficienza allocativa relativa alla necessità di imporre alle imprese produttrici i rischi conseguenti alle loro attività. Proprio in questa specifica prospettiva, dato anche il deficit d''informazione patito dal consumatore, si riteneva che il produttore fosse nella miglior posizione per prevenire (o comunque ridurre) i predetti rischi ed, inoltre, che tale sistema avrebbe dato la possibilità di distribuire tra i consumatori i costi addizionali (come, per esempio, i premi assicurativi) derivanti dall''assunzione dei medesimi attraverso manovre sui prezzi dei prodotti stessi 19. Seppure la direttiva '' così come le singole normative nazionali che hanno recepito tale testo '' non dicono espressamente che la responsabilità introdotta dal legislatore comunitario prescinda dalla colpa del danneggiante, la dottrina ha osservato come il fatto che la normativa comunitaria abbia introdotto una responsabilità di tipo oggettivo risulta dal collegamento degli artt. 1 e 6 del testo comunitario medesimo; la prima norma sancisce, infatti, che la responsabilità del fabbricante è collegata semplicemente ad un difetto del suo prodotto 20 '' senza richiedere ai fini della configurazione in capo al produttore la presenza di ulteriori requisiti '' mentre l''art. 6 elenca i casi tassativi di esclusione della responsabilità, tra i quali, appunto, non figura il comportamento diligente del fabbricante. Proprio dall''analisi delle suddette disposizioni la stessa dottrina si è giunti, dunque, alla conclusione per cui ''una volta accertata l''esistenza di un ''difetto' nel prodotto che ha arrecato il danno (art. 5), a nulla gioverebbe al fabbricante dare la prova che egli ha impiegato la dovuta diligenza nella progettazione e fabbricazione del prodotto stesso' 21. 19 Stoppa, Responsabilità del produttore, cit., 124.
20 In tale ottica, dunque, si può affermare che, una volta che il danneggiato ha provato l'esistenza
del difetto, del danno ed il nesso di causalità tra i suddetti elementi, la colpa del produttore si
presume iuris tantum; quest'ultimo potrà, poi, liberarsi da responsabilità dimostrando le
circostanze di cui all'art. 6 della direttiva, oppure, provando determinati fatti interruttivi del nesso
causale. In argomento, Franzoni, Il fatto illecito, cit., 649; Galgano, Diritto civile e commerciale,
cit., 397.
21 Tuttavia, si è dubitato che il comportamento del produttore sia del tutto irrilevante ai fini della
configurazione di una responsabilità in capo quest''ultimo per i danni cagionati da prodotti
difettosi, atteso che alcuni eventi esonerativi previsti nella direttiva potrebbero intendersi riferiti ad
ipotesi di esclusione del comportamento colpevole del produttore medesimo (Toriello, 9 Fermo restando quanto precede e focalizzando l'attenzione sull'ambito materiale di applicazione di tale testo comunitario, occorre considerare come, ai sensi dell'art. 1 della normativa in esame, il produttore è responsabile per i danni causati da difetti dei suoi prodotti; per prodotto '' specifica il legislatore comunitario medesimo '' s'intende anche l'elettricità 22. Proprio con riferimento alla nozione di ''prodotto' è stata osservata come essa appare assimilabile a quella di ''merci' piuttosto che a quella di ''beni', dato che quest'ultima include altresì i c.d. beni immobili che, invece, vengono esclusi dal campo di applicazione della legislazione comunitaria in tema di responsabilità del produttore. Al riguardo, la dottrina ha altresì evidenziato come, non rientrano all'interno del campo di applicazione del testo comunitario i servizi e le persone; nello specifico, per quanto concerne l'esclusione delle persone umane dalla nozione di prodotto, è stato affermato che tale interpretazione della norma possa dare vita ad alcuni dubbi con riferimento, ad esempio, alle sostanze di origine umana (sangue, globuli rossi, plasma, tessuti organici), le quali sono ricomprese all'interno della categoria di ''cose'; con specifico riferimento a tale problematica, secondo parte della dottrina, pare, in ogni caso, logico, che colui che cede sangue o organi umani non possa rientrare all'interno della categoria di ''produttore' 23 . Essendo ricompresi nell'ambito di applicazione della direttiva anche i beni immateriali, si è posto, poi, l'ulteriore problema se dovessero essere considerati prodotti anche i c.d. software 24. Analoga questione si è presentato con riferimento alla fornitura/appalto per la costruzione d'impianti industriali e la soluzione a tale
Responsabilità civile e normativa comunitaria, cit., 814). In argomento, v. anche Carnevali,
Responsabilità del produttore, cit., 6, il quale osserva come nel caso dell''assemblatore, se il difetto
inerisce ad un componente fabbricato da altri, l''assemblatore rimane responsabile e a nulla gli può
servire la dimostrazione di aver scelto con la dovuta diligenza il fornitore del componente o di aver
sottoposto a diversi controlli il componente stesso, prova che, invece, potrebbe assumere
un''efficacia liberatoria in un sistema basato sulla colpa.
22 Per quanto concerne l'elettricità, v. Marzocchi, La normativa sulla responsabilità del
produttore, profili generali ed ipotesi di applicazione nell'ambito della fornitura di energia
elettrica, in Rass. giur. energia elettrica, 1989, 21; Geri, Prodotti (elettricità inclusa) difetti,
danno, responsabilità del produttore, in Rass. giur. energia elettrica, 1989, 571.
23 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 246; D''Arrigo, La responsabilità del
produttore, cit., 116.
24 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 246. In argomento, v. anche, Triaille,
L''applicazione della Direttiva comunitaria sulla responsabilità del produttore nel campo del
software, in Dir. inf., 1990, 2, 725. 10 problematica è stata trovata nei diversi Paesi membri, a secondo dell'inquadramento che detti beni ricevono all'interno dei singoli ordinamenti; così, per esempio, in Belgio si è affermato che, per quanto concerne un complesso costituito, non solamente da oggetti materiali, ma bensì anche dall'installazione e dal frazionamento di servizi che implicano un intervento umano, si debba escludere detto bene dal capo di applicazione del testo comunitario 25. L''art. 2 della direttiva non estromette espressamente dal proprio ambito di applicazione i prodotti artigianali ed artistici, nonostante questi non rientrino, per definizione, nell''ambito produttivo industriale e a prescindere dalle opinioni prevalentemente sfavorevoli espresse da alcuni Stati membri (in particolare, Grecia, Irlanda e Italia) e anche da parte di alcuni organi comunitari 26. Per quanto concerne la possibilità inizialmente offerta dal legislatore comunitario ai singoli Stati membri di decidere se applicare o meno la legislazione nazionale di attuazione della direttiva anche ai prodotti agricoli, occorre considerare come, tra tutti i Paesi membri, il Lussemburgo era l''unico che, fin dall''origine, aveva esteso la disciplina di attuazione della direttiva - e quindi il regime di responsabilità oggettiva '' anche a tale categoria di prodotti 27. Solamente con la successiva direttiva 1999/34/CE del 10 maggio 1999 (recepita in Italia con il d.lgs. 2 febbraio 2001, n. 25) 28 la normativa comunitaria in tema di responsabilità del produttore per i danni cagionati da prodotti difettosi, 25 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 246.
26 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 117.
27 Fagnart, La directive du 25 juillet 1985 sur la responsabilitè du fait des produits, in Cahiers de
droit européen, 1987, 18; Costato, Prodotti agricoli ed attuazione della Direttiva CEE sulla
responsabilità da prodotto difettoso, in Giur. agr. it., 1990, 2, 71.
28 Ponzanelli, Estensione della responsabilità oggettiva anche all'agricoltore, al pescatore e al
cacciatore, in Danno e resp., 2001, 792; Galgano, Trattato di diritto civile, vol. III, 2° ed., Padova,
2010, 225; Marenghi, La legge applicabile al danno da prodotto nell'Unione europea: l'art. 5 del
regolamento 864/2007/CE, in Dir. comm. int., 2011, 335 '' 394; Cagnasso, La responsabilità del
produttore per i danni derivanti da prodotti difettosi: la disciplina della comunità europea, in
Nuovo dir. soc., 2010, 5, 9; Carnevali, "Produttore" e responsabilità per danno da prodotto
difettoso nel codice del consumo, cit., 1938; Giuffrida, Dalla responsabilità dell'imprenditore
all'imprenditore responsabile, in Riv. dir. agr., 2007, 545 '' 567; Bastianon, Prime osservazioni sul
"Libro Verde" della Commissione in materia di responsabilità civile per danno da prodotti
difettosi, in Resp. civ. prev., 2000, 3, 807; Germanò, La responsabilità del produttore, in Trattato
breve di diritto agrario italiano e comunitario, diretto da Costato, Padova, 3° ed., 2003, 743;
Masini, Corso di diritto alimentare, Milano, 2° ed., 2011, 153; Cubeddu, La responsabilità del
produttore per i prodotti naturali, in Resp. civ. e prev., 1989, 809; Mazzo, La responsabilità del
produttore agricolo, Milano, 2007, 141; Tamponi, La tutela dei consumatori di alimenti: soggetti,
oggetto e relazioni, in AA. VV., Agricoltura e alimentazione tra diritto, comunicazione e mercato,
Atti del Convegno di Firenze 9-10 novembre 2001, Milano, 2003, 139. 11 è stata definitivamente modificata; in tale sede, infatti, si è introdotto un sistema di responsabilità oggettiva anche a carico dell''agricoltore, allevatore, pescatore e cacciatore per i difetti dei prodotti del suolo, dell''allevamento, della caccia e della pesca 29 . In tal modo procedendo, la posizione del rivenditore o venditore al dettaglio '' che prima rischiavano di dover sopportare il peso del risarcimento per i danni subiti dai consumatori '' veniva alleggerita; tale soluzione pareva, peraltro, porsi in linea con i riflessi che sul mercato agricolo poteva avere il crescente sviluppo tecnologico, soprattutto della biochimica e della biotecnologia, nonché con il crescente degrado ambientale il quale finiva per rendere altamente pericoloso anche il prodotto agricolo non trasformato 30. Stabilito, dunque, l''ambito di applicazione del testo comunitario, occorre osservare come, per quanto concerne l''individuazione dei soggetti responsabili, la direttiva comunitaria responsabilizza non solamente il fabbricante del prodotto finito, bensì anche chi produca la materia prima o un suo componente e chiunque apponga il proprio nome, marchio, segno distintivo, presentandosi come produttore del bene stesso 31. Accanto al produttore, risponde dei danni cagionati dalla produzione e commercializzazione dei prodotti difettosi anche colui che importa all'interno 29 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 120.
30 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 120.
31 Ai sensi dell'' art. 3.1. pertanto, i debitori del risarcimento sono il produttore effettivo, i
produttori apparenti ed i produttori presunti, quali il fornitore di un prodotto anonimo o
l''importatore comunitario. In argomento, v. Carnevali, "Produttore" e responsabilità per danno da
prodotto difettoso nel codice del consumo, cit., 1938; Ugona, Luce ed ombre della normativa
comunitaria di responsabilità per danno da prodotti difettosi, in Giur. Piemontese, 1986, 477;
Pieri, La direttiva Cee sulla responsabilità per danni provocati da prodotti difettosi, in Dir. scambi
int., 1987, 773; Troiano, Commento sub. art. 3 del d.p.r. n. 224/1988, in Nuove leggi civ. comm.,
1989, 518; Atti, Commento sub art. 3 del d.p.r. n. 224/1988, in Trattato di diritto commerciale e di
diritto pubblico dell''econimia, diretto da Galgano, vol. XIII, La responsabilità del produttore,
Padova, 1989, 79; Spalidoro, Responsabilità per danno da prodotti difettosi: la direttiva CEE, in
Riv. soc., 1985, 1471; Trimarchi, La responsabilità del fabbricante nella direttiva comunitaria, in
Riv. soc., 1986, 593; Cosentino, Responsabilità da prodotto difettoso: appunti di analisi
economica del diritto, in Foro it., 1989, 3, 137. In giurisprudenza, per quanto concerne la
responsabilità dell''importatore v., Cass. 14 giugno 2005, n. 12750, in Resp. civ. e prev., 2006, I,
129, con nota di Della Bella, La responsabilità dell''importatore di fuochi d''artificio, secondo cui
la disciplina della responsabilità del produttore per danno da prodotti difettosi, configurando una
responsabilità oggettiva dell'importatore del prodotto difettoso per i danni derivati a cagione del
difetto, mira alla salvaguardia dei consumatori dagli effetti di vizi inerenti a prodotti lavorati
immessi in circolazione da operatori economici professionali anche a prescindere dalla
configurabilità di elementi di colpevolezza (nel casi di specie è stata sancita la responsabilità
dell''importatore di fuochi d''artificio prodotto nella Repubblica Popolare Cinese). 12 della Comunità europea il bene difettoso 32; in tal modo procedendo, il legislatore comunitario manifesta l''intenzione di salvaguardare il consumatore, ''rinsaldare la sicurezza intrinseca e, quindi, l'efficienza' del mercato europeo, considerato nel suo complesso come un unico mercato senza barriere interne, in cui la garanzia di sicurezza e di piena compensazione dei difetti derivanti da un bene penetrato nel mercato comunitario, ''corrano con la merce' ovunque la merce vada nella Comunità' 33. Interessante è notare come la normativa in esame omette di precisare chi siano i soggetti legittimati attivi all'azione risarcitoria, ossia le persone verso cui il fabbricante di un prodotto difettoso è responsabile 34; così, per esempio, l'art. 11 del testo comunitario individua quali sono i danni risarcibili senza specificare, però, chi li deve aver subiti. Sul punto, si è ritenuto che tale omissione sia intenzionale, in quanto finalizzata ad ampliare la categoria dei soggetti danneggiati legittimati a chiedere il risarcimento; in tale ottica, si è ritenuto che, i legittimati attivi all'azione risarcitoria sono, in primo luogo, coloro che hanno acquistato (dal produttore o da terzi) il bene difettoso; inoltre, attivamente legittimato, è anche colui che, pur non essendo proprietario del prodotto difettoso, ne ha fatto comunque uso sulla base di un rapporto che può essere contrattuale (locazione, leasing, comodato ecc...) oppure anche, più semplicemente, di cortesia. Infine, attivamente legittimati sono altresì i c.d. bystanders, e cioè coloro che, pur non avendo utilizzato il prodotto, subiscano '' casualmente o meno '' un pregiudizio connesso alla produzione e commercializzazione di un prodotto difettoso 35. 32 Sul punto, v. Cass. 20 maggio 2009, n. 11710, in Giust. civ. mass., 2009, 11710, secondo cui
''L'importatore e distributore in Italia di un autoveicolo prodotto da un soggetto residente
all'interno dell'Unione Europea non risponde dei danni causati dal difetto di fabbricazione del
veicolo stesso, giacché in tal caso l'art. 3, comma 4, d.P.R. 24 maggio 1988 n. 224, consente al
consumatore di promuovere il giudizio risarcitorio direttamente nei confronti del produttore'.
33 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 120. In argomento, Cerina, Osservazioni di
diritto internazionale privato sulla Direttiva CEE n. 85/374 in materia di responsabilità per danno
da prodotti difettosi, in Riv. dir. int. priv. e proc., 1991, 2, 355; Capotorti, La nuova disciplina
comunitaria della responsabilità per danno da prodotti difettosi, in Assicurazioni, 1985, 4-5, 110.
34 Carnevali, Responsabilità del produttore, cit., 7.
35 Si pensi, per esempio, ai passanti che per caso subiscono un pregiudizio a causa dei freni
difettosi di un autoveicolo; oppure ancora ai dipendenti che subiscono un danno a causa dello
scoppio di una caldaia collocata vicino al luogo dove lavorano. In argomento, v. Della Bella,
Cedimento di scala estensibile e responsabilità del produttore-progettista: la nozione di
danneggiato nella disciplina sulla responsabilità del produttore, in Resp. civ. prev., 2003, 4-5,
1153. Sul dibattito relativo all'' ammissibilità delle pretese risarcitorie del bystander, si vedano 13 Fermo restando quanto precede, occorre, in questa sede, segnalare come '' in conformità con i principi che regolano la responsabilità oggettiva '' il consumatore danneggiato, qualora intenda ottenere il risarcimento del danno subito a causa dell''utilizzo di prodotti difettosi, abbia l''onere di provare il danno, il difetto e la connessione causale (art. 4) 36. In particolare, al fine della prova concernente il difetto del prodotto, il danneggiato dovrà dimostrare che il prodotto non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere e tale legittima aspettativa deve poi essere considerata alla luce delle circostanze concrete, indicate dalla direttiva all'art. 6 lett. a), b) c), ossia la presentazione del prodotto, l'uso a cui il prodotto stesso può essere ragionevolmente destinato nonché il momento della sua messa in commercio 37. Proprio con riferimento alla suddetta nozione, occorre considerare, in termini generali, come questa sia volta a realizzazione di quel programma europeo diretto ad assicurare la c.d. "sicurezza globale" dei prodotti; il legislatore comunitario, infatti, ha posto in essere un sistema finalizzato a tutelare il consumatore sia preventivamente - attraverso l'elaborazione di precisi standards di sicurezza riferibili al momento della progettazione, della fabbricazione e della presentazione del prodotto '' sia successivamente al verificarsi del danno '' tramite la predisposizione di disposizioni legislative dirette a risarcire il danno subito dal consumatore danneggiato a causa dell''utilizzo di prodotti difettosi. In altre parole,
altresì Alpa, Responsabilità dell'impresa e tutela del consumatore, Milano, 1975, 366; Castronovo,
Problema e sistema nel danno da prodotti, Milano, 1979, 801; Marti, commento sub Art. 8 d.P.R.
24 maggio 1988, n. 224, in Nuove leggi civ. comm., 1989, 593. Sulla controversa nozione di
consumatore si v. Bocchini, Il consumatore, in Diritto dei consumatori e nuove tecnologie, Vol. II,
2003; Valsecchi, Consumer protection e legislazione nazionale, in Contratti, 1996, 163; Zeno
Zencovich, voce Consumatore (tutela del), I, Diritto civile, in Enc. Giur. Treccani, Roma, 1988;
Alpa, voce Consumatore (tutela del), III, Diritto comparato straniero, in Enc. Giur. Treccani,
Roma 1995; Alpa- Chinè, voce Consumatore (protezione del) nel diritto civile, in Dig. Disc. Priv.
Sez. civ., XV, Torino, 1997; Bocchini, Saggi di diritto privato, Napoli, 4° ed., 2006, 126.
36 In argomento, v. Baschiera, Onere della prova e nesso di causalità: spunti di discussione in
tema di responsabilità oggettiva del produttore di dispositivi medici, in Nuova giur. civ. e comm.,
2008, 6, 789; Patti, Ripartizione dell''onere, probabilità e verosimiglianza nella prova del danno
prodotto, in Riv. dir. civ., 1990, 5, 705. Sul punto, v. anche Franzoni, La responsabilità del
produttore di beni di consumo, cit., 3; Pizzorno, La responsabilità del produttore nella Direttiva
del 25 luglio 1985 del Consiglio delle Comunità europee (85/374 Cee), cit., 233; Pieri, La
Direttiva CEE sulla responsabilità per i danni provocati da prodotto difettosi, cit., 773; Battistig,
Resposabilità da prodotto, cit., 588; Trimarchi, La responsabilità del fabbricante nella direttiva
comunitaria, cit., 593.
37 In argomento, v. Trimarchi, La responsabilità del fabbricante nella direttiva comunitaria, cit.,
593; Martorana, L'orditoio: una macchina che non offre le sicurezze che si possono legittimamente
attendere ... le persone di non alta statura, cit., 379. 14 attraverso tale scelta, il legislatore finisce per mettere insieme tanto la soluzione "giusprivatistica" quanto quella "giuspubblicistica" (già familiare negli Stati Uniti d'America) che il legislatore europeo ha attuato in questi anni con una serie di importanti interventi legislativi 38. Al riguardo, è stato osservato come '' in linea con l''undicesimo considerando 39 '' non possa essere considerato difettoso il prodotto reso semplicemente desueto o meno funzionale rispetto a quelli fabbricati successivamente e che, pertanto, risultano essere maggiormente sviluppati; l'art. 6.2 del testo comunitario sancisce, infatti, che un prodotto non possa ritenersi difettoso per il fatto che un prodotto più perfezionato sia stato messo in circolazione successivamente ad esso. Lo nozione di difetto 40 si basa sul concetto di sicurezza la quale, peraltro, non deve essere confusa con l'inidoneità del prodotto alle funzioni a cui lo stesso è destinato, in quanto l'inidoneità funzionale 41 del bene può difatti anche non riguardare la sicurezza, mentre la mancanza di sicurezza incide necessariamente sull'idoneità all'uso; proprio per tali ragioni, è stato affermato che il difetto di sicurezza è un concetto più restrittivo del vizio funzionale 42. Per quanto concerne, poi, la legittima aspettativa di sicurezza dei prodotti, sulla base delle indicazioni contenute nel sesto considerando, è possibile affermare che la mancanza di sicurezza a cui il testo comunitario si riferisce è 38 Della Bella, Cedimento di scala estensibile e responsabilità del produttore-progettista: la
nozione di danneggiato nella disciplina sulla responsabilità del produttore, in Resp. civ. e prev.,
2003, 1151.
39 Secondo cui ''... nel corso del tempo i prodotti si deteriorano, le norme di sicurezza diventano
più rigorose e le conoscenze tecnologiche e scientifiche migliorano,... non sarebbe perciò equo
pretendere che il produttore fosse responsabile, senza limite di tempo, dei difetti dei suoi prodotti'.
40 In argomento, tra i tanti, v. Loi, Commento all'art. 5 del d.p.r. n. 224 del 1988, in Nuove leggi
civ. e comm., 1989, 543 e ss.; Lupoli, La responsabilità per danno da prodotti difettosi, in Il diritto
dei consumatori e nuove tecnologie, a cura di F. Bocchini, Vol. II, 2003, 55.
41 Castronovo, La nuova responsabilità civile, Milano, 3° ed., 2006, 304; Ghidini, Responsabilità
per danno da prodotti: quando un prodotto può dirsi difettoso, in Giur. comm., 1992, 3, 437.
42 Castronovo, Problema e sistema nel danno da prodotti, Milano, 1979, 741, il quale osserva
come la nozione di difettosità del prodotto, quale presupposto dell''applicazione di una
responsabilità oggettiva extracontrattuale al fabbricante è il risultato di uno sviluppo avvenuto
all''interno del sistema statunitense nel quale il progressivo abbandono del requisito della privaty of
contract relativamente alle azioni basate su garanzie implicite o esplicite ne ha comportato
un''espansione tale da imporre ai giudici di riconoscere il carattere extracontrattuale della
responsabilità che si veniva applicando 15 quella che il ''grande pubblico' si attende 43. Al riguardo, è stato osservato che il grande pubblico possa legittimamente attendersi che un prodotto utilizzato secondo la sua normale e prevedibile destinazione non presenti vizi occulti e possa essere considerato, pertanto, sicuro. In tale ottica, si è ritenuto che il consumatore medesimo è tutelato nei confronti dei predetti rischi, mentre non riceve alcuna protezione contro i rischi evidenti, ossia quelli che può evitare, utilizzando le opportune cautele 44. Inoltre, proprio al fine di valutare il grado di sicurezza offerta dal produttore '' che rappresenta, appunto, il requisito finalizzato a dimostrare la difettosità del prodotto '' l'art. 6 del testo comunitario stesso afferma, come detto, che occorre tenere conto della presentazione del prodotto, dell'uso ragionevole di destinazione nonché, infine, del momento della sua messa in circolazione. Con particolare riferimento al primo requisito '' ossia la modalità con cui il prodotto è stato presentato '' è stato osservato come essa vada ad obiettivare la nozione di sicurezza in relazione alla legittima aspettativa; infatti, non risulterà legittima l'aspettativa del ''grande pubblico' che pretenda l'assoluta innocuità di un bene presentato, invece, in maniera chiarissima come altamente tossico e pericoloso 45. Per quanto concerne, invece, la seconda circostanza indicata, è stato rilevato come il criterio di ragionevolezza relativo all''atteso uso del prodotto pare ricollegarsi ad un giudizio di prevedibilità '' riguardante, appunto, l''uso della cosa 43 Sul punto, è stato altresì osservato che l'ulteriore qualificazione dell'aspettativa in termini di
''legittimità' vale, poi, a circoscrivere ulteriormente quell'ambito soggettivo, nel senso che, da un
lato, non si potrà considerare l'aspettativa del consumatore singolo e, dall''altro lato, non si potrà
neppure tenersi conto dell'aspettativa illegittima di una pluralità dei consumatori. In argomento,
Toriello, Responsabilità civile e normativa comunitaria. La responsabilità del produttore, in
AA.VV., Il diritto privato dell'Unione Europea, Torino, 811; Stoppa, Responsabilità del
produttore, in Dig. Discipline priv., sez. civ., Torino, 1998, 130; In argomento, v. anche Martorana,
L'orditoio: una macchina che non offre le sicurezze che si possono legittimamente attendere ... le
persone di non alta statura, cit., 380.
44 Trimarchi, La responsabilità del fabbricante nella direttiva comunitaria, in Riv. soc., 1986, I,
599, secondo cui, tale interpretazione implica che la responsabilità oggettiva operi sempre con
riferimento ai danni conseguenti ad un difetto di fabbricazione, in quanto ''il difetto del singolo
esemplare mal riuscito e sfuggito ai controlli non è normalmente conoscibile dall'utilizzatore, il
quale perciò non è in grado di difendersi efficacemente.'. Secondo l'Autore, poi, la riconoscibilità
del pericolo deve essere valutata anche tenendo conto della sicurezza che è normalmente offerta da
prodotti analoghi, anche considerando il prezzo.
45 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 171. 16 che travalica la mera destinazione ed utilizzazione normale del prodotto 46. Infine, il terzo fattore da considerare ai fini del giudizio di difettosità ''si sostanzia in ciò che la direttiva non applica gli standard di sicurezza di oggi ai prodotti di ieri' 47 . Una volta, dunque, che il danneggiato ha fornito la prova del difetto, del danno e del nesso causale, il produttore può liberarsi da responsabilità qualora dimostri: a) di non aver messo in circolazione il prodotto 48; b) che, tenuto conto delle circostanze, è lecito ritenere che il difetto che ha causato il danno non esisteva quando aveva messo in circolazione o sia sorto successivamente; c) che non ha fabbricato il prodotto per la vendita o qualsiasi altra forma di distribuzione a scopo economico, né l''ha fabbricato o distribuito nel quadro della sua attività professionale; d) che il difetto è dovuto a conformità del prodotto a regole imperative emanate dai pubblici poteri; e) che lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche al momento in cui ha messo in circolazione il prodotto non permetteva di scoprire l''esistenza del difetto; f) nel caso del produttore di una parte componente, che il difetto è dovuto alla concezione del prodotto in cui è stata incorporata la parte o alle istruzioni date dal produttore del prodotto (art. 7) 49. 46 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 151, secondo cui, ad esempio, un
giocattolo per bambino non offre garanzia di sicurezza qualora venga pitturato con una vernice
velenosa, in quanto il rischio che tale vernice venga ingerita debba ritenersi facilmente prevedibile,
e, pertanto, ragionevolmente atteso. In argomento, v. anche Martorana, L'orditoio: una macchina
che non offre le sicurezze che si possono legittimamente attendere ... le persone di non alta statura,
cit., 380.
47 D'Arrigo, La responsabilità del produttore. Profili dottrinali e giurisprudenziali dell'esperienza
italiana, cit.; Cowell, La directive communautaire ''produits': les deux prochaines aneès, in Rev.
gen. ass. terr., 180.
48 Per quanto concerne le problematiche interpretative relative alla suddetta clausola di esclusione
della responsabilità, v. ex multis, Verardi, Commento all''art. 6 del d.p.r. n. 244 del 1988, cit., 119;
Tripodi-Battelli, Codice del consumatore. Guida pratica alla nuova normativa, Milano, 2006, 75;
Matassa, Esclusione della responsabilità, in AA.VV., Responsabilità per danno da prodotti
difettosi, in Nuove leggi civ. comm., 1989, 563; Bin, La responsabilità del produttore, in Trattato
di diritto commerciale e di diritto pubblico dell''economia, vol. XIII, Padova, 1989, 118; Di
Giovanni, in La responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 142.
49 Proprio con riferimento alla disposizione sopra richiamata, la dottrina ha osservato che le
predette cause esonerative della responsabilità del produttore debbano essere ricondotte al piano
causale, salvo che il prodotto si riveli difettoso nonostante il produttore abbia osservato le
istruzioni impartitegli dai pubblici poteri; in tal caso, non pare che la causa di esonero operi a
livello della causalità, bensì la ratio della prova liberatoria sembrerebbe da ricercare nell''assenza
di un comportamento riprovevole del produttore. In argomento, Toriello, Responsabilità civile e
normativa comunitaria, cit., 812. 17 Premesso che per quanto concerne le clausole esonerative della responsabilità del produttore di cui all''art. 7, lett. a) 50, b)51, e c)52, non sono sorte rilevanti problematiche interpretative, la causa di esonero da responsabilità che ha suscitato maggiore perplessità, all''interno dei diversi Paesi membri, è quella relativa ai c.d. rischi da sviluppo (art. 7, lett. e) 53 che può essere fatta valere, come 50 Per quanto concerne la causa di esclusione della responsabilità del produttore concernente la
prova di non aver messo in circolazione il prodotto, occorre considerare che si è sollevato il
problema interpretativo relativo alla nozione di messa in circolazione; in particolare, ci si è chiesti,
per esempio, se possa ritenersi messo in circolazione la consegna del prodotto ad un collaudatore
per un test.
51 Con particolare riferimento all''onere probatorio concernete la mancanza di difetti nel prodotto
nel momento della messa in circolazione, si è ritenuto che esso sia più agevole di quanto possa
sembrare, atteso che al produttore basta provare la probabilità che il prodotto non era difettoso al
momento della messa in circolazione. Sul punto, v. Trimarchi, La responsabilità del fabbricante
nella direttiva comunitaria, cit., 602, il quale osserva come ritiene che tale disposizione debba
essere interpretata nel senso che, ''quando il fabbricante fornisce elementi tali da rendere plausibile
che il difetto non fosse originario, bensì sopravvenuto, l'onere della prova [si debba invertire], e
spetti al consumatore danneggiato provare che il difetto fosse originario'. In tal modo procedendo,
se da un lato, si attribuisce al giudice un forte potere discrezionale nella valutazione delle prove
presuntive, dall'altro lato - osserva l'Autore - in tal modo procedendo, si evita di ricorrere alla
soluzione per cui, decorso un certo periodo di tempo, si debba invertire l'onere probatorio; una tale
regola sarebbe, infatti, ''inadeguata alla grande varietà dei prodotti industriali'. Occorre, inoltre,
considerare che, se si ritiene che il prodotto è difettoso quando manca della sufficiente sicurezza,
attribuire al produttore la possibilità di liberarsi da responsabilità dimostrando la mancanza del
difetto al momento della messa in circolazione del bene '' e, pertanto, che il difetto è sorto in un
momento successivo rispetto all''immissione nel mercato del bene '' equivale ad imporre
all''imprenditore medesimo l''onere di dimostrare che in quel preciso momento il prodotto poteva
considerarsi sufficientemente sicuro. In giurisprudenza, Trib. Roma 4 dicembre 2003, cit., secondo
cui ai sensi degli art. 6 e 8 d.P.R. 224 del 1988, una volta fornita la prova, da parte del
consumatore, del difettoso funzionamento del prodotto acquistato, è onere del produttore o del
fornitore dimostrare che il difetto non esisteva al momento in cui il bene venne posto in
circolazione o, per lo stato delle conoscenze tecnico scientifiche, lo stesso non era riconoscibile
52 La dottrina ha rilevato che tale causa di esclusione della responsabilità è ''di interesse minimo'
(Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 259).
53 In tema di rischi da sviluppo, v. Nicolini, Danni da prodotti agroalimentari difettosi.
Responsabilità del produttore, cit., 211; Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., [*];
Visentini, L'esimente del rischio di sviluppo come criterio della responsabilità del produttore.
(L'esperienza italiana e tedesca e la direttiva comunitaria), in Resp. civ. prev., 2004, 4-5, 1267;
Verardi, Commento all''art. 6 del d.p.r. n. 244 del 1988, in Alpa-Carnevali-Di Giovanni-Ghidini-
Ruffolo-Verardi, 84; Castronovo, Problema e sistema nel danno da prodotti, Milano, 1979, 741;
Oriana, L''industria e la tutela del consumatore, in Riv. circ. trasp., 1982, 255; Simitis, La
responsabilità per i prodotti difettosi. L''approccio tedesco-occidentale, in Riv. crit. dir. priv., 1985,
225; Tassoni, Responsabilità del produttore di farmaci per ''rischio da sviluppo' e art. 2050 cod.
civ., in Resp. civ. e prev., 1988, 421; Newdiick, The development risk defence of the Consumer
Protection Act 1987, in Cambridge Law Journal, 47 (3), 1988, 455; Oddo, Responsabilità del
produttore e Direttiva n. 85/374/CEE: lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche quale causa
di esclusione della responsabilità nella interpretazione della Corte di Giustizia, in Dir. scambi int.,
1998, 367; De Berardinis, Brevi considerazioni sulla prima decisione della Corte di Giustizia in
tema di responsabilità da prodotti difettosi, in Resp. civ. e prev., 1997, 1044; Ponzanelli, Regno 18 detto, qualora il difetto del prodotto, pur preesistendo alla sua immissione in commercio, non poteva essere '' sulla base delle conoscenze scientifiche e tecniche dell'epoca '' scoperto 54. La problematica principale che ha coinvolto la suddetta clausola di esclusione della responsabilità del produttore è quella concernente l'individuazione dello stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti in un determinato momento storico; in particolare, ci si è chiesti se, tale criterio possa essere semplicemente rapportato alle convinzioni espresse dalla maggioranza della comunità scientifica, oppure, se, si debba invece ricorrere al livello più avanzato delle ricerche effettuate in un determinato momento storico; seguendo quest'ultima impostazione, il produttore dovrebbe ricercare le scoperte scientifiche più all''avanguardia esistenti in un dato periodo storico, anche nell'ipotesi in cui solamente ex post sia possibile individuare con sicurezza quali siano le opinioni esatte 55 . Muovendo da quest''ultima soluzione interpretativa, il produttore, di fronte ad un pericolo prevedibile - anche se non ancora completamente acclarato - dovrebbe avvalersi delle opportune cautele '' quindi, o di una più approfondita sperimentazione antecedente alla commercializzazione del prodotto, oppure ancora, di un'assicurazione contro la responsabilità civile '' al fine di coprire i
Unito, Corte di Giustizia ed eccezioni dello state of art, Foro. it., 1997, 10, 388; Cerini,
Responsabilità del produttore e rischio di sviluppo: oltre la lettera della dir. 85/374/CEE, in Dir.
ed econ. ass., 1996, 1, 29; La dottrina ha osservato come l''espressione ''rischio da sviluppo' sia
infelice perché lo sviluppo della scienza non rappresenta un rischio ma, permette, invece, di
eliminare i rischi. In tale ottica, il rischio da sviluppo consiste nel rischio di un danno la cui causa
andrebbe collegata all''insufficiente sviluppo della scienza e della tecnica nello specifico momento
in cui il prodotto è stato posto sul mercato. In giurisprudenza, v. Cass. 15 luglio 1987, n. 6241 e
Trib. Milano 19 novembre 1987, in Foro it., 1988, I, 144, con nota di Caruso, Quando il rimedio è
peggiore del male: emoderivati infetti e responsabilità civile, ibidem; Trib. Napoli 9 ottobre 1986,
in Resp. civ. e prev., 1988, 407.
54 Fagnart, La directive du 25 juillet 1985 sur la responsabilitè du fait des produits, cit., 34.
55 Corte giust. CE, 29 maggio 1997, C-300/95, in Foro it., 1997, IV, 387, con nota di Ponzanelli,
la quale sancisce che l'art. 7 lett. e) della direttiva, facendo riferimento alle conoscenze scientifiche
e tecniche disponibili al momento della messa in circolazione del prodotto, ''non riguarda
specificamente la prassi e gli standards di sicurezza in uso nel settore industriale in cui opera il
produttore ma, senza alcuna restrizione, lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche, ivi
compreso il loro livello più avanzato, quale esisteva al momento della messa in commercio del
prodotto considerato. Inoltre, la controversa disposizione non prende in considerazione lo stato
delle conoscenze di cui il produttore era o poteva essere concretamente o soggettivamente
informato, ma lo stato oggettivo delle conoscenze scientifiche e tecniche di cui il produttore si
presume sia informato'. In tale sede, la Corte di giustizia specifica, altresì, che ''le conoscenze
scientifiche e tecniche devono essere state accessibili al momento della messa in commercio del
prodotto considerato'. 19 costi connessi agli eventuali danni collegati alla produzione e commercializzazione dei propri prodotti 56. Ulteriore problematica che interessa il profilo in esame è, poi, quella concernente la fruibilità delle ricerche scientifiche e, quindi, l'effettiva circolazione delle predette informazioni. Al riguardo, si ritiene che la valutazione di questa specifica questione debba essere condotta in maniera oggettiva, con la conseguenza che lo stato della conoscenza non può essere ricondotto alla soggettiva conoscibilità delle opinioni della comunità scientifica da parte del singolo produttore ma, ai fini che qui ci occupano, debbono essere tenuti in considerazione tutte le ricerche presenti nel circuito informativo dell'intera comunità scientifica, a nulla rilevando, non solo il Paese in cui detti studi sono stati condotti, ma anche la lingua in cui le predette ricerche sono state diffuse 57. Tali considerazioni sembrano, poi, particolarmente fondate qualora si consideri che attualmente le opinioni scientifiche, possono circolare a livello planetario tramite, appunto, gli attuali strumenti telematici 58. Pare opportuno, pertanto, evidenziare come, sotto questo specifico profilo, la responsabilità del produttore si differenzi dalla responsabilità per esercizio di attività pericolose 59; infatti, mentre il rischio da sviluppo è una cause di esclusione della responsabilità del fabbricante stesso, non necessariamente, i c.d. difetti da sviluppo possono escludere la responsabilità per l'esercente un'attività pericolosa 60 . In quest'ultimo caso, difatti, il danneggiante non si libera 56 Si tenga altresì presente che, sulla base delle norme presenti nel Codice del consumo, sussiste a
carico del produttore un preciso obbligo di ritirare i prodotti difettosi dal mercato (tale obbligo
opera anche nelle ipotesi in cui la difettosità da sviluppo sia sopravvenuta) e, in ogni caso, di
informare il pubblico (v. artt. 103 comma 3 e 104 comma 2 del Codice del consumo). Sul punto, v.
Albanese, La sicurezza generale dei prodotti e la responsabilità del produttore nel diritto italiano
ed europeo, in Eur. e dir. priv., 2005, 980.
57 Matassa, Esclusione della responsabilità, in AA.VV., Responsabilità per danno da prodotti
difettosi, in Nuove leggi civ. comm., 1989, 578.
58 D'Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 136, il quale osserva altresì che la normativa
comunitaria non prevede alcun onere in capo al produttore nell'ipotesi in cui le informazioni
concernenti la sicurezza di un determinato prodotto divengano disponibili solamente dopo la
messa in circolazione dello stesso, ma prima che si sia verificato un danno, rimandando, in tal
modo, la soluzione della relativa questione alla normativa attuativa interna.
59 Seppure la giurisprudenza applica '' con riferimento ad alcuni prodotti '' le norme di cui all'art.
2050 c.c. (si pensi ai prodotti farmaceutici), occorre considerare che, alla luce della decisione della
Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-183/00, in Foro it., 2002, IV, 294, l'applicazione della suddetta
norma potrebbe essere contestata. Sul punto, v. infra
60 Franzoni, L'illecito, cit., 580; Bastianon, La Cassazione, il ''Trilergan' e la responsabilità per
danni da emoderivati infetti, in Resp. civ. prev., 1996, 146 20 automaticamente dimostrando che il danno era inevitabile date le conoscenze scientifiche e tecniche dell'epoca; al fine di andare esente da responsabilità, il danneggiante stesso dovrà provare che l'evento dannoso è estraneo all'attività pericolosa e che, quindi, detta attività è stata solamente occasione del pregiudizio arrecato al danneggiato, atteso che la vera causa è da individuarsi in un fattore esterno, specificamente individuato. Per quanto concerne i c.d. rischi da sviluppo, il legislatore comunitario ha lasciato liberi i singoli legislatori nazionali di introdurre o meno all''interno dei propri ordinamenti tale causa di esclusione da responsabilità 61. Proprio la suddetta discrezionalità attribuita ai singoli Stati membri, ha portato parte della dottrina a ritenere che, se l'art. 7 della direttiva è favorevole ad escludere la responsabilità del produttore per i rischi da sviluppo e l'art. 15, invece, consente di addossare sull'imprenditore stesso tali rischi, nella polemica tra coloro che chiedevano l'esclusione del rischio da sviluppo e quelli che invece non volevano tale causa esonerativa ''hanno vinto tutti' 62; altra parte della dottrina ha, poi, osservato come la scelta del legislatore comunitario '' senza dubbio restrittiva nei confronti degli interessi dei consumatori e fortemente favorevole verso quelli del produttore '' rappresenta una vera e propria ''falla nel sistema', atteso che, in tal modo procedendo, si ritorna ad un sistema di responsabilità basata sulla colpa 63. Al riguardo, si è considerato che, qualora i Paesi membri '' la maggior parte dei quali ha adottato il sistema previsto dalla direttiva '' decidessero, ai sensi dell''art. 15 del testo comunitario, di non riprodurre l''art. 7 lett. e) della direttiva, anche la stessa nozione di difetto verrebbe recepita in maniera differente e maggiormente rigorosa nei confronti del produttore, ossia come riferita ''a un bene caratterizzato da un tasso di sicurezza non solo attuale e concreto ma anche 61 L'art. 15 lett. b) della direttiva stabilisce, infatti, che ciascuno Stato può, in deroga all'art. 7 lett.
e), mantenere o, fatta salva la procedura di cui al paragrafo 2 del presente articolo, prevedere nella
propria legislazione che il produttore è responsabile anche se prova che lo stato delle conoscenze
scientifiche e tecniche al momento in cui ha messo in circolazione il prodotto non permetteva di
scoprire l'esistenza del difetto.
62 Alpa, Appunti sul quarto progetto di direttiva comunitaria in materia di responsabilità del
fabbricante, in Riv. soc., 1980, 245.
63 Senza contare che, concedendo al produttore la possibilità di avvalersi dell'esimente in
questione, si determinano processi lunghi ed onerosi per il danneggiato sul quale, peraltro,
incomberà l'onere di provare che il produttore non ha, per esempio, sperimentato il prodotto con la
dovuta diligenza. In argomento, v. Barbuto, Responsabilità per prodotti difettosi: il problema del
''rischio da sviluppo' e dello ''stato dell'arte', in Impresa, 1989, 9; Matassa, Esclusione della
responsabilità, cit., 567. 21 astratto e ipotetico: non solamente quello che il pubblico dei consumatori può legittimamente aspettarsi nel contesto delle esperienze e delle conoscenze correnti, ma quello che si aspetterebbe e si attenderebbe se proiettato nel futuro, sulla scorta di un maggior bagaglio di esperienze e conoscenze' 64. Fermo restando quanto precede, un 'altra causa di esclusione della responsabilità del produttore che ha suscitato alcune incertezze è quella concernente l'art. 7 lett. d), secondo cui il produttore può andare esente da responsabilità qualora dimostri che il difetto è dovuto alla conformità del prodotto a regole imperative emanate dai pubblici poteri 65. La ratio della disposizione pare potersi ricondurre alla mancanza di un comportamento colposo da parte del danneggiate, il che ha portato parte della dottrina ha ritenere ''di doversi ricondurre un elemento colposo all'interno di un contesto oggettivo di responsabilizzazione del produttore' 66. Una lettura '' concernente la clausola esonerativa della responsabilità del produttore da ultimo richiamata '' che è stata ritenuta particolarmente convincente è quella secondo cui detta causa debba essere spiegata alla luce del grande sviluppo delle norme giuridiche c.d. tecniche, ossia di quelle disposizioni dirette, appunto, a fornire precise regole per stabilire standard minimi di sicurezza dei prodotti. Sul punto è interessante notare la distinzione tra ''normative tecniche (o regole tecniche) e standard minimi di sicurezza e le conseguenze che da esse 64 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 261.
65 Il caso che ha incitato i consumatori a regolamentare l''ipotesi di danni derivanti da rischio da
sviluppo è quello del talidomide. Ulteriore esempio di rischio da sviluppo che sovente viene
richiamato dagli interpreti è quello concernente il caso Hudecz; si tratta, in particolare, di
un''azione promossa dagli aventi diritto di una donna deceduta a causa di una trombosi
probabilmente causata dagli effetti sconosciuti di determinate pillole contraccettive. La Corte
Suprema norvegese '' con una pronuncia del 14 ottobre 1974 '' ha ritenuto la domanda infondata in
quanto il nesso di causalità tra l''assunzione della pillola ed il danno non era stato adeguatamente
dimostrato. Le medesime considerazioni possono poi valere anche con riferimento ai casi relativi
alle gravi malattie derivanti dall'esposizione all'amianto; nelle suddette controversie, i convenuti si
sono difesi sostenendo che il rischio legato a tale prodotto non era conoscibile prima delle
pubblicazioni che rivelavano la grande pericolosità della sostanza le quali risalivano alla prima
metà degli anni Sessanta. Tuttavia, in realtà, sin dagli anni Venti/Trenta, sussistevano degli studi
che confermavano la pericolosità di detto prodotto, ma tali ricerche erano poco conosciute e
rivelavano il pericolo esclusivamente in presenza di rilevanti dosi ed in particolari lavorazioni.
Ciononostante, occorre considerare che la pericolosità del prodotto era nota già prima che si
venisse a conoscenza della reale portata del rischio connesso a tali prodotti (Matassa, Esclusione
della responsabilità, cit., 1989, 574).
66 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 261. 22 vengono tratte. In particolare, la differenza viene ricondotta al grado di obbligatorietà, in quanto le prime sono regole giuridiche o provvedimenti amministrativi vincolanti nei confronti dei destinatari, mentre i secondi sono regole non obbligatorie emanate da specifici organismi riconosciuti e abilitati. La dottrina ha affermato che la causa esonerativa di cui si è dato conto possa invocarsi esclusivamente qualora il difetto sia dovuto alle modalità costruttive imposte tassativamente dalle norme imperative, mentre una tale possibilità non sussiste nelle ipotesi in cui si è in presenza di standard minimi di sicurezza, previsti dai regolamenti della pubblica autorità; inoltre, si è osservato che, il rispetto di standard minimi presenti nelle norme regolamentari non esenta automaticamente il produttore da responsabilità, mentre la violazione delle disposizioni regolamentari che comporta il mancato rispetto degli standard di diligenza minima, rappresenta di per sé fonte di responsabilità 67. Sul punto, è stato, pertanto, ritenuto che la ratio della disposizione non possa essere quella di influire sulla colpevolezza, ma dovrebbe essere individuata ''nella considerazione di come, lo Stato si assuma il compito di stabilire nei dettagli quali debbano inderogabilmente essere le caratteristiche tecniche di un prodotto'; in tale ottica, non appare irragionevole sostenere che lo Stato medesimo '' e non quindi l'imprenditore '' rappresenti il soggetto che si trova nella migliore condizione per gestire ed ''amministrare' il rischio di danno collegato al prodotto considerato 68. Inoltre, è stato altresì osservato come la tendenza verso l'armonizzazione delle suddette norme tecniche sia stata '' in sede comunitaria '' particolarmente sentita e ciò per lo specifico fine di conciliare, da un lato, la tutela della sicurezza, della salute dei consumatori e dell'ambiente, e, dall'altro lato, l'esigenza di abbattere le c.d. barriere tecniche alla libera circolazioni delle merci 69. 67 Stoppa, Responsabilità del produttore, cit., 134; D'Arrigo, La responsabilità del produttore,
cit., 128.
68 Stoppa, Responsabilità del produttore, cit., 134; D'Arrigo, La responsabilità del produttore,
cit., 128; Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 261.
69 Le norme tecniche comunitarie e nazionali assumo '' al pari delle autorizzazioni od
omologazioni riconosciute dalle autorità pubbliche la funzione di individuare i requisiti minimi di
sicurezza, fermo restando, al di là di detto minimo, la libertà dell''imprenditore di decidere quali
soluzioni tecniche adottare. In argomento, v. Bin, L''esclusione della responsabilità, in La
responsabilità del produttore, a cura di Alpa-Bin-Cendon, Padova, 1989,132, che ricorda come
non possono sorreggere un''eccezione fondata sull''art. 6, lett. d.), né il richiamo a standards
convenzionalmente elaborati tra privati (come, per esempio, quelli compilati dagli istituti di 23 Da ultimo, occorre brevemente ricordare anche la causa di esclusione della responsabilità di cui all'art. 7, lett. f) della direttiva, la quale dà conto del fatto che, spesso, il bene posto sul mercato viene realizzato attraverso l'assemblaggio di parti costruite da vari produttori diversi rispetto a colui che appone il marchio. Tale disposizione, dunque, insieme all'art. 3, comma 1, sancisce la responsabilità di tutti coloro che partecipano al processo produttivo, con la precisazione che la responsabilità del produttore di una componente sussiste solamente qualora il prodotto finale abbia risentito del difetto di quella particolare componente; non sarebbe difatti ragionevole imporre su quest'ultimo una responsabilità per difetti derivanti da cicli produttivi che non rientrano all'interno della sfera di controllo del produttore in questione 70 . Di contro, qualora la difettosità della parte componente si ripercuote sul prodotto finale, è responsabile degli eventuali danni subiti dal consumatore, anche il fabbricante di quest'ultimo prodotto, con la conseguenza che, così procedendo, i danneggiati non avranno il gravoso onere d'identificare i vari soggetti che hanno partecipato alla produzione del bene finale 71 . Il produttore della parte componente, ai fini di andare esente da responsabilità, potrà dimostrare che il proprio prodotto, nel momento in cui è stato posto sul mercato, era privo di difetti, oppure che, qualora il prodotto stesso fosse stato utilizzato in maniera corretta, non avrebbe causato alcun danno. Per quanto concerne, invece, l'esimente prevista nella seconda parte della lett. f. - la quale si riferisce all'ipotesi in cui il difetto derivi dalla conformità alle istruzioni date dal produttore che ha utilizzato la parte componente '' occorre notare quanto segue; qualora il produttore parziale fabbrichi una parte componente sulla base di precise indicazioni fornite dal produttore del bene finale, affinchè tale clausola di esclusione della responsabilità del produttore possa trovare applicazione, occorre che le suddette direttive siano vincolanti e, quindi, non derogabili, atteso che ''la presenza di un ambito di discrezionalità sulle concrete modalità di esecuzione del pezzo, che avrebbe permesso l'eliminazione del difetto, pur nel rispetto delle istruzioni fornite, impedisce ab origine l'esonero

normalizzazione, nelle ipotesi in cui la legge stesse non rinvia a detti parametri), né quello a
condizioni generali di fornitura fissate dalla pubblica amministrazione che non rappresentano
provvedimenti vincolanti sulla base della normativa in questione. Sul punto, v. anche Carnevali, La
norma tecnica da regola di esperienza a norma giuridicamente rilevante. Ricognizione storica e
sistemazione teorica. Ruolo dell'UNI e del CEI, in Resp. civ. e prev., 1997, 257.
70 Matassa, Esclusione della responsabilità, cit., 580.
71 Stoppa, Responsabilità del produttore, cit., 134. 24 da responsabilità del produttore della parte componente' 72. In tale specifico caso, il fabbricante della parte componente (o della materia prima), ai fini di andare esente da responsabilità, dovrà dimostrare la conformità del proprio bene alle istruzioni fornite dal produttore e che il difetto è dovuto a tali istruzioni; il produttore finale (o anche lo stesso danneggiato), ai fini di far dichiarare la responsabilità anche del produttore della parte componente dovranno, a loro volta, provare che il difetto poteva essere evitato, pur nel rispetto delle istruzioni ricevute. Infine, occorre considerare che l''art. 8 della direttiva sancisce il principio per cui la responsabilità del produttore possa essere ridotta o soppressa, tenuto conto delle circostanze, quando il pregiudizio derivi congiuntamente da un difetto del prodotto e dalla colpa del danneggiato o di una persona di cui il danneggiato è responsabile. In tal modo procedendo, dunque, la condotta colposa del danneggiato potrebbe costituire un elemento essenziale ai fini della individuazione di una responsabilità del fabbricante, ossia della sua condotta responsabile e non sembra ridotta esclusivamente ad elemento condizionante solamente l''entità del risarcimento 73. Fermo restando quanto precedentemente esposto occorre, da ultimo, dare brevemente conto anche delle disposizioni finali della direttiva comunitaria in tema di danni da prodotto. In particolare, l''art. 9 sancisce che ''Ai sensi dell'articolo 1, per «danno» si intende: a) il danno causato dalla morte o da lesioni personali, b) il danno o la distruzione di una cosa diversa dal prodotto difettoso, previa detrazione di una franchigia di 500 ECU, purché la cosa i) sia del tipo normalmente destinato all'uso o consumo privato e ii) sia stata utilizzata dal danneggiato principalmente per proprio uso o consumo privato. Il presente articolo lascia impregiudicate le disposizioni nazionali relative ai danni morali'. Con specifico riferimento, invece, agli aspetti ''temporali' della disciplina, è opportuno osservare come, il legislatore comunitario stabilisca un termine di prescrizione uniforme '' ossia tre anni che decorrono dal momento in cui il danneggiato ha avuto o avrebbe avuto conoscenza del danno, del difetto e dell''identità del produttore '' lasciando impregiudicata la specifica normativa relativa alla sospensione e all''interruzione della stessa prescrizione vigente nei 72 D'Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 139.
73 Cafaggi, Profili di relazionalità della colpa, Padova, 1996. 25 diversi Paesi europei. L''art. 11 della direttiva sancisce, poi, l''estinzione dei diritti del danneggiato nel termine di dieci anni che decorrono dalla data in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto 74. Ecco dunque che, è evidente come, in tal modo procedendo, nel caso in cui siano decorsi più di dieci anni dalla messa in circolazione del prodotto, anche qualora il danneggiato non abbia avuto la possibilità di riscontrare il difetto e, pertanto, sia decorso il termine triennale di prescrizione, ''l''interesse alla certezza dei rapporti e al valore di organizzazione dell''impresa induce a salvare il titolare di quest''ultima da qualsiasi successiva richiesta di risarcimento che possa eventualmente ancora pervenirgli' 75. Infine, l'art. 12 stabilisce che la responsabilità del produttore, derivante dalla direttiva in esame non può essere soppressa o limitata con una clausola di limitazione della responsabilità. 3.1. La finalità della direttiva sulla responsabilità del produttore: il ravvicinamento tra le legislazioni nazionali La direttiva comunitaria del 25 luglio 1985, n. 374 76 è nata all''insegna della necessità di realizzare il riavvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per i danni cagionati da prodotti difettosi 77. In particolare, l''esigenza di predisporre 74 In argomento, v. Zauli, La decorrenza del termine di prescrizione nell'illecito per danno da
prodotti, in Resp. civ., 2006, 6, 496; Carnevali, Consegna del prodotto al distributore e "messa in
circolazione" di esso, in Resp. civ. prev., 2006, 5, 830; Trimarchi, La responsabilità del fabbricante
nella direttiva comunitaria, cit., 593; Della Bella, La responsabilità del produttore di tute sportive,
in Resp. civ. e prev., 2005, 1, 217.
75 In tale ottica, si può affermare che, il termine decennale è considerato un termine di garanzia
nell'interesse del produttore. Sul punto, Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 261.
76 Direttiva 85/374/CEE del Consiglio del 25 luglio 1985, sul ravvicinamento delle disposizioni
legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per
danno da prodotti difettosi, modificata dalla direttiva 1999/34/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 10 maggio 1999.
77 In generale, su questo argomento, v. ex multis, Arrigo, La responsabilità del produttore: profili
dottrinali e giurisprudenziali dell''esperienza italiana, Milano, 2006; Cafaggi, La responsabilità
dell''impresa per i prodotti difettosi, in Trattato di diritto privato europeo, a cura di Lipari, vol. IV,
3° ed., Padova, 2003, 515; Ponzanelli, Responsabilità del produttore, sintesi d''informazione, in
Riv. dir. civ., 2000, 6, II, 13; Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, a cura di Toriello,
Milano, 1999; Ponzanelli-Owen, La responsabilità del produttore negli Stati Uniti d''America, in
Danno e resp., 1999, 1065; De Strobel, Note in tema di responsabilità del produttore, in Dir. ed
econ. ass., 1999, I, 246; Franzoni, Dieci anni di responsabilità del produttore, in Danno e resp.,
1998, 823; Stoppa, Responsabilità del produttore, in Digesto civ., Torino, 1998, vol. XVII, 119;
Serio, Metodo comparatistico e responsabilità del produttore nel diritto comunitario, in Riv. dir.
civ., 1996, 4, 469; Cossu, Sicurezza del prodotto e uso prevedibile, in Danno e resp., 1996, I, 307; 26 regole uniformi in materia di responsabilità del produttore rispondeva allo specifico bisogno di eliminare le disparità normative esistenti all''interno dei singoli Stati le quali, infatti, potevano contribuire a falsare il gioco della concorrenza e pregiudicare la libera circolazione delle merci all''interno del mercato comune 78, determinando, peraltro, disparità nel grado di protezione del consumatore contro i danni causati alla salute e ai suoi beni da un prodotto difettoso 79. La direttiva, tuttavia, oltre a perseguire il suddetto obiettivo di riavvicinamento delle legislazioni nazionali in materia di danni derivanti da prodotti difettosi, doveva anche rispondere alla finalità di tutelate le ragioni dei consumatori 80. Ciononostante, analizzando soprattutto le decisioni della Corte di giustizia - la quale è stata chiamata ad intervenire in varie occasioni al fine di chiarire il campo di applicazione della direttiva comunitaria ed i termini con cui il suddetto
De Berardinis, La responsabilità extracontrattuale per danno da prodotti difettosi, in Resp. civ. e
pre., 1996, I, 675; Ponzanelli, Diritto europeo, diritto comunitario e diritto comparato: il caso
della responsabilità civile, in Studi in memoria di Gino Gorla, Milano, 1994, 1510; Roppo, Linee
di evoluzione della responsabilità civile dell''impresa, in Studi in onore di Rodolfo Sacco, Milano,
1994, 995; Calvino, La responsabilità del produttore e i coobbligati solidali, in Dir. ed econ. ass.,
1993, I, 735; Ghidini, Responsabilità per danno da prodotti: quando un prodotto può dirsi
''difettoso', in Giur. merito, 1992, I, 437; Alpa-Carnevali-Di Giovanni-Ghidini-Ruffolo-Verardi,
La responsabilità per danno da prodotti difettosi, Milano, 1990.
78 Infatti, l''esistenza di differenti soluzioni, in materia di responsabilità per danno da prodotti
difettosi, nei diversi Paesi che operavano all''interno dello stesso Spazio economico europeo
comportava che vi fossero Stati dove i produttori fossero più esposti ad azioni di responsabilità da
parte dei consumatori, con la conseguenza che, chi operava all''interno di tali Stati ricorreva con
maggiore frequenza all''assicurazione per la responsabilità civile e riversava pertanto, costi più
elevati sul prodotto finale.
79 Così recita il primo considerando. In argomento, v. Cafaggi, Danno al prodotto e funzioni della
responsabilità del produttore, in Riv. crit. dir. priv., 1998, 561.
80 D''altra parte, se si confronta la direttiva del 1985 con la proposta presentata al Consiglio nel
1976 (l''art. 1 della suddetta proposta sanciva, infatti, che il produttore di una cosa mobile è
responsabile del danno cagionato da un difetto della cosa, a prescindere dal fatto che egli fosse a
conoscenza del difetto o che sarebbe pertanto potuto esserne a conoscenza. Il produttore è
responsabile anche se la cosa, in base allo stato di avanzamento della tecnica e della scienza nel
momento in cui egli l''ha messa in circolazione, non poteva essere considerata difettosa; inoltre
l'art. 5 prevedeva soltanto due ipotesi di esclusione della responsabilità: il fatto che il produttore
avesse messo in circolazione prodotto e il fatto che il difetto non fosse presente al momento della
messa in circolazione del prodotto stesso) emerge chiaramente come, gli intenti e la finalità iniziali
della direttiva siano stati stravolti e ciò probabilmente a causa delle forti associazioni di categoria e
imprenditoriali nonché di alcuni orientamenti dottrinali che si opponevano al ricorso ad un
modello di responsabilità oggettiva eccessivamente rigido. 27 testo dovesse essere interpretato dai singoli tribunali nazionali 81 '' emerge come, in realtà, si sia voluto favorire il processo di armonizzazione 82 delle diverse discipline nazionali a discapito, invece, dell''esigenza di apprestare una maggiore tutela al consumatore danneggiato. Al riguardo è opportuno segnalare le tre pronunce della stessa Corte di giustizia emesse il 25 aprile 2002 83 , ed in particolare Commissione versus 81 V., per esempio, Corte giust. CE, 9 febbraio 2006, C-127/94, in Resp. civ. e prev., 2006, 826,
che ha chiarito come l''art. 11 della direttiva deve essere interpretato nel senso che un prodotto è
messo in circolazione allorchè è uscito dal processo di fabbricazione messo in atto dal produttore
ed è entrato nel processo di commercializzazione in cui si trova; Corte giust. CE, 10 gennaio 2006,
C-402/03, in Foro it., 2006, 328, secondo cui le regole comunitarie della responsabilità civile del
produttore riguardano il produttore del bene e il distributore risponde esclusivamente nell''ipotesi
in cui il fornitore stesso abbia celato la l''identità del fabbricante; infine, si veda Corte giust. CE, 2
dicembre 2009, C-358/2009, in Resp. civ. e prev., 2010, 10, 2009, con nota di Venchiarutti,
Pruduct Liability e armonizzazione del diritto comunitario: le indicazioni della Corte di giustizia e
le soluzioni della Supreme Court of United Kingdom; Corte giust. CE, 4 giugno 2009, C-
285/2009, in Foro it., 2009, 10, IV, 441, secondo cui i danni provocati da una cosa destinata ad
uso professionale ed utilizzata in tal senso non rientrano nell''ambito di applicazione della direttiva
(tuttavia '' specificano i giudici di Lussemburgo - ciò non impedisce di applicare un regime di
responsabilità corrispondente a quello instaurato dalla direttiva stessa, interpretando un diritto
nazionale ovvero applicando una giurisprudenza interna consolidata in base alla quale il
danneggiato può chiedere il risarcimento del danno cagionato, qualora detto danneggiato fornisca
solamente la prova del danno, del difetto del prodotto e del nesso causale tra il suddetto difetto ed
il danno).
82 Sembra, infatti, che il legislatore comunitario nell''elaborare un modello unico di responsabilità
del produttore allo scopo di eliminare gli ostacoli alla libera circolazione delle merci e di favorire
la concorrenza tra le imprese comunitarie, abbia subito maggiori condizionamenti dalle esigenze
del mondo imprenditoriale che non dalle aspettative dei consumatori danneggiati, tanto che gli
stessi autori della direttiva hanno preferito, in alcuni specifici casi, abbassare la soglia di
protezione del consumatore rispetto alle soluzioni proposte dalla giurisprudenza e dalla dottrina di
alcuni Stati membri.
83 Prima delle tre decisioni del 25 aprile 2002, la Corte di giustizia si era pronunciata sulla
direttiva solamente in tre occasioni: a) Corte giust. CE, 10 maggio 2001, C-203/99, Veedfald, in
Raccolta, 2001, I, 3569 (annotata da Bastianon, La responsabilità dell''ente ospedaliero alla luce
della normativa comunitaria in tema di prodotti difettosi, in Resp. civ., 2001, 843), con la quale è
stato statuito che un prodotto difettoso si considera messo in circolazione quando è utilizzato in
occasione della prestazione concreta di un servizio medico consistente nel preparare un organo
umano per il suo trapianto ed il danno causato a tale organo è conseguente alla suddetta
preparazione, e che l''esenzione della responsabilità per mancanza di attività a scopo economico o
di attività professionale non si applica al caso di prodotto difettoso fabbricato ed usato nell''ambito
di una professione medica interamente finanziata con fondi pubblici e per la quale il paziente non
deve versare alcun corrispettivo) e b) Corte giust. CE, 29 maggio 1997, C-300/95, Commissione c.
Regno Unito, in Foro it., 1997, IV, 387, con nota di Ponzanelli, Regno Unito, Corte di giustizia ed
eccezione della ''state of art'; in Danno e resp., 1997, 569, con nota di Bastianon, La Corte di
giustizia Ce e la responsabilità del produttore; in Corr. giur., 1997, 1387, con nota di Di Nepi,
''Danno da sviluppo' e responsabilità del produttore; in Dir. scambi int., 1998, 367, con nota di
Oddo, Responsabilità del produttore e direttiva 85/374/Cee: lo stato delle conoscenze scientifiche
e tecniche quale causa di esclusione della responsabilità nella interpretazione della Corte di 28 Francia 84 e in (3) Commissione versus Grecia85 e, infine la decisione pronunciata nei confronti della Spagna 86, le quali, se da un lato, hanno avuto il merito di voler perseguire lo scopo diretto a ravvicinare le legislazioni dei diversi Paesi, dall''altro lato, tuttavia, tali sentenze, evidenziando come la soglia di protezione fissata dal Consiglio d''Europa non possa essere superata dall''autonomia legislativa dei singoli Stati membri, forniscono una soluzione interpretativa diretta a sacrificare gli interessi dei consumatori medesimi a discapito del conseguimento del
giustizia; in Nuova giur. civ. e comm., 1999, I, 90, con nota di Toriello, Il consumer protection act
1987 al vaglio della Corte di giustizia, con la quale è stato respinto il ricorso proposto dalla
Commissione contro il Regno Unito, ed è stata realizzata la compatibilità con la direttiva della
norma britannica in base alla quale il produttore citato in giudizio va esente da responsabilità
qualora dimostri che lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti al momento della
verificazione del danno non permettevano di aspettarsi, da un produttore di un bene del genere di
quello in causa, che egli avrebbe potuto scoprire il difetto esistente nei suoi prodotti durante il
periodo di permanenza degli stessi nella sua sfera di controllo; c) Corte giust. CE, 13 gennaio
1993, C-293/91, in Raccolta, 1993, I, 1, Commissione c. Francia, con la quale la Repubblica
Francese è stata dichiarata inadempiente all''obbligo di conformarsi alla direttiva, sebbene il
termine per l''attuazione del testo comunitario fosse scaduto il 30 luglio 1988.
84 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, in Danno e resp., 2002, 720, con nota di Ponzanelli;
in Resp. civ. e prev., 2002, 979; in Danno e resp., 2003, 4, 374, con nota di Arbour, Corte di
giustizia e protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione della Direttiva CEE/374/85;
in Foro it., 2002, IV, 294, in Corr. giur., 2002, 9, 1140, secondo cui la Repubblica francese,
''avendo incluso, all''art. 1386-2 c.c., i danni inferiori a 500 Euro; avendo ritenuto, all''art. 1387-7
comma 1 del suddetto codice che il distributore di un prodotto difettoso sia responsabile in ogni
caso e allo stesso titolo del produttore, e avendo previsto, all''art. 1386-12 comma 2 del suddetto
codice che il produttore debba provare di avere adottato le norme atte a prevenire le conseguenze
di un prodotto difettoso al fine di poter avvalersi delle cause di esonero previste dall''art. 7 lett. d)
ed e) della direttiva del Consiglio del 25 luglio 1985, n. 85/379/Cee, relativa al ravvicinamento
delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri in materia di
responsabilità per danno da prodotti difettoso, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in
forza, rispettivamente, degli art. 9 comma 1, lett. b), 3 n. 3 e 7 della suddetta direttiva. Tali articoli
sono stati successivamente modificati dalla legge 9 dicembre 2004, n. 1343 (sul punto, v. Le
Tourneau, «Responsabilité des vendeurs et des fabricants», 4e éd., Dalloz, 2011, 68; Collart
Dutilleul, Delebecque, «Contrats civils et commerciaux», 8e éd., Dalloz, coll. « Précis », 2007,
263).
85 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-154/00, in Resp. civ. e prev., 2002, 979, ai sensi della quale
''La Repubblica ellenica, non avendo previsto nella legge nazionale di trasposizione della direttiva
85/374/Cee, la franchigia di euro 500 stabilita dall'art. 9 comma 1 lett. b), di tale direttiva, è venuta
meno agli obblighi che le incombono in forza di tale disposizione'.
86 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-183/00, in Nuova giur. civ. e comm, 2003, I, 119; in Dir.
scambi int., 2002, 517. In tale occasione, la Corte di giustizia afferma che, l''art. 13 della direttiva
del Consiglio 25 luglio 1985 n. 85/374/Cee, relativa al ravvicinamento delle disposizioni
legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per
danno da prodotti difettosi, deve essere interpretato nel senso che i diritti attribuiti dalla normativa
di uno Stato membro ai danneggiati a causa di un prodotto difettoso, in forza di un regime generale
di responsabilità basato sullo stesso fondamento della disciplina attuata dalla suddetta direttiva,
possono essere limitati o ristretti in seguito al recepimento di quest'ultima nell'ordinamento
giuridico interno del suddetto Stato. 29 prioritario obiettivo di realizzare il riavvicinamento delle singole legislazioni nazionali in materia di responsabilità per danni da prodotti difetttosi 87; in tutti e tre i casi 88 sottoposti all''esame della Corte di giustizia, infatti, i giudici di Lussemburgo hanno basato la loro motivazione ritenendo che "il margine discrezionale di cui dispongono gli Stati membri al fine di disciplinare la responsabilità per danno da prodotti difettosi è totalmente determinato dalla direttiva stessa, e deve essere dedotto dal tenore letterale, dalla finalità e dall'economia di quest'ultima" 89. Più specificatamente, analizzando le sopra citate pronunce della Corte di giustizia, è dato rilevare che, nella decisione resa al termine del procedimento di infrazione promosso dalla Commissione contro la Francia 90, la stessa Corte di giustizia affermava che la Repubblica francese non aveva correttamente trasposto nel proprio ordinamento giuridico la direttiva 85/374 in materia di responsabilità da prodotti difettosi con la conseguenza che, in tal modo procedendo, tale Stato era venuto meno ai propri doveri derivanti dall'appartenenza all'Unione europea. In particolare, gli addebiti che venivano mossi alla Francia erano tre: di aver previsto il medesimo regime di responsabilità per il produttore e per il distributore di un prodotto difettoso 91; e di aver subordinato l'operatività delle cause di esonero 87 Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della
responsabilità del produttore, in Danno e resp., 2002, 720; Palmieri-Pardolesi, Difetti del prodotto
e del diritto privato europeo, in Foro it., 2002, IV, IV, 294; Bastianon, Responsabiltà del
produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il consumatore', in Resp. civ. e prev., 2002, 4-5,
979.
88 La composizione dei tre Collegi che si sono pronunciati sulle vicende illustrate è in gran parte
coincidente, rimanendo inalterata tanto nella persona del presidente/relatore quanto in quella dei
giudici (anche l'avvocato generale che presenta le conclusioni è lo stesso in tutti e 3 i casi).
89 In tale ottica, si è ritenuto che, secondo la Corte di giustizia la direttiva in questione si presenta
''come un "prendere o lasciare" (anzi, solo "prendere", visto che gli Stati membri hanno l'obbligo
di conformarsi ad essa) senza possibilità di modifiche e di ampliamenti di tutela (Lenoci, Luci ed
ombre della normativa europea in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, in
Nuova giur. civ. e comm., 2003, 134).
90 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-52/00, cit.
91 In particolare, per quanto riguarda la responsabilità di soggetti diversi dal produttore, ai sensi
dell''art. 3, n. 3 della direttiva, quando non può essere individuato il produttore del prodotto, si
considera tale ogni fornitore, a meno che quest'ultimo comunichi al danneggiato l'identità del
produttore o della persona che gli ha fornito il prodotto entro un termine ragionevole. Ecco dunque
che, a livello comunitario, la responsabilità del distributore si configura come una responsabilità
sussidiaria rispetto a quella del produttore. Per contro, l'art. 1386-7 c.c. sancisce che il venditore, il
locatore ed ogni altro fornitore esercente un'attività professionale è responsabile per ogni difetto di
sicurezza del suo prodotto alle stesse condizioni del produttore. Secondo la Francia, peraltro, la
suddetta divergenza della legge di attuazione rispetto alla direttiva comunitaria sarebbe soltanto 30 della responsabilità del produttore di cui all'art. 7, lett. d) ed e) della direttiva a condizioni non contemplate dalla disciplina comunitaria 92; e di non aver previsto la franchigia di 500 Euro per quanto riguarda i danni risarcibili 93.
formale in quanto la norma francese non esclude la possibilità per il fornitore citato in giudizio di
chiamare in garanzia il produttore. Tuttavia, è evidente che, così procedendo, l'ordinamento
giuridico francese favorisce quel moltiplicarsi delle azioni giudiziarie che l'azione diretta del
danneggiato contro il produttore prevista dalla direttiva ha proprio lo specifico scopo di evitare.
Sotto questo specifico profilo, pertanto, secondo la Corte di giustizia, la censura mossa dalla
Commissione merita accoglimento. In seguito, la Corte giust. CE, 14 marzo 2006, C-177/2004, per
la mancata esecuzione della sentenza del 25 aprile 2002, C-52/00, in Foro it., 2006, IV, 317, con
nota di Bitetto ha condannato la Repubblica francese a pagare un''indennità di mora per ogni
giorno di ritardo nell''esecuzione della citata sentenza, in quanto la Francia aveva continuato a
considerare il fornitore del prodotto difettoso responsabile allo stesso titolo del produttore, qualora
quest''ultimo non potesse essere identificato, anche quando il fornitore avesse indicato al
danneggiato, entro un termine ragionevole, l''identità di colui che gli ha fornito il prodotto (v.
Pugnet, «La réglementation de la sécurité des produits: un risque pour l'entreprise», Contrats
Concurrence Consommation, n° 10, oct. 2009, étude 10).
92 Per quanto concerne la censura relativa alla non corretta trasposizione delle cause di esonero
della responsabilità previste dall'art. 7, lett. d) e e) della direttiva, veniva contestato che la
normativa francese di recepimento subordina l'operatività di tali cause di esonero della
responsabilità al rispetto da parte del produttore di un obbligo di controllo del prodotto. Ai sensi
dell'art. 1386-11 c.c., infatti, il produttore è pienamente responsabile se non può provare che lo
stato delle conoscenze scientifiche e tecniche al momento in cui ha messo in circolazione il
prodotto non permetteva di scoprire l'esistenza del difetto ovvero che il difetto è dovuto alla
conformità del prodotto a regole imperative emanate dai pubblici poteri. Inoltre, l''art. 1386-12
precisa che il produttore non può invocare dette clausole di esonero se, in presenza di un difetto
emerso entro dieci anni dall'immissione in circolazione del prodotto, non ha adottato le
disposizioni idonee a prevenirne le conseguenze dannose. Il giudice comunitario rileva che la
possibilità offerta agli Stati membri di escludere l'operatività dell'esonero della responsabilità in
caso di rischi da sviluppo deve essere interpretato restrittivamente, nel senso che agli Stati membri
è concessa soltanto la possibilità di avvalersi o meno di detta clausola di esonero, e non anche
quella di modificare i presupposti di applicazione di tale clausola di esclusione della responsabilità
del produttore.
93 Con riferimento alla questione della mancata previsione della franchigia di 500 Euro, il
governo francese si è difeso sostenendo l'illegittimità della previsione comunitaria che prevede
detta franchigia in quanto, da un lato, violerebbe il diritto fondamentale alla tutela giurisdizionale
riconosciuto dalla stessa Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo, mentre,
dall'altro, determinerebbe una disparità di trattamento sia tra i danneggiati sia tra i produttori. La
previsione a livello comunitario di una franchigia di 500 Euro per quanto concerne la
determinazione dei danni risarcibili, non rappresenta un''inammissibile restrizione del diritto alla
difesa, ma costituisce solamente la conseguenza di una decisione presa dal legislatore comunitario
e finalizzata ad evitare il proliferare di un numero eccessivo di controversie concernenti danni di
lieve entità, all''interno di un complesso procedimento di valutazione comparativa dei contrapposti
interessi tra cui si ricordano, la tutela di una concorrenza non falsata, la facilitazione degli scambi
commerciali tra Stati membri, la tutela del consumatore e la salvaguardia della buona
amministrazione della giustizia. L''art. 29 della legge del 9 dicembre 2004, n. 1343 ha modificato
l''art. 1386-2, il quale stabilisce che le disposizioni di attuazione della direttiva si applicano ''à la
réparation du dammage supérieur à un montant déterminé par décret, qui résulte d''une atteinte à
un bien autre que le produit défectueux lui-même'; in tal modo si è inserito nella disciplina 31 Con particolare riferimento a quest''ultima problematica '' ossia quella relativa alla previsione della franchigia - la causa promossa contro la Francia 94 coincideva con quella instaurata nei confronti della Grecia 95; in entrambi i casi i collegi giudicanti hanno deciso di porre in essere una lettura strettamente formalistica del testo comunitario 96 , ritenendo che l'istituzione del regime di responsabilità civile armonizzato non lasciava agli Stati membri margini per discostarsi dalle disposizioni contenute nella direttiva stessa, al di là delle deroghe tassativamente previste 97. Posto poi che, tra queste deroghe non era contemplata l'eliminazione della suddetta franchigia (e neanche le altre diposizioni introdotte
francese la previsione di un ''montant' in modo da escludere il risarcimento per i danni d''importo
inferiore a quello fissato con apposito decreto.
94 Sulla legge francese n. 98/389 del 19 maggio 1998, di adozione della direttiva 85/374/CEE, v.
Cerini, Riflessioni sulla legge francese in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi,
in Dir. ed econ. ass., 1999, 2-3, 567; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della
responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', in Riv. dir. impr., 1999, 263;
Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto difettoso, in Danno e resp., 1999,
383; Chabas, Brevi osservazioni sulla legge francese del 19 maggio 1998, relativa alla
responsabilità per prodotti difettosi, in Resp. civ. e prev., 1998, 1252; Alpa, Nota sintetica sulla
legge francese in tema di responsabilità per prodotti difettosi, ibidem, 1255.
95 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-154/00, cit.
96 In tutte e tre le pronunce, infatti, la Corte di giustizia giustifica l'esclusione di qualsiasi margine
di discrezionalità degli Stati membri in sede di attuazione della direttiva richiamandosi all''art. 100
del Trattato CEE (divenuto, ora, art. 94 del Trattato CEE), relativo al riavvicinamento delle
disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri che abbiano
un'incidenza diretta sull'instaurazione o sul funzionamento del mercato comune: tale norma,
secondo la Corte, si differenzia dall'articolo del Trattato CE '' divenuto, poi, art. 95 CE - che è
stato introdotto successivamente all'adozione della direttiva e che riserva la possibilità di talune
deroghe in sede di trasposizione interna; conseguentemente, dato che la direttiva del 1985 è stata
ammessa in base proprio all'art. 100 Trattato CEE (ora art. 94 CE) dovrebbe escludersi qualsiasi
possibilità di deroga da parte degli Stati membri in sede di attuazione della direttiva medesima.
Tale ragionamento, se da un punto di vista formale potrebbe anche essere corretto, tuttavia non si
pone in linea con l'evoluzione del diritto comunitario in materia di tutela dei consumatori. Inoltre,
è stato osservato che il richiamo all''art. 100 del Trattato come base giuridica della direttiva ''altro
non rappresentava per il legislatore del tempo un escamotage volto ad aggirare l''assenza di una
norma che consentisse alla Comunità di legiferare in materia di tutela consumeristica' (Conti,
Corte di giustizia e responsabilità del produttore. Un passo avanti e (tre) passi indietro nella
tutela del consumatore, cit., 1151).
97 Al riguardo è opportuno segnalare come la direttiva abbia teso ad armonizzare i principi
comuni del diritto nell'ambito dei prodotti difettosi conferendo, però, ai legislatori nazionali ''un
margine discrezionale necessario al fine di raccoglierne il consenso' (Arbour, Corte di giustizia e
protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione della Direttiva CEE/374/85, cit., 375).
Inizialmente, una delle opzioni consentite ai legislatori nazionali era quella di cui all''art. 15 lett. a)
concernente l''estensione dell''ambito di applicazione della direttiva ai prodotti agricoli, del suolo,
dell''allevamento, della pesca e della caccia. La suddetta discrezionalità, tuttavia, è venuta meno
successivamente alla direttiva 1999/34/CE , attuato in Italia con il d. leg. 25/01 (in argomento, v.
Ponzanelli, Estensione della responsabilità oggettiva anche all''agricoltore, all''allevatore, al
pescatore e al cacciatore, in Danno e resp., 2001, 792). 32 dal legislatore francese in sede di attuazione della direttiva stessa), ne conseguiva che, il beneficio concesso dai legislatori francesi e greco ai consumatori doveva essere '' secondo la stessa Corte di Giustizia - inevitabilmente revocato 98. Richiamate brevemente le sentenze emesse dalla Corte di giustizia contro la Francia e la Grecia, è, però, in questa sede opportuno ricordare che, in realtà, la pronuncia più importante diretta a testimoniare come la stessa Corte di giustizia tenda, di fatto, a favorire un''interpretazione formalistica della stessa direttiva finalizzata a garantire l''effettivo riavvicinamento delle legislazioni dei singoli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi anche a discapito del perseguimento dell''effettivo interesse del consumatore, è quella concernente un caso di rinvio pregiudiziale da parte dell''Autorità giudiziaria spagnola 99. In tale occasione, infatti, la stessa Corte di giustizia ha chiarito, una volta per tutte, la ''vera identità' della disciplina comunitaria introdotta nel 1985 100 e, attraverso tale decisione, la stessa Corte di giustizia, ha specificato, come, proprio ai fini di perseguire l''obiettivo dell''armonizzazione, la tutela del consumatore non possa essere rafforzata dai singoli Stati membri al momento della recezione della direttiva medesima, atteso che '' secondo i giudici lussemburghesi - la soglia di protezione fissata dal Consiglio d''Europa non può essere certamente superata dall''autonomia legislativa dei singoli Paesi membri 101. La decisione richiamata riguardava, in particolare, la portata applicativa dell'art. 13 della direttiva 102e affrontava la problematica concernente il rapporto tra i diritti attribuiti dalla direttiva e quelli riconosciuti dagli Stati membri nazionali a favore del consumatore e della possibilità che tali ultimi diritti potessero essere compressi e/o eliminati dalla direttiva comunitaria stessa 103. 98 Palmieri-Pardolesi, Difetti del prodotto e del diritto privato europeo, cit., 294.
99 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-183/00, cit.
100 Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della
responsabilità del produttore, cit., 720.
101 I principi appena enunciati sono stati ulteriormente confermati in una importante decisione
della Cassazione in materia di danno da farmaci (Cass. 31 marzo 2011, n. 7441, in Resp. civ. e
prev., 2011, 158, con nota di Carnevali, Farmaci difettosi e autorizzazione ministeriale).
102 Ai sensi del quale i diritti che il danneggiato può esercitare in base al diritto relativo alla
responsabilità contrattuale o extracontrattuale o in base ad un regime speciale di responsabilità
esistente al momento della notifica della direttiva, non vengono pregiudicati dalla direttiva stessa.
103 Il caso sottoposto all'attenzione della Corte di giustizia è il seguente. Per ottenere il
risarcimento del danno sofferto a seguito di una trasfusione di sangue che avrebbe causato un 33 In tale sede, dunque, la Corte di giustizia ha affermato che, proprio al fine di attuare il massimo livello di armonizzazione, ogni ''passo in avanti dei singoli legislatori nazionali volto ad assicurare una maggiore protezione della posizione del consumatore dev'' essere immediatamente fermato' 104 , atteso che, diversamente ragionando '' ossia ammettendo la possibilità per i legislatori dei singoli Stati membri di derogare alla direttiva in modo da tutelare maggiormente il consumatore '' tale atteggiamento ostacolerebbe quel processo di armonizzazione del diritto della responsabilità civile nel settore della produzione dei prodotti di consumo. Secondo la Corte di giustizia, infatti, la direttiva non rappresenta solamente un armonizzazione minima delle legislazioni degli Stati membri che consente a questi ultimi di mantenere disposizioni ancor più favorevoli in materia di tutela dei consumatori 105; in tale ottica, dunque, l''art. 13 (ai sensi del quale, appunto, la direttiva lascia impregiudicati i diritti che il danneggiato può esercitare in base al diritto relativo alla responsabilità contrattuale o extracontrattuale o in base ad un regime speciale di responsabilità esistente al momento della notifica della direttiva) del testo comunitario assicura soltanto la sopravvivenza di regimi
contagio dal virus dell'epatite C, una donna chiedeva l'applicazione della disciplina antecedente
alla direttiva (l. 26/84, Ley General para la Difesa de los Consumidores y Usuarios) la quale era
idonea ad offrire al consumatore una tutela maggiore rispetto alle legge spagnola di attuazione
della direttiva 85/374 (l. 22/94, Ley de Responsabilidad civil por daños causados por productos
defectuosus. Sulla normativa vigente in Spagna, v. Jimenez De Parga Cabrera, Analisi della legge
spagnola del 6 luglio 1994 sulla responsabilità civile da prodotti difettosi, in Contr. e impr. Eur.,
1995, 605; Cervetti, La nuova legge spagnola sulla responsabilità del produttore, in Riv. dir.
comm, 1996, I, 307; Alvarez Vega, La responsabilità del produttore nel diritto spagnolo ''
Problemi di assi curabilità dei rischi di sviluppo, in Dir. ed econ. ass., 1997, 551). Costituitosi in
giudizio, l'ospedale chiedeva, invece, l'applicazione della legge 22/94 la quale, però, non forniva al
consumatore lo stesso grado di tutela previsto nella precedente disciplina (ossia nella l. 26/84).
Ecco dunque che, il caso veniva sottoposto la Corte di giustizia per un'interpretazione giudiziale
sulla portata dell'articolo 13 della direttiva. In tale occasione la stessa Corte di giustizia ha
specificato che '' l'articolo 13 della direttiva assicura soltanto la sopravvivenza di regimi generali
fondati su elementi diversi (in particolare, la colpa), e di regimi speciali limitati ad uno specifico
settore produttivo; dato che, pertanto, il regime di responsabilità previste dalla legge spagnola del
1984 era un regime fondato essenzialmente sull'imputazione oggettiva della responsabilità per
danni, tale disciplina, seppure più ampia e maggiormente tutelante per il danneggiato, non trovava
applicazione nel caso di specie, dovendosi comunque seguire i criteri di responsabilità indicati
nella direttiva stessa anche se più restrittivi.
104 Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della
responsabilità del produttore, cit., 720.
105 In altre parole, secondo l'interpretazione della Corte di giustizia, gli Stati membri possano
derogare alle disposizioni previste dalla direttiva comunitaria solamente nei casi in cui la stessa
direttiva abbia espressamente permesso l'esercizio di tale opzione e questo non concerne i settori
nei confronti dei quali è stato attivato il procedimento davanti alla stessa Corte di giustizia. 34 generali di responsabilità fondati su elementi diversi (in particolare sull'imputazione per colpa, la garanzia dei vizi occulti) e di regimi speciali limitati ad uno specifico settore produttivo 106. Alla luce delle considerazioni sopra esposte, è evidente come, attraverso le pronunce esaminate, l'interesse dei consumatori veniva posto in secondo piano rispetto alla principale e prioritaria necessità di perseguire il riavvicinamento delle legislazioni nazionali in materia di responsabilità per danni da prodotti difettosi 107; seguendo il ragionamento dei giudici di Lussemburgo, infatti, i consumatori stessi non possono più contare sulla sopravvivenza di legislazioni nazionali in grado di assicurare un adeguato livello di tutela in tutte le ipotesi in cui tali legislazioni sono dirette a disciplinare la medesima materia regolata dalla direttiva 108. 106 In conclusione, dunque, si può affermare che, in realtà una base minima di tutela della
responsabilità del produttore che può far sopravvivere le singole legislazioni nazionali, qualora più
favorevoli, ma il testo comunitario sembra avvicinarsi ad un ''diritto comune del danno da
prodotti' disapplicabile esclusivamente in presenza di speciali norme di legge le quali si discostino
dalla direttiva in relazione a particolari categorie di prodotti o di produttori o di consumatori
(Galgano, Responabilità del produttore, in Contr. e impr., 1986, 1014). In argomento, v.
SIMONINI, La responsabilità da prodotto e l''interpretazione conforme al diritto comunitario, in
Contr. e impr., 2013, 220, ove si afferma che ''mentre non vi è inconciliabilità tra la normative
sulla responsbailità da prodotto e la responsabilità aquiliana, perchè la prima si baa, quanto al
criterio di Imputazione, sulla responsabilità oggettiva e la seconda sulla colpa, non pare esservi
dubbio sulla inconciliabilità tra la responsabilità da prodotto introdotta dalla direttiva e la
responsabilità da attività pericolosa dell''art. 2050 c.c., basandosi entrambe sul medesimo criterio
di imputazione (oggettivo)'' ''Si trae la conclusion che se in un caso di responsabilità da prodotto
(messo in circolazione da un fabbricante) il giudice applicasse la fattispecie di cui al''art. 2050 c.c.,
non consentendo al fabbricante medesimo la prova liberatoria della direttova n. 85/374/Cee, frebbe
un''appliccazione difforme del diritto comunitario. Secondo il diritto comunitario la fattispecie del
danno provocato dal medesimo all''esterno ' , basata su un criterio di imputazione oggettivo, è
unicamente regolata dalla direttiva n. 85/374/Cee, la quale tiene già conto della possibile
esplicazione pericolosa del bene la quale, nei rapporti con la P.A., andà valutata secondo la
direttiva n. 2001/95/Ce che si coordina con la prima'.
107 Benacchio, Diritto privato della Comunità europea '' Fonti, modelli, regole, Padova, 4° ed.,
2008, 381, secondo cui la direttiva, in realtà, ''ha poco armonizzato' e ''ha creato i presupposti per
un aggravamento della posizione del danneggiato a vantaggio di una migliore precisazione dei
contorni dell''area della responsabilità del produttore. In argomento, v. anche Ponzanelli,
Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della responsabilità del
produttore, cit., 720, secondo cui le sopra citate sentenze della Corte di giustizia "erano largamente
prevedibili' in quanto, a ben guardare, le condizioni dei consumatori (e, quindi, la necessità di
evitare le differenze di tutela tra i soggetti appartenenti a Stati diversi) veniva messa in secondo
piano rispetto all'obiettivo primario rappresentato dalla finalità di garantire una concorrenza non
falsata tra gli operatori economici e di agevolare la libera circolazione dei prodotti, già nelle
motivazioni poste alla base della direttiva del 1985.
108 Infatti, sulla base del superiore interesse alla c.d. armonizzazione normativa si preclude la
possibilità per i singoli Stati di derogare alla disciplina della direttiva non solo in peius, ma anche
in melius così che, di fatto, si legittimano delle limitazione dei diritti dei consumatori 35 Sotto questo specifico profilo la soluzione accolta dalla Corte di giustizia non sembra del tutto condivisibile 109, atteso che ritenere che a livello interno la tutela del consumatore non può trovare una maggiore protezione rispetto a quella prevista dalla direttiva, oltre a non porsi in linea con quanto disposto nei considerando del testo comunitario stesso (nonché con la medesima trama precettiva della direttiva, nella quale si rinvengono, infatti, precisi riferimenti dai quali desumere la diretta rilevanza della tutela del consumatore rispetto alla difettosità del prodotto) 110, sembra contrastare anche con la generale tendenza delle stessa Corte di giustizia sempre più diretta ad affermare una difesa a tutto campo della tutela consumeristica 111 . Inoltre, è stato evidenziato come, se le
eventualmente presenti all'interno dei singoli ordinamenti (Lenoci, Luci ed ombre della normativa
europea in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 134; Conti, Corte di
giustizia e responsabilità del produttore. Un passo avanti e (tre) passi indietro nella tutela del
consumatore, in Corr. giur., 2002, 1144). Tuttavia, qualora si tratti di danni che non rientrano
nell''ambito di applicazione della direttiva (come, per esempio, i danni provocati da una cosa
destinata ad uso professionale ed utilizzata in tal senso) la Corte di giustizia ha specificato che il
testo comunitario deve essere interpretato nel senso che esso non osta ''all'interpretazione di un
diritto nazionale ovvero all'applicazione di una giurisprudenza interna consolidata secondo cui il
danneggiato può chiedere il risarcimento del danno cagionato, qualora detto danneggiato fornisca
solamente la prova del danno, del difetto del prodotto e del nesso causale tra il suddetto difetto ed
il danno (Corte di giustizia CE 4 giugno 2009, C-285/2009, in Foro it., 2009, 10, IV, 441).
109 Tale soluzione è stata anche confermata da Corte giust. CE, 10 gennaio 2006, C-402/03, e
Corte giust. CE, 9 febbraio 2006, C-127/4, in Foro it., 2006, 328, secondo le quali la responsabilità
oggettiva per danno da prodotti difettosi di matrice comunitaria investe esclusivamente il
produttore del bene, in quanto il distributore risponderà solamente nell''ipotesi in cui abbia
volontariamente celato l''identità del produttore. Tuttavia, i giudici di Lussemburgo specificano
che, l''art. 13 dir. 85/374/CEE dev''essere interpretato nel senso che il regime attuato da
quest'ultima non esclude l'applicazione di altri regime di responsabilità contrattuale o
extracontrattuale che si basano su elementi diversi, come la garanzia dei vizi occulti o la colpa e
quindi, che la direttiva non osta ad una regola nazionale secondo la quale il fornitore è tenuto a
rispondere illimitatamente della responsabilità per colpa del produttore.
110 Conti, Corte di giustizia e responsabilità del produttore. Un passo avanti e (tre) passi indietro
nella tutela del consumatore, cit., 1151, secondo cui ''Il 25 aprile 2002, probabilmente, verrà d''ora
in poi ricordata come la data in cui è tramontata l''idea che la tutela consumeristica può tout court
campeggiare sugli interessi dell''impresa e con essa il tentativo di taluni Paesi membri '. Di
dettare, pur all''interno del nucleo di armonizzazione comunitaria, una disciplina che ponesse al
centro del sistema il consumatore obiettivamente debole e vulnerabile rispetto al fabbricante di
prodotti difettosi'.
111 Si pensi, per esempio, alla pronuncia della Corte giust. CE, 12 marzo 2002, C-168/00, in
Nuova giur. civ. e comm., 2003, I, 861; in Resp. civ. e prev., 2002, 360; in Dir. scambi int., 2002,
281; in Foro it. 2002, IV, 329, secondo cui, ''L'art. 5 della direttiva del Consiglio 5 febbraio 1990,
n. 90/314/Cee, concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti "tutto compreso", dev'essere
interpretato nel senso che il consumatore ha diritto al risarcimento del danno morale derivante
dall'inadempimento o dalla cattiva esecuzione delle prestazioni fornite in occasione di un viaggio
"tutto compreso"'; Corte giust. CE, 27 giugno 2000, C-240/98, in Foro it., 2000, IV, 413; in Corr.
giur., 2000, 1658, secondo cui, la tutela assicurata ai consumatori dalla direttiva del Consiglio 5 36 direttive che riguardano la tutela degli interessi contrattuali dei consumatori 112 '' le quali avevano la medesima finalità di tutela della c.d. parte debole (ossia il consumatore) '' all''epoca delle sentenze della Corte di giustizia del 2002 contenevano già la c.d. clausola dell'armonizzazione minima (con la conseguenza che, il legislatore comunitario attribuiva ai singoli Stati membri la possibilità di decidere se mantenere o introdurre ulteriori deroghe a vantaggio dei consumatori), si doveva ritenere che anche allora sussistevano già i presupposti per un''interpretazione evolutiva della direttiva in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi che legittimasse ampliamenti di tutela a vantaggio del consumatore medesimo 113. Si osservava, peraltro, che la linea interpretativa seguita dalla Corte di giustizia nelle sentenze del 25 aprile 2002, pareva porsi in forte contraddizione rispetto al generale atteggiamento degli organi comunitari diretto, appunto, ad apprestare sempre maggiore attenzione alla posizione del consumatore e a perseguire l''obiettivo prioritario di fornire la massima tutela agli stessi; così, per esempio, all''epoca delle sentenze del 25 aprile 2002, l''interesse a tutelare e a proteggere i consumatori medesimi emergeva non solamente nel Libro verde della Commissione (pubblicato il 18 luglio 1999) 114 e nelle successive relazioni della
aprile 1993, 93/13/Cee, concernente le clausole vessatorie nei contratti stipulati con i consumatori,
comporta che il giudice nazionale, nell'esaminare l'ammissibilità di un'istanza propostagli, possa
valutare d'ufficio l'illiceità di una clausola del contratto di cui è causa. Si pensi anche a Corte giust.
CE, 30 aprile 2002, C-400/00, in Corr. giur., 2002, 8, 1000, con nota di Conti, Corte di giustizia,
danno da vacanza rovinata e viaggi ''su misura'. Ancora due vittime per i consumatori, la quale
afferma che, ''L'espressione "tutto compreso" di cui all'art. 2, punto 1, della direttiva 90/314/Cee,
concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti "tutto compreso", deve essere interpretata nel senso
che essa include i viaggi organizzati da un'agenzia di viaggi su domanda del consumatore o di un
gruppo ristretto di consumatori e conformemente alle loro richieste'.
112 V., per esempio, art. 8 della direttiva 85/577/CEE, in tema di contratti negoziati fuori dai locali
commerciali (abrogata dalla direttiva UE 25 ottobre 2011, n. 83); art. 15 della direttiva
87/102/CEE, in tema di credito al consumo; art. 8 della direttiva 90/315/CEE, in tema di viaggi,
vacanze, e circuiti ''tutto compreso'; l''art. 8 della direttiva 93/13/CEE, relativa alle clausole
abusive; art. 8 della direttiva 99/44/CE, in tema di garanzia della vendita di beni di consumo.
113 Lenoci, Luci ed ombre della normativa europea in materia di responsabilità per danno da
prodotti difettosi, cit., 136.
114 Sul Libro verde ('' La responsabilità civile per danno da prodotti difettosi), v. Bastianon, Prime
osservazioni sul libro verde della Commissione in materia di responsabilità civile per danni da
prodotti difettosi, in Resp. civ. e prev., 2000, 800. Con il Libro verde la Commissione si proponeva
di raccogliere informazioni complete al fine di individuare ''gli effetti derivanti dall'applicazione
della direttiva e i relativi costi e benefici, per quanto attiene, in particolare, al livello di protezione
offerto ai danneggiati e ai costi sostenuti dalle imprese ''e ''le ragioni e le modalità secondo cui la
direttiva si trova all'origine di tali effetti' nonché di definire ''gli aspetti della direttiva che 37 Commissione stessa sull''applicazione della direttiva, ma bensì anche nella Carta dei diritti fondamentali dell''Unione europea' proclamata il 7 dicembre 2000 (l''art. 38 della Carta affermava, infatti, chiaramente che nella politica dell''Unione è garantito un elevato livello di protezione del consumatore) 115 ; sotto questo specifico profilo pareva, dunque, che tali pronunce, ''se giustificabili dietro la necessità di non sgretolare il difficile cammino dell''armonizzazione dei diritti' sembravano ''fissare una sorta di linea Maginot destinata assai verosimilmente ad essere superata dai futuri interventi legislativi' 116. Dal punto di vista pratico, poi, l''interpretazione accolta dalla Corte di giustizia '' caratterizzata, appunto, da un ''eccessivo formalismo' 117 '' causava rilevanti problemi soprattutto in quegli Stati membri (tra cui, per esempio, la Francia) 118 in cui veniva favorito ''un approccio più spiccatamente
necessitano eventualmente di modifica al fine di accrescere i benefici sociali contenendo, allo
stesso tempo, i costi a livello ragionevole'. Al Libro verde hanno fatto seguito le successive
relazioni della Commissione sull'applicazione della direttiva.
115 Palmieri-Pardolesi, Difetti del prodotto e del diritto privato europeo, cit., 294; Bastianon,
Responsabiltà del produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il consumatore', cit., 979.
116 Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della
responsabilità del produttore, cit., 720 secondo cui, a causa della scarsa attenzione che la direttiva
in esame (seguita, come detto, dalla Corte di giustizia) riconosceva al consumatore -
paradossalmente, l''acquirente di un bene di consumo trovava maggiore protezione ricorrendo alla
normativa contrattuale (ai sensi della direttiva 1999/94, attuata in Italia con il d.lgs. 1° febbraio
2002, n. 24) piuttosto che alla disciplina extracontrattuale; proprio per tale ragione l''autore
affermava come, l''armonizzazione perseguita dalla direttiva ed attuata in maniera centralistica
dalla medesima Corte di giustizia stava, pertanto, ''difendendo una direttiva già superata da una
disciplina contrattuale più generosa'; Arbour, Corte di giustizia e protezione delle tradizioni
giuridiche nell''interpretazione della Direttiva CEE/374/85, cit., 375, il quale osserva come ''la
Corte ha privilegiato un''interpretazione teleologica ancorata ad una lettura storica, ambientata nel
1985, che perde di vista la prospettiva diacronica del diritto comunitario'. Sul punto, si v. anche
Joussen, L''interpretazione (teleologica) del diritto comunitario, in Riv. crit. dir. priv.
117 Conti, Corte di giustizia e responsabilità del produttore. Un passo avanti e (tre) passi indietro
nella tutela del consumatore, cit., 1151.
118 Per quanto concerne, le difficoltà nell'ordinamento francese di attuare la direttiva europea - a
causa delle forti esitazioni del legislatore a rinunciare alla sua lunga tradizione di tutela risarcitoria
dei danneggiati da un prodotto difettoso '' v. Viney, «L''introduction en droit français de la
directive du 25 juillet 1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», Recueil
Dalloz, 1998, p. 291; Markovits, «La directive C.E.E. du 25 juillet 1985 sur la responsabilité du
fait des produits défectueux», préf. J. Ghestin, Thèse Droit, Paris, LGDJ, Bibliothèque de Droit
privé, Tome 211, Paris, 1990; Viney - Jourdain, «Traité de droit civil», dans Ghestin, «Les
contions de la responsabilité», 3 e éd., Paris, LGDJ, 2006, 758; Le Tourneau, «Responsabilité des vendeurs et des fabricants», cit.; Ghestin, «La directive communitaire du 25 juill. 1985 dur la
responsabilité du fait des produits défectueux», D., 1986, chron, 135. Per quanto concerne
l''Europa, v. Benacchio, Diritto privato della comunità europea, Fonti, modelli e regole, cit., 351;
Jiménez Liébana, Responsabilidad civil: Daños causados pro productos defectuosos, Elementos,
Madrid, 1998; Taschner, Harmonization of Product Liability Law in The European Community, 38 consumerista' 119; La soluzione dei giudici di Lussemburgo del 25 aprile 2002 implicava, difatti, l''abolizione di alcune tradizioni giuridiche di determinati Paesi membri con la conseguenza che, in tal modo procedendo, si rischiava di minimizzare l''importanza di determinate culture giuridiche e di provocare una ''reazione allergica' 120 al processo di armonizzazione perseguito dall''Unione Europea da parte di alcuni Stati 121. 3.2. Le cause del mancato raggiungimento di un''armonizzazione completa ed il reale impatto della direttiva nei diversi Stati membri Fermo restando quanto precede, occorre osservare come, nonostante la specifica finalità perseguita dalla direttiva '' diretta, come più volte detto, a riavvicinare le diverse legislazioni degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotto difettoso '' il testo comunitario, in realtà, non ha portato alla totale armonizzazione dei sistemi esistenti nei diversi Paesi 122. Il mancato raggiungimento di una completa armonizzazione tra le legislazioni dei singoli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, ha determinato, dal punto di vista delle ragioni dei consumatori, la presenza di una tutela disomogenea all''interno dello stesso Spazio economico europeo, mentre per quanto concerne gli interessi dei produttori, tale circostanza ha dato vita, all''interno dei singoli Stati membri, a profonde differenze in tema di
(1999), 34, Texas Int''l L.J. 21; Taylor, L''harmonization communautaire de la responsabilité du
fait des produits défectueux. Estude comparative du droit anglais et du droit français, L. G. D. J.,
Paris, 1999, 28.
119 Arbour, Corte di giustizia e protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione della
Direttiva CEE/374/85, cit., 380.
120 Le Tourneau, «Responsabilité des vendeurs et des fabricants», cit., 76.
121 Tuttavia, se le pronunce del 25 aprile 2002 si segnalano per essere orientate a censurare le
trasposizioni nazionali divergenti dal testo comunitario al fine di raggiungere l''obiettivo di
unificazione della disciplina in materia di danni cagionati da prodotti difettosi, recentemente la
stessa Corte di giustizia sembra voler riconoscere un diverso bilanciamento tra le competenze del
comunitarie e quelle dei singoli Stati membri. In particolare, con la pronuncia del 4 giugno 2004
gli stessi giudici di Lussemburgo, in un caso concernente un dispositivo medico difettoso il quale a
causa del surriscaldamento aveva cagionato danni ad un ospedale, ha specificato che l''obiettivo di
armonizzazione globale, perseguito dalla direttiva sulla responsabilità del prodotto difettoso, non
può eccedere il campo applicativo di tale normativa medesima, per cui gli Stati membri sono liberi
di disciplinare le materie residue (come nel caso in esame in cui si trattava di un prodotto per
utilizzo professionale escluso dall''art. 9 della direttiva stessa) (Corte giust. CE, 4 giugno 2009, C-
285/2009, in Resp. civ. e prev., 2010, 1004, con nota di Venchiarutti, Applicazione estensiva della
direttiva sulla responsabilità dei danni da prodotti difettosi: un nuovo equilibrio tra competenze
comunitarie ed interne').
122 Tanto che si parlato di un processo di ''armonizzazione incompleta'. 39 rischi delle imprese connessi alla produzione e commercializzazione dei loro prodotti. Il fatto che, dunque, non sia stata conseguita la suddetta armonizzazione totale è, poi, stata attribuita, principalmente, all''art. 13 123 della direttiva stessa, il quale, come precedentemente osservato, lascia impregiudicati i diritti che il danneggiato può esercitare in base alla disciplina relativa alla responsabilità contrattuale o extra contrattuale oppure ancora in forza di un regime speciale di responsabilità esistente al momento della notifica della direttiva (sempre che tali normative '' come specificato più volte dalla Corte di giustizia '' si basino su fondamenti diversi rispetto al testo comunitario medesimo) 124. Tuttavia, la circostanza per cui la direttiva non abbia condotto ad una totale armonizzazione dei sistemi esistenti nei diversi Stati membri in tema di responsabilità per danno da prodotto difettoso è riconducibile anche ad altre 123 Sul punto, pare opportuno ricordare che, tale mancanza di omogeneità di tutela del
consumatore è ancor più evidente qualora si consideri poi che, se l''art. 13 della direttiva
comunitaria lascia impregiudicati i diritti che il danneggiato può esercitare in base alla disciplina
relativa alla responsabilità contrattuale o extra contrattuale o in base ad un regime speciale di
responsabilità esistente al momento della notifica della direttiva, i singoli sistemi nazionali degli
Stati membri sono profondamente diversi. Per esempio, con particolare riferimento alla c.d.
responsabilità extracontrattuale, analizzando, gli ordinamenti dei diversi Stati membri, sembra che,
alcuni Paesi permettano ai consumatori - qualora dimostrino di essere stati danneggiati a causa
della negligenza del produttore - di recuperare la maggior parte o tutti danni materiali e, nella
maggior parte dei casi, anche i danni non materiali. Tuttavia, le differenze più significative che si
rinvengono analizzando sempre le diverse normative degli Stati membri in tema di responsabilità
civile concernano soprattutto la prova del requisito della colpa. Se, infatti, nella maggior parte
degli Stati membri sembra che il diritto di responsabilità civile richieda che il danneggiante sia
colpevole o comunque abbia violato un qualche dovere verso il danneggiato, in alcuni Paesi,
invece, (per esempio, in Francia, Belgio e Lussengurbo) la prova della colpa non è un elemento
necessario, con la conseguenza, che in tali Stati il convenuto può liberarsi da responsabilità molto
difficilmente (invocando per esempio la forza maggiore). Inoltre, mentre nella maggioranza degli
Stati membri, il ricorrente ha l'onere di dimostrare la colpa del danneggiante, in alcuni Paesi si
opera un'inversione dell'onere della prova proprio con riferimento all'elemento della colpa. Per
esempio, in Germania nei casi in cui il ricorrente dimostri di avere subito un danno a causa di un
prodotto difettoso, si presume che il produttore abbia violato il proprio obbligo di diligenza e che,
pertanto, egli sia in colpa; in diversi Stati membri, i tribunali nazionali in presenza di un prodotto
difettoso hanno disposto l'inversione dell'onere della prova (così avvenuto, ad esempio, nei Paesi
Bassi, in Irlanda e anche in Spagna dove la Suprema Corte ha più volte affermato che il ricorrente
deve dimostrare il danno e il nesso causale fra l'attività del convenuto il danno mentre la colpa del
danneggiante viene presunta a meno che il convenuto dimostri un alto livello di debita diligenza).
In argomento, v. Responsabilità per danno da prodotti difettosi nell''Unione Europea. Un rapporto
per la Commissione Europea febbraio 2003, redatto dallo studio legale Lovells, in
http://ec.europa.eu/enterprise/policies/single-market it.pdf.
124 Corte giust. CE, 10 gennaio 2006, C-402/03, cit.; Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-183/00,
cit.; Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, e C-154/00). 40 motivazioni, tra cui, per esempio, alla presenza delle c.d. disposizioni opzionali all''interno del testo comunitario stesso 125. Sotto questo specifico profilo126 è dato rilevare come, per esempio, la possibilità di includere un limite massimo di risarcimento (riconosciuto dall''art. 16 della direttiva) non sia stato esercitato in tutti gli Stati membri, bensì solamente in alcuni Paesi (Germania, Portogallo, Spagna e, inizialmente, anche in Grecia) 127. Inoltre, con riferimento all''opzione prevista dall''art. 7 lett. e) della direttiva 128, occorre osservare, come alcuni Stati hanno recepito la causa di esclusione della responsabilità del produttore per rischio da sviluppo (come, per esempio, l''Italia o il Regno Unito 129) mentre in altri Paesi non è prevista nella legislazione di attuazione della direttiva 130 ed in altri Stati ancora tale clausola di esclusione della responsabilità non è stata 125 Per quanto concerne le disposizioni opzionali previste nella direttiva, l'opzione di includere i
prodotti agricoli è stata rimossa dalla successiva direttiva 99/34/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 10 maggio 1999.
126 L''art. 15 della direttiva dispone che ''Ciascuno Stato membro può: a) in deroga all''articolo 2,
prevedere nella propria legislazione che, ai sensi dell''articolo 1 della presente direttiva, il termine
''prodotto' designi anche i prodotti agricoli naturali e i prodotti della caccia; b) in deroga all''art. 7,
lettera e), mantenere o, fatta salva la procedura di cui al paragrafo 2 del presente articolo,
prevedere nella propria legislazione che il produttore è responsabile anche se prova che lo stato
delle conoscenze scientifiche e tecniche al momento in cui ha messo in circolazione il prodotto
non permetteva di scoprire l''esistenza del difetto'. Inoltre, la direttiva lascia impregiudicati le
disposizioni nazionali relative ai danno morali (art. 9) nonché la possibilità per ciascuno Stato
membro di stabilire che la responsabilità totale del produttore per i danni risultanti da morte o da
lesioni personali a causa di articoli identici aventi lo stesso difetto sia limitato ad un importo, non
inferiore a 70 milioni di ECU.
127 In Grecia tale limite è stato rimosso con la legge del 1994.
128 Sul rischio da sviluppo, v. Antuofermo, Il rischio da sviluppo nella responsabilità del
produttore, in Riv. dir. sarda, 2000, 523; Cerini, Responsabilità del produttore e rischio da
sviluppo: oltre la lettera della dir. 85/374/CE, in Dir. ed econ. ass., 1996, 29; Visentini,
L''esimente del rischio da sviluppo come criterio della responsabilità del produttore (l''esperienza
italiana, tedesca e la direttiva comunitaria), in Resp. civ. e prev., 2004, p. 1267 Bastianon,
Responsabilità del produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il consumatore', in Resp.
civ., 2002, 997.
129 Per quanto concerne la problematica relativa ai c.d. rischi d sviluppo nel Regno Unito, v. Corte
giust. CEE, 29 maggio 1997, C-300/95, cit., con la quale è stato respinto il ricorso proposto dalla
Commissione contro il Regno Unito, ed è stata affermata la compatibilità con la direttiva della
norma britannica in base alla quale il produttore citato in giudizio va esente da responsabilità
qualora dimostri che lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti al momento della
verificazione del danno non permettevano di aspettarsi, da un produttore di un bene del genere di
quello in causa, che egli avrebbe potuto scoprire il difetto esistente nei suoi prodotti durante il
periodo di permanenza degli stessi nella sua sfera di controllo.
130 In realtà, soltanto la Finlandia e il Lussemburgo hanno esercitato l'opzione prevista dall'art. 15
della direttiva. 41 recepita solamente con riferimento a particolari categorie di prodotti (Francia 131 e Spagna 132). Un''altra circostanza che ha contribuito al mancato conseguimento di un riavvicinamento integrale della disciplina concernente la responsabilità del produttore per i danni cagionati da prodotti difettosi è rappresentata dalle differenti modalità con cui la direttiva comunitaria stessa è stata attuata ed interpretata all'interno degli Stati membri 133 . In tale contesto, un ruolo 131 La suddetta clausola non può essere invocata qualora si tratti di prodotti concernenti parti del
corpo umano oppure di prodotti provenienti dal corpo umano. In argomento,Viney,
«L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985 relative à la responsabilité du
fait des produits défectueux», cit., 291; Markovits, «La directive C.E.E. du 25 juillet 1985 sur la
responsabilité du fait des produits défectueux», cit.; Viney - Jourdain, «Traité de droit civil», cit.,
758; Le Tourneau, «Responsabilité des vendeurs et des fabricants», cit.; Ghestin, «La directive
communitaire du 25 juill. 1985 dur la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.;
Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit., 383; Di Nepi, Francia 1998 e
disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263;
Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto difettoso, cit., 383; Chabas, Brevi
osservazioni sulla legge francese del 19 maggio 1998, relativa alla responsabilità per prodotti
difettosi, cit., 1252.
132 In Spagna, invece, la clausola di esclusione della responsabilità del produttore per rischi da
sviluppo non si applica relativamente a prodotti medicinali, mangimi o prodotti alimentari intesi
per il consumo Jimenez De Parga Cabrera, Analisi della legge spagnola del 6 luglio 1994 sulla
responsabilità civile da prodotti difettosi, cit., 605; Cervetti, La nuova legge spagnola sulla
responsabilità del produttore, cit., 307; Alvarez Vega, La responsabilità del produttore nel diritto
spagnolo '' Problemi di assi curabilità dei rischi di sviluppo, cit., 551.
133 In particolare, per quanto concerne le diverse interpretazioni della direttiva che sono state
fornite dai tribunali degli Stati membri, occorre ricordare come, per esempio, i tribunali dei Paesi
Bassi e del Regno Unito, per quanto concerne la contaminazione da prodotti ematici, abbiano
applicato la difesa dei rischi da sviluppo in maniera assai diversa; mentre, infatti, in Olanda, i
fornitori di prodotti ematici che al momento della fornitura non potevano effettuare lo screening
per un virus nocivo (HIV), avevano diritto a ricorrere alla clausola di esclusione della
responsabilità per rischio da sviluppo, il tribunale inglese '' in un caso analogo '' ha ritenuto che la
clausola di eslcusione della responsabilità per rischio da sviluppo non potesse essere utilizzata dai
fornitori di prodotti ematici che non erano in grado di effettuare lo screening per la presenza di un
altro virus nocivo (in quel caso si trattativa di epatite C). Inoltre, sempre per quanto concerne le
differenti interpretazioni date alla direttiva da parte dei singoli tribunali nazionali, emergono delle
diversità in ordine agli elementi necessari al fine della prova del difetto del prodotto. Mentre,
infatti, secondo alcune giurisdizioni '' come, ad esempio, in Francia, Italia o Spagna - ai fini della
prova del difetto è sufficiente che il danneggiato dimostri che il prodotto non ha svolto la funzione
per la quale era stato previsto, in altri Paesi (come, ad esempio, la Germania o il Regno Unito) il
denunciante deve provare la natura del difetto del prodotto con maggiore precisione. Alcune
autorità nazionali - come, per esempio, la Bulgaria, l'Italia, Malta, la Slovacchia, la Svezia o la
Lettonia - hanno evidenziato come per i danneggiati sia estremamente difficile dimostrare che il
danno è stato cagionato dal difetto del prodotto, soprattutto a causa del costo della perizia tecnica.
Proprio per tali ragioni, alcuni tra i suddetti Stati hanno ritenuto che sarebbe necessario modificare
le disposizioni della direttiva al fine di inserire una presunzione di responsabilità del produttore o
un meccanismo di rovesciamento dell'onere della prova. In argomento, v. anche Responsabilità
per danno da prodotti difettosi nell''Unione Europea. Un rapporto per la Commissione Europea 42 fondamentale è stato, poi, assunto dalla stessa Corte di giustizia che, come visto, è intervenuta in diverse occasioni 134 non solamente al fine di richiedere la ratifica della legislazione di attuazione nazionale incompatibile con le disposizioni della direttiva stessa, bensì anche per chiarire i termini del testo comunitario medesimo, contribuendo, così alla realizzazione di quel processo che è stato definito di ''armonizzazione progressiva' 135. In definitiva, la direttiva, seppure non è stata in grado di raggiungere il suo scopo finale (ossia, come detto, la realizzazione di una completo riavvicinamento delle legislazioni nazionali in tema di responsabilità del produttore), viene, oggi, comunque, percepita come una misura di ''armonizzazione massimale' 136 che contribuisce ad aumentare il livello di sicurezza dei prodotti commercializzati nell''Unione Europea e che garantisce l'equilibrio tra gli interessi dei consumatori e quelli dei produttori/fornitori. Inoltre, occorre in questa sede anticipare come, se, inizialmente, alla luce soprattutto del numero decisamente esiguo di decisioni giurisprudenziali all''interno di tutti gli Stati membri 137 , si può affermare che l''impatto della
febbraio 2003, cit. Per quanto concerne la prova del difetto in Italia, v. Per quanto concerne la
prova del difetto del prodotto nell''ordinamento italiano, v. ex multis, Bitetto-Pardolesi, Risultato
anomalo e avvertenze generica: il difetto nelle pieghe del prodotto, in Danno e resp., 2008, p. 292;
Bortone-Buffoni, La responsabilità per prodotto difettoso e la garanzia di conformità nel codice
del consumo, Torino, 2007; Cafaggi, La responsabilità dell''impresa per prodotti difettosi, in
Trattato di diritto privato europeo, a cura di Lipari, 2003, p. 569; id., La nozione di difetto ed il
ruolo dell''informazione. Per l''adozione di un modello dinamico relazionale di difetto in una
prospettiva di riforma, in Riv. crit. dir. priv., 1995, 447; Carnevali, Prodotto difettoso ed onere
della prova, in Resp. civ. e prev., 2008, 350; id.,''Produttore' e responsabilità per danno da
prodotto difettoso nel Codice del consumo, in Resp. civ. e prev., 2009,1938; Di Majo, La
responsabilità per prodotti difettosi nella direttiva comunitaria, in Riv. dir. civ., 1989, I, 42.
134 Corte giust. CE, 29 maggio 1997, C-300/95; 10 maggio 2001, C-203/99; 10 gennaio 2006, C-
402/03; 9 febbraio 2006, C-127/94; 2 dicembre 2009, C-358/2009; 4 giugno 2009. Si vedano,
anche, le sentenze della Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00; C-154/00 e C-183/00.
135 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, cit.
136 La direttiva, infatti, impedisce agli Stati membri di allontanarsi dai suoi termini tramite
l''imposizione di obblighi superiori sui produttori e sui fornitori o la creazione di livelli superiori di
difesa per i consumatori (v. Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-183/00, cit.). Tale direttiva, come
visto, non ha portato alla totale armonizzazione in materia di responsabilità per danno da prodotti
difettosi; il testo comunitario, infatti preserva ai sensi dell''art. 13, alcuni sistemi che esistevano
negli Stati membri prima dell''attuazione della direttiva medesima. La direttiva prevede, inoltre, la
''progressiva armonizzazione' nel corso del tempo (Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, cit.).
137 Sul punto, v. Benacchio, Diritto privato della comunità europea, cit., 351-352. Per quel che
concerne la giurisprudenza interna italiana, inizialmente, erano molto rari i casi in cui si ricorreva
all''applicazione del d.p.r. n. 224/1988 ('.). V. per esempio, Trib. Monza 20 luglio 1993, in Nuova
giur. civ. e comm., 1994, I, 126, con nota di Rossello, Sulla responsabilità per danno da prodotto
difettoso; in Foro it., 1994, I, 126, con nota di Ponzanelli, Dal biscotto alla ''mountain bike': la 43 normativa sulla responsabilità del produttore è stato di gran lunga inferiore alle aspettative 138 '' con la conseguenza che, l''introduzione della responsabilità oggettiva non ha rappresentato, di fatto, un significativo rafforzamento della posizione degli stessi consumatori danneggiati 139 '' negli ultimi tempi140, invece, si è registrata una vera e propria inversione di tendenza 141 a seguito della quale si è assistito ad un importante incremento nell''applicazione della disciplina 142 relativa alla responsabilità da prodotto 143.
responsabilità del prodotto difettoso in Italia; in Contratti, 1993, 539, con nota di Carnevali,
Responsabilità da prodotto per difetto di fabbricazione; in Rass. dir. civ., 1996, 393, con nota di
Meriani, La responsabilità del produttore: prima applicazione del d.p.r. 24 maggio 1988, n. 224;
Trib. Milano 23 aprile 1995, in Danno e resp., 1996, 381, con nota di Ponzanelli, Crollo del letto a
castello: responsabilità del produttore-progettista e del montatore; in Contratti, 1996, 374, con
nota di Musso, Tutela del consumatore e responsabilità solidale fra produttore e venditore; Trib.
Monza 11 settembre 1995, in Resp. civ. e prev., 1996, 371; Trib. Roma 17 marzo 1998, in Foro it.,
1998, I, 3660, con nota di Palmieri, Dalla ''mountain bike' alla bottiglia di acqua minerale: un
nuovo capitolo per un opera incompiuta; in Danno e resp., 1998, 1147, con nota di Ponzanelli,
Anche le bottiglie italiane esplodono. V. altresì, Trib. Viterbo-Civita Castellana 17 ottobre 2001,
in Rass. giuridica Umbra, 2001, 206; Trib. Milano 31 gennaio 2003, in Foro it., 2003, I, 1260; in
Danno e resp., 2003, 634; Trib. Vercelli 7 aprile 2003, ibidem, 1001; Trib. Forlì Cesena 25
novembre 2003, in Foro it., 2004, I, 1641; Trib. Roma 14 novembre 2003, in Foro it., 2004, I,
1631; Trib. La Spezia 27 ottobre 2005, in Danno e resp., 2006, 173; Trib. Benevento 24 febbraio
2006, in Danno e resp., 2006, 1254; App. Milano 21 febbraio 2007, ivi, 2007, 1120; Trib. Rimini
31 dicembre 2008, ivi, 2009, 432.
138 Tra le ragioni fenomeno c.d. di ''underlitigation' devono essere considerati le rilevanti
limitazioni presenti nella disciplina quali, per esempio, il termini di prescrizione e di decadenza, la
difficoltà per il danneggiato di provare il difetto del prodotto e la connessione causale, nonché i
costi dei relativi procedimenti.
139 Tali specifici rilievi erano emersi nella relazione della Commissione fin dalla prima relazione
della Commissione del 13 dicembre 1995 nonché nel Libro verde 28 luglio 1999.
140 Responsabilità per danno da prodotti difettosi nell''Unione Europea. Un rapporto per la
Commissione Europea febbraio 2003, redatto dallo studio legale Lovells, cit., in cui è stato
osservato come, in alcuni Paesi membri (come, per esempio, l''Austria, la Finlandia, il Regno
Unito e la Svezia) i ricorsi presentati dai consumatori hanno in genere una maggiore possibilità di
esito favorevole se presentati ai sensi della direttiva per responsabilità per danno da prodotti
difettosi piuttosto che ai sensi di altre leggi nazionali (diversamente, invece, in altri Stati, come la
Francia la Germania ed il Portogallo).
141 Cabella Pisu, Il costo di una caduta'degli stivali, in Corr. merito, 2006, II, 5; Bitetto-
Pardolesi, Risultato anomalo ed avvertenze generica: il difetto nelle pieghe del prodotto, in Danno
e resp., 2008, 292; Querci, Responsabilità da prodotto negli USA e in Europa. Le ragioni di un
revirement globale, in Nuova giur. civ. e comm., 2011, 115.
142 Se la direttiva per danno da prodotti difettosi ha contribuito ad aumentare il numero di ricorsi
presentati per responsabilità per danno da prodotti difettosi, fattori più importanti sono stati la
maggiore consapevolezza dei propri diritti acquista da parte dei consumatori e il maggiore accesso
dei consumatori stessi alle informazioni e l''attività dei media.
143 A dimostrazione di tale inversione di tendenza, si pensi non solamente alle sempre più
frequenti decisioni dei giudici di merito (v. ex multis, Trib. Milano 31 gennaio 2003, cit.; Trib.
Vercelli 7 aprile 2003, cit.; Trib. Forlì Cesena 25 novembre 2003, cit.; Trib. Roma 14 novembre
2003, cit.; Trib. La Spezia 27 ottobre 2005, cit.; Trib. Benevento 24 febbraio 2006, cit.; App. 44 Tuttavia, nonostante la crescente attenzione che è stata attribuita alla direttiva in esame 144, il testo comunitario continua a suscitare opinioni contrastanti per quanto concerne l'efficacia di alcune disposizioni come, per esempio, quelle concernenti lo strumento di difesa fondato sul c.d. rischio da sviluppo nonché quelle relativa alla franchigia di ' 500 145 e all'onere della prova; in particolare, con specifico riferimento a quest''ultimo aspetto, alcuni rappresentanti dei consumatori sono del pare che è ingiustamente gravoso per i consumatori dover dimostrare il difetto e/o la causalità nei ricorsi presentati per responsabilità per danno da prodotti difettosi, a causa soprattutto delle carenze delle risorse necessarie ai fini di soddisfare detto onere probatorio specialmente qualora si tratti di prodotti tecnici o nelle ipotesi in cui le lesioni asserite siano di natura particolarmente complessa 146. Individuati, dunque, quali erano gli obiettivi che si proponeva originariamente di raggiungere il testo comunitario, le motivazioni a causa delle quali tali finalità non sono state conseguite nonché quale è, attualmente, la portata applicativa del testo comunitario all''interno dei diversi Paesi, occorre analizzare più dettagliatamente come la direttiva stessa è stata recepita dai singoli legislatori nazionali ed interpretata dai tribunali dei vari Stati membri e ciò al fine di redensi effettivamente conto delle differenze che continuano ad intercorrere tra le
Milano 21 febbraio 2007, cit.; Trib. Rimini 31 dicembre 2008, cit.), bensì anche al nuovo interesse
manifestato anche dalla giurisprudenza di maggiorità (Cass. 15 marzo 2007, n. 6007, in Foro it.,
2007, I, 2414, con nota di Palmieri, Difetto e condizioni d''impiego del prodotto: ritorno alla
responsabilità per colpa'; in Danno e resp., 2007, 1216, con nota di Bitetto, Responsabilità da
prodotto difettoso a passo di gambero; in Resp. civ. e prev., 2007, 1601, con nota di Gorgoni, Alla
ricerca della (prova) della causa del danno, ove si afferma che, ai fini di ottenere il risarcimento
del danno, il danneggiato non deve limitarsi a provare il nesso di causalità materiale tra l''uso di un
prodotto e un danno, ma deve dimostrare un livello di insicurezza tale da rendere tale prodotto
difettoso).
144 In altri termini, dunque, la direttiva rappresenta un compromesso che riconcilia i diversi
interessi in gioco in tema di responsabilità per danno da prodotti difettosi. In argomento, v. anche
Responsabilità per danno da prodotti difettosi nell''Unione Europea. Un rapporto per la
Commissione Europea febbraio 2003, redatto dallo studio legale Lovells, cit.
145 In generale, di consumatori desidererebbero una tutela maggiore ad un costo minore, cosa che
implica, per esempio, una soppressione della franchigia. I produttori e gli assicuratori, invece,
evocano il pericolo di aumentare i ricorsi per danni di poca importanza e si esprimono, pertanto, a
favore di un aumento della suddetta franchigia.
146 Responsabilità per danno da prodotti difettosi nell''Unione Europea. Un rapporto per la
Commissione Europea febbraio 2003, redatto dallo studio legale Lovells, cit. 45 normative esistente all''interno dei Paesi europei 147 in tema di responsabilità per danni cagionati da prodotti difettosi e, pertanto, dell''importanza che assume il problema concernente la determinazione della legge applicabile. 4. I prodotti agricoli del suolo, dell'allevamento, della pesca e della caccia e la loro iniziale esclusione dal campo di applicazione della direttiva Il legislatore comunitario con la direttiva del 1985 aveva lasciato agli Stati membri tre opzioni: a) l''estensione della regola della responsabilità oggettiva anche per il c.d. rischio da sviluppo; (b) l''introduzione di un limite complessivo al risarcimento dei danni causati da prodotti aventi tutti il medesimo difetto; c) l''estensione della regola della responsabilità oggettiva anche ai prodotti agricoli del suolo, dell''allevamento, della pesca e della caccia. Con particolare riferimento a tale ultima opzione, occorre osservare come, tutti gli Stati membri '' tranne il Lussemburgo '' avevano escluso che il regime di responsabilità oggettiva potesse essere applicato ai prodotti agricoli in quanto si riteneva che detti beni - così come i prodotti dell''allevamento, della caccia e della pesca '' erano ''a tal punto strutturalmente fungibili che la pressione collegata all''operatività della regola della responsabilità oggettiva [avrebbe gravato] unicamente sul venditore: non sul produttore' 148. In altri termini, con riferimento a tale categoria di prodotti, si riteneva che - attesa la forte fungibilità degli stessi - non solo per il consumatore, bensì anche per il distributore non era agevole individuare il vero produttore di tali beni 149. Inoltre, si riteneva che la direttiva n. 374/85 non fosse diretta al mercato agricolo poiché tale settore ''non avrebbe potuto essere gravato di rilevanti oneri 147 Tale problematica presenta una particolare rilevanza in tutte le ipotesi in cui un produttore di
un Paese esporti un prodotto difettoso in un altro Stato. Si pensi, per esempio, al caso in cui un
produttore italiano commercializzi un prodotto difettoso in Francia; mentre il produttore avrebbe
tutto l''interesse di applicare la legge italiana a lui più favorevole, al danneggiato, cittadino
francese, invece, converrebbe ricorrere alla legge francese più severa nei confronti
dell'imprenditore stesso
148 Ponzanelli, Estensione della responsabilità oggettiva anche all''agricoltore, all''allevatore, al
pescatore e al cacciatore, in Danno e resp., 8-9, 2001, 792.
149 In argomento, v. Capizzano-Petrelli, L''attuazione in Italia della Direttiva 85/374 con
riferimento alla responsabilità del produttore agricolo e nella prospettiva dell''agricoltura c.d.
biologica e Cubeddu, La responsabilità del produttore per i prodotti naturali, in Il danno da
prodotti in Italia, Austria, Repubblica Federale di Germania, Svizzera, cura di Patti, Padova,
1990, 161. 46 risarcitori già per la nota ed intrinseca debolezza (rispetto al mercato industriale)' 150. In termini conclusivi, occorre ricordare, dunque, come, prima dell''introduzione della direttiva 1999/34/CE del 10 maggio 1999, l''agricoltore, l''allevatore, il pescatore ed il cacciatore potevano essere chiamati a rispondere solamente ai sensi dell''art. 2043 c.c. 4.1. (Segue) La direttiva 1999/34/CE del 10 maggio 1999 e l''introduzione di un sistema di responsabilità oggettiva anche a carico dell''agricoltore, allevatore, pescatore e cacciatore per i difetti dei prodotti del suolo, dell''allevamento, della caccia e della pesca Con la direttiva 1999/34/CE del 10 maggio 1999 151 è stata modificata la direttiva n. 374/1985 in materia di responsabilità del produttore ed il Consiglio d''Europa ha sancito una responsabilità oggettiva a carico dell''agricoltore, allevatore, pescatore e cacciatore per i difetti dei prodotti agricoli del suolo, dell''allevamento, della pesca e della caccia 152. Una delle principali ragioni di tale cambiamento '' il quale risulta appunto diretto a rafforzare la tutela del consumatore - è riconducibile all''esigenza di alleggerire gli oneri risarcitori posti a carico dei rivenditori o venditori al dettaglio atteso che, sulla base della precedente normativa, spettava proprio a questi ultimi risarcire i consumatori dei danni a loro cagionati a causa della presenza di un difetto nel prodotto. Tuttavia, parte della dottrina ha osservato come, anche successivamente all''introduzione di tale cambiamento, salvo nelle ipotesi di vendita diretta, restava difficoltoso individuare il singolo soggetto agricoltore, allevatore, cacciatore, 150 Ponzanelli, Estensione della responsabilità oggettiva anche all''agricoltore, all''allevatore, al
pescatore e al cacciatore, cit., 793, il quale specifica altresì che ''Quando, invece, i prodotti
abbiano subito trasformazioni, il regime ordinario di responsabilità (le regole di responsabilità
oggettiva) si applicherà all''impresa trasformatrice, in quanto a questa compete il completamento
del processo di produzione, sicché, in tal modo, si caratterizza (in ossequio alle premesse culturali
sottese all''adozione delle regole di responsabilità oggettiva) come soggetto che è in grado di
internalizzare i costi risarcitori.
151 La predetta direttiva è stata attuata in Italia con il d.p.r. 22 maggio 1988, n. 224.
152 In argomento, v. Germanò, La responsabilità del produttore e il principio di precauzione, in
Trattato breve di diritto agrario italiano e comunitario, diretto da Costato, Padova, 2003, 743;
Sangermano, L''imputazione della responsabilità tra impresa agricola, industria e commercio, in
Alimenti, danno e responsabilità, a cura di Paoloni, Milano, 2008, 15. 47 pescatore in tutte le ipotesi in cui non veniva indicato sul prodotto il suo nome, marchio o segno distintivo, con la conseguenza che la responsabilità del produttore diventava, in questi specifici casi, la responsabilità del distributore al dettaglio. Inoltre, la modifica della direttiva del 1985 in materia di danno cagionato a causa dell''utilizzo di prodotti difettosi è riconducibile anche alla circostanza per cui il progresso delle conoscenze tecnologiche ed il degrado ambientale aveva condotto alla consapevolezza per cui anche il prodotto non trasformato potesse portare con sé un elevato pericolo di danno. 5. La normativa italiana relativa alla responsabilità del produttore. Brevi cenni sulla disciplina applicabile nell''ordinamento italiano nelle ipotesi di danno da prodotto precedentemente all''emanazione della direttiva 85/374/CEE Prima dell''emanazione della direttiva comunitaria 1985/374/CEE 153 , in mancanza di una legislazione adeguata che disciplinasse la materia in esame e al fine di distribuire nella maniera più economica i costi derivanti dalle conseguenze dannose della commercializzazione di prodotti difettosi tra i diversi soggetti coinvolti nella catena di produzione e diffusione della merce, si ricorreva alle norme di diritto privato, ed in particolare, o alle regole che disciplinavano la responsabilità contrattuale, oppure, a quelle che governavano la responsabilità extracontrattuale 154. 153 In argomento, v. Baldini, Il danno da fumo, Torino, 2008, 284; Alpa-Bessone, La
responsabilità del produttore, cit., 1; D''Arrigo, La responsabilità del produttore. Profili dottrinali
e giurisprudenziali dell''esperienza italiana, Milano, 2006, 12; Visintini, Responsabilità del
produttore per danni da prodotto difettosi, in Trattato breve della responsabilità civile, Padova,
2005; Monateri, Illecito e responsabilità civile, in Bessone, Trattato di diritto privato, X, t. 2,
Torino, 2002, 259; Valsecchi, La responsabilità del produttore e nuove forme di tutela del
consumatore, Milano, 1993; Carnevali, Responsabilità del produttore, cit.; Id., La responsabilità
del produttore, Milano,1979; Alpa, La responsabilità civile, in Trattato di diritto civile, vol. IV,
Milano, 1999; Alpa-Bin-Cendon La responsabilità del produttore, in Trattato di diritto
commerciale e di diritto pubblico dell''economia, diretto da Galgano, vol. XIII, Padova, 1989;
Fusaro, Note sulla direttiva comunitaria in tema di responsabilità del produttore, in Giur. comm.,
1987, I, 130; Trimarchi, Istituzioni di diritto privato, 19 ed., Milano, 2011, 160; Alpa, Tutela del
consumatore e controlli sull'impresa, Bologna, 1977, 9; Castronovo, Problema e sistemi del danno
da prodotto, Milano, 1979; Ghidini, Prevenzione e risarcimento nella responsabilità del
produttore, in Riv. soc., 1975, 1530; Alpa, Responsabilità dell''impresa e tutela del consumatore,
Milano, 1975; Ferri, In tema di tutela del consumatore, in Tecniche giuridiche e sviluppo della
persona, Bari, 1974; Carnevali, La responsabilità del produttore, Milano 1974.
154 In argomento, v. anche Di Palma, Responsabilità da prodotto difettoso e onere della prova: la
Cassazione riporta gli interpreti sul sentiero della strict liability, in Corr. giur., 2008, 6, 813; 48 In termini più specifici, per quanto concerne l''analisi della prima linea interpretativa sopra richiamata '' ossia quella che ricollegava la responsabilità del produttore alla normativa contrattuale 155 '' occorre, necessariamente partire dalla rilettura delle disposizioni in tema di contratto di compravendita le cui regole hanno, per molto tempo, rappresentato il principale riferimento al fine di accertare i profili di responsabilità del produttore/venditore 156. Tuttavia, proprio considerando le disposizioni relative a tale modello contrattuale, veniva osservato come la tutela offerta dalle relative norme, fosse poco soddisfacente già in relazione alle esigenze di tutela di coloro che avessero acquistato prodotti dannosi; difatti, in mancanza di principi di responsabilità del produttore, le norme previste dagli artt. 1490 c.c. ss. in materia di compravendita circoscrivevano le garanzie del dettagliante in modo da escludere la protezione del consumatore in tutti i casi di danno provocato da beni di consumo era sottratto al controllo degli intermediari 157. Nel sistema del codice civile italiano, infatti, il compratore è tutelato '' tramite le azioni estimatorie '' esclusivamente nel caso in cui il bene acquistato presenti vizi occulti, con la conseguenza che, in tutte le ipotesi in cui tali vizi sono noti all''acquirente stesso al momento della conclusione del contratto (o sono facilmente riconoscibili) il venditore non incorre in alcune responsabilità (art. 1491 c.c.) 158. Sotto questo specifico profilo, occorre osservare che, se il venditore può sottrarsi alla responsabilità provando di aver ignorato l'esistenza dei vizi senza sua colpa, nell'ipotesi di circolazione dei prodotti sigillati o di complessa
Trimarchi, Rischio e responsabilità oggettiva, Milano, 1961, 12 ss; Castronovo, La nuova
responsabilità civile, Milano, 2006; Zeno Zencovich, La responsabilità civile, in AA.VV., Diritto
privato comparato. Istituti e problemi, Roma-Bari, 2004, 309.
155 In giurisprudenza, App. Cagliari 27 giugno 1958 e Pret. Roma 20 giugno 1959, in Alpa-
Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 20 e 21.
156 Per quanto concerne la disciplina del contratto di compravendita, v. in generale, Galgano,
Trattato di diritto civile, vol. II, Padova, 2010, 587; Gazzoni, Manuale di diritto privato, 15° ed,
Napoli, 2011, 1083; Luminoso, La compravendita: corso di diritto civile, 7 ed., Torino, 2011;
Savanna, La compravendita: garanzia per i vizi della cosa venduta e nuova tutela del
consumatore, Torino, 2007; De Tilla, La vendita, 2° ed., 1999; Gardani Contursi Lisi, La
compravendita, 2° ed., Torino, 1985.
157 D'Arrigo, La responsabilità del produttore. Profili dottrinali e giurisprudenziali dell'esperienza
italiana, cit., 12; Fusaro, Note sulla direttiva in tema di responsabilità del produttore, cit., 130;
Alpa, Tutela del consumatore e controlli sull'impresa, cit., 230.
158 Vittorio, Cenni sui vizi occulti della cosa, in Giur. merito, 2006, 1062; Luigi, Garanzia per i
vizi e azione redibitoria nell''ordinamento italiano, in Riv. dir. civ., 2001, 243; Minervini,
L''esclusione legale della garanzia per vizi nel contratto di compravendita, in Riv. dir. civ., 1989, 1. 49 composizione, il compratore sul piano contrattuale difficilmente riuscirà ad ottenere il risarcimento del danno subito, in quanto le possibilità che il venditore (e, quindi, il singolo dettagliante) sia in grado di monitorare la merce e di individuare i difetti sono assai scarse 159. Sempre nell''ottica di dimostrare come la normativa in tema di compravendita fosse '' dal punto di vista, come detto, del consumatore '' poco tutelante, si è altresì evidenziato che, tali disposizioni riguardassero solamente i soggetti che rivestivano la qualità di parte del contratto (ossia il consumatore- compratore e il venditore-produttore) 160; la garanzia per i vizi tutelava, pertanto, solamente chi avesse comprato il bene e non già qualsiasi consumatore o utilizzatore del prodotto stesso; essa, poi, produceva effetto solamente nei confronti del venditore finale e, quindi, del dettagliante, con la conseguenza che, esperita l''azione di garanzia nei confronti del fornitore medesimo, questi avrebbe dovuto, poi, a sua volta, agire nei confronti del proprio venditore (e così via, fino a risalire al produttore del bene) sempre che non fossero decorsi per ciascun contratto di vendita i termini di prescrizione e di decadenza previsti dall''art. 1495 c.c. 161. 159 Galgano, Grande distribuzione e responsabilità per prodotti difettosi, in Contr. e impr., 1992,
2; Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 7. In argomento, v. anche Cass. 11 maggio
1984, n. 2891, in Arch. civ., 1985, 1142, con nota di Bronzini, la quale ha posto a carico del
venditore una presunzione di conoscenza dei vizi anche se occulti. Sul punto, v, però Ponzanelli,
Responsabilità oggettiva del produttore e difetto di informazione, in Danno e resp., 2003, 10,
1001, secondo cui la disciplina introdotta dal D. lgs. 2 febbraio 2002, n. 24 (che ha dato attuazione
alla direttiva n. 44 del 1999) segna il ''fallimento' della disciplina sulla responsabilità oggettiva del
produttore per i danni causati dal difetto del prodotto, rafforzando il versante della protezione
contrattuale dei suddetti danni.
160 I ricorsi a strumenti contrattuali presenta lo svantaggio di offrire tutela soltanto ai consumatori
che abbiano effettivamente acquistato il prodotto ma non si estende a tutti coloro che, pur non
avendo comprato il bene, ne hanno fatto uso. In tal modo ragionando, risulta evidente come in tutte
le ipotesi in cui la figura del venditore non corrisponda anche a quella del produttore (e quella del
compratore non coincida con quella del danneggiato), non potrebbero trovare applicazione le
predette norme (in altre parole, in tal modo ragionando, l'utilizzatore o i terzi legati al compratore
che consumano il bene senza averlo però acquistato non potrebbero ricevere alcuna tutela).
161 Tale sistema risultava essere macchinoso e complesso, senza contare che tramite il sopra
richiamato modus operandi si moltiplicavano i procedimenti giudiziari, con il conseguente
aumento dei costi di amministrazione della giustizia. In definitiva, le norme vigenti non parevano
in grado di disciplinare in maniera soddisfacente le vendite a catena dal momento che il codice del
1942 concerne la vendita, intesa come un affare individuale Alpa-Bessone, La responsabilità del
produttore, cit., 4; Cafaggi, La responsabilità dell''impresa per prodotti difettosi, cit., 999, secondo
cui l''insufficienza della disciplina della responsabilità contrattuale affermata dalla dottrina ed
avvertita dalla giurisprudenza è ancor più evidente qualora si consideri il profilo dell'incidenza
degli interessi collettivi che la responsabilità del produttore è disegnata tutelare. Tale insufficienza 50 Oltre alle azioni edilizie, il codice civile prevede, poi, anche un'' ulteriore azione a difesa del compratore, ossia, appunto, il risarcimento del danno dai vizi presenti nella cosa. Al riguardo, si è notato che la disposizione di cui all''art. 1494 c.c. risulta essere piuttosto ambigua atteso che, nel primo comma, si sancisce che "in ogni caso il venditore è tenuto verso il compratore al risarcimento del danno se non prova di aver ignorato senza colpa i vizi della cosa" mentre, nel comma successivo, viene precisato che "il venditore deve altresì risarcire al compratore i danni derivanti dai vizi della cosa". Tale disposizione ha, infatti, suscitato diverse perplessità: si è discusso, per esempio, se la regola di cui all'art. 1494 c.c. sia eccezionale rispetto al sistema concernente le azioni edilizie, oppure, se il danno a cui il legislatore si riferisce al primo comma della disposizione richiamata appartenga a quelle categorie di danni diverse da quelle alle quali si riferisce il secondo comma della stessa norma. Inoltre, ci si è chiesto se l'azione di risarcimento abbia natura contrattuale e sia, pertanto, soggetta ai termini di decadenza prescrizioni comuni alle azioni edilizie, oppure, se, invece, abbia natura extracontrattuale e, pertanto, comporti termini le prescrizioni più ampi 162. Infine, sussistono ulteriori ragioni che dimostrano l'' inadeguatezza della disciplina della vendita a fini di tutelare il compratore; in particolare, occorre altresì considerare che tali norme riconoscono alle parti un'ampia libertà di cambiare '' se non escludere '' la garanzia per i vizi; il secondo comma dell''art. 1490 c.c. sancendo, infatti, che "il patto con cui si esclude o si limita la garanzia non ha effetto, se il venditore ha in mala fede taciuto al compratore i vizi della cosa", lascia intendere che ogni patto tra le parti è valido, qualora non venga dimostrato la malafede del venditore 163. Atteso che, poi, nella prassi commerciale
è collegata sia al fatto che la normativa contrattuale lascia sprovvisti di tutela coloro che non
partecipano alla transazione, sia alla natura' individuale' della disciplina del contratto di
compravendita e alla conseguente difficoltà di configurare strumenti di tutela che garantiscano
anche la protezione dell'interesse collettivo dei consumatori. Secondo l''A., poi, solamente
reinterpretando la categoria dei vizi della cosa alla luce della natura di massa e standardizzata della
produzione sarebbe possibile adeguare la disciplina del contratto di vendita all'istanza di tutela
collettiva.
162 Sul punto, v. Bessone, Le clausole di esonero della responsabilità. Controllo legislativo ed
orientamenti della giurisprudenza, in Riv. dir. comm., 1974, I, 383; Carnevali, Responsabilità del
produttore e prova per presunzioni, in Resp. civ. e prev., 1996, 484.
163 Bessone, Le clausole di esonero della responsabilità., cit., 324. Sul punto, v. anche Di Donna,
Difetto di informazione e vizio di fabbricazione quali cause di responsabilità del produttore, in
Nuova giur. civ. e comm., 2008, 7-8, 258; Menzella, Vizi redibitori, qualità promesse, risarcimento
del danno, in Danno e resp., 2007, 803. 51 si fa spesso ricorso alle clausole di limitazione ed esonero da responsabilità del venditore, è stato osservato che ''l''ossequio della volontà dei privati si traduce 'in materia di vendita, in un privilegio per il venditore che abbia la forza di imporre alla controparte clausole di limitazione (o di esclusione) della garanzia e della responsabilità' 164. Tuttavia, occorre considerare che la tutela contrattuale del consumatore danneggiato da un prodotto difettoso non si esaurisce nella lettura delle norme in tema di compravendita, potendo autorizzare il ricorso a diversi modelli ricostruttivi basati sulle clausole generali; in tale ottica, occorre considerare che, oltre all'obbligazione principale e a quelle espressamente pattuite dalle parti, il contratto comporta anche l'assunzione di diverse obbligazioni che, anche se non espressamente previste, si ricollegano all'applicazione delle clausole generali di correttezza - buona fede 165 e risultano finalizzate alla tutela di ulteriori interessi delle parti. In altri termini, si è ritenuto che, oltre all'obbligazione principale, sussistono ulteriori obblighi-qualificabili come di sicurezza protezione- la cui violazione determina la possibilità di realizzare, in via contrattuale, la tutela dello specifico diritto leso, indipendentemente dalla sua riconducibilità al compratore oppure ai terzi 166. Ciononostante, anche la linea interpretativa da ultimo richiamata '' di derivazione germanistica '' pur essendo stata confermata da parte della dottrina italiana, presenta, tuttavia, alcune perplessità in tutte le ipotesi in cui vi siano una pluralità di intermediari e rivenditori; nello specifico, ci si è chiesti se il 164 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 9.
165 Falco, Buona fede e abuso del diritto: principi, fattispecie e casistica, Milano, 2010; AA. VV.,
Abuso del diritto e buona fede nei contratti, Torino, 2010; Gallo, Contratto e buona fede: buona
fede in senso oggettivo e trasformazioni del contratto, Torino, 2009; Spadafora, La regola
contrattuale tra autonomia privata e canone di buona fede: prospettive di diritto europeo dei
contratti e di diritto interno, Torino, 2007; Barcellona, Clausole generali e giustizia contrattuale:
equità e buona fede tra codice civile e diritto europeo, Torino, 2006; Uda, Buona fede
nell''esecuzione del contratto, Torino, 2004; Musio, La buona fede nei contratti dei consumatori,
Napoli, 2001.
166 Sul punto responsabilità derivante da ''contatto sociale', v. Fontana Vita Della Corte, Dubbi
sull''applicazione del contatto sociale all''importatore distributore di un prodotto difettoso, in Resp.
civ. e prev., 2011, 3, 659; Gazzara, Danno alla persona da contatto sociale: responsabilità e
assicurazione, Napoli, 2007; Faillace, La responsabilità da contatto sociale, Padova, 2004;
Franzoni, Il contatto sociale non vale solo per il medico, in Resp. civ. prev., 2011, 9, 1693; Zauli,
Responsabilità professionale da contatto sociale del medico e inadempimento contrattuale della
clinica, in Resp. civ., 2011, 427. 52 consumatore finale possa essere compreso fra quei soggetti terzi nei confronti dei quali può estendersi l'effetto protettivo generato dal contratto 167. La responsabilità del produttore può, poi, anche essere ricostruita ricorrendo alla teoria del cosiddetto contratto sociale 168 ; in tale ottica, si è affermato che, il legittimo affidamento che il consumatore ripone sul produttore comporta che, qualora dalla difettosità del bene derivi un danno per l'utilizzatore, quest'ultimo possa in ogni caso agire contro il produttore 169. Tuttavia, il limite che accomuna i sopra richiamati modelli normativi '' finalizzati, appunto, a fornire differenti soluzioni ricostruttive per individuare una responsabilità di tipo contrattuale in capo al produttore/venditore '' è senza dubbio rappresentato dalla difficoltà di estendere tale tutela oltre le parti; le regole stabilite dalla c.d. privaty of contract risultano, infatti, di per sé inadeguate ad offrire una protezione per tutti i soggetti estranei al regolamento contrattuale 170. In primo luogo, risulta difficile ricostruire la posizione dell'ultimo acquirente in maniera da giustificare l'azione diretta verso il produttore; infatti, solamente facendo ricorso ad una finzione giuridica si potrebbe affermare che l'acquirente (intermediario) abbia trasmesso al compratore finale, oltre che la cosa, anche i diritti che derivano dalla proprietà del bene e, conseguentemente, che ciascuno dei venditori abbia trasferito al compratore finale la garanzia inerente al 167 Al riguardo, autorevole dottrina ha sostenuto che, sulla base dell'operatività del principio
costituzionale di solidarietà e di quello di relatività degli effetti del contratto, in capo ai contraenti
accanto all'obbligo di prestare e alle altre obbligazioni a questo collegate, sussiste un implicito
dovere di protezione verso chiunque si sia esposto agli effetti pregiudizievoli che dal contratto
potrebbero conseguire.
168 Diederichsen, Die Haftung des Warenherstellers, Munchen, 1967, 296. Per una panoramica
delle diverse teorie, v. Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 140; Castronovo, voce
Danno da prodotti, dir. it. e straniero, in Enc. Giur., X, 1995, 11. In argomento, v. anche Ghidini,
La responsabilità del produttore di beni di consumo, Milano, 1970, 82, il quale ricollega la
responsabilità del produttore '' per l''affidamento deluso del consumatore rispetto al prodotto
dannoso '' ad una responsabilità precontrattuale del produttore stesso.
169 Alterativa alla teoria sopra richiamata è quella c.d. teoria del marchio secondo la quale il valore
riconducibile al marchio d'impresa, costituirebbe una proposta contrattuale di garanzia che il
consumatore stesso accetta implicitamente nel momento in cui acquista il bene Parte della dottrina
osserva, al riguardo, che non sembra potersi ''seriamente affermare che il fatto stesso di porre in
circolazione dei prodotti con la propria denominazione significhi promessa della buona qualità del
prodotto' (Bianca, La vendita La permuta, cit. 841).
170 Sull''insufficienza dei rimedi contrattuale al fine di risolvere le problematiche connesse ai danni
derivanti dalla circolazione dei prodotti difettosi, v. Morello, L''azione risarcitoria per i danni
derivanti da vizio della cosa, in Foro it., 1965, 1497; Bianca, La vendita e la permuta, Torino,
1972, 629; Bessone, Danno da prodotti e responsabilità dell''impresa, Milano, 1980, 36. 53 contratto di acquisto della cosa da rivendere 171 ; in tal modo procedendo, si dovrebbe, quindi, ritenere che il venditore, nel momento in cui ha trasferito la proprietà del bene, ha ceduto altresì il contratto in base al quale ha acquistato la proprietà medesima. Proprio con riferimento alla teoria della c.d. action directe è stato affermato come la stessa "risulti il frutto più di una pressante esigenza di ordine pratico-amministrazione del danno funzionale ad assicurare tutela degli interessi dell'utilizzatore danneggiato-sull'altare della quale si giustifica il sacrificio del rigore dogmatico e della coerenza logica di precetti" 172. Tuttavia, a ben guardare se da un lato, l'azione diretta ha il merito di consentire di superare la difficoltà delle azioni di garanzia a catena, dall'altro lato, tale azione non permette di tutelare anche la posizione dei terzi meri utilizzatori del bene che subiscono un danno a causa del prodotto difettoso. Ecco dunque che, proprio a causa dei limiti insuperabili connaturati allo stesso principio della relatività contrattuale, tanto la dottrina quanto la giurisprudenza 173 '' ben consapevoli che né le regole della compravendita, né quelle derivanti da altri modelli negoziali erano in grado di assicurare adeguata protezione al consumatore terzo rispetto al rapporto contrattuale '' hanno preferito ricorrere, ai fini di regolare la materia in esame, ad un modello normativo basato sulle regole della responsabilità extracontrattuale. In tal modo procedendo, la protezione dell'interesse si fondava non sull'esistenza del rapporto contrattuale tra danneggiato e danneggiante, bensì sulla violazione del generale principio del neminem ledere 174. 171 In tema di responsabilità del rivenditore che non è produttore, v. Cass. 26 novembre 1997, n.
11845, in De Jure, secondo cui in tema di vizi della cosa, la disposizione trova applicazione anche
nel campo della grande distribuzione ovvero della rivendita dei prodotti industriali di massa,
sicché il venditore è responsabile nei confronti del compratore del danno cagionato dal prodotto
difettoso se non fornisce la prova di aver attuato idoneo comportamento positivo tendente a
verificare lo stato e la qualità della merce e a controllare in modo adeguato l'assenza di vizi, anche
alla stregua della destinazione della merce stessa, tenendo conto in tale ipotesi che i doveri
professionali dei rivenditori, se non possono includere l'effettuazione di indagini i riscontri assidui
su ogni singolo prodotto, impongono, secondo l'uso della normale diligenza, controlli periodici o
su campione, al fine di evitare che notevoli quantitativi di merci presentino gravi vizi di
composizione o conservazione.
172 Baldini, Il danno da fumo, cit., 309.
173 Castronovo, voce Danno da prodotti, cit., 6; Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore,
cit., 9.
174 Castronovo, voce Danno da prodotti, cit., 6, il quale osserva come l''impianto più sicuro per il
danno da prodotti in generale, quelle che nei vari ordinamenti trova disciplina prima '' e ancora
oggi a prescindere '' della legislazione europea, è costituito dalla responsabilità extracontrattuale. 54 Tuttavia, a ben guardare, in materia extracontrattuale, le norme che a prima vista avrebbero potuto assumere rilievo al fine di assicurare un''adeguata tutela a colui che aveva subito un danno a seguito dell''utilizzo di beni difettosi sembravano non avere alcun valore applicativo. Difatti, la circolazione di prodotti difettosi, non rientrava nell''ambito di applicazione dell''art. 2050 c.c. che sancisce la responsabilità dell''impresa per esercizio di attività pericolose 175; se da un lato, si può ritenere che l''uso o il consumo di prodotti difettosi può convertirsi in un grave pericolo per l''utilizzatore, dall''altro lato, tuttavia, bisogna considerare come la sussistenza di difetti nella cosa non significa necessariamente che l''impresa produttrice eserciti attività che possono essere qualificate come pericolose 176 .
L'analisi comparata del fenomeno nei diversi Paesi europei - con l'unica eccezione francese -
indirizzo prevalente, tanto dottrina quanto giurisprudenza - anche prima dell'introduzione del d.p.r.
224/1988, è chiaramente nel senso di ritenere la responsabilità extracontrattuale come la tipologia
di responsabilità privilegiata per disciplinare la responsabilità del produttore. In argomento, v.
anche Ferri, In tema di tutela del consumatore, 283; Nardone, Tutela dell'acquirente finale di un
bene difettoso e responsabilità del produttore, in Resp. civ., 2006, 3, 249; Fusaro, Note sulla
direttiva comunitaria in tema di responsabilità del produttore, cit., 131; Visintini, Trattato breve
della responsabilità civile, Padova, 2005, 854; De Martini, Responsabilità per danni sa attività
pericolosa e responsabilità per danni nell''esercizio di attività pericolosa, in Giur. it., 1973, II, 963.
In giurisprudenza, v. Cass. 9 maggio 1969, n. 1595, in Resp. civ. e prev., 1970, 270; Trib. Forlì 7
maggio 1976, in Giur. it., 1978, I, 429, con nota di Alpa, Casi e questioni di responsabilità del
produttore.
175 Per un approfondimento cfr. Visintini, Trattato breve della responsabilità civile, cit., 854; De
Martini, Responsabilità per danni sa attività pericolosa e responsabilità per danni nell''esercizio di
attività pericolosa, cit., 963. In giurisprudenza, v. Cass. 9 maggio 1969, n. 1595, cit.; Trib. Forlì 7
maggio 1976, cit. Sull''ambito di applicazione di tale norma, v. ex multis, Fin, Responsabilità per
esercizio di attività pericolose: prova liberatoria e concorso di colpa del danneggiato, in Resp.
civ., 2012, 3, 216; Tassone, I danni da fumo e la giurisprudenza "normativa": un altro tassello', in
Danno e resp., 2012, 1, 88; Al Mureden, I danni da consumo di alimenti tra legislazione di settore,
principio di precauzione e responsabilità civile, in Contr. e impr., 2011, 6, 1495; Comenale Pinto,
Attività pericolose e danni a terzi in superficie, in Giust. civ., 2011, 7-8, 1778; Izzo, Aree sciabili e
responsabilità extracontrattuale: il difficile rapporto fra "responsabilità oggettiva" e colpa del
danneggiato (parte seconda), in Danno e resp., 2011, 7, 774; Clemente, I danni da fumo ed il
"rischio" di danno alla salute, in Dir. ed econ. ass., 2011, 2, 695; Fucci, La responsabilità
dell'organizzatore di un evento sportivo nei confronti degli atleti partecipanti allo stesso, in Resp.
civ., 2011, 5, 355; Belli, La responsabilità oggettiva, in Resp. civ., 2011, 5, 373; Baffi,
Responsabilità "aggravata". Un'analisi giuseconomica, in Danno e resp., 2011, 345; Franzoni,
L''illecito, in Trattato della responsabilità civile, diretto da Franzoni, Milano, 2010, 664; Facci, La
responsabilità da attività pericolosa, in Le obbligazioni, a cura di Franzoni, II, Torino, 2004, 275;
Carusi, Forme di responsabilità e danno, in Diritto civile, diretto da Lipari e Rescigno e
coordinato da Zoppini, vol. IV, III, Milano, 2009, 492; Monateri, La responsabilità civile per lo
svolgimento di attività pericolose, in http://www.notiziariogiuridico.it/attpericolose.html.
176 Così, per esempio, il cattivo funzionamento di un prodotto che cagioni una lesione all''integrità
fisica di una persona non è di per sé indice dell''esercizio di un''attività pericolosa da parte
dell''impresa produttrice qualora il bene che abbia cagionato un danno non rientri nella categoria di
''prodotti pericolosi'. 55 Sempre nell''ottica di ricostruire la responsabilità del produttore sulla base delle regole che governano la responsabilità extracontrattuale, non è neppure possibile invocare l''art. 2051 c.c. che considera responsabile dei danni provocati il custode che aveva il controllo sul bene a cui è imputabile l''evento dannoso 177; infatti, si è ritenuto che, nel momento in cui il prodotto danneggia il consumatore, l''impresa produttrice non ha più la custodia della cosa 178. Ecco dunque che, alla luce delle considerazioni sopra esposte, si può affermare che l''unica disposizione presente nel codice civile a cui era possibile ricorrere al fine di tutelare il consumatore danneggiato a seguito dell''utilizzo di prodotti difettosi, era rappresentata dalla clausola generale di responsabilità di cui all'art. 2043 c.c. 179 Tuttavia, il ricorso a tale modello normativo imponeva la necessità per il danneggiato di fornire la non agevole prova della colpa del danneggiante (ossia dell''impresa produttrice) 180; tale onere probatorio risultava assai difficile, non solo perché il consumatore ignorava le tecniche di distribuzione del prodotto '' dall''analisi delle quali si sarebbe potuto identificare errori e negligenze in capo all''impresa produttrice medesima '' ma anche perché 177 Sul punto, v. Cass. 13 gennaio 1981, n. 294, in Resp. civ. e prev., 1982, 746; Trib. Roma 23
luglio 1984, in Resp. civ. e prev., 1984, 668.
178 Parte della dottrina ricorreva anche alle norme in tema di responsabilità dei padroni e
committenti (art. 2049 c.c.) (Trimarchi, Repsonsabilità e rischio oggettivo, Milano, 1961, 239; De
Sanna, Bottiglie espolisive e responsabilità del custode, in Resp. civ. prev., 1987, 275) o all''art.
2054 c.c. (responsabilità del costruttore per vizi e difetti dell''autoveicolo, in Arch. giur. circ. sin.
strad., 1979, 225).
179 Tra le tante pronunce giurisprudenziali relative all'argomento in esame, v. Cass. 13 gennaio
1981, n. 294, in Foro it., 1981, I, 1325; Cass. 20 luglio 1979, n. 4352, in Resp. civ. e prev., 1980,
84; Cass. 9 maggio 1969, n. 1595, ivi, 1970, 270; Cass. 2 aprile 1963, n. 819, in Foro it., 1963, I,
2197. L'art. 2050 c.c. ha trovato applicazione nelle ipotesi, per esempio, di danni cagionati dal
plasma sanguigno (Cass. 27 gennaio 1997, n. 814, in Foro. it. mass., 1997; Cass. 15 luglio 1987, n.
6241, in Foro it., 1988, I, 144 ed in Nuova giur. civ. e comm., 1998, I, 475; Cass. 3 aprile 2003, n.
5164, in Foro it. mass., 2003 secondo cui anche prima dell'entrata in vigore del d.p.r. 24 maggio n.
224/1988, che disciplina la responsabilità del produttore con effetto retroattivo, ma secondo criteri
anche in precedenza applicabili per la loro coerenza logica con quelli che regolano la
responsabilità aquiliana, il danno subito da colui che si serve di una cosa poteva essere addebitato
ad un difetto di costruzione della cosa medesima ed il costruttore poteva essere chiamato a
rispondere ai sensi dell'art. 2043 c.c.
180 Sul requisito della colpa, come attributo fondamentale ai fini della qualificazione in termini di
illecito della condotta del danneggiante, v. ex multis, Forchielli, voce Colpa (dir. civ.), in Enc. giur..
VI, Roma, 1988, 5; Visintini, I fatti illeciti, II, La colpa in rapporto agli altri criteri di imputazione
della responsabilità, in I grandi orientamenti della giurisprudenza civile e commerciale, collana
diretta da Galgano, Padova, 1990, 4; Rodotà, Il ruolo della colpa nell''attuale sistema della
responsabilità civile, in Resp. civ. prev., 1978, 3; Cagaffi, Profili di responsabilità della colpa,
Padova, 1996. 56 non sempre risultava possibile indicare le vere cause dell''evento dannoso, le quali, infatti, a causa della complessità del processo produttivo, spesso rimanevano ignote anche al fabbricante 181 . Sotto questo specifico profilo, pertanto, la circolazione di prodotti dannosi sembrava comportare un rischio che inevitabilmente ricadeva sul pubblico dei consumatori, senza che sussistesse alcuna possibilità di trasferire il predetto rischio in capo a quei soggetti (ossia le imprese produttrici) che lo avevano posto in essere. Ecco dunque che, proprio ai fini di superare le difficoltà connesse alla necessità di provare la colpa del danneggiante, tanto la dottrina quanto la giurisprudenza 182 hanno dovuto far ricorso a presunzioni o addirittura a finzioni di colpa 183; in tale ottica, si è, per esempio, ritenuto che il difetto del prodotto che ha determinato il danno in quanto originario doveva essere necessariamente riconducibile al processo di fabbricazione e, quindi, ad una condotta colposa del produttore 184. 181 In argomento, Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 20; Castronovo, voce
Danno da prodotti, cit., 6; Ponzanelli, Regole economiche e principi giuridici a confronto: il caso
della responsabilità del produttore e della tutela dei consumatori, in Riv. crit. dir. priv., 1993, 553.
182 Tra le pronunce giurisprudenziali che si sono pronunciate sull''argomento, v. Cass. 25 maggio
1971, n. 1540, cit.; Cass. 24 maggio 1969, n, 1832, cit.; Trib. Pavia 22 dicembre 1972; Cass. 6
febbraio 1978, n. 545, cit.; Cass. 22 febbraio 1980, n. 1376, in Giur. it., 1980, I,1,1459; Cass. 21
ottobre 1957, n. 4004; Cass. 21 ottobre 1957, n. 4004, in Foro it., 1958, I, 46.
183 In dottrina, v. Galgano, La responsabilità del produttore, in Contr. e impr., 1986, 995.
184 Si pensi, ad esempio, al famoso ''caso Saiwa' (Cass. 25 maggio 1964, n. 1270, in Foro it.,
1966, V, 13, con nota di Martorano, Sulla responsabilità del fabbricante per la messa in
commercio di prodotti dannosi (a proposito di una sentenza della Cassazine), concernente una
fattispecie in cui l''ingestione di biscotti avariati aveva causato a varie persone una enterocolite
febbrile; in tale occasione, la Cassazione, modificando la sentenza di primo grado (Pret. Roma 20
giugno 1959, ined.), ha condannato al risarcimento l''impresa produttrice, nonostante non fosse
stata provata una sua colpa nell''esercizio dell''attività industriale. Tale soluzione è stata
argomentata attraverso il ricorso ad un processo logico-presuntivo, tramite il quale la Suprema
Corte stessa ha fatto risalire direttamente all''impresa il difetto riscontrato all''interno dei prodotti
sigillati. In definiva, al fine di apprestare una maggior tutela al consumatore, la colpa non veniva in
questo caso dimostrata ma presunta tramite una tecnica che consentiva di utilizzare
impropriamente le norme del codice civile. Sempre in tale ottica, occorre ricordare un''ulteriore
della Suprema Corte nella quale i giudici di legittimità avevano affermato che la valutazione della
diligenza posta in essere dal fabbricante, doveva essere collegata alla natura del rapporto a cui si
riferiva il dovere di condotta e, nel caso di produzione di bene in serie, trattandosi di svolgimento
di attività professionale, la diligenza doveva identificarsi in quella del "produttore memore dei
propri impegni e cosciente le relative responsabilità" (nel caso di specie un minore si era ferito ad
un occhio con una pistola giocattolo e la Suprema Corte ha individuato una responsabilità del
fabbricante che, dovendo prevedere l''uso anormale del prodotto da parte dei piccoli utenti, non
aveva posto in essere le opportune cautele per impedire il verificarsi dell''evento dannoso). 57 Inoltre, occorre ricordare come, sempre al fine di affermare la responsabilità del produttore e di superare, quindi, le difficoltà connesse all'onere della prova incombente sul danneggiato, si era altresì ricorso alla nozione di colpa oggettiva 185, in base alla quale il produttore rispondeva anche qualora fossero state osservate le leggi, i regolamenti e gli standards produttivi di sicurezza ed a prescindere da un'ulteriore accertamento dell'elemento soggettivo del caso concreto 186. In termini conclusivi, dunque, l'adozione di tecniche giuridiche dirette a ritenere presunta ovvero oggettiva la colpa del produttore, hanno permesso in molti casi di superare la difficoltà della prova relativa all'elemento soggettivo del fatto illecito-di fronte alla quale '' è stato osservato che '' si sarebbe infranta ogni stanza di tutela del soggetto danneggiato 187. Proprio con riferimento al profilo da ultimo analizzato, parte della dottrina ha osservato come, seppure il criterio di imputazione della responsabilità per colpa rappresenta un efficace meccanismo di prevenzione del danno (sanzionando il fabbricante qualora abbia negligentemente costruito il prodotto, si incentiva inevitabilmente il produttore stesso a produrre un miglior prodotto), cinoostante occorre considerare che il predetto sistema di responsabilità conduce ad un aumento dei costi sociali dei sistemi di risarcimento. Infatti, in tal modo ragionando, si giunge al risultato per cui, qualora sussista l''elemento soggettivo del fatto illecito, i costi vengono allocati in capo alla parte in colpa, senza che possa assumere rilievo se questa sia effettivamente il soggetto economicamente più idoneo a prevenire il danno e senza, peraltro, valutare quale sia la parte che, meglio dell''altra, sia in grado di negoziare per modificare gli errori; nelle ipotesi in cui, invece, non sussiste l''elemento soggettivo, il sistema fondato sulla colpa lascia che le perdite siano allocate alla parte che ha subito il danno e non si 185 Al riguardo, è stato sostenuto che in tal caso, sarebbe più corretto parlare più che di
superamento del principio della colpa, di tentativo di "conformare" tale requisito alle esigenze
della fattispecie concreta attraverso una sua progressiva "oggettivizzazione''.
186 Su questo specifico punto, occorre ricordare la decisione della Suprema Corte che ha affermato
la responsabilità del produttore di un tagliacarte automatico in quanto nella progettazione di tale
prodotto non si erano adottate tutte le misure necessarie per impedire che l''utilizzo del prodotto
potesse cagionare un danno.
187 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 20; Baldini, Il danno da fumo, cit. 283. 58 preoccupa di porre dette perdite a carico del soggetto che è in grado di poter prevenire il pregiudizio stesso nella maniera più conveniente possibile 188. Fermo restando quanto precede, analizzando nello specifico alcune pronunce giurisprudenziali che, prima dell''intervento della direttiva comunitaria, ai fini di configurare una responsabilità del produttore, sono ricorse al sistema della colpa, emerge come la stessa giurisprudenza, di frequente, si sia pronunciata sulla questione in maniera non univoca. A mero titolo esemplificativo, si pensi alla decisione della Suprema Corte che ha riconosciuto la responsabilità dell''impresa produttrice di una pistola-giocattolo per i danni arrecati ad un bambino 189; in tale occasione, è stata esclusa la responsabilità dei genitori per la mancata sorveglianza del figlio e si è sostenuto che il fabbricante avrebbe dovuto prevedere l''uso anormale del prodotto da parte dei piccoli utenti, con la conseguenze che, dunque, il produttore stesso, non avendo predisposto meccanismi di sicurezza tali da impedire il verificarsi dell''evento dannoso, è stato condannato al risarcimento del danno 190 . Tuttavia, in un caso analogo al precedente '' in cui appunto un minore si era ferito con una pistola giocattolo - una pronuncia della Corte d''appello di Genova ha escluso la responsabilità dell''impresa, affermando, invece, quella dei genitori che non impedirono al minore di fare un improprio uso del giocattolo 191; a fondamento della propria decisioni, infatti, i giudici di merito hanno sostenuto che sulla confezione del prodotto vi era un''avvertenza con la quale venivano indicati i potenziali pericoli connessi ad un utilizzo improprio del prodotto 192. Un''ulteriore questione che ha suscitato non poche incertezze applicative concerne, poi, il c.d. concorso di colpa del consumatore. Ecco dunque che, anche con riferimento a questo specifico profilo, la giurisprudenza non ha assunto un atteggiamento sempre coerente 193; così, per esempio, se in determinati casi sia i 188 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 98.
189 Cass. 21 ottobre 1957, n. 4004, in Foro it., 1958, I, 46.
190 Cass. 21 ottobre 1957, n. 4004, cit. In argomento v. anche Cass. 25 maggio 1971, n. 1540, cit.;
Cass. 24 maggio 1969, n, 1832, cit.; Cass. 6 febbraio 1978, n. 545, cit., che esclude il diritto del
consumatore ad ottenere il risarcimento del danno causato da un elettrodomestico perché il
soggetto danneggiato non aveva osservato l istruzioni per l''uso.
191 App. Genova, 5 giugno 1964,
192 App. Genova, 5 giugno 1964
193 Cass. 25 maggio 1971, n. 1540, cit.; Cass. 24 maggio 1969, n, 1832, cit.; Trib. Pavia 22
dicembre 1972; Cass. 6 febbraio 1978, n. 545, cit.; Cass. 22 febbraio 1980, n. 1376, in Giur. it.,
1980, I, 1, 1459; Cass. 21 ottobre 1957, n. 4004, cit. 59 giudici di legittimità sia quelli di merito 194 hanno escluso la responsabilità del produttore muovendo dalla considerazione per cui il consumatore non aveva nel singolo caso concreto osservato le istruzioni per l''uso fornito dal fabbricante stesso 195, in altre occasioni, è stato riconosciuto a favore del consumatore il diritto al risarcimento del danno, anche qualora di fatto quest''ultimo avrebbe potuto evitare (o comunque limitare) il pregiudizio subito se avesse considerato con maggiore attenzione le avvertenze fornite dall''impresa produttrice 196. 5.1. L''attuazione della direttiva 1985/374/CEE: dal d.p.r. del 24 maggio 1988, n. 224 al d.lgs. 6 settembre 2005, n. 2005 La disciplina relativa alla responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotti difettosi è stata introdotta nel nostro ordinamento attraverso il d.p.r. 24 maggio 1988, n. 224 197, emanato, appunto, in attuazione della direttiva 85/374/CEE 198 ; in virtù dell'art. 146 d.gs 6 settembre 2005, n. 206, il d.p.r. 224/1988 è stato successivamente abrogato e le norme concernenti la responsabilità del produttore sono state inserite nel c.d. Codice del consumo ed in particolare, negli artt. 114 e 127 (a cui va aggiunto l'art. 3 lett. d) che fornisce una definizione di produttore) 199. L''art. 114 del d.lgs. n. 206/2005 riproduce quasi testualmente l''art. 1 della direttiva, confermando, pertanto, l''imputazione oggettiva della responsabilità in 194 Cass. 25 maggio 1971, n. 1540, cit.; Cass. 24 maggio 1969, n, 1832, cit.;
195 Trib. Pavia 22 dicembre 1972, cit.; Cass. 6 febbraio 1978, n. 545, cit.; Cass. 22 febbraio 1980,
cit.
196 Cass. 21 ottobre 1957, n. 4004, cit.
197 Occorre ricordare che la disciplina dettata dal d.p.r. del 24 maggio 1988/224, in materia di
responsabilità del produttore per prodotti difettosi è priva di efficacia retroattiva e, pertanto, non è
applicabile ai fatti verificatisi prima della sua entrata in vigore (sul punto, Cass. 23 settembre
2004, n. 19134, in Foro it. mass., 2004; Cass. 10 settembre 2002, n. 13158, in Foro it. mass., 2002.
198 Oltre alle norme che relative alla responsabilità del produttore, nel Codice del consumo sono
presenti disposizioni che, anche solo indirettamente, riguardano tale tipologia di responsabilità; si
tratta, in particolare, delle nome in tema di sicurezza dei prodotti (parte IV, titolo I, artt. 102-113),
le quali obbligano determinati soggetti '' anche diversi dal produttore '' a controllare e garantire la
sicurezza dei prodotti prima della loro immissione sul mercato (artt. 103 lett. d) ed e) e 104). In
linea generale, tali disposizioni sono finalizzate a tutelare il consumatore a livello preventivo '' e,
quindi, mirano a far sì che i prodotti siano sicuri quando vengono posti sul mercato '' mentre la
normativa di cui all'art. 114 ss. interviene successivamente ed è diretta a garantire al consumatore
il risarcimento di un danno già avvenuto.
199 Per un''analisi del Codice del consumo, v. Alpa-Carleo, Codice del consumo, commentario,
Napoli, 2005; Stella, La responsabilità del produttore per danno da prodotto difettoso nel nuovo
codice del consumo, in Resp. civ. prev., 2006, 10, 1589. 60 capo al produttore ed agli altri soggetti che possono eventualmente essere chiamati a risarcire il danno subito 200. Anche per quanto concerne la nozione di prodotto, il legislatore italiano ha mutuato la direttiva comunitaria; l''art. 115 del Codice del consumo dispone, infatti, che ''Prodotto, ai fini del presente titolo, è ogni bene mobile, anche se incorporato in altro bene mobile o immobile 201 . Si considera prodotto anche l''elettricità' 202. Proprio ai fini di individuare una definizione di ''bene mobile', occorre fare riferimento a quella negativa di cui all''art. 812 c.c., in forza del quale ''Sono beni immobili il suolo, le sorgenti e i corsi d''acqua, gli alberi, gli edifici e le altre costruzioni, anche se unite al suolo a scopo transitorio, e in generale tutto ciò che naturalmente o artificialmente è incorporato al suolo. Sono reputati immobili i mulini, i bagni e gli altri edifici galleggianti quando sono saldamente assicurati alla riva o all''alveo e sono destinati ad esserlo in modo permanente per la loro utilizzazione. Sono beni mobili tutti gli altri beni'. All''interno, poi, della categoria 200 L''art. 114 del Codice del consumo afferma che ''Il produttore è responsabile del danno
cagionato da difetti del suo prodotto' (e l''art. 1 della direttiva sancisce che ''Il produttore è
responsabile del danno causato da un difetto del suo prodotto'). Attraverso tale principio il
legislatore riafferma - anche nel Codice del Consumo '' la sussistenza di una responsabilità del
produttore nei confronti dell'utente per i danni derivanti da prodotti difettosi, a prescindere dalla
sussistenza di un rapporto contrattuale tra questi soggetti e, quindi, anche se l'utilizzatore non
abbia acquistato il prodotto direttamente dal produttore. Sul punto, si vedi anche il codice civile
francese (art. 1386-1) secondo cui ''Il produttore è responsabile per il danno causato da un prodotto
difettoso, a prescindere dal fatto di essere o meno legato da un contratto alla vittima'. In
argomento, v. anche Trib. Napoli 21 marzo 2006, in Giur. merito, 2006, 12, 2667; in Il civilista,
2009, 5, 96; Trib Pesaro 7 maggio 1996, in Giur. merito, 1997, 267; Giudice di Pace Macerata 5
aprile 2004, in Contratti, 2005, I, 483.
201 Sulla base della suddetta definizione, la normativa in tema di responsabilità del produttore si
applica a qualsiasi prodotto industriale, sia esso dell'industria meccanica, elettronica, alimentare o
farmaceutica, purché si tratti di bene mobile (anche registrato) e con esclusione dei beni immobili.
Come si vedrà in seguito, la casistica riguarda, ad esempio, i danni derivanti da veicoli in genere,
elettrodomestici, giocattoli, sostanze alimentari, farmaci ecc. ecc.
202 Occorre, inoltre, osservare come ai sensi dell''art. 115, comma 2 del Codice del consumo debba
essere considerato prodotto anche l''elettricità, con la conseguenza che, in tal modo procedendo, si
estende il campo di applicazione della normativa, attraverso una vera e propria finzione giuridica,
facendo rientrare all''interno della categoria di ''prodotto' anche ciò che, in verità, consiste in un
servizio di fornitura di energia elettrica, e consentendo eventualmente di riconoscere il diritto al
risarcimento dei danni causati, ad esempio, da sbalzi di tensione. Sono escluse dal campo di
applicazione della normativa in esame le ipotesi in cui l''incidente derivi dal contatto con le linee di
trasmissione dell''elettricità ad alta tensione, atteso che, in base al d.lgs. n. 206/2005 l''elettricità
non è ancora entrata ''in circolazione', con la conseguenza che, si potrà ricorrere alla
responsabilità di cui all''art. 2050 c.c., sempre che l''attività di produzione e distribuzione
dell''energia elettrica possa essere considerata un''attività pericolosa. 61 dei beni mobili devono essere ricompresi anche i beni mobili registrati, i quali sono assoggettati alla disciplina dei primi qualora non vi siano disposizioni speciali che li riguardano (art. 815 c.c.). Sono ricompresi nella nozione di ''prodotto' anche i beni mobili incorporati in altri beni mobili (si pensi, per esempio, all'air bag di un'autovettura) o in beni immobili (si pensi, al cemento utilizzato per costruire gli edifici). La limitazione dell''ambito di applicazione della legislazione in materia di responsabilità del produttore ai soli beni mobili, comporta, come detto, l''esclusione dal campo di applicazione di tale normativa dei beni immobili 203. Occorre, poi, in questa sede ricordare come la nozione di ''prodotto' debba essere interpretata in maniera elastica; infatti, la stessa Corte di giustizia ha ritenuto applicabile la disciplina in tema di responsabilità del produttore nell'ipotesi di messa in circolazione di un vaccino ritenuto difettoso che aveva causato rilevanti lesioni ad un bambino 204 oppure nel caso in cui il difetto di un liquido di conservazione e trattamento di un organo umano avesse determinato l'inutilizzabilità dello stesso ai fini del trapianto 205. Infine, seppure la Commissione ha ritenuto la direttiva in materia di responsabilità da prodotto applicabile anche al c.d. software difettoso, è necessario in questa sede precisare che di fatto risulta estremamente difficile che si verifichi '' con riferimento a tale categoria di prodotti - un caso concreto di applicazione della normativa sulla responsabilità del produttore; infatti, come meglio si preciserà in seguito, ai sensi dell'art. 123 del Codice del consumo i danni a cose - diverse dal prodotto difettoso '' che possono essere oggetto di risarcimento sono esclusivamente quelli che concernano beni dell'utente destinati ad uso privato, mentre le ipotesi di rilevanza pratica sono quelle in cui il software difettoso cagioni un danno in ambito professionale imprenditoriale (si pensi al caso in cui l'attività di un'impresa venga sospesa a causa di un blocco del sistema informatico 203 Inoltre, sembra che tale normativa non possa essere applicata al produttore di servizi, atteso che
lo stesso termine ''produttore' deve essere ricondotto ad un''attività di fabbricazione del bene e
considerato il fatto che il produttore di beni mobili ed il prestatore di servizi si differenziano
perché quest''ultimo è contrattualmente legato al destinatario delle prestazioni, con la conseguenza
che qualora nel corso del rapporto dovessero sopravvenire eventuali situazioni patologiche, queste
sarebbero risolte in maniera più appropriata sul piano contrattuale.
204 Corte giustizia CE 9 febbraio 2006, causa C-127/04, in Resp. civ. prev., 2006, 114, con nota di
Carnevali, Consegna del prodotto al distributore e messa in circolazione di esso.
205 Corte giust. CE, 10 aggio 2001, C-203/99, in Nuova giur. civ. comm., 2002, I, 181. 62 con cui l'impresa stessa viene gestita). Per quanto concerne, poi, i danni alla persona, pare estremamente difficile ipotizzare una situazione in cui un software difettoso cagioni una tale tipologia di danno 206. Tuttavia, si potrebbe pensare che il software difettoso provochi dei danni ad una banca dati protetta da quello stesso software con conseguente ''fuga' di notizie riservate e, quindi, violazione della privacy; anche in questo ultimo caso, però, il soggetto leso non potrebbe richiamarsi alla normativa in tema di responsabilità del produttore, atteso che la nozione di ''lesioni personali' di cui all'art. 123 c.c. sembra voler tutelare esclusivamente l'integrità fisica e non si presta ad includere, all'interno del proprio ambito di applicazione, l'integrità morale di un soggetto. Da ultimo, sempre con riferimento alla nozione di ''prodotto', occorre ricordare come al momento dell'entrata in vigore del d.p.r. n. 224/1988, l'art. 2, comma 3 escludeva dal campo di applicazione di detta disciplina i prodotti agricoli del suolo e quelli dell'allevamento, della pesca e della caccia, che non avessero subito trasformazioni. Tuttavia, successivamente alla crisi della c.d. mucca pazza, la direttiva CE 99/34 del 10 maggio 1999 '' modificando la direttiva 85/374/CEE '' ha imposto ai Paesi membri di estendere il campo di applicazione del principio della responsabilità oggettiva ai prodotti agricoli primari non trasformati 207; ecco dunque che, per quanto concerne l'ordinamento italiano, il d.lgs. 2 febbraio 2001, n. 25 '' in attuazione della suddetta direttiva '' ha, quindi, abrogato il terzo comma dell'art. 2 ed ha modificato il primo comma dell'art. 3, il quale attualmente afferma che ''Produttore è il fabbricante del prodotto finito o di una sua componente, il prodotto della materia prima, nonché, per i prodotti 206 In argomento, v. Zaccaria, La responsabilità del produttore di software, in Contr. e impr., 1993,
294.
207 Sul punto, v. Ponzanelli, Estensione della responsabilità oggettiva anche all'agricoltore, al
pescatore e al cacciatore, cit., 2001, 792; Galgano, Trattato di diritto civile, cit., 2010, 225;
Marenghi, La legge applicabile al danno da prodotto nell'Unione europea: l'art. 5 del regolamento
864/2007/CE, cit., 335 '' 394; Cagnasso, La responsabilità del produttore per i danni derivanti da
prodotti difettosi: la disciplina della comunità europea, cit., 9; Carnevali, "Produttore" e
responsabilità per danno da prodotto difettoso nel codice del consumo, cit., 1938; Giuffrida, Dalla
responsabilità dell'imprenditore all'imprenditore responsabile, cit., 545 '' 567; Bastianon, Prime
osservazioni sul "Libro Verde" della Commissione in materia di responsabilità civile per danno da
prodotti difettosi, cit., 807; Germanò, La responsabilità del produttore, cit., 743; Masini, Corso di
diritto alimentare, cit., 153; Cubeddu, La responsabilità del produttore per i prodotti naturali, cit.,
809; Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., 141; Tamponi, La tutela dei
consumatori di alimenti: soggetti, oggetto e relazioni, cit., 139. 63 agricolo del suolo e per quelli dell'allevamento, della pesca e della caccia, rispettivamente l'agricoltore, l'allevatore, il pescatore ed il cacciatore' Per quanto concerne la nozione di ''produttore', occorre ricordare come il d.lgs. 23 ottobre 2007, n. 231 abbia modificato sia la rubrica dell''art. 115 (con l''aggiunta del termine ''produttore' e di quello di ''prodotto'), sia il testo dell''art. 115 del Codice del consumo, tramite l''introduzione di un comma 2 bis, contenente, appunto, la definizione di ''produttore'; in particolare, la predetta definizione riprende '' pressoché testualmente '' l''art. 3 comma 1 del d.p.r. n. 224/1988, come novellato dal d.lgs. n. 25/2001, e afferma che il produttore ''ai fini del presente titolo, è il fabbricante del prodotto finito o di una sua componente, il produttore della materia prima, nonché, per i prodotti agricoli del suolo e per quelli dell''allevamento, della pesca e della caccia, rispettivamente l''agricoltore, l''allevatore, il pescatore ed il cacciatore'. Al riguardo, pare opportuno in questa sede evidenziare come l''inciso ''ai fini del presente titolo' sia stato inserito con lo scopo di mantenere una simmetria con la disposizione di cui all''art. 103 comma 1, lett. d) che definisce ampiamente 208 la nozione di ''produttore'ai fini dell''individuazione dell''ambito di applicazione delle norme in materia di sicurezza dei prodotti. Tuttavia, mentre la definizione di ''produttore' presente nel Titolo I del Codice del consumo (art. 3, comma 1, lett. d) può ritenersi esaustiva, quella introdotta nel nuovo comma 2 bis dell''art. 115 è incompleta, in quanto non comprende né i soggetti che si presentano come produttori '' apponendo sul prodotto stesso il proprio nome, marchio o altro segno distintivo '' né quelli che importano i prodotti da Paesi extracomunitari. Proprio per tale ragione, parte della dottrina ha ritenuto che ''tale definizione è inidonea a rappresentare in modo completo il presupposto soggettivo per l''applicazione delle norme sulla responsabilità per danno da prodotto difettoso' 209 , con la conseguenza che, secondo l''orientamento dottrinale sopra 208 L''art. 103, comma 1, lett. d) sancisce che ''produttore: il fabbricante del prodotto stabilito nella
Comunità e qualsiasi altra persona che si presenti come fabbricante apponendo sul prodotto il
proprio nome, il proprio marchio o un altro segno distintivo, o colui che rimette a nuovo il
prodotto; il rappresentante del fabbricante se quest'ultimo non e' stabilito nella Comunita' o,
qualora non vi sia un rappresentante stabilito nella Comunita', l'importatore del prodotto; gli altri
operatori professionali della catena di commercializzazione nella misura in cui la loro attivita'
possa incidere sulle caratteristiche di sicurezza dei prodotti'.
209 Carnevali, "Produttore" e responsabilità per danno da prodotto difettoso nel codice del
consumo, cit., 1944. 64 richiamato, ''sarebbe stato opportuno che il nuovo comma 2 bis disponesse un rinvio integrativo alla più ampia definizione di produttore data dallo stesso art. 3, comma 1, lett. d)' del Codice del consumo medesimo 210. In altri termini, sarebbe necessario non riconoscere al termine ''produttore' presente nel novellato art. 115 del Codice del consumo un valore esaustivo di tale categoria di soggetti; in tale ottica, dunque, ai fini di individuare i soggetti produttori bisognerebbe collegare quanto disposto dal sopra richiamato art. 115 comma 2 bis con l''art. 3, comma 1, lett. d) dello stesso Codice del consumo che menziona le categorie di ''produttori' tralasciate dal predetto art. 115 comma 2 bis 211. Infine, ai fini dell''individuazione dell''ambito di applicazione della normativa in tema di responsabilità per danno da prodotti difettosi, occorre escludere dalla nozione di ''produttore', le figure del ''prestatore di servizi o del suo intermediario' e ''dell''intermediario del fabbricante', anche se menzionate dall''art. 3, comma 1 lett. d); ricomprendere all''interno dell''ambito di applicazione della normativa in esame tali soggetti - che, peraltro, non sono menzionati nè nelle direttive comunitarie in tema di responsabilità del produttore (85/375/ CEE e 34/1999/CE), né nell''art. 3 del d.p.r. n. 224/1988 (novellato con il d.lgs. n. 25/2001) che le aveva recepite - potrebbe porsi in contrasto con i predetti testi comunitari. Dettagliata risulta essere, poi, la nozione di fornitore presente nel Codice di consumo; l''art., 116 stabilisce, infatti, che ''Quando il produttore non sia individuato, è sottoposto alla stessa responsabilità il fornitore che abbia distribuito 210 Carnevali, "Produttore" e responsabilità per danno da prodotto difettoso nel codice del
consumo, cit., 1944. In argomento, v. anche Bellisario, sub art. 3, in Codice del consumo ''
Commento, a cura di Apla, Rossi Carleo, Napoli, 2005, 77.
211 In particolare, l''art. 3 comma 1, lett. d) del Codice del consumo afferma che ''produttore: fatto
salvo quanto stabilito nell'art. 103, comma 1, lettera d), e nell'articolo 115, comma 2-bis il
fabbricante del bene o il fornitore del servizio, o un suo intermediario, nonche' l'importatore del
bene o del servizio nel territorio dell'Unione europea o qualsiasi altra persona fisica o giuridica che
si presenta come produttore identificando il bene o il servizio con il proprio nome, marchio o altro
segno distintivo'. In altre parole, dunque, oltre ai produttori, sussistono ulteriori soggetti (come per
esempio l''importatore) a questo equiparati che possono essere considerati, insieme al produttore
stesso, responsabili di eventuali pregiudizi subiti dal consumatore a causa dell''utilizzo di beni
difettosi; in tal modo procedendo, si vuole, dunque, concedere al danneggiato la possibilità di agire
nei confronti di un soggetto situato all''interno del mercato comune, in tutte le ipotesi in cui risulti
difficoltoso '' anche da un punto di vista strettamente economico '' per il danneggiato agire
direttamente nei confronti del produttore. 65 il prodotto nell''esercizio di un''attività commerciale, se ha omesso di comunicare al danneggiato, entro il termine di tre mesi dalla richiesta, l''identità e il domicilio del produttore o della persona che gli ha fornito il prodotto' 212. Attraverso tale disposizione, sembra che il legislatore voglia incentivare i rivenditori, al fine di evitare che questi debbano rispondere personalmente, ed organizzarsi in maniera tale da essere sempre in grado di individuare il produttore o il soggetto intermediario che si pone come precedente anello della catena distributiva 213. In altri termini, si è voluto equiparare il fornitore al produttore non già da un punto di vista tecnico, ma bensì sotto il profilo della responsabilità, in quanto anche il primo, in caso di mancata identificazione del produttore, potrà essere chiamato a risarcire eventuali pregiudizi subiti dal consumatore (tale previsione potrebbe trovare applicazione soprattutto con riferimento ai prodotti sfusi, di cui il danneggiato non è in grado di conoscere immediatamente la provenienza). Tuttavia, la predetta disposizione è stata oggetto di diverse critiche soprattutto sotto il profilo per cui il fornitore, meglio ancor del produttore, 212 Il Codice del consumo, in tal modo procedendo, prevede una disciplina favorevole al
danneggiato, il quale non essendo tenuto a conoscere l''identità del produttore, può anche
convenire in giudizio il fornitore quale legittimato passivo nell''azione di responsabilità. Il fornitore
del bene difettoso può essere esonerato da responsabilità qualora fornisca al danneggiato '' su
richiesta di quest''ultimo '' l''identità ed il domicilio del produttore. Analogamente, se il
consumatore danneggiato richiede i dati relativi all'identità del produttore successivamente alla
notifica dell'atto introduttivo del giudizio, il fornitore stesso, qualora comunichi i suddetti dati, può
essere estromesso se la persona indicata, nel comparire in giudizio ex art. 106 c.p.c., non contesti
l'indicazione. La giurisprudenza ha affermato che, il fornitore convenuto in giudizio può, al di là
del termine fissato dalla normativa speciale, offrire l'indicazione dell'identità del produttore anche
mediante un atto processuale, nella specie rappresentato dalla comparsa di costituzione e risposta.
Inoltre, si è ritenuto che, la contestazione, da parte del convenuto, della titolarità del rapporto ai
fini dell'estromissione assume il carattere di una eccezione in senso stretto e non di una mera
difesa, con la conseguenza che, non è sufficiente la semplice affermazione di responsabilità di un
altro soggetto, ma è necessario che tale allegazione sia supportata dalla non contestazione da parte
del chiamato in causa o sia comunque provata. In argomento, v. Trib. S. Angelo Lombardi 28
marzo 2006, in Giur. merito, 2006, 11, 2387, con nota di De Mattia, Il danno non patrimoniale con
particolare riferimento alla responsabilità del produttore-fornitore di un prodotto difettoso, in Il
civilista, 2009, 5, 97; Trib. Roma 4 dicembre 2003, in Foro it., 2004, 1631; Trib. Roma 26 ottobre
2003, in Studium iuris, 2004, 1294; in dottrina, Merlin, L'estromissione del fornitore di prodotto
difettoso nel d.P.R. 224/1988, in Riv. dir. proc., 2002, 1212 ss.
213 Trib. Roma 20 giugno 2002, in Rass. dir. farm., 2003, 305, secondo cui «La presunzione di
responsabilità prevista a carico del produttore dall'art. 1, d.P.R. 24 maggio 1988, n. 224, per i
danni cagionati dal suo prodotto non si applica nel caso in cui non sia data dimostrazione che il
convenuto ne sia produttore. Del pari la presunzione di responsabilità prevista a carico del
fornitore dall'art. 4 dello stesso decreto, opera nel solo caso in cui il danneggiato ignori la
generalità del produttore ed il fornitore, di ciò richiesto per iscritto, non abbia indicato le generalità
del danneggiato». 66 dovrebbe essere il soggetto più adatto a svolgere un significativo ruolo ai fini di garantire la sicurezza dei prodotti; in altri termini, il fornitore medesimo, rapportandosi in maniera diretta con il consumatore o divenendo il suo interlocutore contrattuale, sembra essere la persona più indicata a prevenire i potenziali danni connessi alla distribuzione di prodotti difettosi 214. Per quanto concerne, invece, i soggetti che possono pretendere il risarcimento dal produttore del bene difettoso, devono essere ricompresi non solamente gli utenti, ma anche tutti coloro che sono stati danneggiati dal bene difettoso in conseguenza dell'uso da parte di altri (c.d. bystander), come per esempio, coloro che, pur non essendo utenti, rimangono feriti a causa dell'esplosione di un prodotto. Per quanto concerne i soggetti legittimati attivi a chiedere il risarcimento, ci si è chiesti se la disciplina in tema di responsabilità del produttore trovi applicazione solamente qualora l'utente danneggiato sia anche consumatore che usa il prodotto per un utilizzo personale e privato, oppure anche un soggetto che usa la cosa per uno scopo professionale o imprenditoriale. Premesso che la disciplina sulla responsabilità è finalizzata a risarcire due tipologie di danni, ossia i danni alla persona (integrità fisica) e i danni alle cose diverse dal prodotto difettoso, sempre che si tratti di cose destinate ad uso privato, ne consegue che, ai fini dell'applicazione della normativa sulla responsabilità del produttore, si deve trattare di cose destinate ad uso privato (così, per esempio, nell'ipotesi in cui una caffettiera esploda e provochi danni ad altre cose presenti nell'abitazione, si applicherà la disciplina in esame, mentre qualora il macchinario difettoso cagioni un pregiudizio al patrimonio dell'impresa bloccando la produzione industriale, non potrà trovare applicazione la disciplina in tema di responsabilità del produttore) 215. 214 Fermo restando le considerazioni che possono essere avanzate nei confronti della disposizione
richiamata, occorre, al riguardo, considerare come, ai fini dell''applicazione dell''esenzione della
responsabilità del fornitore, risulti irrilevante che il produttore (o precedente fornitore) sia nel
frattempo fallito o deceduto e non possa, quindi, fare fronte alle proprie responsabilità, mentre è
possibile affermare che sia da addossare a carico del fornitore il rischio dell''irreperibilità del
produttore (o del precedente fornitore), essendo egli tenuto ad indicare il domicilio attuale.
215 Carnevali, Responsabilità del produttore, cit., 942; Galgano, Diritto civile e commerciale, cit.,
399. Sempre con riferimento alla questione di cui si è dato conto, ci si è chiesti se, qualora il
prodotto difettoso cagioni un danno all'integrità fisica dell'utente, la disciplina sulla responsabilità
del produttore si applichi anche nelle ipotesi in cui l''utente sia un imprenditore professionista che
stava utilizzando il bene per il suo lavoro (si pensi, ad esempio, ad un autista professionista che 67 L''art. 117 del Codice del consumo chiarisce quale sia la nozione di difetto 216; in particolare, tale disposizione sancisce che ''Un prodotto è difettoso quando non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze, tra cui: a) il modo in cui il prodotto è stato messo in circolazione, la sia presentazione, le sue caratteristiche palesi, le istruzioni e le avvertenze fornite; b) l''uso al quale il prodotto può essere ragionevolmente destinato e i comportamenti che, in relazione ad esso, si possono ragionevolmente prevedere; c) il tempo in cui il prodotto è stato messo in circolazione'. Il secondo
subisca una lesione a causa dei difetti dei freni della sua autovettura, oppure, all'elettrauto che per
controllare l'autovettura subisca delle lesioni all'integrità fisica).
216 Si possono individuare diverse tipologie di difetti: a) difetti di fabbricazione (art. 117, comma
3) (per quanto concerne i casi giurisprudenziali che concernono tale tipologia di difetti, si veda, per
esempio, Cass. 14 giugno 2005, n. 12750 e Trib. La Spezia 25 ottobre 2005, in Foro it., 2005, I,
3500); b) difetti di progettazione (Trib. Monza 20 luglio 1993, in Giur. it., 1995, I, 323, con nota di
Tedeschi; Trib. Milano 13 aprile 1995, in Danno e resp., 1996, 381, con nota di Ponzanelli; Trib.
Milano 31 gennaio 2003, in, Foro it., 2003, I, 1260; Trib. Monza 11 settembre 1995, in Resp. civ.
prev., 1996, 371); c) difetti di informazione, v. Trib. Milano 13 aprile 1995, cit., in cui si afferma
che il prodotto (nella specie si trattava di un letto a castello) era da considerarsi difettoso per l'uso
al quale era destinato, in quanto non offriva le necessarie condizioni di sicurezza, sia in relazione
alla tecnica di costruzione, sia in relazione alle istruzioni ed alle avvertenze fornite; Trib. Vercelli 7
aprile 2003, in Danno e resp., 2003, 1001, con nota di Ponzanelli, Responsabilità oggettiva del
produttore e difetto di informazione, ove si afferma che l'assenza o carenza di istruzioni relative
all'utilizzo di un prodotto costituisce un'ipotesi di mancato rispetto delle condizioni di sicurezza,
come richiesto dall'art. 5 d.P.R. n. 224 del 1988, ne consegue la responsabilità del produttore per
difetto di informazione; Trib. Rimini 31 gennaio 2008, in Danno e resp., 2009, 4, 432, con nota di
Mastrorilli, Danno da prodotto e difetti di informazione, secondo cui il produttore risponde dei
danni alla salute cagionati dal prodotto difettoso a causa della mancanza di avvertenze circa le
modalità di apertura della confezione (nella specie è stata ritenuta difettosa una pistola giocattolo
in quanto erano state omesse le avvertenze che consigliavano l''apertura della confezione, in
plastica rigida, sotto la supervisione di un adulto). In dottrina, sempre per quanto concerne il
difetto di informazione, v. Cantù, La responsabilità del produttore per difetto di informazione e la
normativa in tema di etichette e schede informative nei prodotti alimentari, cosmetici e contenenti
sostanze pericolose, in Resp. civ. e prev., 1998, II, 1576; Palmieri-Bitetto, Prodotto difettoso: onere
probatorio e comunicazione dei rischi, in Foro it., 2008, 292; Bitetto-Pardolesi, Risultato anomalo
e avvertenze generica: il difetto nelle pieghe del prodotto, cit., 292; Indovino, Il labile confine tra
nozione di difetto e responsabilità per colpa, in Danno e resp., 2008, 3, 296; Bitetto,
Responsabilità da prodotto difettoso: strict liability o negligence rule', in Danno e resp., 2006,
266. In termini generali, occorre notare come l'art. 117 del Codice di consumo non offra una
nozione compiuta difetto, bensì una definizione relazionale, legata alla mancanza di sicurezza
presente del prodotto; pertanto, sarà l'interprete che dovrà, di volta in volta, accertare, sulla base di
un giudizio ex post, se il prodotto sia effettivamente difettoso e, quindi, quale fosse nel singolo
caso concreto il livello di sicurezza che ci si poteva legittimamente attendere da quel determinato
bene. A tal fine, il giudice dovrà avvalersi di una serie - non tassativa - di criteri eterogenei indicati
al primo comma dell'articolo 117 del Codice del consumo (lett. a,b,c,) e idonei a concretizzare la
clausola generale della mancanza di sicurezza. In argomento, Raineri, L''ambigua nozione di
prodotto difettoso al vaglio della Corte di Cassazione italiana e delle altre Corti Europee, in Riv.
dir. civ., 2008, II, 163. 68 comma dell''articolo sopra richiamato afferma, poi, che ''Un prodotto non può essere considerato difettoso per il solo fatto che un prodotto più perfezionato sia stato in qualunque tempo messo in commercio' mentre il terzo comma della medesima disposizione sancisce che ''Un prodotto è difettoso se non offre la sicurezza offerta normalmente dagli esemplari della medesima serie' 217. Ecco dunque che, si può, in primo luogo, notare come la predetta disposizione, seppure si pone in linea con la direttiva in tema di danno da prodotti difettosi '' in quanto non ricollega il carattere della difettosità all''inidoneità dei prodotti a raggiungere il risultato che il loro impiego dovrebbe assicurare ma alla mancanza nel bene stesso della sicurezza che l''utente può legittimamente attendersi - presenti alcune differenze rispetto all''art. 6 del testo comunitario stesso. Nello specifico, per quanto concerne le circostanze da valutare al fine di individuare quando un prodotto offra la sicurezza che ci si può legittimamente attendere, occorre osservare come il legislatore italiano abbia addirittura arricchito il quadro tracciato dalla direttiva; così, per esempio, in relazione a quanto disposto dall''art. 117 lett. a), occorre osservare come il testo comunitario disponga solamente che tra le circostanze rilevanti al fine di individuare quando un prodotto è difettoso bisogna considerare ''la presentazione del prodotto' (art. 6. lett.) e non faccia alcun riferimento, invece al ''modo in cui il prodotto è stato messo in circolazione' nonché alle ''caratteristiche palesi, le istruzioni e le avvertenze fornite' 218. 217 Si può osservare come la definizione di ''difetto' di cui all'art. 117 del Codice del consumo si
differenzi da quella tradizionale di ''vizio' del bene venduto presente nel codice civile (artt. 1490
ss. c.c.); non già il difetto di fabbricazione che rende il bene inidoneo all'uso o incide in modo
apprezzabile sul suo valore, ma bensì ''l'insicurezza' del prodotto che, può anche prescindere da un
difetto di fabbricazione del prodotto stesso. Si pensi, per esempio, come un giocattolo per bambini
progettato e fabbricato con singole componenti che possono essere asportate, risulti essere insicuro
ai sensi dell'art. 117 del Codice del consumo anche se fabbricato a regola d'arte e perfettamente
funzionante; d'altra parte, una macchina non funzionate è sicura ai sensi del Codice del consumo
ma gravemente difettoso sulla base dell'art. 1490 ss. c.c. Sul punto, v. Carnevali, Responsabilità
del produttore, cit., 942; Nardone, Tutela dell'acquirente finale di un bene difettoso e
responsabilità del produttore, in Resp. civ., 2006, 252.
218 Sulla base della suddetta disposizione si può ritenere che il produttore abbia il dovere di
informare gli utenti sulle modalità d'uso del prodotto (si pensi, per esempio, all'importanza delle
informazioni per le medicine, in relazioni alle quali occorre segnalare eventuali controindicazioni;
alla rilevanza delle informazioni redatte in diverse lingue (Stella, La responsabilità del produttore
per danno da prodotto difettoso nel nuovo codice del consumo, cit., 208; Cabella Pisu, Ombre e
luci nella responsabilità del produttore, in Contr. e impr., 2008, 626). In altre parole, si può
osservare come qualora il produttore fornisca - mediante manuali, foglietti illustrativi, avvertenze,
messaggi pubblicitari ecc. - chiare istruzioni dirette a informare il consumatore circa le 69 Inoltre, per quanto concerne l''art. 117 lett. b) del Codice del consumo occorre notare come a differenza della direttiva comunitaria (la quale infatti, si limita a stabilire che tra le circostanza da considerare rientra anche ''l''uso al quale il prodotto può essere ragionevolmente destinato') tale norma richiami il criterio della ragionevolezza due volte; in un caso, infatti, ricollega tale criterio alla destinazione del prodotto, in modo tale da evitare richieste risarcitorie conseguenti ad un''utilizzazione anomala del prodotto e, nel secondo caso, tale criterio viene riferito ai comportamenti prevedibili 219. In tal modo procedendo, si vuole evitare che l''utente '' il quale si trova nella posizione di poter conoscere i vizi del bene o comunque di poter prevenire il pregiudizio tramite un uso ragionevole del prodotto '' possa richiedere il risarcimento del danno al produttore, imputando la difettosità del prodotto stesso 220; si propone, quindi, una valutazione astratta della
caratteristiche e le precauzioni di impiego del prodotto, tale circostanza contribuisca a
neutralizzare l'eventuale pericolosità intrinseca del prodotto stesso. Tuttavia, la dottrina si sia
preoccupata di specificare che un prodotto non può, però, essere considerato sicuro soltanto perché
sia stata messa bene in luce la sua pericolosità attraverso informazioni esplicite, in quanto le
avvertenze non possono supplire alla carenza di dispositivi di sicurezza (Cantù, La responsabilità
del produttore per difetto di informazione e la normativa in tema di etichette e schede informative
nei prodotti alimentari, cosmetici e contenenti sostanze pericolose, cit., 1576). In tale contesto,
assumono rilievo l''effettiva capacità del consumatore di conoscere i rischi legati all'uso del
prodotto e quindi di compararli con i benefici attendibili; si tratta, difatti, di una concezione del
difetto di informazione che varia in relazione alla posizione dell'utilizzatore (Cabella Pisu, Ombre
e luci nella responsabilità del produttore, cit., 627; Cafaggi, La nozione di difetto ed il ruolo
dell''informazione. Per l''adozione di un modello dinamico relazionale di difetto in una prospettiva
di riforma, in Riv. crit. dir. priv., 1995, 447).
219 Al riguardo, si pensi, per esempio, la messa in commercio di un giocattolo destinato a bambini
molto piccoli, composto da singole parti facilmente asportabili; qualora l'utente ingerisca dette
parti e si procuri una lesione, il produttore potrebbe essere chiamato a risarcire il danno a
prescindere dalla sussistenza di un difetto di fabbricazione presente nel prodotto stesso e anche se
il danno è derivato a seguito di un uso anomalo del giocattolo, atteso che il produttore avrebbe
dovuto adottare un comportamento idoneo ad evitare tale uso prevedibile, essendo dato di
esperienza che i bambini amano smontare i propri giocattoli (in tal senso, già prima della direttiva
comunitaria, Cass. 21 ottobre 1957, n. 4004, in Foro it., 1958, I, 46; in argomento, v. Solinas, La
responsabilità del produttore nel settore dei giocattoli, in Contr. e impr., 2001, 476; Galgano,
Diritto civile e commerciale, cit., 405).
220 Sulla base dei predetti criteri, si può affermare che, un uso anomalo o improprio del bene può
convincere il giudice ad escludere la difettosità del prodotto. Si pensi al caso dell'altalena in cui la
Suprema Corte, pur non potendo applicare la disciplina in esame, in quanto entrata in vigore
successivamente ai fatti di causa, ha ritenuto ugualmente opportuno farvi riferimento al fine di
escludere la responsabilità del produttore. Secondo il giudice di legittimità l'indagine circa la
sicurezza dell'altalena doveva essere condotta con riferimento alle modalità di utilizzazione che di
essa possono ritenersi normali, e cioè quelle suggerite dalla fantasia e dalla vivacità dei giovani
utenti, ma non anche quelli che sono frutto di iniziative abnormi ed estranee alla tipica funzione
della cosa. Ecco dunque che, proprio muovendo le predette considerazioni, si è ritenuto non
ragionevolmente prevedibile il comportamento del ragazzino che, salito in piedi sul seggiolino 70 pericolosità del prodotto, temperata dalla sua apparenza, ossia dalla conoscenza o conoscibilità da parte del consumatore dei vizi del bene. Il comportamento tenuto dal danneggiato sarà, quindi, qualificabile come colposo qualora venga accertato che, nell''utilizzazione del prodotto, egli non si sia accorto dei vizi palesi presenti nel prodotto stesso 221. L''art. 117 lett. c) riproduce pressoché testualmente l''art. 6 comma c) della direttiva 222, mentre il comma 2 dell''art. 117 ha optato per una previsione più ampia rispetto a quella contenuta nella direttiva la quale si riferiva esclusivamente ai prodotti immessi nel mercato successivamente (l''art. 6, comma 2 della direttiva dispone, infatti che ''Un prodotto non può essere considerato difettoso per il solo fatto che un prodotto più perfezionato sia stato messo in circolazione successivamente ad esso', mentre invece, l''art. 117, lett. c) sancisce, come detto, il principio per cui un prodotto non puo' essere considerato difettoso per il solo fatto che un prodotto piu' perfezionato sia stato ''in qualunque tempo' messo in commercio) 223. Infine, occorre osservare come il comma 3° dell''art. 117 introduce una novità assoluta rispetto al testo comunitario, evidenziando una specifica
dell''altalena si era aggrappato al punto di frizione della sbarra di sostegno del sedile, provocandosi
gravi danni alle mani (Cass. 29 settembre 1995, n. 10274, in Danno e resp., 1996, 87; in Foro it.,
1994, I, 251; in Resp. civ. e prev., 1994, 141, 517; in Giur. it., 1995, I, 2, 323).
221 La dottrina ritiene che la ragionevolezza dell'utilizzo del bene d'essere valutata in maniera
differenziata a seconda del particolare tipologia del soggetto fruitore e ciò in conformità anche con
quanto previsto dall'art. 103 comma 1, lett.) a, n. 4 del Codice del consumo che, nel giudizio
concernente la sicurezza dei prodotti, prende espressamente in considerazione le categorie di
consumatori che si trovano in condizioni di rischio nell'utilizzazione del bene ed, in particolare, i
minori e anziani. Muovendo dalle suddette considerazioni, occorrerà valutare se il prodotto sia
destinato ai bambini atteso che, in questo specifico caso, si renderà necessario prendere in
considerazione anche le modalità di utilizzazione irrazionali e spontanee del fanciullo (al riguardo,
si pensi, alla nuova direttiva 2009/48/CE relativa alla sicurezza dei giocattoli, ove si legge che: "la
sicurezza dei giocattoli dovrebbe essere determinata con riferimento all'uso al quale è destinato il
prodotto ma tenendo conto dell'uso prevedibile in considerazione del comportamento del bambino
solitamente sprovvisto del tasso di diligenza media propria dell'utilizzatore adulto" (considerando,
n. 29).
222 Il terzo criterio che concerne la messa in circolazione del prodotto è strettamente collegato alla
previsione contenuta dall'articolo 118, lett. e) del Codice del consumo (concernente i c.d. rischi da
sviluppo) ed è finalizzato a chiarire lo stato dell'arte e, quindi, se, tra le possibili tecniche di
produzione sicura effettuabili in quel momento, il produttore ne abbia scelto una adeguata alle
conoscenze scientifiche tecniche disponibili.
223 Cabella Pisu, Ombre e luci nella responsabilità del produttore, in Contr. e impr., cit., 626. 71 attenzione riservata ai c.d. difetti di fabbricazione 224 che, invece, data l''unitaria definizione di difetto di cui all''art. 114 del decreto legislativo non dovrebbe sussistere. In termini conclusivi, anche alla luce della sopra richiamata disposizione relativa alla nozione di difetto, si può affermare che la responsabilità del produttore richiede necessariamente la presenza di un difetto '' il quale diventa quindi un prerequisito della responsabilità '' con la conseguenza che, in questo specifico caso, la responsabilità oggettiva non può essere considerata assoluta, in quanto il produttore può sempre liberarsi da responsabilità qualora dimostri che il prodotto ritenuto difettoso possegga, in realtà, ''la sicurezza che ci si può legittimamente attendere' oppure provi una delle cause di esclusione della responsabilità contemplate dall''art. 118 del Codice del consumo. Concentrando l''attenzione sulla disposizione da ultimo richiamata, occorre osservare come lo stesso art. 118, riproducendo pressoché testualmente il testo della direttiva comunitaria (art. 7), sancisce che ''La responsabilità è esclusa: a) se il produttore non ha messo in circolazione il prodotto; b) se il difetto che ha cagionato il danno non esisteva quando il produttore ha messo il prodotto in circolazione; c) se il produttore non ha fabbricato il prodotto per la vendita o per qualsiasi altra forma di distribuzione a titolo oneroso, né lo ha fabbricato e distribuito nell''esercizio della sua attività professionale; d) se il difetto è dovuto alla conformità del prodotto ad una norma giuridica imperativa o ad un provvedimento vincolante; e) se lo stato di conoscenze scientifiche e tecniche, al 224 Per quanto concerne la casistica relativa a tali tipologie di danni, si pensi, ad esempio, alle
seguenti fattispecie: scoppio a terra di un fuoco d'artificio difettoso che ha cagionato un danno
all'utente (Cass. 14 giugno 2005, n. 12750, in Resp. civ. prev., 2006, 129); rottura del sistema
sterzante di un motociclo per erroneo fissaggio del manubrio (Trib. Roma 14 novembre 2003, in
Foro it., 2004, I, 1632); anomalie dell'impianto frenante dell'autovettura (Trib. Roma 4 dicembre
2003, in Foro it., 2004, I, 1631, con nota di Bitetto; in Danno e resp., 2004, 527, con nota di
Ponzanelli); cedimento di due pioli della scala usata da un giardiniere (Trib. Milano 31 gennaio
2003, in Resp. civ. prev., 2003, 1151); rottura del tacco di una scarpa (Trib. La Spezia 27 ottobre
2005, in Resp. civ. e prev., 2006, 465); alimenti nocivi a causa di un vizio di produzione (Giudice
di Pace di Monza 20 marzo 1997, in Arch. civ., 1997, 876, con nota di Santarsiere. Per quanto
concerne i difetti fabbricazione, occorre notare come il terzo comma dell'articolo in esame
introduce una regola più rigorosa per le ipotesi in cui prodotto non offre la sicurezza normalmente
offerta dagli altri esemplari nei casi di difetti di fabbricazione il danneggiato avrà, infatti, l'onere di
provare semplicemente la difformità del prodotto rispetto agli altri della serie mentre il produttore
sarà preclusa la possibilità di invocare le circostanze di modo, di uso di tempo contemplate
dell''art. 117 comma 1. La giustificazione di questa particolare regola probatoria è stata ricondotta
al fatto che le cause di questo tipo di difetto sono statisticamente calcolabili come tali assicurabili. 72 momento in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto come difettoso 225; f) nel caso del produttore o fornitore di una parte componente o di una materia prima, se il difetto è interamente dovuto alla concezione del prodotto in cui è stata incorporata la parte o materia prima o alla conformità di queste alle istruzioni date dal produttore che la ha utilizzata' 226. L''art. 119 del Codice del consumo introduce, invece, una norma non presente nella direttiva; in particolare, la predetta disposizione si preoccupa di specificare il momento in cui il singolo prodotto è posto in circolazione, essendo offerto a terzi estranei al processo produttivo 227; in tal modo operando, si vuole evitare che dal difetto derivante dal trasporto, dalla custodia fuori dai locali dell''impresa successivamente al trasferimento della proprietà del bene, possa derivare una responsabilità in capo al produttore. Infatti, fin tanto che il prodotto non viene posto in circolazione, il produttore non incorre in alcuna responsabilità per i danni derivanti dal difetto dei propri prodotti, salvo le ipotesi di danni ai dipendenti ed a terzi derivanti dal processo di fabbricazione o da materie prime e parti componenti in deposito o in custodia presso terzi; nella maggior pare dei casi si tratterà di pregiudizi derivanti dal prodotto finito e, pertanto, risarcibili ex artt. 2043, 2049, 2050 e 2051 c.c. L''individuazione del momento in cui il prodotto si può ritenere immesso sul mercato, assume rilevanza anche con riferimento ad ulteriori aspetti 225 Su questa specifica problematica v. supra.
226 L'art. 118 lett. f) fa riferimento alla c.d. produzione integrata; il produttore del bene finito
utilizza parti componenti fabbricate da terzi o addirittura si avvale di sub-fornitori che per suo
conto producono le materie prime o le singole parti componenti, secondo le preventive istruzioni
ricevute dal produttore finale stesso. Nella prima ipotesi, il difetto è dovuto alla concezione del
prodotto finale a cui il produttore della componente o materia prima è del tutto estranea; nel
secondo caso, il difetto è imputabile alle errate istruzioni date al produttore. Ecco dunque che, se
successivamente alla messa in circolazione del prodotto finale questo provoca un danno a causa di
un difetto della parte componente, il subfornitore può liberarsi da responsabilità dimostrando che
la colpa esclusiva è del produttore finale, il quale non ha calcolato in maniera corretta le
caratteristiche tecniche della componente in relazione alla struttura del prodotto finale, dando
istruzioni errate al subfornitore e determinando il difetto complessivo nel prodotto oppure ha usato
la componente in modo improprio (in argomento, Galgano, Diritto civile e commerciale, cit., 398).
227 Per quanto concerne la definizione di ''messa in commercio', v. Corte giust. CE, 9 febbraio
2006, C-127/04, cit., secondo cui un prodotto è messo in circolazione allorchè è uscito dal
processo di fabbricazione messo in atto dal produttore ed è entrato nel processo di
commercializzazione nello stato in cui si trova offerto al pubblico per essere utilizzato o
consumato (nel caso di specie il prodotto che veniva in considerazione era una dose di vaccino
antiemofiliaco). 73 applicativi; si pensi, per esempio, come la determinazione di tale momento sia essenziale al fine di stabilire la decorrenza del termine di decadenza di cui all''art. 126 del Codice del consumo, oppure come possa servire per definire il momento esatto in cui valutare lo state of art al fine distinguere i rischi prevedibili e quelli da sviluppo (art. 118, lett. e) e quindi di verificare la conoscibilità (ed evitabilità) del difetto da parte del produttore stesso. Infine, la precisa individuazione del momento in cui il prodotto è stato posto sul mercato permette di verificare se la circolazione del prodotto sia effettivamente imputabile al produttore e ciò allo specifico fine di consentire a quest''ultimo, in caso contrario, di andare esente da responsabilità per qualsiasi evento dannoso collegato ad un difetto del prodotto (art. 118, lett. a). Il legislatore italiano ha, poi, specificato che la responsabilità del produttore non è esclusa se la messa in circolazione dipende da vendita forzata 228, salvo che il debitore abbia segnalato specificatamente il difetto con dichiarazione resa all''ufficiale giudiziario all''atto di pignoramento o con atto notificato al creditore procedente e depositato presso la cancelleria del giudice dell''esecuzione entro quindici giorni dal pignoramento stesso (art. 119, comma 3 del Codice del consumo) 229. Al riguardo è stato osservato come ''Il rigore di tale disposizione (e/o la sua scarsa coerenza sistematica) emerge, a maggior ragione, ove la si compari al disposto dell''art. 2922 cod. civ., il quale esplicitamente esclude l''operatività della garanzia per i vizi della cosa nella vendita forzata' 230. Tuttavia, la ratio della normativa in commento veniva specificata dalla Relazione al d.p.r., nella quale si affermava che anche nelle ipotesi di vendita forzata , il produttore trae un vantaggio '' infatti, con il ricavato della vendita, l''imprenditore estinguerà i propri debiti '' con la conseguenza che, anche nel predetto caso sembra corretto, non solamente da punto di vista economico, bensì 228 In argomento, v. Liccardo, La responsabilità per prodotti difettosi nella vendita forzata: note
ed osservazioni in margine al d.p.r.n. 224 del 24 maggio 1988, in Giust. civ., 1989, II, 426.
229 Proprio con riferimento alla suddetta disposizione, è stato come tale norma rappresenti una
rilevante particolarità della legge italiana di attuazione della direttiva, in quanto equipara dal punto
di vista dei soggetti danneggiati la vendita forzata agli altri ordinari canali di circolazione dei beni,
ma non pare considerare le modalità di concreta attuazione della vendita forzata previste nel
codice di procedura civile e da altre leggi (come per esempio quella fallimentare).
230 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 159; Campilongo, La responsabilità civile del
produttore, in AA. VV., La responsabilità civile, Torino, 1998, 522. 74 anche sotto il profilo giuridico '' che egli garantisca la sicurezza dei propri prodotti. Continuando la disamina della normativa italiana di attuazione del testo comunitario, occorre altresì osservare come, anche per quanto concerne i profili probatori, l''art. 120 del Codice del consumo consiste in una trasposizione del testo comunitario (ed in particolare dell''art. 4 della direttiva stessa). Il comma 1 dell''art, 120 '' che sancisce il principio per cui il danneggiato deve provare il difetto 231, il danno e la connessione causale tra difetto e danno232 '' risulta essere coerente con il regime di responsabilità oggettiva previsto dal testo comunitario in esame, in quanto la sintetica indicazione delle circostanze che il soggetto danneggiato deve provare '' tra le quali non è ricompresa la colpa del 231 Occorre ricordare che il danneggiato nel provare il difetto del prodotto deve dimostrare non il
vizio intrinseco di progettazione o fabbricazione, bensì l'insicurezza del prodotto (Trib. Vercelli 7
aprile 2003, in Giur. it., 2004, 343, secondo cui la vittima del danno da prodotto difettoso non è
tenuta a dimostrare l'intrinseco vizio di fabbricazione del bene, essendo sufficiente dimostrare che
il prodotto è insicuro. Nello stesso senso, v. Trib. Massa Carrara 20 marzo 2000, in Arch. Civ.,
2002, 343). Il soggetto danneggiato deve provare la mancanza di adeguate informazioni allegate al
prodotto e l'insicurezza intrinseca del prodotto sotto il profilo della sua progettazione rispetto
all'uso a cui il bene è destinato o rispetto ai comportamenti ragionevolmente prevedibili dell'utente.
Si può anche ritenere raggiunta la prova concernente l'insicurezza del prodotto anche qualora
l'attore dimostri di aver subito il danno in occasione di un utilizzo normale del prodotto (si pensi,
per esempio, al caso in cui uno pneumatico scoppi mentre si guida un auto ad una velocità
ragionevole; si può, pertanto, ritenere che si ha una presunzione di difetto nel caso in cui il
danneggiato provi l'esistenza di un danno derivante materialmente dal prodotto e si possa
escludere un uso anomalo ed improprio non prevedibile da parte del consumatore (in argomento, v.
Bastianon, Prime osservazioni sul libro verde della commissione in materia di responsabilità civile
per danno da prodotti difettosi, in Resp. civ. prev., 2000, 807; Castronovo, La legge europea sul
danno da prodotti. Una interpretazione alternativa del d.P.R. n. 224/1988, in La nuova
responsabilità civile, Milano, 1991, 218; Carnevali, Responsabilità del produttore e prova per
presunzioni, in Resp. civ. e prev., 1996, 484.
232 Cass. 8 ottobre 2007, n. 20985, in Nuova giur. civ. e comm., 2008, I, 789, con nota di
Baschiera, Onere della prova e nesso di causalità: spunti di discussione in tema di responsabilità
oggettiva del produttore di dispositivi medici; in Resp. civ. prev., 2008, 354, con nota di Carnevali,
Prodotto difettoso e oneri probatori del danneggiato, in La responsabilità civile, 2007, 1014, con
nota di Tuozzo, Responsabilità da prodotto e onere della prova: il supremo collegio,
fortunatamente, ci ripensa!; in Foro it., 2008, I, 143, con nota di Bitetto, Prodotto difettoso: onere
della probatorio e comunicazione dei rischi; Cass. 15 marzo 2007, n. 6007, in Foro it., 2007, I,
2414, con nota di Palmieri, Difetto e condizioni di impiego del prodotto: ritorno alla
responsabilità per colpa'; in Resp. civ., 2007, 1587, con nota di Gorgoni, Responsabilità per
prodotto difettoso: alla ricerca della (prova della) causa del danno; in La responsabilità civile,
2007, 815, con nota di Tuozzo, Responsabilità da prodotto e favor per il danneggiato: una battuta
d'arresto'; in Danno e resp., 2007, 1216, con nota di Bitetto, Responsabilità da prodotto difettoso
a passo di gambero! 75 produttore '' rappresenta un'' ulteriore conferma della natura oggettiva della responsabilità del produttore ex art. 114 233. Occorre in questa sede evidenziare come, sulla base della normativa in esame, il produttore è responsabile anche se, accertato un difetto ai sensi dell'art. 117 del Codice del consumo ed il nesso di causalità tra tale difetto ed il danno, la specifica causa del difetto rimane ignota 234. Se, invece, rimane ignota la causa non già del difetto del prodotto, ma del danno (si pensi, per esempio, ad un soggetto che, subito dopo aver bevuto una bevanda, ha un malore ed il perito tecnico non sia in grado di confermare che tale pregiudizio derivi specificamente dall'ingerimento della bevanda); in tal caso si può affermare che il produttore del bene (che si può eventualmente presumere) difettoso, non incorre in alcuna responsabilità atteso che manca la prova del nesso di causalità tra il difetto stesso ed il pregiudizio subito dal consumatore 235. Una volta provato il danno, il difetto e la connessione causale, spetta poi al produttore dimostrare che, tenuto conto delle circostanze, è probabile che il difetto non esistesse ancora nel momento in cui il prodotto è stato messo in circolazione (art. 120, comma 2 lett. b)) 236. Tale ultima disposizione, rispetto a quanto disposto nel testo comunitario, pare particolarmente favorevole agli interessi dell''imprenditore, il quale può liberarsi da responsabilità semplicemente dimostrando la probabilità che il difetto non fosse originario; infatti, mentre il consumatore danneggiato ha l''onere di provare il difetto, il produttore, ai fini dell''esclusione della responsabilità, può semplicemente dimostrare che
233 Sul nozione di responsabilità presunta del produttore, v. supra.
234 Trib. Roma 14 novembre 2003, in Foro it., 2004, I, 1645 la quale, per quanto concerne la
responsabilità oggettiva di cui ai d.p.r. n. 224/1988 per prodotti difettosi e la responsabilità
contrattuale di cui all'art. 1218 c.c. afferma che ''...la causa ignota rimane a carico di colui su cui
incombe la responsabilità presuntiva'.
235 Stella, La responsabilità del produttore per danno da prodotto difettoso nel nuovo codice del
consumo, cit., 208. Per quanto concerne la distinzione tra presunzione della causa del danno e
presunzione del difetto della cosa quale causa del danno, v. Franzoni, Dieci anni di responsabilità
del produttore, in Danno e resp., 1998, 824.
236 All'interno di tale fattispecie normativa viene ricondotta l'ipotesi in cui il danno trova la sua
causa diretta ed esclusiva in un comportamento improprio ed imprevedibile dell'utente, in un fatto
del terzo che ha determinato il difetto e, quindi, l'insicurezza del prodotto e, in generale, il caso
fortuito (in argomento, v. Trib. Firenze 9 aprile 1991, in Arch. civ., 1992, 182). Tra le ipotesi in cui
il difetto non era esistente al momento della messa in circolazione può rientrare quello in cui il
difetto sia ascrivibile all'intervento del tutto autonomo del rivenditore-distributore (si pensi al caso
in cui il rivenditore che procede ad un erroneo montaggio del prodotto nonostante le adeguate
istruzioni allegate dal produttore o del distributore che determina un difetto nel prodotto per
negligenza nel trasporto; v. sul punto, Pret. Genova 11 febbraio 1974, in Giur. it., 1975, I, 2, 249. 76 probabilmente il difetto non era originario; in tal modo ragionando, potrebbe accedere che il consumatore danneggiato riesca a fornire la piena prova della sussistenza del difetto e che, per assurdo, tale prova sia superata da una semplice presunzione concernente la non originarietà del difetto 237. Il terzo comma dell''art. 120 del Codice del consumo stabilisce che ''Se è verosimile che il danno sia stato causato da un difetto del prodotto, il giudice può ordinare che le spese della consulenza tecnica siano anticipate dal produttore'. Tale disposizione prevede a favore del soggetto danneggiato una agevolazione economica processuale diretta a facilitare l''accesso alla giustizia; tuttavia, a causa del margine di discrezionalità lasciato al giudice, parte della dottrina ha dubitato fortemente sulla rilevanza pratica di detta disposizione 238 . Per quanto concerne, poi, l''ipotesi in cui vi siano una pluralità di responsabili, l''art. 121 sancisce che ''Se più persone sono responsabili del medesimo danno, tutte sono obbligate in solido al risarcimento' e che ''Colui che ha risarcito il danno ha regresso contro gli altri nella misura determinata dalle dimensioni del rischio riferibile a ciascuno, dalla gravità delle eventuali colpe e dalla entità delle conseguenze che ne sono derivate'. Attraverso l''introduzione della predetta norma, il legislatore italiano ha preso atto della sempre più frequente divisione della lavorazione industriale e ha voluto dare veste giuridica a quella problematica '' che comunque era già emersa in sede giurisprudenziale '' della c.d. responsabilità dell''assembler 239. In tale ottica dunque, si riconosce a 237 Marti, Prova, in AA. VV. , Responsabilità per danno da prodotti difettosi, in Nuove leggi civ.
comm., 1982, 592.
238 Marti, Prova, cit., 597.
239 In altre parole, il soggetto che assume l'iniziativa del sistema di produzione integrato, ossia il
c.d. produttore finale è sempre (cor)responabile, anche nelle ipotesi in cui il difetto del prodotto
finale sia da imputare totalmente alla componente realizzata dal subfornitore, atteso che il primo
ha l'obbligo di verificare l'assenza di vizi nelle componenti fornite da terzi (Carsana, La
responsabilità del subfornitore nel sistema di garanzia, in Nuova giur. civ. e comm., 2002, II, 740;
Leccese, Subfornitura (contratti di), in Digesto comm., vol. XV, Torino, 1998, 248; Bellissario, in
Codice del consumo. Commentario, a cura di Alpa e Rossi Carleo, Napoli, 2005, 77. Quindi, per i
danni causati dal prodotto finale in conseguenza del difetto del bene incorporato si avrà
responsabilità piena e solidale del produttore finale, oltre che del produttore della parte
componente medesima; quest'ultimi (che hanno fornito la parte componente o la materia prima)
rispondono sicuramente accanto al produttore finale se risulta specificatamente difettosa la stessa
componente o materia prima, mentre in caso contrario possono richiamarsi all'art. 118 lett. f) del
Codice del consumo. In definitiva, il subfornitore non risponde del danno cagionato al
consumatore esclusivamente qualora sussista un vizio di progettazione del bene ed egli sia stato
del tutto estraneo a tale fase oppure quando il difetto concernente specificamente alla parte 77 favore del danneggiato una responsabilità di tutti i produttori che hanno concorso alla fabbricazione del prodotto rivelatosi poi difettoso. E'' interessante notare come il secondo comma dell''articolo in esame faccia riferimento alla gravità della colpa come criterio finalizzato a determinare non già l''imputazione di responsabilità, bensì il quantum che deve essere risarcito al consumatore. Occorre, poi, sottolineare come, atteso che la norme in esame non ha una natura imperativa, i criteri stabiliti dell''art. 121 possono eventualmente essere derogati dalle parti; in tal caso, però, le relative pattuizioni non possono essere opposti al danneggiato e ciò sia grazie ai principi generali (l''art. 1372 c.c. sancisce, infatti, che il contratto ha forza di legge tra le parti; non può essere sciolto che per mutuo consenso o per cause ammesse dalla legge; il contratto non produce effetto rispetto ai terzi che nei casi previsti dalla legge) sia in forza del successivo art. 124 Codice del consumo ai sensi del quale ''E'' nullo qualsiasi patto che escluda o limiti preventivamente, nei confronti del danneggiato, la responsabilità prevista dal presente titolo'. Tale ultima disposizione deroga al principio generale di cui all''art. 1229 c.c., ai sensi del quale ''E'' nullo qualsiasi patto che esclude o limita preventivamente la responsabilità del debitore per dolo o per colpa grave. E'' nullo altresì qualsiasi patto preventivo di esonero o di limitazione di responsabilità per i casi in cui il fatto del debitore o dei suoi ausiliari costituisca violazione di obblighi derivanti da norme di ordine pubblico'. Tale deroga risulta valida esclusivamente per la responsabilità speciale prevista dal decreto legislativo in esame, con la conseguenza che qualsiasi clausola presente, per esempio, in moduli o formulari o in certificati di garanzia allegati al prodotto, debba considerarsi nulla e ciò proprio in funzione della prioritaria tutela che deve essere riconosciuta al consumatore stesso. Oltre alle specifiche circostanze sopra esaminate, il produttore '' sempre ai fini di andare esente da responsabilità '' può anche fornire la prova della colpa del danneggiato ex art. 122; ai sensi di tale norma, infatti, ''Nelle ipotesi di concorso del fatto colposo del danneggiato il risarcimento si valuta secondo le disposizioni dell''art. 1227 del codice civile'. Il secondo comma del medesimo articolo,
componente sia determinato dalle istruzioni del produttore finale (Stella, La responsabilità del
produttore per danno da prodotto difettoso nel nuovo codice del consumo, cit., 208). 78 sancisce, poi, che ''Il risarcimento non è dovuto quando il danneggiato sia stato consapevole del difetto del prodotto e del pericolo che ne derivava e nondimeno vi si sia volontariamente esposto'. Si tratta di una norma che ha la specifica funzione, da un lato, di indurre non solamente il soggetto danneggiante, bensì anche il consumatore danneggiato a prevenire gli eventi dannosi, senza con ciò sacrificare completamente il diritto al risarcimento del danno spettante al danneggiato medesimo e, dall''altro lato, di evitare una eccessiva pressione sui produttori responsabili in misura oggettiva, tale da rischiare di ostacolare lo sviluppo di attività socialmente utili 240. In altre parole, in tal modo procedendo, si intende responsabilizzare il consumatore in tutte le ipotesi in cui quest''ultimo può effettivamente utilizzare quelle cautele necessarie ad evitare dei rischi che '' in base alla natura evidente del difetto, le istruzioni e avvertenze ricevute dal produttore nonché per l''uso a cui il bene deve essere adibito '' possano essere più agevolmente eliminati dal consumatore medesimo. Ecco dunque che, secondo il legislatore italiano, la consapevolezza del difetto e del pericolo che ne può conseguire e la volontaria esposizione da parte dell''utilizzatore a tale pericolo, possono essere valutati in termini di inosservanza dell''ordinaria diligenza richiesta al consumatore 241. Proprio con riferimento a questa disposizione, parte della dottrina ha osservato come, in tal modo operando, si sia voluto introdurre nel nostro ordinamento il principio di ''assunzione del rischio' 242 . Al riguardo, è stato sostenuto che il valore esimente attribuito al comportamento del danneggiato non consegue da una valutazione in termini di diligenza o di colpa di quest''ultimo '' atteso che agire assumendosi un rischio non consiste necessariamente nella violazione di una specifica norma di condotta '' bensì dalla concreta posizione in cui si trova la vittima rispetto alla situazione pericolosa creata da altri soggetti 243. 240 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 162.
241 Di Paola, Colpa del danneggiato, in AA.VV., Responsabilità per danno da prodotti difettosi, in
Nuove leggi civ. comm., 1989, 610.
242 Stoppa, Responsabilità del produttore, in Dig. Discipline priv., sez. civ., Torino, 1998, 133;
Gorassini, Contributo per un sistema della responsabilità del produttore, Milano, 1990, 242;
Castronovo, La nuova responsabilità civile, cit., 326.
243 Campilongo, La responsabilità civile del produttore, in AA. VV., La responsabilità civile,
Torino, 1998, 477, secondo cui, il soggetto che si viene a trovare nella situazione descritta nella
disposizione richiamata, non può invocare la responsabilità del produttore non perché questa sia
esclusa dalla auto responsabilità della vittima, ma perché tale responsabilità è inesistente ab
origine, essendo di fatto estraneo alla sfera di rischio addossato al consumatore. 79 La percepibilità da parte del consumatore del suddetto rischio dovrà, poi, essere considerata non in astratto, bensì in concreto; in tale ottica, è stato osservato come il predetto requisito venga meno '' oltre che nelle ipotesi di incapacità d''intendere e volere del danneggiato '' in tutti i casi in cui il danneggiato non abbia avuto un''effettiva possibilità di scegliere ma sia stato costretto '' si pensi, per esempio, al caso del lavoratore che deve utilizzare un macchinario difettoso '' a rimanere in contatto con il prodotto difettoso. Fermo restando quanto precede, bisogna considerare che comunque l''art. 122 comma 2 non ha avuto un''applicazione pratica rilevante, soprattutto alla luce del fatto che tale norma presuppone la prova della piena consapevolezza del consumatore circa il difetto del prodotto ed il pericolo che ne possa conseguire; senza tener conto che, ai fini dell''applicazione di tale disciplina, non assume alcuna rilevanza il fatto che, sebbene il consumatore fosse inconsapevole, lo stesso, tramite l''ordinaria diligenza, avrebbe potuto raggiungere tale consapevolezza 244. Sono sorte poi importanti problematiche interpretative a causa del richiamo presente nell''art. 122, comma 1 all''art. 1227 c.c. ai sensi del quale ''Se il fatto colposo del creditore ha concorso a cagionare il danno, il risarcimento è diminuito secondo la gravità della colpa e l''entità delle conseguenze che ne sono derivate. Il risarcimento non è dovuto per i danni che il creditore avrebbe potuto evitare usando l''ordinaria diligenza' 245 . Ecco dunque che il fatto colposo del soggetto danneggiato pare assumere una certa rilevanza, sia come causa di esclusione della responsabilità sia come causa di riduzione del risarcimento. La dottrina ha interpretato la suddetta disposizione nel senso di escludere che l''art. 1227 c.c. possa essere invocato al fine di diminuire il risarcimento del produttore solo in relazione all''entità delle conseguenze della colpa del danneggiato, dovendosi, invece, porre in essere una valutazione quantitativa ''del gradiente di 244 Stoppa, Responsabilità del produttore, cit., 133.
245 E' il caso, ad esempio, del fuoco d'artificio che per un difetto di fabbricazione, era scoppiato a
terra anziché in aria; in tal caso, l'utente che aveva subito un danno non si era allontanato
prontamente ma aveva indugiato nei pressi del fuoco a terra, rimanendo lesionato (Cass. 14 giugno
2005, n. 12750, in Resp. civ. prev., 2006, 129. In argomento, v. anche Trib. Monza 11 settembre
1995, in Resp. civ. prev., 1996, 371 80 anormalità della anomalia aggiuntiva rappresentata dalla colpevole autoesposizione del danneggiato al rischio 246. In altre parole, quindi, il riconoscimento di una responsabilità oggettiva del produttore rappresenta una fase differente rispetto a quella '' solamente eventuale e successiva '' di una diminuzione dell''entità del risarcimento in relazione alla condotta tenuta dal soggetto danneggiato; in tal modo procedendo, si vuole, pertanto, evitare che ''il ricorso ad una valutazione comparativa, di per sé impraticabile, di colpa e responsabilità oggettiva, neppure richiesto dalla lettera dell''art. 1227 c.c.', pur essendo astrattamente possibile, si ritiene, porre un collegamento tra le situazioni eterogenee della condotta colposa e della condizione di responsabilità oggettiva sul piano del principio di causalità: nelle ipotesi in cui il fatto del danneggiato interrompa il nesso causale tra il difetto del prodotto ed il verificarsi del danno si ha esclusione di responsabilità 247. Fermo restando quanto sopra esposto, occore altresì ricordare come, sempre ai fini di andare esente da responsabilità, il produttore può '' oltre a fornire le prove di cui all''art. 118 del Codice del consumo (o quella concernente la probabilità che il difetto non sussistesse nel momento in cui il prodotto è stato posto in circolazione) '' ricorrere alle eccezioni di prescrizione e decadenza (artt. 125 e 126 del Codice del consumo). In particolare, secondo le predette norme, la prescrizione è abbreviata (ossia di tre anni) rispetto al''ordinario termine quinquennale e decorre dal giorno in cui il danneggiato ha (o avrebbe dovuto avere) conoscenza del danno, del difetto e dell''identità del responsabile; nel caso, poi, di aggravamento del danno, l''articolo in esame specifica che la prescrizione non comincia a decorrere prima del giorno in cui il danneggiato ha avuto o avrebbe dovuto avere conoscenza di un danno di gravità sufficiente a giustificare l''esercizio di un''azione giudiziaria. Al riguardo, è stato osservato come tale conoscenza includa anche la connessione causale tra il difetto ed il danno, atteso che la mancata conoscenza del suddetto legame eziologico non consente al danneggiato di attribuire alcuna rilevanza al difetto del prodotto e pertanto di basare un''azione di responsabilità contro il produttore 248. 246 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 279.
247 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 164; Stoppa, Responsabilità del produttore,
cit., 132; Di Paola, Colpa del danneggiato, cit., 614.
248 D''Arrigo, La responsabilità del produttore, cit., 165. 81 Per quanto concerne il termine di decadenza, occorre osservare come l''art. 126 del Codice di consumo preveda che ''Il diritto al risarcimento del danno si estingue alla scadenza di dieci anni dal giorno in cui il produttore o l''importatore nella Comunità europea ha messo in circolazione il prodotto che ha cagionato il danno 249. La decadenza è impedita solo dalla domanda giudiziale, salvo che il processo si estingua, dalla domanda di ammissione del credito in una procedura concorsuale o dal riconoscimento del diritto da parte del responsabile. L''atto che impedisce la decadenza nei confronti di uno dei responsabili non ha effetto riguardo agli altri'. Infine, prima di procedere ad analizzare le pronunce giurisprudenziali che hanno fatto applicazione della normativa in esame, occorre considerare quale è - in questo specifico ambito '' l'area del danno risarcibile. A tal fine, è necessario ricordare come l'art. 123 del Codice del consumo specifica che ''E' risarcibile in base alle disposizioni del presente titolo: a) il danno cagionato dalla morte o da lesioni personali; b) la distruzione o il deterioramento di una cosa diversa dal prodotti difettoso, purché di tipo normalmente destinato all'uso o consumo privato e così principalmente utilizzata dal danneggiato. Il danno a cose è risarcibile solo nella misura che ecceda la somma di euro trecentottantasette' 250. Per quanto concerne il danno cagionato da morte si fa generalmente riferimento all'ipotesi in cui il prodotto difettoso cagioni il decesso dell'utente 251; in particolare, occorre notare che nelle rare applicazioni giurisprudenziali, il danno consistente nella morte dell'utente è stato inteso come il danno da morte del congiunto subito iure proprio dai prossimi congiunti superstiti; in tale ottica, 249 Corte giust. CE, 9 febbraio 2006, C-127/04, cit., secondo cui l'art. 11 direttiva 85/374/CEE
nell'individuare la decorrenza del termine decennale di estinzione dei diritti conferiti al
danneggiato dalla direttiva medesima nel momento della messa in circolazione del prodotto, deve
essere interpretato nel senso che un prodotto è messo in circolazione allorchè è uscito dal processo
di fabbricazione messo in atto dal produttore ed è entrato nel processo di commercializzazione
nello stato in cui si trova offerto al pubblico per essere utilizzato o consumato (nel caso di specie il
prodotto che veniva in considerazione era una dose di vaccino antiemofiliaco)
250 In argomento, v. Trib. Milano 12 febbraio 2005, in De jure, secondo cui ''La normativa in tema
di responsabilità del produttore, se prescinde dall'accertamento della colpa del produttore stesso, in
quanto si fonda su di un'attribuzione di responsabilità di carattere oggettivo, non consente la
risarcibilità di qualsiasi danno cagionato dal prodotto rivelatosi difettoso, ma limita la sfera dei
danni risarcibili al danno cagionato dalla morte o da lesioni personali e alla distruzione o
deterioramento di una cosa diversa dal prodotto difettoso, purché di tipo normalmente destinato
all'uso o al consumo privato, nella misura eccedente la somma di l. 750.000'.
251 Seppure, come sopra ricordato, il prodotto difettoso potrebbe provocare la morte anche di un
soggetto diverso dall'utente medesimo. 82 quest'ultimi possono far valere un proprio diritto al risarcimento del danno subito e non quali eredi del soggetto danneggiato. Tale tipologia di pregiudizio è costituito, pertanto, nei c.d. danni morali (e più in generale nei danni non patrimoniali), negli eventuali danni patrimoniali dovuti alla perdita della fonte di sostentamento 252 nonché nel danno biologico e alla salute subito dai congiunti della vittima. Non sembra, tuttavia, che sia mai stato riconosciuto '' in questi specifici casi '' il c.d. danno biologico da morte o danno tanatologico (e cioè il danno da perdita del diritto alla vita patito dal soggetto deceduto ma fatto valere '' iure successionis '' dagli eredi del defunto 253. Per quanto concerne, invece, il danno consistente in lesioni personali pare pacifico che sia risarcibile il danno biologico o alla salute, ossia la lesione dell'integrità psicofisica accertata medicalmente; al riguardo, ci si chiede se, ai sensi dell'art. 123 del Codice del consumo, sia risarcibile il danno patrimoniale specifico non ricompreso nel danno biologico, quale il danno economico da lucro cessante (si pensi, per esempio, al danno da ridotta capacità lavorativa), ma la giurisprudenza sembra voler ricomprendere all'interno dell'ambito applicativo della norma in esame anche tale tipologia di danno. Risultano, inoltre, risarcibili la distruzione o il deterioramento di un bene differente dal prodotto difettoso 254 '' sempre che sia destinato ad uso privato (si pensi, per esempio, allo scoppio di un elettrodomestico che provochi un danno all'arredamento dell'abitazione). Non sono, invece, risarcibili, ai sensi della normativa in esame: i) i danni al prodotto (ossia la distruzione o il 252 Sul risarcimento del danno non patrimoniale in caso di responsabilità del produttore, v. Cass.
18 aprile 2005, n. 12750, in Resp. civ. e prev., 2006, 129, secondo cui, se successivamente alla
morte dell'utente del prodotto difettoso, i congiunti perdono il contributo economico del defunto,
ai congiunti medesimi deve essere riconosciuto il diritto al risarcimento del danno patrimoniale.
253 Cass. 16 maggio 2003, n. 7632, in Giur. it., 2004, 495, con nota di Bona; in Foro it., 2003, 1,
2681; in Danno e resp., 2003, 1078.
254 Sul punto, v. Trib. Milano 12 gennaio 2009, in Giustizia a Milano, 2009, 3, 19, secondo cui
''L'art. 11 d.P.R. 224 del 1998 dispone che è risarcibile sulla base delle disposizioni dello stesso
decreto il danno da distruzione o deterioramento di cosa diversa dal prodotto difettoso, mentre
nella fattispecie il danno richiesto è derivato dalla distruzione della stesso cosa, che si assume
difettosa, e cioè l'autovettura predetta, di cui la compagnia attrice assume che sarebbe andata in
fiamme per un difetto di fabbricazione del suo impianto elettrico. Ne giova a ritenere ipotizzabile
nella fattispecie la responsabilità del produttore in capo alla convenuta l'ipotesi in cui la cosa che
ha prodotto il danno (impianto elettrico) sarebbe diversa, e prodotta da diverso fabbricante, rispetto
al veicolo incendiatosi, poiché in detto caso l'azione di rivalsa avrebbe dovuto essere esperita
contro il diverso fabbricante dell'impianto elettrico'. 83 danneggiamento dello stesso prodotto difettoso) 255; ii) i danni ad altri beni non destinati ad uso privato e iii) i danni economici come quelli derivanti dalla mancata disponibilità o utilizzazione del prodotto (si pensi al caso del consumatore che a causa del difetto dell'autovettura è costretto ad affittare un altro veicolo). Per quanto concerne i danni morali (ed, in senso più ampio, il danno non patrimoniale), occorre osservare come, tradizionalmente, in linea generale, tali tipologie di danni venivano risarciti '' sulla base del combinato disposto degli artt. 2059 c.c. e 185 c.p. Tuttavia, successivamente, la giurisprudenza di legittimità affermò che, in tutti i casi in vi sia una lesione di un valore della persona costituzionalmente garantito (come, per esempio, la lesione dell'integrità fisica o dell'intangibilità della sfera degli affetti e della reciproca solidarietà nell'ambito della famiglia) tutelata dall'art. 2 e 29 della Cost., risulta risarcibile il danno morale soggettivo e più in generale il danno non patrimoniale, anche qualora il fatto non sia configurabile come reato e, quindi, indipendentemente dai limiti posti dall'art. 2059 c.c. 256 Ecco dunque che, anche nelle ipotesi di responsabilità oggettiva del produttore, viene riconosciuto all'utente e ai congiunti superstiti '' in tutte le ipotesi in cui sussista una lesione di una diritto inviolabile della persona '' il risarcimento del danno non patrimoniale, inteso sia come sofferenza psicologica sia nella componente esistenziale, data, per esempio, qualora venga permanentemente leso un rapporto parentale 257. 255 Così, per esempio, per il danno dell'automobile distrutta, il soggetto danneggiato dovrà
rivolgersi al venditore ai sensi dell'art. 1494 c.c. Oppure chiedere la riparazione dei danni al
produttore '' qualora quest'ultimo sia persona diversa dal venditore '' ex art. 2043 c.c.
256 Cass. 31 maggio 2003, n. 8827 e n. 8828, in Resp. civ. e prev., 2003, 675; in Foro it., 2003, I,
2272; in Giust. civ. mass., 2003, 5; in Danno e resp., 2003, 819, con nota di Busnelli, Ponzanelli,
Procida, Mirabelli, Lauro; in Il civilista, 2011, 46, con nota di Savoia. Tale sentenza afferma che
''Il danno non patrimoniale conseguente alla ingiusta lesione di un interesse inerente alla persona,
costituzionalmente garantito, non è soggetto, ai fini della risarcibilità, al limite derivante dalla
riserva di legge correlata all'art. 185 c.p., e non presuppone, pertanto, la qualificabilità del fatto
illecito come reato, giacché il rinvio ai casi in cui la legge consente la riparazione del danno non
patrimoniale ben può essere riferito, dopo l'entrata in vigore della Costituzione, anche alle
previsioni della legge fondamentale, ove si consideri che il riconoscimento, nella Costituzione, dei
diritti inviolabili inerenti alla persona non aventi natura economica implicitamente, ma
necessariamente, ne esige la tutela, ed in tal modo configura un caso determinato dalla legge, al
massimo livello, di riparazione del danno non patrimoniale'.
257 Per quanto concerne il dibattito relativo alla definizione di danno non patrimoniale, occorre
ricordare la linea interpretativa tracciata dalle sentenze della Cassazione (Cass. 31 maggio 2003, n. 84 5.2. Le applicazioni giurisprudenziali della disciplina di attuazione della direttiva comunitaria 1985/374/CEE La normativa italiana di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danno da prodotti non ha avuto inizialmente il successo sperato 258 e ciò soprattutto a causa dei difficili oneri probatori posti a carico del danneggiato 259.
8827 e 8828 in Foro it., 2003, I, 2272, con nota di Navarretta; in Danno e resp., 2003, 816, con
nota di Busnelli, Ponzanelli, Procida, Mirabelli, ed in Corr. giur., 2003, 675, con nota di Cendon,
Bargelli, Ziviz.) e della Corte Costituzionale (Corte cost., 11 luglio 2003, n .233, in Foro it., 2003,
I, 2201 con nota di Navarretta), non ha comunque chiarito se per danno non patrimoniale si debba
intendere un unico danno articolato in tre distinte voci (ossia danno alla salute, danno morale e
danno esistenziale), oppure di tre autonome tipologie di pregiudizio. La Corte di Cassazione, a
sezioni unite, si è successivamente pronunciata sul punto, accogliendo un modello unitario di
danno non patrimoniale e attribuendo alle singole denominazioni un semplice valore descrittivo
(Cass. 11 novembre 2008, n. 26972, 26973, 26974, 26975, in Giur. it., 2009, 259, con nota di
Cassano, Danno non patrimoniale ed esistenziale: primissime note critiche a Cassazione civile,
Sezioni unite, 11 novembre 2008, n. 26972; in Foro it., 2009, 1, 139, con nota di Ponzanelli,
Sezioni unite: il "nuovo statuto" del danno non patrimoniale; in Danno e resp., 2009, 5, con nota
di Castronovo, Danno esistenziale: il lungo addio). Trib. Roma 4 dicembre 2004, in Foro it., 2004,
1361, secondo cui ''Ai sensi degli art. 6 e 8 d.P.R. 224 del 1988, una volta fornita la prova, da parte
del consumatore, del difettoso funzionamento del prodotto acquistato, è onere del produttore o del
fornitore dimostrare che il difetto non esisteva al momento in cui il bene venne posto in
circolazione o, per lo stato delle conoscenze tecnico scientifiche, lo stesso non era riconoscibile.
Nel caso in cui venga riconosciuta la responsabilità del produttore - fornitore, deve essere
riconosciuto al consumatore, ove vi sia stata lesione di diritti della persona, il risarcimento sia del
danno patrimoniale che di quello non patrimoniale'.
258 In giurisprudenza, la prima pronuncia in tema di responsabilità da prodotti risale al 1916
(trattasi della decisione McPherson c. Buick Motor Co. che sancì la responsabilità del fabbricante
del prodotto finito ed immesso nel mercato). Tra i primi casi giurisprudenziali in cui si è fatto
ricorso alla disciplina italiana di attuazione della direttiva comunitaria, vedi ex multis, Trib. Monza
20 luglio 1993, in Foro it., 1994, I, 252, con nota di Ponzanelli, Dal biscotto alla mountain bike:
la responsabilità da prodotto difettoso in Italia; in Giur. it., 1995, I, 2, 323, con nota di Gardella
Tedeschi, La responsabilità del produttore e il d.P.R. 24 maggio 1988, n. 224; in Contratti, 1993,
539, con nota di Carnevali, Responsabilità da prodotto per difetto di fabbricazione; in Corr. giur.,
1993, 1456, con nota di Verardi, Responsabilità del produttore: prima applicazione del d.P.R. n.
224/1988; in Nuova giur. civ. comm., 1994, 126, con nota di Rossello, Sulla responsabilità da
prodotto difettoso, nonché in Resp. civ. e prev., 1994, 141 con nota di Dassi, Quando lo sport
diventa pericolo: sicurezza delle attrezzature sportive e responsabilità del produttore; Trib.
Milano 13 aprile 1995, in Danno e resp., 1996, 381, con nota di Ponzanelli, Crollo di un letto a
castello: responsabilità del produttore-progettista e del montatore, nonché in Contratti, 1996, 374
con nota di Musso, Tutela del consumatore e responsabilità solidale fra produttore e venditore;
Trib. Monza 11 settembre 1995, in Resp. civ. e prev., 1996, 371, con nota di Martorana, L'orditoio:
una macchina che non offre le sicurezze che si possono legittimamente attendere... le persone di
non alta statura; Giud. Pace di Monza 20 marzo 1997, in Arch. civ., 1997, 876, con nota di
Santarsiere, Responsabilità del produttore per danno all'apparato masticatorio da mini corpo
metallico finito accidentalmente in preparato commestibile; Trib. Roma 17 marzo 1998, in Foro it.,
1998, I, 3660, con nota di Palmieri, Dalla "mountain bike" alla bottiglia d'acqua minerale: un
nuovo capitolo per un opera incompiuta, ed in Resp. civ. e prev., 1998, 1488, con nota di De
Berardinis. 85 Più di recente, tuttavia, la giurisprudenza sembra muoversi in tutt''altra direzione; il soggetto danneggiato a seguito dell''utilizzo di prodotti difettosi pare, infatti, aver assunto un atteggiamento sempre più fiducioso verso la normativa in esame che viene, quindi, considerata come strumento utile ai fini di ottenere il risarcimento del danno subito a causa dell''utilizzo di tali beni 260. La motivazione alla base del crescente ricorso alla disciplina di attuazione della direttiva comunitaria relativa ai danni da prodotti difettosi deve essere principalmente attribuito alla tendenza degli stessi giudici diretta ad applicare le predette disposizioni in maniera sempre più favorevole alle specifiche esigenze del consumatore stesso 261; in particolare, si è voluto interpretare la normativa in modo da facilitare l''onere probatorio posto a carico del danneggiato, rendendo maggiormente agevole per quest''ultimo sia la prova del difetto che quella del nesso causale 262. In altri termini, dunque, se sulla base della normativa in tema di 259 Ponzanelli, La responsabilità per prodotti e servizi difettosi: il modello italiano, in La
responsabilità civile, a cura di Ponzanelli, 2002, 358;
260 Trib. Massa Carrara 20 marzo 2000, in Arch. civ., 2002, 343; Trib. Firenze 5 aprile 2000, in
Arch. civ., 2001, 208; Trib. Brindisi, Ostuni, 12 gennaio 2001, in Corti, Bari, Lecce e Potenza,
2001, I, 331, con nota di Cavallo; Trib. Viterbo 17 ottobre 2001, in Foro it. Rep., 2002, voce
Responsabilità civile, n. 215, nonché in Rass. giur. umbra, 2001, 206, con nota di Mezzasoma;
Trib. Napoli 28 febbraio 2002, in Giur. nap., 2002, 247; Trib. Ascoli Piceno 5 marzo 2002, in
Foro it. Rep., 2002; Trib. Roma 20 aprile 2002, in Danno e resp., 2002, 984 con nota di La
Battaglia, Danno da prodotto farmaceutico difettoso e prova liberatoria; Trib. Milano 31 gennaio
2003, in Foro it., 2003, I, 1260 nonché in Resp. civ. e prev., 2003, 1151, con nota di Della Bella,
Cedimento di scala estensibile e responsabilità del produttore-progettista: la nozione di
danneggiato nella disciplina sulla responsabilità del produttore; Trib. Vercelli 7 apirile 2003, in
Danno e resp., 2003, 1001; Trib. Forlì Cesena 25 novembre 2003, in Foro it., 2004, I, 1631; Trib.
Roma 14 novembre 2003, in Danno e resp., 2004, 529; Trib. Roma 4 dicembre 2003, in Foro it.,
2004, I, 1631; Trib. Roma 12 maggio 2004, in questa Resp. civ. e prev., 2005, 217 ss., con nota di
Della Bella, La responsabilità del produttore di tute sportive; Trib. Benevento 1° agosto 2005, in
Riv. giur. Molise, 2006, 3, 5; Trib. La Spezia 27 ottobre 2005, in Danno e resp., 2006, 173; Trib.
Benevento 24 febbraio 2006, in Danno e resp., 2006, 1254; Trib. Napoli 21 marzo 2006.
261 Tra le decisioni di legittimità che hanno applicato la normativa italiana di attuazione della
direttiva con esito favorevole al consumatore vedi, Cass. 14 giugno 2005, n. 12750, in Danno e
resp., 2005, 259; Cass. 8 ottobre 2007, n. 20985, in Giust. civ. mass.,2007; in Giust. civ., 2007, 11,
I, 2395, in Resp. civ. e prev., 2008, 2, 350, con nota di Carnevali, Prodotto difettoso e oneri
probatori del danneggiato; in Il civilista, 2009, 11, 98, con nota di Brondoni. In senso sfavorevole
al danneggiato si è pronunciata Cass. 15 marzo 2007, n. 6007, in Giust. civ. mass., 2007, 3; in
Resp. civ. e prev., 2007, 7-8, 1587, con nota di Gorgoni, Responsabilità per prodotto difettoso: alla
ricerca della (prova della) causa del danno.
262 In dottrina, v. ex multis, Lupoli, La responsabilità per danno da prodotti difettosi, in Il diritto
dei consumatori e nuove tecnologie, a cura di Bocchini, vol. II, 2003, 55; Ponzanelli,
Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della responsabilità del
produttore, in Danno e resp., 2002, 728; Palmieri - Pardolesi, Difetti del prodotto e del diritto
privato europeo, in Foro it., IV, 2002, 295; D'Arrigo, Responsabilità del fabbricante e 86 danni da prodotti, il danneggiato può ottenere il risarcimento del pregiudizio subito qualora provi il difetto, il danno ed il nesso causale, la giurisprudenza maggioritaria ha fornito un''interpretazione del testo comunitario finalizzata facilitare i predetti carichi probatori 263. Nello specifico, al fine di comprendere pienamente l''osservazione sopra esposta e concentrando inizialmente l''attenzione sulla prova concernente la difettosità del prodotto, pare opportuno analizzare due sentenze delle Suprema Corte che si sono occupate della questione ed, in particolare, la decisione della Cassazione del 15 marzo 2007, n. 6007 264 e quella del 8 ottobre del 2007, n. 20985 265; tali pronunce, pur essendo basate su presupposti analoghi266, giungono, in relazione alla problematica concernente la ripartizione dei carichi probatori tra danneggiato e produttore, a conclusioni assai differenti. Infatti, nella prima decisione sopra richiamata la Suprema Corte nega la responsabilità del produttore di una tintura per capelli che aveva cagionato ad una consumatrice una grave forma allergica, non ritenendosi raggiunta la dimostrazione della difettosità del prodotto; secondo i giudici di legittimità, infatti, ai fini della suddetta prova non è
inadeguatezza delle informazioni sulla sicurezza del prodotto: un raffronto comparativo, in Dir.
maritt., 2000, 600; Bastianon, Prime osservazioni sul libro verde della commissione in materia di
responsabilità civile per danno da prodotti difettosi, in Resp. civ. e prev., 2000, 807; Franzoni,
Dieci anni di responsabilità del produttore, in Danno e resp., 8-9, 1998, 823 e ss.; Ponzanelli,
Responsabilità del produttore, in Riv. dir. civ., 1995, II, 215 e ss. Sul problema della causalità, v.
tra i tanti, Pucella, La causalità incerta, Torino, 2007; Baldini, Il danno da fumo, Napoli, 2008;
Capecchi, Il nesso di causalità. Da elemento della fattispecie fatto illecito a criterio di limitazione
del risarcimento del danno, Padova, 2005.
263 A conferma della tendenza della giurisprudenza a favorire le ragioni del consumatore, v. per
esempio, la decisione del Trib. Roma 3 novembre 2003, in Danno e resp., 2004, 529, secondo cui
''In tema di difettoso funzionamento di un prodotto acquistato, spetta al produttore/fornitore fornire
idonea e rigorosa prova liberatoria. Di conseguenza, qualsiasi causa anche solo probabile è
imputabile al produttore e non al consumatore, il quale ha il pieno diritto di usufruire di prodotti
non difettosi'.
264 Cass. 15 marzo 2007, n. 6007, cit. in cui si afferma a fronte di una patologia ricollegabile ai
componenti chimici presenti in un prodotto cosmetico, non è ravvisabile alcuna responsabilità se
la parte lesa non dimostra la violazione di specifiche norme di sicurezza (l. 11 ottobre 1986 n. 713)
(in altri termini, qualora un danno alla salute è causato da componenti che, sebbene nocivi, sono
presenti in quantità considerate ammissibili dal legislatore non è configurabile una responsabilità
del produttore).
265 Cass. 8 ottobre 2007, n. 20985, cit.
266 Entrambe hanno, infatti, sottolineato come il difetto del prodotto costituisca una prerequisito
della responsabilità della cui dimostrazione è onerato il danneggiate, la sussistenza di un danno
non può provare di per sé la pericolosità del prodotto in condizioni normali di utilizzo, e come la
prova in capo all''autore debba essere posta in riferimento ai risultati (anomali) rispetto alle
normali aspettative. 87 sufficiente la semplice dimostrazione del nesso di causalità fra il danno ed il prodotto, né detta prova può essere raggiunta attraverso l'indagine di indici presuntivi della difettosità; ma sul danneggiato incombe il difficile onere probatorio concernete la quasi diabolica prova della sussistenza nel bene utilizzato di elementi chimici dannosi per la sua salute. D''altro canto nella seconda delle pronunce sopra citata '' concernente un caso in cui una protesi mammaria impianta su una paziente a seguito di una mastectomia totale e vuotatasi a distanza di soli due anni con conseguente dispersione della sostanza salina in essa contenuta nei tessuti circostanti '' la stessa Suprema Corte ha specificato, invece, che, ai sensi dell''art. 5 del d.p.r. n. 224/1988, il prodotto è considerato difettoso quando non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze indicate dal medesimo articolo 267. La pronuncia richiamata, preso atto del fatto che qualora s''imponga al danneggiato la prova dell''assenza di difetti fin dal momento della messa in circolazione del prodotto si finirebbe, in pratica, per richiedere a quest''ultimo la prova della colpa del produttore '' risultato che, peraltro, si porrebbe in contrasto con lo spirito che ha animato lo stesso legislatore comunitario - afferma che non si può imporre al danneggiato il gravoso onere di provare la sussistenza del difetto, ma solamente la dimostrazione che il prodotto non offre la sicurezza che si può legittimamente attendere, in relazione alle circostanze; ecco dunque che, in tal modo procedendo, la specifica prova del difetto del bene si potrà ritenere raggiunta solamente qualora il risultato dell''utilizzo del bene risulti essere anomalo rispetto alle comuni aspettative 268, 267 Il difetto del prodotto, la cui prova spetta al danneggiato è direttamente desumibile dai risultati
anomali che l''uso del prodotto ha causato rispetto alle normali aspettative.
268 Una volta fornita la predetta dimostrazione, spetta, dunque, al produttore l''onere di provare che
il difetto non esisteva al momento della messa in circolazione del prodotto ai sensi dell''art. 8,
comma 2, ossia la ragionevole probabilità che il difetto non sia esistito al momento della messa in
circolazione del prodotto. In altri termini, in tal modo procedendo, si può affermare che una piena
prova circa l''esistenza del difetto può essere vinta da una semplice presunzione relativa al carattere
non originario del difetto. In argomento, v. Patti, voce Prova, I, Diritto processuale civile, in Enc.
giur., 1998, Roma, 12 ss.; Cabella Pisu, Ombre e luci nella responsabilità del produttore, cit., il
quale osserva come la giurisprudenza faccia gravare sul produttore il rischio che la causa del
difetto resti ignota (sul punto, v. anche Indovino, Il labile confine tra nozione di difetto e
responsbabilità per colpa, cit., 297). In giurisprudenza, v. tra le tante Trib. Milano 23 settembre
2008, in Il civilista, 2009, 5, 97, secondo cui, nell'ipotesi di responsabilità civile da prodotti
difettosi, disciplinata dal d.P.R. 24 maggio 1988 n. 224, il danneggiato deve provare il danno, il
rapporto causale con l'uso del prodotto e che questo uso ha comportato risultati anomali rispetto
alle normali aspettative, tali da evidenziare la mancanza della sicurezza che ci si poteva 88 con la conseguenza che, così ragionando, il difetto del bene si presume tutte le volte in cui il prodotto stesso ha causato un pregiudizio non riconducibile ad un uso anomalo o imprevedibile del bene da parte del consumatore 269 (tali condizioni possono dipendere non solo dall''abuso ma anche dall''uso non consentito e da tutte le circostanze anomale che '' anche se non imputabili al consumatore - rendono il prodotto, altrimenti innocuo, veicolo di danno alla salute) 270. In altri termini ancora, la prova relativa alla difettosità del bene si intende raggiunta non solamente in tutte le ipotesi in cui sia accertato il vizio intrinseco di fabbricazione o di progettazione del prodotto 271, bensì anche quando sia provata
legittimamente attendere, mentre il produttore è tenuto a dimostrare che il difetto non esisteva
quando il prodotto è stato messo in circolazione o che ricorressero le altre cause di esclusione della
responsabilità analiticamente indicate dall'art. 6 della medesima legge; Trib. Firenze, 9 aprile 1991,
in Resp. civ. e prev, 1991, 449; Cass. 8 ottobre 2007, n. 20985, cit.; Gorgoni, Responsabilità per
prodotto difettoso: alla ricerca della (prova della) causa del danno, cit., 1593
269 Ecco dunque che, nel caso di specie, la Cassazione ha riconosciuto che il verificarsi di un
danno riconducibile all'uso della protesi impiantata - dalla quale era legittimo e ragionevole
attendersi una durata del maggiore di due anni - fosse sufficiente a legittimare il procedimento
presuntivo finalizzato alla dimostrazione indiretta del difetto del prodotto. Il ragionamento della
Suprema Corte nella decisione in esame è il seguente: l'utilizzazione del prodotto ha cagionato
conseguenze anomale, dannose e, pertanto, incompatibili con la sicurezza che il prodotto avrebbe
dovuto offrire secondo una legittima aspettativa e considerate tutte le circostanze di ragionevole
impiego; proprio per tali ragioni, il prodotto evidenzia la sussistenza del difetto anche se questo
non è stato accertato con procedimento probatorio diretto. Parte della dottrina, ha osservato come,
in tal modo procedendo, "la descritta combinazione di elementi indiziari individuati dal legislatore
si risolve nella negazione dell'essenzialità della dimostrazione della colpa del produttore da parte
del danneggiato, mentre la stessa colpa sembrerebbe tornare ad assumere un ruolo costruttivo
sistematico nella prospettiva probatoria del produttore" il quale, infatti, può comunque sempre
sottrarsi all''obbligo risarcitorio dimostrando che probabilmente il difetto non sussisteva '' e che
quindi è probabile che lo stesso produttore non avesse posto in essere un comportamento colpo ''
al momento della messa in circolazione del bene, e cioè quando il prodotto stesso era ancora nella
sua sfera di controllo (Di Palma, Responsabilità da prodotto difettoso e onere della prova: la
Cassazione riporta gli interpreti sul sentiero della strict liability, cit., 816).
270 Cass. 8 ottobre 2007, n. 20985, cit.; Cass. 13 dicembre 2010, n. 25116, in Nuova giur. civ.
comm., 2011, 591, con nota di Klesta Dosi, L''incerta disciplina dei prodotti abbronzanti. In
argomento, v. anche Cass. 15 marzo 2007, n. 6007, cit.
271 Trib. Pisa 16 marzo 2011, in Resp. civ. e prev., 2011, 10, 2094, con nota di Carnevali, Il difetto
di progettazione negli autoveicoli, concernente un caso in cui la difettosità del prodotto è stata
dimostrata direttamente tramite una consulenza tecnica. In particolare, nel caso di specie, il
Tribunale ha ritenuto che si dovesse ricollegare l''insicurezza del prodotto alle scelte progettuali
adottate per la collocazione e l''ancoraggio del serbatoio, in quanto una facile e poco costosa
modifica progettuale avrebbe potuto evitare il rischio d''incendio (inoltre, il confronto con veicoli
similari '' in cui il serbatoio si distacca impedendo che la combustione si propaghi al veicolo stesso
'' è indice della scarsa attenzione prestata nella progettazione del prodotto). Inoltre, i giudici hanno
ritenuto che, ai fini della valutazione della difettosità del prodotto, il fabbricante ha l''obbligo di
considerare anche i comportamenti ragionevoli e prevedibili dovuti ad imprudenza del
consumatore, in tutte le ipotesi in cui il danno possa essere eliminato o diminuito da misure di 89 l'insicurezza del bene 272 e, quindi, si dimostri che il prodotto, in occasione del suo utilizzo ragionevole, abbia causato un pregiudizio 273 (ecco dunque che, proprio alla luce di tali considerazioni è stato osservato come, il confine della responsabilità del produttore viene individuato in ragione di quelle utilizzazioni del prodotto stesso che, proprio perché assolutamente insolite, abnormi sono tali
sicurezza di facile realizzazione. Quindi, visto che era ragionevole prevedere che il conducente di
un ciclomotore potesse tenere una guida imprudente, tale circostanza non esimeva il fabbricante
dal cercare di ridurre (in questo caso tramite idonee scelte progettuali), l'entità delle conseguenze
derivanti dalla collisione.
272 Klesta Dosi, L''incerta disciplina dei prodotti abbronzanti, cit., 592, la quale osserva come la
Corte abbia operato una sorta di ''manipolazione' delle prove ''per favorire la posizione della
danneggiata, rivelando un atteggiamento conforme alla prassi seguita in tutti i paesi dell''Unione
europea'.
273 Numerosi sono i casi in cui si è reputata raggiunta la prova circa l'insicurezza del bene perché il
consumatore non aveva ragione di prevedere che l'utilizzazione del prodotto stesso avrebbe
comportato un danno. Si pensi, per esempio, al caso dello stivaletto che, a seguito della rottura del
tacco, causava la caduta della utilizzatrice (Trib. La Spezia 27 ottobre 2005, cit.); in tale sede, i
giudici deducono che il prodotto non sia stato costruito perfettamente e che, pertanto, non offra la
sicurezza normalmente presente negli altri esemplari della medesima serie. Sul punto occorre
anche ricordare la decisione del Tribunale di Massa Carrara 20 marzo 2000, in Arch. civ., 2002,
343, concernente un caso in cui la rottura di un accessorio di un frullatore aveva cagionato un
danno all''utilizzatore; il produttore venne dichiarato responsabile per non aver dotato il bene di un
sistema di sicurezza idoneo prevenire gli infortuni, in tal modo provando di non avere considerato
appropriatamente l'uso al quale il prodotto era ragionevolmente destinato e i comportamenti che si
potevano presumibilmente prevedere in relazione ad esso; Cass. 13 dicembre 2010, n. 25116, in
Guida al dir., 2011, 9, 42, concernente un caso in cui, a seguito dell''esposizione solare per alcune
ore mattutine, l''utilizzatrice del gel super abbronzante riportava ustioni con postumi permanenti.
Secondo i giudici di legittimità, si deve escludere che il livello di sicurezza prescritto per i
cosmetici sia quello della loro completa innocuità; tale criterio deve essere associato al riferimento
alle normali condizioni d''impiego, non potendosi riconoscere a siffatto regime una qualificazione
di responsabilità oggettiva assoluta. Ecco dunque che '' specifica la Suprema Corte - il danno non
prova indirettamente, di per sé la pericolosità del prodotto in condizioni normali di impiego, ma
solo una più indefinita pericolosità del prodotto di per sé insufficiente per istituire la responsabilità
del produttore se non sia anche in concreto accertato che quella specifica condizione di insicurezza
del prodotto si pone al di sotto del livello di garanzia di affidabilità richiesto dall'utenza o dalle
leggi in materia. In argomento, v. anche Cass. 29 settembre 1995, n. 10274, in Danno e resp., 1996,
87; in Foro it., 1994, I, 251; in Resp. civ. e prev., 1994, 141, 517; in Giur. it., 1995, I, 2, 323,
secondo cui ''Il produttore di un bene che abbia causato un danno va esente da responsabilità, ai
sensi dell'art. 5 d.lgs. 24 maggio 1988 n. 224, quando risulti che il difetto di sicurezza del bene si è
manifestato in relazione a un modo d'uso di questo, non rientrante fra quelli ragionevolmente
prevedibili da parte del produttore'; in altre parole, il comportamento del consumatore '' in questo
caso si trattava di un ragazzo di dodici anni che giocando con un''altalena si era ferito gravemente
ad un dito '' deve rientrare tra quelli che il produttore poteva ragionevolmente prevedere in
astratto. I giudici, nel caso di specie, accertato che l'attore, allora ragazzo di 12 anni era montato in
piedi sul bracciolo del seggiolino dell''altalena, ha ritenuto che un siffatto tipo di comportamento
non rientrasse tra quelli che costruttore del prodotto ed il Comune avrebbero potuto considerare
ragionevolmente prevedibili ed ha rilevato che solo nell'ambito di un comportamento siffatto il
funzionamento dell'altalena poteva rivelare la mancanza di sicurezza che aveva dato luogo al
determinarsi del danno. 90 da configurare un vero e proprio abuso e, pertanto, non potevano essere oggetto di ragionevole previsione da parte del produttore) 274. In linea con l'' indirizzo interpretativo da ultimo richiamato '' diretto, appunto, ad applicare il criterio della vicinanza della prova 275 (e ciò per lo specifico fine di agevolare il danneggiato ad agire in giudizio per la tutela della situazione sostanziale (art. 24 Cost.) 276), si pone, dunque, anche la giurisprudenza maggioritaria 277. Così, per esempio, di recente, la Suprema Corte in relazione alla problematica concernente la ripartizione degli oneri probatori posti a carico delle parti, è intervenuta con una decisione che pare confermare la linea interpretativa da ultimo richiamata. In particolare, in tale occasione '' si tratta di un caso in cui, a seguito dell''esposizione solare per alcune ore mattutine, l''utilizzatrice del gel super abbronzante riportava ustioni con postumi permanenti '' i giudici di legittimità hanno affermato che il difetto del prodotto non si identifica con la 274 Della Bella, Cedimento di scala estensibile e responsabilità del produttore-progettista: la
nozione di danneggiato nella disciplina sulla responsabilità del produttore, cit. 1151, secondo cui,
accogliendo la predetta linea interpretativa, non può essere riconosciuta una responsabilità in capo
al produttore qualora, per esempio, un soggetto acquisti comuni pneumatici per montarli su un
auto da corsa e questi pneumatici scoppino durante una gara; neppure potrebbe essere risarcito il
danno subito da coloro che abbiano usato come droga un solvente chimico oppure il soggetto che
utilizzando un cacciavite come apribottiglie si ferisca una mano. Le stesse considerazioni valgono
anche qualora il consumatore utilizzi il bene in maniera smodata; si pensi all'eccesso nella
ingestione di sostanze alimentari (come l'ipotesi di una persona che abbia un malore causato
dall''ingestione di una eccessiva quantità di cibo). Nelle predette ipotesi l'utilizzo improprio o
smodato interrompe il nesso eziologico tra il fatto del produttore e l'evento dannoso.
275 Santucci, La responsabilità per danno da prodotto difettoso nella recente esperienza italiana,
in Resp. civ. e prev., 2010, 5, 987. Per quanto concerne il principio della vicinanza dell''onere della
prova, v. Busoni, L' onere della prova nella responsabilità del professionista, Milano, 2011;
Bianchi, La prova civile: onere e ammissibilità della prova nel Codice civile, Padova, 2009;
Turow, L'onere della prova, Milano, 1993; Dragone, Le S.U., la "vicinanza alla prova" e il riparto
dell'onere probatorio, in Resp. civile, 2008, 698 '' 702; Sapone, Inesatto adempimento e riparto
dell'onere probatorio: tra vicinanza della prova e presunzione di persistenza del diritto, in Giur.
merito, 2007, 971 '' 976.
276 Frata, Responsabilità per prodotto cosmetico difettoso: l''onere della prova e le ''normali
condizioni di impiego', in Danno e resp., 2011, 10, 978.
277 Trib. Benevento 24 febbraio 2006, cit.; Trib. Milano 31 gennaio 2003, cit.; Cass. 14 giugno
2005, n. 12750, in Resp. civ. e prev., 2006, 1, 129, la quale ha riconosciuto la responsabilità
dell''importatore del prodotto esplosivo, affermando l''incidenza causale nella produzione del
danno del vizio di fabbricazione del prodotto e del comportamento incauto della vittima. In altre
parole, secondo la decisione soprarichiamata il prodotto presenta un difetto di fabbricazione,
poiché lo scoppio del contenitore sferico destinato ad esplodere in aria dopo l'apparente accensione
si è, invece, verificato a terra; pertanto, l'incidenza causale del vizio di fabbricazione e l'incauta
condotta della vittima debbono essere considerate concause dell'evento, giacchè un
comportamento più accorto del danneggiato non avrebbe escluso il danno. 91 mancanza di una assoluta certezza o di una oggettiva condizione di innocuità dello stesso, ma con l''assenza dei requisiti di sicurezza generalmente richiesti dall'utenza in relazione alle circostanze specificamente indicate dall'art. 5 del d.p.r. n. 224/1988 (ora art. 117 del Codice del consumo) 278. Anche in questa occasione si è ritenuto che il danno non prova indirettamente, di per sè, la pericolosità del bene in condizioni normali di impiego, ma solo una più indefinita pericolosità del prodotto di per sè insufficiente per istituire la responsabilità del produttore se non sia anche in concreto accertato che quella specifica condizione di insicurezza del prodotto si pone al di sotto del livello di garanzia di affidabilità richiesto dalla utenza o dalle leggi in materia 279. Sempre in linea con l''atteggiamento della giurisprudenza volto a facilitare la prova della difettosità del prodotto, si pone anche quell''indirizzo interpretativo che, in relazione ai c.d. difetti di informazione 280, afferma come la mera menzione del possibile verificarsi dei rischi connessi all''utilizzo del bene non impedisce al 278 Muovendo dalle predette considerazioni, occorre evidenziare come, proprio tale accertamento
rappresenta la principale problematica che l''interprete si trova ad affrontare nei giudizi relativi ai
danni cagionati da prodotti difettosi e che il più delle volte '' qualora manchi una prova diretta
circa la difettosità del prodotto (si pensi, per esempio, al caso in cui il prodotto che si assume
difettoso venga distrutto e non sia pertanto possibile accertare in concreto la mancanza dei requisiti
di sicurezza) '' deve essere risolta attraverso il ricorso ad elementi indiziari qualora caratterizzati
da gravità, precisione e concordanza, oppure il difetto si può presumere ogni qualvolta il prodotto
abbia causato un pregiudizio non riconducibile ad un utilizzo anormale ed imprevedibile del bene
(Bitetto-Pardolesi, Risultato anomalo e avvertenza generica: il difetto nelle pieghe del prodotto,
cit., 294; Bitetto, Responsabilità da prodotto difettoso a passo di gambero!, in Danno e resp.,
2007, 1216).
279 In altre parole, quando l''impiego del prodotto comporta risultati lontani dalle normali
aspettative dell''utilizzatore, tale risultato determina la sussistenza del difetto (Bitetto-Pardolesi,
Risultato anomalo e avvertenza generica: il difetto nelle pieghe del prodotto, cit., 294). Nel caso di
specie, a fronte dell''esposizione ai raggi solari, la consumatrice di un gel abbronzante, pur avendo
utilizzato il prodotto secondo le normali condizioni d''uso per tale tipologia di beni, ha riportato
delle lesioni gravi con postumi permanenti; un risultato che non può certamente non definirsi
anomalo.
280 Secondo parte della dottrina il difetto di informazione fonderebbe una responsabilità del
produttore non più oggettiva ma bensì colposa e rappresenterebbe anche un importante termine di
riferimento al fine di valutare l''accettabilità del rischio da parte del consumatore allo scopo di
limitare o escludere il diritto al risarcimento del danno ai sensi dell''art. 122, comma 2° del Codice
del consumo (Martorana, L'orditoio: una macchina che non offre le sicurezze che si possono
legittimamente attendere ... le persone di non alta statura, cit., 381; Ghidini, Commento all''art. 5
del d.p.r. n. 244 del 1988, in Alpa-Carnevali-Di Giovanni-Ghidini-Ruffolo-Verardi, La
responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 49;). Altra parte della dottrina ritiene, invece,
che anche in presenza di un difetto d''informazione, si tratterrebbe di un''ipotesi di responsabilità
oggettiva (Ponzanelli, Crollo del letto a castello: responsabilità del produttore-progettista e del
montatore, cit., 384). 92 consumatore di agire contro il produttore in tutte le ipotesi in cui il danneggiato sia inconsapevole dell''esistenza del difetto di fabbricazione dovuto ad un insufficiente esercizio dei controlli e/o delle ispezioni di qualità normalmente assicurati all''interno dei processi produttivi. In altre parole, premesso che si parla di difetti d''informazione quando i rischi prevedibili creati dal prodotto avrebbero potuto essere ridotti od eliminati attraverso l''apposizioni di ragionevoli istruzioni o avvertenze da parte del produttore (o da parte di un altro distributore o di un soggetto che ha assunto precedentemente analoga posizione nella catena distributiva del bene) o l''omissione delle predette istruzioni ha reso il prodotto non ragionevolmente insicuro, la Suprema Corte ritiene che l'obbligo di fornire adeguate informazioni ha la funzione di prevenire un rischio evitabile e che un'avvertenza che si limita a ricordare che le cose possono andare male e che su questa base intenda esonerare il produttore da responsabilità "val quanto una clausola di esclusione da responsabilità'' e ne condivide le sorti" 281. Infine, sempre nell''ottica di dimostrare come l'ordinamento italiano abbia applicato e interpretato la direttiva comunitaria in tema di danno derivanti da prodotti in maniera favorevole al danneggiato, facilitando l''onere di provare la difettosità del bene, occorre evidenziare come l'inosservanza degli standards di legge prescritti per la fabbricazione e la circolazione del prodotto possa senz'altro influire sulla qualificazione di difettosità mentre l'osservanza dei requisiti di sicurezza imposti legislativamente dalla norma tecnica non preclude affatto un'indagine circa la possibile esistenza di difetti nel prodotto; si pensi, ad esempio, al caso in cui il prodotto si stato fabbricato e commercializzato secondo le norme di legge, ma il pregiudizio derivi da una caratteristica negativa del prodotto che avrebbe potuto essere evidenziata mediante la sottoposizione del bene a prove di sicurezze (obbligatorie o meno) attuabili secondo le conoscenze scientifiche tecniche disponibili; in tale specifico caso, l'interprete dovrà inevitabilmente orientare il suo giudizio nel senso della non conformità del prodotto alle legittime aspettative di sicurezza. 281 Bitetto-Pardolesi, Risultato anomalo e avvertenza generica: il difetto nelle pieghe del prodotto,
in Danno e resp., 2008, 3, 292; Astore-Locuratolo, Difetto d''informazione e natura della
responsabilità da prodotto, cit., 986, secondo cui ''Intimare che un prodotto può rivelarsi dannoso
senza fornire le coordinate necessarie per gestire il rischio porta, nella migliore delle ipotesi, a una
forcella decisionale nel segno dell''irrazionalità, ovvero l''adesione ad un principio di precauzione
che implica la rinunzia pregiudiziale all''uso del prodotto'. 93 Individuato, dunque, come la giurisprudenza abbia, di fatto, agevolato l''onere della prova concernente la difettosità del prodotto, occorre, a questo punto, ricordare che gli stessi giudici hanno manifestato la tendenza a voler applicare la normativa di attuazione della direttiva comunitaria in senso favorevole al consumatore, fornendo un''interpretazione della disciplina diretta a facilitare altresì la dimostrazione del nesso eziologico 282. In particolare, si è affermato che il concetto di causalità in sede civile non coincide con quello operante in ambito penale atteso che le esigenze dell'elemento del nesso vizio logico sottese al sistema penalistico non sono riconducibili alla diversa e più ampia dimensione dell'illecito aquiliano 283 ; la causalità civile ordinaria si attesta, dunque, sul versante della probabilità relativa sulla base della quale viene richiesta una soglia meno elevata di probabilità rispetto a quella penale 284. Muovendo dalle predette considerazioni, proprio con riferimento alla prova del nesso causale tra difetto del prodotto e danno subito, occorre osservare come le Corti, in tutte le ipotesi in cui hanno dovuto applicare la disciplina in esame, non si sono mostrate particolarmente esigenti in quanto, a fronte di un danno cagionato in occasione dell'utilizzo di un prodotto, una volta data la prova 282 Baschiera, Onere della prova e nesso di causalità: spunti di discussione in tema di
responsabilità oggettiva del produttore di dispositivi medici, cit., 793, la quale osserva come il
predetto atteggiamento della giurisprudenza, diretto appunto a facilitare l''onere probatorio posto a
carico del danneggiato, incentiva il produttore a porre in commercio prodotti sicuri.
283 Cass. 18 giungo 2012, n. 9927, in Dir. e giust., 2012, secondo cui nell'accertamento del nesso
causale in materia civile vige la regola della preponderanza dell'evidenza o del "più probabile che
non", mentre nel processo penale vige la regola della prova "oltre il ragionevole dubbio". Sul
punto, v. anche Cass. 21 luglio 2011, n. 15991, in Giust. civ. mass., 2011, 7-8, 1098; Cass. 18
luglio 2011, n. 15709, in Dir. e giust., 2011; Cass. 17 febbraio 2011, n. 3847, in Giust. civ. mass.,
2011, 2, 258; Cass. 23 dicembre 2010, n. 26042, in Giust. civ. mass., 2010, 12, 1645; Cass. 30
aprile 2010, n. 8885, in Giust. civ. mass., 2010, 4, 646; Trib. Piacenza 23 febbraio 2012, in De
Jure. In dottrina, vedi ex multis, Bordon, Il nesso di causalità, Torino, 2006; Capecchi, Il nesso di
causalità: da elemento della fattispecie fatto illecito a criterio di limitazione del risarcimento del
danno, 2° ed., Padova, 2005; AA. VV. nesso di causalità: profili giuridici e scientifici, a cura di
Pucella - De Santis, Padova, 2007; Zirulia, Causalità e amianto: l'eterno "duello" tra i consulenti
tecnici delle parti, in Corr. merito, 2012, 277; Pellegrino, Incertezza sul nesso di causalità: il
dibattito in corso tra i giudici della Cassazione, in Resp. civ., 2012, 21 '' 26.
284 Il danneggiato può avvalersi anche degli altri mezzi di prova previsti nel codice di procedura
civile: le prove documentali, testimoniali, l''interrogatorio formale, la confessione, il giuramento, le
prove atipiche (per esempio, la documentazione fotografica), nonché le consulenze tecniche. Per
quanto concerne la prova del nesso eziologico spettante al danneggiato, v. Cendon-Ziviz, La prova
del danno, in La responsabilità del produttore, a cura di Alpa, Bin, Cendon, Padova, 1989, 159;
Dalmotto, L''onere della prova e la protezione del consumatore, in Nuova giur. civ. e comm., 2005,
II, 131; Di Palma, Responsabilità da prodotto difettoso e onere della prova: la Cassazione riporta
gli interpreti sul sentiero della strict liability, cit., 813. 94 che il bene si è rivelato insicuro, ritengono anche dimostrata la connessione causale tra il difetto del prodotto ed il pregiudizio subito. Proprio per tali ragioni, si è osservato come, di fatto, il meccanismo presuntivo finisca col giocare un ruolo da protagonista in sede di accertamento sia dell'insicurezza del prodotto sia degli stessi nessi eziologici 285. 285 Cabella Pisu, Ombre e luci nella responsabilità del produttore, cit., 633. 95 CAPITOLO II LA DIVERSA ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI RESPONSABILIT' DEL PRODUTTORE NEI PI' RILEVANTI PAESI DELL ''UNIONE EUROPEA. 1. L''ordinamento francese: la responsabilità del produttore prima della legge di attuazione della direttiva 85/374/CEE In Francia fin dagli anni Settanta si era sviluppata una legislazione speciale diretta a proteggere i diritti dei consumatori 1 ; in particolare, la legge sulla protezione e l''informazione del consumatore del 1978, disciplinando i contratti di adesione, la pubblicità menzognera, le frodi alimentari e la produzione di beni di consumo potenzialmente dannosi, assicurava ai consumatori medesimi un''ampia garanzia di sicurezza, pur non contenendo nessuna previsione relativa al risarcimento dei danni derivanti da prodotti difettosi 2. Ecco dunque che pochi anni dopo, il 21 luglio 1983 è stata approvata una legge che ha sancito i principi generali della sicurezza dei consumatori e ha altresì istituito la Commission de sécurité des consummateurs, avente lo specifico compito di adottare delle misure finalizzate a prevenire incidenti ai consumatori. La suddetta legge aveva, di fatto, anticipato alcuni principi che sarebbero stati poi recepiti nella direttiva 85/374/CEE; si pensi, per esempio, all''art. 1 della legge del 1983 secondo cui i prodotti ed i servizi offerti sul mercato devono presentare la sicurezza che ci si può legittimamente attendere, fermo restando che il produttore 1 Nava, La responsabilità del produttore di sigarette in Italia, Francia e Stati Uniti d''America, in
www.diritto.it, secondo cui la Francia è lo Stato che, a partire dagli anni Settanta, aveva creato un
autentico "diritto del consumatore" (e che era quindi all'avanguardia rispetto agli altri Paesi
europei) ma è anche quello che ha atteso fino al 1998 per adattare la propria legislazione alla
direttiva comunitaria in tema di danno da prodotti.
2 In argomento, v. Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit.,, 90; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263 ss.; Borghetti, «Les responsabilités du fait des produits défectueux», Paris, LGDJ, 2004;
Alpa, La legge sulla protezione e l''informazione del consumatore, in Danno da prodotti e
responsabilità dell''impresa. Diritto italiano ed esperienze straniere, a cura di Alpa e Bessone,
Milano, 1980, 289; Malinvaud, L''application de la directive communautaire sur la responsabilité
du fait des produits défectueux et le droit de la construction, ou le casse-tête communautaire, in
L''attuazione della direttiva comunitaria sulla responsabilità del produttore, a cura di Cossu,
Padova, 1990, 130. 96 non poteva essere considerato responsabile qualora avesse utilizzo il prodotto in maniera imprevedibile. Tuttavia, tale principio '' secondo cui, appunto i prodotti ed i servizi devono presentare la sicurezza che il consumatore si poteva legittimamente attendere - diretto, appunto, a proteggere i diritti del consumatore stesso, non ha avuto il successo sperato, con la conseguenza che, successivamente all''entrata in vigore della legge citata, i consumatori, al fine di ottenere il risarcimento del danno preferivano fare affidamento agli istituti generali presenti nel codice civile, ed in particolare alla disciplina contrattuale e alle regole relative alla responsabilità extracontrattuale 3. Tuttavia, atteso che le norme del codice civile, interpretate letteralmente, non avrebbero consentito di tutelare in maniera soddisfacente il pubblico dei consumatori, ai fini dell''applicazione di entrambe le proposte '' ossia il ricorso alla normativa contrattuale ed extracontrattuale '' stato necessario una rilevante opera interpretativa da parte della giurisprudenza 4. In particolare, per quanto concerne la prima impostazione '' quella secondo la quale per i danni causati da prodotti difettosi si doveva ricorrere alla disciplina contrattuale, e quindi alla normativa della compravendita '' è dato rilevare che, con specifico riferimento alla garanzia per i vizi, il legislatore francese ha distinto tra obblighi del venditore in buona fede e obblighi del venditore in mala fede. L''art. 1646 del Code Civil sancisce, infatti, che se il venditore ignorava i vizi, è tenuto solamente alla restituzione del prezzo ed a rimborsare all''acquirente le spese causate, mentre, qualora, invece, il venditore ha alienato una cosa difettosa, conoscendone i vizi, ai sensi dell''art. 1645 Code Civil è obbligato a restituire il prezzo della cosa e a risarcire tutti i danni risentiti dall''acquirente 5. E'' evidente, come, interpretando letteralmente le norme menzionate, si offriva al compratore una scarsa tutela, in quanto, in tal modo ragionando, si riconosceva al compratore il diritto ad ottenere solamente la refusione delle spese 3 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit., 383; Markovits, «La
directive C.E.E. du 25 juillet 1985 sur la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.
4 Rescigno, Le nuove frontiere della legislazione: la disciplina della tutela del consumatore e la
responsabilità da prodotto, in Nuove leggi civ. comm., 1989, 3, 556.
5 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit., 383; Viney,
«L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985 relative à la responsabilité du
fait des produits défectueux», cit., 291. 97 nell''ipotesi in cui il venditore fosse in buona fede e l''intero risarcimento del danno solamente qualora il venditore medesimo fosse in mala fede. Proprio per tali ragioni, al fine di estendere la responsabilità del venditore e correlativamente ampliare la tutela offerta al compratore, la giurisprudenza francese ha provveduto a interpretare tali disposizioni in maniera estensiva. In tale ottica, dunque, il termine ''spese' (frais) è stato inteso nel senso di fare rientrare all''interno di tale categoria non soltanto l''insieme delle somme sborsate dal compratore a causa della sussistenza di vizi della cosa, bensì anche le ''lesioni' provocate dalla cosa al compratore stesso, ai suoi familiari o ai terzi 6. Inoltre, sempre ai fini di offrire una più ampia tutela al compratore, si è venuta a formare una presunzione di mala fede del venditore che esercitava professionalmente un''attività commerciale (e quindi anche del fabbricante) in modo tale da obbligare il venditore a risarcire integralmente i danni cagionati dal prodotto difettoso. Cionondimeno, tale equiparazione tra il venditore professionale ed il venditore in mala fede se, da un lato risultava vantaggiosa per i consumatori, dall''altro lato, poneva i venditori nella condizione di doversi assumere elevati rischi 7. Le suddette regole elaborate dalla giurisprudenza finalizzate ad offrire '' attraverso, appunto, un''interpretazione estensiva degli artt. 1645 e 1646 del Code Civil - una soluzione diretta a tutelare maggiormente il consumatore dai danni derivanti dall''uso o consumo della cosa difettosa, oltre a modificare il significato letterario delle norme del Code Civil che il legislatore aveva introdotto con scopi del tutto diversi, presentavano alcune rilevanti lacune. I difetti del sistema derivavano, in particolare, dal fatto che il rischio dei danni solitamente ricadeva sul rivenditore, ossia sul dettagliante il quale aveva un contatto diretto con il compratore-consumatore ma che, tuttavia, non aveva fabbricato direttamente la cosa 8. In altre parole, in tal modo procedendo si finiva 6 Rescigno, Le nuove frontiere della legislazione: la disciplina della tutela del consumatore e la
responsabilità da prodotto, cit., 556; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della
responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263 ss.
7 Rescigno, Le nuove frontiere della legislazione: la disciplina della tutela del consumatore e la
responsabilità da prodotto, cit., 556; Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da
prodotto, cit., 383; Markovits, «La directive C.E.E. du 25 juillet 1985 sur la responsabilité du fait
des produits défectueux», cit.; Viney - Jourdain, «Traité de droit civil», cit., 758; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263 ss.
8 Il fabbricante, infatti, rispondeva dei danni esclusivamente nelle ipotesi in cui il dettagliante
esercitava contro di lui l''azione di garanzia prevista dal codice civile 98 per distribuire i rischi legati ai danni da prodotti in maniera irrazionale, atteso che non sempre la catena delle azioni in garanzia '' le quali avrebbero dovuto risalire dal dettagliante fino al produttore, attraverso tutti gli intermediari che avevano partecipato al processo di distribuzione della merce '' riusciva a risalire fino all''origine 9. Ecco, dunque, che si è tentato di modificare il sistema ammettendo che il compratore danneggiato potesse rivolgersi direttamente al venditore originario, ossia all''impresa, attraverso la c.d. action directe, la quale, se aveva l''indubbia utilità di porre in contatto diretto il venditore originario e l''ultimo acquirente, di fatto, tale azione finiva per proteggere solamente una specifica categoria di consumatori, ossia coloro che avevano acquistato la cosa, mentre, invece, non permetteva di tutelare i consumatori o gli utilizzatori del prodotto che non erano però anche compratori 10. Pertanto, dati gli evidenti limiti della prospettiva contrattuale, al fine di offrire una più completa tutela di tutti i soggetti danneggiati, la dottrina e la giurisprudenza francese hanno ritenuto necessario ricorrere ad una diversa tipologia di responsabilità, ossia alla responsabilità extracontrattuale. 1.1. I tentativi di recepire il testo comunitario e i fallimenti degli avat projects Nonostante la direttiva comunitaria del 1985, n. 374 avesse disposto che i singoli ordinamenti nazionali dovevano recepire le disposizioni in essa contenuta entro il 1 luglio 1988, la Francia 11 è stato l''ultimo Stato membro12 che ha recepito la direttiva con la legge n. 389 del 1998 con la legge n. 389 13. 9 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit., 383; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263 ss.
10 Rescigno, Le nuove frontiere della legislazione: la disciplina della tutela del consumatore e la
responsabilità da prodotto, cit., 556; Viney - Jourdain, «Traité de droit civil», cit., 758; Ghestin,
«La directive communitaire du 25 juill. 1985 dur la responsabilité du fait des produits défectueux»,
cit..
11 Per quanto concerne, le difficoltà nell'ordinamento francese di attuare la direttiva europea - a
causa delle forti esitazioni del legislatore a rinunciare alla sua lunga tradizione di tutela risarcitoria
dei danneggiati da un prodotto difettoso '' v. ex multis, Viney, «L''introduction en droit français de
la directive du 25 juillet 1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291;
Viney - Jourdain, «Traité de droit civil», cit., 758; Ghestin, «La directive communitaire du 25 juill.
1985 dur la responsabilité du fait des produits défectueux», cit. 99 In realtà, la gestazione della legge iniziò con un avant-project - elaborato verso la fine degli anni Ottanta dalla Commissione presieduta dal professore Ghestin - il quale era finalizzato alla completa riforma dell''intero sistema di responsabilità civile. In particolare, la Commissione in tale sede voleva approfittare dell'occasione per cambiare interamente il diritto interno, riformulando la responsabilità degli operatori professionali che operavano sul mercato e cercando di riavvicinare le due tipologie di responsabilità in tema di tutela del consumatore, ossia quella contrattuale è quella extracontrattuale 14. In altre parole, tale progetto di legge mirava ad accogliere gli indirizzi giurisprudenziali particolarmente favorevoli a proteggere gli interessi dei consumatori, riconoscendo in capo ai fornitori professionali di beni una 12 Nelle more dei lavori preparatori, la Corte di Cassazione francese si è ispirata al principio
affermato dalla Corte di giustizia, in base al quale i giudici nazionali chiamata a decidere una
controversia disciplinata da una direttiva non ancora attuata dal legislatore, devono interpretare
quest''ultimo alla luce della finalità e del testo della direttiva stessa. Proprio per tale ragione, dopo
le soluzioni che consentivano al consumatore di agire contro il produttore tramite la c.d. action
directe, a partire dalla fine degli anni Ottanta si è sviluppata una giurisprudenza di legittimità che
si richiama palesemente alle disposizioni contenute nella direttiva. In argomento, v. Mazzo, La
responsabilità del produttore agricolo, cit., 92; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della
responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263 ss.
13 A tal proposito si ricorda come tale ritardo è stato oggetto di un ricorso per inadempimento
promosso dalla Commissione innanzi alla Corte di giustizia, che la condannò il 13 gennaio 1993
(Corte giust. CE, 13 gennaio 1993, C-293/91, cit.). La pronuncia, tuttavia, non servì per sollecitare
il legislatore francese ad attuare la direttiva, tanto che, ancora una volta, la Francia venne
ammonita, questa volta, però, attraverso una minaccia concreta di sanzione consistente in
un''astreinte per oltre quattro milioni di franchi al giorno (in argomento, v. Mazzo, La
responsabilità del produttore agricolo, cit., 90).
14 Occorre ricordare come il motivo per cui la Francia si era allineata agli altri Paesi Europei con
un forte ritardo è dovuto, principalmente, ai forti interessi di categoria impedivano il formarsi di
volontà decise nonché alla diatriba che era sorta con riferimento alla causa di esclusione della
responsabilità per rischio da sviluppo. In argomento, v. Iannuccelli, La legge francese sulla
responsabilità da prodotto, in Danno e resp., 1999, 383; Il motivo, poi, per cui la Francia si era
allineata agli altri Paesi Europei con un forte ritardo è dovuto, principalmente, ai forti interessi di
categoria impedivano il formarsi di volontà decise. In argomento, v. Iannuccelli, La legge francese
sulla responsabilità da prodotto, in Danno e resp., 1999, 383; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du
livre III du Code civil «De la responsabilité du fait des produits défecteux», JCP entreprise, 1998,
n°27, p.1201, I, 148. Tuttavia, seppure il legislatore francese ha recepito la direttiva comunitaria
solamente nel 1998, in realtà, già precedentemente, la giurisprudenza francese, nelle cause
concernenti i danni causati da prodotti difettosi, tendeva ad interpretare le norme del codice civile
in maniera conforme alla direttiva (in argomento, v. Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III
du Code civil «De la responsabilité du fait des produits défecteux», cit., 148, il quale sostiene che
la Corte di Cassazione francese, a causa del ritardo del legislatore, aveva provveduto ad anticipare
l''applicazione della direttiva; Cass. 20 mars. 1989, RDT, 1991, 539; Cass. 28 avr 1998, JCP G,
1998, II, 10088 100 responsabilità basata su criteri di obiettività, finalizzata semplicemente a punire la non conformità dei beni alle aspettative dei consumatori 15. Tuttavia, nonostante la successiva riduzione degli intenti perseguiti, il suddetto progetto venne abbandonato. L'insuccesso di questo primo disegno di legge è stato ricollegato non soltanto all'eccessiva ambizione di tale testo, ma anche al fatto che il sistema francese, in materia di responsabilità per prodotti difettosi, rappresentava uno dei sistemi giuridici più all'avanguardia. Per proprio per tali ragioni, i cambiamenti normativi presentati dalla Commissione incaricata di attuare nell'ordinamento francese la direttiva comunitaria, non era ritenuta dal legislatore francese una riforma urgente e ciò a differenza di quanto era accaduto in altri paesi membri (come per esempio l'Italia e la Spagna) nei quali la disciplina comunitaria aveva, invece, "colmato imbarazzanti lacune degli ordinamenti giuridici nazionali" 16. Un secondo tentativo di recepire il testo comunitario avvenne verso la fine degli anni Novanta quando il governo presentò un nuovo avant-projec. Tale progetto di legge, a differenza di quello precedente, appariva maggiormente finalizzato ad introdurre la disciplina comunitaria - attraverso lo sfruttamento delle diverse opzioni concesse dal legislatore comunitario - senza però contraddire ai principi tradizionali propri del sistema giuridico francese; la suddetta proposta di legge fu, però, respinta essenzialmente perché, non contemplando l'esimente 15 Il progetto di legge sembrava, però, fin troppo ambizioso atteso che, prevedere lo stesso
trattamento giuridico sia nell'ipotesi in cui il prodotto non fosse conforme alle aspettative d'uso
dell'acquirente sia nel caso in cui un bene, non in possesso dei requisiti minimali di sicurezza attesi
dai consumatori, avesse causato un danno, comportava una rilevante rielaborazione di istituti
giuridici decisamente diversi tra loro, quali la garanzia contrattuale per vizi della cosa venduta e la
normativa concernente la responsabilità connessa alle cose in custodia. Infatti, l'ipotesi in cui il
prodotto non sia conforme agli usi per i quali era stato deciso l'acquisto e il caso in cui il bene
fosse all'origine dell'episodio lesivo rappresentavano, secondo la Commissione, i due profili della
difettosità del prodotto; mentre il primo era destinato a ripercuotersi esclusivamente nella sfera
patrimoniale delle parti, l'altro, invece, era poteva, potenzialmente, incidere sulla sfera
patrimoniale dei terzi. In argomento, v. Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da
prodotto, cit. 383; Le Tourneau, «Responsabilité des vendeurs et des fabricants», cit.; Ghestin,
«La directive communitaire du 25 juill. 1985 dur la responsabilité du fait des produits défectueux»,
cit.; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato
vero allineamento', cit., 263 ss.
16 Sul punto, v. anche, Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383 ;
Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985 relative à la
responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; Markovits, «La directive C.E.E. du 25
juillet 1985 sur la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.; Di Nepi, Francia 1998 e
disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263
ss. 101 delle rischio da sviluppo, poneva le imprese francesi in una posizione di svantaggio concorrenziale rispetto a quelle europee 17. Ecco dunque che, solamente nel 1993, su iniziativa del Parlamento, fu predisposto un terzo ed ultimo progetto di legge, promulgato successivamente il 19 maggio 1998 che finalmente applicava, all'interno dell'ordinamento francese, la disciplina prevista dalla direttiva comunitaria 18 in tema di responsabilità da prodotto difettoso 19. 1.2. Il campo di applicazione della legge francese di attuazione della direttiva comunitaria in materia di responsabilità per danni da prodotti difettosi Dopo aver brevemente descritto la disciplina francese precedentemente all''emanazione della direttiva comunitaria e i tentativi falliti di attuare la direttiva comunitaria 85/374, pare opportuno analizzare le norme di maggiore rilevanza della legge n. 98-389 che, come visto, ha recepito la direttiva stessa, rimanendo, peraltro molto fedele ad essa 20. Al riguardo, è in primo luogo opportuno notare 17 Markovits, «La directive C.E.E. du 25 juillet 1985 sur la responsabilité du fait des produits
défectueux», cit.; Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi,
Francia 1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero
allineamento', cit., 263 ss; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la
responsabilité du fait des produits défecteux», cit., 148.
18 In generale, per quanto concerne, le difficoltà nell'ordinamento francese di attuare la direttiva
europea, v.; Markovits, «La directive C.E.E. du 25 juillet 1985 sur la responsabilité du fait des
produits défectueux», cit.; Viney - Jourdain, «Traité de droit civil», cit., 758; Le Tourneau,
«Responsabilité des vendeurs et des fabricants», cit.; Ghestin, «La directive communitaire du 25
juill. 1985 dur la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 135; Iannuccelli, La legge
francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383.
19 Tuttavia, seppure la direttiva comunitaria è entrata in vigore in Francia con grande ritardo,
occorre ricordare come, il testo comunitario stesso avesse già prima di tale data, influenzato la
Cour de Cassation, la quale fin dagli inizi degli anni 90 imponeva ai produttori e ai venditori
professionali di rispettare gli standard di sicurezza nella fabbricazione e nella
commercializzazione dei prodotti, alla stregua di una vera e propria obbligazione di risultato. In
particolare la Corte di Cassazione francese negava ai produttori e ai venditori professionali la
possibilità di liberarsi da responsabilità provando di aver preso tutti gli accorgimenti necessari ad
evitare o a limitare il verificarsi di danni
20 Visto il ritardo con cui il legislatore francese ha recepito la direttiva comunitaria 85/374, la
dottrina e la giurisprudenza hanno dovuto affrontare il problema di quale fosse il regime
applicabile ai prodotti messi in circolazione prima del 1998. Al riguardo, si è ritenuto che si
dovesse applicare il diritto comune alla luce, però, delle disposizioni contenute nella direttiva
comunitaria stessa. Così, per esempio, in un caso relativo a danni provocati da un televisore,
l''acquirente agiva contro il fornitore sulla base della violazione da parte di quest''ultimo ''de
l''obligation de sécurité'. La Corte di Cassazione francese (Cass. civ., 7 mai 2007, n. 05-10.234 et
05-17.947, in RDC, 2007, 1147; in Resp. civ. et assur., 2007, 219) ha ritenuto, che l''art. 1147 del
Code Civil dovesse essere interpretato alla luce della direttiva comunitaria 85/379 e conseguente 102 anche come, il legislatore francese, anziché prevedere - come avevano fatto la maggior parte degli altri Paesi europei - una legge speciale, è intervenuto direttamente nel corpo del Code Civil, introducendo ex novo nel III° libro il titre IV bis, composto dagli artt. 1386-1 fino agli artt. 1386-18, rubricati, «De la responsabilité du fait des produits defectueux» 21. Al di là di questo specifico dato formale, si vuole in primo luogo, scendere ad un esame dettagliato del provvedimento citato, individuando il campo di applicazione (quindi i soggetti interessati, l''oggetto della legge, il tempo utile per agire al fine di ottenere il risarcimento del danno) e, successivamente, il regime di responsabilità introdotto dalla legge stessa 22. Per quanto concerne, in particolare i soggetti interessati, la legge in esame non opera alcuna distinzione tra acquirente e terzo, atteso che in tale provvedimento non viene conservata la separazione tra responsabilità contrattuale e extracontrattuale; infatti, l''art. 1386-1 specifica che ''Le producteur est
ha affermato che il danneggiato non poteva agire contro il fornitore del prodotto qualora il
produttore fosse identificato. In tale ottica, si è ritenuto che l''interpretazione del diritto comune
alla luce della direttiva, abbia attribuito alla legge del 1998 una portata quasi retroattiva (Bacache,
«La loi n° 98-389 du 19 mai 1998, 10 ans après», Responsabilité civile et assurance, n° 6, juin
2008, étude 7). Tuttavia, la giurisprudenza francese, ha specificato che, sempre per quanto
concerne i prodotti messi in circolazione precedentemente all''approvazione della legge di
attuazione delle direttiva comunitaria, non trova applicazione la causa si esclusione della
responsabilità del produttore per rischio da sviluppo. Infatti, il fatto che su questo specifico punto
il legislatore comunitario lascia liberi gli Stati membri di introdurre la suddetta clausola
esonerativa della responsabilità, impedisce di applicare tale disposizione ai prodotti messi in
circolazione prima della legge francese di attuazione .
21 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la responsabilité du fait
des produits défecteux», cit., 148. '' L''application en France de la directive sur la responsabilité du
fait des produits défectueux après l''adoption de la loi n° 98-389 du 19 mai 1998; JCP G, 1998, I,
148; Larroumet, «La responsabilité du fait des produits défectueux après la loi du 19 mai 1998»,
Dalloz, 1998, chronique 311; Lambert, «La loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait
des produits défectueux», PUAM, 2000; Pugnet, «La réglementation de la sécurité des produits: un
risque pour l'entreprise», cit.
22 In argomento, v. Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985
relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; Larroumet, «La
responsabilité du fait des produits défectueux après la loi du 19 mai 1998», cit., 311; Lambert, «La
loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.; Borghetti,
«Les responsabilités du fait des produits défectueux», cit.; Jourdain, «Une loi pour rien' (à propos
de la loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux)»,
Responsabilité civile et assurance, 1998, chr. n°16. 103 responsable du dommage causé par un défaut de son produit, qu''il soit ou non lié par un contract avec la victime' 23. Per quanto riguarda, invece, i soggetti responsabili, questi, secondo la legge francese 98-389, sono in linea di principio i produttori. In particolare, ai sensi dell''art. 1386-6, per produttore si deve intendere ''losrqu''il agit à titre professionell, le fabricant d''un produit fini, le producteur d''une matière primière et le fabricant d''une partie composante'. Rientrano all''interno della suddetta categoria anche gli enti finalizzati al prelievo di elementi o di prodotti del corpo umano per metterli a disposizione degli utilizzatori, come, per esempio, i centri di trasfusione sanguigna, le banche del seme, i servizi ospedalieri che prelevano organi per i trapianti, o i gameti per la procreazione assistita. Sono esclusi da tale categoria i costruttori ed i venditori d''immobili, la cui responsabilità viene ricondotta alle generali previsioni degli artt. 1792 ss e 1646-1 del Code Civi 24. Ai sensi dell''art. 1386-8, poi, nell''ipotesi in cui il danno sia causato dal difetto di un prodotto che è stato incorporato ad un altro, il produttore della parte composta e colui che ha realizzato l''incorporazione stessa sono solidalmente responsabili 25. Oltre ai produttori, vi sono anche altri soggetti assimilati ad essi '' e che, pertanto, rispondono secondo la legge in esame - come, per esempio, coloro che pongono il proprio marchio o il proprio segno distintivo, oppure ancora le persone che importano un prodotto nella Comunità europea per venderlo. L''art. 1386-7 sancisce, infatti che, ''Est assimilée à un producteur pour l''application du présent titre toute personne agissant à titre professionnel: 1 Qui se présent comme 23 Tuttavia, nonostante l''unificazione dei due diversi regimi di responsabilità, al fine di
determinare il tribunale competente e la legge applicabile, rimane la necessità di stabile nel caso
concreto di quale tipo di responsabilità si tratti. Infatti, qualora il rapporti tra le parti siano regolati
da un contratto, troverà applicazione la legge del Paese in cui il contratto è stato perfezionato;
nell''ipotesi in cui, invece, occorre applicare la responsabilità extracontrattuale, si applicherà la
legge del Paese in cui si è verificato il danno Conv. La Haye del 2 ottobre 1973.
24 Atteso che, poi, può essere considerato responsabile anche il produttore di una componente del
prodotto finito, può accadere che diversi produttori possono essere corresponsabili e, quindi tenuti
in solido al risarcimento, con eventuale diritto di regresso verso gli altri.
25 Sulla base del suddetto articolo, dunque, la giurisprudenza francese, in un caso relativo a
prodotti alimentari, ha ritenuto solidalmente risposabili, ai sensi degli artt. 1386-1 e seguenti, il
produttore del latte contaminato e la società che aveva utilizzato tale prodotto difettoso al fine di
produrre e commercializzare un determinato formaggio (reblochons) e ciò anche se, in realtà, nel
caso di specie doveva essere esclusa la stessa nozione di incorporazione dato che il prodotto finale
(ossia il formaggio) era stato ottenuto tramite un processo di trattamento del latte e non con
l''incorporazione stessa (Cour d''appel Chambéry, 27 october 2009, De Jure). 104 producteur en apposant sur le produit son nom. Sa marque ou un autre signe distinctif ; 2 Qui importe un produit dans la Communauté européenne en vue d''une vente, d''une location, avec ou sans promesse de ventre, ou de toute autre forme de distribution» 26. Per quanto concerne il fornitore, mentre la direttiva escludeva la responsabilità di quest''ultimo nelle ipotesi in cui fosse individuato il produttore, inizialmente, secondo la legge francese 98-389 egli era sempre responsabile nei confronti della vittima, fermo restando l''azione di regresso nei confronti del danneggiante 27. Tale disposizione normativa, come precedentemente osservato, è stata oggetto di una pronuncia della Corte di giustizia del 25 aprile 2002, con la quale gli stessi giudici lussemburghesi hanno affermato che, la Francia, riconoscendo che il distributore di un prodotto difettoso era responsabile in ogni caso e allo stesso titolo del produttore, era venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza della suddetta direttiva 28. A causa della mancata esecuzione della pronuncia 26 Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la responsabilité du fait des
produits défecteux», cit., 148; Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet
1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291;
27 L''art. 1386-7, disponeva, infatti, che ''Le vendeur, le loueur, à l''exception du crédit-bailleur ou
du loueur assimilable au crédit ''bailleur, ou tout autre fournisseur professionnel est responsable
du défaut de sécurité du produit dans les mêmes conditions que le producteur. Le recours du
fournisseur contre le producteur obétit aux mêmes règles que le demande émanant de la victime
directe du défaut. Toutefois, il doit agir dans le année suivant la date de sa citation en justice»). In
altre parole, se la categoria dei produttori secondo il legislatore comunitario includeva sia i
fabbricanti di prodotti finiti che gli importatori professionisti, ai sensi nella legge francese attuativa
del testo comunitario stesso all'interno di tale categoria rientrano anche tutti i soggetti professionali
collocati lungo la catena distributiva. L'ampliamento - rispetto al sistema introdotto dal legislatore
comunitario - dei soggetti responsabili nei confronti del consumatore, si poneva in linea con le
decisioni della giurisprudenza francese maggiormente legata alla tradizione, in virtù delle quali,
per imporre all''operatore economico un'obbligazione di risultato - che consisteva nel rispettare
tutte le regole di sicurezza sia nella fase della fabbricazione che in quella della
commercializzazione del prodotto - era sufficiente che il medesimo avesse una veste professionale.
Il legislatore francese, seppur aveva ampliato la categoria dei soggetti responsabili '' offendo, in tal
modo, ai consumatori un elevato grado di tutela, tuttavia, aveva disposto - in conformità alla
direttiva comunitaria - che il soggetto definitivamente responsabile era il fabbricante del prodotto
finito. Ecco, dunque, che, proprio al fine di raggiungere tale finalità '' ossia punire il fabbricate del
prodotto finito - aveva previsto specifici strumenti di rivalsa azionabili '' si badi bene, entro il
breve termine di un anno - dai soggetti collocati a metà della catena distributiva.
28 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, cit. In argomento, v. Arbour, Corte di giustizia e
protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione della Direttiva CEE/374/85, cit, 374;
Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della responsabilità
del produttore, cit., 720; Palmieri-Pardolesi, Difetti del prodotto e del diritto privato europeo, cit.,
294; Bastianon, Responsabiltà del produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il 105 richiamata, successivamente, la Corte di giustizia è nuovamente intervenuta, condannando la Repubblica francese, a pagare un''indennità di mora per ogni giorno di ritardo nell''esecuzione della citata sentenza, in quanto la Francia, nonostante le pronunce della Corte di giustizia del 2002, aveva continuato a considerare il fornitore del prodotto difettoso responsabile allo stesso titolo del produttore 29, anche quando il fornitore stesso avesse indicato al danneggiato, entro un termine ragionevole, l''identità di colui che gli aveva fornito il prodotto 30. La Francia, che ha dovuto pagare una indennità di mora per un importo complessivo di 795 600 euro, si è attualmente interamente conformata alla sentenza della Corte di giustizia del 2002 31 (attualmente, infatti, l''art. 1386-7, sancisce che ''de sécurité du produit, dans les mêmes conditions que le producteur, à moins qu'il ne désigne son propre fournisseur ou le producteur, dans un délai de trois mois à compter de la date à laquelle la demande de la
consumatore', cit., 979; Lenoci, Luci ed ombre della normativa europea in materia di
responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 134
29 In realtà, successivamente alla pronunce della Corte di giustizia del 2002, il legislatore francese
era intervenuto con la legge del 9 dicembre 2004, n. 1343, adempiendo parzialmente all''obbligo di
adeguare la normativa interna alla direttiva comunitaria. Tuttavia, atteso che, appunto, la Francia
aveva continuato ad essere inadempiente sotto i profili che non erano stati modificati dalla legge
del 2004/1343, la Corte di giustizia (14 marzo 2006, C-177/2004) è intervenuta nuovamente
affermando che, la Repubblica francese, avendo continuato a considerare il fornitore del prodotto
difettoso responsabile allo stesso titolo del produttore, qualora quest'ultimo non possa essere
identificato, anche quando il fornitore abbia indicato al danneggiato, entro un termine ragionevole,
l'identità di colui che gli ha fornito il prodotto, non ha adottato i provvedimenti necessari per dare
completa esecuzione alla sentenza 25 aprile 2002, causa C-52/00, Commissione/Francia, per
quanto riguarda la trasposizione dell'art. 3, n. 3, della direttiva del Consiglio 25 luglio 1985,
85/374/CEE, relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e
amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, così
venendo meno agli obblighi ad essa imposti dall'art. 228 CE. Conseguentemente, la Repubblica
francese è stata condannata a pagare alla Commissione delle Comunità europee, sul conto ''Risorse
proprie della Comunità europea', una penalità di Euro 31 650 per giorno di ritardo nell'attuazione
dei provvedimenti necessari per garantire la piena ed intera esecuzione della citata sentenza 25
aprile 2002, Commissione/Francia, a decorrere dalla pronuncia della suddetta sentenza e fino alla
completa esecuzione della detta sentenza 25 aprile 2002.
30 Proprio con riferimento alla problematica concernente la responsabilità del fornitore, la
giurisprudenza francese è di recente intervenuta in un caso relativo a prodotti alimentari difettosi, e
ha ritenuto che, il danneggiato non può agire contro il fornitore o il grossista bensì contro il
produttore qualora questo sia conosciuto (nel caso di specie si trattava di una partita di uova
contaminate che il fornitore e il grossista avevano rivenduto nei cartoni d''imballaggio di origine,
senza manipolarle; pertanto, la Corte d''appello di Parigi ha affermato che, in tal caso, risponde del
danno solamente il produttore qualora quest''ultimo sia individuato) (Cour d''appel Paris, 14 mai
2008, in De Jure).
31 Relazione della Commissione al Parlamento, al Consiglio e al Comitato economico e sociale
europeo del COM (2011), 547, in www.eur-lex.europa.eu. 106 victime lui a été notifiée. Le recours du fournisseur contre le producteur obéit aux mêmes règles que la demande émanant de la victime directe du défaut. Toutefois, il doit agir dans l'année suivant la date de sa citation en justice») 32. Considerati, dunque, i soggetti interessati dalla legge 98-389, occorre accertare le limitazioni attinenti specificamente all''oggetto della stessa, ossia al prodotto che abbia causato un danno. Con particolare riferimento alla nozione di prodotto, la legge riprende la definizione data dal testo comunitario, ricomprendendo in tale categoria anche i prodotti del suolo, dell''allevamento, della caccia e della pesca 33. Con particolare riferimento alla nozione di prodotti, l''unica questione problematica riguarda i beni immobili. Infatti, nell''ipotesi in cui quest''ultimi vengano ritenuti - solamente anche nel corso del periodo di costruzione - come insieme di beni mobili, si determinerebbe un cumulo di responsabilità non ammissibile, all''interno delle quali si dovrebbe fare una scelta, tenuto conto soprattutto del fatto che la disciplina dei vizi dei beni immobili (prevista dagli artt. 1792 e ss. c.c.) viene considerata di ordine pubblico. Per risolvere tale problematica, il legislatore non poteva escludere dalla nozione di prodotto i beni mobili incorporati '' in quanto, in tal modo procedendo, avrebbe violato la direttiva comunitaria '' e, pertanto, ha scelto di escludere i costruttori di beni immobili dalla nozione di produttori (art. 1386-6) 34. Per quanto concerne la categoria di prodotto, particolarmente interessante risulta essere il fatto che, il legislatore francese includa all''interno nella nozione di prodotto anche ''gli elementi del corpo umano o i prodotti da esso creati'; l'' art. 1386-12, comma 1, dispone, difatti, che ''Le productuer ne peut invoquer la cause 32 L''art. 1386-7 è stato modificato dalla legge del 5 aprile 2006, n. 406 (art. 2, I).
33 Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985 relative à la
responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; Larroumet, «La responsabilité du fait des
produits défectueux après la loi du 19 mai 1998», cit., 311; Lambert, «La loi du 19 mai 1998
relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.; Borghetti, «Les responsabilités
du fait des produits défectueux», cit. inizialmente, una delle opzioni consentite ai legislatori
nazionali dalla direttiva era quella di cui all''art. 15 lett. a) concernente l''estensione dell''ambito di
applicazione della direttiva ai prodotti agricoli, del suolo, dell''allevamento, della pesca e della
caccia. La suddetta discrezionalità, tuttavia, è venuta meno successivamente alla direttiva
1999/34/Ce.
34 L''unica eccezione '' che deriva, peraltro, da una distinzione presente in una legge in tema di
costruzione immobiliare del 1978 '' concerne i subappaltatori, che, non essendo considerati del
costruttori sono soggetti alla legge 98-389. 107 d''exonération prévue au 4° de l''article 1386-11 lorsque le dommage a été causé par un élément du corps humain ou par les produits issus de celui-ci' 35. Posto che, poi, affinché il consumatore possa essere risarcito dei danni derivanti dal prodotto, occorre che quest''ultimo sia difettoso, si pone il problema di individuare quando un prodotto debba considerarsi tale. La legge francese 98- 389, ricalcando la definizione data dal testo comunitario, sancisce che ''Un produit est défectueux 'lorsqui''il n''offre pas la sécurité à laquelle on peut légitimement s''attendre. Dans l''appréciation de la sécurité à laquelle on peut légitimement s''attendre, il doit être tenu compte de toutes légitimement s''attendre, il doit être tenu compte de toutes les circonstances et notamment de la présentation du produit, de l''usage qui peut en être raisonnablement attendu et du moment de sa mise en circulation. Un produit ne peut être considéré comme défectueux par le seul fait qu''un autre, plus perfectionné, a été mis postérieurement en circulation » (art. 1386-4) 36. Il legislatore francese specifica, poi che, il rispetto delle regole dell''arte e delle norme tecniche non esonera il produttore da responsabilità, atteso che «le producteur peut être responsable du défaut alors même que le produit a été fabriqué dans le respect des règles de l''art ou des normes existantes ou qu''il a fait l''objet d''une autorisation administrative» (art. 1386-10), con la conseguenza che, secondo il legislatore francese, un prodotto può essere considerato difettoso anche se conforme alle regole tecniche 37. 35 Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985 relative à la
responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; Lambert, «La loi du 19 mai 1998 relative
à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.
36 Con specifico riferimento ad un caso relativo a prodotti alimentati, di recente, la giurisprudenza
francese, ha affermato che ai fini della prova concerete la difettosità del prodotto (nel casi di specie
si trattava di un''insalata di gamberetti consumata all''interno di un fast food che aveva provocato
una reazione allergica) non è sufficiente provare che in tali alimenti sussista un eccesso di istamine
per dimostrare che detti prodotti sono avariati e ciò anche se, generalmente, i prodotti avariati sono
più ricchi di istamine. In altre parole si è ritenuto che, seppure è vero che i cibi non freschi
contengono una percentuale di istamine più elevata rispetto agli alimenti freschi, il solo fatto che
venga accertata all''interno degli alimenti un alto tasso di istamine, non è di per sé sufficiente al
fine di ritenere provata la difettosità del prodotto, con la conseguenza che, in tal caso, la vittima
non potrà agire ai sensi degli artt. 1386-1 e seguenti del Code civil. (Cour d''appel Paris, 14 mai
2008, in De Jure).
37 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la responsabilité du fait
des produits défecteux», cit., 148; Pugnet, «La réglementation de la sécurité des produits: un
risque pour l'entreprise», cit. 108 Individuato, dunque, quali beni, secondo la legge francese rientrano all''interno della categoria di prodotti e quando un prodotto debba considerarsi difettoso, occorre indagare quali siano i danni rilevanti. Anche con riferimento a questa specifica problematica, la legge francese pare essere più ampia del testo comunitario, atteso che viene considerato risarcibile il danno ''qui résulte d''une atteinte à la personne ou à un bien autre que le produit défectueux lui-même'. Il legislatore francese, non opera, dunque, alcuna distinzione tra danno patrimoniale e danno morale, né tra danno alla persona e danno a cose (ad eccezione del prodotto difettoso medesimo), né si fa riferimento ad un minimo od un massimo di risarcimento, cosa che, peraltro, sembrerebbe coerente con la natura ripristinatoria della responsabilità civile e con la finalità di garantire al danneggiato l''integrale riparazione del danno 38. In altre parole, la legge francese prevede un risarcimento del danno più ampio rispetto a quello contemplato nella direttiva, dato che comprende non solamente il pregiudizio alla persona, ma anche il danno morale e addirittura il danno subito dai beni che servono all''esercizio della professione del danneggiato, escludendo, pertanto, solamente il pregiudizio subito dal prodotto in sé considerato. Tuttavia, anche sotto questo specifico profilo la Repubblica francese, come precedentemente ricordato, è stata condannata dalla Corte di giustizia la quale ha affermato che, la Francia, avendo incluso all''art. 1386-2 c.c., i danni inferiori a 500 Euro era venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza della suddetta direttiva; secondo gli stessi giudici lussemburghesi, infatti, la previsione a livello comunitario di una franchigia di 500 Euro per quanto concerne la determinazione dei danni risarcibili, non rappresenta un''inammissibile restrizione del diritto alla difesa, ma costituisce solamente la conseguenza di una decisione presa dal legislatore comunitario e finalizzata ad evitare il proliferare di un numero eccessivo di controversie concernenti danni di lieve entità, all''interno di un complesso procedimento di valutazione comparativa dei contrapposti interessi tra 38 Jourdain, «Une loi pour rien' (à propos de la loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du
fait des produits défectueux)», cit.; Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25
juillet 1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; Larroumet, «La
responsabilité du fait des produits défectueux après la loi du 19 mai 1998», cit., 311; Lambert, «La
loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit.; Borghetti,
«Les responsabilités du fait des produits défectueux», cit.; Iannuccelli, La legge francese sulla
responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della
responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263. 109 cui si ricordano, la tutela di una concorrenza non falsata, la facilitazione degli scambi commerciali tra Stati membri, la tutela del consumatore e la salvaguardia della buona amministrazione della giustizia 39. Ecco dunque che, successivamente, l''art. 29 della legge del 9 dicembre 2004, n. 1343 è andato a modificare l''art. 1386-2, il quale, attualmente, stabilisce che le disposizioni di attuazione della direttiva si applicano ''à la réparation du dammage supérieur à un montant déterminé par décret, qui résulte d''une atteinte à un bien autre que le produit défectueux lui-même'; in tal modo si è inserito nella disciplina francese la previsione di un ''montant' in modo da escludere il risarcimento per i danni d''importo inferiore a quello fissato con apposito decreto. Infine, per quanto concerne il tempo utile per far valere i diritti del danneggiato da un prodotto difettoso, la legge 98-389 stabilisce sia il momento iniziale che la durata. Il primo è la mise en circulation del prodotto, che ha luogo ''lorsque le producteur s''en est dessaisi volontairement'. Ecco dunque che, ponendo l''attenzione sul termine volontairement, è dato rilevare che, per esempio, non si ha messa in circolazione del prodotto qualora il bene sia stato rubato, così come non possono essere considerati prodotti i rifiuti e gli scarti. Analogamente, il termine ''dessaisi' indica che '' sempre ai fini della determinazione della messa in circolazione del prodotto '' non serve un vero e proprio passaggio di proprietà o di possesso, essendo, invece, sufficiente la cessione della detenzione della cosa. Inoltre, la circostanza per cui non può esservi più di una messa in circolazione, risulta utile al fine di chiarire che durante lo svolgimento della catena distributiva, le successive cessioni della detenzione della cosa non determinano un''interruzione del termine di prescrizione del diritto ad agire, conseguenza che potrebbe comportare alcuni problemi, come, per esempio, nell''ipotesi in cui un componente venga messo in circolazione prima del prodotto finito 40. 39 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, cit. In argomento, v. Arbour, Corte di giustizia e
protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione della Direttiva CEE/374/85, cit, 374;
Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della responsabilità
del produttore, cit., 720; Palmieri-Pardolesi, Difetti del prodotto e del diritto privato europeo, cit.,
294; Bastianon, Responsabiltà del produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il
consumatore', cit., 979; Lenoci, Luci ed ombre della normativa europea in materia di
responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 134.
40 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Ghestin, Le nouveau
titre IV bis du livre III du Code civil «De la responsabilité du fait des produits défecteux», cit.,
148. 110 La durata del tempo utile per esperire l''azione contro il produttore è doppiamente determinata, in quanto è previsto non soltanto un termine di decadenza di dieci anni a partire dalla messa in circolazione del prodotto (termine che può essere interrotto solamente con un''azione in giudizio e che non è soggetto a sospensione), bensì anche un termine di prescrizione di tre anni a partire dal momento in cui l''attore avrebbe dovuto conoscere il danno, il difetto e l''identità del produttore (art. 1386-16 e 17). Individuato, dunque, l''ambito di applicazione della legge francese di attuazione della direttiva comunitaria, occorre accertare quale sia, in concreto, il regime di responsabilità introdotto dalla normativa medesima. In particolare, è stato osservato che, pur trattandosi di una responsabilità di tipo oggettivo, essa, tuttavia, non è assoluta bensì, relativa. Ciò significa che se sul danneggiato incombe l''onere di provare il danno, il difetto ed il nesso di causalità, i mezzi di difesa attribuiti al produttore riguardano non tanto l''esclusione della colpa (che non rileva, trattandosi, appunto, di responsabilità oggettiva), quanto piuttosto la prova della sussistenza delle specifiche cause di esclusione di tale responsabilità (art. 1386-11). Inoltre, atteso che, come precedentemente ricordato l''art. 1386-10 sancisce che il produttore non va esente da responsabilità anche qualora provi di avere rispettato le regole dell''arte e le norme tecniche, è stato affermato che la legge 98-389 non ha introdotto una responsabilità per colpa presunta, bensì una vera e propria ipotesi di responsabilità oggettiva, che prescinde dalla prova della colpevolezza del produttore 41. Per quanto riguarda, invece, le clausole esonerative della responsabilità del produttore, l''art. 1386-11, ricalcando l''art. 7 del testo comunitario, stabilisce che ''Le producteur est responsable de plein droit à moins qu''il ne prouve: 1° Qu''il n''avait pas mis le produit en circulation; 2° Que, compte tenu des circumstances, il y a lieu d''estimer que le défaut ayant causé le dommage n''existait pas au moment où le produit a été mis en circulation par lui ou que ce défaut est né postérieurement ; 3° Que le produit n''a pas été destiné à la vente ou a toute autre forme de distribution ; 4° Que l''état des connaissance scientifiques et techniques, 41 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la responsabilité du fait
des produits défecteux», cit., 148; Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25
juillet 1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291. 111 au moment où il a mis le produit en circulation, n''a pas permis de déceler l''existence du défaut ; 5° Ou que le défaut est d' à la conformité du produit avec des règles impératives d''ordre législatif ou réglementaire » 42. Tuttavia, anche per quanto concerne le cause di esclusione della responsabilità del produttore, la Corte di giustizia è intervenuta affermando che, la Repubblica francese, avendo previsto all''art. 1386-12 comma 2 del suddetto codice che il produttore debba provare di avere adottato le norme atte a prevenire le conseguenze di un prodotto difettoso al fine di poter avvalersi delle cause di esonero previste dall''art. 7 lett. d) ed e) 43 della direttiva44, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza della suddetta direttiva. In particolare, veniva contestato che, per quanto concerne le cause di esonero della responsabilità previste dall'art. 7, lett. d) e e) della direttiva, la normativa francese di recepimento subordina l'operatività di tali cause al rispetto da parte del produttore di un obbligo di controllo del prodotto, in quanto l''art. 1386-12 precisa che il produttore non può invocare dette clausole di esonero se, in presenza di un difetto emerso entro dieci anni dall'immissione in circolazione del prodotto, non ha adottato le disposizioni idonee a prevenirne le conseguenze dannose 45 . Ecco, 42 In altre parole, tale disposizione si riferisce alla mancata messa in circolazione del prodotto, al
fatto che il difetto non sussisteva nel momento in cui il prodotto era stato messo in circolazione,
oppure che esso sia sorto successivamente ed, infine, al fatto che il prodotto non fosse stato posto
in corcolazione per la vendita o per qualunque altra forma di distribuzione. Per quanto concerne il
caso fortuito e la forza maggiore, entrambe le ipotesi interrompono il nesso di causalità con la
conseguenza che anche in tal caso il produttore va esente da responsabilità. In argomento, v.
Larroumet, «La responsabilité du fait des produits défectueux après la loi du 19 mai 1998», cit.,
311; Lambert, «La loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux»,
cit.; Borghetti, «Les responsabilités du fait des produits défectueux», cit.; Iannuccelli, La legge
francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea
della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263.
43 In particolare, l''art. 7 lett. d) esonera il produttore da responsabilità qualora il difetto è dovuto
da regole imperative emanate dai pubblici poteri, mentre, invece, l''art. 7 lett. e) esclude la
responsabilità del produttore qualora lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti al
momento in cui ha messo in circolazione il prodotto non permetteva di scoprire l''esistenza del
difetto.
44 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C- 52/00, cit. In argomento, Arbour, Corte di giustizia e
protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione della Direttiva CEE/374/85, cit, 374;
Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del consumatore: il caso della responsabilità
del produttore, cit., 720; Palmieri-Pardolesi, Difetti del prodotto e del diritto privato europeo, cit.,
294; Bastianon, Responsabiltà del produttore per prodotti difettosi: quale tutela per il
consumatore', cit., 979; Lenoci, Luci ed ombre della normativa europea in materia di
responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 134.
45 Tali misure si riferiscono, in particolare, agli avvisi al pubblico, ai richiami dei prodotti e al
loro ritiro dal mercato, evidenziando come il legislatore francese si sia palesemente ispirato all''art. 112 dunque, che, il giudice comunitario, intervenendo sul punto, ha affermato come la possibilità offerta agli Stati membri di escludere l'operatività dell'esonero della responsabilità in caso di rischi da sviluppo deve essere interpretato restrittivamente, nel senso che agli Stati membri è concessa soltanto la possibilità di avvalersi o meno di detta clausola di esonero, e non anche quella di modificare i presupposti di applicazione di tale clausola di esclusione della responsabilità del produttore. Per quanto concerne, poi, la causa di esclusione della responsabilità relativa al c.d. rischio da sviluppo, pare opportuno in questa sede, operare alcune precisazioni. In particolare, occorre ricordare come da un punto di vista prettamente giuridico, avendo la direttiva comunitaria voluto introdurre una responsabilità di tipo oggettivo, la clausola esonerativa della responsabilità del produttore per rischio da sviluppo '' implicando una valutazione del comportamento del produttore un termini di colpa - non avrebbe dovuto essere introdotta. D''altra parte, dal punto di vista, invece, strettamente economico, una soluzione diversa da quella adottata dagli altri Stati membri avrebbe inevitabilmente pregiudicato gli interessi delle imprese francesi rispetto a quelle straniere le quali avrebbero potuto andare esenti da responsabilità ricorrendo alla suddetta disciplina; infatti, premesso che, come visto, la direttiva comunitaria aveva lasciato liberi gli Stati membri di recepire o meno la clausola di esonero per rischio da sviluppo, durante i dibattiti parlamentati che hanno preceduto la legge 98-389, coloro che difendevano gli interessi dell''imprese francesi, rilevavano che, qualora non si avesse escluso la responsabilità del produttore per rischio da sviluppo, tale circostanza avrebbe sfavorito l''industria nazionale rispetto a quella di altri Paesi, come per esempio, la Germania che, invece, aveva accolto la suddetta clausola; la differente disciplina avrebbe inevitabilmente falsato la concorrenza, disincentivando l''innovazione e la sopravvivenza della tecnologia più all''avanguardia 46.
3 della direttiva sulla sicurezza generale dei prodotti del 29 giugno 1992. In argomento, v. Mazzo,
La responsabilità del produttore agricolo, cit., 93.
46 Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato
vero allineamento', cit., 263; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la
responsabilité du fait des produits défecteux», cit., 148; Viney, «L''introduction en droit français de
la directive du 25 juillet 1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; 113 Proprio per queste ragioni il legislatore francese ha preferito recepire la causa di esclusione da responsabilità del produttore per rischio da sviluppo, tuttavia, memore della vicenda del sangue contaminato che aveva coinvolto la Francia negli anni'' 90 47, ha escluso dall''ambito di applicazione di tale clausola esonerativa, ''élément du corps humain ou par les produits issus de celui-ci' (art. 1386-12)' 48. Tuttavia, nell''ordinamento francese '' a differenza, per esempio, del sistema spagnolo '' possono appellarsi alla causa di esclusione da responsabilità per rischio da sviluppo i produttori di farmaci e alimenti. 1.3. L''accentuta tutela del consumatore Dal punto di vista applicativo, si può notare che, inizialmente, anche in Francia sussisteva una forte perplessità sulla reale portata applicativa della normative in questione 49 , atteso che i profili più innovativi della disciplina introdotta con l''attuazione della direttiva comunitaria erano incompatibili con la tradizione giuridica del sistema francese, da sempre attenta a proteggere e tutelare la categoria dei consumatori.
Larroumet, «La responsabilité du fait des produits défectueux après la loi du 19 mai 1998», cit.,
311; Lambert, «La loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux»,
cit.; Borghetti, «Les responsabilités du fait des produits défectueux», cit.; Iannuccelli, La legge
francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea
della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 263 ; Jourdain, «Une
loi pour rien' (à propos de la loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits
défectueux)», cit.
47 L''opinione pubblica francese è stata scossa negli anni''90 dalla vicenda del ''sangue
contaminato', tale per cui alcune persone che si erano dovute sottoporre a trasfusione di sangue o
di emoderivati, hanno contratto il virus dell''HIV o dell''epatite. In realtà, tali episodi erano la
conseguenza di un''evidente carenza di controllo e di attenzione nella preparazione e diffusione del
prodotto ed hanno pertanto condotto l''opinione pubblica ad essere restia a riconoscere come causa
di esclusione da responsabilità i c.d. richi da sviluppo. In argomento, v. Cerini, Riflessioni sulla
legge francese in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 594 e Mazzo, La
responsabilità del produttore agricolo, cit., 91.
48 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit. 263. E'' interessante notare, poi, come la stessa deroga non è stata accolta con riferimento ai
prodotti farmaceutici, pur essendo stata proposta sulla base della legge speciale tedesca riguardante
tali prodotti. In argomento, v. Huet, Le paradoxe des médicaments et le risques de développement,
in L''attuazione della direttiva comunitaria sulla responsabilità del produttore, a cura di Cossu,
Padova, 1990; Viney e Jourdain, Les conditions de la responsabilité, Paris, 2006. 49 Jourdain, «Une loi pour rien' (à propos de la loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du
fait des produits défectueux)», cit.; Bacache, «La loi n° 98-389 du 19 mai 1998, 10 ans après», cit. 114 Questi ultimi, in un primo momento, lamentavano, infatti, la difficoltà pratica di ottenere il risarcimento atteso che, anche se di fatto era stato notevolmente ampliata la categoria dei soggetti responsabili a cui poteva essere richieste di risarcimento dei danni - in quanto nel sistema francese inizialmente finiva per coinvolgere praticamente l'intera catena distributiva - la scelta dei rimedi giuridici risultava essere assai complessa e non accessibile per coloro che non possedevano un ricco bagaglio di conoscenze legali 50. Inoltre, sempre dal punto di vista dei consumatori, l'introduzione della nuova disciplina finiva di fatto per limitare la protezione giuridica riconosciuta ai consumatori stessi in tema di circolazione dei prodotti difettosi; per esempio, l''accoglimento dell''esimente del rischio da sviluppo sembrava, in un certo senso, delimitare la funzione innovativa della disciplina introdotta in attuazione del testo comunitario, in quanto introducendo tale clausola di esclusione della responsabilità si finiva di fatto per attribuire ai produttori di beni (e agli altri soggetti assimilabili al produttore stesso) una c.d. escamotage che precedentemente non era, invece, concesso. Sempre dal punto di vista dei consumatori veniva evidenziato anche come, successivamente all'introduzione della nuova legge, fosse rimasta sostanzialmente invariata, rispetto al passato, la difficoltà connesse all'onere probatorio. Infatti, mentre secondo i rimedi tradizionali il consumatore aveva l'onere di provare la condotta colposa del produttore - e quindi doveva indagare le scelte tecniche alla base della fabbricazione del prodotto che aveva causato il danno '' ai sensi della nuova normativa veniva attribuito allo stesso l''onere di provare l'esistenza di un difetto del prodotto e, quindi, la mancanza di sicurezza legittimamente attesa. In tale ottica, si riteneva che, così procedendo, di fatto la nuova disciplina si differenziava solamente apparentemente da quella precedente 51 atteso che, per 50 Genès, Observations des consummateurs sur la directive européenne, Securité des
consummateurs et responsabilité du fait des produits defecteux.
51 Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato
vero allineamento', cit., 263; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la
responsabilité du fait des produits défecteux», cit., 148; Viney, «L''introduction en droit français de
la directive du 25 juillet 1985 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291;
Larroumet, «La responsabilité du fait des produits défectueux après la loi du 19 mai 1998», cit.,
311; Lambert, «La loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits défectueux»,
cit.; Borghetti, «Les responsabilités du fait des produits défectueux», cit.; Jourdain, «Une loi pour
rien' (à propos de la loi du 19 mai 1998 relative à la responsabilité du fait des produits
défectueux)», cit. 115 fornire la prova concernente la difettosità del prodotto, era comunque necessario possedere il medesimo bagaglio di conoscenze tecniche e scientifiche 52. Se, dunque, come sopra detto in Francia la legge di attuazione delle direttiva non aveva in un primo momento riscosso un gran successo, occorre constatare che, attualmente, invece, sembra che tale normativa sia oggetto di maggiore considerazione 53. Infatti, seppure il consumatore che subisce un danno a causa di un prodotto difettoso può comunque agire ai sensi della disciplina contrattuale (art. 1147 e 1641 del Code Civil) o extracontrattuale (art. 1382 del Code Civil sempre che il danneggiato riesca a provare la colpa del produttore), pare che i ricorsi dei consumatori basati sulla direttiva siano negli ultimi anni aumentati 54. Occorre comunque considerare che, nonostante le considerazioni critiche che possono essere mosse nei confronti della legge francese del 1998 n. 389 55 - il legislatore francese nell'attuare la direttiva comunitaria ha dimostrato, comunque sempre, la sua chiara intenzione di voler applicare il testo comunitario in maniera (per quanto possibile) più favorevole alle ragioni del consumatori 56. 52 Viney, «L''introduction en droit français de la directive du 25 juillet 1985 relative à la
responsabilité du fait des produits défectueux», cit., 291; Iannuccelli, La legge francese sulla
responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea della
responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., il quale osserva come, per
quanto concerne la concreta difficoltà di ottenere tempestivamente la riparazione dei danni subiti,
il frequente utilizzo da parte delle imprese '' e soprattutto quelle di dimensioni rilevanti '' di
escamotage giuridici (si pensi, per esempio, la costituzione di schermi societari e l'intestazione
fiduciaria soggetti inservibili) contribuiva a rendere inutile la disposizione in esame.
53 Querci, Responsabilità da prodotto negli USA e in Europa. Le ragioni di un revirement
globale, cit., la quale sottolinea come tutta l''Europa sembra diretta ad attribuire maggiore
importanza alla direttiva.
54 Cour d''appeal Rouen, 17 marz 2011, in Juis Data; Cour d''appeal de Paris, 16 marz 2011; Cour
d''appeal de Paris, 14 Mai 2008, in Juris data; Cour de Cassation, 22 mai 2008, in Juris data
55 La dottrina francese ritiene, infatti, che la direttiva non vada a migliorare la condizione dei
consumatori. In argomento, v. Borghetti, Thése La responsabilità du fait des produits, 'tude de
droit comparé, Paris, I, 2004; Pugnet, «La réglementation de la sécurité des produits: un risque
pour l'entreprise», cit.
56 Si pensi soltanto che, inizialmente, proprio per tutelate gli interessi dei consumatori, il
legislatore francese non aveva incluso, all''art. 1386-2 c.c., i danni inferiori a 500 Euro, aveva
ritenuto, all''art. 1387-7 comma 1 del suddetto codice che il distributore di un prodotto difettoso sia
responsabile in ogni caso e allo stesso titolo del produttore, e aveva previsto, all''art. 1386-12
comma 2 del suddetto codice che il produttore doveva provare di avere adottato le norme atte a
prevenire le conseguenze di un prodotto difettoso al fine di poter avvalersi delle cause di esonero
previste dall''art. 7 lett. d) ed e) della direttiva. Tuttavia, come più volte ricordato, a causa di tali
disposizioni normative, è intervenuta la Corte di giustizia con la sentenza C-52/00, cit. In
argomento, Arbour, Corte di giustizia e protezione delle tradizioni giuridiche nell''interpretazione
della Direttiva CEE/374/85, cit, 374; Ponzanelli, Armonizzazione del diritto v. protezione del 116 Nella legge di attuazione della direttiva comunitaria, sussistono, infatti, ancora delle disposizioni che, di fatto, testimoniano l''evidente favor legislativo verso la categoria dei consumatori stessi. Si pensi, per esempio, come, per quanto concerne la diposizione relativa all'onere probatorio previsto a carico del danneggiato, l'ordinamento transalpino ha voluto introdurre '' proprio al fine di proteggere il consumatore - una presunzione di anteriorità del difetto, rispetto all'immissione del prodotto sul mercato; tale presunzione risulta, infatti, indirettamente dall'art. 1386-11, comma 2 il quale dispone che il produttore, ai fini di liberarsi dall'obbligo di risarcimento dei danni provocati dalla difettosità dei prodotti, provi l'inesistenza del difetto al momento della messa circolazione del bene 57. Sempre in linea con tale atteggiamento '' diretto, appunto, a proteggere la posizione del consumatore medesimo '' si pone, poi, art. 1386-10 del Code Civil, il quale, come visto, dispone che il rispetto delle regole dell''arte e delle norme tecniche non esonera il produttore da responsabilità, con la conseguenza che, secondo il legislatore francese, un prodotto può essere considerato difettoso anche se conforme alle regole tecniche. Non solo il legislatore, bensì anche la stessa giurisprudenza francese sembra muoversi in tale direzione tanto che, si è ripetutamente affermato come, sia la prova del difetto del prodotto stesso sia quella relativa al nesso causale esistente tra l''utilizzo di un prodotto ed il verificarsi dell''evento lesivo, possono essere date per presunzioni 58 , sempre che gravi, precise e concordanti 59 . In
consumatore: il caso della responsabilità del produttore, cit., 720; Palmieri-Pardolesi, Difetti del
prodotto e del diritto privato europeo, cit., 294; Bastianon, Responsabiltà del produttore per
prodotti difettosi: quale tutela per il consumatore', cit., 979; Lenoci, Luci ed ombre della
normativa europea in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, cit., 134.
Attualmente, la legge 9 dicembre 2004, n. 1343 ha modificato gli artt. 1386-2, 1386-7, 1386-12.
57 In particolare, atteso che, il concetto di messa in circolazione del prodotto viene ripetutamente
utilizzato come punto di riferimento temporale da molte disposizioni normative (per esempio,
quella relativa agli aspetti alla luce dei quali va individuata la difettosità di un prodotto (art.1386-4,
comma due), quella concernente le cause di esonero da responsabilità (dell'art. 1386-11, commi 1,
2 e 4), ed infine quelle nelle quali si dispongono i termini di prescrizione del decadenza (artt.
1386-16-17)), la legge francese ha voluto fornire, all''art. 1385-5, una specifica definizione,
considerata probabilmente superflua dai redattori del testo comunitario. Inoltre l''ordinamento
francese specifica che un prodotto può costituire oggetto di una sola messa in circolazione (l''art.
1386-5, comma 2, dispone, infatti che''Un produit ne fait l''objet que d''une seule mise en
circulation').
58 Ai sensi dell''art. 1353 du Code Civil «Les présomption qui ne sont point établies par la loi,
sont abandonnées aux lumières et à la prudence du magistrat, qui ne doit admettre que des 117 particolare, i giudici francesi, con riferimento alla dimostrazione del difetto di un prodotto medicinale hanno recentemente affermato che, la difettosità di un prodotto de santé deve essere valutata comparando gli effetti benefici che possono derivare dall''utilizzo di tale prodotto con i rischi per la salute che lo stesso può comportare; secondo la giurisprudenza maggioritaria, poi, la difettosità del prodotto può essere presunta sulla base della sussistenza di alcuni elementi di fatto come, per esempio, il fatto che il prodotto venga ritirato dal mercato, le pubblicazioni scientifiche che provano la pericolosità del prodotto stesso nonché le opinioni degli esperti sulla difettosità e pericolosità del prodotto in questione 60. E'' poi, interessate notare come, se secondo l''indirizzo prevalente il fatto stesso che il prodotto possa avere degli effetti indesiderati non può essere di per sé sufficiente per considerare tale bene difettoso 61, tuttavia, il Tribunal de Grande Istance de Naterre 62 abbia ritenuto difettoso un prodotto medicinale (in particolare si trattava di un vaccino contro l''epatite B che aveva causato l''insorgere di una malattia grave, ossia la sclerosi multipla) per il solo fatto che nelle informazioni relative a tale prodotto fosse menzionata la possibilità del verificarsi del possibile effetto dannoso. Come precedentemente rilevato, anche per quanto concerne la prova del nesso di causalità 63, la giurisprudenza francese ritiene possibile tale dimostrazione attraverso il ricorso al sistema delle presunzioni 64. Infatti, anche se recentemente la Corte d''Appello di Parigi 65 ha affermato che, ai fini della prova del nesso causale tra l''utilizzo di un medicinale e il verificarsi dell''evento dannoso, occorre
présomptions graves, précises et concordantes, et dans les cas seulement où la loi admet les
preuves testimoniales, à moins que l''acte ne soit attaqué pour cause de fraude ou de dol».
59 In argomento, v. Bandon '' Tourret, Gorny, «Les conditions de mise en 'uvre de la
responsabilité du fait des produits de santé: actualité 2011», La Semaine Juridique Entreprise et
affaires, n° 43, 27 Octobre 2011, 1764.
60 CA Versailles, 30 janv. 2011, n° 09/08695, inédit.
61 Cass. 24 janv. 2006; Cass. 6 mars 2009 et 19 mars 2009; CA Versailles, 17 mars 2006.
62 TGI Naterre, 4 sept., 2009, inédit.
63 La giurisprudenza francese tende a distinguere tra imputabilità e nesso di causalità. In
particolare, la prima consiste in una condizione preliminare nella dimostrazione che il prodotto
presenti in astratto una propensione a causare il tipo di danno subito dal danneggiato. D. Bandon ''
Tourret, A. Gorny, «Les conditions de mise en 'uvre de la responsabilité du fait des produits de
santé: actualité 2011», cit., 1764.
64 Cass. 22 mai 2008, n. 05-20.217, in Juris data.
65 CA Paris, 29 avr. 2011, n. 08/16047, inédit.; CA Paris, 6 mai 2011, n. 08/03447, inédit.; CA
Paris, 19 juin. 2009, n. 06/13741, inédit. In argomento, v. anche Cass. 25 nov. 2010, n. 09-16.556,
in Juris data; Cass. 28 avr. 2011, n. 10-15.289, inédit. 118 un consenso scientifico, in realtà in tali decisioni si è specificato che, qualora manchi il suddetto consenso, la dimostrazione della sussistenza del nesso causale tra l''utilizzo del prodotto ed il verificarsi dell''evento dannoso, può anche essere data mediante indizi probatori, sempre che non sussista nessuna altra causa che possa aver provocato il danno e ci sia una coincidenza temporale tra l''assunzione del medicamento ed il verificarsi del danno 66. Infine, occorre considerare che, seppure la Francia, anche alla luce anche degli scandali che hanno coinvolto le case farmaceutiche 67, ha sempre manifestato una particolare sensibilità per i danni provocati dal consumo di prodotti medicinali, non sono mancati casi in cui è stata riconosciuta anche la responsabilità nell''ipotesi di danni provocati da beni alimentari 68. In particolare, seppure è vero che rispetto a quest''ultima categoria di prodotti la giurisprudenza francese ha assunto un atteggiamento meno severo nei confronti del produttore rispetto a quello manifestato verso i produttori di beni de santé '' si pensi, per esempio, alla decisione in cui la stessa giurisprudenza, pur riconoscendo che generalmente i cibi avariati contengono un eccesso di istamine, non ha ritenuto sufficiente al fine di provare per presunzioni la difettosità di un prodotto alimentare la mera dimostrazione della presenza all''interno dell''alimento di una quantità di istamine superiore al normale 69 '' è dato rilevare che, anche con riferimento ai prodotti alimentari difettosi la giurisprudenza francese tenda ad offrire un''interpretazione normativa diretta a tutelare per quanto possibile la posizione del consumatore 70. Si pensi, per esempio, alla pronuncia della Cour d''appeal de Chambéry concernete i danni cagionati da un formaggio francese (reblochons) ottenuto tramite la lavorazione di un determinato quantitativo di latte contaminato. In tale sede, infatti, i giudici francesi, pur prendendo atto che nel caso specifico non si potesse parlare di incorporazione (ai sensi dell''art. 1386-8) - dato che il prodotto 66 In alcuni casi la Corte di Cassazione è giunta addirittura a riconoscere la necessità di operare
un''inversione dell''onere della prova (Cass. 24 sept., 2009, n. 08-16.305, in Juris data).
67 Oltre al caso, sopra ricordato, concernente il vaccino contro l''epatite B che aveva causato
l''insorgere di una patologia gravissima, ossia la sclerosi multipla, si pensi anche allo scandalo
mediatico che ha coinvolto il farmaco Mediator (cd. la ''pillola anti fame') di proprietà della casa
farmaceutica Servier. Sul punto, v. www.archiviostorico.corriere.it/2011/gennaio.
68 Cour d''appel Paris, 14 Mai 2008, cit.;
69 Cour d''appel Paris, 14 Mai 2008, cit.; Cour d''appel Chambéry, 27 october 2009, cit.
70 Cour d''appel Chambéry, 27 october 2009, cit. 119 finale (ossia il formaggio) era stato ottenuto tramite un processo di trattamento del latte e non attraverso l''incorporazione stessa'' ha ritenuto solidalmente risposabili, ai sensi degli artt. 1386-1 e seguenti, sia il produttore del latte contaminato sia la società che aveva utilizzato tale prodotto al fine di produrre e commercializzare il formaggio in questione, in quanto, è stato ritenuto che le particolari modalità con cui il latte è stato raccolto e inserito all''interno di grandi cisterne comportava un elevato rischio di contaminazione di un rilevante quantitativo di prodotto. In tal modo procedendo, dunque, i giudici francesi, in tale occosione, '' proprio nell''ottica di assicurare un''ampia tutela al consumatore esposto ad un grave pericolo per la propria salute '' hanno ritenuto entrambe le imprese responsabili del danno cagionato. 2. La responsabilità del produttore nell''ordinamento spagnolo prima dell''introduzione della legge di attuazione della direttiva La Spagna è stato il penultimo Paese, prima della Francia, a recepire la direttiva comunitaria del 25 luglio 1985, n. 374 (legge1994/22 intitolata ''Responsabilidad civil por los danos por productos defectuosos' successivamente modificata dal Real Decreto legislativo del 16 novembre 2007 nel 1994) 71. In realtà, nell''ordinamento spagnolo, già prima della legge 1994/22 di attuazione della direttiva esisteva una vera e propria disciplina (''Ley General para la Difesa de los Consumidores y Usurarios' del 19 luglio 1984, n. 26) che regolava la materia coperta dalla direttiva stessa. La predetta legge, tuttavia, conteneva una normativa più ampia rispetto a quella che è stata successivamente 71 La scelta del legislatore spagnolo, a differenza di quella francese e olandese, è stata, dunque,
quella di attuare la disciplina del testo comunitario attraverso una legge speciale e non già
all'interno della stessa disciplina codicistica. Per quanto concerne la disciplina della responsabilità
del produttore in spagna, v. Diaz-Ambrona Bardaji, «La responsabilidad civil por productos
defectuosos», en Derecho Civil Comunitario, coord: Diaz-Ambrona, 2° ed., 2004, 383 ss.; Lasarte
'lvarez, Manual sobre protección de consumidores y usurarios, 3° ed., 2007; Parra, Lucán, «La
responsabilidad civil por productos y servicios defectuosos. Responsabilidad civil del fabricante y
de los profesionales, en Tratado de Responsabilidad civil, coord.: Reglero Campos, 3° ed., 1425;
Pérez Castaño, «La carga de la prueba en la Ley 22/99, de 6 de julio, de responsabilidad civil por
daños causados pro productos defectuosus», en Noticas Jurídicas, 2002; Ruiz Jiménez, «El
consumidor que ha sufrido un daño por producto defectoso es el que ha de acreditar el defecto, el
daño y el nexo entre ambos», en Rivista Crítica de Derecho Immobiliario, [*], 742. 120 introdotta dalla direttiva comunitaria 72 , fornendo, pertanto, una tutela maggiormente incisiva a favore dei consumatori stessi 73. Prima di analizzare più dettagliatamente la legge del 1984 nonché la successiva normativa di attuazione della direttiva comunitaria (legge 1994/22) e al fine di meglio comprendere tali disposizioni normative, pare opportuno, in questa sede, ripercorrere brevemente quale fosse la situazione sussistente antecedentemente nell''ordinamento spagnolo 74. Al riguardo, occorre segnalare come anche in Spagna, nell''ipotesi di danni cagionati da prodotti difettosi venisse in considerazione la disciplina della compravendita (1484 e ss del Codigo Civil). Tuttavia tali regole risultavano inadeguate per diverse ragioni. In primo luogo, l'art. 1486 comma 2 del Codigo Civil riconosceva all'acquirente di un prodotto affetto da vizi il diritto al risarcimento dei danni ma, a tal fine, esigeva la prova che il venditore conoscesse i suddetti vizi, dimostrazione che, il più delle volte, risulta pressoché impossibile; inoltre il diritto al risarcimento dei danni si estendeva soltanto all'interesse negativo e tale diritto poteva essere fatto valere solamente nell'ipotesi in cui il danneggiate fosse il diretto acquirente del prodotto difettoso ed avesse comprato il bene medesimo direttamente dal fabbricante. Tuttavia, per superare quest'ultimo problema la dottrina spagnola proponeva - in linea, peraltro, con la soluzione offerta dalla dottrina tedesca ma diversamente da quella accolta dalla dottrina francese 75 - di individuare un vincolo contrattuale diretto tra il fabbricante e 72 Seppure, come ha osservato autorevole dottrina, ai fini dell'attuazione della direttiva poteva
essere sufficiente apportare alcune modifiche alla legge del 1984, il legislatore spagnolo ha
preferito optare per l'elaborazione di un testo di legge speciale (Jimenez De Parga Cabrera, La Ley
reguladora de la responsabilidad civil por productos difectuosos, en el marco del moderno
derecho de la responsabilidad de acuerdo con normas Comunitaria Europeas y de derecho
comparado, in Estudios jurídicos en homenaje al profesor Aurelio Menéndez, III, Madrid, Civitas,
1996, 2869-2912.
73 Si pensi solamente al fatto che la suddetta legge era, appunto, rivolta sia ai destinatari di
prodotti difettosi sia gli utenti dei servizi potenzialmente dannosi per la salute umana.
74 In argomento, v. Rojo, La responsabilità civile del produttore nel diritto spagnolo, in Danno
da prodotti e responsabilità dell''impresa. Diritto italiano ed esperienze straniere, a cura di Alpa e
Bessone, Milano, 1980, 285 ss.; Bercovitz Rodriguez-Cano, La responsabilità pour les dommages
causé par des produits défectueux dans de Droit Espagnol: l''adaptation à la directive
85/374/CEE, in European Review of Private Law, 1994, 225; Mazzo, La responsabilità del
produttore agricolo, in Milano, 2007, 104.
75 La quale, come visto aveva introdotto la c.d. action directe. 121 l'acquirente, attribuendo una funzione negoziale o para negoziale alla pubblicità e al marchio del prodotto 76. Evidenziati, pertanto, i limiti relativi alla disciplina contrattuale, è evidente come, anche in Spagna, la via generalmente seguita dal danneggiato per ottenere ristoro dei danni cagionati da un prodotto difettoso, fosse quella della responsabilità extracontrattuale. In questo particolare contesto, occorre osservare anche come le soluzioni adottate dal legislatore spagnolo fossero spesso simili a quelle riscontrabili nell'esperienza italiana atteso che le norme concernenti la responsabilità aquiliana contenute nel Codigo Civil erano le stesse di quelle presenti all''interno del Code Napoleon; il codice civile spagnolo, infatti, così come tutti i codici ottocenteschi, è stato strutturato sulla base di quella che era l'ideologia giuridica dell''epoca ispirata, come noto, al principio secondo cui non sussiste alcuna responsabilità qualora non vi sia colpa (la normativa contenuta nel Codigo Civil sulla responsabilità extracontrattuale s'incentra, in particolare, sull'articolo 1902 il quale sancisce che "colui che con un'azione od omissione causi ad altri un danno per colpa o negligenza è obbligato a risarcire il danno cagionato") 77. Inoltre, occorre notare come la preoccupazione del legislatore spagnolo dell''epoca, diretta a favorire le espansioni di nuove attività industriali, abbia condotto a prevedere, nel caso di danni derivanti dall'esplosione di macchinari industriali e da infiammazione di sostanze esplosive, la necessità di dimostrare la colpa del loro proprietario al fine di poter ottenere un giusto risarcimento (art. 1908, comma 1 e 4) 78. Anche la stessa giurisprudenza del Tribunale Supremo79- il linea, peraltro, con le soluzioni adottate dalla Corte di Cassazione italiana - ha per lo più sempre negato l'esistenza di forme di responsabilità oggettiva, costruendo la responsabilità del produttore sulla base, appunto, di una presunzione di colpa. 76 Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., 104.
77 Limitate erano le norme che derogano al principio della colpevolezza (in particolare, art. 1908,
commi 2 e 3, che riguardano le ipotesi di esalazioni nocive ed eccessive per le persone e le
proprietà e le ipotesi di crollo di alberi situati in vie aperte al transito; nell''art. 1910 che riguarda
l''ipotesi di oggetti lanciati o caduti da una casa di abitazione; e l''art. 1905 relativamente ai danni
causati da animali in custodia).
78 Cervetti, La nuova legge spagnola sulla responsabilità del produttore, cit., 309.
79 Tribunale Supremo 11 marzo 1971, con la quale è stato introdotto in principio che ogni azione
del produttore si presume sempre colposa. 122 Se, dunque, in Spagna fino alla metà degli anni 70 il legislatore tendeva a tutelare l''esigenze degli imprenditori industriali, ponendo a carico del danneggiato il difficile onere di provare la colpa del produttore, occorre, tuttavia, ricordare che, successivamente all'entrata in vigore della Costituzione spagnola nel 1978 il problema della tutela del consumatore è andato ricoprendo un''importanza del tutto nuova, assumendo anche una veste di carattere amministrativo. In particolare, l''art. 51 della Costituzione disponeva un adeguato piano amministrativo di protezione, delegando ai pubblici poteri la difesa dei consumatori e utenti tramite l'adozione di efficace procedimenti diretti a garantire loro sicurezza, salute e legittimi interessi economici 80. La Spagna si trovava, pertanto, ad essere l''unico Stato della Comunità Europea che prevedeva una espressa garanzia costituzionale in favore degli stessi consumatori e tale circostanza, trovava, poi la sua logica motivazione nella ''giovane età' della stessa Carta Costituzionale; quest''ultima, difatti, tra le costituzioni vigenti nei Paesi della Comunità Europea era la più recente essendo, appunto, entrata in vigore solamente nel 1978 dopo il lungo periodo franchista 81; in altre parole, dunque, la Carta Costituzionale spagnola ha potuto fare propri elevandoli a garanzia costituzionale 82, tutti quei diritti ed interessi che sotto la spinta di diverse organizzazioni internazionali e nazionali ''hanno lentamente 80 Inoltre, ai pubblici poteri è stato demandato non soltanto il compito di informare ed educare i
consumatori ma anche quello di predisporre gli strumenti necessari per permettere loro di formare
associazioni da consultare nelle questioni più importanti. Infine, l'articolo 51 della Costituzione
rimanda alla legge ordinaria la normativa del commercio e delle regime di autorizzazione dei
prodotti.
81 Il franchismo fu il regime politico dittatoriale instaurato in Spagna nel 1939 dal generale
Francisco Franco e durato fino alla sua morte, avvenuta il 19 novembre 1975.
82 Occorre anche considerare se sussiste la possibilità o meno per le comunità autonome
organizzate all'interno dello Stato unitario spagnolo di poter effettivamente incidere sulla
disciplina prevista dall'articolo 51 della Carta Costituzionale. Tale articolo infatti parla di "pubblici
poteri" senza peraltro specificare che debba trattarsi del potere legislativo ed esecutivo giudiziario
oppure del potere statale. Pertanto, le comunità autonome, in base all'articolo 149. 3 della stessa
Costituzione - il quale attribuisce loro delle competenze esclusive in campo amministrativo -
possono sentirsi legittimati ad attuare la tutela pubblicistica predisposto dall'art. 51 della
Costituzione; tale circostanza spiega, peraltro, l'avvenuta promulgazione nel 1981 da parte del
Parlamento della Comunità Autonoma de Vascongadas di un proprio statuto dei consumatori e
l'avvenuta promulgazione da parte del Parlamento della Comunità Autonoma Catalana della Ley
1/1983 sulla Regolatione administrativa de determinados estructuras commerciales y ventas
espedales. 123 conquistata autonoma rilevanza quale riflesso della continua evoluzione socio- economica del mondo moderno' 83. Ed è proprio in questo specifico contesto '' diretto appunto a valorizzare sempre più la posizione del consumatore '' che si inserisce la sopra richiamata legge 1984/26, la quale ha appunto attuato e sviluppato in Spagna il principio costituzionale sancito dall''art. 51, dotando l''ordinamento giuridico spagnolo di un''ampia normativa diretta a disciplinare la difesa dei diritti dei consumatori e di altre categorie di utenti. Occorre, in primo luogo sottolineare come l'importanza della legge 1984/26 risiedeva, innanzitutto, nell'aver introdotto il concetto fondamentale di destinatarios finales di beni a servizi. L'art. 1, comma 2 stabilisce, infatti, che "agli effetti di questa legge sono consumatori ed utenti le persone fisiche o giuridiche che acquistano, utilizzano o usufruiscono come destinatari finali, beni prodotti servizi o attività o funzioni qualunque sia la natura, pubblico privata, individuale o collettiva, di coloro che producono, facilitano, distribuiscono o forniscono beni o servizi". Nella suddetta legge è presente, dunque, la nozione di consumatore la quale, invece, manca nella normativa di attuazione della direttiva sulla responsabilità del produttore che si è limitata - in conformità alla direttiva medesima - ad offrire solamente la nozione di produttore, di prodotto e di prodotto difettoso. Nella legge 1984/26 la protezione del consumatore veniva attuata attraverso il riconoscimento in campo al consumatore stesso di diversi diritti, come, per esempio, il diritto all'informazione sugli eventuali rischi dei prodotti (artt. 3-13) e ad un'informazione vera ed efficace sulle caratteristiche dei beni (artt. 13-17), del diritto a pretendere un indennizzo nel limite dell'ammontare massimo di 500 milioni di pesetas, per i danni o pregiudizi che la consumazione dei beni o l'utilizzazione dei prodotti o servizi potevano arrecare, sempre che detti danni non derivassero da colpa esclusiva dei danneggiati o da colpa delle persone per cui questi ultimi erano tenuti a rispondere (art. 25). Tuttavia, la vera portata innovativa della legge del 1984 è stata ravvisata nella circostanza di aver previsto un regime di responsabilità civile che, pur essendo per lo più basato sulla colpevolezza del danneggiante, ''risulta essersi 83 Cervetti, La nuova legge spagnola sulla responsabilità del produttore, cit., 310; Alpa,
Istituzioni di diritto privato, Torino, 2007, 314. 124 avviato verso la teoria oggettiva della causazione del danno' 84. Infatti, l'art. 26 della predetta legge collegava la responsabilità dei produttori, importatori e fornitori di prodotti o servizi al grado di diligenza da impiegarsi in relazione alla natura ed alle esigenze del prodotto o del servizio ed il successivo art. 28 della stessa normativa introduceva una vera e propria regola di responsabilità oggettiva e prevedeva un sistema di garanzie speciali a favore del consumatore; tale disposizione sanciva, infatti, che, "nonostante le norme precedenti, si dovrà rispondere dei danni cagionati nell'uso corretto e nella fruizione di beni e servizi allorché, per la propria natura o perché sia appositamente previsto per regolamento, debbono includere la garanzia di determinati livelli di sicurezza, purezza ed efficienza, in condizioni oggettivamente determinante e devono subire controlli tecnici, professionali e sistematici di qualità fino ad arrivare nelle condizioni dovute al consumatore e all'utente". Il secondo comma del medesimo articolo specificava, inoltre, che dovevano essere sottoposti al suddetto regime di responsabilità ''los productos alimenticios, los de higiene y limpieza, cosméticos, especialmente y productos farmacéuticos, servicios sanitarios, de gas y elecricitad, electrodomésticos y ascensores, medios de trasporte, vehículos a motor y juguetes y productos dirigidos a los niños'. 2.1. La legge 1994/22 sulla Responsabilidad civil por los danos causados por productos defectuoso La legge 1994/22 di attuazione della direttiva sulla responsabilità da prodotto difettoso ha conservato solo parzialmente l'applicazione della precedente disciplina del 1984; la prima delle quattro disposizioni finali sancisce, infatti che le disposizioni previste dagli artt. 25-28 della Ley General para la Difesa de los Consumidores y Usuarios non saranno più applicabili per quanto concerne la responsabilità civile per i danni derivanti da prodotti difettosi elencati nell'art. 2 della stessa legge del 1994 85. In altre parole, successivamente all''introduzione della normativa del 1994, della Ley General rimangono in vigore le disposizioni che riconoscono il diritto 84 Cervetti, La nuova legge spagnola sulla responsabilità del produttore, cit., 312.
85 Ai sensi del suddetto articolo, si considerano prodotti tutti i beni mobili, anche quando sono
stati incorporati o uniti ad un altro bene mobile o immobile; inoltre, la legge spagnola considera
anche il gas e l''elettricità. 125 per il consumatore all'informazione sui rischi del prodotto e il diritto di costituirsi in associazione, mentre invece il regime di responsabilità previsto dagli artt. 25-28 della legge del 1984 continuano ad essere osservati esclusivamente in relazione ai danni derivati da prestazione di servizi e, ai sensi della disposizione transitoria della legge del 1994, anche in relazione all'ipotesi di danni da prodotti difettosi, qualora si tratti di prodotti messi in circolazione anteriormente all'entrata in vigore della legge stessa 86. Analizzando più dettagliatamente la legge 1994/22 sulla ''Responsabilidad civil por los danos por productos defectuosos' è dato rilevare come, attraverso il suddetto testo normativo, il legislatore spagnolo abbia voluto essere particolarmente rispettoso del testo comunitario, tanto che nella ''exposition de motivos' si legge che la legge ha per oggetto l'adattamento del diritto spagnolo alla direttiva sulla responsabilità da prodotto difettoso, in base al presupposto che la direttiva stessa si propone di conseguire un regime giuridico sostanzialmente omogeneo, all'interno dei diversi Paesi comunitari, su una materia molto delicata in ragione dei diversi interessi in conflitto. Più specificatamente, il regime di responsabilità oggettiva viene introdotto dall'art. 1 della legge 1994/22 il quale dispone, infatti, che i produttori e gli importatori saranno responsabili dei danni cagionati dai prodotti che rispettivamente producono e importano. L''art. 1 della legge richiamata segna, dunque, il definitivo ingresso all'interno dell'ordinamento spagnolo del criterio della responsabilità oggettiva del produttore che, come precedentemente rilevato, era già stato, in realtà, parzialmente previsto dalla Ley General del 1984 87. La legge 1994/22, in conformità alla direttiva comunitaria, dispone, poi, che il consumatore danneggiato ai fini di ottenere il risarcimento del danno cagionato da prodotti difettosi deve provare, oltre al difetto del prodotto anche la relazione causale intercorrente tra il difetto stesso ed il danno; il produttore, poi, a sua volta, può ritenersi esente da responsabilità qualora riesca a fornire la prova 86 Jimenez De Parga Cabrera, Analisi della legge spagnola del 6 luglio 1994 sulla responsabilità
civile da prodotti difettosi, cit., 605.
87 Jimenez De Parga Cabrera, Analisi della legge spagnola del 6 luglio 1994 sulla responsabilità
civile da prodotti difettosi, cit., 605, in quale osserva che nella legge 1984/26, la responsabilità
oggettiva rappresentava un'' eccezione alla regola generale della necessità della colpevolezza
(prevista, appunto, dall'art. 26 della stessa legge) in quanto veniva applicata esclusivamente con
riferimento a specifiche categorie di beni. 126 inerente ad una delle cause di esonero da responsabilità previste dall''art 6 88 . Sempre in linea con il testo comunitario, il secondo comma dell''art 6 della legge 22/1994 prevede, poi, la possibilità per il produttore o per l'importatore della parte componente di un prodotto finito di liberarsi della responsabilità dimostrando che il difetto è dovuto alla concezione del prodotto in cui è stata incorporata la parte oppure alle istruzioni impartite dal produttore del prodotto finito. Particolarmente significativo è il terzo comma dell'art. 6 della legge 1994/22 il quale sulla base dell'opzione concessa dalla stessa direttiva (art. 15, par. 1 lett. b) esclude in relazione determinati beni '' ossia i medicinali, gli alimenti o i prodotti alimentari destinati al consumo umano - la possibilità per i soggetti responsabili di invocare a propria giustificazione la causa di esonero da responsabilità in tutte le ipotesi in cui lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti al momento della messa in circolazione non permettevano di scoprire l''esistenza del difetto. In altre parole, dunque, l''ordinamento spagnolo, in tal modo procedendo, per quanto concerne la possibilità o meno di disporre l''esclusione della responsabilità del produttore per rischio da sviluppo, rispetto agli altri Paesi europei, accoglie una soluzione '' così come farà successivamente la Francia nel 1998 - che possiamo definire ''intermedia'. Discostandosi, infatti, da quegli Stati che hanno voluto proteggere particolarmente il consumatore - decidendo, quindi, di non recepire la suddetta causa di esclusione da responsabilità (Finlandia e Lussemburgo) - e differenziandosi anche da quei Paesi che, invece, hanno preferito sostenere gli interessi delle imprese introducendo la suddetta clausola con riferimento a qualsiasi categoria di beni (si pensi all''Italia), la Spagna ha deciso, sì di introdurre tale causa di esenzione della responsabilità del produttore, tuttavia, ha escluso dal campo di applicazione della norma 88 In particolare, sulla base di detto articolo, il quale, peraltro riprende le disposizioni della
direttiva, il produttore stesso, per liberarsi dalla responsabilità, dovrà dimostrare di non aver posto
circolazione prodotto; che, tenuto conto delle circostanze è possibile ritenere la non sussistenza del
difetto nel momento in cui il prodotto è stato posto in circolazione; che il prodotto non è stato
fabbricato, importato, fornito o distribuito nell'esercizio dell'attività professionale o commerciale;
che il difetto è dovuto alla conformità del prodotto a norme imperative esistenti; ed infine, che lo
stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti al momento della messa in circolazione del
prodotto non permetteva di scoprire l'esistenza del difetto. 127 richiamata determinati prodotti, ossia, come detto, quelli medicinali, alimentari ed i prodotti alimentari destinati al consumo umano 89. Sulla base della legge spagnola del 1994, il produttore e l'' importatore hanno poi la possibilità di vedere ridotto o soppressa la loro responsabilità per in danni provocati da prodotti difettosi anche nel caso in cui, tenuto conto di tutte le circostanze, il danno risulta provocato congiuntamente da un difetto del prodotto e dalla condotta colposa del danneggiato o di una persona della quale egli sia civilmente responsabile (art. 9). L'art. 8 della legge del 1994 ritiene, poi, in conformità alla direttiva, assolutamente inoperante la regola della ''compensation de culpas' sancendo che, in presenza di un difetto nel prodotto l'intervento del terzo causalmente determinate dell'evento non può costituire un fattore diretto a diminuirlo od eliminare la responsabilità del produttore; tale norma dispone, inoltre, che il soggetto responsabile che ai sensi della presente legge avrà risarcito l'intero danno potrà comunque richiedere al terzo la parte di indennizzo che corrisponda al suo intervento nella causazione del danno. L'art. 7 stabilisce, poi, il principio della c.d. responsabilità solidale; tale norma si limita a stabilire che, se più persone hanno concorso a cagionare il medesimo danno, le stesse saranno responsabili solidalmente; tale disposizione non prevede, tuttavia, le modalità attraverso le quali l'obbligazione risarcitoria debba poi essere ripartita tra gli stessi soggetti responsabili. Con particolare riferimento alla regola della solidarietà, occorre ricordare come, in passato, la giurisprudenza negava l'applicazione della suddetta regola in tutte le ipotesi in cui si trattava di responsabilità per atti illeciti extra contrattuali; in particolare, si riteneva che l'art. 1137 del Codigo Civil non fosse suscettibile di una interpretazione estensiva, in quanto tale norma prevedeva solamente la solidarietà contrattuale (sempre che questa fosse stata pattuita tra le parti). Successivamente, tuttavia, il Tribunale Supremo ha modificato il suo originario orientamento estendendo, pertanto, la responsabilità solidale anche alla sfera extracontrattuale, qualora non fosse possibile individuare la specifica 89 Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., 104 che osserva come tali prodotti, per
esperienza, sono quelli nei confronti dei quali i c.d. rischi da sviluppo hanno maggiore probabilità
di manifestarsi. 128 responsabilità dei partecipanti all'illecito e senza che fosse, a tal fine, necessaria una preventiva pattuizione 90. La responsabilità del produttore prevista dalla legge del 1994 pur essendo piuttosto ampia, presenta alcune limitazioni in quanto la suddetta responsabilità non si estende in realtà a qualsiasi danno che possa derivare dal prodotto difettoso. In particolare, l'art. 10 della suddetta legge dispone che il regime di responsabilità civile comprende sia le ipotesi di danno all'integrità fisica '' ossia la morte e le lesioni corporali - sia i danni alle cose, purché si tratti di un bene diverso dal prodotto difettoso oggettivamente destinato all'uso e consumo privato ed in questo senso principalmente utilizzato dal danneggiato. La legge poi attribuisce al danneggiato la possibilità di avvalersi della propria legge nazionale al fine di ottenere il risarcimento degli altri danni o pregiudizi, compresi quelli morali 91. Con l''art. 11 della legge 1994/22, il legislatore spagnolo si è poi avvalso della possibilità concessa dalla direttiva (art. 16) ad ogni Stato membro di limitare ad un determinato importo (non inferiore a 70 milioni di EUC) la responsabilità globale del produttore per danni consistenti in morte o lesioni fisiche derivanti da prodotti della medesima serie e recante lo stesso difetto (l''art. 11 della legge 1994 stabilisce, difatti, che la responsabilità civile totale del produttore o dell''importatore per morte e per lesioni personali causate da prodotti identici che presentano lo stesso difetto rientra nel limite di 10.000.500.000 pesetas) 92. Inoltre, il legislatore spagnolo ha previsto una franchiga di 65. 000 pesetas, in corrispondenza a quella determinata nella direttiva europea di 500 EUC, con riferimento ai danni diversi da morte o lesioni. 90 STS, 10 novembre 1988. In argomento, v. Cervetti, La nuova legge spagnola sulla
responsabilità del produttore, cit., 318. In realtà, la regola della cosiddetta responsabilità
solidarietà era già presente anche nella Ley General del 1984 la quale all'articolo 27.2 stabiliva che
se nella produzione del danno concorrono diverse persone, queste risponderanno in solido nei
confronti del danneggiato e che colui il quale provvede a risarcire danneggiato avrà poi il diritto di
ripetere ciò che ha corrisposto nei confronti degli altri responsabili secondo la partecipazione di
ognuno nella causazione del danno.
91 Per quanto concerne in particolare quest'ultima tipologia di danni ''ossia i danni morali -
occorre anche ricordare come essi all'interno dell'ordinamento spagnolo siano riconosciuti nel
Codigo Penal (artt. 103-105) mentre invece non si rinviene nessuna indicazione nel Codigo Civil.
Ciò nonostante, la giurisprudenza civile riconosce il diritto al risarcimento dei danni morali ed
attribuisce al giudice la facoltà di determinare il loro ammontare sulla base delle singole
circostanze presenti nel caso concreto.
92 Occorre comunque ricordare che si tratta di un limite totale massimo per danni che causino la
morte o le lesioni personali e non invece una misura indicativa di responsabilità o un limite
minimo di risarcimento. 129 Infine, occorre brevemente analizzare gli art. 2, 3 e 4 della legge del 1994/22 i quali forniscono la definizione di prodotto, prodotto difettoso, di produttore ed importatore. In particolare, l'art. 2, comma 2 sancisce che "agli effetti della presente legge, si intende per prodotto ogni bene mobile, anche se incorporato unito ad altro bene mobile o immobile ad eccezione dei prodotti agricoli naturali dei prodotti della caccia della pesca che abbiano subito un''iniziale trasformazione". Da questa breve definizione occorreva, quindi, inizialmente escludere dall''ambito di applicazione della direttiva le materie prime di carattere agricolo, i prodotti dell'allevamento, della caccia e della pesca che non avessero subito una prima trasformazione; tuttavia, la successiva legge del 29 dicembre 2000, n. 14 ha provveduto ad attuare la direttiva comunitaria 1999/34, includendo nella nozione di prodotto anche queste ultime categorie di beni. Il legislatore spagnolo specifica, poi, che devono considerarsi prodotti, anche l'elettricità ed il gas (si noti poi come quest'ultimo prodotto non è menzionato nella direttiva comunitaria stessa). Il 1° comma dell''art. 3 della legge 1994/22, in linea con quanto disposto dall'art. 6 della direttiva, ricollega la nozione di prodotto difettoso a quella di "sicurezza legittimamente attesa"; tale disposizione, in particolare, sancisce che per prodotto difettoso debba intendersi il bene che non offre la sicurezza che ci si deve legittimamente attendere 93 tenuto conto di tutta una serie di circostanze, tra cui, specialmente, la presentazione del prodotto, l'uso al quale il prodotto è regolarmente destinato 94. L'art. 3 comma 2 della legge 1994/22 introduce, poi, attraverso una disposizione normativa non contenuta nella direttiva ma presente in altre leggi di attuazione (come in quella italiana del 1988), un ulteriore parametro di riferimento al quale il giudice può fare riferimento al fine di individuare quando un prodotto debba ritenersi difettoso; più specificatamente, la norma richiamata sancisce che costituisce un indice del difetto di un prodotto anche la differenza esistente tra un prodotto e quelli della medesima serie fabbricati dalla stessa impresa e con le 93 La legge spagnola '' così come quella francese - fa riferimento, dunque, agli standard di
sicurezza, distanziandosi così dagli orientamenti tradizionali che prendono, invece, come
riferimento l''uso normale o l''uso a cui la cosa deve essere destinata (art. 1386-4, legge 1998/389).
94 Dall'avverbio "especialmente' utilizzato dal legislatore spagnolo si evince che i suddetti
parametri costituiscono dei veri indici di giudizio che consentano giudice di stabilire quando il
prodotto debba ritenersi difettoso. 130 stesse modalità di fabbricazione di quella serie particolare. Di contro, il comma 3 del medesimo articolo stabilisce, invece, che non costituisce un indice diretto a provare la difettosità o meno del prodotto la messa in commercio da parte della stessa impresa o da parte di imprese concorrenti di prodotti più perfezionati. L'art. 4 della legge 1994/22 definisce il concetto legale di produttore e di importatore, sancendo che per produttore deve intendersi il fabbricante di un prodotto finito, il fabbricante della parte componente di un prodotto finito, il produttore della materia prima, o qualunque persona che si presenti in pubblico come produttore apponendo sul prodotto o sulla sua confezione il proprio nome, la propria denominazione sociale, il proprio marchio o qualunque altro segno distintivo. Il comma 3 dell''art. 4 dispone, inoltre, che quando non possa essere individuato il fabbricante del prodotto sia considerato produttore chiunque abbia fornito o procurato il prodotto, a meno che, nel termine di tre mesi, indichi al danneggiato l'identità del fabbricante o di coloro che gli abbiano fornito o procurato il prodotto. Quest'ultima disposizione si pone in linea con quanto disposto dall''art. 3 comma della direttiva; tuttavia, mentre quest'ultimo articolo non specifica il termine preciso entro il quale il fornitore del prodotto ha la possibilità di far cadere la presunzione a suo carico, ma parla solamente di un termine "ragionevole", la norma spagnola fissa, invece, il suddetto termine in tre mesi, analogamente a quanto disposto, peraltro, dalla legge italiana. Per quanto concerne invece l''importatore di beni '' il quale, come visto, è responsabile allo stesso titolo del produttore - l''art. 4 comma 2 della legge 1994/22 specifica come, per importatore debba intendersi colui che nell'esercizio della sua attività commerciale importa nella Comunità Europea un prodotto ai fini della vendita, della locazione, del leasing o di qualunque altra forma di distribuzione commerciale. L'art. 4 deve essere coordinato con la Disposition Additional Unica che costituisce una norma peculiare della disciplina speciale spagnola. In particolare, essa prevede che il fornitore di un prodotto difettoso debba rispondere dei danni da quest'ultimo provocati come se fosse il produttore o l''importatore qualora abbia fornito un prodotto, conoscendo il difetto dello stesso. Ecco dunque che, coordinando le due normative, si può affermare che il consumatore danneggiato 131 potrà agire in giudizio direttamente contro il fabbricante del prodotto difettoso oppure verso colui che gli ha fornito tale prodotto. In altre parole, il legislatore spagnolo ha assimilato il fornitore del prodotto difettoso al produttore o all''importatore, sempre che questi sia a conoscenza dell''esistenza del difetto 95. Per quanto concerne il termine di prescrizione e di decadenza, è dato rilevare come l'art. 12 della legge 1994/22 dispone che nell'azione di responsabilità per danni cagionati da prodotti difettosi si prescrive in tre anni a partire dalla data in cui il danneggiato ha subito il pregiudizio. Il successivo art. 13 stabilisce, poi, che i diritti riconosciuti dalla legge si estinguono trascorsi 10 anni dal giorno in cui il produttore o l'' importatore ha messo in circolazione il particolare prodotto che ha cagionato il danno a meno che, nel frattempo, non sia proposta la corrispondente domanda giudiziale. Infine, occorre ricordare che la seconda delle quattro disposizioni finali della legge 1994/22 la quale introduce una ''nueva redaccion' dell''art. 30 della Ley General del 1984; in particolare, tale articolo sancisce che il Governo, dopo avere previamente ascoltato il parere degli interessati e delle associazioni dei consumatori e utenti, potrà stabilire un sistema di assicurazione obbligatoria sulla responsabilità civile conseguente ai danni derivanti da prodotti o servizi difettosi e un fondo di garanzia che copra totalmente o parzialmente danni consistenti in morte, intossicazione e lesioni personali. Questa disposizione finale riveste una significativa rilevanza per il fatto che prevede la possibilità che il governo possa assumersi l'impegno - senza neanche fissare, a tal fine, una precisa scadenza - di costituire un fondo di garanzia per sopperire alle deficienze dell'assicurazione obbligatoria. 2.2. Il Real Decreto Legislativo del 16 novembre 2007 Con il Real Decreto Legislativo del 16 novembre 2007, l''ordinamento spagnolo ha voluto inserire in un unico testo legislativo la legge 1984/26 (Ley General para a Difesa de los Consumidores y Usuarios y otras leyes 95 Il fornitore potrà, poi, esercitare l''azione di rivalsa contro il produttore o l''importatore
mediante un''apposita azione civile. 132 complementaries) e le diverse norme di attuazione delle direttive comunitarie relative alla protezione dei consumatori e utenti 96. In particolare, nel libro terzo del suddetto Real Decreto 97, il legislatore spagnolo ha provveduto ad armonizzare la disciplina giuridica relativa alla responsabilità per danni da prodotti difettosi prevista nella legge 1994/22 e la normativa prevista nel capitolo VIII (intitolato Garantias y responsabilitades) della legge 1984/26. Il predetto libro terzo del Real Decreto è stato, poi, a sua volta, suddiviso, in due titoli: uno dedicato alle disposizioni comuni in materia di responsabilità per danni causati da beni e servizi difettosi (artt. 128-134), l''altro concernente le disposizioni specifiche in materia di responsabilità (artt. 135-149) 98. In generale, si può affermare che, la disciplina introdotta con il Real Decreto costituisce una riproduzione quasi totalmente fedele al testo della legge 1994/22. Per esempio, identica è la nozione di prodotto (art. 136 del Real Decreto e art. 2 della legge 1994/22; il concetto di difettosità del prodotto stesso (art. 137 del Real Decreto e art. 3 della legge 1994/22); l''onere della prova prevista a carico del danneggiato (art. 139 del Real Decreto e art. 5 della legge 1994/22); le cause di esclusione della responsabilità del produttore (art. 140 del Real Decreto e art. 6 della legge 1994/22); la previsione di una franchigia e di un limite massimo della responsabilità del produttore nell''ipotesi di morte o lesioni personali causati da prodotti identici che presentano lo stesso difetto (art. 141 del Real Decreto il quale sancisce che, ai fini del risarcimento del danno, occorre dedurre una franchigia di 390, 66 Euro e che il limite massimo di responsabilità del produttore è di 63.106.270,96 Euro e art. 11 della legge 1994/22 secondo cui il limite 96 Lo stesso legislatore spagnolo specifica, infatti, che ''Este real decreto legislativo cumple con
la previsión recogida en la disposición final quinta de la Ley 44/2006, de 29 de diciembre, de
mejora de la protección de los consumidores y usurarios, que habilita al Gobierno para que, en el
plazo 12 meses, proceda a refundir en un único texto la Ley 26/1984, de 19 de julio, General para
la Defensa de los Consumidores y Usurarios y las normas de trasposición de las directivas
comunitarias dictadas en materia de protección de los consumidores y usurarios que inciden en
los aspectos regulados en ella, regularizando, aclarando y armonizando los textos legales que
tengan que ser refundidos'.
97 Il Real Decreto contiene quattro libri: il libro concernete le disposizioni generali, il secondo è
intitolato ''Contractos y garantías', il terzo ''Responsabilidad civil por bienes o servicios
defectuosos', in quarto ''Viaje combinados'.
98 Il titolo secondo del libro terzo è poi a sua volta suddiviso in due capitoli: il primo dedicato ai
danni causati da prodotti difettosi (artt. 135-146) ed il secondo ai danni causati da altri beni o
servizi (artt. 147-148). 133 massimo della responsabilità del produttore è di 10.500.000.000 pesetas e la franchigia ammonta a 65.000 pesetas); i termini di prescrizione e decadenza (artt. 143 e 144 del Real Decreto e artt. 12 e 13 della legge 1994/22 ecc. ecc.). Tuttavia, si può osservare come, se, come sopra ricordato, la legge 1984/26 conteneva un'' ampia disciplina finalizzata a tutelare il consumatore 99 e la successiva normativa di attuazione della direttiva comunitaria (legge 1994/22) aveva, invece, provveduto a limitare tale tutela (riconoscendo in capo al produttore una responsabilità oggettiva relativa) 100 , attraverso il suddetto Real decreto del 2007 l''ordinamento spagnolo sembra voler fare un passo indietro per ritornare alla situazione esistente precedente al 1994, attribuendo ai danneggiati maggiori garanzie. Infatti, la disciplina introdotta da quest''ultimo testo normativo non concerne solamente i prodotti, bensì anche i servizi difettosi; inoltre, l''art. 148 dello stesso Real Decreto, oltre a prevedere un criterio di responsabilità oggettiva, introduce un sistema di garanzie speciali più ampio di quello previsto nella legge 1994/22 101; in particolare, tale articolo sancisce '' in conformità all''art. 28 della precedente legge 1984/22 '' che, ''Se responderá de los daños originados en el correcto uso de los servicios, cuando por su propia naturaleza, o por estar así reglamentariamente establecido, incluyan necesariamente la garantía de niveles determinados de eficacia o seguridad, en condiciones objetivas de determinación, y supongan controles técnicos, profesionales o sistemáticos de calidad, hasta llegar en debidas condiciones al consumidor y usurario'. Il secondo comma del medesimo articolo '' differenziandosi in parte dall''art. 28 della legge 1984/26 '' aggiunge, poi, che ''En todo caso, se consideran sometidos a este régimen se responsabilidad los servicios sanitarios, los de reparación y mantenimiento de electrodomésticos, ascensores y vehículos de motor, servicios de rehabilitación y reparación de viviendas, servicios de revisión, instalación o similares de gas y 99 Si pensi non soltanto al fatto che tale testo normativo era indirizzato anche agli utenti dei
servizi potenzialmente dannosi per la salute umana e che la suddetta normativa introduceva
(seppure esclusivamente con riferimento a determinati beni o servizi) una responsabilità oggettiva
più severa e un sistema di garanzie speciali maggiormente ampio (art. 28 della legge 1984/26).
100 Come precedentemente, osservato, sulla base della suddetta disciplina, infatti, il consumatore
per ottenere il risarcimento deve dimostrare, oltre al difetto del prodotto e al pregiudizio subito il
nesso di causalità. Inoltre, il produttore si libera dalla responsabilità provando una delle cause di
esclusione di cui all''art. 6 della legge 1994/22.
101 Ruiz Jiménez, «El consumidor que ha sufrido un daño por producto defectoso es el que ha de
acreditar el defecto, el daño y el nexo entre ambos», 134 electricidad y los relativos a medios de trasporte. Sin prejudicio de lo establecido en otras disposiciones legales, las responsabilidades derivadas de este artículo tendrán como limite la cuantía de 3.005.060, 52 euros'. Ecco dunque che, a ben guardare, in realtà, la tutela che viene stabilita a favore del consumatore nel testo legislativo del 2007, pur essendo maggiormente incisiva rispetto a quella sancita dalla legge 1994/22, non presenta esattamente la stessa portata di quella presente nella normativa del 1983; mentre, infatti, quest''ultima considerava applicabili quell''inisieme di garanzie speciali sopra richiamate a ''los productos alimenticios, los de higiene y limpieza, cosméticos, especialidades y productos farmaceuticos, servicios sanitarios, de gas y electicitad, electodomesticos y ascensores, medios de trasporte, vehiculos a motor y luguetes y productos dirigidos a los niños' (art. 28 legge 1983/26), il Real Decreto in esame esclude dall''ambito di applicazione dell''art. 148, comma 2 alcune categorie di prodotti come, per esempio, i prodotti alimentari, cosmetici e farmaceutici. Ecco dunque che, con riferimento a tali categorie di prodotti '' compresi, come detto, anche quelli alimentari '' il Real Decreto del 2007 nulla ha cambiato rispetto alla situazione esistente successivamente all''introduzione della legge 1994/22; al danneggiato, infatti, spetterà il difficile obbligo di provare il difetto del prodotto, il danno subito ed infine la connessione causale tra questi due elementi 102 . Il produttore, poi, potrà liberarsi qualora dimostri una della delle causa di esenzione da responsabilità previste dall''art. 140 del Real Decreto, il quale, però '' in linea con la legge del 1994/22 - impedisce al produttore stesso di avvalersi della c.d. causa di esclusione da responsabilità per rischio da sviluppo, qualora si tratti di determinati prodotti, ossia ''medicamentos, alimentos o productos alimentarios destinados al consumo humano'. 3. La responsabilità del produttore nell''ordinamento tedesco. La disciplina applicabile prima della legge di attuazione della direttiva comunitaria La dottrina maggioritaria tedesca, fino alla fine degli anni Sessanta, escludeva che, con riferimento ai danni provocati da prodotti difettosi, potesse trovare applicazione i principi generali in tema di responsabilità extracontrattuale. 102 Ruiz Jiménez, «El consumidor que ha sufrido un daño por producto defectoso es el que ha de
acreditar el defecto, el daño y el nexo entre ambos», cit. 135 In particolare, si affermava che tali principi '' codificati ai §§ 823 e 831 del BGB '' basavano il sistema della responsabilità aquiliana sulla colpa dell''agente, con la conseguenza che, le suddette disposizioni, interpretate letteralmente, avrebbero potuto tutelare il consumatore danneggiato solamente in determinate (e assai circoscritte) ipotesi, ossia qualora il consumatore stesso fosse stato in grado di provare la colpa dell''impresa 103. Proprio per tali ragioni, dunque, la giurisprudenza e la dottrina tedesca inizialmente preferivano, al fine di assicurare la migliore tutela al consumatore danneggiato, ricorrere non già al §§ 823 e 831 BGB, bensì ai principi della disciplina contrattuale. Al riguardo, occorre osservare come, la stessa dottrina tedesca, consapevole del fatto che la disciplina del contratto di vendita non potesse essere estesa ai danni cagionati al compratore 104, al fine di configurare una responsabilità contrattuale in capo all''impresa produttrice, abbia fatto ricorso a diverse teorie ''negiaziali' che - al di fuori della disciplina della vendita '' esprimevano il tentativo di istituire un rapporto diretto tra impresa e consumatore. Ecco dunque che, si è cercato di giustificare l''esistenza di un rapporto contrattuale tra impresa e consumatore ricorrendo a diverse finzioni giuridiche; così, per esempio, la dottrina tedesca è andata sostenendo che il produttore rappresenta un ''ausiliario' del venditore e che, pertanto, quest''ultimo avrebbe dovuto rispondere dei danni cagionati al consumatore (suoi contraenti diretti) per causa imputabile agli ausiliari (ossia l''impresa produttrice). Sempre ai fini di giustificare un rapporto contrattuale diretto tra consumatore e produttore, oltre alle diverse finzioni giuridiche inventate dalla dottrina '' le quali non finivano in realtà per tutelare adeguatamente le ragioni del consumatore soprattutto a causa del fatto che non erano fondate su norme precise e di facile applicazione '' alcuni autori hanno evidenziato la sussistenza tra consumatore e impresa di un contatto sociale, 103 Infatti, non solamente il § 823 del BGB ma anche l''applicazione del § 831 - che fonda la
responsabilità del datore di lavoro per gli atti dannosi dei suoi dipendenti - non poteva prescindere
dalla prova della colpa dell''impresa; senza contare che, ai sensi del § 831, la responsabilità
dell''impresa - una volta accertato il requisito della colpa - era limitato all''ipotesi in cui il danno
risentito dal consumatore derivasse da un fatto illecito del dipendente e tale disposizione, pertanto,
non riguardava tutte le altre ipotesi di danno da circolazione di prodotti, cagionati da difetti di
macchinari, errori di progettazione, omissione di informazioni è istruzioni per l''uso. Sul punto, v.
Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, Giuffrè, Milano, 1999, 99.
104 Infatti, non si riteneva possibile richiedere al venditore l''esercizio di un''attività di controllo sui
prodotti sigillati e confezionati dal produttore. 136 in forza del quale entrambi i soggetti si ponevano in un rapporto diretto fondato sulla fiducia 105. Tuttavia, tanto dottrina quanto la giurisprudenza tedesca si sono ben presto rese conto del fatto che attribuire all''impresa una responsabilità contrattuale per i danni cagionati dai difetti dei propri prodotti, comportasse un ''alto costo per lo stesso consumatore', in quanto, in tal modo procedendo, si sarebbe dovuto inevitabilmente operare una netta distinzione tra acquirente (danneggiato) e consumatore (danneggiato); tale distinzione, quindi, si risolveva in un evidente svantaggio per il consumatore stesso il quale, non essendo ad alcun titolo contraente del danneggiante, non avrebbe potuto ottenere il risarcimento. Ecco dunque che, proprio per tali ragioni, anche l''ordinamento tedesco '' al fine di riconoscere un'' adeguata tutela a tutti i consumatori (e quindi anche ai soggetti non acquirenti del prodotto) che avessero subito un danno a causa di un bene immesso sul mercato, è successivamente ricorso ai sistemi di responsabilità extracontrattuale ed in particolare al § 823 BGB 106. Più specificatamente, la giurisprudenza tedesca ha affermato che sul produttore incombono determinati obblighi di protezione per il fatto stesso di aver posto in essere e controllare una situazione potenzialmente dannosa e, in tal modo procedendo, la giurisprudenza medesima ha finito per configurare in capo al produttore stesso una vera e propria ipotesi di responsabilità per violazione di un dovere di protezione 107. Nell'evoluzione giurisprudenziale in materia di responsabilità del produttore, occorre ricordare il famoso caso Hűhnerpestfall del 26 novembre 105 Alpa-Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 99 ss.
106 In tale ottica, si è preferito ricorrere al § 823 nel quale è formulato il principio generale di
responsabilità extracontrattuale, piuttosto che al § 831 il cui ambito di operatività in tema di danni
provocati dalla circolazione di prodotti dannosi finirebbe per circoscrivere la tutela dei
consumatori a casi marginali. Secondo altra parte della dottrina, invece, la soluzione del problema
deve essere più articolata: occorre cioè distinguere i tipi di difetti che possono inficiare la idoneità
del prodotto all''uso a cui è destinato e, correlativamente, individuare le norme del BGB che
debbono essere applicate. Nello specifico, i difetti di costruzione che derivano dalla sbagliata
progettazione del prodotto, da inadeguate sperimentazioni, da imprecise identificazioni delle sue
esatte qualità, dovrebbero essere fatte risalire ai dipendenti dell''impresa. I vizi di produzione,
invece, derivano da errori tecnici, dal cattivo funzionamento dei macchinari, dall''errato
svolgimento di controlli ecc. ecc. dovrebbero rientrare nel rischio di impresa. In argomento, Alpa-
Bessone, La responsabilità del produttore, cit., 99 ss.
107 In argomento, tra i tanti, v. Markensinis, The german law of torts. A comparative introduction,
Oxford, 1990, 51. 137 1968 108; attraverso la suddetta decisione, il Bundesgerichtshof ha consolidato la linea interpretativa sopra richiamata, la quale ricollegava la responsabilità extracontrattuale del produttore stesso alla violazione di uno specifico dovere di impedire i rischi tramite un'adeguata organizzazione dell''impresa e introduceva altresì una vera e propria inversione dell'onere probatorio con particolare riferimento all'elemento soggettivo del fatto illecito. Più specificatamente, i giudici tedeschi, nella decisione richiamata, valutando la difficoltà per il consumatore danneggiato da un prodotto difettoso di descrivere un processo produttivo a lui sconosciuto, hanno deciso di spostare l'onere di dimostrare la difettosità del prodotto sul produttore medesimo; in particolare, poi, la suddetta inversione dell'onere probatorio non rappresentava, però, una semplice riconsiderazione delle tradizionali regole procedurali, ma derivava dalla valutazione di fondo che fosse il produttore a dover dimostrare i rischi connessi al prodotto, in quanto il produttore stesso versava nella posizione maggiormente idonea a controllare il processo produttivo. In altre parole, dunque, la giurisprudenza tedesca non si era solamente limitata a presumere la colpa del fabbricante ma fondava la responsabilità del produttore sulla base della violazione di uno specifico dovere organizzativo; tale dovere incombeva appunto sul produttore medesimo sulla base di una particolare scelta politica in materia di allocazione dei rischi di danno 109 . In tal modo procedendo, dunque, i giudici, pur rimanendo formalmente all'interno dei confini della responsabilità per colpa erano in una qualche maniera riusciti a prescindere dall'atteggiamento psicologico del danneggiante nella valutazione della diligenza 108 BGH 26 novembre 1968, NJW, 1969, 296 e BGHZ, 51, 91 (Huhnerpestfall). Nel caso in
esame, la proprietà di un''azienda avicola, la quale aveva vaccinato gli animali contro la peste
aviaria, ha citato in giudizio l''impresa produttrice del suddetto vaccino al fine di farsi risarcire del
pregiudizio subito a seguito della morte di tutti gli animali causata da una contaminazione batterica
del siero.
109 Infatti, mentre nelle decisioni dei giudici italiani in materia di danno da prodotto difettoso
spesso manca una ragione teorica dell'inversione dell'onere probatorio a favore del consumatore, la
giurisprudenza tedesca ha compiuto uno sforzo maggiore al fine di giustificare tale inversione; i
giudici tedeschi attribuiscono, pertanto, al produttore quale dominus del processo produttivo, un
obbligo specifico di organizzare tale processo al meglio, con la conseguenza che, in tutte le ipotesi
in cui si verifica un danno, accollano al produttore stesso l'obbligo di individuare quale sia l'origine
della lesione e di giustificare le misure adottate per evitare il verificarsi del pregiudizio collegato
alla sua stessa attività. In argomento, v. Markensinis, The german law of torts. A comparative
introduction, cit., 51. 138 da questo adoperate nello svolgimento dell'attività produttiva e ad attribuirgli una responsabilità che risultava essere praticamente oggettiva 110. Sulla base dell'orientamento giurisprudenziale esistente in tema di responsabilità del produttore prima dell'approvazione della legge di attuazione della direttiva comunitaria, non tutti i rischi connessi alla produzione potevano essere incondizionatamente trasferiti in capo al produttore. In particolare, affinché potesse parlarsi di violazione colposa di un dovere posto a carico del produttore stesso, occorreva che il danno fosse in qualche modo riconducibile all'inadempimento del dovere di organizzare al meglio il processo produttivo. In tale ottica dunque, la responsabilità elaborata dalla giurisprudenza tedesca sulla base delle § 823 BGB non copriva il caso in cui il bene difettoso fosse stato prodotto nonostante ogni possibile attenzione (si tratta del caso che la dottrina tedesca definisce Ausreiβer). Ecco dunque che, al fine del riconoscimento della responsabilità in capo al produttore dovevano essere distinti dalle altre tipologie i c.d. difetti di fabbricazione (definiti, appunto, Ausreiβer), che erano appunto quelli che si verificavano durante il processo produttivo e che comportavano l'insorgenza del vizio in uno o in pochi esemplari di una serie del tutto regolare; per quanto concerne tali specifici difetti il produttore non incorreva in alcuna responsabilità atteso che mancava, con riferimento alla loro origine, la violazione di un dovere che, come visto, rappresentava una condizione necessaria affinché potesse imputarsi il danno al fabbricante 111. Sempre per le medesime ragioni la responsabilità ex § 823 BGB non si estendeva ai c.d. Entwicklungsfehler, ossia i c.d. ''difetti di sviluppo' che, come detto, sono quei difetti che sulla base dello stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti al momento in cui il prodotto è stato messo in circolazione, non potevano essere conosciuti. Anche con riferimento a questi specifici difetti non sussistevano i presupposti per far valere la responsabilità ai sensi del § 823 BGB, non essendo possibile ricondurre un danno avente un'' origine ignota (il cui verificarsi non era, quindi, in nessun modo prevedibile al momento in cui il prodotto difettoso era stato immesso sul mercato) alla violazione di uno specifico dovere di protezione posto in capo al produttore; attribuire al produttore 110 Visentini, L''esimente del rischio da sviluppo come criterio della responsabilità del produttore.
(L''esperienza italiana e tedesca e la direttiva comunitaria), in Resp. civ., 2004, 1281.
111 Markensinis, The german law of torts. A comparative introduction, cit., 51. 139 medesimo una responsabilità per i danni derivanti da difetti di sviluppo avrebbe, difatti, comportato l'abbandono del principio della colpa, principio che è, appunto, alla base della verschuldensabhängige Haftung fondata sul §823 BGB 112. 3.1. La legge di attuazione della direttiva: il c.d. Produkthaftungsgesetz Premesso, dunque, quale fosse la situazione nel diritto tedesco prima della normativa di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni provocati da prodotti difettosi, occorre ora ricordare come la Germania abbia recepito il testo comunitario attraverso la legge del 15 dicembre 1989 (con il c.d. (Produkthaftungsgesetz) entrata in vigore il 1° gennaio 1990 113; la Repubblica Federale Tedesca ha contribuito al riavvicinamento delle legislazioni in materia di danni derivanti da prodotti difettosi in maniera molto fedele alla direttiva comunitaria senza, tuttavia, apportare alcuna modificazione al BGB. La suddetta legge, infatti - così come previsto nella direttiva comunitaria stessa -prevede una vera e propria ipotesi di responsabilità oggettiva, atteso che, secondo tale testo normativo, al fine del riconoscimento della responsabilità in capo al produttore, è sufficiente che il consumatore danneggiato fornisca la prova concernente il difetto del prodotto, la lesione rilevante di un bene giuridico nonché il nesso di causalità tra tali elementi. In particolare, ai sensi della legge tedesca di attuazione della direttiva, all''interno della categoria di prodotto sono ricomprese le cose mobili anche qualora siano diventate parti di altre cose mobili o immobili; anche l''elettricità '' che nel diritto tedesco, a causa della sua immaterialità, non è considerata cosa nel senso del § 90 BGB '' è stata ricompresa espressamente nella categoria dei 112 Visentini, L''esimente del rischio da sviluppo come criterio della responsabilità del produttore.
(L''esperienza italiana e tedesca e la direttiva comunitaria), cit., 1297.
113 Ad esclusione del territorio riferibile all'ex Repubblica democratica tedesca in cui si applica
esclusivamente prodotti messi in circolazione dopo il 3 ottobre 1990. In argomento, v. Bieberstein,
La responsabilità da prodotti nel diritto tedesco, in Danno da prodotti e responsabilità
dell''impresa. Diritto italiano ed esperienze straniere, a cura di Alpa e Bessone, Milano, 1980,
165; Link e Sambuc, Federal Republic of Germany, in European product liability, a cura di Kelly
e Attree, Kent, 1993, 125 e ss.; Troiano, La nuova legge tedesca sulla responsabilità per prodotti
difettosi, in Riv. dir. civ., 1996, 271; Wandt, German approaches to product liability, in Texas
International Law Jounal, 1999, 71; Graf Von Westphalen, Produkthafungshandbuch, Band 2,
Munchen, 1998; Markensinis, The german law of torts. A comparative introduction, cit., 51. 140 prodotti 114 . Inoltre, occorre osservare come la responsabilità oggettiva del Produkthaftungsgesetz non si estende ai danni alle cose o alle persone derivanti da vizi di cose immobili mentre, invece, trova applicazione qualora si tratti di un software. La normativa di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni da prodotti non si applica ai prodotti farmaceutici, per i quali sussiste, come vedremo, un''apposita disciplina. Per quanto concerne, poi, i prodotti agricoli e naturali, anche la Germania ha inizialmente deciso di non estendere la responsabilità oggettiva prevista nella legge di attuazione della direttiva a tali categorie di prodotti, così che il risarcimento del danno derivante da questi beni di consumo veniva regolato dal diritto comune della responsabilità contrattuale ed extracontrattuale 115. Sulla base della legge tedesca del 15 dicembre 1989, affinchè sorga la responsabilità del produttore, è necessario che il prodotto stesso presenti un vizio (Produktfehler); in particolare, ai sensi della richiamata normativa, un prodotto è viziato quando non offre quelle caratteristiche di sicurezza che si possono legittimamente pretendere, tenute presenti tutte le circostanze del caso concreto. Sotto questo profilo, la nuova legge non sembra apparire maggiormente rigorosa della situazione precedente; infatti, l''orientamento giurisprudenziale che si era consolidato prima della legge di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni derivanti da prodotti difettosi, aveva dato vita ad una prassi in base alla quale la responsabilità del produttore trovava già il proprio fondamento nell'obiettiva violazione di un obbligo generale di sicurezza il quale si basava sulle aspettative obiettive del pubblico. In particolare, anche precedentemente all''introduzione della legge di attuazione della direttiva comunitaria, ai fini di configurare una responsabilità in capo al produttore, il prodotto stesso doveva offrire quel grado di sicurezza che veniva generalmente ritenuto necessario, in quello specifico settore produttivo, dalla maggior parte degli utenti 116 114 Inoltre, all''interno della categoria di prodotti non vi rientrano solamente i prodotti industriali,
bensì anche quelli realizzati artigianalmente o di carattere artistico.
115 Come noto, la suddetta discrezionalità, tuttavia, è venuta meno successivamente alla direttiva
1999/34/CEE.
116 Ecco dunque che, sotto questo specifico profilo, la legge tedesca di attuazione della direttiva
comunitaria non ha fatto altro che tradurre questa prassi giurisprudenziale che si era consolidata.
Sul punto, v. Hohloch, Prospettive di evoluzione della responsabilità del produttore nel diritto
tedesco, in Il danno da prodotti in Italia '' Austra - Repubblica Federale di Germania '' Svizzera, a
cura di Patti, Cedam, 1990, 263. 141 La sopra menzionata legge tedesca di recepimento della direttiva comunitaria stessa ha, poi, specificatamente previsto, sia pure in maniera esclusivamente esemplificativa, specifiche circostanze che possono essere prese in considerazione al fine di valutare se un'aspettativa possa o meno ritenersi giustificata; sotto questo particolare profilo, si è fatto riferimento al modo in cui il prodotto viene offerto, alle caratteristiche del consumo che ne può ragionevolmente essere fatto, ed anche al momento in cui il prodotto viene messo in commercio 117. Occorre, peraltro, osservare come, rispetto alla normativa precedente, la nuova legge tedesca aggrava la responsabilità del produttore in quanto detta responsabilità viene estesa anche ai danni derivanti dal difetto del singolo bene; sulla base della nuova disciplina, il produttore dovrà, dunque, rispondere dei danni anche qualora essi siano stati cagionati dall'unico prodotto di una serie che presenti dei difetti evitabili in base alla diligenza richiesta. Di contro, la legge tedesca non impone al produttore alcuna responsabilità nel settore della sperimentazione, atteso che la Repubblica Federale Tedesca non si è avvalsa della possibilità di scelta offerta dall''art. 15, comma 1, lett. b) della direttiva comunitaria; in tale ottica, pertanto, il produttore non è responsabile per quei vizi che, sulla base delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti al momento della sua commercializzazione, non potevano essere conosciuti dal produttore stesso 118. La normativa tedesca di attuazione della direttiva comunitaria chiarisce, poi, quali soggetti possono incorrere in responsabilità; nello specifico, rientrano all''interno della categoria dei responsabili, infatti, oltre a coloro che prendono direttamente parte al ciclo di fabbricazione del prodotto, anche i c.d. ''quasi fabbricanti' (ossia a quei soggetti che immettono il bene nel mercato sotto il 117 Lo standard di sicurezza deve essere determinato con riferimento al momento in cui prodotto
viene messo in commercio; pertanto, se in questo momento il prodotto stesso corrispondeva alle
aspettative di sicurezza del pubblico, il bene non diventerà difettoso successivamente qualora siano
aumentate in seguito tali aspettative, e tantomeno nell'ipotesi in cui venga posto in commercio un
prodotto migliore.
118 Le altre cause dirette ad escludere la responsabilità del produttore disciplinate nella legge
tedesca di attuazione della direttiva, sono le medesime di quelle riconosciute dall''art. 7 del testo
comunitario stesso 142 proprio nome) nonché gli importatori da paesi terzi 119 che introducono il prodotto nell''ambito comunitario. Al riguardo, occorre specificare come la disciplina di recepimento della direttiva comunitaria abbia reso più rigorosa la responsabilità del quasi-produttore, atteso che, in base alla giurisprudenza che si era formata (precedentemente a tale normativa) sul § 823 comma 1° del BGB, quest''ultimo rispondeva della violazione degli obblighi di sicurezza solamente nell'ipotesi in cui avrebbe dovuto tenere presente la possibilità che il consumatore, confidando sul suo segno distintivo, aveva posto in essere nell'utilizzazione del prodotto una diligenza minore di quella che avrebbe altrimenti osservato (tale circostanza poi non veniva presunta) 120. Sulla base della legge del 15 dicembre 1989, la responsabilità oggettiva del produttore grava, dunque, anche in via sussidiaria sui distributori; questi ultimi, infatti, sono responsabili per i danni causati dai prodotti quando non sia possibile individuare i fabbricanti e si possono liberare dalla suddetta responsabilità esclusivamente indicando i loro fornitori anteriori od il produttore. Ulteriore particolarità della legge tedesca concerne poi il "ragionevole periodo di tempo" entro quale il distributore può liberarsi dalla responsabilità attraverso l'indicazione del produttore; il legislatore tedesco ha, infatti, fissato tale periodo in un mese dalla richiesta del danneggiato 121. Qualora, poi, per lo stesso danno sono responsabili più fabbricanti, essi ne risponderanno in via solidale e l'ammontare della quota di risarcimento che grava sul singolo debitore sarà determinata dalle circostanze che hanno dato luogo l'evento lesivo 122. 119 Questa disciplina non è, tuttavia, del tutto nuova nella esperienza tedesca, atteso che già
nell'ambito della responsabilità del produttore - come veniva configurata sulla base dei §§ 823 e ss.
BGB - anche l'importatore aveva l'obbligo di controllo e di informazione sulle potenzialità lesive
dei beni e ciò soprattutto a causa del ruolo da lui stesso svolto nella commercializzazione di
prodotti.
120 Hohloch, Prospettive di evoluzione della responsabilità del produttore nel diritto tedesco, cit.,
263.
121 Secondo la giurisprudenza tedesca, il fornitore non è gravato da nessuno degli obblighi di
diligenza per quanto concerne i beni che non abbia fabbricato lui stesso, ma deve solamente
controllare che i prodotti non presentino difetti facilmente riconoscibili. Maggiori obblighi di
controllo si avranno esclusivamente qualora siano già conosciuti i danni causati dal prodotto in
questione oppure nelle ipotesi in cui il produttore sia inaffidabile. Sul punto, BGH, 11 dicembre
1979, in NJW, 1980, 1220; BGH, 10 novembre 1976, in MDR, 1977, 390.
122 I diritti di regresso sono regolati dalle norme nazionali (§§ 421-425 e 426 comma 1 e 2 BGB). 143 Il legislatore tedesco nel redigere il Produkthaftungsgesetz si è preoccupato di inserire il nuovo diritto nel sistema preesistente anche con riferimento ai limiti della responsabilità; la responsabilità del produttore viene limitata in modo tale da riconoscere il risarcimento dei danni alla persona ma non quelli di lieve entità alle cose 123 . La responsabilità introdotta dal Produkthaftungsgesetz è limitata anche in un altro senso; oltre, infatti, a prevedere un limite con riferimento all''ammontare del risarcimento da un prodotto difettoso o da una serie di prodotti aventi tutti il medesimo difetto 124, la responsabilità oggettiva in diritto tedesco non si estende al risarcimento del danno non patrimoniale, con la conseguenza che anche il Produkthaftungsgesetz limita la responsabilità del produttore al risarcimento di danni patrimoniali attraverso l''enumerazione dei danni risarcibili. Qualora, poi, il difetto del prodotto cagioni la morte di una determinata persona, la legge tedesca specifica che la responsabilità civile comprende altresì i pregiudizi patrimoniali sofferti prima della morte come, ad esempio, il costo delle cure mediche o la perdita di guadagno subita prima del decesso; inoltre, possono anche essere risarciti quei pregiudizi patrimoniali conseguenti al fatto che durante la malattia erano aumentati bisogni del defunto. Ai suddetti danni si aggiungono anche risarcimento delle spese funebri a favore di colui che le ha dovuto sopportare, il quale sarà di regola l'erede del defunto. 3.2. La normativa speciale tedesca in materia di danni cagionati da farmaci: Arzneimittelgesetz La legge tedesca di attuazione della direttiva comunitaria esclude espressamente dal campo di applicazione della normativa di attuazione della direttiva comunitaria i danni derivanti da difetti nei farmaci i quali rimangono regolati da una legge speciale (Gesetz zur Neuordnung des Arzneimitterlrechts, 123 La responsabilità oggettiva del produttore, pertanto, non comprende i danni bagatellari (questi
ultimi sono risarcibili solo sulla base dei § 823 BGB).
124 La legge tedesca di attuazione della direttiva comunitaria, in conformità al testo comunitario
stesso, prevede, infatti, che non sono risarcibili i danni materiali inferiori ad una determinata
soglia; tuttavia, sotto questo specifico profilo, la legge tedesca sembra discostarsi dal testo della
direttiva in quanto non fa riferimento solamente ai danni in serie derivanti dalla stessa categoria di
prodotto ma bensì anche ai pregiudizi arrecati da un singolo bene. 144 più semplicemente Arzneimittelgesetz, con formula abbreviata AMG) 125, entrata in vigore il 1° settembre 1976 e successivamente riformata con la legge del 10 maggio 2002, n. 358 126. La novità principale introdotta dalla suddette riforma concernono, in particolare, l''onere della prova; il legislatore del 2002 ha, difatti, facilitato l'onere probatorio gravante sul consumatore il quale non è più tenuto a dimostrare che l'assunzione del farmaco abbia cagionato il danno subito, essendo sufficiente provare la mera possibilità che i pregiudizi in questione siano derivati dall'assunzione del farmaco stesso 127. Anche per quanto concerne la prova del difetto del farmaco, se il testo originario della legge poneva a carico del consumatore l''onere di dimostrare che gli effetti nocivi del prodotto avessero la loro origine nello sviluppo oppure nella fabbricazione del farmaco stesso, la legge di riforma del 2002 ha invertito l''onere probatorio, ponendo a carico del produttore farmaceutico stesso la dimostrazione 125 In argomento, v. Carnevali, La responsabilità del produttore di medicinali in una recente legge
della Repubblica Federale Tedesca, in Riv. dir. ind., 1977, 476; Id., La novella tedesca sulla
responsabilità dei produttori di farmaci, in Resp. civ. e prev., 2003, 291; Von Sachsen e Gessaphe,
Danni di massa da farmaci nel diritto tedesco, in Resp. civ. e prev., 2002, 330; Deutsch, Lippert,
Kommentar zum Arzneimittelgesetz, Berlin, 2001.
126 La riforma della legge del 1976 è stata effettuata a seguito del c.d. scandalo Lipobay. Tale
farmaco contro il colesterolo a base di cervastatina era prodotto dalla Bayer ed era sospettato di
aver provocato la morte di 52 pazienti che avevano assunto tale prodotto.
127 Il legislatore tedesco del 2002 ha introdotto una sorta di presunzione di causalità qualora il
farmaco utilizzato appaia idoneo, secondo le circostanze del caso concreto, a cagionare il danno
(in tal modo procedendo, dunque, il consumatore è esonerato dall''obbligo di dover fornire la prova
scientifica del nesso di causalità). Inoltre, occorre osservare come la dimostrazione dell'' idoneità
del farmaco a causare il danno (che incombe sul consumatore) debba essere valutata sulla base di
alcuni elementi individuati specificatamente dalla nuova disposizione normativa come, per
esempio, la composizione e la posologia del farmaco, il modo la durata del suo corretto uso, la
coincidenza temporale tra uso del farmaco e il verificarsi del danno, lo stato di salute del
danneggiato. Per quanto concerne poi la suddetta presunzione di causalità è necessario specificare
che si tratta comunque di una presunzione relativa atteso che il produttore può comunque sempre
provare la mancanza del rapporto di causalità dimostrando la sussistenza di un''altra circostanza
idonea ad aver causato il danno. Tuttavia, la nuova disposizione specifica che l'utilizzo di altri
farmaci idonei sulla base delle particolarità del caso concreto a cagionare il danno non può essere
adottato dal produttore per controbattere la presunzione di causalità; in tal modo procedendo, si
vuole quindi evitare che i diversi produttori possano liberarsi dalla presunzione di causalità
attraverso l'espediente di "palleggiarsi a vicenda le possibili responsabilità". Nell'ipotesi infatti che
il danno sia provocato da diversi farmaci prodotti idonei ad aver causato il danno i diversi
produttori saranno poi responsabili in solido ed il produttore chiamato dal consumatore a risarcire
l'intero danno avrà il diritto di regresso nei confronti degli altri fabbricanti. Sul punto, v. Carnevali,
La novella tedesca sulla responsabilità dei produttori di farmaci, cit., 293. 145 che i suddetti effetti nocivi non abbiano la loro origine nello sviluppo e nella fabbricazione del farmaco medesimo 128. La scelta del legislatore tedesco di non esonerare il produttore farmaceutico dall'obbligo di risarcire i rischi da sviluppo (§ 84 AMG) - e pertanto di renderlo in un certo senso garante della sicurezza dei farmaci immessi sul mercato - è accompagnata dall'imposizione di un'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile delle case farmaceutiche nonché dalla previsione di rilevanti limitazioni. In particolare, al fine di agevolare la copertura del rischio, il § 88 AMG prevede un tetto massimo del danno risarcibile (il quale ammonta ad una somma complessiva di 3 milioni di euro) e dispone che non tutti i danni alla persona sono risarcibili, bensì esclusivamente quelli consistente nella morte o in una lesione non grave 129. In tal modo procedendo, dunque, il legislatore tedesco, se da un lato, ha posto a carico del produttore di farmaci una responsabilità che risulta essere tendenzialmente illimitata ed assoluta, dall''altro lato, tuttavia, ha ridimensionato l''entità del danno risarcibile 130. Tuttavia, occorre ricordare come, a differenza del testo originario (§ 87 AMG) che non riconosceva alcun risarcimento per danno morale sofferto dal consumatore danneggiato 131 , la legge di riforma del 2002 dispone che il danneggiato può pretendere un'equa indennità in denaro per il danno che non ha natura patrimoniale 132. 128 Come osserva Carnevali, La novella tedesca sulla responsabilità dei produttori di farmaci, cit.,
293, si tratta dell''applicazione del criterio della vicinanza della prova (Risikosphäre) che considera
il produttore nella posizione più idonea a dimostrare il c.d. Fehlerbereich, ossia il contesto in cui è
sorto il difetto del prodotto stesso.
129 Per lesioni non gravi si deve intendere solamente quei danni che superino un livello tollerabile
secondo la scienza medica.
130 In argomento, v. Carnevali, La novella tedesca sulla responsabilità dei produttori di farmaci,
cit., 291; Visentini, L''esimente del rischio da sviluppo come criterio della responsabilità del
produttore. (L''esperienza italiana e tedesca e la direttiva comunitaria), cit., 1297.
131 Tale soluzione si poneva, peraltro, in linea con il tradizionale sistema tedesco (basato sul § 847
BGB) che non contemplava il risarcimento di un tale danno nei casi di responsabilità oggettiva. In
altre parole, la natura difettosa del farmaco non comportava anche il risarcimento del danno
morale; ciononostante, il consumatore danneggiate aveva la possibilità - in base alla norma di
rinvio del § 91 AMG '' di fare ricorso ad altre disposizioni di legge idonee ad attribuirgli una tutela
più ampia (come per esempio § 847 BGB nelle ipotesi in cui il consumatore stesso fosse stato in
grado di provare la colpa del fabbricante).
132 Tale novità legislativa si pone in linea, altresì, con una generale riforma legislativa '' anch''essa
avvenuta nel 2002 - concernente la riparazione del danno non patrimoniale. Tale riforma ha
portato all'abrogazione del § 847 BGB e all''aggiunta di un secondo comma al § 253 BGB che
prevede il pagamento di un'equa indennità nell'ipotesi di danno non patrimoniale cagionato da una 146 Infine, con la riforma del 2002 è stato introdotto il nuovo § 84° il quale conferisce al consumatore che si ritenga danneggiato da un farmaco difettoso un "diritto all'informazione" (Auskunftsanspruch). La finalità del riconoscimento di tale diritto in capo al consumatore è, sia quella di permettere a quest'ultimo di raccogliere gli elementi utili al fine di valutare se il farmaco risulti essere effettivamente difettoso (quindi di stabilire l'opportunità o meno di iniziare un procedimento giudiziario contro il produttore stesso), sia quello di agevolare il consumatore, una volta instaurato il giudizio, nella prova della natura nociva del farmaco 133. Premesso che, l'informazione ha per oggetto tutti i dati a conoscenza del produttore che possono assumere rilevanza al fine di valutare gli effetti nocivi del farmaco (come per esempio gli effetti del farmaco, effetti collaterali, effetti interattivi con altri farmaci), occorre specificare che, affinchè sorga in capo al consumatore stesso il suddetto diritto, è necessario che vi siano indizi che conducano a ritenere fondata l'ipotesi che il danno sia stato causato da un farmaco difettoso; in altre parole, ai fini del riconoscimento del suddetto diritto, non basta il semplice sospetto e non è neppure richiesta la piena prova della difettosità del farmaco; spetta, dunque, al giudice valutare, caso per caso, la rilevanza degli indizi presentati dal consumatore che richiede l'informazione. Tale diritto all'informazione viene, poi, meno esclusivamente di fronte ad una norma di legge che stabilisca la riservatezza dei dati del produttore o perlomeno tale riservatezza sia imposta da un prioritario interesse del produttore farmaceutico; è evidente che l'interesse del produttore non può consistere esclusivamente nell''evitare il discredito agli occhi del pubblico, quanto piuttosto deve basarsi nell''esigenza dello stesso di mantenere la segretezza sui processi aziendali di fabbricazione o di controllo e tale interesse deve apparire prioritario rispetto a quello del consumatore danneggiato che richiede l'informazione 134. Lo
lesione all'integrità fisica, alla salute, alla libertà ed alla autodeterminazione sessuale, sempre che
la lesione stessa sia stata recata con dolo o il danno non risulti essere irrilevante per natura e
durata. In argomento, Carnevali, La novella tedesca sulla responsabilità dei produttori di farmaci,
cit., 295.
133 Infatti affinché scatti la presunzione di causalità al consumatore deve provare alcuni specifici
elementi (v. nota'.) e tale prova viene resa maggiormente agevole dalle informazioni che il
consumatore ha diritto ad acquisire sulla base del § 84a.
134 Nell''ipotesi in cui, ai fini del rapporto causale, assumono rilievo diversi farmaci prodotti da
differenti case farmaceutiche, il consumatore può anche rivolgersi per ottenere le informazioni 147 stesso diritto all'informazione nei confronti del produttore farmaceutico è poi concesso anche nei confronti degli organismi pubblici deputati ad autorizzare la vendita del farmaco e preposti al controllo (§84° comma secondo). 4. L''ordinamento inglese: la disciplina dei danni da prodotto prima della legge di attuazione della direttiva Anche nell''ordinamento inglese, precedentemente alla legge di attuazione della direttiva comunitaria, ai fini di configurare una responsabilità in capo al produttore, il danneggiato poteva ricorrere alla disciplina contrattuale 135, oppure, in alternativa 136 (qualora non fosse stato posto in essere un contratto) richiamarsi alle regole tradizionali sulla c.d. Tort of negligence 137.. In particolare, in quest''ultima ipotesi, il ricorrente, ai fini di ottenere il completo ristoro dei danni subiti a causa dei prodotti messi sul mercato, poteva fare ricorso alle regole generali in tema di responsabilità extracontrattuale, sempre che il danneggiato stesso fosse però in grado di provare la ''negligence' di colui che aveva cagionato il danno. Al riguardo, occorre osservare come, per configurare un tort of negligence, non era sufficiente solamente che fosse stato posto in essere un comportamento negligente ma occorreva altresì che sussistesse in capo al danneggiante un vero e proprio duty of care, ossia che quest'ultimo avesse uno specifico dovere di
relative ai prodotti, a ciascuno di essi, fermo restando che, in relazione a ciascuno dei produttori, il
consumatore dovrà favorire gli indizi che giustificano la richiesta di informazioni.
135 Il Sale of Goods Act del 1979 Il Sale of Goods Act del 1979 è stato abrogato dal Sale and
Supply of Goods Act 1994 e dal Sale and Supply of Goods to Consumers Regulations 2002 che è
applicabile solamente ai contratti c.d. business to consumers e non a quelli c.d. business to
business.
136 Saluzzo, Comba e Bernardini, Il prodotto sicuro nella CEE. La responsabilità per danno da
prodotto difettoso e i requisiti di sicurezza nella normativa europea, Milano, 1993, 33; Spencer,
La responsabilità del produttore nell''ordinamento inglese, in Danno da prodotti e responsabilità
dell''impresa. Diritto italiano ed esperienze straniere, a cura di Alpa e Bessone, Milano, 1980,
113; Jolowicz, L''introduction de la directive au Royaume-Uni, in Sécurité des consommateurs et
responsabilté du fait des produits défectueux, Parigi, 1986, 126.
137 Il tort of negligence è nato intorno al XVI-XVIII secolo ed inizialmente veniva adoperato
solamente in un numero assai limitato di casi; esso, difatti, assumeva rilevanza nei confronti di
quei soggetti che, svolgendo un'attività di pubblico rilievo (come, per esempio, il medico chirurgo)
venivano considerati onerati di un particolare dovere di diligenza dei confronti dei consociati
(Gallo, Tipicità ed atipicità dell''illecito in Common law, in Atlante di diritto comparato, 148). A
partire dall'Ottocento, successivamente alla crescente industrializzazione dell'economia, l'area del
c.d. Tort of negligence si è ampliata notevolmente. Occorre, inoltre, osservare come il termine
''negligence' significa mancanza di diligenza e, conseguentemente indica la sussistenza di un
comportamento non scrupoloso da cui deriva un danno per un altro soggetto. 148 adottare un comportamento conforme alla normale diligenza nei confronti di tutti i potenziali danneggiati. Ai fini poi di valutare se il comportamento del danneggiante fosse stato o meno diligente, il giudice doveva in primo luogo indagare se nel singolo caso concreto vi era stata un'inottemperanza di un comportamene dovuto in quanto, in tal caso, si generava una presunzione di responsabilità in capo al convenuto. Proprio in tema di Torto of negligence, occorre segnalare come il Leading precedent era rappresentato dal famoso caso Donoghue v. Stevenson (1932), a seguito del quale si è istituita, appunto, una regola generale di diligenza (c.d. duty of care) imposta al fabbricante al fine di tutelare tutti i destinatari dei prodotti circolanti all'interno del mercato. In particolare, si è andato affermando il principio secondo cui ciascuno deve prevedere le conseguenze dannose che possono derivare ai terzi dai propri atti e, in tal modo procedendo, si è introdotto un nuovo illecito (negligence) caratterizzato, appunto, dalla violazione del dovere generale di diligenza. In altre parole, si è voluto affermare il principio per cui tutti i soggetti che siano «so closely and directly affected by my act that I ought reasonably to have them in contemplation» sono coloro nei confronti dei quali sussiste uno specifico duty of care la cui violazione costituisce, pertanto, negligence 138 . Poco tempo dopo il caso Donoghue v. Stevenson 139, il sopra richiamato principio veniva esteso al caso del danno al bambino ferito dalla improvvisa caduta di una pietra tombale, alla responsabilità dei riparatori, costruttori, assemblers, produttori di alimentari, di bevande, di elettrodomestici, di prodotti chimici e industriali, di autoveicoli, di vestiario, tagliaerba, ascensori 140, prodotti infiammabili, o sostanze velenose non accompagnate da adeguate informazioni per l'uso 141. 138 Toriello, in Il diritto privato dell'Unione Europea, Torino, 2002, 804.
139 Si tratta di un caso in cui il danneggiato agisce contro il produttore di una bottiglia pur non
essendoci tra il consumatore stesso ed il fabbricante un legame contrattuale.
140 Walton v British Leyland UK Ltd (1978). Miller, Harvey, Parry, Consumer and Trading Law:
Text, Cases and Material (2 nd, edn, 1998) 208-13. 141 Interessante notare come il trattamento sia lo stesso sia nelle ipotesi in cui il reclamo riguardi il
prodotto sia che concerni in packaging. O'Dwyer v Leo Buring Pty Ltd [1966] WAR 67 (EA Sup
Ct) (stopper on bottle of sparkling wine). Hill v James Crowe (Cases) Ltd [1978] 1 All ER 812
(wooden packin case). 149 4.1. La normativa di attuazione della direttiva: il Consumer Protection Act del 15 maggio 1987 Ripercorsa brevemente quale fossero i rimedi che nell''ordinamento inglese potevano essere utilizzati dal soggetto danneggiato da un prodotto difettoso prima dell''emanazione della direttiva comunitaria, occorre ricordare come la Gran Bretagna sia stato il primo Stato membro a recepire il testo comunitario e l'unico - insieme all'Italia e alla Grecia - a rispettare il termine richiesto dalla Comunità 142; l''ordinamento inglese, infatti, ha dato attuazione alla direttiva comunitaria in tema di danni derivanti da prodotti difettosi attraverso il Consumer Protection Act del 15 maggio 1987, entrato in vigore il successivo 1° marzo 1988 143. Tale normativa, tuttavia, presenta una struttura con sensibili differenze rispetto al contenuto della direttiva comunitaria: in particolare, il Consumer Protection Act 144 è diviso in cinque parti 145 di cui la prima '' su cui si concentrerà l''attenzione '' concerne la normativa di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni derivanti da prodotti difettosi, la quale è poi, a sua volta, suddivisa il 9 sections 146. Il Consumer Protection Act trova applicazione in Inghilterra, Galles e Scozia, mentre nell''Irlanda del nord vige il Consumer Protection (Northern Ireland) Order del 1987, il quale presentare il medesimo contenuto ed è entrato in vigore il medesimo giorno del Consumer Protection Act 147. 142 Howells, Product liability in the United Kingdom, in European Review of Private Law, 1994,
255; Thornton e Ellis, United Kingdom, in European product liability, a cura di Kelli e Attree,
Kent, 1993, 25, 705.
143 Tale testo, da un lato finisce per modificare i precedenti Consumer Safety Act del 1978 e
Consumer Safety (Amendment) Act del 1986, e dall''altro pare risentire dell''influenza del diritto
statunitense in tema di responsabilità del produttore.
144 Nell''Arrangement of section del Consumer Protection Act si specifica che tale normative
costituisce ''An Act to make provision with respect to the liability of persons for damage caused by
defective products; to consolidate with amendments the Consumer Safety Act 1978 and the
Consumer Safety (Amendment) Act 1986; to make provision with respect to the giving of price
indications; to amend Part I of the Health and Safety at Work etc. Act 1974 and sections 31 and 80
of the Explosives Act 1875; to repeal the Trade Descriptions Act 1972 and the Fabrics
(Misdescription) Act 1913; and for connected purposes'.
145 La prima parte del Consumer Protection Act è intitolata ''Product Liability'; la seconda
''Consumer Safty'; la terza ''Misleading Price Indications'; la quarta ''Enforcemnt of Parts II and
III; e la quinta ''Miscellaneous and Supplemental'.
146 Nello specifico, la prima section s''intitola ''Purpose and construction of Part'; la seconda
''Liability for defective products'; la terza ''Meaning of "defect"'; la quarta '' Defences'; la quinta ''
Damage giving rise to liability'; la sesta ''Application of certain enactments etc'; la settima
''Prohibition on exclusions from liability'; l''ottava ''Power to modify Part I'; ed, infine, la nona
''Application of Part I to Crown'.
147 Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., 106. 150 Nello specifico, la section 2 del Consumer Protection Act, introduce una vera e propria ipotesi di responsabilità oggettiva, in quanto sancisce una forma di strict liability per i danni causati interamente o parzialmente dai difetti del prodotto 148. Nell''esperienza inglese l''introduzione di tale principio ha assunto una grande rilevanza atteso che, come precedentemente rilevato, in Inghilterra, a differenza che in altri paesi europei (si pensi, per esempio, alla Francia) tanto la dottrina, quanto la giurisprudenza, erano ancora ancorate al criterio della colpa, con la conseguenza che in tale ordinamento il produttore poteva essere chiamato a rispondere per i danni cagionati dai prodotti difettosi solamente qualora il produttore stesso avesse posto in essere un comportamento colposo. 149. Per quanto concerne la categoria di prodotti, occorre osservare come il Consumer Protection Act (section 1) riprenda la definizione presente nella direttiva; si afferma, infatti, che sono considerati prodotti qualsiasi bene mobile (compreso l''elettricità) anche se forma parte di un altro bene mobile o immobile 150 . Ecco dunque che, in base a tale definizione, non rientrano nell''ambito di applicazione della normativa in questione le costruzioni e la terra, anche se i materiali necessari per effettuare le costruzione (come, per esempio, il mattoni e le travi) sono considerati prodotti. La normativa contenuta nel Consumer Protection Act trova, poi, applicazione, anche con riferimento ai farmaci, vaccini, il sangue, emoderivati 151, il plasma, agli organi del corpo umano, ai beni di seconda mano (c.d. second-hand goods) e ai prodotti dell''artigianato o ai beni artistici 152. 148 Il Consumer Protection Act sancisce infatti che ''Subject to the following provisions of this Part,
where any defective products. damage is caused wholly or partly by a defect in a product, every
person to whom subsection (2) below applies shall be liable for the damage'. (Section 2 (1)).
149 Proprio per tale ragione, è stato osservato come, in realtà, il Common Law inglese ha
manifestato - a differenza anche dell'ordimento americano - numerose resistenze all'affermazione
di principi di responsabilità oggettiva dell'impresa. Sul punto, v. Toriello, in Il diritto privato
dell'Unione Europea, cit.,
150 La Section 1 del Consumer Protection Act sancisce, infatti, che ''"product" means any goods
or electricity and (subject to subsection (3) below) includes a product which is comprised in
another product, whether by virtue of being a component part or raw material or otherwise'.
151 Sul punto v. A v National Blood Authority [2001] 3 All ER 289, in cui '' come si dirà meglio
più avanti '' diversi danneggiati hanno agito - ai sensi della disciplina contenuta proprio nel
Consumer Protection Act - a causa dell'infezione (in particolare, si trattava di epatite C) contratta a
seguito di trasfusioni di sangue; in tale occasione è stato ritenuto che nel caso di specie i ''blood
products' (ossia gli emoderivati) si dovessero considerare come prodotti difettosi e che
conseguentemente il produttore fosse responsabile per i pregiudizi subiti dai ricorrenti.
152 Miller-Goldberg, Product liability, Oxford, 2004, 300 ss. 151 Il Consumer Protection Act '' in conformità con la normativa comunitaria '' esclude poi dal suo ambito di applicazione i danni cagionati dagli impianti nucleari (section 6 (8)); tuttavia, occorre osservare come tale esclusione non sussiste qualora le radiazioni tossiche siano emesse in differenti circostanze 153. Inizialmente la disciplina inglese in tema di danni da prodotti non ricomprendeva i prodotti agricoli naturali, e quindi i prodotti del suolo, dell''allevamento e della pesca, ad esclusione dei beni che avessero subito una prima trasformazione. Tuttavia, a seguito della legge del 4 dicembre 2000, la quale ha dato attuazione alla direttiva comunitaria 1999/34, tali prodotti (all''interno dei quali rientrano, per esempio, l''erba o i c.d. blood product') 154 sono stati ricompresi nell''ambito di applicazione della normativa presente del Consumer Protection Act 155. Per quanto concerne, poi, la prova della difettosità del prodotto, occorre osservare anche come, a tal riguardo, l''ordinamento inglese richieda che il prodotto in questione fabbricato secondo un determinato progetto, sia ''socialmente accettabile'. In particolare, secondo l'ordinamento inglese un prodotto è "difettoso" qualora non offra la sicurezza che il "grande pubblico si può legittimamente attendere" 156 sulla base del suo probabile uso, dell'istruzione 157 e del termine di consegna; nello specifico la section 3 del Consumer Protection Act sancisce che ''..there is a defect in a product for the purposes of this Part if the safety of the product is not such as a person generally are entitled to expert' e che al fine di determinare '' what persons generally are entitled to expect' occorre valutare una serie di circostanze tra cui: '' (a) the manner in which, and purposes for which, the product has been marketed, its get- up, the use of any mark in relation to the product and any instructions for, or 153 Miller-Goldberg, Product liability, Oxford, 2004, 300 ss.
154 Miller-Goldberg, Product liability, Oxford, 2004, 308.
155 Miller-Goldberg, Product liability, Oxford, 2004, 308.
156 La section 3 stabilisce, infatti, che un prodotto è difettoso quando ''the safety of the product is
not such as persons generally are entitled to expect'.
157 Occorre ricordare che in caso di comunicazioni ingannevoli sul prodotto sono regolati dal
Trade Descriptions Act 1968. L'illiceità si estende all'uso di comunicazioni e messaggi mendaci
contenuti sulle confezioni dei prodotti (in tal caso sono previste sanzioni come la multa o l'arresto).
Ai sensi del Sale of Goods Act 1979, le merci vendute al pubblico devono essere "di qualità
soddisfacente" e adatte al fine a cui sono preposte. In caso contrario, il consumatore potrà
richiedere al rivenditore il risarcimento danni. Un importatore, produttore o rivenditore può essere
ritenuto contrattualmente responsabile dei prodotti difettosi qualora le merci non rispettino le
specifiche del contratto. 152 warniy with respect to, doing or refraining from doing anything with or in relation to the product; b) what might resonably be expected to be done with or in relation to the product; and c) the time when the product was supplied by its producer to another'. Inoltre, la normativa inglese specifica come, la realizzazione successiva di un prodotto più sicuro del suo immediato precedente non implica di per sé che il primo fosse difettoso. Ai sensi della normativa inglese di attuazione della direttiva comunitaria, la responsabilità per i danni cagionati da prodotti difettosi può ricadere sul produttore, oppure sul fornitore o sull''importatore 158. In particolare, il Consumer Protection Act definisce il produttore come il fabbricante del prodotto, oppure colui che lo ha ideato, o chi ha effettuato il procedimento industriale a seguito del quale il prodotto stesso ha assunto le sue principali caratteristiche; in alternativa, il produttore può essere anche la persona che si presenta come tale a mezzo del marchio di fabbrica, ovvero come primo importatore del prodotto nel mercato comune. Qualora, poi, il produttore non possa essere identificato, potrà essere chiamato a rispondere il fornitore 159 . Tuttavia, a tal fine è necessario che il danneggiato richieda al fornitore stesso di identificare '' entro un periodo di tempo ragionevole dal verificarsi del pregiudizio '' il responsabile del danno '' e che il fornitore non sia in grado di soddisfare (sempre in un congruo periodo di tempo) la richiesta del danneggiato stesso e, quindi, non sia capace di identificare la persona che gli ha venduto il prodotto (section 2). 160 158 La section 2(2) stabilisce, infatti, che ''This subsection applies to'' (a) the producer of the
product; (b) any person who, by putting his name on the product or using a trade mark or other
distinguishing mark in relation to the product, has held himself out to be the producer of the
product; (c) any person who has imported the product into a member State from a place outside
the member States in order, in the course of any business of his, to supply it to another'.
159 Il Consumer Protection Act specifica, difatti, che ''Subject as aforesaid, where any damage is
caused wholly or partly by a defect in a product, any person who supplied the product (whether to
the person who suffered the damage, to the producer of any product in which the product in
question is comprised or to any other person) shall be liable for the damage if'' (a) the person
who suffered the damage requests the supplier to identify one or more of the persons (whether still
in existence or not) to whom subsection (2) above applies in relation to the product; (b) that
request is made within a reasonable period after the damage occurs and at a time when it is not
reasonably practicable for the person making the request to identify all those persons; and (c) the
supplier fails, within a reasonable period after receiving the request, either to comply with the
request or to identify the person who supplied the product to him'.
160 In argomento, v. Rescigno, Le nuove frontiere della legislazione: la disciplina della tutela del
consumatore e la responsabilità da prodotto, cit., 556. 153 Ai sensi della normativa inglese in tema di danno da prodotto difettoso, al fine di ottenere il risarcimento del danno, l'attore deve semplicemente dimostrare di aver subito un pregiudizio ingiusto al momento dell'utilizzazione corretta e prevedibile del prodotto; il produttore, a sua volta, può andare esente da responsabilità qualora dimostri una delle cause previste dalla section 4 del Consumer Protection Act 161. In particolare, il produttore stesso dovrà dimostrare la conformità del bene che ha cagionato il danno agli standards previsti dalla legislazione inglese (o comunitaria), oppure di non esserne stato il fornitore del bene, o di non aver fornito il prodotto nell'esercizio dell'attività professionale, oppure ancora la mancanza del difetto nel prodotto stesso al momento della sua consegna o infine, trattandosi di prodotti di parti componenti, della dipendenza del difetto dalla progettazione altrui del prodotto finito. Tuttavia, come in tutti i Paesi che hanno dovuto recepire la direttiva comunitaria in tema di danno da prodotti, la causa di esclusione della responsabilità che ha suscitato maggiori dubbi è quella concernente il c.d. rischio da sviluppo stabilita dalla section 4, comma 1, lett. e. del Consumer Protection Act; tale disposizione prevede, infatti, che "in ogni azione civile intentata ai sensi della presente parte a causa di un prodotto difettoso, il convenuto potrà escludere la propria responsabilità se dimostra '' che lo stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti al momento considerato non permetteva di 161 La section 4 del Consumer Protection Act specifica che il produttore può liberarsi da
responsabilità qualora dimostri: ''a) that the defect is attributable to compliance with any imposed
by or under any enactament or with any Communitary obligation; or b) that the person proceeded
against did not at any time supply the product to another; or c) that the following conditions are
satisfied, that is to say '' (i) that the only supply of product to another by the person proceeded
against was otherwise than in the course of a business of that person''s; and (ii) that section 2 (2)
above does not apply to that person or applies to him by virtue only of things done otherwise than
with a view to profit: or d) that the defect did not exist in the product at the relevant time; or e)
that the state of scientific and technical knowledge at the relevant time was not such that a
producer of product of the same description as the product in question might be expected to have
discovered the defect if it had existed in his products while they were under his control; or (f) that
the defect '' (i) constituted a defect in a product '. in which the product in question had been
comprised; and (ii) was wholly attributable to the design of the subsequent product or to
compliance by the producer of the product in question with instructions given by the producer of
the subsequent product'. Al riguardo occorre ricordare il caso Terence Piper v JRI
(Manufacturing) Limited [2006] 92 BMLR 141 in cui la Corte d''Appello ha sancito che il
produttore di un protesi dell''anca non fosse responsabile per la rottura della protesi
successivamente alla sua applicazione. Si è ritenuto, infatti, che, nel caso di specie, il convenuto
non dovesse rispondere del danno subito dal ricorrente, in quanto la protesi non era difettosa nel
momento in cui era stata consegnata all''ospedale. 154 aspettarsi, da un produttore di prodotti del genere di quelli in causa, che egli avrebbe potuto scoprire il difetto esistente nei suoi prodotti durante il periodo di permanenza degli stessi nella sua sfera di controllo". Con riferimento a questa specifica causa di esclusione della responsabilità, la Commissione, rilevando che, in tal modo procedendo, si finiva per introdurre un elemento di soggettività nell'individuazione dello ''stato dell'arte' 162 , aveva ammonito il legislatore inglese affinché quest''ultimo provvedesse in senso più conforme alla direttiva e quindi eliminasse il rischio di scivolare nel campo dell'imputabilità e della colpevolezza nella valutazione dell' esimente in questione. Tuttavia, atteso che tale ammonimento non comportò di fatto alcun cambiamento, la Commissione stessa ha promosso un procedimento d'infrazione contro Regno Unito davanti alla Corte di giustizia 163 . Quest'ultima ha, però, respinto detto ricorso, ritenendo che la disposizione del Protection Act non appariva manifestamente in contrasto con quella della direttiva comunitaria; la Corte, infatti, pur riconoscendo la sussistenza di profonde differenze tra il testo nazionale inglese e quello comunitario (atteso che il primo ammetteva ulteriori parametri di valutazione concernenti il comportamento di un produttore diligente e appartenente allo stesso settore produttivo) tuttavia, ha ritenuto che tali divergenze non fossero tali da compromettere il raggiungimento degli scopi della direttiva, finalizzati a garantire la libera circolazione delle merci, il gioco della concorrenza e la pari protezione di tutti i consumatori degli Stati membri contro i danni causati da prodotti difettosi. In realtà, occorre osservare come, il rigetto del ricorso non si sia basato sull'infondatezza dei motivi adottati dalla Commissione ma bensì, sull'impossibilità di fornirne la prova atteso che, al momento della pronuncia della Corte di giustizia, mancavano applicazioni giurisprudenziali della disposizione relativa ai rischi del sviluppo che evidenziassero gli effetti pratici della sua 162 Infatti, secondo la section 4, comma 1, lett. e) la suddetta clausola esclude la responsabilità del
produttore nell'ipotesi in cui quest'ultimo dimostri che in base allo stato delle conoscenze
scientifiche tecniche sussistente al momento considerato un produttore nelle sue stesse condizioni
non sarebbe stato in grado di rinvenire il difetto verificatosi; tale giudizio comporta
necessariamente una valutazione del comportamento del produttore in termini di colpa. In
argomento, v. Whincup, La legge di riforma in materia di responsabilità del produttore nel diritto
inglese, in Riv. dir. civ., 1989, 503.
163 Corte giust. CE, 29 maggio 1997, C-300/95, in Corr. giur., 1997, 1387. 155 difformità esistente tra il testo del Consumer Protection Act e quello comunitario 164. Secondo la legge inglese in tema di responsabilità del produttore, i danni risarcibili sono la morte, le lesioni personali, il danno alla proprietà (per un valore superiore alle 275 sterline) 165 compreso la terra 166 ; rimane, pertanto, escluso dall''ambito di applicazione della normativa inglese il danno prodotto in sé e quello derivante da qualsiasi accessorio del prodotto medesimo 167. Secondo il Consumer Protection Act, l'azione per ottenere il risarcimento del danno deve essere esercitata entro il termine di 10 anni dalla circolazione del prodotto ed entro 3 anni dal momento in cui l'attore è a conoscenza di una causa legittimante l'esperimento dell'azione medesima 168. Per quanto concerne, poi, i danni derivanti dalla stessa categoria di prodotto, l''ordinamento inglese non prevede alcun limite massimo dei danni risarcibili 169. In conclusione, occorre notare che anche nel Regno Unito la normativa di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni derivanti da prodotti difettosi non ha avuto '' almeno inizialmente - un rilevante impatto pratico 170. 164 Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., 90;
165 La normative inglese di attuazione della direttiva comunitaria in material di danno da prodotto
difettoso specifica che ''Subject to the following provisions of this section, in this Part use to
liability. "damage" means death or personal injury or any loss of or damage to any property
(including land) (Section 5 (1)). Si afferma, inoltre, che ''A person shall not be liable under section
2 above in respect of any defect in a product for the loss of or any damage to the product itsel f or
for the loss of or any damage to the whole or any part of any product which has been supplied
with the product in question comprised in it' (Section 5 (2)); ''A person shall not be liable under
section 2 above for any loss of or damage to any property which, at the time it is lost or damaged,
is not'' (a) of a description of property ordinarily intended for private use, occupation or
consumption; and (b) intended by the person suffering the loss or damage mainly for his own
private use, occupation or consumption' (Section 5 (3)); ''No damages shall be awarded to any
person by virtue of this Part in respect of any loss of or damage to any property if the amount
which would fall to be so awarded to that person, apart from this subsection and any liability for
interest, does not exceed £275' (Section 5 (4)) [omissis].
166 Ai fini di ottenere il risarcimento del danno alla proprietà occorre anche provare che si tratta di
una proprietà destinata ad uso private.
167 Whittaker, The development of product liability, Cambridge University Press, 2010, 51 ss.
168 Miller-Goldberg, Product liability, Oxford, 2004, 234.
169 Howells e Mildred, Infected blood: defect and discoverability. A first exposition of the EC
product liability directive, in The modern law review, 2002, 95; Hodges, Development risks:
unanswered questions, in The Modern Law Review, 1998, 560.
170 In altre parole anche se il Consumer Protection Act costituisce il principale rimedio nel'ipotesi
di danni cagionati da prodotti difettosi, la concreta applicazione di tale normativa ha richiesto un
po' di tempo. Tale ritardo è stato in primo luogo attribuito al fatto che gli importanti casi 156 Infatti, seppure come detto il Consumer Protection Act è entrato in vigore il 1° marzo 1988, il primo ricorso basato su tale disciplina risale solamente all''anno 2000 171. Inoltre, analizzando le pronunce giurisprudenziali che si sono occupate dei danni derivanti da prodotti difettosi, è dato rilevare come, se inizialmente i casi in cui veniva applicata la disciplina contenuta nel Consumer Protection Act si erano conclusi prevalentemente con un rigetto della domanda del ricorrente 172 (soprattutto a causa della difficoltà per quest'ultimo di provare la difettosità del prodotto in questione) più recentemente vi sono stati diversi ipotesi in cui i ricorsi basati su tale normativa si sono risolti in senso favorevole al consumatore. Si pensi, per esempio, al caso Abouzaid v Mothercare (UK) Ltd 173 che concerne il ricorso presentato dai genitori di un bambino che aveva subito un grave danno provocato ad un occhio mentre stava cercando di attaccare una ''Cosytoes sleeeplin bag' sul passeggino di suo fratello; in quel momento, infatti, una cintura elastica, si ritirò a causa di una fibia di metallo, colpendo l'occhio del danneggiato; la Corte d'Appello, dunque, in tale occasione, ha ritenuto che il prodotto fosse difettoso in quanto mancante degli standard di sicurezza richiesti, ossia quelli che il pubblico si poteva legittimamente attendere 174.
concernenti il danno da prodotto (si pensi a quelli relativi alla ''benzodiazepine') riguardavano
essenzialmente prodotti distribuiti dopo prima dell'entrata in vigore del Consumer Protection Act.
171 In particolare, in uno dei primi casi basati sul Consumer Protection Act il ricorrente lamentava
di aver subito una sindrome da shock tossico a seguito dell'uso di assorbenti interni e, pertanto,
chiedeva il risarcimento del danno, adducendo l'inadeguatezza delle informazioni apposte nella
scatola contenente tali prodotti nonché nell'allegato foglio illustrativo. Il suddetto ricorso, tuttavia,
è stato respinto sulla base dell'argomentazione per cui né le informazioni presenti sulla scatola né
quelle contenute nel foglietto illustrativo potevano ritenersi difettosi a causa di insufficienti
informazioni. Worsley v Tambrands Ltd [2000] PIQR P95. Un altro caso concerne il caso in cui il
ricorrente lamentava il difetto di un contraccettivo; anche in questo caso il produttore non è stato
ritenuto responsabile, Richardson v LRC Product Ltd [2000] Lloyd's Rep Med 280. V. anche il
caso Foster v Biosil, (2001) 59 BMLR 178. In particolare, in quest''ultimo caso il ricorrente agiva
ai sensi del Consumer Protection Act del 1987 chiedendo il risarcimento del danno per la non
voluta gravidanza causata dalla rottura del contraccettivo prodotto dal convenuto. Quest''ultimo si
difendeva sostenendo che il prodotto non era difettoso e che, anche qualora fosse stata accertato il
difetto del prodotto, il produttore stesso non poteva essere chiamato a rispondere per la non voluta
gravidanza atteso che la ricorrente avrebbe potuto evitare le conseguenze della rottura del
contraccettivo utilizzando la c.d. ''morning after pill'.
172 V. nota n. 70.
173 [2000] all ER (D) 2436, The Time, 20 February, 2001.
174 E' interessante notare come in questo caso, anche se il danneggiante è stato condannato sulla
base del Consumer Protection Act, la Court of Appeal ha ritenuto opportuno specificare che '' a
causa dell'assenza di precedenti incidenti comparabili a quelli accaduti nel suddetto caso '' il 157 I giudici inglesi riconobbero poi la responsabilità del produttore sulla base del Consumer Protection Act anche in altre occasioni; così, per esempio, nel caso A v National Blood Authority 175 in cui 114 ricorrenti hanno agito - ai sensi della disciplina contenuta proprio nel Consumer Protection Act medesimo - a causa dell'infezione (si trattava, in particolare, di epatite C) contratta a seguito di trasfusioni di sangue; in tale occasione è stato ritenuto che nel caso di specie i c.d. ''blood products' fossero difettosi e che conseguentemente il produttore fosse responsabile per i gravi pregiudizi subiti dai numerosi danneggiati. Tuttavia, se è vero che i consumatori mostrano sempre maggiore fiducia nei confronti dei rimedi offerti dal Consumer Protection Act, non bisogna dimenticare gli evidenti limiti che detta disciplina presenta: si pensi, infatti, ai termini di decadenza e prescrizione, alle limitate tipologie di danni che possono essere risarciti sulla base di tale normativa e al fatto che lo stesso Consumer Protection Act non protegge i pregiudizi derivanti dall'uso commerciale, bensì solamente quelli conseguenti all''utilizzo privato del bene. Ecco dunque che, proprio per tali ragioni, anche all''interno dell''ordinamento inglese molto spesso il consumatore che ha subito un danno a causa dell''utilizzo di un prodotto difettoso preferisce, qualora sia stato posto in essere un contratto avvalersi della tutela contrattuale ed, in mancanza di un vincolo contrattuale con il danneggiante, ricorrere, invece, ai rimedi relativi proprio alla liability in tort for negligence 176.
produttore ''was not liable in negligence at common law' . Infatti, nel momento in cui si è
verificato l'effetto dannoso, nessun fabbricante di prodotti per bambini poteva riconoscere le
potenziali conseguenze lesive del prodotto stesso. In argomento, v. Miller-Goldberg, Product
liability, Oxford, 2004, 234.
175 A v National Blood Authority [2001] 3 All ER 289.
176 In tale ottica, si pensi, per esempio, alla causa Vacwell Engineering Co Ltd v BDH Chemicals
Ltd in cui il principale pregiudizio sofferto dal danneggiato era costituito da un danno ad un bene
commerciale e quindi si trattava di una tipologia di pregiudizio che, come detto, non poteva
rientrare nell'ambito di applicazione del Consumer Protection Act. In particolare, nel caso
richiamato un prodotto chimico finalizzato all''uso industriale era stato posto in delle cisterne di
vetro che '' a causa di una imprevista reazione tra il prodotto stesso e l''acqua '' si ruppero,
provocando una violenta esplosione. I proprietari del prodotto chimico in questione sono stati,
dunque, condannati al risarcimento del danno sulla base delle regole relative ai torts of negligence,
in quanto si è ritenuto che '' essendo noto il pericolo che poteva scaturire qualora il prodotto in
questione fosse entrato in contatto con l''acqua - i produttori stessi non avessero posto in essere
un'appropriata ricerca all'interno della letteratura scientifica e non avessero, pertanto, fornito una
completa informazione concernente l'utilizzo del prodotto (in particolare, in tale decisione fu
affermato che ''Here it was a foreseeable consequence of supply of boron trimbromide without a
warning '' and a fortiori with an irrelevant warning about harmful vapour '' that in ordinary 158 Occorre tuttavia precisare come, nella prima ipotesi '' ossia qualora il danneggiato intenda avvalersi della normativa contrattuale, lo stesso dovrà provare che il convenuto ha violato il contratto fornendo prodotti non conformi alle condizioni pattuite e che proprio tale inadempimento ha cagionato il danno lamentato dallo stesso ricorrente; nel caso poi si tratti di ''consumer contracts', l''ordinamento inglese dispone l''inversione dell'' onere della prova nelle ipotesi in cui il difetto del prodotto si manifesti entro sei mesi dalla consegna, in quanto, in tale specifico caso, il prodotto si presume non conforme al contratto fin dal momento della consegna stessa 177. Qualora, invece, il consumatore intenda ricorrere alla normativa concernente la liability in tort for negligence, al fine di ottenere il risarcimento del danno subito, dovrà fornire la difficile prova della violazione da parte del produttore stesso di un dovere di adottare un comportamento conforme alla normale diligenza e che propria la suddetta violazione abbia causato il pregiudizio di cui il ricorrente medesimo chiede il risarcimento 178. Infine, è interessante notare come l''ordinamento inglese '' in conformità, peraltro, con le altre legislazioni europee - si sia preoccupato di tutelare il consumatore oltre che sotto il profilo privatistico, anche sotto quello pubblicistico. Infatti, già l''art. 10 del Consumer Protection Act - che è stato successivamente abrogato a seguito dell''introduzione del General Product Safety Regulation del
course of industrial use it could come into contact with water and cause a violent reaction and
possibly an explosion. It would also be foreseeable that some damage to property would or might
result. In my judgment the explosition and type of damage being foreseeable, it matters not in the
law that the magnitude of the former and the extent of the latter were not'). Tra le decisioni più
importanti, v. Caparo Industries plc v Dickman [1990] 2 AC 605, [1990] 1 All ER 568; Stovin v
Wise [1996] AC 923 [1996] 3 All ER 801; e Marc Rich & Co AG v Bishop Rock Marine Co Ltd
(The Nicholas HI [1996] AC 211, [1995] 3 All ER 307; Mc Farlane v Tayside Health Board
[2002] 2 AC 59 [1999] 4 All ER 961. In argomento, Miller-Goldberg, Product liability, Oxford,
2004, 234.
177 In argomento, v. The International comparative legal guide to: product liability 2011, in
http://www.iclg.co.uk/khadmin/Publications/pdf/4505.pdf
178 Si pensi per esempio al caso B (A Child) v McDonalds Restaurants Ltd [2002] All ER (D) 436,
in cui i giudici hanno ritenuto che McDonalds non responsabile per i danni arrecati a causa delle
ustioni dovute al rovesciamento di una bevanda calda. In particolare, si è affermato che, nel caso di
specie non fosse stato violato un c.d. duty to warn in quanto si è affermato che il pubblico dei
consumatori generalmente devono sapere che sussiste un rischio di bruciarsi qualora una bevanda
calda (nel caso di specie si trattava di tè e caffè) venga rovesciata. 159 2005 179 (il quale, peraltro, richiede requisiti di sicurezza ancor più severi rispetto a quelli previsti nel testo originario) '' prevedeva una responsabilità penale in capo al fornitore che avesse alienato prodotti destinati al consumatore non conformi ai ''requisiti generali di sicurezza'. Tuttavia, attualmente, General Pruduct Safty Regulation del 2005 non viene applicato a tutte le categorie di prodotti in quanto, con riferimento a determinati beni - come, per esempio, le medicine 180, i giochi181, i cosmetici182, e gli alimenti 183 '' sono previsti specifiche normative pubblicistiche che impongono le proprie sanzioni penali. Al riguardo, è stato poi efficacemente osservato come, i suddetti testi normativi, seppure hanno la finalità di imporre delle pene nelle ipotesi in cui siano violate le disposizioni in esso contenute, assumono, tuttavia, anche un importante valore nelle cause civili dirette ad ottenere il risarcimento dei danni cagionati da prodotti difettosi; in tale contesto è stato, difatti, affermato che ''Although the regulations impose criminal penalities, breach of the requirements may be of evidential value in supporting a civil claim' 184. In particolare, qualora il produttore dimostra di aver ottemperato alla disciplina prevista nelle diverse disposizioni normative concernenti la sicurezza dei prodotti posti sul mercato, tale circostanza potrà servire per provare che il convenuto abbia esercitato una c.d. resonable care, con la conseguenza che, in tal caso non potrà, per esempio essere chiamato a rispondere per negligence. Inoltre, la normativa inglese ed europea concernente la sicurezza dei prodotti posti sul mercato può incidere anche sull''applicazione del Consumer Protection Act 185, in quanto la suddetta disciplina pubblicistica può servire per 179 Il General Pruduct Safty Regulation attua la direttiva 2001/95/CE (relativa alla sicurezza
generale dei prodotto) e abroga il General Product Safety Regulations 1994 e la section 10 del
Consumer Protection Act del 1987.
180 The Medicines Act 1968, in
http://www.legislation.gov.uk/ukpga/1968/67/pdfs/ukpga_19680067_en.pdf
181 The Toys (Safety) Regulations 2011 (il quale ha abrogato i precedenti The Toys (Safety)
Regulations 1995 e The Toys (Safety) Regulations 2010).
182 The Cosmetic Products Safty Regulation 2008, no 1284, in http://www.legislation.gov.uk/uksi/2008/1284/pdfs/uksi_20081284_en.pdf
183 Food Safty Act del 1990, in http://www.legislation.gov.uk/ukpga/1990/16/contents/data.pdf
184 In argomento, v. The International comparative legal guide to: product liability 2011, in
http://www.iclg.co.uk/khadmin/Publications/pdf/4505.pdf.
185 The International comparative legal guide to: product liability 2011, in
http://www.iclg.co.uk/khadmin/Publications/pdf/4505.pdf. 160 determinare - per quanto specificatamente concerne la sicurezza dei prodotti -. what persons are generally entitled to expect . Al riguardo, è stato evidenziato come, seppure ai sensi della normativa inglese di attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni da prodotti difettosi, la valutazione della condotta del produttore non assume alcuna importanza, la disciplina pubblicistica concernente la sicurezza dei prodotti può rilevare non solamente al fine di determinare quando un prodotto possa essere considerato difettoso, bensì anche per stabilire quando un difetto debba ritenersi ''discoverable', ossia le ipotesi in cui la clausola esonerativa concernente i development risks defence possa trovare applicazione 186. 5. Brevi cenni alle altre esperienze europee Il recepimento della direttiva negli altri Stati membri è avvenuto sostanzialmente senza rilevanti scostamenti dal testo comunitario. Qui di seguito si esamineranno brevemente le scelte compiute da altri legislatori nazionali (rispetto a quelli fino ad ora richiamati), ed in particolare, dall''ordinamento austriaco, belga, danese, finlandese, greco, irlandese, lussemburghese, olandese, portoghese e svedese. L''Austria ha recepito la direttiva prima ancora di divenire membro della Comunità Europea 187, con la legge del 21 gennaio 1988 (entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno) 188 . Tale legge, seppure non presentava differenze 186 The International comparative legal guide to: product liability 2011, in
http://www.iclg.co.uk/khadmin/Publications/pdf/4505.pdf.
187 L''Austria è entrata nella Comunità Europea il 1° gennaio 1995, per effetto del Trattato di
adesione firmato il 24 giugno 1994. In argomento, v. Bydlinski, Die verschuldensunabhangige
Orodukthaftung in Osterreich, in European Review of Private Law, 1994, 195. Occorre, inoltre,
segnalare come l''Austria abbia ritenuto opportuno adeguare alla propria legislazione i principi
contenuti nella direttiva, non solamente al fine di garantire una tutela più ampia ai soggetti
danneggiati da prodotti difettosi, bensì anche (e soprattutto) allo scopo di consentire agli
imprenditori nazionali di agire in condizioni di sostanziale parità con gli operatori dei Paesi facenti
parte della Comunità Europea.
188 Per una completa ricostruzione del quadro normativo esistente precedentemente alla legge sulla
responsabilità da prodotto v. Padovini, La legge austriaca sulla responsabilità da prodotto, in Il
danno da prodotto in Italia-Austria- Repubblica Federale di Germania-Svizzera, Padova, 1990,
255; Posch, Produzentenhaftung in Osterreich de lege lata et de lege ferenda, Gutachten der
Verhandlungen des achten Osterreichischen Juristentages (Graz, 1982), Wien, 1982; Reuschauer,
in Rummel, Kommentar zum Allgemeinen burgerlichen Gesetzbuch, II, Wien, 1984. 161 rilevanti rispetto al testo comunitario, è stata successivamente modificata al fine di renderla maggiormente armonizzata con la direttiva stessa 189. Inizialmente, per quanto concerne i danni patrimoniali subiti dai consumatori, la disciplina non presentava nessuna distinzione tra i beni di uso e consumo privato e quelli, invece, finalizzate all'esercizio dell'attività professionale. Proprio per tali ragioni, la Commissione ha richiamato l''Austria, imponendole di modificare la suddetta legge al fine di distinguere tra le varie tipologie di beni, in quanto la Commissione stessa riteneva che una previsione così ampia come quella prevista nella normativa austriaca eccedesse gli scopi della direttiva medesima e si poneva, pertanto, in contrasto con il diritto comunitario 190. Allo stesso modo, per quanto concerne la franchigia limitativa dei danni patrimoniali risarcibili, se inizialmente era previsto in misura pari a 500 sch (340,00 Euro circa), successivamente è stata, poi, elevata a 8.0000 sch (500, 00 Euro circa). Con specifico riferimento all'esclusione della responsabilità del produttore per rischi da sviluppo, è dato rilevare come anche il legislatore austriaco non ha colto l''opzione prevista nella direttiva comunitaria 191, con la conseguenza in tale ordinamento il produttore può invocare la suddetta clausola al fine di andare esente da responsabilità. Per quanto riguarda, poi, la responsabilità del fornitore del prodotto difettoso in tutte le ipotesi in cui produttore non sia identificabile, occorre segnalare un''importante decisione della Suprema Corte dell'Austria del 23 settembre 1999 192. In particolare, la direttiva, come noto, lascia ampi margini di discrezionalità ai legislatori nazionali circa l'individuazione delle modalità ed i tempi entro i quali il fornitore deve comunicare al danneggiato l'identità del produttore o del soggetto che gli ha fornito il prodotto; l''art. 3 comma 3 sancisce, infatti, che "quando non può essere individuato il produttore del prodotto, si considera tale ogni fornitore, a meno che quest'ultimo comunichi al danneggiato, 189 Legge 11 febbraio 1993, n. 95, legge 29 dicembre 1993, n. 917, legge 12 luglio 1994, n. 510.
190 Prettenhofer, Austria, in Product Liability. European laws and practice, Londra, 1993, 211.
191 Madl, Austria, in European product liability, a cura di Kelli e Attree, Kent, 1993, 25. Mazzo,
La responsabilità del produttore agricolo, cit., 90; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina europea
della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 83.
192 [2000] ecolex 12; [2000] Recht der Wirtschaft, 54. 162 entro un termine ragionevole, l'identità del produttore o della persona che gli ha fornito prodotto". In relazione a questa specifica problematica, la Corte austriaca ha stabilito che, al fine di far scattare la responsabilità sussidiaria del fornitore, non è indispensabile una preventiva richiesta del danneggiato per conoscere l'identità del produttore ma è sufficiente che il produttore non sia identificabile dall'esame del prodotto e che il fornitore non abbia comunicato il suo nome (anche volontariamente) entro un ragionevole periodo di tempo (il quale, pertanto, deve essere valutare caso per caso) a decorrere dalla richiesta di risarcimento danni rivolta al fornitore. Qualora, poi, la comunicazione dell'identità del produttore sia tardiva, la stessa giurisprudenza austriaca ha ritenuto che, tale comunicazione risulta essere comunque sufficiente per esonerare da responsabilità il fornitore, sempre che il ritardo non abbia causato al soggetto danneggiato ulteriori danni 193. In Belgio la problematica concernente la responsabilità del produttore apparteneva, in realtà, alla tradizione giuridica nazionale già prima dell'approvazione della direttiva comunitaria 194. Infatti, fin dal secolo XIX, parte della dottrina sosteneva che il venditore era il fabbricante o il commerciante che alienava i beni e che lo stesso aveva l'obbligo di risarcire il danno subito dall'acquirente a causa dei diffetti della cosa anche nell'ipotesi in cui quest''ultimi erano sconosciuti al momento della vendita 195. Tale principio si è poi sviluppato nella giurisprudenza del XX secolo attraverso, in particolare, alcune decisioni della Suprema Corte 196. Proprio per tali ragioni i primi commentatori della direttiva hanno affermato che, per quanto concerne il Belgio, il testo comunitario non abbia in realtà comportato una maggiore tutela dei consumatori rispetto a quella prevista nella legislazione precedente. 193 In quest'ultima ipotesi, il danneggiato stesso potrà agire indifferentemente contro il produttore
o il fornitore.
194 Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit.,, 90; Di Nepi, Francia 1998 e disciplina
europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento', cit., 85.
195 Laurent, Principes de droit civil français, Bruxelles, 1978, t. XXIV, n. 295.
196 Cass. 4 maggio 1993, in Pasicrise Beige, 1939, I, 223; Cass. 12 dicembre 1958, in Revue
critique de jurisprudence belge, 1960, 1204; Cass. 12 novembre 1959, in Pasicrisie Beige, 1960, I,
313; Cass. 15 novembre 1971, in Revue critique de jurisprudence belge, 1973, 609; Cass. 19
giugno 1980, in Journal des tribunaux, 1980, 616. 163 Tuttavia, occorre osservare come, in realtà, la disciplina speciale abbia comunque migliorato la protezione del consumatore, esonerando il soggetto danneggiato dal difficile onere di provare la colpa in capo al produttore ed estendendo la tutela risarcitoria anche ai cosiddetti bystanders 197. Nello specifico, il Belgio ha recepito la direttiva comunitaria con la legge del 25 febbraio 1991 (la quale è entrata in vigore il successivo 1° aprile) 198; il suddetto testo legislativo, tuttavia, non coglie le opportunità lasciate dal legislatore comunitario alla discrezionalità dei singoli legislatori nazionali; così, per esempio, anche lo stesso legislatore belga non ha sfruttato l''opzione concessa dalla direttiva in tema di rischio da sviluppo, con la conseguenza che anche in tale ordinamento il produttore può andare esente da responsabilità qualora dimostri che lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti nel momento in cui il prodotto è stato posto in circolazione non permettevano di conoscere il difetto del prodotto. Inoltre, sulla base della legislazione belga di attuazione della direttiva comunitaria, non sussiste alcun massimale per i danni da morte o lesioni personali provocati da prodotti identici e aventi tutti il medesimo difetto. Per quanto concerne, in particolare, la scelta di non avvalersi della clausola di esonero da responsabilità per rischi da sviluppo occorre osservare come, da un lato, tale decisione si ponga in realtà il linea con le norme generali in tema di responsabilità già esistenti nell'ordinamento belga e, dall''altro lato, la suddetta scelta corrisponda all'orientamento maggioritario accolto dagli altri Stati membri. La legge belga di attuazione della direttiva si discosta parzialmente dal testo comunitario nella misura in cui fornisce una definizione di prodotto che si limita ai soli beni tangibili, escludendo pertanto del regime di responsabilità oggettiva i produttori di beni immateriali. 199 197 Bourgoignie, La sécurité des consommateurs et l''introduction de la directive communautaire
du 25 juillet 1985 sur la responsabilité du fait des produits défectueux en droit belge, in Journal
des tribunaux, 1987, 357; Cousy, L''adaptation du droit belge à la directive sur la responsabilité
du fait des produits défectueux, in Les assurances de l''entreprise. Actes du colloque tenu à l''ULB
les 20 et 21 octobre 1988, Bruxelles, 1988, 93; Fagnart, La directive du 25 juillet 1985 sur la
responsabilité du fait des produits, in Cahiers de droit européen, 1987, 3.
198 Per quanto concerne il dibattito che ha preceduto l''attuazione della direttiva, v. Bougoignie, La
sécurité des consommateurs et l''introduction de la directive communautaire du 25 juillet 1985 sur
la responsabilité du fait des produits défectueux en droit belge, in Journal des tribunaux, cit., 163.
199 Anche se nei lavori preparatori si era espressamente precisato che i software dovevano ritenersi
inclusi nella definizione di prodotto. 164 Allo stesso modo dell''ordinamento italiano, anche il legislatore belga ha considerato opportuno precisare il concetto di "messe in circolazione del prodotto" la quale si identifica, quindi, come "il primo atto con cui produttore attua la consegna del prodotto al destinatario, trasferendolo ad un terzo o impiegandolo a suo beneficio" 200. Inoltre, un'' ulteriore particolarità che concerne la legge belga è quella relativa al risarcimento del danno subito dai beneficiari di un regime di assicurazione sociale o di risarcimento danni per incidenti sul lavoro o malattie professionali. In particolare, seppure il legislatore vieta il cumulo dell'indennità per i beneficiari di tali regimi - i quali continuano, pertanto, a percepire l'indennità previste dalla legislazione speciale - cionondimeno, qualora tali soggetti non riescano ad ottenere tramite il sistema di assicurazione l''integrale riparazione del danno subito, possono agire ai sensi della legge conformemente alla legge sulla responsabilità del produttore 201. In Danimarca la legge sulla vendita del 1906 regolava gli obblighi del venditore e dell'acquirente dei beni mobili, specificando espressamente che il primo non era contrattualmente tenuto a risarcire al compratore i danni subiti a causa di difetti nel prodotto. Ecco dunque che, anche in tale ordinamento precedentemente all'introduzione della direttiva sussistevano già delle leggi che disciplinavano la responsabilità da prodotto difettoso ma, esclusivamente, in alcuni specifici e delicati settori come, per esempio, quello dei trasporti marittimi, aerei e ferroviari mentre, per quanto concerneva i danni cagionati da altre categorie di prodotti, si ricorreva ai principi generali della responsabilità extracontrattuale 202. La direttiva è stata recepita in Danimarca con la legge del 7 giugno 1989, n. 371 (la quale è poi entrata in vigore il successivo 10 giugno); in generale, la 200 Seppure Consiglio di Stato ha ritenuto tale concetto indeterminato, tale definizione appare
abbastanza ampia da non contrastare con le finalità della direttiva comunitaria e con le disposizioni
di altre legislazioni nazionali. Sul punto, v. anche Fagnart, La responsabilité du fait des produits
en Belgique, cit., 206; Fallon, L''adaptation de la responsabilité du fait des produits à la directive
européenne du 25 juillet 1985, in Revue Géneral des Assurance et des Responsabiitiés, 1987, n.
11245 e 11258.
201 In ogni caso, gli organismi ed associazioni che hanno dovuto corrispondere un indennizzo in
base al sistema di assicurazione sociale, hanno la facoltà di agire in regresso nei confronti del
produttore dei beni difettosi. In argomento, v. Fagnart, La responsabilité du fait des produits en
Belgique, in European Review of Private Law, 1994, 206.
202 Lett, Denmark, in European product liability, a cura di Kelly e Attree, Kent, 79 ss. 165 suddetta legge non si discosta sostanzialmente dal testo comunitario ed include i rischi da sviluppo all'interno delle cause di esclusione della responsabilità del produttore. Tuttavia, occorre osservare come sussistano tra la legge di attuazione della direttiva e il testo comunitario stesso alcune differenze terminologiche; così per esempio la legge si riferisce al manufacturer (che indica un fabbricante industriale o colui che raccoglie prodotti naturali) piuttosto che al producer. Inoltre, la legge specifica che, al fine di ottenere il risarcimento, la parte danneggiata è libera di rivolgersi indifferentemente al fabbricante al distributore o ad entrambi; tale disposizione comporta un allargamento dell'ambito di applicazione della normativa con riferimento ai soggetti chiamati a risarcire i danni atteso che, si estende anche ai rapporti interni tra colui che è stato chiamato a risarcire il danno e gli altri soggetti della catena distributiva 203. Ecco dunque che, su questa specifica questione la Corte di giustizia è intervenuta nel 2006 affermando che la direttiva deve essere interpretata nel senso che ''osta ad una regola nazionale secondo la quale il fornitore risponde, al di là dei casi tassativamente elencate all'art. 3, n. 3) della direttiva, della responsabilità indipendentemente dalla colpa che la direttiva istituisce o imputa al produttore" mentre non osta "ad una regola nazionale secondo la quale il fornitore è tenuto a rispondere illimitatamente della responsabilità per colpa del produttore". In altre parole, i giudici di Lussemburgo, attraverso tale decisione hanno sancito che la cerchia dei legittimati passivi individuata dagli artt. 1 e 3 della direttiva comunitaria ed i presupposti della loro responsabilità devono essere considerati tassativi, ribadendo, pertanto, come l'obiettivo primario perseguito dalla direttiva stessa sia quello di realizzare l'armonizzazione delle normative nazionali 204. Infine, occorre osservare come nella definizione di difetto la legge danese di attuazione della direttiva comunitaria specifica che si deve avere riguardo all'uso del prodotto e non al suo "ragionevole uso" 205 . Inoltre, nella legge di attuazione viene omesso il disposto dell'art. 8 comma 1 della direttiva secondo cui la responsabilità del produttore non viene diminuita quando il danno è cagionato 203 Saluzzo, Comba e Bernardini, Il prodotto sicuro nella CEE. La responsabilità per danno da
prodotto difettoso e i requisiti di sicurezza nella normativa europea, cit., 33.
204 Mazzo, La responsabilità del produttore agricolo, cit., 106.
205 Madsen e Halskon, Denmark, in Product Liability European laws and practice, a cura di
Hodges, Londra, 1993, 273. 166 congiuntamente da un difetto del prodotto dell'intervento del terzo; tale principio d'altra parte, è già consolidato nell'ordinamento danese sulla base di altre norme. La Finlandia ha recepito la direttiva quando ancora faceva parte della Comunità Europea attraverso la legge del 17 agosto 1990, n. 694, entrata in vigore successivamente (1° settembre 1991). Inseguito, in ragione degli impegni presi dall''ordinamento finlandese al fine del suo ingresso nella Comunità Europea 206, tale normativa è stata modificata dalle leggi dell'8 gennaio 1993, n. 99 e del 22 ottobre 1993, n. 879. Le suddette disposizioni normative hanno, poi, consentito di modificare le previsioni iniziali le quali si discostavano dal testo della direttiva (si pensi, per esempio, all'esclusione dell'energia elettrica dalla definizione di prodotto e alla mancanza di una franchigia per il risarcimento dei danni patrimoniali) 207. Occorre osservare come, la Finlandia ha scelto di includere i rischi da sviluppo nel regime di responsabilità oggettiva del produttore, con la conseguenza che in tale Stato (così come avviene in Lussemburgo) il produttore di un bene difettoso è responsabile anche nell'ipotesi in cui lo stato delle conoscenze scientifiche tecniche non permetteva di conoscere la difettosità del prodotto stesso. La Grecia ha adottato la direttiva con il decreto ministeriale B7535/1077 del 31 marzo 1988, entrata in vigore poi il 30 luglio 1988 e successivamente modificato dalle leggi n. 1961 del 1991 e n. 2251 del 1994 in materia di salute e sicurezza dei consumatori. La legge greca di attuazione della direttiva - a parte il mancato recepimento dell'art. 4 della direttiva concernente l'onere per il danneggiato di provare il danno subito, il difetto e la connessione causale tra difetto il danno - risulta essere fedele al testo comunitario stesso. Per quanto concerne poi l'opzione lasciata libertà degli Stati membri dal legislatore comunitario, la Grecia ha scelto di introdurre un limite massimo per i danni a persone, stabilendo però un importo assai più basso rispetto a quello previsto dalla direttiva 208. 206 Avvenuto il 1° gennaio 1995 per effetto del Trattato di adesione firmato il 24 giugno 1994.
207 Liljestrom, Finland, in Product liability. European laws and practice, a cura di Hodge, Londra,
1993, 297.
208 Alexandridou, Consumer protection in the Greek legislation, in L''attuazione della direttiva
comunitaria sulla responsabilità del produttore, a cura di Cossu, Padova, 1990, 237. 167 Anche la Grecia, come la Francia, è stata citata innanzi alla Corte di giustizia della Commissione delle Comunità Europee per aver violato gli obblighi derivanti dalla direttiva ed è stata pertanto censurata la sua scelta di non aver previsto, in sede di recepimento della direttiva, la franchigia di euro 500 per i danni patrimoniali subiti dalla vittima 209. In Irlanda, già prima dell'approvazione direttiva, esisteva una normativa protettiva nei confronti dei diritti dei consumatori; il Sale of Goods and Supply of Services Act del 1980 riconosceva, difatti, in capo al compratore determinati diritti nei confronti del venditore come, per esempio, il diritto che il bene venduto fosse di qualità commerciale e quindi adeguata all'uso a cui era destinato e conforme alla descrizione fornita dal venditore 210. L''ordinamento irlandese ha, poi, recepito la direttiva con la legge del 4 dicembre 1991, n. 28 entrata in vigore il 16 dicembre dello stesso anno. La disciplina introdotta dalla suddetta normativa non si discosta dal testo comunitario; essa include tra le difese concesse al produttore quella relativa ai rischi da sviluppo e non prevede alcun massimale al risarcimento dei danni causati da prodotti aventi tutti lo stesso difetto. La legge irlandese ammette, però, espressamente il risarcimento dei danni morali in caso di prodotti difettosi atteso che, nel concetto di "lesioni personali" è ricompresa qualsiasi malattia e/o compromissione di una condizione fisico mentale di una persona 211. Inoltre, la normativa di recepimento, a differenza della direttiva, contiene altresì una definizione di persona danneggiata, ossia colui che ha subito un pregiudizio causato interamente o parzialmente da un prodotto difettoso, oppure il suo rappresentante ed, in certe ipotesi, anche i sui dipendenti. Per quanto concerne, invece, la definizione di prodotto occorre osservare come venga ricompresa all'interno in tale categoria anche l'energia elettrica limitatamente, però, ai casi in cui il danno si verifica a causa del difetto nel processo di generazione della stessa. 209 Corte giust. CE, 25 aprile 2002, C-154/00, cit.
210 In base a tale testo normativo il compratore era, inoltre, liberato dalla necessità di trovare il
nesso di causalità tra difetto e danno subito. In argomento, v. Saluzzo, Comba, Bernardini, Il
prodotto sicure nella CEE. La responsabilità per danno da prodotto difettoso e i requisiti di
sicurezza nella normativa europea, cit., 35.
211 Clarke e Kennedy, Ireland, in Product Liability. European laws and practice, cit., 424. 168 Anche per quanto concerne il riferimento alla trasposizione della clausola esonerativa dalla responsabilità per il produttore, è dato rilevare come tale norma presenti delle differenze rispetto al testo comunitario; infatti, l'esimente derivante dall'osservanza delle norme imperative viene limitata al diritto di derivazione comunitaria 212. Il Lussemburgo ha recepito la direttiva con la legge del 21 aprile 1989 entrata successivamente in vigore il 2 maggio 1991. Per quanto concerne l''ordinamento lussemburghese, occorre osservare come il testo normativo sopra richiamato non disponga alcun massimale per il risarcimento dei danni provocati dallo stesso difetto e come il Lussemburgo sia poi uno dei pochi Stati membri che ha deciso di includere i rischi da sviluppo nell'ambito della responsabilità del produttore, con la conseguenza che quest'ultimo risponde per i danni cagionati dei propri prodotti difettosi anche qualora lo stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti nel momento in cui viene sottoposto in circolazione non permettevano di conoscere il difetto del prodotto stesso. Occorre, inoltre, segnalare come, la legge lussemburghese di attuazione della direttiva '' a differenza del testo comunitario - non distingua tra le due categorie di danni risarcibili, quelli patrimoniali e quelli alla persona ma preveda la risarcibilità di ogni pregiudizio con la sola esclusione di quello nucleare e di quello subito dal prodotto difettoso stesso o da beni che non sono di uso consumo privato del danneggiato. Proprio per tali ragioni, è dato rilevare come sulla base della legge lussemburghese, sia ammesso il risarcimento anche dei danni morali causati da prodotti difettosi 213. In Olanda la questione concernente la responsabilità del produttore è stata particolarmente discussa intorno agli anni 60 a seguito di alcuni casi che hanno attirato l'attenzione della stampa. Si pensi, per esempio, al c.d. ''Planta-affair' concernente un caso in cui un prodotto alimentare (margarina) aveva provocato ai consumatori una malattia che si manifestava attraverso irritazioni cutanee (una sorta di dermatite). La suddetta questione non è stata risolta dalle Corti olandesi, 212 Shieds, Ireland, in European product liability, a cura di Kelli e Attree, Kent, 1993, 25, 214.
213 Schmitt, Luxembourg, in Product Liability. European laws and practice, cit., 476 e Diederich,
Luxembourg, in European product liability, cit., 241. 169 atteso che il presunto responsabile preferii evitare il giudizio pagando un rilevante indennizzo a tutti i soggetti danneggiati. Inoltre, occorre osservare come, prima del recepimento della direttiva, alcune pronunce della Suprema Corte olandese affrontarono la problematica della responsabilità del produttore fornendo risposte non sempre univoche con riferimento alla questione relativa al requisito della colpa. Per esempio, nel 1966 la Corte ha stabilito che l'immissione in commercio dei prodotti difettosi non è di per sé è illegale - e quindi autonoma fonte di responsabilità - ma lo diviene in relazione al verificarsi di altre circostanze quali per esempio, le avvertenze fornite dal produttore al momento della commercializzazione del prodotto. Più specificatamente, in tale sede la Suprema Corte ha affermato che, per ritenere responsabile il produttore sia sufficiente la mera presenza di un pericolo alla persona indicativa della difettosità del prodotto stesso 214. Un ulteriore caso deciso della Suprema Corte agli inizi degli anni Settanta concerneva una borsa dell'acqua calda acquistata in farmacia dai genitori di un neonato e posta sulla culla di quest''ultimo. A causa poi della chiusura difettosa del prodotto stesso l'acqua calda fuoriuscì recando gravi lesioni al bambino. Il Tribunale di primo grado e la Corte d'appello negarono ai genitori il diritto al risarcimento dei danni, stabilendo che il produttore aveva fornito la prova di aver effettuato sufficienti controlli circa la sicurezza del prodotto. Tuttavia, la Hoge Raad ha riconosciuto il diritto dei genitori al risarcimento dei danni sulla base del fatto che il produttore non era stato sufficientemente attento nei controlli atteso che, avrebbe dovuto prevedere anche usi poco avveduti del bene. Il caso più importante che è stato portato all''attenzione delle Corti olandesi precedente all'attuazione della direttiva concerne l'azione di risarcimento dei danni promossa da un gruppo di consumatori per gli effetti collaterali subìti in relazione all'assunzione di un farmaco contro l'insonnia (denominato halcion), la cui commercializzazione era stata autorizzata dal 1977 al 1979. La Corte in un primo momento giudicò insufficiente ad esonerare dalla responsabilità l''impresa produttrice la circostanza che la Commissione governativa competente a giudicare la sicurezza dei farmaci avesse autorizzato la vendita del suddetto prodotto. Per 214 Dommering '' Van Ronger, Product liability law in the Netherlands, in European Review of
Private Law, 1994, 247. 170 quanto concerne la definizione di prodotto difettoso occorre evidenziare come, seppure nella decisione richiamata non poteva applicarsi la direttiva sulla responsabilità del produttore (dato che la commercializzazione del prodotto era avvenuta prima della sua commercializzazione), tuttavia, la Hoge Raad si è richiamata ai fini della definizione di prodotto difettoso alla definizione della direttiva stessa, stabilendo che un farmaco può considerarsi difettoso quando non offre al consumatore la sicurezza che si dovrebbe legittimamente attendere. Ecco dunque che, in tale ottica, la Corte ha valutato tutta una serie di circostanze, tra le quali le informazioni fornite al consumatore e, proprio in tale ottica, ha condannato il produttore a risarcire il danno subito dai soggetti danneggiati, sulla base del fatto che il produttore stesso doveva rendere noto al pubblico la serietà dei possibili effetti collaterali conseguenti all''assunzione del medicinale e ciò a prescindere dalla circostanza che di fatto la probabilità del verificarsi di tali effetti fosse piuttosto bassa. In altre parole, dunque, il caso sopra richiamato presenta profili di indubbio interesse non solamente perché testimonia come, in realtà, anche in Olanda i principi contenuti nella direttiva finissero per influenzare le decisioni giurisprudenziali già prima dell''entrata in vigore della legge nazionale di attuazione del testo comunitario stesso, bensì anche perché, nel caso di specie, i giudici olandesi hanno ritenuto responsabile il produttore di un farmaco nonostante il fatto che tale prodotto avesse ottenuto dai pubblici poteri l''autorizzazione per il commercio 215. La problematica concernente danni derivanti da prodotti difettosi ha suscitato nell'ordinamento olandese sempre un grande interesse; si pensi, per esempio, che già nel 1960 era stato presentato in Parlamento un avanprogetto di legge relativo ai diritti di obbligazioni, il quale conteneva una specifica disposizione sulla responsabilità del produttore secondo cui "colui che fabbrica un prodotto pericoloso per le persone o per le cose, a causa di un vizio di cui non ha conoscenza e che lo pone in circolazione o lo fa porre in circolazione, è responsabile, se il pericolo si verifica, come se avesse avuto conoscenza del vizio, a meno che non provi che il vizio non è dovuto né a sua colpa, nè a colpa delle 215 Dommering '' Van Ronger, Product liability law in the Netherlands, in European Review of
Private Law, cit., 252. 171 persone che sono state impiegate nella fabbricazione del prodotto, né a difetti dei mezzi ausiliari di cui egli si è servito" 216. Ripercorsa brevemente quale fosse la situazione nell''ordinamento olandese prima della direttiva comunitaria in tema di danni da prodotti, occorre ricordare come il testo comunitario sia stato recepito all''interno dell''ordinamento olandese con la legge del 13 settembre 1990 la quale ha novellato il codice civile olandese, introducendo i nuovi articoli compresi tra il 1407a ed il 1407j; la predetta disciplina è poi entrata in vigore il successivo 1 novembre 1990 217. La normativa olandese non presenta rilevanti differenze rispetto al testo della direttiva (se non puramente linguistiche) e comprende tra le prove liberatorie concesse al produttore anche quella concernente i rischi da sviluppo mentre non prevede alcun massimale per il risarcimento dei danni derivanti tutti dalla medesima categoria di difetto. In Portogallo, già prima dell'attuazione della direttiva comunitaria in tema di danni da prodotti difettosi, sussisteva una legislazione diretta a tutelare i diritti dei consumatori. L'art. 60 della Costituzione stabiliva, infatti, il principio generale secondo cui tutti i consumatori hanno il diritto di disporre di prodotti e servizi di qualità, di essere istruiti ed informati, di essere tutelati nella loro salute sicurezza e nei loro interessi economici ed, infine, di essere risarciti dei danni eventualmente subiti. La disposizione richiamata era, tuttavia, troppo vaga - in quanto non venivano indicati parametri per valutare la qualità dei prodotti, gli strumenti finalizzati a tutelare i beni indicati, né i presupposti necessari ai fini di ottenere il risarcimento dei danni subiti '' e, pertanto, tale normativa non risultava suscettibile di applicazione pratica. Ciononostante, il suddetto testo ha ispirato la 216 Tale progetto è stato, tuttavia, criticato dalla dottrina per la mancanza di una previsione di
responsabilità del venditore importatore e per il criterio d''imputabilità fondato sulla colpa anche se
presunta. Pur non essendo stato approvato il suddetto articolo in Parlamento, tale disposizione
mantiene tuttavia un interesse storico, in quanto ha anticipato in qualche modo la direttiva. In
argomento, v. Hondius, La responsabilità del produttore nel diritto olandese, in Danno da
prodotti e responsabilità dell''impresa. Diritto italiano ed esperienze straniere, a cura di Alpa e
Bessone, Milano, 1980, 251; Id, L''introduction de la directive aux Pays-Bas, in Sécurité des
consummateurs et responsabilità du fait des produits défectueux, Parigi, 1986, 187.
217 Il 1° gennaio del 1992 è stato introdotto in Olanda uno codice civile che abrogava quello
precedente del 1838. Se, dunque, il vecchio codice era stato novellato con la normativa di
derivazione comunitaria concernente la responsabilità per i danni provocati da prodotti difettosi, il
nuovo codice civile non conteneva alcuna previsione sulla responsabilità del produttore. Ecco
dunque che, l'11 settembre 1991 è stata provata in Olanda una nuova legge (avente il medesimo
contenuto di quella del 13 settembre 1990) la quale andava ad integrare il nuovo codice civile. 172 legge portoghese di tutela dei consumatori del 1981 le cui disposizioni, però, non si differenziano molto da quelle contenute nel codice civile 218. La direttiva è stata recepita nell''ordinamento portoghese con il decreto legge del 6 novembre 1986 n. 383, entrato in vigore il 12 novembre dello steso anno in Portogallo e successivamente, anche a Madera e nelle Azzorre; il 6 dicembre 1989 la medesima normativa è stato poi introdotta anche nel territorio di Macao. Anche la normativa portoghese di attuazione della direttiva non presenta rilevanti differenze rispetta al testo comunitario stesso; così, per esempio, per quanto concerne le cause di esclusione da responsabilità del produttore, il legislatore portoghese ha recepito integralmente l''art. 7 della direttiva, con la conseguenza che il legislatore portoghese ha incluso anche l'esimente relativa ai rischi da sviluppo. Il decreto legge tuttavia, limita la responsabilità del produttore prevedendo un massimale ai danni risarcibili e derivanti dalla medesima categoria di prodotti per un importo che però risulta essere inferiore al minimo autorizzato dalla direttiva. Per quanto concerne, poi, le ulteriori differenze rispetto al testo comunitario occorre segnalare come il decreto-legge individui in tre mesi di ragionevole periodo di tempo entro il quale venditore del bene difettoso deve indicare per iscritto l'identità del produttore, del fornitore, o di un precedente fornitore della catena distributiva 219. In Svezia una legge generale sulla responsabilità civile conforme agli orientamenti già consolidati nella giurisprudenza è stata introdotta solamente nel 1972 (c.d. SKL (Skadestandsagen)). Tale normativa è suddivisa, poi, in due parti: nella prima si prevede il principio secondo cui la responsabilità si fonda sulla colpa nella seconda si contemplano, invece, fattispecie particolari di responsabilità riguardanti per esempio, i bambini, i minori, gli incapaci, i padroni e committenti, gli impiegati dello Stato e dei Comuni ma, nessuna disposizione fa particolare riferimento ai prodotti difettosi. 218 Santiago Neves, Portugal, in European product liability, cit., 317
219 Il decreto-legge omette, poi, totalmente di recepire l'art. 4 della direttiva il quale, come visto,
concerne l'onere probatorio a capo del soggetto danneggiato consistente nella dimostrazione del
difetto del danno e del nesso causale tra difetto e danno. Tuttavia, alla medesima soluzione si
giunge facendo riferimento alle disposizioni generali contenute nel codice civile portoghese. In
argomento, v. Bessa Monteiro, Portugal Liabilty, European laws and practice, cit., 560. 173 Nell''ordinamento svedese, la direttiva comunitaria in materia di danni cagionati da prodotti difettosi è stata poi attuata con la legge del 23 gennaio 1992, n. 18, successivamente modificata con la legge 30 dicembre 1992, n. 1137 e poi con quella del 10 giugno 1993, n. 647. Alcune disposizioni del testo comunitario sono state riportate nella legge svedese di attuazione della direttiva stessa in modo diverso o addirittura sono state omesse. Ad esempio, la legge svedese non si riferisce ai danni provocati da prodotti difettosi, bensì da un bene che manca di sicurezza. La suddetta mancanza di sicurezza deve, poi, essere valutata dal giudice in relazione all'uso prevedibile del bene, al suo confezionamento, all'istruzione d'uso che lo corredano, al tempo in cui è stato immesso sul mercato e ad ogni altra circostanza ritenuta rilevante. Inoltre, nella normativa di attuazione della direttiva comunitaria il produttore non viene specificatamente definito, ma è legittimato passivo della disciplina e viene individuato in "chiunque abbia fabbricato, prodotto o assemblato il bene". La legge svedese specifica inoltre che, qualora il danno sia stato causato dall'insicurezza di un componente del prodotto finito, risponde del pregiudizio subito dal danneggiato, sia il produttore del prodotto finito, sia quello che ha fabbricato il componente. Per quanto concerne, poi, le prove liberatorie concesse al produttore sensi dell'art. 7 lett. c) e d), è dato rilevare come, nella legge svedese di attuazione della direttiva comunitaria, tali cause di esclusione della responsabilità siano state completamente omesse. La legge svedese, inoltre, non prevede una vera e propria franchigia per i danni subiti dal patrimonio personale della vittima ma una semplice deduzione; infine, l'elettricità non è inclusa nella definizione di prodotto rilevante ai fini della disciplina in esame. La legge di recepimento della testo comunitario include l'esimente relative ai rischi da sviluppo all'interno delle cause di esclusione della responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotti difettosi, mentre non è previsto nessun massimale per i pregiudizi derivanti dalla stessa categoria di prodotti. 174 6. LE SCELTE DEI SINGOLI STATI MEMBRI RELATIVE ALLE OPZIONI CONCESSE DALLA DIRETTIVA 1985/374/CEE. TABELLA RIASSUNTIVA
STATO

PROVVEDIMENTO
DI ATTUAZIONE
DELLA DIRETTIVA
CEE N. 85/374

LIMITAZIONE
DELLA
RESPONSABILIT
' DEL
PRODUTTORE
PER RISCHIO DA
SVILUPPO

LIMITE
MASSIMO DELLA
RESPONSABILIT
' PER I DANNI
CAGIONATI DA
UNA SERIE DI
PRODOTTI
AVENTI TUTTI IL
MEDESIMO
DIFETTO

RISARCIMENTO
DEL DANNO
MORALE
Italia D.P.R. 24 maggio 1988,
n. 224. La disciplina
oggi è inserita nel
Codice del Consumo
(D.lgs. 6 settembre
2005 n. 206) agli artt.
114-127. Sì No No Francia Legge 1998/389. Il
legislatore francese è
intervenuto nel corpo
del codice civile,
introducendo ex novo
nel III° libro il titre IV
bis, composto dagli artt.
1386-1 fino agli artt.
1386-18. Sì, tranne nelle
ipotesi in cui il
danno sia stato
causato da un
elemento del corpo
umano o da un
prodotto da esso
creato. No Sì Spagna Legge1994/22
(successivamente
modificata dal Real
Decreto legislativo del
16 novembre 2007). Sì , tranne che per i
medicinali, gli
alimenti o i prodotti
alimentari destinati
al consumo umano. Sì La legge attribuisce
al danneggiato la
possibilità di
avvalersi della
propria legge
nazionale al fine di
ottenere il
risarcimento degli
altri danni o
pregiudizi,
compresi quelli
morali Germania Legge 15 dicembre
1989 (c.d.
Produkthaftungsgesetz). Sì [ il § 84 AMG non
esonera il
produttore
farmaceutico
dall''obbligo di
risarcire i rischi da
sviluppo]. Sì No Regno Unito L''ordinamento inglese
ha dato attuazione alla
direttiva comunitaria in
tema di danni derivanti
da prodotti difettosi
attraverso il Consumer
Protection Act del 15
maggio 1987. Sì No Si 175 Austria La legge del 21 gennaio
1988 (successivamente
modificata dalle leggi
11 febbraio 1993, n. 95,
legge 29 dicembre
1993, n. 917, legge 12
luglio 1994, n. 510). Sì No Sì Belgio Legge del 25 febbraio
1991. Sì No Sì Danimarca Legge del 7 giugno
1989, n. 371. Sì No ' Finlandia Legge del 17 agosto
1990, n. 694 (tale
normativa è stata
modificata dalle leggi
dell'8 gennaio 1993, n.
99 e del 22 ottobre
1993, n. 879). No (il produttore di
un bene difettoso è
responsabile anche
nell'ipotesi in cui lo
stato delle
conoscenze
scientifiche
tecniche esistenti
nel momento in cui
il prodotto è stato
messo in
commercio non
permetteva di
conoscere la
difettosità del
prodotto stesso). No Grecia Decreto ministeriale
B7535/1077 del 31
marzo 1988
(successivamente
modificato dalle leggi
n. 1961 del 1991 e n.
2251 del 1994 in
materia di salute e
sicurezza dei
consumatori). Sì No No Irlanda Legge del 4 dicembre
1991, n. 28. Sì No Sì Lussemburgo Legge del 21 aprile 1989. No (il produttore di
un bene difettoso è
responsabile anche
nell'ipotesi in cui lo
stato delle
conoscenze
scientifiche
tecniche non
permetteva di
conoscere la
difettosità del
prodotto stesso). No Sì Olanda Legge del 13 settembre
1990 la quale ha
novellato il codice
civile olandese,
introducendo i nuovi
articoli compresi tra il
1407a ed il 1407j. No No '




176 Portogallo Decreto legge del 6
novembre 1986 n. 383. No Sì (per un importo
che però risulta
essere inferiore al
minimo autorizzato
dalla direttiva). ' Svezia La legge del 23 gennaio
1992, n. 18,
(successivamente
modificata con la legge
30 dicembre 1992, n.
1137 e poi con quella
del 10 giugno 1993, n.
647). No No ' 177 7. ALCUNE DIFFERENZE SOSTANZIALI RISPETTO ALLA DIRETTIVA COMUNITARIA PRESENTI NELLE SINGOLE LEGISLAZIONI DI ATTUAZIONE DEI DIVERSI STATI MEMBRI. TABELLA RIASSUNTIVA DIRETTIVA 85/374/CEE DIVERGENZE NELLA LEGISLAZIONE DI ATTUAZIONE Articolo 1 Il produttore è responsabile del danno causa da un difetto del suo prodotto. Articolo 2 Ai fini della presente direttiva, per "prodotto" si intende ogni bene mobile, ad eccezione dei prodotti agricoli naturali e dei prodotti della caccia, anche se forma parte di un altro bene mobile o immobile. Per "prodotti agricoli naturali" si intendono i prodotti del suolo, dell'allevamento e della pesca, ad esclusione dei prodotti che hanno subito una prima trasformazione. Per "prodotto" si intende anche le l'elettricità. N.B. l'articolo 2 fu emendato dalla direttiva 99/34/CE del 10 maggio 1999 allo scopo di con di includere i prodotti agricoli nell'ambito della direttiva 85/374/CEE. Articolo 2 (testo attuale) Ai fini della presente direttiva, per "prodotto" si intende ogni bene Francia: il legislatore francese include all''interno nella nozione di prodotto anche gli elementi del corpo umano o i prodotti da esso creati. Spagna: include specificatamente il ''gas' come prodotto. Irlanda: all''interno della categoria di prodotti viene ricompresa anche l'energia elettrica limitatamente, però, ai casi in cui il danno si verifica a causa del difetto nel processo di generazione della stessa. Belgio: la legge si discosta parzialmente dal testo comunitario nella misura in cui fornisce una definizione di prodotto che si limita ai soli beni tangibili, escludendo pertanto del 178 mobile, anche se forma parte di un altro bene mobile o immobile. Per "prodotto" si intende anche l'elettricità. regime di responsabilità oggettiva i produttori di beni immateriali. Regno Unito: si riferisce al processo industriale' piuttosto che ''iniziale'. In Inghilterra il Consumer Protection Act trova applicazione anche con riferimento ai farmaci, vaccini, il sangue, gli emoderivati, il plasma, agli organi del corpo umano, i beni di seconda mano (c.d. second-hand goods) e i prodotti dell''artigianato o i beni artistici. Germania: la normativa di attuazione della direttiva non si applica ai prodotti farmaceutici per i quali sussiste un''apposita disciplina (c.d. Arzneimittelgesetz, con formula abbreviata entrata in vigore il 1° settembre 1976 e successivamente riformata con la legge del 10 maggio 2002, n. 358). Finlandia: inizialmente la Finlandia escludeva dalla nozione di prodotto l''energia elettrica. Svezia: l''elettricità non è inclusa nella definizione di prodotto rilevante ai fini della disciplina in esame. Articolo 3 1. Il termine "produttore" designa il fabbricante di un prodotto Italia: la responsabilità dei fornitori è configurabile solamente qualora questi non comunichino al 179 finito, il produttore della materia prima o il fabbricante di una parte componente, nonché ogni persona che, apponendo il proprio nome, marchi, marchio o altro segno distintivo sul prodotto, si presenta come produttore dello stesso. 2. Senza pregiudizio della responsabilità del produttore, chiunque importi un prodotto nella Comunità Europea ai fini della vendita, della locazione, del "leasing" o di qualsiasi altra forma di distribuzione nell'ambito della sua attività commerciale, è considerato produttore del medesimo ai sensi della presente direttiva ed è responsabile allo stesso titolo del produttore. 3. Quando non può essere individuato il produttore del prodotto si considera tale ogni fornitore a meno che quest'ultimo comunichi al danneggiato, entro un termine ragionevole, l'identità del produttore o della persona che gli ha fornito il prodotto. Le stesse disposizioni si applicano ad un prodotto importato, qualora questo non rechi il nome dell'importatore di cui paragrafo 2, anche se è indicato il nome del produttore. danneggiato, entro un termine di tre mesi dalla richiesta, l''identità ed il domicilio del produttore o della persona che gli ha fornito il prodotto. La richiesta deve essere fatta per iscritto e deve indicare il prodotto che ha cagionato il danno, il luogo e, con ragionevole approssimazione, la data dell''acquisto; deve inoltre contenere l''offerta in visione del prodotto, se ancora esistente. Se la notificazione dell''atto introduttivo del giudizio non è stata preceduta dalla richiesta da parte del danneggiato, il convenuto può effettuare la comunicazione entro i tre mesi successivi. In ogni caso, su istanza del fornitore presentata alla prima udienza del giudizio di primo grado, il giudice, se le circostanze lo giustificano, può fissare un ulteriore termine non superiore a tre mesi per la comunicazione da parte del fornitore dell''identità del produttore o della persona che gli ha fornito il prodotto. Tali diposizioni si applicano poi anche al prodotto importato nell''Unione europea, quando non sia individuato l''importatore, anche se sia noto il produttore. Francia: per quanto concerne l''art. 3 (3) inizialmente, il venditore, il locatore, e qualsiasi altro fornitore 180 agente nella sua capacità professionale è responsabile del difetto del prodotto quanto il produttore. Con la legge del 5 aprile 2006, n. 406 l''ordinamento francese si è conformato alla direttiva comunitaria. Spagna: definisce ''fabbricante' al posto di ''produttore'; il fornitore deve fornire le informazioni sul produttore entro tre mesi dalla richiesta ma rimane responsabile qualora abbia fornito il prodotto nonostante avesse piena conoscenza dell''esistenza del difetto (in tal caso può agire in regresso contro il produttore o importatore). Regno Unito: per quanto concerne l''art. 3 (3), la richiesta del danneggiato deve essere presentata entro un periodo ragionevole. Germania: il distributore che vuole liberarsi da responsabilità ha un mese di tempo (che decorre dalla richiesta del danneggiato) per indicare il produttore. Danimarca: definisce "fabbricante" invece di "produttore"; con particolare riferimento all''art. 3(3) il danneggiato è libero di ritenere responsabili il fabbricante o il 181 distributore o entrambi. Irlanda: la normativa di recepimento, a differenza della direttiva, contiene altresì una definizione di persona danneggiata ossia colui che ha subito un pregiudizio causato interamente o parzialmente da un prodotto difettoso. Portogallo: con riferimento all''art. 3(3) la persona lesa deve richiedere per iscritto (e il fornitore deve fornire sempre per iscritto ed entro tre mesi), l'identità del produttore o dell''importatore oppure ancora di qualche fornitore precedente. Svezia: non fa riferimento ai ''produttori', ma definisce le persone responsabili come ''chiunque abbia fabbricato, prodotto o assemblato il prodotto'. Articolo 4 Il danneggiato deve provare il danno, il difetto e la connessione causale tra difetto e danno. Grecia: omesso. Portogallo: omesso. Articolo 5 Se, in applicazione della presente direttiva, più persone sono responsabili dello stesso danno, esse rispondono in solido, fatte salve le disposizioni nazionali in materia di Italia: il legislatore specifica che in caso di pluralità di responsabili, colui che ha risarcito il danno ha regresso contro gli altri nella misura determinata dalle dimensioni del rischio riferibile a ciascuno, dalla gravità delle 182 rivalsa. eventuali colpe e dalla entità delle conseguenze che ne sono derivate. Nel dubbio la ripartizione avviene in parti uguali. Danimarca: elenca i fattori da prendere in considerazione ai fini dell'assegnazione della responsabilità solidale, specificatamente la causa del difetto, l'opportunità del singolo produttore e la possibilità di controllare il prodotto e le polizze assicurative di responsabilità esistenti. Portogallo: elenca i fattori da prendere in considerazione ai fini dell'assegnazione della responsabilità solidale, in particolare il rischio creato per ciascuna persona responsabile, la gravità di qualsiasi colpevolezza con cui egli abbia agito, e il suo contributo alla lesione; nel caso di doppia responsabilità deve essere assegnata in modo uguale. Articolo 6 1. Un prodotto è difettoso quando non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze, tra cui: (a) la progettazione del prodotto, (b) l'uso al quale prodotto può essere ragionevolmente destinato, Italia: con particolare riferimento all''art. 6 (1) (a) aggiunge circostanze specifiche da prendere in considerazione, come per esempio, oltre alla presentazione prodotto, il modo in cui prodotto è stato messo in circolazione e le sue "caratteristiche palesi'. Per quanto concerne l''art. 6 (1) (c) definisce "messa in circolazione". 183 (c) il momento della messa in circolazione del prodotto. 2. Un prodotto non può essere considerato difettoso per il solo fatto che un prodotto più perfezionato sia stato messo in circolazione successivamente ad esso. Infine, specifica che un prodotto è difettoso se non offre la sicurezza offerta normalmente dagli esemplari della medesima serie. Francia: il legislatore specifica che, il rispetto delle regole dell''arte e delle norme tecniche non esonera il produttore da responsabilità, con la conseguenza che, secondo il legislatore francese, un prodotto può essere considerato difettoso anche se conforme alle regole tecniche. Spagna: la normativa spagnola sancisce che costituisce un indice del difetto di un prodotto anche la differenza esistente tra un prodotto e quelli della medesima serie fabbricati dalla stessa impresa e con le stesse modalità di fabbricazione di quella serie particolare. Regno Unito: con riferimento all''art. 6 (1) secondo l'ordinamento inglese, un prodotto è "difettoso" qualora non offra la sicurezza che il "grande pubblico si può legittimamente attendere"; in riferimento all''art. 6 (1) (a), invece di "presentazione prodotto" appare "il modo in cui, e gli scopi per cui il prodotto è stato commercializzato, il suo avviamento, l'uso di qualsiasi 184 marchio relativo al prodotto e qualsiasi istruzione per, o avvertenza relativa a fare o non fare di qualsiasi cosa con o relativamente al prodotto"; per quanto concerne l''art. 6 (1) (c) fa riferimento alla "fornitura" invece di "messa in circolazione" e definisce ampiamente il concetto di fornitura. Germania: il § 84 AMG non esonera il produttore farmaceutico dall''obbligo di risarcire i rischi da sviluppo. Svezia: in riferimento all''art. 6 (1), invece di prodotti difettosi, definisce prodotti che "sono carenti in termini di sicurezza", vale a dire prodotti non sicuri quanto si potrebbe ragionevolmente prevedere. Tale sicurezza deve essere poi valutata con riferimento, tra l'altro, a come il prodotto è stato commercializzato, alle istruzione per il funzionamento e al momento in cui il prodotto stesso è stato messo in commercio; l''art. 6 (2) è omesso. Belgio: in riferimento all''art. 6 (1) (c) , definisce ''messa in circolazione', la quale si identifica, quindi, come "il primo atto con cui produttore attua la consegna del 185 prodotto al destinatario, trasferendolo ad un terzo o impiegandolo a suo beneficio". Danimarca: in riferimento all''art. 6 (1) (a), fa riferimento al ''marketing' invece della ''presentazione'; in riferimento all''art. 6 (1) (b) la legge danese di attuazione della direttiva comunitaria specifica che si deve avere riguardo all'uso del prodotto e non al suo "ragionevole uso. Articolo 7 Il produttore non è responsabile ai sensi della presente direttiva se prova: (a ) che non ha messo il prodotto in circolazione; (b) che, tenuto conto delle circostanze, è lecito ritenere che il difetto che ha causato il danno non esistesse quando l'aveva messa in circolazione o sia sorto successivamente; (c) che non ha fabbricato il prodotto per la vendita o qualsiasi altra forma di distribuzione a scopo economico, né l''ha fabbricato o distribuito nel quadro della sua attività professionale; (d) che il difetto dovuto alla conformità del prodotto a regole imperative emanate dai poteri pubblici; Italia: in riferimento agli artt. 7 (a), (b) ed ( e), definisce ''messa in circolazione'; in particolare, un prodotto è messo in circolazione quando sia consegnato all''acquirente, all''utilizzatore, o a un ausiliario di questi, anche in visione o in prova. Per quanto concerne l''art. 7 (lett. b), per il produttore è sufficiente dimostrare che, tenuto conto delle circostante, è probabile che il difetto non esistesse ancora nel momento in cui il prodotto è stato messo in circolazione. Se poi è verosimile che il danno sia stato causato dal difetto del prodotto, il giudice può ordinare che le spese di consulenza tecnica siano anticipate dal produttore. Francia: il produttore rimane sempre responsabile nelle ipotesi di 186 (e)che lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche al momento in cui ha messo in circolazione del prodotto non permetteva di scoprire l'esistenza del difetto; (d) nel caso del produttore di una parte componente, che il difetto è dovuto alla concezione del prodotto in cui è stata incorporata la parte o alle istruzioni date dal produttore del prodotto. rischio da sviluppo - (art. 7) (e) -qualora si tratti di prodotti del corpo umano. Spagna: il produttore rimane sempre responsabile nelle ipotesi di rischio da sviluppo - (art. 7) (e) -qualora si tratti di prodotti farmaceutici, mangimi o prodotti alimentari intesi per il consumo umano. Germania: Il § 84 AMG non esonera il produttore farmaceutico dall''obbligo di risarcire i rischi da sviluppo. Regno Unito: per quanto riguarda i rischi da sviluppo, la legge inglese prevede che il produttore non sia responsabile qualora dimostri che lo stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti al momento considerato non permetteva di aspettarsi, da un produttore di prodotti del genere di quelli in causa, che egli avrebbe potuto scoprire il difetto esistente nei suoi prodotti durante il periodo di permanenza degli stessi nella sua sfera di controllo. Belgio: in riferimento agli artt. 7 (a), (b) ed ( e), definisce ''messa in circolazione'. 187 Irlanda: per quanto concerne la causa di esclusione da responsabilità di cui all''art. 7 (d), l''esimente derivante dall''osservanza a norme imperative viene limitata al diritto di derivazione comunitaria. Svezia: l''art. 7 ( c) e l''art. 7 (f) sono omessi. Nel caso in cui i danno sia provocato da un componente, sia quest''ultima che il prodotto finito sono considerati causa della lesione. Finlandia: il produttore di un bene difettoso è responsabile anche nell'ipotesi in cui lo stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti nel momento in cui il prodotto è stato messo in commercio non permetteva di conoscere la difettosità del prodotto stesso. Lussemburgo: il produttore di un bene difettoso è responsabile anche nell'ipotesi in cui lo stato delle conoscenze scientifiche tecniche esistenti nel memento in cui il prodotto è stato messo in commercio non permetteva di conoscere la difettosità del prodotto stesso. Articolo 8 1. Fatte salve le disposizioni Italia: art. 8 comma 1 omesso. 188 nazionali in materia di diritto di rivalsa, la responsabilità del produttore non risulta diminuita quando il danno è provocato congiuntamente da un difetto del prodotto e dall'intervento di un terzo. 2. La responsabilità del produttore può essere ridotta o soppressa, tenuto conto di tutte le circostanze, quando il danno è provocato congiuntamente da un difetto del prodotto e per colpa del danneggiato o di una persona di cui il danneggiato è responsabile. Per quanto concerne l''art. 8 comma 2, il legislatore italiano aggiunge che il risarcimento non è dovuto quando il danneggiato sia stato consapevole del difetto del prodotto e del pericolo che ne derivava e nondimeno vi si sia volontariamente esposto. Nell''ipotesi di danno a cosa, la colpa del detentore di questa è parificata alla colpa del danneggiato. Belgio: la legge belga, con riferimento all''art. 8 (2) non include la condizione limitativa ''tenuto conto di tutte le circostanze'. Danimarca: la legge danese di attuazione della direttiva omette d''inserire l''art. 8 (1). Articolo 9 Ai sensi dell''art. 1, per ''danno' si intende: a) il danno causato da morte o da lesioni personali, b) il danno o la distruzione di una cosa diversa dal prodotto difettoso, previa deduzione di una franchigia di Euro 500, purchè la cosa (i) sia del tipo normalmente destinato all''uso o consumo privato e (ii) sia stata utilizzata dal danneggiato principalmente per proprio uso e consumo privato. Italia: il legislatore specifica che il danno alle cose è risarcibile solo nella misura in cui ecceda la somma di trecentottantasette Euro. Francia: in riferimento all''art. 9 (b), inizialmente non ha attuato la disposizione relativa alla franchigia di 500 Euro. Regno Unito: i danni risarcibili sono la morte, le lesioni personali, il danno alla proprietà (per un valore superiore alle 275 sterline) compreso la 189 Il presente articolo lascia impregiudicate le disposizioni nazionali relative ai danni morali. terra; rimane, pertanto, escluso dall''ambito di applicazione della normativa inglese il danno prodotto in sé e quello derivante da qualsiasi accessorio del prodotto medesimo. Germania: la legge di attuazione della direttiva riconosce il risarcimento del danno alla persona ma non quello di lieve entità alle cose. Non si estende al risarcimento del danno non patrimoniale. Austria: inizialmente, per quanto concerne i danni patrimoniali subiti dai consumatori, la disciplina non presentava nessuna distinzione tra i beni di uso e consumo privato e quelli, invece, finalizzate all'esercizio dell'attività professionale. Proprio per tali ragioni, la Commissione ha richiamato l''Austria, imponendole di modificare la suddetta legge al fine di distinguere tra le varie tipologie di beni, in quanto la Commissione stessa riteneva che una previsione così ampia come quella prevista nella normativa austriaca eccedesse gli scopi della direttiva medesima e si poneva, pertanto, in contrasto con il diritto comunitario. Per quanto concerne l''art. 9 (b), se inizialmente era prevista una 190 franchigia di 500 sch (340,00 Euro circa), successivamente è stata, poi, elevata a 8.0000 sch (500, 00 Euro circa). Grecia: in riferimento all''art. 9 (b), inizialmente non ha attuato la disposizione relativa alla franchigia di 500 Euro. Irlanda: in riferimento all''art. 9 (a) per ''lesioni personali' si intende anche qualsiasi malattia e compromissione di una condizione fisica e mentale di una persona. Lussemburgo: il danno è definito come ''qualsiasi danno', escludendo solamente i danni causati al prodotto stesso o all''uso non privato di prodotti e danni risultanti da incidenti nucleari che sono coperti da accordi internazionali vigenti. Svezia: la legge svedese, inoltre, non prevede una vera e propria franchigia per i danni subiti dal patrimonio personale della vittima ma una semplice deduzione. Articolo 10 Gli Stati membri prevedono nella loro legislazione che l''azione di risarcimento prevista in forza della Italia: per quanto concerne il termine di prescrizione, il legislatore italiano specifica che nel caso di aggravamento del danno, la 191 presente direttiva cade in prescrizione dopo un termine di tre anni a decorrere dalla data in cui il ricorrente ha avuto o avrebbe dovuto avere conoscenza del danno, del difetto e dell''identità del produttore. La presente direttiva lascia impregiudicate le disposizioni degli Stati membri che disciplinano la sospensione o l''interruzione della prescrizione. prescrizione non comincia a decorrere prima del giorno in cui il danneggiato ha avuto o avrebbe dovuto avere conoscenza di un danno di gravità sufficiente a giustificare l''esercizio di un''azione giudiziaria. Articolo 11 Gli Stati membri prevedono nella loro legislazione che i diritti conferiti al danneggiato in applicazione della presente direttiva si estinguono alla scadenza di dieci anni dalla data in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto che ha causato il danno, a meno che il danneggiato non abbia avviato, durante tale periodo, un procedimento giudiziario contro il produttore. Italia: il legislatore italiano specifica che la decadenza è impedita solo dalla domanda giudiziale, salvo che il processo si estingua, dalla domanda di ammissione del credito in una procedura concorsuale o dal riconoscimento del diritto da parte del responsabile. L''atto che impedisce la decadenza nei confronti di uno dei responsabili non ha effetto riguardo agli altri. Regno Unito: fa riferimento alla nozione di ''fornitura' al posto di ''messa in circolazione'. Belgio: definisce la ''messa in circolazione'. Articolo 12 La responsabilità del produttore 192 derivante dalla presente direttiva non può essere soppressa o limitata, nei confronti del danneggiato, da una clausola esonerativa o limitativa della responsabilità. Articolo 13 La presente direttiva lascia impregiudicati i diritti che il danneggiato può esercitare in base al diritto relativo alla responsabilità contrattuale o extracontrattuale o in base ad un regime speciale di responsabilità esistente al momento della notifica della direttiva. Belgio: nella legge di attuazione belga non vi è alcun riferimento a qualsiasi ''sistema speciale di responsabilità'. Irlanda: nella legge di attuazione irlandese non vi è alcun riferimento a qualsiasi ''sistema speciale di responsabilità'. Articolo 14 La presente direttiva non si applica ai danni risultanti da incidenti nucleari e coperti da convenzioni internazionali ratificati dagli Stati membri. Belgio: la legge di attuazione belga fa riferimento ad una legge particolare relativa alla responsabilità concernente l'energia nucleare, piuttosto che a convenzioni internazionali in generale. Irlanda: omesso. 193 8. Questioni particolari in materia di danni cagionati dal consumo di alimenti Alla luce di alcuni ''scandali' che hanno coinvolto le imprese operanti nel mercato alimentare - si pensi, per esempio, ai casi del vino al metanolo, al c.d. morbo della mucca pazza, alle uova alla diossina, alle mozzarella blu e, da ultimo, alla scoperta della presenza di carne equina al posto di quella bovina in determinati prodotti alimentari nonché al pericolo connesso alla vendita di animali non allevati per la macellazione '' la problematica relativa alla tutela risarcitoria riconosciuta nelle ipotesi di danni cagionati dal consumo di sostanze alimentari sembra assumere una crescente importanza. Tuttavia, nelle suddette ipotesi spesso risulta difficile non solamente la prova del nesso causale tra il difetto ed il danno ma anche la dimostrazione della difettosità del prodotto; tale prova sembra particolarmente ardua soprattutto nelle ipotesi in cui il prodotto viene consumato, con la conseguenza che in dette ipotesi la dimostrazione della difettosità del bene non può essere data direttamente ma bensì per presunzioni. Un''ulteriore circostanza che rende ancora più difficoltosa la prova spettante sul danneggiato è quella per cui i pregiudizi conseguenti all''utilizzo di un prodotto difettoso sono causati da diversi fattori e i danni si verificano a distanza di un lungo periodo di tempo. 9. Le difficoltà di applicazione delle leggi di attuazione della direttiva nelle ipotesi di danni cagionati dal consumo di alimenti Nelle ipotesi di danno cagionato a seguito del consumo di prodotti alimentari '' a causa della circostanza per cui l''utilizzo dell''alimento comporta la distruzione dello stesso '' risulta difficile per il consumatore far fronte agli oneri probatori gravanti sul medesimo; in particolare, è arduo per il danneggiato che agisce in giudizio al fine di ottenere la riparazione del torto subito dimostrare la difettosità del bene in questione. Per quanto concerne, nello specifico, la prova circa la difettosità dell''alimento, occorre distingue l''ipotesi in cui il prodotto che si assume difettoso non sia stato intermento consumato da quella in cui, invece, l''alimento sia stato completamente distrutto. 194 Nella primo caso sopramenzionato sarà possibile fornire la prova diretta circa la difettosità del bene in questione utilizzando la parte rimanente dell''alimento e, quindi, dimostrando che lo stesso non offre la sicurezza che il consumatore medesimo si poteva legittimamente attendere 220. Nella seconda ipotesi sopra menzionata '' ossia qualora il prodotto alimentare non sia più materialmente disponibile'' la prova della difettosità del bene può essere data per presunzioni, tramite, per esempio, il ricorso al sistema della rintracciabilità o attraverso il numero di lotto; in tal modo, infatti, è possibile risalire a prodotti realizzati in condizioni produttive uniformi, ossia a beni fabbricati, per esempio, nello stesso stabilimento produttivo, con l''utilizzo delle medesime materie prime. 10. (Segue) La tendenza a facilitare l''onere della prova concernente la difettosità del bene ed il nesso causale attraverso il ricorso al meccanismo delle presunzioni Dall''analisi complessiva delle decisioni giurisprudenziali emanate all''interno dell''ordinamento italiano, emerge come raramente la giurisprudenza si è pronunciate in tema di danni cagionati dal consumo di sostanze alimentari. Tra le predette decisioni occorre, in questa sede, ricordare, in primo luogo, il famoso caso Saiwa, in cui la Suprema Corte ha riconosciuto la responsabilità extracontrattuale del produttore sulla base dell''art. 2043 c.c.; in particolare, i giudici di legittimità hanno affermato che il dettagliante - il quale rivende generi alimentari contenuti in involucri sigillati così come li riceve dalla ditta fabbricante (nel caso di specie si trattava di biscotti Saiwa) - non è responsabile dei danni causati dall''ingestione di detti prodotti risultati avariati, qualora si accerti che non ricorre alcuna sua colpa (come, per esempio, la cattiva conservazione del prodotto). Nello specifico, la Cassazione ha ritenuto altresì che, una volta esclusa '' come nel caso specie '' ogni colpa del negoziante in ordine all''alterazione del prodotto alienato, il giudice di merito può nell''esercizio dei suoi poteri discrezionali, ricollegare l''avaria del prodotto, attraverso un processo logico 220 Tuttavia, la facilità con cui il prodotto può subire delle contaminazioni e cambino le
caratteristiche del prodotto può rappresentare un ostacolo probatorio per il consumatore 195 presuntivo, alla difettosa fabbricazione del prodotto stesso, quale sua unica possibile causa. Sempre per quanto concerne le cause instaurate a seguito di danni derivanti dal consumo di alimenti, occorre ricordare come di recente il Giudice di Pace di Palermo, in applicazione della disciplina concernente la responsabilità del produttore (art. 114 ss. del Codice del Consumo), ha accolto la domanda proposta verso un''impresa produttrice di fette di pan carré per i danni subiti dall''attore a seguito di un''intossicazione alimentare dovuta all''ingerimento del prodotto difettoso che si presentava in un evidente stato di avaria 221; in tale sede si è aderito all''orientamento secondo cui un prodotto deve considerarsi difettoso se, in relazione al suo prevedibile e ragionevole utilizzo, non offra la sicurezza attesa, con la conseguenza che, in tal modo ragionando, tutte le volte in cui ci si trovi d fronte al consumo di alimenti che cagionino un pregiudizio, il danno potrà considerarsi in re ipsa. Dall''analisi sin qui condotta emerge la tendenza della giurisprudenza a ricorrere al meccanismo delle presunzioni ai fini della prova della difettosità del bene, del nesso di causalità e del comportamento colposo del danneggiato; tale atteggiamento è principalmente dovuto, da un lato, alla circostanza per cui spesso, nelle ipotesi di danni cagionati da prodotti alimentari, non si ha la materiale disponibilità del prodotto che si intende dimostrare essere difettoso e, dall''altro lato, al fatto che, frequentemente, i pregiudizi derivanti dal consumo di alimenti si manifestano a distanza di un lungo periodo di tempo. Al riguardo, occorre poi, osservare come, la tendenza a ricorrere al meccanismo delle presunzioni al fine di facilitare l''onere della prova gravante sull''attore è seguita anche dagli altri paesi europei; si pensi per esempio, come in Francia, si è espressamente affermato che sia la prova del difetto del prodotto stesso sia quella relativa al nesso causale esistente tra l''utilizzo di un prodotto ed 221 Giud. Pace Palermo, 4 marzo 2011, La responsabilità civile, 2011, 390; in Foro it., 2012, 2, I,
577. Sempre in tema di danni cagionati dal consumo di alimenti, v. Cass. pen. 18 febbraio 2010, n.
11212, in Guida al dir., 2010, 80; Cass. 5 giugno 2007, n. 13082, in Foro it., 2008, 1, I, 213, ove
si legge che ''Incombe sul cliente che chieda il risarcimento del danno subito per un'infezione
alimentare contratta in occasione del soggiorno presso una struttura alberghiera, con trattamento di
pensione completa, l'onere di provare il nesso di causalità intercorrente tra l'infezione e la condotta
tenuta dal gestore dell'albergo, posto che non esiste alcun serio e ragionevole criterio di probabilità
scientifica alla luce del quale affermare che una persona, quando trascorre un periodo di vacanza
con la formula "pensione completa", si astenga in modo assoluto dall'assumere alimenti in altri
esercizi' (si tratta di una domanda di risarcimento danno patito per un''infezione da salmonellosi'. 196 il verificarsi dell''evento lesivo, possono essere date per presunzioni, sempre che gravi, precise e concordanti 222. Inoltre, occorre osservare come, se in Europa la difficoltà connesse all''onere della prova gravante sul danneggiato viene superato mediante il ricorso al soprarichiamato meccanismo delle presunzioni, negli Stati Uniti si tende, invece, a superare dette difficoltà tramite l''utilizzo di determinati strumenti processuali, come, per esempio, i c.d. discovery rights 223 . I predetti diritti '' tramite cui si dispone una sorta di dovere di collaborazione delle parti del processo '' sono finalizzati a riequilibrare il differente grado di accesso delle medesime alle informazioni (di cui altrimenti l''attore non potrebbe avere conoscenza) e, quindi, a facilitare a quest''ultimo la prova circa la sussistenza del difetto nel prodotto medesimo e del nesso causale tra detto difetto ed il danno subito 224. 222 In argomento, v. Bandon '' Tourret, Gorny, «Les conditions de mise en 'uvre de la
responsabilité du fait des produits de santé: actualité 2011», La Semaine Juridique Entreprise et
affaires, n° 43, 27 Octobre 2011, 1764.
223 Lucas Bergkamp Rod Hunter, Product liability litigation in the US and Europe: Diverginig
Procedure and Damages Awards, 407; Hodges, Product Liability: European Laws and Practice,
(Sweet & Maxwell, 1993), 168.
224 In Europa la discovery non è conosciuta e la disclosure delle informazioni o la presentazione
dei documenti e'' lasciata alla discrezionalità delle parti. Nella maggior parte dei Paesi europei
l''attore, al fine di ottenere della documentazione in possesso dell''impresa convenuta, deve ottenere
un ordine del giudice il quale e'' libero di disporre se il convenuto debba o meno produrre tale
documentazione. Sul punto, e'' stato, peraltro, osservato come ''The lack of a discovery procedure
in Europe has been a significant impediment to plaintiffs pursuing product liability claims, and
this has contributed to a trend in some European countries for courts, in certain situations, to
reverse the burden of proof as to fault or defect'; Lucas Bergkamp Rod Hunter, Product liability
litigation in the US and Europe: Diverginig Procedure and Damages Awards, 407; C. Hodges,
Product Liability: European Laws and Practice, (Sweet & Maxwell, 1993), 168. 197 CAPITOLO III LA DISCIPLINA EUROPEA DELLA SICUREZZA ALIMENTARE. IL COLLEGAMENTO TRA NORMATIVA PUBBLICISTICA E REGOLE RISARCITORIE 1. La legislazione in materia di sicurezza alimentare nel diritto dell''Unione europea e nel diritto interno Il diritto alimentare è finalizzato a garantire la sicurezza e la protezione dei consumatori dei prodotti alimentari, disciplinando la fase della produzione, del trasporto, della trasformazione e della commercializzazione dei beni alimentari. Tuttavia, la finalità perseguita dalla legislazione alimentare non è solamente quella di garantire la protezione della vita e della salute dei cittadini, la tutela dei consumatori, bensì anche quella di realizzare la libera circolazione nell'Unione di prodotti alimentari e degli alimenti per animali. Inizialmente le norme concernenti la legislazione alimentare nascevano come un insieme di disposizioni essenzialmente di fonte nazionale dirette a proporre divieti - sanzionati spesso penalmente - mentre oggi la predetta normativa è finalizzata soprattutto alla prevenzione nonchè ad assicurare la libera e sicura circolazione degli alimenti e delle bevande. In particolare, sempre con riferimento al diritto alimentare, occorre osservare come il legislatore europeo - alla luce dell'importanza assunta dal settore in questione - ha emanato diversi regolamenti, direttive e decisioni tese a regolare la produzione, trasformazione e la distribuzione dei prodotti alimentari; ecco dunque che, in tale ottica, si può osservare come, i principi elaborati dall'Unione Europea rappresentano la fonte principale del diritto alimentare moderno atteso che tale settore si caratterizza per la crescente espansione delle competenze del legislatore europeo 1. 1 Il diritto alimentare di fonte internazionale è contenuto principalmente negli Accordi
dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC o WTO), tra i quali merita di essere
segnalato l'Accordo sulle misure sanitarie e fitosanitari (SPS) tali fonti non hanno efficacia diretta
atteso che dette disposizioni sono inidonee a creare in capo ai singoli diritti invocabili direttamente
in giudizio sulla base del diritto dell''Unione Europea (Corte di giustizia 9 settembre 2008, in C-
120/06 P e C-121/06 P.) nonché a rappresentare un parametro di legittimità degli atti dell''Unione
europea medesima. 198 Tra le diverse fonti 2 dell'Unione europea 3 assume una particolare importanza il regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio 4 il quale sancisce i principi ed i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e fissa
Al riguardo occorre anche ricordare il c.d. Il Codex Alimentarius rappresenta un insieme di regole
e di normative elaborate dalla Codex Alimentarius Commission, una Commissione (suddivisa in
numerosi comitati) istituita nel 1963 dalla FAO e dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).
Lo finalità della Commissione è quella di tutelare la salute dei consumatori e garantire la
correttezza degli scambi internazionali. La Commissione intergovernativa - ossia composta dai
governi di centottantacinque Paesi oltre alla Comunità Europea - si riunisce periodicamente al fine
di revisionare il Codex Alimentarius Procedural Manual. Lo scopo del Codex è quello di facilitare
gli scambi internazionali degli alimenti e mantenere la corretta produzione e conservazione dei cibi.
Ai lavori della Commissione partecipano esperti di diverse discipline scientifiche
dell''alimentazione, tra cui l''autorità di controllo del cibo, esperti scientifici e tecnici alimentari,
rappresentanti di associazioni dei consumatori, dei produttori, dell''industria e del commercio (la
Commissione del Codex Alimentarius approva, ad esempio, i canoni che sanciscono quando un
pesce può essere etichettato come ''sardina', o quanto burro di cacao deve essere presente nel
cioccolato perché questo possa essere considerato ''vero' cioccolato, o ancora quanta buccia può
essere presente in una scatola di ''pomodori pelati interi').
2 Sul punto occorre ricordare altresì come il 1° dicembre 2009 è entrato in vigore il Trattato di
Lisbona che ha modificato il Trattato sull''Unione europea (TUE) ed il Trattato sul funzionamento
dell''Unione europea che rimangono le fonti primarie dell''Unione europea (le fonti secondarie
sono costituite dagli atti emanati dalle Istituzioni dell''Unione europea).
3 Tracciando un breve quadro storico dell'evoluzione della disciplina dell''Unione Europea
concernente la materia relativa alla legislazione alimentare, occorre ricordare come già con
l'introduzione del Trattato di Roma del 1957 si voleva migliorare le condizioni di vita della
Comunità; nei primi anni Sessanta è entrata in vigore la politica agricola comune che vuole - tra le
altre cose - garantire l'autosufficienza in materia alimentare dei cittadini della Comunità. A partire
dagli anni Settanta l'attenzione si sposta verso i consumatori sino all'adozione del Libro verde della
Commissione europea sui principi generali della legislazione alimentare nell'Unione europea.
All'inizio degli anni 2000 l'attenzione si concentra sulle tematiche della sicurezza e della qualità
alimentare; in questo periodo si realizzava il Libro bianco sulla sicurezza alimentare che pone in
evidenza l'obbligo di informare cittadini dell'Unione europea sulla qualità, sui rischi la
composizione degli alimenti. Nel 2002 con il regolamento n. 178 viene fondata la nuova
legislazione in materia alimentare e si istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare
(EFSA); ulteriori e successivi regolamenti hanno poi regolato il settore dell'igiene dei prodotti
alimentari e dei controlli ufficiali suoi prodotti di origine animale destinate al consumo umano
(regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004,
sull''igiene dei prodotti alimentari; regolamento (CE) n. 853/2004 del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 29 aprile 2004, che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti
di origine animale; regolamento (CE) n. 854/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29
aprile 2004, che stabilisce norme specifiche per l''organizzazione di controlli ufficiali sui prodotti
di origine animale destinati al consumo umano; regolamento (CE) n. 882/2004 del Parlamento
europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la
conformità alla normativa in materia di mangimi e alimenti e alle norme sulla salute e sul
benessere degli animali.
4 GUCE L 31 del 1° febbraio 2002, p. 1. Per un primo commento, v. Le nuove leggi civili e
commentate, 2003, nn- 1-2. Tale regolamento è stato modificato con il regolamento 1642/2003 del
Parlamento europeo e del Consiglio del 22 luglio 2003, in GUCE L 245 del 29 settembre 2003. 199 le procedure nel campo della sicurezza alimentare. Tale regolamento vuole attuare il nuovo approccio verso la sicurezza alimentare stabilito nel Libro bianco della Commissione europea 5 e quindi garantire la sicurezza dei prodotti alimentari lungo tutta la filiera alimentare "dai campi alla tavola". Oltre al regolamento (CE) n. 178/2002 occorre ricordare anche il c.d. ''pacchetto igiene' ed il ''pacchetto F.I.A.P.' (Food Improvement Agents Package); il primo è costituito dai regolamenti (CE) n. 852 (sull'igiene dei prodotti alimentari), n. 853 (sull'igiene specifica degli alimenti di origine animale) e n. 854 (sull'organizzazione dei controlli ufficiali suoi prodotti di origine animale destinati al consumo umano) del 2004 6 . Il secondo - ossia il c.d. pacchetto F.I.A.P. è composto dagli regolamenti (CE) n. 1331, 1332, 1333 e 1334 del 2008 7 i quali disciplinano la produzione, la commercializzazione e l'utilizzo di additivi, aromi ed enzimi alimentari. Per quanto riguarda la sicurezza informativa dei prodotti alimentari vanno ricordati la direttiva n. 2000/13/CE del Parlamento europeo del Consiglio relativa al riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti l'etichettatura la presentazione dei prodotti alimentari nonché la relativa pubblicità 8 e il regolamento (CE) n. 1924/2006 sulle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari 9. Per quanto concerne l''ordinamento italiano occorre osservare come, sino all''entrata in vigore della legge n. 3 del 18 ottobre 2001, non sussisteva all''interno della Carta fondamentale, alcuna disposizione che prevedeva un richiamo diretto 5 Libro bianco della Commissione europea per la sicurezza alimentare (COM) (1999) 719 del 12
gennaio 2000.
6 Pubblicati in GUUE L 139 del 30 aprile 2004. Ai sopra richiamati regolamenti si aggiunge il
regolamento (CE) n. 882/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004, in
GUUE L 191 del 28 maggio 2004.
7 Pubblicati in GUUE L 354 del 31 dicembre 2008, p. 1.
8 In GUCE L 109 del 6 maggio 2000, p. 29. il legislatore comunitario è, quindi, intervenuto con
il regolamento n. 1169-2011 del Parlamento europeo e del consiglio del 25 ottobre 2011 relativo
alla fornitura d'informazioni sugli alimenti ai consumatori. Tale regolamento ha abrogato la
direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo.
9 Regolamento (CE) n. 1924/2006 del Parlamento e del Consiglio relativo del 20 dicembre 2006,
concernente le indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari, in GUUE L
404 del 30 dicembre 2006, p. 9. 200 alla problematica concernente la sicurezza alimentare ma solamente riferimenti indiretti relativi al diritto alla salute (art. 32 Cost.) 10. Attualmente il diritto alimentare è una materia concorrente in quanto spetta allo Stato l'indicazione dei principi fondamentali e alle regioni le norme di dettaglio; la nuova formulazione dell''art. 117 Cost. prevede solo le materie riservate esclusivamente allo Stato e quelle di potestà legislativa concorrente delle regioni, lasciando una competenza residuale - per quanto concerne le materie non espressamente ricomprese nella norma - in capo alle regioni medesime. Per quanto concerne la normativa italiana in materia di legislazione alimentare, occorre ricordare altresì la legge n. 283/1962 finalizzata a limitare gli effetti negativi della frammentazione penale in materia alimentare rappresentando, pertanto, una vera e propria legge-quadro del settore alimentare. Attraverso tale disposizione furono fissate le regole generali in tema di autorizzazione sanitaria, fu introdotto il libretto di idoneità sanitaria (di cui deve essere munito il personale addetto alla preparazione, produzione, e vendita di sostanze alimentari) furono previste anche le norme sanzionatorie per chiunque deteneva - per il commercio oppure per la distribuzione - sostanze destinate all'alimentazione pericolose per la salute pubblica, anche se non contraffatte e adulterate 11. Sempre in tema di sicurezza alimentare, occorre altresì ricordare il D.lgs. 17 marzo 1995, n. 115 (il quale darà inseguito attuazione alla direttiva 92/59/CE relativa alla sicurezza generale dei prodotti, agli obblighi del produttore e del distributore, alle procedure e alle prassi dei controlli e alle sanzioni); il D.lgs. 5 aprile 2006, n. 190, recante ''Disciplina sanzionatoria per le violazioni del regolamento CE n. 178/2002' (nello specifico, la norma fissa dettagliatamente tutte le sanzioni amministrative pecuniarie per gli operatori del settore alimentare e dei mangimi che violino gli obblighi a cui sono tenuti) 12. 10 Il collegamento tra diritto alla salute alimentazione è evidente che nel titolo IV del Testo unico
delle leggi sanitarie del 1934 (R.D. 27 luglio 1934, n. 1265), modificato dalla legge 30 aprile
1962, n. 283 recante ''Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari
e delle bevande'.
11 Il successivo regolamento di esecuzione della legge n. 283/1962 (D. P.R. 26 marzo 1980, n.
327 fissava ulteriori obblighi in materia di requisiti per stabilimenti, ristorante laboratori nonché in
tema di norme igieniche per i locali ed impianti e igiene del vestiario.
12 Il quadro complessivo della legislazione alimentare può essere concluso con un riferimento ai
reati in materia alimentare (c.d. diritto penale alimentare), tra i quali assumono particolare
rilevanza le fattispecie criminose contemplate dagli artt. 439 c.p. (avvelenamento di acque e
sostanze alimentari); 440 e 441 c.p. (adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari o di altre 201 In termini conclusivi si può affermare che il diritto alimentare rappresenta una materia trasversale che trae origine da una pluralità di fonti nazionali, dell''Unione europea ed internazionali; al riguardo, si è osservato come esso ''si presenta quale sistema normativo multilivello nel quale le fonti principali, quelle nazionali e dell'UE, appaiono tra loro integrate e coordinate secondo il principio del primato del diritto dell''UE 13. 2. Il contenuto del regolamento (Ce) n. 178/2002 del 28 gennaio 2002 Il regolamento comunitario n. 178/2002 che ha per oggetto la tutela della salute dell'uomo e degli animali è composto da 65 articoli e si occupa in particolare della legislazione alimentare nei suoi diversi aspetti. Se alcune delle disposizioni in esso contenute sono entrate in vigore immediatamente - si pensi per esempio a quelle relative ai principi generali come l'analisi del rischio, il principio di precauzione, la tutela dei consumatori, gli obblighi di consultazione, di informazione, oppure le disposizioni istitutive dell'EFSA - un'altra serie di disposizioni, invece, ha trovato applicazione solamente tre anni dopo (si pensi, per esempio, a quella relativa al commercio alimentare extracomunitario). Il principale obiettivo perseguito dal regolamento (CE) n. 178/2002 è quello di garantire elevati livelli di sicurezza degli alimenti 14; a tal fine, vengono adottate misure idonee ad attuare la ''rintracciabilità' (art. 18) dei prodotti e delle materie che li compongono 15 . La finalità di limitare i danni derivanti dalla
cose in danno della pubblica salute); 442 c.p. (commercio di sostanze alimentari contraffatte o
adulterate); 444 c.p. (commercio si sostanze alimentari nocive); 515 c.p. (frode in commercio). Sul
punto, v. Mazzacuva, I delitti contro l''economi pubblica, in AA. VV., Diritto penale, Bologna,
2006, 308; Pacileo, Il diritto degli alimenti, Padova, 2003, 134.
13 Costato-Borghi-Rizzioli, Compendio di diritto alimentare, cit. 33.
14 In argomento, tra i tanti, v. Babuscio, Alimenti sicuri e diritto, Milano, 2005, 5; Pacileo, Il
diritto degli alimenti, Padov, 2003, 134.
15 In particolare, l''art. 18 del regolamento (CE) n. 178/2002 dispone che ''1. ' disposta in tutte le
fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione la rintracciabilità degli alimenti,
dei mangimi, degli animali destinati alla produzione alimentare e di qualsiasi altra sostanza
destinata o atta a entrare a far parte di un alimento o di un mangime.
2. Gli operatori del settore alimentare e dei mangimi devono essere in grado di individuare chi
abbia fornito loro un alimento, un mangime, un animale destinato alla produzione alimentare o
qualsiasi sostanza destinata o atta a entrare a far parte di un alimento o di un mangime. A tal fine
detti operatori devono disporre di sistemi e di procedure che consentano di mettere a disposizione
delle autorità competenti, che le richiedano, le informazioni al riguardo. 202 commercializzazione di prodotti alimentari insicuri viene perseguita anche tramite un sistema di allarme rapido che permette il ritiro dal mercato di cibi potenzialmente dannosi. Il regolamento (CE) n. 178 del 2002 presta particolare attenzione ai rischi collegati al consumo di sostanza alimentari e, proprio sotto questo profilo, viene valorizzato il principio di precauzione (art. 7), il quale conferma come il legislatore comunitario sia attento alle esigenze di protezione della salute umana anche in relazione agli effetti a lungo termine. A prescindere dal principio di precauzione e dal principio dell''analisi del rischio '' di cui si tratterà più avanti '' un ultimo principio che governa il sistema della legislazione alimentare è il c.d. principio di trasparenza (il quale, poi, si pone alla base dell'applicazione tanto dall'analisi del rischio quando del principio di precauzione medesimo). Il considerando n. 22 del regolamento spiega come la sicurezza degli alimenti e la tutela degli interessi dei consumatori siano fonte di crescente preoccupazione per i cittadini, le organizzazioni non governative, le associazioni professionali, le controparti commerciali internazionali e le organizzazioni commerciali. Inoltre, è necessario fare in modo che la fiducia dei consumatori e delle controparti commerciali sia garantita tramite l'elaborazione trasparente della legislazione alimentare e attraverso interventi adeguati da parte delle autorità pubbliche diretti ad informare i cittadini in tutte le ipotesi in cui vi siano motivi ragionevoli per sospettare che un determinato elemento sia pericoloso per la salute. La trasparenza rappresenta altresì un principio generale anche ai fini dello svolgimento dell'attività dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare, tanto che il considerando n. 47 del regolamento sancisce che per assicurare la gestibilità
3. Gli operatori del settore alimentare e dei mangimi devono disporre di sistemi e procedure per
individuare le imprese alle quali hanno fornito i propri prodotti. Le informazioni al riguardo sono
messe a disposizione delle autorità competenti che le richiedano.
4. Gli alimenti o i mangimi che sono immessi sul mercato della Comunità o che probabilmente lo
saranno devono essere adeguatamente etichettati o identificati per agevolarne la rintracciabilità,
mediante documentazione o informazioni pertinenti secondo i requisiti previsti in materia da
disposizioni più specifiche.
5. Le disposizioni per l'applicazione in settori specifici del presente articolo possono essere
adottate secondo la procedura di cui all'articolo 58, paragrafo 2'. 203 e la coerenza del processo di consulenza scientifica occorre che tutti i rapporti tra le autorità siano basati su una informazione scientifica trasparente. Inoltre, l'articolo 38 del regolamento richiede che l'Autorità si impegni a svolgere le proprie attività adottando un elevato livello di trasparenza e rendendo pubblici: a) gli ordini del giorno, i processi verbali del comitato scientifico e dei gruppi di esperti scientifici; b) il parere del comitato scientifico e dei gruppi di esperti scientifici subito dopo la loro adozione e includendo in ogni caso i pareri di minoranza; c) le informazioni su cui si fondano i pareri, fatta eccezione per quanto previsto dall'articolo 39 e dall'articolo 41 del regolamento; d) le dichiarazioni di interesse rese in relazione ai punti dell'ordine del giorno delle riunioni; e) i risultati dei propri studi scientifici; f) la relazione annuale della propria attività; g) le richieste di parere scientifico presentato dal Parlamento europeo, dalla commissione di uno Stato membro, che sono state rifiutate o modificate e i motivi che hanno portato al rifiuto o alla modifica. Infine, emergere un richiamo al principio di trasparenza anche negli articoli dedicati alla consultazione dei cittadini e alle informazioni ai cittadini. In sintesi, si prevede che i cittadini debbono essere consultati in maniera aperta e trasparente direttamente o tramite organi rappresentativi nel corso della elaborazione, della valutazione e della revisione della legislazione alimentare, tranne le ipotesi in cui l'urgenza della questione non lo permetta. Inoltre, è previsto un obbligo a carico delle pubbliche autorità di informare i cittadini circa la natura del rischio per la salute in tutte le ipotesi in cui vi siano ragionevoli motivi per sospettare che un determinato alimento o mangime sia rischioso per la salute; le modalità con cui detta informazione, poi, dovrà essere data avverrà in funzione della gravità e dell'entità del rischio per la salute umana o animale. 3. La nozione di alimento ed il campo di applicazione della legislazione alimentare. L''articolo 2 del regolamento (CE) n. 178/2002 16 enuncia una definizione uniforme 17 di prodotto alimentare che assume una portata generale e diretta 16 In argomento, v. Canfora, Commento all''art. 2, in Le nuove leggi civili e commentate, 2003, 1-
2, a cura dell''Istituto di diritto agrario internazionale e comparato (IDAIC), p. 142.
17 In mancanza di una normativa uniforme, ciascuno Stato membro era libero di adottare la
propria disciplina. 204 nell'intera Unione europea; nello specifico, secondo tale disposizione, con il termine alimento ai fini del predetto regolamento si intende "qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato destinato ad essere ingerito, o di cui si prevede ragionevolmente che possa essere ingerito, da esseri umani. Sono comprese le bevande, le gomme da masticare e qualsiasi sostanza intenzionalmente incorporata negli alimenti nel corso della loro produzione, preparazione o trattamento. Essa include l'acqua nei punti in cui i valori devono essere rispettati come stabilito dall'articolo 6 della direttiva 98/83/CE e fatti salvi i requisiti delle direttive 80/778/CEE e 98/83/CE. Non sono compresi: a) i mangimi; b) gli animali vivi, a meno che siano preparati confezionati o serviti per l'immissione sul mercato ai fini del consumo umano; c) i vegetali prima della raccolta; d) i medicinali ai sensi delle direttive 65/65/CEE e 93/73/CEE; e) i cosmetici ai sensi della direttiva 76/68/CEE del Consiglio; f) il tabacco e i prodotti del tabacco ai sensi della direttiva 89/622/CEE del Consiglio; g) le sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi della convenzione unica delle Nazioni Unite sulle sostanze psicotrope del 1971; h) residui e contaminati'. In tal modo procedendo dunque, il legislatore europeo ha voluto fornire una definizione vincolante di alimenti, in modo tale da assicurare una certezza giuridica alla legislazione alimentare europea; infatti, prima dell'emanazione del predetto regolamento mancava una definizione uniforme di alimento con la conseguenza che le normative nazionali applicabili nei diversi Stati membri spesso prevedevano delle definizione di alimento tra loro contrastanti; poiché tale circostanza finiva per ostacolare la libera circolazione degli alimenti all''interno dell''Unione europea, è evidente come un''enunciazione di una definizione unica a livello europeo e direttamente applicabile nei diversi Stati membri era finalizzata a ridurre tali ostacoli. Con particolare riferimento alla definizione di alimento sopra enunciata, occorre osservare come essa ricomprende, in primo luogo, qualsiasi sostanza intenzionalmente incorporato negli alimenti nel corso della loro produzione, 205 preparazione o trattamento. Pertanto, se, per un verso, sono considerati alimenti gli ingredienti, gli additivi, gli enzimi ecc. ecc., per altro verso, vengono esclusi dalla predetta definizione tutte le sostanze che, pur essendo presenti nell'' alimento, non sono state incorporate all'interno dello stesso in via intenzionale ma si trovano nello stesso accidentalmente (si pensi ai residui ed ai contaminati). Rientrano nell''ambito della definizione di alimento tutte le sostanze destinate ad essere ingerite o di cui si preveda ragionevolmente che possano essere ingerite dall'uomo; al riguardo, è stato notato come la formulazione "si preveda ragionevolmente" è finalizzata a garantire che una sostanza che potrebbe ragionevolmente essere inserita nella catena alimentare ma anche esser utilizzata in altri settori industriali sia trattata con la medesima attenzione prestata per gli alimenti sino al momento in cui non risulti chiaro che detta sostanza non diventerà un genere alimentare. Ai fini della definizione di alimento, non si richiede, poi, che il prodotto svolga una funzione nutrizionale 18. Per quanto concerne prodotti agricoli, occorre osservare come, secondo il legislatore comunitario gli stessi diventano alimenti - se si tratta di vegetali - solamente successivamente alla raccolta, mentre gli animali esclusivamente dopo la macellazione. Non vengono considerati alimenti i mangimi pur essendo tali prodotti disciplinati dal regolamento (CE) 178/2002; il regolamento non si applica ai mangimi destinati ad animali non utilizzati come alimenti (come, per esempio i gatti ed i gatti ed in generale gli animali domestici) 19 18 La definizione di mangime è simile a quella di alimenti anche se non perfettamente coincidente
difatti, per mangime si intende qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato
o non trasformato destinato alla nutrizione per via orale degli animali. Ecco dunque che, al
riguardo, si è notata la differenza tra la definizione di alimento è quella di mangime atteso che
nella prima manca qualsiasi riferimento al termine nutrizione e proprio per tale ragione si è
osservato come il richiamo alla nutrizione degli animali implica che nei mangimi debbono essere
presenti fattori nutrizionali che invece non assumono importanza negli alimenti (Ferretti,
Compendio di legislazione alimentare, Napoli, 2010, 25). Sempre con riferimento alla definizione
giuridica di alimento, v. Pisanello, a cura di Biglia-Pellicano, Guida alla legislazione alimentare,
Roma, 2010, il quale ha osservato che, ai fini di far rientrare una determinata sostanza all'interno
della nozione di alimento, non è necessario che detto prodotto sia commestibile ma è sufficiente la
semplice destinazione ad essere ragionevolmente oggetto di consumo da parte degli esseri umani.
19 Fermo restando quanto precede, occorre osservare come seppure il legislatore comunitario
abbia voluto introdurre una definizione uniforme e vincolante di alimenti, successivamente al
regolamento sopra richiamato non sono venute meno le incertezze concernenti la distinzione tra
alimenti e altre merci; nello specifico, non risulta chiara la distinzione tra alimenti medicinali; in
particolare, la necessità di individuare un parametro di riferimento al fine di distinguere tra 206 Fermo restando quanto precede, occorre osservare come anche la definizione di legislazione alimentare risulta assai ampia; il regolamento (CE) n. 178/2002 (art. n. 1) stabilisce, infatti, che per legislazione alimentare si intendono "le leggi, i regolamenti e le disposizioni amministrative riguardanti gli alimenti in generale, la sicurezza degli alimenti in particolare, sia nella comunità che a livello nazionale; sono incluse tutte le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione degli alimenti e anche i mangimi destinati alle produzione alimentare o ad essere somministrati". In altre parole dunque il campo di applicazione della legislazione alimentare si riferisce all'insieme di norme che non concernono solamente di alimenti ma ricomprendono altresì tutte le misure dirette a influenzare la sicurezza degli alimenti; così, a mero titolo esemplificativo, occorre osservare come rientrano all'interno dell'ambito di applicazione della legislazione alimentare anche le norme relative ai materiali e alle sostanze che vengono poste a contatto con gli alimenti come i mangimi forniti agli animali destinati al consumo umano qualora gli stessi possano avere un''incidenza (diretta o indiretta) sulla sicurezza alimentare. Al riguardo è interessante notare come non rientra all'interno dell'ambito di applicazione del regolamento la produzione finalizzata ad un uso domestico/ privato. Ai fini dell'applicazione della legislazione alimentare è irrilevante, poi, che l'attività sia lucrativa atteso che, rientrano nell'ambito di applicazione della normativa in questione, le attività di somministrazione di alimenti svolte a titolo gratuito.
alimenti e medicinali deriva dalla circostanza per cui, mentre gli alimenti generalmente possono
essere messi sul mercato liberamente, ai fini dell''immissione in commercio di un medicinale è,
invece, necessaria la preventiva autorizzazione rilasciata dall'autorità competenti di uno Stato
membro ovvero dell''Unione europea (vedi art. 6 della direttiva (CE), n. 2001/83). Se un medesimo
prodotto rientra, sia all'interno della categoria degli alimenti, sia in quella dei medicinali, in tal
caso, si applicano solamente le disposizioni concernenti i medicinali (art. 2, n. 2 della direttiva
(CE) n. 2001/83). Per quanto concerne la distinzione tra un prodotto alimentare ed un medicinale
vedi le decisioni della Corte di giustizia 20 maggio 1992, in C-290/90, Commissione c. Germania,
in Racc., p. '' I '' 3317; Corte di giustizia, 9 giugno 2005, in cause riunite C-C-211/03, C-299/03 e
C-316/03 '' C-318/03, in Racc. 5141, punto 52. 207 4. La costituzione dell'Autorità Europea per la sicurezza alimentare (EFSA) Il regolamento CE n. 178/2002 - seguendo le indicazioni presenti nel Libro bianco in tema di sicurezza alimentare - ha specificato quali siano le funzioni dell''Autorità europea per la sicurezza alimentare (AESA o EFSA) (artt. 22 e 23) 20 ; nello specifico, tale Autorità ha il compito di valutare il rischio - concernente la sicurezza degli alimenti e dei mangimi, la salute, il benessere degli animali e la protezione delle piante - mentre la gestione dello stesso viene lasciato alla Commissione europea e agli Stati membri 21. In sostanza, l''EFSA formula un parere scientifico tutte le volte in cui venga richiesto dalla Commissione, dal Parlamento o da uno Stato membro ovvero di propria iniziativa nelle materie di sua competenza. Per quanto concerne la valutazione del rischio, l'Autorità ha il compito di fornire consulenza ed assistenza scientifica indipendente anche per gli Stati membri; nello specifico l''art. 22 § 2 sancisce che l'Autorità offre ''consulenza scientifica ed assistenza scientifica e tecnica per la normativa e le politiche della Comunità in tutti i campi che hanno un'incidenza diretta o indiretta sulla sicurezza degli alimenti e dei mangimi. Essa fornisce informazioni indipendenti su tutte le materie che rientrano in detti campi e comunica i rischi". L'EFSA ha anche la funzione di analizzare i dati che permettono la caratterizzazione della sorveglianza dei rischi (l''art. 22 § 4) 22; formulare pareri scientifici in tutti i casi previsti dalla legislazione comunitaria e di intervenire per
20 In argomento, v. Petit, L''autorité européenne de sécuité des aliments (A.E.S.A.) et la nouvelle
approche alimentaire communautaire, in Journal des tribunaux. Droit européen, 2002, 212;
Gabbi, L''Autorità europea per la sicurezza alimentare, genesi aspetti problematici e prospettive di
riforma, Milano, 2009; Capelli, Silano, Klaus, Nuova disciplina del settore alimentare e autorità
europea per la sicurezza alimentare, Milano, 2006; Nicolini, Immissione in commercio del
prodotto agro-alimentare: regole comunitarie e competenze dell'autorità europea per la sicurezza
alimentare: gli alimenti e i mangimi geneticamente modificati, Torino, 2005.
21 In particolare la gestione del rischio è il ''processo, distinto dalla valutazione del rischio,
consiste nell''esaminare alternative d''intervento consultando le parti interessate, tenendo conto
della valutazione del rischio e di altri fattori pertinenti e, se necessario, compiendo adeguate scelte
di prevenzione e controllo (art. 3 n. 12 regolamento (CE) n. 178/2002). In argomento, v. Benozzo,
Commento agli artt. 22 e 23, in La sicurezza alimentare dell''Unione Europea, '' Reg. CE 178/02
del Parlamento europeo e del Consiglio, in Le nuove leggi civili commentate, 2003, 302; Capelli
Silano e Klaus, Nuova disciplina del settore alimentare e Autorità Europea per la Sicurezza
Alimentare, Milano, 2006, 355.
22 In particolare, l''EFSA ''raccoglie e analizza i dati che consentono la caratterizzazione e la
sorveglianza dei rischi che hanno un''incidenza diretta o indiretta sulla sicurezza degli alimenti e
dei mangimi' (art. 22, comma 4). 208 individuare e definire i rischi emergenti (art. 23); collaborare insieme agli organismi nazionali al fine di creare un'unica rete europea in tema di sicurezza alimentare; individuare i rischi emergenti (art. 34) nonché comunicare il rischio stesso (art. 40). Nello specifico, non essendoci all'interno della Commissione un'organizzazione scientifica, l''EFSA rappresenta la struttura tecnica della Commissione (art. 31). L'Autorità, poi, al fine di svolgere la propria funzione, può avvalersi sia della propria organizzazione, sia anche di esperti esterni, commissionando studi scientifici necessari. Al fine di individuare i c.d. rischi emergenti l'Autorità stabilisce procedure di sorveglianza per la ricerca, raccolta, confronto ed analisi di informazioni e dati; qualora, poi, sussistano sospetti di un grave rischio emergente occorrerà richiedere ulteriori informazioni agli Stati membri ed ad altre agenzie della Comunità nonché alla Commissione. L'Autorità utilizza tutte le informazioni ricevute al fine di individuare un rischio emergente e trasmette al Parlamento europeo, alla Commissione ed agli Stati membri le valutazioni delle informazioni raccolte su tali rischi; inoltre, presta assistenza scientifiche e tecnica nelle procedure di gestione del rischio e, su richiesta della Commissione, fornisce assistenza per migliorare la collaborazione tra la Comunità, i paesi candidati ad essere ammessi nell'Unione europea, le organizzazioni internazionali ed i paesi terzi. L'EFSA inoltre riceve messaggi relativi al sistema di allarme rapido, analizza il relativo contenuto al fine di fornire alla Commissione e gli Stati membri tutte le informazioni necessarie per analizzare il rischio. Proprio con riferimento a tale Autorità è stato osservato come "la diarchia tra valutazione e gestione del rischio ha portato ad una struttura decisionale complessa, in cui la responsabilità, come in un gioco di ombre, è in un certo modo difficile da individuare. La forza giuridica dei pareri scientifici dell'Autorità potrebbe essere annullata dalla Commissione; d'altra parte la Commissione può in un certo senso deresponsabilizzarsi rispetto alle sue decisioni politiche perché può basarsi su valutazioni di un organismo indipendente' 23. 23 Viti, L''Autorità per la sicurezza alimentare e l''analisi del rischio, in ' 209 Per quanto concerne l'organizzazione occorre osservare come l'Autorità per la sicurezza alimentare è composta da un Consiglio di amministrazione, dal direttore esecutivo, dal forum consultivo, dal comitato scientifico e dei gruppi scientifici. In particolare, il Consiglio - in consultazione con il Parlamento europeo (e sulla base di un elenco predisposto dalla Commissione) - designa i 14 membri del Consiglio d'amministrazione, di cui quattro devono aver avuto un'esperienza in seno ad organizzazioni di consumatori o ad altri gruppi d'interesse della catena alimentare. Nel Consiglio di amministrazione deve poi essere presente altresì un rappresentante della Commissione. Il Consiglio di amministrazione poi elegge il Presidente, adotta il regolamento interno, il programma di lavoro, la relazione generale dell'attività, il progetto preliminare di bilancio e il bilancio finale, previa approvazione del bilancio generale da parte dell'Autorità di bilancio. Il direttore esecutivo, rappresentante legale dell'Autorità, viene disegnato dal Consiglio di amministrazione e scelto da un elenco predisposto dalla Commissione; lo stesso viene incaricato dell'amministrazione corrente dell'Autorità, propone il programma di lavori in consultazione con la Commissione, dà attuazione, mantiene contatti permanenti con il Parlamento e trasmette una relazione generale dell'attività dell'Autorità alle istituzioni e agli organi europei competenti entro il 15 giugno di ogni anno. Inoltre, il c.d. forum consultivo - il quale è composto da un rappresentante per Stato membro - consiglia il direttore esecutivo nell'esercizio delle proprie responsabilità. Inoltre, assumono un rilievo strettamente "tecnico" il comitato scientifico ed i gruppi scientifici i quali sono composti da un insieme di esperti scientifici indipendenti, nominati per tre anni dal Consiglio di amministrazione su proposta del direttore esecutivo; essi hanno la responsabilità di adottare i pareri scientifici dell'Autorità ciascuno nel suo settore di competenza. Nello specifico il comitato scientifico è composto dai presidenti dei gruppi scientifici e da sei esperti indipendenti ed esso è incaricato di coordinare i gruppi scientifici, organizzare i dibattiti politici ed istituire gruppi di lavoro su temi che non rientrano nella competenza dei gruppi scientifici. All'interno dell'Autorità sono presenti i seguenti gruppi scientifici: 1) il gruppo sugli additivi, gli aromi, di ausili tecnologici e materiali a contatto con gli 210 alimenti; 2) il gruppo sugli additivi e dei prodotti o sostanze utilizzate nell'alimentazione animale; 3) il gruppo sui fitofarmaci e dei relativi residui; 4) il gruppo sugli organismi geneticamente modificati; 5) il gruppo sui prodotti dietetici, l'alimentazione e le allergie; 6) il gruppo sui rischi biologici; 7) il gruppo sui contaminati della catena alimentare; 8) il gruppo sulla salute ed il benessere degli animali; 9) il gruppo sulla salute delle piante. Il direttore esecutivo ed i membri di tutti gli organi dell'Autorità si impegnano ad esercitare le funzioni a loro attribuite nell'interesse pubblico; essi rilasciano una dichiarazione d'impegno tramite la quale specificano la mancanza di un interesse particolare che possa recare pregiudizio alla loro indipendenza. L'Autorità opera in trasparenza e, pertanto, rende pubblici i pareri, gli ordini del giorno ed i resoconti delle riunioni del comitato e dei gruppi scientifici, i risultati degli studi scientifici, i suoi conti definitivi, la relazione annuale dell'attività, nonché le dichiarazioni annuali di interesse delle persone citate precedentemente. 5. Il principio di precauzione Il primo paragrafo dell'art. 7 del regolamento (CE) n. 178/2002 recita: "Qualora, in circostanze specifiche a seguito di una valutazione dell'informazione disponibili, venga individuata la possibilità di effetti dannosi per la salute ma permanga una situazione di incertezza sul piano scientifico, possono essere adottate le misure provvisorie di gestione del rischio necessarie per garantire il livello elevato di tutela della salute che la Comunità persegue, in attesa di ulteriori informazioni scientifiche per una valutazione più esauriente del rischio"; il 2° paragrafo afferma che "Le misure adottate sulla base del paragrafo 1 sono proporzionate e prevedono le sole restrizioni al commercio che siano necessarie per raggiungere il livello elevato di tutela della salute perseguito dalla Comunità, tenendo conto della realizzabilità tecnica ed economica e di altri aspetti, se pertinenti. Tali misure sono riesaminate entro un periodo di tempo ragionevole a seconda della natura del rischio per la vita o per la salute individuato e del tipo di informazioni scientifiche necessarie per risolvere la situazione di incertezza scientifica e per realizzare una valutazione del rischio più esauriente". Per quanto concerne il principio di precauzione è interessante individuare chi sia il soggetto autorizzato ad applicarlo. A riguardo, occorre osservare come tale potere spetti, in primo luogo, alla Commissione, o alle istituzioni di gestione 211 del mercato dell'Unione europea; tuttavia, occorre osservare come detto potere sembra spettare agli Stati membri atteso che, in assenza di un'armonizzazione, gli Stati membri sono liberi di stabilire il grado di protezione sanitaria che intendono assicurare al proprio interno 24. Sulla base del principio di precauzione previsto dall'art. 7 del regolamento (CE) n. 178/2002 qualora in circostanze specifiche, a seguito della valutazione delle informazioni disponibili, venga individuata la possibilità di effetti dannosi per la salute ma permanga una situazione di incertezza sul piano scientifico, in attesa di ulteriori informazioni scientifiche finalizzate ad una valutazione più esauriente del rischio, possono essere adottate le misure provvisorie di gestione del rischio stesso necessarie per garantire il livello elevato di tutela della salute che l'Unione europea persegue. Tale norma stabilisce, altresì, che le misure adottate secondo le indicazioni fornite devono essere proporzionate e che le restrizioni al commercio devono essere necessarie per raggiungere il livello elevato di tutela della salute nell'Unione, tenendo conto della realizzabilità tecnica ed economica ed anche di altri aspetti purché pertinenti (art. 7, comma 2 Regolamento 178/2002). La valutazione del rischio deve basarsi su elementi scientifici; tuttavia può accadere che manchino elementi scientifici certi oppure che siano presenti esclusivamente opinioni scientifiche minori che un determinato alimento o mangime si riferisce ad alimenti sospettati di essere pericolosi sulla base anche di elementi scientifici incompleti; in tali casi, il punto di equilibrio fra l'interesse del consumatore e quello di tutelare la libera circolazione degli alimenti si trova nel principio di precauzione. Il principio di precauzione ha trovato la sua origine in ambito internazionale, formandosi, in primo luogo, nel campo della tutela ambientale ed, in seguito, anche nel campo della tutela della salute. Il suo principale riconoscimento si è avuto nel documento approvato dalla conferenza di Rio del giugno 1992 anche se inizialmente si deve menzionare come luogo di individuazione di questo principio la seconda conferenza sulla protezione del mare del Nord del 1990. 24 La predetta linea interpretativa troverebbe conferma nel 20° considerando del regolamento
(CE) n. 178/2002 212 Inoltre, anche il protocollo di Cartagena ha ribadito la funzione del principio di precauzione, stabilendo che l'assenza di una piena certezza in ambito scientifico non può essere una ragione per posporre misure finalizzate a prevenire il degrado ambientale e che la mancanza di certezza scientifica non dovrebbe impedire di assumere appropriate decisioni. Il principio di precauzione poi trova espresso riconoscimento anche nell'Accordo sulle misure sanitarie e fitosanitari (SPS) annesso al Trattato di Marrakech sull'istituzione dell'Organizzazione mondiale del commercio nel 1994. Tuttavia, occorre osservare come, mentre in ambito internazionale '' come dimostrato altresì dalle numerose controversie del WTO (World Trade Organization) 25- rimane una certa incertezza circa la possibilità di applicare il principio in esame, in ambito europeo, invece, il suddetto principio ha trovato espresso riconoscimento; al riguardo, si pensi non solamente all'art. 191 TFUE (ex art. 174 del Trattato CE) - ove si stabilisce che la politica dell'Unione, in materia di tutela ambientale, è basata sul principio di precauzione e d'azione preventiva, bensì anche alle decisioni della Corte di Giustizia tramite cui si è esteso l''applicazione di tale principio anche in materia di sicurezza alimentare. 6. Le procedure in materia di sicurezza alimentare: sistema di allarme rapido, la gestione della crisi e le situazioni di emergenza L''art. 50 del regolamento (CE) n. 178/2002 istituisce un sistema di allarme rapido a cui partecipano gli Stati membri della Commissione e l'Autorità europea per la sicurezza alimentare; nello specifico, si tratta di un'organizzazione finalizzata ad operare in tutte le ipotesi di emergenza ed avente lo scopo di limitare anche sotto il profilo territoriale i possibili pericoli conseguenti alla presenza di cibi avariati e/dannosi per la salute 26. Sulla base di tale sistema, in tutte le ipotesi in cui sussistono problemi, oppure, emergano le informazioni concernenti un grave rischio per la salute dell'uomo derivante da cibi o mangimi il membro della rete (quindi uno Stato membro o la Commissione stessa) che è venuto a conoscenza di detto rischio deve 25 Le quali in varie occasioni non hanno riconosciuto il principio di precauzione come principio
consuetudinario di diritto internazionale
26 In argomento, v. Masini, Corso di diritto alimentare, cit., 70; Pacileo, Il diritto degli alimenti,
cit., 21; 213 immediatamente trasmettere la predetta notizia alla Commissione la quale provvederà ad informare tutti i membri della rete in modo tale da mettere al corrente il sistema europeo di sorveglianza del possibile rischio. In tal caso, anche i singoli Stati membri partecipano alla gestione del rischio; infatti, essi possono limitare la circolazione di alimenti e mangimi ritenuti pericolosi, non solo esortando gli operatori professionali al fine di porre specifiche regole di immissione sul mercato o d'uso del prodotto rischioso, ma anche impedendo l'entrata all'interno del territorio di un alimento o di un mangime considerato pericoloso. I predetti interventi di competenza dei singoli Stati ed esercitabili in tutte le ipotesi in cui vi sia un pericolo reale ed immediato per la salute umana, devono essere comunicati alla Commissione per diverse ragioni; in primo luogo, affinché la Commissione medesima possa informare i singoli Stati membri di quanto è accaduto ed, in secondo luogo, perché la Commissione possa avere sotto controllo il comportamento degli Stati i quali potrebbero usare detto sistema al fine di introdurre degli ostacoli alla libera circolazione delle merci. Infine, occorre osservare come un'ulteriore ragione per cui la Commissione medesima deve essere informata degli interventi eventualmente presi dai singoli Stati in presenza di un pericolo reale ed immediato alla salute dell'uomo è quello per cui, in tal modo procedendo, l''EFSA e la Commissione medesima possono ricercare una soluzione del problema a livello comunitario oppure valutare se la stessa sia pericolosa per la singola partita di prodotto oppure se debba considerarsi rischioso il prodotto in sé considerato al fine di predisporre eventuali misure di carattere comunitario in relazione al livello di rischio atteso. 214 7. L''etichettatura dei prodotti alimentari ed informazione del consumatore L'etichettatura 27 rappresenta uno strumento attraverso cui il produttore veicola le informazioni relative al prodotto commercializzato 28; tale strumento è 27 La direttiva n. 2000/13/CE è stata recepita in Italia con il d.lgs. 27 gennaio 1992, n. 109. Sulla
base dell''art. 1, comma 1 del d. lg. 27 gennaio 1992, n. 109 - sostituito dall''art. 1 d. lg. 23 giugno
2003, n. 181, di attuazione della direttiva 2000/13/CE (relativa al ''riavvicinamento della
legislazione degli Stati membri concernenti l''etichettatura e la presentazione dei prodotti
alimentari, nonché la relativa pubblicità') e successive modifiche - si intende per etichettatura
"l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, delle immagini
o dei simboli che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente sull'imballaggio
o su un'etichetta appostavi o sul dispositivo di chiusura o su cartelli, anelli o fascette legati al
prodotto medesimo, o, in mancanza, ('') sui documenti di accompagnamento del prodotto
alimentare". Le etichette devono essere utilizzate in maniera tale da non indurre in errore il
consumatore circa le caratteristiche-natura, identità, qualità, quantità, origine, o provenienza ecc.
ecc. dell'alimento, atteso che le stesse perseguono come primaria finalità quella di assicurare la
corretta e trasparente informazione al consumatore; ecco dunque che, in tale ottica, per esempio,
non devono essere riconosciute al prodotto medesimo effetti o proprietà (dirette a prevenire, curare
e guarire malattie) che non gli appartengono (v. art. 2 d. lg. n. 109/1992 come modificato dall''art.
2 d. lg. n. 181/2003. In argomento, v. anche Corte giust. CE, 15 luglio 2004, causa C-239/02,
Douwe Egberts NV c. Westrom Pharma NV, in Racc., 2004, I-7007, il quale ha ritenuto in
contrasto con il diritto comunitario l''etichetta del caffè solubile ''DynaSwelteKoffie', nella quale
si faceva riferimento all''effetto dimagrante del prodotto). L'etichetta apposta sui prodotti
alimentari deve indicare obbligatoriamente le seguenti informazioni: la denominazione di vendita;
l'elenco degli ingredienti (determinati prodotti regolati specificamente sono esenti dall''obbligo di
cui all''art. 3 del d.lg.n. 109/1992, come per esempio le acque minerali, i prodotti dell''agricoltura
biologica, gli alimenti speciali, il cacao, il cioccolato, marmellate, miele, succhi di qualità); la
quantità netta o nell'ipotesi di prodotti preconfezionati, quella nominale; per quanto concerne i
prodotti in imballaggi preconfezionati, il peso netto, il termine minimo di conservazione; il titolo
alcolometrico volumico effettivo per le bevande alcoliche; le condizioni particolari di
conservazione e utilizzo; le istruzioni per l'uso; la ragione sociale o la ditta e l''indirizzo del
fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunità; nonché l'eventuale
presenza di integratori alimentari, di organismi geneticamente modificati o di sostanze
allergeniche, l'indicazione dei valori nutrizionali e la data di scadenza del prodotto (Masini, Corso
di diritto alimentare, Milano, 2008, 168).
Sempre al fine di incrementare la fiducia del consumatore, la legge 3 agosto 2004, n. 204 ha
previsto un sistema di etichettatura obbligatoria la quale incide sull'origine o provenienza,
distinguendo il prodotto alimentare sottoposto a trasformazione, da quello non trasformato e
rimettendo le modalità per l'indicazione del luogo di origine o provenienza all'adozione di appositi
regolamenti ministeriali. Ecco dunque che, al riguardo è stato osservato come, attesa
l'impossibilità di effettuare una differenziazione tra prodotti alimentari appartenenti allo stesso
genere merceologico, la conoscenza circa l'origine del prodotto è diventata un elemento di forte
attrazione per il consumatore, il quale ''potrà '' quantomeno - essere rassicurato del richiamo a
luoghi geografici vissuti o conosciuti per esperienza, cultura e frequentazione' (Saija-Tommasini,
La disciplina giuridica dell''etichettatura degli alimenti, '., p. 501. In argomento, v. Masini,
Corso di diritto alimentare, cit., 182; Albisinni, L''origine dei prodotti agro-alimentari e la qualità
territoriale, in Riv. dir. agr., 2000, I, 23; Id., Luoghi e regole del diritto alimentare: il territorio tra
competizione e sicurezza, relazione al Convegno AICDA e IDAIC del 30-31 maggio 2003, ed in
Dir.giur.agr.amb., 2004, 201).
28 In argomento, v. tra i tanti, Lucifero, Etichettatura degli alimenti: comunicazione legale e
comunicazione volontaria, in Dir. e giur. agr. alim. amb., 2009, n. 1, 17 ss.; Id., La comunicazione 215 diretto '' tra le altre cose '' ad informare i consumatori per metterli in condizione di scegliere consapevolmente e di realizzare l'obiettivo della rintracciabilità, che consiste in un percorso a ritroso diretto a risalire dal prodotto finale fino alla materia prima dalla quale lo stesso è stato ricavato 29. Il contenuto dell'etichetta, da un lato, risponde all'obbligo legale di informazione che incombe su colui che immette sul mercato prodotti alimentari, dall'altro lato, attraverso l'etichettatura il produttore stesso segnala volontariamente ai consumatori quelle notizie dirette ad indurre la clientela a scegliere un prodotto di qualità piuttosto che un altro. Al riguardo, è stato osservato come all''interno del c.d. mercato "muto"'' in assenza di una contrattazione verbale, le informazioni presenti nell''etichetta hanno il valore proprio delle informazioni proprie del regolamento contrattuale. La normativa concernente l'etichettatura generale dei prodotti alimentari era disciplinata dalla direttiva 2000/13/CE) 30 e quella nutrizionale dalla direttiva 90/496/CEE 31 modificata dal regolamento (CE) n. 1924/2006 32. La Commissione, in data 30 gennaio del 2008, ha formulato una proposta di regolamento COM (2008) 40 def. diretta ad unire in un solo regolamento le direttive 2000/13/CE e 90/496/CEE nonché a consolidare e semplificare il panorama normativo sussistente nel settore dell'etichettatura dei prodotti
e l''etichettatura degli alimenti nella dsciplina della sicurezza alimentare, in Agricoltura istituzioni
e mercati, [*], 2008, 137; Iannarelli, La disciplina dell''atto e dell''attività: i contratti tra imprese e
tra imprese e consumatori, in Trattato di diritto privato europeo, a cura di Lipari, III, Padova,
2003, 50; Di Lauro, Qualità dei prodotti agro-alimentari e comunicazione pubblicitaria, in
Agricoltura e alimentazione tra diritto, comunicazione e mercato, Atti del Convegno ''Gian
Gastone Bolla', Firenze 9-10 novembre 2001, a cura di Rook Basile e Germanò, Milano, 2003,
205; Ead, Comunicazione pubblicitaria e informazione nel settore agro-alimentare, Milano, 2005,
303; Germanò, Corso di diritto agroalimentare, Torino, 2007, 145; Id, Sull''etichetta degli
alimenti, in Riv. dir. agr., 2010, 64; Tamponi, La tutela del consumatore di alimenti: soggetti,
oggetto e relazioni, in AA. VV. Agricoltura e alimentazione tra diritto, comunicazione e mercato,
Atti del Convegno di Firenze 9-10 novembre 2001, Milano, 2003, 306.
29 La prima direttiva è la n. 79/112 del Consiglio del 18 dicembre 1978, in GUCE L 33 dell''8
febbraio 1979, modificata dalla dir. 89/395 del 3 maggio 1989, in GUCE L 186 del 1989.
30 Per un''analisi della direttiva 2000/13/CE, v. Puoti, Etichettatura dei prodotti agro-alimentari:
aspetti problematici, in Riv. dir. agr., 2003, I. 516.
31 Del Consiglio del 24 settembre 1990, concernente l''etichettatura nutrizionale dei prodotti
alimentari, in Gazzetta Uff. CE, 6 ottobre 1990, n. L. 276.
32 Del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 dicembre 2006, in Gazzetta Uff. UE, 30
dicembre 2006, n. L. 404. 216 alimentari 33. L'esigenza di ridurre ad un unico provvedimento la disciplina sia dell'etichettatura generale dei prodotti alimentari sia di quella nutrizionale è sorta a causa dell'approccio frammentario che caratterizza la legislazione comunitaria in materia 34. Ecco dunque che il legislatore europeo 35 - consapevole del fatto che una mancata armonizzazione in questa specifica materia avrebbe rischiato di dare vita al profilarsi di provvedimenti nazionali da parte dei singoli paesi membri con conseguenti maggiori oneri per l'industria e una totale mancanza di chiarezza per i consumatori - ha voluto razionalizzare il quadro normativo in materia di etichettatura alimentare tramite l'adozione di un regolamento che fornisca un quadro di riferimento maggiormente omogeneo. Sulla base di tale premessa, il legislatore comunitario è, quindi, intervenuto con il regolamento n. 1169-2011 del Parlamento europeo e del consiglio del 25 ottobre 2011 relativo alla fornitura d'informazioni sugli alimenti ai consumatori 36 . Tale regolamento ha abrogato la soprarichiamata direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e del consiglio del 20 marzo 2000 relativa al 33 Per quanto concerne detta proposta di regolamento comunitario, v. Costantino, Prime
considerazioni sulla recente proposta di regolamento comunitario sule informazioni alimentari ai
consumatori, in Riv. dir. agr., 2008,, I, 152.
34 Nel documento di lavoro dei servizi della Commissione che accompagna la proposta di
regolamento si specifica come la revisione dell'attuale normativa concernente la materia in
questione dovrebbe perseguire i seguenti obiettivi: garantire la coerenza e la precisione delle
informazioni fornite; tutelare la salute dei consumatori e soddisfare le loro richieste di
informazioni specifiche; prevenire le indicazioni ingannevoli ed eliminare le incoerenze
sussistenti; innovare il settore, consentendo all'industria alimentare di avvantaggiarsi dalla forza
dell'etichettatura per vendere meglio i prodotti commercializzati.
35 L'intento perseguito dal legislatore europeo era, pertanto, quello di unire le disposizioni
orizzontali e verticali in materia di etichettatura in un unico testo che riducesse le eventuali
ridondanze ed eliminasse le incoerenze, in modo tale da offrire agli operatori economici ed alle
autorità di controllo uno schema normativo più razionale.
In tale ottica, si voleva che le informazioni fornite nelle etichette fossero qualitativamente migliori,
più precise e comprensibili ma nello stesso tempo più semplici atteso che le imprese che operano
nel settore lamentano la sussistenza dei requisiti in eccesso e la presenza di norme tecniche
estremamente particolareggiate.
36 Tale regolamento, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori,
modifica i regolamenti (CE) n. 1924/2006 e (CE) n. 1925/2006 del Parlamento europeo e del
Consiglio e abroga la direttiva 87/250/CEE della Commissione, la direttiva 90/496/CEE del
Consiglio, la direttiva 1999/10/CE della Commissione, la direttiva 2000/13/CE del Parlamento
europeo e del Consiglio, le direttive 2002/67/CE e 2008/5/CE della Commissione e il regolamento
(CE) n. 608/2004 della Commissione. 217 riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti l'etichettatura la presentazione dei prodotti alimentari nonché la relativa pubblicità 37. Dall'analisi del considerando che precedono l'art. 8 della normativa europea è dato rilevare come detto documento consideri una pluralità di interessi tra i quali la tutela del consumatore assume un ruolo centrale; il considerando n. 3 recita, infatti, che "Per ottenere un elevato livello di tutela della salute dei consumatori e assicurare il loro diritto all'informazione, è opportuno garantire che i consumatori siano adeguatamente informati sugli alimenti che consumano". Il regolamento specifica altresì che ''Anche se gli obiettivi originari e i principali componenti dell''attuale legislazione sull''etichettatura continuano a essere validi, è necessario che essa sia razionalizzata al fine di agevolarne il rispetto e aumentare la chiarezza per le parti interessate, modernizzandola allo scopo di tenere conto dei nuovi sviluppi nel settore delle informazioni sugli alimenti. Il presente regolamento gioverà sia agli interessi del mercato interno, semplificando la normativa, garantendo la certezza giuridica e riducendo gli oneri amministrativi, sia al cittadino, imponendo un''etichettatura dei prodotti alimentari chiara, comprensibile e leggibile' (considerando, n. 9). A fini di chiarezza, è opportuno abrogare e inserire nel presente regolamento altri atti orizzontali, in particolare la direttiva 87/250/CEE della Commissione, del 15 aprile 1987, relativa all''indicazione del titolo alcolometrico volumico nell''etichettatura di bevande alcoliche destinate al consumatore finale, la direttiva 1999/10/CE della Commissione, dell''8 marzo 1999, che introduce deroghe alle disposizioni di cui all''articolo 7 della direttiva 79/112/CEE del Consiglio per quanto riguarda l''etichettatura dei prodotti alimentari, la direttiva 2002/67/CE della Commissione, del 18 luglio 2002, relativa all''etichettatura dei generi alimentari contenenti e dei prodotti alimentari contenenti caffeina, il regolamento (CE) n. 608/2004 della Commissione, del 31 marzo 2004, relativo all''etichettatura di prodotti e ingredienti alimentari addizionati di fitosteroli, esteri di fitosterolo fitostanoli e/o esteri di fitostanolo, e la direttiva 2008/5/CE della Commissione, del 30 gennaio 2008, relativa alla specificazione sull''etichetta di alcuni prodotti alimentari di altre indicazioni obbligatorie oltre a quelle previste dalla direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (considerando n. 12). 37 Puoti, Etichettatura dei prodotti agro-alimentari: aspetti problematici, in Diritto comunitario
degli scambi internazionali, 2004, 613. 218 8. Le normative in materia di sicurezza alimentare adottate successivamente al regolamento (Ce) n. 178/2002. In particolare, il c.d. ''Pacchetto igiene' Uno degli aspetti più rilevanti connessi alla legislazione alimentare è sicuramente quello relativo agli obblighi di igiene nella produzione degli alimenti i quali sono finalizzati a garantire il perseguimento di un elevato livello di sicurezza dei prodotti alimentari medesimi 38. Con riferimento a tale specifica questione, tra i primi interventi comunitari occorre considerare la direttiva 1993/43 del 12 giugno 1993 (abrogata dal Regolamento 852/2004) la quale aveva previsto che gli Stati membri rendessero obbligatorio e controllassero le procedure dirette ad assicurare la conformità dei prodotti ai principi espressi dalla direttiva stessa 39. Ai fini che qui rilevano occorre in questa sede osservare come la direttiva 1993/43 fosse diretta ad imporre alle industrie alimentari il cosiddetto sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) 40 sulla base del quale l'imprenditore alimentare deve analizzare i rischi e controllare i punti critici del proprio processo produttivo tramite la predisposizione di un manuale all'interno del quale specificare i profili di rischio, le procedure per controllarli e le necessarie operazioni da eseguire. Interessante osservare come nel sistema HACCP rientrano la fase di preparazione, trasformazione, lavorazioni, condizionamento, trasporto, distribuzione e vendita ma non quelle relative alla raccolta di prodotti agricoli di base. Questi limiti vengono in parte superati dagli interventi del legislatore 38 I tre regolamenti, 852, 853, 854 del 2004 (il primo sull'igiene dei prodotti alimentari che
sostituisce la direttiva 93/43/CEE sull''HACCP, il secondo sull'igiene specifica degli alimenti di
origine animale, il terzo sull'organizzazione dei controlli ufficiali suoi prodotti di origine animale
destinati al consumo umano) insieme alle regolamento 882/2004 concernente i controlli ufficiali
suoi mangimi ed alimenti rappresentano il cuore del c.d. ''pacchetto igiene'. Essi sono stati adottati
sulla base dell''art. 95 del TCE (attuale art. 114 TFUE) e dunque ai fini del completamento del
mercato unico. Il regolamento 852/2004 rappresenta quello di portata più generale atteso che
riguarda "l'igiene dei prodotti alimentari". Per quanto concerne tali regolamenti è stato osservato
come "lo spirito che emerge dal complesso di queste norme, di tipo regolamentare e, dunque, tali
da lasciare ben poco spazio agli altri Stati membri, è di sempre maggiore interventismo" (Costato-
Borghi-Rizzioli, Compendio di diritto alimentare, cit., 389).
39 In Italia la predetta direttiva è stata recepita con il D. Lgs. 155/1997.
40 In argomento, v. Toni e Nanni, L''autocontrollo sull''igiene degli alimenti e il metodo HACCP,
Rimini, 2007, 119; Masini, Corso di diritto alimentare, Milano, 2008, 81. 219 comunitario con i Regolamenti 852/2004, 853/2004 41 e 854/2004 42 i quali applicano il sistema HACCP all'intera filiera della produzione della distribuzione alimentare 43. Nello specifico si prevedono regole di igiene - relative alla manipolazione, trasporto, magazzinaggio dei prodotti '' all''interno dei manuali relativi alla corretta prassi igienica 44 . Si impone, inoltre, l'obbligo di utilizzare l''acqua potabile, di tenere puliti i locali, gli impianti, le attrezzature ed i veicoli di 41 Questo Regolamento si applica ai prodotti di origine animale (trasformati o meno) ma non
anche gli alimenti composti (anche solo parzialmente) da prodotti di origine vegetale (inoltre,
salvo che non sia diversamente indicato, il Regolamento non si applica al commercio al dettaglio,
né alla produzione primaria per il consumo domestico). Il Regolamento stabilisce quanto segue: (i)
gli stabilimenti adibiti alle lavorazioni di prodotti animali devono essere riconosciuti dalle
competenti autorità nazionali. Tale obbligo non si applica agli stabilimenti che svolgono
esclusivamente attività di produzione primaria, trasporto, magazzinaggio di prodotti che non vanno
stoccati a temperatura controllata; (ii) i prodotti di origine animale devono essere contrassegnati
da un apposito bollo sanitario apposto ai sensi del Regolamento 854/2004; (iii) devono essere
redatti elenchi di Paesi Terzi dai quali sono consentite le importazioni di prodotti animali (il
Regolamento stabilisce, poi, i requisiti di base ai fini dell''ammissione di un determinato paese
terzo all''interno del predetto elenco); (iv) sono previste disposizioni particolari per l'importazione
di prodotti della pesca; (v) i gestori dei macelli devono ottenere informazioni che consentano la
rintracciabilità per le carni di tutte le specie da loro trattate (tranne la selvaggina selvatica); (vi)
vengono definite le condizioni di lavorazione, stoccaggio, trasporto dei diversi tipi di prodotti di
origine animale, precisando anche le temperature a cui tali operazioni devono essere effettuate.
42 Il sopra richiamato regolamento completa la regolamentazione concernente l'igiene dei prodotti
alimentari e dei mangimi stabilita dai due atti precedenti (tale normativa si applica alla attività ed
ai soggetti riportati nel regolamento 853/2004). In particolare, il regolamento 854/2004 stabilisce
quanto segue: (i) i requisiti per il riconoscimento degli stabilimenti da parte delle Autorità
competenti; (ii) l''obbligo per gli operatori del settore alimentare di fornire alle Autorità tutta
l'assistenza richiesta nell'esecuzione del controllo; (iii) i controlli sono basati sui principi del
sistema HACCP; (iv) i compiti e le responsabilità del veterinario ufficiale nel controllo delle carni
fresche; (v) le modalità e la frequenza dei controlli da parte delle Autorità competenti riguardo ad
alcuni alimenti di origine animale (come, per esempio, i molluschi ed i prodotti della pesca); (vi) le
sanzioni previste in caso di mancato rispetto degli obblighi stabiliti dal regolamento stesso; (vii) il
completamento delle regole per l'importazione di prodotti di origine animale da Paesi terzi stabilite
dal Regolamento 853/2004.
43 Sul punto occorre osservare come il compito di precisare in quale maniera, in concreto, il
pacchetto igiene favorisca l'adozione del sistema HACCP e quali siano le azioni che le imprese
alimentari devono compiere, viene lasciato alla all'attività legislativa della Commissione
dell''Unione europea la quale però non sembra avere fino ad oggi provveduto, con la conseguenza
che attualmente non esiste una dettagliata descrizione normativa del sistema in questione.
Esiste solamente un'elencazione di determinati principi fondamentali nonché il costante
riferimento al sistema come elemento essenziale dell'igiene del processo produttivo alimentare
oggetto dei manuali. Ecco dunque che, in tale contesto, ai fini della descrizione di cosa debba
intendersi per sistema HACCP, occorre fare riferimento al testo dell''aborgata direttiva del 1993
che era - su questo specifico punto - molto più chiara.
44 Tali manuali sono curati dai settori interessati (per esempio, l''industria della fabbricazione dei
dolci, grandi magazzini alimentari) e sottoposti alla convalidazione del Ministeso della sanità. 220 trasporto e si impone l'obbligo di evitare la contaminazione da topi, scarafaggi o altri insetti nocivi, di assicurare la presenza di un personale in buono stato di salute e di gestire correttamente i rifiuti. L''igiene alimentare viene definita dal Regolamento 852/2004 45 come "le misure e le condizioni necessarie per controllare i pericoli, garantire l'idoneità al consumo umano di un prodotto alimentare tenendo conto dell'uso previsto" (art. 2.1., lett. a). Con il sistema HACCP si realizza un approccio sistematico diretto all'identificazione ed alla valutazione del pericolo e dei rischi conseguenti alle varie operazioni di produzione degli alimenti 46 . Il predetto sistema è stato concepito negli anni Sessanta negli Stati Uniti ai fini della preparazione e della promozione della sicurezza di alimenti destinati al programma aerospaziale e applicato dalla NASA. Tale piano è stato poi proposto per la prima volta alla National Conference of food protection nel 1971. Proprio con riferimento al metodo HACCP risulta in questa sede importante ribadire come lo stesso si applichi solamente agli operatori del settore alimentare che intervengono in qualsiasi fase della produzione, trasformazione e 45 Regolamento stabilisce in particolare quanto segue: (i) i requisiti generali e specifici in materia
di igiene, validi anche per la produzione primaria; (ii) l''analisi dei pericoli e dei punti critici di
controlli e conferma del sistema HACCP come strumento di analisi e controllo delle condizioni di
igiene e sicurezza delle produzioni alimentari; (iii) rimangono in vigore i manuali di buona prassi
elaborati ai sensi della Direttiva 93/43/CEE; (iv) viene promossa l'elaborazione e la divulgazione
di manuali di buona prassi comunitari e nazionali, la cui applicazione rimane comunque
volontaria; (v) nel caso l'applicazione del regolamento abbia un impatto significativo sulla salute
pubblica, la Commissione consulta per un parere l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare.
46 Sulla base del sistema HACCP ogni impresa alimentare deve nominare un responsabile
dell''igiene e deve individuare ogni fase che potrebbe rivelarsi critica ai fini della sicurezza degli
alimenti nonché garantire che siano individuate, applicate, mantenute e aggiornate le adeguate
procedure di sicurezza. Il responsabile - il quale delle imprese di medie grandi dimensioni deve
contare su una squadra di collaboratori - controlla che non vi siano rischi microbiologici nel
processo di produzione tenendo sotto osservazione tutto il processo produttivo, dalla ricevimento
delle materie prime ,al processo di lavorazione e alla spedizione. Il responsabile deve tenere a
disposizione dell'autorità di controllo un documento nel quale devono essere indicate le fasi
critiche del processo, le procedure di controllo instaurate, gli eventuali punti critici nei quali si
sono evidenziati i rischi di infezioni microbiche. Qualora a seguito dell'autocontrollo, il
responsabile constati che i prodotti possono presentare rischi immediati per la salute provvede a
ritirare i prodotti stessi dal commercio. Già nella direttiva del 1993, al fine di facilitare il processo
sopra descritto, potevano essere predisposti dei manuali di corretta prassi igienica a cura dei settori
interessati i quali poi dovevano essere convalidati dal Ministero della Sanità. Le analisi
concernenti l'autocontrollo possono essere svolte sia nei laboratori dell'impresa alimentare stessa
sia nei laboratori esterni iscritti in elenchi predisposti dalle regioni che rispondono ai requisiti
minimi stabiliti dal Ministero della Sanità. 221 distribuzione degli alimenti successiva alla produzione primaria e alle operazioni associate. Inoltre, occorre considerare come l'approccio del sistema sia sicuramente preventivo, atteso che lo stesso è diretto a procedere all'analisi dei potenziali pericoli insiti nelle trasformazioni alimentari ed intensifica i punti del processo in cui i pericoli possono essere controllati 47. Inoltre, occorre osservare come il piano di autocontrollo, insieme alle altre procedure costruite dall'operatore, rappresentano il principale strumento per dimostrare la conformità del prodotto commercializzato alla legislazione alimentare. In altri termini, in tal modo procedendo, si vuole diminuire il rischio per l'impresa di incorrere in processi civili e penali o amministrativi oppure che vengano applicate all'operatore medesimo misure cautelari o sanzioni accessorie. Per quanto concerne la produzione primaria occorre osservare come il passaggio dal vecchio al nuovo sistema previsto nella direttiva 1993/43 ed i successivi regolamenti (Regolamento 178/2002 fino a quelli del 2004 nn. 852, 853, 854), ha determinato un modo diverso di considerare a livello giuridico la produzione primaria la quale non viene più intesa come "un momento antecedente" di non rilevante importanza ai fini della sicurezza alimentare ma, al contrario, come fase iniziale della produzione alimentare e pertanto capace di influire sulla salubrità dei cibi. Ecco dunque che, proprio per tali ragioni, è sorta l'esigenza di predisporre una nuova regolamentazione sulla base della quale applicare a tutti i livelli della catena alimentare i principi finalizzati a garantire la sicurezza di tali prodotti. Nello specifico, si parla di produzione primaria con riferimento a tutte le fasi della produzione, dell'allevamento e della coltivazione dei prodotti primari, compresi il raccolto, la mungitura e la produzione zootecnica precedente la macellazione e comprende la caccia, la pesca e la raccolta di prodotti selvatici (sul punto vedi art. 3, n. 17 del Regolamento 178/2002). Oltre che la c.d produzione primaria hanno assunto particolare rilevanza anche le c.d. operazioni associate; con esse si deve intendere: a) l'attività di produzione, allevamento coltivazione di prodotti vegetali come, cereali, frutta, ortaggi e d'erbe, trasporto, magazzinaggio manipolazioni dei predetti prodotti; b) 47 Interessante notare la nozione di pericolo che definita dal Regolamento 178/2002 come l'agente
biologico, chimico o fisico contenuto in un alimento, oppure condizione in cui l'alimento si trova,
in grado di provocare un effetto nocivo per la salute. 222 produzione, allevamento, coltivazione di animali per la produzione di alimenti nell'azienda agricola e ogni altra attività connessa, nonché il trasporto di animali per la produzione di carne ad un mercato o a un macello il trasporto di animali tra aziende agricole; c) mungitura e conservazione del latte nell'azienda agricola; d) produzione, allevamento coltivazione di lumache nell'azienda agricola e la loro eventuale trasformazione stabilimento di trasformazione o mercato; e) produzione raccolta di uova nello stabilimento del produttore ma non le operazioni di imballaggio delle uova; f) pesca, manipolazione dei prodotti della pesca, senza alterazione sostanziale della loro natura, a bordo di imbarcazioni, trasporto al primo stabilimento a terra, compresi pesca, manipolazione trasporti pesci d'acqua dolce; g) produzione, allevamento, coltivazione, raccolta dei pesci in aziende acquicole e loro trasporto in uno stabilimento; h) produzione, allevamento, coltivazione, stabulazione raccolta di molluschi bivalvi vivi e loro trasporto a un centro di spedizione, in centro di de Paola azione o a un uno stabilimento di trasformazione; i) raccolta di prodotti selvatici e loro trasporto d'uno stabilimento. Fermo restando quanto precede, occorre osservare come in un sistema così complesso - in cui, appunto, sussistono diverse attività da controllare - il legislatore comunitario ha creato una dicotomia di applicazione della normativa imponendo, nelle ipotesi produzione primaria e operazioni complesse, il rispetto dei requisiti generali in materia di igiene individuati nella parte A dell'allegato I del Regolamento 852/2004, nonché ogni requisito specifico contenuto del Regolamento 853/2004 mentre, per quanto concerne gli operatori del settore alimentare che seguono una qualsiasi delle fase della produzione, trasformazione e distribuzione di alimenti successiva a quella primaria, il rispetto dei requisiti generali in materia di igiene fissati dall'allegato II del Regolamento 852/2004 nonché ogni requisito specifico contenuto nel Regolamento 853/2004 oltre che adottare il sistema dell''HACCP. In altre parole, seppure sussistono diversi strumenti finalizzati ad accostare il regime normativo previsto in capo all'operatore alimentare a quello che disciplina la produzione primaria, occorre osservare che, per quanto concerne gli operatori primari, non opera l'obbligo del c.d. sistema HACCP. 223 9. La disciplina europea della sicurezza alimentare come chiave di lettura della normativa risarcitoria ai fini dell''individuazione della colpa dell''operatore o della difettosità del prodotto Nei paragrafi precedenti si è evidenziato come a partire dagli anni Ottanta il legislatore comunitario abbia predisposto una serie di regole pubblicistiche finalizzate ad offrire al consumatore una tutela preventiva volta ad assicurare la sicurezza e l''igiene degli alimenti 48; ecco dunque che, in tale contesto, accanto alla legislazione orizzontale '' applicabile a tutti i prodotti alimentari '' si sono formate anche norme relative a particolari categorie di alimenti (c.d. legislazione verticale') 49 , come per esempio, il latte50, le uova51 e la pasta52; inoltre, si è osservato come, all''interno della c.d. legislazione orizzontale, ha assunto un ruolo particolarmente importante, non solo il regolamento (CE) n. 178 del 2002 53 (attraverso cui sono stati enunciati i principi ed i requisiti generali per la sicurezza alimentare ed è stata istituita l''EFSA) ma anche le norme che hanno introdotto il sistema di controllo di igiene Hazard Analysis and Crytical Control Points (HACCP) (d.lg. 155/1997 attuativo dei regolamenti (CE) n. 852 e 882 del 2004) 54. Individuate le norme pubblicistiche sulla sicurezza alimentare, ci si è chiesto se tali disposizioni possano influenzare la lettura delle norme civilistiche; infatti, premesso che insieme alle novità introdotte nel contesto delle regole pubblicistiche sulla produzione e commercializzazione degli alimenti, vi sono state anche importanti innovazioni con riferimento alla normativa diretta a tutelare il consumatore sotto il profilo risarcitorio, 55 si vuole indagare se sussiste un 48 Costato, Compendio di diritto alimentare, Padova, 2006, 426; Tamponi, La tutela del
consumatore di alimenti: soggetti, oggetto e relazioni, in AA.VV., Agricoltura e alimentazione tra
diritto, comunicazione e mercato, Atti del Convegno di Firenze 9-10 novembre 2001, Milano,
2003, 301; Pacileo, Il diritto degli alimenti, Padova, 2003, 320.
49 Masini, Corso di diritto alimentare, Milano, 2008, 167.
50 D.p.r., 14 gennaio 1997, n. 54.
51 D.l. n. 65 del 4 febbraio 1993, attuazione della dir. Ce 89/437 concernente i problemi igienici e
sanitari relativi alla produzione ed immissione sul mercato degli ovo prodotti.
52 D.p.r., 6 febbraio 2001, n. 187.
53 Il suddetto regolamento ha istituito anche l''Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare
(EFSA).
54 Per una illustrazione del sistema HACCP si veda il sito del Ministero della salute
(http://www.ministerosalute.it/alimenti/benessere/benessere.jsp). In argomento, Toni e Nanni,
L''autocontrollo sull''igiene degli alimenti e il metodo HACCP, Rimini, 2007.
55 Al riguardo, occorre ricordare non solo la disciplina relativa alla responsabilità del produttore
(d.p.r. 224/1988) '' inizialmente applicabile solamente agli alimenti lavorati dall''industria ma 224 collegamento tra la disciplina pubblicistica in tema di sicurezza alimentare diretta ad offrire al consumatore una tutela preventiva dei danni alla salute delle persone e le disposizioni che regolano i profili risarcitori. Seppure dall''analisi della casistica giurisprudenziale emerge come il ricorso alle norme risarcitorie nel caso di danni derivanti dal consumo di alimenti sia assai limitato 56, si tratta, in primo luogo, di stabilire se le regole di diligenza standardizzate nella legislazione orizzontale e verticale (oppure le c.d. norme tecniche' 57, ossia le regole emanate da organismi privati di ''normalizzazione'
successivamente (con il d.lgs n. 25/2001) estesa anche alla c.d. produzione primaria - bensì anche
la c.d. azione collettiva risarcitoria (art. 140 bis del Codice del Consumo).
56 Al riguardo, v. per esempio Cass. 25 maggio 1964, n. 1270, in Foro it., I, 1965, c. 2098, con
nota di Martorano, Sulla responsabilità del fabbricante per la messa in commercio dei prodotti
dannosi (a proposito di una sentenza della Cassazione), in Foro it., V, 1966, c. 14, in cui la
Suprema Corte afferma che il dettagliante, il quale rivende generi alimentari contenuti in involucri
sigillati così come li riceve dalla ditta fabbricante (nel caso di specie si trattava di biscotti Saiwa),
non è responsabile dei danni causati dall''ingestione di detti prodotti risultati avariati, qualora si
accerti che non ricorre alcuna sua colpa (come, per esempio, la cattiva conservazione). La
Cassazione afferma altresì che, ''Una volta esclusa '' come nella specie '' ogni colpa del negoziante
in ordine all''alterazione del prodotto alienato, ben può il giudice di merito, nell''esercizio dei suoi
poteri discrezionali, ricollegare l''avaria, attraverso un processo logico presuntivo, alla difettosa
fabbricazione del prodotto stesso, quale sua unica possibile causa, cioè, praticamente a una
condotta colposa della ditta fabbricante, che la renda responsabile ex lege aquilia, dei lamentati
danni, un corretto apprezzamento di fatti che si sottrae per sua natura ad un controllo di
legittimità' e che '' il nesso di causalità , tra l''ingestione del commestibile guasto e i fenomeni
tossici sofferti dai resistenti' può essere ravvisato ''nella rapida successione cronologica tra i due
fatti dimostrata da varie deposizioni testimoniali'. Sempre per quanto concerne le cause instaurate
a seguito di danni derivanti dal consumo di alimenti, v. Giud. Pace Palermo, 4 marzo 2011, La
responsabilità civile, 2011, 390; in Foro it., 2012, 2, I, 577; Cass. pen. 18 febbraio 2010, n. 11212,
in Guida al dir., 2010, 80; Cass. 5 giugno 2007, n. 13082, in Foro it., 2008, 1, I, 213, ove si legge
che ''Incombe sul cliente che chieda il risarcimento del danno subito per un'infezione alimentare
contratta in occasione del soggiorno presso una struttura alberghiera, con trattamento di pensione
completa, l'onere di provare il nesso di causalità intercorrente tra l'infezione e la condotta tenuta
dal gestore dell'albergo, posto che non esiste alcun serio e ragionevole criterio di probabilità
scientifica alla luce del quale affermare che una persona, quando trascorre un periodo di vacanza
con la formula "pensione completa", si astenga in modo assoluto dall'assumere alimenti in altri
esercizi' (si tratta di una domanda di risarcimento danno patito per infezione da salmonellosi'.
57 In argomento, v. Bellissario, Certificazioni di qualità e responsabilità civile, Milano, 2011, 68;
Carnevali, La norma tecnica da regola di esperienza a norma giuridicamente rilevante:
ricognizione storica e sistematica teorica; ruolo dell''UNI e del CEI, in Resp. civ. e prev., 1997,
257. Al riguardo, occorre osservare come generalmente gli operatori del settore si conformano a
tali disposizioni volontariamente e come nell''ambito della produzione alimentare assumono
importanza i c.d. manuali di corretta prassi operativa in materia di igiene in applicazione dei
principi del sistema HACCP (artt. 7-9 del regolamento (CE) 852/2004) elaborati da associazione di
settore ed organismi di normazione sulla base delle prescrizioni indicate dal regolamento (CE)
852/2004. 225 europei 58 e nazionali59 le quali sanciscono una definizione di ''stato dell''arte nei diversi settori produttivi) possano rilevare, ai fini di individuare la colpa dell''operatore (art. 2043 c.c.) 60. Inoltre, si vuole indagare se '' nel contesto della disciplina relativa alla responsabilità del produttore prevista nel Codice del consumo - la legislazione alimentare possa orientare l''interprete anche al fine di determinare quando un prodotto debba considerarsi sicuro (art. 114 del Codice del Consumo) 61 e, quindi, se le legislazioni di settore e le normative tecniche costituiscano un requisito di sicurezza il cui rispetto esime ex se il produttore da responsabilità. Al riguardo, occorre osservare come, il mancato rispetto delle norme relative alla sicurezza alimentare dovrebbe provare automaticamente la difettosità del prodotto e sempre nella stessa ottica si dovrebbe affermare che anche la colpa del danneggiante risulta provata in tutte le ipotesi in cui lo stesso non ha rispettato le norme concernenti la sicurezza alimentare. Premesso dunque che la violazione delle norme concernenti la sicurezza alimentare dovrebbe essere di per sé sufficiente per provare la colpa dell''operatore o il difetto del prodotto, occorre indagare se la conformità a detti standards di 58 Sul punto occorre ricordare come il CEN (http://www.cen.eu//cen/AboutUs/Pages/default.aspx)
è un ente che grazie ai poteri attribuiti dalla direttiva 98/34/EC sancisce gli standards tecnici a
livello europeo con riferimento a tutte le attività produttive (tranne quella della electrotechnology
la cui competenza è riservata al CENELEC e quelle delle telecomunicazioni di competenza del
ETSI).
59 L''UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione (http://www.uni.com//it), è un''associazione
privata senza scopo di lucro la quale svolge un''attività normativa nei settori industriali,
commerciali e del terziario (tranne quello elettronico ed elettrotecnico di competenza del CEI
(Comitato Elettrotecnici Italiano). Sul sito si legge che una norma è ''un documento che dice
"come fare bene le cose", garantendo sicurezza, rispetto per l'ambiente e prestazioni certe.
Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica
approvata da un organismo riconosciuto a svolgere un''attività normativa per l''applicazione
ripetuta o continua, la cui osservanza non sia obbligatoria e che appartenga ad una delle seguenti
categorie: norma internazionale (ISO) norma europea (EN) norma nazionale (UNI)
(http://www.uni.com/index.php'option=com_content&view=article&id=361&Itemid=936&lang=i
t&limitstart=1).
Le norme, quindi, sono documenti che definiscono le caratteristiche (dimensionali, prestazionali,
ambientali, di qualità, di sicurezza, di organizzazione ecc.) di un prodotto, processo o servizio,
secondo lo stato dell'arte e sono il risultato del lavoro di decine di migliaia di esperti in Italia e nel
mondo'
60 In tal caso, occorrerà, altresì, verificare se la mancata conformità ai predetti requisiti legislativi
sia di per sé sufficiente per provare la colpa dell''agente, oppure, se tale circostanza determini
semplicemente una presunzione di colpa, diretta esclusivamente ad invertire l''onere probatorio
gravante sul danneggiato.
61 Pacileo, Il diritto degli alimenti, cit., 151. 226 sicurezza sia sufficiente per ritenere un prodotto sicuro oppure se tale circostanza rappresenti solamente un livello minimo di sicurezza il cui rispetto non esime automaticamente il produttore da responsabilità. In altre parole, ci si chiede se il produttore può andare esente da responsabilità dimostrando solamente di aver rispettato le norme concernenti la sicurezza alimentare oppure se il rispetto di detta normativa rappresenterebbe una presunzione di non difettosità del prodotto ma, la prova di detta conformità è idonea di per sé a liberare il produttore da responsabilità tutte le volte in cui si accerti che quest''ultimo avrebbe potuto '' in concreto - evitare l''evento lesivo. Sul punto occorre osservare come la prima soluzione interpretativa, ossia quella secondo la quale il rispetto delle norme tecniche libera di per sé il fabbricante da responsabilità, pare favorevole alle ragioni del produttore, il quale, infatti, in tal modo procedendo, può sapere con sicurezza di non incorrere in alcuna responsabilità tutte le volte in cui lo stesso si è conformato alla disciplina pubblicistica concernente la sicurezza alimentare. Inoltre, detta soluzione comporta una maggiore prevedibilità del rischio assunto 62 e, quindi, una riduzione del costo dell''assicurazione e del prezzo finale del bene commercializzato, incentivando, pertanto, la competitività delle imprese medesime. Tuttavia, detta linea interpretativa potrebbe disincentivare la ricerca scientifica atteso che, in tal modo procedendo, il produttore sarebbe indotto ad accontentarsi del livello di sicurezza sancito dalle norme tecniche (le quali peraltro non sempre sono aggiornate) non essendo, appunto, necessario '' ai fini dell''esclusione della responsabilità del fabbricante '' porre sul mercato prodotti aventi un livello di sicurezza maggiore rispetto a quello previsto da detta normativa. La seconda linea interpretativa sopra richiamata, ossia quella sulla base della quale la conformità alle disposizioni sancite dalle norme tecniche può costituire una presunzione di sicurezza del prodotto ma non garantisce di per sé al produttore di andare esente da responsabilità conduce ad un aumento dei 62 L''importanza di conoscere preventivamente quale sia il livello di sicurezza richiesto viene
sottolineata da Trimarchi, Rischio e responsabilità oggettiva, Napoli, 1961, 50; Comporti,
Esposizione al pericolo e responsabilità civile, Napoli, 1965, 20; Alpa, Responsabilità
dell''impresa e tutela del consumatore, Milano, 1975, 289; Carnevali, La norma tecnica da regola
di esperienza a norma giuridicamente rilevante, cit. 264 ss. 227 contenziosi concernenti questa specifica materia ed ad una riduzione della competitività delle imprese, in quanto le stesse, non potendo programmare le spese che si ricollegano all''esercizio dell''attività in termini di risarcimento di danni futuri, dovranno affrontare costi assicurativi più elevati che si riverseranno, inevitabilmente, sull''aumento del prezzo finale del bene. Tuttavia, una tale soluzione incentiva il produttore medesimo ad investire maggiormente nella ricerca scientifica ed a porre sul mercato prodotti più sicuri; sotto questo specifico profilo, poi, la predetta linea interpretativa pare, peraltro, conforme allo spirito del legislatore comunitario che vuole tutelare massimamente la salute ed il benessere dei cittadini 63. Tale linea interpretativa si pone anche in linea con quanto previsto da alcuni legislatori europei; al riguardo si pensi per esempio, a come il legislatore francese abbia espressamente affermato che «le producteur peut être responsable du défaut alors même que le produit a été fabriqué dans le respect des règles de l''art ou des normes existantes ou qu''il a fait l''objet d''une autorisation administrative» (art. 1386-10), con la conseguenza che, secondo il legislatore francese, un prodotto può essere considerato difettoso anche se conforme alle regole tecniche 64. Senza contare che detta soluzione è, altresì, coerente con quanto stabilito nei Restatements i quali hanno accolto i c.d. per se principles affermando che, la violazione dei c.d. products safty regulations determina di per sé la difettosità del prodotto (o è sufficiente ad accertare il comportamento negligente del danneggiante) as a metter of law ed il rispetto dei c.d. safety requirements (quindi la c.d. compliance with regulatory safety standard) prova la diligenza e la non difettosità del prodotto ma non rappresenta una conclusive iusse, atteso che la 63 V. per esempio, il considerando n. 2 del regolamento (CE) n. 178/2002 il quale sancisce che
''Occorre garantire un livello elevato di tutela della vita e della salute umana nell'esecuzione delle
politiche comunitarie'; ''La Comunità ha scelto di perseguire un livello elevato di tutela della
salute nell'elaborazione della legislazione alimentare, che essa applica in maniera non
discriminatoria a prescindere dal fatto che gli alimenti o i mangimi siano in commercio sul
mercato interno o su quello internazionale' (considerando, n. 8).
64 Iannuccelli, La legge francese sulla responsabilità da prodotto, cit. 383; Di Nepi, Francia
1998 e disciplina europea della responsabilità da prodotto difettoso: è stato vero allineamento',
cit., 263; Ghestin, Le nouveau titre IV bis du livre III du Code civil «De la responsabilité du fait
des produits défecteux», cit., 148; Pugnet, «La réglementation de la sécurité des produits: un
risque pour l'entreprise», cit. 228 giuria ha sempre la possibilità di ritenere il fabbricante negligente o il prodotto difettoso 65. Ecco dunque che, in tal modo ragionando, ossia ponendo il costo dell''incidente in capo al produttore '' sul quale, infatti, incombe sia il costo di uniformarsi alle norme tecniche, sia il rischio che, nonostante il rispetto di dette disposizioni, il prodotto cagioni un danno '' l''impresa guadagna nella misura in cui si non si assicuri contro detto rischio e decida, quindi, di porre sul mercato prodotti nuovi non assicurati; in tal modo procedendo infatti, il produttore, non assicurandosi, può diminuire i prezzi dei prodotti finali e l''impresa medesima diventare maggiormente competitiva all''interno del mercato in cui opera. Fermo restando quanto precede, occorre osservare altresì che la problematica di cui si è dato conto '' ossia del collegamento tra le norme pubblicistiche concernenti la sicurezza alimentare e le disposizioni relative alla responsabilità civile - assume rilievo qualora si tratti di prodotti confezionati oppure nelle ipotesi in cui l''intossicazione derivi dal consumo di alimenti preparati da un operatore professionale; nel primo caso, infatti, occorrerà fare ricorso alle norme che sanciscono la responsabilità del produttore (art. 114 ss. del Codice del Consumo) e a quelle che definiscono i requisiti di sicurezza dei prodotti alimentari (e le regole tecniche alle quali esse facciano eventualmente rinvio), con la conseguenza che il prodotto risulterà difettoso tutte le volte in cui venga violata una norma pubblicistica diretta a garantire la sicurezza dei prodotti alimentari; nella seconda ipotesi, invece, troverà applicazione il regime di responsabilità sancito dall''art. 2043 c.c. completato dalle norme che impongono l''adozione del sistema HACCP; in altri termini, l''operatore sarà chiamato a rispondere ai sensi della norma in esame qualora lo stesso non abbia rispettato gli 65 Lane v. R.A. Sims, Jr., Inc. 241 F. 3d 439 (5th Cir. 2001) (Federal Railroad Safety Act); Moss v.
Parks. Corp., 985 F.2d 736 (4 th Cir. 1993); Ferebee v. Chevron Chemical Co., 736 F. 2d 1529 (D.C. Cir. 1984); Stevens v. Parke, Davis & Co., 507 P. 2d 653, 661 (Cal. 1973); Gable v. Gates Mills,
784 N.E.2d 739 (Ohio Ct. App. 2003, secondo cui la compliance con i c.d. statutory regulation e''
rilevante e prova cosa un reasonable consumer si aspetta ma non esonera il produttore da
responsabilita''; Wagner v. Clark Equip. Co., 700 A. 2d 38, 51 (Conn. 1997), ove si legge che
''compliance with federal regulation may carry more weight with a jury than compliance with an
industrial standard, because a federal regulation has the imprimatur of the federal government'. 229 obblighi imposti dalle disposizioni pubblicistiche concernenti la manipolazione degli alimenti 66. Tuttavia, la problematica concernente l''individuazione di un''eventuale connessione tra la normativa pubblicistica e quella risarcitoria, non coinvolge la produzione domestica di beni alimentari, atteso che in quest''ultimo caso la responsabilità per i danni non viene influenzata dall''introduzione della disciplina pubblicistica in tema di sicurezza alimentare; solamente in quest''ultima ipotesi, dunque, il pregiudizio causata da colui che ha preparato un alimento potrà essere risarcito, ossia qualora venga dimostrata la violazione delle comuni regole di diligenza concernenti la conservazione, il controllo e la preparazione dei prodotti medesimi. 66 In argomento, v, Al Mureden, Danno da consumo di alimenti, in Contratto e impresa, 2011, 6,
1495. 230 231 CAPITOLO IV LA PRODUCT LIABILITY LAW NEGLI STATI UNITI D ''AMERICA: PROFILI GENERALI 1. L'evoluzione della responsabilità del produttore negli Stati Uniti Nell''ipotesi di danni cagionati dall''utilizzo di prodotti difettosi, fino all''inizio degli anni Sessanta, negli Stati Uniti, ai fini del riconoscimento di una responsabilità in capo al produttore, si ricorreva alla teoria delle negligence, con la conseguenza il produttore medesimo poteva essere considerato responsabile per il torto subito solamente qualora l''attore fosse stato in grado di provare il comportamento colpevole '' e quindi la violazione di un duty to care posto in essere da parte del convenuto stesso 1. A partire dagli anni Cinquanta, poi oltre che in virtù della soprarichiamata teoria della negligence, il produttore poteva essere chiamato a rispondere anche sulla base della dottrina relativa alla c.d. breach af warranty la quale è stata spesso utilizzata nelle ipotesi di danni cagionati da prodotti alimentari, cosmetici o beni simili. A partire dagli Sessanta '' ed in particolare con il caso Henningsen v. Bloomfield Motors 2 - in America è iniziata la c.d. modern product liability; in tale ottica, si pone anche la pronucia emessa dalla Suprema Corte della California '' Greenman v. Yuba Power Products, Inc. 3 '' con la quale il produttore di un bene difettoso è stato dichiarato strictly liable per i danni arrecati ai terzi. Nel 1964, poi, l''American Law Istitute ha confermato la predetta regola della c.d. strict products liability nel § 402 A del Restatement (Second) of Torts, ufficialmente promulgato nel 1965. Se, dunque, la dottrina della strict products liability è esplosa intorno agli anni Sessanta/Settanta, occorre precisare come ben presto si sia sentita l''esigenza di operare alcune riforme in questa specifica materia atteso che si riteneva che 1 MacPherson v. Buick Motor Co. 111 N.E. 1050 (N.Y. 1916).
2 Henningsen v. Bloomfield Motors 161 A. 2d 69 (N. J. 1960); in tale occasione, è stato permesso
ad un terzo danneggiato, non parte del contratto, di mantenere una breach of warranty action
contro il produttore seppure mancasse un contratti e nonstante l''esclusione di responsabilità
contrattuale.
3 Greenman v. Yuba Power Products, Inc, 377 P. 2d 897 (Cal. 1963). 232 ''products liability system had developed various excesses that unfairly increased liability at the expense of everyone except plaintiffs and their lawyers' 4. Ecco dunque che, proprio in tale ottica, ossia al fine di circoscrivere la portata assunta dalla product liability litigation, da un lato, nel 1998 l''American Law Istitute ha predisposto il c.d. Restatment (Third) of Torts: Products Liability e, dall''altro lato, i singoli Stati americani hanno continuato ad effetture riforme legislative concernenti, per esempio, le c.d. theories of liability, le disposizioni relative all''assunzione del rischio, al c.d. state of the art, la c.d. compliance, le limitazioni dei c.d. danni punitivi. 2. La product liability negli Stati Uniti: brevi cenni sulle differenze sussistenti tra i diversi Stati In America la disciplina relativa alla products liability presenta notevoli differenze tra i diversi Stati; si pensi, per esempio, come solamente alcuni Paesi hanno codificato '' in tutto o in parte '' le norme relativa a questa specifica materia 5 oppure al fatto che non tutti gli Stati hanno adottato le previsioni in tema di strict liability della Section 402A del Restatment (Second) of Torts (Michigan e Virginia). Inoltre, seppure in termini generali le c.d. causes of action nelle ipotesi di product liability lawsuits includono causes of action for strict liability, negligence, e breach of warranty, la legislazione di alcuni paesi non ha adottato tutte e tre le theories of recovery; così, per esempio, nel Wisconsin la strict liability e la negligence costituiscono alternative theories of recovery for product liability mentre, invece, tale Stato non riconosce una separata cause of action nelle ipotesi di breach of warranty. Ulteriore differenza che intercorre tra i diversi Stati americani in materia product liability concerne, per esempio, la prova relativa al c.d. design defect; infatti, con riferimento a tale specifico profilo, molti Stati (Alska, New Messico, Oklahoma, New Hampshire, Indiana) non richiedono all''attore l''onere di provare che il produttore avrebbe potuto adottare un progetto alternativo maggiormente 4 David G. Owen, Products liability law, Thomson West, St. Paul, 2008, 24.
5 Per esempio, nel Missisipi il Mississipi Product Liability Act (MPLA) disciplina tutti le azioni
concerenti la product liability. Si pensi anche al fatto che anche il Restatement '' fonte di
cognizione elaborata dalla dottrina che i legislatori ed i giudici dei singoli Stati reputano primaria
fonte di interpretazione '' assume una diversa importanza nei vari Paesi. 233 sicuro mentre, invece, altri Paesi (compreso il Sud Carolina, North Carolina, Missouri e Delaware) impongono in capo alla parte danneggiata il predetto onere porbatorio. In altre parole, per quanto concerne la prova circa la diffettosita'' del prodotto, la legislazione del Wisconsin ha adottato una definizione di design defect secondo cui il ragionevole rischio del danno sarebbe potuto essere evitato tramite l''adozione di un ragionevole disegno alternativo e l''omissione di tale progetto ha reso il prodotto no reasonably safe. La legge degli altri Stati (come, per esempio, l''Illinois) non richiede la prova circa la possibilita'' di produrre un prodotto alternativo piu'' sicuro ma ritiene, invece, che qualora venga fornita tale dimostrazione, detta circostanza debba essere considerata al fine di decidere se il difetto sussisteva o meno. Inoltre, sempre a dimostrazione delle differenze che intercorrono tra le legislazioni sussistenti nelle diverse giurisdizioni americane, se in alcuni Stati sul produttore incombe un post-sale duty to warm, in altri tale dovere non sussiste (Mississipi). Infine, si tenga presente che in molte giurisdizioni '' anche se non in tutte - nelle ipotesi di strict product liability sussiste la regola per cui no duty to a plaintiff who is not foreseeable, con la conseguenza che affinchè il produttore possa essere ritenuto responsabile per i danni cagionati dal prodotto difettoso è necessario che l''attore rientri nella categoria di soggetti prevedibili. Oltre che con riferimento alla prova circa la difettosita'' del bene commercializzato, occorre osservare come le legislazioni dei diversi Stati in materia di danno da prodotto variano anche sotto altri diversi profili; cosi'' differenti sono, per esempio, le regole in tema di danni punitivi e, al riguardo, basta solo pensare come in alcuni Stati il risarcimento di tali tipologie di danni è stato limitato ad un determinato ammontare 6 , mentre in altri Paesi di tende a riconoscere danni punitivi di ingente entità. 6 Per esempio si pensi come nel South Carolina il legislatore (South Carolina Fairness in Civil
Justice Act of '' 2011) ha limitato il risarcimento dei danni punitivi a $ 500,000 o a tre volte
l''ammonatare dei c.d. compensatory damages, oppure in Virginia tali tipologie di danni sono
limitati a $ 350,000. Occorre al riguardo notare come comunque negli Stati Uniti vi sia la
generale tendenza a prevedere un limite a dei danni punitivi risarcibili (v. per esempio la
legislazione del Minnesota, Missisipi, Idaho, Montana e Arkansas). In altri Stati poi si prevede un
limite massimo al risarcimento anche dei non economic damages (pensi, per esempio, come in
Oklahoma a seguito delle modifiche introdotte nel 2009 tali danni possono essere risarciti fino ad
un massimo di $ 400,000). 234 Sempre per quanto concerne le differenze sostanziali relative alla disciplina concernete la product liability, occorre osservare come nei diversi Stati cambiano anche le difese che il produttore può utilizzare per andare esente da responsabilità; cosi'' se alcuni Stati ammettono la prova relativa allo c.d. state of the art (per esempio, West Virginia, Mississipi), in altri Paesi tale prova non libera necessariamente il produttore da responsabilità. In molti Stati poi lo state of the art non è una vera e propria defense ma costituisce un fattore che deve essere considerato al fine di individuare se sussiste o meno un design defect (Georgia). Inoltre, se in alcuni Stati la c.d. contributory negligence non costituisce una defense che il convenuto può utilizzare per andare esente da responsabilità nelle ipotesi di strict liability claims (si pensi, per esempio, come in Georgia non rappresenta una defense la cotributory negligence ma bensì la c.d. absumbtion of risk of the product defect), in altri (per esempio, il Mississipi) tale difesa può essere utilizzata non solo nelle c.d. action for negligence, bensì anche nelle c.d. strict liability cases. Ancora, mentre la Suprema Corte del Wyoming e Kentucky sembra aver adottato il c.d. learned intermediary defense (ossia quella difesa secondo cui il produttore non è responsabile se ha soddisfatto il suo dovere d''informazione e quindi se ha fornito tutte le informazioni ad un ''learned intermediary' che poi interagisce con il consumatore), la Supreme Court of Appeals del West Virginia ha rigettato tale difesa, affermando che i produttori di farmaci vendibili solo dietro prescrizione medica (prescription drugs) sono soggetti agli stessi obblighi informativi dei produttori di altri beni. Diverse risultano anche i c.d. statute of limitation, in quanto se in alcuni Stati (si pensi al Mississipi) sono previsti precisi limiti temporali entro i quali i danni cagionati a seguito dell''utilizzo di un prodotto difettoso possono essere fatti valere, in altri, invece, non è presente nessuna limitazione. Infine, per quanto concerne le ipotesi in cui il danno venga cagionato da una pluralità di soggetti, se alcuni Paesi hanno accolto la teoria della c.d. market share and enterprise liability, altri non hanno riconosciuto tale teoria (Mississipi) Fermo restando quanto precede ed a prescindere, dunque, dalle diversità che intercorrono tra i diversi Stati in materia di product liability, occorre anche evidenziare come ad incremetare le incertezze in questa specifica materia contribuisce anche il fatto che tali legislazioni variano nel tempo; al riguardo, si 235 pensi come, per esempio, in Pennsylvania, recentemente, per quanto concerne le cause promosse dopo il 28 giugno 2011, ciascun convenuto e'' responsabile solamente in proporzione al danno che ha arrecato ma la c.d. joint and several liability continua ad essere applicata nelle ipotesi in cui il convenuto e'' ritenuto responsabile per international misrapresentation o international tort oppure se il convenuto viene ritenuto responsabile per piu'' del 60%. Inoltre, si consideri come il legislatore dell''Oklahoma abbia abolito la joint and several liability nei casi promossi successivamente al 1 novembre 2011, ha precisato quale spese mediche possono essere risarcite, ha abbassato il limite dell''ammontare dei danni risarcibili e ha disposto che i danni che eccedono l''ammontare di $ 100,000 possono essere risarciti tramite un pagamento periodico entro un periodo che non puo'' essere piu'' lungo di sette anni 7. 3. Le diverse teorie utilizzabili dal danneggiato al fine di ottenere il risarcimento del danno (theories of recovery) Pur tenendo presente che tra le legislazioni dei diversi Stati americani sussistono differenze in materia di products liability law nel presente lavoro si tratteggerà quelli che sono generalmente i profili comuni presenti all''interno dei diversi ordinamenti. Ecco dunque che, al riguardo, occorre in primo luogo ricordare come, seppure in America il diritto sostanziale concernente la responsabilita'' del produttore presenta notevoli differenze tra i vari Stati, ai fini dell''inidividuazione della responsabilita'' del produttore, generalmente si ricorre a tre diverse teorie (theories of recovery): a) negligence; b) strict liability; c) breach of warranty 8. 3.1 Negligenza (Negligence) Nell''ordinamento statunitense la negligence mantiene ancora un ruolo centrale nel contesto della responsabilita'' del produttore 9 soprattutto in quegli Stati in cui non e'' stata adottata la teoria della c.d. strict product liability in tort (si 7 Morton F. Daller, Product liability Desk Reference '' A Fifty '' State Compendium, Aspen
Punblishers, 2012.
8 David G. Owen, Products liability law, Thomson West, St. Paul, 2008; William Kimble ''
Robert O. Lesher, Product liability, Kimble & Lesher, St. Paul, 1979, 11; M. Stuart Madden,
Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 28
9 William Kimble '' Robert O. Lesher, Product liability, Kimble & Lesher, St. Paul, 1979, 71 236 pensi, per esempio, Michigan, Virginia, Delaware, Massachusetts, North Carolina); in tali paesi, infatti, la negligence rappresenta ancora la principale teoria of tort recovery 10. Piu'' nello specifico, sulla base della predetta teoria, il danneggiato che intende ottenere il risarcimento del danno subito a seguito dell''utilizzo di prodotti difettosi dovra'' fornire la prova che il produttore stesso non e'' stato diligente o nella progettazione del prodotto (negligent design) o nella produzione dello stesso (negligence manufacture), oppure ancora che il fabbricante non ha fornito le necessarie adeguate informazioni circa le caratteristiche del bene in questione. Il danneggiato deve, altresi'' dimostrare: 1) che il venditore aveva un dovere nei confronti dell''attore; 2) che il venditore ha violato tale dovere; 3) che la violazione di detto dovere e'' stata la cause del danno sofferto dall''attore medesimo; ed, infine, 4) che il danno e'' recoverable in negligence. Per quanto concerne, poi, il livello di diligenza (standard of care) richiesto al produttore, occorre considerare che lo stesso corrisponde allo standard of reasonable care for an expert manufacturer of such a product richiesta nel momento in cui il prodotto e'' stato venduto e che la responsabilita'' del produttore per negligence e'' limitata a quei rischi che erano ragionevolmente prevedibili nel momento in cui il prodotto e'' stato venduto. Generalmente la negligence viene determinata mediante un bilanciamento dei costi conseguenti al non aver preso delle safty precautions e dei benefici che dette precauzioni parevano essere dirette a realizzare. Il livello di diligenza (due care) richiesto al produttore e'' direttamente proporzionato al rischio atteso (expected risk); cosi'', per esempio, se il rischio connesso alla vendita e all''utilizzo di un prodotto e'' elevato, il produttore deve utilizzare il livello di diligenza particolarmente significativo al fine di evitare che si verifichi il rischio atteso; viceversa, nelle ipotesi in cui si tratti di uno small risk, ai fini del rispetto di uno standard ragionevole di diligenza, si richiede al produttore di adottare misure precauzionali non particolarmente significative. 10 Con riferimento a tale teoria e'' stato osservato come ''Tactically, perhaps because the rehtoric
of negligence is ''hotter' than strict liability, juries are more likely to find for plaintiff, and in
higher amounts, on negligence rather than on strict liability claims' David G. Owen, Products
liability law, cit., 60. 237 Il calcolo del rischio e'' stato enunciato in una celebre caso (United States v. Carroll Towing Co.) in cui il giudice Judge Hand ha affermato che la determinazione del grado di diligenza richiesto in una specifica occasione spesso deve riflettere tre fattori: da una parte, il costo di prendere delle precauzioni per evitare il rischio del danno e dall''altra parte, la probabilita'' che detto pregiudizio si verifichi qualora dette precauzioni non vengano adottate moltiplicata per la probabile portata delle perdite conseguenti al verificarsi del danno. Tale calcolo viene chiamato ''Hand formula' e viene espresso B < P x L '' N dove B rappresenta i costi che il produttore deve affrontare al fine di predisporre determinate precauzioni e P la probabilita'' che il danno si verifichi nell''ipotesi in cui non vengano adottate le predette misure precauzionali e L rappresenta la probabile portata delle perdite. Ecco dunque che, secondo la sopra richiamata ''Hand formula' qualora il costo connesso all''adozione di particolari misure di sicurezza e'' inferiore ai benefici connessi all''eventuale adozione delle misure precauzionali (P x L), allora la mancata adozione da parte del produttore delle misure di sicurezza comporta negligence ('' N). Fermo restando quanto precede, sempre per quanto concerne la negligence occorre ricordare anche la dottrina della c.d. res ipsa loquitor. In particolare, seppure al fine di stabilire il comportamento negligente del convenuto l''attore deve generalmente provare ''the manner in which the defendant was negligent in making or selling the product that injured the plaintiff. Proof merely that a product malfunctioned and caused an accident normally will not suffice' 11 , ciononostante ci sono delle situazioni in cui ''the thing speaks for itself and allowed the plaintiff ''s verdict' 12. Proprio con riferimento a questa teoria e'' stato affermato che ''Particulary in manufacturing defect cases, where the product violently malfunctioned, res ipsa thus provided a bridge between the difficulties of proving negligence by direct evidence and modern products liability claims based on product defect that relieve a plaintiff, at least in theory, from having to prove a manufacturer''s fault at all'. Tale dottrina viene applicata solamente nelle ipotesi in cui le circostanze che hanno causato l''incidente sono misteriose o sconosciute; infine, occorre 11 Owen, Products liability law, 94.
12 La dottrina della res ipsa loquitor e'' stata affermata per la prima volta nel caso Byrne v. Boadle
2 H. & C. 722, 159 Eng. Rep. 299 (1863). 238 considerare come in alcuni Stati la dimostrazione che il bene ha mal funzionato da'' vita solamente ad una presunzione di negligenza ed ha, pertanto, il solo effetto d''invertire l''onere probatorio sul convenuto sul quale quindi incombera'' l''onere di dimostrare la propria diligenza 13. Sempre con riferimento alla negligence '' in un contesto generale e non necessariamente limitato alla product liability - ci si e'' chiesti se la violazione degli statutes adottati dai singoli Stati americani equivalga a negligence ''per se' 14 oppure se tale violazione rappresenti solamente una evidence of negligence15 oppure ancora se la stessa comporti una rebuttable presumption of negligence 16. Al riguardo, occorre osservare come il Restatement (2d) Torts § 288 B abbia accolto la teoria della negligence per se e come il Restatement (3d) Torts § abbia poi esteso i c.d. per se principles anche alle ipotesi di strict product liability, con la conseguenza che un prodotto è considerato difettoso '' come matter of law - se il produttore non rispetta le norme di sicurezza. Tuttavia, la compliance con dette disposizioni prova la diligenza del fabbricate medesimo o l''assenza del difetto ma '' sempre secondo il terzo Restatement - non rappresenta una conclusive iusse. Fermo restado quanto disposto nei Restatements occorre osservare come ancora oggi se alcune corti hanno adottato la regola secondo la quale la non giustificata violazione di uno statutory standard rappresenta negligence per se 17, 13 V. Stalter v. Coca Cola Bottling Co. of Ark., 669 S.W. 2d. 460, 462 (Ark. 1984), ove si afferma
che ''the burden shifts to the defendant to go forward with evidence to offset the inference of
negligence'.
14 McNeil Pharm. v. Hawkins, 686 A. 2d 567, 578 (D.C. 1996), ove si afferma che an unexcused
violation renders defendant negligent as a metter of law. Conforme a tale linea interpretativa, v.
Peek v. Osh-man''s Sporting Goods, Inc.m 768 S. W. 2d 841 (Tex. App. 1989)Stanton v. Atra
Pharm. Prods., Inc., 718 F. 2d. 553, 564-65 (3d Cir. 1983) (Pa. Law) (Becker, J.). Questa e'' la
regola nel Restatment (2d) Torts § 288 B. Al riguardo occorre anticipare come il Restatement (3d)
Torts § abbia poi esteso i c.d. per se principles anche alle ipotesi di strict product liability, con la
conseguenza che un prodotto è considerato difettoso '' come matter of law - se il produttore non
rispetta le norme di sicurezza (anche se comunque la compliance con dette disposizioni prova la
diligenza del fabbricate medesimo o l''assenza del difetto ma non rappresenta una conclusive
iusse).
15 Berish v. Bornstein, 770 N.E.2d 961, 979 (Mass. 2002); King v. Danek Med., Inc., 37 S.W. 3d
429 (Tenn. Ct. App. 2000). Horstmeyer v. Golden Eagle Fireworks, 534 N.W. 2d 835 (N.D. 1995).
16 Ramirez v. Plough, Inc., 863 P. 2d 167, 172 (Cal. 1993); Klanseck v. Anderson Sales & Serv.,
Inc., 393 N.W.2d 356 (Mich. 1986); Bacon v. Lascelles, 678 A. 2d 902 (Vt. 1996).
17 Martin v. Herzog, Court of Appeals of New York, 1920, 228 N.Y. 164, 126, N.E. 814, un caso
relativo alla c.d. contributory negligence, in cui si e'' affermato che l''assenza delle luce nella
macchina del danneggiato was prima facie evidence of contributory negligence. Secondo il giudice 239 la quale a sua volta costituisce una matter of law che deve essere decisa dalla corte, in molte giuridsizioni la violazione di uno statuto e'' ritenuta solamente una evidence of negligence oppure una rebuttable presumption of negligence 18 la cui decisione spetta alla giuria. Lo stesso discorso vale anche con riferimento alla violazione di regolamenti federali o statali 19; se, infatti, alcune corti affermano che la violazione di dette norme rappresenta neglegence ''per se' che non ammette nessuna prova contraria 20 - e quindi non si pongono il problema di verificare se nel caso di specie una persona ragionevole avrebbe violato lo lagge od il regolamento '' in altre giurisdizioni tale violazione rappresenta solamente evidence of negligence o una presunzione di negligence 21. In altre parole, una volta verificato se vi è stato violazione di una norma o di un regolamento '' e al riguardo occorre evidenziare come tale decisione spetti alla Corte e dipende da come quest''ultima interpreta tali disposizioni '' occorre decidere se tale violazione rientri in una c.d. question of law o in una question of fact e a seconda di tale scelta il caso viene risolto dalla Corte o dalla giuria. Si tratta di stabilire se le regole previste negli stauti e nei regolamenti determinano lo standard of care necessario per non incorrere in responsabilita'' '' e
Cardozo the unexcused omission of the statutory signals is more than some evidence of negligence.
It is negligence in itself (Harry Shulman and al, Law of Torts cases and materials, fifth edition,
Fundation Press, 2010, 204).
18 Secondo il giurista Americano Benjamin Nathan Cardozo ''breach of statute sets the standard
for what liability is'. If you breach the statute it is negligence, not evidence of negligence', salvo
che non venga provato che tu sia una delle persone che lo statute non voleva tutelare oppure salvo
che non si tratti di un local ordinance e non di uno statute (Lezioni di Calabresi 22 ottobre 2011).
Anche il giudice Carter afferma che la violazione di uno statute costituisce una presunzione di
diligenza (Combs v. Los Angeles Railway Corp., Supreme Court of California, in Bank, 1947, 29,
Cal. 2d 606, 177 P.2d 293) salvo che non vengano provate determinate circostanze ossia che una
persona ragionevole avrebbe violato lo statute
19 In argomento, v. Sammons v. Ridgeway, 293 A2d 547 (Del. 1972); Britton v. Wooten, 817 S.W.
2d 443 (Ky. 1991). Alcuni Stati considerano la violazione dei regolamenti come evidence of
negligence (Glielmi v. Toys R. Us, Inc., 62 N.Y. 2d 664, 464 N.E. 2d 981, 476 N.Y.S. 2d. 283
(1984).
20 Sammons v. Ridgeway, 293 A. 2d 547 (Del. 1972); Britton v. Wooten, 817 S. W. 2d 443 (Ky.
1991). Nello specifico occorre osservare come, al fine di provare la negligence per se l''attore deve
dimostrare che il convenuto ha violato lo statuto od il regolamento; che lo statuto ed il
regolamento erano finalizzati a proteggere un determinate gruppo di persone all''interno del quale
deve essere ricompreso anche l''attore e che l''azione del convenuto ha causato quello specifico
danno che lo statute era diretto ad evitare.
21 Glielmi v. Toys R. Us, Inc., 62 N.Y. 2d 664, 464 N.E. 2d 981, 476 N.Y.S. 2d 283 (1984);
Montalvo v. Rheem Textile Sys., Inc., 1991 WL 52777 (S.D.N.Y. 1991). 240 quindi failure to observe the standard imposed by the statute is negligence as a metter of law '' oppure se rappresenti una presunzione di negligence o addirittura una mera evidence of negligence che la giuria deve prendere in cosiderazione ai fini della propria decisione. Individuare se la violazione degli statute costituisca o meno negligence per se o una semplice presunzione di negligence e'' particolarmente importante qualora si consideri che nel primo caso si tratta di una matter of law che deve essere decisa dalla Corte mentre nella seconda ipotesi si tratta di una question of fact che deve invece essere risolta dalla giuria; nello specifico, poi, occorre osservare come la scelta se portare o meno il caso davanti alla giuria risulta poi particolarmente rilevante qualora si consideri che queste ultime tendono, generalmente, ad essere più generose nel riconoscimento dei danni a favore dell''attore. Sempre con riferimento alla tematica in questione, occorre altresi'' considerare 22 se in alcuni Stati il rispetto degli standard previsti negli statuti o nei regolamenti libera il produttore da responsabilita'' 23 , nella maggioranza delle giurisdizioni '' in linea, peraltro, con il terzo Restatement - si afferma invece che le leggi ed i regolamenti fissano solamente un requisito minimo di sicurezza 24 ma la giuria e'' libera di accertare la negligenza del produttore qualora lo stesso non abbia preso ulteriori accorgimenti al fine di migliorare ulteriormente 25. 22 In argomento, v. Symposium, Regulatory Compliance as a Defense to Products Liability, 88
Geo. L.J. 2049 (2000); Ausness, The Case for a ''Strong' Regulatory Compliance Defense, 55 Md.
L. Rev. 1210, 1241-47 (1996).
23 Ramirez v. Plough, Inc., 863 P2d 167, 172 e 176-77 (Cal. 1993), nel quale si e'' esonerato il
produttore da responsabilita'' per avere quest''ultimo rispettato i requisiti richiesti dalla FDA con
riferimento ai doveri di informazione; Beatty v. Trailmaster Prods., Inc., 625 A.2d 1005 (Md.
1993), secondo cui il rispetto del bumper height statute costituisce una complete defense. V. anche
Restatement (3d) Torts: Liability for Physical Harm § 16 cmt. e ove si afferma che nel caso di
''unusual situation' il rispetto delle norme previste negli statute o nei regolamenti potrebbe essere
conslusivo.
24 Caraker v. Sandoz Pharm. Corp., 172 F. Supp. 2 d. 1018, 1033 (S.D. Ill.2001), ove si afferma
che ''the FDA''s drug labeling decisions impose only ''minimum' standards that are open to
supplementation by state law through a jury''s verdict enforcing a manufacturer''s common law duty
to warm'. Conforme a tale orientamento, v. Moss v. Parks Corp., 985 F. 2d 736 (4 th Cir. 1993) (S.C. law); Ferebee v. Chevron Chem.Co., 736 F. 2d 1529 (D.C. Cir. 1984) (Md. Law); Brooks v.
Beech Aircraft Corp., 902 P. 2d 54, 63 (N.M. 1995).
25 Restatement (3d) Torts: Liability for Physical Harm § 16 cmt. b ''compliance is evidence of
non-negligence but is not conclusive'). Storicamente tale principio e'' stato affermato per la prima
volta in Bradley v. Boston & Me. R.R., 56 Mass. 539 (1848) ed e'' stato riaffermato dalla Suprema
Corte in Grand Trunk Ry. Co. v. Ives, 144 U.S. 408 (1892). 241 In termini conclusivi, si può affermare che, sulla base di quanto previsto dalla maggior parte delle giurisdizioni ed in linea con gli insegnamenti dei Restatements, il rispetto delle norme previste negli statuti e regolamenti non è sufficiente per liberare il produttore da responsabilità, ma la mancata ottemperanza a tali normativa comporta l''applicazione dei c.d. per se principles. La tematica concernete il rispetto delle norme di sicurezza presenti negli statuti e nei regolamenti verra'' poi trattata con riferimento alla compliance ed alle c.d. special defense ed in particolare con la defense of federal preemption 26 la quale e'' considerata ''a distant cousin to the compliance '' with ''statute defense' 27. 3.2 Responsabilità oggettiva (Strict liability) La dottrina della c.d. strict liability - formulata per la prima volta in occasione di un caso californiano (Greeman v. Yuba Power Products, Inc.) 28'' e'' stata adottata in quasi tutti gli Stati americani ed e'' considerata la principale theory of recovery in modern product liability law 29. Fermo restando quanto precede, occorre osservare come la dottrina della strict liability - finalizzata a responsabilizzare maggiormente i produttori che commercializzano prodotti difettosi '' si e'' diffusa, sia come principio di common law, sia negli statutes ed e'' successivamente stata codificata nella sezione 402 del Restatement of Torts. In particolare, ai sensi del § 402 A la responsabilita'' del produttore e'' definita ''strict' non perche'' e'' fondata sulla colpa del fabbricante per aver quest''ultimo prodotto un bene difettoso, ma bensi'' perche'' tale responsabilita'' si basa sulla frustrazione dell''aspettativa del consumatore circa la sicurezza del prodotto commercializzato tutte le volte in cui un latent defect (ossia un difetto 26 Tramite tale espressione si intende indicare la prevalenza delle leggi federali (e delle regole
predisposte dalle agenzie federali) su quelle statali. In particolare, la preemption doctrine è stata
applicata al fine di stabilire la prevalenza degli standards sanciti a livello federale su quelli previsti
dalle singole giurisdizioni e rappresenta uno strumento essenziale al fine di conseguire una
completa uniformità degli standards di sicurezza nei diversi stati. In argomento vedi tra i tanti,
O''Reilly, Federal Preemption of State and Local Law, 2006; McGarity, The Preemption War, Yale
Univerity Press, New Haven London, 2008, p. 170.
27 David G. Owen, Products liability law, Thomson West, St. Paul, 2008.
28 377 P. 2d 897 (Cal. 1963) (Traynor, J.).
29 William Kimble '' Robert O. Lesher, Product liability, Kimble & Lesher, St. Paul, 1979, 51;
M. Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 41; M. Stuart
Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 249. 242 nascosto) cagioni un danno. Inoltre, le corti hanno applicato tale teoria non solamente nelle ipotesi di difetto di fabbricazione, bensi'' anche con riferimento ai difetti di progettazione e di informazione, ossia a quelle tipologie di difetti (design and warning defects) la cui valutazione presuppone inevitabilmente una valutazione in termini di colpa. Al riguardo, e'' stato, difatti, osservato come ''While courts continued to assert that they were applying ''strict' liability, and while such liability indeed is strict when applied to manufacturing defects (and to a retailer''s liability for most hidden defects), it became increasingly clear that the principles governing liability in design and warming cases were truly based on fault'. Nel 1992 l''American Law Institute inizio'' a prerdisporre il c.d. Restatement (Third) of Torts espressamente dedicato al tema concernente la product liability law che venne approvato nel 1997 e pubblicato nel 1998 come Restatement (Third) of Torts: Products Liability. Mentre il nuovo Restatement continuava a qualificare la responsabilita'' del produttore per i difetti di fabbricazioni come strict liability, lo stesso abbandonava ogni pretesa di ricondurre i design and warning defects all''interno della categoria della c.d. strict liability. Tuttavia, nonostante l''introduzione del Third Restatement, in molti Stati americani, la modern product liability law continua ancora a qualificare la responsabilita'' del produttore per i difetti di progettazione e d''informazione come ''strict' anche se di fatto, con riferimento a tali tipologie di difetti, vengono applicati i principi concernenti la responsabilita'' per negligence. In tal modo procedendo, dunque, si e'' osservato come le corti americane ''have created a disjunction between what they say and want they do' atteso che, da un lato, formalmente riconducono i difetti di fabbicazione e d''informazione all''interno della c.d. strict liability, dall''altro lato, tuttavia, con riferimento a tale categoria di difetti, applicano i principi propri della negligence. In base alla teoria in esame, i produttori che commercializzano un prodotto difettoso '' provocando, in tal modo, un pericolo nei confronti dell''utente o del consumatore o a beni di loro proprietà - sono strettamente e rigorosamente responsabili (stricty liable) qualora il prodotto medesimo cagioni un danno. Al riguardo, occorre osservare come, in linea generale, un prodotto puo'' essere considerato ''eccessivamente pericoloso' quando presenta un grado di 243 pericolosità superiore a quello che potrebbe essere preventivato da un normale consumatore. Spesso il produttore citato in giudizio ricorre al tipico argomento difensivo secondo il quale il danneggiato avrebbe dovuto essere consapevole del difetto del bene, oppure a quello secondo cui il pericolo insito nel prodotto era assolutamente evidente. Di fronte a tale argomentazione, l''attore dovrà, a sua volta, dimostrare in giudizio che il prodotto acquistato è più pericoloso rispetto a quanto potrebbe attendersi un normale consumatore che fa uso del medesimo in condizioni normali e che conseguentemente un prudente costruttore (o un prudente commerciante al dettaglio) non avrebbe dovuto metterlo in commercio 30. Uno degli argomenti piu'' importanti posti alla base della c.d. strict liability e'' quello per cui i produttori ed i distributori di prodotti difettosi sono nella migliore posizioni per allocare i costi dei danni cagionati dalla commercializzazione dei propri prodotti in quanto gli stessi possono assicurare i prodotti medesimi e distribuire il costo (spreading) dell''assicurazione sull''intera collettivita'' tramite un aumento del prezzo; la premessa a tale argomentazione e'' quella per cui il prezzo del prodotto dovrebbe riflettere tutti i costi compreso quello dei danni causati da prodotti difettosi e che il costo del prodotto debba ricadere su coloro che ne traggono un profitto. In altre parole, in tal modo procedendo, si vuole distribuire il costo del danno tra tutti coloro che hanno prodotto, commercializzato e comprato il bene. Un''ulteriore argomentazione a favore della strict liability e'' quella per cui i produttori sono nella migliore posizione per controllare il rischio associato ai prodotti e per internalizzare i relitivi costi 31 . Tuttavia, al riguardo, è stato osservato come il costo del danno dovrebbe essere posto sulla persona che nel caso concreto è il c.d. cheapest cost avoided, ossia la parte che controlla meglio il rischio, il quale se generalmente e'' il produttore, puo'' accadere anche, in presenza 30 Nella citata sezione 402A del Restatement of Torts si individua il soggetto responsabile per
danno da prodotto nel ''seller', che in questo contesto identifica, piuttosto che il venditore, colui
che immette a qualsiasi titolo sul mercato prodotti destinati all'' uso e al consumo del pubblico (e
dunque produttori, commercianti all'' ingrosso e al dettaglio, distributori).
31 Professore Peter Schuck, lezione in Tort law del giorno 10 dicembre 2012, Il quale si chiede
perche'' le regole della strict liability nelle ipotesi di medical malpractice, atteso anche in questo
caso il defendant si trova nella migliore posizione per gestire il rischio. 244 di determinate circostanze, che lo stesso sia la vittima oppure una terza parte, come per esempio, il governo 32. Inoltre, sempre a favore delle regole relative alla strict liability law si è affermato come l''adozione di un tale modello comporterebbe una riduzione dei costi amministrativi, atteso che un sistema basato sulla colpa che quindi guarda case by case, oltre a prolungare i tempi dei processi ed a richiedere di far fronte ad un onere probatorio più gravoso, risulta essere eccessivamente costoso rispetto ad un sistema di strict liability che si presenta, invece, come una regola più semplice nell'amministrazione processuale e, soprattutto, come disciplina maggiormente efficiente dal punto di vista economico. Senza contare che il regime di strict liability svolge un''importante funzione di deterrence '' e quindi di dissuasione dal compimento di atti lesivi - in misura maggiore rispetto al criterio per colpa. Tuttavia, occorre osservare come le regola di strict liability permette di conseguire significative vittorie in ambito processuale ma tale maggiore facilitazione della posizione processuale dell''attore danneggiato ha contribuito a determinare il vertiginoso aumento complessivo del contenzioso giudiziario inerente a questa specifica materia. 3.3. Violazione della garanzia di sicurezza (Breach of warranty) Nel contesto della product liability, the law of warranty 33 concerne gli effetti legali legati alle dichiarazioni associate con il trasferimento del prodotto per un prezzo, generalmente attaverso una vendita. Questa descrizione del prodotto puo'' essere espessa '' e quindi consistere in un''affermazione positive del prodottore concernenti le caratteristiche del bene medesimo '' oppure implicita nella natura della transazione 34. 32 L''accoglimento di una tale ultima soluzione se, da un lato, sembra essere ragionevole da punto
di vista per cui tiene in debita considerazione se nel singolo caso concreto il produttore rappresenta
effettivamente la persone nella migliore posizione per evitare il danno, dall''altro lato, tuttavia, la
predetta scelta non pare essere particolarmente efficiente dal punto di vista dell''economia
processuale atteso che la stessa implica una valutazione case by case e quindi un allungamento dei
tempi processuali ed un maggior costo dell''amministrazione della giustizia.
33 William Kimble '' Robert O. Lesher, Product liability, Kimble & Lesher, St. Paul, 1979, 91;
M. Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 28; M. Stuart
Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 115
34 I product liability claims promossi a seguito della violazione di una implied warranty di
commerciabilita'' (merchantability) ai sensi del UCC § 2-314 generalmente si basano sul
presupposto per cui il prodotto was not reasonable safe. 245 Nell''ipotesi di breach, il soggetto responsabile è sempre individuato nel ''seller' anziché nel ''manifacturer'; in altre parole, il soggetto passivo di tale specifica tipologia di obbligazione '' paragonabile per certi aspetti alla garanzia per vizi conosciuta nella legislazione italiana '' è tipicamente il venditore del prodotto Molti Stati che non hanno adottato la dottrina della strict liability per la vendita di prodotti difettosi (come per esempio, Delaware, Massachusetts, Michigan e Virginia) hanno costruito la loro ''modern products liability jurisprudence' in gran parte facendo ricorso al concetto di implied warranty of quality. La fonte della moderna product liability warranty law e'' rappresentato dall''Uniform Commercial Code (Article 2) che stabilisce come le garanzie si presentano e come sono definite, a chi si estendono e quali sono i rimedi nel caso in cui vengano violate 35. L''Article 2 descrive tre tipologie di warranties applicabili nell''ipotesi di product liability litigation: express warranties (UCC § 2-313) contempla le garanzie espressamente offerte dal venditore (express warranties) e che dunque costituiscono parte integrante dell'' accordo tra le parti; the implied warranty of merchantability (garanzia di commerciabilita'') (UCC § 2-314), ossia una garanzia tacita o implicita, prevista dalla legge, circa l''idoneità del prodotto al suo uso normale e la c.d. implied warranty of fitness for a particular purpose (UCC § 315), contempla una ''garanzia tacita di idoneità per un uso particolare'(implied warranty of fitness for a particular use) che la legge pone a carico del venditore, nella misura in cui il medesimo conosca o sia ragionevolmente tenuto a conoscere gli usi particolari o non ''normali' a cui può essere sottoposto il prodotto. Tuttavia, occorre osservare come ai sensi dell''Ariticle 2, il venditore può, mediante delle dichiarazioni di limitazione della responsabilita'' (disclaimers) evitare di essere dichiarato responsabile per violazione delle c.d. breach of warranty o di limitare i danni risarcibili. La cause of action consistente nella violazione di una breach of warranty è simile a quella promossa per ''misrepresentation of a material fact concerning the 35 Nel 2003 the National Conference of Commissioners on Uniform State Laws (NCCUSL) e the
American Law Istitute (ALI) completarono un progetto di revisione dell''Article 2. Tuttavia,
occorre osservare come, in realta'' nessuno Stato ha adottato queste modifiche. 246 character or quality' sulla base del Restatmente (Second) of Torts § 402B; in entrambi i casi si richiede all''attore di provare che il convenuto ha rappresentato falsamente il prodotto ed in tutte e due le ipotesi menzionate si impone sul venditore una forma di strict liability che non richiede la prova della colpa 36. Sempre con riferimento alle predetta cause of action, occorre osservare come le corti americane nelle ipotesi di food cases siano spesso ricorse alla teoria della implied breach of warranty in quanto si riteneva che gli alimenti venissero posti in commercio ''with the intention that they pass from hand to hand until they find their way to some remote consumer who usually is anable to analyze the food to determine if it is safe'. 3.4 Le false dichiarazioni (Tortious Misrepresentation) Tale tipologia di responsabilita'' sussiste in capo al produttore o al venditore che commercializzano o pubblicizzano il prodotto fornendo all''utente false informazioni e sempre che tale comportamento provochi un danno ad una persona che ha ragionevolmente fatto affidamento sulla veridicita'' delle suddette indicazioni 37. Gli elementi che devono sussistere al fine della individuazione della c.d. fraudulent misrepresentation consistono: a) nella esistenza di una rappresentazione falsa; b) nella conoscenza da parte del produttore/venditore della falsita'' della suddetta dichiarazione; c) nella consapevolezza che the hearer (l''uditore), il quale ignorava la falisita'' della rappresentazione agira'' sulla base delle suddette informazioni fornite; d) nella giustificabilita'' dell''affidamento riposto dall''uditore ed f) nel danno subito dal the hearer. 4. Le diverse tipologie di difetto (product defectiveness): difetti di fabbricazione (manufacturing defects) '' difetti di progettazione (design defects) '' difetti d''informazione (warning defects) Nello specifico, occorre osservare come, indipendentemente dalla sottostante cause of action, l''attore in quasi tutti i casi concernenti la product liability deve provare che il prodotto posto sul mercato dal defendant contiene un unecessary hazard that caised the harm, ossia un inutile rischio che ha causato il 36 In argomento, v. Owen, The Five Elements of Negligence, 35 Hofstra L. Rev. 1671 (2007).
37 William Kimble '' Robert O. Lesher, Product liability, Kimble & Lesher, St. Paul, 1979, 111. 247 danno; in altre parole ancora, l''attore, ai fini di ottenere il risarcimento del danno deve dimostrare che l''utilizzazione del prodotto in questione comporta un eccessivo rischio rispetto all''utilità'' del bene medesimo. Nel sistema americano, quindi, - a differenza di quanto avviene in Europa in cui viene applicato il c.d. consumer expecation test (art. 6 della Direttiva CE 1985/ 379) 38 - prevale il c.d. risk-utility test secondo cui It renders a product defective if its risks outweigh its utility 39 . To put it more colloquialli '' prosegue la dottrina citata '' there is a defect if the product is more dangerous than absolutely necessary in light of its purpose'. Generalmente, in quasi tutte le giurisdizioni americane i c.d. product defect cases sono suddivisi in tre diverse categorie ed in particolare, 1) manufacturing defects; 2) design defects; 3) warning defects 40. Nel 1998, l''American Law Institute ha adottato il Restatement (Third) of Torts: Products Liability, che costituisce una guida (e non gia'' uno statute) per le corti americane. Sulla base della Product Liability Restatement sussiste la responsabilita'' qualora venga venduto un prodotto che presenta (i) un manufacturing defect, (ii) un design defect o (iii) un warning defect o qualora un determinato prodotto venga falsamente rappresentato come sicuro (misrepresentation of product safty). (i) Manufacturing defects In particolare, sulla base del terzo Restatement, un prodotto contiene un manufacturing defect se ''departs from its intended design even though all possible care was exercised in the preparetion and marketing of the product'. Quando i principi concernenti la teoria della strict liability vengono applicati a queste tipologie di difetti ''liability is truly strict' e si basa sulla prova che qualche errore nella produzione del bene abbia causato la presenza nello stesso di un difetto indesiderato (unintended flaw) 41. 38 Tale test viene adottato anche in altri paesi come, per esempio, Brasile, Australia, Cina,
Giappone, Corea, Peru''.
39 Henderson ''Twerski, Products liability. Problems and Process, Aspen, 2008, 727, ove si
osserva come, in realta'', it would be wrong neatly to divide the world into separate geographic
spheres governed by different tests. The consumer expectation paradigm is also used in the United
States, often in combination with the risk utility analysis, and the risk utility analysis is
occasionally used in other countries as well..'.
40 M. Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 395
41 M. Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 395. 248 (ii) Design defect Il prodotto presenta un difetto di progettazione (design defect) se il pericolo connesso all''utilizzazione del bene poteva essere ridotto tramite l''adozione di un ''resonable alternative design' e che, pertanto, il rischio del verificarsi del danno poteva essere evitato senza sacrificare eccessivamente l''utilita'' del prodotto medesimo 42. Nello specifico, ai fini di individuare quando un prodotto presenta un design defect che lo rende non resonable safty, mentre le corti tra il 1960 ed il 1970 generalmente applicavano la definizione di design defect presente nel secondo Restatement (e quindi la regola per cui un prodotto e'' difettoso se, sulla base del consumer expectation test, il bene risulta piu'' pericoloso rispetto alle attese di un ordinario consumatore), recentemente sembra che le corti americane stesse abbiano abbandonato tale criterio, in quanto considerato non in grado di fornire uno standard significativo di riferimento nelle ipotesi di complex designs. Ecco dunque che, oggi spesso i giudici statunitensi preferiscono ricorrere ad altri criteri al fine di individuare se un prodotto presenta dei design defects, come, per esempio, i c.d. ''cost-benefit analysis', oppure il c.d. ''risk-utility test' o il ''risk-benefit test'. In particolare, secondo i predetti criteri, un bene deve essere considerato difettoso se, i costi necessari per aumentare la sicurezza del prodotto sono inferiori ai benefici attesi in termini di sicurezza (expected safety benefits). (iii) warning defect Un prodotto contiene un difetto d''informazione (warning or instruction defect) se non fornisce adeguate informazioni ed istruzioni su come evitare i probabili pericoli connessi all''utilizzazione del bene medesimo. Le informazioni fornite al consumatore devono, infatti, essere adeguate non solamente come contenuto (substantive adequacy) '' cosi'' per esempio se un prodotto puo'' causare una reazione allergica ad un gran numero di persone, il produttore deve informare il consumatore circa gli effetti che possono conseguire al consumo di detti beni - ma anche nella maniera in cui tali informazioni vengono comunicate (procedural adequacy). Sul punto occorre ricordare come le dotttrine c.d. ''sophisticated purchaser' e la ''bulk supplier' a volte liberano i produttori dall''obbligo di fornire 42 M. Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 435. 249 informazioni agli utilizzatori e consumatori circa i rischi connessi ai loro prodotti; infatti, sulla base della suddetta teoria, a volte le corti hanno esonerato il produttore da responsabilita'' affermando che, qualora il prodotto venga venduto ad un ''sophisticated user' (come, per esempio, un''impresa che opera nel settore a cui il prodotto si riferisce e che, pertanto, conosce bene le caratteristiche ed i rischi connessi al bene in questione) ed il compratore, pertanto, e'' in grado di comprendere la portata dei rischi connessi a tali prodotti, il venditore e'' esonerato dal dover fornire specifiche informazioni circa i potenziali rischi legati all''utilizzazione del bene. Infine, i produttori di prescription drugs e medical devices nella maggior parte dei casi hanno il dovere d''informare solamente il medico (physician) e non gia'' il paziente, atteso che in tal caso il dottore rappresenta un ''learned intermediary', che assume la responsabilita'' di fornire medicine appropriate ai pazienti e per fornire ai pazienti tutte le informazioni di cui devono venire a conoscenza. Fermo restando quanto precede, occorre osservare come, in molti Stati americani, un prodotto non puo'' essere considerato difettoso se i rischi legati a tale bene sono ovvi e conosciuti; in altre parole, non sussiste un obbligo in capo al produttore di informare il consumatore circa i pericoli evidenti conseguenti all''utilizzo del prodotto commercializzato 43. Per quanto concerne i design ed i warning defects, occorre considerare che, se un tempo si riteneva che il produttore fosse responsabile anche nelle ipotesi in cui, sulla base di un giudizio di ragionevolezza, lo stesso non avrebbe potuto evitare l''evento dannoso 44, attualmente le corti, invece, affermano che il fabbricante non puo'' essere considerato responsabile qualora il bene e'' as safe and reasonably possible sulla base del prevailing state of the art. In altri termini, se 43 Cosi'', per esempio, il produttore non e'' obbligato ad informare il consumatore che l''alcohol
puo'' causare un''intossicazione, o che le sigarette contengono additivi ecc ecc. In argomento, v. M.
Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 599.
44 In particolare, intorno agli anni Sessanta/ Settanta quando la § 402A del Restatement (Second)
of Torts e'' stato largamente adottato molti credevano che con la nozione di ''strict product liability
in tort' si volesse ritenere responsabile il produttore anche nelle ipotesi in cui il rischio fosse
imprevedibile o non ragionevolmente prevedibile (si veda Beshada v. Johns-Manville Product
Corp, 447 A. 2d. 539 (N.J. 1982)). Successivamente la corte cambio'' opinione (Feldam v. Lederle
Laboratories, 479 A. 2d. 374 (N.J. 1984) ed affermo'' che i produttori devono informare i
consumatori solamente circa i rischi prevedibili (unforeseeable risk) nel momento in cui il
prodotto e'' stato venduto. 250 intorno agli anni Sessanta/ Settanta quando la § 402A del Restatement (Second) of Torts e'' stata largamente adottata si riteneva che con la nozione di ''strict product liability in tort' si volesse considerare responsabile il produttore anche nelle ipotesi in cui il rischio fosse imprevedibile o non ragionevolmente prevedibile 45, successivamente i giudici americani cambiarono opinione ed affermarono che i produttori devono informare i consumatori solamente circa i rischi che erano prevedibili (unforeseeable risk) nel momento in cui il prodotto veniva venduto 46. Per quanto concerne, poi, i danni prenatali causati da droghe o sostanze chimiche '' in cui effetti possono manifestarsi dopo varie generazioni, occorre sottolineare come i produttori di beni che possono causare tali pregiudizi siano considerati responsabili qualora non forniscano informazioni ragionevoli circa i probabili rischi connessi all''utilizzazione di detti beni; tale costatazione vale anche nelle ipotesi in cui il danno e'' stato causato prima della nascita oppure anche antecedentemente al concepimento come nel caso in cui una sostanza chimica danneggi la salute di una donna in stato di gravidanza e tale pregiudizio si ripercuota poi sul feto. Tuttavia, con riferimento a tale tipologie di contenziosi spesso le corti hanno ritenuto che ''liability must stop somewere' ed in tale ottica hanno, per esempio, affermato che il dovere del produttore di informare il consumatore e l''utilizzatore del prodotto circa le conseguenze dannose conseguenti all''utilizzo del prodotto medesimo non si estendesse alla third- generation plaintiffs; in tal modo procendendo, si e'' voluto porre un limite alla responsabilita'' del produttore di sostanze tossiche fonti di pregiudizi che si manifestano nel corso di diverse generazioni. Per quanto riguarda la responsabilita'' del produttore che scopre i rischi legati al prodotto da lui stesso commercializzato, occorre osservare come le corti tendano sempre piu'' ad imporre alle imprese un post sale duty of resonable care; in tal modo procedendo si richiede, quindi, al produttore di fornire adeguate informazioni circa i potenziali pericoli connessi all''utilizzo dei beni che sono gia'' nelle mani del consumatore. 45 Si veda Beshada v. Johns-Manville Product Corp, 447 A. 2d. 539 (N.J. 1982).
46 Feldam v. Lederle Laboratories, 479 A. 2d. 374 (N.J. 1984). 251 5. Il problema della causalità: (causation in fact - proximate causation) La c.d. causation comprende a) la c.d. cause in fact e b) la proximate causation 47. In particolare, la prima consiste nella connessione sussistente tra il difetto del prodotto e il verificarsi del danno. Anche se nella maggioranza dei casi tale nesso causale non e'' stato messo in discussione, l''attore deve comunque sempre provare il collegamento tra la lesione subita ed un difetto presente nel bene commercializzato dal produttore. Pertanto, il primo causal requirement consiste nel dimostrare che il prodotto difettoso e'' stato fabbricato dal convenuto; inoltre, sempre ai fini della prova del nesso causale, occorre provare che il difetto presente nel prodotto costituisce un requisito sine qua non del verificarsi del danno, ossia un antecedente necessario senza il quale il danno non si sarebbe manifestato. Qualora vi siano diversi prodotti che abbiano contribuito a causare il danno, la maggior parte degli Stati hanno adottato il c.d. substantial factor test, sulla base del quale ciascun produttore viene considerato responsabile del danno se il difetto presente nel suo prodotto ha rappresentato un elemento sostanziale nella determinazione del pregiudizio subito dall''attore. Per quanto concerne le c.d. toxic- substances spesso il substantial factor test non e'' sufficiente ma si richiede all''attore di fornire le seguenti dimostrazioni: a) che il danneggiato e'' stato esposto alla sostanza tossica; b) che tale sostanza e'' capace di provocare la tipologia di pregiudizio lamentata dall''attore; e c) che la sostanza probabilmente ha causato il danno. Nelle ipotesi in cui il danno viene causato da prodotti fungibili '' e, quindi, non e'' agevole identificare il produttore '' si ricorre alla teoria del ''market share liability', sulla base della quale ciascun produttore dei beni fungibili ha contribuito a causare il danno subito dall''attore in proporzione alla propria quota di mercato, ossia sulla base della quantita'' di prodotti immessi sul mercato (market share) 48. 47 M. Stuart Madden, Product Liability, St. Paul, Minn., West Publishing Co., 1988, 725.
48 La prima decisione che adotto'' tale teoria e'' Sindell v. Abbott Labs., 26 cal. 3d 588, 607 P. 2d
924, 163 (Cal. 1980), discusso in Collins v. Eli Lilly Co., pubblicata anche in Foro it., 1989, IV,
119, con note di Priest, La controrivoluzione nel diritto della responsabilita'' da prodotti negli Stati
Uniti d''America; Ponzanelli, Il caso Brown e il diritto italiano della responsabilita''civile del 252 Tutto cio'' premesso, occorre osservare come i warnign claims presentano spesso particolari problemi con riferimento alla prova del nesso causale; infatti, determinare se, nel singolo caso concreto, l''attore non avrebbe subito il danno se il convenuto avesse fornito maggiori informazioni circa i pericoli connessi all''utilizzazione del prodotto '' in quanto appunto l''attore medesimo avrebbe letto e conseguentemente agito per evitare il verificarsi del pregiudizio '' non e'' sempre agevole. Sul punto, occorre comunque osservare come, le corti americane tendano ad aggirare il problema, presumendo che se il defendant avesse fornito adeguate e piu'' complete informazioni, l''attore avrebbe fatto attenzione alle stesse. Per proximate causation si intende che la connessione tra il danno subito dall''attore ed il difetto del prodotto deve essere non remota; in altre parole si richiede la prova circa il fatto che il pregiudizio subito dall''attore era una reasonably foreseeable consequence del difetto del prodotto 49. 6. Le difese che possono essere utilizzate dal convenuto. Le argomentazioni riconducibili alla condotta del danneggiato (user misconduct defenses). Le misconduct defenses che possono essere usate nell''ipotesi di product liability negligence claims sono c.d. (a) contributory negligence, (b) comparative negligence e (c) l''assunption of risk. Nello specifico, seppure le classiche misconduct defenses nell''ipotesi di products liability negligence sono rappresentate dalla contributory negligence e dall''assumption of risk. Tuttavia, verso gli anni Sessanta e Settanta, con l''avvento della moderna dottrina della strict products liability, la maggior parte delle giurisdizioni sono ricorse alla teoria della comparative negligence (o comparative fault). Si analizzeranno nello specifico le diverse teorie sopramenzionate.
produttore; Cosentino, Responsabilita'' da prodotto difettoso: appunti di analisi economca del
diritto.
49 Guido Calabresi, Tort class, November 27, 2012. 253 6.1.1. Concorso di colpa (contributory negligence) (a) La contributory negligence e'' convenzionalmente una common law defense utilizzata nelle ipotesi di product liability in tort, ma non rappresenta una difesa nelle ipotesi di claim for strict liability in tort 50. Cosi'' nelle ipotesi in cui l''attore claims in both negligence and strict liability in tort, contributory ..negligence typically will be an available defense to the negligence claim but not to the strict tort claim 51. Essa puo'' essere definita ''as a conduct of a plaintiff which falls below the standard of resonable behavior required for a person''s own protection that proximately contributes, together with a defendant''s negligence or other breach of duty, to cause the perron harm' 52. Inoltre, occorre considerare sulla base della contributory fault doctrine la parte danneggiata perdeva il diritto di ricevere il risarcimento del danno in tutte le ipotesi in cui la stessa avesse contribuito al verificarsi del pregiudizio medesimo; tale difesa, poi, e'' stata utilizzata nelle ipotesi in cui la parte danneggiata abbia utilizzato il prodotto senza tenere in considerazione le avvertenze ed istruzioni fornite dal produttore, oppure lo abbia utilizzato in maniera irragionevole. Infine, occorre considerare che spetta alla giuria stabilire se il comportamento dell''attore possa o meno essere considerato ragionevole 53, salvo che il comportamento del medesimo fosse cosi'' evidentemente irragionevole o ragionevole; in tal caso, puo'' considerare la contributory negligence come una matter of law. 50 V. per esempio, Communing v. General Motors Corp. 365 F. 3d. 944, 952 (10th Cir. 2004);
Gramex Corp. v. Green Supply, Inc., 89 S.W. 3d 432, 439 (Mo. 2002). Contra Burleson v. RSR
Group Fla., Inc., 981 So. 2d 1109, 1112 (Ala. 2007); Mohr v. St. Paul Fire & Marine Ins. Co., 674
N.W. 2d 576, 591 (Wis. Ct. App. 2003), ''contributory negligence may be defense to a strict
liability claim'.
51 Owen, Products liability law, Second ediction, Thomson West, 2008, 846.
52 Owen, Products liability law, Second ediction, Thomson West, 2008, 838, il quale afferma
altresi'' ''Whereas negligence is defined as the failure to exercise due care toward others,
contributory negligence is the failure to exercise due care toward others'.
53 V. Nolan v. Weil '' McLain, 851 N.E.2d 281, 288 (Ill. App. Ct. 2006); Nicholson v. American
Safety Util. Corp. 488 S.E. 2d 240, 244 (N.C. 1997), ''Issues of contributory negligence, like those
of ordinary negligence are ordinarily questions for the jury and are rarely appropriate for
summary judgement'. 254 6.1.2. La teoria della c.d. comparative fault (b) Negli Stati Uniti dal 1960 fino al 1990 ha preso piede la dottrina della comparative fault 54. Al riguardo e'' stato osservato come ''Its rapid and widespread adoption sprang from the evident unfairness of the all '' or '' nothing rule of contributory negligence that barred a plaintiff from all recovery against a tortfeasor if the plaintiff was at fault in any way in connection with the accidet 55. In particolare, la dottrina della comparative fault era diretta a modificare the older and unfair contributory fault doctrine sulla base della quale la parte danneggiata perdeva il diritto di ricevere il risarcimento del danno in tutte le ipotesi in cui avesse contribuito al verificarsi dello stesso 56. 6.1.3. L''assunzione del rischio (assumption of risk) A differenza della comparative fault, in cui l''attore non perde il diritto di essere compensato per il torto subito ma il risarcimento viene ridotto in proporzione alla propria colpa, l''assunzione del rischio in molte giurisdizioni rimane ancora una total bar to liability. Affinche'' si possa ricorrere a tale teoria e'' necessario accertare che l''attore conoscesse il rischio e ciononostante abbia liberamente e volontariamente deciso 54 Il passaggio dalla teoria della contributory negligence '' secondo la quale inizialmente l''attore
non aveva diritto al risarcimento del danno qualora avesse concorso nella causazione dello stesso ''
alla comparative negligence e'' dovuto alle pressioni esercitate dagli avvocati delle parti. In
particolare gli avvocati della parte attrice avevano intereresse a tale cambiamento perche'' sapevano
che in tal modo avrebbero ottenuto maggiori compensi (Calabresi, Torts class, November, 30,
2012, il quale ha osservato altresi'' come nonostante tale cambiamento, di fatto, per quanto
concerne il total amount of plaintiff, non avvenne nessun cambiamento).
55 Owen, Products liability law, La comparative fault defense puo'' essere ''pure' o ''modified'.
Nel primo caso, il risarcimento del danno riconosciuto all''attore viene ridotto in proporzione alla
sua colpa; cosi'', per esempio, se l''attore e'' colpevole per il 90% ed il convenuto per il restante
10%, la parte danneggiata avra'' diritto a richiedere il 10% del torto subito.
Altri Stati hanno invece adottato la c.d. modified version of comparative fault sulla base della
quale il risarcimento riconosciuto al danneggiato deve essere ridotto in proporzione alla sua colpa.
Tuttavia, qualora la colpa del danneggiato e'' superiore o pari a quella del convenuto, la parte
danneggiata perde il diritto di ottenere il risarcimento; in tal modo ragionando dunque, se la
condotta del danneggiato ha contribuito al verificarsi del danno per il 30 % lo stesso potra''
ottenere come risarcimento il 70% del pregiudizio subito. Nelle ipotesi in cui, invece, la colpa
della parte danneggiata ecceda il 50% non avra'' diritto di ricevere alcun risarcimento.
Second ediction, Thomson West, 2008, 852
56 In particolare ci si chiedeva ''Why should a plaintiff, for example, whose own fault may
contribute 10% to his or her injury, be totally uncompensated when defendant or defendants were
responsible for the other 90%''
http://uniformlaws.org/ActSummary.aspx'title=Apportionment%20of%20Tort%20Responsibility
%20Act. 255 di assumerselo. Atteso che poi ''each aspect of assumption of risk involves an inquiry into a particular person''s state of mind - the person''s knowledge of risk, appreciation of it, and the extent to which the person''s choice to encounter it was free and voluntary - the assumption of the risk determination is peculiarly one of the fact for jury to resolve '57. 6.2. Le tecniche di difesa che possono essere utilizzate dal produttore (special defenses) Le tecniche di difesa che possono essere essere utlizzate dal produttore sono la compliance e la federal preemption. La compliance '' ossia quella difesa per cui il produttore puo'' andare esente da responsabilita'' qualora dimostri di aver rispettato gli standards di sicurezza governativi - rappresenta una ''close cousin' 58 della federal preemption defense. Tuttavia, tali difese presentano alcune importanti differenze: per quanto concerne la compliance gli standards governativi previsti nei c.d. state substantive products liability law determinano se un prodotto e'' o meno difettoso. Sul punto si e'' osservato infatti ''When a manufacturer in a products liability case asserts that it complied with certain governament standards of product safety, the regulatory compliance/government standards of product safety, the regulatory compliance/government standards issue is whether the court should borrow the safety standards of the regulatory agency (or statute) as the formal test of product defectiveness' 59. Viceversa la federal preemption defense concerne ''the costitutional issue, under the Supremacy Clause, of when federal law (normally safety regulations of federal agencies) overrides state products liability law (normally standards set by courts in defectiveness adjudications) with which it may conflict' 60. 57 Owen, Products liability law, Second ediction, Thomson West, 2008, 863. In argomento, v.
Raimbeault v. Takeuchi Mfg., Ltd., 772 A.2d 1056, 1064 (R.I. 2001) ''Whether a risk of harm has
been assumed by plaintiff is a question for a trier of fact' (conforme, Rahming v. Mosley Mach.
Co., 412 N.W. 2d 56, 74 (Neb. 1987). Contra, Frey v. Harley Davidson Motor Co., 734 A. 2d 1, 9
(Pa. Super. Ct. 1999), ''assumption of risk, particularly in product liability cases, is a question of
law to be determinated by the court'.
58 Owen, Products liability law, cit., 930.
59 Owen, Products liability law, cit., 930.
60 Owen, Products liability law, cit., 930. 256 Seppure entrambe le difese hanno in comune la questione of whether statutory and regulatory safety standards should bar products liability actions, occorre osservare che ''the governament standards defense is a state law defense recognized narrowly in only a small minority of jurisdictions, whereas the federal preemption defense is a federal law defense that binds alla courts when Congress so intends'. 6.2.1. Il rispetto degli standards normativi (compliance) Per quanto concerne la c.d. compliance occorre osservare come la violazione di uno state safety statute o di un regolamento in alcuni Stati viene considerato come una presunzione di negligenza o di difettosita'' del prodotto o come circumstantial evidence ma in molte giurisdizioni '' in linea con quanto previsto nei Restatments 61 - equivale a negligence per se e prova automaticamente il difetto del prodotto 62. Il Product Liability Restatement in § 4 (a) estende i c.d. per se principles anche alle ipotesi di strict product liability per i difetti di progettazione ed informazione, stabilendo che ''a product''s noncompliance with an applicable product safety statute or administrative regulation renders the product defective with respect to the risks sought to be reduced by statute or regulation, tuttavia, detta compliance non impedisce di ritenere il prodotto difettoso as a matter of law 63. Ecco dunque che, in linea con quanto previsto nel Restatement stesso, secondo la maggioranza delle corti statunitensi la violazione dei c.d. products safty regulations determina la difettosita'' del prodotto as a metter of law ed il 61 Al riguardo occorre ricordare come il Restatement (2d) Torts § 288 B abbia accolto la teoria
della negligence per se e come il Restatement (3d) Torts § abbia poi esteso i c.d. per se principles
anche alle ipotesi di strict product liability, con la conseguenza che un prodotto è considerato
difettoso '' come matter of law - se il produttore non rispetta le norme di sicurezza anche se
occorre comunque notare come la compliance con dette disposizioni prova la diligenza del
fabbricate medesimo o l''assenza del difetto ma '' sempre secondo il terzo Restatement - non
rappresenta una conclusive iusse.
62 Palmer v. A.H. Robins Co., Inc., 684 P. 2d 187 (Colo 1984); National Bank of Commerce v.
Kimberly '' Clark Corp., 38 F. 3d 988 (8 th Cir. 1994). 63 Product Liability Restatement in & 4 (b), stabilisce che ''a product''s compliance with an
applicable product safety statute or administrative regulation is properly considered in
determining whether the product is defective with respect to the risks sought to be reduced by the
statute or regulation, but such compliance does not preclude as a metter of law a finding of
product defect'. 257 rispetto dei c.d. safety requirements (quindi la c.d. compliance with regulatory safety standard) prova la diligenza e la non difettosita'' del prodotto ma non rappresenta 64 una conclusive iusse65 atteso che la giuria ha sempre la possibilita'' di ritenere il produttore negligente o le infomazioni dallo stesso fornite difettose 66. Seppure le corti americane non hanno mai ritenuto opportuno creare un common law regulatory compliance defence - soprattutto a causa del fatto che si ritengono gli statuti inadeguati a regolare la varieta'' dei singoli casi concreti 67 - alcune giurisdizioni hanno emanato delle riforme legislative concernenti the effect of compliance with regulation; cosi'' per esempio, Colo. Rev. Stat. § 13-21 '' 403 e Utah Code Ann. § 78B '' 6 '' 703 hanno creato una presunzione di non negligenza o di non difettosita'' in tutte le ipotesi in cui il prodotto rispetta gli standard di sicurezza governativi. Uno statuto del Kansas prevede che un prodotto conforme ai requisiti di sicurezza governativi non e'' difettoso salvo che l''attore non provi che a reasonable prudent seller avrebbe preso maggiori precauzioni 68. Altre giurisdizioni hanno ritenuto che la compliance con un state or federal safety statutes (o un agency regulation), rappresenta rebuttable presumption that a product is not defective (or that the manufacturer or seller was not negligent) 69 . Cosi'' anche lo statute del Michigan prevede che ''there is a 64 In tale ottica, si e'' affermato che la compliance serve solamente come ''a piece of the
evidentiary puzzle' piuttosto che come ''an impenetrable shield from liability' (Doyle v.
Volkswagenwerk A.G., 481 S.E.2d 518, 521 (Ga. 1997).
65 La compliance non e'' neanche una conclusive defense on liability for punitive damage qualora
il produttore sa che il rispetto degli standards non e'' sufficiente ad evitare il danno. V. in
argomento, Clark v. Chrysler Corp., 310 F. 3d 461 (6 th Cir. 2002) (Ky. Law); Nissan Motor co. v. Armstrong, 32 S.W. 3d 701 (Tex. App. 2000); Dorsey v. Honda Motor Co., 655 F.2d 650, 656 -57
(5 th Cir. 1981) (Fla.law). 66 Lane v. R.A. Sims, Jr., Inc. 241 F. 3d 439 (5th Cir. 2001) (Federal Railroad Safety Act); Moss v.
Parks. Corp., 985 F.2d 736 (4 th Cir. 1993); Ferebee v. Chevron Chemical Co., 736 F. 2d 1529 (D.C. Cir. 1984); Stevens v. Parke, Davis & Co., 507 P. 2d 653, 661 (Cal. 1973); Gable v. Gates Mills,
784 N.E.2d 739 (Ohio Ct. App. 2003, secondo cui la compliance con i c.d. statutory regulation e''
rilevante e prova cosa un reasonable consumer si aspetta ma non esonera il produttore da
responsabilita''; Wagner v. Clark Equip. Co., 700 A. 2d 38, 51 (Conn. 1997), ove si legge che
''compliance with federal regulation may carry more weight with a jury than compliance with an
industrial standard, because a federal regulation has the imprimatur of the federal government'.
67 Spesso infatti gli statute o sono troppo specifici o sono troppo vaghi per poter essere applicati
ai singoli casi concre e soprattutto non riflettono i combiamenti che avvengono nel tempo
68 Kan. Stat. Ann. § 60-3304.
69 Duffee v. Murray Ohio Mfg. Co., 879 F. Supp. 1078 (D. Kan. 1995), ove la corte afferma che
l''attore potrebbe contestare: a) che gli standard previsti nei regolamenti erano obsolete; b) che un
produttore ragionevole avrebbe dovuto sapere dei pericoli connessi all''uso del prodotto che non
era stato contemplato nello standard. 258 rebuttable presumption that the manufacturer or seller is not liable if 'the aspect of the product that allegedly caused the harm was in compliance with standards relevant to the event causing the death or injury set forth in a federal or state statute or'regulations' 70. Altre volte le Corti hanno ritenuto che la compliance con le government safty standards comporta una strong evidence della responsabilita'' del produttore 71. Tuttavia, occorre osservare come ci sono determinate situazioni in cui la compliance con safety standards potrebbe costituire una difesa conclusiva. Cosi per esempio in Ramirez v. Plough, Inc. 72 in cui un bambino di pochi mesi dopo aver assunto una medicina (si trattava in particolare di un''aspirina) a seguito della quale aveva contratto una malattia. In particolare, nel caso di specie si contestava alla casa produttrice del medicinale di avere posto in commercio il prodotto senza indicare i rischi collegati all''utilizzo dello stesso in lingua spagnola ma '' in conformita'' a quanto previsto dalla FDA - solo in inglese; in tale occasione, dunque, la corte concluse che i requisiti concernenti le etichettature in lingua straniera dovevano essere determinate dal legislatore o dalle agenzie ed, in tale ottica, aveva ritenuto che le informazioni fornite in lingua inglese dovessero essere ritenute sufficienti per esonerare il produttore da responsabilita''nel singolo caso concreto. Ancora piu'' nello specifico, in tale contesto la corte ha affermato che ''To preserve that uniformity and clarity, to avoid adverse impacts upon the warning requirements mandated by the federal regulatory scheme, and in deference to the superior technical and procedural lawmaking resources of legislative and administrative bodies, we adopt the legislative/regulatory standard of care that mandates nonprescription drug package warnings in English only'. Al riguardo, occorre osservare come qualora la FDA approvi un farmaco per la vendita con particolari avvertenze ed istruzioni non avrebbe molto senso richiedere alla giuria di rivalutare le stesse informazioni e ritenere detto prodotto
70 Mich. Comp. Laws Ann. § 600.2946(4). Per esempio di decisione in cui si e'' applicata questa
presunzione, v. Ehlis v. Shire Richwood, Inc., 233 F. Supp.2d 1189 (D.N.D. 2002), secondo cui la
compliance con la FDA costituisce una presunzione di non difettosita'' del bene.
71 Sims v. Washex Mach. Corp., 932 S.W. 2d 559, 565 (Tex. App. 1995), ove si afferma che
''Compliance with government regulations is strong evidence, although not conclusive, that a
machine was not defectively designed'.
72 863 P. 2d 167 (Cal. 1993). 259 difettoso; ecco dunque che, proprio per tale motivo, alcuni Stati hanno ritenuto il produttore esonerato da responsabilita'' qualora il bene posto in commercio fosse conforme ai requisiti previsti dalla FDA (si tratta di un c.d. statutory defense for compliance with FDA) 73 mentre, secondo altri il rispetto di detti requisiti di sicurezza comportava una rebuttable presumption che le informazioni fornite soddisfano il c.d. duty to warm 74. 6.2.2. La conformità ai requisiti di sicurezza richiesti a livello federale (federal preemption) Sempre per quanto concerne le difese che possono essere utilizzate dal produttore al fine di andare esente da responsabilità, occorre in questa sede brevemente accennare alla tematica concernente la c.d. preemption la quale, peraltro, pare essere oggetto di particolare attenzione da parte della dottrina americana 75. In particolare, è in questa sede opportuno specificare come, ai sensi dell''art. IV, sez. II della Costituzione americana, la legge federale (o le regole previste dalle Agenzie federali 76) prevalgono sulla normative proprie dei singoli 73 Duronio v. Merck & Co., 2006 WL 1628516 (Mich. Ct. App. 2006); Brown v. Superior Court
751 P.2d 470 (Cal. 1988); Grundberg v. Upjohn Co., 813 P. 2d 89 (Utah 1991).
74 Perez v. Wyeth Labs. Inc. 734 A.2d 1245, 1259 (N. J. 1999).
75 Tra i tanti autori che si sono occupati di tale questione, vedi, per esempio, Dinh, Rassessing the
law of Preemption, 88 GEO L.J. 2085 (2000); Goldsmith, Statury Foreign Affairs Preemption,
Sup. Ct. Rev. 175 (2000); Nelson, Preemption, 86 Va. L. Rev., 225 (2000); Medelson, Chevron and
Preemption, 102 Mich. L. Rev. 737 (2004); The Normalization of Product Preemption Doctrine, 57
Ala. L. Rev. 725 (2006); Sharkey, Products Liability Preemption: an Institutional Approch, 76
Geo. Wash. L. Rev., 449 (2008); Vladeck, The Emerging Threat of Regulatory Preemption
American Constitution Society for Law and Policy (2008), 4, in http://www.acslaw.org/files/Vladeck%20Issue%20Brief.pdf; Davis, On Restating Products
Liability Preemption, 74 Brooklyn L. Rev. 759 (2009); Rebin, Territorial Claims in the Domain of
Accidental Harm: Conflicting Conception of Tort Preemption, 74, Brooklyn L. Rev. 987, (2009);
Zellmer, Preemption by Stealth, 45 Hous. L. Rev. 1659; McGarity, The Preemption War: When
Federal Bureaucracies Trump Local Juries, New Haven, Yale University Press, 2008; Untereiner,
The preemption defense in tort actions: Law Strategy and Practice, U.S. Chamber Institute for
Legal Reform, Washington D.C., 2008, 1, 3. Tra gli autori italiani che si sono occupati di questa
problematica, v. Al Mureden, I danni da uso del cellulare tra tutela previdenziale e limiti della
responsabilità de produttore, in Resp. civ. e prev., 2010, 1414; Querci, Responsabilità da prodotto
negli Usa e in Europa. Le ragioni di un revirement ''globale', in Nuova giur. civ. e comm., 2011,
118.
76 Come detto il Congresso non solo puo'' ''comandare' espressamente o implicitamente la c.d.
preemption, ma puo'' anche decidere di conferire detto potere alle Agenzie federali; in tal caso, la
legge statale verra'' preempted dalle regole emanate dalle Agenzie stesse. Al riguardo, e'' stato
affermato che, ''Agency-made regulation, if the agency is properly exercising the authority it 260 Stati. In altre parole, si puo'' affermare che la '' Preemption occurs when the court hold, pursuant to the Supremacy Clause of the U.S. Costitution, the federal regulation of a given area of concern precludes state regulation of the same area' e a tal fine ''In analyzing the preemption issue, the court must, inter alia, discern the intent of the Congress' e ''If the court finds congressional intent to preempt, either express or implied, it must then determinate whether Congress meant to preempt, both state regulatory law and state common law'. In altre parole ancora, si e'' affermato come ''A preemption argument is based on a product manufacturer''s claim that a federal regulation bearing on a defendant''s product displaces entirely any arguably inconsistent state law regulation of that product, including products liability claims challenging the defendant''s exercise of due care or its product''s defectiveness' 77. Nello specifico, sulla base della dottrina della preemption, ai sensi della soprarichiamata Supremacy Clause of the United States Costitution, le leggi emanate dal Congresso sono ''supreme Law of the Land' 78 e, pertanto, vincolanti tanto per i giudici federali quanto per quelli statali 79.
received from Congress, can have the same preemptive effect as a federal statute' (William W.
Buzbee, Preemption Choice. The theory, Law, and Reality of Federalism''s Core Question, cit., 25.
In argomento, v. anche Louisiana Pub. Serv. Comm''n v. FCC, 476 U.S. 355, 369 (1986)) e '' if
compliance with both an agency regulation and state law is physically impossible, the agency
regulation cleary prevails over the state law' (William W. Buzbee, Preemption Choice. The theory,
Law, and Reality of Federalism''s Core Question, cit., 25, ove ci si chiede '' Must Congress
expressly delegate to an agency the right to upend state law through regulatory act' Or may an
agency infer such authority from less explicit or even ambiguous statutory language'). Le agenzie
federali, poi, persegono gli interessi federali e non gia'' quelli dei singoli stati.
77 Owen '' Montgomery '' Davis, Products Liability and Safety '' Cases and Materials -, Sixth
Edition, Foundation Press, New York, 2010, 514.
78 In particolare, la Costitution''s Supremacy Clause afferma che ''This Constitution, and the Law
of the United States which shall be made in Pursuance thereof'shall be the supreme Law of the
Land; and the Judges in every State shall be bound thereby, any Thing in the Constitution or Laws
of any State to the Contrary notwithstanding'.
79 Il Congresso quindi usa il suo potere conferitogli dalla Costituzione Americana e l''unico limite
cotituzionale all''esercizio di tale potere pare essere il decimo emendameto il quale afferma che
alcuni poteri ''not delegated to the United States 'are reserved to the States respectively , or to the
people'. Inoltre, occorre osservare che al fine di determinare se il Congresso ha preempted una
legge statale, lo Corti generalmente applicano una presumption against preemption, specialmente
nei settori comunemente lasciati alla regolamentazione statale; in altre parole '' Courts have
refused to find state law preempted unless a federal statute provides a ''clear statement' that
state law is to be preempted or other strong evidence that preemption is the ''clear and manifest
purpose' of Congress'; in altri termini, unless Congress says otherwise, it does not intend to limit
state regulation' (William W. Buzbee, Preemption Choice. The theory, Law, and Reality of
Federalism''s Core Question, Cambridge University Press, 2009, 23). Tuttavia, accade spesso che 261 Fermo restando quanto precede, la legge federale puo'' preempted quella statale in tre diverse maniere: in primo luogo, puo'' accadere che la supremazia della legge federale rispetto a quella statale venga espressamente prevista da un atto federale 80 inoltre, si puo'' trattare di preemption implicita81 (in tal caso, la legge federale si occupa chiaramente di un determinato settore, escludendo in tal modo ogni possibilita'' di applicare, in quella specifica area, la normativa statale) ed infine, la legge federale prevale su quella statale in tutte le ipotesi in cui tra le predette normative sussista un conflitto e per il produttore risulti impossibile conformarsi ad entrambe le normative 82. Ecco dunque che, atteso che il Congresso puo'' indicare la propria intenzione di preempted in due maniere, ossia "through a statute''s express language or through its structure and purpose' 83e'' evidente come la decisione concernente se nel singolo caso concreto la legge federale prevalga su quella statale spesso dipende da come i giudici interpretano gli statuti; in altri termini spetta alla Corte decidere quando il Congresso ha inteso preempted la legge statale. Proprio con riferimento a quest''ultimo profilo, occorre poi ricordare come, in tutte le ipotesi in cui la pre-emption clause e'' suscettibile di diverse interpretazioni le Corti generalmente ''accept the reading that disfavors pre- emption' 84; in altre parole si parla di presumption against preemption. In linea generale, per quanto concerne la tematica in questione e'' stato affermato che ''preemption is fundamentally a question of istitutional choice:

non risulta chiaro quale sia l''intenzione del Congresso, con la conseguenza che in dette ipotesi
spetta alle corti decidere
80 Malone v. White Motor Corp., 435 U.S. 497 (1978); Dewald v. Wrigglesworth, Case 12-2076
(6th Circuit 2012).
81 Hills-borough County v. Automated Med. Labs., Inc., 471 U.S. 707, 712-13 (1985). In
argomento, v. Davis, On preemption, Congressional Intent, and Conflicts of Laws, 66 U. Pitt. L.
Rev. 1981, 182, 198-200 (2004).
82 Un conflitto tra la legislazione statale e quella federale sussiste quando risulta ''impossible for a
private party to comply with both state and federal requirements.' Freightliner Corp. v. Myrick ,
514 U. S. 280. 'n argomento, v. anche Thomas O. McGarity, The preemption war, Yale University
Press, 2008, 215, ove si afferma che ''When two legal requirements come into such direct conflict
that complying with one requires noncompliance with the other, one of them should yield. The
indisputable intent of express preemption clauses is to prevent such conflict by eliminating the
state law source of the conflict'. In argomento, v. Crosby v. Nat''l Foreign Trade Council, 530 U.S.
363 (2000), ove si afferma che la legge statale viene preempted quando''stands as an obstacle to
the accomplishment and execution of the full purposes and objectives of Congress'.
83 Jones v. Rath Packing Co., 430 U. S. 519, 525 (1977),
84 Sul punto, v. Bates v. Dow Agrosciences LLC, 544 U. S. 431, 449 (2005). 262 Should the federal government serve as the sole regulator in a particular area or should state and federal laws operate concurrently''. ''Is the federal government alone the preferred institution to promulgate the law governing certain conduct, or does the combination of state and federal rules promise the best regulatory design'' 85. La teoria della preemption si ricollega al concetto di federalismo il quale, a sua volta, implica una distribuzione del potere tra il governo federale e quello statale; seppure la Costituzione americana conceda al Congresso il potere di legiferare in alcuni specifici settori (si pensi, per esempio, al commercio tra Stati, la difesa militare ed ai diritti civili) ed il decimo emendamento riserva, invece, specifici poteri al legislatore dei singoli Paesi, sulla base della piu'' volte richiamata Costitution''s Supremacy Clause, la legge statale deve rispettare la normativa federale. Fermo restando quanto precede, occorre osservare come, l''importanza assunta dalla teoria della preemption all''interno del sistema americano dipende principalmente da scelte politiche legislative relative al potere che si vuole riservare al governo federale e a quello che, invece, rimane in capo ai singoli stati. In tale ottica, ci si puo'' domandare, per esempio, se il governo federale deve essere l''unico a predisporre le regole di sicurezza con riferimento ad una determinata tipologia di prodotto oppure se anche gli Stati mantengano il potere di prevedere ulteriori requisiti di sicurezza obbligatori per l''impresa che opera all''interno del mercato statunitense. Infatti, e'' proprio a seguito di tale decisione che si puo'' stabilire se il fabbricante al fine di andare esente da responsabilita'' debba rispettare solamente la normativa federale oppure se debba aver riguardo anche a quella statale. Sul punto, occorre poi osservare come, se alcuni presidenti americani hanno preferito rafforzare il potere legislativo federale anche al fine ridimensionare le azioni di responsabilita'' di poca rilevanza (c.d. frivolous lawsuits) '' si pensi, per esempio, come il presidente Bush abbia ratificato il Protection of lawful Commerce in Arms Act 86 che vietava di agire contro il produttore o distributore di armi se tali beni erano conformi alla norme legislative 85 William W. Buzbee, Preemption Choice. The theory, Law, and Reality of Federalism''s Core
Question, cit., 33.
86 Pub. L. No. 109-92, 119 Stat. 2095. 263 - durante altre legislature si e'', invece, preferito ridimensionare la portata della preemption defense, riconoscendo '' anche sotto tale profilo '' agli Stati un potere di maggiore portata. Con riferimento alla teoria della preemption '' la quale come noto e'' finalizzata a garantire standard uniformi per i prodotti in tutto il territorio federale - le corti americane fino alla metà degli anni Sessanta hanno assunto verso tale tipologia di difesa un atteggiamento di forte chiusura 87 affermando che il rispetto della normativa federale '' o la conformità del prodotto ai requisiti richiesti dalle agenzie federali - non fosse sufficiente per esonerare il produttore da responsabilità dovendo, appunto, lo stesso conformarsi anche alla legislazione statale; ciononostante, la tendenza dei giudici americani mutò radicalmente vero la metà degli anni Sessanta a seguito dell''affermarsi della c.d. Strict Liability nel Restatement Second ed il conseguente incremento delle cause concernenti la c.d. product liability. La predetta difesa '' tramite la quale, appunto, il produttore puo'' andare esente da responsabilita'' dimostrando la conformita'' del prodotto alla normativa federale o alle regole predisposte dalle Agenzie federali medesime - è stata, poi, utilizzata nell''ordinamento statunitense in diversi contesti come, per esempio, nella c.d. tabacco litigation, con riferimento a cause intentate contro produttori di autoveicoli 88, farmaci, dispositivi medici89, dispositivi di sicurezza90, giocattoli, cibi. 87 Vedi, per esempio, San Diego Bldg Trades Council v. Garamon 359, U.S. 236 (1959); New
York Central R.R. Co. v. Winfield 244 U.S. 147 (1917).
88 Si pensi al caso Geier v. American Honda Motor Co. 529 U.S. 861, 120 S. Ct. 1913, 146 L. E.d
2d 914 (2000), in cui nel caso di danni provocati da veicoli non equipaggiati da air bag; in tale
occasione la corte ha affermato che la legge federale in materia di sicurezza automobilistica
preempted a state tort action basata su un difetto di progettazione (design defect) per non avere la
casa produttrice incluso l''air bag.
89 Nel caso Medronic Inc. v. Lohr 518 U.S. 470 (1995), con riferimento ai danni provocati da un
pace-maker difettoso, la Corte Suprema ha rigettato la difesa della preemption, ritenendo che le
Agenzie federali prevedono esclusivamente una normativa secondaria la quale stabilisce
esclusivamente i requisiti minimi si sicurezza. Contra Riegel v. Medronic 537 u.s. 51 (2002) in cui
la Corte ha ritenuto che nel MDA (Medical Devices Amendments) fosse presente una clausola di
preemption.
90 Sprietsma v. Ercury Marine 537 u.s. 51 (2002) concernente un caso in cui il pregiudizio era
stato cagionato da un dispositivo di sicurezza nell''elica di una barca; la corte rigettò sia la teoria
della preemption espressa sia quella implicita, affermando che nel caso di specie non si potesse far
riferimento al provvedimento della Guardia costiera che non obbligava ad adottare tali dispositivi
di sicurezza (nello specifico, attraverso il Federal Boat Safty Act del 1971 '' modificato nel 2000,
46, U.S.C. par. 4301-431 '' la Guardia costiera era stata delegata al fine di determinare i requisiti di 264 Il leading case è rappresentato dal caso Cipollone v. Ligget Group, Inc. 91 in cui una donna '' la quale a seguito del consumo di tabacco per un lungo periodo di tempo si era ammalata di cancro - agiva in giudizio contro una serie di produttori di sigarette sulla base di determinati motivi tra cui la c.d. failure to warm, express warranty claims e fraudulent misrepresentation. Ecco dunque che, in tale occasione, i convenuti utilizzarono come difesa la c.d. preemption affermando che gli stessi avevano comunque rispettato la legislazione federale (nel caso di specie di trattava della Federal Cigarette Labeling and Advertising Act). Sul punto, la corte se da un lato, accolse la difesa della preemption con riferimento alla domanda concernente la cd. duty to warm, dall''altro lato, tale teoria non poteva essere applicata con riguardo all''accusa di falsa e reticente rappresentazione della realtà ed alla pubblicità ingannevole posta in essere. Successivamente a tale pronuncia le corti americane hanno seguito, con riferimento a tali tipologie di difesa, un atteggiamento non univoco. Infatti, se in alcuni casi, con riguardo all''espressione ''sigarette light', si è ritenuto preempted anche le azioni relative alla c.d. misrepresentation (si pensi al caso Brown e Williamson Tabacco Corp. 479 F. 3d 383, 391-96 5th Cir. 2007), in altre occasioni, (si pensi per esempio al caso Good v. Altria Group, Inc. 501 F. 3d. 29, 36-47 (1st Cir. 2007) o Altria Group, Inc. v. Good 128 S. Ct 119 (2008) invece, si è affermato che, sempre per quanto concerne le imprese di tabacco, la legge statale che proibisce delle pubblicità ingannevoli non è preempted dalla legge federale in materia di advertising. Tale incertezza emerge anche con riferimento alle pronunce giurisprudenziali che, seppure si riferiscono a tipologie di contenziosi che coinvolgono prodotti di genere diverso, sono pronunciate sulla tematica della preemption; così, per esempio, è dato rilevare come se in alcuni casi i giudici americani hanno ascolto tale difesa 92, in altre circostanza hanno, invece, rigettato
sicurezza necessari sulle imbarcazioni ma quest''ultima decise, per ragioni strettamente
economiche, di non rendere obbligatorio l''utilizzo di detto dispositivo).
91 505 U.S. 504, 521 (1992).
92 V. per esempio il caso Rowe v. New Hampshire Motor Transport Ass''n 128 S. Ct. 989 (2008)
in cui è stata accolta la difesa della preemption; United States v. Locke, 529 U.S. 89 (2000), in cui
la Suprema Corte ha affermato che il c.d. Oil Pollution Act del 1999 preempted la legislazione
dello stati di Washington in tale materia; Witty v. Delta Airlines Inc., 03-30654, concernente un
caso di warning defect, in cui l''attore affermava che la compagnia aerea Delta Air Line aveva un
common duty to warm dei rischi alla salute derivanti a seguito di lunghi viaggi. Nel caso di specie 265 completamente la teoria della preemption, affermando espressamente che il rispetto della normativa federale o dei requisiti richiesti dalla agenzie federali medesime non libera automaticamente il produttore da responsabilità 93. La situazione di incertezza e'' ancora piu'' evidente qualora si consideri che anche di fronte ad una express preemption la Suprema Corte ha affermato che tale previsione non indica necessarimante l''intenzione del Congresso di rimuovere le normative statali (displace state law) 94. Tuttavia, analizzando le piu'' recenti pronunce giurisprudenziali che si sono occupate dell''argomento emerge come attualmente i giudici tendano '' in linea generale - a limitare l''operatività della teoria della preemption 95; si pensi, per esempio al caso Wyeth v. Levine in cui l''utilizzo di un farmaco antinausea denominato Phenergan aveva causato una cancrena al braccio di una musicista a seguito della quale la donna aveva subito l''amputazione dell''arto. In tale occasione la Suprema Corte ha ritenuto che l''approvazione del prodotto farmaceutico da parte della FDA (Food and Drug Administration) non liberi il fabbricante da responsabilità atteso che la FDA indica solamente i requisiti minimi di sicurezza i quali comunque devono essere potenziati dal produttore 96; oppure al caso Altria Group., Inc. v. Good 97 in cui si è affermato che il Federal Labeling Act non impedesce di agire sulla base della legge statale nelle ipotesi di
la Corte ha affermato che tale dovere era preempted dalla normativa federale (FAA, ossia Federal
Aviation Administration)
93 Si pensi per esempio al caso Bates v. Dow Agrosciences LLC 544 U.S. 431 (2005) in cui la
Corte rigettò la difesa della preemption in un caso relativo ad insufficienti avvertenze presenti in
un erbicida; in particolare, nel caso di specie il FIFRA (Federal Insecticide, Fungicide and
Rodenticide Act) era presente una clausola di express preemption tramite la quale veniva stabilito
che, oltre ai requisiti sanciti dalla predetta normativa, non poteva essere disposto nessun ulteriore
requisito concernente il dovere di informazione e di etichettatura. V. Anche Ferebee v. Chevron
Chem. Co., 736 F. 2d 1529 (D.C. Cir. 1984); Abbot v. American Cyanamid Co., 844 F. 2d 1108,
1112 n. 1 (4th Cir. 1988)
94 In altre parole, ''If a federal law contains an express pre-emption clause, it does not
immediately end the inquiry because the question of the substance and scope of Congress''
displacement of state law still remains'.
95 Nella pronuncia Murray v. Motorola Inc., no. 07-cv-1074, A. 2d, 2009, WL 3459991 (D.C.
Oct. 29, 2009), si afferma, invece, esplicitamente che la conformità dei telefoni cellulari alle
norme tecniche imposte dalla Federal Communication Commission's (FCC) esonera il produttore
da responsabilità.
96 In particolare, occorre notare come nel caso di specie si trattasse di brand-name prescription
drug. Ci si e'' chiesti, infatti, se anche con riferimento ai c.d. farmaci generic drugs. Secondo
alcuni, per quanto concerne tale ultima tipologia di farmaci il Federal Food, Drug, and Cosmetic
Act (FDCA) preemptes la legge statale.
97 555U.S. 2008 266 misrepresentation; in particolare, nel caso di specie la Corte ha affermato che fa parte del c.d. common law duty non presentare informazioni ingannevoli o parziali 98. L''accoglimento dell''indirizzo interpretativo da ultimo richiamato - il quale, come visto, tende a negare la rilevanza della teoria della preemption quale difesa concessa all''impresa convenuta al fine di andare esente da responsabilità '' se da un lato costringe le imprese a mantenere un livello di attenzione maggiore rispetto a quello richiesto dal legislatore federale '' con la conseguenza che le stesse saranno costrette ad investire maggiori risorse nella sicurezza dei prodotti commercializzati il cui costo si riverserà nel prezzo del bene finale 99 '' dall''altro lato, la predetta linea interpretativa fornisce una maggiore protezione al consumatore. Tuttavia, con riferimento a quest''ultimo profilo, è stato osservato come, accogliendo la predetta linea interpretativa si finisca, in realtà, per confondere il consumatore medesimo; infatti, con riferimento per esempio, ai c.d. product warning', è stato osservato come, in tal modo ragionando, si incentiva il produttore ''to adopt a warnings strategy that ''warns of nearly everything', and therefore conflicts with the federal agency''s regulatory goals of ''reliability and brevity' 100' e proprio come tale eccessiva informazione finisca per disorientare 98 Tale tendenza è stata poi confermata anche nelle ipotesi di danni provocati da diversi beni
come, per esempio, gli autoveicoli (in argomento, v. Morgan v. Ford. Motor Co. 680 S.E. 2d 77, 94
(W. Va 2009). In argomento v. anche Abbot v. American Cyanamid Co., 844 F.2d 1108 [4th Cir.
1988]); Sours v. General Motors Corp. 717 F.2d 1511, 1516-1517 [6th Cir. 1983]); (Silkwood v.
Kerr-McGee
, 464 U.S. 238 [1984])
99 In altre parole, in tal modo procedendo, non si tiene in debita considerazione l''esigenza delle
imprese le quali vogliono sapere in anticipo with a high degree of accuracy how legal restriction
will apply in the circumstances they are likely to encounter and ''make their long-term investments
in technology and distribution networks accordingly' (McGarity, The Preemption War: When
Federal Bureaucracies Trump Local Juries, New Haven, Yale University Press, 2008, 219, ove si
afferma che ''Predictable rules lead to greater efficiency by reducing the costs of ascertaining and
applying the rules and by decreasing compliance and enforcement costs').
Ecco dunque che, anche sotto questo profilo occorre osservare come per il produttore che opera
nel contesto del mercato statunitense atteso che ''the wide differences in state laws, as well as the
frequent changes in those laws, make it practically impossible for manufacturers of products sold
throughout the United States to determinate the standards of conduct to which they will be held'
(C. Boyden Gray, Regulation and Federalism, I, Yale J. Reg. 93, 97 (1983); ecco dunque che, sotto
tale profilo la teoria della federal preemption riduce tali incertezze assoggettando tutte le imprese
ai medesimi standards imposti da una singola agenzia federale.
100 Viscusi, et. Al.., Deterring Inefficient Pharmaceutical Litigation, 1468 267 tanto i consumatori medesimi quanto i loro medici e distragga l''attenzione di entrambi dai reali rischi connessi all''utilizzazione del prodotto 101. Senza contare che, ''the uncertainty over the status of a product that has received governament approval but is still subject to common law claims, reduced research incentives caused by the threat of expensive lawsuits, inefficiencies resulting from ''overderrence', and administrative inefficiencies suffered by federal agencies as a result of common law '' inspired incentives' 102. 6.2.3. Termini di prescrizione (statutes of limitation) Oltre alla difesa basata sul comportamento del consumatore, la maggior parte degli statutes prevedono un termine di prescrizione dell''azione concernente la product liability law generalmente di due o tre anni 103; in altre parole, ciascuno Stato possiede dei propri statute of limitations for tort claims e alcuni anche statutes concernenti in particolare product liabilty claims che richiedono che le azioni dirette ad ottenere il risarcimento del danno debbano essere promosse entro un determinato periodo di tempo (generalmente si tratta di due o tre anni ma ci sono Stati in cui tale termine e'' di sei anni) dalla data in cui l''attore avrebbe dovuto ragionevolmente scoprire la lesione. 7. Il rischio da sviluppo e la state of the art defence Per quanto concerne la prova relativa allo state of the art 104, occorre in primo luogo osservare come detta dimostrazione abbia dato vita ad una certa 101 Margaret Gilhooley, The Effect of Product Liability Litigation on Innovation: Innovative
Drugs, Products Liability, Regulatory Compliance, and Patient Choice, 24 Seton Hall L. Rev.
1481, 1487, 1501 (1994).
102 Thomas O. McGarity, The preemption war, Yale University Press, 2008, 214.
103 In altri stati il termine di prescrizione e'' piu'' lungo. Si pensi, per esempio, alla Florida in cui lo
statuto prevede un termine di prescrizione quadriennale (par. 95.11 (3) (a) (e) (k), Fla Stat. (2009).
104 In argomento v. Owen, Bendind Nature, Bending Law, 62 Fla. L. Rev. (2010); Vetri, Order Out
of Chaos: Products Liability Design-Defect Law, 43 U. Rich. L. Rev. 1373, 1403 (2009) (ove si
afferma che, ''when the risk was unknowable at the time of production '' virtually no courts have
been willing to eliminate foresight as a requirement'); Wertheimer, The Biter Bit Unknowable
Dangers, the Third Restatement, and the Restatement of Liability Without Fault, 70 Brook. L. Rev.
889 (2005); Henderson & Twerski, A Fictional Tale of Unintended Consequences: A Response to
Professor Wertheimer, 70 Brook. L. Rev. 939 (2005); V. Schwartz & R. Tedesco, The Re-
Emergence of '' Super Strict' Liability: Slaying the Dragon Again, 71 U. Cin. L. Rev. 917 (2003);
Cupp, Rethinking Conscious Design Liability for Prescription Drugs: The New Restatement
Standard Versus a Negligence Approach, 63 Geo. Wash. L. Rev. 301 (1994); V. Schwartz,
Unavoidably Unsafe Products: Clarifying the Meaning and Policy Behind Comment k, 42 Wash. 268 confusione nell''ambito della product liability litigation e cio'' soprattutto a causa del fatto che le corti hanno attribuito al termine ''state of the art' diversi significati 105 . Se, infatti, alcuni corti con tale espressione intendo riferirsi alle conoscenze scientifiche e tecniche avanzate, in altri Stati si e'' voluto fare riferimento ai costumi industriali 106 o alla c.d practical feasibility107; nel primo caso l''impresa convenuta che vuole avvalersi di tale difesa cerchera'' di provare di aver utilizzato le medesime tecnologie e procedure di cui si avvalgono anche gli altri produttori che operano in quella determinata industria, mentre nella seconda ipotesi - ossia qualora il defendant intenda avvalersi della c.d. feasibility evidence, lo stesso cerchera'' di dimostrare che - tenuto conto dei costi, della commerciabilita'' e dei requisiti richiesti per la produzione industriale '' non era possibile adottare un progetto od un metodo alternativo ai fini della produzione del bene. Inoltre, sempre per quanto concerne il significato che viene attribuito alla nozione state of the art, occorre altresi'' ricordare come questa assuma, in alcuni Stati, anche il significato di conformita'' del prodotto con le norme amministrative
& Lee L. Rev. 1139 (1985); Wade, On the Effect in Product Liability of Knowledge Unavailable
Prior to Marketing, 58, N.Y.U. L. Rev. 734 (1983); Page, Generic Product Risks: The Case Against
Comment k and for Strict Tort Liability, 58 N.Y.U. L. Rev. 853 (1983); D. Owen, Products
Liability Law § 10.4 (2d ed. 2008). In Europa si utilizza la c.d. development risk defense (art. 7 (e)
della direttiva CEE 1985/374) (in argomento, v. Stapleton, Bugs in Anglo-American Products
Liability, 53 S.C. L. Rev. 1225 (2002); Howells '' Mildred, Is Euorpean Products Liability Law
More Protective than the Restatement (Third) of Torts: Products Liability', 65 Tenn. L. Rev. 985
(1998); Newdick, Risk Uncertainty and ''Knowledge' in the Development Risk Defense, 20
Anglo-Am. L. Rev. 309 (1991); Newdick, The Development Risk Defense of the Consumer
Protection Act, 47 Cambridge L. J. 455 (1988); Note, Two Roads Diverged in a Yellow Wood: The
European Community Stays in the Path to Strict Liability, 27 Fordham Int''l L.J. 1940 (2004).
105 Garey B. Spradley, Defensive Use of State of the Art Evidence in Strict Products Liability, 67
Minn. L. Rev. 343 1982-1983. In giurisprudenza, v. Pontifex v. Sears Roebuck & Co. 226 F. 2d
909, United States Court of Appeals, Fourth Circuit, 1955; Bruce v. Martin '' Marietta Corp. 544 F.
2d 442, United States Court of Appeals, Tenth Circuit, 1976; Boatlad of Houston, Inc. V. Bailey,
609 S.W. 2d 743, Supreme Court of Texas, 1980; Beshada v. Johns-Manville Prod. Corp. 90 N.J.
191, 447 A.2d 539; Feldam v. Lederle Laboratories 97 N. J. 429, 479 A. 2d 374; Anderson v.
Owens-Corning Fiberglas Corp. 53 Cal. 3d 987, 281 Cal.Rptr. 528, 810 P.2d 549.
106 V. per esempio, Sturm, Ruger & Co. v. Day, 594 P.2d 38 (Alaska 1979); Caterpillar Tractor Co.
v. Beck, 593 P.2d 871 (Alaska 1979);
107 Larsen v. General Motors Corp., 391 F.2d 495 (8th Cir. 1968); Scott v. Dries & Krump Mfg.
Co., 26 Il. App. 3d 971, 326 N.E.2d 74 (1975); Roach v. Kononen, 269 Ore. 457, 525 P.2d 125
(1974). 269 e regolamentari concernenti vari aspetti della produzione 108 . Ciononostante, al riguardo è stato osservato come ''Although the phrase is variously defined by different courts in differing contexts, the basic idea is that a product risk was generally unkown, or the means of avoiding it unknown or unavailable at the time the product was manufactured and sold' 109. Tra le diverse giurisdizioni non solo varia il significato che viene attribuito allo c.d. state of the art 110, ma occorre considerare che all''interno degli Stati in cui tale difesa e'' prevista '' in quanto e'' bene sottolineare non tutti gli Stati concedono al produttore convenuto in giudizio di avvalersi di detto onere probatorio - cambia anche il peso che la stessa assume. Cionostante, si puo'', in termini generali, affermare che, nelle ipotesi in cui sussiste tale possibilita'', la predetta prova e'' finalizza a 1) a fondare una c.d. affirmative defense 111; oppure 2) a creare una confutabile presunzione di non difettosita'' del prodotto o di no negligence 112. Ecco dunque che, alcuni statutes prevedono che il produttore vada esente da responsabilita'' qualora venga provato che il rischio che ha causato il danno all''attore non era ragionevolmente prevedibile e che la scienza e la tecnologia non erano in grado di prevenire 113. Cosi'', per esempio, in Arizona ed in Nebraska il produttore non puo'' essere ritenuto responsabile per il c.d. design defect se il 108 Frazier v. Keysor Indus., 607 P.2d 1296 (Colo. App. 1979); Rucker v. Norfolk & W. Ry., 64 Ill.
App. 3d 770, 381 N.E.2d 715 (1978), rev'd on other grounds, 77 I11. 2d 434, 396 N.E.2d 534
(1979).
109 David G. Owen- John E. Montgomery-Mary J. Davis, Product Liability and Safety cases and
material, 6d ed., Foundation Press, 2010, 435.
110 David G. Owen- John E. Montgomery-Mary J. Davis, Product Liability and Safety cases and
material, 6d ed., Foundation Press, 2010, 435, il quale osserva come ''State of the art' means quite
different things to different people. To some (especially manufacturers) the phrase refers to the
customary practice in the industry. To others (especially plaintiff ''s counsel), it means the ultimate
in existing technology, including all knowledge pertinent to the problem existing at the time,
regardless of its source, that is published and accessible to researchers'.
111 ARIz. REV. STAT. § 12-683 (1984); IND. CODE ANN. § 33-1-1.5-4(4) (Burns 1983); NEB.
REV. STAT. § 25-21, 182 (1985).
112 COLO. REV. STAT. § 13-21-403(l)(a) (Supp. 1987); KAN. STAT. ANN. § 60-3304(a)(b)
(1983); Ky. REv. STAT. § 411.310 (2) (1986); TENN. CODE ANN. § 29-28-104 (1983); UTAH
CODE ANN. § 78-15-6(3) (Supp. 1986). In argomento, Garey B. Spradley, Defensive Use of State
of the Art Evidence in Strict Products Liability, 67 Minn. L. Rev. 343 1982-1983
113 In altre parole, the state of the art defense is a complete defense (Fell v. Kewanee Farm Equip.
Co., 457 N. W. 2d 911, 920 (Iowa 1990) (statutory defense). V. anche Falada v. Trinity Indus., 642
N.W. 2d 247, 250 (Iowa 2002) (same); Brown v. Philip Morris Inc., 228 F. Supp. 2 d 506, 520-24
(D. N.J. 2002) (same); Fabian v. Minster Mach. Co., 609 A.2d 487, 492 (N.J. Super. Ct. app. Div.
1992; Mo. Ann. Stat. & 537.764 (2); N.H. Rev. Stat. Ann. & 507: 8-g. 270 prodotto e'' stato fabbricato sulla base delle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti nel momento in cui e'' stato venduto 114. Ecco dunque che, in tal modo procedendo, tali Stati offrono al produttore che rispetta gli standards relativi allo state of the art una affermative defense con la conseguenza che, in tal modo procedendo, si incoraggia il fabbricante a mantenersi aggiornato sulle piu'' avanzate scoperte scientifiche e tecnologiche e di commercializzare prodotti che sono in linea con detti standard. Anche gli statuti dell''Indiana 115 e dell''Iowa116 prevedono che la prova relativa allo state of the art rappresenti un'' affirmative defense, tuttavia, in tal caso, la evidence circa la conformita'' dei prodotti a detti standard era misurato con riferimento al momento in cui il prodotto e'' stato disegnato, fabbricato, impacchettato o etichettato 117. Individuati, dunque, alcuni Stati in cui detta prova rappresenta una affirmative defense, occorre tenere presente che, come detto, in altre giurisdizioni tale prova costituisce una semplice presunzione 118 . Cosi'', nel Colorado, la conformita'' del prodotto allo state of the art crea una presunzione di non difettosita'' del prodotto o una presunzione che il produttore abbia agito diligentemente 119; altri Stati (si vada, per esempio, il Kentucky Product Liability Act) prevedono una rebuttable presumption che un prodotto non e'' difettoso se lo stesso e'' conforme allo state of the art o agli standard generalmente riconosciuti da quella specifica industria. Molti Stati (compreso Utah, Tennesse e Kansas) prevedono nei loro statutes una presunzione di non difettosita'' del prodotto se questo ultimo e'' conforme con gli standard govenativi stabiliti per quella specifica industria. Infine, bisogna anche ricordare come tra i diversi Stati non solo varia la definizione data all''espressione state of the art e l''importanza che detta prova 114 ARIz. REV. STAT. ANN. § 12-683 (1984); NEB. REV. STAT. § 25-21, 182 (1985), ove si
afferma che per state of the art s''intende ''the best technology reasonably available at the time'.
Ecco dunque che al riguardo ci si e'' chiesti se un articolo, pubblicato in un altro paese ed in
un''altra lingua puo'' essere considerato ''reasonably available' per un produttore americano.
115 IND. CODE ANN. § 33-1-1.5-4(4) (Burns 1983).
116 IOWA CODE ANN. § 668.12 (Supp. 1986).
117 IND. CODE ANN. § 33-1-1.5-4(4) (Burns 1983); IOWA CODE ANN. § 668.12 (Supp. 1986).
KY. REV. STAT. § 411.310 (2) (1986).
118 Colo. Rev. Stat. Ann. § 13-21-403 (1) (a); Ind. Code Ann. § 34-20-5-1; Ky. Rev. Stat. Ann. §
411.310 (2). Estate of Birgham v. Daimlerchrysler Corp., 462 F. Supp. 2d 766, 771-71 (E.D. Ky.
2006).
119 COLO. REV. STAT. § 13-21-403(1)(a) (Supp. 1987). 271 assume nei diversi ordinamenti, ma cambia altresì l''ambito in cui tale prova viene esercitata; cosi'', seppure nella maggioranza degli Stati che prevedono tale evidence essa assume particolare rilevanza solamente nei c.d. negligence claims 120, vi sono alcuni paesi che prevedono tale prova anche con riferimento ai c.d. strict liability claims; in altre parole, anche se per quanto concerne tali ultime tipologie di contenzioso predomina la convizione per cui occorre provare solamente che il convenuto ha venduto il bene, che il prodotto era difettoso e che detto difetto aveva causato il danno 121 e che quindi nei predetti casi il fatto che il produttore conoscesse o che avesse dovuto conoscere i danni che potevano derivare dall''utilizzo dei suoi prodotti e'' irrilevante ai fini del riconoscimento della responsabilita'' del convenuto 122. Le cause concernenti i c.d. unknowable risks sono molto comuni nelle ipotesi in cui si tratta di prodotto nocivi (come per esempio i farmaci, i prodotti chimici e certe sostanze naturali come il tabacco) che possono causare danni imprevedibili. Tuttavia, anche in questi casi se il produttore ha condotto test e analisi appropriate il verificarsi di danni imprevedibili dovrebbe essere estremamente inusuale; infatti, spesso e'' accaduto che i produttori di tali beni - che si difendevano affermando che i rischi connessi a detti prodotti non erano prevedibili - successivamente sono stati condannati a risarcire puntive damages sulla base della prova per cui non solamente detti rischi erano prevedibili ma anche i produttori stessi erano ben consapevoli e frequentemente hanno nascosto i pericolo collegati all''utilizzazione di detti prodotti. In termini conclusivi si puo'' notare, come anche sotto questo specifico profilo, la legislazione dei diversi Stati americani presenta notevoli differenze; infatti, a prescindere dal fatto che manca una definizione uniforme di cosa debba intendersi per state of the art, e'' evidente come, con particolare riferimento, per esempio, ai difetti di progettazione (c.d. design defect), se in aluni Paesi tale prova costituisce una affermative defense '' con la conseguenza che il produttore va 120 In altre parole, si puo'' affermare che state of the art is a negligence defense.
121 Garey B. Spradley, Defensive Use of State of the Art Evidence in Strict Products Liability, 67
Minn. L. Rev. 343 1982-1983
122 Jonson v. Raybestos-Manhattan, Inc., 740 P. 2d 548 (Haw. 1987), ove si afferma che ''in a
strict products liability action, the issue of whether the seller knew or reasonably should have
known of the dangers inherent in his or her product is irrelevant to the issue of liability. Although
highly relevant to a negligence action, it has absolutely no bearing on the elements of a strict
product liability claim'. 272 esente da responsabilità qualora dimostri che il prodotto e'' stato fabbricato in conformità alle conoscenze scientifiche e tecniche esistenti - in altri Stati rappresenta una semplice presunzione di non difettosità'' del prodotto, mentre in altri paesi ancora tale prova non avrà alcun valore ed, ai fini del riconoscimento della responsabilità del produttore, il danneggiato avrà il più difficile onere di provare una possibile alternativa al progetto scelto dal produttore (Luisiana, Mississipi, New Jersey, North Carolina, Texas). A prescindere dal soprarichiamato bisogno di uniformità, occorre altresì notare come tale prova rileva soprattutto nell''ambito dei c.d. negligence claims e seppure vi sono stati dei casi in cui lo state of the art evidence e'' sufficiente per esonerare il produttore da responsabilità 123 , generalmente non costituisce nel sistema americano una affirmative defense ma piuttosto rappresenta una presunzione in favore della parte convenuta 124. Fermo restando quanto precede, occorre osservare come, seppure sulla base del § 402A del Restatement (Second) of Torts si riteneva che con la nozione di ''strict product liability in tort' si volesse considerare responsabile il produttore anche nelle ipotesi in cui il rischio fosse imprevedibile o non ragionevolmente prevedibile 125 , successivamente i giudici americani cambiarono opinione ed affermarono che i produttori devono informare i consumatori solamente circa i rischi che erano prevedibili (unforeseeable risk) nel momento in cui il prodotto veniva venduto 126 ; dall''analisi delle decisioni delle corti americane emerge dunque, una generale tendenza ad evitare ''to impose liability on manufactures for risks they cannot control' 127 , bensì a quelli che potevano essere previsti dal produttore nel momento in cui il bene e'' stato fabbricato; così, per esempio, con particolare riferimento ai c.d. design defects, la prova circa lo state of the art viene spesso utilizzata dall''attore al fine di dimostrare come il produttore avrebbe potuto evitare il danno utilizzando un progetto alternativo maggiormente sicuro e 123 Olson v. Artic Enterprises, 349 F. Supp. 761 (D.N.D. 1972); Mondshour v. General Motors
Corp., 298 F. Supp. IIl (D. Md. 1969).
124 Donald E. Stuby, Status and trends in state product liability law: state of the art evidence, in 14
J. Legis. 261 1987
125 Si veda Beshada v. Johns-Manville Product Corp, 447 A. 2d. 539 (N.J. 1982).
126 Feldam v. Lederle Laboratories, 479 A. 2d. 374 (N.J. 1984).
127 David G. Owen- John E. Montgomery-Mary J. Davis, Product Liability and Safety cases and
material, 6d ed., Foundation Press, 2010, 435. 273 disponibile nel momento in cui il bene e'' stato prodotto 128 (oppure dal convenuto al fine di provare che, nel momento in cui il prodotto e'' stato fabbricato, non si poteva utilizzare un progetto alternativo maggiormente sicuro), le corti concordano nel ritenere che ''manufactures are not to be held strictly liable for failure to design safety features, if the technology to do so is unavailable at the time the product is made' 129. 8. La disciplina della class action Per quanto concerne la class action 130 occorre, in primo luogo, specificare come la base normativa di tale strumento processuale sia rappresentato dalla Rule 23 della Federal Rules of Civil Procedure 131, la quale, a sua volta, risulta essere suddivisa in diversi paragrafi così intitolati: (a) prerequisites; b) types of class 128 Al riguardo, occorre osservare come le giurisdizioni dove i design defectiveness viene
determinate sulla base del consumer expectation test, la prova circa la possibilita'' di adottare o
meno un disegno alternativo non e'' richiesta (v. Griffin v. Suzuki Motor Corp., 84 P. 3d 1047 (Kan.
Ct. App. 2004), ove si afferma che ''Although evidence of a reasonable alternative design may be
introduced, it is not required because the prevailing test is one of consumer expectations'.
129 Rexrode v. American Laundry Press Co., 674 F. 2d 826 (10th Cir. 1982); Adams v. Fuqua
Indus., Inc., 820 F. 2d 271 (8 th Cir. 1987). 130 Al riguardo, occorre osservare come, se secondo parte della dottrina l''introduzione di tale
istituto ha rappresentato un''adeguata soluzione dei problemi pratici sussistenti all''interno della
moderna societa'', altri autori hanno evidenziato come tale strumento abbia causato, di fatto, un
crescente aumento del contenzioso tale da pregiudicare gravemente interi settori dell''economia
americana. In argomento, v. tra i tanti, Taruffo, La tutela collettiva: interessi in gioco ed esperienze
a confronto, in Riv. trim. dir. e proc. civ., 2007, 529; Consolo, E'' legge una disposizione sull''azione
collettiva risarcitoria: si e'' scelta la via svedese dello ''opt-in' anziche'' quella danese dello '' opt-
out' e il filtro (''l''inutile precauzione'), in Corr. Giur., 2008, 9; Giussani, Azioni collettive
risarcitorie nel processo civile, Bologna 2008; Trocker, Class actions negli USA '' e in Europa', in
Contratto e impresa, 2009, 178; Berretta, Audizione sui progetti di legge recanti l''introduzione
dell''azione collettiva risarcitoria a tutela dei consumatori, 2007; Frata, Il ''Class Action Fairness
Act of 2005': problemi e prospettive, in Danno e resp., 2006, 13; Miller, Of Frankestein Monsters
and Shining Knights: Myth, Reality and the '' Class Action Problem', in Harv. Law. Rev., 1979,
664. Buxbaum, Defining the Function and Scope of Ground Litigation: The Role of Class Action
for Monetary Damages in the United States, 2007; Pace, Class Action in the United States of
America: An Overview of the Process and the Empirical Literature, 2007, 1; Silberman, The
Vicissitudes of the American Class Action. With a Comparative Eye, in Tu. J. Int''l & Comp. Law,
1999, 201; Kenneth W. Dam., Class Actions: Efficiency, Compensation, Deterrence, and Conflict
of Interest Author(s), in The Journal of Legal Studies, Vol. 4, No. 1 (Jan., 1975), pp. 47-73.
131 In argomento, v. atresi'', Genevieve G. York-Erwin, The choice of law problem(s) in the class
action context, in 84 N.Y.U. L. Rev. 1793 2009, note 1, ove si afferma che ''The class action
mechanism allows groups of plaintiffs to combine their claims and sue defendants collectively
pursuant to Rule 23 of the Federal Rules of Civil Procedure. Certification is the process by which
a court determines that a proposed class's claims are suitable for collective treatment under Rule
23 or its state-law equivalent. If certified as a class, all class members and defendants are bound
by the results of the collective action'. 274 actions; c) certification order; notice to class members; judgment; issues classes; subclasses; d) conducting the action; e) settlement, voluntary dismissal, or compromise; f) appeals; g) class counsel; h) attorney''s fees and nontaxable costs 132. Ai fini di ottenere la certificazione come class action, occorre che il caso sia conforme ai requisiti previsti della Rule 23 (a) ed ad una delle categorie descritte nella Rule (b). Nello specifico, per quanto concerne i prerequisites della class action, la Rule 23 (a) dispone che i componenti di una classe possono agire in giudizio o esservi convenuti come representative parties per conto di tutte se 133: 1) la class e'' tanto numerosa da rendere impraticabile la contemporanea presenza in giudizio di tutti i suoi componenti (c.d. numerosity); 2) esistono questioni di fatto o di diritto comuni all''intera classe (c.d. commonality); 3) le domande proposte o le eccezioni sollevate da chi agisce nell''interesse della classe sono quelle tipiche della classe 132 In argomento, tra i vari contributi in tema di class action, v. AA. VV. The Law of Class Action.
Class actions & derivative suits commitee, United States of America, 2012; Barbara J. Rothstein &
Thomas E. Willging, Managing class action litigation : a pocket guide for judges, Washington, DC,
2 nd ed. 2009; Elizabeth Cabraser, Fabrice Vincent, editor, Survey of state class action law 2010 : a report of the State Laws Subcommittee of the Class Actions and Derivative Suits Committee,
Section of Litigation, American Bar Association, Chicago, 2008; Laural Hooper & Marie Leary,
Auctioning the role of class counsel in class action cases : a descriptive study, Washington, D.C.] :
Federal Judicial Center, 2001; Deborah R. Hensler, Class action dilemmas : pursuing public goals
for private gain, Santa Monica, CA : Rand, 2000; Michael Bowse and Sol Schreiber,
Communications in the class action context [microform] : the right of plaintiffs and defendants to
communicate with potential claimants before certification, [Chicago, Ill.] : Section of Litigation,
[American Bar Association], [1998], c1999; Recent developments in class action litigation
[microform] : mandatory certification of complex tort and securities actions / presented by
Committee on Business and Corporate Litigation, [Chicago, Ill.] : American Bar Association,
1992.Stephen C. Yeazell, From medieval group litigation to the modern class action, New Haven :
Yale University Press, c1987; Martin H. Redish, Wholesale justice : constitutional democracy and
the problem of the class action lawsuit, Stanford, Calif. : Stanford Law Books, c2009; More
Details, Attorneys'' Fees and Expenses in Class Action Settlements: 1993-2008, Cornell Law
Faculty Working Papers, Scholarship@Cornell Law: A Digital Repository, 2009-10-30; Miller,
Geoffrey P. Eisenberg, Theodore, Attorney Fees in Class Action Settlements: An Empirical Study,
New York University Law and Economics Working Papers, NELLCO Legal Scholarship
Repository, 2005-02-01; Fiss, Owen M Bronsteen, John, The Class Action Rule, Yale Law School
Legal Scholarship Repository, 2003-01-01; Robert H. Klonoff, Edward K. Bilich, Suzette M.
Malveaux, Class actions and other multi-party litigation : cases and materials, St. Paul, MN :
West, c2012. 3rd ed.
133 Per quanto concerne la questione relative alla tipologia di rappresentanza presente all''interno
della class action, parte della dottrina americana ha ravvisato tra rappresentante e rappresentati un
rapport di privaty, altri autori hanno ritentuto tra i rappresentanti della classe e la classe s''instaura
un rapporto modellato sul trust. 275 stessa (c.d. tipicality); 4) i componenti della classe che agiscono per conto di tutti sono capaci di proteggere in maniera corretta ed adeguata gli interessi della classe medesima (c.d. adequacy of representation) 134. Il paragrafo (b) della Rule 23 prevede le tipes of class action. In particolare, si afferma che una class action puo'' essere sostenuta se sono soddisfatti i prerequisiti indicati nel paragrafo (b) della Rule 23 e se: 1) l''instaurazione di giudizi separati potrebbe creare il rischio di (A) decisioni discordanti o variabili rispetto ai singoli componenti della classe che costringerebbe la controparte ad adottare standards di comportamenti incompatibili tra loro; o B) che la decisione nei confronti di un unico membro della classe finisca per ledere gli altri interessi dei membri della classe estranei al giudizio, limitando la possibilità di tutelare gli interessi di quest'ultimi; 2) la controparte della class si e'' comportata o si e'' rifiutata di comportarsi in maniera uniforme verso tutti i componenti della classe, rendendo in tal modo necessario un final injunctive relief o un declaratory relief; 3) la Corte sostiene che le domande di interesse generale debbano essere considerate prevalenti rispetto a quelle dei singoli e che, pertanto, lo strumento della class action rappresenti il miglior mezzo per la corretta gestione del procedimento. Al fine della predetta valutazione occorre considerare: A) l'interesse di ciascun membro della classe a gestire il procedimento tramite una separata azione; B) la portata nonché la natura dei singoli procedimenti concernenti la controversia già avviata dai membri o contro i membri della classe; C) se sia o meno opportuno procedere alla riunione di tutti i procedimenti in uno specifico foro; e D) le difficoltà che si potrebbero riscontrare nella gestione dell'azione di classe 135. 134 La Rule 23 (a) dispone che ''PREREQUISITES. One or more members of a class may sue or be
sued as representative parties on behalf of all members only if: (1) the class is so numerous that
joinder of all members is impracticable; (2) there are questions of law or fact common to the
class; (3) the claims or defenses of the representative parties are typical of the claims or defenses
of the class; and (4) the representative parties will fairly and adequately protect the interests of the
class'. La dottrina ha osserva come ''Numerosity ensures there are enough claims for class
treatment to be efficient. Typicality and commonality require that potential class members' claims
be sufficiently similar to one another and to those of the class representative(s). Adequacy of
representation ensures that class counsel and representative(s) have the capacity and incentives to
represent fully the interests of all class members' (Genevieve G. York-Erwin, The choice of law
problem(s) in the class action context, in 84 N.Y.U. L. Rev. 1793 2009). In argomento, v. anche
Laura J. Hines, Challenging the Issue Class Action End-Run, 52 EMORY L.J. 709, 715-16 (2003). 276 Il paragrafo (c) della Rule 23 e'', come precedentemente detto, intitolata certification order, notice to class member, judgment, issues classes, subclasses. Per quanto concerne in particolare la certification (regolata dalla Rule 23 (c) (1), occorre osservare come, successivamente alla proposizione dell''azione, spetta alla Corte decidere se l''azione medesima possa proseguire o meno come una class action; tale provvedimento puo'' essere modificato o revocato sino al momento della decisione della causa (c.d. decertification). Il provvedimento di certification deve definire la classe determinando quali siano gli elementi che distinguono i suoi membri, indicare quali siano le domande della class, le questioni sollevate, nonche'' le difese proposte; infine, tramite il provvedimento di certification viene nominato un class counsel (l''avvocato) secondo le spefiche modalita'' sancite dalla Rule 23 (g) 136. Per quanto concerne, invece la c.d. notice (Rule 23 ( c) (2), occorre osservare come, qualora si tratti di class actions certificate secondo la Rule 23 (b) 1 o (b) 2 la Corte puo'' indirizzare direttamente la c.d. notice alla classe, mentre nelle ipotesi in cui la classe sia stata certificata sulla base della Rule 23 (b) (3), la Corte deve fornire ai membri della classe the best notice that is practicable under the circumstances, including individual notice to all members who can be 135 Il paragrafo (b) della Rule 23 afferma che ''(b) TYPES OF CLASS ACTIONS. A class action
may be maintained if Rule 23(a) is satisfied and if: (1) prosecuting separate actions by or against
individual class members would create a risk of: (A) inconsistent or varying adjudications with
respect to individual class members that would establish incompatible standards of conduct for the
party opposing the class; or (B) adjudications with respect to individual class members that, as a
practical matter, would be dispositive of the interests of the other members not parties to the
individual adjudications or would substantially impair or impede their ability to protect their
interests; (2) the party opposing the class has acted or refused to act on grounds that apply
generally to the class, so that final injunctive relief or corresponding declaratory relief is
appropriate respecting the class as a whole; or (3) the court finds that the questions of law or fact
common to class members predominate over any questions affecting only individual members, and
that a class action is superior to other available methods for fairly and efficiently adjudicating the
controversy. The matters pertinent to these findings include: (A) the class members'' interests in
individually controlling the prosecution or defense of separate actions; (B) the extent and nature of
any litigation concerning the controversy already begun by or against class members; (C) the
desirability or undesirability of concentrating the litigation of the claims in the particular forum;
and (D) the likely difficulties in managing a class action'.
136 La Rule 23, ( c) (1) sancisce che (1) Certification Order. (A) Time to Issue. At an early
practicable time after a person sues or is sued as a class representative, the court must determine
by order whether to certify the action as a class action. (B) Defining the Class; Appointing Class
Counsel. An order that certifies a class action must define the class and the class claims, issues, or
defenses, and must appoint class counsel under Rule 23(g). (C) Altering or Amending the Order.
An order that grants or denies class certification may be altered or amended before final
judgment. 277 identified through reasonable effort. Nello specifico, la notice deve indicare chiaramente e con un linguaggio facilmente comprensibile 137 : (i) la natura dell''azione; (ii) la definizione della classe certificate; (iii) le domande, le problematiche e le difese della classe; (iv) che un membro della classe, qualora lo desideri, puo'' partecipare al processo tramite un avvocato; (v) che la corte escluderanno dalla classe tutti i membri che lo richiederanno; (vi) i tempi e le modalità della richiesta di esclusione; (vii) gli effetti vincolanti della sentenza sulla base della Rule 23( c) (3) 138. Ai sensi di quest''ultima norma la sentenza che si pronuncia su una class action ai sensi dei paragrafi (b) (1) o (b) (2) deve indicare (o descrivere) i soggetti che la corte reputa componenti della class; la sentenza che decide una class action ai sensi del paragrafo (b) (3) deve indicare e specificare, ovvero descrivere, coloro che la corte ritiene essere membri della 137 Per quanto concerne questa specifica questione v. Shannon R. Wheatman, and Terri R.
LeClercq, Majority of Class Action Publication Notices Fail to Satisfy Rule 23 Requirements, in 30
Rev. Litig. 53 2010-2011, ove si ricorda che l''Advisory Committee on Civil Rules of the Judcial
Conference of the United States ha richiesto alla Federal Judicial Center (FJC) di predisporre
modelli di notices that would satisfy the plain language requirement (per maggiori dettagli, v.
www. fjc.gov.). La ricerca ha dimostrato che riscrivere un documento legale utilizzando un
linguaggio semplice, se da un lato, aiuta la comprensione del lettore e risulta essere maggiormente
persuasivo, dall''altro lato, ''failure to write in plain language can have serious consequences
because if readers cannot understand the content of a document, they will stop reading' (sul punto,
v. WLLIAM H. DUBAY, THE PRINCIPLES OF READABLITY 1 (Aug. 25, 2004), available at
http://www.impact-information.com/impactinfo/readability02.pdf (secondo cui "When texts exceed
the reading ability of readers, they usually stop reading."). Sulla base di una ricerca svolta al fine
di indagare se le class action notices (pubblicate tra il 2004 ed il 2009 soddisfano effettivamente il
requisito concernente la semplicità del linguaggio è emerso che: ''- Over 90% of securities notices
used an uninformative case caption in the header of the notice. - Most notices did not include a
noticeable and informative headline to capture the attention of potential class members. - Over
60% of notices were written in less than an 8-point font. - The majority of notices failed to clearly
inform class members of the binding effect of the settlement.- Over two-thirds of the notices with
an opt-out right did not inform the class member that they could opt out of the litigation or
settlement. - Over 75% of the notices did not tell class members they had the right to appear
through an attorney. - Over two-thirds of the notices failed to satisfy the concise, plain language
requirement of Rule 23').
138 La Rule 23 ( c) (2) specifica che ''Notice. (A) For (b)(1) or (b)(2) Classes. For any class
certified under Rule 23(b)(1) or (b)(2), the court may direct appropriate notice to the class. (B)
For (b)(3) Classes. For any class certified under Rule 23(b)(3), the court must direct to class
members the best notice that is practicable under the circumstances, including individual notice to
all members who can be identified through reasonable effort. The notice must clearly and
concisely state in plain, easily understood language: (i) the nature of the action; (ii) the definition
of the class certified; (iii) the class claims, issues, or defenses; (iv) that a class member may enter
an appearance through an attorney if the member so desires; (v) that the court will exclude from
the class any member who requests exclusion; (vi) the time and manner for requesting exclusion;
and (vii) the binding effect of a class judgment on members under Rule 23(c)(3)'. 278 classe e nei cui confronti era stata notificata la notice ai sensi della Rule 23 (c) (2) e i quali non abbiano esercitato la facoltà di essere esclusi (Rule 23 (c) (3)) 139. La certificazione della classe produce determinati effetti procedurali tra i quali rientrano anche la sospensione dei termini di prescrizione dell'illecito non solo per i soggetti che partecipano ai giudizi attivamente, ma bensì anche per i c.d. absent members. Tuttavia, la conseguenza più importante della certificazione consiste nell'estensione degli effetti della futura sentenza a tutti quei soggetti che sono inclusi nella definizione concernente la classe. Al riguardo occorre altresì ricordare come, secondo il sistema giuridico americano, in tutte le ipotesi in cui si agisce secondo il modello indicato nella Rule 23 (b) (3) '' ossia qualora the court finds that the questions of law or fact common to class members predominate over any questions affecting only individual members, and that a class action is superior to other available methods for fairly and efficiently adjudicating the controversy... '' il danneggiato ha la possibilità di essere escluso dal giudizio esercitando il c.d. opt out il quale, infatti, impedisce che si formi il giudicato nei suoi confronti. Tale opzione non è permessa qualora si tratti di azioni in cui si agisce per un ''declaratory or injunctive relief' e in quelle in cui non viene richiesta la notifica individuale; inoltre, la Corte può anche escludere tale diritto sulla base di determinate considerazioni relative al caso specifico. Fermo restando quanto precede, occorre comunque evidenziare che in tutti i casi in cui l''opt out è consentito, la Corte dovrà disporre che nelle notifiche individuali siano determinate, non solo le modalità, bensì anche i termini entro cui sarà possibile per i singoli appartenenti ad una classe esercitare tale facoltà. I soggetti che decidono di esercitare tale opzione non potranno però successivamente proporre obiezioni verso un eventuale accordo stragiudiziale concluso tra le parti in causa, atteso che con l'esercizio dell''opt out essi non sono più considerati parti del giudizio, sia che quest'ultimo si concluda con una sentenza, oppure, con una transazione. Qualora successivamente alla certificazione, le parti, raggiungano un accordo (settlement), decidono volontariamente di chiudere il caso (volontary dismissal) o raggiungano un compromesso la corte devra'' informare in a 139 Hazard, An Historical Analisis of the Binding Effect of Class Suits, in Univ. Pa. Law. Rev.,
1998, 1849 279 reasonable manner tutti i membri della classe su chi sarà vincolato alla proposta. Se la suddetta proposta vincola i membri della classe, la corte potrà approvarla solo dopo un''udienza - (hearing) alla quale i singoli membri possono partecipare - ed esclusivamente qualora il giudice abbia accertato che detta proposta sia fair, resonable, and adequate. Se la class action inizialmente e'' stata certificata sulla base della Rule 23 (b) (3) la corte puo'' altresi'' rifiutarsi di approvare l''accordo fino a quando non viene offerta una nuova opportunità ai singoli membri della classe di chiedere di essere esclusi dall''azione 140. 9. La funzione della class action: tra obiettivi di efficienza processuale (process efficiency) e perseguimento di scopi legati alla deterrence Individuata dunque quale sia la disciplina giuridica concernente la class action, occorre ora passare ad analizzare le funzioni che tale strumento processuale e'' diretto a perseguire 141 . Al riguardo, si può osservare come la 140 La rule 23 (e) (4) sancisce che ''If the class action was previously certified under Rule 23(b)(3),
the court may refuse to approve a settlement unless it affords a new opportunity to request
exclusion to individual class members who had an earlier opportunity to request exclusion but did
not do so'.
141 Per quanto concerne la problematica relativa all''azione di classe nell''ordinamento italiano, v.
tra i tanti, Camilletti, Azione di classe: profili sostanziali, in Contratti, 2012, 6, 515 '' 519;
Fantetti, L'omogeneità della situazione dei proponenti la class action, in Obbligazioni e Contratti,
2012, 4, 281 '' 288; Di Giacomo Russo, La class action privata e pubblica, in Nuova rassegna di
legislazione, dottrina e giurisprudenza, 2012, 5, 499 '' 504; Barra Caracciolo, L'esperienza delle
class action e i diritti identici: un primo bilancio e l'impatto con i mercati finanziari, in Contr. e
impr., 2012, 1, 1 '' 8; Florio, Solo il consumatore ricco può curare adeguatamente gli interessi
della classe' La legittimazione ad agire alla luce delle prime esperienze applicative dell'art. 140-
bis, in Giur. merito, 2012, 2, 77 '' 390; Poli, Sulla natura e sull'oggetto dell'azione di classe, in Riv.
dir. proc., 2012, 1, 38 '' 58; Schiavone, Sulla legittimazione a proporre l'azione di classe e altre
questioni - [On the right to pursue class action and other issues], in Resp. civ. e prev., 2012, 1, 186
'' 193; Benatti, Note in tema di class actions transfrontaliere, in Danno e resp., 2012, 1, 5 '' 11; Di
Giacomo Russo, La class action italiana, il Giudice di pace, 2012, 2, 169 '' 176; Lupoi, Fumata
nera per la prima class action all'italiana, in Giur. comm., 2012, 2, pt. 2, 332 '' 347; Gentile, La
"class action" italiana. Una gestione congiunta di azioni individuali per la tutela di diritti
omogenei, in Rass. dir. civ., 2011, 4, 1301 '' 1330. Sul punto occorre ricordare come con l''art. 49
della legge 23 luglio 2009, n. 99 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento l''azione di
classe risarcitoria ex art. 140 bis del Codice del Consumo. L''introduzione di tale istituto non ha
avuto però il successo sperato; dal 2010, infatti, sono state effettivamente proposte soltanto sette
azioni di classe di cui sei giunte a decisione esclusivamente sulle questioni di ammissibilità:
quattro in materia bancaria, una relativa alla commercializzazione dei farmaci (Trib. Milano 20
dicembre 2010, in Giur. merito, 2011, 1789, con nota di Gorgoni, Ancora prove tecniche di
applicazione dell''azione di classe: un inventario di questioni irrisolte, confermata da App. Milano,
3 maggio 2011) e una in ambito di danni da fumo (Trib. Roma 1 aprile 2011, in Giur. merito, 2011,
12, 1172, con nota di Rizzardo, Class action tra difidenza e ingenuità: un''altra battuta d''arresto in
fase di filtro). Tra queste solamente una ha superato il giudizio di ammissibilità mentre gli altri casi 280 primaria finalità di tale strumento processuale sia quella di razionalizzare le risorse giudiziarie, risolvendo a parità di costi il maggior numero di liti possibile 142; infatti, rispetto ad un contenzioso ripetitivo concernente un insieme di soggetti diversi che agiscono per la tutela di posizioni giuridiche comuni, la class action '' strumento tramite il quale si fa valere in un unico giudizio le posizioni giuridiche soggettive di una pluralità di persone '' offre rilevanti vantaggi di economia di scala e di razionale soluzione delle controversie giudiziali. Inoltre, soprattutto nelle ipotesi in cui il valore della singola controversia è ridotto, il ricorso alla strumento della class action permette di far valere situazioni giuridiche sostanziali che altrimenti non sarebbero tutelate 143. Oltre alle specifiche finalità connesse ai sopra richiamati obiettivi di process efficiency, lo strumento della class action statunitense si caratterizza per assumere un importante ruolo generalmente finalizzato a regolare i rapporti tra individui e grossi enti giuridici, sia privati che pubblici, adempiendo funzioni che spesso sono più che risarcitorie, di deterrenza e dissuasione dal compimento degli illeciti (c.d. funzione di private enforcement) 144. In altre parole, la class action non
non sono mai giunti al merito e le decisioni sono state fondate su mere questioni attinenti al rito,
alla legittimazione processuale ovvero all''interesse ad agire. Una delle ragioni per cui nel nostro
ordinamento l''azione di classe non ha avuto il successo sperato è quella per cui in Italia '' a
differenza di quanto avviene negli Stati Uniti dove l''avvocato (o meglio le grandi law firms)
assume il ruolo dell''imprenditore della lite - manca qualcuno che organizzi, diriga e conduca
l''azione. Al riguardo, è stato infatti affermato che ''il successo dell''azione di classe non possa che
essere decretato dal suo peso e dalla sua forza sul piano puramente economico-risarcitorio' e
quindi sia per la ''possibilità per i danneggiati di ottenere un serio ristoro dei pregiudizi patiti, sia
per gli avvocati di trarne un adeguato e giustificato profitto' (Calcagno, Il punto sull'azione di
classe risarcitoria, in Nuovo notiziario giuridico, 2012, 1, 39 '' 53).
142 Brian T. Fitzpatrick, Do class action lawyers make too little', 158 U. Pa. L. Rev. 2043 2009-
2010. Per quanto concerne l''istituto della class action, tra i commenti piu'' risalenti, v. Freeman,
Current Issues in Class Action Litigation, 70 F.R.D. 25I (i976); Schuck, An Overview of Class
Actions, 70 F.R.D. 289 (1976).
143 Brian T. Fitzpatrick, Do class action lawyers make too little', 158 U. Pa. L. Rev. 2043 2009-
2010; Miller, Of Frankestein Monsters and Shining Knights: Myth, Reality and the '' Class Action
Problem', cit., 665, nota 3, il quale afferma che ''I believe that the class action and other nascent
forms of group litigation hold considerable promise for redressing injuries to large numbers of
citizens who individually would not have the economic and logistical capacity to litigate. I am
convinced that many of the alleged deficiencies of the class action have been overstated'. Kenneth
W. Dam., Class Actions: Efficiency, Compensation, Deterrence, and Conflict of InterestAuthor(s),
cit., 47-73, secondo cui ''A key feature of the class action is that it holds the potential for making
feasible the compensation of the victims of mass wrongs even though each victim has a loss that is
too small to justify an individual action'.
144 Trocker, Class actions negli USA '' e in Europa', in Contratto e impresa , 2009, 178, il quale
ricorda come un famoso osservatore dell''ordinamento nordamericano dell''800 (Alexis De
Tocqueville, La democrazia in America, trad. it., a cura di Candoloro, rist. Milano, 1991, 273) 281 rappresenta solo un mezzo diretto a razionalizzare le risorse giudiziarie per incrementare la ''reddittivita'' della giustizia' 145 , ma costituisce anche uno strumento finalizzato a realizzare rilevanti obiettivi di policy e di deterrence 146. Tuttavia, e'' proprio sotto tale profilo, occorre osservare come, l''approccio degli ordinamenti europei all''istituto in esame si differenzia radicalmente rispetto a quello americano, in quanto in Europa si preferisce affidare la funzione di deterrenza e dissuasione a specifici organi pubblici oppure a istituzioni riconosciute dallo Stato 147. Fermo restando quanto precede, occorre altresì considerare che la class action rappresenta uno strumento processuale di carattere generale a cui e'' possibile fare ricorso in differenti settori del diritto; cosi'', per esempio, si utilizza
evidenziava come in America spesso le problematiche concernenti la politica diventano questioni
giudiziarie. Trocker osserva altresi'' come l''ordinamento statunitense, infatti, si caratterizza per il
fatto che in esso il sistema giudiziario ed il processo civile hanno una notevole importanza nelle
decisioni di politica del diritto; si pensi, per esempio, come nel suddetto ordinamento, determinate
problematiche di grandissima rilevanza (come l''uguaglianza razziale) vengono disciplinate da
regole decise dai giudici e non gia'' dal legislatore e spesso le suddette regole sono state
predisposte a seguito di giudizi instaurati tramite delle class actions (Harzard e Taruffo, La
giustizia civile negli Stati Uniti, Bologna, 1993)
145 Trocker, Class actions negli USA '' e in Europa', in Contratto e impresa , 2009, 178.
146 In argomento v. Myriam Gilles & Gary B. Friedman, Exploding the Class Action Agency Costs
Myth: The Social Utility of Entrepeneurial Lawyers, 155 U. PA. L. REV. 103, 105 (2006) (ove si
afferma che la reale importanza della class action e'' rappresentata non dalla funzione di
compensazione ma bensi'' nella finalita'' di deterrenza che costringe le imprese ad assorbire
internamente the social costs of its actions); William B. Rubenstein, Why Enable Litigation': A
Positive Externalities Theory of the Small Claims Class Action, 74 UMKC L. REV. 709, 710-11,
726 (2006) (secondo cui la class action oltre ad avere la funzione di compensation e deterrence
crea ultieriori social benefit). Genevieve G. York-Erwin, The choice of law problem(s) in the class
action context, in 84 N.Y.U. L. Rev. 1793 2009, secondo cui ''An economic analysis suggests that
without this collective mechanism, corporations would not fully internalize the costs of their
conduct, causing inefficiencies, undercompensation, underdeterrence, and other social losses'.
147 Trocker, Class actions negli USA '' e in Europa', in Contratto e impresa , 2009, 178, il quale
ricorda una citazione di Koch, Non-class Group Litigation under EU and German Law, in Duke J.
Comp. & Int''l Law, 2001, 358, secondo cui '' in the European tradition '' although this may be
slightly oversimplified '' we entrust the pubblic interest to public institutions rather than to private
law enforcers'. Trocher osserva come ''l''istituzione di apposite ''agencies' o ''authorities' '' a
prescindere dall''accusa portata talvolta nei loro confronti di essere eccessivamente sensibili agli
interessi di chi, nella sfera di loro competenza, dovrebbe essere soggetto a regolamentazione e
controllo '' e'' soluzione discutibile dal momento che queste sono inclini alla miglior tutela dello
specifico interesse affidato alla loro cura, e mal si prestano ad essere luogo di mediazione
''globale' di interessi confliggenti'. Tuttavia, osserva l''autore, ''L''Europa a volte guarda con
diffidenza anche alla ''giurisdizionalizzazione' dei procedimenti decisionali tipica dell''ordinamento statunitense, e chiama in gioco il pericolo di una sostituzione o confusione di
ruoli tra giudici ed amministratori e, alla fine, tra giudice e legislatore dubitando della naturale
idoneita'' della funzione giurisdizionale a gestire conflitti di interesse di grande complessità'. 282 tale procedura non solo nelle ipotesi di product liability, bensi'' anche nei casi di employment discrimination, antitrustlabor law, intellectual property 148. 10. I poteri del giudice ed il ruolo dell''avvocato nel contesto della class action statunitense Dall''analisi delle disposizioni concernenti la class action statunitense emerge chiaramente l''intenzione del legislatore americano di attribuire un potere assai ampio al giudice, il quale assume, in questo specifico contesto, un ruolo da vero e proprio protagonista 149. Ad esso, infatti, vengono attribuiti incisivi poteri discrezionali di iniziativa e di controllo; si pensi, per esempio, come la Corte possa autorizzare la proposizione o la prosecuzione della class action solamente con riferimento a specifiche questioni (cosi'', per esempio, in un''ipotesi di responsabilità da prodotto la Corte può autorizzare la class solamente con riguardo alle problematiche relative ai difetti del prodotto stesso e lasciare, invece, ai singoli quelle concernenti i danni dai medesimi subiti), oppure, suddividere una classe in sottoclassi - le quali verranno a loro volta considerate come una class '' in tutte le ipotesi in cui tale suddivisione rifletta le differenti situazioni sostanziali dedotte in giudizio 150. Sempre a dimostrazione dell''importanza assunta dal ruolo del giudice occorre altresì analizzare la disciplina concernente il c.d. class counsel (Rule 23 (g)) 151; come noto, la corte, nel momento in cui provvede a certificare una classe deve nominare un class counsel il quale assume il dovere di rappresentare fedelmente (fairly) e adeguatamente (adequately) gli interessi della classe (Rule 23 (g) (4). In particolare, al fine di nominare il suddetto class counsel la corte deve considerare (i) il lavoro fatto dal counsel al fine di identificare o indagare potenziali pretese nell''azione; (ii) le esperienze del counsel nel gestire le class actions o altri processi complessi e le tipologie di richieste avanzate con la 148 Anche sotto questo profilo, dunque, la class action americana si differenzia nettamente dai
modelli sussistenti nei diversi Paesi europei all''interno dei quali gli strumenti giuridici finalizzati a
fornire una tutela collettiva sono finalizzati a proteggere particolari situazioni di vantaggio e
limitati per lo piu''ad limitato apparato di rimedi ingiuntivi o risarcitori. In argomento, Taruffo, La
tutela collettiva, cit., 530 ss; Koch, Non-class Group Litigation, cit.
149 Trocker, Class actions negli USA '' e in Europa', cit., 178
150 Vedi Rule 23 ( c) (4) (5)
151 Il legislatore statunitense nel 2003 e'' intervenuto e ha aggiunto i paragrafi (g) che disciplina le
modalita'' di nomina dell''avvocato e (h) che riguarda i compesi di quest''ultimo alla Rule 23. 283 suddetta azione; (iii) la conoscenze che il counsel possiede circa la legge applicabile; (iv) le risorse che il counsel utilizzerà per rappresentare la class 152. In aggiunta alle circostanze sopra descritte '' le quali, come detto, la corte ha il dovere di considerare '' la Rule 23 (g) (1) (B) specifica che il giudice, ai fini della decisione concernente la nomina del class counsel, puo'' tenere in conto any other matter pertinent to counsel''s ability to fairly and adequately represent the interests of the class. In altre parole, la corte e'' libera di valutare tutte le circostanze che ritiene pertinenti al fine della decisione concernete la capacità del counsel di rappresentare la classe correttamente ed adeguatamente 153. L''ampiezza dei poteri attribuiti al giudice e'' altresì evidente qualora si consideri che, nell''ipotesi in cui ci sono più persone che posseggono i requisiti necessari per essere nominati class counsel, spetta sempre alla corte stabilire quale sia the applicant best able to represent the interests of the class (Rule 23 (g) (2) 154. Anche sotto questo specifico aspetto, e'' possibile evidenziare la differenza tra l''ordinamento statunitense e quello europeo nel quale, invece, il giudice solitamente non assume una managerial function in materia di procedura anche perche'' limitato e costretto a seguire scrupolosamente le rigide regole predisposte dal legislatore 155. Al riguardo, si può osservare come probabilmente uno delle principali motivazioni per cui negli Stati Uniti il giudice ha, nel contesto della class action , un potere di controllo così incisivo '' si pensi anche al giudizio che la corte deve esprime circa l''adeguatezza dei c.d. rapresentatives '' deve essere ricondotto alla circostanza per cui l''istituto della class action si basa su una 152 Occorre valutare quindi anche le disponibilita'' delle disposizioni finanziarie del rappresentante
e cio'' al fine di evitare che, a causa di eventuali preoccupazioni economiche, vengano
compromesse le strategie difensive
153 In argomento, v. Mullenix, Re-Interpreting American Class Action Procedure. The United
States Supreme Court Speaks, in ZZP Int., 2000, 340.
154 La corte ha altresi'' la possibilita'', prima della cerificazione dell''azione come class action di
nominare un un interim counsel che ha il dovere di agire a nome della presunta classe.
155 Trocker, Class actions negli USA '' e in Europa', in Contratto e impresa, 2009, 194, il quale
osserva come ''la disciplina della class action, invece, chiede al giudice ''inventiveness', coraggio
e fantasia, sin dalla fase iniziale della sua instaurazione, chiamandolo, da un lato, ad arginare il
pericolo di un uso distorto dello strumento processuale e dall''altro ad evitare che la tutela in forma
rappresentativa venga ristretta ed ostacolata tramite troppi gravosi requisiti a cominciare
dall''individuazione dei legittimari ad agire che l''ordinamento non affida alla determinazione
preventiva del legislatore, bensi'' al controllo del giudice, e della definizione della classe,
essenziale al fine di identificare sia coloro che possono dare corso all''azione sia coloro che
saranno vincolati dalla pronuncia sia infine coloro che, in ipotesi di class action di ci cui al
paragrafo (b) (3) della Rule 23 devono ricorrere alla notice'. 284 finzione di partecipazione al giudizio di tutti i soggetti coinvolti, con la conseguenza che determinate persone si trovano vincolate al giudizio espresso dalla corte al termine del processo senza avere la benché minima possibilità di partecipare al processo medesimo. In altre parole, atteso che il singolo membro della classe perde le garanzie individuali di difesa '' le quali, peraltro, includono, la possibilità di determinare quale strategia processuale adottare '' tale limitazione viene in un certo senso ''sostituita' dal controllo esercitato dal giudice nel corso del processo anche in relazione ai requisiti richiesti per la nomina del counsel. Individuato, dunque, il ruolo del giudice nel contesto della class action americana e le differenze che, sotto questo specifico profilo, intercorrono tra il sistema europeo e quello americano, occorre a questo punto analizzare un''ulteriore particolarità che caratterizza l''ordinamento statunitense rispetto a quello europeo, ossia il ruolo che assume l''avvocato nel contesto della class action americana. A tal fine, e'' necessario aprire una breve parentesi circa le modalità attraverso le quali, negli Stati Uniti, il class counsel viene compensato per la consulenza legale prestata 156 e ricordare come il medesimo si assuma tutti i costi della lite e mantenga il diritto di vedere liquidati gli onorari come compenso per l'opera svolta in favore dei componenti passivi del gruppo solamente qualora la causa sia vinta 157; tali onorari, poi, vengono liquidati dal 156 Un tema molto dibattuto negli Stati Uniti e'' quello concernente la c.d. overcompensation degli
avvocati che portono avanti le class action. In argomento, v. Third Circuit Task Force on Selection
of Class Counsel, Third Circuit Task Force Report on Selection of Class Counsel, 74 TEMP. L.
REV. 689, 692 (2001) ("[T]here is a perception among a significant part of the non-lawyer
population and even among lawyers and judges that the risk premium is too high in class action
cases and that class action plaintiffs' lawyers are overcompensated for the work that they do.");
Rocco Cammarere, The Dichotomy of Class Actions, N.J. LAW., Sept. 11, 2000, at 1 ("[T]here's
that pervasive criticism-lawyers earn scads of money for doing relatively little work."). Si afferma
spesso che ''class action lawyers take too much from settlements and leave too little for class
members, that class actions are little more than a device for the lawyers to enrich themselves at
the expense of the class' (Brian T. Fitzpatrick, Do class action lawyers make too little', 158 U. Pa.
L. Rev. 2043 2009-2010. In argomento, v. per esempio, Bruce L. Hay, The Theoy of Fee
Regulation in Class Action Settlements, 46 AM. U. L. REV. 1429, 1433 (1997) ("Among critics,
the contention that class members have received too little in a class settlement almost always is
accompanied by the corresponding charge that the class' counsel has received too much. . . .");
John H. Beisner et al., Class Action "Cops". Public Servants or Private Entrepreneurs', 57 Stan.
L. Rev. 1441, 1445 (2005); Joseph Perkins, Judicial Shakedown by Class- Action Lawryers, SAN
DIEGO UNION-TRIB., Mar. 22, 2002, at BI 1, available at 2002 WLNR 13947222.
157 Da un''analisi condotta negli Stati Uniti pare che i giudici riconoscano ai c.d. class action
lawyers circa 2.5 miliardi di dollari come compenso per le 300 class actions decise all''anno nelle 285 giudice oppure concordati in via transattiva e non sono corrisposti direttamente dalla parte soccombente ma bensì sottratti dal risarcimento che la giuria attribuisce globalmente al gruppo 158. Più nello specifico, occorre ricordare che, inizialmente, al fine di determinare l''ammontare del compenso spettante all''avvocato di una class action, i giudici moltiplicavano il numero di ore che gli avvocati avevano lavorato sulla causa per un compenso considerato ragionevole (c.d. lodestar method) . Tale metodo fu criticato a partire dagli anni Ottanta soprattutto per il fatto che si riteneva che, cosi procedendo, gli interessi dell''avvocato non fossero allineati a quelli della classe medesima 159; sulla base di tale strumento, infatti, se da un lato gli avvocati traevano un maggior guadagno quanto più lunga era la causa,
corti federali. V. Brian T. Fitzpatrick, An Empirical Study of Class Action Settlements and Their
Fee Awards, 7 J. EMPIRICAL LEGAL STUD in http://ssrn.com/abstract=1442108 (in cui si
afferma che ai class action lawyers sono stati riconosciuti $2.9 millioni di dollari in fees and
expenses nel 2006 e $2.1 milioni di dollari nel 2007). Al riguardo, la dottrina americana ha notato
come i giudici chiamati a decidere sul compenso degli avvocati tendano a riconoscere una
percentuale nei c.d. large settlements che negli small settlements.
158 In realtà, occorre ossevare che secondo il sistema americano la corte ha la piena discrezionalita''
di determinare l''ammontare del compenso spettante all''avvocato che deve essere reasonable (si
parla infatti di reasonable fee). Tuttavia, vi sono casi in cui il compenso del class counsel viene
detratto dal c.d. common fund perche'' si ritiene che sia ingiusto arricchire una classe senza anche
rimunerare l''avvocato che ha creato l''arrichimento della classe medesima (in argomento, v.
Charles Silver, A Restitutionary Theory of Attorneys'Fees in Class Actions, 76 CORNELL L. REV.
656, 657 (1991) (secondo cui "attorneys are entitled to be paid because class members are
enriched at the attorneys' expense"). Nelle ipotesi di litigation basate sulla fee-shifting statute, il
compenso dell''avvocato viene dato direttamente dai defendants e il ricavato spettante ai class
members non viene ridotto. Sulla base di una recente ricerca risulata che per quanto concerne la
determinazione del compenso spettante all''avvocato, le corti federali hanno usato il c.d.
percentage method nel 70% dei casi nel 2006 e nel 2007, mentre il lodestar method solamente nel
12%. Brian T. Fitzpatrick, Do class action lawyers make too little', 158 U. Pa. L. Rev. 2043 2009-
2010). (Staton v. Boeing Co., 327 F.3d 938, 968 (9th Cir. 2003) ("'[T] his circuit has established
25% of the common fund as a benchmark award for attorney fees."' (quoting Hanlon v. Chrysler
Corp., 150 F.3d 1011, 1029 (9th Cir. 1998). Al riguardo, occorre anche evidenziale come in realta''
negli Stati Uniti la percentuale riconosciuta all''avvocato diminuisca nelle ipotesi in cui le class
action settlements are large (Theodore Eisenberg & Geoffrey P. Miller, Attorney Fees in Class
Action Settlements: An Empirical Study, I J. EMPIRICAL LEGAL STUD. 27, 35-36 (2004) ("As
client recovery increases, the fee percent decreases' Brian T. Fitzpatrick, An Empirical Study of
Class Action Settlements and Their Fee Awards,Fitzpatrick, supra note 6 (manuscript at 4) ("[Flee
percentages are strongly and inversely associated with the size of the settlement."
159 V John C. Coffee, Jr., Understanding the Plaintiffs Attorney: The Implications of Economic
Theory for Private Enforcement of Law Through Class and Derivative Actions, 86 COLUM. L.
REv. 669, 691 (1986), il quale spiega come the lodestar method possa comportare una collusion
tra gli avvocati degli attori e i convenuti. 286 dall''altro lato, invece, il principale interesse dei membri della classe era quello che le cause si chiudessero nel più breve tempo possibile 160. Ecco dunque che, proprio al fine di allineare gli interessi dei membri della classe e quelli degli avvocati i giudici decisero di riconoscere, come compenso per il lavoro svolto dal class counsel una percentuale della class''s recovery 161 . Tuttavia, sebbene si può affermare che il c.d. percentage method abbia sostituito il c.d. lodestar method, all''interno dell''ordinamento americano non e'' stato stabilito quale percentuale debba essere riconosciuta al c.d. class counsel 162; ecco dunque che le corti, al fine di determinare la percentuale spettante all''avvocato, hanno operato un giudizio del tutto discrezionale, oppure, hanno semplicemente seguito passivamente precedenti giurisprudenziali anche essi basati su una libera valutazione del giudice; in tal modo procedendo, si è dunque, cominciato a 160 In argomento, v. Activision Sec. Litig., 723 F. Supp. 1373, 1378 (N.D. Cal. 1989) (secondo cui
il lodestar method "encourages abuses such as unjustified work and protracting the litigation"
and "conclud[ing] that in class action common fund cases the better practice is to set a percentage
fee"); John C. Coffee, Jr., Understanding the Plaintiffs Attorney: The Implications of Economic
Theory for Private Enforcement of Law Through Class and Derivative Actions, 86 COLUM. L.
REv. 669, 691 (1986), il quale afferma che "obvious incentive for delay under the lodestar
formula, which would not arise under a percentage of the recovery formula"; Sandra R.
McCandless et al., Tort Trial & Ins. Practice Section of the Am. Bar Ass'n, Report on Contingent
Fees in Class Action Litigation, 25 REV. LITIG. 459, 467-69 (2006), che afferma che "By using
the number of hours worked as a starting point for calculating the fee, the lodestar method
encourages lawyers to ensure that the number of hours in the case is high").
161 Xcel Energy, Inc., Sec., Derivative & "ERISA" Litig., 364 F. Supp. 2d 980, 992 (D. Minn.
2005), second cui "[O]ne of the primary advantages of the [percentage of recovery] method is that
it is thought to equate the interests of class counsel with those of the class members and encourage
class counsel to prosecute the case in an efficient manner."; John C. Coffee, Jr., The Regulation of
Entrepreneurial Litigation: Balancing Fairness and Efficiency in the Large Class Action, 54 U.
CHI. L. REv. 877, 887 (1987) ("[E]ven uninformed clients can align their attorney's interests with
their own by compensating them through a percentage-of-recovery fee formula.").
162 In argomento, v. Brian T. Fitzpatrick, Do class action lawyers make too little', 158 U. Pa. L.
Rev. 2043 2009-2010, il quale osserva come ''courts typically use an indeterminate multifactor
test-often with the lodestar as one of the factors-to select a "reasonable" fee percentage . For
example, the Eleventh Circuit has identified a non-exclusive list of fifteen factors that district
courts should consider when deciding what fee percentage is reasonable: (1) the time and labor
required; (2) the novelty and difficulty of the questions involved; (3) the skill requisite to perform
the legal service properly; (4) the preclusion of other employment by the attorney due to
acceptance of the case; (5) the customary fee; (6) whether the fee is fixed or contingent; (7) time
limitations imposed by the client or the circumstances; (8) the amount involved and the results
obtained; (9) the experience, reputation, and ability of the attorneys; (10) the "undesirability" of
the case; (11) the nature and the length of the professional relationship with the client; [and] (12)
awards in similar cases'. 287 riconoscere all''avvocato una percentuale pari (o comunque generalmente non inferiore) al 25% 163. Ecco dunque che, sulla base delle osservazioni appena esposte, si può affermare che il sistema americano '' il quale anche sotto questo specifico profilo pare essere assai diverso dagli ordinamenti europei 164 '' incentivi gli avvocati ad iniziare le cause '' in relazione alle quali, come detto, ne sopportano oneri e onori 165 - solamente qualora gli stessi siano effettivamente convinti circa il buon esito del processo. Sotto un altro punto di vista si può affermare che, dovendo gli avvocati dell''attore sostenere interamente i costi della causa, gli stessi paiono essere meno incentivati a portare avanti casi difficili, con la conseguenza che spesso, qualora i consulenti medesimi non sono sicuri di vincere il processo, il caso non viene portato alla corte. Inoltre, l''elevato compenso riconosciuto all''avvocato, seppure secondo alcuni rappresenta un ingiustificato arricchimento del consulente legale ai danni dei singoli membri della class, trova la propria ragione giustificativa nella funzione di policy svolta da tali tipologie di azioni. Proprio con riferimento a 163 Focalizzando sempre l'attenzione proprio sul ruolo dell'avvocato occorre osservare come lo
stesso abbia il potere di promuovere l'azione di classe ma non certo l'obbligo di terminarla con la
conseguenza che potrebbe sussistere il pericolo che la class action venga abbandonata in cambio
di un accordo favorevole per l'avvocato e che, pertanto, quest'ultimo finisca per speculare su una
causa dagli stessa promossa e finanziata senza considerare adeguatamente i veri interessi dei class
members. Ecco dunque che, proprio considerando tali problematici profili, i recenti provvedimenti
di riforma hanno cercato di incrementare il potere di controllo del giudice specie nelle ipotesi di
transazioni "troppo amichevoli", di rinuncia all'azione, di percentuali sull'importo di cui il
convenuto si riconosce debitore, di verifica e liquidazione delle somme dovute agli avvocati.
164 Proprio su questo specifico argomento occorre considerare come la possibilità di incentivare le
azioni di classe con l'imprenditorialità necessaria all'organizzazione e con la prospettiva di
rilevanti rimborsi delle spese di difesa inizia a presentarsi anche in alcuni paesi europei (Trocker,
Class actions negli USA '' e in Europa', in Contratto e impresa/Europa, 2009, 178). Si pensi, per
esempio, come la legge svedese del 2002 disponga che il difensore tecnico possa concordare con
l'attore rappresentativo un accordo in forza del quale l'onorario viene ridotto qualora la domanda
sia rigettata e viceversa incrementato nell'ipotesi in cui il giudice accolga la domanda (Giussani,
Azioni collettive, cit., 169. Anche in Austria esistono forme di finanziamento della lite (Stadler e
Mom, Tu felix Austria' Nue Entwicklunger im kollektiven Rechtsschutz im Zivilprozess in
Osterreich, in RIW, 2006, 199).
165 Il class caunsel '' che come detto pur avendo sopportato tutto il costo della causa (gli avvocati
si fanno carico di indagini approfondite, economicamente molto costose), viene retribuito
solamente nelle ipotesi in cui vinca la causa - assume su di sé un considerevole rischio economico
circa l'esito dell''impresa intrapresa; ecco dunque che, sotto questo specifico punto di vista si puo''
affermare che "il perno delle class actions americane risiede nell''imprenditorialità' degli avvocati
statunitensi'. Spesso, infatti, in presenza di taluni eventi offensivi, sono proprio i grandi studi
legali ad iniziare il giudizio e ciò anche qualora manchi delle specifiche sollecitazioni da parte dei
clienti. 288 quest''ultimo profilo e'' stato osservato come, ''Because of the massive amount of attorney's fees available in these lawsuits, plaintiffs' attorneys have become the new "watch dogs" for the American consumer' 166 , e come, pertanto, il riconoscimento di un elevato compenso all''avvocato e'' altresi''funzionale ad incentivare le azioni in giudizio e quindi a soddisfare quella finalità di deterrenze che caratterizza l''istituto in esame. In termini conclusivi, dunque, si può affermare che '' in linea teorica '' la funzione del consulente nel contesto della class action americana sia quella di contribuire affinché tale strumento processuale possa effettivamente servire a raggiungere i soprarichiamati obiettivi di detterence a cui tale istituto e'' appunto finalizzato; l''avvocato, infatti, essendo compensato solamente in caso di vittoria della causa, e'' maggiormente incentivato a promuove delle class action contro le imprese che pongono in commercio prodotti dannosi. Allo stesso tempo, tuttavia, il class caunsel ha altresi'' la funzione di perseguire l''obiettivo di process efficiency, atteso che dovendo sostenere i costi della causa nell''ipotesi in cui la perda, e'' indotto ad iniziare e perseguire i processi solamente qualora sia effettivamente convinto del buon esisto dei medesimo 167. Tutto ciò premesso, e'' stato più volte segnalato come, nell''ordinamento americano spesso gli interessi degli avvocati contrastano con quelli della classe 168; il consulente cerca, infatti, spesso di trovare un accordo con l''impresa (settlement) 169 anche quando, invece, l''effettivo interesse della classe sarebbe 166 John J. Zefutie Jr., From butts to big macs '' can the big tabacco litigation and nation-wide
settlement with states'' attorneys general serve as a model for attacking the fast food industry', in
34 Seton Hall L. Rev. 1383 2003-2004.
167 Nei sistemi simili a quello italiano '' dove il compenso dell''avvocato non viene determinato
sulla base di una percentuale ma in base ad una tariffa '' la funzione di process efficinency viene
svolta dai clienti stessi; questi, infatti, tenderanno a portare avanti solamente le cause che credono
di poter vincere.
168 Kenneth W. Dam., Class Actions: Efficiency, Compensation, Deterrence, and Conflict of
InterestAuthor(s), in The Journal of Legal Studies, Vol. 4, No. 1 (Jan., 1975), pp. 47-73, il quale
afferma che ''contributes to overall efficiency. Two different conflicts of interest should be
considered. The first involves the representative party, who is a volunteer not normally chosen by
the class members to act on their behalf. The representative plaintiff may have inter- ests that are
not in all ways congruent with those of the members of the class. The second, and for the analysis
here more significant, conflict is faced by counsel representing the class. In particular, his decision
calculus as to settlement versus continued litigation may be sharply different from that of the
class'.
169 Kenneth W. Dam., Class Actions: Efficiency, Compensation, Deterrence, and Conflict of
InterestAuthor(s), in The Journal of Legal Studies, Vol. 4, No. 1 (Jan., 1975), nota 19, afferma che
''I shall ignore the possibility that counsel for the class may negotiate with the de- fendant for 289 quello di proseguire il giudizio al fine di ottenere un risarcimento più elevato possibile. In altre parole, in base al sopra richiamato sistema statunitense circa le modalità di compensazione dell''avvocato, vi e'' il forte rischio che quest''ultimo concluda con l''impresa convenuta degli accordi sulla base dei quali al consulente stesso viene riconosciuto un rilevante compenso a discapito, invece, dell''interesse dell''intera classe ad ottenere un risarcimento soddisfacente. 11. La tendenza delle corti americane a negare la certificazione della class nelle ipotesi di azioni che coinvolgono giurisdizioni di diversi Stati (multi state class action) e le problematiche concernenti la scelta della legge applicabile (choice of law rule) Una problematica che suscita particolare interesse nel contesto del sistema americano e che coinvolge, nell''ambito della product liability, tanto le azioni individuali, quanto quelle promosse tramite lo strumento della class action, e'' quella concernente la determinazione della legge applicabile 170 . In particolare, atteso che in un sistema federalista, come, appunto, quello statunitense - in cui ciascuno Stato mantiene una forte autonomia legislativa e giudiziaria - il problema concernente la choice of law 171 all''interno delle corti federali risulta essere particolarmente sentito e complesso, non solo in relazione alla c.d. tort law, ma anche in altri settori del diritto. Limitando la presente indagine alla normativa in tema di product liability, occorre osservare come, nell''ipotesi in cui un prodotto cagioni un danno, la scelta circa la legge applicabile nel singolo caso concreto risulta particolarmente significativa qualora si consideri che, nell''ordinamento statunitense, ciascuno Stato possiede delle proprie leggi in materia che spesso, peraltro, si differenziano nettamente; se, infatti, in alcuni Stati gli interessi degli attori sono particolarmente
independent compensation. Procedures concerning notice of settlement and hearings have been
devised to reduce the incidence of such unethical conduct'.
170 David Owen, M. Stuart Madden, Mary J. Davis, Madden & Owen on products liability, Third
edition, 2000.
171 Il problema viene affrontato, da Genevieve G. York-Erwin, The choice of law problem(s) in the
class action context, in 84 N.Y.U. L. Rev. 1793 2009, ove viene presentato seguente esempio
''Take, for example, a New York plaintiff who purchased in New Jersey a car manufactured by a
Michigan corporation and who was subsequently injured in an accident in Massachusetts due to
design-based engine failure. If she were to sue in tort for personal injury or in contract for breach
of warranty, which state's laws should govern' Different choice-of-law rules yield different
answers'. 290 tutelati - si pensi, per esempio, come in California l''onere della prova posto a carico dell''attore risulta essere estremamente agevole '' in altri Paesi, invece, si tende a proteggere maggiormente la posizione dell''impresa convenuta; inoltre, se in alcuni Stati, le corti tendono a riconoscere risarcimenti maggiormente cospicui, in altri i giudici, in relazione alla decisione concernente la quantificazione del danno, assumono un atteggiamento maggiormente restrittivo 172. Nello specifico, si tratta di stabilire quale legge deve essere applicata nelle ipotesi in cui per esempio un prodotto fabbricato nell''Ohio da un''impresa di New York e venduto in Tennessee che causa un danno in Iowa; se in tal caso, in linea teorica, potrebbero trovare applicazione tutte le leggi delle giurisdizioni citate, in realtà al fine di determinare quale legge applicare, bisogna ricorrere alle regole (choice of law rules) utilizzate della corti dello Stato in cui il processo viene iniziato; inoltre, occorre considerare che sussistono diverse teorie relative alla choice of law rule con la conseguenza che per l''impresa che opera negli Stati Uniti è pressoché impossibile individuare ex ante quale legge troverà applicazione nell''ipotesi in cui il bene commercializzato all''interno del mercato statunitense cagioni un danno a terzi. Ecco, dunque, che in tale contesto, appare evidente l''importanza che assume l''individuazione di precisi criteri diretti a determinare la scelta della legge applicabile nel singolo caso concreto e cio'' soprattutto al fine di poter preventivare le conseguenze economiche e sociali derivanti nell''ipotesi in cui, a seguito dell''utilizzo di un prodotto, si verifichi un danno; in altre parole, dunque, in un panorama normativo cosi'' variegato come quello statunitense, la determinazione di precise linee guida finalizzate ad individuare la normativa di volta in volta applicabile, pare indispensabile, nella misura in cui, in tal modo procedendo, il consumatore potrebbe determinare in anticipo la probabilità di ottenere il risarcimento del danno e l''impresa, a sua volta, sarebbe in grado di conoscere ex ante il costo del rischio connesso al prodotto commercializzato. 172 Per quanto concerne le diverse giurisdizioni occorre osservare come, generalmente, le Corti
federali tendono a salvaguardare maggiormente gli interessi delle imprese convenute mentre
invece le corti statali tendono a proteggere le ragioni dei danneggiati, con la conseguenza che,
spesso, le societa'' convenute presso le corti statali cercono di spostare la causa presso le corti
federali. 291 Tuttavia, all''interno del sistema statunitense ciò non e'' possibile e anzi la questione relativa alla scelta della legge applicabile e considerata una problematica che suscita non poche perplessità. Tutto ciò premesso occorre osservare come, nel sistema nordamericano i diversi criteri diretti a stabilire quale legge applicare nel singolo caso concreto conducono a risultati contrastanti, determinando, in questa specifica materia, un quadro ancor più confuso e certamente poco prevedibile. Infatti, come precedentemente rilevato, ciascuno Stato possiede non solo proprie regole sostanziali e processuali, ma da Paese a Paese variano anche le choice of law rule. Ecco dunque che, nelle ipotesi in cui una controversia abbia contatti con vari Stati, la Corte federale adita dal danneggiato valuta, in primo luogo, sulla base delle proprie regole in materia (ossia delle choice of law rule dello Stato in cui ha sede), quali sono le leggi che potenzialmente possono trovare applicazione nel singolo caso concreto 173. Ecco dunque che, se a seguito della suddetta indagine, i giudici ritengono applicabili normative che, pur essendo di Stati diversi, risultano essere sostanzialmente conformi, la problematica concernente la determinazione della legge applicabile non pone alcun particolare ostacolo ai fini della risoluzione del caso concreto; tuttavia, qualora, invece, vi sia la possibilità di applicare diverse norme tra loro contrastanti, allora spetterà alla Corte federale stessa determinare quale legge applicare, sulla base delle regole del luogo in cui la Corte federale medesima ha la propria sede 174. Tuttavia, occorre altresì osservare come, con particolare riferimento alla tort law, i singoli Stati americani seguano diversi ''criteri di collegamento' 175; in particolare, secondo la prima regola americana in tema di choice of law, ai fini della individuazione della legge applicabile bisogna considerare la normativa del luogo in cui è avvenuto un evento importante o una particolare parte aveva il 173 Klaxon Co. v. Stentor Elec. Mfg. Co., 313 U.S. 487, 496 (1941).
174 Sul punto, v. Phillips Petroleum Co. v. Shutts, 472 U.S. 797, 816 (1985) ("We must first
determine whether Kansas law conflicts in any material way with any other law which could
apply. There can be no injury in applying Kansas law if it is not in conflict with that of any other
jurisdiction connected to this suit.").
175 Christopher A. Whytock, Myth of Mess' International Choice of Law in Action, 84 N.Y.U. L.
REV. 719, 725-28 (2009), il quale osserva come il 19% delle giurisdizioni ha adottato il metodo
previsto del First Restatment; il 6% quello relativo al ''significant contact'; il 6% l'''interest
analysis'; il 4% ''lex fori'. 292 proprio domicilio (lex loci delicti) 176 ; in particolare, il First Restatement of Conflict of Laws prevede, la regola secondo cui, ai fini della determinazione della legge applicabile, bisognava aver riguardo alla the law of the place of wrong 177, ossia the state where the last event necessary to make an actor liable for an alleged tort takes place 178. Tuttavia, intorno agli anni Sessanta '' a seguito della c.d. American choice of law revolution, gli Stati americani, ai fini della soluzione della problematica concernente la determinazione della legge applicabile, cominciarono ad utilizzare altri criteri (c.d. modhern methods) 179. Nello specifico, tra i diversi modern methods seguiti nei vari Stati nord americani, quello che ha ottenuto piu'' successo e che quindi e'' stato seguito dalla maggior parte degli Stati e'' il metodo indicato nel Second Restatement of Conflict of Laws 180; in particolare, nel richiamato Restatement viene sancito che: "[t]he rights and liabilities of the parties with respect to an issue in tort are determined by the local law of the state which, with respect to that issue, has the most significant relationship to the occurrence and the parties under the principles stated in § 6 " 181, il quale elenca una serie di policy considerations dirette ad 176 Jack L. Goldsmith & Alan. Sykes, Lex loci delictus and global economic welfare: Spinozzi v. itt
Sheraton corp., in 120 Harv. L. Rev. 1137 2006-2007.
177 Secondo il First Restatement, ai fini della determinazione della legge applicabile, bisogna aver
riguardo alla legge del luogo dove il danno si e'' verificato RESTATEMENT (FIRST) OF
CONFLICT OF LAWS § 378 (1934), mentre per quanto concerne le controversie riguardanti i
contract claim occorre far riferimento al luogo in cui il contratto e'' stato concluso (the place of
contracting).
178 Generalmente, si trattava della legge del luogo dove l''attore aveva subito il danno.
179 Uno dei quali (ossia il c.d. most significant contact) prevede che "[t]he state that has the 'most
significant contacts with the case and the parties is the center of gravity of the dispute, and thus its
law governs'. Un altro modern method che veniva applicato in alcuni Stati e'' quello dell'''interest
analysis', secondo cui, qualora vi sia un conflitto tra le leggi applicabili, il giudice applies the law
of the state with the greater interest in having its law applied or the law of the state whose interests
would be most impaired if its law were not applied'. In argomento, v. Christopher A. Whytock,
Myth of Mess' International Choice of Law in Action, 84 N.Y.U. L. REV. 719, 725-28 (2009), il
quale osserva come The introduction of state interests into choice-of-law analysis was inspired
largely by the scholarship of Brainerd Currie (in argomento, v. Brainerd Currie, Selected essays
on the conflict of law (1963)). . 180 RESTATEMENT (SECOND) OF CONFLICT OF LAWS § 145(1) (1971).
181 According to section 6: [T]he factors relevant to the choice of the applicable rule of law
include (a) the needs of the interstate and international systems, (b) the relevant policies of the
forum, (c) the relevant policies of other interested states and the relative interests of those states in
the determination of the particular issue, (d) the protection of justified expectations, (e) the basic
policies underlying the particular field of law, (f) certainty, predictability and uniformity of result,
and (g) ease in the determination and application of the law to be applied. 293 incidere sul convincimento del giudice circa la determinazione della choiche of law. La Section 145 (2) prevede, inoltre, che, qualora trovino applicazione i principi di cui alla § 6 il giudice deve tenere in considerazione il luogo dove si e'' verificato il danno (place on injury), il luogo deve e'' stata posta in essere la condotta dannosa (the place of conduct), il domicilio o la nazionalita'' delle parti e il luogo of the parties relationship. Alla luce di quanto sopra esposto emerge chiaramente come negli Stati Uniti il problema concernente la legge applicabile risulti essere assai complicato non solamente perché gli Stati americani hanno adottato ''criteri di collegamento' diversi gli uni dagli altri, bensì anche perché i singoli metodi (si pensi a quello secondo cui la legge applicabile e'' quella del luogo che ha un significant contact) 182 lasciano un ampio spazio di manovra al giudice, il quale e'' libero di decidere, di volta in volta, gli elemento di fatto da valorizzare al fine di determinare a quale normativa fare riferimento per la risoluzione del singolo caso concreto. In altre parole, in tal modo procedendo, si giunge a pronunce giurisprudenziali ed a soluzioni applicative poco coerenti, spesso contraddittorie e, soprattutto assolutamente imprevedibili 183 , con la conseguenza che detta 182 Al fine di determinare quale sia il luogo in cui la causa ha un contatto significativo possono
essere considerate una serie di circorstanze tra cui, il luogo in cui il danno si e'' verificato, dove la
condotta che ha cagionato il danno e'' stata posta in essere, oppure, la cittadinanza delle parti.
183 Per quanto concerne il Second Restatement e'' stato osservato come lo stesso ''directs courts to
consider a list of nonexclusive factors that go to the very heart of choice of law's role in a
federalist system' e come pertanto ''For all their complicated obscurity, modern choice-of-law
rules are fundamentally about doing the right thing-they seek to promote both fairness to the
litigants and good federalism by respecting the regulatory interests of sister states such that the
law of the state with the strongest relationship to the parties and occurrence governs the course of
conduct. However, this effort entails significant judicial discretion and variation in outcomes; as a
result, modern choice-of-law methods are notoriously indeterminate' [Genevieve G. York-Erwin,
The choice of law problem(s) in the class action context, in 84 N.Y.U. L. Rev. 1793 2009. In
argomento, v. anche Kaczmarek v. Allied Chem. Corp., 836 F.2d 1055, 1057 (7th Cir. 1987),
secondo cui i metodi moderni ultilizzati per determinare la legge applicabile "caus[ing] pervasive
uncertainty, higher cost of litigation, more forum shopping ... and an uncritical drift in favor of
plaintiffs". V. anche Christopher A. Whytock, Myth of Mess' International Choice of Law in
Action, 84 N.Y.U. L. REV. 719, 725-28 (2009)]. Proprio con particolare riferimento alla
determinazione della legge applicabile, la Supreme Court ha offerto alcune linee guida circa la
formulazione o l''applicazione delle choice of law rule; cosi'' in Phillips Petroleum Co. V. Ahutts, la
Corte ha specificato che la choice of law deve avere un "significant contact or significant
aggregation of contacts .. creating state interests" con riferimento a ciascun claim (472 U.S. 797,
821-22 (1985) (quoting Allstate Ins. Co. v. Hague, 449 U.S. 302, 313 (1981)) (holding
unconstitutional Kansas Supreme Court's application of Kansas law to all class claims when
Kansas did not have sufficient contacts with or "interest" in some of those claims). Le corti sono
libere di applicare una determinata legge sostanziale all''intera classa qualora la legge ha un 294 indeterminatezza circa l''individuazione della legge applicabile, si traduce, di fatto, in un aumento dei costi per l''intera società; infatti, l''impresa che pone sul mercato un bene destinato a circolare in tutto il territorio statunitense, non sapendo esattamente quali conseguenze potrebbero derivare nell''ipotesi in cui tale prodotto cagioni un danno '' in quanto, appunto, non e'' dato prevedere ex ante quale legge potrà essere applicata -, calcolerà il più alto costo, con il conseguente aumento del prezzo finale del prodotto stesso il quale finisce per ricadere sull''intera collettività. Tale problematica, poi, come detto, non concerne solamente le azioni individuali ma assume un''importanza particolare nel contesto della class action, soprattutto alla luce del fatto che, negli ultimi anni, la predetta problematica concernente la scelta della legge applicabile ha rappresentato il maggior ostacolo alla certificazione della class; infatti, nelle ipotesi in cui le corti federali si sono trovate a decidere quali tra diverse leggi applicare, i giudici federali stessi generalmente hanno preferito negare la cerification 184 , in quanto ''When the choice of- law rule points to the laws of different states for different class members, federal courts usually find predominance and/or superiority lacking and deny certification' 185. In altre parole, sembra che, qualora ci siano diverse e contrastanti leggi statali che possono trovare applicazione, le corti federali generalmente ritengono non soddisfatto il requisito di cui alla Rule 23 (b) (3) e,
sufficient contact with each class member''s claim e a condizione che la corte scelga quella legge
sulla base della choice of law rule dello stato in cui la corte stessa ha sede. Ecco dunque che, in
tale contesto e'' evidente come, priprio a causa della mancanza di specifiche indicazioni da parte
della costituzione o della Supreme Court ha comportato l''insorgere di differenti choice of law
methodos all''interno degli Stati Uniti (Genevieve G. York-Erwin, The choice of law problem(s) in
the class action context, in 84 N.Y.U. L. Rev. 1793 2009, ove si afferma che ''This lack of
constitutional or Supreme Court direction has encouraged divergent choice-of-law methods and
results across the country').
184 Una soluzione a tale problema e'' quella di dividere la class in subclasses.
185 Al riguardo, la dottrina ha, infatti, osservato come, nel sistema americano, sucessivamente
all''emanazione della Class Action Fairness Act del 2005 (CAFA) i giudici federali '' i quali
peraltro si trovano a dover decidere le class action piu'' importanti - tendono a negare la
certificazione della classe piu'' frequentemente di quanto facciano le corti statali, soprattutto
richiamandosi alla problematca concernente la legge applicabile. 295 conseguentemente, non concedono la certification 186 della class per mancanza di predominance 187. Ecco dunque che, sotto questo specifico profilo, occorre altresi'' osservare come il fatto che il CAFA (Class Action Fairness Act del 2005) conduca la maggior parte delle nationwide class action verso le corti federali - all''interno delle quali, come detto, generalmente i giudici tendono a negare la certificazione della classe sulla base della problematica concernente la choice of law '' conducono ad un risultato indesiderabile sia con riferimento alla finalita'' compensativa sia con riguardo alla funzione di deterrence che lo strumento della class action dovrebbe specificatamente perseguire. In altri termini, se in via generale, si puo'' affermare che, negli Stati Uniti la responsabilita'' civile assume una funzione che, non solo e'' diretta a ripristinare e riparare il danno subito dall''attore (compensatoria) ma persegue altresi'' lo scopo di dissuadere il danneggiante dal compimento di azioni dannose ed, in tale contesto, la class action rappresenta uno strumento processuale diretto, appunto, a realizzare anche tale obiettivo, e'' evidente come, se le corti americane, di fronte ad una multi state class action, tendono a negare la certification della class qualora si trovino di fronte ad un insieme di leggi applicabili tra loro contrastanti, di fatto, uno dei principali scopi della class action (ossia appunto la c.d. deterrence) non viene di fatto raggiuto. Fermo restando quanto precede, occorre altresì osservare come, sempre nel contesto della class action, l''individuazione della legge applicabile e'' fondamentale anche ai fini della determinazione del princing settlement; infatti, a seconda della legge applicabile cambiano le probabilità di conseguire la certification della class, il cui ottenimento influisce inevitabilmente sul valore di un eventuale accordo 188. 186 E'' interessante notare come spesso, anche se la class non ottiene la certification, le parti
raggiungano comunque un accordo in quanto e'' primario interesse dell''impresa evitare future e
potenziali azioni individuali.
187 Predominance asks if "questions of law or fact common to class members predominate over
any questions affecting only individual members."
188 Robert G. Bone & David S. Evans, Class Certification and the Substantive Merits, 51 DUKE
L.J. 1251, 1285 n.129 (2002), il quale evidenzia come circa il 70% dei casi portati davanti alle
corti federali si concludono con un ''pretrial settlement". 296 12. Verso forme di aggregazione informale delle cause (informal aggregations) Proprio per le ragioni collegati alla difficoltà di ottenere la certification della class '' e cio'' soprattutto nelle ipotesi di multistate class action - e la conseguente tendenza delle corti federali a negare la certificazione della class in tutti i casi in cui sussiste un conflitto tra le leggi potenzialmente applicabili '' negli Stati Uniti sussiste la recente tendenza ad aggregare diverse cause non già tramite strumenti formali 189 bensì in via informale190, con la conseguenza che, seppure le diverse cause rimangono formalmente indipendenti, di fatto gli avvocati delle parti coordinano i loro sforzi e agiscono in giudizio come se si trattasse di un unico caso. In tal modo procedendo, il ricorso ad alcuni strumenti processuali come la c.d. consolidation o la c.d. multidistrict litigation '' i quali comunque presentano alcune evidenti limitazioni 191 - da un lato, conduce da un sistema proprio della class action basato sull''opt out ad un modello di opt in e dall''altro lato occorre osservare come tramite detti istituti processuali gli attori finiscono per dividere i costi relativi alla discovery, uniscono le risorse necessarie per assumere gli esperti ed, in generale finanziano il contenzioso in maniera più efficiente 192. 189 Oltre la class action altri strumenti formali possono essere la c.d. consolidation e la
multidistrict litigation transfer; in nesuno dei due casi i ricorsi sono uniti in un''unica azione..
190 In argomento, v. Howard M. Erichson, Informal aggregation: procedural and ethical
implications of coordination among counsel in related lawsuits, in 50 Duke L.J. 381 2000-2001, il
quale afferma che ''Often related claims remain formally independent, and proceed as separate
lawsuits, but the lawyers act as though the separate suits were formally aggregated, coordinating
their efforts to such an extent as to amount to a treatment of the litigation as a single, integrated
whole. This phenomenon--call it "informal aggregation"--raises important questions about the
boundaries of a dispute and the boundaries of the lawyer-client relationship'.
191 La consolidation e'' limitata ai casi che pendono davanti alla stessa corte. Inoltre, una state
court action non puo'' essere consolidated with a federal court action unless the state court action
is first removed to federal court'. La c.d. Multidistrict litigation, si trasferiscono tutti i casi ad una
singola federal district court al fine di consolidated pretrial proceedings. Tale strumento, tuttavia,
si applica ai solo pretrial proceeding.
192 MICHAEL D. GREEN, BENDECTIN AND BIRTH DEFECTS: THE CHALLENGES OF
MASS Toxic SUBSTANCES LITIGATION 240-41 (1996); JACK B. WEINSTEIN,
INDIVIDUAL JUSTICE IN MASS TORT LITIGATION 74 (1995); Howard M. Erichson,
Informal aggregation: procedural and ethical implications of coordination among counsel in
related lawsuits, cit., il quale afferma che ''Plaintiffs''lawyers work together to plan strategy,
conduct discovery, hire experts, develop scientific evidence, conduct jury focus groups, and join
efforts in countless other ways'. 297 Anche la difesa può essere coordinata atteso che, in tal modo procedendo, i legali si scambiano informazioni, ricerche legali e strategie difensive 193. Su questo specifico profilo è stato infatti osservato come ''Complex products liability litigation, for example, ordinarily involves multiple defendants along the distribution chain, such as manufacturer, distributor and retailer, and may involve multiple manufacturers as well. Such defendants, by working together rather than pointing fingers, may focus their attention on jointly defeating plaintiffs' theories concerning such key issues as product defect, causation, and market share liability' 194. I convenuti traggono una serie di vantaggi nel coordinare le loro difese; in primo luogo, in tal modo procedendo, gli stessi risparmiano i costi della difesa; in secondo luogo, tramite appunto lo scambio d''informazioni, ciascun convenuto può anticipare le risposte alle accuse dell''attore. Infine, la c.d. defense coordination diminuisce il rischio che coloro che hanno partecipato alla produzione e commercializzazione del prodotto si accusino a vicenda 195. 193 Judith Resnik la quale ha affermato che le forme di aggregazioni informali sono "less visible to
the academy" than formal procedures documented in rules and judicial opinions. Judith Resnik,
From "Cases" to "Litigation," 54 LAW & CONTEMP. PROBS. 5,39 (Summer 1991); Dennis E.
Curtis & Judith Resnik, Contingency Fees in Mass Torts: Access, Risk, and the Provision of Legal
Services When Layers of Lawyers Work for Individuals and Collectives of Clients, 47 DEPAUL L.
REv. 384 [Vol. 50:381425, 429 (1998) (ove si sottolinea che l''impatto della c.d. informal
aggregation nell''"allocat[ion] [of] costs and fees"); Judith Resnik et al., Individuals Within the
Aggregate: Relationships, Representation, and Fees, 71 N.Y.U. L. REV. 296, 300-01 (1996) ( ove
si analizza l''"impact of aggregation on the financial incentives of lawyers.... some of whom may
work solely for individual plaintiffs .... for individual clients,... [or] for the plaintiff group as a
whole"). V. anche Mitchell A. Lowenthal & Howard M. Erichson, Modern Mass Tort Litigation,
Prior-Action Depositions and Practice-Sensitive Procedure, 63 FORDHAM L. REV. 989, 996-
1008 (1995); DEBORAH R. HENSLER ET AL., CLASS ACTION DILEMMAS: PURSUING
PUBLIC GoALs FOR PRIVATE GAIN, ExECUTIvE SUMMARY 31 (1999); Deborah R.
Hensler, A Glass Half Full A Glass Half Empty: The Use of Alternative Dispute Resolution ih Mass
Personal Injury Litigation, 73 TEX. L. REV. 1587, 1609-12 (1995); Deborah R. Hensler,
Resolving Mass Toxi