verticale

La normazione tecnica in materia di cogenerazione: criticità di settore e spunti per nuove attività

• Scopo: fornire delle linee guida per i controlli di efficienza energetica previste dal rapporto di controllo di efficienza energetica "Tipo 4 - Cogeneratori" di cui al decreto DM 10/2/2014 "Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013"
• Allo stato attuale
- è disponibile solo una norma UNI 10389-1, per gli impianti con generatore di calore a fiamma
- per le altre tipologie di impianti, in attesa che l'UNI pubblichi le pertinenti norme tecniche
- prassi di riferimento, si provvede a redigere e sottoscrivere il relativo rapporto di controllo di efficienza energetica, e le relative pagine del libretto di impianto, senza effettuare il controllo del sottosistema di generazione

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Cogenerazione - Verona ottobre 2017 Cogenerazione oggi: aspetti normativi, opportunità e soluzioni dall’industria

Pubblicato
da Alessia De Giosa
mcTER Cogenerazione - Verona 2017Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Veronafiere 18 ottobre 2017 Gli atti dei convegni e pi di 8.000 contenuti su www.verticale.net Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 1 La normazione tecnica in materia di cogenerazione: criticit di settore e spunti per nuove attivit Prof. Pier Ruggero Spina Dipartimento di Ingegneria - Universit di Ferrara Presidente SC 04 "Sistemi e macchine per la produzione di energia" - Comitato Termotecnico Italiano 18 ottobre 2017 - Veronafiere
Centro Congressi "Palaexpo" Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Il CTI - Comitato Termotecnico Italiano un'associazione senza scopo di lucro e federata all'UNI ' Energia e risparmio energetico a 360 gradi
' Attivit normativa nazionale ed internazionale: progetti di norma, linee guida, revisione norme UNI/CTI, lavori normativi internazionali CEN e ISO del settore termotecnico ' Supporto ai Ministeri e Amministrazioni Pubbliche
' Verifica dei software commerciali per il rilascio della certificazione ai sensi del D.P.R. 2 aprile 2009 n. 59 (determinazione delle prestazioni energetiche degli edifici) ' Organizzazione di eventi culturali e divulgativi
' Formazione
oltre 500 associati - circa 1000 esperti www.cti2000.it
IL CTI - Comitato Termortecnico Italiano Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" IL SISTEMA UNI Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" www.cti2000.it www.uni.com www.energiaedintorni.it Formazione @CTInorme CTI Energia e Ambiente Relazione annuale Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Codice norma Titolo UNI 9927:1992 Gruppi per la produzione combinata di energia elettrica
e calore azionati da motori alternativi a combustione
interna ' Metodi di prova in campo UNI 9923:1992 Centrali termoelettriche ' Smaltimento all'ambiente del calore di condensazione ' Terminologia, classificazione e grandezze caratteristiche UNI 7582:1988 Generatori di vapore ' Direttive per il lavaggio chimico lato acqua-vapore UNI 8887:2014 Unit di cogenerazione e indici caratteristici Il quadro normativo vigente Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Spunti per nuove attivit Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 1 - Parte 5 norma UNI 10389: "Misurazioni in campo -
Generatori di calore - Parte 5: Cogeneratori"
' Scopo: fornire delle linee guida per i controlli di efficienza energetica previste dal rapporto di controllo di efficienza energetica "Tipo 4 - Cogeneratori" di cui al decreto DM 10/2/2014
"Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al
decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 " Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 1 - Parte 5 norma UNI 10389: "Misurazioni in campo -
Generatori di calore - Parte 5: Cogeneratori"
' Scopo: fornire delle linee guida per i controlli di efficienza energetica previste dal rapporto di controllo di efficienza energetica "Tipo 4 - Cogeneratori" di cui al decreto DM 10/2/2014
"Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al
decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 " Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 1 - Parte 5 norma UNI 10389: "Misurazioni in campo -
Generatori di calore - Parte 5: Cogeneratori"
' Scopo: fornire delle linee guida per i controlli di efficienza energetica previste dal rapporto di controllo di efficienza energetica "Tipo 4 - Cogeneratori" di cui al decreto DM 10/2/2014
"Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al
decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 " Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 1 - Parte 5 norma UNI 10389: "Misurazioni in campo -
Generatori di calore - Parte 5: Cogeneratori"
' Scopo: fornire delle linee guida per i controlli di efficienza energetica previste dal rapporto di controllo di efficienza energetica "Tipo 4 - Cogeneratori" di cui al decreto DM 10/2/2014
"Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al
decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 " Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 1 - Parte 5 norma UNI 10389: "Misurazioni in campo -
Generatori di calore - Parte 5: Cogeneratori"
' Scopo: fornire delle linee guida per i controlli di efficienza energetica previste dal rapporto di controllo di efficienza energetica "Tipo 4 - Cogeneratori" di cui al decreto DM 10/2/2014
"Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al
decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013 " ' Allo stato attuale - disponibile solo una norma UNI 10389-1, per gli impianti con generatore di calore a fiamma - per le altre tipologie di impianti, in attesa che l'UNI pubblichi le pertinenti norme tecniche o prassi di riferimento, si provvede a redigere e sottoscrivere il relativo rapporto di
controllo di efficienza energetica, e le relative pagine del libretto di impianto, senza
effettuare il controllo del sottosistema di generazione Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 2 - Sistemi micro ORC - Come si calcolano le prestazioni
cogenerative in presenza di cascami termici considerando
tutti gli ausiliari
Combustione Esterna o Cascame termico da sistema Topper o Sorgente termica a bassa entalpia Sistema di recupero ORC Energia utile elettrica in rete Energia utile termica a bassa temperatura Recupero dai fumi Fluido termovettore fumi Aux el. interni Produzione termica Fonte primaria Produzione termica Produzione elettrica La valutazione degli indici di prestazione
cogenerativa richiede una corretta definizione del confine d'impianto e la valutazione dei consumi interni in relazione a tale confine Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 3 - Calcolo del rendimento degli espansori volumetrici Tecnologie orbital rotary reciprocating Flussi di potenza e dissipazioni W ad : lavoro adiabatico dal fluido W me : lavoro meccanico all'albero W gen : energia elettrica dal generatore W el : energia elettrica utile W Gen converter Perdite per:
1) sotto/sovra-espansione,
2) ricompressione,
3) leakage interno,
4) valvole aspirazione e scarico,
5) dispersione di calore alle parteti
La valutazione delle prestazioni di tali espansori per applicazioni di recupero del calore a bassa temperatura richiede di includere anche aspetti di non adiabaticit della macchina Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 4 - Immissione in rete di teleriscaldamento da fonte solare
termica o cogenerazione. Reti attive di teleriscaldamento
Electric Grid Solar Thermal Panel Electric Power Thermal Power District Heating Network Utility Electric Grid Micro-CHP Electric Power Thermal Power District Heating Network Utility Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Possibili schemi di connessione tra utenza e rete di teleriscaldamento T T HX-PS Secondary circuit (S) Primary circuit (P) DHN supply DHN return T HX-TS HX-TP Tertiary circuit (T) T T T T T DGS S ch
eme
1 su
pp
ly
- ret
urn
T T HX-PS Secondary circuit (S) Primary circuit (P) DHN supply DHN return T HX-TS HX-TP DGS Tertiary circuit (T) T T T T T S ch
eme
2 su
pp
ly
- su
pp
ly
T T HX-PS Secondary circuit (S) Primary circuit (P) DHN supply DHN return T HX-TS HX-TP DGS Tertiary circuit (T) T T T T T S ch
eme
3 ret
urn
- ret
urn
T T HX-PS Secondary circuit (S) Primary circuit (P) DHN supply DHN return T HX-TS HX-TP DGS Tertiary circuit (T) T T T T T S ch
eme
4 ret
urn
- su
pp
ly
4 - Immissione in rete di teleriscaldamento da fonte solare
termica o cogenerazione. Reti attive di teleriscaldamento
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" ST DEA L1 High pressure superheated steam @ 50 bar; 380 C Middle pressure superheated steam @ 20 bar; 360C To flue gas cleaning II air Waste HRSG C T CC Natural gas To flue gas cleaning ST bleed @ 3.54 bar I air air L2 Esempio: Sistema integrato termovalorizzatore + ciclo combinato. Due combustibili differenti e diversamente pregiati (rifiuto assimilabile a rinnovabile) che concorrono alla produzione di un unico output (potenza elettrica) 5 - Valutazione dell'efficienza energetica di sistemi
multi sorgente
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" RIFIUTI GAS NATURALE POTENZA ELETTRICA ' QUALE INDICATORE ADOTTARE PER QUANTIFICARE LE PRESTAZIONI DI UN SISTEMA MULTI-SORGENTE' ' QUELE METODO UTILIZZARE PER ATTRIBUIRE A CIASCUN COMBUSTIBILE IL PROPRIO CONTRIBUTO ALLA GENERAZIONE DI POTENZA (IN PARTICOLARE IN PRESENZA DI COMBUSTIBILI RINNOVABILI O ASSIMILABILI)' TOPPER PGT FNG QEXH BOTTOMER PST FW PTOT Control surface 5 - Valutazione dell'efficienza energetica di sistemi
multi sorgente
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Nome indice definizione significato Efficienza di riferimento Incremento di potenza Incremento di potenza all'espansore valutato rispetto alla produzione da WTE convenzionale Efficienza di primo principio Entrambi i combustibili con lo stesso peso - Indice di sinergia Multi fuel Misura il beneficio rispetto alla generazione separata

GT utilizzata Indice di sinergia del gas naturale Misura il beneficio a seguito dell'integrazione attribuita al gas naturale Indice di sinergia del rifiuto Misura il beneficio a seguito dell'integrazione attribuita al rifiuto
Ciclo combinato ad 1 livello NG W TOT F F P I ' ' ' NG ref , WTE W TOT NG F F P ' ' ' ' W ref , NG NG TOT W , el F F P ' ' ' ' ref , WTE W ST ST F P P ' ' ' ' NG W GT NG ref , WTE W TOT MF F F ) F F ( P SI ' ' ' ' ' ' GT ref GT ref WTE ' ' 25 , 0 , , ' ' Indici di prestazione proposti 41 , 0 , ' ref GT ' 25 , 0 , ' ref WTE ' 25 , 0 , ' ref WTE ' 5 - Valutazione dell'efficienza energetica di sistemi
multi sorgente
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 6 - Valutazione dell'efficienza energetica di sistemi
di poligenerazione
IGCC Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 6 - Valutazione dell'efficienza energetica di sistemi
di poligenerazione
IGCC Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 0 5 00 10 00 15 00 20 00 25 00 30 00 35 00 40 00 45 00 0 60 120 1 8 0 240 300 360 420 480 540 6 0 0 660 720 7 8 0 8 4 0 900 960 1 0 2 0 1 0 8 0 1140 1200 1 2 6 0 1320 1380 1 4 4 0 0 200 400 600 800 1000 1 200 1 400 300 400 500 600 700 800 900 100 200 300 400 500 600 700 WIND: VARIABLE ENERGY RESOURSE GTs: PROGRAMMABLE RESOURCE GRID 0 500 1000 1500 0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600 Wind farm model GT model Firm power 7 - Generazione distribuita - Valorizzazione dell'energia
prodotta da sistemi programmabili a sostegno delle fonti
rinnovabili non programmabili
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Variazione di potenza eolica repentina: Ramp rate compresi tra +90 MW/min. e ' 60 MW/min. Produzione giornaliera di un parco eolico da 4.5 GW in due giornate estive consecutive: potenza eolica prodotta estremamente variabile 0 500 1000 1500 2000 2500 3000 3500 4000 4500 0 60 120 1 8 0 2 4 0 3 0 0 3 6 0 4 2 0 4 8 0 5 4 0 6 0 0 6 6 0 720 780 840 9 0 0 9 6 0 1 0 2 0 1 0 8 0 1 1 4 0 1 2 0 0 1 2 6 0 1 3 2 0 1 3 8 0 1 4 4 0 DAY2: 06/30/2011 and 07/01/2011 DAY 1: 06/28/2011 and 06/29/2011 Minute W ind p ower [M W] 9 .2 5 A M 9 .2 4 AM 0 .2 5 AM hour/day DAY 2 DAY 1 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 0 60 120 180 2 4 0 3 0 0 3 6 0 4 2 0 4 8 0 5 4 0 6 0 0 6 6 0 7 2 0 7 8 0 8 4 0 9 0 0 9 6 0 1 0 2 0 1 0 8 0 1 1 4 0 1 2 0 0 1 2 6 0 1 3 2 0 1 3 8 0 1 4 4 0 DAY2 1 m in Wi n d ra m p ra te [ M W /m in ] Minute DAY1 Soddisfacimento del carico pi oneroso in presenza di fonti rinnovabili non programmabili 7 - Generazione distribuita - Valorizzazione dell'energia
prodotta da sistemi programmabili a sostegno delle fonti
rinnovabili non programmabili
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 300 400 500 600 700 800 900 100 200 300 400 500 600 700 0 200 400 600 800 1000 1200 1400 P G T ,T OT A L [M W] Minute P W IN D [ M W] P GT,TOTAL P WIND 0 50 100 150 200 250 0 120 240 360 480 600 720 840 960 1080 1200 1320 1440 P GT [MW ] Minute P GT5 P GT4 P GT1 P GT2 P GT3 ' L'inseguimento del profilo eolico richiede una continua e repentina
regolazione dei sistemi
programmabili
' Richieste unit di generazione con ampi margini di regolazione
(carico minimo) e buona efficienza
anche ai carichi parziali
' Necessit di stabilire logiche di gestione opportune in presenza di
macchine con caratteristiche
differenti 7 - Generazione distribuita - Valorizzazione dell'energia
prodotta da sistemi programmabili a sostegno delle fonti
rinnovabili non programmabili
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Norma UNI 8887:2014 Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" La vecchia norma UNI 8887: Sistemi per processi di cogenerazione Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" La vecchia norma UNI 8887: Sistemi per processi di cogenerazione Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 'Aggiornamento terminologia, definizioni e classificazioni, in accordo alla legislazione vigente La nuova norma UNI 8887:2014 Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 'Aggiornamento terminologia, definizioni e classificazioni, in accordo alla legislazione vigente 'Aggiornamento indici energetici, in accordo alla legislazione vigente La nuova norma UNI 8887:2014 Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 'Aggiornamento terminologia, definizioni e classificazioni, in accordo alla legislazione vigente 'Aggiornamento indici energetici, in accordo alla legislazione vigente La nuova norma UNI 8887:2014 Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" La nuova norma UNI 8887:2014 'Aggiornamento terminologia, definizioni e classificazioni, in accordo alla legislazione vigente 'Aggiornamento indici energetici, in accordo alla legislazione vigente 'Introduzione di nuovi indici per il calcolo delle emissioni di un cogeneratore Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" H 2O CO 2 N 2 O 2 altro Emissioni di un cogeneratore Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 0.01 0.1 1 10 1 10 2 1 10 100 1000 10000 sp o st a m en to v er ti ca le [ km ] spostamento orizzontale [km] ore giorni mesi anni decenni tempo di residenza
nell'atmosfera comunale NH 3 idrocarburi SO 2 NOx CO 2 CH 4 altri gas serra CO regionale provinciale nazionale e internazionale tr op os fer a m es os fer a st ra tos fer a particolato O 3 Impatto locale Impatto globale Emissioni di un cogeneratore:
il raggio d'azione
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 'la concentrazione di inquinante nei fumi (mg/Nm3): non immediato il legame con l'energia del combustibile e nessuna
informazione sull'efficienza della conversione 'Emissione per unit di energia del combustibile (mg/kJ): nessuna informazione sull'efficienza della conversione
'Emissione per unit di energia utile prodotta (mg/kWh): chiaro indicatore del rapporto tra il costo ambientale ed il
beneficio per la collettivit combustibile
Energia utile input-based output-based Emissioni di un cogeneratore:
l'unit di misura
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" il cogeneratore visto dall'attuale normativa in materia ambientale (di tipo "input-based") come una caldaia o come un generatore elettrico ' non si tiene conto del doppio prodotto (elettricit e calore) Emissioni di un cogeneratore:
i limiti di una normativa "input based"
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 'assoggettare un sistema CHP agli stessi limiti autorizzativi ambientali previsti per il motore primo non CHP: idoneo per cogeneratori 'topping' (MCI, MTG,
TG, ecc.) dove l'energia elettrica l'effetto utile primario e il termico il
sottoprodotto del ciclo termodinamico 'assoggettare un sistema CHP agli stessi limiti autorizzativi ambientali previsti per un impianto di sola generazione di calore (caldaia): idoneo per cogeneratori
'bottoming' (ORC, TPV, ecc.) dove la produzione di elettricit di secondaria
importanza e avviene sfruttando il calore recuperato da un processo di
combustione dedicato alla produzione termica 'assoggettare un sistema cogenerativo a limiti autorizzativi ambientali appositamente introdotti per la cogenerazione Emissioni di un cogeneratore:
i limiti di una normativa "input based"
Quali limiti adottare' Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 'criterio basato sulla valutazione degli inquinanti a impatto locale: il metodo della caldaia evitata (emissioni equivalenti di un cogeneratore) 'confronto con la produzione separata per inquinanti ad impatto globale: il metodo dell'ESI (Indice di Risparmio Ambientale) Emissioni di un cogeneratore: gli indici
proposti dalla nuova norma UNI 8887:2014
Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" B E e E e E t E t A E t Motore non cogenerativo In cogenerazione A Il beneficio ambientale della cogenerazione legato al fatto che, grazie al
recupero termico, posso 'evitare' di tenere in esercizio una caldaia,
risparmiandone le emissioni. B Il metodo della 'caldaia evitata' Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo"
emissioni del cogeneratore
[mg/kWe]
emissioni del motore primo in
assetto non cogenerativo
[mg/kWe]

emissioni di riferimento della
caldaia evitata [mg/kWt]
produzione termica del
cogeneratore [kWt]
produzione elettrica del
cogeneratore [mg/kWe]
e t t t nocog cog E E ' ' ' ' ' ' ' ' cog ' Il beneficio ambientale della cogenerazione legato al fatto che, grazie al
recupero termico, posso 'evitare' di tenere in esercizio una caldaia,
risparmiandone le emissioni. B A ' Il metodo della 'caldaia evitata' e t E E nocog ' t t ' ' ' ' Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Il rendimento di riferimento della caldaia evitata pu essere
scelto:
' secondo il Regolamento Delegato (UE) 2015/2402
' secondo AEEG 42/02 (0.8 per civile, 0.9 per industriale)
' secondo Scheda Tecnica 21 (delibere AEEG 177/05 e 187/05) utilizzando ' ' t '' t '' ) kW ( P log 03 . 0 77 . 0 n t ' ' ' ' Le emissioni di riferimento della caldaia evitata possono
essere scelte:
' secondo le classi di merito previste nelle norme UNI EN 483, 656
' utilizzando i limiti imposti dalle autorit competenti alle caldaie
' '
Il riferimento della 'caldaia evitata' Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo"
' ' ' ' e t t t e e E E 1 B A C B A ESI '' '' ' '' '' ' ' ' ' ' ' ' C E e E t E t B Produzione separata Cogenerazione Le emissioni della cogenerazione
vengono messe in relazione con le
emissioni della grande produzione
separata di elettricit e calore. km E e A ambito locale L'Indice di Risparmio Ambientale - ESI Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" ESI richiede inoltre i valori di riferimento del termico (come il metodo 'caldaia evitata'): t '' t '' e '' e '' Il rendimento elettrico di confronto pu essere scelto: ' secondo il Regolamento Delegato (UE) 2015/2402 (in funzione al combustibile) ' secondo AEEG 42/02 (in funzione di taglia e combustibile)
' ' Le emissioni di riferimento della produzione elettrica:
' valori medi della produzione nazionale
' BAT
' ' La produzione elettrica di riferimento Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Cogeneratore MCI Rendimento termico 0.50 Rendimento elettrico 0.35 Rendimento globale 0.85 Emissioni di NOx
[mg/kWhpci]
200 Riferimenti impiegati Rendimento termico caldaia evitata
(Regolamento Delegato (UE) 2015/2402 - costruzione ante 2016)
0.90 Rendimento elettrico di riferimento
(Regolamento Delegato (UE) 2015/2402 - costruzione ante 2016)
0.53 NOx: emissione caldaia evitata [mg/kWhpci]
(
' ' secondo Norme UNI 297, 483 & 656) 200 NOx: emissioni della produzione elettrica di riferimento
[mg/kWhpci]
(ENEL, Rapporto ambientale 2006)
226 Risultati concentrazione [mg/Nm3] 175 Emissioni input-based [mg/kWhpci] 200 emissioni del motore non cogenerativo [mg/kWhe] 571 emissioni evitate [mg/kWhe] (metodo caldaia evitata) 317 emissioni equivalenti del motore cogenerativo [mg/kWhe] 254 ESI 0.23 Un esempio numerico Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" Cogeneratore MCI Rendimento termico 0.50 Rendimento elettrico 0.35 Rendimento globale 0.85 Emissioni di NOx
[mg/kWhpci]
200 Riferimenti impiegati Rendimento termico caldaia evitata
(Regolamento Delegato (UE) 2015/2402 - costruzione post 2016)
0.92 Rendimento elettrico di riferimento
(Regolamento Delegato (UE) 2015/2402 - costruzione post 2016)
0.53 NOx: emissione caldaia evitata [mg/kWhpci]
(
' ' ' ' Norme UNI 297, 483 & 656) 100 NOx: emissioni della produzione elettrica di riferimento
[mg/kWhpci]
(ENEL, Rapporto ambientale 2013)
161 Risultati concentrazione [mg/Nm3] 175 Emissioni input-based [mg/kWhpci] 200 emissioni del motore non cogenerativo [mg/kWhe] 571 emissioni evitate [mg/kWhe] (metodo caldaia evitata) 155 emissioni equivalenti del motore cogenerativo [mg/kWhe] 416 ESI -0.25 Un secondo esempio numerico Pier Ruggero Spina - Dipartimento di Ingegneria, Universit di Ferrara 18 ottobre 2017 - Veronafiere Centro Congressi "Palaexpo" 45 Grazie per l'attenzione pier.ruggero.spina@unife.it 0532-974965 3204232912


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186