verticale

Pretrattamenti termo-meccanici ed enzimatici su scarti dell'industria enologica per la produzione di Biogas

Per cogliere a fondo il significato innovativo delle moderne biotecnologie bisogna raffrontarlo alle problematiche della bioindustria, il comparto produttivo che utilizza organismi biologici o loro componenti attivi quali agenti di trasformazione o di riconoscimento molecolare. I settori della bioindustria sono molto diversificati: vanno dai prodotti farmaceutici e diagnostici ai prodotti per l’industria alimentare, dai prodotti per l’industria chimica ai processi e prodotti per il monitoraggio ed il trattamento riabilitativo dell’ambiente e comprendono anche il settore dell’energia. Il comparto produttivo risulta quindi molto ampio e diversificato, legato dalla comune utilizzazione di organismi biologici o di loro componenti attivi come agenti di trasformazione o come sistemi di riconoscimento molecolare.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Tesi di Dottorato di Ricerca in Biologia cellulare, molecolare e industriale: Progetto n. 3 “Microbiologia e biotecnologie industriali”, Bologna 2012

Pubblicato
da Martina Gambini
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Alma Mater Studiorum '' Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN Biologia cel ulare, molecolare e industriale: Progetto n. 3 ''Microbiologia e biotecnologie industriali' Ciclo XXIV Settore Concorsuale di afferenza: CHIM11 TITOLO TESI PRETRATTAMENTI TERMO-MECCANICI ED ENZIMATICI SU SCARTI DELL'INDUSTRIA ENOLOGICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS Presentata da: Bracchitta Mirko Coordinatore Dottorato Relatore Alejandro Hochkoeppler Leonardo Setti Esame finale anno 2012 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE''....................'''''''''''''''''.....1 Il concetto di bioindustria nel settore delle moderne biotecnologie applicato al settore dell''energia..................''''..........'''''..'''..................................1 Biocarburanti...................................................................................................................5 Ruolo dei biocarburanti nelle politiche comunitarie................................................6 Valorizzazione energetica di scarti dell''industria agro-alimentare mediante un
approccio di biorefinery
..................................................................................................7 Biogas come vettore energetico polivalente.................................................................12 Fasi della digestione anaerobica nella produzione di biogas.............................14 Fase di idrolisi.....................................................................................................15 Fase di acidogenesi.............................................................................................15 Fase di acetogenesi.............................................................................................16 Fase di metanogenesi..........................................................................................17 Produzione potenziale di biogas da vari componenti delle biomasse.......................18 Composizione chimica e struttura delle biomasse ligno-cellulosiche........................19 Carboidrati..........................................................................................................20 Lignina.................................................................................................................24 Pre-trattamenti dei substrati ligno-cellulosici.............................................................27 Pre-trattamenti meccanico-fisici..........................................................................28 Estrusione................................................................................................29 Ultrasuoni................................................................................................29 Pre-trattamenti termici.........................................................................................29 Pre-trattamenti chimici........... ............................................................................30 Trattamenti con acidi...............................................................................30 Trattamenti con basi................................................................................30 Pre-trattamenti biologici......................................................................................31 Pre-trattamenti enzimatici.......................................................................31 Cellulasi.......................................................................................31 Amilasi.........................................................................................33 Xilanasi........................................................................................34 Pectinasi......................................................................................35 Laccasi.........................................................................................36
Perossidasi...................................................................................38 Fermentazioni fungine.............................................................................39 II 2. PARTE SPERIMENTALE...................................................................................... 41 Scarti agroalimentari solidi dell''industria cerealicola...............................................41 Scarti agroalimentari solidi dell''industria enologica.................................................43 Pre-trattamenti su scarti ligno-cellulosici....................................................................47 Pre-trattamenti termo-meccanici.....................................................................................47 Pre-trattamenti enzimatici...............................................................................................50 Screening e caratterizzazione di prodotti enzimatici commerciali..................................51 Idrolisi enzimatica: caratterizzazione del prodotto commerciale Novozymes.....51 Idrolisi enzimatica: caratterizzazione del prodotto commerciale Genencor.........57 Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria cerealicola.........67 Valutazione preliminare del trattamento enzimatico su paglia estrusa.................67 Trattamenti termo-meccanici ed enzimatici combinati su paglia estrusa..............68 Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria enologica..........74 Caratterizzazione dei graspi utilizzati per le prove sperimentali................74 Trattamenti termici, meccanici ed enzimatici combinati su graspi d''uva...75 Coltura in fase sommersa di Pleurotus ostreatus e valutazione dell''attività
laccasica
..........................................................................................................................81 Test d''idrolisi enzimatica su residui dell''industria enologica e cerealicola dopo
differenti pre-trattamenti
..............................................................................................85 Test idrolitici su vinacce......................................................................................85 Test idroliti su graspi d''uva.................................................................................88 Test idrolitici su paglia........................................................................................90 Test di fermentazione su residui dell''industria enologica e cerealicola idrolizzati........92 Fermentazione batch di idrolizzati di vinacce.....................................................92 Fermentazione batch di idrolizzati di graspi d''uva.............................................93 III Fermentazione batch di idrolizzati di paglia.......................................................94 Confronto energetico tra sottoprodotti idrolizzati e matrici comunemente utilizzate per la produzione di biogas........... ........................................................................................96 Conservazione di graspi d''uva in condizioni anossiche.............................................97 Test di fermentazione su graspi d''uva conservati in condizioni anossiche.........99 3. CONCLUSIONI......................................................................................................101 4. MATERIALI E METODI.....................................................................................105 Pre-trattamenti su scarti ligno-cellulosici..................................................................105 Screening e caratterizzazione di prodotti enzimatici commerciali................................105 Determinazione degli zuccheri riducenti (Metodo di Baley)........................................105 Attività amilasica...............................................................................................106 Attività xilanasica..............................................................................................107 Attività pectinasica ...........................................................................................108 Determinazione dell''attività xilanasica del preparati enzimatico Accelerase 1500 a
diverse temperature.......................................................................................................109 Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria cerealicola.............................................................................................110 Valutazione preliminare del trattamento enzimatico su paglia estrusa........................110 Coltura in fase sommersa di Pleurotus ostreatus e valutazione dell''attività
laccasica
........................................................................................................................111 Coltura di Pleurotus ostreatus su terreno solido...........................................................112 Determinazione dell''attività laccasica..........................................................................112 Test d''idrolisi enzimatica residui dell''industria enologica e cerealicola dopo
differenti pre-trattamenti
............................................................................................113 Determinazione dei carboidrati totali (Metodo fenolo/solforico).................................114 IV Conservazione di graspi d''uva in condizioni anossiche...........................................116 Test di fermentazione su graspi d''uva sottoposti a conservazione anossica.................117 5. BIBLIOGRAFIA.....................................................................................................118 V 1. INTRODUZIONE Il concetto di bioindustria nel settore delle moderne biotecnologie applicato al
settore dell''energia
Per cogliere a fondo il significato innovativo delle moderne biotecnologie bisogna raffrontarlo alle problematiche della bioindustria, il comparto produttivo che utilizza
organismi biologici o loro componenti attivi quali agenti di trasformazione o di
riconoscimento molecolare. I settori della bioindustria sono molto diversificati: vanno dai prodotti farmaceutici e
diagnostici ai prodotti per l''industria alimentare, dai prodotti per l''industria chimica ai processi e prodotti per il monitoraggio ed il trattamento riabilitativo dell''ambiente e
comprendono anche il settore dell''energia . Il comparto produttivo risulta quindi molto
ampio e diversificato, legato dalla comune utilizzazione di organismi biologici o di loro
componenti attivi come agenti di trasformazione o come sistemi di riconoscimento
molecolare. Il fattore principale di accelerazione della bioindustria è dato della innovazione biotecnologica poichè le nuove tecnologie hanno aumentato fortemente la
progettualità ed il controllo dei bioprocessi ed hanno consentito di produrre nuovi
prodotti di grande specificità d''uso. Le potenti forze che sostengono l''affermarsi
dell''innovazione biotecnologica nella bioindustria sono diverse e convergenti. La
biotecnologia offre all''industria chimica la possibilità di utilizzare come materie prime biomasse rinnovabili e di sviluppare nuovi processi per la produzione di prodotti sia
della chimica fine che di base. La maggiore ecocompatibilità dei processi biotecnologici
rispetto a quelli chimici tradizionali fornisce un ulteriore elemento di interesse. Lo sviluppo dell''industria chimica ha avuto inizio intorno al 1870 con la produzione di
coloranti artificiali e con lo sviluppo di tecniche analitiche che hanno consentito la separazione di miscele complesse, provenienti ad esempio da estratti di piante
medicinali. Parallelamente Pasteur e collaboratori portavano avanti le conoscenze
microbiologiche, evidenziando il ruolo dei microrganismi in numerosi processi infettivi
e nelle trasformazioni fermentative di diversi materiali e così le fermentazioni sono
diventate via via più competitive, sia per il progressivo aumento del costo delle materie prime utilizzabili, sia per la necessità di produrre sostanze molto complesse
difficilmente ottenibili per via chimica. La maggior parte dei microrganismi impiegati
nelle fermentazioni utilizzano zuccheri complessi o glucosio, ad esso facilmente
riconducibili come fonte di energia e carbonio per la crescita. Di fronte all''eccedenza 1 dei prodotti agricoli si pone il problema di verificare se questi possano avere un impatto commerciale significativo anche in settori diversi da quello alimentare. Questi prodotti
sono costituiti essenzialmente da fonti di carbonio fermentabile e possono venire
degradati metabolicamente e trasformati in molecole organiche di interesse o in vettori
energetici che possano facilmente rilasciare energia (come nel caso dei biocombustibili
solidi, liquidi o gassosi), che si prestano peraltro ad essere trasportati fino al luogo di utilizzazione (figura 1.1) Fig 1.1 Prodotti della bioindustria Biocarburanti Poche fonti energetiche oggi disponibili (fonti fossili come petrolio, gas naturale,
carbone, o fonti rinnovabili, come l''energia solare, eolica, idrica, ecc.) sono capaci di soddisfare le diverse necessità della società, ad esempio quella della mobilità e dei
trasporti. Diventa quindi necessario introdurre forme di energia che possano garantire
un miglior collegamento tra la disponibilità di fonti energetiche e la specifica
utilizzazione richiesta: in questo contesto i vettori energetici giocano il loro ruolo
peculiare. Il vettore energetico è una forma di energia secondaria che si presta a essere trasportata,
mediante apposite reti, fino al luogo di utilizzazione ed è costituito da una sostanza
trasportabile che possa facilmente rilasciare l''energia in essa contenuta (come nel caso
dei combustibili solidi, liquidi o gassosi, il vapore, l''acqua calda, ecc.) o anche
dall''elettricità. Le diverse fasi che sono coinvolte, dalla generazione all''uso finale di un vettore
energetico, ne costituiscono il ''ciclo di vita' in cui le operazioni fondamentali da
effettuare in questo ciclo sono: a) generazione a partire dalla fonte primaria; b) trasporto; 2 c) stoccaggio (quando richiesto); d) distribuzione;
e) impiego finale con conseguente impatto sull''ambiente, sia in termini di emissioni, sia in termini di efficienza della conservazione dell''energia originariamente
contenuta nella fonte primaria (lungo tutto il ciclo di trasformazione, sia nel
processo di produzione del vettore, che nel suo impiego finale). La connessione delle fonti energetiche al mercato comporta innanzitutto scelte sulla
natura delle fonti ma anche scelte tecnologiche e strategiche per quanto riguarda i
processi per produrre i vettori, la logistica delle fonti e dei vettori, gli usi finali, e certo
non ultima, l''efficienza energetica complessiva. I vettori si distinguono anche per la diversa forma fisica: gassosa per metano e
idrogeno; gas liquefatto per GPL (Gas di Petrolio Liquefatto) o biocombustibili come il
biometano; liquida per tutti i derivati del petrolio e biocombustibili liquidi; solida per
alcuni altri combustibili. Qui il termine biocombustibile (o biocarburante) definisce i combustibili che derivano dalle biomasse e presentano caratteristiche chimico-fisiche tali da renderli utilizzabili in processi di combustione o altra trasformazione termochimica (Gazzetta ufficiale, 2000). Attualmente la produzione di biocarburanti avviene sfruttando la biomassa, termine comune che viene usato per identificare la materia organica vegetale e che viene più specificatamente definita in Italia dal decreto legislativo 29/12/03 n.387 come: ''la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani'. La biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste quindi nei materiali organici che, tramite trasformazione, possono essere utilizzati come combustibili solidi, liquidi o gassosi. Possono essere considerate biomasse sostanze molto eterogenee come le colture tradizionalmente coltivate per scopi energetici, scarti delle lavorazioni agricole, dell''allevamento e dell''industria, residui forestali, rifiuti urbani civili e industriali (umidi e secchi), legname da ardere, reflui degli allevamenti e i sottoprodotti derivanti dai processi di lavorazione agro-industriale destinati all''alimentazione umana. La biomassa, opportunamente trasformata, può avere molteplici impieghi: ' conversione in energia elettrica o termica;
' usi non energetici per l''industria e l''agricoltura: fibre tessili, fertilizzanti, cellulosa/ carta. 3 ' produzione di biocarburanti (es. bioetanolo e biogas) Per utilizzare la biomassa per il settore dei trasporti ai fini energetici (figura 1.2), è
necessario un processo bio-chimico, che ricava energia per reazione chimica dovuta al
contributo di enzimi e microrganismi, quali la fermentazione alcolica (bioetanolo) e la
fermentazione anaerobica (biogas) Fig 1.2 Esempio di alcuni impieghi energetici delle biomasse Tradizionalmente l''impiego di biocarburanti è legato al settore dei trasporti, in
sostituzione dei combustibili fossili, ma rispetto all''utilizzo classico, nel corso degli
ultimi anni si è assistito a una rapida espansione del campo di applicazione dei biocarburanti da utilizzare per la cogenerazione e quindi alla produzione
contemporanea dei vettori energetici quali energia elettrica e termica. In base allo stato di conoscenza e avanzamento delle tecnologie di produzione si
classificano i biocarburanti in due macro categorie: Biocarburanti di prima generazione: rientrano in questa categoria biodiesel, bioetanolo prodotto da materie prime zuccherine e il biogas, ovvero prodotti in cui le tecnologie di
produzione sono ampiamente conosciute, la cui applicazione e produzione sono
utilizzate da tempo e in cui vi sono ampi margini di miglioramento nei costi di
produzione e nell''ottimizzazione del bilancio energetico. Biocarburanti di seconda generazione: sono accomunati dalla possibilità di essere prodotti a partire da biomasse ligno-cellulosiche come materia grezza, con costi di 4 reperimento molto bassi o addirittura nulli ma la cui produzione risiede in tecnologie non del tutto ottimizzate. Sono considerati biocombustibili molto promettenti perché
sono uno strumento valido per la riduzione dei costi di produzione dei biocarburanti. Ruolo dei biocarburanti nelle politiche comunitarie L''argomento riguardante i biocarburanti ha assunto un interesse particolarmente
rilevante soprattutto negli ultimi anni per diversi motivi: 1. Il forte aumento della domanda energetica mondiale, che rende improponibile un ulteriore aumento dei combustibili fossili; 2. L''aumento del prezzo del petrolio, con evidenti ripercussioni sul prezzo dei combustibili fossili derivati; 3. La spinta sociale dei Paesi più industrializzati alla produzione di energia a minor impatto ambientale; 4. Instabilità politica dei principali Paesi produttori di gas e petrolio 5. Cambiamenti climatici, anche provocati dall''impiego di combustibili; L''ultimo punto è sicuramente quello che ha messo in risalto tutte le tematiche che oggi
si muovono attorno all''utilizzo di biocarburanti. L''aumento dell''attività antropica, che coincide con le rivoluzioni industriali, ha portato negli ultimi secoli ad un aumento dei principali gas serra responsabili del cambiamento
climatico del nostro pianeta 1(figura 1.3), portando i segnali di cambiamento climatico
ad offrire diverse preoccupazioni per il futuro del pianeta. 135 Chapter 2 Changes in Atmospheric Constituents and in Radiative Forcing Frequently Asked Question 2.1
How do Human Activities Contribute to Climate Change and How do They Compare with Natural Influences' Human activities contribute to climate change by causing changes in Earth''s atmosphere in the amounts of greenhouse gas-
es, aerosols (small particles), and cloudiness. The largest known
contribution comes from the burning of fossil fuels, which releases
carbon dioxide gas to the atmosphere. Greenhouse gases and aero-
sols affect climate by altering incoming solar radiation and out-
going infrared (thermal) radiation that are part of Earth''s energy
balance. Changing the atmospheric abundance or properties of
these gases and particles can lead to a warming or cooling of the
climate system. Since the start of the industrial era (about 1750),
the overall effect of human activities on climate has been a warm-
ing infl uence. The human impact on climate during this era greatly
exceeds that due to known changes in natural processes, such as
solar changes and volcanic eruptions. Greenhouse Gases Human activities result in emissions of four principal green- house gases: carbon dioxide (CO2), methane (CH4), nitrous oxide (N2O) and the halocarbons (a group of gases containing fl uorine, chlorine and bromine). These gases accumulate in the atmosphere,
causing concentrations to increase with time. Signifi cant increases
in all of these gases have occurred in the industrial era (see Figure
1). All of these increases are attributable to human activities. ' Carbon dioxide has increased from fossil fuel use in transpor- tation, building heating and cooling and the manufacture of
cement and other goods. Deforestation releases CO2 and re- duces its uptake by plants. Carbon dioxide is also released in
natural processes such as the decay of plant matter. ' Methane has increased as a result of human activities related to agriculture, natural gas distribution and landfi lls. Methane
is also released from natural processes that occur, for example,
in wetlands. Methane concentrations are not currently increas-
ing in the atmosphere because growth rates decreased over the
last two decades. ' Nitrous oxide is also emitted by human activities such as fertil- izer use and fossil fuel burning. Natural processes in soils and
the oceans also release N2O. ' Halocarbon gas concentrations have increased primarily due to human activities. Natural processes are also a small source.
Principal halocarbons include the chlorofl uorocarbons (e.g.,
CFC-11 and CFC-12), which were used extensively as refrig-
eration agents and in other industrial processes before their
presence in the atmosphere was found to cause stratospheric
ozone depletion. The abundance of chlorofl uorocarbon gases is
decreasing as a result of international regulations designed to
protect the ozone layer. ' Ozone is a greenhouse gas that is continually produced and destroyed in the atmosphere by chemical reactions. In the tro-
posphere, human activities have increased ozone through the
release of gases such as carbon monoxide, hydrocarbons and
nitrogen oxide, which chemically react to produce ozone. As
mentioned above, halocarbons released by human activities
destroy ozone in the stratosphere and have caused the ozone
hole over Antarctica. ' Water vapour is the most abundant and important greenhouse gas in the atmosphere. However, human activities have only
a small direct infl uence on the amount of atmospheric wa-
ter vapour. Indirectly, humans have the potential to affect
water vapour substantially by changing climate. For example,
a warmer atmosphere contains more water vapour. Human
activities also infl uence water vapour through CH4 emissions, because CH4 undergoes chemical destruction in the strato- sphere, producing a small amount of water vapour. ' Aerosols are small particles present in the atmosphere with widely varying size, concentration and chemical composition.
Some aerosols are emitted directly into the atmosphere while
others are formed from emitted compounds. Aerosols contain
both naturally occurring compounds and those emitted as a re-
sult of human activities. Fossil fuel and biomass burning have
increased aerosols containing sulphur compounds, organic
compounds and black carbon (soot). Human activities such as FAQ 2.1, Figure 1. Atmospheric concentrations of important long-lived green-
house gases over the last 2,000 years. Increases since about 1750 are attributed to
human activities in the industrial era. Concentration units are parts per million (ppm)
or parts per billion (ppb), indicating the number of molecules of the greenhouse gas
per million or billion air molecules, respectively, in an atmospheric sample. (Data
combined and simplifi ed from Chapters 6 and 2 of this report.) (continued) 5 Fig. 1.3 Concentrazione atmosferica di importanti gas ad effetto serra negli ultimi due millenni Le emissioni di anidride carbonica dai primi anni 70 al 2004 sono aumentate di oltre il
70%, principalmente a causa dell''utilizzo di combustibili fossili (Intergovernmental
Panel on Climate Change, 2007) (figura 1.4), e in misura minore, dai cambiamenti
nell''utilizzo del suolo2. Fig 1.4 Emmissioni globali di gas ad effetto serra dal 1970 al 2004 L''innalzamento della temperature globale è ancor più preoccupante in visione
dell''incremento notevole di emissioni che è previsto per i prossimi decenni (IPCC,
2007), soprattutto per effetto della imponente crescita economica dei paesi in via di
sviluppo come la Cina e l''India, che risulta fortemente legato ad un aumento dei
consumi energetici e, conseguentemente, a maggiori emissioni di gas ad effetto serra. Il settore dell''energia è il maggior responsabile delle emissioni di gas-serra, e il consumo
di energia primaria è previsto aumentare dell''1,8% l''anno da oggi al 2030 (IEA, 2007),
per cui la mitigazione dei cambiamenti climatici passa inevitabilmente attraverso
un''azione coordinata di modifica del sistema di approvvigionamento energetico, che
dovrà dipendere sempre meno da combustibili di origine fossile in favore delle fonti energetiche rinnovabili. L''Unione Europea è l''unica area geo-politica dove sono stati presi impegni vincolanti di
lotta alle emissioni di gas serra dei singoli Stati che fanno parte dell''Unione e per tale
motivo ha sottoscritto diversi accordi per la riduzione delle emissioni di anidride
carbonica in atmosfera. Attraverso la loro attuazione ogni singolo Stato facente parte 6 dell''Unione si impegna a ridurre di almeno il 20% le proprie emissioni interne entro il 2020, portando anche le rinnovabili a raggiungere la quota del 20% sulle fonti primarie
utilizzate a scopo energetico, e ad incrementare del 20% l''efficienza energetica dei
sistemi produttivi.
La riduzione delle emissioni di gas serra quindi, passa attraverso un minor consumo di
energia e ad un ricorso maggiore a fonti di energia rinnovabili. Per il raggiungimento di tali obiettivi occorre intervenire sui tre settori maggiormente coinvolti nell''utilizzo di
fonti energetiche: ' la produzione di energia elettrica: aumentando la produzione di elettricità da fonti rinnovabili ' il consumo di combustibili per autotrazione: aumentando l''uso di biocarburanti, che nel 2020 dovranno rappresentare il 10% dei combustibili totali utilizzati; ' impianti di riscaldamento e condizionamento: incrementandone l'efficienza e riducendone i consumi. Valorizzazione energetica di scarti dell''industria agro-alimentare mediante un approccio di biorefinery Le tematiche energetiche Comunitarie attuali hanno portato in primo piano settori come
quello agricolo e alimentare come settori strategici per differenziare le attività
produttive e di reddito in un contesto come quello Europeo. Ciò porta alla definizione di filiere agro-energetiche organizzate che richiedono valutazioni in merito al loro impatto
ambientale e di benefici più diffusi a livello territoriale attraverso analisi di costi/
benefici e di input/output di ciascuna filiera. Una singola azienda può ad esempio
destinare parte delle proprie produzioni ad un uso puramente energetico mantenendo
una parte per gli usi più tradizionali. Ogni filiera produttiva creata sarà così in grado di produrre energia da fonti rinnovabili e contribuire al raggiungimento degli obiettivi
imposti dalle politiche comunitarie. In una concezione di filiera agro-energetica occorre ottimizzare e rendere efficienti vari fattori organizzativi che vanno dalla produzione e reperimento della biomassa fino alla trasformazione finale in energia. A tal fine è opportuno programmare l''uso del territorio per valutare la disponibilità di biomassa che il territorio è in grado di assicurare e in secondo luogo occorre localizzare e dimensionare gli impianti di produzione energetica in funzione della disponibilità di biomassa da utilizzare. Appare poi altrettanto 7 importante scegliere la tecnologia di trasformazione energetica in base al tipo di biomassa disponibile tenendo anche presente gli aspetti tecnici e i vincoli dettati dalle normative vigenti. La realizzazione di una filiera agro-energetica prevede tre fasi principali: - fase progettuale: in questa fase occorre valutare la tipologia e la quantità di biomassa disponibile per poter stabilire la tecnologia di trasformazione energetica migliore da utilizzare. In questa fase è prevista anche una valutazione economico-finanziaria attraverso la stesura di un business-plan che indichi la fattibilità economica dell''intera filiera produttiva; - fase operativa: è la fase prettamente esecutiva poiché si ottengono le autorizzazioni necessarie per la realizzazione dell''impianto in cui verrà il processo di conversione e in cui questo viene collaudato al termine della costruzione; - fase gestionale: nella fase di routine operativa si gestisce tutta la filiera operativa, dal reperimento costante delle biomasse durante il ciclo di vita dell''impianto produttivo fino alla gestione dello stesso e dei prodotti residuali che da esso derivano. In base alla distanza tra l''impianto produttivo e i punti di reperimento della biomassa si possono avere filiere corte o lunghe. Nel primo caso singole aziende o consorzi di più aziende cooperano per il conferimento continuo di biomassa al centro produttivo rappresentato dall''impianto di conversione, rispettando il vincolo di 70 km dall''impianto per l''approvvigionamento di biomasse. Nel caso delle filiere lunghe la provenienza delle biomasse va oltre i 70 km previsti, raggiungendo anche distanze extranazionali. Un approccio contestuale ad un sistema agro-energetico classicamente concepito, in cui
la biomassa ha una destinazione puramente energetica, è l''introduzione nella filiera
produttiva di altri sistemi integrati legati all''utilizzo di biomassa. Il modello emergente per il conseguimento di tale risultato è quello della bioraffineria, in cui si affianca al
sistema produttivo energetico anche quello di produzione di molecole chimiche, principi
attivi o altri composti come biopolimeri che sono destinati all''industria alimentare,
mangimistica o chimica. Il concetto di bioraffineria oggi è analogo a quello della
raffinazione del petrolio, in cui si produce una moltitudine di prodotti a partire dal petrolio grezzo. A differenza di una raffineria di petrolio, la bioraffineria usa risorse 8 rinnovabili per produrre chemicals ed energia dai prodotti residui del processo, contribuendo così ad abbassare l''inquinamento ambientale (figura 1.5) Fig 1.5 Schema semplificato per la descrizione di una bioraffineria3 Il concetto di bioraffineria oggi può essere largamente applicato nella gestione di sottoprodotti dell''industria agro-alimentare che rappresentano un''abbondante fonte di materie prime a basso costo che non sottraggono territorio e risorse necessarie per le comuni produzioni alimentari. La produzione di sottoprodotti agro-alimentari pone molti problemi di carattere economico e ambientale relativamente alle procedure del
loro utilizzo e smaltimento. Oggi in Europa il settore agro-alimentare costituisce uno dei comparti produttivi a cui
sono attribuite le più elevate produzioni di rifiuti destinati in larga parte allo
smaltimento. A livello Europeo gli scarti agricoli rappresentano un significativo
potenziale per lo sviluppo dell''industria bioenergetica e si stimano nell''ordine di 250
milioni di ton/anno4. Nell''area del Mediterraneo, gli scarti di maggiore rilevanza sono legati alla lavorazione dei cereali, della vite e delle olive.
Con il termine ''cereali' si identificano un gruppo di piante erbacee appartenenti alla
famiglia delle Graminacee, dal cui frutto o cariosside si ottengono alimenti e prodotti
alimentari di altissima valenza nutrizionale. I principali cereali cosiddetti "a paglia" e di
più largo consumo sono oggi il grano tenero, grano duro, orzo, segale, riso, mentre avena e miglio vengono utilizzati prevalentemente per l''alimentazione del bestiame. Tra
i cereali prodotti in Italia il mais risulta quello maggiormente coltivato seguito dal
frumento (duro e tenero), riso, orzo, avena e segale (figura 1.6) materia prima colture energetiche
residui colturali
reflui animali
rifiuti solidi urbani
processo di conversione idrolisi acida/enzimatica
fermentazione
bioconversione
conversione chimica
gassificazione o pirolisi
Utilizzi:
biocarburanti: etanolo
biogas
biodiesel
Energia:
elettricità
calore

Prodotti:
plastiche, resine, schiume
resine fenoliche
solventi
intermedi chimici
acidi grassi
coloranti
detergenti
9 Fig 1.6 Produzioni delle principali coltivazioni cerealicole italiane (dati in migliaia di
quintali) (ISTAT 2009) Nel panorama agro-alimentare dell''industria italiana una posizione preminente è
occupata dal comparto di produzione del vino, rappresentando il settore più importante
all''interno dell''industria delle bevande. Le superfici italiane destinate infatti alla coltivazione da vite (da tavola e da vino) ammontano infatti a 800.000 ha nel 2009 per
una produzione totale di uva pari a 7,8 milioni di tonnellate e 4,5 milioni di ettolitri di
vino (fonte ISTAT 2009). La gestione dei sottoprodotti generati da tali produzioni richiede un approccio di waste
management che riesca da un lato a ridurre il loro impatto ambientale e dall''altro a valorizzare economicamente questa tipologia di prodotti. Ciò è possibile attraverso trattamenti sequenziali che consentano la valorizzazione delle diverse componenti della matrice vegetale per massimizzare il recupero di valore aggiunto dallo scarto, ottimizzando nello stesso tempo le procedure di smaltimento.
La gestione deve tenere conto anche delle caratteristiche fisiche di questi scarti, poichè
questi possono trovarsi in forma liquida o solida e microbiologicamente e chimicamente
instabili, ma dipenderà anche delle caratteristiche merceologiche, la loro distribuzione nel territorio e della loro marcata stagionalità. Il sistema di bioraffinazione deve
pertanto essere flessibile per assicurare il funzionamento del sistema e adattarsi alle
caratteristiche particolari dei vari sottoprodotti con soluzioni tecniche e logistiche che
consentano sempre la massima sostenibilità del sistema. Un esempio di gestione
organica dei sottoprodotti del settore agro-alimentare è rappresentato nella figura 1.7 10 Fig 1.7 Schema di approccio integrato nella valorizzazione chimico energetica di scarti
dell''industria agro-alimentare tramite bioraffinazione Un sistema integrato di valorizzazione di questi sottoprodotti prevede per esempio un primo stadio di disgregazione della matrice vegetale con la liberazione di tutte le componenti chimiche. Successivamente vengono estratti dalla biomassa quelle frazioni chimiche utilizzabili come secondary chemical building blocks per la chimica industriale, ovvero prodotti finiti con alto valore aggiunto per l''industria alimentare, farmaceutica o cosmetica. I fenoli separati da rifiuti vegetali, per esempio, sono utilizzabili per la trasformazione in numerosi processi chimici5,6. Il recupero di questi intermedi di produzione consente inoltre di accoppiare la valorizzazione chimica della biomassa con una valorizzazione dal punto di vista energetico, aumentando la fattibilità economica generale dei processi di valorizzazione dei rifiuti. La presenza di composti fenolici per esempio provoca delle interazioni negative con i processi fermentativi coinvolti nella produzione di biocarburanti come bioetanolo e biogas7. La loro eliminazione contribuisce quindi a migliorare l''utilizzazione di tali substrati per ottenere
rese energetiche più alte 8. 11 Biogas come vettore energetico polivalente Nella definizione più attuale di biocarburanti si è superato il legame con il settore dei
trasporti e si dà una maggiore enfasi alla loro eterogeneità delle applicazioni, consentite
oggi dall''impiego dei motori endotermici. A sostegno di quest''analisi ricopre un ruolo
importante la produzione di biogas, che può essere prodotto da molteplici materie prime
e che tradizionalmente deriva dalla fermentazione anaerobica di biomasse vegetali. In seguito all''accresciuta consapevolezza della valenza ambientale dello sfruttamento delle
biomasse, si è sviluppato il processo di co-digestione, in cui i substrati di diversa
provenienza (per esempio scarti agricoli, liquami zootecnici, reflui agroindustriali,
colture dedicate) sono miscelati tra loro per accrescere la stabilità e, quindi, l''efficienza
del processo. L'entrata in vigore dei nuovi decreti attuativi per la cogenerazione da biogas nel 2009,
ha creato un forte fermento nel settore, dopo anni d''incertezze legislative. Oggi, un
numero sempre maggiore di aziende agricole italiane e soggetti industriali sfruttano i
benefici e le opportunità che si aprono in questo settore. Ciò è dimostrato dal numero
sempre crescente di impianti dedicati alla produzione di biogas presenti in Italia nel settore agricolo e zootecnico, che sfruttano questo tipo di tecnologia e che negli ultimi
10 anni (figura 1.8) ha visto un forte sviluppo diventando una realtà ormai consolidata. Fig 1.8 Trend del numero di impianti agro-zootecnici e relativa potenza installata in Italia negli ultimi 10 anni (fonte CRPA 2011)9 Dal punto di vista merceologico si definisce biogas la miscela gassosa combustibile
ricavata dal processo di degradazione della sostanza organica da parte di un consorzio di
microbico, in condizioni di totale assenza di ossigeno (comunemente definita digestione
anaerobica)10,11. In tale processo biochimico l''energia racchiusa nei legami chimici dei composti organici è rilasciata e immagazzinata nelle molecole di metano che, assieme 50 56 63 72 79 86 97 120 150 205 273 521 0 100 200 300 400 500 600 an te 20 00 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 201 1 anno numero impianti potenza installata (MW) 12 all''anidride carbonica, sono i principali costituenti del biogas (Tabella 1.1). Altre sostanze presenti in percentuale minore sono il monossido di carbonio, l''azoto
molecolare e l''idrogeno solforato. Caratteristica Biogas Potere calorifico inferiore (PCI) [MJ/Nm3] 22,3 Contenuto in ossigeno tracce Contenuto in metano [% in peso] 52-58 Contenuto in anidride carbonica [% in peso] 40 Contenuto in idrogeno solforato (H2S) [% in peso] 0,1 Stato gassoso Tab 1.1 Le caratteristiche chimiche, fisiche e merceologiche del biogas12 Il biogas prodotto per via fermentativa può essere utilizzato in diversi modi: come tale o
dopo processi di purificazione per eliminare l''umidità e la presenza di idrogeno
solforato che nei motori endotermici causa danni se presente a livelli superiori di
300-400 ppm.13 Diverse sono oggi le soluzioni tecnologiche adoperabili per sfruttare il biogas: §' produzione di calore e o vapore §' fonte energetica industriale per la produzione di calore, vapore, elettricità e raffreddamento §' purificazione ed utilizzo come biocombustibile per autotrazione 14 §' produzione di intermedi chimici e proteine 15 §' purificazione e immissione nella rete del gas naturale 16 §' produzione di elettricità §' carburante per fuel cells Il biogas è quindi un vettore energetico estremamente polifunzionale e utilizzabile per raggiungere gli importanti obiettivi imposti dal Comunità Europea, ovvero quelli
riguardanti la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e quelli relativi
all''utilizzo di biocarburanti per autotrazione. In virtù del suo elevato potere calorifico
inferiore (23 MJ/Nm3), il biogas oggi viene tradizionalmente utilizzato nei motori a
ciclo Diesel e a ciclo Otto e convertito da questi in energia elettrica e in energia termica, 13 ottenibile da uno scambiatore di calore dal raffreddamento del motore e dei gas di scarico. Tradizionalmente i materiali utilizzati sono oggi colture dedicate e reflui zootecnici, ma
sono sfruttabili a fini energetici anche processi di codigestione, in cui si ricorre
all''impiego contestuale di diverse tipologie di substrato, derivanti per esempio da
biomasse residuali come residui industriali e sottoprodotti agro-industriali, frazioni separate di rifiuti solidi urbani, che possono rappresentare una fonte diffusa di substrati
per biotrasformazioni anaerobiche in biogas. Molti sistemi agro-industriali infatti
producono un''ampia varietà di materie prime come materiali ligno-cellulosici, residui
colturali, oli vegetali e grassi animali come sottoprodotti. Le fasi della digestione anaerobica La digestione anaerobica è un processo biologico, che consiste nella degradazione della
sostanza organica in condizioni di assenza di ossigeno, con produzione di biogas quale
prodotto principale. La produzione di biogas avviene ad opera di microrganismi che
agiscono in fasi successive interconnesse tra di loro nello spazio e nel tempo: la degradazione dei substrati complessi (idrolisi) per azione dei batteri idrolitici, la
fermentazione (acidogenesi e acetogenesi) a opera dei batteri acidificanti (acetogeni e
omoacetogeni) e la produzione del metano (metanogenesi) per azione dei batteri
metanigeni (figura 1.9). 17 Fig 1.9 Rappresentazione schematica delle fasi della digestione anaerobica 14 La presenza di gruppi di microrganismi molto diversi porta a cercare un compromesso tra le diverse esigenze di crescita e sviluppo, per cui il controllo dei processi
fermentativi risulta fondamentale per l''equilibrio della popolazione batterica esistente. Fase di idrolisi Nella prima fase della digestione anaerobica diversi gruppi batterici colonizzano il materiale in sospensione18 o idrolizzano, mediante enzimi esocellulari19,20,substrati
organici complessi come carboidrati, proteine e lipidi, con formazione di composti più
semplici, quali aminoacidi, acidi grassi e monosaccaridi in forma solubile. Tutte le
reazioni idrolitiche sono considerate come le fasi limitanti dell''intero processo di
digestione anaerobica perché regolano la velocità complessiva del processo21, soprattutto nel caso di matrici lignocellulosiche in cui la degradazione e scomposizione
molecolare è resa più difficile dalla struttura fisica del materiale. La presenza di lignina
in tali strutture molecolari forma una barriera di accesso agli enzimi idrolitici coinvolti
in questa fase prolungando l''intera fase del processo22,23,24 Fase di acidogenesi In questa fase i composti solubili che derivano dall''idrolisi vengono metabolizzate dai
batteri acidogenici che operano l''ossidazione a piruvato dei substrati organici semplici
come zuccheri e amminoacidi. Il piruvato viene successivamente trasformato in acidi
grassi a catena corta di carbonio, come acido acetico, propionico e butirrico25 oltre ad alcoli e chetoni che rappresentano i substrati di partenza per la successiva fase
acetogenica. Le condizioni di pH e di pressione di H2 nel substrato in fermentazione,
possono determinare la formazione di diversi prodotti finali a partire da uno stesso
substrato per attivazione di diverse vie metaboliche dei ceppi batterici acetogenici26
(tabella 1.2). La degradazione del glucosio ad esempio può portare alla formazione di prodotti diversi in base alla diverse condizioni di H2 presenti nel mezzo di coltura: una
bassa pressione di H2 favorisce per esempio la produzione di acetato ed idrogeno
rispetto alla formazione di etanolo, acido acetico, butirrico e lattico. 15 Reazione chimica Prodotto Concentrazion e H2 C6H12O6 + 2H2O '' 2CH3COOH + 2CO2 + 4H2 acido
acetico bassa H2 3C6H12O6 '' 4CH3CH2COOH + 2CH3COOH +
2CO2 + 2H2O acido
acetico,
propionico qualunque H2 C6H12O6 '' 2CH3CHOHCOOH acido lattico qualunque H2 C6H12O6 ''CH3CH2CH2COOH + 2CO2 + 2H+ acido
butirrico basso H2 Tabella 1.2 Formazione di prodotti finali da glucosio a differenti condizioni di
concentrazione di H2 27 La degradazione degli acidi grassi a lunga catena da parte dei batteri acidogeni segue
invece un metabolismo parallelo e può portare alla formazione di idrogeno e acido
formico.28 Fase di acetogenesi In questa fase i batteri acetogeni metabolizzano le molecole non convertite in acido
acetico derivanti dall''acidogenesi, come acido propionico, butirrico, lattico e alcoli, in
acido acetico, H2 e CO2. Le reazioni chimiche coinvolte in questa fase sono
rappresentate schematicamente nella tabella 1.3 Substrato Reazione chimica Acido propionico CH3CH2COO- + 3H2O '' CH3COO- + HCO3 + H+ + 3H2 Acido butirrico CH3CH2CH2COO- + 2H2O '' 2CH3COO- + H+ + 2H2 Acido lattico CH3CHOHCOO- + 2H2O '' CH3COO- + HCO3 + H+ + 2H2 Etanolo CH3CH2OH + H2O '' CH3COO- + H+ + 2H2 Tabella 1.3 Principali reazioni chimiche coinvolte nella fase acetogenica29 16 La produzione di acido acetico avviene per opera di due classi di batteri acetogeni: - acetogeni obbligati di idrogeno: ossidano gli acidi grassi volatili ad acido acetico con conseguente rilascio di idrogeno libero e CO2. - omoacetogeni: consumano idrogeno libero e CO2 formando acido acetico. La produzione di idrogeno da parte dei batteri acetogeni permette di instaurare delle relazioni sintrofiche con i batteri metanigeni che consumano invece idrogeno,
permettendo così una continuità nell''intera catena trofica28 Fase di Metanogenesi
La produzione di metano rappresenta la conclusione della catena trofica anaerobica e avviene ad opera di un gruppo di microrganismi archea, definiti come metanigeni, che
vengono suddivisi in cinque ordini: Methanobacteriales, Methanococcales,
Methanosarcinales, Methanopyrales e Methanomicrobiales30
Le reazioni di metanogenesi possono avvenire attraverso due vie differenti dipendenti
dal tipo di substrato utilizzato per la reazione31. Nella via idrogenotrofica si giunge alla formazione di metano grazie ai batteri idrogenotrofi a partire da CO2 e H2 secondo la
reazione seguente: CO2 + 4H2 '' CH4 + 2H2O La reazione coinvolta nel processo idrogenotrofico permette inoltre di regolare la
concentrazione di ossigeno di tutto il processo.
La maggiore produzione di metano avviene però attraverso un meccanismo secondario,
ovvero nella via acetoclastica, in cui l''acido acetico, risultante dalla fase di acetogenesi,
viene degradato a metano e CO2 secondo la reazione seguente, definita dismutazione dell''acido acetico:
CH3COOH '' CH4 + CO2 La distribuzione dei flussi metabolici durante le diverse della catena metabolica che porta alla formazione di metano sono rappresentate schematicamente nella figura 1.10 17 Fig 1.10 Rappresentazione schematica dei flussi metabolici nel processo di digestione anaerobica 32 I batteri coinvolti responsabili della produzione di metano nella fase metanogenica sono
i batteri maggiormente interessati dalle condizioni totali del processo fermentativo e per
tale motivo sono necessarie particolari condizioni ambientali quali la presenza di microelementi importanti33 per la loro crescita e potenziale redox inferiore a -300 mV,
oltre a condizioni di pH compresi tra 7 e 834. Produzione potenziale di biogas da diversi componenti delle biomasse In un ambiente di fermentazione anaerobico ogni frazione organica ha una differente
potenzialità produttiva, in termini di metano prodotto, e una differente degradabilità
dovuta alla diversa capacità e velocità del consorzio microbico di metabolizzarle
(tabella 1.4) Componente organica Degradabilità % Biogas prodotto (litri)/ kg degradato Resa in metano % Carboidrati semplici 98 790 50 Carboidrati complessi 64 790 50 18 Componente organica Degradabilità % Biogas prodotto (litri)/ kg degradato Resa in metano % Proteine 57 700 71 Grassi 80 1250 67 Tabella 1.4 Produzione teorica di biogas prodotto da differenti componenti organiche35 La produzione potenziale di biogas ottenibile da una biomassa è calcolabile attraverso
una formula stechiometrica (n,a,b,c,d, rappresentano il numero di moli del relativo elemento chimico), nota già dal 193336 che presuppone però la conoscenza della
composizione chimica elementare della biomasse stessa: La formula di Symons e Buswell però non consente di stimare con precisione la
produzione di biogas reale della biomassa a causa della complessità della struttura
stessa della biomassa che limita la degradabilità delle varie frazioni organiche. In
particolare nelle biomasse ligno-cellulosiche la struttura molecolare, conferita dalla
presenza della lignina, ne abbassa la degradabilità anaerobica totale. Composizione chimica e struttura delle biomasse ligno-cellulosiche La produzione di biogas ottenibile da ogni tipo di matrice biologica dipende quindi strettamente dalla sua composizione chimica e dalle diverse frazioni organiche che la
compongono. Nell''analisi della composizione organica delle matrici vegetali i
carboidrati risultano i componenti quantitativamente più abbondanti e di maggiore
interesse nei processi di trasformazione biochimica perché altamente degradabili, ma un
rilievo importante ha anche la presenza di lignina che complessa parte di tali carboidrati rendendoli indisponibili nei processi fermentativi. 19 Cardoidrati I carboidrati sono i composti che le piante verdi sintetizzano nelle foglie attraverso il
processo di fotosintesi clorofilliana e l''utilizzo di energia solare, e hanno un ruolo
importante dal punto di vista biologico perché costituiscono energia di riserva e un ruolo strutturale.
I carboidrati principali che costituiscono la matrice vegetale sono rappresentati dai
polisaccaridi: ' amido ' cellulosa
' emicellulosa
' pectine L''amido è un polimero di glucosio che costituisce un materiale di riserva dei vegetali, che lo utilizzano come fonte di glucosio ed è costituito da due frazioni polisaccaridiche:
l''amilosio e l''amilopectina. L''amilosio è un polimero lineare di unità D-glusosidiche,
variabili da meno di cento a più di mille, legate tra la posizione C-1 di un''unità e
l''ossidrile in posizione C-4 di quella successiva (figura 1.11); l''amilopectina invece è
un polisaccaride ramificato, in cui catente analoghe a quelle dell''amilosio si uniscono con legami di tipo α tra la posizione 1 di una catena e la posizione 6 di un''altra catena
(figura 1.12). Fig 1.11 Struttura lineare di unità D-glucosidiche: amilosio O O O O O OH OH OH OH OH OH OH OH OH HO n CH2OH 20 Fig 1.12 Struttura ramificata di unità D-glucosidiche: amilopectina La cellulosa è un polisaccaride molto abbondante in natura, essendo il componente
principale del tessuto fibroso delle pareti cellulari vegetali. Strutturalmente è un
polimero di unità di D-glucosio unite con legami di tipo β-1,437in cui le catene polimeriche sono disposte fianco a fianco mediante un numero elevatissimo di legami
idrogeno formando dei filamenti a forma sinusoidale (figura 1.13) Fig 1.13 Struttura del cellobiosio: unità costituente della cellulosa Le emicellulose sono polisaccaridi ramificati di varia struttura costituti da esosi
(glucosio, mannosio, galattosio) e pentosi (xilosio e arabinosio) policondensati in modo analogo al glucosio della cellulosa, ovvero mediante legami β-1,4. O O O O O O OH OH OH OH OH OH OH OH OH HO n HO OH OH OH O CH2 21 L''emicellulosa maggiormente presente nelle pareti cellulari vegetali è lo xiloglucano; altre emicellulose sono il glucuronoxilano, l''arabinoxilano, il glucomannano e il
galattomannano.
La composizione chimica delle emicellulose varia con la crescita e la maturazione della
pianta e dipende dalle condizioni ambientali. Le emicellulose includono anche le
pectine, costituite da ramnosio e catene di residui di acido D-galatturonico, che polimerizza mediante legami α-1,4; questa catena è intervallata da residui di 1,2-L-
ramnosio. Tra le pectine rientrano complessi polisaccaridi ad elevato peso molecolare (tra i 20 e i
400 KDa) e di natura acida, che contribuiscono largamente alla formazione dei tessuti
specialmente dei frutti e delle parti vegetali eduli. Nella struttura delle pectine sono presenti anche altri carboidrati come D-galattosio, L-arabinosio, D-xilosio e L-fucosio
che formano ramificazioni nella molecola. Fino ad oggi sono state caratterizzate tre classi di polisaccaridi pectici: ' omogalatturonano (HG); ' ramnogalatturonano (RGI); ' galatturonani sostituiti (SG). L''omogalatturonano (figura 1.14) è una catena lineare la cui unità monometrica è acido
D-galatturonico che polimerizza mediante legami α-1,4, nella quale alcuni gruppi
carbossilici sono esterificati con metanolo. L''omogalatturonano costituisce il 60% dei polisaccaridi peptici nella parete cellulare. 22 Figura 1.14 Struttura dell''omogalatturonano Il ramnogalatturonano (figura 1.15) è un polisaccaride la cui unità monometrica è il
disaccaride 4-α-D-Galp-(1,2)- α-L-Rhap1, dove ''Gal' sta per acido D-galatturonico e
''Rha' per L-ramnosio. Sono poi presenti vari gruppi laterali, principalmente arabinani e
galattani. Fig 1.15 La rappresentazione del ramnogalatturonano (RGI) Le sostanze pectiche ed emicellulosiche sono prodotte nell''apparato di Golgi ed in
seguito inglobate in vescicole attraverso le quali migrano attraverso la plasma 23 membrana dove sono rilasciate e integrate in una membrana pre-esistente; la cellulosa viene invece sintetizzata direttamente nella plasma membrana. Lignina
La lignina è il polimero più abbondante in natura dopo la cellulosa38 ed è costituito da
diversi monomeri fenolici strettamente condensati che la rendono piuttosto complesso dal punto di vista molecolare.
I monomeri principali costituenti la lignina sono 3 (figura 1.16): ' alcol p-cumarilico
' alcol coniferilico (alcol 4-idrossi-3-metossicinnamilico) ' alcol sinapilico (alcol 4-idrossi-3,5-dimetossicinnamilico) Fig 1.16 Monomeri principali costituenti della lignina: alcol cumarilico, coniferilico e
sinapilico La sintesi di questi prodotti fenolici dipende da prodotti intermedi del metabolismo dei carboidrati, quindi risulta indirettamente collegata ai polisaccaridi della parete cellulare.
Mentre la lignina non può essere propriamente chiamata un carboidrato, si trova nella
cellula vegetale in stretta associazione con i polisaccaridi. Principalmente la lignina è
associata alla cellulosa ed ad altri polisaccaridi delle pareti cellulari secondarie del
tessuto xilematico, dove può raggiungere il 25% del peso secco del legno delle piante legnose (Tabella 1.5). 24 Matrice ligno cellulosica Cellulosa (%) Emicellulosa Lignina (%) fusto legnoso duro 40-55 24-40 18-25 fusto legnoso tenero 45-50 25-35 25-35 guscio di noce 25-30 25-30 30-40 carta 85-99 0 0-15 paglia di frumento 30 50 15 fogliame 15-20 80-85 0 semi di cotone 80-95 5-20 0 panico verga (Panicum
virgatum) 45 31 12 Tab 1.5 Composizione lignocellulosica di alcune matrici sul peso secco39 La lignina compone strutturalmente la parete cellulare secondaria delle cellule vegetali
la quale si sviluppa sopra la parete cellulare primaria dopo che la cellula si è completamente distesa. La parete cellulare secondaria, interna alla parete primaria, è
composta da tre strati: S1,S2 ed S340 come rappresentato schematicamente in figura
1.17 Fig 1.17 Rappresentazione schematica della parete cellulare secondaria 25 Lo strato più spesso, S2, è composto da macrofibrille composte da lunghe molecole di cellulosa circondato da strutture amorfe di cellulosa ed emicellulose (legate alle
macrofibrille mediante legami idrogeno), a loro volta avvolte da polimeri di lignina. Lo
strato S2 è quello in cui cellulosa ed emicellulosa sono maggiormente presenti. La
distribuzione di cellulosa, emicellulosa e lignina è rappresentata schematicamente in
figura 1.18 Fig 1.18 Distribuzione di cellulosa, emicellulosa e lignina negli strati della parete cellulare secondaria L''insolubilità in acqua 41, le forti interazioni interne al nucleo cristallino di cellulosa42 e
la complessità della struttura tridimensionale dovuta al rivestimento da parte delle
strutture amorfe di cellulosa ed emicellulose43 ostacolano l''accesso degli enzimi
idrolitici alle catene di cellulosa44ed emicellulosa, rendendo la loro idrolisi uno step limitante per la velocità dell''intero processo di digestione anaerobica. Biomasse ricche
di interazioni tra lignina e cellulosa sono ad esempio sottoprodotti vegetali come la
paglia e i graspi d''uva che risultano quindi scarsamente produttivi in termini di biogas.
Ciò rende necessario l''impiego di metodi di pre-trattamento per aumentare la
produttività in metano e quindi l''efficienza del processo. 26 Pre-trattamenti dei substrati ligno-cellulosici L''evoluzione del settore relativo ai biocarburanti, soprattutto di seconda generazione, ha
spinto la ricerca a trovare e investigare metodiche in grado di aumentare la degradabilità
biochimica di substrati ligno-cellulosici, non solo per la produzione di bioetanolo,
settore oggi molto interessato da tecniche di pre-trattamento delle biomasse, ma anche
per la produzione di biogas e bioidrogeno. L''utilizzazione a scopo energetico di biomasse ligno-cellulosiche richiede la
separazione dei componenti polimerici principali che compongono la parete cellulare
vegetale (emicellulosa, cellulosa e lignina), per cui devono essere utilizzati pre-
trattamenti mirati che alterino la struttura fisica delle cellule vegetali per rendere più accessibili i carboidrati complessi ad enzimi che convertono tali polimeri in zuccheri
semplici45,46,47(figura 1.19) Fig 1.19 Rappresentazione schematica dell''effetto del pretrattamento sulla struttura lignocellulosica I meccanismi utilizzati per rendere la cellulosa più accessibile agli enzimi dipendono
dalla tipologia di pre-trattamento e dalla natura del materiale trattato. Ogni pre-
trattamento determina la configurazione di tutto il processo produttivo, in particolare dei successivi step fermentativi, e deve bilanciare poi i costi di down-stream del processo,
oltre ai costi operativi, capitali e delle biomasse utilizzate.48,49 La richiesta di una bassa 27 quantità di energia totale è per esempio descritta come un fattore chiave per la sostenibilità economica di tutto il processo.50,51
Le proprietà necessarie per rendere efficiente un pre-trattamento posso essere così
riassunte: - alta efficienza per differenti biomasse e diverse epoche di raccolta - frazione solida altamente fermentabile
- nessuna degradazione degli zuccheri
- bassa quantità di composti tossici generati
- bassa produzione di rifiuti solidi di scarto
- compatibilità del pre-trattamento con il processo di fermentazione - recupero della lignina
- bassa richiesta di calore ed energia L''efficacia complessiva del pre-trattamento può essere attribuita alla rottura dei legami
tra lignina e carboidrati52 , e all''incremento della porosità del materiale trattato.53 Negli ultimi anni sono state investigate molte tecnologie di pretrattamento e queste
vengono comunemente classificate in: §' meccanico-fisici
§' termici §' chimici
§' biologici Pretrattamenti meccanico-fisici L''obiettivo del trattamento meccanico è la riduzione delle dimensioni della biomassa e
del suo grado di cristallizzazione, al fine di incrementare la superficie disponibile
all''idrolisi enzimatica. Maggiore è l''efficacia del trattamento, maggiore è l''effetto
positivo sull''incremento dell''idrolisi stessa.
Questo effetto può essere ottenuto attraverso il taglio, la macinazione o triturazione del materiale o attraverso una combinazione di questi. Le dimensioni delle particelle
ottenute dipende generalmente dal tipo di trattamento adoperato (10-30 mm con il
taglio, 0,2-2 mm con macinazione o triturazione) 54.
L''energia richiesta da questo tipo di pretrattamento dipende dalla dimensione finale e
dalle caratteristiche della biomassa, oltre che dalle caratteristiche stesse della macchina 28 utilizzata: tipologia, dimensione degli elementi macinanti, velocità di rotazione e distanza degli elementi macinanti. Estrusione
Alle tecniche di macinazione e triturazione adottate per diminuire la dimensione delle
particelle di biomassa, si affianca oggi l''utilizzo dell''estrusione quale pretrattamento fisico per la destrutturazione delle biomasse. Nell''estrusione le biomasse trattate sono
soggette al riscaldamento, mescolamento e triturazione attraverso il passaggio
nell''estrusore, costituito da una vite senza fine singola o doppia (coclee) che ruota
all''interno di un cilindro di acciaio in cui è presente la biomassa che viene spinta verso
un''uscita. Tale soluzione tecnologica ha quindi il vantaggio di procurare un efficace rottura e mescolamento del materiale trattato, oltre che un rapido trasferimento del
calore.55 La velocità delle coclee e la temperatura raggiunta permettono la rottura della
struttura ligno-cellulosica per disgregazione delle fibrille della parete cellulare vegetale
e dell''accorciamento della struttura delle fibre, aumentando così l''accessibilità degli
enzimi ai carboidrati fermentabili.56 Nell''utilizzo di questa applicazione tecnologica risiedono alcuni svantaggi economici, in quanto sono richieste elevate quantità di
energia per il funzionamento dell''estrusore, oltre ai costi rilevanti di manutenzione per
la sostituzione delle coclee soggette a forte usura e al costo di acquisto del dispositivo. Ultrasuoni Gli ultrasuoni, definiti onde meccaniche sonore con frequenze non udibili dall''orecchio
umano, sono state impiegate in numerosi processi biologici e chimici e in particolare
nelle biomasse lignocellulosiche per l''estrazione di emicellulose, cellulose e lignina.57Il
trattamento con gli ultrasuoni provoca la formazione di bolle di cavitazione nella fase
liquida, portando queste bolle fino al collasso e all''esplosione quando raggiungono la dimensione critica. L''impatto meccanico causato dal collasso delle cavitazioni procura
un importante beneficio nell''apertura della superficie solida del substrato e quindi per
l''azione degli enzimi. E''possibile raggiungere l''effetto di cavitazione anche a
temperature di 50°C, che rappresentano l''optimum per molti enzimi idrolitici58 Pre-trattamenti termici
I pre-trattamenti di tipo termico prevedono l''utilizzo di acqua ad alta pressione che
mantiene elevata la sua temperatura (120-240°C), provocando una alterazione della
struttura lignocellulosica a causa della solubilizzazione delle emicellulosa59,60,61, che in
parte idrolizzandosi forma acidi che catalizzano la sua stessa idrolisi62 . Il trattamento 29 termico rende le cellulose maggiormente accessibili, sebbene queste, insieme alla lignina, non sono significativamente attaccate e rimangono nella fase solida. Con questo
tipo di trattamento la lignina è solo parzialmente depolimerizzata e solubilizzata ed una
completa destrutturazione della stessa appare improbabile soltanto con l''utilizzo di
acqua ad elevata temperatura, per effetto della ricondensazione dei componenti solubili
originati dalla lignina63. La parziale solubilizzazione della lignina, a temperature superiori ai 160°C, provoca inoltre la solubilizzazione di composti fenolici che in molti
casi hanno un effetto inibitorio per lieviti e batteri, sopratutto archea metanigeni
coinvolti nella formazione del metano64. Condizioni particolarmente estreme di
temperatura promuovo inoltre la condensazione di precipitazione di componenti solubili
della lignina, altrettanto tossici per il metabolismo microbiologico, come furfurolo e idrossimetilfurfurolo (HMF)65,66
In generale tali pretrattamenti di tipo termico appaiono interessanti per il costo
relativamente basso in quanto non sono richiesti catalizzatori o reattori con costi elevati.
La possibilità di scegliere dei set-point di temperatura permette inoltre di ridurre la
presenza di prodotti inibitori per i processi fermentativi. Pre-trattamenti chimici Trattamento con acidi
Il pre-trattamento con acidi prevede l''impiego di acidi forti o diluiti che in entrambi i casi hanno effetto nella solubilizzazione dell''emicellulosa e della cellulosa.
L''utilizzazione di acidi forti appare poco interessante a causa della formazione di
prodotti secondari inibitori delle fermentazioni come furfurolo e altri prodotti volatili.
Inoltre comportano fenomeni di corrosione e il recupero di tali acidi risulta molto
svantaggioso nell''intera gestione del processo. L''utilizzo di acidi diluiti limita tali effetti negativi del trattamento nelle applicazioni di tipo industriale e inoltre può essere svolto
a temperature elevate (es.180°C), e per tempi più lunghi (30-90 minuti). Per tale
tipologia di trattamento si ottengono idrolisi efficaci mediante l''utilizzo di H2SO4, che è
l''acido maggiormente utilizzato, o HCl, H3PO4 e HNO3.67 Trattamento con basi
Il trattamento con basi provoca reazioni di saponificazione e solvatazione che causano
un rigonfiamento delle pareti cellulari vegetali che aumenta la degradabilità della
cellulosa e dell''emicellulosa, seppure con effetti minori rispetto al trattamento con acidi.
68 30 Nei pretrattamenti di tipo basico sono generalmente impiegati basi quali NaOH, KOH, Ca(OH)2 e NH4OH, a basse o elevate temperature. Un''aspetto importante da
considerare con l''utilizzo di basi su biomasse con alto contenuto in lignina è la
formazione di prodotti secondari inibitori di processi fermentativi coinvolti nella
digestione anaerobica 69. L''utilizzo di basi può inoltre causare la solubilizzazione e la
condensazione della lignina con conseguente modificazione della struttura cristallina della cellulosa, provocando un''azione contraria a quella desiderata dal trattamento70 Pre-trattamenti biologici
L''utilizzo di pre-trattamenti meccanici, termici e chimici comportano in molti casi un''alta richiesta energetica, una parziale degradazione degli zuccheri e la possibile
formazione di prodotti secondari che sono inibenti per i batteri coinvolti nei processi
fermentativi che portano alla degradazione della sostanza organica. Diversamente da
questo tipo di soluzioni tecnologiche, i pre-trattamenti di tipo biologico, che prevedono
l'utilizzo di biocatalizzatori enzimatici o di funghi, hanno diversi vantaggi che risiedono nella riduzione dell''input energetico necessario per il pre-trattamento, la mancata
richiesta di prodotti chimici e di impianti resistenti alla corrosione di tali prodotti,
inoltre non danno origine alla formazione di prodotti inibitori per i processi fermentativi
71,72. Pre-trattamenti enzimatici
La biotecnologia moderna è stata travolta negli ultimi anni dall''impatto con l''ingegneria
genetica, che ha permesso di produrre da molti substrati notevoli quantità di enzimi in
grado di soddisfare i fabbisogni necessari alle esigenze industriali. L''inferiore costo di produzione ha permesso l''ingresso di tali catalizzatori in molti campi della produzione
industriale mondiale, consentendo di ottenere diversi vantaggi in molti sistemi
produttivi. Cellulasi
Le cellulasi (EC:3.2.1.4.) sono una classe di enzimi in grado di degradare i legami di tipo β 1-4 glicosidici delle subunità di glucosio che costituiscono il polimero cellulosa
(figura 1.20). 31 Fig 1.20 Legame β glicosidico tra unità di glucosio Si distinguono diverse classi di cellulasi che idrolizzano selettivamente parti diverse del
polimero: - Esocellulasi: idrolizzano le terminazioni della catena polisaccaridica liberando
sequenzialmente oligomeri di glucosio a basso peso molecolare (cellobiosio); - Endocellulasi: idrolizzano i legami interni della catena polisaccaridica riducendo così il peso molecolare medio delle catene; - β-glucosidasi: catalizzano l''idrolisi delle unità di glucosio costituenti il cellobiosio,
formando monomeri di glucosio. Fig 1.20 Azione idrolitica degli enzimi eso- ed endocellulasi sulla struttura polimerica
della cellulosa 32 L''azione delle endo- ed esocellulasi risulta quindi importante nella destrutturazione
dell''intero polimero di cellulosa, mentre le β glucosidasi sono necessarie per ottenere un
incremento di glucosio disponibile. L''azione delle β-glucosidasi peraltro è
estremamente importante ai fini industriali in quanto le cellulasi, come tutte le
carboidrasi, soffrono di inibizione competitiva da prodotto, soprattutto a causa di oligomeri a basso peso molecolare. La presenza di β-glucosidasi che rimuovono il
cellobiosio idrolizzandolo, consente di migliorare le preformance idrolitiche dei
trattamenti a base di cellulasi. Amilasi Le amilasi sono una classe di enzimi presenti nei microrganismi, nelle piante e negli animali che idrolizzano i legami α-glicosidici nell''amido (figura 1.21). Fig 1.21 legami α glicosidico tra unità di glucosio I diversi legami sono idrolizzati da classi enzimatiche diverse che vengono classificate
sulla base del loro meccanismo d''azione: ' Endomilasi: sono piccole proteine enzimatiche di basso peso molecolare (20-25 kDa), dette anche α-amilasi, che catalizzano l''endoidrolisi dei legami 1,4- α-D-glucosidici di
oligosaccaridi e polisaccaridi contenenti tre o più residui. L''enzima agisce in maniera
casuale su amido, glicogeno e molecole ad esse correlate. Il termine α non si riferisce
al tipo di legame glicosidico che viene idrolizzato, ma alla configurazione degli zuccheri prodotti che, infatti, presentano una configurazione α sul C1 di ciascuna
unità glicosidica; ' Esoamilasi: dette anche β-amilasi le quali idrolizzano i legami glicosidici α 1,4 nell''amilosio, nell''amilopectina e nel glicogeno, partendo dalla fine della catena e 33 formando così una successione di unità di maltosio o glucosio. Questi prodotti dell''idrolisi presentano una configurazione β sul C1 di ciascuna unità glicosidica, da
qui il nome di β-amilasi. A differenza delle endoamilasi, le esoamilasi diminuiscono
lentamente la viscosità della soluzione di amido; ' Gamma-amilasi Sia le α-amilasi sia le β-amilasi non sono in grado di idrolizzare legami α-1,6. Xilanasi Le xilanasi sono enzimi che idrolizzano i legami glucodici tra residui di xilano (figura
1.22). La completa degradazione dello xilano richiede l''azione di xilanasi, endo β-1,4
xilanasi e β-1,4 xilosidasi. La catena principale del polimero polisaccaridico è composta da residui di xilosio uniti da legami glicosidici β-1,4 con catene laterali di varia natura. Fig 1.22 Reazione idrolitica dello xilano catalizzata da xilanasi Lo xilano è il polisaccaride non cellulosico più abbondante, presente nella parete
secondaria delle cellule vegetali il quale forma una sorta di interfase tra la lignina e gli
altri polisaccaridi. Le molecole di xilano sono legate covalentemente alla lignina attraverso residui fenolici, e interagiscono con gli altri polisaccaridi come la pectina e il
glucano. 34 Pectinasi Le pectinasi sono una vasta famiglia di enzimi in grado di idrolizzare le strutture
poligalatturoniche dei vegetali. Questi biocatalizzatori sono tra i più diffusi per
applicazioni industriali soprattutto nei settori di produzione di succhi e alimenti in
generale. Le pectinasi sono classificate in base al tipo di legame che idrolizzano nella struttura
pectica (figura 1.23): §' - polimetilgalatturonasi e le poligalatturonasi (EC 3.2.1.15): idrolizzano i legami α-1,4 tra le unità di acido galatturonico; §' - pectinesterasi (EC 3.1.1.11) rimuovono il gruppo metile delle pectine idrolizzando il legame estere, ove presente, del carbossile del galatturone; §' - pectin liasi (EC 4.2.2.10) idrolizzano i legami α-1,4 tra le unità di acido galatturonico tramite un meccanismo di trans-eliminazione inusuale per le
carboidrasi che produce dei galatturonati o metilgalatturonati insaturi. 35 Fig 1.23 Modo d''azione delle pectinasi: (a) R = H per PG e CH3 per PMG; (b) PE; e
(c) R=H per PGL e CH3 per PL. La freccia indica il legame idrolizzato dalla pectinasi.
PMG, polimetilgalatturonasi; PG, poligalatturonasi (EC 3.2.1.15); PE, pectinesterasi
(EC 3.1.1.11); PL, pectin liasi (EC-4.2.2.10) (Da Jayani et al. 2005) 73. Laccasi Le laccasi (benzenediolo:ossigeno ossidoreduttasi; EC 1.10.3.2) sono enzimi ampiamente distribuiti in natura e appartengono alla famiglia delle ossidasi blu contenenti rame che comprende anche l''ascorbato ossidasi delle piante e la ceruloplasmina dei mammiferi74. Varie forme di tali enzimi si trovano in piante superiori75, batteri76, ed insetti, ma le produzioni più abbondanti di tali enzimi avvengono nei funghi, in particolare i basidiomiceti white-rot, i quali producono diverse isoforme di queste proteine77. Il ruolo fisiologico della laccasi non è completamente chiarito anche perché esso sembra variare in relazione al tipo di organismo da cui deriva l''enzima. Per molti anni si è ritenuto che la laccasi prodotta da numerose specie fungine avesse un ruolo diretto nell''ossidazione della lignina. Infatti molti basidiomiceti, soprattutto i funghi ''white- 36 rot', sono in grado di mineralizzare la lignina completamente, o comunque in misura molto elevata rispetto ad attinomiceti e batteri. La degradazione della lignina è strettamente correlata alla capacità di questi microrganismi di produrre laccasi esocellulari in associazione con altre enzimi ossidativi quali lignina perossidasi (LiP) e manganese perossidasi (MnP). Le laccasi sono p-difenolossidasi che catalizzano l''ossidazione di numerosi composti aromatici, in particolare fenoli, con la concomitante riduzione di ossigeno molecolare ad acqua, mediante il trasferimento di quattro elettroni. Nella laccasi la riduzione dell''ossigeno ad acqua è conseguente alla ossidazione di un substrato fenolico dal quale si genera un radicale catione instabile (figura 1.24). Fig 1.24 Ciclo catalitico delle laccasi La catalisi enzimatica della laccasi comporta l''ossidazione dei composti fenolici, tramite la sottrazione di un elettrone e la formazione di un fenossiradicale o di un radicale cationico, che può seguire vari destini: - promuovere reazioni di depolimerizzazione78,79 - subire reazioni non enzimatiche, come idratazioni o ripolimerizzazioni79 dovute ad un
accoppiamento ossidativo con formazione di oligomeri e polimeri. Probabilmente
questa funzione è utile, a livello fisiologico, per allontanare composti altamente reattivi 37 e tossici per il micelio fungino, che si formano durante il processo ligninolitico80 (figura 1.25) Fig 1.25 Meccanismo di ossidazione radicalica catalizzata dalla laccasi:
depolimerizzazione o polimerizzazione L''utilizzo di tali enzimi per il pre-trattamento di biomasse ligno-cellulosiche può portare alla rottura di alcuni legami presenti nella lignina, tramite reazioni di ossidazione, di demetilazione e dell''eliminazione della catena laterale della lignina, passaggio iniziale per la biodegradazione, consentendo una maggiore accessibilità di enzimi idrolitici alla degradazione di cellulose ed emicellulose. La maggior parte, ma non tutte le laccasi fungine sono extracellulari, alcune specie possono produrre isoenzimi sia extracellulari che intracellulari. Una di queste laccasi prodotta da Pleutotus ostreatus mostra attività sia all''interno della cellula che nella parete cellulare81. Perossidasi Le perossidasi (E.C. 1.11.1.7) sono ossidoreduttasi che catalizzano reazioni di ossidazione di substrati organici o inorganici sfruttando come donatore di elettroni il perossido di idrogeno. Il gruppo delle perossidasi viene suddiviso in due superfamiglie che distinguono gli enzimi di origine animale da quelli di origine fungina, batterica e vegetale. Gli organismi maggiormente studiati sono i cosiddetti funghi della putrefazione bianca (white-rot fungi); in questo gruppo sono comprese specie come Trametes versicolor, Pleurotus ostreatus, Phanerochaete sordida e Trametes hirsutus. 38 Questi funghi hanno dimostrato eccezionale abilità nel degradare completamente la lignina a biossido di carbonio mediante un meccanismo d''azione di tipo radicalico che coinvolge un complesso sistema multienzimatico costituito dalle perossidasi e dagli enzimi produttori di H2O2 e che comprende alcol veratrilico (alcol 3,4- dimetossibenzilico), manganese e ossalato82. Gli enzimi che catalizzano la reazione di degradazione della lignina in P. chrysosporium sono la lignina perossidasi (LiP) e la manganese perossidasi (MnP), entrambe determinano l''ossidazione di mediatori radicalici, i quali, a loro volta, causano l''inizio della reazione di degradazione. Fermentazioni Fungine Pre-trattamenti biologici possono essere attuati mediante l''utilizzo di brown e white rot fungi che degradano la lignina e la cellulosa83 , soprattutto Phanerochaete
chrysosporium, Ceriporia lacerata, Cyathus stercolerus, Ceriporiopsis subvermispora,
Pycnoporus cinnarbarinus, and Pleurotus ostreaus hanno dimostrato su substrati ligno-
cellulosici un''alta efficienza di destrutturazione del complesso lignina-cellulosa84,85 I
funghi white-rot, appartenenti generalmente al gruppo dei Basidiomiceti, colonizzano in natura il legno e preferenzialmente decompongono lignina in materiali lignocellulosici
causandone il marciume bianco, la cosiddetta carie bianca del legno. Il nome white rot
deriva appunto dall''aspetto del legno attaccato da questi funghi, nel quale
l''eliminazione della lignina porta ad uno scolorimento del substrato. L''ossidazione della
lignina da parte delle ife fungine non produce un guadagno netto di energia, perchè la lignina non è un substrato direttamente utilizzato nel metabolismo primario dei funghi
ma viene degradata durante il metabolismo secondario allo scopo di aver accesso ai
polisaccaridi strutturali del complesso ligno-cellulosico, fornendo così una fonte di
energia alla quale altri organismi non hanno accesso86 . I funghi hanno sviluppato
evolutivamente un sistema degradativo aspecifico localizzato nell''ambiente extra- cellulare basato sulla produzione e l''escrezione di un gruppo di enzimi, che sono
normalmente sintetizzati in risposta ad una riduzione o ad una limitazione delle fonti
azotate e/o carboniose87. In particolare, i funghi white-rot, in base al tipo di substrato colonizzato e al tipo di enzimi ossidativi rilasciati, vengono classificati in cinque gruppi principali: 39 I. Coriolus versicolor, Phanerochaete chrysosprium e Phlaebia radiata88 , producono la lignina perossidasi, la manganese perossidasi e la laccasi; II. Dichomitus squalens, Lentinula edodes e Pleurotus ostreatus89,90, producono sia la manganese perossidasi che la laccasi e sono forti degradatori di lignina. III. Si inseriscono quei funghi che rilasciano la lignina perossidasi in genere associata con uno degli altri due enzimi già citati, ma prevalentemente con la laccasi; IV. Include quei funghi che rilasciano solo la lignina perossidasi; V. Costituito da quelle specie fungine non ancora completamente caratterizzate. 40 2. PARTE SPERIMENTALE La linea di ricerca del presente lavoro è inserito nell''ambito del laboratorio per la
ricerca industriale, l''innovazione e il trasferimento tecnologico denominato ENVIREN
(Environmental Regional Network) facente parte della rete regionale per l''Alta
Tecnologia della Regione Emilia-Romagna. Nell''ambito di tale programma l''attività è
stata focalizzata sulla valorizzazione energetica degli scarti agro-alimentari dell''industria enologica e cerealicola attraverso tecnologie per la bioraffinazione delle
matrici vegetali con tecniche d''idrolisi meccanica e biologica con lo scopo di creare un
meccanismo di filiera per la valorizzazione del biofuel (biogas) ottenibile da
fermentazioni successive. Le risorse disponibili da tali filiere e utilizzabili per una valorizzazione energetica sono rappresentate da vinacce, graspi (o raspi) e vinaccioli per l''industria enologica e dalla
paglia per l''industria cerealicola in quanto sottoprodotti delle filiere agro-alimentari
emiliano-romagnole. Oggi tale attività è stata inglobata negli obiettivi del Centro
Interdipartmentale per la Ricerca Industriale ENERGIA&AMBIENTE. Scarti agroalimentari dell''industria cerealicola Nei cereali la parte della pianta utilizzata a scopo alimentare è il frutto secco indeiscente
definito anche ''cariosside', importante per l''alto contenuto in amido, che rappresenta il
polisaccaride di riserva di moltissime piante superiori. La paglia è invece il prodotto agricolo costituito dai fusti dei cereali alla fine della maturazione della pianta e può
essere considerato come un sottoprodotto dell'agricoltura, perché è ciò che rimane dei
cereali con la trebbiatura, dopo che la granaglia è stata raccolta, e risulta uno dei
sottoprodotti agricoli maggiormente presenti in Italia. La quota di gran lunga più elevata
di produzione spetta alla paglia di frumento seguita da quella di riso, orzo, avena e segale. Circa la metà della produzione rimane sul campo, dove viene interrata per
migliorare la fertilità del suolo, una parte è destinata principalmente come elemento
integrativo per foraggi animali o come lettiera sul pavimento delle stalle. In misura
minore viene impiegata dall''industria cartiera per la produzione della carta paglia e
cellulosa o per l''industria micologica. La paglia di frumento in particolare è il maggiore scarto agricolo prodotto in Europa e il secondo prodotto a livello mondiale 91 41 Le caratteristiche chimiche della paglia sono riassunte nella tab 2.192 composizione (gr/kg) umidità 76 sostanza secca (s.s) 924 Costituenti della sostanza secca (gr/kg s.s) Costituenti della sostanza secca (gr/kg s.s lignina 81,5 cellulosa 498 emicellulosa 269 ceneri 69 estratto etereo 9 proteina grezza 20 altra sostanza organica 53,5 Tab 2.1 Composizione chimica della paglia In virtù dello scarso valore nutritivo copre un ruolo nella dieta animale come
apportatrice di fibra nella razione ma per aumentarne tale valore spesso si fa uso di tecniche di trattamento meccanico. La sua struttura lignocellulosica la rende
particolarmente resistente all''idrolisi enzimatica per cui sono necessari pretrattamenti
per rendere più accessibile la struttura e facilitare così l''idrolisi dei carboidrati
complessi che costituiscono le cellule dei cereali in monomeri semplici. I cereali sono
monocotiledoni e hanno una struttura cellulare ricca di polisaccaridi fermentescibili. Una tipica cellula di monocotiledone possiede infatti una parete cellulare costituita al
25% da cellulosa, al 55% da emicellulosa e da solo un 10% di pectina (figura 2.1). 42 Fig 2.1 La rappresentazione schematica di una parete cellulare di monocotiledone93 Prendendo in considerazione la famiglia dei cereali, la frazione polisaccaridica
principale delle loro pareti cellulari è costituita da arabinoxilani. Gli arabinoxilani
consistono in una catena polisaccaridica principale la cui unità monomerica è xilano
(legami β-1,4), alla catena principale sono legati lateralmente residui di α- L-
arabinofuranosio via legami α-(1,3) e/o α-(1,2). Scarti agroalimentari dell''industria enologica La produzione del vino prevede una fase di ammostatura o pigiatura delle uve in cui si
attua la rottura degli acini per ottenere la rapida liberazione del mosto senza lacerare le bucce e i vinaccioli che costituiscono la vinaccia che può essere dolce o fermentata. La
vinaccia dolce (o vergine), è caratterizzata dalla presenza di zuccheri fermentescibili per
cui viene spesso utilizzata per trasformazioni alcoliche in cui lieviti selezionati
trasformano gli zuccheri in alcol. La vinaccia si definisce invece fermentata quando tutti
gli zuccheri sono stati convertiti in alcool. La composizione chimica della vinaccia subisce variazioni con l''andamento stagionale,
la varietà del vitigno, il luogo di provenienza, l''epoca di vendemmia e le tecniche di
vinificazione utilizzate. I contenuti medi delle vinacce sono riportati nella tabella 2.2 43 SOSTANZA % IN PESO Acqua 50-70 Cellulosa 10-20 Zuccheri 6-8 Grassi 2-4 Acidi organici 1-2 Tannini 1-2 Sostanze minerali 1-2 Tab 2.2 Composizione chimica media della vinaccia 94 I vinaccioli rappresentano in peso il 25 % della vinaccia e vengono spesso considerati
componenti passivi della massa, sia nel processo fermentativo che in quello di
distillazione. Ciò è essenzialmente dovuto al fatto che possedendo una robusta epidermide ed una particolare forma a cuneo difficilmente si rompono durante le fasi di
lavorazione e hanno un endosperma ricco di olio dal quale si ricava l''olio di vinacciolo. Alla fase di pigiatura segue la diraspatura per allontanare i graspi (o raspi), che
costituiscono la parte legnosa del grappolo che ne consente il collegamento con la
pianta. La composizione chimica del graspo è riportata nella tabella 2.3 composizione (gr/kg) umidità 690 sostanza secca (s.s) 310 Costituenti della sostanza secca (gr/kg s.s) Costituenti della sostanza secca (gr/kg s.s lignina 230 cellulosa 235 emicellulosa 159 ceneri 80 44 composizione (gr/kg) proteina grezza 32 altra sostanza
organica 264 Tab 2.3 Composizione chimica dei graspi d''uva Una rappresentazione schematica del processo di vinificazione è riportata in figura 2.1. Fig 2.1 Schema riassuntivo del processo di produzione del vino Il bilancio di massa del processo di vinificazione ed i relativi materiali in ingresso e
prodotti, sottoprodotti ed effluenti in uscita è riassunto nella tabella 2.4 (ANPA/ONR 1999) 45 Tab 2.4 Bilancio dei materiali in ingresso ed uscita nel processo di vinificazione95 Dalla tabella 2.4 si evince che raspi, vinacce e vinaccioli rappresentano circa il 25% del
peso per ettolitro di vino prodotto, ma a differenza delle vinacce che rappresentato un substrato facilmente metabolizzabile, per graspi e vinaccioli sono necessari pre-
trattamenti specifici che aumentino la capacità degradativa di enzimi e batteri su tali
substrati e che renderebbero utilizzabili i polisaccaridi costitutivi della vite, pianta
dicotiledone. Una tipica cellula di dicotiledone infatti possiede una parete cellulare
costituita al 30% da cellulosa, al 30% da emicellulosa, al 35% di pectina e da un 1-5% di proteine strutturali (figura 2.2). Fig 2.2 Rappresentazione schematica di una parete cellulare di dicotiledone 46 Pre-trattamenti su substrati ligno-cellulosici I processi biochimici che portano alla produzione di biogas hanno una fase limitante nella fase idrolitica di degradazione dei polisaccaridi che costituiscono le biomasse
sottoposte a processi fermentativi. Lo step idrolitico diventa tanto più lento quanto la
biomassa ha una struttura ligno-cellulosica che ne impedisce la degradabilità
anaerobica, seppure tali scarti siano costituiti da polisaccaridi altamente fermentabili
che posso essere biotrasformati per produrre prodotti con alto valore aggiunto come il biogas. Nei processi per substrati ligno-cellulosici viene tradizionalmente adottato un
approccio che prevede un pre-trattamento della struttura fibrosa della biomassa che
renda i polisaccaridi maggiormente accessibili alla conversione biochimica96,97 prima
del processo fermentativo che porta poi alla formazione di biogas (figura 2.3) Fig 2.3 Schema di un trattamento sequenziale della biomassa a monte del processo
fermentativo per la produzione di biogas Pre-trattamenti termo-meccanici
La valorizzazione dei sottoprodotti agro-industriali presi in esame non può prescindere
da pretrattamenti che ne consentano il loro utilizzo come materiale d''elezione per la
produzione di biocombustibili. I trattamenti analizzati devono consentire una buona destrutturazione della biomassa al fine di costituire un prodotto liquefatto in grado di biomassa pre trattamento termo- meccanico pre trattamento enzimatico fermentazione anaerobica produzione di biogas 47 essere facilmente degradabile microbiologicamente in fermentazioni anaerobiche per la produzione di biogas. Tali operazioni consentono di attenuare una lunga fase d''idrolisi enzimatica ad opera
dei microrganismi idrolitici coinvolti nella prima fase del processo di digestione
anaerobica e di fornire materiale immediatamente utilizzabile per i batteri acidogeni che
effettuano l''ossidazione dei substrati organici semplici a piruvato, trasformato successivamente in acidi grassi volatili, alcoli e chetoni, che fungono da substrati di
partenza per la successiva fase acetogenica. Su tale base viene analizzata, in prima
analisi, la possibilità di aumentare la disponibilità di zuccheri fermentescibili dalla
paglia, sottoprodotto dell''industria cerealicola che ha una scarsa produzione di biogas se
utilizzata tal quale98, essendo costituita prevalentemente da materiale ligno-cellulosico di difficile degradazione in processi fermentativi. Un buon pretrattamento della biomassa è diretto a disorganizzare la struttura della
parete cellulare e a separare la cellulosa e l''emicellulosa della lignina al fine di
aumentare la superficie disponibile per successivi trattamenti di tipo enzimatico e
rendere tali polisaccaridi reale fonte di zuccheri fermentabile nei processi biologici 11 99,100.101(figura 2.4) Fig 2.4 Rappresentazione schematica della destrutturazione della matrice vegetale con
pre-trattamento (mod. da Hsu et al. 1980 101) La fase di pretrattamento deve essere finalizzata a ottimizzare la suscettibilità della 48 biomassa all''idrolisi enzimatica, caratteristica fortemente dipendente dall''operazione adottata per il conseguimento del risultato. Uno dei processi maggiormente adottati per
aumentare la bio-disponibilità di cellulosa è la lisi termo-meccanica della biomassa
tramite l''azione combinata di un trattamento termico e l''utilizzo di un estrusore a coclea
in cui l''energia meccanica provoca lo sminuzzamento, schiacciamento e la
frantumazione del materiale. Sulla base di queste nozioni è stato pensato uno scale- down del processo di lisi termo-meccanica, seguito da un trattamento enzimatico per
aumentare la disponibilità di zuccheri fermentescibili del materiale utilizzato. Un tipico sistema di pre-trattamento meccanico in scala industriale prevede un
passaggio preliminare della biomassa in un estrusore meccanico con coclee
controrotanti che ne provoca un azione di sminuzzamento e frantumazione prima che questa venga immessa nel sistema fermentativo in cui avviene la digestione anaerobica
(figura 2.5). Fig 2.5 Schema di trattamento meccanico con estrusore meccanico in un sistema
industriale 49 Pre-trattamenti enzimatici Considerando questioni di tipo ambientale e logistiche, un ruolo fondamentale nel
rendere tali substrati maggiormente fermentescibili è svolto dagli enzimi che operano
tagli molecolari altamente specifici, in condizioni blande e soprattutto in ambiente
acquoso. A tale scopo sono disponibili commercialmente prodotti costituiti da mix
enzimatici specifici per il trattamento di biomasse ligno-cellulosiche, oggi più spesso formulate per aumentare la concentrazione di zuccheri in soluzione nei processi
industriali per la produzione di etanolo.102 Attualmente la produzione di enzimi per applicazioni industriali è molto elevata ed è
prevalentemente finalizzata alla produzione di enzimi destinati al settore alimentare,
anche se negli ultimi anni le più grandi aziende produttrici, stimolate dal crescente interesse per l''utilizzo di fonti rinnovabili di energia, hanno rivolto la loro attenzione
verso la produzione di cocktail enzimatici per il trattamento delle biomasse destinate ad
uso energetico. La composizione enzimatica, le condizioni e i costi sono differenti per
ogni soluzione adottata dalla casa produttrice e la loro efficacia dipende dalla fonte di
biomassa e dalle condizioni dei pre-trattamenti. Tali prodotti vengono posti in commercio come additivi tecnologici per un uso specifico e sono ottenuti per via
fermentativa da ceppi batterici o fungini. Diverse specie microbiche, soprattutto
fungine, producono infatti enzimi idrolitici come xilanasi, pectinasi e cellulasi per
idrolizzare componenti strutturali della parete cellulare vegetale delle piante e tali
attività possono essere utilizzare per destrutturare pareti cellulari come quelle della paglia e dei graspi d''uva che hanno un'alta percentuale di lignina. Tale lignina è in
grado di legare una grande quantità di cellulosa ed emicellulosa che potrebbe essere
invece disponibile nei processi di conversione biochimica.
La reale attività delle varie classi enzimatiche presenti nei prodotti commercializzati
può non corrispondere precisamente all''attività per la quale il prodotto viene commercializzato, talvolta perché facente parte di un kit di prodotti con attività
complementari o a volte sovrapponibili tra di loro. Per utilizzare tali prodotti nel
trattamento di paglia e graspi si rende necessaria una caratterizzazione puntuale di
prodotti commercializzati dai due grandi leader mondiali per la produzione di enzimi
industriali: Novozymes e Danisco. Ognuno dei prodotti presi in considerazione è indicato specificatamente per l''idrolisi di
biomasse ligno-cellulosiche in processi industriali che portano alla produzione di
bioetanolo. 50 Screening e caratterizzazione di prodotti enzimatici commerciali Idrolisi enzimatica: caratterizzazione del prodotto commerciale Novozymes. Nella valutazione di un prodotto per il pre-trattamento su scala industriale, occorre una
caratterizzazione che identifichi le principali attività idrolitiche coinvolte nell''idrolisi di
tutte le principali strutture polisaccaridiche delle pareti cellulari vegetali. Per valutare un preparato enzimatico ai fini di un suo impiego come pre-trattamento di biomasse ligno
cellulosiche è più funzionale una caratterizzazione che preveda la determinazione delle
principali attività carboidrasiche, al fine di poter idrolizzare tutte le principali strutture
polisaccaridiche dei vegetali. Nella valutazione delle varie attività enzimatiche, risulta
più utile verificare il numero di legami scissi dalle classi di enzimi presenti in ogni prodotto, attraverso la quantificazione di zuccheri riducenti con il metodo
dell''ADNS103piuttosto che la determinazione di ogni tipologia di oligosaccaride
idrolizzato. Le attività carboidrasiche di ogni prodotto sono state valutate su diversi
substrati modello (amido, xilano e pectina) per verificare l''azione complessiva di tutte
le attività enzimatiche presenti nel prodotto commerciale. Le performance del prodotto vengono stimate in termini di attività amilasica, pectinasica e xilanasica ovvero per la
loro capacità di degradare le componenti polisaccaridiche più importanti della parete
cellulare della cellula vegetale. Le attività pectinasica, amilasica e xilanasica, vengono
determinate dosando la concentrazione di zuccheri riducenti rilasciati con il metodo
dell''ADNS, utilizzando come substrati specifici delle soluzioni allo 0,3% p/v di pectina e all''1% p/v di amido e xilano, rispettivamente. Il prodotto Novozymes preso in esame si presenta in diversi formulati enzimatici
liquidi, ognuno con attività enzimatiche specifiche segnalate dal produttore: ' NS-50013 (cellulasi)
' NS-50010 ('-glucosidasi) ' NS-50012 ( β-glucanasi, cellulasi, emicellulasi, pectinasi e xilanasi)
' NS-50030 (xilanasi)
' NS-22002 ('-glucosidasi, xilanasi) Taluni di questi preparati derivano da fermentazioni di ceppi selezionati di Aspergillus
aculeatus e Humicola inslolens già caratterizzati in bibliografia per l''elevata capacità di
produrre enzimi in grado di idrolizzare substrati specifici, in particolare Humicola 51 insolens è caratterizzato per le elevate capacità xilanasiche104. Nei processi di digestione anaerobica su scala industriale sono talvolta presenti fasi di
idrolisi, in fermentatori dedicati, separate fisicamente dalle altre fasi che coinvolgono
l''intero processo biologico. Tali fasi avvengono in condizioni di pH intorno a 5 e in
condizioni di temperatura intorno a 40 °C. Per tale motivo risulta fondamentale
caratterizzare ogni prodotto enzimatico destinato al trattamento delle biomasse in questa fase del processo e in tali condizioni operative, perché in tale fase avverrebbe l''utilizzo
del prodotto enzimatico. La possibilità di testare ogni prodotto a diluizioni progressive, da 20 a 2000, consente di
stabilire anche una efficacia massima d''idrolisi alla diluizione considerata, valutando
contestualmente la convenienza economica dell''intero processo. I complessi enzimatici sono stati caratterizzati misurando la relativa attività amilasica, xilanasica e pectinasica
dopo aver trattato enzimaticamente ogni substrato per 3 minuti a 40°C. Dopo aver
verificato l''efficacia dell''enzima (diluito 1 a 100) sul substrato di riferimento viene
misurata l''attività specifica del preparato enzimatico in funzione della sua
concentrazione, espressa come diluizione. I tempi di misurazione dell''attività enzimatica sono volutamente mantenuti molto bassi perché prolungando i tempi di
incubazione la concentrazione di zuccheri riducenti in soluzione non risulta aumentare
in maniera lineare per tempi superiori a 10 minuti. Tale comportamento, osservato per
tutti i preparati anche per le attività pectinasica e amilasica, è probabilmente dovuto a
processi di inibizione da prodotto che generalmente accomunano gran parte delle carboidrasi. La verifica puntuale delle attività enzimatiche massime di ogni prodotto analizzato su
substrati modello sono riportati nella tabella 2.5 Prodotto Utilizzo commerciale attività max µmol/ml*min attività max µmol/ml*mi attività max µmol/ml Prodotto Utilizzo commerciale amilasica xilanasica pectinasica NS-50013 cellulasi 0,23 0,42 0,15 NS-50010 '-glucosidasi 0,94 0,05 0,27 NS-50012 β-glucosidasi, cellulasi, emicellulasi, pectinasi, xilanasi 2,33 1,04 1,02 NS-50030 xilanasi 0,11 0,42 0,14 52 NS-22002 '-glucosidasi, xilanasi 0,10 0,62 0,16 Tab 2.5 Riassunto delle attività enzimatiche determinate a pH 5 e 40°C (espresse in
µmol (di substrato caratteristico rilasciato) * ml-1 (enzima utilizzato) * min-1) nei
diversi preparati commerciali analizzati. Tutti i prodotti hanno delle attività enzimatiche multiple e spesso l''attività enzimatica
prevalente è quella dichiarata dal produttore. Dai risultati ottenuti è possibile trarre alcune conclusioni relativamente alle attività specifiche di ogni prodotto analizzato: NS-50013: prodotto commercializzato come cellulasi e i dati riportati mostrano una
discreta resa del complesso enzimatico prevalentemente come xilanasi. Per riscontrare
un'' attività amilasica occorre aumentare la concentrazione dell''enzima durante il
trattamento. NS-50010: prodotto con discreta resa sull''amido, risulta il più performante tra i prodotti
presi in esame su questa matrice. Mostra una scarsa attività su matrici come pectina e
xilano. NS-50012: prodotto commercializzato come un complesso multi enzimatico contenente
un ampio range di carboidrati che includono: '-glucosidasi, cellulasi, emicellulasi, pectinasi e xilanasi. Tra i prodotti esaminati risulta l''unico ad avere una efficacia
idrolitica sulla pectina. NS-50030: venduto come endo-xilanasi con alta specificità per pentosani solubili ma
su questo substrato risultati più performanti si hanno con l''NS-22002. L''idrolisi su amido e pectina è quasi nulla. NS-22002: prodotto commercializzato come una miscela di '-glucosidasi e xilanasi. I
risultati migliori si hanno sulla matrice xilano, mentre scarsi sono sui substrati amido e
pectina. L''attività xilanasica è la più alta riscontrata tra i prodotti utilizzati per lo screening.
Nei grafici seguenti vengono comparate le attività specifiche dei prodotti commerciali
presi in esame. 53 Fig 2.6 Comparazione dell''attività amilasica determinate a pH 5 e 40°C tra i prodotti Novozymes condotta su substrato di amido all''1% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 Fig 2.7 Comparazione dell''attività xilanasica determinate a pH 5 e 40°C tra i prodotti Novozymes condotta su substrato di xilano all''1% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 NS-50013 NS-50010 NS-50012 NS-50030 NS-22002 µmol/ml*min Attività amilasica 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 NS-50013 NS-50010 NS-50012 NS-50030 NS-22002 µmol/ml*min Attività xilanasica 54 Fig 2.8 Comparazione dell''attività pectinasica determinate a pH 5 e 40°C tra i prodotti Novozymes condotta su substrato di pectina allo 0,3% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 La necessità di effettuare trattamenti enzimatici su substrati ligno-cellulosici rende
necessaria anche l''individuazione dell''attività di tali enzimi ad idrolizzare polimeri di
cellulosa. Per tale motivo si rende necessario testare ogni prodotto per la capacità
idrolitica specifica su tale substrato. L''utilizzo di substrati solubili come amido, xilano e pectina permette di valutare alcune attività enzimatiche specifiche di ogni prodotto, ma
per la determinazione dell''attività cellulasica occorre adoperare una metodica
lievemente diversa rispetto alle precedenti. La metodica pone qualche limite alla
misurazione che risulta legata al metodo utilizzato, in quanto la cellulosa è un polimero
generalmente insolubile in acqua. La misura di attività cellulasica viene quindi eseguita in due fasi, in cui la prima fase prevede il trattamento enzimatico di un rettangolo di
cellulosa (carta da filtro) di 1 g in una soluzione contenente l''enzima. L''azione di ogni
prodotto su tale substrato viene valutata dal punto di vista visivo per indagare il tipo e il
grado di disgregazione che il substrato subisce dopo 20 ore di trattamento come
suggerito da Wood e Bahat105 per una valutazione complessiva dell''effetto idrolitico del preparato enzimatico. Le figure 2.9 e 2.10 mostrano la differenza tra i fogli di cellulosa
integri e quelli destrutturati dal trattamento idrolitico. 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 NS-50013 NS-50010 NS-50012 NS-50030 NS-22002 µmol/ml*min Attività pectinasica 55 Fig 2.9 A sinistra fogli di cellulosa non sottoposti a trattamento enzimatico con
cellulasi; nella fig 2.10 di destra: fogli di cellulosa idrolizzati dal trattamento
enzimatico Dopo aver effettuato una misura di attività visiva di degradazione fisica del substrato di
cellulosa viene effettuata anche una valutazione di attività enzimatica con metodologia analoga a quella utilizzata per l''individuazione di attività sui substrati amido, xilano e
pectina a pH 5 e temperatura di 40°C. Le attività idrolitiche sui fogli di cellulosa è riassunta nella tabella 2.6 Prodotto Utilizzo commerciale Idrolisi fisica del foglio di cellulosa Attività cellulasica max µmol/ml*min NS-50013 cellulasi foglio completamente degradato 11,24 NS-50010 '-glucosidasi nulla 0,72 NS-50012 β-glucosidasi, cellulasi, emicellulasi, pectinasi, xilanasi nulla 9,58 NS-50030 xilanasi nulla 0,70 NS-22002 '-glucosidasi, xilanasi nulla 9,07 56 Tab 2.6 Riassunto delle attività enzimatiche determinate a pH 5 e 40°C (espresse in µmol (di glucosio rilasciato) * ml-1 (enzima utilizzato) * min-1) nei diversi preparati
commerciali analizzati. Tra i prodotti utilizzati soltanto l''NS-500013 è in grado di degradare fisicamente il
foglio di carta, probabilmente per un''elevata azione endo-cellulasica in grado di
destrutturare velocemente la matrice fibrosa e liquefacendola. Le analisi condotte sull''NS-50012 e l''NS-22002 mostrano comunque alti livello di zuccheri liberi in
soluzione ed elevate attività, segno di un idrolisi efficace anche in questo caso. L''azione
idrolitica degli enzimi presenti in NS-50012 e NS-22002 pare sia di tipo eso-cellulasica,
quindi in grado di liberare in breve tempo monomeri terminali della catena
polisaccaridica, ma di scarso impatto sull''alterazione dell''intera struttura dei polimeri costituenti il foglio di cellulosa (figura 2.11). Fig 2.11 Comparazione dell''attività cellulasica determinate a pH 5 e 40°C tra i prodotti Novozymes condotta su 1 gr di cellulosa a pH 5 ed enzima diluito 1:100 Idrolisi enzimatica: caratterizzazione del prodotto commerciale Genencor. Genencor è presente sul mercato con un prodotto per il trattamento di biomasse ligno- cellulosiche che prende il nome di Accelerase 1500. Il preparato enzimatico Accelerase
1500, è caratterizzato da una dichiarata attività eso- ed endo-cellulasica, '-
glucosidasica, ed è ottenuto per fermentazione da Trichoderma reesei, fungo
filamentoso considerato tra i più efficienti produttori di cellulasi106,107. Oltre a tale prodotto vengono valutati anche altri formulati enzimatici che commercialmente sono definiti ''accessori' alle attività enzimatiche specifiche del prodotto ''base' Accelerase 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00 10,00 12,00 NS-50013 NS-50010 NS-50012 NS-50030 NS-22002 µmol/ml*min Attività cellulasica 57 1500 e che Genencor dichiara siano destinati allo sviluppo di processi su piccola scala, per la maggiore ed efficiente conversione di pentosi ed esosi nella produzione di bioetanolo: §' Accelerase XY (xilanasi) §' Accelerase XC (xilanasi, cellulasi) §' Accelerase BG ('- glucosidasi) Il preparato enzimatico Accelerase XC, a differenza degli altri preparati, è ottenuto per
fermentazione da Penicillium funiculosum noto in letteratura per la capacità metabolica di produrre cellulasi108,109,110 La verifica puntuale delle attività enzimatiche di ogni prodotto sono riportate nella tabella 2.7 Prodotto Utilizzo commerciale Attività max µmol/ml*min Attività max µmol/ml*mi Attività max µmol/ml Prodotto Utilizzo commerciale amilasica xilanasica pectinasica Accelerase 1500 exocellulasica, endocellulasica, β- glucosidasica 0,13 0,16 0,22 Accelerase BG '-glucosidasica 1,78 2,67 0,61 Accelerase XY xilanasica 0,17 3,23 0,23 Accelerase XC xilanasica/ cellulasica 0,33 2,93 0,30 Tab 2.7 Riassunto delle attività enzimatiche determinate a pH 5 e 40°C (espresse in µmol (di substrato caratteristico rilasciato) * ml-1 (enzima utilizzato) * min-1) nei
diversi preparati commerciali analizzati. Le attività enzimatiche dell''Accelerase 1500 risultano piuttosto basse rispetto ad attività specifiche più importanti per i prodotti accessori presi in esame: Accelerase BG: sviluppato come prodotto accessorio per prodotti carenti in '- glucosidasi e agisce sinergicamente ad altri enzimi nell''aumentare il rilascio di glucosio fermentabile. E'' il prodotto accessorio con il più ampio spettro di attività tra quelli presi
in esame, avendo una buona attività sia su amido che su pectina e xilano. Accelerase XY: ha una buona attività xilanasica, mentre risulta inferiore quella 58 xilanasica e pectinasica. Accelerase XC: prodotto concepito per l''idrolisi di xilano e cellulosa, difatti mostra una
buona attività per il primo substrato mentre è scarsa l''attività sugli altri substrati. Nei grafici seguenti vengono comparate le attività specifiche dei prodotti commerciali presi in esame. Fig 2.11 Comparazione dell''attività amilasica tra i prodotti Genencor condotta su substrato di amido all''1% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 Fig 2.12 Comparazione dell''attività xilanasica tra i prodotti Genencor condotta su substrato di xilano all''1% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 1,40 1,60 1,80 2,00 Accelerase Accelerase BG Accelerase XY Accelerase XC µmol/ml*min attività amilasica 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 Accelerase Accelerase BG Accelerase XY Accelerase XC µmol/ml*min attività xilanasica 59 Fig 2.13 Comparazione dell''attività pectinasica tra i prodotti Genencor condotta su substrato di pectina allo 0,3% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 L''analisi delle attività cellulosiche richiede anche in questo caso una valutazione visiva dell''idrolisi fisica di fogli di cellulosa e una misura puntuale delle attività enzimatiche come riassunto in tabella 2.8. Prodotto Utilizzo commerciale Idrolisi fisica del foglio di cellulosa attività cellulasica max µmol/ ml*min Accelerase 1500 exocellulasica,
endocellulasica, β-
glucosidasica foglio completamente degradato 8,61 Accelerase BG '-glucosidasica nulla 8,39 Accelerase XY xilanasica nulla 3,02 Accelerase XC xilanasica/
cellulasica nulla 1,75 Tab 2.8 Riassunto delle attività enzimatiche determinate a pH 5 e 40°C (espresse in
µmol (di glucosio rilasciato) * ml-1 (enzima utilizzato) * min-1) nei diversi preparati
commerciali analizzati. Tra i prodotti presi in esame soltanto l''Accelerase 1500 è in grado di degradare
completamente il foglio di cellulosa utilizzato per il test analitico mentre Accelerase BG ha una buona attività cellulasica seppure il prodotto non degrada minimamente il 0,00 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 Accelerase Accelerase BG Accelerase XY Accelerase XC µmol/ml*min attività pectinasica 60 substrato utilizzato. I prodotti Accelerase XY e XC hanno entrambi una bassa attività su tale substrato sebbene XC abbia una dichiarata attività di tipo cellulasica, oltre che
xilanasica (figura 2.14) Fig 2.14 Comparazione dell''attività cellulasica determinate a pH 5 e 40°C tra i prodotti Genencor condotta su 1 gr di cellulosa a pH 5 ed enzima diluito 1:100 In virtù di considerazioni economiche fatte considerando uno scale-up del processo su
volumi diversi da quelli comunemente pensate nell''ambito di un indagine di laboratorio,
è stato eseguito un più ampio screening di attività enzimatica del prodotto Accelerase
1500. Tra tutti i prodotti presi in esame quest''ultimo appare più diffusamente applicabile in impianti pre-industriali in virtù del basso costo per litro di prodotto. In relazione ai dati di stabilità ottimale forniti dal produttore, l''indagine viene estesa a
temperature di 50°C e 60°C rispetto a quella di 40°C, temperatura alla quale l''attività
dell''Accelerase 1500 sembra non essere ottimale (tabella 2.9)(figura 2.15) Temperatura attività amilasica µmol/ml*min attività xilanasica µmol/ml*min attività pectinasica µmol/ml*min 40°C 0,13 0,16 0,22 50°C 0,15 1,54 0,53 60°C 0,49 1,53 0,50 Tab 2.9 Riassunto delle attività enzimatiche determinate a pH 5 a 40°C, 50°C e 60°C,
(espresse in µmol (di glucosio rilasciato) * ml-1 (enzima utilizzato) * min-1) nei diversi
preparati commerciali analizzati. 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 6,00 7,00 8,00 9,00 10,00 Accelerase 1500 Accelerase BG Accelerase XY Accelerase XC µmol/ml*min 61 Fig 2.15 Attività amilasica, xilanasica e pectinasica di Accelerase 1500 a temperatura di 40°C, 50°C, 60°C e a pH 5 ed enzima diluito 1:100 Dopo aver determinato le attività enzimatiche a diverse temperature si è tentato di
capire quale fosse la stabilità enzimatica a temperature di lavoro ottimali di 50°C e
60°C . La prova viene condotta considerando come riferimento l''attività enzimatica
massima (valore fissato come 100%) mentre le attività misurate nelle prove a tempi successivi sono espresse come percentuale del valore massimo.
Alla temperatura di 50°C utilizzando come substrato di reazione l''amido il tempo di
mezza vita è pari 110 minuti. (figura 2.16) Fig 2.16 Diminuzione dell''attività amilasica in funzione del tempo di permanenza 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 1,6 1,8 40°C 50°C 60°C atti vi m o l/m l* m in ) 40°C 50°C 60°C 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 % a tti vi m o l/m l* m in ) Tempo (min) 62 dell''enzima a 50°C e pH 5 ed enzima diluito 1:100 Utilizzando lo xilano come substrato di reazione si nota un raggiungimento del tempo di
mezza vita dell''attività xilanasica più rapido poiché questo viene raggiunto dopo 40
minuti (figura 2.17) Fig 2.17 Diminuzione dell''attività xilanasica in funzione del tempo di permanenza dell''enzima a 50°C e pH 5 ed enzima diluito 1:100 Alla temperatura di 60°C sul substrato amido invece (figura 2.18) il tempo di mezza
vita è pari a 60 minuti Fig 2.18 Diminuzione dell''attività amilasica in funzione del tempo di permanenza 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200 % a tti vi m o l/m l* m in ) Tempo (min) 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 % a tti vi m o l/m l* m in ) Tempo (min) 63 dell''enzima a 60°C e pH 5 ed enzima diluito 1:100 Su substrato xilano, alla temperatura di 60°C, il tempo di mezza vita è pari a 25 minuti
(figura 2.19) con un decremento più rapido rispetto a quello registrato nel caso
dell''attività amilasica alla stessa temperatura. Fig 2.19 Diminuzione dell''attività xilanasica in funzione del tempo di permanenza
dell''enzima a 60°C e pH 5 ed enzima diluito 1:100 A causa di problemi di gelificazione della pectina non è stato possibile trarre delle
conclusioni soddisfacenti su tale substrato. Confrontando il rilascio di zuccheri riducenti in un tempo di reazione pari a 10 minuti
sui substrati modello di riferimento, si rendono evidenti le diminuzioni repentine di
attività enzimatica verificate con la misura del tempo di mezza di vita delle attività
amilasiche e xilanasiche a 50°C e 60°C.
I grafici in figura 2.20, 2.21 e 2.22 mostrano il rilascio di zuccheri riducenti sui substrati amido, xilano e pectina nei primi 10 minuti di reazione normalizzando le concentrazioni
di zuccheri riducenti rilasciati. 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200 % a tti vi m o l/m l* m in ) Tempo (min) 64 Fig 2.20 Rilascio di zuccheri riducenti nei primi 10 minuti di reazione enzimatica
condotta su substrato di amido allo 0,3% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 (dati
normalizzati) Fig 2.21 Rilascio di zuccheri riducenti nei primi 10 minuti di reazione enzimatica
condotta su substrato di xilano allo 0,3% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 (dati
normalizzati) 0 1 2 3 4 2 3 4 5 6 7 8 9 10 co n c zu cc h .r id u c. ( mg /m l) n o rm al izza ta Tempo (min) 50°C 60 °C 70 °C 0 1 2 2 3 4 5 6 7 8 9 10 co n c zu cc h .r id u c. (m g /m l) n o rm al izza ta Tempo (min) 50°C 60°C 70°C 65 Fig 2.22 Rilascio di zuccheri riducenti nei primi 10 minuti di reazione enzimatica condotta su substrato di pectina allo 0,1% a pH 5 ed enzima diluito 1:100 (dati
normalizzati) Alle temperature esaminate pare esserci un rilascio maggiore di zuccheri riducenti con
temperature di reazione pari a 50°C, evidenziato soprattuto nel caso del trattamento
dell''amido, in accordo con quanto messo in evidenza anche dal tempo di raggiungimento del tempo di mezza vita per le attività amilasiche a temperature di 50°C
e 60°C.
L''indagine sulla pectina è invece apparsa più difficoltosa a causa della scarsa
riproducibilità delle analisi, probabilmente dovuta alla tendenza a gelificare della
pectina a temperature più elevate. In un ottica di applicazione industriale di Accelerase 1500 per il pre-trattamento
enzimatico occorre individuare la diluizione massima utilizzabile di prodotto per avere
attività enzimatiche tali da giustificare tale tipo di trattamento.
L''approccio prevede di valutare l''attività enzimatica alla temperatura di 50°C per un
tempo di 6 minuti con diluizioni progressive di Accelerase 1500 per verificarne l''attività fino a che questa non diventi nulla.
Si può individuare un''attività amilasica del prodotto con diluizioni fino a 1:200 (figura
2.23), mentre per diluizioni maggiori non si ha un''attività enzimatica apprezzabile. 0 1 2 2 3 4 5 6 7 8 9 10 co n c zu cc h .r id u c. (m g /m l) n o rm al izza ta Tempo (min) 50°C 60°C 70°C 66 Fig 2.23 Effetto della diluizione dell''enzima sull''attività amilasica del prodotto a 50°C e pH 5 L''attività xilanasica si riscontra fino a diluizioni 1:1000 del prodotto, mentre per
diluizioni maggiori non si hanno attività xilanasiche apprezzabili dal test utilizzato
(figura 2.24) Fig 2.24 Effetto della diluizione dell''enzima sull''attività xilanasica del prodotto a 50°C e pH 5
0,00 0,05 0,10 0,15 0,20 0,25 0,30 0,35 0,40 0,45 100 200 400 600 atti vi ( µ m o l/m l* m in ) diluizione enzima 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 1,40 0 500 1000 1500 2000 atti vi ( µ m o l/m l* m in ) diluizione enzima 67 Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria cerealicola Sulla base dei dati ottenuti dopo lo screening enzimatico dei prodotti commerciali
analizzati, ed in seguito ad una valutazione economica di un potenziale scale-up del
processo di trattamento enzimatico della biomassa, vengono effettuati dei test sulla
paglia come se fossero stadi fisici simili al processo di estrusione ed enzimatici. Dopo lo
screening enzimatico dei formulati di Novozymes e Genencor è stato deciso di utilizzare l''enzima Accelerase 1500 per le prove di idrolisi enzimatica della biomassa
presa in esame. Il trattamento meccanico previsto per il campione di paglia prevede un trattamento
meccanico mediante frullatura al fine di ottenere un prodotto più omogeneo e favorire i
successivi step idrolitici. Il campione di paglia così ottenuto viene risospeso in acqua e sottoposto ad un trattamento termico di sterilizzazione in autoclave (121°C, 21 minuti)
per favorire l''ingresso di acqua nelle maglie dei tessuti vegetali grazie alla gelificazione
delle componenti polisaccaridiche facilitando i successivi processi di idrolisi
enzimatica111.Il trattamento consente inoltre di limitare eventuali fenomeni di
fermentazione dovuti alla presenza di microflora batterica nel campione che altererebbero l''effetto di idrolisi enzimatica, monitorata analizzando il rilascio di
zuccheri in soluzione112. Dopo il trattamento in autoclave alcuni campioni vengono
sottoposti ad un trattamento meccanico con estrusore a coclea per destrutturare
fisicamente la struttura ligno-cellulosica del campione di paglia.
La differenza fisica del materiale dopo un trattamento di estrusione è visibile in figura 2.25 Fig 2.25 Campione di paglia pre-estrusione (sinistra) e post-estrusione (destra) 68 Valutazione preliminare del trattamento enzimatico su paglia estrusa L''efficacia del trattamento enzimatico su un substrato ligno-cellulosico ricco in lignina
viene resa valida da un trattamento preliminare di 60 minuti su paglia estrusa per
verificare l''azione dell''Accelerase 1500 su substrati diversi da quelli tradizionalmente
utilizzati per lo screening del prodotto (figura 2.26). La prova viene effettuata ad una temperatura di 50°C in agitatore orbitale e ad intervalli regolari viene analizzata la
concentrazione di zuccheri riducenti in soluzione mediante saggio con ADNS. Fig 2.26 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del tempo su un campione di paglia estrusa a temperatura di 50°C per 60 minuti. Dal grafico risulta evidente l''azione enzimatica di Accelerase 1500 già dopo 10 minuti
di incubazione del prodotto in agitatore orbitale, mentre nel campione di paglia di
controllo (senza enzima) non si ha alcun incremento di zuccheri liberi in soluzione. Trattamenti termo-meccanici ed enzimatici combinati su paglia Occorre però verificare ogni azione combinata del trattamento termo-meccanico con il trattamento enzimatico e per tale motivo vengono realizzate prove in cui sono previste
diverse combinazioni di trattamento della biomassa presa in esame (tabella 2.10): 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 0 10 20 30 40 50 60 co n c zu cc h .r id . (g r/ L ) Tempo (min) no Acc.1500 Acc. 1500 69 paglia non estrusa, senza Accelerase 1500 paglia non estrusa, con Accelerase 1500 paglia estrusa, senza Accelerase 1500 paglia estrusa, con Accelerase 1500 Tab 2.10 Combinazione dei trattamenti presi in esame su campioni di paglia Ogni test viene effettuato ad una temperatura di 50°C in agitatore orbitale per 180
minuti e ad intervalli regolari viene analizzata la concentrazione di zuccheri riducenti.
In figura 2.27 sono riportati i risultati ottenuti confrontando la diversa combinazione tra i trattamenti presi in esame e mediante l''utilizzo di una percentuale di Accelerase 1500
pari a 0,25% sul peso umido del campione dopo il trattamento in autoclave, laddove
questo viene utilizzato. Le concentrazioni iniziali al tempo 0 (inizio della prova) non
sono mai identiche tra i diversi campioni presi in esame a causa della diversa
solubilizzazione di zuccheri iniziali dopo il trattamento in autoclave e il trattamento meccanico tra una prova e l''altra. Per tale motivo i dati sono normalizzati ad un
concentrazione iniziale di 1 gr/L di zuccheri riducenti. Fig 2.27 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su paglia ad una temperatura di 50°C per 180 minuti La figura 2.27 mette in risalto l''azione combinata del trattamento termo-meccanico con
quello enzimatico per effetto della maggiore superficie disponibile all''enzima per 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 co n c zu cc h . r id . (g r/ L ) Time (min) estruso + Acc.1500 (0,25%) estruso no Acc.1500 no estruso + Acc.1500 (0,25%) no estruso no Acc.1500 70 un''idrolisi specifica sulla struttura ligno-cellulosica della paglia. Ciò è reso evidente da un''azione enzimatica molto bassa laddove Accelerase 1500 viene utilizzato su campioni
non sottoposti a trattamento termo-meccanico. La tabella 2.11 evidenzia la differenza
percentuale tra le concentrazioni iniziale di zuccheri in soluzione e dopo 180 minuti. Trattamento diff. % concentrazione iniziale/finale paglia non estrusa, senza Accelerase 1500 -13% paglia non estrusa, con Accelerase 1500 7% paglia estrusa, senza Accelerase 1500 -19% paglia estrusa, con Accelerase 1500 85% Tab 2.11 Differenza percentuale tra la concentrazione iniziale di zuccheri riducenti e al
termine della prova Laddove non viene utilizzato Accelerase 1500 si assiste invece ad una diminuzione di zuccheri riducenti in soluzione probabilmente dovuta ad iniziali contaminazioni
microbiologiche dell''ambiente di reazione.
Avendo appurato la necessità di effettuare un trattamento di tipo termo-meccanico per
aumentare le capacità idrolitiche del prodotto enzimatico commerciale utilizzato per le
prove, si è reso necessario utilizzare tale prodotto con diverse percentuali rispetto al peso umido del campione dopo il trattamento in autoclave per verificare una eventuale
proporzionalità tra la percentuale di enzima utilizzato e l''idrolisi del campione trattato: §' Accelerase 0,1% v/p
§' Accelerase 0,5% v/p §' Accelerase 5 % v/p Di seguito sono riportati i dati ottenuti confrontando il trattamento su paglia a 50°C per
180 minuti su un campione estruso di paglia e su un campione estruso di paglia con
l''aggiunta di Accelerase pari a 0,1% (figura 2.28), 0,5% (figura 2.29), 5% (figura 2.30) su peso umido del campione. 71 Fig 2.28 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su
paglia estrusa ad una temperatura di 50°C per 180 minuti con Accelerase 1500 pari a
0,1% (dati normalizzati ad un concentrazione iniziale di 1 gr/L di zuccheri riducenti) Fig 2.29 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su paglia estrusa ad una temperatura di 50°C per 180 minuti con Accelerase 1500 pari a
0,5% (dati normalizzati ad un concentrazione iniziale di 1 gr/L di zuccheri riducenti) 0,5 1,0 1,5 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 co n c zu cc h . r id . (g r/ L ) Tempo (min) estruso estruso + Acc.1500 (0,1%) 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 co n c zu cc h .r id . (g r/ L ) Tempo (min) estruso estruso + Acc.1500 (0,5%) 72 Fig 2.30 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su paglia estrusa ad una temperatura di 50°C per 180 minuti con Accelerase pari a 5%
(dati normalizzati ad un concentrazione iniziale di 1 gr/L di zuccheri riducenti) Dal confronto tra le differenti percentuali di Accelerase 1500 utilizzato nelle diverse
prove si può mettere in evidenza una discreta proporzionalità tra l''incremento di zuccheri riducenti in soluzione e la percentuale di enzima utilizzato per il trattamento
(figura 2.31). Figura 2.31 Incremento percentuale di zuccheri riducenti in test su paglia estrusa con 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 co n c zu cc h . r id . (g r/ L ) Tempo (min) estruso estruso + Acc.1500 (5%) 0% 50% 100% 150% 200% 250% 300% 350% 400% in cr em en to % zu cc h .r id . 0,1% 0,25% 0,5% 5% 73 diverse percentuali di Accelerase 1500 a temperatura di 50°C dopo 180 minuti di reazione. Occorre fare considerazioni di tipo economico per valutare l''effettivo beneficio
derivante dall''idrolisi della matrice utilizzata e il costo reale del trattamento enzimatico.
Dalle prove effettuate appare però evidente che un trattamento di tipo enzimatico su matrici ligno-cellulosiche con alto contenuto in lignina come la paglia ha un''alta
efficienza se realizzato insieme a trattamenti termo-meccanici che alterino fortemente la
struttura fisica della paglia. Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria enologica L''utilizzo di sottoprodotti dell''industria enologica con caratteristiche assimilabili a
biomasse di tipo ligno-cellulosico come i graspi d''uva, pone dei problemi relativi
all''utilizzo di polisaccaridi fermentescibili come emicellulose e cellulose in processi
fermentativi, seppure questi siano presenti in tali sottoprodotti 113,114. I graspi d''uva non sottoposti ad alcun tipo di pre-trattamento presentano scarse produzioni in termini di
biogas, a causa del loro elevato contenuto in lignina115, che come evidenziano diversi
studi, non viene degradata durante il processo fermentativo116.
Per tale motivo si rende necessario investigare metodiche di trattamento termo-
meccanico ed enzimatico su matrici di questo tipo per aumentare la produzione specifica di biogas della matrice presa in esame. Tali pretrattamenti devono però essere
bilanciati per ridurre il loro impatto sui costi del trattamento stesso, dei processi di
downstream e controbilanciare i costi operativi e i costi della biomassa117,118, sebbene
questi ultimi siano bassi trattandosi di sottoprodotti derivanti da processi agro-
alimentari. Si ricorre pertanto alla valutazione sia di trattamenti termo-meccanici che enzimatici su
graspi d''uva (GU) per valorizzarne il contenuto energetico ai fini della produzione di
biogas. Per dimostrare l''efficacia di entrambi i trattamenti su tale matrice vengono
effettuate prove sperimentali su graspi d''uva appartenenti a residui di lavorazione della
raccolta dell''anno 2009. 74 Caratterizzazione dei graspi utilizzati per le prove sperimentali I graspi vengono conservati a tre differenti temperature (0 ± 0,5 °C, 4 ± 0,5 °C e 37 ± 1°C) e al riparo dalla luce, ottenendo in questo modo tre diverse tipologie di graspi a seconda dello stato di conservazione: GU I (0 ± 0,5 °C), GU II (4 ± 0,5 °C ) e GU III (37 ± 2°C). Differenti aliquote della stessa tipologia di prodotto vengono miscelate insieme per ridurre le differenze in termini di composizione chimica e per ottenere un prodotto più omogeneo. Confrontando le tre tipologie di graspo per la quantità di zuccheri iniziali presenti dopo tre mesi di conservazione, emergono differenze riconducibili proprio alla diversa conservazione del prodotto. Le modalità di conservazione a 4°C e 37°C portano allo sviluppo di fermentazioni spontanee in maniera diversificata, tanto che a temperature di conservazione maggiori (37°C) i graspi subiscono un maggior grado di degradazione biologica, come è evidenziato dalla diversa quantità di zuccheri semplici liberi analizzati (tabella 2.12) dopo aver sottoposto il campione ad un trattamento termico in autoclave (121°C, 21min) per solubilizzare gli zuccheri presenti nei tre prodotti presi in esame. Tipologia di conservazione concentrazione (gr/L) di zuccheri dopo solubilizzazione in autoclave GU I (0 ± 0,5 °C) 8,3 ± 0,2 GU II (4 ± 0,5 °C ) 3,1 ± 0,5 GU III (37 ± 2°C) 2,1 ± 0,3 Tabella 2.12 Zuccheri riducenti solubilizzati dopo trattamento in autoclave a 121°C per
21 minuti in graspi conservati a diverse temperature Trattamenti termici, meccanici ed enzimatici combinati su graspi d''uva Dopo aver valutato le differenze tra le matrici prese in esame occorre verificare
l''efficacia di diverse tipologie di trattamento su substrati che presentano delle
caratteristiche differenti.
Il trattamento termico viene pensato per facilitare il successivo trattamento meccanico
ed enzimatico di idrolisi con Accelerase 1500. Durante il trattamento termico i graspi vengono sottoposti a trattamento in autoclave così che la parte lignocellulosica, prima
con le emicellulose e dopo lentamente con la cellulosa, inizi a solubilizzare119,120,121. Il trattamento meccanico, effettuato dopo il trattamento termico, è invece pensato per 75 ridurre la dimensione delle particelle e la cristallinità del graspo122,123 mediante l''utilizzo di un estrusore a coclea rotante e favorire quindi il successivo step d''idrolisi con bassi dosaggi d''enzima e in un tempo di bioconversione più corto. La valutazione di efficacia dell''Accelerase 1500 viene fatta solamente laddove il test richieda l''utilizzo di tale forma di trattamento, utilizzando percentuali diverse di prodotto (1%, 2,5%, 5% v/p) sul peso umido del campione. Per ogni tipologia di graspo preso in esame (GU I, GU II e GU III) vengono messi in relazione tra loro diversi di tipi di trattamento per verificare le loro sinergie e l''efficacia complessiva di ogni combinazione, ai fini di una destrutturazione chimico-fisica maggiore della biomassa presa in esame. Per tale motivo ogni tipologia di campione viene sottoposto ai trattamenti in tabella 2.13. Tipologia di trattamento t. termico t.termico + t. meccanico t.termico + t.enzimatico t.termico + t.meccanico + t.enzimatico Tabella 2.13 Trattamenti utilizzati per la destrutturazione fisico-chimica dei graspi d''uva presi in esame Ogni campione su cui viene testato il tipo di trattamento viene mantenuto in agitazione orbitale a pH controllato (50°C e 4,5 pH) per 360 minuti, tempo in cui si raggiunge il plateau di rilascio di zuccheri riducenti in soluzione. A intervalli regolari di tempo vengono prelevate aliquote di reazione per analizzare la quantità di zuccheri riducenti liberati in soluzione durante il trattamento.
Le concentrazioni al tempo 0 (inizio della prova) non sono mai identiche tra i diversi
campioni presi in esame a causa della diversa solubilizzazione di zuccheri iniziali dopo il trattamento in autoclave o nella combinazione tra il trattamento termico e meccanico
tra una prova e l''altra. Per tale motivo i dati vengono normalizzati attribuendo valore 1
alla concentrazione iniziale di ogni test effettuato per la prova.
Nella figure 2.32, 2.33 e 2.34 viene rappresentato l''andamento della concentrazione di
zuccheri riducenti in soluzione nelle prove effettuate con tre tipologie di graspi d''uva, con diversi trattamenti su tali substrati e con la massima percentuale di Accelerase 1500
utilizzata (5% v/p). 76 La figura 2.32 relativa ai graspi conservati a 0°C (GU I) evidenzia che i soli trattamenti termici e meccanico non producono alcun rilascio di zuccheri in soluzione durante il tempo di controllo della prova; mentre l''accoppiamento di questi trattamenti con quello enzimatico producono un aumento del rilascio di zuccheri riducenti. Questo risulta coerente con l''ipotesi che i pre-trattamenti termico e meccanico aumentano l''azione d''idrolisi enzimatica nelle matrici lignificate, altrimenti difficilmente accessibili al trattamento. Fig 2.32 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su GU I ad una temperatura di 50°C per 360 minuti (dati normalizzati ad una
concentrazione iniziale pari a 1 per ogni test) Le differenze tra i diversi tipi di trattamento sono ancora più evidenti nella prova
effettuate con i graspi d''uva conservati a 4°C (GU II) e 37°C (GU III) come visibile
nelle figure 2.33 e 2.34 0,5 1,0 1,5 0 60 120 180 240 300 360 zu cc h er i r id u ce n ti [g r/ L ] n o rm al izza ti Tempo (min) t.termico t.termico+t.meccanico t.termico + t.enzimatico t.termico+t.meccanico+t.enzimatico 77 Fig 2.33 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su
GU II ad una temperatura di 50°C per 360 minuti (dati normalizzati ad una
concentrazione iniziale pari a 1 per ogni test)
Fig 2.34 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su
GU III ad una temperatura di 50°C per 360 minuti (dati normalizzati ad una
concentrazione iniziale pari a 1 per ogni test) Anche con tali tipologie di graspi (GU II e GU III) i soli trattamenti termico e 0,0 1,0 2,0 0 60 120 180 240 300 360 zu cc h er i r id u ce n ti [g r/ L ] n o rm al izza ti Tempo (min) t.termico t.termico+t.meccanico t.termico+t.enzimatico t.termico+t.meccanico+t.enzimatico 0,0 1,0 2,0 0 60 120 180 240 300 360 zu cc h er i r id u ce n ti [g r/ L ] n o rm al izza ti Tempo (min) t.termico t.termico+t.meccanico t.termico+t.enzimatico t.termico+t.meccanico+t.enzimatico 78 meccanico non producono alcun rilascio di zuccheri riducenti nel tempo della prova, ma aumentano l''azione idrolitica di Accelerase 1500. La maggiore azione idrolitica del
prodotto enzimatico utilizzato su GU II e ancor di più su GU III è spiegabile
probabilmente dalle differenti condizioni di conservazione della biomassa. Si può
ritenere infatti che l''azione di muffe o microrganismi sviluppati sulla biomassa
parzialmente fermentata a temperature più alte, hanno svolto una parziale azione di destrutturazione della matrice cellulare, favorendo e coadiuvando così l''ulteriore azione
dello step enzimatico. Ulteriori indagini dovranno essere fatte nella prossima campagna
stagionale con la conservazione di graspi sottoposti a sterilizzazione termica preliminare
e conservati a diverse temperature al fine di valutare l''effettiva azione della flora
microbica autoctona sullo stato di conservazione. Tali differenze tra tipologia di matrice utilizzata e tipo di trattamento sono visibili anche
sulle prove effettuate a percentuali di Accelerase 1500 inferiori (1% e 2,5% v/p) seppure
con un incremento di zuccheri riducenti dopo 360 minuti di tenore inferiore, come
riassunto in tabella 2.14 Tipo GU Trattamento Accelerase 1500 % Accelerase Acceleras Acceler Accele Accel Tipo GU Trattamento 1% 2,5% 5% Tipo GU Trattamento differenza zuccheri rid. (gr/ L) (T0-T360 min) incremen to zuccheri rid. [%] (T0-T360 min) differenza zuccheri rid. (gr/L) (T0-T360 min) incremen to zuccheri rid. [%] (T0-T360 min) differenza zuccheri rid. (gr/L) (T0-T360 min) incremen to zuccheri rid. [%] (T0-T360 min) GU I termico 0,0 0% 0,0 0% -0,40 -5% GU I termico +meccanico 0,0 0% 0,0 0% -0,5 -6% GU I termico +enzimatico 0,1 1% 0,5 7% 0,5 6% GU I termico +meccanico +enzimatico 0,4 5% 0,7 11% 1,1 14% GU II termico -0,2 -6% -0,2 -6% 0,0 0% GU II termico +meccanico -0,1 -3% -0,2 -6% -0,1 -4% GU II termico +enzimatico 0,4 13% 0,7 22% 1,3 46% 79 GU II termico +meccanico +enzimatico 0,7 21% 0,8 24% 1,8 67% GU III termico -0,2 -10% -0,1 -5% 0,0 0% GU III termico +meccanico -0,2 -9% -0,2 -9% 0,0 0% GU III termico +enzimatico 0,3 13% 0,6 30% 1,0 53% GU III termico +meccanico +enzimatico 1,2 57% 1,3 62% 1,9 100% Tab 2.14 Confronto di efficacia tra diverse tipologie di trattamento su GU I , GU II E
GU III, con differenti percentuali di Accelerase 1500 (1, 2,5 e 5% v/p) Dai dati presenti in tabella 2.14 vengono confermate le valutazioni fatte nelle prove
effettuate con alte percentuali di Accelerase 1500, pertanto è possibile stabilire un nesso
importante tra i differenti tipi di trattamento e la loro efficacia. I trattamenti di tipo
termico e meccanico risultano utili alla destrutturazione della matrice vegetale coadiuvando in maniera importante l''azione enzimatica di cellulasi presenti nel prodotto
commerciale utilizzato. L''area superficiale accessibile ad enzimi idrolitici come le
cellulasi risulta infatti uno dei fattori più importanti che influenzano l''efficienza
idrolitica di substrati lignocellulosici 124,125
Tale azione risulta amplificata su matrici conservate a temperature che consentono lo sviluppo di microrganismi già presenti sulla matrice che la utilizzano come fonte di
carbonio per la crescita, producendo enzimi eso-cellulari in grado di degradare la
struttura ligno-cellulosica. In tale caso però gli zuccheri presenti nelle diverse matrici
risulta essere differente.
Lo sviluppo di microflora batterica e fungina spontanea su graspi d''uva conservati in condizioni di temperatura tali da non bloccare qualsiasi attività microbiologica rende
ipotizzabile la produzione di enzimi ligno-cellulosici da parte di tale microflora.
Per tale motivo si richiede la necessità di valutare l''eventuale presenza di tale attività
attraverso prove di trattamento utilizzando estratti acquosi di graspi d''uva conservati a
4°C (GU II) e 37°C (GU III) e confrontandone l''efficacia d''idrolisi con Accelerase 1500.
Attraverso un''estrazione in fase acquosa dei GU II e GU III si ipotizza di trasferire in
soluzione l''eventuale presenza di enzimi eso-cellulari prodotti dalla microflora 80 spontanea; pertanto tale estratto viene utilizzato in assenza di pre-trattamenti termici, che inattiverebbero tali enzimi, sulle matrici prese in esame. Occorre confrontare
l''effetto enzimatico eventuale della soluzione estratta con Accelerase 1500 attraverso il
controllo a tempi definiti degli zuccheri riducenti rilasciati in soluzione durante i 360
minuti previsti per il trattamento. I dati vengono normalizzati attribuendo valore 1 alla
concentrazione iniziale di ogni test effettuato per la prova per via della differenza tra le concentrazioni all''inizio di ogni prova (figura 2.35) Fig 2.35 Rilascio di zuccheri riducenti in funzione del diverso tipo di trattamento su
GU II e GU III ad una temperatura di 50°C per 360 minuti Sulle due matrici analizzate vi è un effetto di idrolisi modesto da parte della soluzione
acquosa estratta dai graspi d''uva conservati a 4°C e 37°C e ciò risulta in linea con quanto riscontrato nella verifica della combinazione dei diversi trattamenti su graspi
d''uva, ovvero che in condizioni di conservazione della biomassa a temperature
maggiori l''azione di una microflora spontanea ha parzialmente alterato la struttura
ligno-cellulosica della matrice. L''azione idrolitica di Accelerase risulta comunque
superiore rispetto all''azione della soluzione acquosa di estrazione. 0,0 1,0 2,0 3,0 0 40 80 120 160 200 240 280 320 360 co n ce n tr azi o n e zu cc h er i r id u ce n ti (g r/ l) n o rm al izza to tempo (min) GU II + estratto acq. GU II + Acc.1500 GU III + estratto acq. GU III + Acc.1500 81 Coltura in fase sommersa di Pleurotus ostreatus e valutazione dell''attività laccasica L''evidenza sperimentale dell''alterazione della struttura ligno-cellulosica dei graspi
d''uva, per effetto di fermentazioni spontanee, mostra la capacità della microflora
spontanea sviluppata sul substrato di produrre enzimi cellulari utili alla degradazione di tali substrati. La possibilità di caratterizzare e isolare tali enzimi pone interessanti
prospettive sulla possibilità di produrre enzimi direttamente nel sito di utilizzazione
delle biomasse evitando l''utilizzo di formulati enzimatici commerciali che possono
raggiungere costi elevati e con alta incidenza sull''economia di processo.
A questo scopo viene presa in considerazione la capacità dei white-rot fungi di produrre enzimi utili alla degradazione di biomasse ligno-cellulosiche.
I funghi hanno infatti due pathway di produzione enzimatica extracellulare, in cui il
primo sistema idrolitico produce enzimi responsabili della degradazione di
polisaccaridi. Gli estratti enzimatici commerciali contenenti enzimi per la degradazione
di polisaccaridi come cellulose ed emicellulose sono generalmente ottenuti da funghi e molte sono le cellulasi ed emicellulasi con differenti attività, prodotte da tali organismi.
Gli organismi maggiormente studiati per la produzione di emicellulasi e cellulasi
commerciali sono Phanerochaete chrysosporium tra i basidiomiceti e Trichoderma
reesei, tra gli ascomiceti126. Un secondo sistema di produzione enzimatica extracellulare
è invece di tipo ossidativo e degrada la lignina, intervenendo nella struttura fenolica che la costituisce127. Nel processo ossidativo di degradazione della lignina da parte fungina
gli enzimi chiave del sistema sono polifenolossidasi come lignina perossidasi (EC
1.11.1.14), manganese perossidasi (MnP)(EC 1.11.1.13) e laccasi (EC 1.10.3.2)
prodotte da diversi ceppi fungini quali Botrytis cinerea, Phanerochaete chrysosporium,
Stropharia coronilla, Pleurotus ostreatus e Trametes versicolor.128,129 La capacità di questi organismi di produrre enzimi viene valutata come soluzione
possibile per un pre-trattamento di tipo biologico130di biomasse ligno-cellulosiche per la
produzione di biogas. Tra gli organismi capaci di produrre enzimi eso-cellulari è stato
preso in considerazione l''utilizzo di Pleurotus ostreatus, un fungo edule appartenente
alla famiglia dei basiodiomiceti, in grado di produrre enzimi extracellulari come laccasi e manganese perossidasi (MnP)131,132. Tali funghi sono saprofiti e si sviluppano
principalmente su tronchi o rami e ceppaie di diverse latifoglie e lo sviluppo dei corpi
fruttiferi avviene in autunno e all''inizio dell''inverno. Tale fungo è di grande interesse
biotecnologico per la capacità di degradare composti lignocellulosici 133,134 e per la 82 capacità di produrre metaboliti secondari per applicazioni farmaceutiche135,136 e proteine per uso industriale137. La possibilità di produrre enzimi fungini capaci di degradare i
composti ligno-cellulosici e l''utilizzo di substrati di crescita a basso costo per la crescita
di popolazioni fungine, come gli scarti dell''industria enologica, pone interessanti ipotesi
di applicazione su tali sottoprodotti che per tale motivo sono stati valutati e presi in
considerazione. La capacità di crescita su substrati ricchi di cellulosa e lignina con un rapporto carbonio/azoto molto alto rende infatti possibile la crescita del micelio su un
grande numero di sottoprodotti agricoli, quali paglie di diverse graminacee (grano,
segale, riso) e residui della lavorazione di carta e cotone. Viene valutata la capacità di
P.ostreatus di crescere in colture sommerse cui vengono aggiunte scarti di produzione
dell''industria enologica quali graspi e vinaccioli per stimolare la produzione di enzimi eso-cellulari. Tali substrati sono stati valutati in letteratura per la produzione di
manganese perossidasi (MnP) e laccasi con colture di Trametes versicolor138, e la loro
aggiunta può inoltre fornire nutrienti necessari alla crescita fungina, riducendo
sensibilmente i costi di produzione. L''attività enzimatica principalmente ricercata nei mezzi di coltura di P.ostreatus è stata l''attività della laccasi, che nelle condizioni naturali di crescita del fungo converte i
gruppi fenolici liberi della lignina in fenossi radicali che formano chinoni. Viene
utilizzato un ceppo di micelio di P.ostreatus cresciuto su piastra agarizzata con terreno
arricchito a base di estratto di malto e il micelio sviluppatosi viene utilizzato come
inoculo per la coltura su fase sommersa con terreno contenente estratto di malto e glucosio. Nel terreno di coltura vengono aggiunti graspi d''uva o vinaccioli per
verificare la capacità del substrato immesso di stimolare la produzione di laccasi da
parte di P.ostreatus. Durante la fermentazione in fase sommersa viene misurata la concentrazione di zuccheri
riducenti in soluzione con il metodo dell''ADNS come mostrato in figura 2.36 per monitorare il consumo di zuccheri liberi durante il processo fermentativo. 83 Fig 2.36 Consumo di zuccheri riducenti in funzione del tempo di fermentazione in differenti colture in fase sommersa di P.ostreatus Durante la fermentazione in terreno di coltura con graspi d''uva si assiste nei primi
giorni di fermentazione ad un aumento di zuccheri liberi in soluzione dovuto
probabilmente alla solubilizzazione di polisaccaridi del graspo in soluzione. Durante il periodo di fermentazione, contestualmente all''andamento di zuccheri riducenti, viene valutata la produzione di laccasi da parte di P.ostreatus (figura 2.37)
utilizzando il metodo dell''accoppiamento ossidativo tra il 3-metil 2-benzotiazolinone
idrazone (MBTH) e l''orto-metossifenolo (guaiacolo)139 0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 7,0 1 2 3 4 5 8 9 10 11 14 co n c. zu cc h er i r id u ce n ti (g r/ L ) giorni fermentazione P.ostreatus P.ostreatus
+ graspi P.ostreatus
+ vinaccioli 0,00 20,00 40,00 60,00 80,00 100,00 120,00 1 2 3 4 5 8 9 10 11 14 A tti vi (m m o l/m in ) giorni fermentazione P.ostreatus P.ostreatus +
graspi P.ostreatus +
vinaccioli 84 Fig 2.37 Attività laccasica misurata in funzione del tempo di fermentazione in differenti colture in fase sommersa di P.ostreatus La coltura in fase sommersa con l''aggiunta di vinaccioli ha un effetto stimolante sulla
produzione di laccasi da parte di P.ostreatus molto alto, mentre inferiore risulta l''effetto
aggiungendo alla coltura i graspi d''uva, probabilmente per la maggiore disponibilità di
zuccheri in fermentazione che abbassa lo stimolo produttivo di laccasi da parte di P.ostreatus (tabella 2.15). I vinaccioli infatti contengono una frazione molto
significativa di lignina (44% p/p) che induce la produzione di attività laccasica da parte
di P.ostreatus.140,141 Coltura in fase sommersa attività laccasica max (mmol/min) Pleurotus ostreatus 15,78 Pleurotus ostreatus + graspi 33,35 Pleurotus ostreatus + vinaccioli 107,41 Tab 2.15 Attività laccasica ottenuta da coltura in fase sommersa con l''aggiunta di
substrati differenti di crescita Test d''idrolisi enzimatica su residui dell''industria enologica e cerealicola dopo
differenti pre-trattamenti
La valutazione di efficacia di vari pre-trattamenti su paglia e graspi d''uva utilizzando
Accelerase 1500 è stata confrontata con l''efficacia di altri preparati enzimatici
commerciali precedentemente caratterizzati per attività idrolitiche idonee ad idrolizzare
strutture polisaccaridiche che compongono i differenti tessuti vegetali di vinacce, paglia e graspi d''uva conservati in condizioni di temperatura tali da non alterare la matrice con
fermentazioni spontanee (0°C).
Ogni matrice viene preliminarmente sospesa in acqua con differenti proporzioni a
causa del diverso contenuto in umidità tra matrici (vinacce e graspi 1:5, paglia 1:15) e
poi sottoposta a trattamento meccanico mediante frullatura e trattamento termico in autoclave a 120°C per 21 minuti. Dopo il trattamento in autoclave ad un''aliquota del
campione viene aggiunto il prodotto enzimatico (0,5% p/p) scelto per caratteristiche
idrolitiche idonee per il substrato da trattare: 85 Vinacce: pectinasi + cellulasi
Graspi: cellulasi + amilasi
Paglia: cellulasi + emicellulasi Ogni step di trattamento viene valutato in termini di zuccheri riducenti e carboidrati totali (metodo fenolo/solforico) liberati. Test idrolitici su vinacce I risultati analitici ottenuti su campioni di vinacce in termini di carboidrati totali e
zuccheri riducenti liberati dopo ogni step sono rappresentati nelle fig 2.38 e 2.39 Fig 2.38 Confronto tra concentrazioni di carboidrati totali rilasciati (gr/l) su campioni di vinacce sottoposti a differenti trattamenti 0 5 10 15 20 25 30 35 dopo sospensione dopo frul atura dopo autoclave dopo 20 h tratt. enzimatico VINACCIA ( Carboidrati Totali g/l ) control o con ENZIMA 86 Fig 2.39 Confronto tra concentrazioni di zuccheri riducenti rilasciati (gr/l) su campioni
di vinacce sottoposti a differenti trattamenti Il campione contenente vinaccia mostra un contenuto di zuccheri riducenti e totali molto
modesto dopo la sola fase di risospensione in acqua mentre il trattamento di frullatura contribuisce sensibilmente ad incrementare tale valore poichè agisce liberando,
ragionevolmente, la frazione di polisaccaridi imprigionata tra le lamelle del tessuto
vegetale. L''ulteriore incremento di tali valori a valle del trattamento termico in
autoclave potrebbe essere sensibilmente influenzato da fenomeni di concentrazione
dovuti alla sottrazione dell''acqua libera da parte delle strutture pectiche che durante tale processo tendono a gelificare coordinando l''acqua stessa. Il trattamento enzimatico in questo caso non determina differenze importanti in termini
di carboidrati totali rispetto al campione di controllo ma tale fenomeno è probabilmente
dovuto al fatto che il processo di idrolisi enzimatica libera molta dell''acqua di coordinazione sequestrata dalla frazione polisaccaridica durante il processo termico
causando una diluizione degli zuccheri in soluzione.
Gli effetti macroscopici del trattamento enzimatico in termini di fluidità del sistema
rispetto al campione non trattato sono visibili in figura 2.40. L''efficacia del trattamento
enzimatico in termini di rilascio di zuccheri riducenti è più evidente sebbene tale dato non può essere considerato in termini quantitativi in quanto le problematiche relative
agli effetti di diluizione permangono. 87 I trattamenti effettuati consentono comunque un notevole incremento della frazione fermentescibile del vegetale con risultati massimi in termini di carboidrati totali e
riducenti attorno ai 30 g/L con un idrolisi di circa il 9 % in peso della vinaccia trattata. Fig 2.40 Campione di vinaccia trattato enzimaticamente (sinistra) e del controllo
(destra) dopo 20 ore di trattamento enzimatico. Test idrolitici su graspi d''uva I risultati analitici ottenuti su campioni di graspi d''uva in termini di carboidrati totali e
zuccheri riducenti liberati dopo ogni step sono rappresentati nelle figure 2.41 e 2.42 88 Fig 2.41 Confronto tra concentrazioni di carboidrati totali rilasciati (gr/l) su campioni
di graspi sottoposti a differenti trattamenti Fig 2.42 Confronto tra concentrazioni di zuccheri riducenti rilasciati (gr/l) su campioni di graspi sottoposti a differenti trattamenti Il campione di graspi mostra contenuti di saccaridi solubili pressoché nulle (non
rilevabili analiticamente) dopo la fase di risospensione in acqua.
A differenza dei test d''idrolisi effettuati con Accelerase 1500 in tale caso l''incremento di zuccheri riducenti appare inferiore e non analizzabile analiticamente. E'' ragionevole
fare le medesime considerazioni relative alle problematiche riguardanti i fenomeni di
coordinazione dell''acqua che comporta concentrazioni e diluizioni degli analiti come
per le vinacce. 89 L''efficacia del trattamento enzimatico difficilmente valutabile per via analitica è però evidente osservando il campione nei test di reazione dopo il trattamento. Come si può
osservare in figura 2.43 il campione trattato enzimaticamente è più torbido, indice di
una maggiore idrolisi. Anche la frazione solida del campione risulta meno compatta e
rigida ad ulteriore conferma dell''effetto che i trattamenti enzimatici hanno su di essa in
termini di disgregazione delle macromolecole strutturali che la compongono. Il trattamento idrolitico di questa matrice consente la solubilizzazione di circa 18 g/L di
zuccheri (riducenti/totali) che in termini di idrolisi di solido corrisponde a circa il 5-6 %
in peso della matrice trattata. Fig 2.43 Foto del campione di graspi trattato enzimaticamente (sinistra) e del controllo
(destra) dopo 20 ore di trattamento enzimatico. Test idrolitici su paglia I risultati analitici ottenuti su campioni di paglia in termini di carboidrati totali e
zuccheri riducenti liberati dopo ogni step sono rappresentati nelle figure 2.44 e 2.45. 90 Fig 2.44 Confronto tra concentrazioni di carboidrati totali rilasciati (gr/l) su campioni di paglia sottoposti a differenti trattamenti Fig 2.45 Confronto tra concentrazioni di zuccheri riducenti rilasciati (gr/l) su campioni
di paglia sottoposti a differenti trattamenti Per quanto riguarda il campione di paglia, il processo di sospensione in acqua non
consente di determinare carboidrati passati in soluzione. Il trattamento meccanico di frullatura e termico in autoclave consentono di solubilizzare solo un piccola frazione di
polisaccaridi sia in termini di carboidrati totali che di zuccheri riducenti. Nel caso della
paglia i fenomeni di concentrazione/diluizione non sono significativi sia per la diversa
composizione strutturale della matrice vegetale sia per il fatto che, essendo risospeso in
acqua in proporzione 1:15, il rapporto tra solido e liquido risulta tale da rendere 91 scarsamente significative le quantità d''acqua coinvolte in fenomeni di gelificazione rispetto alla massa totale del liquido.
Sia in termini di carboidrati totali che in termini di zuccheri riducenti l''effetto di idrolisi
dei trattamenti enzimatici su questa matrice risulta molto spiccato confrontandolo con il
campione non trattato. Come messo in evidenza nel trattamento su paglia effettuato con
Accelerase 1500 appare evidente anche in questo caso che la particolare struttura cellulosica della paglia necessita uno stadio fisico di pre-trattamento che alteri la
struttura ligno-cellulosica tipica di questa matrice.
L''effetto idrolitico è visibile anche macroscopicamente nella foto riportata in figura
2.46. Sebbene in termini di zuccheri totali solubilizzati i risultati che si ottengono sono
di circa 6 g/L, e quindi molto minori rispetto ai campioni di vinaccia e graspi, tenendo presente che il fattore di risospensione di questa matrice è 5 volte più alto. Fig 2.46 Foto del campione di paglia trattato enzimaticamente (sinistra) e del controllo
(destra) dopo 20 ore di trattamento enzimatico. Test di fermentazione su residui dell''industria enologica e cerealicola idrolizzati L''effetto di ogni pre-trattamento sulle biomasse prese in esame fornisce utili indicazioni
sull''efficacia di ogni trattamento nell''idrolisi della struttura ligno-cellulosica esaminata. 92 Di difficile interpretazione risulta invece comprendere come tale idrolisi abbia effetto e incidenza in un processo di fermentazione anaerobico per la produzione di biogas
utilizzando come substrato di fermentazione le biomasse idrolizzate con trattamenti
termo-meccanici ed enzimatici.
Si rende pertanto necessario ricorrere a test di fermentazione in batch per verificare
l''effetto idrolitico dei pre-trattamenti e del prodotto enzimatico utilizzato in termini di produzione biogas. Ogni test viene effettuato separando la frazione liquida dalla
frazione solida di ogni matrice a valle del trattamento pretrattamento termico,
meccanico ed enzimatico, al fine di poter valutare la produzione specifica di biogas per
ognuna delle due componenti. La produzione di biogas cumulata è stata misurata per 30
giorni di fermentazione al termine della quale viene attribuito ad ogni matrice un valore di produzione biogas specifica in normal/litri di biogas (condizioni standard del gas a
0°C e 1 bar di pressione) per chilo di sostanza secca della matrice considerata. Fermentazione batch di idrolizzati di vinacce I test di idrolisi precedentemente condotti su vinacce hanno messo in risalto la capacità
del trattamento meccanico e termico di portare in fase liquida una buona quantità di
carboidrati totali e zuccheri liberi in soluzione. Analizzando però le produzioni di biogas
dalle fermentazioni effettuate sulle diverse frazioni di vinacce idrolizzate, appare evidente che l''idrolizzato liquido non presenta, diversamente da come ci si aspetta, delle
buone produzioni in termini di biogas. Analogo risultato si ottiene nel campione di
vinaccia che non ha subito alcun tipo di trattamento (tabella 2.16) (figura 2.47) Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s.) Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s vinacce idrolizzato di vinacce (solido) idrolizzato di vinacce (liquido) 80,01 286,15 70,8 Tab 2.16 Produzione specifica di biogas massima (Nl/kg s.s.) misurata su vinacce
idrolizzate e non dopo fermentazione in batch. 93 Fig 2.47 Produzione specifica di biogas (Nl/kg s.s.) misurata su vinacce idrolizzate e non durante 30 giorni di fermentazione in batch. Tale risultato sembra essere legato ad un effetto di inibizione fermentativa da parte del
solfito utilizzato durante la lavorazione industriale per la produzione del vino142. Tale
considerazione pare supportata dal fatto che l''idrolizzato di vinaccia solida mostra una resa in biogas maggiore rispetto alle altre frazioni, probabilmente perché i solfiti si
concentrano prevalentemente nell''acqua durante il trattamento idrolitico rimanendo
nell''idrolizzato liquido dove provoca inibizione del processo fermentativo. Fermentazione batch di idrolizzati di graspi d''uva Diversamente da quanto messo in evidenza nei campioni idrolizzati di vinacce,
l''idrolizzato liquido di graspi mostra produzioni specifiche di biogas molto superiori
alle altre frazioni (tabella 2.17) (figura 2.48) Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s.) Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s graspi idrolizzato di graspi (solido) idrolizzato di graspi (liquido) 171,49 80,69 532,98 Tab 2.17 Produzione specifica di biogas massima (Nl/kg s.s.) misurata su graspi
idrolizzati e non dopo fermentazione in batch. 0 50 100 150 200 250 300 350 1 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 Nl biogas/kg s.s. giorni di fermentazione vinacce idrolizzato di vinacce (solido) idrolizzato di vinacce (liquido) 94 Fig 2.48 Produzione specifica di biogas (Nl/kg s.s.) misurata su graspi idrolizzati e non durante 30 giorni di fermentazione in batch. Dal test fermentativo appare evidente che la maggiore quantità di zuccheri
fermentescibili è disponibile nella fase acquosa dopo il trattamento enzimatico, mentre
l''idrolizzato solido costituito dal residuo ligno-cellulosico dopo il trattamento enzimatico origina una produzione specifica di biogas nettamente inferiore.
Dal test fermentativo si nota una velocità iniziale di produzione del biogas molto rapida
nell''idrolizzato liquido, rispetto all''idrolizzato solido e alla matrice non sottoposta a
trattamento. Ciò implica che gli zuccheri derivanti dal pre-trattamento e passati in fase
liquida sono velocemente fermentabili. Fermentazione batch di idrolizzati di paglia L''importante effetto idrolitico evidenziato dal trattamento enzimatico dopo una
destrutturazione fisica e termica del campione di paglia, appare di significativa importanza anche per il test fermentativo su idrolizzati liquidi e solidi di tale matrice
com visibile in tabella 2.18 e figura 2.49 Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s.) Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s paglia idrolizzato di paglia (liquido) idrolizzato di paglia (solido) 389,5 2416,22 658,4 0 100 200 300 400 500 600 1 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 Nl biogas/kg s.s. giorni di fermentazione graspi Idrolizzato di graspi (solido) idrolizzato di graspi (liquido) 95 Tab 2.18 Produzione specifica di biogas massima (Nl/kg s.s.) misurata su paglia
idrolizzata e non dopo fermentazione in batch. La fermentazione dell''idrolizzato liquido di paglia provoca la formazione di più di 2400
Nl/biogas/kg s.s. a differenza dei 658 Normal litri biogas del solido e particolarmente significativi se confrontati con il campione non sottoposto a trattamento (tab_) Fig 2.49 Produzione specifica di biogas (Nl/kg s.s.) misurata su paglia idrolizzata e non
durante 30 giorni di fermentazione in batch. La curva di produzione biogas dell''idrolizzato liquido mostra una velocità di
produzione biogas nettamente superiore rispetto al campione idrolizzato solido e non sottoposto a trattamento. Valgono anche in questo caso le considerazioni fatte per i
graspi d''uva relativamente al passaggio in soluzione di zuccheri rapidamente
fermentabili nella fase liquida dell''idrolizzato. Confronto energetico tra sottoprodotti idrolizzati e matrici comunemente utilizzate per la produzione di biogas I risultati produttivi ottenuti dai sottoprodotti dell''industria enologica e cerealicola
possono essere confrontati con i tipici substrati utilizzati oggi nei processi fermentativi
industriali per la produzione di biogas (tabella 2.19). 0 500 1000 1500 2000 2500 1 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 Nl biogas/kg s.s. giorni di fermentazione paglia idrolizzato di paglia (solido) idrolizzato di paglia (liquido) 96 Substrato Nl/kg s.s. deiezioni bovine 250 deiezioni suine 450 deiezioni avicole 400 insilato di mais 600 pastone di mais 660 insilato di sorgo 500 insilato di triticale 505 insilato di frumento 525 insilato di loiessa 480 grassi e oli 700-1000 Tabella 2.19 Produzioni potenziali di biogas medi di alcune biomasse utilizzate nei
processi di fermentazione anaerobica Le produzioni specifiche di biogas ottenute dai test di fermentazione su graspi e vinacce
non idrolizzati appaiono di scarso interesse energetico se utilizzate per l''approvvigionamento di impianti industriali per la produzione di metano.
Sui sottoprodotti dell''industria enologica appaiono più interessanti le produzioni
dell''idrolizzato liquido di graspi d''uva che ha produzioni assimilabili a quelle di un
insilato d''erba, seppure sia molto liquido e comporta volumi molto ampi di
fermentazione. La paglia ha una produzione potenziale di biogas più interessante ma l''alto contenuto in lignina del sottoprodotto impone l''utilizzo di pre-trattamenti termo-
meccanici ed enzimatici che aumentino le produzioni specifiche di biogas. Conservazione di graspi d''uva in condizioni anossiche La gestione di sottoprodotti derivanti dal settore agro alimentare pone importanti quesiti in merito alla loro conservazione per periodi tali da consentirne un utilizzo
programmabile nel tempo per cui la conservazione di tali biomasse deve prevedere la 97 creazione di condizioni adatte a limitare i fenomeni degenerativi causati dalla degradazione della sostanza organica in essi contenuti.
La conservazione di graspi d''uva a temperature di 4°C e 37°C permettono lo sviluppo di
fermentazioni spontanee in grado di ridurre il contenuto di polisaccaridi presenti nella
biomassa determinando una perdita del valore energetico della matrice se utilizzata in
fermentazione anaerobica per la produzione di biogas. Occorre pertanto ricorrere a metodiche di conservazione in grado di evitare fermentazioni spontanee non
controllabili e indesiderate e consentire una corretta gestione del sottoprodotto
limitando il consumo di sostanza organica causato da fermentazioni aerobiche 143.
La conservazione di biomasse in assenza di ossigeno permette di limitare fortemente il
consumo di zuccheri fermentabili e di mantenerne pressoché intatto il valore energetico, per effetto di fenomeni fermentativi ad opera di batteri lattici omofermentanti come
Lactobacillus plantarum, L. curvatus, L. casei e batteri lattici eterofermentanti come L.
buchneri, L. brevis e L.viridescens che portano alla formazione di acidi,
prevalentemente lattico e acetico, che stabilizzano la biomassa conservata attraverso
un''acidificazione spontanea che porta il pH a valori compresi tra 3,2 - 4,0.144 Lo sviluppo di acido acetico aumenta la stabilità della biomassa conservata nel
momento in cui questa viene nuovamente a contatto con l''aria per effetto di inibizione
sullo sviluppo di funghi, muffe e lieviti che hanno un ruolo chiave nel deterioramento
aerobico e nella perdita del valore energetico della biomassa.145
Si ricorre pertanto alla conservazioni di graspi d''uva in condizioni controllate di assenza di ossigeno per un periodo pari a 90 giorni mediante l''aggiunta di un inoculo di
Lactobacillus buchneri LN 40177 così da garantire la presenza di 200.000 UFC per
grammo di prodotto conservato e un rapido abbassamento del pH dei graspi per effetto
della capacità del ceppo utilizzato di produrre acido lattico e acido acetico da esosi e
pentosi e di degradare acido lattico ad acido acetico in condizioni anossiche.146,147,148 Il Lactobacillus buchneri LN 40177 è peraltro caratterizzato per la capacità di produrre
ferulato esterasi che, diversamente da cellulasi ed emicellulasi, permette di idrolizzare i
legami esterei tra la funzionalità carbossilica di un fenolo acido e una funzionalità
idrossile di un carboidrato facente parte delle strutture polisaccaridiche della parete
cellulare vegetale, provocando il rilascio di acido ferulico dagli arabinoxilani della parete cellulare vegetale e un incremento della suscettibilità della parete cellulare
vegetale all''idrolisi enzimatica.149,150 L''acido ferulico forma infatti diverse tipologie di
dimeri che consentono di creare strutture a ponte tra due catene polisaccaridiche
conferendo alla struttura della parete cellulare vegetale una maggiore stabilità e
resistenza meccanica. 98 L''azione idrolitica della ferulato esterasi può così implementare l''effetto di cellulasi e emicellulasi sulla parete cellulare vegetale e incrementare l''azione idrolitica sulla
componente ligno-cellulosica della biomassa trattata.151,152,153,154,155 L''azione idrolitica
delle esterasi appare di grande rilievo e importanza soprattuto per i graspi d''uva che
hanno un contenuto in lignina medio del 20-25% in grado di legare chimicamente molti
polisaccaridi fermentescibili utili ai processi di trasformazione biochimica di tali zuccheri in biogas.
Per garantire una maggiore superficie all''azione idrolitica delle ferulato esterasi
prodotte da Lactobacillus buchneri LN 40177 parte dei graspi è stato trattato
meccanicamente e conservato in condizioni di assenza di ossigeno per un periodo pari a
90 giorni. Quattro tipologie di campione sono state conservate in condizioni anossiche per 90
giorni (tabella 2.20): Tipologia di trattamento nessun trattamento trattamento meccanico inoculo con Lactobacillus buchneri LN 40177 t.meccanico + inoculo con Lactobacillus buchneri LN 40177 Tab 2.20 Trattamenti utilizzati per la conservazione in condizioni anossiche dei graspi d''uva presi in esame La conservazione dei campioni in tali condizioni ha permesso di mantenere i campioni
apparentemente intatti, senza sviluppo evidente di lieviti o muffe. Test di fermentazione su graspi d''uva sottoposti a conservazione anossica La valutazione dello stato di conservazione dei polisaccaridi costitutivi dei graspi d''uva
e l''effetto di trattamento meccanico ed idrolitico di esterasi prodotte da Lactobacillus buchneri LN 40177 viene effettuata attraverso test di fermentazione in batch.
Per ogni campione analizzato con test di fermentazione anaerobica viene misurata la
produzione di biogas cumulata per 26 giorni al termine della quale viene attribuito ad
ogni matrice un valore di produzione biogas specifica in Normal/litri di biogas 99 (condizioni standard del gas a 0°C e 1 bar di pressione) per chilo di sostanza secca della matrice considerata.
Analizzando le produzioni specifiche di biogas per le varie matrici analizzate con test di
fermentazione anaerobico si può evidenziare che il solo trattamento meccanico ha effetti
diretti di medio rilievo sulla produzione specifica di biogas del campione, così come ha
effetti poco rilevanti il trattamento con Lactobacillus buchneri LN 40177 su una matrice non destrutturata fisicamente. (tabella 2.16)
Appare invece molto evidente l''effetto del trattamento biologico con Lactobacillus
buchneri LN 40177 su graspi sottoposti a trattamento meccanico. L''azione meccanica
svolta sui graspi per aumentare la superficie disponibile all''azione enzimatica delle
esterasi prodotte da Lactobacillus buchneri LN 40177 ha difatti consentito un''azione idrolitica molto importante sulla struttura ligno-cellulosica dei graspi. Tipologia di trattamento Produzione specifica di biogas max (Nl/kg s.s.) nessun trattamento 70,3 trattamento meccanico 130,5 inoculo con Lactobacillus buchneri LN 40177 98,8 t.meccanico + inoculo con Lactobacillus buchneri
LN 40177 225,5 Tab 2.21 Produzione specifica di biogas (Nl/kg s.s.) misurata dopo 26 giorni di
fermentazione su graspi sottoposti a diversi trattamenti dopo 90 giorni di conservazione
in condizioni anossiche. 100 Figura 2.50 Produzione specifica di biogas (Nl/kg s.s.) misurata dopo 26 giorni di
fermentazione su graspi sottoposti a diversi trattamenti dopo 90 giorni di conservazione
in condizioni anossiche. La capacità del Lactobacillus buchneri LN 40177 di produrre enzimi esocellulari in grado di degradare la struttura ligno-cellulosica dei graspi d''uva viene confermata dai
test di fermentazione effettuati, pertanto è ipotizzabile l''utilizzo di tale soluzione
tecnologica per la conservazione di matrici vegetali con un alto contenuto di lignina per
preservarne le caratteristiche bromatologiche ed aumentare la loro produttività in biogas
se utilizzate in fermentazioni anaerobiche per la produzione di biogas. 0 50 100 150 200 250 0 1 3 5 6 8 10 14 16 18 21 23 26 Nl biogas/ kg s.s. Giorni di fermentazione t.meccanico + LN 40177 t.meccanico LN 40177 nessu trattamento 101 3. CONCLUSIONI La ricerca è stata incentrata sulla valorizzazione energetica degli scarti agro-alimentari dell''industria enologica e cerealicola mediante una destrutturazione preliminare delle
matrici vegetali con tecniche d''idrolisi meccanica ed enzimatica. Sono state oggetto di
studio le risorse derivanti dai processi produttivi di tali filiere e utilizzabili per una
valorizzazione energetica in fermentazione anaerobica per la produzione di biogas
ovvero vinacce, graspi e vinaccioli per l''industria enologica e paglia per l''industria cerealicola. Per le prove sperimentali riguardanti l''idrolisi enzimatica sono stati caratterizzati
preparati enzimatici prodotti da: Novozymes e Genencor. Lo screening di attività
enzimatica su tali prodotti è stato effettuato valutando le loro potenzialità sia come
agenti destrutturanti per la matrice vegetale sia per la capacità di idrolizzare specificamente i polisaccaridi che costituiscono la struttura ligno-cellusosica delle
biomasse prese in esame. E''stato osservato che talvolta le attività preponderanti che
caratterizzano un preparato non sono in realtà quelle per le quali il preparato stesso
viene commercializzato. Da ciò deriva la necessità di caratterizzare accuratamente i
biocatalizzatori da impiegare per finalità specifiche indipendentemente da quanto riportato nelle schede tecniche del produttore e dunque di sviluppare metodologie
analitiche ad hoc. Lo screening relativo ai prodotti enzimatici Novozymes ha messo in evidenza buone
capacità idrolitiche del prodotto NS-50012 sui substrati amido, xilano e pectina, seppure
sia poco efficiente nella destrutturazione fisica dei fogli di cellulosa utilizzati per la misura visiva dell''attività cellulasica. L''attività cellulasica di tale prodotto appare
comunque elevata per effetto dell''attività eso-cellulasica di idrolisi sui monomeri
terminali delle catene polisaccaridiche di cellulosa che non determina però una
liquefazione totale del substrato utilizzato. L''unico prodotto utilizzato nello screening
ad avere un effetto sull''idrolisi fisica del foglio di cellulosa è stato l''NS-50013. Lo screening di attività enzimatica sui prodotti enzimatici Genencor è stato effettuato
con metodiche analoghe a quelle utilizzate per l''analisi di attività enzimatica dei
prodotti Novozymes. Sono stati presi in esame un prodotto commercializzato da
Genencor come base per i trattamenti enzimatici su biomasse ligno-cellulosiche,
Accelerase 1500, e i prodotti accessori che coadiuvano le attività idrolitiche di Accelerase 1500. Tutti i prodotti accessori (XY, XC e BG) hanno attività idrolitiche su amido, xilano e
pectina superiori a quelle di Accelerase 1500 ma non hanno effetti diretti sulla 102 destrutturazione fisica del foglio di cellulosa utilizzato le prove di attività cellulasica; diversamente da Accelerase 1500 che provoca una liquefazione di tale substrato. I prodotti enzimatici XY, XC e BG al momento non sono disponibili in commercio per
cui in un''ottica di scale up-industriale del trattamento enzimatico sulle biomasse prese
in esame si è reso necessario procedere alla caratterizzazione enzimatica del prodotto
Accelerase 1500. L''attività di screening è stata concentrata su tale prodotto che è già presente sul mercato. L''attività di rilascio di zuccheri riducenti di Accelerase 1500 appare migliore a
temperature superiori a quelle utilizzate per il primo screening a 40°C, per cui è stata
individuata la temperatura di 50°C come ottimale per l''attività enzimatica del prodotto,
anche in relazione alla maggiore stabilità nel tempo a tali temperature. L''indagine relativa alla destrutturazione fisica di biomasse con alto contenuto in lignina
è stata eseguita mediante trattamento termico in autoclave, e trattamenti meccanici con
una frullatura per l''omogeneizzazione dei campioni e un processo di estrusione
meccanica. Le prove sperimentali su paglia hanno permesso di stabilire un nesso
importante tra l''aumento di superficie della biomassa trattata con trattamento meccanico e l''azione idrolitica del prodotto enzimatico utilizzato. Il trattamento meccanico difatti
determina un''azione migliore di rilascio di zuccheri riducenti a partire da percentuali di
Accelerase 1500 pari a 0,1% e fino al 5%, concentrazione massima testata, con discreta
proporzionalità all''aumentare della percentuale di enzima utilizzato. Tale conferma si è avuta nel trattamento termo-meccanico ed idrolitico realizzato su graspi d''uva con risultati differenti rispetto alle diverse combinazioni di trattamenti
utilizzati per le prove sperimentali e in relazione alla diversa tipologia di substrato
utilizzato. Anche nei test sui graspi il trattamento termico e meccanico hanno consentito
una migliore azione idrolitica di Accelerase 1500 con performance molto maggiori su
graspi d''uva conservati a temperature di 4°C (GU II) e 37°C (GU III). A tali temperature seppure sia stato verificato un consumo importante di zuccheri
fermentescibili sul materiale, dovuto allo sviluppo di fermentazioni spontanee, è stata
verificata una maggiore azione idrolitica per prodotto enzimatico utilizzato.
Probabilmente lo sviluppo di microflora batterica e fungina spontanea su graspi d''uva
conservati in condizioni di temperatura tali da non bloccare qualsiasi attività microbiologica rende ipotizzabile la produzione di enzimi ligno-cellulosici da parte di
tale microflora. La conferma di tale ipotesi si è avuta mediante trattamento dei graspi
d''uva attraverso un''estrazione in fase acquosa dei GUII e GUIII, ipotizzando di
trasferire in soluzione l''eventuale presenza di enzimi eso-cellulari prodotti dalla 103 microflora spontanea, e utilizzando tale soluzione per il successivo trattamento di altre aliquote di graspi.
L''evidenza sperimentale del deterioramento dei graspi d''uva conservati in condizioni
tali da non bloccare processi fermentativi indesiderati ha messo in evidenza la capacità
della microflora spontanea sviluppata sul substrato di produrre enzimi eso-cellulari utili
alla degradazione di tali substrati. Sulla base di tali evidenze sperimentali è stata indagata la capacità di Pleurotus
ostreatus di produrre enzimi utili alla degradazione di biomasse ligno-cellulosiche. Le
prove di crescita del micelio di Pleurotus ostreatus hanno così messo in evidenza la
capacità del fungo di crescere su terreno liquido aggiunto di substrati ligno-cellulosici
come i graspi d''uva e i vinaccioli e di produrre la maggiore quantità di laccasi soprattuto su quest''ultimo substrato, contenente una frazione molto significativa di
lignina (44% p/p).
Sono state condotte poi ulteriori indagini relativamente ai trattamenti termo-meccanici
ed enzimatici su paglia e su graspi d''uva e vinacce con enzimi idrolitici scelti per
caratteristiche idrolitiche idonee al substrato da trattare in concentrazione 0,5% p/p del solido trattato.
I test idrolitici condotti su vinacce e graspi hanno mostrato una forte incidenza sul
rilascio di zuccheri riducenti e carboidrati totali dopo i trattamenti meccanici di
frullatura e termici di trattamento in autoclave, mentre i risultati con trattamenti
enzimatici sono più visibili dalle differenti caratteristiche macroscopiche tra il campione trattato enzimaticamente e non trattato. L''analisi di carboidrati totali e zuccheri riducenti
dopo il trattamento enzimatico su vinacce non evidenza un''ulteriore rilascio di
polisaccaridi dopo il trattamento enzimatico, probabilmente perchè il processo di
idrolisi enzimatica libera molta dell''acqua di coordinazione sequestrata dalla frazione
polisaccaridica durante il processo termico causando una diluizione dei polisaccaridi stessi in soluzione.
Nel test idrolitico sulla paglia invece appaiono molto evidenti gli effetti del trattamento
idrolitico dopo 20 ore, soprattutto perchè i fenomeni di concentrazione e diluizione sono
ridotti per effetto della composizione strutturale della matrice.
Risultano ben più apprezzabili le differenze tra i substrati non trattati e gli idrolizzati liquidi e solidi analizzati con test di fermentazione anaerobica in batch per misurare la
produzione di biogas da ogni substrato utilizzato nelle prove sperimentali. Dai test
fermentativi su vinacce appare probabile l''effetto di solfiti sull''inibizione della flora
batterica utilizzata come inoculo microbiologico per l''esecuzione dei test fermentativi.
L''idrolizzato solido di vinacce invece ha una produzione di biogas superiore per effetto 104 di una minore concentrazione di solfiti. I test fermentativi su graspi d''uva e paglia rendono invece evidente l''effetto idrolitico
dei trattamenti termo-meccanici ed enzimatici e la maggiore concentrazione di zuccheri
fermentabili nelle frazioni liquide di idrolizzati per effetto dei diversi trattamenti. Gli
idrolizzati liquidi e i campioni non sottoposti a trattamento hanno invece produzioni di
biogas inferiori. Le prove sperimentali sui graspi d''uva condotte in condizioni di fermentazione
controllata mediante l''utilizzo di un inoculo microbiologico di Lactobacillus buchneri
LN 40177 hanno permesso di individuare condizioni idonee per la conservazione e
utilizzo di tali sottoprodotti, evitando lo sviluppo di fermentazioni aerobiche che
deperiscono molto rapidamente il sottoprodotto. La conservazione in condizioni anossiche ha quindi permesso la conservazione dei graspi per 12 settimane mantenendo
ottime le condizioni dei graspi così conservati, poichè non sono stati evidenziati
fenomeni macroscopici di deterioramento del prodotto. I test di fermentazione condotti
sui graspi trattati meccanicamente e con Lactobacillus buchneri LN 40177 hanno messo
in risalto un effetto molto importante di ferulato esterasi prodotte dal batterio nella degradazione dei legami tra l''acido ferulico e i polisaccaridi della parte cellulare
vegetale determinando una maggiore degradabilità di tali polisaccaridi nei processi
fermentativi per la produzione di biogas.
Andrà compreso come l''effetto prodotto da ferulato esterasi prodotte da Lactobacillus
buchneri LN 40177 possa ulteriormente aumentare le performance d''idrolisi enzimatica di prodotti enzimatici commerciali a monte di una fermentazione anaerobica per la
produzione di biogas. Appare probabile che l''azione di ferulato esterasi possa
implementare l''effetto di cellulasi ed emicellulasi sulla parete cellulare vegetale e
incrementare l''azione idrolitica sulla componente ligno-cellulosica della biomassa
trattata. Alla luce dei risultati ottenuti dalle prove preliminari di destrutturazione catalitica delle
biomasse derivanti dai processi produttivi dei cereali e del vino è possibile ipotizzare
uno scale up del processo di lisi termo-meccanica della biomassa ligno-cellulosica e di
idrolisi enzimatica degli scarti agro-industriali presi in esame, attraverso lo sviluppo di
un pre-trattamento termico-meccanico ed enzimatico sequenziale a monte di un impianto di produzione di biogas. Il processo rappresenterebbe l''introduzione di una
tecnologia innovativa, non ancora attuata in Italia in impianti di produzione di biogas, e
che potrebbe configurarsi come uno stadio analogo al pre-trattamento enzimatico della
biomassa ligno-cellulosica che comunemente avviene oggi nella produzione di
bioetanolo. 105 4. MATERIALI E METODI Pre-trattamenti su scarti ligno-cellulosici Screening e caratterizzazione di prodotti enzimatici commerciali Determinazione degli zuccheri riducenti (Metodo di Baley)103 La procedura di determinazione dell''attività enzimatica si basa sul metodo di Bailey, il
quale consente la determinazione spettrofotometrica degli zuccheri riducenti liberati
tramite reazione ossidativa con acido 3,5 dinitrosalicilico (ADNS).* Il saggio permette
la determinazione del monomero di zucchero liberato durante l'' idrolisi enzimatica per via della reazione tra il reattivo DNSA e lo zucchero come descritto in figura 3.1 Fig 3.1 Reazione ossidoriduttiva fra glucosio e acido 3,5-dinitrosalicilico (giallo) con
formazione di acido gluconico e acido 3-ammino-5-nitrosalicilico (rosso). Il metodo per la determinazione degli zuccheri riducenti permette di determinare
spettrofotometricamente la quantità di prodotto liberato nell''unità di tempo. Lo
zucchero preso come riferimento per costruire la retta di taratura è il D(+)-glucosio. La retta di taratura utilizzata per monitorare gli zuccheri si costruisce preparando soluzioni
standard di D(+)-glucosio (C6H12O6 P.M. 180,16 g/mol) a concentrazioni da 0,2 a 1 g/l
in H2O. A 400 µl di tali soluzioni si aggiungono 600 µl di ADNS. 1 106 1 * 75g di sodio potassio tartrato vengono sciolti in 50 ml di NaOH 2M , portando a volume di circa 100 ml di acqua distillata. A questa soluzione si aggiungono 0,25 g di Acido DinitroSalicilico (la dissoluzione di ADNS è lenta ma non bisogna riscaldare, e
nemmeno ricorrere al bagno ultrasuoni). Quando ADNS è perfettamente sciolto si porta a volume fino a 250 ml con H2O distillata e
si conserva a 4°C e al riparo dalla luce. I campioni così preparati sono tenuti in acqua bollente per 7 minuti, centrifugati e l''assorbanza è letta a 550 nm contro un campione a concentrazione di zucchero nulla
(bianco). La concentrazione di zuccheri riducenti espressa in g/l di glucosio si ottiene usando la
retta di taratura riportata in figura 3.2 Fig 3.2 Retta di taratura per la determinazione degli zuccheri riducenti nel saggio enzimatico utilizzato per la caratterizzazione dei prodotti enzimatici commerciali Attività amilasica
La procedura per determinare l''attività amilasica si basa sul metodo descritto
precedentemente rilevando il rilascio degli zuccheri riducenti dovuto al trattamento
enzimatico in una soluzione standard di amido monitorato tramite reazione ossidativa con acido 3,5 dinitrosalicilico (ADNS). La retta di taratura utilizzata per monitorare gli
zuccheri si costruisce preparando soluzioni standard di D(+)-glucosio (C6H12O6 P.M.
180,16 g/mol) a concentrazioni da 0,2 a 1 g/l in H2O Per la determinazione dell''attività amilasica dei prodotti utilizzati nello screening
vengono preparate delle soluzioni all'' 1% di amido (p/v) (from wheat, Fluka) in tampone Mc Ilvaine a pH 5, facendo solubilizzare il polimero mantenendo le soluzioni a
circa 80 °C sotto agitazione magnetica per 10 minuti. Dopo aver lasciato raffreddare il
substrato fino a temperatura ambiente è possibile eseguire il saggio di attività
dell''enzima. Il saggio viene effettuato utilizzando 1,8 ml di substrato a cui vengono
aggiunti 0,2 ml di soluzione enzimatica e incubando il campione a 37 °C in agitazione per 3 minuti. Al termine dei 3 minuti vengono prelevati 0,4 ml dal batch di reazione e y = 0,9452x + 0,0486 R² = 0,99818 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 Abs 550 nm Conc glucosio (gr/L) 107 viene bloccata l''attività enzimatica mediante l''aggiunta di 0,6 ml di DNSA. Successivamente viene eseguita la determinazione degli zuccheri riducenti con la
metodica di Bailey. La lettura spettrofotometrica viene fatta contro un bianco preparato
analogamente al batch di reazione, aggiungendo però a 1,8 ml di substrato 0,2 ml di
H2O distillata. Le concentrazioni di glucosio in campioni incogniti si ottengono usando
la retta di taratura in figura 3.2 Attività xilanasica La procedura per determinare l''attività xilanasica si basa sul metodo descritto precedentemente, rilevando il rilascio degli zuccheri riducenti in seguito al trattamento
enzimatico in una soluzione standard di xilano monitorato tramite reazione ossidativa
con acido 3,5 dinitrosalicilico (ADNS). Per la determinazione dell''attività xilanasica lo
zucchero preso come riferimento per costruire la retta di taratura è lo xilosio. La retta di
taratura utilizzata per monitorare gli zuccheri si costruisce preparando soluzioni standard di D(+)-xilosio (C5H10O5 P.M. 150,13 g/mol) a concentrazioni da 0,2 a 1 g/l in
H2O. La concentrazione di xilano liberato si ottiene tramite una retta di taratura
effettuata su una soluzione di xilosio a diverse concentrazioni come riportato in figura
3.3 Fig 3.3 Retta di taratura per la determinazione dell''attività xilanasica nel saggio enzimatico utilizzato per la caratterizzazione dei prodotti enzimatici commerciali Analogamente a quanto descritto per la preparazione del substrato di amido viene utilizzata una soluzione all'' 1% di xilano di betulla (p/v) (from Bichwood, Fluka) per la y = 1,3152x - 0,0337 R² = 0,9966 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 Abs 550 nm Conc xilosio (gr/L) 108 preparazione del substrato di xilano in tampone Mc Ilvaine a pH 5, facendo solubilizzare il polimero mantenendo le soluzioni a circa 80 °C sotto agitazione
magnetica per 10 minuti. Dopo aver lasciato raffreddare il substrato fino a temperatura
ambiente è possibile eseguire il saggio di attività dell''enzima. Il saggio viene effettuato
utilizzando 1,8 ml di substrato a cui vengono aggiunti 0,2 ml di soluzione enzimatica e
incubando il campione a 37 °C in agitazione per 3 minuti. Al termine dei 3 minuti vengono prelevati 0,4 ml dal batch di reazione e viene bloccata l''attività enzimatica
mediante l''aggiunta di 0,6 ml di DNSA. Successivamente viene eseguita la
determinazione degli zuccheri riducenti con la metodica di Bailey. La lettura
spettrofotometrica viene fatta contro un bianco preparato analogamente al batch di
reazione, aggiungendo però a 1,8 ml di substrato 0,2 ml di H2O distillata. Le concentrazioni di xilosio in campioni incogniti si ottengono usando la retta di taratura in
fig 3.3 Attività pectinasica La procedura per determinare l''attività pectinasica si basa sul metodo descritto
precedentemente rilevando il rilascio degli zuccheri riducenti dovuto al trattamento
enzimatico in una soluzione standard di pectina monitorato tramite reazione ossidativa
con acido 3,5 dinitrosalicilico (ADNS). Per la determinazione dell''attività pectinasica lo
zucchero preso come riferimento per costruire la retta di taratura è l''acido-galatturonico. La retta di taratura utilizzata per monitorare gli zuccheri si costruisce preparando
soluzioni standard di acido D(+)-galatturonico monoidrato (C6H10O7 * H2O P.M. 212,2
g/mol) a concentrazioni da 0,2 a 1 g/l in H2O. La concentrazione di acido galatturonico
liberato si ottiene tramite una retta di taratura effettuata su una soluzione di acido α-D-
galatturonico a diverse concentrazioni come riportato in figura 3.4 y = 1,1872x - 0,0917 R² = 0,9988 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 Abs 550 nm Conc acido galatturonico (gr/L) 109 Fig 3.4 Retta di taratura per la determinazione dell''attività pectinasica nel saggio
enzimatico utilizzato per la caratterizzazione dei prodotti enzimatici commerciali Analogamente a quanto descritto per la preparazione del substrato di amido viene
utilizzata una soluzione allo 0,3% di pectina di mela (p/v) (from Apples, Fluka) per la preparazione del substrato di pectina, in tampone Mc Ilvaine a pH 5, facendo
solubilizzare il polimero mantenendo le soluzioni a circa 80 °C sotto agitazione
magnetica per 10 minuti. Dopo aver lasciato raffreddare il substrato fino a temperatura
ambiente è possibile eseguire il saggio di attività dell''enzima. Il saggio viene effettuato
utilizzando 1,8 ml di substrato a cui vengono aggiunti 0,2 ml di soluzione enzimatica e incubando il campione a 37 °C in agitazione per 3 minuti. Al termine dei 3 minuti
vengono prelevati 0,4 ml dal batch di reazione e viene bloccata l''attività enzimatica
mediante l''aggiunta di 0,6 ml di DNSA. Successivamente viene eseguita la
determinazione degli zuccheri riducenti con la metodica di Bailey. La lettura
spettrofotometrica viene fatta contro un bianco preparato analogamente al batch di reazione, aggiungendo però a 1,8 ml di substrato 0,2 ml di H2O distillata. Le
concentrazioni di acido galatturonico in campioni incogniti si ottengono usando la retta
di taratura in fig 3.4 Attività cellulasica
Per determinare l''attività cellulasica una quantità di carta pari a 0,1 gr viene sospesa in
5 ml di tampone McIlvine (pH 5) e 50 µl di enzima. Dopo 18 ore di idrolisi enzimatica viene valutato lo stato fisico del foglio di carta e la quantità di glucosio eventualmente
liberata in soluzione. La procedura per determinare l''attività cellulasica si basa sul
metodo descritto precedentemente rilevando il rilascio degli zuccheri riducenti dovuto
al trattamento enzimatico del foglio di cellulosa monitorato tramite reazione ossidativa
con acido 3,5 dinitrosalicilico (ADNS). Le concentrazioni di glucosio in campioni incogniti si ottengono usando la retta di taratura in fig 3.2 Determinazione dell''attività xilanasica del preparati enzimatico Accelerase 1500 a
diverse temperature Sono state preparate soluzioni di amido all''1% (p/v), xilano allo 1% (p/v) e pectina allo
0,3% (p/V) in tampone Mc Ilvine a pH 5,0 come descritto in precedenza. Le soluzioni 110 sono state poste a bagnomaria per portare ciascuna soluzione alla temperatura desiderata e mantenerla costante nel corso della prova; si è scelto di monitorare l''andamento
dell''attività xilanasica alle temperature di 50 e 60 °C. Dopo aver raggiunto la
temperatura desiderata, alla soluzione di amido, xilano e pectina sono stati aggiunti,
mantenendo la soluzione sotto agitazione magnetica, 0,2 ml di soluzione di preparato
enzimatico Accelerase 1500 diluito 1:100. Sono stati poi effettuati prelievi inizialmente ogni 3 minuti per 10 minuti e poi ad intervalli più lunghi, fino a 200 minuti di reazione,
per la determinazione degli zuccheri riducenti. Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria cerealicola
Valutazione preliminare del trattamento enzimatico su paglia estrusa Per valutare l''efficacia del trattamento enzimatico con Accelerase 1500 su campioni di
paglia vengono pesati 13 grammi di paglia e frullati con un mixer per 1 minuto per
ridurre la dimensione del sottoprodotto utilizzato prima di effettuare una sospensione in H2O (1:20 p/v). Il campione sospeso in H2O viene posto in autoclave a 121°C per 21
minuti. Circa la metà del solido autoclavato ottenuto viene macinato con un estrusore a
coclea dotato di una lama a coltelli e un''aliquota pari a 5 gr di campione estruso viene
sospeso nel liquido del trattamento in autoclave (1:5 p/v). Ad un ulteriore aliquota del
campione estruso pari a 5 gr. viene aggiunto Accelerase 1500 (5% v/p). Il campione con Accelerase 1500 e senza enzima sono posti in bagno termostatato a 55°C e agitato
periodicamente.
Ad intervalli regolari vengono effettuati prelievi sulla soluzione di reazione e per ogni
aliquota viene effettuata la determinazione spettrofotometrica degli zuccheri riducenti
liberati tramite reazione ossidativa con acido 3,5 dinitrosalicilico (DNSA) del campione. Trattamento termo-meccanico ed enzimatico su residui dell''industria enologica
Trattamenti termici, meccanici ed enzimatici combinati su graspi d''uva La valutazione di diversi trattamenti su graspi d''uva conservati a diverse condizioni di
temperatura è stata effettuata con 20 grammi di campione seccato in stufa a 60°C per 8
ore e risospeso in H2O (1:10 p/v). Il campione sospeso in H2O viene posto in autoclave
a 121°C per 21 minuti. 5 gr di solido autoclavato viene risospesa in 25 ml del liquido di 111 sospensione in autoclave e un''altra aliquota pari a 5 gr di solido viene aggiunto Accelerase 1500 a diverse percentuali (1, 2,5 e 5% v/p). Una porzione del solido
autoclavato ottenuto viene invece macinato con un estrusore a coclea dotato di una lama
a coltelli e una vita senza fine. Un''aliquota pari a 5 gr di campione estruso viene
sospeso nel liquido del trattamento in autoclave (1:5 p/v). Ad un ulteriore aliquota del
campione estruso pari a 5 gr. viene aggiunto Accelerase 1500 a diverse percentuali (1, 2,5 e 5% v/p). I campioni ottenuti con Accelerase 1500 e senza enzima sono posti in
bagno termostatato a 55°C e agitati periodicamente.
Ad intervalli regolari vengono effettuati prelievi sulla soluzione di reazione e per ogni
aliquota viene effettuata la determinazione spettrofotometrica degli zuccheri riducenti
liberati tramite reazione ossidativa con acido 3,5 dinitrosalicilico (DNSA) del campione.
Attività idrolitica spontanea da microflora presente su graspi d''uva
La presenza di enzimi in grado di degradare la struttura lignocellulosica di graspi d''uva
conservati a 4°C (GUII) e 37°C (GUIII) è stata effettuata mediante frullatura con mixer e risospensione in H2O dei campioni presi in considerazione per l''estrazione di enzimi
endogeni in fase acquosa. Viene utilizzata un''aliquota di GU II e GU III sottoposti a
processo di estrazione in fase acquosa per ulteriore risospensione in H2O distillata, ad
altre aliquote di graspi viene aggiunto Accelerase 1500 al 2,5% v/p, per valutare
l''effetto d''idrolisi di tale preparato enzimatico. Ad intervalli regolari vengono effettuati prelievi sulla soluzione di reazione e per ogni
aliquota prelevata viene effettuata la determinazione spettrofotometrica degli zuccheri
riducenti liberati tramite reazione ossidativa con acido 3,5 dinitrosalicilico (DNSA) del
campione.
Coltura in fase sommersa di Pleurotus ostreatus e valutazione dell''attività
laccasica
Coltura di Pleurotus ostreatus su terreno solido Per la coltura del micelio fungino è stato utilizzato un ceppo del micelio di Pleurotus
ostreatus cresciuto su semi di grano e commercializzato dall''Azienda Agricola Funghi
Mara (Bologna) come prodotto umido per la coltivazione di funghi. Su piastra con
terreno agarizzato sterilizzato in autoclave, costituito da 3 gr. di estratto di malto, 2 gr.
di agar e 100 ml di H2O distillata a pH 5,4 sono stati utilizzati 3 semi di grano per 112 effettuare l''inoculo del micelio. Le piastre sono state mantenuto a temperatura di 37°C in assenza di luce e conservate a 4°C dopo il completo sviluppo su piastra del micelio
fungino. Coltura in fase sommersa di Pleurotus ostreatus Si sterilizza in autoclave a 121°C per 21 minuti una beuta con frangifluitti e tappo di
cotone con 5 gr. di estratto di malto, 2 gr. di glucosio in 200 ml di H2O distillata. Dopo
la sterilizzazione del terreno di coltura viene effettuato un inoculo con un disco della
dimensione di 1 cm di micelio fungino cresciuto su terreno solido. Per stimolare la
produzione di laccasi vengono aggiunti al terreno di coltura, in beute differenti, 5 gr. di graspi d''uva e 5 gr. di vinaccioli ed ogni beuta viene mantenuta in agitatore orbitale in
assenza di luce a 100 rpm ed aerata ogni 12 ore per 14 giorni.
Ogni 24 ore vengono prelevate aliquote del terreno di coltura e per ogni aliquota
prelevata viene effettuata la determinazione spettrofotometrica degli zuccheri riducenti
consumati nel terreno di coltura, tramite reazione ossidativa con acido 3,5 dinitrosalicilico (DNSA) del campione e la misura dell''attività laccasica. Determinazione dell''attività laccasica Per determinare l''attività laccasica è stato utilizzato il metodo di Setti et al.156 basato
sull''accoppiamento ossidativo tra il 3-metil 2-benzotiazolinone idrazone (MBTH) e l''orto-metossifenolo (guaiacolo Sigma). La reazione di accoppiamento ossidativo è
mostrata in figura 3.5. 113 Fig 3.5 reazione di accoppiamento ossidativo tra MBTH e guaiacolo per la
determinazione dell''attività laccasica. I campioni sono preparati aggiungendo a 3 ml di tampone fosfato o fosfato-citrato 25
mM a pH 6,5, 500 µl di MBTH (Aldrich) 0.05% w/v, 50 µl di guaiacolo (Merck) 500
mM in etanolo (1.116 ml in 20 ml volume finale) e 300 µl di soluzione enzimatica (il bianco è preparato allo stesso modo, omettendo l''aggiunta di guaiacolo). I campioni
sono incubati a 30 °C per 20 minuti. La reazione è fermata aggiungendo in rapida
successione 500 µl di H2SO4 1 N e 1 ml d''acetone. Dopo centrifugazione i campioni
sono letti a 502 nm contro il bianco e l''attività è calcolata con la formula: Dove: Abs502nm: Assorbanza (502 nm) t= tempo di reazione in minuti ''= coefficiente d''estinzione molare 8.355 mM-1 cm-1
Vtot= volume totale di reazione (ml) Venz= volume di enzima aggiunto Test d''idrolisi enzimatica residui dell''industria enologica e cerealicola dopo
differenti pre-trattamenti
I campioni di vinacce e graspi sono stati conservati a -4 °C mentre quelli di paglia a
temperatura ambiente in luogo asciutto.
I campioni vengono preliminarmente risospesi in acqua in rapporto variabile a seconda
delle caratteristiche e del contenuto d''acqua del vegetale. I campioni di vinacce e graspi 114 sono stati risospesi in acqua in proporzione 1:3, il campione di paglia, matrice con un contenuto di umidità molto inferiore, è stata risospesa in proporzione 1:15.
Dopo la risospensione i campioni vengono sottoposto a frullatura con un mixer per 60
secondi al fine di ridurre le dimensioni dei solidi sospesi, ottenere un preparato più
omogeneo e favorire i successivi step idrolitici. I campioni di graspi e paglia sono stati
inseriti, dopo frullatura in becker, in bottiglie Duran da 250 ml nella proporzione 50 g di solido risospeso umido in 100 ml di liquido di risospensione.
Tutti i campioni sono stati poi sottoposti ad un trattamento termico di sterilizzazione in
autoclave (121°C per 21''). Tale trattamento favorisce l''ingresso di acqua nelle maglie
dei tessuti vegetali grazie alla gelificazione delle componenti polisaccaridiche
facilitando i successivi processi di idrolisi enzimatica. Il processo di sterilizzazione consente inoltre di eliminare i fenomeni di fermentazione dovuti alla microflora
batterica presente nei campioni. Tali fenomeni fermentativi non consentirebbero infatti
di apprezzare gli effetti dell''idrolisi enzimatica monitorati analizzando il rilascio di
zuccheri in soluzione.
I diversi campioni sono stati poi addizionati con preparati enzimatici commerciali secondo il metodo descritto da Di Gioia157ed aventi le attività idonee per aggredire le
peculiari strutture polisaccaridiche che compongono i differenti tessuti vegetali. I
preparati enzimatici sono stati aggiunti allo 0,5% p/p rispetto al solido da trattare. ' Vinacce: Pectinasi + Cellulasi
' Graspi: Cellulasi + Amilasi
' Paglia: Cellulasi + emicellulasi I campioni vengono mantenuti sotto agitazione orbitale per 20 ore a 30°C.
Dopo ogni trattamento un aliquota del preparato viene prelevata per le analisi di Carboidrati Totali e Zuccheri Riducenti. Determinazione dei carboidrati totali (Metodo fenolo/solforico) La procedura si basa sul metodo fenolo/solforico ricavata da una metodica di analisi dei carboidrati totali attraverso analisi spettrofotometrica158,159. Il metodo è quindi basato su
di una retta di taratura costruita con soluzioni standard di D(+)-glucosio alle
concentrazioni comprese tra 0,01-0,1 mg/ml. A 200 µL di standard, posti in un tubo di
reazione, si aggiungono 200 µL di soluzione acquosa di fenolo 5% p/v.
Successivamente si aggiunge 1 ml di acido solforico conc.( 98%p/p) e rapidamente si 115 chiude il tubo di reazione. Dopo una energica agitazione si lascia sviluppare la reazione per 30 min a 30°C e successivamente si effettuano le letture di assorbanza alla
lunghezza d''onda di 490 nm contro un bianco costituito da 200 µL di H2O distillata.
Dai valori di concentrazione degli standard e di assorbanza a 490 nm si costruisce una
retta di taratura.
La retta in figura 3.6 è stata costruita operando un raffreddamento a 30 °C dei campioni all''interno dei tubi ma come si può osservare tale operazione non garantisce la linearità
che si è invece ottenuta effettuando il saggio senza un raffreddamento dei campioni
(figura 3.7) Fig 3.6 Retta di taratura per la determinazione dei carboidrati totali con il metodo
fenolo/solforico e operando il raffreddamento a 30°C dei tubi dopo aggiunta di acido
solforico conc. 116 Fig 3.7 Retta di taratura per la determinazione dei carboidrati totali con il metodo
fenolo/solforico non operando il raffreddamento dei tubi dopo aggiunta di acido
solforico conc. Fig 3.8 Spettri di assorbimento (350-700nm) dei campioni di standard trattati con il
metodo fenolo/solforico. Come si può osservare in figura 3.8 gli spettri di assorbimento dei campioni di standard
di glucosio dopo il saggio fenolo/solforico hanno un massimo di assorbimento a
lunghezze d''onda di 490 nm e inoltre si ha una proporzionalità diretta tra assorbanza e
concentrazione di glucosio e ciò è in linea con i risultati ricercati in letteratura160. La retta di taratura di figura 3.7, relativa agli spettri di figura 3.8 , verrà utilizzata per le determinazioni sui campioni di idrolizzati. Un''aliquota di estratto viene centrifugato e il
surnatante, opportunamente diluito per ottenere concentrazioni rientranti nel range di
linearità della retta di taratura, viene sottoposto al saggio nelle quantità di 200 µl. 117 Attraverso il saggio si hanno valori relativi alla quantità di carboidrati totali espressi come concentrazione di glucosio proveniente dall''idrolisi delle catene polisaccaridiche. Conservazione di graspi d''uva in condizioni anossiche Le prove sperimentali di conservazione effettuate su graspi d''uva sono state effettuate su scarti produttivi della raccolta del 2010 di uva provenienti da Reggio Emilia.
La conservazione dei graspi d''uva in condizioni anossiche è avvenuta in contenitori
cilindrici del diametro di 10 centimetri e altezza di 12 centimetri in cui sono stati inseriti
quantità pari a 1.000 grammi di graspi sottoposti a diversi trattamenti. La prova
sperimentale con Lactobacillus buchneri LN 40177 è stata effettuata mediante l''aggiunta di inoculo batterico commercializzato da Pioneer (Lactobacillus buchneri
ceppo LN 40177, Pioneer Hi-Bred International, Des Moines, IA).
I graspi inseriti all''interno del contenitore cilindrico sono stati pressati mediante pressa
idraulica con pressione pari a 2 kg/cm2 di superficie e sigillati per consentire il
mantenimento delle condizioni anossiche all''interno del contenitore. Test di fermentazione su graspi d''uva sottoposti a conservazione anossica
I testi di fermentazione sono stati condotti presso il Dipartimento di Produzione Vegetali
dell''Università degli Studi di Milano con aliquote di graspi pari a 200 gr. e 2000 gr. di
inoculo microbiologico standardizzato costituto da materiale in fermentazione proveniente da un impianto industriale. I fermentatori dopo l''incubazione di inoculo e
substrato sono stati sigillati ermeticamente e posti in bagni termostatati a 40°C. La
determinazione del contenuto in metano del biogas viene effettuata direttamente nello
spazio di testa del fermentatore, attraverso appositi raccordi, posti sul tappo, con
l''ausilio di analizzatore di gas Binder Combimass Ga-m3. 118 BIBLIOGRAFIA 1 Forster, P., V. Ramaswamy, P. Artaxo et al.: Changes in Atmospheric Constituents and in Radiative Forcing. In: Climate Change 2007: The Physical Science Basis.
Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change [Solomon, S., D. Qin, M. Manning, Z.
Chen, M. Marquis, K.B. Averyt, M.Tignor and H.L. Miller (eds.)]. Cambridge
University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA. 2007 2Woodward, F.I., W. Cramer, A. Bondeau, I.C. Prentice et al.White. Dynamic responses of global terrestrial vegetation to changes in CO2 and climate, Global Change Biology,
7, 357-373. 2001 3Sandun F., Sushil A., Chauda C., and Naveen M. Biorefiney: Current Status, Challenges, and Future Direction. Energy&Fuels 20, 1727-1737. 2006
4Grassi G., Bridwater.,. Biomass for energy and environmental, agricolture and industry in Europe '' A strategy for the future. Commission of the European Communities. 1990 5S. Achterholt, H. Priefert, A. Steinbüchel, ''Identification of Amycolatopsis sp. strain
HR167 genes, involved in the bioconversion of ferulic acid to vanillin',, Appl Microbiol Biotechnol, 54, 799-807. 2000 6 T. Ho Kim, C. Gi Han and C. Kun Song, ''Instability of threshold voltage under constant bias stress in pentacene thin film transistors employing polyvinylphenol gate
dielectric', Thin Solid Films, 516, 6, 1232-1236. 2008 7 E.Palmqvist , B. Hahn-Haagerdal. Fermentation of lignocellulosic hydrolysates. I: inhibition and detoxification. Bioresource Technology 74,17-24, 2000 8 Hendriks A.T.W.M. , G. Zeeman. Pretreatments to enhance the digestibility of lignocellulosic biomass. Bioresource Technology, 100, 10-18. 2009 9C.Fabbri, M.Soldano, S.Piccini, 2011 Informatore Agrario. 26 2-6.2011 10 Pain, B.F., Hepherd, R.Q.,. Anaerobic digestion of livestock wastes. In: Pain, B.F., Hepherd, R.Q. (Eds.), Anaerobic Digestion of Farm Waste. NIRD Technical Bulletins,
Reading, 9''14. 1985 11 D.P.Chynoweth, J.M.Owens, R.Legrand. Renewable methane from anaerobic
digestion of biomass. Renewable Energy 22,1-8, 2001 12 Jodice R., Pin M. I biocarburanti: le filiere produttive, le tecnologie, i vantaggi
ambientali e le prospettive di diffusione. 2007 13 E.Rychebosch, M.Drouillon, H.Vervaeren. Techniques for trasformation of biogas to
biomethane. Biomass and bioenergy 35,1633-1645. 2011 119 14 Persson, M., Jönsson, O., Wellinger, A. Biogas upgrading to vehicle fuel standards
and grid injection. IEA Bioenergy, Task 37 '' Energy from Biogas and Landfill Gas,
2006. 15 Born, J.,. From Sugar Factories to Biorefineries. Baltic Biorefinery Symposium, 23''
32. ISBN: 87-7606-009-8. 2005 16 Kristensson, I. et al.,. Biogas pågasnätet utan propantillsats. Rapport SGC 176,
1102-7371, ISRN SGC-R-176-SE, 6''18. 2007 17 Angenent L.T., Karim K., Al-Dahhan M.H., Wrenn B.A. and Domínguez- Espinosa R.. Production of bioenergy and biochemicals from industrial and agricultural
wastewater. TRENDS Biotechnol. 22(9): 477-485. 2004 18 V.A.Vanilin, S.V. Rytov, L.Y. Lokshina. A description of hydrolysis kinetics in
anaerobic degradation of particulate organic matter. Bioresource Technology, 56(2-3),
229-237. 1996 19 Zhang B., He P.J., Lü F., Shao L.M. and Wang P.. Extracellular enzyme activities during regulated hydrolysis of high-solid organic wastes. Water Res. 41: 4468-4478.
2007 20 W.T.M. Sanders, M.Geerink, G.Zeeman, G.Lettinga. Anaerobic hydrolysis kinetics of
particulate substrate. Proceedings of the Second International Symposium on Anaerobic Digestion of Solid Wastes, June 15-18, Barcelona. 1999 21 Eastman J.A. and Ferguson J.F.. Solubilization of particulte organic carbon during the
acid phase of anaerobic digestion. JWPCF 53(3): 352-366. 1981 22 A.P Sinitsyn, A.V. Gusakov, E.Y. Vlasen. Effect of structural and physico- chemical
features of cellulosic substrates on the efficiency of enzymatic hydrolysis. App Biochem Biotechnol, 30, 43-59. 1991 23 D.N. Thompson, H.C. Chen, H.E. Grethlein. Comparison of pretreatment methods on
the basis of available surface area. Bioresour Technol, 39,155-163.1992 24 P.R. Chandra, A.R. Esteghlalian, Saddler JN: Assessing substrate accessibility to
enzymatic hydrolysis by cellulases. In Characteristics of lignocellulosic materials. Edited by: Hu TQ. Oxford: Blackwell;60-80. 2008 25 Mosey F.E.. Mathematical modelling of the anaerobic digestion process: regulatory
mechanisms for the formation of short-chain volatile fatty acids from glucose. Water Sci. Technol. 15: 209-232. 1983 26 A.Husain. Mathematical models of the kinetics of anaerobic digestion. A selected review. Biomass and Bioenergy, 8 (6)6:433-444. 1998 27 F.Malpei, D.Gardoni, La digestione anaerobica: i principi del processo biologico e i criteri di dimensionamento. 62° Corso di Aggiornamento biogas da frazioni organiche
di rifiuti solidi urbani in miscela con altri substrati. 7-10 maggio, Milano. 2010 120 28B.Schink. Energetics of syntrophic cooperation in methanogenic degradation.
Microbiology and Molecular Biology Reviews, 61 (2),262,260 1997 29A.J.M. Stams, S.Oude Elferink, P.Westermann. Metabolic interaction between methanogenic consortia and anaerobic respiring bacteria. Biomethanation I . Advances
Engineering/ Biotechnology. Volume 81,31-56, Springer-Verlag, Berlin Heidelrberg.
2000 30 Boone D., Whitman W. and Rouviere P.. Diversity and taxonomy of methanogens. In Ferry J.G. (ed.) Methanogenesis. Chapman and Hall, New York, pp. 35''80. 1993 31 Bryant M.P.. Microbial methane production '' theoretical aspects. J. Environ. Sci.
Health A32: 195-213. 1979 32 Metcalf and Eddy. Wastewater Engineering. Treatment, Disposal, Reuse. 3rd edition,
McGraw-Hill Int. Ed.,Singapore. 1991 33 J.A. Oleszkiewicz, V.K.Sharma. Stimulation and inhibition of anaerobic processes by
heavy metal. Biological wastes, 21, 45-67. 1990 34 Oremland R.S.. Biogeochemistry of methanogenic bacteria. In Zehnder A.J.B. (ed.)
Biology of anaerobic microorganisms. John Wiley & Sons, New York, pp. 641-706. 1988 35 Wellinger, Baserga, U., Edelmann et al.. Biogas-Handbuch: Grtndlagen'-elanung -
Betrieb - Landwirtschaftliche Anlagen, 2. Auflage,Wirz-Verlag, Aarau. 1991 36 G.E.Symons, A.M Buswell. The methane fermentation of Carbohydrates. J.Am. Chem. Soc. 55, 2028-2036. 1932 37 Fengel, D., Wegener, G.Wood: Chemistry, Ultrastructure, Reactions. De Gruyter, Berlin. 1984 38 Crawford D.L.. Lignin biodegradation and transformation. Wiley- Interscience, New York. 1981 39 Sun, Y. and J. Cheng. "Hydrolysis of lignocellulosic materials for ethanol production:
A review." Bioresource Technology 83(1): 1-11. 2002 40 Biomass Characteristic,Biomass Gasification and Pyrolysis, Pages 27-63. Prabir
Basu.2010 41 Himmel M.E., Ruth M.F. and Wyman C.E. Cellulase for commodity products from
cellulosic biomass. Curr. Opin. Biotechnol. 10(4): 358-64.1999 42 Nishiyama Y., Langan P. and Chanzy H. Crystal structure and hydrogen-bonding
system in cellulose Ibeta from synchrotron X-ray and neutron fiber diffraction. J. Am. Chem. Soc. 124(31): 9074-9082. 2002 121 43 Ding S.Y. and Himmel M.E. The maize primary cell wall microfibril: a new model
derived from direct visualization. J. Agric. Food Chem. 54(3): 597-606. 2006 44 Himmel M. E., Ding S.Y., Johnson D.K., Adney W.S., Nimlos M.R., Brady J.W. and Foust T.D. Biomass Recalcitrance: Engineering Plants and Enzymes for Biofuels
Production. Science 315(5813): 804 '' 807. 2007 45Hinman, N.D., Wright, J.D., Hoagland, W., Wyman, C.E. Xylose fermentation: an
economic analysis. Applied Biochemistry and Biotechnology 20/21, 391''410. 1989 46 Ho, N.W.Y., Chen, Z., Brainard, A.,. Genetically engineered Saccharomyces yeast
capable of effective co-fermentation of glucose and xylose. Applied Environmental Microbiology 64, 1852''1859. 1998 47 Sreenath, H.K., Jeffries, T.W.,. Production of ethanol from wood hydrolyzate by yeasts. Bioresource Technology 72, 253''260. 2000 48 Lynd, L.R., Elander, R.T., Wyman, C.E.,. Likely features and costs of mature biomass
ethanol technology. Applied Biochemistry and Biotechnology 57/58, 741''761. 1996 49 Ladisch, M.R., Lin, K.W., Voloch, M., Tsao, G.T.,. Process considerations in
enzymatic hydrolysis of biomass. Enzyme and Microbial Technology 5, 82''102. 1983 50 Banerjee, S., Mudliar, S., Sen, R., Gir, B., Satpute, D., Chakrabarti, T., et al.,.
Commercializating lignocellulosic bioethanol: technology bottlenecks and possible remedies. Biofuels Bioprod. Biorefining. 4, 77''93. 2010 51 Yang, B., Wyman, C.E. Pretreatment: the key to unlocking low-cost cellulosic ethanol. Biofuels Biop. Biorefining, 2, 26''40. 2008 52 Laureano-Perez, L., Teymouri, F., Alizadeh, H., Dale, B.E.,. Understanding factors
that limit enzymatic hydrolysis of biomass. Appl. Biochem. Biotechnol. 121, 1081'' 1099. 2005 53 Chandra, R.P., Bura, R., Mabee, W.E., Berlin, A., Pan, X., Saddler, J.N.,. Substrate pretreatment: the key to effective enzymatic hydrolysis of lignocellulosics. Adv.
Biochem. Eng. Biot. 108, 67''93. 2007 54 Sun, Y., Cheng, J.,. Hydrolysis of lignocellulosic materials for ethanol production: a review. Bioresour. Technol 83, 1''11. 2002 55 Karunanithy, C., Muthukumarappan, K.,. Effect of Extruder Parameters and Moisture Content of Switchgrass, Prairie Cord Grass on Sugar Recovery from Enzymatic
Hydrolysis. Appl. Biochem. Biotechnol. doi: 10.1007/ s12010-010-8959-3. 2010 56 Karunanithy, C., Muthukumarappan, K., Julson, J.L.,. Enzymatic hydrolysis of corn stover pretreated in high shear bioreactor. Am. Soc. Agric. Biol. Eng. Ann. Int. Meet. 6,
3603''3611. 2008 122 57 Sun, R.C., Tomkinson, R.C.,. Characterization of hemicelluloses obtained by classical
and ultrasonically assisted extractions from wheat straw. Carbohydr. Polym. 50 (3),
263''271. 2002 58 Yachmenev, V., Condon, B., Klasson, T., Lambert, A.,. Acceleration of the enzymatic
hydrolysis of corn stover and sugar cane bagasse celluloses by low intensity uniform ultrasound. J. Biobased Mater. Bioenergy. 3, 25''31. 2009 59 Bobleter, O.,. Hydrothermal degradation of polymers derived from plants. Progress in
Polymer Science 19, 797''841. 1994 60 Bobleter, O., Concin, R.,. Degradation of poplar lignin by hydrothermal treatment.
Cellulose Chemistry and Technology 13, 583''593. 1979 61 Garrote, G., Dominguez, H., Parajo, J.C. Hydrothermal processing of lignocellulosic
materials. Holz Roh Werkst. 57, 191''202. 1999 62 Gregg, D., Saddler, J.N.,. A techno-economic assessment of the pretreatment and fractionation steps of a biomass-to-ethanol process. Appl. Biochem. Biotechnol., 711''
727. 1996 63 Cara, C., Romero, I., Oliva, J.M., Sàez, F., Castro, E. Liquid hot water of olive tree
pruning residues. Appl. Biochen. Biotechnol. 136-140, 379''394. 2007 64 Gossett, J.M., Stuckey, D.C., Owen, W.F., Mccarty, P.L., Heat treatment and anaerobic digestion of refuse. J. Environ. Eng. Div. 108, 437''454. 1982 65 Lora, J.H., Wayman, M.,. Delignification of hardwoods by autohydrolysis and extraction. Tappi 61, 47''50. 1978 66 Negro, M.J., Manzanares, P., Oliva, J.M., Ballesteros, I., Ballesteros, M. Changes in
various physical chemical parameters of Pinus Pinaster wood after steam explosion pretreatment. Biomass Bioenergy 25, 301''308. 2003 67 Mosier, N., Wyman, C.E., Dale, B.D., Elander, R.T., Lee, Y.Y., Holtzapple, M., et al.,. Features of promising technologies for pretreatment of lignocellulosic biomass.
Bioresour. Technol. 96, 673''686. 2005 68 Carvalheiro, F., Duarte, L.C., Gìrio, F.M. Hemicellulose biorefineries: a review on biomass pretreatments. J. Sci. Ind. Res. 67, 849''864. 2008 69 Gossett, J.M., Stuckey, D.C., Owen, W.F., Mccarty, P.L. Heat treatment and anaerobic digestion of refuse. J. Environ. Eng. Div. 108, 437''454. 1982 70 Gregg, D., Saddler, J.N.A techno-economic assessment of the pretreatment and
fractionation steps of a biomass-to-ethanol process. Appl. Biochem. Biotechnol., 711'' 727. 1996 71 Keller, F.A., Hamilton, J., Nguyen, Q.A.,. Microbial pretreatment of biomass. Appl. Biotechnol. Bioeng. 105,27''41. 2003 123 72 Rowena T. Romano, Ruihong Zhang, S. T. J. A. M. The effect of enzyme addition on
anaerobic digestion of Jose Tall Wheat Grass Bioresource Technology,100, 4564-4571.
2009 73 R. Singh Jayani, S. Saxena, R. Gupta, ''Microbial pectinolytic enzymes: A review', Process Biochemistry, 40 2931''2944. 2005 74 Messerschimdat A. and Huber R.. The blue oxidases, ascorbate oxidase, laccase and
ceruloplasmin. Eur J Biochem 187, 341-352. 1990 75 Mayer A.M. and Staples R.C.- Laccase: new functions for an old enzyme.
Phytochemistry 60: 551-565. 2002 76 Hopkins T.L. and Kramer K.J.. Insect cuticle sclerotization. - Annu. Rev. Entomol. 37,
273-302. 1992 77 Susana Rodríguez Couto, J. L. T.-H. Laccase production at reactor scale by filamentous fungi Biotechnology Advances,, 25, 558''569. 2007 78 Brown R.R.,. Biochemical aspect of oxidative coupling of phenols. Oxidative
Coupling of Phenols, New York, Marcel Dekker, 167-201. 1967 79 Higuchi T.,. Mechanism of lignin degradation by lignin peroxidase and laccase of white-rot fungi. In: Lewis, N.G., and Paice M.G., (Eds), Biogenesis and Biodegradation
of Plant Cell Polymers. ACS Symposium Series, 399, 482-502. 1989 80 Haars A., Chet I., Hüttermann A.,. Effects of phenolic compounds and tannin on
growth and activity of Fomes annosus. Environmental Journal of Forest Pathology, 11,
67-76. 1981 81 Palmieri G., Giardina P., Bianco C., Fontanella B., and Sannia G.. Copper induction
of laccase isoenzymes in the ligninolytic fungus Pleurotus ostreatus. Appl. Environ. Microbiol. 66, 920-924. 2000 82 M.D. Cameron, S. Timofeevski, S.D. Aust; Appl Bicrobiol Biotechnol,, 54: pp.
751-758. 2000 83 Sanchez, C. Lignocellulosic residues: biodegradation and bioconversion by fungi. Biotechnol. Adv. 27, 185''194. 2009 84 Kumar, P., Barrett, D.M., Delwiche, M.J., Stroeve, P. Methods for pretreatment of lignocellulosic biomass for efficient hydrolysis and biofuel production. Ind. Eng. Chem.
Res. 48, 3713''3729. 2009 85 Shi, J., Sharma-Shivappa, R.R., Chinn, M., Howell, N.. Effect of microbial
pretreatment on enzymatic hydrolysis and fermentation of cotton stalks for ethanol
production. Biomass Bioenerg. 33, 88''96. 2009 86 Jeffries T.W.. Biodegradation of lignin-carbohydrate complexes. Biodegradation, 1,
163-176. 1990 124 87 U. Tuor, K. Winterhalter, A. Fiechte. Enzymes of white-rot fungi involved in lignin
degradation and ecological determinants in wood decay. Journal of Biotechnology.
Volume 41, 15,1''17. 1995 88 Ander P., Eriksson K.E.,. Selective degradation of wood components by white-rot
fungi. Plant Physiology, 41, 239-248. 1980 89 Galliano H., Gas G., Series J.L., Boundet A.M.,. Lignin degradation by Rigidosporus
lignosus involves synergistic action of two oxididizing enzymes: Mn- peroxidase ad
laccase enzyme. Enzyme and Microbial Technology, 13, 473-482. 1991 90 Giovannozzi Sermanni G., D''Annibale A., Di Lena G., Vitale N.S., Di Mattia E.,
Minelli V.. The production of exoenzimes of Lentinus edodes and Pleurotus ostreatus and their use for upgrading corn straw. Biosource Technology, 48, 173-178. 1994 91 Kim, S., & Dale, B. E.. Biomass Bioenergy, 26, 361''375. 2004 92 Alexander Bauera, Peter Böschb. Analysis of methane potentials of steam-exploded wheat straw and estimation of energy yields of combined ethanol and methane
production. Journal of Biotechnology, 2009, 142, 50''55. 2009 93 Craig B. Faulds, ''Ferulic acid esterases from Aspergillus niger: their application in
the biotransformation of agricultural residues', PhD Thesis, University of East Anglia,
1997 94 De Rosa T., Castagner R. Tecnologie della grappa e dei distillati d''uva. Edizioni
Edagricole, Bologna. 1994 95ANPA/ONR, Primo rapporto sui Rifiuti Speciali. In: Stima della produzione di rifiuti
speciali di alcuni comparti industriali attraverso studi di settore, 88-111. 1999 96 J. Ellenrieder, D.Schieder, W. Mayer. M. Faulstich. Combined mechanical enzymatic pretreatment for an improved substrate conversion when fermenting biogenic resources.
Engineering in Life Science, 10, 544-551. 2010 97 Maibritt Hjorth, Kay Gränitz, et al. Extrusion as a pretreatment to increase biogas
production. Bioresource Technology,102, 4889-4994. 2011 98 Alexander Bauera, Peter Böschb,. Analysis of methane potentials of steam-exploded
wheat straw and estimation of energy yields of combined ethanol and methane production. Journal of Biotechnology, 2009, 142, 50''55. 2009 99 Hinman, N.D., Wright, J.D., Hoagland, W., Wyman, C.E. Xylose fermentation: an
economic analysis. Applied Biochemistry and Biotechnology 20/21, 391''410. 1989 100 Sreenath, H.K., Jeffries, T.W.. Production of ethanol from wood hydrolyzate by
yeasts. Bioresource Technology 72, 253''260. 2000 101 Hsu, T.A., Ladisch, M.R., Tsao, G.T. Alcohol from cellulose. Chemical Technology
10 (5), 315''319. 1980 125 102 Georgieva, T. I.; Hou, X.; Hilstrøm, T. & Ahring, B. K.Enzymatic hydrolysis and
ethanol fermentation of high dry matter wet-exploded wheat straw at low enzyme
loading.Appl Biochem Biotechnol, BioScience and Technology Group, BioCentrum- DTU, Technical University of Denmark, Building 227, 2800, Lyngby, Denmark. 148,
35-44. 2008 103 Bailey M.J., Biely P., Poutanen K., ''Interlaboratory testing of methods for assay of
xilanase activity',Journal of Biotechnology, 23, 257-270. 1992 104 E.-M. Dilsterhiift, V. A. J. M. Linssen, A. G. J. V. & Beldman, G. Purification, characterization, and properties of two xylanases from Humicola insolens.Enzyme
Microbial Technology,20, 437-445. 1997 105 Wood, T. M., & Bhat, K. M., ''Methods for measuring cellulase activities. Methods in
Enzymology', 160, 87''112. 1988 106 D.S. Chahal, S. McGuire, H. Pikor, G. Noble. Production of cellulase complex by Trichoderma reesei rut-C30 on lignocellulose and its hydrolytic potential. Biomass, 2,
pp.127-137.1982 107 M.Gritzali,R.D.BrownJr.,The cellulase system of Trichoderma.The relationship
between purified extracellular enzymes from induced or cellulose grown cells, Adv. Chem. Ser. 181,237''260 .1979 108 J.P.H van Wyk. Hydrolysis of pretreated paper materials by different concentrations of cellulase from Penicilliumfuniculosum. Bioresource Technology. 69, 269''273, 1999 109 A.V. Joglekar, M.C. Srinivasan, A.C. Manchanda, V.V. Jogdand, N.G. Karanth.
Studies on cellulase production by a Penicillium funiculosum strain in an instrumented
fermenter. Enzyme and Microbial Technology Volume 5, 22''24 1983 110 J.P.H. van Wyk. Saccharification of paper products by cellulase from Penicilliumfuniculosum and Trichoderma reesei. Biomass and Bioenergy.16,239''242.
1999 111 Iwona Cybulska, H. L. & Julson, J. Hydrothermal Pretreatment and Enzymatic
Hydrolysis of Prairie Cord Grass. Energy Fuels,, 24, 718-727. 2010 112 Berovic, M. Sterilisation in biotechnology. Biotechnology annual review,, 11,
1387-2656. 2005 113 Giorgia Spigno, Tiziana Pizzorno, D. M. D. F.Cellulose and hemicelluloses recovery from grape stalks. Bioresource Technology, 99, 4329''4337. 2008 114 E. Bertran, X. Sort, M. S. I. T. Composting winery waste: sludges and grape stalks Bioresource Technology, 95, 203-208. 2004 115 E. Dinuccio, P. Balsari, et al. Evaluation of the biogas productivity potential of some
Italian agro-industrial biomasses. Bioresource Technology, 101, 3780''3783.2010 126 117 Ward, A.J., Hobbs, P.J., Holliman, P.J., Jones D.L. Optimisation of the anaerobic
digestion of agricultural resources, Bioresource Technology,99, 17, 7928-7940. 2008 118 Lynd, L.R., Elander, R.T., Wyman, C.E. Likely features and costs of mature biomass
ethanol technology. Applied Biochemistry and Biotechnology 57/58, 741''761. 1996 119 Garrote, G., Dominguez, H., Parajo, J.C.. Hydrothermal processing of lignocellulosic
materials. Holz Roh Werkst. 57, 191''202. 1999 120 Bobleter, O. Hydrothermal degradation of polymers derived from plants. Prog. Polym. Sci. 19, 797''841. 1994 121 Iwona Cybulska, H. L. & Julson, J.Hydrothermal Pretreatment and Enzymatic Hydrolysis of Prairie Cord Grass. Energy Fuels,24, 718-727. 2010 122 Palmowski, L., Muller, J. Influence of the size reduction of organic waste on their
anaerobic digestion. In: II International Symposium on Anaerobic Digestion of Solid
Waste. Barcelona 15''17 June, pp. 137''144.1999 123 Anthony Mshandete, Lovisa Bjornsson, et al. M.Effect of particle size on biogas yield from sisal fibre waste. Renewable Energy, 31, 2385''2392. 2006 124 Sinitsyn AP, Gusakov AV, Vlasen EY: Effect of structural and physico- chemical features of cellulosic substrates on the efficiency of enzymatic hydrolysis. App Biochem
Biotechnol, 30:43-59. 1991 125 Chandra PR, Esteghlalian AR, Saddler JN: Assessing substrate accessibility to
enzymatic hydrolysis by cellulases. In Characteristics of lignocellulosic materials. Edited by: Hu TQ. Oxford: Blackwell, 60-80. 2008 126 Esterbauer H, Steined W, Labudova I, Herman A, Hayn M. Production of
Thrichoderma cellulase in laboratory and pilot scale. Bioresour Technol36:51''65. 1991 127 Sánchez, C. Lignocellulosic residues: Biodegradation and bioconversion by fungi.
Biotechnology Advances, 27, 185-194. 2009 128 Howard RL, Abotsi E, Jansen van Rensburg EL, Howard S. Lignocellulose
biotechnology: issues of bioconversion and enzyme production. Afr J Biotechnol, 2:602''19. 2003 129 Martinez G, Larrondo N, Putman N, Gelpke MDS, Huang K, Chapman J, et al.
Genome sequence of the lignocellulose degrading fungus Phanerochaete chrysosporium
strain RP78. Nature Biotechnol;22:1''6. 2004 130 Weizhang Zhong, Zhongzhi Zhang, W. Q. P. F. M. L.Comparison of chemical and biological pretreatment of corn straw for biogas production by anaerobic digestion.
Renewable Energy, 36, 1875-1879. 2011 131 H. Morais, C. Ramos, E. F. A. J. & Cserhati, T. Enzyme Production of Pleurotus
ostreatus Evaluated by the Three-Way Principal Component Analysis. Engineering in Life Science, 2, 165-170. 2004 127 132 Lihua Liua, Zhiwei Lin et al.Fermentation optimization and characterization of the
laccase from Pleurotus ostreatus strain 10969. Enzyme and Microbial Technology, 44, 426-433. 2009 133 P.R. Giardina, L. Cannio, L. Martirani, G. Marzullo, G. Palmiari, G. Sannis, Cloning
and sequencing of a laccase gene from the lignin- degrading basidiomycete Pleurotus
ostreatus, Appl. Environ. Microbiol, 61, 2408-2413. 1995 134 L. Marzullo, R. Cannio, P. Giardina, M. T. Santini, G. Sannia, Veratryl alcohol oxidase from Pleurotus ostreatus participates in lignin biode- gradation and prevents
polymerization of laccase-oxidised substrates, J. Biol. Chem, 270, 3823-3827. 1995 135 L. Bezalet, Y. Hadar, C. E. Cerniglia, Enzymatic mechanisms involved in
phenanthrene degradation by the white rot fungus Pleurotus ostreatus, Appl. Environ. Microbiol, 63, 2495-2501. 1997 136 S. Kurashige, Y. Akuzawa, F. Endo, Effect of Lentinus edodes, Grifola frondosa and Pleurotus ostreatus administration on cancer outbreak, and activities of macrophages
and lymphocytes in mice treated with a carcinogen, N-butyl-N-butanolnitrosamine, Immunopharmacol. Immu- notoxico. 192, 175-183. 1997 137 K-S. Shin, I.-K. Oh, C.-J. Kim, Production and purification of Remazol brilliant blue R decolourising peroxidase from the culture filtrate of Pleurotus ostreatus, Appl.
Environ. Microbiol, 63, 2495-2501. 1997 138 M. Lorenzo, D. Moldes, S. R. A. S. Improving laccase production by employing
different lignocellulosic wastes in submerged cultures of Trametes Versicolor. Bioresource Technology, 82, 109-113. 2002 139 Setti L., Giuliani S., Spinozzi G., Pifferi P.G., ''Laccase catalyzed-oxidative copuling
of 3-methyl 2-benzothiazolinone hidrazone and methoxyphenols', Enzyme and
microbial tecnology, 25, 258-289, 1999 140 D. Moldes, P.P. Gallego, S. Rodrıguez Couto,A. Sanroma. Grape seeds: the best lignocellulosic waste to produce laccase by solid state cultures of Trametes hirsuta.
Biotechnology Letters 25: 491''495, 2003. 141 S.Rodrıguez Couto,E. Lopez, M. Angeles Sanroma. Utilisation of grape seeds for
laccase production in solid-state fermentors. Journal of Food Engineering 74,263''267,. 2006 142 Ough, C.S., Crowell, E.A. Use of sulfur dioxide in winemaking. Journal of Food Science 52, 386''389. 1987 143 Beck TH. The microbiology of silage fermentation, in Fermentation of silage.
National Feed Ingredients Association, Des Moines. Iowa 61-115. 1978 144 R.J. Lambert and M. Stratford. Weak-acid preservatives: modelling microbial
inhibition and response. Journal of Applied Microbiology, 86, 157''164.1999 128 145 Moon, N. J. Inhibition of the growth of acid tolerant yeasts by acetate, lactate and
propionate, and their synergistic mixture. J. Appl. Bacteriol. 55:453''460. 1983 146 Michaela Holzer, Elisabeth Mayrhuber, H. D. & Braun, R.The role of Lactobacillus
buchneri in forage preservation. Trends in Biotechnology, 21, 282-287. 2003 147 S. Oude Elferink, J. Krooneman, J. C. Gottschal, . S. F. Spoelstra et al. Anaerobic
Conversion of Lactic Acid to Acetic Acid and 1,2-Propanediol by Lactobacillus buchneri. Apllied and Environmental Biotechnology, Vol. 67, No. 1, p. 125''132. 2001 148 E. Tabacco, S. Piano, A. Revello-Chion, and G. Borreani. Effect of Lactobacillus
buchneri LN4637 and Lactobacillus buchneri LN40177 on the aerobic stability,
fermentation products, and microbial populations of corn silage under farm conditions. J. Dairy Sci. 94:5589''5598. 2011 149 V.L. Nsereko, Brenda K. Smiley, W. M. Rutherford. et al.Influence of inoculating
forage with lactic acid bacterial strains that produce ferulate esterase on ensilage and
ruminal degradation of fiber Animal Feed Science and Technology, 145, 122-135. 2008 150 Williamson, G., Kroon, P.A., Faulds, C.B. Hairy plant polysaccharides: a close shave with microbial esterases. Microbiology 144, 2011''2023. 1998 151 Bartolome, B., C.B. Faulds, P.A. Kroon, K. Waldron, H.J. Gilbert, G. Hazlewood and G. Williamson. An Aspergillus niger esterase (ferulic acid esterase III) and a
recombinant Pseudomonas fluorescens subsp cellulosa esterase (XylD) release a 5-5' ferulic dehydrodimer (diferulic acid) from barley and wheat cell walls. Appl. Envmtal.
Microbiol. 63(1):20a8-212. 1997 152 Krueger, N.A. and A.T. Adesogan. Effects of different mixtures of fibrolytic enzymes on digestion and fermentation of bahiagrass hay. Anim. Feed. Sci. Technol., In Press.
2008 153 Krueger, N.A., A.T. Adesogan, C.R. Staples, W.K. Krueger, D.B. Dean and R.C.
Littell. The potential to increase digestibility of tropical grasses with a fungal, ferulic acid esterase enzyme preparation Anim. Feed. Sci. Technol., In Press. 2008 154 Eun, J.S. and K A. Beauchemin. Supplementation with combinations of exogenous enzymes: Effects on in vitro fermentation of alfalfa hay and corn silage. Final report to
Dyadic International Inc. Agriculture and Agrifood Canada, Research Centre Report, Lethbridge, Canada. 15pp. 2006 155 Yu, P., J.J. McKinnon and D.A. Christensen. Improving the nutritional value of oat hulls for ruminant animals with pretreatment of a multienzyme cocktail: In vitro studies.
J. Anim. Sci. 83:1133-1141. 2005 156 Setti L., Giuliani S., Spinozzi G., Pifferi P.G., ''Laccase catalyzed-oxidative copuling of 3-methyl 2-benzothiazolinone hidrazone and methoxyphenols', Enzyme and
microbial tecnology, 25, 258-289. 1999 129 157 D.DiGioia, L.Sciubba,L.Setti,F.Luziatelli,M.Ruzzi,D. Zanichelli,F.Fava. Production
of biovanillin from wheat bran. Enzyme and Microbial Technology 41. 498''505. 2007 158 Chaplin M.F., Kennedy J.F., Colorimetric assay, Carbohydrate analysis , 1986 159 Mecozzi M., Acquistucci R., Amici M, Cardilli D., Improvement of an ultrasound
assisted method for the analysis of total carbohydrate in environmental and food
samples, Ultrasonics Sonochemistry 9, 219-223. 2002 160 Dubois M., Gilles K.A., Hamilton J.K., Rebers P.A., Smith F., Colorimetric Method
for Determination of Sugars and Related Substances, Division of Biochemistry, University of Minnesota 130


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186