verticale

Resistenza a taglio di travi con armature trasversali a diversa inclinazione

È stato presentato un modello per la stima della capacità portante a taglio di travi provviste di due ordini di staffe. Le analisi parametriche hanno mostrato come lo schema più efficiente a parità di armatura è quello che prevede, oltre l’ordine di staffe verticali, un secondo ordine inclinato nella direzione prossima a quella delle isostatiche di trazione. Con questa disposizione di armature, la capacita portante a taglio è in pratica sempre superiore a quella fornita dalla disposizione.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Intervento al convegno "Le prospettive di sviluppo delle opere in calcestruzzo strutturale", 2011

Pubblicato
da Alessia De Giosa
VerticaleSegui aziendaSegui




Estratto del testo
159 RESISTENZA A TAGLIO DI TRAVI CON ARMATURE TRASVERSALI A DIVERSA INCLINAZIONE


Piero Colajanni1, Lidia La Mendola2, Giuseppe Mancini3, Antonino Recupero1
1 Dipartimento di Ingegneria Civile '' Università di Messina
2 Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Aerospaziale '' Università di Palermo
3 Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica '' Politecnico di Torino

SOMMARIO
Il modello per la valutazione del taglio resistente di elementi in c.a. dotati di staffe adottato dalle recenti Norme Tecniche per le
Costruzioni, basato sul modello di Nielsen a campi di tensione ad inclinazione variabile, viene qui esteso per potere modellare il
comportamento di travi dotate di due ordini di armature trasversali disposte secondo due diverse giaciture, ed eventualmente anche di
armatura longitudinale di parete. Vengono poi presentati i risultati di una indagine numerica condotta con il modello proposto,
finalizzata ad evidenziare la disposizione più efficace del secondo ordine di armatura trasversale nel conferire resistenza alle travi.
SUMMARY
The model for evaluation of shear strength of reinforced concrete member with transversal web reinforcement, recently adopted by
the Italian code, and formulated by Nielsen on the basis of the variable inclination stress field approach, is generalized here to
provide the shear strength of r.c. beams equipped with two orders of transversal web reinforcement lying on two different planes, and
if present, longitudinal skin reinforcement also. The results of a numerical analysis are reported, in order to highlight the most
effective layout of the double order web transversal reinforcement in providing shear strength of the beams.



1. INTRODUZIONE
Viene formulato un modello per la valutazione del taglio resistente per travi dotate di elementi di rinforzo trasversali
disposti con due giaciture diverse ed eventualmente di
elementi longitudinali di rinforzo diffusi in parete oltre quelli
presenti all''intradosso ed all''estradosso della trave. Tale tipo di rinforzo a taglio si riscontra frequentemente in diverse tipologie strutturali: - travi alte che presentano in
anima armature trasversali inclinate con due diversi angoli di
giacitura (90° e 45°), congiuntamente ad armature
longitudinali diffuse; - travi reticolari miste acciaio-
calcestruzzo, realizzate mediante tralicci metallici che, nella
loro configurazione definitiva, sono inglobati nel getto finale
di calcestruzzo; - travi in c.a. con rinforzi discontinui a taglio
in FRP disposti con giacitura diversa rispetto a quella delle
staffe originarie. Sebbene i moderni codici di calcolo che ricorrono a sofisticati modelli FEM non lineari permettono una accurata
previsione di comportamento [1], [2], [3] e [4], tale strumento
diventa di difficile impiego nelle fasi di progettazione e di
verifica dei risultati. Attualmente i codici normativi non contengono formulazioni specifiche che possono essere applicate
indifferentemente ai diversi casi sopracitati e che si basano su
un modello fisico unico e senza soluzione di continuità con
quelli già applicati ai casi ordinari. Per esempio, nel caso di
travi reticolari miste si suggerisce [5] di trascurare il
contributo delle armature trasversali che presentano giaciture
prossime a quelle dei ''puntoni compressi di calcestruzzo', e di
tenere in conto solo le armature ''tese'. In alternativa, si
raccomanda di considerare il traliccio come un elemento
resistente a se stante che fornisce il suo contributo in aggiunta
a quello della trave. Nel caso di rinforzi in FRP, invece, la
letteratura utilizza un approccio diverso e suggerisce
l''adozione di modelli additivi [6], [7] già utilizzati, negli anni
passati, in una formulazione classica per elementi in
calcestruzzo armato ordinario provvisti di un solo ordine di
staffe. Tali modelli, peraltro ripresi dalla proposta CNR [8] per
rinforzi in FRP, sono stati oggi abbandonati nel caso di
elementi strutturali ordinari in c.a. Pertanto, nel caso di rinforzi in FRP, la proposta CNR non appare in linea con la
formulazione oggi utilizzata e consigliata dai codici normativi
internazionali e nazionali quando gli elementi non sono dotati
di rinforzo. ' noto, infatti, come il modello resistente ormai
ampiamente accettato dalla comunità scientifica europea per le 160 verifiche a taglio nel caso di elementi in calcestruzzo armato
dotati di un solo ordine di armatura sia quello ad inclinazione
variabile dei campi di tensione del calcestruzzo, proposto per
prima dalla scuola danese [9] ed esteso successivamente dagli
autori al caso di armature diffuse in anima in direzione
longitudinale [10]. In questa sede viene derivato un modello per la valutazione del taglio resistente per travi dotate di elementi di
rinforzo trasversali disposti con due giaciture diverse
attraverso l''estensione del modello per elementi in
calcestruzzo armato attualmente in uso nei codici europei [11]. L''obiettivo è, quindi, quello di proporre una formulazione che, pur garantendo la necessaria affidabilità, sia basata su un
semplice modello meccanico di immediata interpretazione
fisica in grado di orientare le scelte in fase di
dimensionamento e progettazione esecutiva anche di interventi
di rinforzo. Il modello viene derivato mantenendo le stesse ipotesi del modello originario allo stato limite ultimo, riassunte di
seguito:
' le armature trasversali disposte secondo due diverse giaciture e quelle longitudinali d'anima (armature di parete),
se presenti, sono soggette a soli sforzi assiali, e sono diffuse
nel calcestruzzo in modo tale da poterle ritenere
uniformemente distribuite, così che la loro azione può
essere modellata attraverso dei campi di tensione; ' il calcestruzzo d'anima è soggetto a stato di compressione monoassiale, inclinato di un angolo θ sulla direzione longitudinale e costituisce un altro campo di tensione; ' per la rottura si perviene alla formazione di un ''traliccio multiplo resistente' in cui le armature longitudinali d''anima
e di uno dei due correnti costituiscono gli elementi tesi,
mentre il calcestruzzo dell'altro corrente e quello d'anima
costituiscono gli elementi compressi; ' le armature trasversali (staffe) che presentano due giaciture diverse sono soggette a sforzi di trazione o di compressione
in funzione delle singola giacitura con cui sono disposte. Inoltre il modello non tiene conto in modo esplicito: - dell'effetto spinotto nelle armature sia longitudinali che
trasversali; - dell'effetto di ingranamento del calcestruzzo
lungo la fessura, la cui presenza è presa in conto nel differente
orientamento tra i campi di tensione d'anima e quello dei conci
di calcestruzzo compresi tra le fessure; - dell''effetto arco, che
assume proporzioni rilevanti in prossimità degli appoggi,
limitando la validità del modello solo alle zone correnti e non
in prossimità di carichi concentrati, ove i modelli da adottare
sono sostanzialmente locali. Va inoltre fatto rilevare che il modello ad inclinazione variabile dei campi di tensione assume che l''orientamento
delle prime fessure (crack line) e quello dei campi di tensione
del calcestruzzo d''anima (yield line) sono diversi, ma la sua
applicazione richiede che venga opportunamente controllato
che la differenza fra le due giaciture si mantenga entro i limiti
permessi dalla scabrezza delle superfici. Particolare attenzione
dovrà essere posta in presenza di azioni cicliche, dove tali
limiti potrebbero individuare un campo di variazione
particolarmente ristretto rispetto a quello per carichi di natura
statica [12]. 2. FORMULAZIONE DEL MODELLO
Il modello può essere derivato attraverso la semplice scrittura delle equazioni di equilibrio di un generico concio di
trave. Il concio analizzato è costituito dalle due zone correnti,
una all''intradosso e l''altra all''estradosso, collegate da una
zona d''anima. Le armature tenute in conto nel modello sono le
seguenti (Fig. 1):
1. armatura longitudinale principale disposta nei due correnti, necessaria ad assorbire gli sforzi derivanti dalla
pressoflessione o tensoflessione; 2. armatura longitudinale secondaria disposta in anima;
3. armatura trasversale disposta in anima, lungo la prima giacitura ( α1); 4. armatura trasversale disposta in anima, lungo la seconda giacitura ( α2). Figura 1 - Armatura in un tratto di trave
Il valore del taglio resistente viene ricercato applicando il teorema statico della teoria della plasticità; si ricerca cioè, il
valore dei carichi a rottura come estremo superiore della classe
delle soluzioni staticamente ammissibili, valutando così la
cosiddetta ''lower bound solution'. A tale scopo si esplicitano le condizioni di equilibrio di un tronco dell''elemento strutturale ottenuto sezionando
all''ascissa x con un taglio parallelo alla direzione dei campi di
calcestruzzo. Indicando con V* ed M* le azioni all''estremità
sinistra del concio, in assenza di carichi distribuiti, con
riferimento alla simbologia introdotta in Fig. 2, l''equilibrio
alla traslazione verticale può essere scritto nella forma: Figura 2 - Tronco di trave, sezionato all''estremità con piano
parallelo alla direzione θ dei campi di compressione del calcestruzzo d''anima ( ) ( ) * 2 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 ctg ctg sin sin ctg ctg sin 0 sin tw tw tw tw tw tw A V z s A z s ' θ α α α ' θ α α α '' '' '' '' '' '' + '' + '' '' '' ' ' '' '' '' '' '' '' + '' = '' '' '' ' ' (1) in cui Atw1 e Atw2 sono le aree delle armature d''anima disposte
rispettivamente nei passi stw1 ed stw2. Definendo le seguenti percentuali meccaniche di armatura: 161 1 1 ' 1 1 sin yd tw tw w tw cd f A b s f ' α = '' '' '' 2 2 ' 2 2 sin yd tw tw w tw cd f A b s f ' α = '' '' '' in cui bw è la larghezza della sezione, fyd la tensione di
snervamento dell''acciaio e f''cd la resistenza a compressione
ridotta del calcestruzzo d''anima e, indicando con Vsd(x) il
taglio sollecitante all''ascissa x (Vsd(x) =V* in assenza di
carichi distribuiti), l''Equazione 1 assume la forma: ( ) ( ) ' 2 1 1 1 1 ' 2 2 2 2 2 ( ) ctg ctg sin ctg ctg sin tw sd tw cd w yd tw tw cd w yd V x f z b f f z b f ' ' θ α α ' ' θ α α '' '' = '' '' '' '' '' + '' + '' '' '' '' ' ' '' '' + '' '' '' '' '' + '' '' '' '' '' ' ' (2) Indicando con Cθ + la risultante degli sforzi nel corrente compresso alla sezione x+0.5 z ctg θ , l'equazione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto A di Fig. 2 fornisce: ( ) ( ) ( ) ( ) * ' 2 1 1 1 1 ' 2 2 2 2 2 ' 2 1 1 1 1 1 ' 2 2 2 2 2 2 ctg ctg sin ctg ctg sin ctg ctg sin ctg 2 ctg ctg sin ctg tw tw cd w yd tw tw cd w yd tw tw cd w yd tw tw cd w yd M C z f z b x f f z b x f z f z b f z f z b f θ ' ' θ α α ' ' θ α α ' ' θ α α α ' ' θ α α α + '' '' + '' '' + '' + + '' '' '' '' ' ' '' '' + + + '' '' '' '' ' ' '' '' + + + '' '' '' '' ' ' '' '' + + '' '' '' '' ' ' ' 2 0 2 lw lw cd w yd z f z b f ' ' + '' '' + = '' '' '' '' ' ' (3) dove: ' yd lw lw w cd f A b h f ' = '' '' essendo Alw l''area dell''armatura longitudinale di parete e h
l''altezza della sezione. Sostituendo l''Equazione 2 nell''Equazione 3, esprimendo il momento alla generica ascissa come Msd(x)=M*+V*x, e
raccogliendo a fattore comune, si ottiene: ( ) ( ) 2 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 ' ( ) ctg ctg sin c tg ctg ctg sin c tg 2 tw sd tw yd tw tw yd lw lw cd w yd M x f f z f z b C z f θ ' ' θ α α α ' ' θ α α α ' ' + ''' '' + '' '' + '' '' + ''' '' '' '' '' ' ' '' '' + '' '' + '' '' + '' '' '' '' ' ' ' '' '' + '' '' '' '' '' = '' ' '' '' '' '' ' ' ' ' (4) Indicando con Tθ '' la risultante degli sforzi nel corrente teso alla sezione x-0.5 z ctg θ , l'equazione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto B di Fig. 2, dopo aver sostituito
l''Equazione 2, in maniera del tutto analoga a quanto fatto per ottenere la precedente Equazione 4, assume la forma: ( ) ( ) ( ) 2 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 ' ctg ctg sin ctg ctg ctg sin ctg 2 tw sd tw yd tw tw yd lw lw cd w yd M x f f z f z b T z f θ ' ' θ α α α ' ' θ α α α ' ' '' ''' '' '' '' + '' '' ''' '' '' '' '' ' ' '' '' + + '' '' '' '' ' ' ' '' '' + '' '' '' = '' ' '' '' '' '' ' ' ' ' (5) In maniera del tutto analoga, è possibile scrivere le equazioni di equilibrio di un tronco dell''elemento strutturale
ottenuto sezionando all''ascissa x con un piano parallelo alla
direzione α2 delle staffe . Figura 3 '' Tronco di trave, sezionato all''estremità con piano
parallelo alla direzione delle staffe α2
Scrivendo l'equazione di equilibrio alla traslazione verticale, introducendo il taglio ridotto e il rapporto meccanico
delle armature trasversali, si ottiene: ( ) ( ) 2 2 ' 2 1 1 1 2 1 ( ) ctg ctg sin ctg ctg sin sd cw w tw tw cd w yd V x z b f b z f ' θ α θ ' ' α α α = '' '' '' + '' + '' '' + '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' (6) Indicando con 2 C α '' la risultante degli sforzi nel corrente compresso alla sezione x-0.5 z ctg α2, l'equazione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto A di Fig. 3, dopo le stesse
manipolazioni fatte per l''omologa Equazione 4, assume la
forma: ( ) ( ) ' 2 2 ' 2 1 1 2 1 1 1 2 ( ) ctg ctg sin ctg ctg ctg sin ctg 2 cw sd cd w cd lw tw lw tw yd yd M x f z b f z f f C z α ' θ α θ θ ' ' ' α α α α ' '' ' '' '' + '' + ' '' '' ' ' ' ' ' '' '' '' '' + + '' ' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' ' ' = '' (7) Indicando con + 2 Tα la risultante degli sforzi nel corrente compresso alla sezione x+0.5 z ctg α2, l'equazione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto B di Fig.3, può essere posta
nella forma: ( ) ( ) ' 2 2 ' 2 + 1 1 1 2 1 1 2 ( ) ctg ctg sin ctg 2 ctg ctg sin ctg cw sd cd w cd lw lw yd tw tw yd z M x f z b f f T z f α ' θ α θ θ ' ' ' ' α α α α ''' '' + + + ''' '' '' ' ' '' '' '' '' + '' '' '' '' ' ' ' '' '' '' '' = '' ' '' '' '' '' ' ' ' ' (8) Le Equazioni 2, 4, 5, 6, 7 e 8, opportunamente riformulate, consentono di valutare il taglio resistente, come sarà 162 evidenziato nel successivo paragrafo. Tuttavia, al fine di
mostrare la fondatezza del modello, di seguito vengono scritte
anche le equazioni di equilibrio del tratto di trave ottenuto
effettuando una sezione alla generica ascissa x con un piano
parallelo alle giacitura α1 del primo ordine di staffe, rappresentato in Fig. 4. In maniera analoga a quanto fatto in precedenza, è allora possibile scrivere l'equazione di equilibrio alla traslazione
verticale, che dopo alcune manipolazioni assume la forma: Figura 4 '' Tronco di trave, sezionato all''estremità con piano
parallelo alla direzione delle staffe α1 ( ) ( ) 2 1 ' 2 2 2 2 1 2 ( ) ctg ctg sin + ctg ctg sin sd cw w tw tw cd w yd V x z b f b z f ' θ α θ ' ' α α α = '' '' '' + '' + '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' (9) Indicando con 1 Cα '' la risultante degli sforzi nel corrente compresso alla sezione x-0.5z ctg α1, l'equazione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto A di Fig. 4, dopo le stesse
manipolazioni fatte per l''omologa Equazione 4, assume la
forma: ( ) ( ) ' 2 1 ' 2 2 2 1 2 2 2 1 ( ) ctg ctg sin ctg ctg ctg sin ctg 2 cw sd cd w cd lw lw yd tw tw yd M x f z b f f z C z f α ' θ α θ θ ' ' ' α α α α ' '' ''' '' '' + + ''' '' '' ' ' '' '' '' + '' '' '' '' ' ' ' '' '' '' '' = ' '' '' '' '' ' ' ' ' (10) Indicando con + 1 Tα la risultante degli sforzi nel corrente compresso alla sezione x+0.5z ctg α1, l'equazione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto B di Fig. 4, può essere posta
nella forma: ( ) ( ) ' 2 1 ' 2 + 2 2 2 1 2 2 1 ( ) ctg ctg sin ctg ctg ctg sin ctg 2 cw sd cd w cd lw slw yd tw tw yd M x f z b f f z T z f α ' θ α θ θ ' ' ' ' α α α α ''' '' + '' + '' '' + ''' '' '' ' ' '' '' '' '' + '' '' '' '' ' ' ' '' '' '' '' '' '' '' = ' '' '' '' '' ' ' ' ' (11)
Per valutare la risultante degli sforzi sui correnti in trazione e in compressione all''ascissa x si può procedere
attraverso un''interpolazione lineare fra le azioni ricavate
attraverso le precedenti equazioni in due qualsiasi delle tre
sezioni considerate. Per il corrente compresso, interpolando linearmente fra i risultati ottenuti con sezioni parallele alla giacitura α1 e θ, o α2 e θ , si ottiene rispettivamente: 1 2 1 2 1 2 ctg ctg ctg ctg ( ) ctg ctg ctg ctg C C C C C x α θ α θ θ α θ α α θ α θ '' + '' + '' + '' '' + '' = = + + (12a,b) In maniera analoga, per il corrente teso risulta: 1 2 1 2 1 2 ctg ctg ctg ctg ( ) ctg ctg ctg ctg T T T T T x θ α θ α α θ α θ α θ α θ '' + '' + + + = = + + (13a,b) Sostituendo indifferentemente nell''Equazione 12a, le Equazioni 4 e 10 oppure nell'' Equazione 12b le Equazioni 4 e
7, si ottiene: 2 2 1 1 1 ' ' 2 2 2 2 ( ) ( ) cos cos cos 2 sd cw tw tw cd yd tw lw cd w tw lw yd yd M x C x z f f f b z f f ' ' θ ' α ' ' ' α ' ' '' '' '' '' = '' '' + ' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' ' '' '' '' '' '' '' ' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' ' ' (14) In maniera analoga, sostituendo indifferentemente nell''Equazione 13a, le Equazioni 5 e 11, oppure
nell''Equazione 13b le Equazioni 5 e 8, si ottiene: 2 2 1 1 1 ' ' 2 2 2 2 ( ) ( ) cos cos cos 2 sd cw tw tw cd yd tw lw cd w tw lw yd yd M x T x z f f f b z f f ' ' θ ' α ' ' ' α ' ' '' '' '' '' = + '' + ' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' ' '' '' '' '' '' '' '' ' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' ' ' (15) Per potere esplicitare le equazioni per il dimensionamento a taglio per elementi strutturali, anche dotati di armatura di
parete, si impone l''uguaglianza dell''Equazione 6 con
l''Equazione 2, ottenendo: ( ) ( ) ( ) ( ) 2 2 ' 2 1 1 1 2 1 ' 2 1 1 1 1 ' 2 2 2 2 2 ( ) ctg ctg sin ctg ctg sin ctg ctg sin ctg ctg sin sd cw w tw tw cd w yd tw tw cd w yd tw tw cd w yd V x z b f b z f f z b f f z b f ' θ α θ ' ' α α α ' ' θ α α ' ' θ α α = '' '' '' + '' + '' '' + '' '' '' '' '' '' '' = '' '' '' '' ' ' '' '' '' '' '' '' '' + '' + '' '' '' '' ' ' '' '' + '' '' '' '' '' + '' '' '' '' '' ' ' (16) Dall''Equazione 16 è possibile ricavare la seguente relazione fra i valori dei campi di tensione nel calcestruzzo e
nei due ordini di armature: 2 1 1 1 ' 2 2 2 2 2 2 sin sin sin sin cw tw tw cd yd tw tw yd f f f ' ' α ' θ ' α ' θ '' '' '' '' = '' '' + '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' '' '' + '' '' '' '' '' '' ' ' (17) Le Equazioni 14 e 15, sostituendo l''Equazione 17, possono essere poste nelle seguenti forme semplificate:
2 2 1 1 1 2 1 2 2 ' 2 2 2 2 2 ( ) ( ) 1 1 2 sd tw tw yd tw lw cd w tw lw yd yd M x ctg ctg C x z f ctg ctg ctg f z b f ctg f ' θ α ' α ' θ α ' ' ' α ' '' '''' '' '' = '' + ' '' '''' '' '' '' + ' ' ' ' ' ' ' '' '' '' '' '' '' '' + '' ' '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' + ' ' ' ' ' ' '' (18) 163 2 2 1 1 1 2 1 2 2 ' 2 2 2 2 2 ( ) ( ) 1 1 2 sd tw tw yd tw lw cd w tw lw yd yd M x ctg ctg T x z f ctg ctg ctg f z b f ctg f ' θ α ' α ' θ α ' ' ' α ' '' '''' '' '' = + + ' '' '''' '' '' '' + ' ' ' ' ' ' ' '' '' '' '' '' '' '' + '' ' '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' + ' ' ' ' ' ' '' (19) Le Equazioni 2, 18 e 19 costituiscono il gruppo di equazioni, che in base al teorema statico della teoria della
plasticità fornisce il taglio resistente come estremo superiore
delle soluzioni che verificano le condizioni di equilibrio,
nell''ipotesi che vengano soddisfatte le seguenti condizioni di
''ammissibilità plastica':
' 0 1 cw cd f ' '' '' ' ' '' '' ' ' (20) 1 1 1 tw yd f ' '' '' '' ' ' '' '' '' '' ' ' (21) 2 1 1 tw yd f ' '' '' '' ' ' '' '' '' '' ' ' (22) ( ) s yd T x A f ' '' (23) ' ' ( ) s yd w cd s yd A f C x b x f A f '' '' ' ' '' '' + '' (24)
in cui A''s ed As sono le aree di armatura longitudinale a flessione rispettivamente compressa e tesa e fcd la resistenza a compressione del calcestruzzo. L''Equazione 20 può essere espressa, in base all''Equazione 17, nella forma:
2 2 1 1 2 2 1 2 2 2 sin sin 0 1 sin sin tw tw tw tw yd yd f f ' α ' α ' ' θ θ '' '' '' '' ' + ' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' (25)
Occorre peraltro ricordare che per esigenze di duttilità [11] è necessario limitare comunque la variazione di ctg θ secondo la relazione: ( ) max 1 ctg ctg θ θ ' ' (26)
3.
RICERCA DEL TAGLIO RESISTENTE
Per ottenere il massimo valore del taglio resistente è necessario risolvere un problema di programmazione non
lineare, nel quale la funzione obiettivo è proprio l''espressione
del taglio nell''Equazione 2 (o le equivalenti Equazioni 6 o 9),
di seguito per comodità riportata in forma adimensionale: ( ) ( ) 2 1 1 1 1 ' ' 2 2 2 2 2 ctg ctg sin ctg ctg sin sd tw tw cd w yd tw tw cd w yd V v f z b f f z b f ' ' θ α α ' ' θ α α '' '' = = '' '' + '' + '' '' '' '' ' ' '' '' + '' '' '' '' '' + '' '' '' '' '' ' ' (27) Tale funzione deve essere resa massima modificando le quantità 1 2 , , ctg tw tw yd yd f f ' ' θ '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' '' ' ' ' ' che possono variare rispettando le condizioni espresse dalle Equazioni 21, 22, 23,
24, 25 e 26. Per la soluzione del problema posto può essere implementato uno specifico algoritmo in C++ o in Fortran o,
in alternativa, può essere utilizzato quello fornito da un foglio
di calcolo commerciale. In particolare, nel caso in esame, si è scelto di adoperare l''applicazione ''risolutore' di Microsoft Excel® che utilizza il
codice di ottimizzazione non lineare Generalized Reduced
Gradient (GRG2) sviluppato da Leon Lasdon (Università del
Texas ad Austin) e Allan Waren (Università di Cleveland). Si
riporta in Fig. 5 una tipica schermata della macro elaborata
allo scopo.
Figura 5 '' Esempio di ricerca della capacità a taglio con Excel®

4. ANALISI DEI RISULTATI DEL MODELLO
Per una prima valutazione degli effetti prodotti dalla doppia disposizione delle armature trasversali sulla resistenza
a taglio di elementi di trave in c.a. con il modello proposto si è
condotta una indagine numerica valutando la resistenza a
taglio, per travi soggette a prove di carico su quattro punti, di
elementi con tre schemi di disposizione delle armature
trasversali diverse, mostrati in Fig. 6, caratterizzati da 'tw1='tw2.
Figura 6 ''Schemi strutturali utilizzati per le analisi numeriche
164 Sono state condotte analisi al variare dell''inclinazione delle armature trasversali e di alcuni parametri rappresentativi
dei rapporti meccanici e geometrici di armatura trasversale. Per tutti i casi analizzati si sono adottati materiali con le stesse caratteristiche e armature con percentuali identiche. L''area di armatura longitudinale disposta è stata scelta in modo da scongiurare la rottura dell''elemento strutturale in
flessione e raggiungere quindi il collasso per taglio. Sono stati considerati elementi in assenza di armature longitudinali di parete, con armature trasversali con giaciture α variabili da 45° sino a 90°, essendo: - caso a) α1=α, α2=180°-α;- caso b) α1=90°, α2=180°-α;- caso c) α1=α, α2=90°; Nella Fig. 7, per i tre diversi valori del rapporto meccanico di armatura trasversale 'tw1='tw2= 'w pari a 0.05, 0.2 e 0.4, Figura 7 '' Taglio adimensionale per ctg θ = 2.5 per ciascuno degli schemi di Fig. 6, sono rappresentati i valori
del taglio resistente adimensionale ' / ( ) u w cd v V b z f = . Nei grafici sono state anche riportate, la resistenza a taglio della trave armata con una quantità di staffe totale pari a quella
delle configurazioni a), b), e c) tutte poste in verticale
( α1=α2=90°; 'tw1='tw2='w) e quelle della stessa trave dotata della metà delle staffe ( α1=90°; 'tw1='w; 'tw2=0). Il confronto dei risultati ottenuti per i tre schemi con staffe diagonali con la configurazione per la quale si è posto 'tw1='tw2='w consente di stimare l''efficienza della disposizione diagonale scelta, il confronto con la
configurazione 'tw1='w, 'tw2=0 consente di stimare il contributo fornito dalle sole staffe inclinate. I grafici mostrano che, come era facile prevedere, lo schema ''c' è quello che fornice la maggiore resistenza per
ogni angolo di giacitura e quantità di armatura trasversale, e
già con rapporti meccanici delle staffe non inferiore a 'w=0.2 ha una maggiore efficienza per qualsiasi angolo di
inclinazione delle staffe nel range considerato, rispetto al caso
di staffe solo verticali. Va inoltre rilevato che, mentre in presenza di staffe verticali incrementi di armatura trasversale corrispondenti a
valori superiori a 'w=0.4 sono praticamente inefficaci, in presenza di staffe inclinate tale limite può essere sensibilmente
maggiore. Le curve mostrano inoltre come per tutti i tre casi a), b) e c) l''inclinazione delle armature che consente di ottenere la
massima resistenza vari al variare della percentuale di
armatura trasversale totale; in particolare per valori bassi della
percentuale di armatura, le disposizioni di armatura inclinata
che più si avvicinano alla configurazione verticale sono le più
efficienti, mentre per grandi percentuali di armatura
trasversale le disposizioni a 45° sono le più efficaci. Allo scopo di evidenziare gli effetti conseguibili nei tre schemi attraverso l''incremento di armatura, nella Fig. 8 si
riportano i valori del taglio adimensionale al variare del
rapporto meccanico di armatura trasversale totale. Le curve
confermano che la disposizione secondo lo schema c) mostra
la maggiore efficienza, evidenziando inoltre che esiste un
valore di 'w per il quale tutte le inclinazioni considerate forniscono praticamente la stessa resistenza. Per la configurazione c), per basse percentuali di armatura, la disposizione verticale delle staffe è ancora quella ottimale,
ma con modestissime differenze rispetto alle configurazioni
con armatura inclinata. Al crescere di 'w le disposizioni a 45° e 55° sono quelle che consentono le maggiori prestazioni, in
sostanza coincidenti fra loro, mentre ulteriori inclinazioni
delle staffe producono significative perdite di resistenza. Va
inoltre rilevato che anche per elevatissime percentuali di
armatura trasversale ( 'tw1= 'tw2= 'w=1) il taglio resistente è sempre crescente, fino a raggiungere valori doppi rispetto al
caso di sole staffe verticali. Infine è stata condotta un''analisi finalizzata a valutare l''influenza della limitazione di (ctg θ)max=2.5 imposta dalla normativa, confrontando i valori del taglio resistente ottenuti
lasciando libera l''inclinazione dei campi di compressione del
calcestruzzo. A tale scopo in Fig. 9 sono rappresentati i valori
del taglio resistente ottenuto senza tale limitazione (ctg θ)max= '', ed il corrispondente valore assumendo (ctg θ)max=2.5 per le tre tipologie, e il valore di α= 65°, che consente di valutare al meglio l''influenza della giacitura massima sulla capacita
portante per taglio (vedi Fig. 9). In questo caso era possibile
prevedere che le differenze risultano significative soltanto per
valori estremamente modesti della percentuale meccanica di
armatura trasversale 'w '0.1, e sono minime per la configurazione c). tw tw 1 2 1 2 0.05 ( 90 ) ' = ' = α = α = ° tw tw 1 2 1 0.05; 0;( 90 ) ' = ' = α = ° tw tw 1 2 1 0.2 0;( 90 ) ' = ' = α = ° tw tw 1 2 1 2 0.2 ( 90 ) ' = ' = α = α = ° tw tw 1 2 1 2 0.4 ( 90 ) ' = ' = α = α = ° tw tw 1 2 1 0.4 0;( 90 ) ' = ' = α = ° 165 Caso a 0.00 0.20 0.40 0.60 0.80 1.00 1.20 0.00 0.20 0.40 0.60 0.80 1.00 ' w ta gl io a d im en si on al e 45 55 65 75 90 Caso b 0.00 0.20 0.40 0.60 0.80 1.00 1.20 0.00 0.20 0.40 0.60 0.80 1.00 ' w ta g lio a d im e n s io n a le 45 55 65 75 90 Caso c 0.00 0.20 0.40 0.60 0.80 1.00 1.20 0.00 0.20 0.40 0.60 0.80 1.00 ' w ta g lio a d im e n s io n a le 45 55 65 75 90 Figura 8 '' Taglio adimensionale al variare di 'lw per ctg θ = 2.5
5. CONCLUSIONI
' stato presentato un modello per la stima della capacità portante a taglio di travi provviste di due ordini di staffe. Le
analisi parametriche hanno mostrato come lo schema più
efficiente a parità di armatura è quello che prevede, oltre
l''ordine di staffe verticali, un secondo ordine inclinato nella
direzione prossima a quella delle isostatiche di trazione. Con
questa disposizione di armature, la capacita portante a taglio è
in pratica sempre superiore a quella fornita dalla disposizione Caso a 0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60 0.70 0.80 0.00 0.13 0.25 0.38 0.50 ' w ta g lio a d im e n s io n a le 2.5 '' α = 65° (ctg θ)max Caso b 0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60 0.70 0.80 0.00 0.13 0.25 0.38 0.50 ' w ta g lio a d im e n s io n a le 2.5 '' (ctg θ)max α = 65° Caso c 0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50 0.60 0.70 0.80 0.00 0.13 0.25 0.38 0.50 ' w ta g lio a d im e n s io n a le 2.5 '' (ctg θ)max α = 65° Figura 9 '' Taglio adimensionale in assenza del limite per (ctg θ)max

che prevede la stessa quantità totale di staffe poste
interamente con giacitura verticale. ' inoltre stato mostrato che, per tale configurazione, differentemente che per le staffe poste con giacitura verticale,
il taglio resistente cresce al crescere della percentuale di
armatura trasversale anche per valori estremamente elevati di
quest''ultima. Infine l''analisi svolta senza alcuna limitazione
sul valore di (ctg θ)max ha evidenziato come questa limitazione 166 giochi sostanzialmente un ruolo significativo nel caso di bassi
valori del rapporto meccanico di armatura d''anima ( 'w ' 0.1) e sia praticamente ininfluente per valori maggiori.
BIBLIOGRAFIA

[1] BERTAGNOLI G., CARBONE V.I. (2008), A finite
element formulation for concrete structures in plane
stress, Structural Concrete, Vol. 9, N. 2, 87-99 [2] BELLETTI B., CERIONI R., IORI I. (2001). A
physical approach for reinforced concrete (PARC)
membrane elements-, J. Struct. Engrg., ASCE,
Vol.127, N. 12,1421-1426 [3] VECCHIO F. J., M.P. COLLINS (1986), The
modified compression field theory for reinforced
concrete elements subjected to shear, ACI Structural
Journal; Vol. 83, N. 2, 219-231 [4] COLLINS M.P., D. MITCHELL, P.E. ADEBAR,
F.J. VECCHIO (1996), A general shear design
method, ACI Structural Journal, Vol. 93, N. 1, 36-
45 [5] AA.VV. (2011) Progettare con le travi prefabbricate
reticolari miste, PREM. Ed. Tecniche Nuove,
Milano [6] J.F. CHEN, J.G. TENG (2003), Shear capacity of
FRP-strengthened RC beams: FRP debonding,
Construction and Building Materials, Vol. 17, 27-41 [7] A. KHALIFA, A. NANNI (2000), Improving shear
capacity of existing RC T-section beams using
CFRP composites, Cement & Concrete Composites,
Vol. 22, 165-174 [8] CNR-DT 200/2004 (2004), Istruzioni per la
Progettazione, l''Esecuzione ed il Controllo di
Interventi di Consolidamento Statico mediante
l''utilizzo di Compositi Fibrorinforzati - C. N. R. -
Commissione Incaricata di Formulare Pareri in
Materia di Normativa Tecnica Relativa alle
Costruzioni [9] M.P. NIELSEN (1999), Limit analysis and concrete
plasticity (2nd ed.), Boca Raton - Florida: CRC [10] G. MANCINI, A. RECUPERO, C.D. SCILIPOTI
(1996), Taglio nel c.a. in presenza di armature
d''anima longitudinali e trasversali (Shear in RC
elements with longitudinal and transversal web
reinforcements), Studi e Ricerche, Scuola di
Specializzazione in Costruzioni in C. A., Fratelli
Pesenti, Politecnico di Milano, V. 17, 301- 317 [11] EC2 - Eurocode No.2 (2005), Design of Concrete
Structures '' Part.1: General Rules and Rules for
Buildings '' UNI ENV 1992-1-1 [12] P. COLAJANNI, G. MANCINI, A. RECUPERO
(2007), Effetti di degrado nell''interazione N-M-V
per elementi in c.a. soggetti ad azione ciclica di
natura sismica, Atti del XII Convegno ''L''Ingegneria
Sismica in Italia', Anidis '' Pisa, 10-14 Giugno, Atti
del Convegno su CD.


In evidenza

2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186