verticale

La misura dell’odore: olfattometria dinamica, modelli di dispersione, nasi elettronici

• L’indagine olfattometrica ha permesso di valutare l’efficienza di abbattimento dei presidi ambientali presenti presso lo stabilimento produttivo;
• Il modello di dispersione ha consentito di affermare che l’impatto olfattivo dei camini è maggiore rispetto a quello originato dall’impianto di depurazione delle acque reflue

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
ACQUARIA ottobre 2016 La misura dell'efficacia del trattamento aria: il valore dei dati dall'emissione al territorio

Pubblicato
da Alessia De Giosa
ACQUARIA 2016Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Veronafiere 19-20 ottobre 2016 Gli atti dei convegni e più di 7.000 contenuti su www.verticale.net Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore 27 ottobre Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Alimentare Alimentare Petrolchimico Alimentare 28 ottobre Alimentare Petrolchimico Alimentare Alimentare Petrolchimico Visione e Tracciabilità 28 ottobre Luce Energia Domotica LED Luce Energia Domotica LED SPIN OFF
UNIVERSITA'' DEGLI STUDI
DI UDINE
La misura dell''odore: olfattometria dinamica, modelli di dispersione, nasi elettronici ing. Silvia Rivilli Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Cosa vorrei trasmetterVi ' 1. Odore: composto ''affascinante' ; 2. La misura oggettiva della concentrazione di odore è possibile ed è relativamente semplice ; 3. I metodi di stima dell''impatto olfattivo, se usati correttamente, portano ad una ''fotografia' esaustiva di un impianto e conducono tutti ad uno stesso risultato. L''odore è il primo segnale di un ambiente inquinato. L''odore è fratello del respiro (P. Süskind). Inquinamento atmosferico: ogni modificazione dell''aria atmosferica,
dovuta all''introduzione ' di una o di più sostanze ' tali da ledere o
da costituire un pericolo per la salute umana o per la qualità
dell''ambiente ' o compromettere gli usi legittimi dell''ambiente.
(D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.)
Cassazione Penale: MTD per
la riduzione degli odori Odore: un composto affascinante Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Caratteristiche della percezione Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Influenza del cervello ' Nobel Prize in Physiology or Medicine 2004 (Richard Axel, Linda Buck); ' Odore, connotazione psicologica e valutazione soggettiva. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Cosa vorrei trasmetterVi ' 2. La misura oggettiva della concentrazione di odore è possibile ed è relativamente semplice ; Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD ' Misura delle emissioni di odore: olfattometria dinamica (UNI EN 13725:2004); Misura oggettiva dell''odore ' Metodi di stima / misura dell''impatto: modelli di
dispersione (UNI
10796:2000; UNI
10965:2001; allegato 1
L.G. Regione Lombardia)
e nasi elettronici. ' Monitoraggio dell''impatto o dell''esposizione olfattiva: field inspection (VDI 3940 e futura norma EN) e questionari della popolazione residente (VDI 3883
e all. 3 L.G. regione Lombardia). Caso studio: impianto di lavorazione pelli ' Stabilimento con annesso impianto di depurazione acque reflue;
' Richiesta Conferenza dei Servizi '' Autorizzazione Integrata Ambientale: quantificare l''odore ed adottare eventuali tecniche di mitigazione; Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Attività 2009 - 2010 ' Indagine olfattometrica per: '' Misurare la concentrazione di odore e, di conseguenza, il flusso di odore emesso dalle varie sezioni dell''impianto; '' Valutare l''efficienza di abbattimento dell''odore dei presidi ambientali presenti e fornire un eventuale supporto in merito; '' Valutare la corretta gestione dell''impianto di depurazione delle acque reflue e fornire un eventuale supporto in merito. ' Valutazione numerica della dispersione da odori per: '' Individuare i venti dominanti della zona;
'' Comprendere la ricaduta dell''odore originata dall''impianto attraverso mappe della dispersione; '' Comprendere quali fasi del processo produttivo sono responsabili della maggior ricaduta di odore. SCOPO: fornire all''impianto una valutazione della loro potenziale emissione
odorigena per capire dove, eventualmente, intervenire Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Scelta dei punti di campionamento ' 10 e 11 novembre 2009: prima indagine olfattometrica, nei punti concordati nel corso dell''incontro svolto in data 21 ottobre 2009; ' 29 e 30 novembre 2009: sulla base dei risultati della prima campagna di misura abbiamo individuato altri punti su cui prelevare i campioni (impianto
di depurazione delle acque reflue nel fine settimana + zona di rinverdimento
delle pelli + scarico della vasca di equalizzazione); ' 14 e 15 gennaio 2010: indagine di approfondimento relativa all''emissione odorigena originata dai camini dello stabilimento nel corso di diverse attività.
' stata preceduta da un attento studio della percentuale di tempo dedicata
alle diverse attività lavorative. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Camini dello stabilimento CABINA CAMINO ATTIVIT' 1A R1 verniciatura R2 essiccaggio 2A R3 verniciatura R4 essiccaggio 3A R7 verniciatura R8 essiccaggio 4A R9 verniciatura R10 essiccaggio 5A R11 verniciatura R12 essiccaggio 1B R21 verniciatura R20 essiccaggio 2B R19 verniciatura R18 essiccaggio 3B R17 verniciatura R16 essiccaggio C R14 verniciatura R13 essiccaggio ripartizione attività 13% 4% 2% 27% 13% 25% 1% 14% 1% airless 13 e 15 g prefondo 4 g aggancio 4 g nitroemulsione 2,5 g fondo 2 g airless 4 e 5 g airless 10 g fissativo 2 g idrorepellente g Studio delle principali attività che vengono svolte nello stabilimento, con attenzione alla
percentuale di tempo, alle cabine coinvolte ed
ai camini emissivi. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Dove abbiamo prelevato i campioni ' Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Campionamento I campioni di odore possono essere prelevati in qualsiasi tipologia di impianto ed a qualsiasi sorgente emissiva. Fondamentale: conoscere il processo produttivo. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Come si misura l''odore European Commission '' Integrated Pollution Prevention and Control, Reference Document on the General Principles of Monitoring, July 2003: l''olfattometria dinamica è l''unica metodologia accettata per la misura dell''odore. UNI EN 13725 : 2004: standard per la misurazione delle unità di odore Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Misura olfattometrica I campioni sono portati in camera olfattometrica ed analizzati dagli esaminatori attraverso l''olfattometro (UNI EN 13725: 2004). Risultati '' depurazione acque eq ua lizza zi on e se d. p rima ria de ni tri fica zi on e bi ol og ica se d. fin al e cod (ouE/m3) portata di odore (ouE/s) 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 cod
(ouE/m3) portata di
odore
(ouE/s) ' L''odore diminuisce con i processi depurativi; ' Sedimentazione primaria = sorgente di odore importante (UNIEN 12255''9:2002); ' Durante i giorni di fermata dell''impianto (sabato e domenica) la concentrazione e la portata di odore emesso aumentano (modello di dispersione specifico); ' Prelievo di un campione odorigeno allo scarico della vasca di equalizzazione; la concentrazione di odore è uguale a quella della vasca. equalizzazione sed. primaria denitrificazione 11/11/2009 29/11/2009 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000 po rt a ta di od ore ( ou E /s ) Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD scarico deposito temporaneo fango chimico - fisico fango biologico 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 c od (o u E /m 3 ) ' Pelli Wet '' Blue: la portata di odore è pari a 1.100 ouE/s;
' Scarti della rasatura depositati temporaneamente in piazzale: la portata di odore è pari a 140 ouE/s. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Risultati '' fanghi e depositi ' Per i fanghi: l''odore diminuisce notevolmente dallo scarico al deposito temporaneo. I cumuli in piazzale presentano al massimo una portata di odore pari a 210 ouE/s; Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD V - n itr o em ul si o ne E - n itr o em ul si o ne V - a irl es s 4 E - a irl es s 4 V - fi ss at iv o 2 E - fi ss at iv o 2 V - fo nd o 2 E - fo nd o 2 V - a irl es s 15 E - a irl es s 15 V - p re fo nd o 4 E - p re fo nd o 4 V - a gg an ci o 4 E - a gg an ci o 4 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000 cod (ouE/m3) portata di
odore (ouE/s) ' I camini costituiscono la sorgente di odore principale dello stabilimento; nitroemulsione
2,5 g airless 4 e 5 g fissativo 2 g fondo 2 g airless 13 e 15 g prefondo 4 g aggancio 4 g ' In base alla produzione, è stata individuata la fase responsabile del maggior impatto olfattivo. Risultati '' camini Sono sistemi di depolverazione ad umido posti a trattamento degli effluenti della verniciatura. Attività Tipologia di emissione c od [ou E/m 3] Efficienza [%] Nitroemulsione monte impianto di abbattimento (campione 16) 1.800 valle impianto di abbattimento (campione 17) 2.400 0 % Fissativo 2 g monte impianto di abbattimento (campione 38) 170 valle impianto di abbattimento (campione 34) 200 0 % in od out od in od c c c efficienza , , , ' ' Risultati '' presidi di abbattimento Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Modello di dispersione (Calpuff) ' Il programma simula l''emissione continua delle sostanze inquinanti in maniera discreta (piccoli ''pacchetti' , puff) ' Ogni puff è considerato indipendente dagli altri ed è libero di diffondersi e di essere trasportato dal vento ' Utilizzo: stato di fatto o predittivo DIREZIONE DEL
VENTO
SORGENTE Puff 1 Puff 2 Puff
3
Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Schema logico '' Calpuff Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Si considera allora che: ' per livelli di esposizione olfattiva inferiori ad 1
ouE/m3 come 98° percentile delle concentrazioni
orarie di picco di odore l'impatto olfattivo è da
giudicare accettabile (o trascurabile); ' per livelli di esposizione olfattiva superiori a 5
ouE/m3 come 98° percentile delle concentrazioni
orarie di picco di odore l'impatto olfattivo è da
giudicare non accettabile o non tollerabile; ' i livelli di esposizione olfattiva intermedi (1÷5
ouE/m3) costituiscono una "fascia di valutazione"
all'interno della quale l'accettabilità dell'impatto deve
essere valutata caso per caso, in relazione, per
esempio, alla numerosità della popolazione esposta
(in termini di densità abitativa) e alla destinazione
d'uso prevalente (agricola, industriale, commerciale,
residenziale) del territorio. Tollerabilità Calcolo 98° percentile Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Camini Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Modello di dispersione - risultati Impianto di depurazione Le mappe della dispersione permettono di comprendere il contributo delle diverse sorgenti emissive (camini e impianto di depurazione) . Globale Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Cosa vorrei trasmetterVi ' 3. Il problema di emissioni odorigene per uno stabilimento, porta spesso la soluzione ''con sé', bisogna solo rivolgersi a ''fotografi' bravi. ' L''indagine olfattometrica ha permesso di valutare l''efficienza di abbattimento dei presidi ambientali presenti presso lo stabilimento produttivo; ' Il modello di dispersione ha consentito di affermare che l''impatto olfattivo dei camini è maggiore rispetto a quello originato dall''impianto di depurazione delle acque reflue; ' Alla luce di questi risultati è stato studiato un piano di miglioramento per lo stabilimento, che prevede sia soluzioni ''end of pipe' che strategie di ''cleaner
production': ' Sperimentazione con impianti pilota per individuare dei presidi ambientali di
abbattimento che garantiscano efficienze di
abbattimento anche nei confronti
dell''odore; ' Valutazioni sull''utilizzo di pistole di verniciatura di nuova generazione, con
minor pressione di erogazione e maggior
efficienza verniciante. Individuazione di possibili soluzioni Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD ' I sensori sono capaci di riconoscere determinati odori, una volta appresi, e ricondurli all''impianto che li provoca. Lavorano come il sistema olfattivo
umano. ' I sensori sono del tipo MOS (Metal Oxide Semiconductors) e si basano sulla variazione di conducibilità dell''ossido in funzione delle diverse sostanze
odorigene. Naso elettronico Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Fasi monitoraggio ' Campionamento odori; ' Estrazione delle ''impronte olfattive' ed addestramento del naso elettronico; ' Installazione dello strumento di analisi. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Installazione dello strumento Primo monitoraggio: pistole
vecchie '' 18 '' 27 ottobre 2013 Secondo monitoraggio: pistole
nuove '' 17 '' 26 marzo 2014 Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Valutazione con naso elettronico Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Sorgente C od (ouE/m3) vasca chimico-fisico 210 vasca omogeneizzazione 320 fango chimico-fisico 110 Valutazione ulteriore '' impianto di depurazione Risultato ulteriore legato alla
sostituzione delle pistole di
verniciatura: drastica diminuzione
della concentrazione di odore
misurata sulle vasche. Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Richiesta AIA: replicare lo studio Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Valutazione dei risultati Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Modellistica della dispersione Mappa del 98° percentile su base annua dell''unità di odore, espresse in ou E/m 3 Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD Confronto tra i modelli Confronti Indagine olfattometrica Modelli di dispersione Nasi elettronici Applicazio
ne
Fotografia ''istantanea' Simulazione modellistica per
visualizzare le isoplete Monitoraggio in
continuo presso un
ricettore Input _ Indagine olfattometrica Indagine olfattometrica
(per l''addestramento) Riferimenti
normativi
UNI EN 13725:2004;
LG Lombardia UNI 10796:2000; UNI
10965:2001;
LG Lombardia _ Durata Campionamento in un
preciso istante
temporale Simulazione annuale
(consigliata) Monitoraggio per un
periodo temporale
definito Strumenti Attrezzatura di
campionamento +
olfattometro,
esaminatori e camera
olfattometrica Software + orografia del
territorio + dati meteorologici
+ risultati indagine
olfattometrica (o dati
bibliografici) Nasi elettronici +
software Materiale non divulgabile di esclusiva proprietà LOD www.lodsrl.com Grazie per l''attenzione! SPIN OFF
UNIVERSITA'' DEGLI STUDI
DI UDINE


In evidenza

SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186