verticale

Progettazione e analisi energetica degli impianti di climatizzazione della Torre Isozaki

Obiettivo del presente elaborato eseguire dapprima il calcolo dei carichi termici attraverso l’ausilio del software EDILCLIMA, per poi descrivere la progettazione degli impianti di climatizzazione a servizio del presente edificio, in particolare un sistema ad aria primaria + fan coils. Si premette che la progettazione sarà conforme alle vigenti norme in materia, e particolare attenzione sarà riservata al conseguimento di soluzioni mirate a contenere i fabbisogni termici ed energetici dell’immobile. Successivamente verrà affrontata una parte simulativa in cui sarà ricreato il modello del piano tipo e su questo verranno svolte delle simulazioni dinamiche su base annua per approfondire ulteriormente l’analisi dei consumi energetici dell’edificio attraverso l’uso del software IES VE-Pro.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Tesi di Laurea, Politecnico di Milano, Anno Accademico 2010-2011

Pubblicato
da Alessia De Giosa
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Energetica





Progettazione e Analisi Energetica degli Impianti di Climatizzazione della Torre Isozaki



Relatore: Prof. Cesare Maria JOPPOLO
Co-relatore: Ing. Gianfranco ARIATTA



Tesi di Laurea di:

Andrea MACCHIONI Matr. 734435

Andrea PATELLI Matr. 740242

Anno Accademico 2010 '' 2011 1 Sommario
Introduzione all''edificio ...................................................................................... 7
1 Fabbisogno termico invernale ed estivo e rispetto dei limiti di legge .... 10
1.1 Il problema energetico .......................................................................... 10
1.2 Quadro normativo di riferimento europeo ............................................ 11
1.3 Quadro normativo di riferimento italiano ............................................. 11
1.4 Quadro normativo di riferimento lombardo .......................................... 12
1.5 Verifiche secondo dgr 8745 .................................................................. 12
2 Definizione piani tipo ................................................................................. 14
2.1 Definizione strutture ............................................................................. 14
2.2 Definizione piani tipo ............................................................................ 23 3 Calcolo carichi termici ............................................................................... 26
3.1 Definizione parametri climatici ............................................................ 26 3.1.1 Caso invernale ............................................................................... 26
3.1.2 Caso estivo .................................................................................... 26 3.2 Ipotesi di calcolo ................................................................................... 28
3.3 Calcolo invernale .................................................................................. 29 3.3.1 Potenza dispersa attraverso all''involucro ..................................... 29 3.3.2 Potenza dispersa per ventilazione .................................................. 31
3.3.3 Calcolo potenza centrale termica .................................................. 35 3.4 Calcolo estivo ........................................................................................ 35 3.4.1 Definizione dei carichi interni ...................................................... 35 3.4.2 Potenza sensibile massima contemporanea ................................... 36
3.4.2 Carico per ventilazione .................................................................. 37
3.4.4 Calcolo potenza centrale frigorifera .............................................. 39
4 Impianto di climatizzazione ...................................................................... 42
4.1 Soluzioni impiantistiche ....................................................................... 42 4.1.1 Impianto misto aria-acqua ............................................................ 42
4.1.2 Impianto quattro tubi .................................................................... 43 4.2 Dimensionamento aria ......................................................................... 43 4.2.1 Metodo di dimensionamento a perdita di carico costante ............. 44 4.2.2 Dimensionamento distribuzione aeraulica al piano ....................... 47 2 4.2.2.1 Circuito di mandata ....................................................... 47 4.2.2.2 Estrazione bagni ............................................................ 51 4.2.2.3 Ripresa aria ambiente .................................................... 53 4.2.3 Dimensionamento canali montanti ............................................... 54 4.2.4 Calcolo perdite di carico ............................................................... 57 4.3 Dimensionamento unità trattamento aria ............................................. 58
4.4 Fan Coil ................................................................................................ 66 4.4.1 Collegamento diffusore-fan coil e diffusione in ambiente ............ 66
4.4.2 Dimensionamento fan coil ............................................................ 69 4.5 Dimensionamento rete idronica ........................................................... 74
4.5.1 Circuito secondario ....................................................................... 75
4.5.2 Dimensionamento circuito idronico di piano ............................... 77
4.5.3 Dimensionamento colonne montanti ............................................ 80
4.5.4 Calcolo delle perdite di carico ...................................................... 83 4.6 Centrale termica ................................................................................... 87
4.6.1 Impianto produzione fluidi tecnologici ........................................ 88
4.6.2 Scambiatore di calore ................................................................... 89
4.6.3 Assorbitore ................................................................................... 91
4.6.4 Torre evaporativa ......................................................................... 92
4.6.5 Pompe di circolazione .................................................................. 93
4.6.6 Vasi di espansione ........................................................................ 96
4.6.7 Isolamento tubazioni .................................................................... 99 5 Sistema di regolazione ............................................................................. 100
5.1 Regolatore ddc .................................................................................... 100
5.2 Impianti controllati .............................................................................. 101
5.2.1 Centrale termofrigorifera ............................................................. 101 5.2.2 Unità di trattamento aria .............................................................. 103 5.2.3 Fan Coil ....................................................................................... 105 6 Simulazioni energetiche .......................................................................... 106
6.1 Il programma ...................................................................................... 106
6.1.2 ModelIT ...................................................................................... 106 6.2.2 SunCAST ..................................................................................... 107 6.2.3 Apache ......................................................................................... 107 6.2.4 ApacheHVAC ............................................................................. 107 6.2.5 Lighting ...................................................................................... 108 6.2.6 Vista ............................................................................................. 108 6.2 Modello delle simulazioni ................................................................... 108
6.2.1 La geometria ................................................................................ 109 3 6.2.2 Dati climatici .............................................................................. 111 6.2.3 Caratteristiche termofisiche locali e carichi interni .................... 114 6.2.4 Impianto di climatizzazione ....................................................... 117
6.2.5 La regolazione ............................................................................ 119 6.2.5.1 UTA ............................................................................. 119 6.2.5.1 Fan Coils ...................................................................... 120 6.3 Analisi simulazioni ............................................................................. 121 6.3.1 Simulazione ''Progetto' ............................................................... 121 6.3.1.1 Analisi risultati locale ................................................... 121 6.3.1.2 Analisi risultati impianto HVAC ................................. 126 6.3.2 Utilizzo delle simulazioni nella progettazione ........................... 131 6.3.2.1 Influenza carichi interni ................................................. 132 6.3.2.2 Influenza vetri ................................................................ 139 6.3.2.3 IES VE-Pro vs CENED ................................................ 144 6.4 Valutazioni finali ................................................................................ 145
Bibliografia ...................................................................................................... 148 Allegato ............................................................................................................ 149 Allegato 1 .................................................................................................. 150
Allegato 2 ................................................................................................... 171
Allegato 3 ................................................................................................... 193
Allegato 4 ................................................................................................... 210

4 Elenco delle figure

Figura I.1 Individuazione lotto di riferimento ................................................................. 8
Figura I.2 Sezione dell''edificio ........................................................................................ 9
Figura 2.1 possibile lay-out piano tipo .......................................................................... 15
Figura 2.2 Dettaglio tipologia strutture piano tipo ....................................................... 24
Figura 2.3 Dettaglio tipologia strutture Hall ................................................................ 25
Figura 2.4 Sezione Hall ................................................................................................. 26
Figura 2.5 Sezione Hall ................................................................................................. 26
Figura 3.1 Coefficienti di maggiorazione in base all''esposizione ................................ 30
Figura 3.2 Orientazione edificio .................................................................................... 31
Figura 3.3 Vie di fuga piano tipo ................................................................................... 33
Figura 3.4 Trattamento aria primaria in ciclo invernale .............................................. 35
Figura 3.5 Trasformazioni aria primaria in ciclo estivo ............................................... 39
Figura 4.1 Dettaglio collegamento rete primaria '' diffusore '' fan coil ....................... 49
Figura 4.2 Configurazione rete aeraulica piano tipo .................................................... 50
Figura 4.3 Derivazione circuito aria primaria .............................................................. 51
Figura 4.4 Perdite di carico valvole Bap Color ............................................................ 53
Figura 4.5 Estrazione bagni piano tipo ......................................................................... 54
Figura 4.6 Schema altimetrico canali montanti ............................................................ 57
Figura 4.7 Coefficiente perdita carico serrande regolazione ....................................... 59
Figura 4.8 Umidificatore HUMIFOG ............................................................................ 62
Figura 4.9 Scema funzionale unità trattamento aria ..................................................... 65
Figura 4.10 Disposizione UTA nel locale tecnico ......................................................... 66
Figura 4.11 Dettaglio collegamento Diffusori '' Fan Coil ............................................ 68
Figura 4.12 Effetto Coanda ........................................................................................... 69
Figura 4.13 Ripartizione piano tipo in moduli per analisi carichi ................................ 70
Figura 4.14 Suddivisione piano tipo .............................................................................. 71
Figura 4.15 Circuito Primario e Secondario ................................................................. 76
Figura 4.16 Schema circuito idronico ........................................................................... 77
Figura 4.17 Circuito Idronico di Piano ......................................................................... 80
Figura 4.18 Altimetrico Circuito Idronico ..................................................................... 83
Figura 4.19 Valvola Autoflow ........................................................................................ 84
Figura 4.20 Coefficienti Perdita Carico Localizzato .................................................... 87
Figura 4.21 Perdite carico batteria Fan-Coil ............................................................... 88
Figura 4.22 Schema esemplificativo rete idronica ........................................................ 90
Figura 4.23 Schema macchina ad assorbimento ........................................................... 92
Figura 4.24 Curva Caratteristica Pompa circuito caldo ............................................... 96
Figura 6.1 Modello geometrico ................................................................................... 110
Figura 6.2 Numerazione locali piano tipo ................................................................... 111
Figura 6.3 Modello geometrico con suddivisione in ambiente .................................... 112
Figura 6.4 Esempi output SunCast .............................................................................. 113
Figura 6.5 Analisi dell''insolazione nel locale ufficio SE ............................................ 114
Figura 6.6 Comparazione temperatura esterna media mensile ................................... 115 5 Figura 6.7 Interfaccia del Building Template Manager .............................................. 115
Figura 6.8 Creazione profili occupazionali ................................................................. 118
Figura 6.9 Schema funzionale impianto HVAC ........................................................... 119
Figura 6.10 Andamento carichi di climatizzazione intero sistema (15 Gennaio) ....... 123
Figura 6.11 Andamento carichi di climatizzazione intero sistema (15 Luglio) ........... 124
Figura 6.12 Andamento dei parametri di comfort Ufficio SE 2p (15 Gennaio) .......... 125
Figura 6.13 Andamento dei parametri di comfort Ufficio SE 2p (15 Luglio) ............. 126
Figura 6.14 Andamento carichi interni e di climatizzazione Ufficio SE 2p (15 Gennaio)
...................................................................................................................................... 126
Figura 6.15 Andamento carichi interni e di climatizzazione Ufficio SE 2p (15 Luglio)
...................................................................................................................................... 127
Figura 6.16 Andamento Temperatura dell''AP nell''UTA (15 Gennaio) ...................... 128
Figura 6.17 Andamento Temperatura dell''AP nell''UTA (15 Luglio) ......................... 128
Figura 6.18 Andamento Temperatura dell''aria nei FC (15 Gennaio) ........................ 129
Figura 6.19 Andamento Temperatura dell''aria nei FC (15 Luglio) ........................... 129
Figura 6.20 Potenza ceduta all''aria dalla batteria calda e dall''umidificatore nell''UTA
(15 Gennaio) ................................................................................................................ 130
Figura 6.21 Andamento Potenza ceduta all''aria dalla batterie fredda e
dall''umidificatore nell''UTA (15 Luglio) ...................................................................... 131
Figura 6.22 Potenza ceduta all''aria dalle batterie dei FC (15 Gennaio) ................... 131
Figura 6.23 Potenza ceduta all''aria dalle batterie dei FC (15 Luglio) ...................... 132
Figura 6.24 Comparazione energia termica richiesta alle batterie AC al variare dei
carichi interni ............................................................................................................... 133
Figura 6.25 Comparazione energia termica richiesta alle batterie AF al variare dei
carichi interni ............................................................................................................... 134
Figura 6.26 Comparazione energia termica recuperata al variare dei carichi interni
...................................................................................................................................... 134
Figura 6.27 Comparazione energia termica batterie calde FC UFFICI al variare dei
carichi interni ............................................................................................................... 136
Figura 6.28 Comparazione energia termica batterie fredde FC UFFICI al variare dei
carichi interni ............................................................................................................... 137
Figura 6.29 Comparazione energia termica batterie calde FC SALE RIUNIONI al
variare dei carichi interni ............................................................................................ 137
Figura 6.30 Comparazione energia termica batterie fredde FC SALE RIUNIONI al
variare dei carichi interni ............................................................................................ 138
Figura 6.31 Simulazione PROGETTO MOD: Energia richiesta alle batterie dei FC
SALE RIUNIONI .......................................................................................................... 139
Figura 6.32 Simulazione PROGETTO: Energia richiesta alle batterie dei FC SALE
RIUNIONI .................................................................................................................... 139
Figura 6.33 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Gennaio ............... 140
Figura 6.34 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del vetro:
Ufficio SE, 21 Gennaio ................................................................................................ 141
Figura 6.35 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Aprile ................... 141
Figura 6.36 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del
vetro: Ufficio SE, 21 Aprile .......................................................................................... 142
Figura 6.37 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Luglio ................... 142 6 Figura 6.38 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del
vetro: Ufficio SE, 21 Luglio ......................................................................................... 143
Figura 6.39 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Ottobre ................. 143
Figura 6.40 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del
vetro: Ufficio SE, 21 Ottobre ....................................................................................... 144


7 Elenco delle tabelle

Tabella 3.1 Suddivisione piano tipo e dimensione locali ............................................... 25
Tabella 3.2 Carichi termici invernali piano tipo ........................................................... 31
Tabella 3.3 Indici di affollamento uffici ......................................................................... 32
Tabella 3.4 Criteri per determinazione portate d''aria .................................................. 33
Tabella 3.5 Potenze massime contemporanee per trasmissione ed irraggiamento ....... 38
Tabella 4.1 Velocità consigliate per rete aeraulica ....................................................... 46
Tabella 4.2 Spessori canali dell''aria ............................................................................. 47
Tabella 4.3 Spessori isolante tubazioni dell''acqua ....................................................... 47
Tabella 4.4 Dimensionamento canali mandata aria primaria ....................................... 52
Tabella 4.5 Griglia di transito ....................................................................................... 52
Tabella 4.6 Dimensione canali ripresa aria ambienti ................................................... 55
Tabella 4.7 Perdite carico totali rete piano tipo ............................................................ 59
Tabella 4.8 Composizione unità trattamento aria ......................................................... 60
Tabella 4.9 Capacità frigorifera Fan-Coil a-life 520 .................................................... 72
Tabella 4.10 Capacità riscaldamento Fan-Coil a-life 520 ............................................ 74
Tabella 4.11 Circuito Acqua Fredda ............................................................................. 79
Tabella 4.12 Circuito Acqua Calda ............................................................................... 79
Tabella 4.13 Circuito Montanti Acqua Fredda e Calda ................................................ 81
Tabella 4.14 Velocità Consigliate all''interno delle tubazioni principali ...................... 82
Tabella 4.15 Caratteristiche scambiatori calore Acqua Fredda e Acqua Calda .......... 91
Tabella 4.16 Scheda Tecnica Assorbitore Calore .......................................................... 93
Tabella 4.17 Scheda tecnica Torre Evaporativa ............................................................ 94
Tabella 4.18 Dati di Targa Pompe di Circolazione ....................................................... 96
Tabella 4.19 Dimensionamento Vaso Espansione Circuito Caldo ................................ 98
Tabella 4.20 Dimensionamento Vaso Espansione Circuito Freddo .............................. 99
Tabella 6.1 Divisione Piano Tipo ................................................................................ 111
Tabella 6.2 Profili occupazionali ................................................................................. 117
Tabella 6.3 Energia Termica per la climatizzazione del piano tipo su base annuale . 123
Tabella 6.4 Energia Termica per la climatizzazione: batterie calde ........................... 133
Tabella 6.5 Energia Termica per la climatizzazione: batterie fredde ......................... 134
Tabella 6.6 Energia Termica recuperata ..................................................................... 134
Tabella 6.7 Energia Spesa per la Climatizzazione: Fan Coils Ufficio SE ................... 145
Tabella 6.8 Comparazione simulazioni su base CENED ............................................. 146
8 Introduzione all''edificio

Il presente studio nasce da un''esperienza lavorativa maturata presso lo studio
''Ariatta ingegneria dei sistemi' e riguarda la progettazione degli impianti
meccanici asserventi un edificio ad uso uffici e la simulazione energetica dello
stesso. L''immobile in questione è la torre Isozaki, struttura che si affaccerà sulla
piazza delle tre torri con altri due grattacieli previsti per la riqualificazione del
quartiere storico di fiera Milano. Il progetto prevede appunto la realizzazione di
tre grattacieli, che sorgeranno in un''area di 143.000 m 2, della quale più del 50% sarà destinata a parco, e ospiterà anche un edificio dedicato al museo del design.
L''intero lotto prevede un totale 53 piani, di cui 3 interrati, con una superficie di
circa 1000 m 2 ciascuno e un''altezza complessiva di 207 m. In particolare nei piani interrati è prevista la realizzazione di parcheggi e di un''area commerciale
situata sotto il podium, ossia l''area adiacente le due hall d''ingresso (vedi fig.1.2)
destinata a ristoranti (1° piano) e sale conferenze (2°-3° piano). Infine, nella
zona adiacente al podium del piano terra verranno edificate 3 strutture adibite a
sale conferenze.
Figura I.1 Individuazione lotto di riferimento 9 La progettazione si focalizzerà esclusivamente sui locali adibiti ad uffici, l''atrio
di ingresso posto al piano terra e i relativi locali tecnici.
L'' edificio, partendo dai piani interrati, si compone di:
' 2 locali tecnici confinanti coi parcheggi ' 2 livelli ad uso hall (il secondo dei quali è collocato all''altezza del terreno) ' 46 piani destinati ad uso uffici ' 3 livelli adibiti alla collocazione degli impianti destinati a servire la parte alta dell''edificio (uno situato al 25°piano e i restanti sotto copertura) Figura I.2 Sezione dell''edificio 10 Sarà quindi obiettivo del presente elaborato eseguire dapprima il calcolo dei
carichi termici attraverso l''ausilio del software EDILCLIMA, per poi descrivere
la progettazione degli impianti di climatizzazione a servizio del presente
edificio, in particolare un sistema ad aria primaria + fan coils.
Si premette che la progettazione sarà conforme alle vigenti norme in materia, e
particolare attenzione sarà riservata al conseguimento di soluzioni mirate a
contenere i fabbisogni termici ed energetici dell''immobile.
Successivamente verrà affrontata una parte simulativa in cui sarà ricreato il
modello del piano tipo e su questo verranno svolte delle simulazioni dinamiche
su base annua per approfondire ulteriormente l''analisi dei consumi energetici
dell''edificio attraverso l''uso del software IES VE-Pro.

1 Fabbisogno termico invernale ed estivo e
rispetto dei limiti di legge

La prima fase di progettazione riguarda il calcolo dei carichi termici invernali ed
estivi. Prima di tutto si definiscono le caratteristiche delle strutture di
separazione tra gli ambienti climatizzati e l''esterno, le condizioni termo
igrometriche di progetto interne ed esterne e la tipologia d''impianto. Dopo di
che si procede al calcolo del carico termico necessario per dimensionare
terminali, reti di distribuzione e taglia della centrale termica. I fabbisogni estivi
ed invernali risultano essere la somma del carico dato dalle dispersioni
attraverso l''involucro, della potenza necessaria al trattamento dell''aria da
immettere negli ambienti e di eventuali carichi interni ed apporti solari gratuiti.
La fase di calcolo è stata svolta attraverso l''ausilio del software Edilclima
tramite il quale si è potuto stimare il carichi termici invernale ed estivo e il
fabbisogno energetico dell''edificio sottoposto alla normativa di riferimento sotto
riportata.

1.1 Il problema energetico

Negli ultimi anni l''Italia, come gli altri paesi, ha dovuto affrontare il problema
energetico. Per risolvere questo problema è necessaria la collaborazione di tutti i
principali settori (trasporti, industriale, civile) e tra questi quello dell''edilizia è
da considerarsi strategico per poter intervenire sul contenimento del problema,
puntando nel medio termine alla riduzione della domanda energetica attraverso
il taglio dei consumi degli edifici. Infatti tali elementi sono indicati come
''elemento chiave' per affrontare il problema in quanto responsabili del 41%
dell''intera domanda di energia (dati europei).
Il consiglio europeo del 9 marzo 2007 ha assunto l''impegno di raggiungere
entro il 2020:
' -20% di consumi energetici ' -20% di emissioni di CO2 ' +20% di energie rinnovabili




12 1.2 Quadro normativo di riferimento Europeo

In materia di efficienza energetica negli ultimi anni si è assistito ad
un''evoluzione del quadro normativo senza precedenti.
La Direttiva 2002/91/CE del parlamento europeo e del consiglio, del 16
dicembre 2002 sul rendimento energetico nell''edilizia comprende 4 elementi
principali:
1. Metodologia comune di calcolo del rendimento energetico integrato degli edifici 2. Requisiti minimi sul rendimento energetico degli edifici di nuova costruzione e degli edifici sottoposti a importanti ristrutturazioni 3. Certificazione energetica degli edifici di nuova costruzione ed esistenti
4. Ispezione periodica delle caldaie e degli impianti centralizzati di aria condizionata e negli edifici.
Inoltre gli stati membri devono provvedere affinché, in fase di costruzione,
compravendita o locazione di un edificio, l''attestato di certificazione energetica
sia messo a disposizione del proprietario o che questi lo metta a disposizione del
futuro acquirente o locatario.

1.3 Quadro normativo di riferimento Italiano

Un passaggio cruciale nella legislazione italiana sul risparmio energetico degli
edifici è stata l''emanazione da parte del ministro delle attività produttive del
decreto legislativo 19 agosto 2005, n° 192 in ''attuazione della direttiva
2002/91/CE che recepisce le disposizione della direttiva europea.
Sia la direttiva europea che il DLGS mettono in evidenza il tema della
certificazione energetica intesa come strumento capace di indirizzare il settore
edilizio verso standard energetici di qualità.
La certificazione energetica degli edifici ha lo scopo di far conoscere all''utente
le caratteristiche energetiche oggettive del sistema edificio-impianto,
consentendo il confronto con quelle proprie di un edificio energeticamente
efficiente fornendo indicazioni rispetto ad eventuali interventi finalizzati a
migliorarne le performance energetiche.
Gli strumenti necessari per valutare queste prestazioni sono:
' Attestato di certificazione energetica ' Targa energetica 13 L''articolo 17 del D.Lgs 192 dal titolo ''clausola di cedevolezza' dispone che le
regioni possano recepire in maniera autonoma le indicazioni della direttiva
europea nel rispetto comunque delle disposizioni nazionali. Ciò ha di fatto
spostato dal governo centrale ai governi regionali la definizione delle regole per
la certificazione energetica. Nonostante questo il 10 luglio 2009 sono state
pubblicate le linee guida nazionali che si propongono, senza imporre, di
ricondurre le diverse normative nel contempo sviluppate da diverse regioni.

1.4 Quadro normativo di riferimento Lombardo

La Lombardia è stata la prima regione a scegliere la via del recepimento
autonomo pubblicando nel luglio del 2007 una serie di regolamenti e procedure
per l''efficienza e la certificazione energetica degli edifici da adottare sul solo
territorio lombardo.
La procedura amministrativa autonoma è entrata in vigore nel settembre 2007
con la Dgr VIII/5018 in attuazione del D.Lgs 192, modificata successivamente
con la Dgr 5773 dell''ottobre 2007 e poi con la Dgr 8745 in vigore dal dicembre
2008. Questa individua una serie di casistiche di intervento per definire:
' I requisiti minimi dell''involucro edilizio ' I requisiti degli impianti per la climatizzazione invernale, per il riscaldamento e per la produzione di ACS ' I requisiti di prestazione energetica del sistema edificio-impianto.

Il DGR specifica inoltre i requisiti minimi da rispettare, differenziando in basa
alla tipologia dell''intervento e alla categoria di utenza finale.

1.5 Verifiche secondo dgr 8745

Nel caso in esame, ossia nuova costruzione ad uso uffici (categoria E2) il DGR
richiede i seguenti requisiti:
' L''indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale (EP H) deve essere inferiore al valore limite ' Verifica dell''assenza di condensazioni sulle superfici opache interne dell''involucro edilizio e verifica che le condensazioni interstiziali siano
limitate alla quantità rievaporabile ' Riduzione del 70% dell''irradiazione solare massima durante il periodo estivo attraverso sistemi schermanti, nel rispetto del requisito di 14 illuminazione naturale. Contestualmente la possibilità di utilizzo ottimale
della massima irradiazione solare incidente durante il periodo invernale ' Verifica per le località in cui il valore medio mensile dell''irradianza sul piano orizzontale nel mese di massima insolazione estiva (I m,s) sia >= 290 W/m 2: - strutture verticali opache: valore della massa superficiale M s > 230 kg/m 2 OPPURE trasmittanza termica periodica Y ie < 0,12 W/m 2K - strutture opache orizzontali ed inclinate: trasmittanza termica periodica
Y ie < 0,2 W/m 2K ' Efficienza globale media stagionale ε g >= εg,min ' Stesura attestato certificazione energetica ACE ' Diagnosi energetica al fine di: - quantificare le opportunità di risparmio energetico
- individuare le ulteriori misure utili di riduzione della spesa energetica
- individuare i relativi tempi di ritorno degli investimenti
- individuare i possibili miglioramenti di classe energetica ' Installazione di dispositivi per la regolazione automatica della temperatura ambiente nei singoli locali ' Copertura di almeno il 50% del fabbisogno annuo di energia primaria per la produzione di ACS attraverso contributo di impianti rinnovabili ' Predisposizione delle opere e degli impianti necessari al collegamento a reti di teleriscaldamento ' Trattamento dell''acqua impiegata negli impianti ' Temperatura di mandata del fluido termovettore T < 50°C qualora si utilizzino sistemi a pompa di calore ad assorbimento. ' Come verifica estiva il DPR 59/9 richiede l''energia per la climatizzazione estiva (legata al solo fabbisogno dell''involucro) sia
inferiore a 10 kWh/m3 2 Definizioni

2.1 Definizione strutture
Figura 2.1 possibile lay-out piano tipo
Come evidenziato dalla figura sopra riportata l''edificio è formato da due lati
lunghi e 2 corti. I primi sono interamente composti da superfici vetrate, mentre i
secondi sono formati da strutture opache intervallate da strisce verticali
trasparenti in corrispondenza delle colonne montanti degli ascensori panoramici.
v PARETI OPACHE
Nella struttura si distinguono diversi componenti opachi caratterizzati in base
alla loro funzione, ognuno dei quali risulta essere composto da materiali diversi.
Di seguito riportiamo la stratigrafia e le caratteristiche principali di ciascun
componente.










16 Muro esterno: ' la struttura verticale opaca che delimita esternamente i vani ascensori
Muro cavedio interno (interno): Pur non essendo un locale confinante con l''ambiente esterno, il cavedio non è
riscaldato e quindi si trova ad una temperatura inferiore rispetto all''ambiente
climatizzato. Cautelativamente esso viene assunto ad una temperatura di 10°C.


17 Muro cavedio esterno: Muro verso locale ascensori:
Per questa non si ha stratigrafia in quanto è una parete composta. Essa è formata
infatti dalla porte degli ascensori intervallate con muro in calcestruzzo. Per il
calcolo delle dispersioni è data una trasmittanza equivalente della parete
complessiva pari ad 1 W/m 2K, la quale però non è stata utilizzata nella determinazione delle perdite per trasmissione in quanto ci si è avvalsi dei valori
calcolati dalle simulazioni redatte da uno studio tecnico esterno.















18 Muro hall:
Struttura interrata esterna confinante coi garage
Solaio ufficio 23°:
Solaio confinante con locale tecnico non riscaldato la cui temperatura è stata
calcolata tramite bilancio termico e pari a 3,8°C



19 Solaio ufficio 47°: Solaio confinante con locale tecnico non riscaldato la cui temperatura è stata
calcolata tramite bilancio termico e pari a 3,8°C
Solaio 48°:
Solaio di separazione tra locali tecnici non riscaldati



20 Solaio 49°:
Copertura esterna
Pavimento ufficio 25°:
Struttura di separazione verso locale tecnico non riscaldato a temperatura di
3,8°C



21 Pavimento hall +122M: Struttura di separazione verso locale tecnico non riscaldato ed interrato la cui
temperatura calcolata applicando il coefficiente secondo norma UNI 11300 è
pari a 6,5°C

Per quanto riguarda i ponti termici, questi sono stati trascurati essendo i
componenti opachi tutti con isolamento esterno.
Oltre alle caratteristiche di trasmissione del calore delle superfici sopra riportate
è stata verificata l''assenza di condensazione superficiale ed interstiziale per tutte
le strutture (come imposto dalla normativa UNI 13788) in quanto la condensa
potrebbe creare problemi estetici, igienici e di degrado dei materiali.
v COMPONENTI TRASPARENTI
Come evidenziato nell''immagine I.1, una significativa percentuale delle
superfici disperdenti è formata da componenti finestrati i quali assumono quindi
un ruolo fondamentale nel calcolo delle potenze trasmesse (caso invernale) e
degli apporti solari (caso estivo).
Le caratteristiche che permettono di definire ogni componente vetrato sono la
trasmittanza unitaria e il fattore solare. La prima permette di determinare lo
scambio termico del componente dovuta alla differenza di temperatura tra
l''ambiente interno ed esterno ed è data dalla media pesata della trasmittanza del
vetro e del telaio.



22 In particolare:

Dove:

Ag è l''area della vetrata
Af è l''area del pannello opaco
Ug è la trasmittanza termica della vetrata
Uf è la trasmittanza termica del componente opaco
Ig è il perimetro della vetrata
Ψg è la trasmittanza termica lineare dovuta agli effetti termici combinati della
vetrata, del distanziatore e del telaio.
Il fattore solare invece esprime il rapporto tra l''energia solare entrante
nell''ambiente e il totale dell''energia incidente la superficie vetrata. In
particolare si dovrebbe avere fattore solare basso nel periodo estivo per
minimizzare i fabbisogni di raffrescamento ed alto nel periodo invernale per
massimizzare lo sfruttamento degli guadagni solari.
Sono di seguito riportate le caratteristiche dei componenti trasparenti per il
piano tipo ad uso ufficio.
Facciata esposta Nord-Ovest e Sud-Est: ' composta da moduli a triplo vetro, di cui il costruttore fornisce direttamente i
valori della trasmittanza media e del fattore solare. Ai fini del calcolo dei carichi
estivi si è tenuto conto anche del fatto che non tutta la superficie dei moduli è
trasparente alla radiazione solare, in quanto ognuno presenta alla base uno
zoccolo opaco, che altro non è che la sezione di ogni solaio.

Larghezza modulo: 150 cm (alcuni da 165 cm)
Altezza modulo: 390 cm (52 cm di zoccolo opaco)
Area modulo: 5,85 m 2 (0,78 m2 opachi) Trasmittanza media: 1,43 W/m 2K Fattore solare: - NO: 0,31
- SE: 0,26



23 Vetro ascensori panoramici: Sono vetri singoli la cui scelta è stata dettata dalla necessità di avere
caratteristiche di trasparenza buone, a discapito della trasmittanza.

Larghezza modulo: a seconda del vano
Altezza modulo: 390 cm
Trasmittanza media: 5,1 W/m 2K Fattore solare: 0,8
Vetrata break area: Sono formate da moduli di cui il costruttore fornisce direttamente i valori della
trasmittanza media e del fattore solare. Ai fini del calcolo dei carichi estivi si è
tenuto conto dello zoccolo

Larghezza modulo: 157 cm
Altezza modulo: 390 cm (52 cm di zoccolo opaco)
Area modulo: 6,12 m 2 (0,81 m2 opachi) Trasmittanza media: 1,5 W/m 2K Fattore solare: 0,4
Vetrate hall piano terra:
Sono formate da moduli di doppi vetri di cui il costruttore fornisce direttamente
i valori della trasmittanza media e del fattore solare.

Larghezza modulo: 150 cm
Altezza modulo: 890 cm (52 cm di zoccolo opaco)
Area modulo: 13,3 m 2 (0,81 m2 opachi) Trasmittanza media: 2 W/m 2K Fattore solare: 0,6
2.2 Definizione piani tipo

L''edificio in esame è adibito ad uso uffici e ha la caratteristica di avere i piani
uguali e quindi modulari. Per questo motivo andremo a definire dei piani ''tipo'
che poi verranno assemblati ricreando la configurazione complessiva
dell''edificio, al fine di calcolare le potenze di progetto. Restano esclusi da
questa semplificazione solo i 3 piani destinati al contenimento degli impianti
meccanici ed elettrici che hanno le stesse caratteristiche strutturali del piano
tipo uffici, ma ai fini del calcolo dei carichi termici verranno trattati
separatamente.
Piano tipo uffici muro cavedi interno muro parete ascensori muro esterno parete vetrata hall parete vetrata ascensori parete vetrata break area Figura 2.2 Dettaglio tipologia strutture piano tipo
Si è scelto di dividere la pianta del piano in 8 zone a seconda dell''esposizione e
della destinazione d''uso (vedi fig. 4.14 e 6.2). Seguendo l''ordine numerico
troviamo:



25 Tabella 3.1 Suddivisione piano tipo e dimensione locali Hall





!"#$%&#' ()*$#$+)&,#$%&#' -.*'/0)%)',1234 5$#.6',#$/7$,1284 ! Locale ad uso uffici esposto a nord-ovest "#$ !!%& "'(') Sala riunioni %# "*+ * Area break esposta a nord-est )& ")% , Vano ascensori nord-est )+ "*, % Locale ad uso uffici esposto a sud-est "#$ !!%& $ Area break esposta a sud-ovest )& ")% & Vano ascensori sud-est )+ "*, # Bagni $" "&! 26 muro cavedi interno muro parete ascensori muro esterno parete vetrata hall parete vetrata ascensori parete vetrata break area Figura 2.3 Dettaglio tipologia strutture Hall
Vista frontale:
Figura 2.4 Sezione Hall
Vista laterale:
Figura 2.5 Sezione Hall 3 Calcolo carichi termici

Per calcolare la potenza termica totale necessaria a mantenere un ambiente a
temperatura fissata si devono considerare tutti i contributi sensibili e latenti
valutati nelle condizioni climatiche staticamente più sfavorevoli. Occorrerà
quindi stabilire subito i parametri climatici dell''ambiente esterno e le condizioni
di progetto degli ambienti climatizzati.

3.1 Definizione parametri climatici di progetto

Nel contesto di un piano energetico nazionale, mediante il DPR 412 si è
suddiviso il territorio nazionale in 6 zone climatiche in funzione della grandezza
gradi-giorno. Quest''ultima, caratteristica di ogni località, rappresenta la somma
estesa a tutti i giorni del periodo annuale di riscaldamento, delle sole differenze
di temperatura positive tra la temperatura dell''ambiente fissata a 20°C e la
temperatura media esterna giornaliera. Calcolando un numero di gradi-giorno
pari a 2404, Milano si colloca nella zona climatica E.
L''influenza del vento è importante sul bilancio termico poiché influisce sullo
scambio termico convettivo delle superfici esterne e sulle infiltrazioni di aria
esterna attraverso pareti e serramenti. In base alla norma UNI 10349 si stabilisce
che la velocità media del vento a Milano è pari a 1,1 m/s direzione Sud-Ovest.

3.1.1 Caso invernale

Il parametro fondamentale per il dimensionamento degli impianti di
riscaldamento è la temperatura esterna di progetto, che per Milano è assunta pari
a -5°C. Nel nostro caso, trattando un edificio di grande altezza la norma impone
cautelativamente di assumere per il dimensionamento di picco una temperatura
di 2°C inferiore, ossia -7°C. Questa permette di calcolare la potenza termica
massima che l''impianto deve fornire per bilanciare le dispersioni per
trasmissione e ventilazione. Infatti avendo previsto un'' impianto di
climatizzazione misto aria-acqua, si dovrà determinare anche la quota parte di
potenza necessaria al trattamento dell''aria esterna. A tal proposito assumiamo
l''umidità relativa dell''aria esterna pari a 80% U.R.
Per quanto riguarda le condizioni di progetto interne, trattandosi di locali ad uso
uffici (classe E2, come definito da DPR n.412) abbiamo fissato i valori di
temperatura ed umidità atti ad ottenere le condizioni di comfort per gli
occupanti. Sulla base delle indicazioni fornite dell''articolo 4 dello stesso DPR e
dei valori ottimali per il benessere delle persone si stabiliscono le seguenti 28 condizioni termo-igrometriche da mantenere all''interno dei locali durante la
stagione invernale:
' T aria: T = 20°C +/- 2°C di tolleranza (DPR) ' Uffici e sale riunioni: T = 20°C, UR = 40% ' Bagni: T = 20°C, UR non controllata ' Hall: T = 20°C, UR non controllata
3.1.2 Caso estivo

Al fine di determinare la potenza massima frigorifera necessaria a mantenere le
condizioni termo igrometriche di progetto negli ambienti climatizzati, si
definiscono i seguenti contributi:
' Carico sensibile dovuto alla trasmissione attraverso superfici opache e trasparenti ' Carico sensibile ceduto all''aria da persone, corpi illuminanti e altre fonti interne di calore ' Carico sensibile sottratto all''aria di ventilazione ' Carico latente sottratto all''aria da immettere negli ambienti ' Carico latente dato dalle persone occupanti gli ambienti e altre fonti interne di vapore
La somma di tutti questi termini è valutata nelle condizioni climatiche più
sfavorevoli. Tuttavia non è possibile ipotizzare, come nel caso invernale, che
l''andamento dei fenomeni termici sia stazionario; infatti le grandezze che
rappresentano le sollecitazioni, in primo luogo la radiazione incidente
sull''edificio, sono variabili nel tempo. Ne consegue che ognuno dei termini
sopra indicati è funzione del tempo e che per individuare il caso peggiore è
necessario eseguire per ogni ora la somma dei suddetti termini e cercarne il
valore massimo.
Quest''ultimo è necessario per poter dimensionare:
' Gruppi frigoriferi ' Terminali ambiente nelle condizioni di funzionamento più critiche dal punto di vista dei carichi termici
Quest''ultimo punto verrà trattato nel capitolo dedicato alla progettazione
dell''impianto dell''aria.
29 Analogamente al caso invernale, si devono stabilire le condizioni di progetto
estive, che sono ricavate dalla norma UNI 10339:
' Temperatura = 32°C ' U.R. = 50%
Sulla base di studi e ricerche è stata individuata la ''zona di benessere'
relativamente alle condizioni dell''aria in ambiente. In particolare si è visto che
l''organismo umano è idealmente in equilibrio quando in ambiente si hanno i
seguenti valori termo-igrometrici:
' Temperatura ambiente compresa tra 24-26°C ' U.R. tra 40 e 60%
Pertanto le condizioni di riferimento assunte sono le seguenti:
' Uffici e sale riunioni: T = 26°C +/- 1°C, UR = 50% +/- 5% ' Hall: T = 26°C +/- 1°C, UR non controllata
3.2 Ipotesi di calcolo

Prima di procedere col calcolo dei carichi invernale ed estivo bisogna definire le
seguenti ipotesi:
' Si è proceduto al calcolo della temperatura dei cavedi interni e dei vani scala mediante bilancio energetico e si è riscontrato che questa risulta
essere pari a 12°C nelle condizioni invernali più gravose (T esterna -
7°C). Cautelativamente nel calcolo delle dispersioni per trasmissione
questa verrà ipotizzata pari a 10°C, mentre per il caso estivo è supposta
pari a 28°C dato che solo una delle 4 superfici verticali è interfacciata
con l''esterno. ' La temperatura dei locali tecnici ai piani 24, 48 e 49 è stata calcolata, sempre mediante bilancio energetico, ed è pari a 3,8°C per il caso
invernale, mentre nel caso estivo questa è cautelativamente presa pari a
32°C. ' La temperatura del locale tecnico interrato è stata calcolata mediante l''indice correttivo b dato dalla normativa UNI/TS 11300 per locali non
risaldati interrati ed è pari a 6,5°C per il caso invernale, mentre è
supposta pari a 26°C nel caso estivo. 30 ' Le temperature del vano ascensori sono state calcolate dettagliatamente da uno studio tecnico esterno e sono state considerate rispettivamente di
5°C per il caso invernale e 40°C per quello estivo secondo norma 81-1.
Per il calcolo delle potenze disperse da e con questo locale ci baseremo
sulla relazione fornita dallo stesso studio tecnico.
I carichi sono stati ricavati attraverso una simulazione dinamica che
considera oltre alla componente di trasmissione anche quella di
emissione. 3.3 Calcolo invernale

La potenza termica totale (P TOT) necessaria a mantenere la temperatura interna di progetto è calcolata come somma del potenza trasmessa attraverso l''involucro
(P D) e della potenza necessaria per portare l''aria di ventilazione nelle condizioni di immissione (P v). Cautelativamente, per il caso di impianto ad aria primaria e fan-coil il valore della potenza totale verrà moltiplicato per un coefficiente di
correzione che tiene conto anche del periodo di utilizzazione giornaliere dei
locali (da norma pari a 1,12).

3.3.1 Potenza dispersa attraverso l''involucro P D
Attraverso il software commerciale EDILCLIMA sono state calcolate le
dispersioni totali dell''edificio al fine di poter dimensionare la centrale termica
nel caso invernale e determinare le potenze disperse da ogni singolo ambiente
secondo la suddivisione indicata precedentemente.
Nel calcolo della potenza dispersa dalle pareti sono stati considerati: il grado di
umidità, la velocità e la temperatura dei venti, l''insolazione. Si applicano quindi
opportuni coefficienti di maggiorazione sotto forma di aumenti percentuali delle
dispersioni in base all''esposizione della parete. I coefficienti applicati sono i
seguenti:
Nord = 1,20 Nord-Ovest = 1,15 Nord-Est = 1,20 Ovest = 1,10 Est = 1,15 Sud-Ovest = 1,05 Sud-Est = 1,10 Sud = 1,00 Figura 3.1 Coefficienti di maggiorazione in base all''esposizione 31 Figura 3.2 Orientazione edificio
I risultati analitici della potenza dispersa attraverso i vari componenti
dell''edificio corretti in base all''orientamento vengono riportati nell''ALLEGATO 1. A livello generale vengono qui riassunte le sole dispersioni
del piano tipo:
Tabella 3.2 Carichi termici invernali piano tipo PIANO LOCALI PT (W) TIPO UFFICIO NO 6326 TIPO SALA RIUN NE 17 TIPO UFFICI SE 6055 TIPO SALA RIUN SO 17 TIPO BREAK AREA NE 3788 TIPO VANO ASC NE 2600 TIPO SBARCO SO 4970 TIPO VANO ASC SO 2826 TOT PIANO 26599
La potenza termica derivante dalle sole dispersioni di calore attraverso i
componenti dell''intero involucro edilizio viene stimata pari a:
P tot = n° piani * TOT PIANO = 1,29 MW


32 3.3.2 Calore di ventilazione

La qualità dell''aria interna viene raggiunta non solo controllandone la
temperatura e l''umidità, ma anche prevedendone un rinnovo continuo attraverso
l''immissione di aria esterna trattata. Si opta pertanto per un impianto di
immissione e di estrazione le cui portate sono correlate al fine di mantenere nei
locali una sovrappressione rispetto all''esterno tale da impedire infiltrazioni
d''aria esterna non trattata. Per poter determinare tali portate sono state seguite le
indicazioni della norma UNI 10339.
Pur non avendo a disposizione un layout definitivo degli ambienti ma
considerando che i locali sono destinati ad uso ufficio, la norma stabilisce una
portata di aria esterna pari a:
' Uffici e locali vari: 40 m3/h per ogni persona ' Sale riunioni: 36 m3/h a persona
Nei locali sbarco ascensori e nelle break aree la quantità di aria esterna da
immettere è stata calcolata in modo da garantire la pressurizzazione.
In particolare per gli sbarchi, a causa della presenza degli ascensori e dei vani
scala, si è scelta una portata tale da garantire il ricambio di 1 V/h.
Per quanto riguarda invece la portata di aria estratta da ogni bagno la
sopracitata norma impone un''estrazione pari a 8 V/h con funzionamento in
continuo.
Partendo dagli indici di affollamento dati dalla norma UNI 10339 (tabella 3.2),
per ogni locale si è ricavato il numero massimo di persone per piano, pari a 116
pp/piano.
Tabella 3.3 Indici di affollamento uffici
Questo valore è poi da confrontare col massimo affollamento ammesso dalle
normative antincendio DM 22.02.2006 e DPR 37/1998.
Trattandosi di edificio di grande altezza l''affollamento massimo si determina in
funzione della capacità di deflusso delle uscite di sicurezza. Le due porte di
accesso ai vani scala hanno una larghezza di 1,2 metri ciascuna (equivalenti a 4
moduli) per cui la massima occupazione ammissibile è di 132 persone a piano
(33 pp/modulo x 4 moduli). Considerando però che la torre è costituita da più 33 piani il massimo affollamento va calcolato sulla base di due piani consecutivi a
massimo affollamento. In particolare i vani scala di larghezza pari a 1,8 metri
cad. equivalenti in totale a n. 6 moduli di uscita permettono l''evacuazione in
sicurezza di 100 persone a piano (33 pp/modulo x 6 moduli / 2 piani).
Figura 3.3 Vie di fuga piano tipo
L''affollamento cosi determinato viene assunto come limite massimo. Per i
calcoli di dimensionamento dell''impianto aeraulico verrà assunto un numero di
persone pari a 84 in presenza continua, ma sarà implementato un meccanismo
che permetta di garantire le condizione di confort anche nel caso in cui nelle sale
riunioni siano presenti ulteriori 16 persone esterne per un totale contemporaneo
di 100 persone.
La ripartizione dettagliata dei criteri usati per la determinazione della portata di
aria primaria nei vari locali è mostrata nella tabella sottostante: Tabella 3.4 Criteri per determinazione portate d''aria LOCALE CRITERIO Hall 1,5 V/h Uffici (fasce laterali) 40 pp X 2 Sale riunioni 16 pp Break area 1 V/h Sbarco ascensori 1 V/h
Sulla base di queste considerazioni la portata massima di aria primaria da
immettere in ogni piano risulta pari a:
V AP = 4226,5 m 3/h

34 La portata complessiva è poi calcolata considerando la portata d''aria immessa
nelle 2 hall. Quest''ultima l''abbiamo determinata dalle seguenti considerazioni:
' Pressurizzazione locali ' Esfiltrazioni attraverso ascensori ' Esfiltrazioni attraverso le porte girevoli ' Persone in transito
Per questi motivi la portata nelle hall è supposta essere pari a
V = 1,5 Vol/h La portata massima totale di aria primaria da immettere nell''intero edificio
risulta quindi:
V AP = 222694 m 3/h Al fine di mantenere in ambiente le condizioni termoigrometriche di comfort, la
portata d''aria dovrà essere riscaldata, umidificata per poter mantenere in
ambiente determinate condizioni di temperatura ed umidità ed eventualmente
post-riscaldata. In particolare i trattamenti, come rappresentato nel grafico
psicrometrico, risultano i seguenti:
' Preriscaldamento dell''aria dalla temperatura esterna fino ad una temperatura massima raggiungibile col recuperatore di calore e
compatibile con le condizioni di immissione (non oltre i 16°C) ' Riscaldamento dell''aria tale da permettere la successiva umidificazione (tratto AE-2) ' Umidificazione adiabatica (tratto 2-3) 35 Figura 3.4 Trattamento aria primaria in ciclo invernale
Dal diagramma psicrometrico si individuano i punti rappresentativo delle
condizioni di progetto esterne (-5°C, 80% UR) ed interne (20°C, 40%)
ricavandone le relative entalpie specifiche.
Si determina che la potenza necessaria per portare 1 kg di aria dalle condizioni
iniziali a quelle finali è pari a:

La potenza necessaria ad elaborare la portata necessaria per ogni piano è quindi:

Durante la stagione invernale, la potenza totale necessaria al trattamento
dell''aria primaria risulta essere pari a:
!! = 2,56  !"



36 3.3.3 Calcolo potenza centrale termica

Come precedentemente accennato, il calcolo della potenza della centrale termica
deriva dalla somma dei contributi dovuti alle dispersioni ed al trattamento
dell''aria primaria. Pertanto si ottiene che la potenza totale necessaria è pari a:
P tot = Pt + Pv = 3,85 MW
Tuttavia al fine di riservare un margine di potenza nell''utilizzo del generatore di
calore, si utilizza un coefficiente di maggiorazione del 10% sulla potenza
ottenuta:
P tot = 4,24 MW
3.4 Calcolo estivo

Analogamente al caso invernale, anche il carico estivo è composto da 2
contributi: il primo relativo ai fenomeni di trasmissione anche considerando i
carichi termici interni, il secondo è invece dovuto alla potenza frigorifera al
trattamento dell''aria.

3.4.1 Definizione dei carichi interni

Per determinare con esattezza il carico frigorifero estivo è fondamentale
conoscere tutti i fattori che influenzano l''equilibrio termico ambientale. I carichi
interni rappresentano un contributo non trascurabile e sono dovuti alla presenza
delle seguenti sorgenti:
' PERSONE: Per quanto riguarda il contributo delle persone, questo varierà in funzione dell''attività svolta e della temperatura mantenuta in
ambiente. Ad esempio per attività di ufficio in un ambiente a 26°C
(nostro caso) si considera un calore sensibile pari a 64 W a persona e un
calore latente di 70 W a persone. Questi valori verranno correlati
all''indice di affollamento degli ambienti in esame. Nel caso degli apporti
di calore dovuti alle persone si deve distinguere se si tratta di carico
termico massimo di un ambiente per determinare la portata di aria da
immettere oppure se si sta eseguendo il calcolo del carico massimo
contemporaneo per valutare il carico massimo frigorifero. Infatti nel
primo caso si deve considerare il massimo affollamento al fine di
dimensionare l''impianto nelle condizioni più sfavorevoli, nel secondo 37 caso si introduce un coefficiente di contemporaneità che verrà
successivamente descritto. ' ILLUMINAZIONE: il calore dovuto all''illuminazione è una quota non trascurabile del totale ed è quindi necessario valutarlo attentamente.
Nella fase di progettazione si sono considerati i seguenti valori di carico
termico al m 2: - illuminazione uffici e sale riunioni: 13 W/m 2 - illuminazione hall: 22 W/m 2 ' APPARECCHIATURE ELETTRICHE GENERICHE: occorre tenere conto anche del calore sensibile emesso dai dispositivi elettrici
eventualmente presenti. A seconda dell''uso previsto per i locali
troviamo:
- 200 W per ogni postazione lavorativa nei locali uffici
- 1000 W per i distributori automatici delle break area
- 1000 W (5 pc) per ogni hall
Dopo aver elencato i carichi interni è necessario sottolineare che non tutti i
carichi sono contemporaneamente presenti coi loro valori di picco. Per questo
motivo si applica un coefficiente di simultaneità utile a determinare la taglia
frigorifera dell''impianti di condizionamento. Questo coefficiente viene
utilizzato nel caso di edifici di grande ampiezza ad uso uffici. ' infatti raro che i
massimi carichi esterni coincidano con la presenza in ambiente di tutte le
persone e relative apparecchiature. In base all''esperienza è stato possibile
attribuire ai coefficienti i seguenti valori:

- persone: 0,75 / 0,9
- illuminazione: 0,7 / 0,85

3.4.2 Potenza sensibile massima contemporanea

Dall''analisi svolta con l''ausilio di Edilclima abbiamo ricavato che la situazione
di massimo carico si verifica alle ore 16 del mese di Luglio . I risultati dettagliati
di quest''analisi sono riportati nell''ALLEGATO 1. ' di seguito riportata una
tabella riassuntiva del carico frigorifero totale (trasmissione + irraggiamento)
relativo all''ora più critica per ogni locale.






38 Tabella 3.5 Potenze massime contemporanee per trasmissione ed irraggiamento PIANO LOCALE Pt+irr W TIPO UFFICIO NO 8084 TIPO SALA RIUN NE 3 TIPO UFFICI SE 3551 TIPO SALA RIUN SO 3 TIPO BREAK AREA NE 2317 TIPO VANO ASC NE 1979 TIPO SBARCO SO 4527 TIPO VANO ASC SO 6087 TOT PIANO 26551
Si evidenzia quindi che il massimo carico frigorifero dell''edificio dovuto alla
trasmissione su tutto l''involucro è pari a:
Q trasm = 1,32 MW Sulla base delle precedenti considerazioni circa i carichi interni, applicando un
coefficiente di contemporaneità pari a 0,85 si ottiene un carico interno relativo
all''intero edificio di:
Q P&C = 1,44 MW
La somma dei contributi precedenti determina il carico sensibile massimo
contemporaneo che è pari a:
Q edificio = 2,76 MW
3.4.2 Carico per ventilazione

Per quanto riguarda il trattamento dell''aria questa deve essere portata dalle
condizioni di progetto esterne estive (32°C e 50%) a quelle previste per
l''immissione negli ambienti, ossia quelle condizioni che permettano di ottenere
in ambiente i valori di temperatura ed umidità relativa desiderati (26°C e 50%).
Dal diagramma psicrometrico si nota che l''aria deve essere sia raffreddata che
deumidificata. Questa trasformazione è ottenibile facendo passare l''aria
attraverso una batteria alettata a temperatura inferiore al punto di rugiada
dell''aria stessa.
39 In particolare, nella condizione di massimo carico, trasformazione dell''aria
primaria risulta essere la seguente:
Figura 3.5 Trasformazioni aria primaria in ciclo estivo
Si può notare che la condizione dell''aria in uscita dalla batteria fredda ha le
seguenti caratteristiche:

- T = 13°C
- UR = 90%

La variazione entalpica specifica relativa alla trasformazione è:

Come già precedentemente specificato la portata di aria immessa dipende
dall''affollamento interno, ed è quindi pari a 4226,5 m 3/h. Il carico frigorifero per il piano tipo ad uso uffici è quindi il seguente:

40 3.4.3 Potenza centrale frigorifera

Il calcolo della massima potenzialità della centrale frigorifera viene eseguito
sommando i contributi delle batterie di raffreddamento presenti nell''impianto e
di tutti i circuiti terminali necessari, nelle condizioni di massimo carico
contemporaneo. Precisiamo che per un impianto ad aria primaria esterna, l''aria
viene deumidificata ma anche raffreddata per cui parte del calore sensibile
ambiente viene asportato da essa.
I carichi in gioco sono i seguenti:
' Carico sensibile ambiente massimo contemporaneo:
Q MAX = 2,76 MW ' Batterie di raffreddamento e deumidificazione:
Q BAT = 2,71 MW Quindi la somma dei contributi precedenti è: Q FRIG = QMAX + QBAT = 5,47 MW A questo valore va poi sottratta la quota parte di potenza che l''aria primaria
asporta dall''ambiente climatizzato, essendo questa immessa a T IMM inferiore alla T AMB Q AP,UTILE = V * ρ * ( hAMB '' hIMM ) = 1,19 MW Pertanto, tenuto conto dell''apporto frigorifero dell''aria primaria, la potenza
massima della centrale frigorifera risulta essere pari a:
Q CENTRALE = QFRIG - QAP,UTILE = 4,29 MW Applicando un coefficiente di maggiorazione del 10% al fine di rendere
l''impianto più flessibile e sicuro, si ottiene la potenza complessiva su cui si
dovrà dimensionare la centrale frigorifera.
Q PROGETTO = QCENTRALE * 1,1 = 4,72 MW

41 3.5 Rispetto delle prescrizioni per il contenimento dei consumi energetici

Come ampiamente descritto nel capitolo 1, il sistema edificio-impianto in esame
deve essere sottoposto ad una serie di verifiche finalizzate ad ottenere il
permesso di realizzazione dell''edificio stesso.
Si è provveduto quindi a verificare che tutti i limiti di legge secondo DGR 8745
fossero rispettati:
' Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Il valore limite sopra riportato è stato ricavato in funzione della zona
climatica di appartenenza (E, 2404 GG), della categoria dell''edificio
(E.2) e dal rapporto di forma dell''edificio S/V (0,16 1/m), parametro
calcolato come rapporto tra la superficie esterna che delimita il volume
dell''edificio ed l volume degli ambienti climatizzati al lordo delle
strutture che li delimitano.
' Assenza condensazione superficiale sulle superfici opache interne e interstiziale nelle strutture di separazione tra gli ambienti (vedi allegato
1)
' Sistemi schermanti

!"#$%&'#$'()&*+,-$."&'&"&)/&+$%,'(&)'0,'%0$1,+$--,-$."&'$"2&)",0&'.'$0')$*%,0#,1&"+.''34567' !"#$%& '!())*! 8,0.)&'#$'()./&++.'' +,+-!"#$%& .!())*! "#$%& '!())*! 9.":)."+.'%."'$0'2,0.)&'0$1$+&')$(.)+,+.',00;,00&/,+.'<'#&0'()&*&"+&'
().22&#$1&"+.'
' /0,12!"#$%& .!())*! !3!Ͳ!"4' =,>>$*./".'#$'%.1>'*+$>$0&' 5& .! =,>>$*./".'#$'&"&)/$,'&0&++)$%,'#,')&+&' 2-'.6-6!"#$7! 5).#'-$."&'#$'&"&)/$,'&0&++)$%,'0.%,0&' "#$7! #7'!"#$%&'#$'()&*+,-$."&'&"&)/&+$%,'".)1,0$--,+.'(&)'0,'%0$1,+$--,-$."&'$"2&)",0&'.'$0')$*%,0#,1&"+.'' "#$%& '88 ' 8,0.)&'#$'()./&++.!! !"#$%&'#($)*'+,-.,/-0'##*%1'+.,+",-.$"'-0$/0'/$"'-$/-12+"'-03!! ! "#$%&988 &7'!"#$%&'#$'()&*+,-$."&'&"&)/&+$%,'(&)'0,'().#'-$."&'#$',%@','%,0#,'*,"$+,)$,' 3!Ͳ!"4 =,>>$*./".'#$'%.1>'*+$>$0&'!"#$%&'&%()$*&+*,&#-*.&*%-/01",&0&+$*$*2$+*%("-*
.&*3$2$)(,-)&*%4$*1,&+&55&2-*#&6*.&*12*%-/01",&0&+$*&2.&%()$*(2%4$*+$*
#$)%$2,1(+&*.&*1,&+&55-*.$&*"&23-+&*%-/01",&0&+&7
' 5& . =,>>$*./".'#$'&"&)/$,'&0&++)$%,'#,')&+&' "#$7! 5).#'-$."&'#$'&"&)/$,'&0&++)$%,'0.%,0&' "#$7! :7'!1($,"+$'*.0,)$'+&)1$%$'(&)'0,'().#'-$."&'#$',%@','%,0#,'*,"$+,)$,' 5&)%&"+',0&'#$'%.(&)+'),'#&0':,>>$*./".',""'.' : /7'!1($,"+$':.+.2.0+,$%$' 5&)%&"+',0&'#$'%.(&)+'),'#&0':,>>$*./".',""'.' 0,.!: !A7'!"#$%&'#$'()&*+,-$."&'+&)1$%,'(&)'0,'%0$1,+$--,-$."&'&*+$2,'.'$0'),::)&*%,1&"+.'34B%7' "#$%& '!())*! 8,0.)&'#$'()./&++.'' 1,2;!"#$%& .!())* ' ' ' ' ! "#! $%&'(&$)*&!%&+,*-)-&!./&!()*(0*&! ! ! 12!&34567895!:;<6<=<5!:!9<81>'<!;@19<1! ! &;:3A<B<81=<53:C!8168565!:!1AA9<'7=<53:!;:<!D53A<!A:9><8<!1<!85>D53:3A<!5D18E<!;:66@<34567895!:;<6<=<5! ! ! (191AA:9<FA<8E:!A:9><8E:!GA91F><AA13=1!A:9><81!:!A91F><AA13=1!A:9><81!D:9<5;<812C!<H95>:A9<8E:!:!;<!>1FF1!
F7D:9B<8<16:!;:<!85>D53:3A<!5D18E<!;:66I<34567895!:;<6<=<5!!
! (53B953A5!;:661!A91F><AA13=1!;:6!85>D53:3A:!5D185!853!<!D53A<!A:9><8<!1;!:FF5!1AA9<'7<A<!853!<!41659<!6<><A:!
9<D59A1A<!16!D73A5!J#K!6:AA:91!'2!:!166@166:H1A5!)!;:6!D9:F:3A:!D9544:;<>:3A5!
! ! !"#$%&!""#$!%&'(&'(('&)*#+#,-#&*#('.%/,#0& ! (191AA:9<FA<8E:!A:9><8E:!;:<!85>D53:3A<!B<3:FA91A<!;:66I<34567895!:;<6<=<5! ! (53B953A5!853!<!41659<!6<><A:!9<D59A1A<!166@166:H1A5!)!;:6!D9:F:3A:!D9544:;<>:3A5! ! (61FF:!;<!D:9>:1'<6<AL!166@19<1!;:<!F:991>:3A<!:FA:93<! & & ' ! ! M167A1=<53:!;:66@:BB<818<1!;:<!F<FA:><!F8E:9>13A<!;:66:!F7D:9B<8<!4:A91A:!! "#$$%&'!(%)#&'!*#++,#$'!-&,.+,-#),!%$$'./$%!#$$&#0'&(%!)#!-&'('.1#!(/,!0'$&,!2,!-')),+%)'!(+3'&4#.$,!'!+%%#$,.56! "#$$%&'!(%)#&'!#!78!9:;<!! *#$$%&'!(%)#&'!#!=>!!' ϭ;6! @A'**,+#+,#!2',!(,($'4,!(+3'&4#.$,!B!$#)'!2#!&,2/&&'!2')!CD;!)A,&&#2,#1,%.'!(%)#&'!4#((,4#!(/))'!(/-'&*,+,!
$&#(-#&'.$,!2/&#.$'!,)!-'&,%2%!'($,0%!E"#$$%&'!(%)#&'!'D;F6! ! ! )AA:371=<53:!;:<!D53A<!A:9><8<!GD9544:;<>:3A<!:!816856<2! 7%.%!($#$,!,.('&,$,,!-%.$,!$'&4,+,!2,!(%)#,%!$&#!)%+#),!&,(+#)2#$,!'!)%+#),!.%.!&,(+#)2#$,G'($'&.%<!! ,!&'($#.$,!-%.$,!$'&4,+,!0'.5%.%!+%.(,2'&#$,!+%&&'$$,6! 42 ' Inerzia involucro opaco ' Efficienza globale media stagionale ' Rinnovabile termico per ACS Il teleriscaldamento è assimilabile ad energia rinnovabile, quindi è
verificato il DGR. ! ! "#!! $%&&'()!&)*'+',)-)!./++0/.)$)-)'!1'!./+!-'2*+/33'!.)!/.)$)-)4! ! ! "#$!%#%&%'($!($)*#*+$,$!-*.'$($/!0#!1*#*!1,*)*!2$!13))*.(0.%!#0!).%1%'(%!.%#04$*'%!(%,'$,0/!1*'*!$!1%+3%'($5! ! ; ! 6$0'(%! 2$! ,$01,3'! )$0'*! 2%+#$! %2$-$,$! ,*'! *.$%'(0&%'(*! %! $'2$,04$*'%! 2731*! ).%80#%'(%! 2%$! 1$'+*#$!#*,0#$! ; ! 6.*1)%(($!%!1%4$*'$!2%+#$!%2$-$,$!,*'!%8$2%'4$04$*'%!2%$!1$1(%&$!2$!).*(%4$*'%!1*#0.%! F ! 9#0:*.0($! +.0-$,$! .%#0($8$! 02! %8%'(30#$! 1$1(%&$! 1*#0.$! )011$8$! 1)%,$-$,0(0&%'(%! ).*+%((0($! )%.! -08*.$.%!#*!1-.3((0&%'(*!2%+#$!0))*.($!1*#0.$! ! ! 5#!! *%(%2/&()!-+)2%&)-)!./++%!+'-%+)&%6! ! ! ,789:!;:<7=<!;2%##0!4*'0!27$'1%2$0&%'(*/!2%(%.&$'0($!$'!:01%!0#!<6=!'>!'@ABCDE!! ! A'F'!"" ! &>'@>78AB78! ':=:'8! :=C>7=8D>! 9:! @7<;>AA<! ;2%##70.$0! %1(%.'0! 1%,*'2*! '*.&0! GHI! JDK'! %!
13,,%11$8$!0++$*.'0&%'($E!! ! ͲJ!LM ! &>'@>78AB78! '8EE:'8! >EA:C8! 9:! @7<;>AA<! ;2%##70.$0! %1(%.'0! 1%,*'2*! '*.&0! GHI! @FD'C! %!
13,,%11$8$!0++$*.'0&%'($E! ! DA!LM ! %'@:>FF8! '8EE:'8! >EA:C8! 9:! @7<;>AA<! ;2%##70.$0! %1(%.'0! 1%,*'2*! '*.&0! GHI! @FD'C! %!
13,,%11$8$!0++$*.'0&%'($E! ! D!!LM ! G':9:AH! 7>D8A:C8! 9>DD087:8! 9:! @7<;>AA<! )%.! #0! ,#$&0($4404$*'%! %1($80! ;1%,*'2*! '*.&0! GHI!
@FDDC!%!13,,%11$8$!0++$*.'0&%'($E! ! JF!N ! )7789:8=F8! E<D87>! '8EE:'8! >EA:C8! EB! EB@>7I:J:>! <7:FF<=A8D>! ;1%,*'2*! '*.&0! GHI! @FD'C! %!
13,,%11$8$!0++$*.'0&%'($E5!80#*.%!&%2$*!+$*.'0#$%.*! ! AOP!QB& A ! ! !"#$%&''#()#* '+"%&,#* %+-&#.* /.* -+01&* +1+%+('&* -&2&$3"&* '"#* #11300&* 3* 4(&'5* &%%36&1&#"&* ,3(7&(#('&*
!"#$%#&'()&"*+$%,(%%(,)+-),%#./0#+)+$*0/#1+ + 83(7"3('3*,3(*&1*2#13"+*1&%&'+*"&93"'#'3*#1*94('3*:;<*-+1*9"+$+('+*9"322+-&%+('3* * ! =+"&7&,#*'+"%3&0"3%+'"&,#** !2)"#+/00)'/%#+/00/+3,)$)&%)+,)0/4#*&)1! + ! * >4%+"&*-&*"&,#%6&*-'#"&#*@%+-&#*(+11+*AB*3"+C++ !$3).#5#./,)+3),+0)+"#-),$)+4*&)1! * "##$%$!&'()!!!!*+,-.! /0..!&'1(!!!!!!!*+,-.! 23%4$,$!&'5!!!!*+,-.! * D3"'#'#*-'#"&#*-&*"&,#%6&3*@EC*$313*(+&*,#$&*-&*2+('&1#)&3(+*%+,,#(&,#*
,3('"311#'#*
* * "##$%$*67&&&!89+!4 ! /0..!:;&&&!89+4! * D3"'#'#* -+11'#"&#* ,&",31#('+* #''"#2+"$3* #99#"+,,F&#'4"+* -&* "+,49+"3*
'+"%&,3*3*+('#19&,3
+!$*0*+$)+3,)-#$%)+"/0+3,*')%%*1++++++ * "##$%$!*1&:;&!89+4 * G+(-&%+('3*'+"%&,3*-+11+*#99#"+,,F&#'4"+*-&*"+,49+"3*'+"%&,3*3*
+('#19&,3
+!$*0*+$)+3,)-#$%)+"/0+3,*')%%*1+ * 65!< =#13"+*-+&*"+(-&%+('&*%+-&*$'#0&3(#1&*-&*9"30+''3* * G+(-&%+('3*-+1*$3''3$&$'+%#*-&*0+(+"#)&3(+** )6'&!< * G+(-&%+('3*-+1*$3''3$&$'+%#*-&*"+031#)&3(+* * * ))';!< * G+(-&%+('3*-+1*$3''3$&$'+%#*-&*-&$'"&64)&3(+* * ))'7!< * G+(-&%+('3*-+1*$3''3$&$'+%#*-&*+%&$$&3(+* )('&!< * H77&,&+()#*0136#1+*%+-&#*$'#0&3(#1+* ! ):'&< !! ! !"## $%&'#()*%&'+'#%,*'#'-.'%/&'### # !"0## '1234563#6781393# # 4:! $7;983<3=57#3123456=# # &32=>='34# #
!"#$%&'()'*+"$,(),*&'+%-$..%'()#*+)-%),-$"%'$..%.$(&*)*/'%'*0$&1*+&(),(&),(&'+(--()'*+"($2+("*'+$,()
3*2-$)%"4$*&'$),-$"%'$..%'$! ! # @3;6713#A3#'75784<3=57# "#$#%&'()$*)+#,-./!(.+01'-&0&$#!234! # # @3;6713#A3#6781=87'=>4<3=57# 56#*+1$/$(&*)$"#$%&'$),(&)/(''(/'%.$(&$)778)3$/'+$46$'*)*)6&$'9),*&'+%-*# # @3;6713#A3#9=564B3>3<<4<3=57#A7>>C7578'34#6781394# # 8(&'%4$-$..%'(+$)/62-$)/'%,,:$)%$)#$%&$# # @3;6713#A3#A3;683BD<3=57#A7>#E766=87#678139=# #
7$/'+$46.$(&*)%),(-(&&*)"(&'%&'$)3$)'$#()%);)'64$)
<64%.$(&$)$&)%,,$%$()&*+(),($4*&'%'*),(&)26%$&%)$&)*-%/'("*+()%),*--*),:$6/*),(&)/#*//(+*)
,(&=(+"$)%-->%--*2%'()')3*-)7@A@B@)CD;EFG)*)/6,,@)%22@) # @3;6713#A3#E7563>4<3=57#F=8<464G#632=>='37# # B*'$)$""$//$(&*)H+$%)*/'*+&%)*)3$)%/#$+%.$(&*)%+$%)1$.$%'%)$&)%"4$*&'*),(/'$'6$'*)3%),%&%-$) $&)-%"$*+%).$&,%'%)*)1*&'$-%'(+$)3$)'$#()#-62)=%&),%//(&%'$)*)$&/(&(+$..%'$# # @3;6713#A3#499D1D>=#678139=G#632=>='37# I(&)/(&()#+*1$/'$)/$/'*"$)3$)%,,6"6-()'*+"$,(# 4 Impianto di climatizzazione

All''interno di un edificio, l''impianto di climatizzazione si propone di mantenere
nel corso dell''anno determinate condizioni di temperatura, umidità e qualità
dell''aria. I principali fattori che si devono analizzare nella scelta e progettazione
dell''impianto sono i seguenti: flessibilità di configurazione, flessibilità di
prestazione, semplicità impiantistica, capacità di conseguire elevato benessere
termo igrometrico, buona qualità dell''aria interna, facilità di manutenzione e
ridotto consumo energetico. All''interno di questa sezione dell''elaborato viene
descritta la progettazione e le scelte fatte al fine di realizzare un impianto di
climatizzazione che risponda ai requisiti sopracitati.

4.1 Soluzioni impiantistiche

La scelta impiantistica ritenuta più adatta ad assicurare un adeguato livello di
comfort termo igrometrico all''interno degli ambienti ad uso uffici ricade su un
impianto di climatizzazione misto, ossia un impianto che fa ricorso
contemporaneamente all''aria e all''acqua quali sorgenti di caldo e freddo.
Sul lato acqua, il sistema scelto è a quattro tubi in cui la produzione centralizzata
di acqua calda e fredda avviene sfruttando il calore proveniente dalla rete di
teleriscaldamento.

4.1.1 Impianto misto aria-acqua

Aria e acqua, trattate in apposite centrali, sono distribuite con reti di
canalizzazioni e tubazioni al fine di alimentare i terminali ambiente. Questi
saranno ventilconvettori a due batterie: calda e fredda. L''aria proveniente
dall''unità centrale di trattamento è detta primaria, mentre l''aria trattata dal
terminale tramite ricircolo dall''ambiente è detta secondaria.
L''aria primaria, tutta esterna, provvede al rinnovo e alla ventilazione; nella
stagione estiva quest''aria, sufficientemente deumidificata nella centrali di
condizionamento, consente di ottenere negli spazi serviti buone condizioni di
umidità relativa evitando nel contempo la formazione di condensa sulle batterie
delle unità terminali. Analogamente, in inverno, nell''aria primaria trattata
dall''unità di trattamento viene vaporizzata acqua in modo tale da mantenere
negli ambienti l''umidità relativa nei limiti del benessere. L''aria primaria
mantiene tutto l''anno condizioni termoigrometriche costanti e viene immessa in
ambiente a temperatura di circa 16°C. Non è necessario infatti provvedere a
commutazione stagionale in quanto il riscaldamento degli ambienti nelle 44 stagioni intermedie è effettuato dai terminali stessi. In questo modo
l''immissione di aria sottoraffreddata diminuisce il carico dei terminali ambiente.

4.1.2 Impianto quattro tubi

Morfologicamente il piano tipo è costituito da una zona perimetrale adibita ad
uso uffici, ed una zona centrale prevalentemente occupata da spazi tecnici quali
cavedi, scale, ma anche bagni e sale riunioni. Le zone perimetrali sono
caratterizzate da superfici prevalentemente vetrate verso l''esterno. Questa
situazione implica un elevato carico termico sensibile la cui peculiarità è di
essere estremamente variabile in funzione delle condizioni di irraggiamento.
Queste zone richiederanno nel periodo invernale carichi positivi per le prime ore
della giornata e di raffreddamento nelle ore di massima occupazione a causa
degli elevati carichi interni, mentre nella zona centrale a causa dell''assenza di
superfici disperdenti si avranno esclusivamente carichi di raffrescamento.
Si presenta quindi la necessità di un controllo accurato delle condizioni
termoigrometriche nei diversi ambienti, tenuto conto delle diverse possibili
esposizioni solari dei locali e della variabilità nel tempo dei carichi termici.
Queste considerazioni sono fondamentali nella scelta del tipo di alimentazione
dei fan-coil. Sulla base di quanto sopra esposto, l''impianto che si reputa essere
più adatto è quello a quattro tubi, soluzione che rende possibile alimentare
diversi ventilconvettori contemporaneamente con acqua calda e refrigerata in
base alle necessità dettate dalle condizioni ambiente. Non è più quindi
necessario che l''aria primaria assolva il compito di annullare i carichi di
trasmissione e pertanto la portata di aria primaria viene calcolata per garantire la
qualità dell''aria ambiente e il controllo dell''umidità.
L''impianto adottato, essendo in grado di raffreddare e riscaldare zone diverse
contemporaneamente, è preferibile ad un sistema a due tubi in quanto l''edificio
è caratterizzato da zone perimetrali dotate di ampie superfici vetrate che
determinano carichi ambiente sensibili elevati e variabili anche in ciclo
invernale.

4.2 Dimensionamento aria

L''aria primaria da immettere negli uffici è calcolata in quantità opportuna sulla
base delle normative in materia di comfort e viene trattata mediante
condizionatori ad elementi componibili (UTA) ubicati negli appositi locali
tecnici ed alimentati dalle reti acqua calda e refrigerata. Nell''UTA l''aria
primaria subirà un trattamento di filtrazione, raffreddamento e deumidificazione
nella stagione estiva e di filtrazione, riscaldamento, umidificazione ed eventuale
post-riscaldamento nella stagione invernale. L''aria primaria uscirà dall''UTA a
temperatura di 16°C lungo tutto l''arco dell''anno. 45 Si distinguono tre circuiti ognuno dei quali ha una precisa funzione e
rispettivamente:
' Circuito mandata aria primaria in ambiente ' Circuito ripresa aria dall''ambiente ' Circuito estrazione aria dai bagni
Tutti i circuiti sono costituiti fondamentalmente da una rete principale di
canalizzazioni montanti verticali, ubicate all''interno di cavedi, dalle quali si
diramano le reti secondarie orizzontali a sevizio di ogni piano.
' importante sottolineare che i canali dell''aria costituiscono uno dei componenti
più ingombranti e difficili da ubicare all''interno degli edifici. Pertanto è sempre
necessaria una stretta collaborazione con i progettisti edili per poter risolvere i
molteplici problemi che si incontrano: ingombri, passaggi verticali ed
orizzontali, ecc.
Obiettivo di questa sezione è dunque dimensionare la rete di distribuzione
dell''aria ed i relativi terminali ambiente.

4.2.1 Metodo dimensionamento a perdita di carico costante

Il dimensionamento dei vari tratti di canale della rete principale viene eseguito
normalmente attraverso uno dei seguenti metodi:
' A riduzione di velocità ' A perdita di carico costante ' A recupero i pressione statica
Generalmente è conveniente dimensionare la rete di canali in modo che essa sia
già intrinsecamente equilibrata, evitando cosi costose e complicate operazioni di
bilanciamento dei circuiti. ' anche necessario osservare ce la resistenza reale di
un circuito di ventilazione può differire da quella calcolata in fase di
progettazione; questo suggerisce l''opportunità di avere a disposizione nei
ventilatori e nei motori sufficienti margini di sicurezza, come pure installare
nell''impianto serrande per la taratura delle portate di aria nelle varie
diramazioni.
Il metodo applicato per il dimensionamento della rete principale è denominato
''a perdita di carico costante' in seguito al quale sarà possibile valutare la caduta
di pressione nei canali di mandata e di ripresa come pure la necessità di inserire
serrande di taratura nelle derivazioni di piano. Attraverso tale metodo l''intera
canalizzazione principale di piano viene dimensionata mantenendo costante la
perdita di carico per metro lineare all''interno dei canali. In pratica, fissata la
perdita di carico in tale tratto di canale e nota la portata di aria si può 46 immediatamente determinare, a mezzo del diagramma della perdite di carico, la
velocità e il diametro dello stesso. Il valore di riferimento della perdita di carico
è stato assunto pari a 0,08 mmca/m. La caduta di pressione totale nel sistema di
distribuzione dell''aria si otterrà quindi moltiplicando la lunghezza totale
equivalente del circuito più sfavorito per la perdita di carico lineare di
riferimento. Per problemi legati agli ingombri dei rami principali verranno scelti
i canali rettangolari; si specifica che nella scelta delle sezioni, sarà bene tenere
presente che i canali a sezione quadrata rappresentano la soluzione più
economica e che il costo del canale stesso a parità di perdita di pressione al
metro lineare aumenta sensibilmente all''aumentare del rapporto tra lato
maggiore e lato minore.
La velocità dell''aria all''interno dei canali è un parametro fondamentale il cui
valore deve essere verificato all''interno dei rispettivi range in base alla
posizione dei canali ed alla destinazione d''uso dell''edificio come mostrato in
tabella:
Tabella 4.1 Velocità consigliate per rete aeraulica 47 è altresì fondamentale verificare che lo spazio disponibile all''interno dei
rispettivi controsoffitti sia adeguato ad alloggiare tutti i canali.
Nella rappresentazione le sigle poste in corrispondenza di ogni canale hanno i
seguenti significati:
' A.P. : mandata ' EXP : ripresa ' E : estrazione
Le canalizzazioni dell''aria saranno realizzate in lamiera di acciaio zincata e
verranno coibentate termicamente e rifinite con barriera al vapore. Per quanto
riguarda gli spessori della lamiera utilizzata questi sono funzione delle
dimensioni dei canali stessi secondo le seguenti grandezze:
Tabella 4.2 Spessori canali dell''aria Dimensione lato maggiore Spessore lamiera fino a mm 300 6\10 mm oltre 300 fino a mm 700 8\10 mm oltre 700 fino a mm 1200 10\10 mm oltre 1200 fino a mm 1500 12\10 mm oltre mm 1500 15\10 mm
Lo spessore dell''isolamento dovrà essere non inferiore ai valori indicati nella
tabella ALLEGATO B del DPR 412/93, colonna da 20 a 39 mm, utilizzando gli
spessori commerciali appena superiori. Come precisato all''interno del DPR, lo
spessore indicato in tabella viene moltiplicato per 0,5 o 0,3 se i canali corrono
all''interno dell''involucro isolato dell''edificio o se all''interno di ambienti
riscaldati.
Tabella 4.3 Spessori isolante tubazioni dell''acqua !"#$"%&"'&()"**('+',%'-$%.,/%"'0"*'0,(1"&2/'0"**('&$)(.,/%"'"!32"!!/',%'11'"'0"**('4/%0$&&,5,&6'
&"21,4('$&,*"'0"*'1(&"2,(*"',!/*(%&"'"!32"!!(',%'7819':'(**('&"13"2(&$2('0,';<9':=' >"2'5(*/2,'0,'4/%0$&&,5,&6'&"21,4('$&,*"'0"**',!/*(%&"'0,--"2"%&,'0('@$"**,',%0,4(&,',%'&()"**('+A','5(*/2,'
1,%,1,'0"**/'!3"!!/2"'0"*'1(&"2,(*"',!/*(%&"'!/%/'2,4(5(&,'3"2',%&"23/*(.,/%"'*,%"(2"'0",'0(&,'
2,3/2&(&,'%"**('&()"**('+'!&"!!(='
B'1/%&(%&,'5"2&,4(*,'0"**"'&$)(.,/%,'0"5/%/'"!!"2"'3/!&,'(*'0,'@$('0"**',!/*(1"%&/'&"21,4/'
0"**',%5/*$42/'"0,*,.,/A'5"2!/'*',%&"2%/'0"*'-())2,4(&/'"0','2"*(&,5,'!3"!!/2,'1,%,1,'0"**',!/*(1"%&/'
4C"'2,!$*&(%/'0(**('&()"**('+A'5(%%/'1/*&,3*,4(&,'3"2'<AD='
E'>"2'&$)(.,/%,'4/22"%&,'"%&2/'!&2$&&$2"'%/%'(--(44,(&"'%F'(**'"!&"2%/'%F'!$'*/4(*,'%/%'2,!4(*0(&,'#*,'
!3"!!/2,'0,'4$,'(**('&()"**('+A'5(%%/'1/*&,3*,4(&,'3"2'<AG='
E'H"*'4(!/'0,'&$)(.,/%,'32",!/*(&"'4/%'1(&"2,(*,'/'!,!&"1,',!/*(%&,'"&"2/#"%",'/'@$(%0/'%/%'!,('
1,!$2(),*"'0,2"&&(1"%&"'*('4/%0$&&,5,&6'&"21,4('0"*'!,!&"1(A'*"'1/0(*,&6'0,',%!&(* (.,/%"'"','*,1,&,'
0,'4/,)"%&(.,/%"'!/%/'-,!!(&,'0('%/21"'&"4%,4C"'IHB'4C"'5"22(%%/'3$))*,4(&"'"%&2/',*'G+'/&&/)2"'
+JJG'"'2"4"3,&"'0(*'K,%,!&"2/'0"**',%0$!&2,(A'0"*'4/11"24,/'"'0"**'(2&,#,(%(&/'"%&2/','!$44"!!,5,'
&2"%&('#,/2%,='
B'4(%(*,'0"**'(2,('4(*0('3"2'*('4*,1(&,..(.,/%"',%5"2%(*"'3/!&,',%'(1),"%&,'%/%'2,!4(*0(&,'0"5/%/'
"!!"2"'4/,)"%&(&,'4/%'$%/'!3"!!/2"'0,',!/*(%&"'%/%',%-"2,/2"'(#*,'!3"!!/2,',%0,4(&,'%"**('&()"**('+'
3"2'&$)(.,/%,'0,'0,(1"&2/'"!&"2%/'0('L<'('GJ'11=' MNO'+ :/%0$&&,5,&6'M"21,4('
$&,*"'0"**',!/*(%&"'
P781'9:Q R,(1"&2/'"!&"2%/'0"**('&$)(.,/%"'P11Q SL< 0('L<'(' GJ 0(';<'(' DJ 0('T<'(' UJ 0('V<'(' JJ W'+<< <=<G<'
<=<GL'
<=<G;'
<=<GT'
<=<GV'
<=<;<'
<=<;L'
<=<;;'
<=<;T'
<=<;V'
<=<D< +G'
+;'
+D'
+U'
+V'
L<'
LL'
L;'
LT'
LV'
G< +J'
L+'
LG'
LD'
LV'
G<'
GL'
GD'
GV'
;+'
;L LT'
LJ'
G+'
G;'
GU'
;<'
;G'
;T'
D<'
D;'
DT GG'
GT'
GJ'
;G'
;T'
D<'
D;'
DV'
TL'
TT'
U+ GU'
;<'
;;'
;U'
D+'
DD'
DJ'
TG'
TV'
UL'
UU ;<'
;;'
;V'
DL'
DT'
T<'
T;'
TJ'
U;'
UJ'
V; N**"#(&/':' >"2'3/2&(&"'%/%',%0,4(&"',%'&()"**('!,'32/4"0"'1"0,(%&"',%&"23/*(.,/%"'*,%"(2"=' X' >/2&(&(',%'1G8C K'Y'H$1"2/'0,'/2"'(%%$"'0,'-$%.,/%(1"%&/ 0('+;<<'('L+<<' #2(0,'#,/2%/ /*&2"'L+<<' #2(0,'#,/2%/ L=<<<'
D=<<<' +<=<<<'
G<=<<<'
T<=<<< ;=<<<'
L=<<<'
+=T<<'
+=L<<'
+=<<< L=U<<'
+=L<<'
+=<<<' V<<'
U<< N**"#(&/'R'E'M"4%/*/#,"'0,'$&,*,../'0"**"'-/%&,'2,%%/5(),*,'0,'"%"2#,('/'(!!,1,*(&"'"*"&&,5(1"%&"'
,%0,4(&"'3"2'*('32/0$.,/%"'0,'"%"2#,(',%'!3"4,-,4C"'4(&"#/2,"'0,'"0,-,4,'0,'32/32,"&6'3$))*,4('/'
(0,),&,'(0'$!/'3$))*,4/' !"#"$ Z0,-,4,'(0,),&,'('2"!,0"%.('4/%'4(2(&&"2"'4/%&,%$(&,5/[ E B13,(%&,'4/%'3(%%"* ,'!/*(2,'3,(%,'3"2'32/0$.,/%"'0,'(4@$('4(*0('3"2'$!,',#,"%,4,'"' !(%,&(2,'0"!&,%(&,'(0'(),&(.,/%,'4,5,*,A'4(!"'0,'3"%(A'4(!"21"A'4/* "#,A'4/%5"%&,A'
4/1$%,&6'2"*,#,/!"A'!,&,',%'*/4(*,&6'4/%',22(0,(%.('1"0,('(%%$(*"'!$'3,(%/'/2,../%&(*"'
1(##,/2"'0,'+D<'781L= !% Z0,-,4,'(0,),&,'('$--,4,'/'(!!,1,*(),*,[ & >/13"'0,'4(*/2"'3"2'4*,1(&,..(.,/%"'"!&,5(',%5"2%(*"'%",'4(!,',%'4$,',*'5/*$1"' !"#$%"&'(&)$&'* +,!,-,&%.&('/012&3455'0116 /(0720/77* 899:;00<"=,">>,'%$@A>"',$90<"=0BA@>"9$C=0):@('/,89> 48 4.2.2 Dimensionamento distribuzione aeraulica al piano

Inizialmente si è provveduto al dimensionamento delle canalizzazioni primarie
dell''aria a servizio di ciascun piano. Queste sono distinte in:
' Circuito aria primaria ' Circuito ripresa aria del piano ' Circuito estrazione bagni
4.2.2.1 Circuito di mandata

Come vedremo nel dettaglio nei paragrafi successivi, la distribuzione dell''aria in
ambiente è realizzata con diffusori lineari collegati mediante canali circolari
flessibili al canale principale di mandata. Questi collegano la mandata e il
plenum del diffusore, e sono di diametro pari a 138 mm.
La portata di aria primaria da immettere in ambiente, come già descritto nei
capitoli precedenti, viene calcolata sulla base della norma UNI 10339 la quale
fornisce le linee guida per quanto riguarda la ventilazione degli ambienti al fine
di mantenere all''interno dei locali un adeguato comfort. L''aria primaria a
servizio della torre verrà distribuita all''interno di ogni piano secondo la seguente
suddivisione:
' UFFICI: 3200 m3/h ottenuti considerando un affollamento massimo di 80 persone a piano e 40 m 3 a persona. ' SALE RIUNIONI: 160 m3/h. Tale portata sarà sempre attiva indipendentemente dalla reale presenza di persone e verrà utilizzata per
garantire un minimo ricambio d''aria all''interno delle sale riunioni. Nel
momento in cui una delle due sale sarà occupata, verrà fornito un
incremento d''aria all''interno del locale in questione attraverso il
comando di apertura della serranda motorizzata preposta all''aumento
della portata di aria primaria. Tale sistema agirà su delle serrande
pretarate in modo da inviare il quantitativo di aria esterna trattata in
funzione dell''affollamento di progetto del locale (16 persone).
L''incremento di aria esterna porterà ad una riduzione di immissione
d''aria nelle fasce laterali di una quantità pari all''incremento della zona
centrale (960 m 3/h). A descrizione dell''acquirente sarà poi possibile disporre di una portata supplementare che fornisca il quantitativo di aria
richiesta dalle sale riunioni senza che questa debba venire sottratta al
locale uffici. Tale possibilità è prevista sulle UTA e sui canali montanti. ' SBARCO e BREAK AREA: 470 m3/h calcolato al fine di garantire una adeguata pressurizzazione degli ambienti 49 Se ne ricava una portata massima di aria esterna per piano pari a 4780 m 3/h. Questa verrà ripartita in due circuiti speculari uno per i locali rivolti a NO e uno
per quelli a SE.
Per quanto concerne la derivazione di piano dal canale montante principale,
questa viene realizzata mediante canali rettangolari posti nel cavedio e di
dimensioni opportune in base al tratto servito. Inoltre, essendo il cavedio
compartimentazione antincendio REI 120, per mantenere tali caratteristiche
antincendio, è necessario applicare delle serrande tagliafuoco ai canali che
attraversano le compartimentazioni. Il bilanciamento delle portate d''aria
primaria è svolto tramite serrande di regolazione istallate su ogni canale
secondario a servizio del diffusore lineare.
Ogni diramazione secondaria è costituita da due tipologie di canali. La
derivazione rettangolare dal canale principale (150x150) è unita attraverso un
adattatore al tubo flessibile circolare (' 138) per permettere il collegamento al
diffusore lineare. Questa configurazione, con parte finale in flessibile, è adottata
al fine di permettere un corretto montaggio anche se canale e diffusore non sono
allineati correttamente.
Nel disegno sotto riportato viene mostrato come viene collegato il canale
principale al diffusore lineare.
Figura 4.1 Dettaglio collegamento rete primaria '' diffusore '' fan coil
Sulla base di quanto ampiamente trattato, viene di seguito rappresentata la
configurazione della rete aeraulica tipica di ogni piano.
50 Figura 4.2 Configurazione rete aeraulica piano tipo 51 La derivazione dal canale montante di mandata viene fornita di silenziatore e
serranda di regolazione dopo di che il canale si sdoppia per poter servire i vari
locali. Attraversando la compartimentazione devono essere forniti di serrande
tagliafuoco. ed è seguita da 2 diramazioni. Una prima verso i locali di sbarco
ascensori e una seconda verso il locale uffici e le sale riunione. In particolare in
questi due canali sono inserite anche le serrande tagliafuoco.
Figura 4.3 Derivazione circuito aria primaria
Il dimensionamento della rete, come già sopra precisato, si basa sul criterio delle
perdite di carico costanti. Anche se le portate corrette saranno stabilite solo
quando sarà definitivo il layout del piano, viene considerato che ogni terminale
(di lunghezza pari a 2 moduli finestra) sarà alimentato con 133 m 3/h di aria primaria per i locali uffici, 187 m 3/h per le sale riunioni e 116 m3/h per la zona sbarco ascensori.
Riportiamo di seguito una tabella riassuntiva delle dimensioni dei canali con le
relative velocità. Il calcolo dettagliato è riportato nell''ALLEGATO 2.




52 Tabella 4.4 Dimensionamento canali mandata aria primaria DIMENSIONI CANALI Portata Dimensioni Velocità m3/h mm mm m/s 2393 550 300 4,31 1600 450 250 4,22 1067 299 400 3,98 560 250 200 3,28 400 200 200 2,92 233 200 150 2,28 187 250 200 1,1 133 200 200 0,97 117 200 150 1,14
4.2.2.2 Estrazione bagni

Come raccomandato sempre dalla norma UNI 10339, è necessario dotare i corpi
bagno di un impianto di estrazione. In questo modo gli spazi ad uso servizi
saranno mantenuti in depressione rispetto agli ambienti adiacenti cosi da
garantire un corretto e continuo ricambio d''aria. L''aria passerà attraverso
apposite griglie di transito installate nelle porte che separano i servizi stessi
dagli uffici e transiterà al di sotto delle porte sopraelevate di ogni singolo bagno
da dove verrà aspirata dalle valvole poste nel controsoffitto. Per quanto riguarda
il dimensionamento delle griglie di transito è necessario definire che la velocità
di attraversamento considerata sia inferiore a 1,5 m/s cosi da evitare che la
caduta di pressione sia tale da determinare squilibri nella portata d''aria immessa
a porta aperta e a porta chiusa; oltre al fatto che la pressione esercitata sulla
porta potrebbe essere tale da creare problemi nell''apertura della porta stessa.
Pertanto si determina l''area minima delle griglie di transito:
Tabella 4.5 Griglia di transito Dimensioni griglia di transito
Portata estratta 200 m3/h Velocità passaggio 1,5 m/s Area griglia 0,037 m2
Relativamente alla dimensione dei canali, i dati di progetto sono
rispettivamente:
' Portata specifica estrazione aria WC: 8 V/h per ogni bagno ' Numero di bagni a piano: 7 53 ' Portata di piano estratta WC: 400 m3/h
L''estrazione viene eseguita attraverso valvole di aspirazione modello Bap Color
DN 90 posizionate a soffitto in ogni locale WC in grado di regolare
autonomamente la portata da estrarre.
Figura 4.4 Perdite di carico valvole Bap Color
L''impianto di estrazione dai corpi bagno di ogni piano è costituito da due rami a
cui fanno capo le derivazioni di ogni bagno. Queste ultime hanno un diametro di
160 mm. I rami principali, i quali convogliano l''aria estratta nel canale
montante, sono a sezione costante e pari a '200 mm. Anche il
dimensionamento di tali canali segue il criterio delle perdite di carico costanti.
Inoltre ogni derivazione di piano dal canale montante sarà munita di serranda di
regolazione al fine di bilanciare il circuito aeraulico e di una serranda
tagliafuoco installata in corrispondenza dell''attraversamento del muro che porta
al cavedio.
54 Figura 4.5 Estrazione bagni piano tipo
4.2.2.3 Ripresa aria ambiente

Riepilogando, la portata di aria primaria che ad ogni piano si deve immettere è
stata calcolata pari a:
m MANDATA = 4780 m 3/h
L''impianto in oggetto si presta ad essere un sistema di immissione ed estrazione.
Questa tipologia è ritenuta fra quelle più efficaci in quanto consente di
provocare una leggera sovrapressione negli ambienti rispetto all''esterno al fine
di impedire ingressi di aria non trattata. Pertanto le portate di mandata e di
ripresa devono essere correlate, e dovrà essere:
m MANDATA > mRIPRESA
Più precisamente, volendo ottenere una sovrapressione all''interno dei locali
maggiore di 0,2 volumi, e avendo calcolato una portata di aria estratta ad ogni
piano dai bagni pari a:
m ESTRAZIONE WC = 400 m 3/h
si ricava la portata totale di aria che deve essere ripresa dalle bocchette poste
lungo i corridoi principali, per quanto riguarda gli uffici, e all''interno della sala
riunioni per le stesse:
m RIPRESA = mMANDATA '' ( mESTRAZIONE + mSOVRAPRESSIONE ) = 3345 m 3/h
La ripresa avviene attraverso bocchette lineari dello stesso tipo dei diffusori
lineari usati per la mandata. Il collegamento di queste al canale principale di 55 ripresa viene realizzato tramite canali rettangolari in lamiera zincata istallati nel
controsoffitto. Tali canali vengono dimensionati come i circuiti precedenti ed i
risultati sono riportati in ALLEGATO 2. Di seguito una tabella riassuntiva di
questi.
Tabella 4.6 Dimensione canali ripresa aria ambienti DIMENSIONI CANALI Portata Dimensioni Velocità m3/h mm mm m/s 1722 450 250 4,54 1272 450 250 3,36 954 400 200 3,56 450 250 200 2,63 318 200 200 2,32
Come tutte le diramazioni ai piani, anche la ripresa vene dotata di regolatore di
portata e serranda tagliafuoco.
Si precisa che la portata estratta dai servizi e quella ripresa dagli uffici, pur
essendo entrambe destinate ad esser evacuate dall''edificio, è preferibile
mantenerle in condotti separati per evitare che i siano problemi di inquinamento
negli ambienti. I due canali verranno congiunti in corrispondenza del ventilatore
plug fan di ripresa il quale convoglia l''aria nel recuperatore di calore posto
nell''UTA.

4.2.3 Dimensionamento canali montanti

Data la grande altezza dell''edificio la distribuzione verticale dell''aria primaria
all''interno della torre sarà suddivisa nelle seguenti zone:
' ZONA HALL: comprende la parte del seminterrato sotto la pianta della torre ed il piano della torre stessa. L''UTA a servizio di tale zona sarà
posizionata al primo piano interrato. L''aria esterna di tale unità sarà
prelevata attraverso delle canalizzazioni che correranno all''interno di
cavedi dedicati posto in adiacenza ai vani scala del podium, tali canali
termineranno sulla copertura di tale edificio. ' PIANI BASSI: comprende i piani dal piano 1° fino al 11°. Le due UTA a servizio di tali piani, una per le zone Nord-Ovest e l''altra per quelle Sud-
Est, saranno posizionate anch''esse al primo piano interrato. L''aria
esterna e le espulsioni seguono lo stesso percorso delle precedenti. ' PIANI INTERMEDI: comprende i piani dal 12° al 23° e dal 25° al 36°. Le quattro UTA a servizio di tali piani saranno posizionate nel livello
tecnico al 24° piano. L''aria esterna e l''espulsione di tali unità saranno 56 realizzate attraverso delle canalizzazioni dedicate che sfrutteranno delle
aperture ricavate nella facciata principale stessa al 24° piano. ' PIANI ALTI: comprende i piani dal 37° al 47°. Le due UTA a servizio di tali piani sono posizionate al livello tecnico del 49° piano. L''aria
esterna e le espulsioni di tali unità sarà realizzata attraverso delle
canalizzazioni dedicate che sfrutteranno delle aperture ricavate nella
facciata principale stessa. Trattandosi di unità simili, tratteremo solamente il dimensionamento di una
singola UTA, in particolare quella a servizio degli 11 piani alti della torre.
La portata di aria che dovrà essere trattata dall''UTA è determinata sulla base dei
metodi sopra descritti e considerando un''occupazione massima di 116 persone
per 6 piani e di 100 persone per i rimanenti 5 piani.
Di seguito è riportato lo schema rappresentate i canali montanti dei circuiti
aeraulici di mandata, ripresa ed estrazione bagni, con le relative dimensioni.
57 Figura 4.6 Schema altimetrico canali montanti

La tabella dettagliata col dimensionamento dei canali è riportata
nell''ALLEGATO 2.
58 4.2.4 Calcolo perdite carico

Una volta dimensionati i vari tratti della rete e definiti gli organi meccanici di
cui necessita, è necessario valutare le perdite di carico dei diversi circuiti.
Relativamente al calcolo delle perdite di carico, si possono distinguere le perdite
dovute all''attrito all''interno dei canali e le perdite localizzate dovute alla
presenza di cambiamenti di direzione o di grandezza, ovvero per la presenza di
raccordi, curve, diramazioni, ostruzioni ecc.
Ovviamente dal dimensionamento dei canali sono note le perdite di carico
distribuite relative ai differenti circuiti aeraulici come prodotto tra lunghezza del
canale e relativa perdita lineare:
'P DISTRIBUITE = 'PUNITARIO x LCANALE
Oltre alle perdite di carico lineari ricavate durante il dimensionamento dei
canali, è necessario valutare le diverse perdite di carico localizzate. Queste sono
dovute alla perdita di energia per la turbolenza dell''aria nell''attraversamento di
pezzi speciali o per singolarità del circuito. Dipendono quindi sia dal tipo di
ostacolo che dal quadrato della velocità dell''aria. Normalmente per quantificare
tali perdite viene applicata la seguente relazione:
'P CONCENTRATE = 0,612 * ξ * v 2
Dove:
'P: perdita di carico (Pa)
ξ: coefficiente di perdita della singolarità
v: velocità media (m/s)

I valori dei coefficienti di perdita relativi a tutte le singolarità dovute a cambi di
direzione e sezione dei circuiti, sono stati dedotti da specifiche tabelle come
riportato in ALLEGATO 2.
Per quanto riguarda le perdite concentrate relative a pezzi speciali quali serrande
tagliafuoco e regolatori di portata, sono state ricavate dai relativi cataloghi del
costruttore. Ad esempio, l''installazione di una serranda di regolazione determina
una perdita concentrata; in particolare la serranda di regolazione del circuito di
mandata ha dimensione 550x300 mm con portata d''aria pari a 2393 m 3/h. Ricavando il coefficiente di perdita in funzione del grado di apertura della
serranda, si determina la relativa perdita di carico pari a 11,5 Pa.
59 Figura 4.7 Coefficiente perdita carico serrande regolazione
Il riassunto dettagliato dei calcoli viene comunque riportata all''interno
dell''ALLEGATO 2.
Sulla base di quanto scritto le perdite di carico totali a piano dei diversi circuiti
sono rispettivamente le seguenti:
Tabella 4.7 Perdite carico totali rete piano tipo PERDITE CARICO TOT CIRCUITI MANDATA 201,5 Pa RIPRESA 160,6 Pa

4.3 Dimensionamento unità trattamento aria

L''aria primaria tutta esterna, proveniente dalle unità di trattamento aria,
provvede al rinnovo e alla ventilazione. Nella stagione estiva quest''aria viene
sufficientemente raffreddata e deumidificata nelle centrali di condizionamento al
fine di ottenere negli spazi serviti buone condizioni di temperatura e di umidità
relativa. Analogamente, in inverno, l''aria primaria viene riscaldata e
successivamente risaldata. Viene inoltre installata una sezione atta al recupero
del calore dell''aria estratta dall''ambiente al fine di ottenere un recupero di
energia che altrimenti andrebbe persa. Oltre a subire trattamenti termo
igrometrici, si sottolinea che l''aria viene opportunamente filtrata. Si precisa che 60 la velocità di attraversamento dell''aria sulle batterie viene mantenuta entro i 2,5
m/s al fine di garantire una buona efficienza di scambio termico.
Dal punto di vista costruttivo l''unità di trattamento aria sarà cosi composta:
Tabella 4.8 Composizione unità trattamento aria COMPONENTI UTA MANDATA RIPRESA SERRANDA PRESA ARIA ESTERNA PLENUM DI RIPRESA PREFILTRI A CELLA G3 PREFILTRI A CELLA G3 RECUPERATORE DI CALORE VENTILATORE DI RIPRESA BATTERIA DI RISCALDAMENTO RECUPERATORE DI CALORE BATTERIA DI RAFFREDDAMENTO SERRANDA DI ESPULSIONE UMIDIFICATORE ADIABATICO SEPARATORE DI GOCCE BATTERIA DI POST RISCALDO VENTILATORE DI MANDATA FILTRI A TASCHE F7 PLENUM DI MANDATA
Dopo aver calcolato le portate di aria che saranno elaborate dall''UTA si
dimensionano i vari componenti che la compongono, tra cui:
' Ventilatori ' Batteria di riscaldamento ' Batteria di raffreddamento ' Umidificatore adiabatico ' Batteria di post-riscaldo ' Recuperatore ' Sezioni filtranti
Di seguito si riportano le caratteristiche salienti dei componenti citati. Per le
caratteristiche dettagliate si rimanda invece all''ALLEGATO 2.

VENTILATORI

I ventilatori di mandata e ripresa sono del tipo PLUG FAN, ossia ventilatori
centrifughi a pale rovesce che sono caratterizzati da un accoppiamento diretto
tra la girante ed il motore di alimentazione, eliminando in questo modo le
perdite di potenza meccanica causate dalla trasmissione del moto attraverso la
cinghia e consentendo così un incremento del rendimento della macchina. ' da
sottolineare il comando del ventilatore tramite inverter, che assicura la massima 61 efficienza in un range di portata che varia tra il 50% e il 100% della nominale e
garantisce notevoli risparmi economici. La prevalenza del ventilatore è tale da
compensare le perdite di carico distribuite e concentrate calcolate sul circuito
più sfavorito a cui vengono sommate tutte le perdite concentrate relative ai
componenti dell''UTA. ' però necessario sottolineare che la resistenza reale di
un circuito di ventilazione può differire da quella calcolata in fase di
progettazione e questo suggerisce l''opportunità di avere sempre a disposizione
nei ventilatori e nei motori sufficienti margini di
sicurezza. A riguardo abbiamo deciso di dimensionare i componenti dell''UTA
considerando un margine del 5% per dare la possibilità ai singoli tenants di
incrementare la portata d''aria per dare un maggiore ricambio e migliorare il
comfort ambientale.
Le principali caratteristiche dei ventilatori sono:

MANDATA:
' Portata mandata: V = 25200 m3/h ' Pressione statica utile: P S = 500 Pa ' Rendimento statico: η = 71,5% ' Potenza assorbita dalla rete: W = 16,9 kW
RIPRESA:
' Portata ripresa: V = 20200 m3/h ' Pressione statica utile: P S = 400 Pa ' Rendimento statico: η = 64,7% ' Potenza assorbita dalla rete: W = 8,43 kW
BATTERIA RISCALDAMENTO
' Condizione aria esterna: T = -5°C, UR = 80% ' Condizioni aria uscita batteria: T = 25°C, UR = 7,4% ' Potenza batteria: Q = 259 kW ' Portata acqua batteria: m = 8,84 l/s
BATTERIA RAFFREDDAMENTO
' Condizioni aria esterna: T = 32°C, UR = 50% ' Condizioni aria uscita batteria: T = 14°C, UR = 97,6% ' Potenza batteria: Q TOT = 339 kW, QSENS = 160 kW ' Portata acqua batteria: m = 16,19 l/s 62 UMIDIFICATORE

Durante il periodo invernale, per mantenere un adeguato comfort all''interno
degli ambienti climatizzati, è necessario umidificare adiabaticamente l''aria
all''interno dell''unità di trattamento. Il sistema scelto per umidificare è la
tipologia HUMIFOG che rappresenta una generazione di atomizzatori adiabatici
economici che hanno una potenza elettrica impiegata di 4 W per ogni litro/ora di
acqua nebulizzata. L''HUMIFOG è adatto a tutte le applicazioni dove è richiesta
una grande capacità di umidificazione, fino a 500 kg/ora. Il sistema utilizza una
pompa per pressurizzare l''acqua ad alta pressione che viene poi atomizzata
attraverso ugelli in acciaio inox producendo una nebbia molto fine ed uniforme.
Il sistema di umidificazione opererà ad alta pressione con ugelli per
nebulizzazione ultra fine micronizzata alimentati con acqua osmotizzata ad alta
pressione. L''unità di atomizzazione è costituita da ugelli in acciaio con inserto
ceramico capaci della produzione di aerosol di dimensione inferiore ai 10 μm. Ogni ugello sarà dotato di espansore di flusso al fine di garantire la massima
efficienza di umidificazione e la minima distanza di assorbimento. Le goccioline
generate evaporano spontaneamente umidificando e raffreddando l''aria. Il
sistema HUMIFOG, a differenza dei sistemi classici di atomizzazione, non
richiede ne l''utilizzo di un compressore ne l''installazione di una linea di aria
compressa. Inoltre, a maggior garanzia di igiene, tale sistema non nebulizza
l''acqua di ricircolo nel rispetto delle principali linee guida e norme
internazionali.
Figura 4.8 Umidificatore HUMIFOG



63 I vantaggi che si ottengono grazie a questa soluzione sono i seguenti:
' Basso consumo energetico ' Nebulizzazione finissima che richiede un minimo spazio per l''evaporazione ' Igienicità
Questa soluzione necessità però di acqua trattata mediante osmosi inversa allo
scopo di evitare che le particelle di sale contenute nell''acqua rimangano in
sospensione nell''aria e si depositino sugli oggetti presenti all''interno degli
ambienti o che comunque potrebbero ostruire i finissimo ugelli.
Di seguito i dati principali:
' Variazione dell''umidità assoluta: 4 g/kg AS ' Portata acqua umidificazione: 145 kg/h ' Rapporto di assorbimento: 93,7%
A valle della sezione umidificante si prevede anche un separatore di gocce per
evitare il trascinamento delle stesse.

BATTERIA POST-RISCALDO

Nella stagione invernale a causa dell''umidificazione si consegue un
raffreddamento dell''aria fino a 16°C. Nel caso nelle stagioni fredde si voglia
inviare l''aria primaria in ambiente a temperatura superiore alla suddetta, la
superficie della batteria di post-riscaldamento sarà dimensionata per poter
riscaldare l''aria primaria fino ad una temperatura di 20°C. Il riscaldamento da
16°C a 20°C presuppone una potenza della batteria pari a:
Q POST = V * ρ * CP * DT = 30 kW
Alla quale corrisponde una portata di acqua calda pari a:
m = 1,03 l/s

RECUPERATORE DI CALORE

Nell''ambito dell''impianto di climatizzazione il recupero di calore consente il
trasferimento di energia tra l''aria ripresa dagli ambienti e l''aria esterna di
rinnovo. In ottemperanza a quanto richiesto dal DPR 412 viene installato quindi
un sistema di recupero del calore. La tipologia è del tipo aria-aria a flussi 64 incrociati posto all''interno dell''unità di trattamento aria primaria e serve al
preriscaldo dell''aria in ingresso in funzione delle condizioni dell''aria esterna e
delle condizioni ambiente all''interno dell''edificio. Anche il recuperatore di
calore, essendo uno scambiatore di calore, deve essere dimensionato. La portate
che lo attraversano sono rispettivamente:
' ARIA ESTERNA = 25200 m3/h ' ARIA ESPULSA = 20200 m3/h
Avendo un rendimento di recupero termico dell''80% (nelle condizioni di portata
sopracitate, di temperatura aria esterna in ingresso pari a -5°C e massimo
recupero termico), si stima che la potenza sarà di:
Q REC = 151 kW

SEZIONI FILTRANTI

Si precisa inoltre che il recuperatore di calore viene protetto da appositi filtri G3
posti su flussi in ingresso ed inoltre si installa un filtro a maggior efficienza sulla
mandata dell''aria. Si hanno pertanto i seguenti filtri:
' Filtro G3 sulla presa aria esterna ' Filtro G3 sul canale di ripresa aria ambiente ' Filtro F7 all''uscita dell''UTA sull''aria di mandata
Di seguito si allega un disegno schematico funzionale dell''unità di trattamento
dell''aria e del relativo posizionamento previsto nel locale tecnico al 49° piano.
Come mostrato anche nella figura si prevedono dei silenziatori sia sulla mandata
che sulla ripresa ed inoltre si precisa che le serrande verranno comandate
automaticamente dal sistema di regolazione.
65 Figura 4.9 Scema funzionale unità trattamento aria 66 Figura 4.10 Disposizione UTA nel locale tecnico 67 4.4 Fan coil

Per poter giustificare alcune scelte progettuali, è opportuno specificare
preventivamente le particolari esigenze di flessibilità dettate dalla committenza.
' infatti di fondamentale importanza sottolineare la richiesta riguardante la
possibilità di cambiare e riadattare il layout del piano tipo. Diviene pertanto
indispensabile realizzare un impianto molto flessibile che non richieda grandi
modifiche per soddisfare diverse configurazioni. Inoltre l''abilità del sistema di
adattarsi alle nuove condizioni dell''edificio risulta essere un fattore che
determina la diminuzione dei costi derivanti dall''interruzione dell''attività per
consentire le eventuali modifiche. Occorre quindi studiare un sistema
impiantistico flessibile e proporzionarlo con opportuni margini di potenza al fine
di sopperire a carichi supplementari che potrebbero intervenire a causa del
cambiamento di layout. Per conseguire quindi gli obbiettivi suddetti, si
applicherà una progettazione modulare che influenzerà direttamente il
funzionamento dei terminali ambiente ed il sistema di distribuzione dell''aria nei
vari locali.

4.4.1 Collegamento diffusore - fan coil e diffusione dell''aria in ambiente

Considerando la modularità della parete finestrata e il fatto che il layout del
piano tipo non è definito in fase di progettazione, al fine di rendere l''impianto il
più flessibile possibile, si è scelto di posizionare un fan coil ogni due moduli
finestra (vedi figura 4.2). Ognuno di essi è collegato dal punto di vista aeraulico
tramite due canali flessibili del diametro di 200 mm ai diffusori lineari di
mandata, e altri due ai diffusori lineari di ripresa; dal lato idronico, essendo una
soluzione a quattro tubi, viene collegato alla rete di acqua calda e fredda
proveniente dalla centrale termica (fig. 4.10). 68 Figura 4.11 Dettaglio collegamento Diffusori '' Fan Coil
I fan coil sono posizionati orizzontalmente nel controsoffitto e saranno del tipo
da incasso con mandata frontale e ripresa posteriore (Fig. 4.1) in modo da non
avere ingombri in ambiente e soprattutto, in caso di suddivisioni degli spazi in
locali, per offrire la massima flessibilità di configurazione d''esercizio.
La realizzazione dell''impianto presuppone ovviamente una stretta sinergia e
cooperazione tra la committenza, gli architetti ed i progettisti degli impianti
elettrici e meccanici al fine di poter integrare al meglio i diversi impianti
all''interno dell''edificio.
Come sopra descritto, ogni fan coil è collegato attraverso canali flessibili ai
rispettivi diffusori lineari posti a soffitto. In particolare i diffusori lineari di
mandata e ripresa (vedi ALLEGATO 2) vengono dotati di plenum di
alimentazione dell''aria in lamiera di acciaio zincata con rivestimento esterno
dello stesso tipo usato per i canali dell''aria primaria. Le bocchette lineari di
mandata sono dotate di più feritoie parallele alla facciata finestrata di lunghezza
pari al modulo di facciata per garantire la possibilità di poter montare pareti
mobili lungo ogni modulo di facciata stesso. I diffusori di ripresa sono simili a
quelli di mandata e sono allineati sul filo dell''ipotetico corridoio interno. Il
diffusore avrà la parte centrale smontabile per permettere la rimozione del filtro
interno previsto a protezione delle batterie del fan coil.
Il flusso d''aria che esce ad alta velocità dal diffusore di mandata segue il profilo
del controsoffitto provocando una depressione per cui il getto d''aria aderisce al 69 controsoffitto e richiama l''aria ambiente che viene rapidamente miscelata con
l''aria di mandata. Tale fenomeno è denominato effetto Coanda.
Figura 4.12 Effetto Coanda
Tutto ciò crea un lento movimento verso l''alto dell''intera massa d''aria rendendo
costante la temperatura all''interno dell''intero locale. Il tasso di induzione
particolarmente alto che caratterizza questi diffusori previene la formazione di
ogni corrente fredda garantendo il comfort degli occupanti nel massimo silenzio.
Come ben noto, la distribuzione dell''aria è un fattore fondamentale del livello di
comfort ed i diffusori scelti hanno caratteristiche costruttive tali da mantenere
l''effetto Coanda anche per portate inferiori a quella di progetto. Si precisa però
che, per poter garantire tali prestazioni, diviene indispensabile prevedere ai lati
del diffusore una porzione piatta di controsoffitto larga almeno 150 mm.
Affinchè nella zona occupata si crei una perfetta combinazione di valori di
temperatura, umidità e velocità è necessario garantire una buona diffusione
dell''aria attraverso la giusta scelta del tipo di diffusore che garantisca il lancio
corretto, ossia la distanza percorsa dal flusso dell''aria tra l''asse del diffusore e il
punto in cui la sua velocità si è ridotta fino ad una prefissata velocità.
Grazie all''eccellente distribuzione dell''aria e dell''elevato tasso di induzione
derivanti dall''effetto Coanda, tali diffusori consentono l''immissione di aria con
temperature fino a 10°C inferiori alla temperatura ambiente senza arrecare alcun
disturbo agli occupanti.
Gli attacchi ai diffusori sono circolari di diametri normalizzati. Per consentire, in
fase di installazione, il facile collegamento dei canali circolari in lamiera al
rispettivo plenum, si prevede l''impiego di raccordi in canale flessibile circolare 70 che permettono di eliminare eventuali difficoltà di collegamento dovute ad
asimmetrie dei vari componenti.

4.4.2 Dimensionamento fan coil

Non essendo al momento noto il layout del piano tipo, gli impianti saranno
progettati e realizzati in modo tale da consentire l''uso degli spazi sia come
''open space' che come uffici chiusi grazie alla possibilità di prevedere pareti
divisorie attestate in corrispondenza del passo delle finestre (moduli da 1,5
metri). Come mostrato nelle seguenti figure il modulo ambiente, corrispondente
al modulo finestra, presenta le seguenti caratteristiche dimensionali:
' Larghezza 1,5 m ' Profondità 8,65 m ' Superficie 13 m2 Figura 4.13 Ripartizione piano tipo in moduli per analisi carichi
Il concetto di progettazione modulare che viene sviluppato corrisponde ad
attribuire un terminale ogni due moduli finestra. Ciò non significa che le
prestazioni massime del terminale vengano verificate sui carichi termici di
ambienti costituiti da 2 moduli in quanto la situazione più critica che si può
presentare è quella in cui un solo ventilconvettore deve essere in grado di
soddisfare un ufficio di 3 moduli ambiente. La strategia di progettazione seguita
è atta quindi a soddisfare le esigenze di comfort anche nelle eventualità in cui, a
causa delle modifiche del layout, si vadano a creare ambienti chiusi la cui
ampiezza sia pari a 3 moduli ed ai quali viene dedicato un solo terminale. Si
rende pertanto necessario svolgere un attento studio dei carichi termici estivi al
fine di determinare le caratteristiche prestazionali che il terminale deve avere per
soddisfare il comfort degli occupanti in tutti i locali dell''edificio. Questo studio
è stato svolto simultaneamente al calcolo del carico termico estivo dell''edificio 71 descritto nel capitolo precedente. L''analisi dei carichi, riportata dettagliatamente
nell''ALLEGATO 3, è stata eseguita per il piano tipo dell''edificio il quale è stato
suddiviso in locali come evidenziato nella figura seguente.
Figura 4.14 Suddivisione piano tipo
Dallo studio dei carichi svolto attraverso l''ausilio del software di calcolo
EDILCLIMA e ampiamente documentato nell''ALLEGATO 1, si ricava che il
piano col massimo carico risulta essere il 47esimo in quanto confinante col
locale tecnico sovrastante (a temperatura non controllata). Il dimensionamento
dei fan coil sarà svolto sulla base dei carichi di quest''ultimo in modo da
garantire le condizioni di progetto interne in tutti i piani. Inoltre, al fine di
ottenere un impianto che permetta la massima flessibilità di utilizzo, in una fase
precedente al dimensionamento sono stati analizzati due differenti layout
occupazionali per poter determinare la condizione di funzionamento più
sfavorita. Nello specifico le due configurazioni esaminate sono:
' ''open space' (40+40 persone nei locali uffici) ' Suddivisione in uffici (15+15 persone nei locali uffici)
Come ipotesi di calcolo, tra le due configurazioni il numero di persone previsto
varia, ma la portata d''aria primaria immessa sarà sempre pari alla portata
necessaria nel caso ''open space' e proporzionale al numero di occupanti nella
configurazione uffici.
Sulla base di queste considerazioni la configurazione più sfavorita risulta essere
quella con la suddivisione di ogni piano in locali uffici in quanto potrebbe
verificarsi la situazione in cui un ufficio formato da 3 moduli finestra sia servito
da una sola unità fan coil. Considerando inoltre che i fan coil sono posizionati
uno ogni 2 moduli finestra e che il layout di piano potrebbe essere variato dai
singoli tenant, si è deciso di adottare come criterio di dimensionamento il
soddisfacimento dei carichi dell''ufficio rivolto a Sud-Est composto da 3 moduli 72 finestra, con un numero di occupanti pari a 2 persone, confinante col cavedio
con una sola unità fan coil.
Il carico relativo alla tipologia di ufficio appena descritta risulta essere pari a:
Q SEN = 3101 W Si considera però che, oltre alla potenza del terminale, vi è un contributo
sensibile frigorifero dovuto all''aria primaria. Assumendo che per un ufficio di 3
moduli la portata d''aria primaria sia pari a 177 m 3/h, e che l''aria primaria immessa abbia una temperatura di 16°C, la potenza sensibile attribuibile a tale
portata è pari a:
Q AP = 790 W
Il carico termico sensibili che dovrà essere soddisfatto dal fan coil dovrà quindi
essere pari a:
pQ FC = 2311 W
Compatibilmente col carico da soddisfare, dal catalogo Climaveneta è stato
scelto il modello a-life 520 di cui si riporta la capacità frigorifera nella seguente
tabella:
Tabella 4.9 Capacità frigorifera Fan-Coil a-life 520


73 Le condizioni al contorno considerate per la scelta del fan coil sono
rispettivamente:
' Umidità relativa dell''ambiente: 50% ' Temperatura di bulbo secco dell''aria all''ingresso della batteria: 26°C ' Temperatura ingresso-uscita acqua gelida: 8-13°C ' Velocità del ventilatore: 4
Si precisa inoltre che, nel caso di assenza del sottoraffreddamento dato dall''aria
primaria, il fan coil è in grado comunque di soddisfare il carico termico sensibile
totale funzionando alla velocità massima. Questo potrebbe portare a situazioni di
eccessiva rumorosità, ma trattandosi di condizioni non previste nel normale
funzionamento possiamo ritenerlo accettabile in quanto l''aria primaria
sottoraffreddata è prevista nelle specifiche di progetto.
La scelta della taglia del fan coil viene effettuata sulla base dei carichi termici
estivi in quanto rappresentano la situazione più gravosa. Viene comunque
verificato che la potenza erogabile dalla batteria calda, nella rispettiva
condizione di funzionamento, è tale da compensare i carichi invernali di uffici a
tre moduli.
Si deve inoltre considerare che l''aria proveniente dall''unità di trattamento è ad
una temperatura inferiore rispetto a quella dell''ambiente climatizzato. Pertanto
si valuta anche che la potenza termica necessaria a riscaldare una portata
massima di 255 m 3/h di aria primaria da 16°C (uscita UTA) a 20°C è pari a: Q AP = 284 W
La scheda tecnica seguente mostra come la potenza termica erogabile dalla
batteria calda del fan coil sia sufficiente a compensare abbondantemente sia le
dispersioni termiche che il post riscaldamento dell''aria primaria.
74 Tabella 4.10 Capacità riscaldamento Fan-Coil a-life 520
Per quanto riguarda gli altri locali si riportano qui in sintesi i modelli scelti con
le rispettive considerazioni. Le tabelle di calcolo dettagliate e le schede tecniche
di ciascun modello sono riportate nell''ALLEGATO 3.
' SALE RIUNIONI: queste non hanno superfici disperdenti verso l''esterno pertanto i carichi da soddisfare sono notevolmente inferiori a
quelli degli uffici perimetrali. Per queste si è scelto di installare 3 unità
fan coil ciascuna al fine di mantenere la massima flessibilità di utilizzo
in caso di diversa configurazione degli spazi (vedi figura 4.12). Per
questi motivi si è scelto un''unità di taglia inferiore e precisamente il
modello a-life 220. ' BREAK AREA NE: considerando i 1000 W dati dai distributori automatici, le luci, la presenza stabile di 4 persone, l''irraggiamento
solare e la trasmissione dal vano ascensori e dall''esterno, il carico totale
da soddisfare è pari a 4241 W suddiviso su due fan coil. Il modello scelto
per soddisfare tale carico è a-life 520. ' SBARCO ASCENSORI: nonostante non ci siano carichi interni, il carico dato dall''irraggiamento solare fa si che il carico da soddisfare sia tale da
richiedere gli stessi fan coil scelti per la break area, ma funzionanti ad
una velocità superiore. ' VANI ASCESORI: per determinare il carico necessario a mantenere le condizioni di progetto previste per questi locali (+5°C < T < +40°C) ci si
basa sulla relazione di ARUP riportata in ALLEGATO 3. Da questa, a
seconda dell''esposizione, si scelgono i modelli più idonei: a-life 220 per
il vano rivolto a Nord-Est, a-life 520 per quello rivolto a Sud-Ovest. 75 L''attenzione al risparmio energetico ha portato alla scelta di questi fan coil
anche valutando il consumo energetico degli stessi. Infatti se si considera il
numero totale dei fan coil installati nell''intero edificio (1748) si capisce che la
percentuale di energia spesa sul totale per il loro funzionamento non è affatto
indifferente. Per cui si sono scelti ventilconvettori con motore elettrico DC
brushless, ovvero a magneti permanenti, ad altissima efficienza energetica, in
grado di modulare la portata dell'aria (e, quindi, la potenza termica e frigorifera)
in modo continuo tra lo 0% e il 100%. Questo permette di adeguare istante per
istante la potenza erogata, alla richiesta da parte dell'ambiente da climatizzare. Il
risultato è un risparmio elettrico di ventilazione nella climatizzazione invernale
ed estiva pari al 50% rispetto alle tradizionali serie On-Off.
Altri vantaggi rispetto al ventilconvettori tradizionali on-off sono: ' comfort totale: ridotte oscillazioni della temperatura e dell'umidità relativa ' rapida messa a regime degli ambienti climatizzati
' massima silenziosità di funzionamento
' Emissione sonora
' Maggiore affidabilità e durevolezza
' Ingombro limitato
' Svantaggio: costo maggiore
4.5 Dimensionamento rete idronica

Il corpo centrale di un impianto di climatizzazione risiede nella centrale di
produzione di energia termica e nella relativa rete idronica, grazie alla quale la
stessa energia viene distribuita alle diverse utenze dell''edificio. Dal punto di
vista funzionale l''intera rete idronica può essere distinta in circuito primario e
circuito secondario. Mentre il circuito primario a portata costante è atto a
scambiare direttamente energia coi gruppi termici, il circuito secondario a
portata variabile è funzionale alla distribuzione dell''energia a tutti i terminali
dell''edificio. I due circuiti si interfacciano attraverso scambiatori di calore al
fine di disaccoppiare i due circuiti. In questo modo il circuito primario non sarà
soggetto alla pressione idrostatica derivante dalla grande altezza dell''edificio, e
quindi del circuito secondario.
76 Figura 4.15 Circuito Primario e Secondario
Partendo quindi dal dimensionamento del circuito secondario si proseguirà con
il dimensionamento della centrale termica e del relativo circuito primario.

4.5.1 Circuito secondario

Il dimensionamento del circuito secondario ha come obbiettivo la corretta
distribuzione dell''energia termica e frigorifera prodotta a tutte le utenze
dell''edificio in quantità tale da mantenere all''interno dello stesso le condizioni
di comfort assunte in fase di progettazione. Avendo la necessità di progettare
questo edificio con l''obbiettivo di renderlo il più flessibile possibile, le portate
di progetto che interessano le varie diramazioni saranno determinate sulla base
della massima tenza installata ricavata a sua volta dal calcolo dei carichi temici
invernali e dal carico estivo. Come già descritto, l''intera rete idronica può essere
distinta in circuiti primari e in circuiti secondari.
A valle degli scambiatori i calore vi sono i rispettivi circuiti secondari, caldi e
freddi, completi delle rispettive pompe. ' fondamentale precisare che i circuiti
secondari relativi all''alimentazione dei fan-coil e delle batterie delle UTA
avranno la portata d''acqua variabile in funzione del carico termico
effettivamente necessario. Le pompe a portata variabile del circuito secondario
saranno dotate di inverter che provvederà a variare proporzionalmente il numero
di giri della pompa in relazione al segnale proveniente dal punto più sfavorito
del rispettivo circuito.
Essendo un circuito centralizzato, all''interno dei cavedi saranno installate le
colonne montanti dalle quali, ad ogni piano, si derivano i circuiti caldo e freddo
grazie ai quali si alimenteranno i vari fan-coil a 4 tubi. Partendo appunto dalle
portate massime necessarie ad ogni paino, si andranno quindi a dimensionare i
tratti del circuito secondario più sfavorito, ovvero quello relativo ai piani alti
della torre (37-47), gli stessi considerati per il dimensionamento dell''aria
primaria. Si calcoleranno infine le perdite di carico del tratto cosi considerato in
modo da poter definire le caratteristiche di portata e prevalenza delle
elettropompe. 77 Figura 4.16 Schema circuito idronico 78 4.5.2 Dimensionamento circuito idronico di piano

Come accennato in precedenza, in corrispondenza di ogni piano, dalle colonne
montanti vengono ricavate le relative derivazioni di acqua calda e refrigerata.
Ciascuna di queste, una volta attraversato il muro del cavedio si collegherà al
circuito di piano. Questo corre nel controsoffitto e, vista la configurazione del
piano, ha una circuitazione ''ad anello' per massimizzare la flessibilità di
distribuzione anche in caso di interruzione o manutenzione di un tratto di rete.
Ogni circuito di piano sarà dotato di organi di intercettazione, valvola di taratura
e contatore di energia termica. In particolare, dotando ciascuna sottorete di
relativo contatore di energia, sarà possibile contabilizzare con precisione i
consumi di ciascun piano. Misurare l''energia consumata e averne cognizione
può costituire un incentivo al risparmio ma soprattutto, avendo un impianto
centralizzato a servizio di una moltitudine di utenze con caratteristiche diverse
l''una dall''altra, è possibile ripartire correttamente tutti i diversi consumi.
Complessivamente la rete di piano sarà chiamata ad alimentare un totale di 38
fan-coil ognuno dei quali, essendo a 4 tubi, viene collegato dal lato acqua
mediante tubazioni flessibili delle rispettive dimensioni:
' A-life 520: freddo -> DN 20, caldo -> DN 15 ' A-life 220: freddo -> DN 15, caldo -> DN 10
Su tali collegamenti vengono installate valvole a due vie modulanti grazie alle
quali verrà modificata la potenza erogata regolando la portata di fluido che passa
attraverso i terminali.
Il circuito viene dimensionato considerando le valvole a due vie aperte ma si
devono comunque analizzare gli squilibri connessi al chiudersi delle valvole e
definire le soluzioni atte ad evitare che tale chiusura provochi, lungo il circuito,
pressioni differenziali troppo elevate e di conseguenza:
' Rumori ' Fenomeni di erosione ' Funzionamento fuori curva delle elettropompe
I vari tratti della rete devono essere dimensionati a partire dalla stima dei
carichi, estivi ed invernali, che dovranno essere compensati dai vari fan-coil. Per
ogni piano viene calcolato il massimo carico termico estivo ed invernale al fine
di poter ricavare i valori minimi di portate sulle quali dimensionare le tubazioni.



79 L''analisi dettagliata dei carichi porta ad ottenere i risultati finali sotto riportati: Tabella 4.11 Circuito Acqua Fredda Si precisa che per il calcolo della portata si considera una temperatura di
alimentazione della rete pari a 7°C, ed un salto termico di 5°C. Inoltre nel
calcolo del carico termico estivo si è deciso di non considerare il carico termico
dovuto al sottoraffreddamento dell''aria primaria.
Per quanto riguarda il dimensionamento del circuito caldo (utilizzando acqua
50°C-43°C) si paragonano le portate necessarie a soddisfare il carico invernale e
la portata minima richiesta dalla batteria del fan-coil per un corretto
funzionamento scegliendo la maggiore delle due (vedi ALLEGATO 3). Di
seguito la tabella riassuntiva:
Tabella 4.12 Circuito Acqua Calda Premesso che le tubazioni utilizzate saranno in acciaio nero, il diametro di
ciascun tratto della rete viene qui determinato a partire dal valore della portata
massima circolante. Per il dimensionamento si è utilizzato il criterio delle
perdite di carico costanti e si è scelto di fissarle pari a 20 mmca/m lineare di
tubo. !"#!!$ %$"!#!# &' ()* ++ !"#$$%&'(#)% *+,-. /0 #)122% 3 0, 4#5%&!#21&4(6)(%)( /78 +, 4#5%&#!$1)!%4(&!% +*0- 8+ 4#5%&#!$1)!%4(&)1 *+7. +0 !"#!!$ %$"!#!# &' ()* ++ !"#$$%&'(#)% *,,.. 0, #)122% 3 0, 4#5%&!#21&4(6)(%)( 8,, *0 4#5%&#!$1)!%4(&!% *+-/ +0 4#5%&#!$1)!%4(&)1 -.7 +, #,-.#/"01"230"#!# #,-.#/,#4&# !"#!!$ %$"!#!# &' ()* ++ !"#$$%&'(#)% *+,-. /0 #)122% 3 0, 4#5%&!#21&4(6)(%)( /78 +, 4#5%&#!$1)!%4(&!% +*0- 8+ 4#5%&#!$1)!%4(&)1 *+7. +0 !"#!!$ %$"!#!# &' ()* ++ !"#$$%&'(#)% *,,.. 0, #)122% 3 0, 4#5%&!#21&4(6)(%)( 8,, *0 4#5%&#!$1)!%4(&!% *+-/ +0 4#5%&#!$1)!%4(&)1 -.7 +, #,-.#/"01"230"#!# #,-.#/,#4&# 80 Figura 4.17 Circuito Idronico di Piano 81 4.5.3 Dimensionamento colonne montanti

Analogamente a quanto descritto in precedenza, si dimensionano anche le
colonne montanti del circuito secondario. Per determinare le portate necessarie a
soddisfare i carichi termici si è definito il massimo carico contemporaneo del
piano tipo della torre.

Tabella 4.13 Circuito Montanti Acqua Fredda e Calda
Come si vede dalla tabella la portata massima a piano è di 12094 l/h per il
circuito freddo e 10044 l/h per quello caldo, mentre la portata totale a servizio
dei 12 piani ''alti' è di 249576 l/h in freddo e 181596 l/h in caldo. !"#$% &#'"&% !%'(#(# &)*)+#(# +)$,-.//. 0$ 1 234 234 5 55 !" #"$%$! &"'&!" 678977 &&' !'( $% %($&& &!()" :87;<9 ') !(( $# %($&& &!()" !$%"#! $*) !(( $) %($&& &!()" !!'$#) $*) !(( "( %($&& &!()" !&$!)' $*) !(( "& %($&& &!()" !(&!(& $*) !(( "! %($&& &!()" &#)&(# $*) !(( "$ %($&& &!()" &%%(&" $*) !(( "" %($&& &!()" &+")!& $*) !(( "' %($&& &!()" &'!#!% $*) &'( "+ %($&& &!()" &"(%$$ $*) &'( "% %($&& &!()" &!#+"( $*) &'( ,-.! / '#!%$ &&+'"+ !(*&' &'( ,-.& / '#!%$ '#!%$ !$ &(( !"#$% &#'"&% !%'(#(# &)*)+#(# +)$,-.//. 0$ 1 234 234 5 55 !" ""&!)% &!('!# 6=:>:8 &&' !(( $% $+%%' &(("" >'>;79 ') !(( $# $+%%' &(("" &%&''! $*) !(( $) $+%%' &(("" &+&'(# $*) &'( "( $+%%' &(("" &'&"+" $*) &'( "& $+%%' &(("" &"&"!( $*) &'( "! $+%%' &(("" &$&$%+ $*) &'( "$ $+%%' &(("" &!&$$! $*) &'( "" $+%%' &(("" &&&!## $*) &'( "' $+%%' &(("" &(&!"" $*) &'( "+ $+%%' &(("" )&!(( $*) &!' "% $+%%' &(("" #&&'+ $*) &!' ,-.! / $'''+ %&&&! !(*&' &!' ,-.& / $'''+ $'''+ !$ &(( !"#$% &#'"&% !%'(#(# &)*)+#(# +)$,-.//. 0$ 1 234 234 5 55 !" #"$%$! &"'&!" 678977 &&' !'( $% %($&& &!()" :87;<9 ') !(( $# %($&& &!()" !$%"#! $*) $) %($&& &!()" !!'$#) $*) "( %($&& &!()" !&$!)' $*) "& %($&& &!()" !(&!(& $*) "! %($&& &!()" &#)&(# $*) "$ %($&& &!()" &%%(&" $*) "" %($&& &!()" &+")!& $*) "' %($&& &!()" &'!#!% $*) &'( "+ %($&& &!()" &"(%$$ $*) "% %($&& &!()" &!#+"( $*) ,-.! / '#!%$ &&+'"+ !(*&' ,-.& / '#!%$ '#!%$ !$ &(( !"#$% &#'"&% !%'(#(# &)*)+#(# +)$,-.//. 0$ 1 234 234 5 55 !" ""&!)% &!('!# 6=:>:8 &&' !(( $% $+%%' &(("" >'>;79 ') $# $+%%' &(("" &%&''! $*) $) $+%%' &(("" &+&'(# $*) &'( "( $+%%' &(("" &'&"+" $*) "& $+%%' &(("" &"&"!( $*) "! $+%%' &(("" &$&$%+ $*) "$ $+%%' &(("" &!&$$! $*) "" $+%%' &(("" &&&!## $*) "' $+%%' &(("" &(&!"" $*) "+ $+%%' &(("" )&!(( $*) &!' "% $+%%' &(("" #&&'+ $*) ,-.! / $'''+ %&&&! !(*&' ,-.& / $'''+ $'''+ !$ &(( 82 Per il dimensionamento del primo tratto della colonna montante si deve
considerare che questo alimenta anche il circuito dei piani 25-36 e quindi avrà
una portata circa doppia. Più precisamente il tratto ''basso' parte dal secondo
piano interrato + 113 m (locale tecnico dove sono collocate le pompe di rilancio)
e giunge al locale tecnico 24esimo dove si dirama; una parte della portata va ad
alimentare lo scambiatore del circuito 25-36 e la restante portata sale
alimentando direttamente i singoli distacchi di piano dal 36° al 47°.
Come già descritto, durante il dimensionamento della rete, la determinazione del
diametro delle tubazioni deve tener conto di aspetti non trascurabili quali:
' Velocità del fluido all''interno delle tubazioni ' Perdita di carico lineare delle tubazioni
Infatti, all''interno dei tubi che convogliano acqua per il riscaldamento o per il
condizionamento, il valore ottimale della velocità dipende essenzialmente da
quattro fattori: l''entità delle perdite di carico, la rumorosità, la corrosione e il
trascinamento dell''aria. Vengono pertanto rispettati i range di velocità
consigliate per le rete di acqua calda e refrigerata.
Tabella 4.14 Velocità Consigliate all''interno delle tubazioni principali I diametri selle tubazioni vengono assegnati mantenendo un valore di perdita di
carico non superiore a 20 mmca per ogni metro. Di seguito si riporta lo schema
altimetrico all''interno del quale sono indicate tutte le dimensioni dei tubi.
117 VELOCITA'' CONSIGLIATE Nei tubi che convogliano acqua per il riscaldamento o per il condizionamento, il valore ottimale della velocità dipende essenzialmente da quattro fattori: l''entità delle perdite di carico, la rumorosità, la corrosione-erosione e il trascinamento dell''aria. TAB. 1 - Velocità (m/s) consigliate per reti ad acqua calda e refrigerata tubazioni tubazioni derivazioni ai principali secondarie corpi scaldanti tubi in acciaio 1,5 ÷ 2,5 0,5 ÷ 1,5 0,2 ÷ 0,7 tubi in rame 0,9 ÷ 1,2 0,5 ÷ 0,9 0,2 ÷ 0,5 tubi in mat. plastico 1,5 ÷ 2,5 0,5 ÷ 1,5 0,2 ÷ 0,7 Nei canali che convogliano aria per impianti di climatizzazione la velocità ottima- le dipende, invece, soprattutto dal valore delle perdite di carico e dalla rumorosità. TAB. 2 - Velocità (m/s) consigliate per canali d''aria in impianti a bassa velocità tubazioni tubazioni principali secondarie edifici residenziali 3,0 ÷ 4,0 2,0 ÷ 3,0 alberghi, ospedali 5,0 ÷ 6,5 3,5 ÷ 5,0 uffici 6,0 ÷ 7,5 4,0 ÷ 6,0 teatri, auditorium 4,0 ÷ 5,5 3,0 ÷ 4,0 ristoranti 7,5 ÷ 9,0 4,0 ÷ 6,0 grandi magazzini 8,0 ÷ 9,0 4,0 ÷ 6,0 industrie 10,0 ÷ 12,5 5,0 ÷ 7,5 83 Figura 4.18 Altimetrico Circuito Idronico
Trattando un circuito di grande altezza, il carico idrostatico gravante sul tratto
iniziale più basso del circuito stesso è molto elevato, quindi la tubazione dovrà
sopportare pressioni molto elevate. Si è scelto quindi di utilizzare tubi in acciaio
nero PN40 anche considerando che la pressione di collaudo del circuito è da
norma posta a 1,5 volte la pressione nominale di utilizzo. 84 All''interno del circuito secondario la portata variabile sarà conseguita variando
la velocità di rotazione delle pompe in funzione della richiesta termica delle
utenze rilevabile dalla differenza di pressione tra mandata e ritorno, misurata
alla base delle colonne montanti. Al fine di permettere una minima circolazione
di acqua nel circuito, anche se la richiesta termica è nulla, le colonne montanti di
andata e ritorno alla base sono collegate da un by-pass munito di valvola di
regolazione automatica del tipo autoflow. Le valvole autoflow sono dispositivi
in grado di mantenere automaticamente costante la portata di fluido che passa
attraverso le derivazioni su cui sono installate. L''elemento regolatore di questi
stabilizzatori di portata è un pistone mobile che ha come sezione di passaggio un
foro di testa e aperture laterali a geometria variabile. Tale regolatore, mosso
dalla spinta del fluido e dalla controspinta di una molla a spirale, deve assicurare
automaticamente portate pressoché costanti entro un ampio campo di pressioni
differenziali.
Figura 4.19 Valvola Autoflow
Ciascuna tubazione montante di andata e ritorno sarà dotata di intercettazione
per lo scarico della singola colonna. Si precisa inoltre che in corrispondenza dei
punti caldi dei circuiti saranno installate valvole di sfiato e separatori di gas.

4.5.4 Calcolo delle perdite di carico

Una volta dimensionata l''intera rete si devono computare tutte le perdite di
carico che i fluidi in moto attraverso i condotti subiscono a causa delle
resistenze continue e localizzate. Si sottolinea però che il valore totale delle 19 AUTOFLOW Servono ad assicurare le portate richieste quando ai loro estremi sussistono differenze di pressione variabili. Sono essenzialmente costituiti (1) dal corpo valvola,
(2) da un pistone e (3) da una molla di contrasto.
Il pistone è dotato di aperture (laterali e/o di testa) che fanno variare le sezioni di passaggio del
fluido in modo da mantenere costante la
portata
, entro un ampio campo di pressioni
differenziali. In impianti centralizzati con produzione istantanea
di acqua calda sanitaria, possono essere utilizzati
anche per realizzare by-pass di sommità, utili ad evitare il raffreddamento delle colonne Possono, inoltre, essere utilizzati anche per realizzare by-pass di centrale col compito di assicurare le
portate minime necessarie per far funzionare
correttamente le caldaie e le pompe. Negli impianti a portata variabile gli autoflow
possono essere utilizzati per bilanciare
(a valvole
termostatiche aperte) le portate delle colonne e delle derivazioni di zona. Il rapporto fra portate e pressioni differenziali di
questi regolatori è del tipo sotto rappresentato: 85 perdite di carico non è un valore certo in quanto risulta influenzato
dall''indeterminazione di alcuni parametri quali:
' Il diametro delle tubazioni può variare per le tolleranze di produzione, per il formarsi di incrostazioni o per il deposito di calcare ' La rugosità è un fattore difficile da determinare e varia sensibilmente nel tempo ' La messa in opera delle tubazioni può essere realizzata con giunzioni mal saldate (sbavature interne), oppure con curve troppo strette e
schiacciate. ' Lo sviluppo delle rete di distribuzione può avvenire con varianti in corso d''opera dovute ad interferenze con altri impianti o ad altri ostacoli non
previsti in sede di progetto.
Come già affrontato nella sezione dedicata al dimensionamento del circuito
aeraulico, le perdite di carico totali di un circuito sono la somma delle perdite
distribuite e delle perite concentrate.
Le perdite continue sono le perdite di carico che un fluido, in moto attraverso un
condotto, subisce a causa degli attriti interni al fluido stesso e degli attriti dovuti
alla rugosità del condotto. A livello progettuale risulta conveniente esprimere il
loro valore facendo riferimento ad una lunghezza unitaria di condotto. La
perdita di carico unitaria viene quindi calcolata mediante la seguente relazione:
! = ! ''   ! ! ''  ! ''   !! ! dove:
r: perdita di carico unitaria [Pa/m]
f: fattore di attrito
D: diametro interno della tubazione [m]
ρ: massa volumica del fluido [kg/m 3] v: velocità media del fluido [m/s]

L''unico parametro da determinare è il fattore di attrito il quale dipende da:
' Dimensioni e rugosità del condotto ' Moto del fluido all''interno del condotto
In determinati campi d''interesse specifico vengono applicate relazioni
matematiche che permettono di determinare il fattore di attrito con una certa
precisione. A livello di progettazione termotecnica però tali calcoli vengono
risparmiati in quanto si utilizzano tabelle nelle quali vengono riassunti i 86 parametri fondamentali delle tubazioni e del regime di moto al fine di
determinare, sempre attraverso le stesse tabelle la perdita di carico lineare della
tubazione in oggetto.
Relativamente alle perdite localizzate, queste sono le perdite di carico che un
fluido in moto attraverso un condotto subisce a causa delle resistenze accidentali
e delle irregolarità di percorso (variazioni di sezione, curve, valvole, organi di
regolazione, batterie, ecc). sono diversi i metodi di calcolo per determinare tali
perdite e precisamente sono:
' Metodo diretto ' Metodo delle portata nominali ' Metodo delle lunghezze equivalenti
Attraverso il metodo diretto le perdite di carico localizzate vengono stimate
mediante la seguente relazione:
''! =  ! ''  ! ''   !! 2
dove:
'P: perdita di carico localizzata [Pa]
!: coefficiente di perdita localizzata
ρ: massa volumica del fluido [kg/m 3] v: velocità media del fluido [m/s]

Il coefficiente ! risulta dipendere soprattutto dalla forma della resistenza localizzata ed è con buona approssimazione indipendente da altri fattori quali il
peso specifico, la viscosità e la velocità del fluido. Questo metodo è stato
impiegato per il calcolo delle perdite di carico localizzate relative ai
cambiamenti di direzione ed i coefficienti di perdita sono stati dedotti dalle
seguenti tabelle CALEFFI:


87 Figura 4.20 Coefficienti Perdita Carico Localizzato Valori del coefficiente di perdita localizzata ! (componenti d''impianto) Simbolo Tipo di resistenza localizzata Diametro interno tubi in acciaio inox, rame e materiale plastico Diametro tubi in acciaio CALEFFI 46-1 46-1 Valori del coefficiente di perdita localizzata ! (reti di distribuzione) 8 ÷ 16 mm 3/8' ÷ 1/2' 0,8 0,4 0,3 1,0 0,5 0,4 18 ÷ 28 mm 3/4' ÷ 1' 30 ÷ 54 mm 1 1/4' ÷ 2' > 54 mm > 2' 1,0 0,5 0,3 1,5 0,8 0,4 1,5 1,0 0,5 2,0 1,5 0,8 2,0 1,5 1,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 1,0 1,0 3,0 3,0 0,5 0,5 2,0 2,0 Curva stretta a 90 ° Curva normale a 90 ° Curva larga a 90 ° Curva stretta a U Curva normale a U Curva larga a U Allargamento Restringimento Diramazione semplice con T a squadra Confluenza semplice con T a squadra Diramazione doppia con T a squadra Confluenza doppia con T a squadra Diramazione semplice con angolo inclinato (45 ° - 60°) Confluenza semplice con angolo inclinato (45 ° - 60°) Diramazione con curve d''invito Confluenza con curve d''invito r/d = 1,5 r/d = 2,5 r/d > 3,5 r/d = 1,5 r/d = 2,5 r/d > 3,5 CALEFFI 46-2 46-2 Valori del coefficiente di perdita localizzata ! (componenti d''impianto) Valori del coefficiente di perdita localizzata ! (reti di distribuzione) Simbolo Tipo di resistenza localizzata Diametro interno tubi in acciaio inox, rame e materiale plastico Diametro esterno tubi in acciaio 8 ÷ 16 mm 3/8' ÷ 1/2' 6,0 3,0 0,6 0,1 0,6 0,1 1,0 1,0 '''' '''' '''' '''' 18 ÷ 28 mm 3/4' ÷ 1' 30 ÷ 54 mm 1 1/4' ÷ 2' > 54 mm > 2' 7,0 3,0 0,8 0,1 0,8 0,1 1,5 1,0 6,0 3,0 1,0 0,5 8,0 4,0 1,0 0,2 1,0 0,2 2,0 2,0 7,0 4,0 1,5 1,0 10,0 5,0 1,2 0,2 1,6 0,2 3,5 3,0 8,5 4,0 1,5 1,0 3,0 3,0 Valvola di intercettazione diritta Valvola di intercettazione inclinata Saracinesca a passaggio ridotto Saracinesca a passaggio totale Valvola a sfera a passaggio ridotto Valvola a sfera a passaggio totale Valvola a farfalla Valvola a ritegno Valvola per corpo scaldante tipo diritto Valvola per corpo scaldante tipo a squadra Detentore diritto Detentore a squadra Valvola a quattro vie Valvola a tre vie Passaggio attraverso radiatore Passaggio attraverso caldaia a terra 6,0 10,0 4,0 8,0 88 Nel calcolo della perdita totale del circuito secondario abbiamo anche
considerato la componentistica del fan-coil. Il grafico sotto riportato, nota la
portata massima del fluido, permette di determinare le perdite di carico
attraverso le batterie di scambio e le valvola a 2 vie modulanti.
Figura 4.21 Perdite carico batteria Fan-Coil
Una volta calcolata la perdita di carico del circuito di ogni singolo piano si è poi
valutata la perdita totale del circuito più sfavorito per determinare le prevalenze
delle pompe. Il valore ottenuto è stato poi moltiplicato per un coefficiente di
sicurezza che tiene conto di eventuali imprecisioni nella valutazione delle
accidentalità e del percorso delle tubazioni. I particolari del calcolo sono
riportati nell''ALLEGATO 3. Di seguito vengono evidenziate le caratteristiche
di portata e prevalenza dei circuiti acqua calda e refrigerata:

4.6 Centrale termica

Gli impianti di climatizzazione sono completati dagli impianti per la produzione
dell''energia occorrente: centrali termiche, centrali frigorifere e relativi
componenti ausiliari. La tipologia di centrale, una volta determinate le
potenzialità necessarie viene scelta e definita sulla base di diverse
considerazioni economiche, di disponibilità delle fonti energetiche, delle
esigenze di protezione dell''ambiente, degli spazi disponibili ecc. si possono
quindi prendere in considerazione differenti soluzioni che vanno dalle semplici
centrali termo frigorifere agli impianti di recupero di calore, agli accumuli di
freddo e agli impianti di cogenerazione. 89 Attualmente è evidente il problema energetico mondiale, e pertanto si deve
accettare che non è più sufficiente garantire le condizioni di benessere
dell''ambiente occupato svincolato dalle condizione dell''ambiente esterno.
' evidente ormai a tutti che nell''atto di refrigerare un edificio per migliorarne la
qualità dell''aria ambiente interna si stanno indirettamente riversando elementi
inquinanti che alterano in modo negativo l''ambiente esterno. Pertanto si ritiene
opportuno ricercare ed adottare soluzioni di processo ed impiantistiche che
minimizzino le emissioni nocive in ambiente al fine di ottenere un
ottimizzazione del comfort ambientale complessivo.
La progettazione è quindi orientata all''ottimizzazione del comfort interno
minimizzando le emissioni nocive per l''ambiente naturale in linea con le vigenti
norme in materia di risparmio energetico.

4.6.1 Impianto produzione fluidi tecnologici

La produzione dell''acqua calda e di quella refrigerata necessarie alla
climatizzazione dei locali appartenenti ai piani alti della torre avviene
utilizzando come sorgente di calore la rete di teleriscaldamento.
La produzione di acqua refrigerata verrà effettuata con un gruppo
termofrigorifero ad assorbimento utilizzando l''acqua surriscaldata proveniente
dalla rete di teleriscaldamento ad una temperatura di 110°C, ritorno 80°C posto
in centrale termofrigorifera al secondo piano interrato.
L''acqua calda verrà prodotta utilizzando il calore proveniente dalla rete di
teleriscaldamento attraverso l''installazione di uno scambiatore dedicato fornito
dall''azienda servizi A2A. L''acqua di riscaldamento prodotto verrà inviata al
circuito primario di distribuzione per servire i circuiti secondari.
90 Figura 4.22 Schema esemplificativo rete idronica
4.6.2 Scambiatori di calore

Come accennato precedentemente, lo scambiatore primario per la produzione di
acqua calda dalla rete di teleriscaldamento è dimensionato direttamente da A2A.
Quindi gli scambiatori di nostro interesse sono solamente quelli che uniscono il
circuito primario al secondario, sia lato acqua calda che lato acqua fredda, ed
hanno il compito di limitare il carico idrostatico sull''assorbitore. Di seguito sono
riportate le tabelle con le loro principali caratteristiche. Tabella 4.15 Caratteristiche scambiatori calore Acqua Fredda e Acqua Calda

!"#!$"%& '(!&)*+#"& ,#"-+#"& !"#!$"%& '(!&)*+#"& ,#"-+#"& ./$"*& +!0$+ +!0$+ ./$"*& +!0$+ +!0$+ ,&#%+%+1./$"*& 2345 667 667 ,&#%+%+1./$"*& 2345 89:8 ;8 %(-,(#+%$#+1") <! 69 = %(-,(#+%$#+1") <! >' ;; %(-,(#+%$#+1&$% <! @ 66 %(-,(#+%$#+1&$% <! ;7 >; A"'!&'"%+1*")+-"!+ B, 6:9@' 6:'7= A"'!&'"%+1*")+-"!+ B, 7:;8' 7:;>C *()'"%+ 234D' 6777:9@ 6777:;' *()'"%+ 234D' C8@:= C8= !+,+!"%+1%(#-"!+ 2E423F >:976 >:97' !+,+!"%+1%(#-"!+ 2E423F >:6@> >:6@' !&)*$%%"A"%+1%(#-"!+ G4DF 7:=6@ 7:=6@ !&)*$%%"A"%+1%(#-"!+ G4DF 7:='8 7:=> ,&%()H+ 2G 9'77 ,&%()H+ 2G 9>97 +#(+1'!+-I"&1)(%%+ D9 '89 +#(+1'!+-I"&1)(%%+ D9 6>7 *%1./$"*" F 646 *%1./$"*" F ':9@4':9@ !&(..1'!+-I"&1%(#-"!& G4D9F =7;8:@;4=78;:7; !&(..1'!+-I"&1%(#-"!& G4D9F =9@@:8>4='7@:'; .+%%&#(1")!#&'%+H"&)( D9F4G 7:777777@6 .+%%&#(1")!#&'%+H"&)( D9F4G 7:777777@ '&A#+*"-()'"&)+-()%& J 7:>' '&A#+*"-()'"&)+-()%& J 7:>@ ,(#*"%+1!+#"!& DG5 >:C@C >:CC9 ,(#*"%+1!+#"!& 2,K 9;:'9= >8:=>6 )$-(#&1,+''+LL" M 6 6 )$-(#&1,+''+LL" M 6 6 ,('& 23 ,('& 23 A&/$-( ND' A&/$-( ND' ,#(''"&)(1('(#!"H"& OKP ,#(''"&)(1('(#!"H"& OKP %(-,(#+%$#+1-+Q <! %(-,(#+%$#+1-+Q <! -+%(#"+/( -+%(#"+/( !&))(''"&)" !&))(''"&)" .#(**& !+/*& >7 667 KBBRKRS *)1977 >7
87 KBBRKRS *)19;7 !"#$%&%$'#(!$)*+%),-.#(/%($)0-.# ".-".%#,)(&%!%$'# $).),,#.%!,%$'#(!$)*+%),-.# /),%($-!,.1,,%2% 9;77 6@7 !"#$%&%$'#(!$)*+%),-.#(/%($)0-.# ".-".%#,)(&%!%$'# $).),,#.%!,%$'#(!$)*+%),-.# /),%($-!,.1,,%2% ;767 >;; !"#!$"%& '(!&)*+#"& ,#"-+#"& !"#!$"%& '(!&)*+#"& ,#"-+#"& ./$"*& +!0$+ +!0$+ ./$"*& +!0$+ +!0$+ ,&#%+%+1./$"*& 2345 667 667 ,&#%+%+1./$"*& 2345 89:8 ;8 %(-,(#+%$#+1") <! 69 = %(-,(#+%$#+1") <! >' ;; %(-,(#+%$#+1&$% <! @ 66 %(-,(#+%$#+1&$% <! ;7 >; A"'!&'"%+1*")+-"!+ B, 6:9@' 6:'7= A"'!&'"%+1*")+-"!+ B, 7:;8' 7:;>C *()'"%+ 234D' 6777:9@ 6777:;' *()'"%+ 234D' C8@:= C8= !+,+!"%+1%(#-"!+ 2E423F >:976 >:97' !+,+!"%+1%(#-"!+ 2E423F >:6@> >:6@' !&)*$%%"A"%+1%(#-"!+ G4DF 7:=6@ 7:=6@ !&)*$%%"A"%+1%(#-"!+ G4DF 7:='8 7:=> ,&%()H+ 2G 9'77 ,&%()H+ 2G 9>97 +#(+1'!+-I"&1)(%%+ D9 '89 +#(+1'!+-I"&1)(%%+ D9 6>7 *%1./$"*" F 646 *%1./$"*" F ':9@4':9@ !&(..1'!+-I"&1%(#-"!& G4D9F =7;8:@;4=78;:7; !&(..1'!+-I"&1%(#-"!& G4D9F =9@@:8>4='7@:'; .+%%&#(1")!#&'%+H"&)( D9F4G 7:777777@6 .+%%&#(1")!#&'%+H"&)( D9F4G 7:777777@ '&A#+*"-()'"&)+-()%& J 7:>' '&A#+*"-()'"&)+-()%& J 7:>@ ,(#*"%+1!+#"!& DG5 >:C@C >:CC9 ,(#*"%+1!+#"!& 2,K 9;:'9= >8:=>6 )$-(#&1,+''+LL" M 6 6 )$-(#&1,+''+LL" M 6 6 ,('& 23 ,('& 23 A&/$-( ND' A&/$-( ND' ,#(''"&)(1('(#!"H"& OKP ,#(''"&)(1('(#!"H"& OKP %(-,(#+%$#+1-+Q <! %(-,(#+%$#+1-+Q <! -+%(#"+/( -+%(#"+/( !&))(''"&)" !&))(''"&)" .#(**& !+/*& >7 667 KBBRKRS *)1977 >7
87 KBBRKRS *)19;7 !"#$%&%$'#(!$)*+%),-.#(/%($)0-.# ".-".%#,)(&%!%$'# $).),,#.%!,%$'#(!$)*+%),-.# /),%($-!,.1,,%2% 9;77 6@7 !"#$%&%$'#(!$)*+%),-.#(/%($)0-.# ".-".%#,)(&%!%$'# $).),,#.%!,%$'#(!$)*+%),-.# /),%($-!,.1,,%2% ;767 >;; 92 4.6.3 Assorbitore

Al fine di perseguire la riduzione dei consumi energetici e la diversificazione
delle fonti energetiche, per la produzione del freddo si è deciso di utilizzare
delle macchine ad assorbimento a bromuro di litio al posto delle usuali
macchine a compressione di vapore.
L''assorbitore è dotato di proprie pompe di circolazione sia sul lato evaporante
che su quello condensante. L''acqua refrigerata prodotta sarà poi inviata al
circuito primario di distribuzione. L''assorbitore sarà raffreddato attraverso un
circuito chiuso collegato ad un raffreddatore evaporante posto sulla copertura
del podium della torre.
Figura 4.23 Schema macchina ad assorbimento Nel caso specifico, la sorgente calda è la rete di teleriscaldamento, mentre quella
fredda è rappresentata da due torri evaporative (vedi capitolo 4.7.4).
Di seguito si riportano i dati di targa della macchina scelta.
8. CICLO DI FUNZIONAMENTO











80 °C 110°C 37°C 11°C 6°C 32°C Tabella 4.16 Scheda Tecnica Assorbitore Calore

4.6.4 Torre evaporativa

La torre evaporativa è un componente che sfrutta l''energia latente di
evaporazione per smaltire il calore in eccesso. In altri termini questa ha il
grandissimo vantaggio di permettere la dispersione del calore con efficienze
maggiori anche in estate in quanto non sono vincolate alla temperatura di bulbo
secco esterna bensì a quella di bulbo umico. Questo diventa importante quanto
più le potenze da smaltire diventano importanti in quanto usare scambiatori ad
aria sarebbe impensabile date le dimensioni che necessiterebbero.
Quartiere storico fiera di Milano '' Torre TCa Progetto Definitivo Avanzato Impiantistico '' Fase E
Specifiche tecniche e funzionali '' Gruppo Frigorifero ad assorbimento TCa-00-E-IM-SPT-001-A 5 - ASSORBITORE -
Tipologia Macchina:
ASSORBITORE Installazione: Interno
Protezione intemperie Batterie Condensanti Sì No Funzionamento: semplice effetto ad
acqua surriscaldata Note:
' Specifica di riferimento M160C ' Schema funzionale di riferimento: Tca-00-E-IM-SCH-004-A
Fluido assorbente: Bromuro di litio Fluido refrigerante: Acqua Potere di interruzione 25 kA Funzionamento in Refrigerazione EVA PO R A T O R E Potenza Frigorifera 2300 kW CO NDE NS A T O RE T Acqua di Torre. In/out 33°- 38°C COP 0,7 Portata Acqua: 964 m 3/h T Acqua Refr. In/out 11°- 6°C Numero passi Assorbente 2 Portata Acqua: 395 m 3/h Numero passi Condensatore 1 Numero di passi 2 Perdita di Carico Acqua 105 KPa Perdita di Carico Acqua 34 KPa TE L E R IS C A L D A M E N TO T Acqua Teleriscaldamento. In/out 110°- 80°C DI M E NS IO NI Assorbimento elettrico 5,8 kW Portata Acqua: 95 ton/h Lunghezza 6100 mm Numero passi 3 Larghezza 2300 mm Numero passi Condensatore 1 Altezza 3600 mm Perdita di Carico Acqua 46 KPa Peso durante il funzionamen-
to 26,1 ton

Note:

-Rumorosità: SPL= 75 dB(A) a 1m di distanza 94 Nel caso in questione la torre evaporativa, posta sulla copertura del podium, è di
tipo a circuito chiuso ed è usata per smaltire il calore asportato dal condensatore
e dall''assorbitore del ciclo ad assorbimento.
Di seguito si riportano i dati di targa della macchina (costituita da due moduli).
Tabella 4.17 Scheda tecnica Torre Evaporativa

4.6.5 Pompe di circolazione

Le elettropompe sono macchine che utilizzano l''energia meccanica fornita da un
motore elettrico per sollevare un liquido oppure per farlo circolare in una
tubazione. In base al tipo di costruzione ed al modo in cui trasmettono energia al
fluido le elettropompe possono essere: volumetriche, centrifughe, ad elica o
rotative. Negli impianti idro-termosanitari si usano in pratica solo elettropompe
centrifughe. Le elettropompe scelte sono orizzontali, dotate di inverter,
regolatore elettronico e sonda di pressione differenziale in modo da adattarsi alle
richieste dell''impianto a portata variabile come nel caso in oggetto. Tali pompe
saranno comandate da un quadro elettrico che provvederà a variare
proporzionalmente il numero di giri della pompa in relazione al segnale di
pressione proveniente dal punto più sfavorito del rispettivo circuito. Per il
circuito secondario a servizio dei piani alti della torre si è scelta una 01/09/09 2 Rif 08025Torre Isozaki pt.45484Rev0

Gentile :Ing Lucchese


Nel ringraziarVi per la Vostra richiesta di quotazione per materiale Evapco, ci pregiamo
sottoporVi la seguente offerta:

(5) Raffreddatori a circuito chiuso ATW 334-6M assiali in controcorrente per raffreddare 699 l/s
di Acqua da 36ºC a 31ºC con temperatura di bulbo umido pari a 25ºC.

CTI Certified performance

Resa (kW) Cad.
: 2.923 Resa (Kw) Totale : 5846 Fluido : Acqua Portata (l/s) cad : 139,20 Portata (l/s) Totale : 278,4 Temperatura Fluido Ingresso(°C) : 36,00 Temperatura Fluido Uscita (°C) : 31,00 Bulbo Umido (°C) : 25,00



Dati tecnici per cad. unità:

# Motori Vent (kW): (2) 22,00 # Motori Pompa (kW): (2) 4,00 Portata aria (m 3/s): 86,2 Portata acqua di spruzzamento (l/s): 114 Perdita di carico nel Coil (kPa): 65,5 Acqua Evaporata (l/min): 60,4 Spurgo Raccomandato (l/min): 60,4 Peso in Funzionamento (kg): 36.197 Peso Spedizione (kg): 23.896
Sistema protezione anti corrosione: Evapcoat con pannelli di lamiera zincata a bagno Z725 (725
g/m2 Zn)




01/09/09 2 Rif 08025Torre Isozaki pt.45484Rev0

Gentile :Ing Lucchese


Nel ringraziarVi per la Vostra richiesta di quotazione per materiale Evapco, ci pregiamo
sottoporVi la seguente offerta:

(5) Raffreddatori a circuito chiuso ATW 334-6M assiali in controcorrente per raffreddare 699 l/s
di Acqua da 36ºC a 31ºC con temperatura di bulbo umido pari a 25ºC.

CTI Certified performance

Resa (kW) Cad.
: 2.923 Resa (Kw) Totale : 5846 Fluido : Acqua Portata (l/s) cad : 139,20 Portata (l/s) Totale : 278,4 Temperatura Fluido Ingresso(°C) : 36,00 Temperatura Fluido Uscita (°C) : 31,00 Bulbo Umido (°C) : 25,00



Dati tecnici per cad. unità:

# Motori Vent (kW): (2) 22,00 # Motori Pompa (kW): (2) 4,00 Portata aria (m 3/s): 86,2 Portata acqua di spruzzamento (l/s): 114 Perdita di carico nel Coil (kPa): 65,5 Acqua Evaporata (l/min): 60,4 Spurgo Raccomandato (l/min): 60,4 Peso in Funzionamento (kg): 36.197 Peso Spedizione (kg): 23.896
Sistema protezione anti corrosione: Evapcoat con pannelli di lamiera zincata a bagno Z725 (725
g/m2 Zn)




95 configurazione di due pompe in parallelo al fine di ottenere una maggiore
affidabilità e manutenibilità del sistema. Ognuna di esse è dimensionata per il
100% della portata e della prevalenza. Tale scelta permette il funzionamento
dell''impianto anche in caso di guasto di una delle due.
La scelta di ciascuna pompa viene fatta confrontando la sua curva caratteristica
con il punto di funzionamento teorico dell''impianto affiche si individui una
pompa con caratteristiche atte a soddisfare le richieste del circuito. Al fine di
poter dimensionare le elettropompe sulle necessità degli impianti progettati si
devono determinare le grandezze fondamentali del circuito:
' La portata massima del circuito ' La perdita di carico del ramo più sfavorito
Inoltre, una volta determinato il punto di lavoro, al fine di scegliere
correttamente l''elettropompa più adatta, si deve verificare che tale punto risulti:
' Vicino al punto di funzionamento teorico ' Interno alla zona di rendimento ottimale della pompa stessa 96 Figura 4.24 Curva Caratteristica Pompa circuito caldo
Un altro aspetto da sottolineare è che la scelta viene eseguita mantenendo un
certo margine sulle prestazioni massime cosicché la pompa non lavori alla
massima velocità, considerando che raramente in cantiere l''impianto viene
realizzato nel dettaglio come è stato progettato.
Di seguito i principali dati delle elettropompe del circuito secondario.
Tabella 4.18 Dati di Targa Pompe di Circolazione ACQUA FREDDA
Nome società:
Creato da:
Telefono:
Fax:
Data:
  Stampato da Grundfos CAPS 95102074 NKG 150-125-250/269 50 Hz 4 PñK         + P        3 N:        1.* 9+] 3 N: 4 PñK
+ P
Q USP
/LTXLGRSRPSDWR :DWHU 7HPSHUDWXUDOLTXLGR '& 'HQVLWj NJPñ (WDSRPSD  
Quartiere storico fiera di Milano '' Torre TCa Progetto Definitivo Avanzato Impiantistico '' Fase E
Specifiche tecniche e funzionali '' Elettropompe TCa-00-E-IM-SPT-004-A 8
- ELETTROPOMPE - Item : PSTE a/b/c/d Portata: 645000 l/h Potenza Motore as-
sorbita: 91 kW 4 Poli Prevalenza 28,5 m Velocità: Variabile attraverso inverter Alimentazione: Trifase 400 V 50 Hz
Note:

- ELETTROPOMPE - Item : PSAR-MB a/b/c Portata: 395000 l/h Potenza Motore as-
sorbita: 56 kW 4 Poli Prevalenza 27 m Velocità: Variabile attraverso inverter Alimentazione: Trifase 400 V 50 Hz
Note:

- ELETTROPOMPE - Item : PSAC-MB a/b/c Portata: 240000 l/h Potenza Motore as-
sorbita: 34 kW 4 Poli Prevalenza 27 m Velocità: Variabile attraverso inverter Alimentazione: Trifase 400 V 50 Hz
Note:
97 ACQUA CALDA
Essendo l''elettropompa un componente essenziale dell''impianto, si rende
necessario prevedere alcuni componenti ausiliari atti a preservarne l''integrità e a
renderne facile la manutenzione. Tra questi:
' Valvole di intercettazione a monte e a valle della pompa ' Giunti antivibranti al fine di evitare che le vibrazioni delle pompe di trasmettano alle reti di distribuzione ' Manometri ' Filtro a Y per trattenere impurità e prodotti di degradazione ' Valvola di sicurezza per impedire che il fluido superi determinati valori di taratura ' Valvola di taratura e bilanciamento dotate di sensori di temperatura, portata e differenza di pressione
4.6.6 Vasi di espansione

I vasi di espansione sono uno dei componenti indispensabili all''interno di un
circuito idraulico al fine di renderlo sicuro e prevenire rotture dovute alla
dilatazione o contrazione del fluido di lavoro all''interno dello stesso circuito.
Perché ciò si possibile è necessario che il fluido sia a contatto con un gas che
possa compensare le dilatazioni del fluido stesso.
L''impianto progettato è un circuito chiuso e il vaso di espansione sarà del tipo a
membrana. L''impianto chiuso infatti elimina completamente la possibilità di
ossigenazione dell''acqua evitando quindi la corrosione dovuta alla presenza
dell''aria nell''impianto stesso. L''adozione del sistema chiuso consente inoltre di
utilizzare temperature di esercizio più alte e di installare il vaso in prossimità
della centrale. Ogni circuito verrà quindi dotato di un proprio vaso di
espansione.
Nella scelta di un vaso chiuso è necessario considerare il contenuto d''acqua
dell''impianto, l''escursione termica che questa subisce nella fase di
riscaldamento e la variazione della pressione.


Quartiere storico fiera di Milano '' Torre TCa Progetto Definitivo Avanzato Impiantistico '' Fase E
Specifiche tecniche e funzionali '' Elettropompe TCa-00-E-IM-SPT-004-A 8
- ELETTROPOMPE - Item : PSTE a/b/c/d Portata: 645000 l/h Potenza Motore as-
sorbita: 91 kW 4 Poli Prevalenza 28,5 m Velocità: Variabile attraverso inverter Alimentazione: Trifase 400 V 50 Hz
Note:

- ELETTROPOMPE - Item : PSAR-MB a/b/c Portata: 305000 l/h Potenza Motore as-
sorbita: 43 kW 4 Poli Prevalenza 27 m Velocità: Variabile attraverso inverter Alimentazione: Trifase 400 V 50 Hz
Note:

- ELETTROPOMPE - Item : PSAC-MB a/b/c Portata: 240000 l/h Potenza Motore as-
sorbita: 34 kW 4 Poli Prevalenza 27 m Velocità: Variabile attraverso inverter Alimentazione: Trifase 400 V 50 Hz
Note:
98 La relazione che permette di determinare il volume del vaso d''espansione chiuso
con diaframma è:
! =   !!   ! 1 '' !! !!
dove:
V : volume del vaso di espansione [l]
V w : volume dell''acqua contenuta nell''impianto [l] e : coefficiente di espansione dell''acqua calcolato in base alla massima
differenza tra temperatura dell''acqua ad impianto freddo e quella massima di
esercizio
P i : pressione assoluta iniziale alla più bassa temperatura T1 [bar]. ' la pressione assoluta in bar a cui è precaricato il cuscinetto di gas, pressione che non potrà
risultare inferiore alla pressione idrostatica nel punto in cui viene installato il
vaso
P f : pressione assoluta finale alla massima temperatura T2 [bar]. ' la pressione massima di esercizio pari alla pressione di taratura della valvola di sicurezza
aumentata della sovrappressione della valvola stessa e diminuita di una quantità
corrispondente al dislivello di quota esistente tra vaso d''espansione e valvola di
sicurezza se questa è posta più in basso, o aumentata se posta più in alto.

Nei circuiti di distribuzione di acqua calda e refrigerata, le temperature di
riferimento dipendono logicamente dalla centrale di produzione:
' T 2 = 50°C (temperatura mandata) ' T 1 = 10°C (temperatura all''atto del riempimento del circuito) Tabella 4.19 Dimensionamento Vaso Espansione Circuito Caldo
Il volume del vaso di espansione del circuito caldo risulta:
V = 315 [l] Copia di vasi di espansione_rev02.xls 1 di 1 VE_SEC_AF(AC)BP Acqua fredda vaso di espansione chiuso senza diaframma pressurizzato con aria e azoto secondario alta pressione 50° Acqua contenuta nell'impianto [lt] Vw 25000 Temp.min. di esercizio T_min. T2 7 °C Temp.ad impianto inattivo T_max T1 30 °C Coefficiente di contrazione e 0,00406 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [m] deltah 3 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [bar] deltah 0,3 Pressione atmosferica assoluta [bar] Pa 1 Pressione di esercizio Pi 1,6 pressione max di pressurizzazione [assoluta] Pf 6 Vu 138,4 Acqua calda vaso di espansione chiuso senza diaframma pressurizzato con aria e azoto secondario alta pressione 50° Acqua contenuta nell'impianto [lt] C 19500 Temp.max. di esercizio T2 50 °C Temp.iniziale T1 10 °C Coefficiente di contrazione e 0,01182 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [m] deltah 3 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [bar] deltah 0,3 Pressione atmosferica assoluta [bar] Pa 1 Pressione di esercizio Pi 1,6 pressione max di pressurizzazione [assoluta] Pf 6 Vu 314,3 99 ' necessario inoltre prevedere anche un vaso di espansione relativo al circuito di
acqua refrigerata in quanto in tali circuiti si verifica la contrazione del volume di
fluido in circolazione. L''impiego del vaso si espansione chiuso consente di
svolgere in questo tipo di impianti due funzioni precise:
' Creare una riserva di fluido tale da evitare la formazione di vuoto con la conseguente intromissione di aria ' Evitare l''entrata in funzione della valvola di sicurezza quando, ad impianto fermo, l''acqua contenuta nel circuito si riscalda
La logica di dimensionamento è la stessa impiegata per il vaso di espansione
chiuso del circuito caldo, considerando però le seguenti temperature dell''acqua:
' T 1 = 30°C (temperatura massima raggiungibile dall''impianto fermo) ' T 2 = 7°C (temperatura minima di funzionamento) Tabella 4.20 Dimensionamento Vaso Espansione Circuito Freddo
Il volume del vaso di espansione del circuito freddo risulta:
V = 139 [l]
La scelta delle dimensioni di tali componenti da installare ricade sulle seguenti:
' Vaso chiuso per il circuito caldo della capacità di 350 litri ' Vaso chiuso per il circuito freddo della capacità totale di 160 litri (2 vasi da 80 l)
Oltre a quanto già descritto, si sottolinea che in corrispondenza dell''installazione
dei vasi di espansione, si prevede un gruppo di riempimento automatico atto a
ridurre la pressione di alimentazione e a reintegrare a freddo le eventuali perdite
di acqua.
Copia di vasi di espansione_rev02.xls 1 di 1 VE_SEC_AF(AC)BP Acqua fredda vaso di espansione chiuso senza diaframma pressurizzato con aria e azoto secondario alta pressione 50° Acqua contenuta nell'impianto [lt] Vw 25000 Temp.min. di esercizio T_min. T2 7 °C Temp.ad impianto inattivo T_max T1 30 °C Coefficiente di contrazione e 0,00406 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [m] deltah 3 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [bar] deltah 0,3 Pressione atmosferica assoluta [bar] Pa 1 Pressione di esercizio Pi 1,6 pressione max di pressurizzazione [assoluta] Pf 6 Vu 138,4 Acqua calda vaso di espansione chiuso senza diaframma pressurizzato con aria e azoto secondario alta pressione 50° Acqua contenuta nell'impianto [lt] C 19500 Temp.max. di esercizio T2 50 °C Temp.iniziale T1 10 °C Coefficiente di contrazione e 0,01182 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [m] deltah 3 Dislivello tra livello a freddo nel vaso e punto più alto dell'impianto [bar] deltah 0,3 Pressione atmosferica assoluta [bar] Pa 1 Pressione di esercizio Pi 1,6 pressione max di pressurizzazione [assoluta] Pf 6 Vu 314,3 100 4.6.7 Isolamento tubazioni

L''isolamento delle tubazioni serve a limitare le dispersioni termiche del fluido
in esse contenute e di conseguenza contenere i costi di gestione degli impianti,
ma anche di impedire i fenomeni di condensa che si verificano quando la
temperatura della superficie esterna delle tubazioni è inferiore alla temperatura
di rugiada dell''aria. Pertanto la rete di acqua refrigerata viene coibentata con
isolante di spessore 32 mm per quanto riguarda le tubazioni poste in copertura e
con isolante di spessore 13 mm su tutte le tubazioni montanti e di distribuzione
ai piani. Le tubazioni calde devono essere coibentate con materiale isolante il
cui spessore minimo è riportato nella tabella 1 dell''allegato B del DPR 412/93
(vedi tabella 4.3). 5 Sistema di regolazione

Nonostante la progettazione e la scelta dei componenti siano fondamentali per
un corretto funzionamento dell''impianto, una gestione efficiente non può
prescindere dall''integrazione del sistema di regolazione e controllo. In
particolare oltre a garantire le condizioni di benessere si deve ottimizzare il
consumo energetico.
Gli impianti di riscaldamento e raffrescamento vengono dimensionati per una
potenza termica tale da mantenere le condizioni di comfort desiderate a fronte
del carico termico di progetto. Tuttavia nella realtà si è sempre in presenza di
variazioni di carico a causa delle oscillazioni della temperatura esterna,
dell''irraggiamento solare, della variazione dei carichi interni ecc. di
conseguenza, per gran parte del tempo, l''impianto deve funzionare con un carico
termico inferiore a quello di progetto, ed è compito del sistema di regolazione
provvedere a ridurre la potenzialità dell''impianto cosi da mantenere le
condizioni di comfort imposte. Nessun impianto quindi può funzionare senza
che vi sia la possibilità di controllo e di correzioni delle condizioni di
funzionamento. Per regolare un sistema occorre:
' Fissare il set point della variabile che si vuole tenere sotto controllo ' Misurare la variabile e confrontarla con l valore di set di riferimento ' Utilizzare gli scostamenti tra i valori per intraprendere un''azione che determini il rispristino del valore della variabile al set point impostato
Queste azioni di misura e correzione determinano una catena di regolazione che
deve poter esser fatta automaticamente e con continuità; solo cosi si potrà
raggiungere lo scopo di mantenere costante nel tempo le grandezze controllate al
variare delle azioni perturbatrici esterne. Sulla base di quanto descritto si ritiene
opportuno gestire i diversi impianti presenti all''interno della torre attraverso un
sistema di regolazione automatica di tipo digitale (DDC). Tutti gli impianti
saranno poi gestiti e controllati in modo centralizzato.

5.1 Regolatore ddc

I componenti principali che costituiscono un sistema di regolazione sono:
' Un elemento di misura detto sonda o sensore ' Un regolatore che effettui il confronto tra la grandezza misurata dal sensore ed il valore di riferimento e che invii un segnale all''organo di
regolazione 102 ' L''organo di regolazione che consente l''azione di ripristino del set point Come accennato inizialmente, la tecnica di controllo adottata è di tipo digitale a
microprocessore DDC. Si deve però precisare che mentre il regolatore è
costituito da un microprocessore digitale, le sonde di regolazione a cui sono
collegate, sono gestite da segnali analogici. ' quindi indispensabile dotare il
microprocessore di un''interfaccia in grado di trasformare i segnali analogici in
digitali e viceversa cosi da poter comandare l''organo di regolazione.
Questo sistema di regolazione, rispetto ad altre soluzioni, offre i seguenti
vantaggi:
' Riduzione componentistica hardware ' Riduzione costi ingombro quadri elettrici ' Semplificazione impianto elettrico ' Semplicità nella modifica della logica di sistema ' Maggior precisione nel controllo delle grandezze misurate ' Grande affidabilità del sistema digitale ' Flessibilità di utilizzo
All''interno della progettazione del tipo di regolazione automatica si deve
scegliere la logica sulla quale si basa l''algoritmo di regolazione. In particolare
abbiamo scelto di adottare un sistema di tipo PID (Proporzionale Integrale
Derivativo) il quale consente di evitare le oscillazioni della grandezza
controllata permettendo cosi di raggiungere più rapidamente le condizioni di
stabilità.

5.2 Impianti controllati

Il sistema centralizzato di controllo e regolazione è atto a gestire tutti gli
impianti presenti all''interno della torre tra cui:
' Circuiti di riscaldamento e raffrescamento ' Unità di trattamento aria ' Fan coil
5.2.1 Centrale termofrigorifera

La partenza in sequenza dei tre gruppi polivalenti sarà programmata da un
modulo microprocessore sulla base delle richieste dell''impianto basate sul
rilievo delle temperature dell''acqua refrigerata misurate da opportune sonde sui
rispettivi collettori generali. 103 In base a tali richieste saranno avviate le pompe di ''primo funzionamento'
acqua refrigerata.
I gruppi frigoriferi funzionano governati dalla propria logica a microprocessore
di bordo macchina. A tale proposito si specifica che il microprocessore di bordo
dovrà poter essere ''visto' in forma assolutamente ''trasparente' dal sistema
BMS (sistema di supervisione).
A conferma dell''avvenuto consenso di ''primo funzionamento' del gruppo
frigorifero predeterminato, fornito dai rispettivi pressostati a bordo macchina,
secondo le modalità precedentemente descritte, il gruppo polivalente preposto
sarà pronto a ricevere sulla propria logica le richieste di energia frigorifera
espresse dai valori di temperatura rilevati dalle rispettive sonde sui collettori
generali di ritorno.
Al verificarsi della condizione di carico frigorifero nullo, una pompa primaria
dovrà rimanere funzionante.
Sarà prevista l''inversione automatica di ''funzionamento-riserva'' dei gruppi
elettropompa sui circuiti primari acqua calda e refrigerata.
Per quanto riguarda ciascuna coppia di pompe sarà inoltre previsto l''intervento
automatico della ''pompa di riserva' nel caso di avaria della ''pompa di
funzionamento'.
Dovrà essere previsto un sistema automatico di commutazione ''pompa
attiva/pompa di riserva' con cadenza quindicinale per tutte le pompe
dell''impianto.
Sui collettori di andata e ritorno primari sono previste le derivazioni a servizio
del circuito fan-coils e unità di trattamento aria, tramite le pompe secondarie.
Al sistema BMS saranno riportati gli allarmi cumulativi di ciascun gruppo
refrigeratore e le letture delle temperature operative del sistema attraverso sonde
termometriche posizionate ove indicato sugli schemi funzionali di progetto.
Un abbassamento di pressione sulla rete di riempimento acqua addolcita ai
collettori acqua calda e refrigerata verrà segnalato al sistema BMS tramite sonde
di pressione. A seguito di ciò un operatore provvederà dalla postazione remota
BMS al ripristino del corretto livello di pressione azionando manualmente la
rispettiva elettrovalvola di riempimento. L''elettrovalvola sarà disattivata
automaticamente non appena raggiunto il prefissato livello di pressione.
La temperatura di andata acqua refrigerata ai circuiti sarà controllata a punto
fisso, ad un valore di circa 6°C .
L''avviamento delle pompe con potenza pari o in eccesso di 10 kW sarà eseguito
attraverso il controllore a regime ridotto a mezzo di inverter o doppia
alimentazione, in modo da evitare spunti elevati all''avviamento.
Il controllo delle portate d''acqua dei vari circuiti viene regolato variando il
numero di giri delle elettropompe a mezzo di inverter previsti all''interno del
presente progetto. 104 L''acqua calda prodotta dagli scambiatori forniti da A2A provvederà alla
fornitura dell''acqua calda di riscaldamento da distribuire ai vari circuiti.
Il suo inserimento verrà attivato da un modulo microprocessore, in modo da
controllare la temperatura dell''acqua in mandata agli impianti al valore di
progetto.
Vengono letti sul BMS le temperature dell''acqua calda andata e ritorno dei vari
circuiti indicati negli schemi di regolazione .

5.2.2 Unità di trattamento aria primaria

L''avviamento del gruppo è programmato sul BMS ad orari giornalieri e
settimanali prefissati.
Il funzionamento della macchina prevede la regolazione del regime di rotazione
di entrambi i ventilatori di mandata e di ripresa tramite inverter previsti
all''interno del presente progetto.
Il gruppo è previsto per funzionamento a portata d''aria variabile; a tale scopo
una sonda di pressione sul canale di mandata aria primaria in uscita dal gruppo
mantiene costante la pressione mediante variazione modulante della velocità di
rotazione di entrambi i ventilatori.
La temperatura dell''aria a valle della batteria di preriscaldamento ad acqua calda
è controllata, in sequenza alla batteria di acqua refrigerata, a punto fisso ad un
valore di circa 15°C in saturazione, tramite una sonda da canale. La portata
d''acqua attraverso la batteria viene modulata da una valvola motorizzata di
regolazione in funzione dei valori rilevati dalla sonda.
La temperatura dell''aria a valle della batteria di deumidificazione ad acqua
refrigerata è controllata, in sequenza alla batteria di preriscaldamento, a punto
fisso ad un valore di circa 15°C tramite la sonda da canale di cui sopra. La
portata d''acqua attraverso la batteria viene modulata da una valvola motorizzata
di regolazione in funzione dei valori rilevati dalla sonda.
La protezione antigelo del gruppo sarà realizzata mediante un termostato bulbo e
capillare posizionato a valle della prima batteria riscaldante. Per temperature
dell''aria a valle della batteria inferiori a 4°C sarà realizzata la seguente sequenza
progressiva di intervento:
' 1° stadio : apertura al 100% della valvola motorizzata sulla batteria di preriscaldamento ' 2° stadio : arresto del ventilatore di mandata ed invio di un segnale di allarme al BMS
All''arresto del ventilatore di mandata, il servomotore con ritorno a molla
chiuderà la serranda aria esterna con segnalazione di stato al controllore. 105 L''umidità relativa ambiente viene rilevata da una sonda sul canale di ripresa. Per
una diminuzione del valore dell''umidità relativa ambiente il controllore modula
in apertura il sistema di umidificazione ad acqua osmotizzata. Per un aumento
del valore dell''umidità relativa ambiente il controllore modula in apertura la
valvola motorizzata sulla batteria ad acqua refrigerata.
Una sonda limite di umidità relativa di massima limita l''intervento del
dispositivo di umificazione per un tasso di umidità relativa a valle del separatore
di gocce superiore ad un valore predeterminato (ad esempio 90%).
Il sistema di umidificazione previsto è del tipo adiabatico ad alta pressione per
nebulizzare acqua osmotizzata, sarà completo di pompa di pressurizzazione,
quadro elettrico di comando, accessori di funzionamento.
Il sistema di umidificazione sarà attivato soltanto se si verificano
contemporaneamente le seguenti due condizioni:
' ventilatore di mandata in funzione ' valvola sulla batteria di preriscaldamento aperta
E'' prevista la segnalazione sul BMS di ''mancanza di flusso' sui ventilatori e
''filtro sporco' su tutti gli stadi di filtrazione dell''aria.
In caso d''intervento del rilevatore di fumo inserito nel sistema antincendio
l''evento viene comunicato al BMS che provvede all''arresto automatico del
ventilatore di mandata e dell ventilatore.
La regolazione automatica del recuperatore statico di calore tra aria esterna ed
aria espulsa avviene come segue:
' per una temperatura dell''aria esterna rilevata dalla sonda inferiore a 16°C o superiore a 23°C il flusso di aria espulsa attraversa il
recuperatore di calore ' per una temperatura dell''aria esterna rilevata dalla sonda compresa tra 16 e 23 °C il flusso di aria espulsa attraversa il by-pass sul recuperatore
di calore
Allo scopo di evitare la formazione di brina sulla sezione d''ingresso aria esterna
al recuperatore di calore è stato prevista una serranda di by-pass on/off. La
serranda sarà pilotata da una sonda di pressione posizionata sulla sezione di
uscita del recuperatore di calore.
E'' prevista la segnalazione sul BMS di ''mancanza di flusso' sui ventilatori e
''filtro sporco' su entrambi gli stadi di filtrazione dell''aria.



106 5.2.3 Fan coil

Ogni fan-coil sarà dotato a bordo di una coppia di valvole motorizzate
modulanti a due vie poste sulle tubazioni di ingresso (calda e fredda) e sonda di
temperatura sulla ripresa dell''aria.
Tramite comando dal regolatore ambiente, ogni utente potrà gestire le seguenti
funzioni:
' la regolazione del set point di temperatura ambiente in un intervallo di ± 3°C mediante modulazione contemporanea delle valvole motorizzate e
della velocità del ventilatore ' comando funzionamento e controllo velocità ventilatore ' comando accensione manuale ( by pass orologio )
Al raggiungimento delle condizioni termiche ambientali richieste e quindi
quando entrambe le valvole di regolazione, calda e fredda, sono chiuse (zona
morta), il ventilatore sarà portato alla velocità minima per consentire un
risparmio energetico e mantenere una miscela fra aria ambiente e aria esterna
che viene continuamente immessa.
La temperatura ambiente verrà modificata automaticamente in relazione alla
variazione della temperatura esterna sino alla completa commutazione
stagionale estate/inverno.
In corrispondenza delle derivazioni idrauliche alle batterie a monte delle valvole
automatiche di regolazione dovrà essere montata una valvola di intercettazione
con filtro incorporato ed una valvola automatica di regolazione della portata.
Dal sistema BMS saranno possibili, per ogni mobiletto fan coil, le seguenti
funzioni:
' lettura temp. di set-point già compensata ' temp. misurata ' posizione motori valvole ' lettura e controllo velocità ventilatore ' ritaratura di +/- 3°C del set-point ambiente già compensato
Sarà possibile la lettura e ritaratura a distanza, mediante il sistema BMS o con
terminale operatore portatile, di tutte le grandezze e dei parametri impostati.
6 Simulazioni energetiche

La progettazione degli impianti descritta nei capitoli precedenti è guidata dalla
logica di copertura del picco del fabbisogno dell''edificio nelle condizioni più
sfavorevoli. In questa sezione invece si focalizzerà l''attenzione sulle energie in
gioco, ossia si analizzerà come l''impianto dovrà lavorare nell''arco dell''anno
andando ad approfondire nel dettaglio come variazioni dei carichi interni e dei
componenti strutturali influenzino il reale funzionamento degli impianti.

6.1 Il programma

Le simulazioni energetiche sono state svolte attraverso l''uso di IES Virtual
Environment 6.3, una software suite dedicata all'analisi delle performance
energetiche e ambientali degli edifici destinata ai professionisti della
progettazione.
Il software IES Virtual Environment simula l'edificio come un sistema
complesso, in regime dinamico, tenendo conto del clima e della location così
come di fattori quali la luce, gli ombreggiamenti, la ventilazione, l'energia, i
costi del ciclo di vita e i parametri economici.
Il software è suddiviso in moduli, ognuno dei quali tratta uno specifico aspetto
di modellazione:
' ModelIT ' SunCAST ' APACHE ' APACHE HVAC ' LIGHTING ' VISTA
6.1.1 ModelIT

Questo modulo è il componente di costruzione del modello geometrico e
permette all''utente di creare il modello 3D che verrà poi utilizzato dalle altre
sezioni del programma. A seconda che si trovi in fase di progettazione o di
disegno di fattibilità, i modelli possono essere creati ex novo o da file .DXF,
utilizzando gli strumenti forniti per la costruzione tridimensionale.



108 6.1.2 SunCAST

Questo modulo è utilizzato per determinare l''influenza di eventuali ostruzioni,
edifici ed ombreggiamenti esterni, la mappatura solare attraverso le pareti
finestrate e le aperture esterne, e gli effetti dell''orientazione dell''edificio.
SunCast genera immagini ed animazioni in grado di visualizzare le
ombreggiature sia sull''interno che sull''esterno dell''edificio, e l''insolazione
definita in base alla data, all''ora, alla latitudine e longitudine del sito. Queste
informazioni potranno essere successivamente utilizzate per determinare la
percentuale di illuminamento naturale e studiare il layout interno ottimale.
I dati che questa sezione genera sono anche richiamabili nella simulazione
energetica, che è in grado di utilizzarli per la determinazione degli apporti solari
gratuiti. Nello specifico il programma mostra come out-put una schermata in
cui, per ogni superficie del locale selezionato si possono visualizzare la tipologia
di insolazione (interna o esterna) e la percentuale di area illuminata.

6.1.3 Apache

Questo modulo è la parte centrale del programma. Qui si definiscono:
' I dati climatici della località di riferimento;
' Le caratteristiche termiche dei componenti opachi e trasparenti;
' Le condizioni di progetto interne di ogni locale.
Questi dati unitamente ai file solare ed impiantistico saranno poi utilizzati dalla
sottosezione ApacheSIM, programma dinamico di simulazione termica, che
sfruttando i processi di trasferimento di calore interni ed esterni all''edificio
procede al calcolo di tutte le variabili visualizzabili nella sezione VISTA.

6.1.4 ApacheHVAC

Il modulo ApacheHVAC è utilizzato per la definizione dell''impianto di
riscaldamento, di condizionamento e di ventilazione. In particolare permette di
definire nel dettaglio ogni componente del sistema HVAC, dalla generazione del
calore al terminale ambiente.
L''impianto cosi creato potrà essere richiamato nella sezione APACHE per la
simulazione energetica al fine di determinarne i relativi consumi sia in termini di
calore che di energia per gli ausiliari.


109 6.1.5 Lighting

L''ottimale illuminazione di un ambiente è fondamentale per permettere agli
occupanti di svolgere al meglio l''attività lavorativa. La qualità della luce in uno
spazio dipende da numerosi fattori:
' Il livello d''illuminamento
' La sua distribuzione nel campo visivo
' L''assenza di abbagliamento
' La direzionalità della luce
' Il colore
Risulta perciò fondamentale ricercare una disposizione ottimale dei corpi
illuminanti al fine di ottenere un adeguato grado di illuminamento sul piano di
lavoro. Il modulo in esame è un utile strumento di progettazione e analisi
illuminotecnica per la ricerca di una corretta integrazione tra l''illuminamento
naturale e quello artificiale.

6.1.6 Vista

''Vista' è collocato sotto il gruppo delle applicazioni termiche ed è uno
strumento che permette l''analisi dei risultati della simulazione energetica. Dà la
possibilità di visualizzare gruppi di variabili preimpostati in base alla tipologia
delle stesse, o di selezionarle separatamente. Inoltre vi è la possibilità di
esportare i risultati in fogli di calcolo per permettere analisi più approfondite.

6.2 Modello delle simulazioni

Trattandosi di una simulazione, la prerogativa fondamentale è quella di
realizzare un modello in grado di rappresentare il più fedelmente possibile le
caratteristiche reali dell''edificio in esame. Una volta fatto ciò si passerà ad una
seconda fase in cui si ricreano i profili di carico dei parametri termici interni
cercando di riprodurre le reali condizioni di variazione temporale di questi
ultimi in modo da permettere alla simulazione la riproduzione fedele dei carichi
e di conseguenza le condizioni di funzionamento annuali del sistema di
condizionamento.
In questo capitolo ci focalizzeremo inizialmente sulla descrizione del modello
geometrico e dei dati climatici per poi passare alla definizione dell''impianto di
climatizzazione e relativa regolazione, lasciando ai paragrafi successivi l''analisi
delle simulazioni. 110 6.2.1 La geometria

Come accennato precedentemente, l''obiettivo di questa parte di studio è creare
un modello in grado di riprodurre le caratteristiche di una parte rappresentativa
dell''intero edificio in questione. Per far ciò si è deciso di prendere in esame il
''piano uffici tipo' ed i piani con esso confinanti in modo da poter considerare
sia la dinamica di variazione dei carichi interni che quella delle dispersioni verso
l''esterno e verso i locali adiacenti non riscaldati.
Il modello geometrico degli ambienti è quindi composto da uno stock di 3 piani,
di cui si utilizzerà esclusivamente quello centrale nella successiva analisi
energetica.
Figura 6.1 Modello geometrico
Per la creazione della geometria sopra riportata si è partiti dal file .dxf del piano
tipo e da questo si è proceduto all''estrusione dello scheletro esterno del singolo
piano. Dopo di che, per la suddivisione in ambienti sono state utilizzate le stesse
logiche precedentemente adottate in EDILCLIMA così da poter rendere
paragonabili le metodologie di implementazione dei locali.
111 Figura 6.2 Numerazione locali piano tipo
Dalla suddivisione del piano tipo si ottengono quindi:
Tabella 6.1 Divisione Piano Tipo TIPOLOGIA  LOCALE   N°LOCALE   Locali  Uffici   1  -­'  5   Sale  Riunioni   2  -­'  6   Sbarco  e  Break  Area   3  -­'  7   Bagni     9   Locali  ascensori   4  -­'  8   Cavedi  e  Vani  Scale   10  -­'  11  -­'  12  -­'  13  
Successivamente si procede all''inserimento delle aperture interne e delle pareti
vetrate. Per la definizione delle caratteristiche dei materiali componenti le
strutture ci si basa sui dati utilizzati in EDILCLIMA (vedi ALLEGATO 1)
sempre per ottenere risultati comparabili. Il programma è comunque fornito di
un database interno contenente strutture preconfigurate o componibili
manualmente.
Definito il singolo piano in tutte le sue caratteristiche, tramite la funzione
''copia' si crea lo stock prestando attenzione ai cavedi e ai locali ascensori che a
differenza degli altri locali non sono divisi in piani ma sono costituiti da un
singolo volume di altezza tripla.
Il risultato finale è mostrato nella figura sottostante.
112 Figura 6.3 Modello geometrico con suddivisione in ambiente
6.2.2 Dati climatici

Terminata la definizione della parte geometrica del modello, si procede con la
sezione di analisi solare. Inserita la località geografica e l''orientazione
dell''edificio, SunCast genera una serie di immagini che ci permettono di
analizzare nel dettaglio gli ombreggiamenti e la penetrazione solare all''interno
dei locali nelle varie ore della giornata. A titolo d''esempio si riportano sotto
alcune immagini rappresentative.

113 Figura 6.4 Esempi output SunCast
Entrando nel dettaglio dei singoli ambienti, è inoltre visualizzabile il valore di
insolazione penetrante dalle superfici trasparenti ed incidente su ogni singola
parete per ogni ora del giorno.
114 Figura 6.5 Analisi dell''insolazione nel locale ufficio SE
Definite le geometrie, i materiali e l''influenza del sole, si entra nel cuore della
creazione del modello, specificando:
' Dati climatici
' Condizioni di progetto interne
Questi sono inseribili tramite un percorso guidato in cui oltre alla definizione
della località è possibile scegliere i database dei dati climatici esterni che
verranno usati nella simulazione dinamica.
A tale scopo si è scelto di utilizzare i profili standard ASHRAE e per verificarne
la corrispondenza è stato effettuato un confronto tra le temperature medie
mensili Ashrae e quelle rilevate dal CNR per la città di Milano (Linate). Questo
per rendere esenti i risultati da eventuali errori sui dati climatici utilizzati.
Riportiamo di seguito il confronto delle temperature medie mensili: 115 Figura 6.6 Comparazione temperatura esterna media mensile
Come evidenziato dal grafico, i due profili non mostrano differenze sostanziali
per cui i risultati delle simulazioni potranno essere considerate attendibili da
questo punto di vista.

6.2.3 Caratteristiche termofisiche locali e carichi interni

Per quanto concerne la definizione delle caratteristiche interne dei singoli locali,
l''interfaccia principale per la loro implementazione è il ''building template
manager':
Figura 6.7 Interfaccia del Building Template Manager CONFRONTO DATI CLIMATICI 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 GE N N AI O FE BB R A IO M A R ZO AP R IL E MA G G IO GI U GN O LU G LI O A G O S TO S ETT E M BR E O TT O B R E NO VE M BR E DI CE M B RE MESE TE M P E R A TU R A M E D IA M E N S ILE PROG CNR 116 Come mostrato in figura, questa finestra permette di definire:
' La tipologia dei locali e relativa destinazione d''uso;
' Le condizioni di progetto interne (T set point invernale ed estivo e profilo di carico); ' Il sistema di generazione centrale del calore;
' Carichi interni;
Per il modello in questione, i locali, precedentemente elencati, sono stati
suddivisi in gruppi in base alla loro destinazione d''uso per migliorare la gestione
dei dati di progetto. Per ogni tipologia di locale, attraverso l''uso del BUILDING
TEMPLATE MANAGER vengono impostate tutte le caratteristiche
termofisiche, i carichi interni e relativi profili.
Vista l''importanza che rivestono questi ultimi riportiamo la definizione dei
carichi interni presenti. Questi sono riconducibili a quattro categorie:
1. Persone
2. Computer
3. Luci
4. Distributori automatici
Per ognuno di questi si determina il carico massimo e vi si attribuisce un profilo
descrivente la variazione temporale. I profili sono di fondamentale importanza
per ottenere caratteristiche interne realistiche in regime dinamico in quanto
ragionando in termini energetici, oltre alla potenza, diventano di fondamentale
importanza i tempi di utilizzo.
Nel caso in analisi sono state create 3 diverse simulazioni e per ognuna si sono
scelti diversi profili di variazione dei carichi. Lo studio è basato su occupazioni
ipotetiche, quindi oltre ad individuare l''effetto dei carichi interni interessa anche
capire la sensibilità dei risultati alle loro variazioni.
Nello specifico sono stati inizializzati 3 casi:
' ASHRAE: i valori delle potenze di picco (Tabella 6.2) e i profili di variazione delle stesse sono stati recepiti dai manuali dall''User''s Manual
ANSI/ASHRAE Standard 90.1 '' 2007 (Allegato 4); ' PROGETTO: partendo dalle linee guida ASHRAE sono stati variati i profili e le potenze di picco di alcuni locali in base alle ipotesi di
progetto adottate dallo Studio Ariatta Sistemi per l''Energia;
117 ' VARIAZIONE PROGETTO: sulla base del progetto Ariatta sono state variate le potenze e i profili di utilizzo dei soli PC secondo lo studio
''Review of Computer Energy Consumption and Potential Savings', White Paper December 2006 di Megan Bray (Tabella 6.2);
Di seguito si riporta la tabella riassuntiva delle potenze di picco impostate per le
tre configurazioni e, a titolo esemplificativo, il profilo di carico ASHRAE delle
persone per i locali uffici. Per i rimanenti profili si rimanda all''Allegato 4.
Tabella 6.2 Profili occupazionali persone ASHRAE week persone ASHRAE saturday !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( +$-#+" ./01233 44566/7201 48/7201 49/33 6::/7 48/7201 !#%;"<<%/+#(+<<+ =:/33 48:>=:/7 44'1/7201 49/33 49::/7 4@/7201 A+#(+B(%&"/!#%;"<<% =:/33 .:>=:/7 44'1/7201 49/33 1:>49/7 4@/7201 !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( +$-#+" =598/01233 1458/7201 .56/7201 C58/01233 45C8/7201 851/7201 C5./01233 85=C/7201 4:5=/7201 !#%;"<<%/+#(+<<+ =/33 4:::/7 4@/7201 : : 4@/7201 : : 9::/7 A+#(+B(%&"/!#%;"<<% =/33 4:::/7 4@/7201 : : 4@/7201 : : 9::/7 !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( =:/33 D 44'1/7201 49 D 4@/7201 =/33 4:::/7 4@/7201 :/33 : 4@/7201 :/33 : 1::/*E> F#"+G/+#"+ ,HH()( $+*"/#(,&(%&( $F+#)% F+;&( ,HH()( $+*"/#(,&(%&( F#"+G/+#"+ $F+#)% F+;&( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( +$-#+" ./01233 44566/7201 48/7201 49/33 6::/7 48/7201 !#%;"<<%/+#(+<<+ =:/33 48:>=:/7 44'1/7201 49/33 49::/7 4@/7201 A+#(+B(%&"/!#%;"<<% =:/33 .:>=:/7 44'1/7201 49/33 1:>49/7 4@/7201 !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( +$-#+" =598/01233 1458/7201 .56/7201 C58/01233 45C8/7201 851/7201 C5./01233 85=C/7201 4:5=/7201 !#%;"<<%/+#(+<<+ =/33 4:::/7 4@/7201 : : 4@/7201 : : 9::/7 A+#(+B(%&"/!#%;"<<% =/33 4:::/7 4@/7201 : : 4@/7201 : : 9::/7 !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( !"#$%&" '($)"**+&",$ *,)( =:/33 D 44'1/7201 49 D 4@/7201 =/33 4:::/7 4@/7201 :/33 : 4@/7201 :/33 : 1::/*E> F#"+G/+#"+ ,HH()( $+*"/#(,&(%&( $F+#)% F+;&( ,HH()( $+*"/#(,&(%&( F#"+G/+#"+ $F+#)% F+;&( 118 persone ASHRAE sunday profilo settimanale persone ASHRAE Figura 6.8 Creazione profili occupazionali
6.2.4 Impianto di climatizzazione

Definite le condizioni interne e la variazione dei carichi presenti, si passa alla
descrizione dettagliata dell''impianto di climatizzazione a servizio degli ambienti
trattati. Attraverso la sezione ApacheHVAC si implementa l''impianto che
realmente serve i locali del piano secondo ovvero un sistema del tipo Aria
Primaria + Fan coil. Il programma permette di inserire locale per locale le
potenze installate derivanti dal dimensionamento precedentemente svolto. Cosi
facendo otteniamo il seguente impianto: 119 Figura 6.9 Schema funzionale impianto HVAC
Come si può notare dalla figura, l''impianto comprende:
' L''UTA: recuperatore di calore (nodi 1-2), ventilatore (nodi 2-3), batterie calda e fredda (nodi 3-4-5), umidificatore (5-6); ' Fan coils a 4 tubi (nodi 10-11-12-13); Questi ultimi sono rappresentati all''interno della linea tratteggiata verde, il
multiplex, ossia la rappresentazione di tutti gli ambienti serviti dalla stessa
tipologia di impianto condensati in un''unica zona per facilitare la comprensione
del sistema completo quando i locali serviti sono molti. 120 Questi vengono quindi implementati con la possibilità di impostare,
diversificandoli, i parametri dei componenti dei fan coils. Infine, l''icona
quadrata più in basso nello schema (nodo 19) rappresenta i bagni che sono
mantenuti in depressione estraendo l''aria immessa nei locali attigui.
Per gli altri due piani invece, sempre attraverso l''uso del Building Template
Manager, si sono impostate solamente le temperature di progetto che saranno
mantenute da un impianto fittizio di capacità infinita, in modo da poter separare
i risultati dell''impianto HVAC a servizio del piano in esame, dall''impianto di
default il cui compito è solamente quello di mantenere le condizioni interne di
progetto e quindi evitare che il piano centrale disperda calore dal pavimento e
dal soffitto e rendere così la simulazione più realistica.

6.2.5 La regolazione

Come si è appena visto, l''impianto HVAC del modello che simula le reali
potenze di progetto è del tipo Aria Primaria + Fan Coils. Sulla carta quindi
questo rispecchia perfettamente l''effettiva capacità di condizionamento dei
locali. Per rendere la simulazione realistica si deve però definire la logica con
cui il software andrà ad utilizzare la potenza disponibile.

6.2.5.1 UTA

Compito dell''UTA è quello di trattare la portata d''aria di rinnovo e portarla ad
una temperatura di 16°C a punto fisso, sia in estate che in inverno. Tutti i
componenti sono azionati solamente quando è previsto l''effettivo utilizzo dei
locali, tramite profilo annuale di funzionamento impianto. Seguendo il percorso
di trattamento dell''aria primaria, descriviamo la gestione dei vari componenti:
' RECUPERATORE DI CALORE. E'' del tipo a piastre piane con flussi incrociati. ' in grado di effettuare il recupero della sola energia sensibile
e ha un''efficienza nelle condizioni ipotizzate pari al 65%. E'' impostato
per portare l''aria non oltre la temperatura di 16°C ed è sempre in
funzione, se necessario, quando l''UTA è funzionante. ' BATTERIA CALDA E FREDDA. Nel caso in cui l''energia recuperata non sia sufficiente a raggiungere la temperatura di mandata, il compito di
terminare il riscaldamento-raffreddamento è lasciato alle suddette
batterie (calda e fredda), regolate sul set point di 16°C con un sensore di
temperatura dell''aria a valle della batteria. 121 ' UMIDIFICATORE. E'' gestito con un sensore dell''umidità relativa dell''aria nel plenum di ripresa dell''UTA per mantenere il set-point
impostato a seconda della stagione. ' VENTILATORE PLUG FAN. Ha impostata la curva caratteristica del ventilatore scelto in fase di progettazione ed è sempre attivo quando è
attiva l''UTA.
6.2.5.2 Fan Coils

Questi sono gestiti per mantenere la temperatura di progetto interna (tra i 20°C e
i 23°C in inverno e 26°C in estate) nei locali in cui sono installati, con la
possibilità di modulare sia la portata d''aria che attraversano le batterie che la
temperatura di mandata delle stesse. Tutti i valori di portata e temperatura
configurati sono stati recuperati dai cataloghi tecnici dei modelli dei fan coils
installati. Infine, come impostato per l''UTA, i fan coils sono regolati per
mantenere il set point solo nelle ore lavorative lasciando la temperatura interna
libera nelle ore in cui i locali non sono occupati. Come per l''UTA, descriviamo
la regolazione dei singoli componenti del fan coil seguendo l''ordine di
attraversamento dell''aria:
' VENTILATORE. E'' di tipo ad inverter con portata variabile imposta dal controllo di set point ambiente. ' BATTERIA CALDA. E'' regolata con un sensore che misura la temperatura dell''aria nel plenum di estrazione del locale in cui sono
installati i fan coils. Il regolatore ha due gradi di libertà per mantenere i
parametri di set point: la modulazione della portata d''aria trattata dalla
batteria e la variazione della temperatura in uscita dalla batteria stessa.
Questi due gradi di libertà sono configurati sulla base dei reali parametri
dei fan coils, ossia l''intervallo di portate a cui lavora il ventilatore e la
capacità della batteria di riscaldare l''aria. ' BATTERIA FREDDA. E'' regolata allo stesso modo di quella calda, a meno del set point invernale che è impostato per mantenere la
temperatura al di sotto dei 23°C.



122 6.3 Analisi simulazioni

Entrando nella logica del software per capirne le potenzialità, verranno mostrati
di seguito i risultati energeticamente più rilevanti che il programma fornisce
come output delle simulazioni utilizzate per le analisi. Per fare ciò si partirà dai
risultati ottenuti dalla simulazione precedentemente denominata ''PROGETTO',
ossia quella in cui le potenze e i profili di progetto sono stati determinati nella
fase di dimensionamento degli impianti per poi proseguire con i paragoni dei
diversi casi configurati.

6.3.1 Simulazione ''Progetto'

Il report dei risultati ha 2 gradi di visualizzazione a seconda della parte
dell''impianto a cui si riferiscono:
' Analisi risultati locale, in cui si possono raffigurare tutti i parametri inerenti ai singoli locali separatamente o all''edificio complessivo; ' il sistema HVAC implementato, i relativi componenti impiantistici e condizioni dell''aria in ogni nodo della rete.
6.3.1.1 Analisi risultati locale

Terminata la simulazione vengono mostrate nell''apposito modulo VISTA tutte
le variabili relative all''intero volume climatizzato dal generico sistema e/o
dall''impianto HVAC appositamente impostato. Da qui è possibile selezionare i
locali di interesse per l''analisi e le relative variabili da visualizzare. Il
programma fornisce anche dei gruppi di variabili preselezionate suddivise per
categorie in modo da permettere una visualizzazione più rapida delle variabili
d''interesse. Ovviamente anche il periodo esaminato può essere variato per
permettere una lettura più approfondita; è possibile infatti avere una visione
d''insieme della variazione di una singola variabile lungo l''intero anno, come
circoscrivere tale variazione ad un singolo giorno valutandone l''andamento.
Bisogna inoltre sottolineare che trattandosi di un''analisi termica tutti i valori si
riferiscono all''energia termica fornita-richiesta dall''aria e/o dagli ambienti. Di
seguito si riportano le variabili di interesse per l''analisi specifica di questo caso:
' ApHVAC heating coils load: è la somma dei carichi di riscaldamento di tutte le batterie calde ' ApHVAC steam humidifiers load: è la somma dei carichi termici necessari per l''umidificazione a vapore 123 ' ApHVAC cooling coils total load: è la somma dei carichi di raffrescamento di tutte le batterie fredde compreso il carico latente ' ApHVAC recovered sensible heat: è il calore netto sensibile recuperato dal recuperatore di calore Tabella 6.3 Energia Termica per la climatizzazione del piano tipo su base annuale
Figura 6.10 Andamento carichi di climatizzazione intero sistema (15 Gennaio) 124 Figura 6.11 Andamento carichi di climatizzazione intero sistema (15 Luglio)
Oltre all''analisi dei carichi totali del volume climatizzato (vedi grafici dei
carichi riportati sopra) il software permette di focalizzare lo studio sui singoli
locali serviti dall''impianto. A titolo esemplificativo verranno di seguito mostrati
i grafici delle variabili d''interesse per il solo locale uffici con esposizione Sud-
Est. Come variabili utilizzeremo:
' Air temperature: temperatura dell''aria interna simulata
' Dry bulb temperature: temperatura di bulbo secco dell''aria esterna (da database ASHRAE) ' Set point: temperatura di set poin scelta per il locale esaminato
' People dissatisfied: percentuale di insoddisfatti relativa ai paramentri di abbigliamento e attività svolta scelti dall''utente ' Relative humidity: umidità relativa simulata per l''ambiente scelto
' Space conditioning sensible: calore sensibile, positivo o negativo, fornito al locale. Questo è la somma di due termini: il contributo dell''impianto
fan coil e il contributo dell''aria primaria
125 ' Internal Gain: somma dei carichi interni configurati per il locale selezionato ' Solar gain: radiazione solare assorbita dai componenti opachi e finestrati del locale Figura 6.12 Andamento dei parametri di comfort Ufficio SE 2p (15 Gennaio) 126 Figura 6.13 Andamento dei parametri di comfort Ufficio SE 2p (15 Luglio) Figura 6.14 Andamento carichi interni e di climatizzazione Ufficio SE 2p (15 Gennaio) 127 Figura 6.15 Andamento carichi interni e di climatizzazione Ufficio SE 2p (15 Luglio)

6.3.1.2 Analisi risultati impianto HVAC

Il secondo grado di visualizzazione dei risultati consente di fare delle
considerazioni più approfondite. L''idea è quella di poter seguire e monitorare
passo-passo il trattamento dell''aria in ogni nodo dell''impianto: dall''esterno al
recuperatore, dalle batterie dell''UTA fino all''immissione in ambiente, dalle
batterie dei fan coil fino all''espulsione. Sono possibili due modalità di controllo:
si può scegliere di monitorare le caratteristiche termoigrometriche dell''aria
(temperatura, portata, umidità, ecc) oppure l''energia termica fornita all''aria dai
componenti nelle varie trasformazioni.
Sempre per il locale uffici Sud-Est, plottiamo l''andamento dei principali
parametri dell''aria nei componenti dell''UTA e nei Fan Coils per un giorno
''tipo' invernale e uno estivo. Le variabili da monitorare nei vari nodi sono le
seguenti:
' Air temperature
' Volume flow 128 Figura 6.16 Andamento Temperatura dell''AP nell''UTA (15 Gennaio) Figura 6.17 Andamento Temperatura dell''AP nell''UTA (15 Luglio) 129 Figura 6.18 Andamento Temperatura dell''aria nei FC (15 Gennaio) Figura 6.19 Andamento Temperatura dell''aria nei FC (15 Luglio) 130 ' da notare in fig. 6.18 che la temperatura nei nodi ad impianto spento non è
costante; nel nodo 20 (vedi fig. 6.9), essendo il punto in cui l''aria trattata
dall''UTA si miscela con quella trattata dai fan-coil, quando l''impianto non è
funzionante la temperatura si porta ad un valore dato della media tra temperatura
esterna e temperatura ambiente.
La seconda modalità di visualizzazione, ossia quella ''per componente' è invece
interessante per monitorare le energie fornite all''aria nei vari step di trattamento
previsti. Infatti è da questa sezione che vengono presi i dati dei consumi
energetici utilizzati nei successivi paragoni in quanto questa consente di
selezionare separatamente i fan coils operanti nei vari locali.
Come variabile si usa il Total Q addition/removal, che può inoltre essere
suddiviso nelle due componenti (sensibile e latente) a seconda delle necessità.
Come prima si riportano di seguito i due casi (invernale ed estivo) separando i
carichi forniti dalle batterie dell''UTA da quelli forniti dai Fan Coils.
Figura 6.20 Potenza ceduta all''aria dalla batteria calda e dall''umidificatore nell''UTA (15 Gennaio) 131 Figura 6.21 Andamento Potenza ceduta all''aria dalla batterie fredda e dall''umidificatore nell''UTA (15 Luglio)
132 Figura 6.22 Potenza ceduta all''aria dalle batterie dei FC (15 Gennaio) Figura 6.23 Potenza ceduta all''aria dalle batterie dei FC (15 Luglio) Mostrati i principali risultati ottenibili con l''ausilio del software utilizzato, si
passa ora alle analisi impostate per la valutazione dell''utilità ed affidabilità di
questo strumento.

6.3.2 Utilizzo delle simulazioni nella progettazione

Il software in esame permette all''utente sia di variare le caratteristiche strutturali
dei componenti del modello, sia di inserire profili di carico rispondenti alle
esigenze del progettista. Il programma consente quindi un duplice confronto tra
le simulazioni effettuate: un primo livello in cui si studia l''efficienza di un
componente fisico e un secondo livello in cui il progettista inserisce i vari profili
dettati dall''esperienza, da considerazioni personali in base alla destinazione
d''uso del locale da servire o da manuali tecnici specifici. Si andrà quindi ora a
paragonare varie simulazioni effettuate variando i dati in ingresso e le
condizioni al contorno, terminando la trattazione con un confronto tra il
software IES e il programma di certificazione CENED fornito dalla regione
Lombardia.

133 In particolare le simulazioni sono state svolte per analizzare:
' Influenza dei carichi interni ' Influenza vetri ' Confronto con CENED
6.3.2.1 Influenza carichi interni

L''obiettivo di questa analisi è cercare di capire come la variazione dei carichi
interni e dei loro profili di utilizzo influenzi i consumi in termini di energia
termica fornita al piano tipo.
Di seguito sono riportati i carichi totali (caldo e freddo) dell''energia fornita
all''aria dalle batterie, suddivisi per locale per le tre simulazioni precedentemente
descritte.
Tabella 6.4 Energia Termica per la climatizzazione: batterie calde (tutti i valori sono espressi in MWh) Figura 6.24 Comparazione energia termica richiesta alle batterie AC al variare dei carichi interni (valori in MWh)



FC CALDO UTA CALDO UTA FREDDO UMIDIF. VAP FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO ASHRAE 2,3718 19,0911 17,4129 13,5171 0,8237 17,6949 0,7755 1,3787 0,0909 1,3526 0,0938 4,1992 2,2548 4,6415 2,1143 PROGETTO 3,2176 19,0021 15,5717 5,5801 2,9514 8,9607 2,6304 1,0636 0,2735 0,9831 0,3085 5,7168 1,0102 3,3604 2,8042 VAR. PROGETTO 3,1111 19,0268 15,688 7,5223 1,2621 11,0993 1,0962 0,2748 0,2195 0,2213 0,2646 5,7643 0,9901 3,3954 2,7785 FC CALDO FC CALDO UTA C FC UF.NO C FC UF.SE C FC SR.NE C FC SR.SO C FC SB.SO C FC BA.NE C REC ASHRAE 2,3718 0,8237 0,7755 0,0909 0,0938 2,2548 2,1143 ASHRAE 22,8962 PROGETTO 3,2176 2,9514 2,6304 0,2735 0,3085 1,0102 2,8042 PROGETTO 21,8335 VAR. PROGETTO 3,1111 1,2621 1,0962 0,2195 0,2646 0,9901 2,7785 VAR. PROGETTO 21,9777 UTA F FC UF.NO F FC UF.SE F FC SR.NE F FC SR.SO F FC SB.SO F FC BA.NE F ASHRAE 19,0911 13,5171 17,6949 1,3787 1,3526 4,1992 4,6415 PROGETTO 19,0021 5,5801 8,9607 1,0636 0,9831 5,7168 3,3604 VAR. PROGETTO 19,0268 7,5223 11,0993 0,2748 0,2213 5,7643 3,3954 UFFICIO NO 2p UTA S.R. NE 2p S.R. SO 2p SBARCO SO 2p BREAK NE 2p UFFICIO SE 2p !" #" $!" $#" %!" %#" &'(")(*+," &'("-./++," &01+1-2"3(4" -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" (56.(/" 4.,7/''," 3(.2"4.,7/''," !" !#$" %" %#$" &" &#$" '" '#$" ()*"+" ,+"(,-./"+" ,+"(,-01"+" ,+"02-.1"+" ,+"02-0/"+" ,+"03-0/"+" ,+"3*-.1"+" *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" !" $" %!" %$" &!" &$" ()*"," ,+"(,-./"," ,+"(,-01"," ,+"02-.1"," ,+"02-0/"," ,+"03-0/"," ,+"3*-.1"," *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" &%#&" &%#8" &%#9" &%#:" &&" &&#&" &&#8" &&#9" &&#:" &'" 21+" *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" 134
Tabella 6.5 Energia Termica per la climatizzazione: batterie fredde calde (tutti i valori sono espressi in MWh) Figura 6.25 Comparazione energia termica richiesta alle batterie AF al variare dei carichi interni (tutti i valori sono espressi in MWh)
Tabella 6.6 Energia Termica recuperata (tutti i valori sono espressi in MWh) Figura 6.26 Comparazione energia termica recuperata al variare dei carichi interni (tutti i valori sono espressi in MWh) FC CALDO UTA CALDO UTA FREDDO UMIDIF. VAP FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO ASHRAE 2,3718 19,0911 17,4129 13,5171 0,8237 17,6949 0,7755 1,3787 0,0909 1,3526 0,0938 4,1992 2,2548 4,6415 2,1143 PROGETTO 3,2176 19,0021 15,5717 5,5801 2,9514 8,9607 2,6304 1,0636 0,2735 0,9831 0,3085 5,7168 1,0102 3,3604 2,8042 VAR. PROGETTO 3,1111 19,0268 15,688 7,5223 1,2621 11,0993 1,0962 0,2748 0,2195 0,2213 0,2646 5,7643 0,9901 3,3954 2,7785 FC CALDO FC CALDO UTA C FC UF.NO C FC UF.SE C FC SR.NE C FC SR.SO C FC SB.SO C FC BA.NE C REC ASHRAE 2,3718 0,8237 0,7755 0,0909 0,0938 2,2548 2,1143 ASHRAE 22,8962 PROGETTO 3,2176 2,9514 2,6304 0,2735 0,3085 1,0102 2,8042 PROGETTO 21,8335 VAR. PROGETTO 3,1111 1,2621 1,0962 0,2195 0,2646 0,9901 2,7785 VAR. PROGETTO 21,9777 UTA F FC UF.NO F FC UF.SE F FC SR.NE F FC SR.SO F FC SB.SO F FC BA.NE F ASHRAE 19,0911 13,5171 17,6949 1,3787 1,3526 4,1992 4,6415 PROGETTO 19,0021 5,5801 8,9607 1,0636 0,9831 5,7168 3,3604 VAR. PROGETTO 19,0268 7,5223 11,0993 0,2748 0,2213 5,7643 3,3954 UFFICIO NO 2p UTA S.R. NE 2p S.R. SO 2p SBARCO SO 2p BREAK NE 2p UFFICIO SE 2p !" #" $!" $#" %!" %#" &'(")(*+," &'("-./++," &01+1-2"3(4" -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" (56.(/" 4.,7/''," 3(.2"4.,7/''," !" !#$" %" %#$" &" &#$" '" '#$" ()*"+" ,+"(,-./"+" ,+"(,-01"+" ,+"02-.1"+" ,+"02-0/"+" ,+"03-0/"+" ,+"3*-.1"+" *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" !" $" %!" %$" &!" &$" ()*"," ,+"(,-./"," ,+"(,-01"," ,+"02-.1"," ,+"02-0/"," ,+"03-0/"," ,+"3*-.1"," *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" &%#&" &%#8" &%#9" &%#:" &&" &&#&" &&#8" &&#9" &&#:" &'" 21+" *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" FC CALDO UTA CALDO UTA FREDDO UMIDIF. VAP FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO FC FRED FC CALDO ASHRAE 2,3718 19,0911 17,4129 13,5171 0,8237 17,6949 0,7755 1,3787 0,0909 1,3526 0,0938 4,1992 2,2548 4,6415 2,1143 PROGETTO 3,2176 19,0021 15,5717 5,5801 2,9514 8,9607 2,6304 1,0636 0,2735 0,9831 0,3085 5,7168 1,0102 3,3604 2,8042 VAR. PROGETTO 3,1111 19,0268 15,688 7,5223 1,2621 11,0993 1,0962 0,2748 0,2195 0,2213 0,2646 5,7643 0,9901 3,3954 2,7785 FC CALDO FC CALDO UTA C FC UF.NO C FC UF.SE C FC SR.NE C FC SR.SO C FC SB.SO C FC BA.NE C REC ASHRAE 2,3718 0,8237 0,7755 0,0909 0,0938 2,2548 2,1143 ASHRAE 22,8962 PROGETTO 3,2176 2,9514 2,6304 0,2735 0,3085 1,0102 2,8042 PROGETTO 21,8335 VAR. PROGETTO 3,1111 1,2621 1,0962 0,2195 0,2646 0,9901 2,7785 VAR. PROGETTO 21,9777 UTA F FC UF.NO F FC UF.SE F FC SR.NE F FC SR.SO F FC SB.SO F FC BA.NE F ASHRAE 19,0911 13,5171 17,6949 1,3787 1,3526 4,1992 4,6415 PROGETTO 19,0021 5,5801 8,9607 1,0636 0,9831 5,7168 3,3604 VAR. PROGETTO 19,0268 7,5223 11,0993 0,2748 0,2213 5,7643 3,3954 UFFICIO NO 2p UTA S.R. NE 2p S.R. SO 2p SBARCO SO 2p BREAK NE 2p UFFICIO SE 2p !" #" $!" $#" %!" %#" &'(")(*+," &'("-./++," &01+1-2"3(4" -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" -)")(*+," -)"-./+" (56.(/" 4.,7/''," 3(.2"4.,7/''," !" !#$" %" %#$" &" &#$" '" '#$" ()*"+" ,+"(,-./"+" ,+"(,-01"+" ,+"02-.1"+" ,+"02-0/"+" ,+"03-0/"+" ,+"3*-.1"+" *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" !" $" %!" %$" &!" &$" ()*"," ,+"(,-./"," ,+"(,-01"," ,+"02-.1"," ,+"02-0/"," ,+"03-0/"," ,+"3*-.1"," *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" &%#&" &%#8" &%#9" &%#:" &&" &&#&" &&#8" &&#9" &&#:" &'" 21+" *042*1" 52/61))/" 7*2-"52/61))/" 135 Dall''analisi si nota che:
' ARIA PRIMARIA: l''aria è proporzionata in base al numero di persone, ma questo è costante. Di conseguenza i carichi necessari a portare l''aria
nelle condizioni di immissione sono pressoché gli stessi, restando
invariata anche la temperatura di ingresso. Unica variazione si ha sulla
batteria calda della simulazione coi profili ASHRAE (75% rispetto alla
simulazione Ashrae). Il dato non deve trarre in inganno in quanto la
differenza è data dal maggiore guadagno da parte del recuperatore di
calore; ' UFFICI: questi due locali sono sicuramente i più interessanti in quanto si ha la possibilità di variare: persone, pc e luci. Per questo motivo la loro
trattazione sarà svolta più accuratamente in seguito; ' SALE RIUNIONI: in questi locali l''unica variazione attuabile tra i profili è sulla potenza dei pc e relativi tempi di utilizzo, quindi non ci si
aspetterebbero grandi differenze. In realtà i grafici sopra sconfessano le
premesse quindi anche per queste zone si rimanda alle prossime pagine
la trattazione; ' SBARCO e BREAK AREA: i carichi calcolati con i profili utilizzati nelle simulazioni ''progetto' e ''progetto modificato' sono praticamente
uguali. Nella simulazione con i profili ASHRAE invece i valori dei
carichi si discostano dagli altri due (80% il caldo e 150% il freddo). Ad
ogni modo queste due zone sono poco interessanti in quanto non essendo
occupate, i carichi interni non hanno molte combinazioni differenti da
studiare; Fatta una panoramica generale sulle variazioni dei carichi di climatizzazione del
piano tipo al variare dei carichi interni concentriamo ora l''attenzione sui locali
con più gradi di liberà: UFFICI e SALE RIUNIONI








136 UFFICI:
Figura 6.27 Comparazione energia termica batterie calde FC UFFICI al variare dei carichi interni (tutti i valori sono espressi in MWh) Come si vede dal grafico sovrastante, la simulazione con i profili di ''progetto'
richiede un carico di riscaldamento circa tre volte superiore agli altri due
nonostante abbia al suo interno una potenza ipotizzata per singolo pc pari a 150
W (contro i 90 W della terza simulazione). Questa apparente incoerenza è
dovuta al fatto che i profili di utilizzo dei pc nelle due diverse simulazioni sono
completamente diversi, e per la precisione il profilo di utilizzo stimato dal
''Review of Computer Energy Consumption and Potential Savings' e utilizzato
nella 3°, prevede un utilizzo del 100% della potenza dei pc per tutto l''orario
lavorativo mentre le stime dello Studio Ariatta correlano l''utilizzo dei pc col
profilo occupazionale degli uffici stessi. Quindi anche se la potenza di picco è
superiore, l''energia ceduta dai pc è inferiore rispetto alla simulazione
''variazione progetto' perché funzionanti per un numero minore di ore, e di
conseguenza la batteria calda dovrà fornire un carico superiore per mantenere le
condizioni interne.
!" #" $" %" &" '!" '#" '$" '%" '&" #!" ()"*(+,-"(" ()"*(+./"(" 0.120/" 32-4/55-" 602+"32-4/55-" !" !78" '" '78" #" #78" 9" 978" ()"*(+,-")" ()"*(+./")" 0.120/" 32-4/55-" 602+"32-4/55-" 137 Figura 6.28 Comparazione energia termica batterie fredde FC UFFICI al variare dei carichi interni (tutti i valori sono espressi in MWh)
Nel caso della batteria fredda invece si nota subito come il carico risultante dai
profili ASHRAE non sia paragonabile con le due configurazioni stimate in fase
progettuale. Come nel caso precedente la differenza tra i due uffici è data dalla
diversa esposizione che porta ad avere valori di apporti solari differenti.

SALE RIUNIONI:

queste sono caratterizzate da una forte densità occupazionale che i profili
ASHRAE non rappresentano correttamente. Per quanto riguarda gli altri due
casi invece le variazioni sono modeste (nell''ordine del 20%).
Figura 6.29 Comparazione energia termica batterie calde FC SALE RIUNIONI al variare dei carichi interni (tutti i valori sono espressi in MWh) !" #" $" %" &" '!" '#" '$" '%" '&" #!" ()"*(+,-"(" ()"*(+./"(" 0.120/" 32-4/55-" 602+"32-4/55-" !" !78" '" '78" #" #78" 9" 978" ()"*(+,-")" ()"*(+./")" 0.120/" 32-4/55-" 602+"32-4/55-" !" !#$" !#%" !#&" !#'" (" (#$" (#%" (#&" )*"+,-./")" )*"+,-+0")" 1+2,1/" 3,04/550" 61,-"3,04/550" !" !#!7" !#(" !#(7" !#$" !#$7" !#8" !#87" )*"+,-./"*" )*"+,-+0"*" 1+2,1/" 3,04/550" 61,-"3,04/550" 138 Figura 6.30 Comparazione energia termica batterie fredde FC SALE RIUNIONI al variare dei carichi interni (tutti i valori sono espressi in MWh)
Va sottolineato il fatto che la simulazione coi profili GFA ha sia il carico della
batteria calda che quello della batteria fredda superiore a quelli della
simulazione coi profili modificati. Questo si spiega ricordando che l''AP è
immessa a punto fisso di 16°C. Essendo sottoraffreddata infatti l''aria
contribuisce ad abbattere i carichi termici positivi. In particolare, come mostrato
nei grafici seguenti, nella simulazione coi profili di progetto modificati questa
basta a dare un apporto sufficiente a ridurre la potenza richiesta alla batteria
fredda dei fan coil arrivando ad annullarla nelle mezze stagioni. La differenza
sulla batteria calda è invece meno rilevante e si spiega semplicemente
constatando che le potenze di picco richieste alle batteria sono paragonabili, ma
nel caso dei profili di progetto la potenza dei notebook non è prevista sempre al
100% come invece si presume coi profili stimati all''interno del documento
''Review of Computer Energy Consumption and Potential Savings'. Questo
comporta la richiesta d''intervento delle batterie calde anche nelle prime ore
delle mattine delle mezze stagioni causando la leggera differenza delle energie
totali consumate. (vedi figure seguenti)
!" !#$" !#%" !#&" !#'" (" (#$" (#%" (#&" )*"+,-./")" )*"+,-+0")" 1+2,1/" 3,04/550" 61,-"3,04/550" !" !#!7" !#(" !#(7" !#$" !#$7" !#8" !#87" )*"+,-./"*" )*"+,-+0"*" 1+2,1/" 3,04/550" 61,-"3,04/550" 139 Figura 6.31 Simulazione PROGETTO MOD: Energia richiesta alle batterie dei FC SALE RIUNIONI Figura 6.32 Simulazione PROGETTO: Energia richiesta alle batterie dei FC SALE RIUNIONI


140 6.3.2.2 Influenza vetri

Tra le molteplici possibilità che questo programma mette a disposizione del
progettista vi è quella di poter confrontare le prestazioni delle strutture
componenti il modello. In questo caso ad esempio si è scelto di confrontare le
prestazione dei vetri di progetto scelti per le zone uffici con dei vetri aventi le
prestazioni minime disposte dalle norme redatte dalla regione Lombardia. In
particolare il triplo vetro basso emissivo di progetto è stato sostituito con un
doppio vetro standard avente trasmittanza 2,2 W/m 2K, fattore solare 0,73 e tenda parasole esterna che entra in funzione quando un sensore esterno rileva una
radiazione incidente sulla parete finestrata superiore a 100 W/m 2 abbattendola di un fattore 0,41, raggiungendo quindi il limite di legge che impone la riduzione
del 70% dell''irradiazione solare massima durante il periodo estivo e
contestualmente garantire un utilizzo ottimale dell''irradiazione durante il
periodo invernale.
Di seguito riportiamo i valori dei carichi solari simulati al variare dei giorni
dell''anno e le relative temperature ambiente e carichi termici richiesti, per la
zona uffici con esposizione Sud-Est.
Figura 6.33 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Gennaio 00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 22 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Ga in ( k W ) Date: Thu 21/Jan Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext.aps) Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 141 Figura 6.34 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Gennaio Figura 6.35 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Aprile 00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 36 34 32 30 28 26 24 22 20 18 16 14 12 T e m p e ra tu re ( °C) 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 -20 -25 Ga in ( k W
) Date: Thu 21/Jan Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 22 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Ga in ( k W ) Date: Wed 21/Apr Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext.aps) Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 142 Figura 6.36 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Aprile Figura 6.37 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Luglio 00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 36 34 32 30 28 26 24 22 20 18 16 14 12 T e m p e ra tu re ( °C) 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 -20 -25 Ga in ( k W
) Date: Wed 21/Apr Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 22 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Ga in ( k W ) Date: Wed 21/Jul Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext.aps) Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 143 Figura 6.38 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Luglio Figura 6.39 Guadagni Solari al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Ottobre
00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 36 34 32 30 28 26 24 22 20 18 16 14 12 T e m p e ra tu re ( °C) 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 -20 -25 Ga in ( k W
) Date: Wed 21/Jul Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 22 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Ga in ( k W ) Date: Thu 21/Oct Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext.aps) Solar gain: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 144 Figura 6.40 Temperatura Ambiente e Carico di Climatizzazione al variare del vetro: Ufficio SE, 21 Ottobre
Dai grafici precedenti si può notare come in base alla tipologia di vetro scelto
cambino i carichi solari e quindi i valori di temperatura interna e del carico di
climatizzazione. In particolare per la temperatura interna bisogna distinguere tra
l''effetto dovuto alle diverse caratteristiche di selettività dei vetri e quello dato
dalla maggiore trasmittanza. Infatti risulta evidente come nel caso con vetro
doppio la temperatura interna sia sempre più bassa nelle ore mattutine delle
stagioni fredde in quanto una maggiore trasmittanza inevitabilmente comporta
dispersioni attraverso l''involucro superiori. La stessa considerazione si riporta
anche per i carichi solari in quanto dalle figure si evince che il carico solare
penetrante nel locale è sempre superiore nel caso di vetro doppio con
schermatura esterna, specialmente nelle mezze stagioni.









00:00 06:00 12:00 18:00 00:00 36 34 32 30 28 26 24 22 20 18 16 14 12 T e m p e ra tu re ( °C) 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 -20 -25 Ga in ( k W
) Date: Thu 21/Oct Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Air temperature: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo vetri mod int shading 7-6.30 ext 3.aps) Space conditioning sensible: Uffici SE 2° (piano tipo.aps) 145 La tabella seguente mostra i carichi dei fan coil per entrambe le scelte
progettuali: Tabella 6.7 Energia Spesa per la Climatizzazione: Fan Coils Ufficio SE (tutti i valori sono espressi in MWh)
In conclusione si nota come le simulazioni supportino la precedente scelta
progettuale di adottare un triplo vetro basso emissivo piuttosto del vetro base
imposto dalla vigente normativa energetica della Regione Lombardia in ragione
al fatto che i fan coils devono cedere all''aria un carico termico e frigorifero
inferiore.

6.3.2.3 IES VE-Pro vs CENED

Come verifica finale si è provato a paragonare i risultati forniti dal software di
certificazione CENED della regione Lombardia con quelli forniti dal software
IES VE-Pro. Per tale paragone sono state apportate alcune modifiche al modello
simulato in modo da rendere più verosimile il confronto. In particolare è stato
tolto il dettaglio dell''impianto HVAC, ossia la simulazione del sistema AP+FC
realmente presente per la climatizzazione degli ambienti, in quanto il
procedimento CENED non prevede un impianto specifico.
Oltre alla sopra citata simulazione ''CENED GFA' sono state svolte due
ulteriori prove in cui sono stati variati i soli carichi interni e sostituiti con quelli
previsti dal procedimento CENED, ovvero 6 W/m 2 complessivi. Le due simulazioni differiscono per il valore dell''umidità relativa: nel primo caso il Date CALDO FREDDO CALDO FREDDO MWh MWh MWh MWh Jan 01-31 0,9074 0,0231 0,7607 0,0092 Feb 01-28 0,6771 0,126 0,5493 0,0657 Mar 01-31 0,3111 0,5317 0,2435 0,3936 Apr 01-30 0,1007 0,5657 0,0749 0,3662 May 01-31 0 1,0935 0 0,8188 Jun 01-30 0 1,8208 0 1,4935 Jul 01-31 0 2,5732 0 2,1374 Aug 01-31 0 2,1882 0 1,8927 Sep 01-30 0 1,3136 0 1,1554 Oct 01-31 0,0445 0,4471 0,0273 0,4188 Nov 01-30 0,4268 0,1462 0,3165 0,1159 Dec 01-31 0,804 0,0032 0,6609 0 Summed total 3,2715 10,8324 2,633 8,867 kWh/m2 11,015 36,473 8,865 29,855 VETRI 2,2 + SCHERMATURA VETRI PROGETTO 146 valore di UR di set point fisso a 50% (caso CENED), mentre nel secondo il set
point dell''UR è compreso tra 35 e 55%.
Di seguito si riporta la tabella riassuntiva dei risultati ottenuti:
Tabella 6.8 Comparazione simulazioni su base CENED Facendo riferimento ai kWh/m 3 necessari per la climatizzazione si può subito notare come i valori ottenuti siano completamente diversi. Prendendo ad
esempio i valori CENED e i risultati ottenuti attraverso il software IES per il
caso CENED si nota che il secondo calcola un fabbisogno di riscaldamento circa
triplo rispetto al primo, mentre sul lato raffrescamento le differenze sono
limitate ad un 24%. Confrontando invece i valori del CENED con la
simulazione contenente i carichi di progetto si riscontra una buona
approssimazione sui carichi per il riscaldamento mentre sul lato raffrescamento
il CENED sottostima del 60% l''energia necessaria.
In conclusione potremmo dire che vi è abbastanza corrispondenza tra i valori
ottenuti. Ciò nonostante, per accertare con maggior sicurezza la validità dei
risultati ottenuti riterremmo fondamentale un ulteriore confronto con altri
software commerciali di simulazione, quali DOE2 e ENERGY PLUS o, ancora
meglio, con i consumi reali misurati dell''edificio.

6.4 Valutazioni finali

In coda alle analisi effettuate si esprimono le nostre valutazioni soggettive sul
software e sulle potenzialità che introduce nell''ambito della progettazione.
Partendo dal programma e andando in ordine d''importanza, i suoi principali
vantaggi possono essere sintetizzati nei seguenti:
' Buon grado di dettaglio nella configurazione del modello geometrico e dei materiali; PIANO TIPO UR=50% 35%<UR<55% Date CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh Jan 01-31 8,5674 1,3109 0,0018 4,4336 17,1502 7,7831 0 3,8888 17,1542 3,8516 0 3,8888 Feb 01-28 7,0585 1,3709 0,0114 4,5557 13,1099 7,2003 0 3,5284 13,1154 3,6405 0 3,5284 Mar 01-31 2,9041 0,6566 0,2954 5,0161 7,3925 5,9323 0,0004 3,9056 7,3983 2,0777 0,0004 3,9056 Apr 01-30 1,0402 0,3808 0,5839 4,7979 3,4613 4,1577 0,0263 3,778 3,4664 0,9771 0,0081 3,778 VOLUME LORDO May 01-31 0,0122 0,0378 2,8155 4,8219 0,2552 2,2494 0,9288 3,9 0,2565 0,1164 0,7486 3,9 164869 m^3 Jun 01-30 0 0,0088 8,0372 4,7979 0,0001 0,6272 6,6596 3,778 0,0001 0,0445 5,4303 3,778 235950 m^3 Jul 01-31 0 0,1251 10,3925 5,0161 0 1,105 9,4918 3,9056 0 0,177 8,3989 3,9056 Aug 01-31 0 0 8,5986 5,0161 0 0,603 7,3279 3,9056 0 0,0011 6,2933 3,9056 Sep 01-30 0,002 0,0865 4,6788 4,9921 0,0266 0,8732 3,1173 3,7836 0,0271 0,0916 2,2325 3,7836 Oct 01-31 0,3835 0 1,3741 4,8219 2,5529 0,7021 1,5249 3,9 2,5548 0,0361 0,7459 3,9 Nov 01-30 4,0642 0,1717 0,107 4,7979 9,6081 4,0769 0,0021 3,778 9,611 1,0162 0 3,778 Dec 01-31 7,662 0,9705 0,0039 4,6278 15,3964 7,3684 0 3,8944 15,4001 3,4613 0 3,8944 TOT PIANO 31,6941 5,1195 36,9002 57,6953 68,9532 42,6786 29,0791 45,9463 68,9838 15,4911 23,858 45,9463 MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh 2612,0 1543,1 TOT TORRE 1693,4 1697,4 TOT TORRE 5135,1 1337,6 TOT TORRE 3885,8 1097,5 kWh/mc 11,07 6,54 kWh/mc 10,27 10,30 kWh/mc 31,15 8,11 kWh/mc 23,57 6,66 DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % 0% 0% -7,2 57,4 181,4 24,1 112,9 1,8 CENED CALDO FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh - - - 1457,9 235,5 - - 3171,8 1963,2 - - 3173,3 712,6 - - MWh 2612,0 1543,1 - 1697,4 2654,0 1337,6 2113,5 1097,5 2113,5 kWh/mc 11,07 6,54 0 10,30 16,10 8,11 12,82 6,66 12,82 0% 0% 57% 24% 2% CENED CALDO FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh - - - 1457,9 235,5 - - MWh 2612,0 1543,1 - 1697,4 2654,0 kWh/mc 11,07 6,54 0 10,30 16,10 0% 0% 57% CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh 3171,8 1963,2 - - 3173,3 712,6 - - MWh 1337,6 2113,5 1097,5 2113,5 kWh/mc 8,11 12,82 6,66 12,82 24% 2% CENED GFA CENED IES UR 50% CENED IES UR 35-55% 1693,4 5135,1 3885,8 10,27 31,15 23,57 -7% 181% 113% 10,27 31,15 23,57 -7% 181% 113% CENED GFA 1693,4 CENED IES UR 50% 5135,1 CENED IES UR 35-55% 3885,8 CENED CENED IES UR VAR 84,4749 CENED GFA CENED IES CENED GFA CENED IES 36,8136 111,6318 CENED IES UR VAR PIANO TIPO UR=50% 35%<UR<55% Date CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh Jan 01-31 8,5674 1,3109 0,0018 4,4336 17,1502 7,7831 0 3,8888 17,1542 3,8516 0 3,8888 Feb 01-28 7,0585 1,3709 0,0114 4,5557 13,1099 7,2003 0 3,5284 13,1154 3,6405 0 3,5284 Mar 01-31 2,9041 0,6566 0,2954 5,0161 7,3925 5,9323 0,0004 3,9056 7,3983 2,0777 0,0004 3,9056 Apr 01-30 1,0402 0,3808 0,5839 4,7979 3,4613 4,1577 0,0263 3,778 3,4664 0,9771 0,0081 3,778 VOLUME LORDO May 01-31 0,0122 0,0378 2,8155 4,8219 0,2552 2,2494 0,9288 3,9 0,2565 0,1164 0,7486 3,9 164869 m^3 Jun 01-30 0 0,0088 8,0372 4,7979 0,0001 0,6272 6,6596 3,778 0,0001 0,0445 5,4303 3,778 235950 m^3 Jul 01-31 0 0,1251 10,3925 5,0161 0 1,105 9,4918 3,9056 0 0,177 8,3989 3,9056 Aug 01-31 0 0 8,5986 5,0161 0 0,603 7,3279 3,9056 0 0,0011 6,2933 3,9056 Sep 01-30 0,002 0,0865 4,6788 4,9921 0,0266 0,8732 3,1173 3,7836 0,0271 0,0916 2,2325 3,7836 Oct 01-31 0,3835 0 1,3741 4,8219 2,5529 0,7021 1,5249 3,9 2,5548 0,0361 0,7459 3,9 Nov 01-30 4,0642 0,1717 0,107 4,7979 9,6081 4,0769 0,0021 3,778 9,611 1,0162 0 3,778 Dec 01-31 7,662 0,9705 0,0039 4,6278 15,3964 7,3684 0 3,8944 15,4001 3,4613 0 3,8944 TOT PIANO 31,6941 5,1195 36,9002 57,6953 68,9532 42,6786 29,0791 45,9463 68,9838 15,4911 23,858 45,9463 MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh MWh 2612,0 1543,1 TOT TORRE 1693,4 1697,4 TOT TORRE 5135,1 1337,6 TOT TORRE 3885,8 1097,5 kWh/mc 11,07 6,54 kWh/mc 10,27 10,30 kWh/mc 31,15 8,11 kWh/mc 23,57 6,66 DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % DIFF % 0% 0% -7,2 57,4 181,4 24,1 112,9 1,8 CENED CALDO FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh - - - 1457,9 235,5 - - 3171,8 1963,2 - - 3173,3 712,6 - - MWh 2612,0 1543,1 - 1697,4 2654,0 1337,6 2113,5 1097,5 2113,5 kWh/mc 11,07 6,54 0 10,30 16,10 8,11 12,82 6,66 12,82 0% 0% 57% 24% 2% CENED CALDO FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh - - - 1457,9 235,5 - - MWh 2612,0 1543,1 - 1697,4 2654,0 kWh/mc 11,07 6,54 0 10,30 16,10 0% 0% 57% CALDO UMID. FRED+DE C.I. CALDO UMID. FRED+DE C.I. MWh 3171,8 1963,2 - - 3173,3 712,6 - - MWh 1337,6 2113,5 1097,5 2113,5 kWh/mc 8,11 12,82 6,66 12,82 24% 2% CENED GFA CENED IES UR 50% CENED IES UR 35-55% 1693,4 5135,1 3885,8 10,27 31,15 23,57 -7% 181% 113% 10,27 31,15 23,57 -7% 181% 113% CENED GFA 1693,4 CENED IES UR 50% 5135,1 CENED IES UR 35-55% 3885,8 CENED CENED IES UR VAR 84,4749 CENED GFA CENED IES CENED GFA CENED IES 36,8136 111,6318 CENED IES UR VAR 147 ' Possibilità di effettuare l''analisi degli irraggiamenti così da ottimizzare l''orientazione dell''edificio e le eventuali schermature esterne; ' La sezione ApacheHVAC per la creazione degli impianti ha una libreria interna contenente le configurazioni impiantistiche standard più
utilizzate che ne permette l''utilizzo anche ad utenti meno esperti; ' Interfaccia di gestione dei componenti ''user friendly'; ' Utilizzo per la certificazione e classificazione dell''efficienza energetica degli edifici (LEED);
Oltre a questi pregi il software ha però degli aspetti negativi che ne limitano di
molto le potenzialità. Primo fra tutti è senza dubbio l''assenza di un''adeguata
guida tecnica in grado di mostrare all''utente finale la logica utilizzata dal
programma per compiere le simulazioni. Questo ad esempio non permette di
entrare nel dettaglio della gestione dei componenti, riducendo così i gradi di
libertà utilizzabili. Per chiarire meglio questo punto, non è stato possibile
comprendere il funzionamento delle batterie ai carichi parziali, che sembrerebbe
non siano presi in considerazione dal programma e l''assenza di una guida non
facilità il compito dell''utente-analista. Inoltre la parte di implementazione delle
centrali termiche non lascia spazio nella definizione dei parametri specifici ma è
strettamente legata ai sistemi già presenti all''interno del programma. Questo
limita fortemente l''utente negandogli anche la possibilità di capire le ipotesi e le
approssimazioni che il programma effettua.
In conclusione quindi il software IES VE-Pro ha l''innegabile merito di dare la
possibilità di avere a disposizione uno strumento di analisi molto potente anche
agli studi di progettazione e alle aziende più piccole. Noi riteniamo che la chiave
di forza di questo programma risieda proprio qui. A livello di ricerca infatti non
mancano software dalle potenzialità notevolmente superiori, come ad esempio
Trnsys. Essi però sono pensati per utenti esperti e non sarebbero altrettanto
accessibili all''utente ''medio' come invece risulta IES Virtual Enviroment.
Per quanto concerne invece l''utilizzo delle simulazioni come strumento di
analisi nelle scelte progettuali, dalle osservazioni che accompagnano le analisi si
nota come delle simulazioni di tipo energetico fatte in regime dinamico siano
uno strumento tanto potente quando delicato da maneggiare. ' sufficiente
infatti una piccola incertezza, ad esempio nei carichi interni, per ottenere
risultati completamente differenti e quindi arrivare a conclusioni non coerenti
con la realtà. Questo è senza dubbio un punto che bisogna tenere sempre ben
presente quando si fanno simulazioni dinamiche di tipo energetico. Per chiarire
il concetto si pensi all''esempio dei carichi interni. Si deve distinguere la potenza
di picco (ad esempio il carico delle luci, delle macchine o il numero di persone)
che è il parametro sulla base del quale si dimensiona la taglia dell'' impianto per
la climatizzazione, con la reale potenza che questo impiega nel suo nomale
funzionamento. La progettazione degli impianti è statica. Per determinare la 148 taglia di un impianto ci si pone nelle condizioni più gravose possibili e si
dimensionano i componenti per riuscire a soddisfare il fabbisogno termico nelle
condizioni più sfavorevoli possibili. Le simulazioni invece si devono affrontare
in un''ottica dinamica che corrisponda nel modo più accurato possibile alla
realtà. Questo essenzialmente significa che bisogna conoscere le condizioni reali
di funzionamento degli impianti, o quanto meno essere in grado di comporre le
casistiche più probabili e valutare le dinamiche dei vari casi per dare
all''impianto le caratteristiche migliori ai fini della flessibilità. Ipotizzare
casistiche incoerenti, o peggio utilizzare le potenze di progetto per il
funzionamento quotidiano, porterebbe ad avere come output delle simulazioni
consumi termici per la climatizzazione completamente distorti e vanificherebbe
le potenzialità che questo tipo di analisi mette a disposizione dei progettisti.
Insomma questo software ha tutte le carte in regola per rivoluzionare il mondo
della progettazione ma un suo uso improprio oltre che inutile potrebbe essere
controproducente. Bibliografia

[1] C. Pizzetti, Condizionamento dell''aria e Refrigerazione, parte prima e
seconda, Milano Masson Italia Editori, 1980 [2] Nicola Rossi, Manuale del Termotecnico, Milano Hoelpi, 2003 [3] G. Colombo, Manuale dell''ingegnere, Hoelpi [4] AICARR, Mini Guida-Manuale d''ausilio alla programmazione termotecnica, Milano Aicarr 2005 [5] G. Cornetti, Macchine termiche, Torino, Il Capitello 1989 [6] A. Pasini, Calcolo reti idroniche, Milano, Politecnico di Milano 2007 [7] Portoso Casale, La regolazione automatica degli impianti di regolazione,
Gruppo Ferroli 2006 [8] AICARR, Regolazione automatica: fondamenti e applicazioni RE1 2006 [9] Mura Calvini '' Calvi Furlan, Un sistema idronico per il comfort
ambientale e risparmio energetico negli impianti di climatizzazione [10] Catalogo Climaveneta
[11] L''idronica delle centrali frigorifere, Trane
[12] C.M. Joppolo, Sistemi di climatizzazione, canali e diffusori, dispense corso 2007-2008 [13] P.Ferrario, C.M.Joppolo, F.Pedranzini, Progetto di impianti di climatizzazione misti aria acqua [14] A.Pasini, Progettazione di impianti termici, dispense corso 2009-2010
[15] Catalogo tecnico FCR
[16] Catalogo tecnico SagiCofim
[17] Catalogo tecnico Caleffi
[18] Catalogo tecnico KSB
[19] Manuale software certificazione enerfetica CENED
[20] Manuale utilizzo software Edilclima
[21] Manuale utilizzo software IES Ve-Pro
150 Allegati

Di seguito vengono riportati gli allegati a cui ci si riferisce all''interno dei vari
capitoli che compongono l''elaborato.
Allegato 1:

' Verifica igrometrica strutture disperdenti ' Calcolo carichi termici ' Carichi termici invernali piano tipo EDILCLIMA ' Fabbisogni energetici stagione riscaldamento del piano tipo ' Risultati simulazione termica lobby e vano ascensori

Verifica Termoigrometrica Strutture: MURO ESTRENO
EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 1 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muro esterno Codice struttura M1 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''interno verso l''esterno) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 Cartongesso in lastre 25 0,250 10,000 900 20,000 50,000 0,100 2 C.l.s. di sabbia e ghiaia pareti esterne 200 1,310 6,550 2000 2,000 3,333 0,153 3 THERMO 33 EXTRUDED - 100 mm 100 0,034 0,345 30 1,538 1,538 2,900 4 Malta di gesso con inerti 10 0,350 35,000 750 18,182 18,182 0,029 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 335 superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 433 superficiale esterna 12,916 superficiale esterna 0,077 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,040 TOTALE [W/m !K] 0,295 TOTALE [m !K/W] 3,390

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1052 1,7 590 Estiva (luglio) 25,1 1433 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 102 [Pa] ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 1101 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 2 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muro esterno Codice struttura M1 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 20,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: -7,0 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 40,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 5,995 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,040 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,510 ! f Rsi 0,928 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione 153 MURO CAVEDIO INTERNO:
EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 3 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muro cavedio interno Codice struttura M2 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''interno verso l''esterno) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 Cartongesso in lastre 15 0,250 16,667 900 20,000 50,000 0,060 2 THERMO 33 EXTRUDED - 60 mm 60 0,033 0,556 30 1,538 1,538 1,800 3 THERMO 33 EXTRUDED - 100 mm 100 0,034 0,345 30 1,538 1,538 2,900 4 C.l.s. di sabbia e ghiaia pareti interne (um. 2-5%) 300 1,160 3,867 2000 2,000 3,333 0,259 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 475 superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 618 superficiale esterna 7,692 superficiale esterna 0,130 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,017 TOTALE [W/m !K] 0,189 TOTALE [m !K/W] 5,291

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1052 13,2 590 Estiva (luglio) 25,1 1433 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 474 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 1241 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 4 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muro cavedio interno Codice struttura M2 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 20,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: 10,0 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 40,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 3,925 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,250 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,000 ! f Rsi 0,955 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione MURO CAVEDIO ESTERNO:
MURO HALL: EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 5 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muro cavedio esterno Codice struttura M3 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''interno verso l''esterno) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 C.l.s. di sabbia e ghiaia pareti esterne 490 1,310 2,673 2000 2,000 3,333 0,374 2 THERMO 33 EXTRUDED - 100 mm 100 0,034 0,345 30 1,538 1,538 2,900 3 THERMO 33 EXTRUDED - 60 mm 60 0,033 0,556 30 1,538 1,538 1,800 4 Cartongesso in lastre 25 0,250 10,000 900 20,000 50,000 0,100 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 675 superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 1007 superficiale esterna 12,916 superficiale esterna 0,077 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,005 TOTALE [W/m !K] 0,186 TOTALE [m !K/W] 5,376

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 10,0 430 1,7 590 Estiva (luglio) 25,1 1115 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 95 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 767 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 6 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muro cavedio esterno Codice struttura M3 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 10,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: -7,0 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 30,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 2,855 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,040 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,000 ! f Rsi 0,954 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 10 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Muri trasmittanza 1 Hall Codice struttura M7 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''interno verso l''esterno) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 Cartongesso 12,5 mm (per THERMOGES) 13 0,211 16,231 840 25,000 25,000 0,062 2 THERMO 33 EXTRUDED - 20 mm 20 0,033 1,667 30 1,538 1,538 0,600 3 C.l.s. di sabbia e ghiaia pareti esterne 350 1,670 4,771 2200 2,000 3,333 0,210 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 383 superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 782 superficiale esterna 7,692 superficiale esterna 0,130 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,087 TOTALE [W/m !K] 0,884 TOTALE [m !K/W] 1,131

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1519 10,9 590 Estiva (luglio) 25,1 2070 25,1 1736


Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna PAVIMENTO 25°:
EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 13 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Pavimento ufficio 25° Codice struttura P1 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''alto verso il basso) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 Pavimento in legno 10 0,220 22,000 850 3,333 3,333 0,045 2 Silicato di calcio in lastre (tipo I - ASTM) 70 0,078 1,114 225 200,000 200,000 0,897 3 Alluminio 5 220,0 44000 2700 0,000 0,000 0,000 4 Aria non ventilata (fl.orizz.) 150 0,833 5,556 0 3000,000 3000,000 0,180 5 Blocco da solaio 220 0,688 3,127 1259 22,222 22,222 0,320 6 Fibre minerali feldspatiche - Pannello rigido 100 0,038 0,380 100 200,000 200,000 2,632 7 Cartongesso 12,5 mm (per THERMOGES) 13 0,211 16,231 840 25,000 25,000 0,062 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 568 superficiale interna 5,882 superficiale interna 0,170 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 336 superficiale esterna 5,882 superficiale esterna 0,170 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,010 TOTALE [W/m !K] 0,223 TOTALE [m !K/W] 4,484

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1052 9,0 590 Estiva (luglio) 25,1 1433 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 474 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 1201 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 14 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Pavimento ufficio 25° Codice struttura P1 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 20,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: 3,8 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 40,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 0,020 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,250 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,183 ! f Rsi 0,946 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione PAVIMENTO HALL +122m:
EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 15 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Pavimento Hall +122m Codice struttura P2 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''alto verso il basso) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 Piastrelle in marmo 20 3,000 150 2700 0,020 0,020 0,007 2 Blocchi di calcestruzzo cell. leggero (p. est.) 250 0,260 1,040 800 20,000 20,000 0,962 3 Solaio con blocco polistirene 280 0,406 1,450 1104 11,765 11,765 0,690 4 THERMO 33 EXTRUDED - 100 mm 100 0,034 0,345 30 1,538 1,538 2,900 5 THERMO 33 EXTRUDED - 50 mm 50 0,033 0,667 30 1,538 1,538 1,500 6 Cartongesso 12,5 mm (per THERMOGES) 13 0,211 16,231 840 25,000 25,000 0,062 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 713 superficiale interna 5,882 superficiale interna 0,170 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 579 superficiale esterna 5,882 superficiale esterna 0,170 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,001 TOTALE [W/m !K] 0,155 TOTALE [m !K/W] 6,452

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1052 10,9 590 Estiva (luglio) 25,1 1433 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 474 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 1236 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 16 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Pavimento Hall +122m Codice struttura P2 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 20,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: 6,5 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 40,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 0,882 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,250 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,020 ! f Rsi 0,962 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione SOLAIO 23°:
EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 17 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Solaio ufficio 23° Codice struttura S1 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''alto verso il basso) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 C.l.s. cell. autoc. esp. in luogo (pareti interne) 250 0,270 1,080 800 28,571 50,000 0,926 2 Blocco da solaio 300 0,811 2,703 1110 22,222 22,222 0,370 3 Fibre minerali feldspatiche - Pannello rigido 100 0,038 0,380 100 200,000 200,000 2,632 4 Aria non ventilata (fl.orizz.) 680 3,778 5,556 0 13600,000 13600,000 0,180 5 Cartongesso in lastre 25 0,250 10,000 900 20,000 50,000 0,100 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 1355 superficiale interna 10,000 superficiale interna 0,100 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 566 superficiale esterna 10,000 superficiale esterna 0,100 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,004 TOTALE [W/m !K] 0,227 TOTALE [m !K/W] 4,405

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1052 9,0 590 Estiva (luglio) 25,1 1433 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 474 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 1202 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 18 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Solaio ufficio 23° Codice struttura S1 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 20,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: 3,8 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 40,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 41,580 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,250 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,183 ! f Rsi 0,947 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione SOLAIO 47°: EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 19 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Soffitto ufficio 47° Codice struttura S2 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''alto verso il basso) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 C.l.s. cell. autoc. esp. in luogo (pareti interne) 100 0,270 2,700 800 28,571 50,000 0,370 2 Blocco da solaio 300 0,811 2,703 1110 22,222 22,222 0,370 3 Fibre minerali feldspatiche - Pannello rigido 100 0,038 0,380 100 200,000 200,000 2,632 4 Aria non ventilata (fl.orizz.) 776 4,311 5,556 0 15520,000 15520,000 0,180 5 Cartongesso in lastre 25 0,250 10,000 900 20,000 50,000 0,100 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 1301 superficiale interna 10,000 superficiale interna 0,100 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 446 superficiale esterna 10,000 superficiale esterna 0,100 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,017 TOTALE [W/m !K] 0,260 TOTALE [m !K/W] 3,846

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 20,0 1052 9,0 590 Estiva (luglio) 25,1 1433 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 432 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 1191 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 20 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Soffitto ufficio 47° Codice struttura S2 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 20,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: 3,8 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 40,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 53,191 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,250 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,183 ! f Rsi 0,940 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione COPERTURA 49°:
EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 21 Mod.1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''INVOLUCRO EDILIZIO. secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Solaio 49° Codice struttura S3 N. DESCRIZIONE STRATO s ! C " # a x 10 -12 # u x 10 -12 R (dall''alto verso il basso) [mm] [W/mK] [W/m!K] [kg/m"] [kg/msPa] [kg/msPa] [m!K/W] 1 Impermeab. in cartone bitumato da tetto 5 0,230 46,000 1200 0,004 0,004 0,022 2 Blocchi di calcestruzzo cell. leggero (p. est.) 100 0,260 2,600 800 20,000 20,000 0,385 3 Blocco da solaio 260 0,743 2,858 1146 22,222 22,222 0,350 4 THERMO 33 EXTRUDED - 100 mm 100 0,034 0,345 30 1,538 1,538 2,900 5 Cartongesso 12,5 mm (per THERMOGES) 13 0,211 16,231 840 25,000 25,000 0,062 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Spessore totale [mm] 478 superficiale interna 10,000 superficiale interna 0,100 Conduttanza unitaria Resistenza unitaria Massa superficiale [kg/m !] 398 superficiale esterna 12,916 superficiale esterna 0,077 TRASMITTANZA RESISTENZA TERMICA Trasmittanza periodica [W/m !K] 0,020 TOTALE [W/m !K] 0,257 TOTALE [m !K/W] 3,891

VERIFICA TERMOIGROMETRICA
Condizioni al contorno CONDIZIONE Ti [°C] Pi [Pa] Te [°C] Pe [Pa] Invernale (gennaio) 10,0 430 1,7 590 Estiva (luglio) 25,1 1115 25,1 1736 ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 96 [Pa] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. La quantità stagionale di condensato è pari a ______ [g/m!] Tale quantità può rievaporare durante la stagione estiva. ! La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. La differenza minima di pressione tra quella di saturazione e quella reale è pari a 756 [Pa] Simbologia
s Spessore dello strato # a Permeabilità al vapore nell''intervallo 0-50% Ti Temperatura interna ! Conduttività # u Permeabilità al vapore nell''intervallo 50-95% Te Temperatura esterna C Conduttanza R Resistenza termica dello strato Pi Pressione parziale interna " Massa volumica Pe Pressione parziale esterna EC601 - [Torre COMPLETA] Pag. 22 Mod.3 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL''EDIFICIO secondo UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13788 - UNI 10351 - UNI 10355 Tipo di struttura: Solaio 49° Codice struttura S3 DATI TERMOIGROMETRICI secondo UNI EN ISO 13788: Temperatura interna periodo di riscaldamento: 10,0 °C Temperatura esterna per calcolo potenza: -7,0 °C T e UR esterne verifica termoigrometrica: ! T e UR variabili, medie mensili. T fissa, media annuale ____ °C UR fissa pari a ____ %
T fissa, pari a ____ °C UR fissa pari a ____ % Criterio per l''aumento dell''umidità interna: Classe concentrazione del vapore: ! Umidità relativa interna costante: 30,0% + 5% Ricambio d''aria costante e produzione di vapore nota: Ricambio d''aria variabile e produzione vapore nota: RISULTATI DELLA VERIFICA TERMOIGROMETRICA secondo UNI EN ISO 13788: Permeanza: 0,751 10 -12 kg/sm! Pa Resistenza superficiale interna/esterna: 0,250 / 0,040 m!K/W Verifica criticità di condensa superficiale: Positiva per UR sup. amm 80,0% Mese critico Gennaio f max Rsi 0,000 ! f Rsi 0,938 Verifica del rischio di condensa interstiziale: Positiva Verifica termoigrometrica: Nessuna condensazione Calcolo carichi termici !"## $%&'()*+' , -. -/ -/0 -12$.3 -45 -53 55 6789 : : : : : : 0; !"## $% $&'()* +'+,$ )(-**&) ++-($&) ++-'%(&- <=>''@< A><>'@< B !"## $% '&*+,($' ',.++ +)-(+)&*+ $*.)+ $-)-+%&%) ;<>=;<@'; <;>=;@>>C D*D *% )&%+-.$' ,$*). $,-'-.&$+ .-%,. C<E;;=@>< AF>E>C@A; ;B<EE>@'> &G"+*%; $%&'()*+' , -. -/ -/0 -12$.3 -45 -H1 55 6789 : : : : : : + /001213453 *% %&'. ')%- +)*%% $*%% $--%- ;<'BB <AB> + 6"#"471/5458 ) %&%( +, .$$% *$% .-', CAAB 'CF + /00121468 *% %&'. ''') +)*%% $*%% $-.') ;<'BB F=E< + 6"#"471/5463 ) %&%( +, .$$% *$% .-', CAAB 'CF + 978":4"78"458 * %&%) .,)) $-)$ .'% -)$% A><A ';C< + ;"534"62458 % %&%% $-%% % % $-%% B A>BB + 69"723463 < %&%) .,'+ $-)$ .'% -,). A><A ';B; + ;"534"62463 % %&%% $$$$ % % $$$$ B AAAA D*D +%% +&*+ $.,'( *)-%*&'$ -.*% F<FBC '<>B'@EA CBB== &G"+*%A $%&'()*+' , -. -/ -/0 -12$.3 -45 -H1 55 6789 : : : : : : $ /001213453 *% %&'. -.$- +)*%% $*%% $,+$- ;<'BB <FA> $ 6"#"471/5458 ) %&%( +, .$$% *$% .-', CAAB 'CF $ /00121468 *% %&'. -%'' +)*%% $*%% $-)'' ;<'BB <'EE $ 6"#"471/5463 ) %&%( +, .$$% *$% .-', CAAB 'CF $ 978":4"78"458 * %&%) .,)) $-)$ .'% -)$% A><A ';C< $ ;"534"62458 % %&%% $-%% % % $-%% B A>BB $ 69"723463 < %&%) .,'+ $-)$ .'% -,). A><A ';B; $ ;"534"62463 % %&%% $$$$ % % $$$$ B AAAA D*D +%% +&*+ $*,,- *)-%*&'$ -.*% F=FAB '<>B'@EA C;;;> &G"+*%AC $%&'()*+' , -. -/ -/0 -12$.3 -45 -H1 55 6789 : : : : : : $. /001213453 *% %&'. )%+% +)*%% $*%% $))+% ;<'BB ;B';B $. 6"#"471/5458 ) %&%( $*- .$$% *$% .))- CAAB >>> $. /00121468 *% %&'. ,,+- +)*%% $*%% $)'+- ;<'BB ;B;;> $. 6"#"471/5463 ) %&%( $*- .$$% *$% .))- CAAB >>> $. 978":4"78"458 * %&%) *$*% $-)$ .'% ,$,$ A><A 'E=B $. ;"534"62458 % %&%% $-%% % % $-%% B A>BB $. 69"723463 < %&%) *+(, $-)$ .'% ,$$( A><A 'E'F $. ;"534"62463 % %&%% $$$$ % % $$$$ B AAAA D*D +%% +&*+ $(*,, *)-%*&'$ -.*% <''A; '<>B'@EA CE<;F G+,'(+"#' 161 !"#$%&'( )&!*+,%$* - ./ .0 .01 .23)/4 .56 .72 66 89:; < < < < < < !" #$$%&%'()' *+ +,"- .*-! /0*++ !*++ !0!-! =>'@@ A>B' !" 1232(4%#)()5 0 +,+6 !-7 -!!+ *!+ -0.7 B''@ C(C !" #$$%&%(15 *+ +,"- ./7/ /0*++ !*++ !.67/ =>'@@ A(C= !" 1232(4%#)(1' 0 +,+6 !-7 -!!+ *!+ -0.7 B''@ C(C !" 84529(2452()5 * +,+0 *+0" !70! -"+ .//. 'C>' ''B( !" :2)'(21&()5 + +,++ !7++ + + !7++ @ 'C@@ !" 1824&'(1' ; +,+0 "!.+ !70! -"+ 0-+! 'C>' (C'@ !" :2)'(21&(1' + +,++ !0!7 + + !0!7 @ '>'C D%D /++ /,*/ !60*7 *07+*,"! 7-*+ >'EA@ '>C@'F(' BC=>C !"#$%&'C G%H#G* )&!*+,%$* - ./ .0 .01 .23)/4 .56 .72 66 89:; < < < < < < !7 #$$%&%'()' *+ +,"- 7-!7 /0*++ !*++ !./!7 =>'@@ >E'C !7 1232(4%#)()5 0 +,+6 /. -!!+ *!+ -7". B''@ 'BE !7 #$$%&%(15 *+ +,"- 7+"" /0*++ !*++ !70"" =>'@@ >'(( !7 1232(4%#)(1' 0 +,+6 /. -!!+ *!+ -7". B''@ 'BE !7 84529(2452()5 * +,+0 -.00 !70! -"+ 70!+ 'C>' '=B> !7 :2)'(21&()5 + +,++ !7++ + + !7++ @ 'C@@ !7 1824&'(1' ; +,+0 *6.+ !70! -"+ 0++! 'C>' (B'@ !7 :2)'(21&(1' + +,++ !0!7 + + !0!7 @ '>'C D%D /++ /,*/ !7"66 *07+*,"! 7-*+ >=('B '>C@'F(' B'ABA !"#$%&'E G%H#G* )&!*+,%$* - ./ .0 .01 .23)/4 .56 .72 66 89:; < < < < < < *. #$$%&%'()' *+ +,"- .7-- /0*++ !*++ !0*-- =>'@@ =@@BB *. 1232(4%#)()5 0 +,+6 !.7 -!!+ *!+ -6/7 B''@ CAC *. #$$%&%(15 *+ +,"- .-7! /0*++ !*++ !0/7! =>'@@ AEC' *. 1232(4%#)(1' 0 +,+6 !.7 -!!+ *!+ -6/7 B''@ CAC *. 84529(2452()5 * +,+0 */-6 !70! -"+ ././ 'C>' ''>A *. :2)'(21&()5 + +,++ !7++ + + !7++ @ 'C@@ *. 1824&'(1' ; +,+0 "-!- !70! -"+ 0-"" 'C>' (CEB *. :2)'(21&(1' + +,++ !0!7 + + !0!7 @ '>'C D%D /++ /,*/ -+*-" *07+*,"! 7-*+ >(BEA '>C@'F(' BCEE( 162 !"## $%&'()*+' , -./011 -2 -2/ -%30 -34$.1 -56 -61 66 789: ; ; ; ; ; ; ; <= !"## $% $&'% ()(*+ ,-*-(&' -(+.- $$',' *,(-*&$ >'@'=AB <CB>D E !"## $% +&-$ (%(%-$ (,..+- *''*. )'%,- $-*$%)&+ =>FFC'AD CE''> G*G -% *&%$ ((-$$. $,$+,' ($*$'( +*.,% DDFDC=AF H>HC>CA> ''FCCA@ &I"+*%= $%&'()*+' , -./011 -2 -2/ -%30 -34$.1 -56 -J3 66 789: ; ; ; ; ; ; ; ( /001213453 -% %&+) .-(( (,-'. *+)) (-$-- )$+**&) =>'BBAF =D=HH ( 6"#"471/5458 * %&%, ) )-%. (-,) ('+' )+.$&) D'EBAF =BB ( /00121468 -% %&+) )$++ (,-'. *+)) (-$-- $*-)$&) =>'BBAF @>BB ( 6"#"471/5463 * %&%, ) )-%. (-,) ('+' )+.$&) D'EBAF =BB ( 978":4"78"458 - %&%* $)(. $*)* ($-- $(.$ '%*$&* H@DFA@ DH'C ( ;"534"62458 % %&%% (,., % % % (,.,&% EAE =>F> ( 69"723463 < %&%* )*$. $*)* ($-- ,(' '))'&* H@DFA@ D'>> ( ;"534"62463 % %&%% --%% % % % --%%&% EAE ''EE G*G (%% (&-( $)(,+ +(-$$&(.) $$+-( )-*** @B>BDA> C='HHAH DCC'H &I"+*%H $%&'()*+' , -./011 -2 -2/ -%30 -34$.1 -56 -J3 66 789: ; ; ; ; ; ; ; $ /001213453 -% %&+) *%*- (,-'. *+)) (-$-- ))$'(&) =>'BBAF =DF>C $ 6"#"471/5458 * %&%, ) )-%. (-,) ('+' )+.$&) D'EBAF =BB $ /00121468 -% %&+) )++( (,-'. *+)) (-$-- $*.$*&) =>'BBAF >HBH $ 6"#"471/5463 * %&%, ) )-%. (-,) ('+' )+.$&) D'EBAF =BB $ 978":4"78"458 - %&%* (,(. $*)* ($-- $(.$ +'*$&* H@DFA@ H@'C $ ;"534"62458 % %&%% (,., % % % (,.,&% EAE =>F> $ 69"723463 < %&%* )*$. $*)* ($-- ,(' '))'&* H@DFA@ D'>> $ ;"534"62463 % %&%% --%% % % % --%%&% EAE ''EE G*G (%% (&-( $).'- +(-$$&(.) $$+-( )-*** @FCDHA> C='HHAH DB=== &I"+*%HD $%&'()*+' , -./011 -2 -2/ -%30 -34$.1 -56 -J3 66 789: ; ; ; ; ; ; ; $) /001213453 -% %&+) ,(,+ (,-'. *+)) (-$-- )-).$&) =>'BBAF ='>EB $) 6"#"471/5458 * %&%, ** )-%. (-,) ('+' )'+.&) D'EBAF HC= $) /00121468 -% %&+) -$.. (,-'. *+)) (-$-- $,-+-&) =>'BBAF >>@@ $) 6"#"471/5463 * %&%, ** )-%. (-,) ('+' )'+.&) D'EBAF HC= $) 978":4"78"458 - %&%* $+-% $*)* ($-- $(.$ ')%+&* H@DFA@ D'B@ $) ;"534"62458 % %&%% (,., % % % (,.,&% EAE =>F> $) 69"723463 < %&%* -(*' $*)* ($-- ,(' '',+&* H@DFA@ D@C@ $) ;"534"62463 % %&%% --%% % % % --%%&% EAE ''EE G*G (%% (&-( $'.+) +(-$$&(.) $$+-( )-*** >ECH=A> C='HHAH D>=EE ')G"G' 163 !"#$%&'( )&!*+,%$* - ./0122 .3 .30 .&41 .45)/2 .67 .84 77 9:;< = = = = = = = !" #$$%&%'()' *+ +,"- .+"+/ .0*1/ 2"-- .*!** -"12*,- >'@AABC >A'>D !" 3454(6%#)()7 2 +,+0 *2- -*+/ .*0- .1"1 *+"!,- E@FABC A@A !" #$$%&%(37 *+ +,"- "0/* .0*1/ 2"-- .*!** -..".,- >'@AABC >>AD( !" 3454(6%#)(3' 2 +,+0 *2- -*+/ .*0- .1"1 *+"!,- E@FABC A@A !" 86749(4674()7 * +,+2 -012 !2-2 .!** !./! //--,2 'DECBD @D'A !" :4)'(43&()7 + +,++ .0/0 + + + .0/0,+ FBF >'C' !" 3846&'(3' ; +,+2 "./2 !2-2 .!** 0.1 /12/,2 'DECBD @D(F !" :4)'(43&(3' + +,++ 1+2/ + + + 1+2/,+ FBF AFDC G%G .++ .,*. -*1"0 ".*!!,./- !!"*. -*222 'D@'CB' (>@''B' @CFFA !"#$%&'A H%I#H* )&!*+,%$* - ./0122 .3 .30 .&41 .45)/2 .67 .84 77 9:;< = = = = = = = !1 #$$%&%'()' *+ +,"- 2+2* .0*1/ 2"-- .*!** --!1.,- >'@AABC >EC'( !1 3454(6%#)()7 2 +,+0 - -*+/ .*0- .1"1 -"/!,- E@FABC >AA !1 #$$%&%(37 *+ +,"- -"". .0*1/ 2"-- .*!** !2/!2,- >'@AABC ''A' !1 3454(6%#)(3' 2 +,+0 - -*+/ .*0- .1"1 -"/!,- E@FABC >AA !1 86749(4674()7 * +,+2 !-./ !2-2 .!** !./! 1+2!,2 'DECBD E'@( !1 :4)'(43&()7 + +,++ .0/0 + + + .0/0,+ FBF >'C' !1 3846&'(3' ; +,+2 *"!/ !2-2 .!** 0.1 /+-1,2 'DECBD @>'' !1 :4)'(43&(3' + +,++ 1+2/ + + + 1+2/,+ FBF AFDC G%G .++ .,*. !1"". ".*!!,./- !!"*. -*222 'FE>'B' (>@''B' EDD'D !"#$%&@C H%I#H* )&!*+,%$* - ./0122 .3 .30 .&41 .45)/2 .67 .84 77 9:;< = = = = = = = */ #$$%&%'()' *+ +,"- ...+2 .0*1/ 2"-- .*!** -1!2",- >'@AABC >AD>' */ 3454(6%#)()7 2 +,+0 1+- -*+/ .*0- .1"1 *./!,- E@FABC CAA */ #$$%&%(37 *+ +,"- 1"/" .0*1/ 2"-- .*!** -./"!,- >'@AABC >''DA */ 3454(6%#)(3' 2 +,+0 1+- -*+/ .*0- .1"1 *./!,- E@FABC CAA */ 86749(4674()7 * +,+2 -.!0 !2-2 .!** !./! 120*,2 'DECBD @F(C */ :4)'(43&()7 + +,++ .0/0 + + + .0/0,+ FBF >'C' */ 3846&'(3' ; +,+2 "--0 !2-2 .!** 0.1 /2*2,2 'DECBD (F>> */ :4)'(43&(3' + +,++ 1+2/ + + + 1+2/,+ FBF AFDC G%G .++ .,*. -"*!- ".*!!,./- !!"*. -*222 ''>'' (>@''B' @CCCF Dettaglio carichi termici invernali per locali del piano tipo 165 166 167 Dettaglio fabbisogni termici stagione riscaldamento per piano 168 Risultati simulazione termica lobby e vani ascensori: !"#$%&'()$&*(+,&-"./0$0".0.1&2"(/)&3'2'45678&9'22:&;&5<=5-'!6&568>'@:A !"#$%&'()$&*(+,&-"./0$0".0.1&2"(/)&3'2'45678&9'22:&7!2BA !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( !"# $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& :;# ::# :## !<# !"# !;# !:# !## <# "# ;# :# # 2. => 07 %' >@ AB C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 D77E>F(%5G&1>-0%&5>=(&=H>07%'I>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !:# !!# !## M# <# J# "# K# ;# N# :# !# # 2. => 07 %' >@ AB C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 D77E>4770G&1>-0%&5>=(&=H>07%'I>@&(>1J#>/KL#"H%-=C 2"#- )*#+(3(445(-. 2"#- )*#+(3(667(-.( !"#$%&'()$&*(+,&-"./0$0".0.1&2"(/)&35<=5-'!6&568>'@:&7!2BA !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( 89:;<(=))(099)>8'(=8@(!;=:>8'(@;A=8@(900BC(=:(:!;(2=8=C9A>0(;);D=:9CEF(9:!;C(;);D=:9C(.;))E(@9(89:(8;;@(=@@>:>98=)(!;=:>8'(099)>8'(=E()98'(=E(:!;C;(=C;(92;8>8'E(G;:.;;8(.;))E(
=))9.>8'(H9C(A>8>A=)(=>C(H)9.F $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !## M# <# J# "# K# ;# N# :# !# # O7 %'> @A B C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 P770G&1>-0%&5>=(&=G)0(>07%'I>NKJ>+77E=>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !"# !;# !:# !## <# "# ;# :# # O7 %'> @A B C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 Q(%5G&1>-0%&5>=(&=G)0(>07%'I>NKJ>+77E=>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& :;# ::# :## !<# !"# !;# !:# !## <# "# ;# :# # 2. => 07 %' >@ AB C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 D77E>F(%5G&1>-0%&5>=(&=H>07%'I>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !:# !!# !## M# <# J# "# K# ;# N# :# !# # 2. => 07 %' >@ AB C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 D77E>4770G&1>-0%&5>=(&=H>07%'I>@&(>1J#>/KL#"H%-=C 2"#- )*#+(3(445(-. 2"#- )*#+(3(6I5(-.( 2"#- )*#+(3(667(-.( 2"#- )*#+(3(J7(-.( !"#$%&'()$&*(+,&-"./0$0".0.1&2"(/)&35<=5-'!6&568>'@:&7!2BA C&D(EF,&G"#&1E(H0.1&IJKL
'&D(EF,&G"#&1(HE0.1I&M
'&D(EF,&G"#&"N(OF,&+E(//0.1IJKP
!"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !## M# <# J# "# K# ;# N# :# !# # O7 %'> @A B C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 Q(%5G&1>-0%&5>=(&=G)0(>07%'I>K!>+77E=>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& K# ;K ;# NK N# :K :# !K !# K # O7% '> @A B C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 P770G&1>-0%&5>=(&=G)0(>07%'I>K!>+77E=>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !## M# <# J# "# K# ;# N# :# !# # O7 %'> @A B C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 P770G&1>-0%&5>=(&=G)0(>07%'I>NKJ>+77E=>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !"# !;# !:# !## <# "# ;# :# # O7 %'> @A B C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 Q(%5G&1>-0%&5>=(&=G)0(>07%'I>NKJ>+77E=>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& :;# ::# :## !<# !"# !;# !:# !## <# "# ;# :# # 2. => 07 %' >@ AB C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 D77E>F(%5G&1>-0%&5>=(&=H>07%'I>@&(>1J#>/KL#"H%-=C $%& '() *%+ ,-+ *%. $/& $/0 ,/1 2(- 345 678 9(4 $%& !:# !!# !## M# <# J# "# K# ;# N# :# !# # 2. => 07 %' >@ AB C !"#$%&'()&*+,-".&#/&'()&0+,!$1 D77E>4770G&1>-0%&5>=(&=H>07%'I>@&(>1J#>/KL#"H%-=C 2"#- )*#+(3(445(-. 2"#- )*#+(3(6I5(-.( 2"#- )*#+(3(655(-.( 2"#- )*#+(3(667(-.( 2"#- )*#+(3(J7(-.( 2"#- )*#+(3(75(-.( 170 !"#$%&'()$&*+,(&-.'&-/0/-&1"234$4"2425&-"+3)&6/-/078.9&'/--!&:&7;<71/=8&789>'@!A !"#$%&'()$&*+,(&-.'&-/0/-&1"234$4"2425&-"+3)&6/-/078.9&'/--!&.=-BA !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 130 120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 200 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Load (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 200 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 80 110 2"#- )*#+(3(445(-.( 2"#- )*#+(3(465(-.( !"#$%&'()$&*+,(&-.'&-/0/-&1"234$4"2425&-"+3)&67;<71/=8&789>'@!&.=-BA !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( 789:;(<))(088)=7>(<7'(!:<9=7>(':@<7'(800AB(<9(9!:(2<7<B8@=0(:):C<98BDE(89!:B(:):C<98B(.:))D('8(789(7::'(<''=9=87<)(!:<9=7>(088)=7>(<D()87>(<D(9!:B:(<B:(82:7=7>D(F:9.::7(.:))D(
<))8.=7>(G8B(@=7=@<)(<=B(G)8.E Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Ja 130 120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 200 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Load (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 200 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad ( k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 175 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 175 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 26 24 22 55 50 2"#- )*#+(3(445(-.( 2"#- )*#+(3(H5(-.( 2"#- )*#+(3(465(-.( 2"#- )*#+(3(445(-.( C&D+E#(&F"G&5E+H425&IJKL
'&D+E#(&F"G&5+HE425I&M
'&D+E#(&F"G&"N+O#(&,E+33425IJKP
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 130 120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 200 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Load (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 200 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad ( k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 175 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Ja 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 175 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 26 24 22 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 25 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 55 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 Lo ad (k W) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 25 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 2"#- )*#+(3(445(-.( 2"#- )*#+(3(H5(-.( 2"#- )*#+(3(II(-.( 2"#- )*#+(3(465(-.( 2"#- )*#+(3(445(-.( 2"#- )*#+(3(JH(-.( 171 !"#$%&'()$&*+,(&-./-&01210&3"456$6"4647&0"+5)&810129:;<&'100!&=&9>'931@:&9:<.AB!C !"#$%&'()$&*+,(&-./-&01210&3"456$6"4647&0"+5)&810129:;<&'100!&;@0DC !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 180 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 160 80 Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 180 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 2"#- )*#+(3(456(-.( 2"#- )*#+(3(476(-.( !"#$%&'()$&*+,(&-./-&01210&3"456$6"4647&0"+5)&89>'931@:&9:<.AB!&;@0DC 0**1%&'()*#+(,-./( !"#$%&'()*#+(,-./( !"#$%&'()*#+(,-./( 0**1%&'()*#+(,-./( 89:;<(=))(099)>8'(=8@(!;=:>8'(@;A=8@(900BC(=:(:!;(2=8=C9A>0(;);D=:9CEF(9:!;C(;);D=:9C(.;))E(@9(89:(8;;@(=@@>:>98=)(!;=:>8'(099)>8'(=E()98'(=E(:!;C;(=C;(92;8>8'E(G;:.;;8(.;))E(
=))9.>8'(H9C(A>8>A=)(=>C(H)9.F Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Ja 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 180 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 102 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 45 40 80 Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad ( k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 102 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 180 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 2"#- )*#+(3(456(-.( 2"#- )*#+(3(I6(-.( 2"#- )*#+(3(476(-.( 2"#- )*#+(3(4JK(-.( /&E+F#(&G"H&7F+I647&JKLM
A&E+F#(&G"H&7+IF647J&N
A&E+F#(&G"H&"O+P#(&,F+55647JKLQ
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 180 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Ja 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 102 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Cooling plant sensible load: 78 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo a d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 78 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Lo ad ( k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 102 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec Jan 160 140 120 100 80 60 40 20 0 Loa d (k W ) Date: Fri 01/Jan to Fri 31/Dec Heating plant sensible load: 180 rooms (sw g80 u5u06allyear.aps) 2"#- )*#+(3(456(-.( 2"#- )*#+(3(I6(-.( 2"#- )*#+(3(76(-.( 2"#- )*#+(3(476(-.( 2"#- )*#+(3(4JK(-.( 2"#- )*#+(3(JK(-.( Allegato 2:

' Dimensionamento canali reti aerauliche mandata, ripresa ed estrazione ' Tabelle perdite di carico distribuite e concentrate ' Scheda tecnica diffusori ambiente ' Scheda tecnica Unità Trattamento Aria !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 @ !"#$ %!!"!! %&'' !() ($' #$' !&& ("## '"%* %"* '"( ("( #%"* ABCD A ! %!!"!! %(&) !!& ($' #$' !&& !"*) '"!# !"# '"# &"# + =@CA = ! %!!"!! %!!! !#$ ($' #$' !&& !"$# '"(! ("! '"# )") + ==CB E ! %!!"!! %#'' !%# ($' #$' !&& !"%) '"$! $"! '"# *", + =FCD G ! %!!"!! %'&) #,, ('' #'' !'* !",* '")% )"% '"( %#"* + E@CH F ! %!!"!! ,!! #*$ ('' #'' !'* !"(* '"*$ *"$ '"# %("! + EECF H ! %!!"!! *'' #&, ('' #'' !'* #",, '",& ,"& '"# %$"( + EFCB B ! %!!"!! &&) #$% ('' #'' !'* #"(, %"'! %'"! '"( %&", + EICD I ! %!!"!! $!! #!% ('' #'' !'* %",, %"'* %'"* '"# %)"( + GDCD @D ! %!!"!! ('' #'* #'' #'' ##' #",# %"#( %#"( '"# %*"( + GACF @@ ! %!!"!! #&) %), #'' #'' ##' %",$ %"!% %!"% '"# %*", + G=CB @A ! %!!"!! %!! %!, #'' #'' ##' '",) %"!! %!"! '"# %,"' + GEC@ %&$"# !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 @ ("! %*&"&) $&' #!& #$' #'' #(& !"#* '"#( #"( %"% )"# + ICF A ! %*&"&) !)! #'! #$' #'' #(& #"%* '"!# !"# '"# )"* + @@CD = ! %*&"&) %*) %$) #$' #'' #(& %"% '"!( !"( '"# *"' + @@CE %##"$ /%!0%$%"%JK%"6JK/%JK%")LLK&K /%!0%$%"%JK%"6JK/%JK%"#%(%"JK)!K'!K 67&7"0K#$JKM 7 67&7"&'! &7 67&7"0K#$JKM 7 67&7"&'! &7 174 !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 !"# $%% $%% &#& $'' &!' &(' $"$) '"$$ $"$ '"*+ &"! +"* @ABA @"!' +"+ &&+"+$ &&# &%$ $'' &!' &(' &"&* '"$( $"( '"!+ &"( , @@BC C"#, &$ &&+"+$ &&# &%$ $'' &!' &(' &"&* '"%* %"* '"+ &"( , @@BD &$$") !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 $'$ $"! $%(% *'% !!' %'' **% *"%& &"%# &%"# &"( $&"+ #$"( @AEBC )FFGHI)! &"$ $&+' %)) !!' %'' **% %")( &"*) &*") '"$ $%"! , @@@B@ $'$"6HI/ @JKBC 6'H$%$% 0I/,!#I'!, ()!*+,--% 67&7"0I#$H7 ()!*"F(,L 67&7"F(,L 67&7"0IFF)#7 67&7"81993 :; 1 06"$'$ -%./ -- - 01 - 01 -- 01 01 01 01 &%%"%% &!'2&!' '"% '"& '"! '"#! &"# !"* %'"' ! %+"% CA@BK /%!0%$%"%HI%"6HI/%HI%"#M %H&'"%#&,!#'HI">"M H,%N"%H,% #$%&&'"/%!0%$%"%HI%"6HI/%HI%"6I%!'"$I6' 67&7"0I#$HIM 7 67&7"&'! &7 67&7"0I#$HIM 7 67&7"&'! &7 67&7"&'! &7 /%!0%$%"%HI%"6HI/%HI%"#,&'!0%HI")FFI&I $'$"/%!0%$%"6I%!'"$I6' 175 !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 @ !"# !$% !&'& (!) *#$ &#$ (%% ("(% $"$# $"# $"* &"+ %") @ABC C ( !$% !!%% ($) *#$ &#$ (%% ("$+ $"& & $"& (") , @CBD = ( !$% !$%$ &)+ *#$ &#$ (%% &"+ $"&+ &"+ $"& *") , @EBF E ( !$% )#* &+' *$$ &$$ ($+ ("#% $"*( *"( $"& %"* , @GBF H ( !$% +*+ &'# *$$ &$$ ($+ ("!' $"## #"# $"* +") , C@B= F ( !$% '*& &%& *$$ &$$ ($+ &"'' $"%* %"* $"& )"+ , C=B@ G ( !$% %(% &*' *$$ &$$ ($+ &"(' $"' ' $"& !$"# , CEBE D ( !$% #($ &(! *$$ &$$ ($+ !")+ $"'# '"# $"* !!"# , CHBI I ( !$% *&* &!( *$$ &$$ ($+ !"#+ $"'+ '"+ $"& !!"+ , CFBH @A ( !$% (!+ !)! &$$ &$$ &&$ &"(& $"++ +"+ $"& !&"* , CDBC @@ ( !$% &!& !%# &$$ &$$ &&$ !"## $")( )"( $"& !&"' , CDBI @C ( !$% !$% !&+ &$$ &$$ &&$ $"'' $")* )"* $"& !&"+ , CIB@ &)"! !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 @ *"( !#$ *#$ &!' &#$ &$$ &*% &"%( $"!% !"% $"' ("$ , EBF C ( !#$ ($$ !+' &#$ &$$ &*% !"'% $"&! &"! $"& ("( , HBE = ( !#$ !#$ !*# &#$ &$$ &*% $"++ $"&& &"& $"& ("* , HBF #"% JK6J,#%"%JK%")LLK&K JK6J,#%"%JK%"#%(%"JK)!K'!K 67&7"0K#$JKM 7 67&7"&'! &7 67&7"0K#$JKM 7 67&7"&'! &7 176 !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 @ !"# $% &%% !'! ( ( !'% &")' %"!* !"* !"+ !$"$ ( AABA C ! #% !&% !,# ( ( !'% !"'' %"!$ !"$ %"& !+"& ( DEBF = ! #% $% !!* ( ( !'% !"!! %"!+ !"+ %"& !+", ( GDBE F ! #% #% +% ( ( !'% %"** %"& & %"& ')"# ( @EDBH @ !"# $% &%% !'! ( ( !'% &")' %"!* !"* !"+ !$"$ ( FABH C !"# #% !&% !,# ( ( !'% !"'' %"!$ !"$ %"& !+"& ( FABE = %"$ $% $% !!* ( ( !'% !"!! %"& & %"& !+", ( FEBH #$%&&'"6I%!' %"' ( #%% &%$ ( ( &%% ,"*# %"%* %"* ( !%"% &#") =AB@ @EDBH !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 )JJKLI)! *"* !)&& ,*) #*% &*% ,'' #"*# %",* ,"* !") &!"# )%"' GABE $'$"6LI/ @CFBD 6'L$%$% 0I/,!#I'!, ()!*+,--% 67&7"0I#$L7 ()!*"J(,M 67&7"J(,M 67&7"0IJJ)#7 67&7"81993 :; 1 06"$'$ -,./ -- - 01 - 01 -- 01 01 01 01 !%' !*%2!*% %", %"! %"* %"# !") *"# ,%"% * ,*"+ $'$"6I%!' @EHBE ,#$L%-I'!,"N %*!I" #$%&&'"LI#6L,#%"6I%!'"$I6' #,&'!0%LI"LI6L,#%")JJI&I 67&7"&'! &7 67&7"0I#$LIN 7 67&7"&'! &7 67&7"0I#$LIN 7 67&7"&'! &7 177 !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 !" #$ #%#& '&%'& %!' %(( %(( %%# )*$' (*%" %*" '*$ ##)*' #'*( @=ABA !$ &*% #%#& ''(#( %#! %(( %(( %%# "*%& #*#" ##*" (*' #'+*% , @CABD !+ &*% #%#& '((%" ))! %(( %(( %%# "*'! #*&! #&*! (*' #&'*& , @EFBF !! &*% #%#& #)#)! )+' %(( %(( %%# $*++ #*!) #!*) (*' #&"*$ , @DCBC !& &*% #%#& #$'"# )#" )(( "(( )'! )*!% #*"" #"*" (*! #++*' , @GCBA !' &*% '&%& #!&+) ")( )(( "(( )'! "*!% ' '( (*' #$'*# , @ACB@ !# &*% '&%& ##%$+ "&( )(( "(( )'! $*'! '*#$ '#*$ (*' #$$*% , HIIBE !( &*% '&%& %+"& $"' $(( $(( $$# "*"$ '*!) '!*) (*! #)#*$ , H@GBC &% &*% '&%& "#"% $(! $(( $(( $$# +*)' '*$" '$*" (*' #)+*) , HHCBE &) &*% '&%& !")$ +'( $(( $(( $$# &*)) '*"+ '"*+ (*! #)%*! , HHGBA &" &*% '&%& '&%& !(& ++( &(( !!& !*&# '*%& '%*& #*' '(&*# , HCCBC $'$")$%"%6" CCEBA !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 !" #$ #&&) #"('' )&# )(( )(( ))# "*"$ (*%' %*' '*$ %+*) #'*( @@FBI !$ &*% #&&) #+$)! )($ )(( )(( ))# "*#+ #*## ##*# (*' #('*# , @HEBH !+ &*% #&&) #!&!$ ")( )(( )(( ))# $*+! #*'" #'*" (*! ##'*+ , @=FBH !! &*% #&&) #&(() "+& "(( "(( ""# "*"+ #*+! #+*! (*' ##%*% , @CFB= !& &*% #&&) ##$"( "'& "(( "(( ""# $*%+ #*"+ #"*+ (*' #'+*) , @EEB= !' &*% #"'' #(&&' $%# "(( "(( "## $*#+ #*%' #%*' (*! #&+*# , @DDB= !# &*% #"'' )$#( $!$ $(( $(( $$# $*%) '*#% '#*% (*' #!#*( , @FCBA !( &*% #"'' $))) +%+ $(( $(( $$# +*+) '*&$ '&*$ (*! #!)*" , @GCB= &% &*% #"'' +#$$ +&+ $(( $(( $$# !*#% '*!$ '!*$ (*' #+(*) , @GFBC &) &*% #"'' &!!! !&# $(( $(( $$# '*) '*+ '+ (*! #+'*" , @GABF &" &*% #"'' #"'' &+" ++( '+( &$$ !*+! '*"+ '"*+ #*' #$"*% , HIFBC $'$")$%"%6" =DFBA /'!$%!$,"/%!0%$%"%JK%"6JK/%JK%"=FLMCFL /'!$%!$,"JK6J,#%"%JK%""=FLMCFL 67&7"0K#$JKN 7 67&7"&'! &7 67&7"0K#$JKN 7 67&7"&'! &7 178 !"#$%&&' ()!*+,--% . ."&) / 01 2 3 01"144 5"144 67&7"81993 :; 1 67&7"$'$ < <= >' <= >' << << << << <> 8 << 63 << 63 63 63 !" #$ %& ''&& ''&& ()% *&& *&& **& *+&% &+() (+) '+' '%+$ , @ABC !" #- . %& ''&& ''&& ()% *&& *&& **& *+&% &+() (+) '+' '%+$ , @ABC *$ / *&& **&& 0&* 0&& *0& 0'' 0+$% &+$$ $+$ '+* *$+) %'+& CDBC */ (+) *&& *&&& *.$ 0&& *0& 0'' 0+%) &+)$ )+$ &+' 0%+' , D@BE *0 (+) *&& (/&& */. 0&& *0& 0'' *+/$ %+%( %%+( &+* 0/+0 , DEBF ** (+) *&& ('&& **) *&& *&& **& 0+.* %+*0 %*+0 &+' /&+$ , FDB@ *( (+) *&& '.&& *'$ *&& *&& **& 0+%% %+/) %/+) &+' /(+) , E@BF *' (+) *&& '*&& *&( *&& *&& **& *+(. %+.$ %.+$ &+* /.+/ , EEB= *% (+) *&& '&&& ($$ *&& *&& **& (+/0 ' '& &+' $&+' , GH@B@ *& (+) *&& %/&& (*$ (0& (&& (0$ *+*0 '+'0 ''+0 &+' $'+/ , GHDBG () (+) *&& %'&& (%' (0& (&& (0$ (+(* '+() '(+) &+' $*+& , GHEBE (. (+) *&& .&& '/) (0& (&& (0$ '+'( '+*0 '*+0 &+* $0+' , GGGBD ($ (+) *&& *&& '&. '&& '&& ''& '+)' '+/0 '/+0 %+' .%+0 , G@HBH $'$")$%"%6" @FDBH 67&7"0I#$JIK 7 67&7"&'! &7 /'!$%!$,",#$J%-I'!,"K %*!I"=DLMNDL 179 Perdite di carico continue dell''aria -- CONDOTTI CIRCOLARI ''LISCI' -- t = 20 °C, H = 0 mslm Perdite di carico continue dell''aria -- CONDOTTI CIRCOLARI ''LISCI' -- t = 50 °C, H = 0 mslm CALEFFI 55-1 55-1 Perdite di carico continue, mm c.a./m 1.000 100 200 300 400 500 600 700 800 900 10.000 2.0 00 3.0 00 4.000 5.000 7.000 8.000 9.000 100.000 20.000 30.000 40.000 50.000 60.000 70.000 80.000 90.000 200.000 6.000 60 70 80 90 0,02 0,03 0,04 0,05 0,06 0,07 0,08 0,09 0,10 0,12 0,14 0,16 0,18 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 0,80 0,90 1,00 2,00 1.000 100 200 300 400 500 600 700 800 900 10.000 2.0 00 3.0 00 4.000 5.000 7.000 8.000 9.000 100.000 20.000 30.000 40.000 50.000 60.000 70.000 80.000 90.000 200.000 6.000 60 70 80 90 0,02 0,03 0,04 0,05 0,06 0,07 0,08 0,09 0,10 0,12 0,14 0,16 0,18 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 0,80 0,90 1,00 2,00 Rugosità k = 0,09 mm 0,01 1,5 m/s 2,0 m/s 50 50 Portate, m3/h 1,20 1,40 1,60 1,80 1,20 1,40 1,60 1,80 120 140 160 180 120 140 160 180 1.200 1.400 1.600 1.800 1.200 1. 400 1.600 1.800 12.000 14.000 16.000 18.000 12.000 14.000 16.000 18.000 120.000 140.000 160.000 180.000 120.000 140.000 160.000 180.000 0,01 3,0 m/s 4,0 m/s 5,0 m/s 6,0 m/s 7,0 m/s 8,0 m/s 9,0 m/s 30 m/s ' 100 ' 125 ' 160 ' 2 50 ' 315 ' 630 ' 80 ' 400 ' 500 10 m/s 12 m/s 14 m/s 16 m/s 18 m/s 20 m/s ' 1250 ' 1500 ' 1750 ' 2000 ' 800 ' 1000 25 m/s t = 20 °C H = 0 mslm ' 200 180 100 'e f a b 100 'e = diametro equivalente, mm f = fattore correttivo velocità CALEFFI 80-1a 80-1a 109 133 152 169 183 195 207 217 227 236 245 253 261 268 275 0,94 0,93 0,91 0,89 0,87 0,86 0,84 0,82 0,81 0,80 0,79 0,77 0,76 0,75 0,74 133 164 189 210 229 245 260 274 287 299 310 321 331 341 350 0,93 0,94 0,93 0,92 0,91 0,90 0,89 0,87 0,86 0,85 0,84 0,83 0,82 0,81 0,80 152 189 219 244 266 286 305 321 337 352 365 378 391 402 414 0,91 0,93 0,94 0,94 0,93 0,92 0,91 0,90 0,89 0,88 0,87 0,86 0,86 0,85 0,84 169 210 244 273 299 322 343 363 381 398 414 429 443 457 470 0,89 0,92 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 0,92 0,91 0,90 0,90 0,89 0,88 0,87 0,87 183 229 266 299 328 354 378 400 420 439 457 474 490 506 520 0,87 0,91 0,93 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 0,92 0,92 0,91 0,90 0,90 0,89 0,89 195 245 286 322 354 383 409 433 455 477 496 515 533 550 567 0,86 0,90 0,92 0,93 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 0,93 0,92 0,92 0,91 0,91 0,90 207 260 305 343 378 409 437 464 488 511 533 553 573 592 609 0,84 0,89 0,91 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 0,92 0,92 0,92 0,91 217 274 321 363 400 433 464 492 518 543 567 589 610 630 649 0,82 0,87 0,90 0,92 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 0,93 0,92 0,92 227 287 337 381 420 455 488 518 547 573 598 622 644 666 687 0,81 0,86 0,89 0,91 0,92 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 0,93 0,93 236 299 352 398 439 477 511 543 573 601 628 653 677 700 722 0,80 0,85 0,88 0,90 0,92 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,93 0,93 245 310 365 414 457 496 533 567 598 628 656 683 708 732 755 0,79 0,84 0,87 0,90 0,91 0,92 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,93 253 321 378 429 474 515 553 589 622 653 683 711 737 763 787 0,77 0,83 0,86 0,89 0,90 0,92 0,92 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 261 331 391 443 490 533 573 610 644 677 708 737 765 792 818 0,76 0,82 0,86 0,88 0,90 0,91 0,92 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 268 341 402 457 506 550 592 630 666 700 732 763 792 820 847 0,75 0,81 0,85 0,87 0,89 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 0,94 275 350 414 470 520 567 609 649 687 722 755 787 818 847 875 0,74 0,80 0,84 0,87 0,89 0,90 0,91 0,92 0,93 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 0,94 282 359 424 482 534 582 626 668 706 743 778 811 842 872 901 0,74 0,79 0,83 0,86 0,88 0,89 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 0,93 0,94 0,94 0,94 289 367 435 494 548 597 643 686 726 763 799 833 866 897 927 0,73 0,79 0,82 0,85 0,87 0,89 0,90 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 0,93 0,94 0,94 295 376 445 506 561 612 659 703 744 783 820 855 889 921 952 0,72 0,78 0,82 0,85 0,87 0,88 0,90 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 0,93 0,94 0,94 301 384 454 517 574 626 674 719 762 802 840 876 911 944 976 0,71 0,77 0,81 0,84 0,86 0,88 0,89 0,90 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 0,93 0,94 313 399 473 538 598 652 703 751 795 838 878 916 953 988 1.022 0,70 0,76 0,80 0,83 0,85 0,87 0,88 0,89 0,90 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 0,93 324 413 490 558 620 677 731 780 827 872 914 954 993 1.030 1.066 0,69 0,74 0,79 0,82 0,84 0,86 0,87 0,89 0,90 0,90 0,91 0,92 0,92 0,93 0,93 334 426 506 577 642 701 757 808 857 904 948 990 1.031 1.069 1.107 0,67 0,73 0,77 0,80 0,83 0,85 0,86 0,88 0,89 0,90 0,90 0,91 0,92 0,92 0,92 344 439 522 595 662 724 781 835 886 934 980 1.024 1.066 1.107 1.146 0,66 0,72 0,76 0,79 0,82 0,84 0,86 0,87 0,88 0,89 0,90 0,91 0,91 0,92 0,92 353 452 536 612 681 745 805 860 913 963 1.011 1.057 1.100 1.143 1.183 0,65 0,71 0,75 0,79 0,81 0,83 0,85 0,86 0,87 0,88 0,89 0,90 0,91 0,91 0,92 362 463 551 629 700 766 827 885 939 991 1.041 1.088 1.133 1.177 1.219 0,64 0,70 0,74 0,78 0,80 0,82 0,84 0,85 0,87 0,88 0,89 0,89 0,90 0,91 0,91 371 475 564 644 718 785 849 908 964 1.018 1.069 1.118 1.164 1.209 1.253 0,64 0,69 0,74 0,77 0,79 0,81 0,83 0,85 0,86 0,87 0,88 0,89 0,89 0,90 0,91 379 485 577 660 735 804 869 930 988 1.043 1.096 1.146 1.195 1.241 1.286 0,63 0,69 0,73 0,76 0,79 0,81 0,82 0,84 0,85 0,86 0,87 0,88 0,89 0,90 0,90 387 496 590 674 751 823 889 952 1.012 1.068 1.122 1.174 1.224 1.271 1.318 0,62 0,68 0,72 0,75 0,78 0,80 0,82 0,83 0,85 0,86 0,87 0,88 0,88 0,89 0,90 395 506 602 688 767 840 908 973 1.034 1.092 1.147 1.200 1.252 1.301 1.348 0,61 0,67 0,71 0,74 0,77 0,79 0,8 0,83 0,84 0,85 0,86 0,87 0,88 0,89 0,89 410 525 625 715 797 874 945 1.013 1.076 1.137 1.195 1.251 1.305 1.356 1.406 0,60 0,66 0,70 0,73 0,76 0,78 0,80 0,81 0,83 0,84 0,85 0,86 0,87 0,88 0,88 Canali rettangolari: diametri equivalenti per la determinazione delle perdite di carico continue a, b = dimensioni rettangolo/quabrato, mm 'e f 150 'e f 200 'e f 250 'e f 300 'e f 350 'e f 400 'e f 450 'e f 500 'e f 550 'e f 600 'e f 650 'e f 700 'e f 750 'e f 800 'e f 850 'e f 900 'e f 950 'e f 1000 'e f 1100 'e f 1200 'e f 1300 'e f 1400 'e f 1500 'e f 1600 'e f 1700 'e f 1800 'e f 1900 'e f 2000 'e f 2200 'e f a b 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 'e f 150 200 250 300 350 400 450 500 550 600 650 700 750 800 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550 600 650 700 750 800 850 900 950 1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900 2000 2200 Canali rettangolari: diametri equivalenti per la determinazione delle perdite di carico continue 181 182 183









184 Serranda Tagliafuoco: perdite di carico concentrata

Setti Silenziatori
185
Unità Trattamento Aria: Dati Tecnici 186 Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 16/34 8905 1650 1650 80 3380 Caratteristiche generali Unità modello Larghezza Altezza Lunghezza Peso Quota inst. Sezione mandata AHU 25,50 2570 mm 1650 mm 8905 mm 5091 kg 0 m Unità modello Larghezza Altezza Lunghezza Bar.Press. Sezione ripresa AHU 25,50 2570 mm 1650 mm 5530 mm 101.3 KPa SAMP si riserva di apportare variazioni tecnico-dimensionali in fase esecutiva Caratteristiche meccaniche struttura secondo EN1886 Resistenza meccanica Tenuta Trasmittanza termica Taglio Termico D1(M) L3 T3 TB3 Opzioni costruttive Tipo pannello Interno Lamiera in acciaio zincato Esterno Lamiera preplastificata Isolamento Lana minerale densità 90 kg/m3 a fibre orientate Spessore 60 mm Materiale carpenteria Alluminio Copertura Senza copertura Grecata zincata Grecata alluminio Lamiera piana Posizione ispezioni Sinistra Destra Non indicata Posizione attacchi Sinistra Destra Non indicata Costruzione A Sezioni Smontata Smontabile Monoblocco Tipo profilo 40 x 30 mm 40 x 46 mm 70 x 46 mm 70 x 60 mm Taglio termico Profili Pannelli Filo interno liscio Vano Tecnico Tipo pannello Interno Esterno Isolamento Spessore Lunghezza 1200 mm 1800 mm 2400 mm 3000 mm 3600 mm Larghezza 600 mm 800 mm 1000 mm Fondo pedonabile No Si Punti luce N° La presente CTA prevede un plenum di lunghezza 180 mm con cassettino per inserimento sonde e/o termostato antigelo tra la batteria di pre-riscaldamento e quella di raffreddamento (se presenti) ed uno spazio di 80 mm tra le restanti batterie (se presenti). Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 17/34 1 Ventilatore di ripresa/espulsione Tipo ventilatore NPA710S4 Senza coclea PORTATA 20200 m !/h MOTORE EFF.2 5.60 m !/sec Taglia 160M Pressione statica utile 400 pa Forma B3 Pressione statica totale 792 pa Grado di protezione IP55 Pressione dinamica 119 pa Isolamento-classe F Pressione totale 910 pa Tensione alimentazione 380 V Rendimento statico 64.7 % N° Poli 4 Livello di pot. sonora Lw (Asp.) 92 dB RPM 1460 Livello di pot. sonora Lw A (Asp.) 83 dB(A) POTENZA INSTALLATA 11.00 kW Potenza assorbita 6.45 kW Corrente nominale 21.50 A RPM 1229 rpm Freq. inverter (min. 20 Hz) 42 Hz - Max 46 Hz Dimensioni bocca 910x900 mm Tipo basamento ventilatore BAS 104 Rendimento motore 88.5 % Pot. assorbita albero ventilatore 6.45 kW Potenza assorbita dalla rete 7.33 kW Spettro di potenza sonora (dB) F [Hz] 63 125 250 500 1000 2000 4000 8000 ripresa 89 82 86 78 78 73 70 70 Necessario INVERTER per il funzionamento del ventilatore nel punto di lavoro. Con punto luce completo IP 65 40 W 24 V
Con oblò
Con Inverter ACH 550 IP 54 cablato al motore
Con microinterruttore 2 Filtri sintetici pieghettati Filtri sintetici G3 gravimetrico Perdita di carico filtro iniziale 53 Pa - Perdita di carico filtro media 101 Pa - Perdita di carico filtro finale 150 Pa
Quantità 4 Filtri 592 x 287 x 48 mm + 8 Filtri 592 x 592 x 48 mm 4 Camera d'ispezione/plenum Camera d'ispezione per filtro Lunghezza 1200 mm Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 17/34 1 Ventilatore di ripresa/espulsione Tipo ventilatore NPA710S4 Senza coclea PORTATA 20200 m !/h MOTORE EFF.2 5.60 m !/sec Taglia 160M Pressione statica utile 400 pa Forma B3 Pressione statica totale 792 pa Grado di protezione IP55 Pressione dinamica 119 pa Isolamento-classe F Pressione totale 910 pa Tensione alimentazione 380 V Rendimento statico 64.7 % N° Poli 4 Livello di pot. sonora Lw (Asp.) 92 dB RPM 1460 Livello di pot. sonora Lw A (Asp.) 83 dB(A) POTENZA INSTALLATA 11.00 kW Potenza assorbita 6.45 kW Corrente nominale 21.50 A RPM 1229 rpm Freq. inverter (min. 20 Hz) 42 Hz - Max 46 Hz Dimensioni bocca 910x900 mm Tipo basamento ventilatore BAS 104 Rendimento motore 88.5 % Pot. assorbita albero ventilatore 6.45 kW Potenza assorbita dalla rete 7.33 kW Spettro di potenza sonora (dB) F [Hz] 63 125 250 500 1000 2000 4000 8000 ripresa 89 82 86 78 78 73 70 70 Necessario INVERTER per il funzionamento del ventilatore nel punto di lavoro. Con punto luce completo IP 65 40 W 24 V
Con oblò
Con Inverter ACH 550 IP 54 cablato al motore
Con microinterruttore 2 Filtri sintetici pieghettati Filtri sintetici G3 gravimetrico Perdita di carico filtro iniziale 53 Pa - Perdita di carico filtro media 101 Pa - Perdita di carico filtro finale 150 Pa
Quantità 4 Filtri 592 x 287 x 48 mm + 8 Filtri 592 x 592 x 48 mm 4 Camera d'ispezione/plenum Camera d'ispezione per filtro Lunghezza 1200 mm 187 Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 18/34 5 Giunzione Sezione di giunzione 3 Recuperatore statico 2xFI AL 16 N 2150 N 1 AE SM ABBP360+300 Aria esterna Aria espulsa Portata 25200.0 m !/h Portata 20200.00 m !/h Portata 7.00 m !/s Portata 5.60 m !/s Temperatura ingresso -5.00 °C Temperatura ingresso 20.00 °C Umidità ingresso 60 % Umidità ingresso 40 % Temperatura uscita 12.60 °C Temperatura uscita 2.00 °C Umidità uscita 24 % Umidità uscita 100 % Perdita di carico 314 Pa Perdita di carico 286 Pa Rendimento in temperatura 80.90 % Potenza 151.00 kW Rendimento secondo EN 308 87.10 % Numero pezzi 2 in serie
Materiale: alluminio
Filtri efficienza G3
Perdita di carico filtro iniziale 63 Pa - Perdita di carico filtro media 95 Pa - Perdita di carico filtro finale 127 Pa
Quantità 4 Filtri 287 x 592 x 98 mm + 4 Filtri 592 x 592 x 98 mm
Serrande in acciaio zincato
Bacinella in alluminio
Con punto luce completo IP 65 40 W 24 V
Con oblò
Aria esterna
Serranda di espulsione 7 Giunzione Sezione di giunzione 8 Camera d'ispezione/plenum Camera d'ispezione per filtro Serranda di by-pass A.E. + EXP. Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 19/34 4 Filtri a tasca rigida con prefiltro Filtri sintetici G3 gravimetrico Perdita di carico filtro iniziale 56 Pa - Perdita di carico filtro media 103 Pa - Perdita di carico filtro finale 150 Pa
Quantità 4 Filtri 592 x 287 x 48 mm + 8 Filtri 592 x 592 x 48 mm
Efficienza F7 - 8RT
Perdita di carico filtro iniziale 61 Pa - Perdita di carico filtro media 156 Pa - Perdita di carico filtro finale 250 Pa
Quantità 4 Filtri 287 x 592 x 290 mm + 8 Filtri 592 x 592 x 290 mm 5 Batteria di riscaldamento ad acqua Cu/Al P40-16 AC 32T-2200A-2.5Pa 24C 2 1/2' CC Quantità 1 Batteria Dimensioni 2200 x 1280 mm Materiale tubo/aletta Cu0.4 Al Materiale telaio FeZn 1,5mm Materiale collettore Fe Potenza 259.13 kW -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 10% 20% 30% 40% -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 TBS (°C) TBU (°C) J (KJ/Kg) 0 4 8 12 16 20 24 28 X (g/kg) 17 25 33 42 50 59 67 75 84 92 Volume interno 55.24 dm ! Aria Portata 25200 m!/h 7.00 m !/s Densità 1.317 kg/m ! Velocità attraversamento 2.4 m/s Temperatura ingresso -5.00 °C Umidità ingresso 60.0 % Temperatura uscita 25.00 °C Umidità uscita 7.4 % Perdita di carico 63.36 pa Acqua Portata 31836 l/h Temperatura ingresso 50.00 °C Temperatura uscita 43.00 °C Perdita di carico 35.88 kpa 188 Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 19/34 4 Filtri a tasca rigida con prefiltro Filtri sintetici G3 gravimetrico Perdita di carico filtro iniziale 56 Pa - Perdita di carico filtro media 103 Pa - Perdita di carico filtro finale 150 Pa
Quantità 4 Filtri 592 x 287 x 48 mm + 8 Filtri 592 x 592 x 48 mm
Efficienza F7 - 8RT
Perdita di carico filtro iniziale 61 Pa - Perdita di carico filtro media 156 Pa - Perdita di carico filtro finale 250 Pa
Quantità 4 Filtri 287 x 592 x 290 mm + 8 Filtri 592 x 592 x 290 mm 5 Batteria di riscaldamento ad acqua Cu/Al P40-16 AC 32T-2200A-2.5Pa 24C 2 1/2' CC Quantità 1 Batteria Dimensioni 2200 x 1280 mm Materiale tubo/aletta Cu0.4 Al Materiale telaio FeZn 1,5mm Materiale collettore Fe Potenza 259.13 kW -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 10% 20% 30% 40% -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 TBS (°C) TBU (°C) J (KJ/Kg) 0 4 8 12 16 20 24 28 X (g/kg) 17 25 33 42 50 59 67 75 84 92 Volume interno 55.24 dm ! Aria Portata 25200 m!/h 7.00 m !/s Densità 1.317 kg/m ! Velocità attraversamento 2.4 m/s Temperatura ingresso -5.00 °C Umidità ingresso 60.0 % Temperatura uscita 25.00 °C Umidità uscita 7.4 % Perdita di carico 63.36 pa Acqua Portata 31836 l/h Temperatura ingresso 50.00 °C Temperatura uscita 43.00 °C Perdita di carico 35.88 kpa 189 Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 20/34 6 Batteria di raffreddamento ad acqua Cu/Al P40-16 AR 32T-2200A-2.5Pa 56C 4' GAF Quantità 1 Batteria
Dimensioni 2200 x 1280 mm Materiale tubo/aletta Cu0.4 Al Materiale telaio FeZn 1,5mm Materiale collettore Fe Potenza totale 338.79 kW -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 10% 20% 30% 40% -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 TBS (°C) TBU (°C) J (KJ/Kg) 0 4 8 12 16 20 24 28 X (g/kg) 17 25 33 42 50 59 67 75 84 92 Potenza sensibile 160.19 kW Volume interno 127.85 dm ! Aria Portata 25200 m !/h 7.00 m !/s Densità 1.157 kg/m ! Velocità attraversamento 2.4 m/s Temperatura ingresso 32.00 °C Umidità ingresso 60.0 % Temperatura uscita 14.00 °C Umidità uscita 97.6 % Condensa 255.9 kg/h Rapporto S/T 0.47 Perdita di carico 181.51 pa Acqua Portata 58273 l/h Temperatura ingresso 8.00 °C Temperatura uscita 13.00 °C Perdita di carico 29.11 kpa Bacinella in Inox
Perdita di carico aria in condizioni umide 7 Umidificatore adiabatico acqua alta pressione Temp. e X assoluta in ingresso 25.00 °C - 1.45 g/kg Variazione umidità assoluta 4.00 g/kg Distributore Escluso Lunghezza complessiva camera (incl. separatore) 1800 mm Separatore con telaio in Inox e alette in PVC
Bacinella in acciaio inox Con punto luce completo IP 65 40 W 24 V
Con oblò Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 20/34 6 Batteria di raffreddamento ad acqua Cu/Al P40-16 AR 32T-2200A-2.5Pa 56C 4' GAF Quantità 1 Batteria
Dimensioni 2200 x 1280 mm Materiale tubo/aletta Cu0.4 Al Materiale telaio FeZn 1,5mm Materiale collettore Fe Potenza totale 338.79 kW -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 10% 20% 30% 40% -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 TBS (°C) TBU (°C) J (KJ/Kg) 0 4 8 12 16 20 24 28 X (g/kg) 17 25 33 42 50 59 67 75 84 92 Potenza sensibile 160.19 kW Volume interno 127.85 dm ! Aria Portata 25200 m !/h 7.00 m !/s Densità 1.157 kg/m ! Velocità attraversamento 2.4 m/s Temperatura ingresso 32.00 °C Umidità ingresso 60.0 % Temperatura uscita 14.00 °C Umidità uscita 97.6 % Condensa 255.9 kg/h Rapporto S/T 0.47 Perdita di carico 181.51 pa Acqua Portata 58273 l/h Temperatura ingresso 8.00 °C Temperatura uscita 13.00 °C Perdita di carico 29.11 kpa Bacinella in Inox
Perdita di carico aria in condizioni umide 7 Umidificatore adiabatico acqua alta pressione Temp. e X assoluta in ingresso 25.00 °C - 1.45 g/kg Variazione umidità assoluta 4.00 g/kg Distributore Escluso Lunghezza complessiva camera (incl. separatore) 1800 mm Separatore con telaio in Inox e alette in PVC
Bacinella in acciaio inox Con punto luce completo IP 65 40 W 24 V
Con oblò 190 Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 21/34 8 Batteria di riscaldamento ad acqua Cu-Al P60AC 21T-2200A-3.0pa 5C 1 1/4" ACA Quantità 1 Batteria Dimensioni 2200 x 1260 mm Materiale tubo/aletta Cu0.4 Al Materiale telaio FeZn 1,5mm Materiale collettore Fe Potenza 30.02 kW -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 10% 20% 30% 40% -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 TBS (°C) TBU (°C) J (KJ/Kg) 0 4 8 12 16 20 24 28 X (g/kg) 17 25 33 42 50 59 67 75 84 92 Volume interno 13.10 dm ! Aria Portata 25200 m!/h 7.00 m !/s Densità 1.219 kg/m ! Velocità attraversamento 2.5 m/s Temperatura ingresso 16.50 °C Umidità ingresso 47.0 % Temperatura uscita 20.00 °C Umidità uscita 37.7 % Perdita di carico 11.08 pa Acqua Portata 3720 l/h Temperatura ingresso 50.00 °C Temperatura uscita 43.00 °C Perdita di carico 12.18 kpa 14 Sezione di aspirazione 191




















Offerta N° Cliente Data Progetto Riferimento 10282/C 22-02-2011 ARIATTA INGEGNERIA SISTEMI TORRE ISOZAKI UTA AP05-06_P25_36 Samp spa Via Vittorini 9, 20049 Concorezzo (MI)-TEL.++39 039 690901 FAX.++39 039 6042241-Email info@samp-spa.com Software AHU EVO Rel. 2.0 23-12-2010 22/34 9 Ventilatore di mandata Tipo ventilatore NPA710S4 Senza coclea PORTATA 25200 m !/h MOTORE EFF.2 7.00 m !/sec Taglia 180M Pressione statica utile 500 pa Forma B3 Pressione statica totale 1453 pa Grado di protezione IP55 Pressione dinamica 138 pa Isolamento-classe F Pressione totale 1590 pa Tensione alimentazione 380 V Rendimento statico 71.5 % N° Poli 4 Livello di pot. sonora Lw (Asp.) 97 dB RPM 1465 Livello di pot. sonora Lw A (Asp.) 87 dB(A) POTENZA INSTALLATA 18.50 kW Potenza assorbita 14.22 kW Corrente nominale 35.00 A RPM 1555 rpm Freq. inverter (min. 20 Hz) 53 Hz - Max 56 Hz Dimensioni bocca 910x1500 mm Tipo basamento ventilatore BAS 104 Rendimento motore 90.4 % Pot. assorbita albero ventilatore 14.22 kW Potenza assorbita dalla rete 16.90 kW Spettro di potenza sonora (dB) F [Hz] 63 125 250 500 1000 2000 4000 8000 ripresa 94 85 92 81 81 75 73 69 Necessario INVERTER per il funzionamento del ventilatore nel punto di lavoro. Con punto luce completo IP 65 40 W 24 V
Con oblò
Con Inverter ACH 550 IP 54 cablato al motore
Con microinterruttore Varie
Compreso Recuperaotre REX (K=1,35+20%+10%)
Umidificatore alta pressione tipo DUAL (K=1,35+20%+10%)
Carpenteria aggiuntiva N° unità 2 INCLUSIONI
N. 2 microinterruttore
N. 1 Inverter ACH 550 in ripresa Potenza 11.00 kW isolamento IP 54 cablato
N. 1 Inverter ACH 550 in mandata Potenza 18.50 kW isolamento IP 54 cablato 192 Diffusori lineari Aria: Scheda Tecnica
193 194 Allegato 3

' Schede tecniche Fan-Coil ' Schede potenze in caldo e freddo Fan-Coil ' Dimensionamento circuiti piano tipo ' Dimensionamento circuiti montanti Tabelle dimensionamento Fan-Coil !"# $%&'$( )* +, -. - +/ +/0 +1* +23 4 5678 5678 4 4 4 4 !"#$ % &'( ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;>99 !"#% $ -%, ()($ 9:9>' $%%. $-( ;<<" "@= !"#* % &+% ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<'< !"#+ % &+% ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<'< ABBC&CDE% !"#, $ -%, ()($ 9:9>' $%%. $-( ;<<" "@= !"#- % &+% ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<'< !"#. % &+% ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<'< !"#' $ -%, ()($ 9:9>' $%%. $-( ;<<" "@= !"#& % &'( ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;>99 /010#234!3"!5#!5 ' %.- ()(& 9:9F *%%( +%( ><<9 'F' 62507#0250#!5 + +$*& ()(' 9:9@ %-'% *,( <'@< !!@F 80!"#0/9#!5 ( %-(( ()(( 9:99 ( ( 9 <'99 /5#$( % &+- ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<'' /5#$$ $ -(* ()($ 9:9>' $%%. $-( ;<<" "'> /5#$% % &(' ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<<@ /5#$* % &(' ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<<@ ABBC&CDG( /5#$+ $ -(* ()($ 9:9>' $%%. $-( ;<<" "'> /5#$, % &(' ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<<@ /5#$- % &(' ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<<@ /5#$. $ -(* ()($ 9:9>' $%%. $-( ;<<" "'> /5#$' % &+- ()(* 9:9"; %+,+ *%( <!=! ;<'' /010#234!3"!3#/" ' %.- ()(& 9:9F *%%( +%( ><<9 'F' /6029"#0/9#/" : ,*%* ()(' 9:9@ %-'% *,( <'@< ='"> 80!"#0/9#/" ( %'%- ()(( 9:99 ( ( 9 <@<' H%H =9 >9>"' 9:"! ;:!; !@'9F '>!9 !@'9F >'";' ** 4 5678 5678 4 4 4 4 196 !"# $%&'$( )* +,-.// 01 0 +2 +2- +2-345// +4. %6'37'83966 +,-.// +:* +;4 < =>'@ =>'@ < < < < < < < !" #$ % $&'& ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, ./0.! "#12$,3 CDCE FGDE FAE! !" #% $ '$, ()($ ABAHE $%', *+' &'* *'% ./0.! "#12$,3 CFEG CFDI C!EF !" #& % $&,* ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, ./0.! "#12$,3 CDAI FGDE FAGE !" #4 % $&,* ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, ./0.! "#12$,3 CDAI FGDE FAGE JKK9&93L% !" #* $ '$, ()($ ABAHE $%', *+' &'* *'% ./0.! "#12$,3 CFEG CFDI C!EF !" #+ % $&,* ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, ./0.! "#12$,3 CDAI FGDE FAGE !" #- % $&,* ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, ./0.! "#12$,3 CDAI FGDE FAGE !" #, $ '$, ()($ ABAHE $%', *+' &'* *'% ./0.! "#12$,3 CFEG CFDI C!EF !" #' % $&'& ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, ./0.! "#12$,3 CDCE FGDE FAE! 5676#8/0! /"! 9#! 9 % +(& ()(% ABAF ,*% &-& &-& &&+, 70.7/"#12$43 +(& IGF HGDI :896; #6896#! 9 4 &$%' ()(, ABAI %,&, $%44 $%44 %$-% 6." 5< " #12 $%3 &&$& FIHI !F!C =6 ! "#6 5>#! 9 ( $'-' ()(( ABAA ( ( ( ( 70.7/"#12$43 $'-' A CD"D 59#$ ( % ,%- ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, 59<<9':89#12$%3 FCEH FGDE FHCC 59#$ $ $ *4$ ()($ ABAHE $%', *+' &'* *'% 59<<9':89#12$%3 C!HC CFDI CEFI 59#$ % % ,$' ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, 59<<9':89#12$%3 FCGG FGDE FHAH 59#$ & % ,$' ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, 59<<9':89#12$%3 FCGG FGDE FHAH JKK9&93M( 59#$ 4 $ *4$ ()($ ABAHE $%', *+' &'* *'% 59<<9':89#12$%3 C!HC CFDI CEFI 59#$ * % ,$' ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, 59<<9':89#12$%3 FCGG FGDE FHAH 59#$ + % ,$' ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, 59<<9':89#12$%3 FCGG FGDE FHAH 59#$ - $ *4$ ()($ ABAHE $%', *+' &'* *'% 59<<9':89#12$%3 C!HC CFDI CEFI 59#$ , % ,%- ()(& ABA"C %*'+ $$&, -'( '&, 59<<9':89#12$%3 FCEH FGDE FHCC 5676#8/0! /"! /#5" % +(& ()(% ABAF ,*% &-& &-& &&+, 70.7/"#12$43 +(& IGF HGDI 5:68>"#65>#5" ( *&&' ()(, ABAI %,&, $%44 $%44 '$+ 6." 5< " #12 $+3 **4' FIHI GFFC =6 ! "#6 5>#5" ( +(,- ()(( ABAA ( ( ( ( 70.7/"#12$43 +(,- A EAI" N%N HI HGH"H ABEA CBF" !EHC" FAHAH F!EHF GAEHF !EHC" EACI! ** < =>'@ =>'@ < < < < < < 197 !"# $%&'$( )* +,-.// 01 0 +2 +2- +2-34// +3. +5* +63 %7'89':8;77 +,-.// < =>'@ =>'@ < < < < < < < ABB;&;8C% !" #$ %&" '(# )* +++*, *-./ DEFG +0)12 ,.// .033 +)3)) HI!J" KGJHJ L; ALC %8M NHOP HFKI! 45647!%89+,: +.3.0 )0) HIJO ;+3%<( &'4'%=75$ 7!$ #%$ # +1 1*/ *-+0 DEHI 1,+/ 30,2 //1, JOHG IO! 45647!%89+): 1*/ >=#'' %'=#'%$ # 3 /+30 *-*, DEDO 3,/, +3)) 3+23 KOGO !K!H '6! &@ ! %89 +3: //+/ A' $ !%' &(%$ # * +020 *-** DEDD * * * D HI"I 45647!%89+): +020 ABB;&;8Q( !" #$ %&" '(# )* 1.2. *-./ DEFG +0)12 ,.// .033 +)3)) HI!J" KFJD! Q(RR(9S 7(8M NHKP H"KOK 45647!%89+3: +23/0 )0) KHG! ;+3%<( &'4'%=75$ 7!$ 7%&! +1 1*/ *-+0 DEHI 1,+/ 30,2 //1, JOHG IO! 45647!%89+): 1*/ &>'=(!%'&(%&! 3 .//0 *-*, DEDO 3,/, +3)) 0+1 KOGO FKKH '6! &@ ! %89 +1: ..)0 A' $ !%' &(%&! * 1*,2 *-** DEDD * * * D JDO" 45647!%89+): 1*,2 R%R HHJ GF!KG HEJD HEJD FOKGJ KFFKO GOGHK FOKGJ JO"H" FD"HD ** < =>'@ =>'@ < < < < < < 198 !"#$% &%'#&" !()*++ ,-!./0%$. !%/1#1# !2 !-3* !4) !( 5( 6 78 9: 6 6 6 6 !" #$$%&%'() ' ***+, !+ *-++ *.!-" *!/!! ,011 1-/,0 !" 2343(5%#) () 6 -+1 , /,+ 1!+" *-0- *!.1 !*"/ !" #$$%&%(26 -0"0 !+ *-++ *.!-" *!/!! ,011 1*"0/ !" 2343(5%#) (2' -+1 , /,+ 1!+" *-0- *!.1 !*"/ !" 75638 (3563() 6 1*/. ! /119/ /,1, /*"/ */!! -,.0 !" :3 ) '(3 2&() 6 *.". + +9+ + + + *.". !" 2735&'(2' 011. ; /119/ /,1, .*- */!! ",!. !" :3 ) '(3 2&(2' -+," + +9+ + + + -+," 1%1-!"#$% 8;<=8 >'' <==@A; ;><== 8<BBB ==;<> CC>C= <DE &%'#&. 2 F()*++ F4 F4G F3* #! H' !-I-J3 FJ3G K%L.&&% MN9O 6 6 6 6 6 6 M6 PQ R*J S )' (* +9+"* *.*- /0.- ",.9" .1, /0.- /+-! /+-! ! /9!/ 0/+ )' (/ +9+1- */-0 */., 1.!9. 0./ */., *!-/ *!-/ 0 *9.* 0/+ )' (1 +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ )' (! +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ THH"'"-$% )' (0 +9+1- */-0 */., 1.!9. 0./ */., *!-/ *!-/ 0 *9.* 0/+ )' (- +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ )' (" +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ )' (, +9+1- */-0 */., 1.!9. 0./ */., *!-/ *!-/ 0 *9.* 0/+ )' (. +9+"* *.*- /0.- ",.9" .1, /0.- /+-! /+-! ! /9!/ 0/+ 2343(5%#) %') 6() 6 +9+/1 -+1 ,0/ 1"191 11-, ,0/ 10., **.. 1 *9/- //+ 75638 (3563() 6 +9+", 11*1 /,1, */!19. /*"/ /,1, !/!* /*/* ! /9!/ 0/+ :3 ) '(3 2&() 6 +9+++ *.". + +9+ + + *.". ..+ ! *9*+ //+ 26(* + +9+"* /*-1 /0.- ",.9" .1, /0.- /1** /1** ! /9!/ 0/+ 26(* * +9+1- *!1* */., 1.!9. 0./ */., *-/, *-/, 0 *9.* 0/+ 26(* / +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ 26(* 1 +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ THH"'"-0. 26(* ! +9+1- *!1* */., 1.!9. 0./ */., *-/, *-/, 0 *9.* 0/+ 26(* 0 +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ 26(* - +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ 26(* " +9+1- *!1* */., 1.!9. 0./ */., *-/, *-/, 0 *9.* 0/+ 26(* , +9+"* /*-1 /0.- ",.9" .1, /0.- /1** /1** ! /9!/ 0/+ 2343(5%#) %') %(2' +9+/1 -+1 ,0/ 1"191 11-, ,0/ 10., **.. 1 *9/- //+ 2735&'(32&(2' +9+", 00!. /,1, */!19. .*- /,1, 0//* /-** 1 /9"1 0/+ :3 ) '(3 2&(2' +9+++ -+," + +9+ + + -+," 1+!! ! 19*" 0/+ <DE &%'#&. 2 F()*++ F4 F4G F3* #! H' !-I-J3 FJ3G K%L.&&% MN9O 6 6 6 6 6 6 6 PQ R*J S )' (* +9+"* *.*- /0.- +9+ .1, /0.- /,0! /,0! * 19!/ 0/+ )' (/ +9+1- */-0 */., +9+ 0./ */., *,0" *,0" ! /9!/ 0/+ )' (1 +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ )' (! +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ THH"'"-$% )' (0 +9+1- */-0 */., +9+ 0./ */., *,0" *,0" ! /9!/ 0/+ )' (- +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ )' (" +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ )' (, +9+1- */-0 */., +9+ 0./ */., *,0" *,0" ! /9!/ 0/+ )' (. +9+"* *.*- /0.- +9+ .1, /0.- /,0! /,0! * 19!/ 0/+ 2343(5%#) %') 6() 6 +9+/1 -+1 ,0/ +9+ 11-, ,0/ 1."* *1/! / *9!1 //+ 75638 (3563() 6 +9+", 11*1 /,1, +9+ /*"/ /,1, 0!,0 /"!1 / 19+! 0/+ :3 ) '(3 2&() 6 +9+++ *.". + +9+ + + *.". ..+ ! *9*+ //+ 26(* + +9+"* /*-1 /0.- +9+ .1, /0.- 1*+* 1*+* * 19!/ 0/+ 26(* * +9+1- *!1* */., +9+ 0./ */., /+/1 /+/1 ! /9!/ 0/+ 26(* / +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ 26(* 1 +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ THH"'"-0. 26(* ! +9+1- *!1* */., +9+ 0./ */., /+/1 /+/1 ! /9!/ 0/+ 26(* 0 +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ 26(* - +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ 26(* " +9+1- *!1* */., +9+ 0./ */., /+/1 /+/1 ! /9!/ 0/+ 26(* , +9+"* /*-1 /0.- +9+ .1, /0.- 1*+* 1*+* * 19!/ 0/+ 2343(5%#) %') %(2' +9+/1 -+1 ,0/ +9+ 11-, ,0/ 1."* *1/! / *9!1 //+ 2735&'(32&(2' +9+", 00!. /,1, +9+ .*- /,1, -!-0 1/11 * 19!/ 0/+ :3 ) '(3 2&(2' +9+++ -+," + +9+ + + -+," 1+!! ! 19*" 0/+ < 199

!"#$% &%'#&" !()*++ ,-!./0%$. !%/1#1# !2 !-3* !4) !( 5( 6 78 9: 6 6 6 6 !" #$$%&%'() ' ***+, !+ *-++ *.!-" *!/!! ,011 1-/,0 !" 2343(5%#) () 6 -+1 , /,+ 1!+" *-0- *!.1 !*"/ !" #$$%&%(26 -0"0 !+ *-++ *.!-" *!/!! ,011 1*"0/ !" 2343(5%#) (2' -+1 , /,+ 1!+" *-0- *!.1 !*"/ !" 75638 (3563() 6 1*/. ! /119/ /,1, /*"/ */!! -,.0 !" :3 ) '(3 2&() 6 *.". + +9+ + + + *.". !" 2735&'(2' 011. ; /119/ /,1, .*- */!! ",!. !" :3 ) '(3 2&(2' -+," + +9+ + + + -+," 1%1-!"#$% 8;<=8 >'' <==@A; ;><== 8<BBB ==;<> CC>C= <DE &%'#&. 2 F()*++ F4 F4G F3* #! H' !-I-J3 FJ3G K%L.&&% MN9O 6 6 6 6 6 6 M6 PQ R*J S )' (* +9+"* *.*- /0.- ",.9" .1, /0.- /+-! /+-! ! /9!/ 0/+ )' (/ +9+1- */-0 */., 1.!9. 0./ */., *!-/ *!-/ 0 *9.* 0/+ )' (1 +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ )' (! +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ THH"'"-$% )' (0 +9+1- */-0 */., 1.!9. 0./ */., *!-/ *!-/ 0 *9.* 0/+ )' (- +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ )' (" +9+"* *.+, /0.- ",.9" .1, /0.- /+0- /+0- ! /9!/ 0/+ )' (, +9+1- */-0 */., 1.!9. 0./ */., *!-/ *!-/ 0 *9.* 0/+ )' (. +9+"* *.*- /0.- ",.9" .1, /0.- /+-! /+-! ! /9!/ 0/+ 2343(5%#) %') 6() 6 +9+/1 -+1 ,0/ 1"191 11-, ,0/ 10., **.. 1 *9/- //+ 75638 (3563() 6 +9+", 11*1 /,1, */!19. /*"/ /,1, !/!* /*/* ! /9!/ 0/+ :3 ) '(3 2&() 6 +9+++ *.". + +9+ + + *.". ..+ ! *9*+ //+ 26(* + +9+"* /*-1 /0.- ",.9" .1, /0.- /1** /1** ! /9!/ 0/+ 26(* * +9+1- *!1* */., 1.!9. 0./ */., *-/, *-/, 0 *9.* 0/+ 26(* / +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ 26(* 1 +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ THH"'"-0. 26(* ! +9+1- *!1* */., 1.!9. 0./ */., *-/, *-/, 0 *9.* 0/+ 26(* 0 +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ 26(* - +9+"* /*00 /0.- ",.9" .1, /0.- /1+1 /1+1 ! /9!/ 0/+ 26(* " +9+1- *!1* */., 1.!9. 0./ */., *-/, *-/, 0 *9.* 0/+ 26(* , +9+"* /*-1 /0.- ",.9" .1, /0.- /1** /1** ! /9!/ 0/+ 2343(5%#) %') %(2' +9+/1 -+1 ,0/ 1"191 11-, ,0/ 10., **.. 1 *9/- //+ 2735&'(32&(2' +9+", 00!. /,1, */!19. .*- /,1, 0//* /-** 1 /9"1 0/+ :3 ) '(3 2&(2' +9+++ -+," + +9+ + + -+," 1+!! ! 19*" 0/+ <DE &%'#&. 2 F()*++ F4 F4G F3* #! H' !-I-J3 FJ3G K%L.&&% MN9O 6 6 6 6 6 6 6 PQ R*J S )' (* +9+"* *.*- /0.- +9+ .1, /0.- /,0! /,0! * 19!/ 0/+ )' (/ +9+1- */-0 */., +9+ 0./ */., *,0" *,0" ! /9!/ 0/+ )' (1 +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ )' (! +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ THH"'"-$% )' (0 +9+1- */-0 */., +9+ 0./ */., *,0" *,0" ! /9!/ 0/+ )' (- +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ )' (" +9+"* *.+, /0.- +9+ .1, /0.- /,!- /,!- / 19+! 0/+ )' (, +9+1- */-0 */., +9+ 0./ */., *,0" *,0" ! /9!/ 0/+ )' (. +9+"* *.*- /0.- +9+ .1, /0.- /,0! /,0! * 19!/ 0/+ 2343(5%#) %') 6() 6 +9+/1 -+1 ,0/ +9+ 11-, ,0/ 1."* *1/! / *9!1 //+ 75638 (3563() 6 +9+", 11*1 /,1, +9+ /*"/ /,1, 0!,0 /"!1 / 19+! 0/+ :3 ) '(3 2&() 6 +9+++ *.". + +9+ + + *.". ..+ ! *9*+ //+ 26(* + +9+"* /*-1 /0.- +9+ .1, /0.- 1*+* 1*+* * 19!/ 0/+ 26(* * +9+1- *!1* */., +9+ 0./ */., /+/1 /+/1 ! /9!/ 0/+ 26(* / +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ 26(* 1 +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ THH"'"-0. 26(* ! +9+1- *!1* */., +9+ 0./ */., /+/1 /+/1 ! /9!/ 0/+ 26(* 0 +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ 26(* - +9+"* /*00 /0.- +9+ .1, /0.- 1+.1 1+.1 * 19!/ 0/+ 26(* " +9+1- *!1* */., +9+ 0./ */., /+/1 /+/1 ! /9!/ 0/+ 26(* , +9+"* /*-1 /0.- +9+ .1, /0.- 1*+* 1*+* * 19!/ 0/+ 2343(5%#) %') %(2' +9+/1 -+1 ,0/ +9+ 11-, ,0/ 1."* *1/! / *9!1 //+ 2735&'(32&(2' +9+", 00!. /,1, +9+ .*- /,1, -!-0 1/11 * 19!/ 0/+ :3 ) '(3 2&(2' +9+++ -+," + +9+ + + -+," 1+!! ! 19*" 0/+ < SCHEDE TECNICHE FAN-COIL Potenze in caldo e freddo





201 Curve prestazionali ventilatori
Perdite di carico batteria principale 202
Potenza termica resa dalla batteria




203
Livelli di pressione sonora in dB(A) 204 !"#$%%" &'() *+!+%,-, %+./0'123! #. 4 5678 97: 97: ; <-,**"'13,." =>'@@ 'A'BC'D>= @E>CD @E>CD >A' FB 2,!"'E E@BC GAB 'E !"#!$#% &'( )')'*& (*%&+++'% &&, &&, )*& '( @F>' DAF EB @>D= >AB EB !"#-$#% &'( )(+)*& (*%+&+%)) &') &') '*& '( !"#-$#' &'( )(+)*& (*%+&+%)) &') &') '*& '( !"#!$#' &'( )')'*& (*%&+++'% &&, &&, .*' '( 2,!"'@ B=CFCA> '*/,0,,(. 00/% CC=@ BAE FB ." 1"#23#% &'( '+,' (*%%/,(,) +') FD>F %*. &( 1"#23#' &'( '+,' (*%%/,(,) +') &0.' ) &( 1"#23#) &'( '+,' (*%%/,(,) +') &&&0 ) &( 1"#23#+ &'( '+,' (*%%/,(,) +') &%)& ) &( 1"#23#& &'( '+,' (*%%/,(,) +') +/%' ) &( 1"#23#, &'( '+,' (*%%/,(,) +') +'.0 ) &( 1"#23#/ &'( '+,' (*%%/,(,) +') ).,& ) &( 1"#23#. &'( '+,' (*%%/,(,) +') )++' ) &( )(%. %*& &( <,%,'23+.'.$ 14#!5#% ''( %)'+ (*(,)'+', ''. FG' =AD '( 14#!5#' ''( %)'+ (*(,)'+', ''. +&& ) '( 14#!5#) ''( %)'+ (*(,)'+', ''. ''. ) %& 1"#23#0 &'( '+,' (*%%/,(,) +') '))& %*& &( 1"#23#%( &'( '+,' (*%%/,(,) +') %0%' ) &( 1"#23#%% &'( '+,' (*%%/,(,) +') %+.0 ) &( 1"#23#%' &'( '+,' (*%%/,(,) +') %(,& %*, &( ,+' %)*% &( <$ !4#23#% &'( ','/ (*%'&&'%, +&' F=D= %)*% &( !4#23#' &'( ','/ (*%'&&'%, +&' ,'0, %*, &( !4#23#) &'( ','/ (*%'&&'%, +&' &.++ ) &( !4#23#+ &'( ','/ (*%'&&'%, +&' &)0' ) &( +0+( %*& &( <,%,'23+.'<" !"#!5#) ''( %)'+ (*(,)'+', ''. FG' /*+ '( !"#!5#' ''( %)'+ (*(,)'+', ''. +&& ) '( !"#!5#% ''( %)'+ (*(,)'+', ''. ''. ) %& !4#23#& &'( ','/ (*%'&&'%, +&' +'&/ %*& &( !4#23#, &'( ','/ (*%'&&'%, +&' ).(& ) &( !4#23#/ &'( ','/ (*%'&&'%, +&' ))&) ) &( !4#23#. &'( ','/ (*%'&&'%, +&' '0(% ) &( !4#23#0 &'( ','/ (*%'&&'%, +&' '++0 ) &( !4#23#%( &'( ','/ (*%'&&'%, +&' %00. ) &( !4#23#%% &'( ','/ (*%'&&'%, +&' %&+, ) &( !4#23#%' &'( ','/ (*%'&&'%, +&' %(0+ ) &( ,+' %*. &( @EGD @'A= EB 14#6$#' &'( '/+) (*%)%()' +/' +/' )*& '( .%' +*, EB <H,2*"'.$ 'D> >AB @B 14#-$#' ''( 00( (*(+/'/,, %/( %/( '*& %& 14#-$#% ''( 00( (*(+/'/,, %/( %/( '*& %& 14#6$#% &'( '/+) (*%)%()' +/' +/' .*' '( 1"2-,-, 205 !"#$%%" &'() * +",-.-. /0!0%.-. %0123$44. #1 5 6789 :8; :8; :8; :8; * ** <-.//"'+=.1" >'@@A BCDAAEDFD> FABG BEEFF ECA AE ,.!"'D HFG GCA !" #$%&'%! (!" !!)) "*"+,(-,). !+, /"" /"" /"" /*( 0( 'FG FC' !" >FG ECA 0( #$%1'%! !!" 0)0/ "*").!!0-, 0+) 0)" 0+) 0+) !*( 0( #$%1'%0 !!" 0)0/ "*").!!0-, 0+) 0)" 0+) 0+) !*( 0( #$%&'%0 (!" !!)) "*"+,(-,). !+, /"" /"" /"" .*! 0( ,.!"'B HEH' ACD AE <$ 2$%34%0! (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" )(). 0*. (" 2$%34%00 (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" )!). / (" 2$%34%0" (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" /-). / (" 2$%34%- (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" /,). / (" 2$%34%. (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" //). / (" 2$%34%+ (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" /"). / (" 2$%34%, (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" !+). / (" 2$%34%( (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" !)). / (" !0). 0*( (" <.%.',=01'<" 25%26%/ !!" !/! "*""+-0+(( !- 0"" 0"" /"" @CF 0( 25%26%! !!" !/! "*""+-0+(( !- 0"" 0"" !"" / 0( 25%26%0 !!" !/! "*""+-0+(( !- 0"" 0"" 0"" / 0( 2$%34%) (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" 0.). 0*( (" 2$%34%/ (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" 0(). / (" 2$%34%! (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" 0!). / (" 2$%34%0 (!" .0) "*"!++,!,0 0"" /"" /"" -). 0*, (" ,). 0/*0 (" 1" #5%34%0! (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" )(). 0/*0 (" #5%34%00 (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" )!). 0*, (" #5%34%0" (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" /-). / (" #5%34%- (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" /,). / (" //). 0*( (" <.%.',=01'1$ #$%26%0 !!" !/! "*""+-0+(( !- 0"" 0"" /"" @CF 0( #$%26%! !!" !/! "*""+-0+(( !- 0"" 0"" !"" / 0( #$%26%/ !!" !/! "*""+-0+(( !- 0"" 0"" 0"" / 0( #5%34%. (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" /"). 0*( (" #5%34%+ (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" !+). / (" #5%34%, (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" !)). / (" #5%34%( (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" !0). / (" #5%34%) (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" 0.). / (" #5%34%/ (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" 0(). / (" #5%34%! (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" 0!). / (" #5%34%0 (!" ./, "*"!.(///! 0"/ /"" /"" -). / (" ,). 0*. (" <I.,/" BDH' B>C@ DA 25%2'%0 (!" !./,*) "*"-,+--.. /). /"" /). /). /*( 0( -). )*, !( J.'<" ,"" "*( !" 25%1'%0 (!" 0/""*" "*"))/,((+ 0," /"" /"" /"" !*( 0( 25%1'%! (!" 0/""*" "*"))/,((+ 0," /"" /"" /"" !*( 0( 25%2'%! (!" !./,*) "*"-,+--.. /). /"" /). /). .*! 0( </$%-.'+",-.-. 206 Pagina: 1 di pag.: 2 dim tubi piano freddo.xls-dp Ariatta Stampato il: 05/05/1 1 alle: 16.29 n° commessa : agg. : riferimento : operatore : data : descrizione : T emperatura (°C) 10 (10, 20, 30, 40, 50, 60, 70, 80) portata pompa : 3,36 l/s potenza assorbita : 0,45 kW Materiale ACCIAIO (acciaio, rame, pex, pead) 12,1 mc/h Incrostazione LEGGERA (assente, leggera, media, forte) prevalenza : 33,20 kPa potenza installata : 0,6 kW D int : 12,7 / 16,3 /21,7 / 27,4 / 36,1 / 42 / 53,1 / 70,3 / 82,5 / 107,1/ 131,7 / 159,3 / 207,3 / 260,4 / 309,7 Riferimento tronco Portata Diametro interno calcolato teorico Diametro interno scelto Diametro nominale (acciaio) V elocità Resistenza continua unitaria Lunghezza tronco T otale resistenze continue Gomito Curva Allargamento Diramazione/ Confluenza semplice TEE Restringimento Diramazione/ Confluenza doppia TEE V alvola a sfera a passaggio totale Va lv o la a farfalla Va lv o la d i ritegno Perdita di carico localizzata T otale resistenze accidentalità T otale resistenza tronco T otale progressivo resistenza l/h mm mm m/s mm c.a./m m mm c. a. n° n° n° n° n° n° n° mm c.a. mm c. a. mm c.a. m c.a. 12.094 62 70,30 DN 65 0,87 15,8 0,5 7,9 2 1 1 11 9 ,5 127,4 0,13 9.971 58 70,30 DN 65 0,71 10,9 7 76,3 2 1 2 71,9 148,2 0,28 9.781 57 53,10 DN 50 1,23 43,4 3 130,2 1 77,1 207,3 0,49 9.592 57 53,10 DN 50 1,2 41,9 3 125,7 1 73,4 199,1 0,69 9.402 56 53,10 DN 50 1,18 40,3 3 120,9 1 70,9 191,8 0,88 9.212 56 53,10 DN 50 1,16 38,9 3 11 6 ,7 1 68,6 185,3 1,06 9.023 55 53,10 DN 50 1,13 37,3 3 111 ,9 1 65,1 177 1,24 8.833 55 53,10 DN 50 1,1 1 35,9 3 107,7 1 62,8 170,5 1,41 8.643 55 53,10 DN 50 1,08 34,4 3 103,2 1 59,4 162,6 1,57 8.454 54 53,10 DN 50 1,06 33,1 1,5 49,7 1 57,2 106,9 1,68 8.148 53 53,10 DN 50 1,02 30,8 1,5 46,2 1 53 99,2 1,78 7.958 53 53,10 DN 50 1 29,5 3 88,5 1 50,9 139,4 1,92 7.769 52 53,10 DN 50 0,97 28,2 3 84,6 1 47,9 132,5 2,05 7.579 52 53,10 DN 50 0,95 27 1,6 43,2 1 46 89,2 2,14 7.389 51 53,10 DN 50 0,93 25,7 13,1 336,7 1 1 1 92,5 429,2 2,57 6.106 48 53,10 DN 50 0,77 18 1,6 28,8 1 30,2 59 2,63 5.654 47 53,10 DN 50 0,71 15,3 3 45,9 1 25,7 71,6 2,70 5.202 45 53,10 DN 50 0,65 13,1 3 39,3 1 21,5 60,8 2,76 4.750 44 53,10 DN 50 0,6 11 ,1 3 33,3 1 18,3 51,6 2,81 4.298 42 53,10 DN 50 0,54 9,2 3 27,6 1 14,9 42,5 2,86 3.846 40 53,10 DN 50 0,48 7,4 3 22,2 1 11 ,7 33,9 2,89 3.394 39 53,10 DN 50 0,43 5,9 3 17,7 1 9,4 27,1 2,92 2.942 38 53,10 DN 50 0,37 4,5 3 13,5 1 9,1 22,6 2,94 2.491 37 53,10 DN 50 0,37 4,5 1,5 6,8 1 7 13,8 2,95 683 21 21,70 DN 20 0,51 26,1 7,4 193,1 1 1 33,1 226,2 3,18 455 18 21,70 DN 20 0,34 12,2 3 36,6 1 5,9 42,5 3,22 228 14 16,30 DN 15 0,3 14 3 42 1 1 10,1 52,1 3,28 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 ACCIAIO LEGGERA 10 207 Pagina: 1 di pag.: 2 dim tubi piano caldo.xls-dp Ariatta Stampato il: 05/05/1 1 alle: 16.34 n° commessa : agg. : riferimento : operatore : data : descrizione : T emperatura (°C) 50 (10, 20, 30, 40, 50, 60, 70, 80) portata pompa : 2,79 l/s potenza assorbita : 0,29 kW Materiale ACCIAIO (acciaio, rame, pex, pead) 10,0 mc/h Incrostazione LEGGERA (assente, leggera, media, forte) prevalenza : 25,61 kPa potenza installata : 0,4 kW D int : 12,7 / 16,3 /21,7 / 27,4 / 36,1 / 42 / 53,1 / 70,3 / 82,5 / 107,1/ 131,7 / 159,3 / 207,3 / 260,4 / 309,7 Riferimento tronco Portata Diametro interno calcolato teorico Diametro interno scelto Diametro nominale (acciaio) V elocità Resistenza continua unitaria Lunghezza tronco T otale resistenze continue Gomito Curva Allargamento Diramazione/ Confluenza semplice TEE Restringimento Diramazione/ Confluenza doppia TEE V alvola a sfera a passaggio totale Va lv o la a farfalla Va lv o la d i ritegno Perdita di carico localizzata T otale resistenze accidentalità T otale resistenza tronco T otale progressivo resistenza l/h mm mm m/s mm c.a./m m mm c. a. n° n° n° n° n° n° n° mm c.a. mm c. a. mm c.a. m c.a. 10.044 57 53,10 DN 50 1,26 41,5 0,5 20,8 2 1 1 319,7 340,5 0,34 9.096 55 53,10 DN 50 1,14 34,6 7 242,2 2 1 2 209,4 451,6 0,80 8.796 54 53,10 DN 50 1,1 32,4 3 97,2 1 60,9 158,1 0,95 8.496 53 53,10 DN 50 1,07 30,4 3 91,2 1 57,6 148,8 1,10 8.196 53 53,10 DN 50 1,03 28,4 3 85,2 1 53,4 138,6 1,24 7.896 52 53,10 DN 50 0,99 26,5 3 79,5 1 49,3 128,8 1,37 7.596 51 53,10 DN 50 0,95 24,6 3 73,8 1 45,4 11 9 ,2 1,49 7.296 50 53,10 DN 50 0,92 22,8 3 68,4 1 42,6 111 1,60 6.996 50 53,10 DN 50 0,88 21,1 3 63,3 1 39 102,3 1,70 6.696 49 53,10 DN 50 0,84 19,4 1,5 29,1 1 35,5 64,6 1,77 6.396 48 53,10 DN 50 0,8 17,9 1,5 26,9 1 32,2 59,1 1,83 6.096 47 53,10 DN 50 0,76 16,3 3 48,9 1 29,1 78 1,90 5.796 46 53,10 DN 50 0,73 14,6 3 43,8 1 26,8 70,6 1,98 5.496 45 53,10 DN 50 0,69 13,2 1,6 21,1 1 24 45,1 2,02 4.200 41 53,10 DN 50 0,53 8 13,1 104,8 1 1 1 29,7 134,5 2,16 3.900 40 53,10 DN 50 0,49 7 1,6 11 ,2 1 12,1 23,3 2,18 3.600 39 53,10 DN 50 0,45 6 3 18 1 10,2 28,2 2,21 3.300 37 53,10 DN 50 0,41 5,1 3 15,3 1 8,5 23,8 2,23 3.000 36 53,10 DN 50 0,38 4,2 3 12,6 1 7,3 19,9 2,25 2.700 35 53,10 DN 50 0,34 3,5 3 10,5 1 5,8 16,3 2,27 2.400 33 53,10 DN 50 0,3 2,8 3 8,4 1 4,5 12,9 2,28 2.100 32 53,10 DN 50 0,26 2,2 3 6,6 1 3,4 10 2,29 1.800 30 53,10 DN 50 0,23 1,7 3 5,1 1 0 5,1 2,30 1.500 28 53,10 DN 50 0,19 1,2 1,5 1,8 1 1,8 3,6 2,30 300 15 16,30 DN 15 0,4 21,4 7,4 158,4 1 1 24,2 182,6 2,48 200 13 16,30 DN 15 0,27 10 3 30 1 3,7 33,7 2,52 100 10 16,30 DN 15 0,13 2,7 3 8,1 1 1 1,9 10 2,53 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 ACCIAIO LEGGERA 50 208 Pagina: 1 di pag.: 2 montante caldo.xls-dp Ariatta Stampato il: 05/05/1 1 alle: 16.15 n° commessa : agg. : riferimento : operatore : data : descrizione : T emperatura (°C) 50 (10, 20, 30, 40, 50, 60, 70, 80) portata pompa : 83,92 l/s potenza assorbita : 29,06 kW Materiale ACCIAIO (acciaio, rame, pex, pead) 302,1 mc/h Incrostazione LEGGERA (assente, leggera, media, forte) prevalenza : 86,56 kPa potenza installata : 36,3 kW D int : 12,7 / 16,3 /21,7 / 27,4 / 36,1 / 42 / 53,1 / 70,3 / 82,5 / 107,1/ 131,7 / 159,3 / 207,3 / 260,4 / 309,7 Riferimento tronco Portata Diametro interno calcolato teorico Diametro interno scelto Diametro nominale (acciaio) V elocità Resistenza continua unitaria Lunghezza tronco T otale resistenze continue Gomito Curva Allargamento Diramazione/ Confluenza semplice TEE Restringimento Diramazione/ Confluenza doppia TEE V alvola a sfera a passaggio totale Va lv o la a farfalla Va lv o la d i ritegno Perdita di carico localizzata T otale resistenze accidentalità T otale resistenza tronco T otale progressivo resistenza l/h mm mm m/s mm c.a./m m mm c. a. n° n° n° n° n° n° n° mm c.a. mm c. a. mm c.a. m c.a. 302.124 202 207,30 DN 200 2,49 27,2 11 5 ,0 0 3128 1 1 624,2 3752,2 3,75 181.596 167 207,30 DN 200 1,49 10 59,00 590 1 1 223,5 813,5 4,57 171.552 163 207,30 DN 200 1,41 9 3,90 35,1 1 100,1 135,2 4,70 161.508 160 159,30 DN 150 2,25 31,5 3,90 122,9 1 254,9 377,8 5,08 151.464 156 159,30 DN 150 2,1 1 27,9 3,90 108,8 1 224,1 332,9 5,41 141.420 152 159,30 DN 150 1,97 24,6 3,90 95,9 1 195,4 291,3 5,70 131.376 148 159,30 DN 150 1,83 21,5 3,90 83,9 1 168,6 252,5 5,96 121.332 144 159,30 DN 150 1,69 18,5 3,90 72,2 1 143,8 216 6,17 111 .2 8 8 139 159,30 DN 150 1,55 15,7 3,90 61,2 1 120,9 182,1 6,35 101.244 134 159,30 DN 150 1,41 12,6 3,90 49,1 2 200,2 249,3 6,60 91.200 129 131,70 DN 125 1,86 28 3,90 109,2 1 174,2 283,4 6,89 81.156 124 131,70 DN 125 1,65 22,6 3,90 88,1 1 137,1 225,2 7,1 1 71.1 12 11 8 131,70 DN 125 1,45 16,9 20,15 340,5 2 1 1 381 721,5 7,83 35.556 91 107,10 DN 100 1,1 13 23 299 7 1 402 701 8,54 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 ACCIAIO LEGGERA 50 209 Pagina: 1 di pag.: 2 montante freddo.xls-dp Ariatta Stampato il: 05/05/1 1 alle: 16.16 n° commessa : agg. : riferimento : operatore : data : descrizione : T emperatura (°C) 10 (10, 20, 30, 40, 50, 60, 70, 80) portata pompa : 109,64 l/s potenza assorbita : 41 kW Materiale ACCIAIO (acciaio, rame, pex, pead) 394,7 mc/h Incrostazione LEGGERA (assente, leggera, media, forte) prevalenza : 93,49 kPa potenza installata : 51,3 kW D int : 12,7 / 16,3 /21,7 / 27,4 / 36,1 / 42 / 53,1 / 70,3 / 82,5 / 107,1/ 131,7 / 159,3 / 207,3 / 260,4 / 309,7 Riferimento tronco Portata Diametro interno calcolato teorico Diametro interno scelto Diametro nominale (acciaio) V elocità Resistenza continua unitaria Lunghezza tronco T otale resistenze continue Gomito Curva Allargamento Diramazione/ Confluenza semplice TEE Restringimento Diramazione/ Confluenza doppia TEE V alvola a sfera a passaggio totale Va lv o la a farfalla Va lv o la d i ritegno Perdita di carico localizzata T otale resistenze accidentalità T otale resistenza tronco T otale progressivo resistenza l/h mm mm m/s mm c.a./m m mm c. a. n° n° n° n° n° n° n° mm c.a. mm c. a. mm c.a. m c.a. 394.699 227 260,40 DN 250 2,06 15,7 11 5 ,0 0 1805,5 1 1 432,4 2237,9 2,24 249.576 192 207,30 DN 200 2,05 20,8 59,00 1227,2 1 1 428,2 1655,4 3,89 237.482 188 207,30 DN 200 1,95 19 3,90 74,1 1 193,7 267,8 4,16 225.389 184 207,30 DN 200 1,85 17,2 3,90 67,1 1 174,4 241,5 4,40 213.295 181 207,30 DN 200 1,76 15,5 3,90 60,5 1 157,8 218,3 4,62 201.201 177 207,30 DN 200 1,66 13,9 3,90 54,2 1 140,4 194,6 4,82 189.108 173 207,30 DN 200 1,56 12,4 3,90 48,4 1 124 172,4 4,99 177.014 169 207,30 DN 200 1,46 10,6 3,90 41,3 1 108,6 149,9 5,14 164.921 164 207,30 DN 200 1,36 9,3 3,90 36,3 1 94,2 130,5 5,27 152.827 160 159,30 DN 150 2,13 31,2 3,90 121,7 2 462,3 584 5,85 140.733 155 159,30 DN 150 1,96 26,8 3,90 104,5 1 195,7 300,2 6,15 128.640 150 159,30 DN 150 1,79 22,6 3,90 88,1 1 163,2 251,3 6,40 11 6 .5 4 6 144 159,30 DN 150 1,62 18,8 20,15 378,8 2 1 1 481,3 860,1 7,27 58.273 111 107,10 DN 100 1,8 37,6 23 864,8 7 1 1089,5 1954,3 9,23 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 0,00 0 0 0 0 0 ACCIAIO LEGGERA 10 210 Allegato 4

' Profili carichi interni


Profili luci ASHRAE Profili luci PROGETTO 211 Profili miscellaneous ASHRAE Profili computer PPROGETTO MODIFICATO Profili occupazione e computer PROGETTO

212 Profili occupazione ASHRAE


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186