verticale

Progetto amianto

- Il rischio connesso all’esposizione non professionale ed ambientale residua dopo il bando dell’amianto;
- Le metodologie più efficaci per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica;
- Sistemi innovativi di diagnosi e cura delle malattie correlate all’esposizione ad amianto
- Cooperazione con i paesi in cui l’uso dell’amianto è ancora consentito

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto dicembre 2013 Il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto

Pubblicato
da Alessia De Giosa
EIOMSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti Amianto: situazione italiana ISS Roma 12 dicembre 2013 Dr.ssa Loredana Musmeci Direttore del Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità Responsabile Scientifico Progetto Amianto Documenti sull''esposizione ad amianto e delle patologie conseguenti
Internazionale

' Monografia n. 100C della Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell''Organizzazione Mondiale della Sanità (2011)
Nazionale

' Il Rapporto della Seconda Conferenza di Consenso sul Mesotelioma Maligno della pleura (24-25 Novembre 2011) ' Il Rapporto finale (2012) del Gruppo di Studio costituito con DM 8 aprile 2008 ' Il Quaderno 15 del Ministero della Salute (Stato dell''arte e prospettive in materia di contrasto alle patologie asbesto-correlate) ' Il 4° Rapporto del ReNaM 2 La II Conferenza Governativa Amianto, Venezia, 22-24 novembre 2012,
è stata occasione per esaminare il panorama delle conoscenze
scientifiche sui rischi da amianto, dal confronto di tutte le componenti
interessate, si è giunti a una proposta di piano operativo comprensivo
delle linee di azione per le diverse problematiche individuate.

' in corso di elaborazione definitiva il PIANO NAZIONALE AMIANTO che
definisce le linee di azioni da intraprendere a breve e medio termine.
Una prima attuazione del PIANO NAZIONALE AMIANTO è il Progetto Amianto
3 Il Progetto Amianto, finanziato dal Ministero Salute e coordinato
dall''ISS, costituisce quindi una prima attuazione del Piano Nazionale
Amianto;
L'' obiettivo è dare alcune risposte a problematiche ancora aperte:
1. Il rischio connesso all''esposizione non professionale ed ambientale residua dopo il bando dell''amianto; 2. Le metodologie più efficaci per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica; 3. Sistemi innovativi di diagnosi e cura delle malattie correlate all''esposizione ad amianto 4. Cooperazione con i paesi in cui l''uso dell''amianto è ancora consentito 4 Le parole chiave del progetto sono ambiente, epidemiologia, diagnosi, cura
Il Progetto si compone di 4 Unità Operative 5 U.O. 1 Istituto Superiore di Sanità
La presenza di amianto nei siti inquinati: Stima dell'esposizione, impatto sanitario e priorità per le bonifiche
Responsabile Scientifico U.O.1 Istituto Superiore di Sanità: Dr.ssa Loredana Musmeci,
Direttore del Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria, ISS

U.O. 2 Università Amedeo Avogadro del Piemonte Orientale
Studi sull''evoluzione nel tempo del rischio di patologia da amianto tra gli ex-esposti e sui modificatori su base genetica del rischio di mesotelioma.
Responsabile Scientifico U.O.2 Amedeo Avogadro del Piemonte Orientale: Prof. Corrado Magnani,
Dipartimento di Medicina Traslazionale Università del Piemonte Orientale Novara

U.O. 3 Università di Torino
Analisi di nuovi bio-marcatori predittivi di risposta alla chemioterapia con tecniche di espressione genica e proteica ad alta risoluzione per una migliore definizione della strategia terapeutica in pazienti affetti da mesotelioma pleurico
Responsabile Scientifico U.O. 3 Università di Torino: Prof. Giorgio Scagliotti
Università di Torino '' Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche; Responsabile della Struttura Semplice Dipartimentale a Direzione Universitaria di Oncologia Polmonare - Azienda Sanitaria Ospedaliera S. Luigi di Orbassano (Torino)

U.O. 4 Istituto Tumori ''Regina Elena'
Caratterizzazione funzionale delle cellule staminali tumorali derivanti da mesoteliomi pleurici per l''identificazione di nuovi bersagli terapeutici
Responsabile Scientifico U.O. 4 Istituto Tumori "Regina Elena: Prof. Ruggero de Maria, Direttore Scientifico dell'Istituto Tumori "Regina Elena"


6 U.O. 1 Istituto Superiore di Sanità
La presenza di amianto nei siti inquinati: Stima dell'esposizione, impatto sanitario e priorità per le bonifiche Responsabile Scientifico U.O.1 Istituto Superiore di Sanità : Dr.ssa Loredana Musmeci, Direttore del Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria, ISS
L''Unità Operativa 1 si articola in varie Linee di Ricerca, sinteticamente descritte di seguito:
1. Stima dell''esposizione a fibre nei siti inquinati con presenza di amianto (Reparti Igiene dell'Aria e Suolo e Rifiuti) 2. Il rischio sanitario associato allo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto (Reparto Suolo e Rifiuti) 3. Linee guida per la determinazione analitica dell''amianto con particolare riferimento alle matrici biologiche (Reparto Igiene dell'Aria) 4. Sorveglianza epidemiologica della patologia asbesto-correlata in Italia con particolare riferimento ai siti inquinati con presenza di amianto (Reparto Epidemiologia Ambientale e Ufficio di Statistica) 5. Impatto sanitario della fluoro-edenite, stima dell'esposizione e priorità del processo di bonifica (Reparti Igiene dell'Aria, Suolo e Rifiuti, Epidemiologia Ambientale e Ufficio di Statistica) 6. Disseminazione dell''informazione scientifica sulla prevenzione della patologia asbesto-correlata nei paesi in cui l''uso dell''amianto è tuttora consentito, con particolare riferimento all''America Latina (Settore Attività Editoriali); supporto all'attività editoriale del Progetto. 7 Siti inquinati con presenza di AMIANTO 8 Area Litorale vesuviano Bari-Fibronit Aree industriali
Val Basento Tito Massa Carrara Casale Monferrato Balangero Broni Emarese Pitelli Priolo Biancavilla Nome SIN Regione N.
Comuni
Pop. Cens.
2001
Balangero Piemonte 2 6.211 Casale
Monferrato 48 85.824 Emarese Valle
d''Aosta 1 202 Broni Lombardia 1 9.347 Pitelli Liguria 2 102.291 Massa
Carrara Toscana 2 131.803 Area Litorale
vesuviano Campania 11 462.322 Bari '' Fibronit Puglia 1 316.532 Aree
industriali Val
Basento Basilicata 6 39.997 Tito 1 6387 Biancavilla Sicilia 1 22.477 Priolo 4 181.478 PROBLEMA BIANCAVILLA: CONTAMINAZIONE
DA FLUOROEDENITE
La Direttiva 2003/18/CE del 27/3/2003 all''art .1 aggiorna il termine ''AMIANTO '' indicando
i seguenti i silicati fibrosi:
Actinolite d''amianto
Grunerite d''amianto (amosite)
Antofillite d''amianto
Crisotilo
Crocidolite
Tremolite d''amianto

PERTANTO ANCOR OGGI LA FLUOROEDENITE NON E'' CLASSIFICATA COME ''AMIANTO'

9 10 www.iss.it/amianto GRAZIE! 11


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186