verticale

La problematica relativa agli eventi sismici. Il pensiero europeo

L‘Unione Europea vista la complessità crescente di un approccio integrato alla gestione delle catastrofi, agevola il coordinamento delle azioni degli Stati membri nell'ambito della Protezione Civile. Il meccanismo di Protezione Civile dell‘UE, basato sulla condivisione delle risorse degli Stati membri, mira a rispondere tempestivamente alle emergenze che si verificano all'interno e/o al di fuori dell‘UE.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcT Industrial Safety & Security Milano novembre 2016 Soluzioni per la Safety nei siti industriali ad alta criticità

Pubblicato
da Alessia De Giosa
mcT Industrial Safety & Security Milano 2016Segui aziendaSegui




Settori: 


Estratto del testo
Milano, 24 novembre 2016 Gli atti dei convegni e più di 8.000 contenuti su www.verticale.net iS 1 iS MAURO MOIRAGHI GIOVANNI AMENDOLIA iS L''Unione Europea vista la complessità crescente di un
approccio integrato alla gestione delle catastrofi,
agevola il coordinamento delle azioni degli Stati
membri nell'ambito della Protezione Civile. Il meccanismo di Protezione Civile dell''UE, basato
sulla condivisione delle risorse degli Stati membri,
mira a rispondere tempestivamente alle emergenze
che si verificano all'interno e/o al di fuori dell''UE. AZIONI EUROPEE 2 iS Il meccanismo di protezione civile è il primo
strumento, e viene attivato su richiesta dello Stato
interessato. Serve a coordinare gli aiuti inviati dagli
altri Stati membri. Quello che fa la Commissione
europea, in questo caso, è partecipare alle spese
del trasferimento dei mezzi di soccorso e dei beni
di prima necessità nella regione colpita, oltre
inviare esperti sul posto. 3 iS 4 Il secondo strumento è il fondo europeo di solidarietà. Creato a seguito delle inondazioni che
hanno devastato l''Europa centrale nell''estate del
2002, è stato usato da allora per 71 disastri,
coprendo una larga serie di eventi, tra terremoti,
alluvioni e così via. Il relativo sostegno economico serve per affrontare le
conseguenze dell''evento e a favorire il ripristino di
condizioni di normalità. iS 5 L''occhio dell''Europa sulla terra è COPERNICUS, il
sistema europeo che ha acceso i suoi fari su Amatrice e Accumoli, inviando immagini satellitari
alla Protezione civile italiana perché possa avere
un''idea chiara sui danni provocati dal sisma. COPERNICUS è un sistema europeo di osservazione
ambientale, che raccoglie dati da diverse fonti:
satelliti, stazioni di monitoraggio, sensori in montagna e in mare.
Analizza questi dati e li mette a disposizione dei
vari uffici europei perché possano contare su dati
affidabili nell''affrontare temi di sicurezza ambientale. iS 6 LE ATTIVIT' SI CONCENTRANO IN PARTICOLARE SU
SEI AREE:
' TERRA
' MARE
' ATMOSFERA,
' CAMBIAMENTO CLIMATICO,
' GESTIONE DELLE EMERGENZE
' SICUREZZA.
PER QUANTO RIGUARDA LE IMMAGINI SATELLITARI,
COPERNICUS SI APPOGGIA ALL''AGENZIA SPAZIALE
EUROPEA (ESA) E A EUMETSAT (ORGANIZZAZIONE
EUROPEA PER I SATELLITI METEOROLOGICI). iS Elementi di Rischio 7 iS iS Viviamo in una nazione che, negli ultimi 80 anni
ha avuto: ' 5.400 alluvioni ' 11.000 frane e che ha sostenuto oneri, negli ultimi 20 anni, di ' 150.000 miliardi per i danni dovuti a sismi e
disastri idrogeologici inoltre: ' il 40% della popolazione vive in aree a rischio iS Abbiamo bisogno di: ' 40 miliardi per gli interventi più urgenti ' da 80 a 120 miliardi all''anno vengono spesi in
gioco di azzardo inoltre: ' il 40% della popolazione continua a vivere in aree a rischio iS IL RISCHIO iS 11 iS iS iS iS iS iS iS iS 19 20 iS iS a. Zone legate alla convergenza Adria-Europa. b. Zone di trasferimento Alpi-Appennino e Mar Ligure.
c. Zone di sprofondamento passivo adriatico sotto l'Arco Appenninico Settentrionale. d. Zone di disattivazione del sistema dell''Appennino e di rotazione antioraria dell'Adria.
e. Zone dell'Arco Calabro, subduzione passiva della ionica, e Sicilia Settentrionale. f. Zone legate alla divergenza Africa-Adria. g. Zone di avampaese, con diversi comportamenti cinematici.
h. Zone in aree vulcaniche attive.
i. Zone con comportamento cinematico indefinito. iS 1. Strutturalmente fragile 2. Situazione meteo climatica in evoluzione negativa 3. Evento eccezionale 4. Suolo urbanizzato 5. Insediamenti in luoghi inopportuni 6. Suolo abbandonato


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186