verticale

La gestione del rischio nei cantieri forestali

Il lavoro di ricerca è stato sviluppato all’interno della cantieristica forestale e della gestione del verde nella Regione Friuli Venezia Giulia, settore in cui il numero degli infortuni gravi e mortali, che coinvolge operatori professionali e non, è sottostimato e poco analizzato dal punto di vista della prevenzione. L’obiettivo dello studio è stato quello di analizzare gli scenari operativi, definire una serie di azioni cognitive e scientifiche da contestualizzare nel luogo di lavoro bosco e foresta. Infine la tesi ha proposto una serie di azioni problem solving sia di carattere gestionale che operativo. Dal punto di vista metodologico la ricerca è stata sviluppata sia in conformità della normativa vigente in materia di sicurezza (D. Lgs. 81/2008) sia attraverso un approccio ingegneristico (Safety Engineering).

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Tesi di Dottorato di Ricerca in Territorio, Ambiente e Salute, Padova 2013

Pubblicato
da Martina Gambini
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 


Estratto del testo
Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-forestali SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TERRITORIO, AMBIENTE RISORSE E SALUTE INDIRIZZO: TECNOLOGIE MECCANICHE DEI PROCESSI AGRICOLI E FORESTALI CICLO XXV LA GESTIONE DEL RISCHIO NEI CANTIERI FORESTALI Direttore della Scuola: Ch.mo Prof. Mario Aristide Lenzi Coordinatore d''indirizzo: Ch.mo Prof. Luigi Sartori Supervisore: Ch.mo Prof. Rino Gubiani Correlatore: Dott. Sirio Rossano Secondo Cividino Dottorando: Emiliano Maroncelli 2 Per me, una persona eccezionale è quella che si interroga sempre, laddove gli altri vanno avanti come pecore. Fabrizio De Andrè
Ai miei genitori

Un ringraziamento particolare a Sirio, a Daniele, alla Michela e a tutti coloro che mi sono stati vicini durante questo percorso. Un ringraziamento per la collaborazione al Servizio Territorio Rurale e Irrigazione della Regione Friuli Venezia Giulia. 3 SOMMARIO Riassunto .................................................................................................................................... 4
Abstract....................................................................................................................................... 5
1.0 . Introduzione.................................................................................................................. 6 1.1. Lo scenario delle foreste in Italia .................................................................................... 6
1.2. Boschi ed attività legnosa in Friuli Venezia Giulia....................................................... 17
1.3. L''ingegneria naturalistica come evoluzione ed integrazione del sistema bosco ........... 30
1.4. Infortuni nelle attività boschive e di gestione delle aree boscate .................................. 33
1.5. I rischi in bosco, descrizione puntuale degli scenari e fattori di rischio presenti .......... 39
1.6. La gestione dei DPI all''interno dei cantieri edili e forestali, analisi tecnica e stato dell''arte sui dispositivi utilizzati................................................................................... 48 2.0. Obiettivi ............................................................................................................................. 53
3.0. Materiali e metodi.............................................................................................................. 55 3.1. Identificazione dello scenario di lavoro con analisi approfondita delle tecnologie e della cantieristica .......................................................................................................... 55 3.2. Metodologia di analisi e costruzione degli strumenti formativi .................................... 69
3.3. Metodologia di confronto per gli elementi tecnici e tecnologici applicati al settore forestale ........................................................................................................................ 74 3.4. Sistema di rilievo dei dati infortunistici connessi alle attività boschive e forestali....... 74
3.5. Metodologia di analisi e classificazione dei dispositivi di protezione individuale ....... 77 4.0. Risultati.............................................................................................................................. 80 4.1. Analisi degli infortuni.................................................................................................... 80
4.2. Valutazione economica dei dispositivi di protezione individuale ................................. 91
4.3. Azione di valutazione del rischio nei cantieri edili - forestali ....................................... 98
4.4. Identificazione ed analisi dei sistemi innovativi di protezione attiva.......................... 111 4.4.1. Sistema TrioBrake' Husquarna.......................................................................... 111
4.4.2. Sistema motosega intelligente INAIL .................................................................. 112 4.5. Progettazione e realizzazione di un sistema intelligente attivo su una motosega ....... 114
4.6. Sistema della formazione............................................................................................. 127 5.0. Conclusioni...................................................................................................................... 134
6.0. Bibliografia...................................................................................................................... 137
7.0. Pubblicazioni complessive .............................................................................................. 148
8.0. Attività formativa ............................................................................................................ 150
4 ''LA GESTIONE DEL RISCHIO NEI CANTIERI FORESTALI' Riassunto
Il lavoro di ricerca è stato sviluppato all''interno della cantieristica forestale e della gestione del verde nella Regione Friuli Venezia Giulia, settore in cui il numero degli infortuni gravi e mortali, che coinvolge operatori professionali e non, è sottostimato e poco analizzato dal punto di vista della prevenzione. L''obiettivo dello studio è stato quello di analizzare gli scenari operativi, definire una serie di azioni cognitive e scientifiche da contestualizzare nel luogo di lavoro bosco e foresta. Infine la tesi ha proposto una serie di azioni problem solving sia di carattere gestionale che operativo. Dal punto di vista metodologico la ricerca è stata sviluppata sia in conformità della normativa vigente in materia di sicurezza (D. Lgs. 81/2008) sia attraverso un approccio ingegneristico (Safety Engineering). Il metodo adottato ha previsto diverse fasi analitiche e progettuali, nello specifico infatti si son utilizzati diverse metodologie per la valutazione del rischio in cantiere, utilizzando inoltre numerosi strumenti per la progettazione di strumenti formativi. Per alcuni casi operativi, in particolare l''uso in sicurezza della motosega, si sono sviluppati degli appositi modelli di calcolo ed algoritmi funzionali. I risultati dimostrano che il settore ha numerose macrocarenze e criticità; queste carenze sono determinate dal particolare contesto di lavoro, difficilmente standardizzabile che ha al suo interno una serie di condizioni al contorno ed elementi climatici ed ambientali non gestibile con le tradizionali misure di prevenzione e protezione. In tale contesto appare inoltre evidente come siano due gli elementi definibili come macrocarenze: - l''utilizzo della motosega in modo scorretto; - la non conoscenza delle tecniche di taglio e di abbattimento. L''analisi infortunistica riporta che entrambi i fattori di rischio sono preponderanti all''interno di tale contesto di lavoro, pertanto nello studio si sono proposte una serie di idee progettuali per risolvere tali criticità, un sistema attivo per la protezione dell''operatore nell''utilizzo della motosega, ed un software di formazione ed addestramento per il corretto abbattimento delle piante. Entrambi, sebbene in forma prototipale, hanno riscontrato un''ottima ricaduta in termini operativi. In conclusione, il lavoro evidenzia la necessità di realizzare soluzioni specifiche per il contesto se si vogliono ridurre in modo significativo gli infortuni mortali, considerazione avvallata anche dal costo ancora troppo esoso dei dispositivi di protezione individuale attualmente disponibili sul mercato.
5 ''RISK MANAGEMENT AT THE FORESTRY YARDS' Abstract
This research analyzes the sectors of forestry activities and maintenance of green areas in Friuli Venezia Giulia region, that show a high level of injuries (either serious or mortal ones), often underestimated and involving skilled and unskilled operators. In order to reduce these numbers and to hold the attention to their prevention, this work sets some cognitive and scientific actions that need being realized both in woods and in forests, in compliance with the rules in force concerning safety at the workplace (Legislative Decree 81/2008) and by using a safety engineering approach. The methodology included several analytic phases and planning proposal, able to assess risks at the workplace and to plan training tools (calculation models, functional algorithms). The results confirm deficiencies and critical aspects of the analyzed sectors: working in a mountainous environment complicates extremely the safety management and creates an increase of the risk, determined by environmental factors on which it''s difficult to act in a definitive way. Critical points are often represented by an incorrect use of a chainsaw and by a lack in the knowledge about wood cutting techniques. Moreover, costs of personal protective equipment are still very high. Collected data, however, underline the importance of a correct system of safety management, able to determine a risk diminution. In order to solve critical situations, a series of plans have been studied, including an active system to protect the operator during the use of the chainsaw and a piece of training software in order to cut plants correctly. Both actions, which are still prototypes, though, have had a positive effect in operational terms. This research could also be a starting point for planning specific solutions to significantly reduce mortal injuries. 6 1.0. Introduzione Gli infortuni, le malattie professionali, le morti bianche sono un dramma umano, economico e sociale. ' un dovere morale essere convinti che ogni euro speso per la sicurezza non è un costo ma un investimento, perché l''interesse più grande, più alto, è l''interesse di tutti, è la vita di ogni persona. (Cividino, Gubiani et al. 2008). Gli infortuni e le malattie professionali non hanno ricadute negative solo per il diretto interessato e per i suoi famigliari: il costo delle cure sanitarie è a carico di tutta la collettività e ciò può determinare una congestione del sistema nazionale sanitario. Il lavoro in bosco espone gli addetti a molti rischi, determinati da caratteristiche intrinseche ed estrinseche all''ambiente stesso. Il bosco deve essere considerato come luogo di lavoro: in questo contesto il lavoratore deve conoscere ogni situazione di pericolo che può incontrare per gestirla al meglio. Il lavoro dell''operatore forestale è riconosciuto come uno dei più gravosi e pericolosi, in quanto è continuamente esposto a diversi rischi e di conseguenza ad un''elevata probabilità di infortuni. Proprio per questo motivo, la sicurezza in bosco deve essere organizzata adottando tecniche di lavoro adeguate e i dispositivi di sicurezza necessari. Tutti i soggetti sono coinvolti: il committente dei lavori, il datore di lavoro, il caposquadra o preposto all''operazione, il singolo lavoratore, secondo diverse responsabilità (Cividino et al, 2012). 1.1. Lo scenario delle foreste in Italia Il bosco è una superficie di terreno ricoperta da piante legnose forestali idonee alla produzione di legno da opera e da brucio. Si parla di foresta quando la superficie boschiva è molto ampia ed è ricoperta prevalentemente da alberi di alto fusto. Il bosco ha subito diverse modificazioni in termini di definizione da parte dello stesso INFC (Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio) come evidenziato nella tabella 1. Rispetto al primo inventario del 1985 cambia l''estensione e la copertura del bosco necessaria per poterlo definire come tale. INFI 85 INFC Estensione > 2.000 m² > 5.000 m² Larghezza > 20 > 20 Grado di copertura > 20% > 10% Altezza della vegetazione a maturità in
situ
5 m 5 m Tabella 1 Definizione di bosco secondo l'inventario del 1985 e quello del 2005 7 Una definizione precisa e utilizzata come riferimento è quella FAO''FRA2000 (Forest Resources Assessment ) secondo il quale il bosco è un territorio con copertura arborea maggiore del 10% su un''estensione maggiore di 0,5 ha. Gli alberi devono poter raggiungere un''altezza minima di 5 m a maturità in situ. Può trattarsi di formazioni chiuse o aperte. Soprassuoli forestali giovani, anche se derivati da piantagione, o aree temporaneamente scoperte per cause naturali o per l''intervento dell''uomo, ma suscettibili di ricopertura a breve termine secondo i requisiti sopra indicati, sono inclusi nella definizione di bosco. Sono inoltre inclusi: vivai forestali e arboreti da seme (che costituiscono parte integrante del bosco); strade forestali, fratte tagliate, fasce tagliafuoco e altre piccole aperture del bosco; boschi inclusi in parchi nazionali, riserve naturali e altre aree protette; barriere frangivento e fasce boscate di larghezza superiore a 20 m, purchè maggiori di 0,5 ha. Sono incluse anche le piantagioni finalizzate a scopi forestali comprese quelle di alberi da gomma e le sugherete. E'' invece indicato come altre terre boscate il territorio con copertura arborea del 5-10% di alberi in grado di raggiungere un''altezza minima di 5 m a maturità in situ oppure territorio con una copertura maggiore del 10% costituita da alberi che non raggiungono un''altezza di 5 m a maturità in situ o da arbusti e cespugli. Tra i diversi accordi internazionali scaturiti dal vertice di Rio, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, adottata a New York il 9 maggio 1992 ed il protocollo di Kyoto del dicembre 1997 che ne rappresenta uno degli strumenti attuativi, riconoscono alle foreste un ruolo significativo nelle politiche di stabilizzazione del clima per la loro capacità di fissazione del carbonio (INCF). Il bosco e quindi l''ecosistema foresta, con le sue molteplici funzioni: - garantisce aria e acqua pulita; - favorisce la regimazione delle acque meteoriche; - riduce l''inquinamento atmosferico e attenuazione dei fenomeni legati ai cambiamenti climatici; - difende le comunità dai dissesti idrogeologici evitando frane e valanghe; - forma associazioni vegetali con essenze erbacee, arbustive ed arboree aumentando la biodiversità sia vegetale che animale; - purifica aria utilizzando CO2 e immettendo nell''ambiente O2; - offre risorse, materie prime, rifugio per migliaia di specie e un''indiscutibile bellezza; - funziona da condizionatore naturale; 8 - permette attività di studio e ricerca, es. piante medicinali; - svolge una funzione sociale in termini di rigenerazione, antistress, riposo in ampi spazi verdi, salubrità; - influisce su attività turistico -ricreative - ricettive, spazi verdi; - alimenta anche un sistema economico con posti di lavoro garantiti a migliaia di persone su tutto il territorio italiano. La superficie forestale italiana è oggi stimata in 10.673.589 ettari, pari al 34,7% del territorio nazionale, con un trend crescente dal dopoguerra in poi. Superficie forestale Superficie territoriale Bosco Altre terre boscate Totale Regione ha Piemonte 870.594 69.522 940.116 2.539.983 Valle d''Aosta 98.439 7.489 105.928 326.322 Lombardia 606.045 59.657 665.702 2.386.285 Trentino Alto Adige 712.091 67.614 779.705 1.300.687 Veneto 397.889 48.967 446.856 1.839.122 Friuli V.G. 323.832 33.392 357.224 785.648 Liguria 339.107 36.027 375.134 542.024 Emilia Romagna 563.263 45.555 608.818 2.212.309 Toscana 1.015.728 135.811 1.151.539 2.299.018 Umbria 371.574 18.681 390.255 845.604 Marche 291.394 16.682 308.076 969.406 Lazio 543.884 61.974 605.858 1.720.768 Abruzzo 391.492 47.099 438.591 1.079.512 Molise 132.562 16.079 148.641 443.765 Campania 384.395 60.879 445.274 1.359.025 Puglia 145.889 33.151 179.040 1.936.580 Basilicata 263.098 93.329 356.427 999.461 Calabria 468.151 144.781 612.932 1.508.055 Sicilia 256.303 81.868 338.171 2.570.282 Sardegna 583.472 629.778 1.213.250 2.408.989 ITALIA 8.759.202 1.708.335 10.467.537 30.132.845 Fonte: Elaborazione APAT su dati Corpo Forestale dello Stato Tabella 2 Estensione del bosco e delle altre terre boscate (INFC)
Nel nostro Paese '' in base ai recenti dati dell''Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi di carbonio '' ci sono circa 12 miliardi di alberi (pari a 200 piante e quasi 1.500 metri quadrati di bosco per ogni italiano). Il faggio è l''albero più diffuso in Italia, con oltre un miliardo di esemplari soprattutto negli Appennini; Liguria e Trentino sono le regioni col più alto tasso di boscosità (60% del territorio), Toscana e Sardegna quelle con la superficie più estesa di boschi. La maggior parte dei boschi (68%) è composta da latifoglie (faggi, querce, castagni, 9 carpini, tigli, aceri), mentre il 64% delle superfici sono di proprietà privata, mentre il 28,5% dei boschi fa parte di aree naturali protette (Dossier WWF 2011). Secondo i dati raccolti nella seconda fase del''Inventario delle foreste e dei Serbatoi nazionali di carbonio (INFC) la superficie forestale nazionale totale è stata stimata in 10.467.537 ha. Il rapporto percentuale bosco e altre terre boscate è rispettivamente di 83,7% e 16,3%. La percentuale del bosco rispetto alla superficie forestale totale è inferiore nelle regioni meridionali (Puglia, Basilicata, Calabria) e nelle isole (Sicilia e Sardegna), dove le altre terre boscate, e in particolare gli arbusteti, rappresentano una parte consistente della superficie forestale. Il coefficiente di boscosità, calcolato con riferimento alla superficie forestale totale, è pari a 34,7% a livello nazionale. Il bosco, con una estensione stimata pari a 8.759.200 ha, copre il 29,1% dell''intero territorio nazionale e i distretti più densamente boscati sono la Liguria e il Trentino che, con un grado di copertura percentuale rispettivamente di 62,6% e 60,5%, costituiscono gli unici ambiti amministrativi in cui il bosco copre più della metà del territorio. Le regioni meno ricche di boschi risultano essere la Puglia (7,5%) e la Sicilia (10,0%). Riguardo alla composizione in categorie inventariali del bosco, oltre il 98% è rappresentato da boschi alti. I boschi alti italiani risultano essere costituiti per circa il 68% da popolamenti a prevalenza di latifoglie. La predominanza dei boschi di latifoglie è comune a tutto il panorama regionale italiano, ad eccezione di alcuni contesti alpini rappresentati dalla Valle d''Aosta, dal Trentino e dall''Alto Adige. In quasi tutte le regioni la classe di mescolanza più rappresentata occupa più del 50% dei boschi alti, ad eccezione del Veneto dove i boschi di latifoglie prevalgono con il 46% del totale (Tabella 3). Le Altre terre boscate, la cui estensione risulta di 1.708.333 ha (16,3% della superficie dell''intero Paese), sono costituite per il 58% dagli arbusteti, cui concorre considerevolmente la categoria forestale della macchia e arbusteti mediterranei. La ripartizione in categorie forestali dei boschi alti riportata evidenzia come le categorie più diffuse a livello nazionale siano i boschi di rovere, roverella e farnia, le faggete e i boschi di cerro, farnetto, fragno e vallonea, che superano ciascuna il milione di ettari. Tra i boschi di conifere, predominano quelli di abete rosso che con un''estensione di 586.082 ha corrispondono al 6,7% della superficie totale dei boschi in Italia; per questa categoria il contributo dei popolamenti artificiali fuori areale sembra del tutto trascurabile (INFC). Complessivamente il 66,2% della superficie forestale (bosco e altre terre boscate) risulta di proprietà privata, il 33,4% è di proprietà pubblica, mentre lo 0,3% della superficie non è stata classificata per tale carattere. 10 Tabella 3 Ripartizione del bosco per grado di mescolanza del soprassuolo (INFC)
A livello di singoli distretti, le percentuali più elevate di superficie forestale di proprietà privata si riscontrano in Liguria (82,3%), in Emilia Romagna (82%) e in Toscana (80%). In Trentino si evidenzia invece l''aliquota più alta di superficie forestale di proprietà pubblica (72,2%). Esaminando la ripartizione del bosco per tipo di proprietà a livello nazionale, si osserva che, nell''ambito delle forme di proprietà privata, quella individuale è di gran lunga prevalente (oltre il 79%), mentre i restanti boschi privati appartengono per il 6,2% a società e imprese e per il 4,5% ad altri enti privati. Riguardo alla proprietà pubblica, prevalgono le proprietà di comuni e province (65,5%), seguite da quelle del demanio statale e regionale (23,7%), mentre solo l''8,3% delle superfici appartiene ad altri enti pubblici. Una distribuzione simile dei tipi di proprietà si riscontra anche per le altre terre boscate, per le quali a livello nazionale prevalgono la proprietà individuale (74,3%) per la proprietà privata e le proprietà comunali e provinciali (67,3%) per la proprietà pubblica. A livello di singoli distretti territoriali, la prevalenza della proprietà individuale è confermata per tutte le Regioni, eccetto che per la Val d''Aosta e il Friuli Venezia Giulia dove però una parte consistente del bosco di proprietà privata non è stato classificato per il tipo di proprietà. 11 Per quanto concerne il bosco di proprietà pubblica, la ripartizione per tipo di proprietà varia molto fra le diverse Regioni; in confronto al dato nazionale molte Regioni dell''Italia centrale (Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche) e la Sicilia si distinguono per una minore presenza di proprietà comunali e provinciali a favore di proprietà statali, ad eccezione dell''Umbria, dove prevalgono le proprietà di altri enti pubblici (tabella 4). Tabella 4 Bosco ripartito per carattere di proprietà (IFNC)

Oltre l''86,6% della superficie forestale nazionale è regolamentata da almeno una tra le tre forme di pianificazione considerate (regolamentazione derivante da Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale, presenza di pianificazione di orientamento, presenza di pianificazione di dettaglio). Se si considera soltanto la macrocategoria bosco, tale aliquota arriva a superare il 93% a livello nazionale, mentre in alcune regioni, come la Toscana, la Liguria e la Basilicata, sfiora addirittura il 100%, come da tabella 5. 12 Tabella 5 Bosco ripartito per stato della pianificazione forestale (INFC) Se osserviamo la macrocategoria delle altre terre boscate, le superfici regolamentate da forme di pianificazione sono pari a circa il 52% del totale. Tabella 6 Altre terre boscate ripartite per stato della pianificazione forestale (INFC) La superficie forestale totale del Paese occupata dal vincolo idrogeologico è l''80,9%, e riguarda soprattutto la macrocategoria del bosco, dove è presente sull''87,1% della superficie, mentre per le altre terre boscate interessa soltanto il 49,2% della superficie. 13 Tabella 7 Bosco ripartito per presenza di vincolo idrologico (INFC)
Il vincolo naturalistico riguarda il 27,5% della superficie forestale nazionale, pari a 2.876.451 ha, e il 28,5% della macrocategoria bosco, corrispondente a 2.495.409 ha. Tabella 8 Bosco ripartito per presenza di vincolo naturalistico (INFC)
Interessante è l''analisi sulla disponibilità al prelievo legnoso inteso come la superficie forestale non soggetta a limitazioni significative delle attività selvicolturali dovute a norme o vincoli (es. riserve integrali) o a cause di tipo fisico (aree inaccessibili). La FAO infatti considera come non disponibili al prelievo legnoso le foreste in cui i vincoli e le restrizioni derivanti dalla normativa in vigore o da decisioni politiche escludono o limitano severamente 14 il prelievo per esigenze di tutela ambientale o di conservazione di siti di particolare interesse scientifico, storico, culturale o spirituale, così come le foreste in cui la produttività o il valore del legname sono troppo bassi per rendere conveniente il prelievo di legname, fatta eccezione per il taglio occasionale per consumo interno (FAO, 2000). Sono considerati disponibili perciò anche soprassuoli non più utilizzati da lungo tempo per abbandono della gestione, purché l''utilizzazione abbia ancora una certa convenienza economica, così come quelli trattati con turni molto lunghi. A livello nazionale l''81,3% della superficie forestale totale risulta disponibile al prelievo legnoso. Per i singoli distretti territoriali l''aliquota di superficie forestale potenzialmente utilizzabile per la produzione di legname è sempre superiore al 50% come evidenziato in tabella 9, con i valori più bassi in Friuli (55,1%) e Valle d''Aosta (62,5%) e i più elevati in Umbria e Marche (per entrambe maggiori del 94%) (INFC). Tabella 9 Bosco ripartito per disponibilità al prelievo legnoso (INFC) Per quanto concerne un''altra caratteristica del bosco, la sua accessibilità, nel bosco il 91,5% della superficie risulta accessibile. Il dato non varia molto nei diversi distretti territoriali: quelli con la minore accessibilità sono risultati la Campania (84,5%) e la Basilicata (80,3%); quelli con la più elevata accessibilità la Puglia (99,5%), l''Umbria (96,6%) e la Liguria (96,2%). Nelle altre terre boscate il dato scende sensibilmente attestandosi a livello nazionale sul 66,9% di aree accessibili, con significative differenze fra i diversi distretti territoriali. 15 L''analisi della copertura delle chiome spiega che i boschi italiani sono costituiti da soprassuoli densi o molto densi: a livello nazionale il 67,5% della superficie del bosco è costituito da formazioni piuttosto chiuse (con copertura totale superiore all''80%) e la copertura totale supera il 50% nella maggior parte dei boschi. Per quanto concerne il tipo colturale e lo stadio evolutivo i cedui costituiscono il 41,8% dei boschi italiani con 3.663.143 ha, con una netta prevalenza di quelli matricinati che, da soli, rappresentano il 28% dei soprassuoli afferenti alla categoria inventariale dei boschi alti. Si tratta per lo più di popolamenti prossimi al turno di utilizzazione o invecchiati: gli stadi adulto e invecchiato rappresentano infatti l''89% dell''intera superficie governata a ceduo. I cedui a sterzo rappresentano una frazione limitata nell''ambito della forma di governo (21.471 ha), contribuendovi neppure per un punto percentuale in termini di superficie. Questa forma di coltivazione è inoltre caratterizzata da una marcata localizzazione in senso geografico (otto regioni su ventuno). Le fustaie si estendono su una superficie complessiva di 3.157.965 ha, il 36,1% della totalità dei boschi italiani, con una leggera prevalenza di quelle di tipo coetaneo (15,8% dei boschi alti) rispetto alle disetanee (13,5% dei boschi alti). Il 55,6% delle fustaie coetanee si trova ad uno stadio di sviluppo giovane o adulto, ma una aliquota rilevante (35,1%) spetta anche a quelle mature o stramature, con circa 530.000 ha. I tipi colturali speciali (castagneti da frutto, noceti e sugherete) rappresentano l''insieme nel complesso meno esteso, che interessa una superficie complessiva pari solo al 1,3% dei boschi italiani (118.311 ha), con una ripartizione regionale evidentemente influenzata anche dagli areali delle specie caratteristiche. La maggior parte del bosco in Italia ha avuto origine attraverso processi seminaturali (69,2%), ossia in seguito ad attività selvicolturali. I boschi di origine naturale, che includono anche i soprassuoli originatisi con il concorrere di attività antropiche indirette, sono meno di un sesto della superficie complessiva del bosco (15,4%). La maggiore percentuale di boschi con origine naturale si evidenzia in Sicilia (36,6%), in Abruzzo (32,3%), in Valle d''Aosta (32%) e in Puglia (31,9%). La maggior parte dei boschi italiani (68,3%) non presenta danni o patologie evidenti: quelli interessati assommano complessivamente a 1.977.221 ha (22,6%). L''aliquota di boschi per i quali non si hanno invece informazioni sullo stato di salute è inferiore al 10%. Tra le patologie e i danni più comuni si annoverano gli attacchi di parassiti, che interessano il 9% dei boschi, seguiti dai danni provocati da eventi meteorici o climatici intensi (5,6%) e da pascolo o selvaggina (3,2%). 16 I rischi con conseguenze spesso irreparabili a cui un bosco può andare incontro riguardano: - abbattimenti indiscriminati a causa dello sfruttamento eccessivo da parte dell''industria del legname, deforestazione selvaggia soprattutto nei paesi in via di sviluppo; - incendi; - alluvioni e frane; - agenti patogeni; - realizzazioni d''infrastrutture (es. strade, dighe, insediamenti, ecc.). I boschi, oltre ad essere tra i principali serbatoi di biodiversità animale e vegetale del pianeta, rappresentano un serbatoio dove il carbonio atmosferico, sottratto all''atmosfera mediante il processo di fotosintesi, viene stoccato in grandi quantità. Tabella 10 Bosco ripartito per presenza di danni o patologie evidenti La crescita continua dei soprassuoli forestali richiede periodici inventari al fine di quantificare la biomassa vegetale presente. In Italia la quantità di legname che viene tagliato ogni anno è inferiore alla capacità di accrescimento dei boschi e questo permette di aumentare progressivamente, anno dopo anno, la quantità di carbonio che il patrimonio forestale è in grado di conservare (tabella 11). Si tratta di un effetto molto importante, non solo dal punto di vista ecologico, ma anche da quello economico. 17 Tabella 11 Stime provvisorie del bosco fissato in Italia (INFC) In sede degli accordi di Kyoto, infatti, l''Italia, ha eletto la ''gestione forestale' tra le attività che possono concorrere all''adempimento degli impegni presi nella riduzione dei gas a effetto serra. Questa attività è quantificabile fino ad un massimo di 2,78 Mt di Carbonio all''anno (circa 10 milioni di t di CO2). Per quanto detto sopra, grazie all''azione delle foreste, si profila per l''Italia un risparmio che va da 750 milioni al miliardo di euro in cinque anni (2008-2012 periodo di impegno del Protocollo di Kyoto '' al valore attuale di borsa del Carbonio a tonnellata) (INFC). 1.2. Boschi ed attività legnosa in Friuli Venezia Giulia La biodiversità montana è legata in maniera indissolubile alla presenza di foreste, dalle quali la nostra società ottiene l''erogazione di molte funzioni: produzione legnosa, protezione dei versanti e del fondovalle, azione antierosiva, produzione di ossigeno, fissazione del carbonio atmosferico, protezione di specie animali e vegetali tipiche, produzione di funghi e frutti e, la funzione turistico - ricreativa. A fronte di queste richieste, spesso di notevole intensità, è necessario offrire al bosco un trattamento che rispetti nel modo più completo possibile le sue esigenze, che possono essere tradotte - sensu lato - nel principio di prendere il frutto senza intaccare il capitale (Cavalli et al., 2003). 18 Le montagne rappresentano la dimora di molte minoranze etniche, con propria cultura, lingua, tradizioni. Questa considerevole ricchezza culturale sta in parte scomparendo, sotto la spinta di fattori esterni e a causa dell''assenza o dell''emigrazione delle giovani generazioni (ASDMI, 2007). La superficie del Friuli Venezia Giulia è occupata da Comuni montani per il 38,5 %, abitati dall''11,15 % della popolazione complessiva. Ottantaquattro Comuni montani ospitano più di 138.000 abitanti con una densità di 33 abitanti per kmq (iFEL 2012). Province Capoluoghi Popolazione abitanti al 31/12/2012 (ISTAT) Gorizia Gorizia 142.172 Pordenone Pordenone 316.150 Trieste Trieste 236.229 Udine Udine 541.552 TOTALE 1.236.103 Tabella 12 Numero abitanti per provincia L'integrità della montagna non è solo garanzia di benessere e salute: è soprattutto prevenzione contro il degrado del suolo, che costituisce una minaccia non solo per le zone montane, ma anche per le terre di pianura. Popolazione Anno 2005 Superficie sul totale regionale Densità abitativa (ab. per kmq) Variazione % della popolazione 1991-2005 Variazione % della popolazione 2001-2005 Totale
Comunità
montane 512.629 61,7 % 105,8 -4,7 0,0 Comuni non
montani 695.649 38,3% 230,9 5,4 3,6 Friuli V.G. 1.208.278 100% 153,8 0,9 2,1 Italia 58.751.716 - 195,0 3,5 3,1 Tabella 13 Caratteristiche principali della popolazione delle aree montane del FVG
Uno degli effetti connessi allo spopolamento dei territori montani è stata la netta diminuzione di realtà lavorative tipiche, come la silvicoltura e l''allevamento, che indirettamente avevano il ruolo e il merito di effettuare una costante manutenzione sia dei boschi che della montagna stessa. 19 Codice Comunità 1971 1981 1991 2001 6001 Comunità Montana
del Friuli Occidentale 67.609 69.124 66.426 67.704 6002 Comunità Montana
del Gemonese Canal
del Ferro Val Canale 41.395 37.771 36.817 34.676 6003 Comunità Montana
della Carnia 49.506 46.129 42.709 40.387 6004 Comunità Montana
Torre-Natisone -
Collio 106.187 103.864 98.276 95.415 6005 Provincia di Gorizia 48.168 48.349 45.008 45.439 6006 Provincia di Trieste 287.200 269.702 248.611 228.929 Totale 600.065 574.939 537.847 512.550 Percentuale 100,0 95,8 89,6 85,4 differenza rispetto al
1971 0 25.126 62.218 87.515 Tabella 14 La dinamica delle popolazioni residenti nelle comunità montane friulane dal 1971 al 2001
(censimenti ISTAT).
Il sito web delle Regione (http://www.regione.fvg.it) fornisce le seguenti informazioni: il Friuli Venezia Giulia ha una superficie boscata di circa 300.000 ettari di cui il 93% circa in montagna e 7% circa in pianura. Figura 1 La dinamica delle popolazioni residenti nelle comunità montane friulane (esclusa la provincia di Trieste) dal 1971 al 2001 (censimenti ISTAT) Nello specifico, pur, come già esposto, si parta da una diversa definizione di bosco tra l''inventario forestale nazionale del 1985 e quello del 2005, nel Friuli Venezia Giulia, si può Anni Abitanti 20 osservare l'aumento della superficie forestale regionale, passata dai 285.000 ha del 1985 agli attuali 318.454 ha. (Regione FVG). Il numero di alberi delle foreste del FVG è di 437.641.591 con un valore unitario di 1.351/ha. Il volume dendrometrico (fusti e rami) è pari a 67.830.001 m 3 con un valore unitario di 209,5 m3/ha. (Regione FVG). Tabella 15 Specie presenti in Friuli Venezia Giulia (IFNC)
La superficie boscata ha segnato negli ultimi decenni una significativa espansione: - bosco anni ''60 ha 165.000, il 21% della superficie territoriale regionale; - bosco inizio anni ''80 ha 270.000 , il 34% della superficie territoriale regionale; - bosco 1985 (INFVG) ha 285.000, il 36% della superficie territoriale regionale; - bosco anni ''90 (dati RAFVG) ha 297.320, il 38% della superficie territoriale regionale; - bosco anno 2006 (INFC) ha *323.832, il 41% della superficie territoriale regionale. *Il dato dell''anno 2006 proviene dall''Inventario Nazionale delle Foreste e delle riserve di Carbonio (INFC) e prevede una definizione di ''bosco' in parte diversa da quella prevista dalla legge regionale. Secondo la Regione, le cifre in tabella 16, sono: 21 - dati disponibili presso gli uffici regionali (carta tipi forestali, carta boschi di pianura, Moland): 297.390 ha; - totale boschi INFC (2005) 316.224 ha (si tratta cioè dei boschi alti, ossia i 323.832 di boschi meno gli impianti di arboricoltura da legno). Fonte Ha Dati disponibili presso gli uffici regionali (Carta tipi forestali, Carta boschi di pianura, 297.390 Totale boschi INFC (2007) 316.224 Tabella 16 Superficie boscata in Friuli secondo la Regione
Come si può notare dalla tabella 17, la superficie forestale in Friuli Venezia Giulia era nel 2005 di 357.224 ha, pari al 45,5% del territorio regionale. Bosco Altre terre boscate Superficie forestale totale superficie ES superficie ES superficie ES Distretto
territoriale PROVINCIA (ha) (%) (ha) (%) (ha) (%) Udine 225.931 2,8 18.821 13,6 244.752 2,5 Gorizia 9.662 19,3 1.071 57,7 10.733 18,3 Trieste 12.634 16,9 0 - 12.634 16,9 Friuli
V.G. Pordenone 75.605 6,3 13.500 16,0 89.105 5,7 TOTALE 323.832 33.392 357.224 Tabella 17 Estensione delle macrocategorie inventariali Bosco e Altre terre boscate, ripartita per
Provincia (INFC)

Essa comprendeva: - 323.832 ha di "bosco" (secondo la definizione FAO: qualsiasi estensione di terreno, di almeno 0,5 ha di superficie, con copertura arborea almeno del 10% e alberi in grado di raggiungere un''altezza minima di 5 m a maturità); - 33.392 ha di "altre terre boscate" (terreni con copertura arborea del 5-10% di alberi in grado di raggiungere un''altezza minima di 5 m a maturità, oppure con copertura maggiore del 10% costituita da alberi che non raggiungono un''altezza di 5 m, oppure arbusti e cespugli). Estensione delle macrocategorie inventariali Bosco e Altre terre boscate, Tabella 18 Estensione del bosco (INFC)

Il bosco si ripartisce ulteriormente in: 22 - boschi alti (316.224 ha, pari al 97,7 % dei boschi); - impianti di arboricoltura da legno (7.608 ha, 2,3%); - aree temporaneamente prive di soprassuolo (assenti).
Tabella 19 Estensione delle categorie inventariali del Bosco (INFC)

Le altre terre boscate comprendono: - boschi bassi (con copertura maggiore del 10% costituita da alberi con un''altezza potenziale uguale o superiore a 2 m e inferiore a 5 m, pari al 40%); - boschi radi (con copertura arborea del 5-10% di alberi in grado di raggiungere un''altezza minima di 5 m, pari al: 24%); - boscaglie (assenti); - arbusteti (16%); (formazioni estese per più di 5000 m 2 ed aventi larghezza superiore a 20 m caratterizzate da una copertura arbustiva maggiore del 10%; le specie arboree se presenti non raggiungono il 5%.) - aree boscate inaccessibili o non classificate (18%). I boschi alti sono per il 67,8% di latifoglie (di cui 28,1% faggio, 14,6% carpino, 14,5% altro), e per il 32,2% di conifere (di cui 14,2% abete rosso, 9,8% pino nero). Estensione delle categorie inventariali delle Altre terre boscate
Tabella 20 Estensione delle categorie inventariali delle Altre terre boscate (INFC) In realtà, il 19% dei boschi sono misti di conifere e latifoglie; il 51% sono puri di latifoglie, e il 15% puri di conifere (l'11% non è classificato). Gli impianti di arboricoltura da legno sono per 5.813 ha di pioppo (pari al 76%). Tuttavia, dei 323.832 ha bosco, solamente 195.630 ha (60,4%) sono disponibili al prelievo legnoso, che scendono a 188.022 ha (58,1%) se si escludono i pioppi; e appena 1.115 ha di altre terre boscate (3,3%). Si intende che le superfici non disponibili presentano vincoli di 23 tutela ambientale o di conservazione tali da rendere escludere o limitare seriamente l'attività di prelievo. 1 Estensione delle categorie forestali dei Boschi alti


Tabella 21 Estensione delle categorie forestali dei Boschi alti (INFC )
Per molte particelle incluse nei piani di assestamento forestale, la massa asportabile lorda è nulla. Oltre a questo, e limitatamente alla categoria "bosco" (disponibile e non al prelievo) si può notare che: - 193.401 ha sono privati (60%), 130.431 ha sono pubblici (40%); - ben 311.021 ha (96%) sono pianificati; - ben 277.540 ha (86%) sono soggetti a vincolo idrogeologico; perciò questo vincolo di per sé non determina l'indisponibilità al prelievo; - 73.791 ha (23%) hanno vincolo naturalistico; - almeno l'85% delle aree sono accessibili. Presumibilmente, l'indisponibilità al prelievo (che riguarda come sappiamo 128.202 ha) dipende perciò solo in parte dal vincolo idrogeologico, in parte dal vincolo naturalistico, e in parte dalla difficoltà di accesso. Il vincolo idrogeologico nella regione Friuli Venezia Giulia è attualmente normato dalla Legge regionale 9/2007 ''Norme in materia di risorse forestali '' (art. da 47 a 53) dal 1 Per disponibile al prelievo si intende una superficie forestale non soggetta a limitazioni significative delle
attività selvicolturali dovute a norme o vincoli (es. riserve integrali) o a cause di tipo fisico (aree inaccessibili).
La FAO infatti considera come non disponibili al prelievo legnoso le foreste in cui i vincoli e le restrizioni
derivanti dalla normativa in vigore o da decisioni politiche escludono o limitano severamente il prelievo per
esigenze di tutela ambientale o di conservazione di siti di particolare interesse scientifico, storico, culturale o
spirituale, così come le foreste in cui la produttività o il valore del legname sono troppo bassi per rendere
conveniente il prelievo di legname, fatta eccezione per il taglio occasionale per consumo interno (FAO, 2000).
Sono considerati disponibili perciò anche soprassuoli non più utilizzati da lungo tempo per abbandono della
gestione, purché l''utilizzazione abbia ancora una certa convenienza economica, così come quelli trattati con turni
molto lunghi. 24 Regolamento forestale, emanato con Decreto del Presidente della Regione del 12 febbraio 2003, n. 032/Pres. e riguarda complessivamente secondo i dati regionali 380.403 ha. Figura 2 Comuni interessati al vincolo idrogeologico (Regione FVG) Sempre in base ai dati dell''INFC la proprietà dei boschi è pubblica per il 40% della superficie (negli anni ''80 del secolo scorso era il 56%) mentre è privata per il 60% (44% negli anni ''80) evidenziando come l''ampliamento della superficie boscata abbia interessato soprattutto aree private già agricole che sono state colonizzate dal bosco. Della superficie boscata complessiva, i boschi destinati alla produzione legnosa sono il 60% (dati INFC). Sotto il profilo economico i boschi della regione rappresentano un patrimonio di circa 45 milioni di metri cubi di legname (dati 2007, fonte Regione Friuli Venezia Giulia); la crescita annua di questo capitale è pari a circa 1 milione di metri cubi di legname. Secondo la Regione ogni anno vengono tagliati circa 200.000 metri cubi di legname per un valore all''imposto, cioè a strada camionabile, di circa 12 milioni di euro. Secondo i dati INFC 2005 i valori totali e per unità di superficie del volume del fusto e dei rami grossi degli alberi utilizzati nei 12 mesi precedenti il rilievo per le categorie inventariali boschi alti, impianti di arboricoltura da legno e aree temporaneamente prive di soprassuolo e per la macrocategoria bosco (INFC) ammontano a 462.541 metri cubi. 25 Tabella 22 Valori totali e per unità di superficie del volume del fusto e dei rami grossi degli alberi
utilizzati nei 12 mesi precedenti il rilievo per le categorie inventariali Boschi alti, Impianti di arboricoltura
da legno e Aree temporaneamente prive di soprassuolo

La fitomassa è in media di 109 t/ha (pari a 516 kg/m 3). In definitiva, la fitomassa totale (tronco + ramaglie) in Friuli Venezia Giulia ammonta a 143 t/ha contro 158-165 del Trentino - Alto Adige, 129 in Veneto, 116 in Lombardia, 102 in Piemonte. I pioppeti hanno un incremento medio di 8 m 3/ha/anno (8,1% l'anno), con una fitomassa di 33,7 t/ha + 16,1 t/ha di ramaglia. L'incremento corrente per i boschi alti è 5,56 m 3/ha/anno, pari al 2,62%. Si tratta in totale (boschi alti) di 1.759.165 m 3/anno, per una massa di 907.171 t/anno (tronchi e rami grossi, INFC dice "peso secco") e 253.051 t/ha di ramaglia (2,62% della fitomassa di ramaglia). Volendo estrapolare i boschi disponibili, come noto il 60,4%, possiamo stimare: - 1.045.973 m 3/anno, pari a 539.390 t/anno di tronchi e rami grossi; - 150.461 t/anno (21,8 % del totale, 27,9% del tronco e rami grossi) di ramaglia. Dai dati INFC risulta: - che la maggior parte della fitomassa (tronchi e ramaglie) si trova in faggete (38,6%) e peccete (20,7%); - le peccete hanno più volume/ha (369 contro 268 m 3/ha) e un maggiore incremento % (2,65% contro 2,06%), per cui l'incremento totale in volume è quasi lo stesso (439 contro 490 migliaia di m 3/anno); - tuttavia, il legno è più leggero e la fitomassa/ha è simile (160 contro 156 t/ha); l'incremento unitario della fitomassa è maggiore (4,2 contro 3,2 t/ha/anno), ma l'incremento totale della fitomassa è comunque sempre più importante per le faggete (284.914 t/anno, pari al 31% dei boschi alti) che per le peccete (190.810 t/anno, pari al 21% dei boschi alti); 26 - la fitomassa della ramaglia rappresenta 1,95 Mt nelle peccete, e 3,2 Mt nelle faggete; se l'incremento percentuale in peso è lo stesso dell'incremento in volume dei tronchi e rami grossi, l'incremento della ramaglia è simile per peccete e faggete (51.714 contro 66.112 t/anno); - nelle peccete, le ramaglie rappresentano il 27% rispetto alla massa dei tronchi, nelle faggete solo il 23% (tabella 23). Boschi alti Boschi di abete rosso Pinete di pino
nero, laricio e loricato Faggete Ostrieti, carpineti Altri boschi caducifogli Superficie, ha 316.224 44.963 30.843 88.812 45.807 46.035 Volume, m 3 67.066 949 16.577.167 5.167.091 23.828.467 4.567.285 6.732.090 Volume, m 3/ha 212,1 368,7 167,5 268,3 99,7 146,2 Incremento, m 3/anno 1.759.165 439.482 89.859 490.483 166.422 296.004 Incremento, m 3/ha/anno 5,56 9,77 2,91 5,52 3,63 6,43 Incremento, %/anno 2,62 2,65 1,74 2,06 3,64 4,40 Incremento, Mg/anno 907.171,47 190.810 43.124 284.914 95.159 156.228 Incremento, Mg/ha/anno 2,87 4,24 1,40 3,21 2,08 3,39 Fitomassa tronchi e rami
grossi, Mg 34.585.285 7.197.319 2.479.706 13.841.602 2.611.538 3.553.133 Fitomassa tronchi e rami
grossi, Mg/ha 109,4 160,1 80,4 155,9 57,0 77,2 Peso specifico secco,
kg/m 3 516 434 480 581 572 528 Fitomassa ramaglia, Mg 9.647.411 1.950.631 946.818 3.211.852 991.393 1.220.928 Fitomassa ramaglia,
Mg/ha 30,5 43,4 30,7 36,2 21,6 26,5 Incremento ramaglia,
stima, Mg/ha 253.051 51.714 16.466 66.112 36.124 53.683 Fitomassa ramaglia, %
della
fitomassa totale 21,8 21,3 27,6 18,8 27,5 25,6 Fitomassa ramaglia, %
della
fitomassa tronchi 27,9 27,1 38,2 23,2 38,0 34,4 Fitomassa totale, Mg 44.232.696 9.147.950 3.426.524 17.053.454 3.602.931 4.774.061 Fitomassa totale, % dei
boschi alti 20,7 7,7 38,6 8,1 10,8 Incremento % dei boschi
alti 25,0 5,1 27,9 9,5 16,8 Incremento di massa, %
dei boschi alti 21,0 4,8 31,4 10,5 17,2 Tabella 23 Estensione del bosco suddivisa per categorie forestali

Sono 506 le imprese della filiera bosco ubicate in montagna che occupano 1.222 addetti. Gli ettari di foresta certificata PEFC, che risponde cioè a principi della gestione forestale sostenibile, sono 71.000 (Dati Regione FVG). 27 Nel settore delle utilizzazioni boschive, secondo l''analisi svolta da Spinelli nel 2012 operano 115 imprese, di cui il 73% è formato da imprese individuali, il 20% degli imprenditori è costituito da stranieri. Tabella 24 Valori totali e per unità di superficie, distinti per specie, del numero di alberi, dell'area
basimetrica, del volume del fusto e dei rami grossi, dell'incremento corrente di volume e della fitomassa
arborea epigea, per la macrocategoria inventariale Bosco in Friuli Venezia Giulia (INFC)

SUPERFICI BOSCATE Comunità montane Ha Carnia 77.047 Gemonese, Canal del Ferro e Valcanale 76.704 Torre, Natisone e Collio 43.557 Friuli Occidentale 67.457 Prov, Gorizia 4.579 Prov, Trieste 12.794 Totale Comunità Montane 282.138 Aree esterne alle Comunità Montana-
Province
Ha Gorizia 988 Pordenone 6.057 Udine 8.207 Totale are esterne alle Comunità Montane 15.252 Totale Regione 297.390 Tabella 25 Superfici boscate suddivise per Comunità Montane e Province. (Fonte per la zona
montana Carta dei tipi forestali (Vanone-Dreossi 1999), per la zona non montana Carta dei boschi
di pianura (Purisiol, 1996) adattata sulla base dell''uso del Suolo del progetto ''Moland' (2000)
28 L''analisi delle superfici boscate suddivise per Comunità Montane spiega che il bosco è concentrato per ben il 54% in Carnia e Canal del Ferro- Valcanale, per il 24% nel Friuli Occidentale (zona del Pordenonese), per il 15% nella Comunità del Torre, Natisone e Collio e solo il per l % in provincia di Gorizia e il 4,5% in provincia di Trieste (Tabella 25).Se si esamina le aree boscate esterne alle comunità montane il bosco risulta concentrato per lo più in provincia di Udine e Pordenone. Categoria forestale Ha % Formazioni costiere 130 0,0 Querco-carpineti e carpineti 2.865 1,0 Rovereti e castagneti 18.502 6,2 Ornio-ostrieti e Ostrio-querceti 35.835 12,0 Aceri-frassineti e aceri tiglieti 14.157 4,8 Betuleti 30 0,0 Faggete 77.718 26,1 Pinete di pino nero e pino silvestre 42.857 14,4 Piceo-faggeti 26.748 9,0 Abieteti, Piceo-abieteti, abieteti-piceo-faggeti 18.915 6,4 Peccete 25.085 8,4 Lariceti 3.791 1,3 Alnete 93 0,0 Robinieti ed altre formazioni antropogene 6.964 2,3 Neocolonizzazioni 5.366 1,8 Rimboschimenti 6.370 2,1 Altre aree boscate planiziali (area non montana) 6.780 2,3 Altre aree boscate golenali (area non montana) 164 0,1 Altre aree boscate ripariali (area non montana) 4.123 1,4 Altre formazioni 897 0,3 Totale Regione 29.7390 100 Tabella 26 Superfici boscate suddivise per categorie forestali (Regione FVG) (Fonte per la zona montana
Carta dei tipi forestali (Vanone-Dreossi 1999), per la zona non montana Carta dei boschi di pianura (Purisiol,
1996) adattata sulla base dell''uso del Suolo del progetto ''Moland' (2000)
L''analisi ha quindi riguardato l''analisi della ripresa disponibile secondo i piani di gestione dall''inizio di validità del piano al 2011 e quella effettivamente utilizzata sulle superfici pianificate. E'' interessante osservare come ben il 26% della massa prevista al taglio, pari a 326.076 m 3 non vengano utilizzati. 29 Tabella 27 Massa non utilizzata rispetto ai piani di gestione (Dati Regione) ' ' Ente proprietario MASSA in ritardo da utilizzare SCOSTAMENTO rispetto alla previsione del piano (%) Massa legnosa utilizzata dall''inizio di validità del piano al 2011 Ripresa disponibile dall''inizio di validità del piano al 2011 compreso (mc) PIANO DI GESTIONE FORESTALE (ultimo in vigore) 30 1.3. L''ingegneria naturalistica come evoluzione ed integrazione del sistema bosco L''ingegneria naturalistica è una disciplina tecnica che attraverso l''utilizzo di piante vive o parti di esse realizza interventi necessari per la sistemazione dei corsi d''acqua, delle loro sponde e dei versanti; inoltre interviene limitando l''azione erosiva degli agenti meteorici, di scarpate e superfici degradate da fattori naturali (dissesto idrogeologico) o antropici (cave, discariche, opere infrastrutturali) con impatto ambientale basso; inoltre tale tecniche puntano essenzialmente sulle caratteristiche biotecniche di alcune specie vegetali, caratterizzate da una capacità di sviluppo dell''apparato radicale e nell''elevata capacità di propagazione vegetativa. L''ingegneria studia le modalità di utilizzo del materiale vegetale vivo (piante o parti di esse) in abbinamento con altri materiali inerti non cementizi quali il pietrame, la terra, il legname, l'acciaio, nonché in unione con stuoie in fibre vegetali o sintetiche, come materiale da costruzione. Nello specifico gli ambiti di intervento sono quelli finalizzati per lo più alla difesa del suolo, con riguardo particolare ad interventi antierosivi, per il drenaggio e di consolidamento: - difesa idrogeologica: consolidamento di versanti o in generale del terreno; drenaggio delle acque dilavanti; controllo dell''erosione; sistemazioni a rinforzo spondale nei fiumi; - funzione ecologico-naturalistica: recupero di aree naturali degradate, cave e discariche; protezione dall''inquinamento (fitodepurazione, barriere antirumore); - funzione estetico-paesaggistica: sistemazione o rinaturazione di rilevati stradali o ferroviari e di infrastrutture in genere; risanamento estetico di frane o altro, inserimento del costruito nel paesaggio, arricchimento paesistico con sistemi a verde; - funzione socio-economica: tipologie alternative a quelle tradizionali a costi molto competitivi, recupero produttivo di aree incolte o abbandonate. L''ingegneria naturalistica ha come obiettivo l''aumento della complessità e della diversità/ eterogeneità del sistema di ecosistemi, innescando quindi un processo evolutivo che porti ad un equilibrio dinamico in grado di garantire un livello più elevato di metastabilità nonché un miglioramento della qualità del paesaggio (Venti et al.). L''ingegneria naturalistica come disciplina è relativamente recente, anche se le prime esperienze risalgono a partire già dall''Ottocento ed in particolare nell''area alpina di lingua tedesca (Austria, Svizzera). Le metodologie di applicazione e i materiali utilizzati negli interventi di ingegneria naturalistica sono diversificati a secondo delle finalità che si perseguono: 31 - semina: è presente in ogni tipo di intervento di ingegneria naturalistica; viene realizzata in maniera diversa a seconda delle caratteristiche orografiche, pedologiche e di esposizione del terreno; si passa dalla semina a spaglio per terreni a debole pendenza e con buone caratteristiche nutritive, all''idrosemina per pendenze elevate e/o per terreni a bassa fertilità; è possibile inoltre utilizzare una coltre protettiva a base di paglia per preparare il terreno alla semina, oppure una biostuoia per proteggere la stessa dagli eventi atmosferici; - messa a dimora di piante o parti di esse come talee, utilizzando diverse tecniche quali: la viminata, che consiste nell''infissione nel terreno di pali di legno a cui vengono legati intrecciandoli longitudinalmente rami di salice, la fascinata, o la gradonata, realizzata scavando gradoni in cui vengono inserite piantine e talee o fascine di ramaglie; - palificata in legname è utilizzata per il consolidamento dei versanti mediante la costruzione di una struttura a gabbia in pali di legno che viene poi ricoperta da terreno in cui vengono inserite piante e talee per la tenuta del versante a lungo termine; - i muri di sostegno in pietrame a secco rinverdito, le terre rinforzate con griglie, reti o tessuti in materiale sintetico sono utilizzate per il consolidamento dei versanti e la tenuta delle terre; Figura 3 Costruzione di muro in pietrame
32 - le sistemazioni di versanti con reti o stuoie in materiale biodegradabile risultano molto efficaci nel controllo dell''erosione e per il drenaggio; - ramaglia, gabbioni (integrati con talee di Salice) e la copertura diffusa con astoni sono utilizzate nelle sistemazioni spondali o nella regimazione delle acque; - briglie, soglie e pennelli, realizzate in legname e pietrame sono opere di regimazione e difesa idraulica a carattere; - le rampe di risalite per pesci in pietrame a integrazione di briglie e soglie, per permettere così alle specie ittiche di superare agevolmente il dislivello e risalire la corrente. Figura 4 Interventi dell'ingegneria naturalistica
L''analisi individua diverse finalità dell''ingegneria naturalistica: '' tecnico-funzionali, antierosive e di consolidamento di una scarpata; '' naturalistiche, ricostruzione o innesco di ecosistemi paranaturali; '' paesaggistiche, di "ricucitura" al paesaggio naturale circostante; '' economiche, in quanto strutture competitive e talvolta alternative ad opere tradizionali. L''attività forestale ha arricchito quindi il suo paniere di prodotti e servizi con le attività legate all''ingegneria naturalistica; il bosco non è visto esclusivamente nell''ottica del taglio ma anche del servizio e gestione al territorio, con il settore ''edile forestale'. L'' applicazione principale di tale disciplina è la prevenzione del dissesto idrogeologico con le operazioni di consolidamento, stabilizzazione, idraulica, drenaggio e rinaturalizzazione dei terreni; gli obiettivi di tale tecnica riguardano la protezione dall'erosione, la salvaguardia del paesaggio, la mitigazione dell'impatto ambientale collegata al reinserimento di luoghi e di infrastrutture, lo sviluppo di ambienti naturali. 33 Figura 5 Opera di ingegneria naturalistica 1.4. Infortuni nelle attività boschive e di gestione delle aree boscate L'aumento della consistenza del parco macchine verificatosi in Italia negli ultimi decenni sia nel settore agricolo che in quello forestale, se da una parte ha concorso a migliorare qualità e produttività del lavoro e colture, dall'altra ha indubbiamente contribuito all'aumento del numero di incidenti che si verificano durante l'espletamento delle vari pratiche colturali nelle quali è contemplato l'uso delle macchine (Zimbalatti G., 2006). Si parla spesso delle morti sul lavoro, ma molto più numerosi sono gli infortuni, oltre 900 mila in Italia nel 2007. In figura 6 vengono evidenziati gli incidenti sul lavoro nel periodo 2008-2009 e in figura 7 i casi di morte per settore economico, con dati aggiornati al primo quadrimestre 2010, (Fonte Vega Engineering). 34 Figura 6 Incidenti mortali sul lavoro in Italia (2008-2009)
Figura 7 Casi di morte per settore economico Le statistiche confermano quanto si intuisce leggendo i giornali, cioè che si muore sul lavoro principalmente in due settori: edilizia e agricoltura (24,1% e 31,9%). Il primo settore è il caso in cui è evidente che la responsabilità dei decessi sia da attribuire anche alla organizzazione Settore economico % sul totale in Italia Incidenti mortali sul lavoro in Italia (2008-2009) 35 ed alle condizioni di lavoro. Il secondo settore descrive agricoltori che nella loro proprietà oppure lavorando per terzi perdono la vita per problemi dovuti all'errato utilizzo delle varie macchine, o ad una poca attenzione a cui si aggiunge la condizione che le macchine usate sono spesso veramente pericolose. Nel settore agricoltura, caccia, silvicoltura sono stati registrati 45 casi di infortuni mortali (Cividino e Gubiani, 2008). Nella maggior parte di questi casi, per la precisione 29, il lavoratore era un agricoltore con età dai 60 agli 89 anni e le principali cause di morte sono state il ribaltamento veicolo/mezzo in movimento (13 casi) e la caduta dall'alto dell'operatore (5 casi). Queste situazioni si verificano per la maggior parte dei casi, a persone in tarda età, probabilmente a causa di vecchi mezzi agricoli utilizzati per lo svolgimento dell'attività e che non sono adeguati in accordo alle più recenti norme (www.sicurezzalavoro.fvg.it). Per quanto riguarda gli infortuni dovuti all'uso di motoseghe in particolare, in tutto il mondo, si registrano circa cento mila incidenti all'anno, con un costo per la società, valutabile in circa un miliardo di dollari. Dal grafico in figura 8 si riscontra che gli incidenti legati all'utilizzo di motoseghe nella silvicoltura sono dovuti ad alberi (rami, tronchi) che si abbattono sull'operatore, cadute e scivolamenti con motosega, amputazioni, o folgorazioni a causa di contatto con la corrente elettrica durante l'abbattimento di alberi. Percentuale di incidenti con la motosega 9% 20% 27% 44% Folgorazione Cadute di alberi, rami,
tronchi Cadute e scivolamenti da
altezze elevate Amputazioni Figura 8 Incidenti con la motosega Le percentuali riportate si riferiscono ad incidenti verificati in Italia tra l'inizio 2008 e metà del 2010 (cadutisullavoro.blogspot.com, www.mortisullavoro, wordpress.com e ISPESL). La maggior parte degli incidenti, quindi, sono dovuti ad errori durante l'operazione di abbattimento di alberi e il comportamento in casi pericolosi. Questo fattore non dipende solo 36 dalla motosega ma anche dall'abilità e dall'attenzione dell'operatore; la stessa cosa riguarda le folgorazioni, incidenti che si verificano in minima percentuale, anche questi non dipendono direttamente dalla motosega. Gli infortuni direttamente legati all'utilizzo di questa macchina, sono incidenti che provocano amputazioni, cadute e scivolamenti che rappresentano circa il 50% degli infortuni in questo settore agricolo-forestale. Gli infortuni sul lavoro in agricoltura, pur rappresentando in valore assoluto una quota modesta di quelli sul lavoro rispetto alle altre attività, presentano elevati indici di incidenza e di frequenza. Gli indici di incidenza (n° infortuni/1.000 occupati) hanno soltanto un valore indicativo della tendenza temporale del fenomeno: tali indici esprimono, in pratica, quanto ''incide' un determinato fenomeno su una certa collettività (popolazione generale, occupati, lavoratori assicurati) rappresentata in termini di persone (Piano Nazionale di prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura 2009-2011). Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo 2005 '' 2007 e denunciati all''INAIL totali Anno 2005 2006 2007 2005 2006 2007 Valori assoluti Totali Mortali Agricoltura 66.467 63.083 57.155 141 124 105 Industria 422.254 413.375 402.323 678 584 593 Servizi 451.300 451.700 453.137 539 488 512 Indici di incidenza Totali Mortali Agricoltura 70,2 64,2 61,9 0,149 0,126 0,114 Industria 60,8 59,7 57,5 0,089 0,098 0,085 Servizi 30,8 30 29,6 0,036 0,036 0,033 Tabella 28 Infortuni sul lavoro denunciati nel 2005-2007 denunciati all'INAIL (Piano Nazionale di
prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura 2009-2011)

Negli ultimi anni gli infortuni nel settore agro-forestale in Italia hanno assunto una rilevanza significativa in termini assoluti come evidenziato dalla tabella 29; secondo i dati INAIL nel triennio 2005-2007 si è registrata una media di oltre 62.000 incidenti annui nel settore agro- forestale, di cui 120 mortali; il 2008 evidenzia nel settore agricoltura un riduzione degli 37 infortuni rispetto al 2007 (-6,9%) ma registra un aumento significativo degli incidenti mortali (+15,2%). Ramo/Settore di
attività economica Infortuni in complesso Casi mortali 2007 2008 Var.% 2007 2008 Var.% Agricoltura 57.206 53.278 - 6,9 105 121 15,2 Industria 400.103 367.132 -8,2 611 554 -9,3 Costruzioni 101.898 89.254 -12,4 275 235 -14,5 Metalmeccanica 89.324 79.848 -10,6 105 100 -4,8 Tabella 29 Infortuni secondo rapporto INAIL

Nello specifico delle operazioni di abbattimento si nota che esse comportano pericoli particolari. Nel periodo 1991''2004, secondo i dati Suva, in Svizzera si sono verificati 73 infortuni mortali nello svolgimento di questi lavori, ossia il 40% di tutti gli infortuni mortali accaduti durante i lavori forestali. L''analisi della dinamica infortunistica ha messo in luce i seguenti ambiti a maggior rischio. Cause di infortuni mortali Il boscaiolo o il collega di lavoro è colpito mentre cerca di atterrare l'albero rimasto impigliato 11% Il collega di lavoro si trova nella zona di pericolo o di caduta ed è colpito dall'albero 19% Altra dinamica o dinamica sconosicuta 16% Mentre esegue il taglio il boscaiolo è colpito dal fusto che si spacca longitudinalmente o che precipita dopo il taglio 14% Dopo il taglio il boscaiolo è colpito da: - ramo, chima o pezzo di albero scagliato all'indietro - parte della chioma, del fusto o dl ramo che si rompe e precipita - dallo scarto laterale o dal rinculo del fusto 40% Figura 9 Le cause degli 73 infortuni mortali durante i operazioni di abbattimento di alberi nel periodo
1991''2004, (Fonte: Suva)
Hippoliti e Piegai riconoscono che all''interno della dizione di lavori forestali rientrano una vasta gamma di tipologie di lavori distinti tra: - lavori forestali in senso stretto, aventi per oggetto il soprassuolo forestale, comprendendo gli interventi selvicolturali a carattere ordinario, straordinario e/o di emergenza finalizzati ad 38 assicurare la perpetuità dell''ecosistema boscato, nonché lavori di ampliamento e/o ricostituzione del soprassuolo forestale; - altri lavori forestali che sono tali per via del contesto in cui si svolgono, ovvero sono a carico delle altre componenti del sistema forestale, esempio il suolo (le opere di difesa e/o stabilizzazione idrogeologica del suolo), le infrastrutture (strade, opere antincendio) e le strutture presenti negli ambienti forestali, i lavori di costruzione e manutenzione dei servizi e degli arredi ad uso turistico-ricreativo. I lavori in bosco quindi prevedono diverse tipi di attività: - costituzione e ricostituzione del soprassuolo in seguito ad eventi calamitosi; - costituzione di strade e piste forestali; - sistemazioni idraulico- forestali; - utilizzazione di legna e legname; - costruzione di infrastrutture per uso ricreativo. L''attività lavorativa svolta all''interno dei cantieri forestali è per sua natura rischiosa a causa di: - ambiente accidentato e impervio e condizioni atmosferiche in cui si opera; - sforzo fisico prolungato ripetitivo, a cui sono sottoposti gli operai (figura 10); Figura 10 Cause di rischio nei lavori forestali
- utilizzo di attrezzature e di macchine di grosse dimensioni; - lavorazioni che presentano attività a rischio elevato (es. lavorazioni in quota), con particolarità e singolarità delle attività praticate, con un grado tecnico e tecnologico avanzato; - lavorazioni con una presenza significativa di movimentazione manuale dei carichi; 39 - fattori biotici e vegetazione presenti sul territorio. 1.5. I rischi in bosco, descrizione puntuale degli scenari e fattori di rischio presenti Tra i comparti ad alto rischio infortunistico spicca come detto il settore edile-forestale, caratterizzato, per sua stessa natura, dalla doppia tipologia dell''attività effettuata, comprendente da un lato le problematiche tipiche dei cantieri edili, dall''altro quelle così peculiari dei cantieri forestali (lavorazioni su terreni declivi, caratteristiche climatiche spesso estreme). Tutto ciò comporta un aumento della difficoltà nella gestione della sicurezza, come evidenziato in figura 11. Figura 11 Caratteristiche del lavoro in bosco nel settore edile forestale Le fonti di pericolo nelle attività edili-forestali, e quindi nelle attività lavorative svolte in ambito forestale, possono essere classificate secondo due grandi categorie: quelle specifiche dell''ambiente e quelle relative all''uso di attrezzature, mezzi d''opera, sostanze e preparati pericolosi. Le problematiche legate ai rischi nell'ambiente forestale sono in generale: - l''irregolarità del terreno causa di pericolo di cadute e scivolamenti, con conseguenti fratture, distorsioni, slogature, traumi cranici, rischi d''annegamento per caduta in invasi naturali o artificiali; 40 - i colpi da corpi provenienti dall''alto (pietre che rotolano, rami dagli alberi, ecc.) o tagli, escoriazioni, abrasioni e mutilazioni per contatto accidentale con rami, rovi, pietre appuntite e taglienti; - le alte temperature ed umidità nel periodo estivo possono limitare fortemente la capacità lavorativa, con pericolo di shock termico, disidratazione dei tessuti, sovraffaticamento, difficoltà di concentrazione nel lavoro, difficoltà di respirazione; - i rischi di natura biologica dovuti, per esempio, a punture d''insetti, morsi d''animali, contatto con agenti patogeni (Martignetti, 2005). Nella maggior parte dei casi, gli incidenti sono causati: ' da un uso non corretto delle attrezzature;
' da posture scorrette degli operatori;
' dall''impiego di attrezzature in cattivo stato d''efficienza e manutenzione;
' dal mancato o erroneo impiego di dispositivi di protezione individuale appropriati;
' dal mancato rispetto di opportune distanze di sicurezza tra gli operatori;
' dall''eccessiva ripetitività delle operazioni lavorative, con conseguente perdita di concentrazione. Le fonti di pericolo nell''impiego dei mezzi d''opera (automezzi, trattori, gru e macchine operatrici), sono legate sia alle particolari condizioni del suolo che a caratteristiche proprie dei mezzi stessi (Martignetti, 2005). I pericoli più frequenti sono rappresentati da: ' danni all''apparato osteo-articolare, dovuti alle asperità del fondo stradale ed a posture di guida scorrette; ' impatto con altri automezzi;
' fuoriuscita del mezzo dalla sede stradale;
' investimento di persone;
' contatto con le parti semoventi delle macchine operatrici;
' ribaltamento del mezzo;
' caduta degli operatori dal mezzo. 41 Figura 12 Rischi in ambito edile-forestale L''operatore forestale è esposto ai seguenti rischi: - affaticamento: tutte le operazioni che prevedono l''impiego della motosega costringono l''operatore a lavorare in condizioni fisiologiche superiori al proprio limite di rendimento, questo determina una riduzione del livello di attenzione con aumento del rischio dell''infortunio e una ripercussione negativa sul benessere fisico; - ferite da taglio; l''uso di attrezzi manuali, quali accette, roncole, seghetti, forbici da potatura, o di attrezzi meccanici, come motoseghe e decespugliatori, può comportare pericolo di contusioni, fratture, tagli, abrasioni, mutilazioni, proiezione di schegge, lesioni traumatiche ai danni dell''apparato osteo- articolare; inoltre l''operatore può subire tagli, escoriazioni, abrasioni e mutilazioni per contatto accidentale con rami, rovi, pietre appuntite e taglienti; - rumore: l''esposizione quotidiana a valori compresi tra 95 e 109 dB (A) può portare nei casi limite all''ipoacusia da rumore (figura13); 42 Figura 13 Rischio da rumore - vibrazione, la cui incidenza dipende dalle caratteristiche costruttive della macchina, del legno, dalla direzione di taglio e dal grado di affilatura della catena, può determinare l''insorgere di patologie localizzate a danno dell''apparato vascolare, nervoso e muscolo scheletrico del sistema mano- braccio (figura 14); Figura 14 Rischi determinati dalle vibrazioni Rischi determinati dalle vibrazioni Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio Vibrazioni trasmesse al corpo intero Disturbi dell''equilibrio Patologia del tipo osteoarticolare del rachide Danni al sistema vascolare, nervoso, osseo Rumore Livello di
pressione
sonora,
tempo di
esposizione,
composizion
e spettrale
del rumore Otopatia da
rumore Disagio Aumento della
pressione
cardiaca e
arteriosa, della
sudorazione e
del tono
muscolare, della
secrezione
gastrica Stress Ripercussioni
sull''intero
organismo 43 - emissioni gas di scarico ed oli lubrificanti, determinate dalle emissioni del gas di scarico e della miscela non combusta ed espulsa con i residui della combustione son composte da monossido di carbonio, idrocarburi, aldeidi, idrocarburi aromatici policiclici causano irritazioni, rischio incendio ed esplosioni, fino all''azione cancerogena, oltre al contatto con polveri di legno duro; Figura 15 Rischio chimico - caduta di rami, proiezione ed urto di corpi estranei in seguito alle operazioni di pulizia, abbattimento, sramatura, depezzatura, allestimento; la presenza di rami bassi, di arbusti e di vegetazione con spine può causare ferite in grado di favorire il verificarsi di infezioni tra le quali, temibile, il tetano (figura 16); Figura 16 Rischi determinati dalla vegetazione Rischi determinati dalla vegetazione Alberi Arbusti Rovi Cadute


Frustrate


Urti
contro
rami o
spine Ferite
Schiacciamenti
Lesioni da urto
Bucature Gas di scarico Rischi determinati da agenti chimici Oli minerali Gasolio Polveri di legno duro Benzina 44 ' durante gli spostamenti ed i movimenti per il lavoro, rami, arbusti e rovi possono ferire parti delicate del corpo (per esempio occhi) con conseguenze anche gravi; ' durante le lavorazioni la chioma degli alberi che vengono abbattuti può urtare quelle circostanti con possibili rotture di rami, cimali e parti di fusto che possono cadere e colpire i lavoratori provocando lesioni di varia entità; - masse in movimento: durante le operazioni di utilizzazione precedentemente elencate il boscaiolo può venire a contatto con tronchi di massa elevata, in movimento, in equilibrio instabile o sottoposti a tensioni, con conseguente caduta inaspettata dell''albero in direzione non voluta o rottura imprevedibile della piante; - posture di lavoro e movimentazione manuale di carichi: durante le diverse operazioni l''operatore può essere soggetto a sollecitazioni della colonna vertebrale, assumere posizioni contratte, affrontare operazioni di movimentazione e sostegno di carichi (Maroncelli et altri, 2009); Figura 17 Rischi determinati dalle movimentazione manale dei carichi - microclima: la temperatura, gli agenti atmosferici e il sole e i fulmini possono determinare come evidenziato nella figura 18 disagio, stress perdita di sensibilità alle estremità del corpo per arrivare nei casi più gravi fino all''ustione e perfino la morte, nel periodo estivo, le alte temperature ed umidità relative possono limitare fortemente la capacità lavorativa, con pericolo di Rischi determinati dalle movimentazione manuale dei carichi 45 shock termico, disidratazione dei tessuti, sovraffaticamento, difficoltà di concentrazione nel lavoro, difficoltà di respirazione; - pendenza e accidentalità dell''ambiente possono determinare cadute e scivolamenti, oltre che perdita del controllo e ribaltamento di mezzi e rotolamenti di massi e tronchi. Figura 18 Rischi causati dal microclima Una delle caratteristiche più significative dell''ambiente forestale è l''irregolarità del terreno che può determinare pericolo di cadute e scivolamenti, con conseguenti fratture, distorsioni, slogature, traumi cranici, rischi d''annegamento per caduta in invasi naturali o artificiali (figura 19); bisogna considerare anche l''eventualità che gli operatori che si trovano a valle possano essere colpiti da corpi provenienti dall''alto (pietre che rotolano, rami dagli alberi, sassi smossi durante le varie lavorazioni forestali ecc.). Rottura di rami e alberi Rischi determinati dal microclima Pericolo causato da Temperatura Agenti meteorici Fulmini Rischio dovuto a Esposizione a basse t° Esposizione ad alte t° Sole Esposizione a pioggia neve umidità Esposizione a raggi solari Esposizione a basse t° Esposizione ad alte t° Folgorazione Possibile danno Disagio, assideramento, perdita sensibilità alle estremità del corpo, disidratazione Disagio, stress Disagio, insolazione Ustione, morte Ferite, lesioni 46 Le condizioni atmosferiche avverse (ghiaccio, neve e pioggia) possono accentuare la probabilità di accadimento di tali eventi, mentre altri rischi possono essere: Figura 19 Rischi determinati dalla pendenza e dall'accidentalità del terreno - rischio biologico: in ambiente forestale sono inoltre sempre presenti i rischi di natura biologica dovuti, per esempio, a punture d''insetti, morsi d''animali, contatto con agenti patogeni (Martignetti, 2005); le punture provocate da api, vespe, calabroni possono causare dolorose lesioni fino allo shock anafilattico. Gli animali selvatici, come si osserva nella figura 20, che popolano i nostri boschi possono ospitare zecche ed altri parassiti in grado di trasmettere all''uomo malattie anche gravi. I canidi e i piccoli mammiferi possono trasmettere la rabbia e la tularemia (malattia contagiosa dei piccoli roditori). Le operazioni forestali inoltre possono causare ferite che rendono possibile l''ingresso di batteri, con conseguenti infezioni, per tutte ricordiamo il tetano che, come è noto, può avere conseguenze anche mortali; Rischi determinati da pendenza e accidentalità del terreno Pendenza del terreno Accidentalità e ostacoli Cadute
Scivolamenti
Perdita di controllo dei mezzi
Rotolamento di tronchi e sassi 47 Figura 20 Rischio biologico
- lavoro in solitudine; lavorare in bosco spesso significa farlo in solitudine. Esistono sovente situazioni in cui non si può fare a meno di aiuto, come per esempio nell''assicurare il posto di lavoro, nell''eseguire diverse attività, in caso di infortunio (primo soccorso, dare l''allarme). E'' necessario ricordare che il lavoro in bosco è svolto lontano dai centri di soccorso, con tempi medio medio- lunghi di intervento e trasferimento e che c'è una frequente difficoltà di comunicazione. E'' importante ricordare che il pericolo può essere determinato anche dalla mancanza di segnalazione nel cantiere: nei cantieri boschivi devono essere segnalate e chiuse tutte le vie di accesso (pedonali e carrabili) all''area ma anche gli accessi che possono venire utilizzati per entrare nell'area. E'' fondamentale delineare il cantiere boschivo sia con cartelli di divieto di accesso ai non autorizzati sia con cartelli di pericolo generico o eventualmente con altri cartelli su pericoli specifici. Il cantiere deve essere inoltre chiuso utilizzando nastro colorato o barriera con banda colorata posto a bloccare l'' accesso. Rischi determinati dal rischio biologico 48 Figura 21 Cartellonistica in cantiere 1.6. La gestione dei DPI all''interno dei cantieri edili e forestali, analisi tecnica e stato dell''arte sui dispositivi utilizzati I DPI secondo la normativa in vigore devono: - assicurare una protezione adeguata contro i rischi e elevato confort ed efficacia; - rispettare i principi di ergonomia; - garantire livelli di protezione quanto possibile elevati e superficie adeguata di ogni parte di un DPI a contatto con l''utilizzatore e leggerezza e solidità di costruzione; - mantenere classi di protezione adeguate ai diversi livelli di rischio; - permettere l''assenza dei rischi e altri fattori di disturbo ''autogeni' oltre che non rappresentare ostacoli massimi ammissibili per l''utilizzatore; - possedere marcature di conformità. Tutti i DPI commercializzati dal 1° Luglio 1995 devono essere marcati CE e devono essere accompagnati dalla documentazione con le istruzioni di uso e manutenzione. Nello specifico l''attività dell''operatore forestale prevede l''utilizzo dei DPI a protezione di: - gambe: la protezione delle gambe si attua utilizzando pantaloni, salopette o gambali in materiale stratificato di fibre in grado di arrestare il movimento della catena della motosega. La norma che regola gli indumenti, è la EN 381-5 che prevede prove di resistenza eseguite a tre velocità della lama in grado di definire le tre classi: ' Classe I 20 m/s; ' Classe II 24 m/s; ' Classe III 28 m/s. 49 Figura 22 Esempio di protezione nel pantalone antitaglio ed etichette annesse
I pantaloni con protezione antitaglio sono rinforzati da una fodera di filamenti molto resistenti e a contatto con la motosega, questi fuoriescono dalla fodera e bloccano il pignone e la catena. Si può riparare solo lo strato esterno di tessuto. Non appena i filamenti della protezione antitaglio sono danneggiati, occorre sostituire i pantaloni. Un pantalone danneggiato in tal modo non può essere riparato (figura 23). Figura 23 Pantalone con protezione antitaglio (Suva) - piedi: le calzature devono essere di "sicurezza" e, oltre che resistere allo schiacciamento per caduta di materiale pesante come un tronco, devono essere in grado di resistere anche all'aggressione della catena della motosega che può colpire il piede dell'addetto. Le 50 calzature devono quindi possedere protezione antitaglio, suola antisfondamento, antisdrucciolo e puntale antischiacciamento. Figura 24 Scarponi (Suva)
- tronco: la giacca protettiva, realizzata in poliestere/cotone con colori vivi per alta visibilità durante i lavori in cantiere, svolge protezione dal taglio di sega sulle spalle, sulle braccia e sul torace (figura 25). Figura 25 Giacca (Di Fulvio, Picchio, Sirna) - mani: i guanti hanno lo scopo di: ' proteggere da tagli ed abrasioni che possono essere prodotti durante l'utilizzo di attrezzature forestali e ramaglie (figura 26); ' ridurre le sollecitazioni meccaniche trasmesse dalla motosega al sistema mano- braccio; ' mantenere le mani al caldo e all'asciutto e favorire la circolazione. 51 I guanti sono indispensabili per i lavori con la motosega e tutti gli altri lavori in bosco. Figura 26 Guanti (Suva)
Per garantire una presa ottimale, si dovrebbero impiegare guanti con le dita. - capo: indispensabile quando ci sia il rischio di urti o di caduta di materiali dall''alto. Il casco è formato dalla calotta con rifinitura interna, cuffie di protezione e visiera a rete ed eventualmente la protezione della nuca per la protezione da rischi multipli. Considerando che i dispositivi per la protezione del capo sono realizzati in modo da assorbire l''energia d''urto, il danno parziale può non essere immediatamente visibile, quindi, qualsiasi protettore sottoposto a un grave urto deve essere sostituito. Il casco di sicurezza è munito di visiera e cuffie antirumore (figura 27), le visiere di protezione, realizzate in una rete metallica o di materiale sintetico, devono essere fissate direttamente sul casco. Figura 27 Casco (Suva) 52 Ogni elmetto deve avere un marchio stampato che riporti le seguente indicazioni: ' il numero della norma europea; ' la marca del fabbricante; ' l''anno di fabbricazione; ' il tipo di elmetto; ' la taglia o la scala taglie. - occhi e volto collegato alla proiezione di corpi contundenti (schegge, scintille, trucioli, polvere, ecc,), o esposizione a calore, radiazioni, ecc. Per proteggersi dalle particelle di polvere in ambito agricolo e forestale sono necessarie le maschere P2 (figura 28). Figura 28 Maschere antipolvere (Suva)
- udito: l''adozione di otoprotettori (cuffie e inserti auricolari) protegge dai livelli di esposizione giornaliera personale valutati ai sensi del D.Lgs. 81/08 (LEX,8h e LEX,w maggiore di 80 dBA) e in occasione dell''uso di macchinari particolarmente rumorosi anche per un tempo limitato. - Figura 29 Casco, cuffie e visiera 53 2.0. Obiettivi Il lavoro di ricerca si pone due diverse tipologie di obiettivi, il primo a carattere generale intende approfondire lo scenario infortunistico relativo alla gestione delle aree boscate e marginali, non solo per operatori professionali, ma anche per gli utenti hobbisti o part-time del bosco. Il secondo più specifico è quello di proporre una metodologia di rilievo e di analisi per i cantieri forestali, associando a tali rilievi delle soluzioni di tipo tecnico, tecnologico e formativo; di seguito si esplicitano e dettagliano gli obiettivi del lavoro di ricerca, essendo quest''ultimi, molteplici. - Identificare una metodologia di rilievo per le aziende agro-forestali. La presente ricerca nasce dalla volontà di approfondire lo studio della sicurezza in un settore così particolare come quello edile-forestale, caratterizzato dalla gravità degli indici infortunistici e dalla doppia tipologia dell''attività in esso effettuata, comprendente da un lato le problematiche tipiche dei cantieri edili, dall''altro le caratteristiche così peculiari dei cantieri forestali (lavorazioni su terreni declivi, caratteristiche climatiche spesso estreme). Tutto ciò comporta un indubbio aumento della difficoltà nella gestione della sicurezza. Alla luce di queste considerazioni, la ricerca condotta in collaborazione con un Servizio locale si è articolata per raggiungere i seguenti obiettivi: ' analisi del livello di sicurezza nell''ambiente lavorativo dei cantieri forestali, tramite la realizzazione di strumenti specifici per la valutazione e l''analisi (check list); ' rilievo dei dati attraverso il monitoraggio di un campione di cantieri;
' individuazione delle macro aree di criticità e punti critici;
' studio e programmazione, in base alle problematiche emerse e con il coinvolgimento del servizio di prevenzione e protezione interno, di soluzioni operative in grado di migliorare il livello di sicurezza nei cantieri stessi. Con tale elaborato si è voluto verificare la situazione della sicurezza nei cantieri forestali del Friuli Venezia Giulia. Lo studio ha avuto inizio a novembre 2009 e ha compreso i seguenti obiettivi specifici: 1) l''analisi puntuale della gestione del rischio nei cantieri forestali; 2) la realizzazione di strumenti specifici per la valutazione ed analisi del rischio (check list) nelle quali si considerano: ' testing e rilievo dei dati attraverso il monitoraggio di un campione di cantieri del Servizio; 54 ' individuazione delle macro aree di criticità e dei principali punti critici;
' realizzazione, in base alle problematiche emerse, di soluzioni operative in grado di migliorare il livello di sicurezza all''interno dei cantieri forestali. - Individuare diverse soluzioni tecniche, formative e tecnologiche. Inoltre l''obiettivo ha cercato di ricostruire lo scenario di riferimento per le lavorazioni forestali, comprendenti nello specifico le fasi di abbattimento ed i cantieri di potatura e manutenzione del verde, inquadrando nello specifico attraverso un''analisi dettagliata quali siano le reali problematiche connesse a tali tipologie di lavorazioni: in particolare quindi tutto il lavoro è incentrato sulla gestione del rischio nei cantieri forestali. Il programma di ricerca per l''annata 2011-2012 ha previsto la validazione del lavoro svolto nei due anni precedenti attraverso un''analisi accurata, specifica e statistica degli incidenti accaduti nel mondo forestale e legati all''utilizzo della motosega. Si è valutata l''ampiezza del campione di incidenti accaduti in Italia nel periodo compreso tra il 2007 e il 2012, dato ancora sconosciuto dalle fonti ufficiali; attraverso questa analisi si è voluto dare maggiormente risalto alla pericolosità ed al rischio a cui si va incontro ogni qualvolta si accenda tale macchina; considerando poi che il non utilizzo dei dispositivi individuali di sicurezza è una delle principali cause di incidenti, si è cercato di capire se il costo dell''acquisto di tali DPI potesse incidere sul loro utilizzo; quindi la ricerca ha previsto un''analisi dei costi medi per l''acquisto dei dispositivi di protezione individuale, necessari ed indispensabili per chiunque si cimenti ad utilizzare la motosega, in modo da capire quanto incida la spesa economica sulla sicurezza della persona. 55 3.0. Materiali e metodi Premesse Al fine di comprendere il protocollo sperimentale si illustra brevemente attraverso lo schema in figura 30 il processo logico che ha permesso di costruire la metodologia. Figura 30 Metodologia 3.1. Identificazione dello scenario di lavoro con analisi approfondita delle tecnologie e della cantieristica Dal punto di vista operativo il lavoro è stato suddiviso in cinque fasi: 1. analisi degli aspetti formali presenti; 2. creazione di uno strumento per il rilievo dei punti critici (check-list); 3. creazione di una metodologia per la valutazione del rischio; 4. attività di campionamento e validazione del metodo; 5. identificazione di soluzioni operative in base ai campionamenti ed ai punti critici rilevati. Fase Strumento Risultato 1. Analisi degli aspetti formali presenti Scheda Anagrafica (FVG) Recupero- analisi degli strumenti gestionali utilizzati dal Servizio 2. Creazione di uno strumento per il rilievo dei punti critici (check-list) Check list Creazione di Check-list specifiche per il settore edile forestale 3. Creazione di una metodologia per la valutazione del rischio Valutazione del rischio Realizzazione di un punteggio per la valutazione del rischio 4. Attività di campionamento e validazione del metodo Risk assessment Sperimentazione del sistema di gestione, ed individuazione dei punti critici 5. Identificazione di soluzioni operative in base ai rilievi ed ai punti critici rilevati Dvr-Pos Implementazione del sistema di gestione Tabella 30 Protocollo sperimentale per la valutazione del rischio Sviluppo e
progettazione
di un sistema
di valutazione
del rischio
specifico 56 L''elemento base per la realizzazione di un processo di valutazione dei rischi è il controllo della documentazione di legge inerente gli adempimenti che devono essere rispettati nei luoghi di lavoro. In tal senso lo studio vuole analizzare dal punto di vista tecnico-funzionale ed applicativo la Scheda Anagrafica (figura 31), strumento che la Regione ha adottato come elemento di gestione per la sicurezza sul lavoro. La scheda anagrafica del sito viene redatta dal Servizio Prevenzione e Protezione della Regione FVG ad integrazione del documento di Valutazione dei Rischi, prescritto dal decreto legislativo 81/08, e ha come oggetto l''individuazione di tutti i pericoli esistenti negli ambienti in cui operano i dipendenti del Servizio in relazione alle specificità di ogni singolo intervento in progetto e tenendo conto delle particolari caratteristiche del sito in cui vengono eseguiti i lavori. Tale scheda viene appositamente redatta allo scopo di: 1) valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro; 2) individuare le misure di protezione e prevenzione e dei dispositivi di protezione individuale (DPI), conseguenti alla valutazione dei rischi; 3) adottare le misure ritenute opportune per garantire il miglioramento del livello di sicurezza; 4) predisporre il piano di emergenza contenente indicazioni per le situazioni di pericolo. Le valutazioni indicate nella scheda anagrafica del sito e dell''opera sono lo strumento per il dirigente (direttore e assistente dei lavori) e per il preposto (caposquadra), in base alle specifiche competenze, per informare i lavoratori dei rischi specifici cui sono esposti in relazione all''attività svolta, tramite lettura agli operai, all''inizio di ogni attività e facendola sottoscrivere per presa visione anche alle ditte esterne coinvolte nelle lavorazioni. La scheda anagrafica risulta composta essenzialmente di una parte descrittiva dove sono riportate: 1) descrizione dell''area oggetto di lavori; 2) descrizione esecutiva dei lavori; 3) predisposizione del cantiere; 4) fasi delle lavorazioni; 5) composizione delle maestranze; 6) le apparecchiature e le macchine da cantiere; 7) materiale presente in cantiere; 8) macchinari noleggiati a freddo. 57 In una seconda parte inerente alla sicurezza vera e propria vengono riportate: a) valutazione dei rischi di esposizione al rumore; b) valutazione dei rischi di esposizione a vibrazioni; c) piano di primo soccorso ed indirizzi dei servizi ed organismi di prevenzione. Per facilitare la comprensione della scheda ai soggetti cui è rivolta sono stati utilizzati elaborati tecnici e planimetrie dell''area di cantiere (figura 32) con la disposizione dei vari spazi e degli apprestamenti. Figura 31 Frontespizio di una ''scheda anagrafica' Servizio
Localizzazione geografica 58 Figura 32 Cartografia di un cantiere con indicazioni relative alla disposizione degli spazi e degli apprestamenti
Attraverso le analisi effettuate dei primi accertamenti si è proceduto alla costruzione della check list, strumento principe per l''analisi e l''individuazione delle criticità puntuali di ogni cantiere visitato, già utilizzato in precedenti studi (Gubiani et al,, 2002; Cividino et al 2006). Dal punto di vista teorico la check list è concepita per analizzare i quattro componenti della sicurezza: - aspetti formali; - aspetti tecnici; - aspetti sostanziali; - aspetti gestionali. Gli aspetti formali sono concernenti l''applicazione della normativa in senso stretto, sia a livello operativo che a livello documentale e formale. Gli aspetti tecnici riguardano l''utilizzo, la posizione, le condizioni e la tipologia delle macchine e delle attrezzature presenti nel cantiere, la presenza dei dispositivi di sicurezza per le strutture temporanee necessarie all''esecuzione del''opera e conseguentemente anche la messa in sicurezza dei ponteggi e della viabilità interna al cantiere. Per aspetti sostanziali si sono intesi gli elementi concreti che riguardano la sicurezza e legati alla attività svolta o da svolgersi: è stata analizzata la modalità operativa, l''utilizzo dei DPI, delle attrezzature e delle macchine; i sistemi di protezione dalle condizioni climatiche e il loro utilizzo; il verificarsi del lavoro in solitudine, la possibilità di chiamare i soccorsi in caso d''emergenza e la ricezione di apparecchi telefonici o la presenza di attrezzature radiotrasmittenti. Gli aspetti gestionali sono tutti quegli elementi relativi alla pianificazione della messa in sicurezza del cantiere. 59 Dal punto di vista pratico la check list è sta congegnata in 6 + 1 sezioni così suddivise: 1. inquadramento generale del cantiere: località, numero di operatori, tipologia del cantiere (edile; edile '' forestale; ripristino ambientale e sistemazioni forestali) e una breve descrizione delle operazioni previste dal progetto del cantiere; 2. attività: descrizione dettagliata delle attività svolte o in corso d''opera; 3. attrezzatura: rilevamento delle varie attrezzature e macchine utilizzate nel cantiere e accertamento di eventuali carenze comportamentali, tecniche o relative alla sicurezza in generale; 4. rischi: individuazione e analisi dei rischi potenziali presenti nel cantiere in relazione alle attività svolte e alle attrezzature utilizzate; 5. valutazione della gestione della sicurezza; 6. descrizione dei rischi aggiuntivi: in questa sezione sono state riportate eventuali condizioni al contorno come, per esempio, temperature particolarmente rigide, vicinanza con altri cantieri, notevole pendenza del terreno, composizione estremamente friabile del terreno; 7. valutazione cantiere: le attività, le attrezzature, i rischi e gli aspetti della gestione della sicurezza sono stati valutati con un punteggio da 1 a 9 (tabella 31). La valutazione del rischio è stata eseguita per ognuna delle quattro aree descrittive implicate con il management della sicurezza: attività, attrezzature, rischi, gestione della sicurezza. Per la stima della sicurezza è stato utilizzato il ''metodo quantitativo' con il quale si è attribuito ad ogni elemento un valore numerico facente riferimento ad una scala di punteggi. Il modello che sta alla base di tale metodo è il seguente (Cividino e Grimaz, 2008): R = f (CO, CG, CT, CC) '' elementi di analisi CO: carenze di natura organizzativa CG: carenze di natura gestionale CT: carenze di natura tecnica CC: carenze di natura comportamentali 60 LOCALITA': ora NUMERO OPERTORI ATTIVITA' Eventuale descrizione VALUTAZIONE 1 M TERRA
2 ESBOSCO
3 MESSA A TERRA 4 CREAZIONE VIABILITA'
5 PULIZIA AREA
6 MOVIMENTAZIONE 7 COSTRUZIONE EDILE,
PICCOLA CANTIERISTICA 8 SPIETRAMENTO ATTREZZATURA carenza
tecnica
carenza
comportam
carenza
sicurezza
descrizione carenza GRU MEDIE DIM.
POMPA
GRU PICCOLA
BETONIERA
DECESPUGLIATORE RISCHI SCIVOLAMENTO
CADUTA
VIBRAZIONI
RUMORE SCHIACCIAMENTO/RIBALTA CONTATTO CON PARTI RISCHIO CHIMICO
POLVERE GESTIONE SICUREZZA PROCEDURE
SPAZI
ASPETTI FORMALI
ASPETTI SOSTANZIALI
ORDINE E PULIZIA DEL
CANTIERE DESCRIZIONE DEI RISCHI AGGIUNTIVI Eventuale descrizione VALUTAZIONE COMPLESSIVA CANTIERE Eventuale descrizione DESCRIZIONE CANTIERE Tipologia cantiere E EF RASF data: Tabella 31 La check list utilizzata per il rilevamento dei dati. Poiché ogni sezione identifica aspetti concettualmente molto differenti tra loro, il processo di valutazione per ogni singola area ha implicato operazioni altrettanto diverse. Dopo aver riportato le lavorazioni eseguite o in corso d''opera nel cantiere si è proceduto ad una valutazione puntuale dipendente dai rischi potenziali che ne potevano derivare: in questo caso il giudizio è dipeso dalla ''magnitudo' dell''evento negativo potenziale che è connesso alla specifica attività in essere e alla situazione ambientale. 61 Per quanto riguarda l''attribuzione del punteggio, come evidenziato nella tabella 32, è stata valutata la potenzialità del rischio per le singole attività tenendo presente le condizioni morfologiche, pedologiche e climatiche del luogo in cui sono state effettuate. VALORE GIUDIZIO 1 Rischio massimo 2 Rischio molto alto 3 Rischio alto 4 Rischio significativo 5 Rischio medio 6 Rischio lieve 7 Rischio accettabile 8 Rischio basso 9 Rischio trascurabile Tabella 32 Scala del valore assegnato in relazione al rischio relativo.
L''oggetto del giudizio di questa area sono le condizioni delle macchine e degli attrezzi impiegati, osservando quando possibile il loro utilizzo indipendentemente dalle condizioni ambientali, ma verificando la presenza di eventuali carenze tecniche e comportamentali. Per assegnare un valore del rischio in questa sezione è stato valutato il parco macchine presente nel cantiere sia dal punto di vista dello stato delle singole macchine e attrezzature (vetustà, integrità, luogo di deposito, pulizia) sia dal punto di vista dell''utilizzo (uso improprio, utilizzo dei DPI specifici) valutando di volta in volta lo scostamento dalla situazione ottimale (tabella 33). VALORE DESCRITTORE GIUDIZIO 1 Totale difformità Rischio massimo 2 Situazione critica Rischio molto alto 3 Carenze notevoli Rischio alto 4 Carenze Rischio significativo 5 Carenze Rischio medio 6 Carenze non eccessive Rischio lieve 7 Conformità Rischio accettabile 8 Buone pratiche Rischio basso 9 Eccellenza Rischio trascurabile Tabella 33 Scala del valore assegnato in relazione al rischio relativo. 62 Nella sezione denominata ''valutazione dei rischi' si è proceduto ad una valutazione in base alla scorporazione del rischio nei due elementi che lo compongono, ossia frequenza di accadimento e magnitudo: RISCHIO = Magnitudo * Frequenza (R = fx * mx) Magnitudo: Gravità dell''evento negativo (giorni di infortunio). Frequenza: Ipotesi del numero di accadimenti (frequenza dell''infortunio). La valutazione dei singoli rischi è stata effettuata tramite l''incrocio dell''ipotesi di frequenza di un determinato evento negativo con la magnitudo, cioè con le conseguenze medie ipotizzate derivanti dall''accadimento dell''evento. Per una migliore comprensione di quanto enunciato si riportano due tabelle, 34 e 35 che fanno da riferimento, la prima, al valore attribuito al rischio in relazione alla frequenza e alla magnitudo, la seconda ad una visualizzazione grafica che permette di distinguere facilmente le varie combinazioni tra frequenza e magnitudo e il loro rapporto con il rischio. VALORE MAGNITUDO FREQUENZA GIUDIZIO 1 MAGNITUDO ALTA FREQUENZA ALTA Rischio massimo 2 MAGNITUDO MEDIA FREQUENZA ALTA Rischio massimo 3 MAGNITUDO BASSA FREQUENZA ALTA Rischio alto 2 MAGNITUDO ALTA FREQUENZA MEDIA Rischio massimo 4 MAGNITUDO MEDIA FREQUENZA MEDIA Rischio medio 6 MAGNITUDO BASSA FREQUENZA MEDIA Rischio medio 3 MAGNITUDO ALTA FREQUENZA BASSA Rischio alto 6 MAGNITUDO MEDIA FREQUENZA BASSA Rischio medio 9 MAGNITUDO BASSA FREQUENZA BASSA Rischio basso Tabella 34 Scala del valore assegnato in relazione alla magnitudo, alla frequenza e al relativo rischio.

Per ottenere la seguente matrice è stato quindi utilizzato un sistema decimale.


63 M 1 3 2 1 M 2 6 4 2 M 3 9 6 3 F3 F2 F1
Tabella 35 Relazione grafica tra magnitudo, frequenza, rischio e relativo punteggio. In questa sezione vengono affrontate tutte quelle caratteristiche non specifiche ma comunque nettamente inerenti alla sicurezza, la gestione della sicurezza è stata scomposta in 5 parametri: ' aspetti formali: grado di rispetto di tutte le imposizioni previste dalla normativa di riferimento e disposte in fase progettuale; ' aspetti sostanziali: comportamento dei lavoratori; ' procedure: applicazione pratica degli aspetti formali; ' spazi: valutazione dello spazio fisico disponibile per la lavorazione; ' ordine e pulizia del cantiere. Per quanto concerne la valutazione della gestione della sicurezza, e quindi l''attribuzione di un punteggio relativo al rischio potenziale che ne deriva, si è fatto riferimento alla tabella 36, partendo dal valore 9 che corrisponde a situazioni ideali di lavoro e detraendo di volta in volta punteggio in caso di difformità da un modello teorico '' normativo spesso più vicino all''utopia che alla realtà. VALORE DESCRITTORE 1 Totale difformità 2 Situazione critica 3 Carenze notevoli 4 Carenze 5 Carenze 6 Carenze non eccessive 7 Conformità 8 Buone pratiche 9 Eccellenza Tabella 36 Schema di riferimento per l''assegnazione del punteggio,
Sono state effettuate delle visite a 11 cantieri localizzati in diverse aree del Friuli Venezia Giulia, selezionati in maniera tale da avere un campione rappresentativo delle attività che il sopracitato servizio regionale svolge nelle Alpi friulane. M A G N IT U D O FREQUENZA 64 L''ispezione dei cantieri, precedute dallo studio delle schede anagrafiche relative ad ogni sito, è stata strutturata in 5 fasi: ' ispezione visiva; ' interviste agli operai; ' accertamenti, a loro volta, divisi in: o deposito materiali, utensili e macchinari; o prefabbricato ad uso mensa e cucina; o struttura per i servizi igienici; o documentazione relativa all''utilizzo e alla manutenzione dei macchinari; o area di lavoro; o materiale di primo soccorso; o segnaletica stradale; ' compilazione del check list; ' fotografia di tutto il cantiere per controllo successivo alla visita. Codice cantiere Area C1 Valli del Natisone C2 Carnia C3 Pordenonese C4 Pordenonese C5 Pordenonese C6 Carnia C7 Carnia C8 Carnia C9 Pordenonese C10 Pordenonese C11 Pordenonese Tabella 37 Zona di localizzazione del cantiere Grazie all''utilizzo della check list usata nei cantieri sono state individuate le aree di criticità: in particolare, avendo assegnato per ognuno degli elementi un punteggio (da 1 a 9) si è costruita la media per la totalità dei cantieri. Nello specifico i punti critici definiscono le macro-criticità ed i rischi che hanno una rilevanza acuta sulla gestione della sicurezza. I punti critici sono stati la base di partenza per le soluzioni operative. 65 Le soluzioni operative, esattamente come la gestione del rischio, possono essere considerate e suddivise in due categorie a seconda che riguardino aspetti pratico-operativi o aspetti relativi al mero rispetto della legislazione. Dal punto di vista delle priorità saranno le soluzioni sostanziali ad avere la precedenza rispetto a soluzioni di tipo formale poiché è preferibile privilegiare interventi che agiscano direttamente sulla salvaguardia dei lavoratori, in quanto dallo studio bibliografico emerge come siano gli aspetti sostanziali a necessitare di maggiore attenzione. La soluzione è, logicamente, sempre riferita ad un rischio specifico: anche in questo caso è necessario determinare una scala di priorità dei rischi che si può ottenere in base alla gravità del danno potenziale, ossia moltiplicando la frequenza di accadimento con la magnitudo (riferimento alla formula R=fx * mx). Le due macrocategorie, che possono essere chiamate soluzioni sostanziali e soluzioni formali, possono a loro volta essere scomposte in sottocategorie al fine di una migliore definizione delle caratteristiche che devono avere. Le soluzioni sostanziali, che devono essere tanto tempestive quanto più è presente e pericoloso il rischio, devono garantire: ' applicabilità e facilità di esecuzione; ' replicabilità della soluzione sui cantieri (replicabile su più scenari forestale, edile); ' standardizzazione della procedura. Le soluzioni formali invece devono prevedere un adeguamento della documentazione e l''adozione di procedure in grado di coadiuvare i lavoratori nella gestione della loro sicurezza. ' stato messo a punto, inoltre, un sistema di gestione, cioè uno strumento tecnico-scientifico- manageriale che permette di razionalizzare e gestire tutti i processi lavorativi. Dal punto di vista metodologico il sistema di gestione prevede una serie di fasi: la prima prende in considerazione un periodo di approfondimento e successivamente di analisi specifica allo scopo di comprendere l''area oggetto di studio; la seconda fase prevede una sintesi che permette di individuare i punti salienti e le relative aree di criticità, al fine di ottenere una visione d''insieme del processo lavorativo. Una volta effettuati questi due passaggi, è possibile intraprendere la fase progettuale, ovvero determinare, da un punto di vista teorico, il modello di gestione della sicurezza. La fase seguente è la realizzazione pratica del modello e la successiva verifica dell''efficacia dello stesso: un test di accertamento valuterà se le modifiche introdotte hanno portato ad una diminuzione dei rischi. Le possibilità sono due: ' il modello è in grado di aumentare la sicurezza nel luogo di lavoro; 66 ' il modello non ha determinato una risposta soddisfacente. Nel caso si verifichi la prima opzione, essendo raggiunto lo scopo, non occorre proseguire, basta verificare la corretta applicazione nel tempo del modello. Se invece il sistema di gestione non da una risposta sufficiente è necessario ripartire dalla fase progettuale, il procedimento per la costruzione di un sistema di gestione è schematizzato nella figura 33. Figura 33 Creazione di un sistema di gestione, aspetto metodologico (Grimaz, 1998),
L''allegato XV del TUS 81/08 esplica i contenuti minimi del piano di sicurezza per i cantieri temporanei. Il documento di valutazione dei rischi del Servizio è la risultante dell''applicazione di tale allegato. La scheda anagrafica del sito, infatti, contiene: 1) l''identificazione e la descrizione dell''opera; 2) l''individuazione dei soggetti con compiti di sicurezza (figura 34); 67 Figura 34 All''interno della scheda anagrafica vi è in riferimento agli organismi utili in caso di emergenza
3) una relazione concernente l''individuazione, l''analisi e la valutazione dei rischi; le scelte progettuali (figura 35) ed organizzative, le procedure, le misure preventive e protettive (figura 36) in riferimento all''area del cantiere, alla sua organizzazione e alle lavorazioni; 'Interdizione area cantiere 1. Allestimento cantiere 'Posa segnaletica cantieristica e stradale 2. Delimitazione aree 'Perimetrazione /segnalazione aree di lavoro
'Taglio vegetazione invadente e/o rischio di schianto
'Deviazione e canalizzazione acque 3.Messa in sicurezza area lavori 'Messa in sicurezza fronte scarpate
'Predisposizione area
'Accatastamento e lavorazione legname 4. Approvvigionamento e
accatastamento legname 'Esecuzione linea di avvallamento 5. Impostazione opere 'Scavo ed impostazione opere
'Ripristino della sezione di deflusso
'Realizzazione di opere miste in legname e pietrame 6.Realizzaizone opere 'Manutenzione alle opere esistenti 7. Sistemazioni aree 'Rinverdimenti e qualificazioni ambientale 8. Smobilitazione cantiere Figura 35 Schema delle fasi operative contenuto all''interno di una scheda anagrafica 68 Figura 36 Riferimenti, all''interno della scheda anagrafica, al documento di valutazione per ogni figura specifica presente nel cantiere e ai fattori di rischio presenti. 4) le prescrizioni operative, le misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale (figura 37); Figura 37 Elenco dei dispositivi di protezione individuale e delle opere provvisorie da utilizzare nel
cantiere
69 5) l''organizzazione prevista per il servizio di pronto soccorso (figura 38), antincendio ed evacuazione dei lavoratori; Figura 38 Sequenza operativa per contattare il Pronto Soccorso in caso di incidente 6) la durata prevista delle lavorazioni e delle fasi di lavoro; 7) tavole esplicative del progetto relative agli aspetti della sicurezza comprendenti una planimetria e una descrizione delle caratteristiche idrologiche del terreno. La scheda anagrafica, e nel complesso tutto il Documento di Valutazione dei rischi, risulta essere estremamente coerente con la normativa vigente, ma al contempo emerge come questo strumento sia troppo complicato e difficilmente utilizzabile ai fini di garantire la sicurezza dei lavoratori. 3.2. Metodologia di analisi e costruzione degli strumenti formativi La formazione e l''informazione sono alla base della prevenzione, quindi il conoscere le tecniche più adatte e idonee nell''utilizzo della motosega a seconda del diverso tipo di abbattimento o di lavoro da svolgere, con particolare riguardo alle normative vigenti in tema di igiene e sicurezza sul lavoro, forma motoseghisti esperti, in grado di gestire in autonomia e sicurezza cantieri complessi di potatura e abbattimento in ambito urbano e forestale, e tutto questo gioca a vantaggio della sicurezza. Si sono quindi rilevati alcuni corsi che con diverse caratteristiche e argomenti assumono un ruolo importante a favore della sicurezza: - tecniche di gestione, allestimento ed esbosco nei cantieri forestali svolto nel corso da motoseghista; 70 - corso per motoseghisti in ambiente AIB (I° livello); - utilizzo dei DPI anticaduta di 3a cat (specifico per il settore del verde) in cui vengono trattati la normativa, la gestione, l''utilizzo e la manutenzione, i materiali, il loro impiego e le manovre di soccorso, descrizione DPI personali e il loro utilizzo nei metodi di lavori su piattaforma- manovre di soccorso; - consolidamenti: sono interventi volti ad evitare la rottura / caduta di porzioni della chioma, o dell''intera pianta e garantire in tal modo la stabilità dell''albero e la sua conservazione; - abilitazione lavori in quota su fune mod. A per siti artificiali e naturali: con tale corso si analizzano la normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai cantieri edili ed ai lavori in quota, i rischi più ricorrenti nei lavori in quota (rischi ambientali, di caduta dall''alto e sospensione, da uso di attrezzature e sostanze particolari, ecc,), i DPI specifici per lavori su funi (imbracature e caschi, funi, cordini, fettucce, assorbitori di energia, connettori, freni, bloccanti, carrucole riferiti ad accesso, posizionamento e sospensione), la manutenzione (verifica giornaliera e periodica, pulizia e stoccaggio, responsabilità), la classificazione normativa e tecniche di realizzazione degli ancoraggi e dei frazionamenti, le tecniche e procedure operative con accesso dall''alto, di calata o discesa su funi e tecniche di accesso dal basso (fattore di caduta), i rischi e le modalità di protezione delle funi (spigoli, nodi, usura), l''organizzazione del lavoro in squadra, compiti degli operatori e modalità di comunicazione, gli elementi di primo soccorso e procedure operative di salvataggio; - abilitazione lavori in quota su fune mod. B per lavori su alberi (tree climbing): si affrontano la normativa generale in materia di sicurezza del lavoro, con particolare riferimento ai cantieri edili ed i lavori in quota, i DPI specifici per i lavori su fune, la normativa e tecniche di realizzazione degli ancoraggi e dei frazionamenti, le tecniche e le procedure operative con accesso dall''alto di calata o discesa su funi e tecniche di accesso dal basso, i rischi e le modalità di protezione delle funi, l''organizzazione del lavoro in squadra, i compiti degli operatori e modalità di comunicazione, gli elementi di primo soccorso e procedure operative di salvataggio, l''utilizzo delle funi e degli altri sistemi di accesso, realizzazione degli ancoraggi e di eventuali frazionamenti, il movimento all''interno della chioma, il posizionamento in chioma, le tecniche di evacuazione e salvataggio; 71 - abilitazione lavori in quota su fune mod, B per lavori su alberi specifico per operatori forestali: si tratta la normativa generale in materia di sicurezza del lavoro, con analisi e valutazione dei rischi, dei DPI specifici per i lavori su fune; si approfondiscono la normativa e le tecniche di realizzazione degli ancoraggi, e dei frazionamenti, le tecniche e le procedure operative con accesso dall''alto di calata o discesa su funi e tecniche di accesso dal basso, i rischi e modalità di protezione delle funi l''organizzazione del lavoro in squadra, i compiti degli operatori e modalità di comunicazione, elementi di primo soccorso e le procedure operative di salvataggio imparando la salita e discesa in sicurezza, il movimento all''interno della chioma, la simulazione di svolgimento di attività lavorativa con sollevamento dell''attrezzatura di lavoro e applicazione di tecniche di calata del materiale di risulta; - perfezionamento della movimentazione in chioma, tale corso è incentrato sugli ancoraggi, si analizza l''organizzazione del lavoro dall''alto, la corretta postura nell''impostare un''uscita e un rientro, il posizionamento e l''uso attrezzi da taglio (segaccio, asta telescopica), l''utilizzo del doppio ancoraggio, le nuove tipologie di nodi e alcuni cenni di potatura; - recupero del ferito e gestione delle emergenze si dimostrano i quattro livelli di recupero, auto recupero, recupero base, recupero complesso, recupero assistito, con le tecniche a loro associate; - corretto utilizzo della motosega nelle operazioni di abbattimento e potatura in forestazione urbana; Figura 39 Corso sul corretto suo della motosega (3T) 72 - corretto utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili, con tale corso si propone formare l''operatore affinché conosca e sappia gestire con sicurezza vari tipi di piattaforme di lavoro elevabili in modo da soddisfare i requisiti di formazione dell''operatore richiesti dalle norme di legge (TUS 81/08); - Figura 40 Corso di tree climbing (3T)
- abbattimento controllato alberi in tree climbing specifico per l''organizzazione e la gestione delle dinamiche di abbattimento controllato; - abbattimento controllato di alberi con piattaforme di lavoro elevabili: si valutano la scelta della PLE più adatta al luogo del lavoro, e alla tipologia di lavoro da eseguire, il corretto utilizzo della motosega su PLE, le tecniche di taglio di abbattimento, i sistemi di dissipazione (frizione a tubo-winch), le diverse tipologie di nodi, le funi di abbattimento, le carrucole Spider leg, le teleferiche, l''utilizzo paranchi per recupero branche, la gestione carichi, i dispositivi di protezione individuale; Figura 41 Corso con piattaforma elevabili (3T) 73 - abbattimento controllato con autogru; Figura 42 Abbattimento con autogru (3T) -abbattimenti controllati corso riservato ad operatori esperti, corso di livello avanzato, riservato a coloro che operano già da anni in questo settore e intendono acquisire nuove competenze, tecniche e procedure circa gli abbattimenti controllati. Parte del corso è dedicata alle esercitazioni pratiche, accessibile solo a coloro che hanno partecipato al corso sull''utilizzo della motosega in arboricoltura. Sempre in tema di formazione l''adozione in alcune Regioni dell''Albo delle Imprese Boschive e il patentino per operatori forestali garantisce: - la professionalità degli operatori forestali; solamente chi ha frequentato il corso e quindi ha ricevuto formazione ed informazione può cimentarsi nell''attività con la motosega a tutto vantaggio della sicurezza; questo permette anche una regolamentazione del settore; - la continuità di lavoro, con la competitività delle imprese e la lotta al lavoro sommerso: solo chi è abilitato può lavorare eliminando tutti coloro che si improvvisano operatori forestali; con tale sistema si innalza il livello di preparazione degli operatori attraverso la formazione, l''addestramento e l''aggiornamento, garantendo operatività sicura e riducendo il rischio di infortuni; - adeguate garanzie di affidabilità, esperienza e operatività a ridotto impatto ambientale per tutti i lavori di utilizzazione richiesti nei boschi pubblici e privati, creando un contatto diretto tra Enti locali e operatori forestali. 74 A seguito delle considerazioni sopra esposte il lavoro di ricerca propone la creazione di un sistema di formazione e verifica della stessa e si compone di tre sessioni: - sessione di analisi della normativa tecnica in materia di sicurezza sul lavoro; - sessione di analisi sulle modalità teoriche-operative; - sessione pratica con fasi di affiancamento-addestramento. 3.3. Metodologia di confronto per gli elementi tecnici e tecnologici applicati al settore forestale Il lavoro ha inoltre previsto un''analisi tecnica e tecnologica dei cantieri di lavoro al fine di definire lo scenario di rischio. Dal punto di vista metodologico il lavoro ha previsto: - analisi delle attrezzature di lavoro; - valutazioni tempi; - valutazione modalità operativa. La prevenzione si basa anche sulla tecnologia, per questo sono stai inventati diversi sistemi collegati direttamente alla motosega che permettono di evitare gli incidenti. Dal punto di vista metodologico il lavoro ha: - effettuato un''analisi bibliografica e scientifica sui brevetti ad alta tecnologia presenti in commercio; - verificato la diffusione, la commerciabilità e la risposta del sistema in materia di sicurezza. Infine lo studio propone una nuova tecnologia che possa integrarsi nella motosega. 3.4. Sistema di rilievo dei dati infortunistici connessi alle attività boschive e forestali Ogni anno, durante i lavori con la motosega e la raccolta del legname si verificano numerosi incidenti, di cui alcuni mortali. Il più delle volte, la causa è da ricercare nella non conoscenza, nella negligenza e nella mancanza d'esercizio. L''Ufficio Federale dell''Ambiente Svizzero (UFAM) evidenzia infatti che: ' la maggior parte degli infortunati e delle vittime è costituita da persone senza formazione forestale che lavoravano nei boschi durante il tempo libero o da agricoltori che svolgevano un'attività complementare; ' nei boschi privati, il numero degli incidenti è quattro volte superiore a quello registrato nelle aziende e nelle imprese forestali; 75 ' lesioni molto gravi sono state subite anche da persone che impiegavano la motosega per motivi professionali o nel tempo libero, in particolare per lavori di costruzione, giardinaggio e orticoltura, manutenzione e demolizione. L''analisi ha portato all''individuazione di 296 casi di incidenti, apparsi sulla rete, e collegabili all''utilizzo della motosega in lavoro di utilizzazioni forestali, operazioni di potature e manutenzione del verde; sono stati quindi considerati tutti gli incidenti indipendentemente dal fatto che la motosega abbia avuto un ruolo attivo nell''incidente, questo significa che nella casistica sono stati considerati anche le cadute dall''alto, o per folgoramento da fulmine o per infarto o ustione in seguito ad esempio a potatura con motosega (Cividino et altri, 2012). Per quanto riguarda le fonti di rilevo istituzionali e convenzionali si è fatto riferimento a: ' banche dati nazionali Inail (ente di riferimento per le statistiche nazionale in materia di infortuni); ' casi studio;
' dati territoriali riportato dalle ASS locali;
' registri di infortuni di aziende analizzate del comparto Verde e Forestazione;
' portali di riferimento nazionale in materia di rilievo di infortuni sul lavoro e sul settore Agro-forestale. Per le fonti di rilievo locali e non convenzionali sono state considerate tutte le fonti che non sono istituzionali ma riportano notizie di cronaca inerenti alla sicurezza sul lavoro ed infortuni domestici. Tutti gli incidenti, come detto individuati in 296 casi dal 2007 ad aprile 2012, sono stati esaminati e i raccolti in un foglio Excel con dei codici per rendere più facile e veloce l''elaborazione statistica, e suddivisi sulla base di: - numero di incidenti suddivisi per anno; - anno dell''incidente; - data dell''incidente, come da tabella 38; Totale Non professionisti Professionisti LUNED' 47,00 29,00 18,00 MARTED' 37,00 21,00 16,00 MERCOLED' 48,00 29,00 19,00 GIOVED' 52,00 31,00 21,00 VENERD' 43,00 26,00 17,00 SABATO 45,00 29,00 16,00 DOMENICA 24,00 14,00 10,00 296,00 179,00 117,00 Tabella 38 Giornata della settimana in cui si è verificato l'incidente
76 - regione e provincia in cui si è verificato l''incidente; - età dell''infortunato; - causa dell''incidente: sono stati assegnati dei valori per ciascuna casistica, come evidenziato nella tabella 39; Forma di accadimento CONTATTO CON PARTI IN MOVIMENTO DELLA MOTOSEGA 1,00 CONTATTO / COLPITO/SCHIACCIATO DA RAMI O PARTI DI
TRONCO 2,00 INFARTO 3,00 CADUTO DALL'' ALTO 4,00 FOLGORATO 5,00 USTIONATO 6,00 Tabella 39 Causa dell'incidente
- professione dell''infortunato; - suddivisione se l''infortunato è professionista o non professionista (pensionati ed hobbisti); - tipo d''infortunio; Morti/feriti FERITO 1,00 MORTO 2,00 Tabella 40 Conseguenza dell'incidente
- nazionalità dell''infortunato; Nazionalità ITALIANA 1,00 RUMENA 2,00 MACEDONE 3,00 ALBANESE 4,00 MAROCCHINA 5,00 STRANIERA 6,00 Tabella 41 Nazionalità dell'infortunato
- parte del corpo colpita; Sede della lesione MANO 1,00 BRACCIO 2,00 GAMBA 3,00 PIEDE 4,00 TESTA 5,00 TRONCO DEL CORPO 6,00 Tabella 42 Sede della lesione

- orario in cui si è verificato l''incidente; 77 - fonte, link di collegamento, per risalire in qualsiasi momento all''articolo e al dato. Con questa modalità di lavoro si sono inquadrati tutti gli incidenti rilevati nel periodo considerato e si è svolta un''analisi statistica completa per i dati ottenuti; un problema relativo alla statistica dei dati è sorto in quanto non sempre in tutti gli articoli è stato possibile ricavare tutti i parametri per ciascuna categoria di ricerca, nonostante la ricerca sia stata fatta su diverse testate giornalistiche online e diverse fonti di dati che riportavano la stessa notizia; per questo per alcuni incidenti non è stato possibile analizzare tutti le variabili. 3.5. Metodologia di analisi e classificazione dei dispositivi di protezione individuale Si è quindi voluto svolgere un''analisi sul costo dei DPI visto la loro importanza in termini di prevenzione degli incidenti, per capire se effettivamente il loro non utilizzo sia dovuto ad una difficoltà di acquisto per il costo troppo oneroso o se invece incida solo la non formazione e la non conoscenza sull''importanza del loro utilizzo. Con il termine DPI si intende ''qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo' (Art. 74 del D. Lgs 81/08). Essi sono ''i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che l''indossi, o comunque li porti con sé, da rischi per la salute e la sicurezza' (Art. 1 c.2 D. Lgs 475/92). Le caratteristiche che un DPI deve avere sono: - essere conformi alle norme di cui al D. Lgs 475/''92 (marchio CE di conformità); - essere adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sé un rischio maggiore; - essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro; - tenere conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore; - poter essere adattati all''utilizzatore secondo le sue necessità. E'' inoltre previsto che il DPI deve essere: - usato per il solo scopo previsto, - essere mantenuto in efficienza, - non depositato in luoghi sporchi o inquinati, - non abbandonato senza controllo e non modificato. La normativa prescrive che chi non fa uso dei DPI, nei casi obbligatori, può ricorrere in interventi disciplinari e sanzioni, come evidenziato nella tabella 43. 78 Normativa di riferimento per i DPI Titolo Circolare Ministero del Lavoro n, 34 del 29,4,99 Indumenti di lavoro e dispositivi di protezione
individuale Linee guida delle Regioni (1996) DLgs 475/92 (dispositivi di prot,individuale) Certificazione e classificazione (I, II e III) dei
Dispositivi di Protezione Individuale e marcatura DM 2,5,2001 (criteri di individuazione e uso DPI) Criteri per l'individuazione e l'uso dei dispositivi di
protezione individuale (DPI) D,Lgs, 81/08 Titolo III capo II e Allegato VIII Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, Uso dei
dispositivi di protezione individuale Tabella 43 Normativa di riferimento per l'utilizzo dei DPI

Considerata il rischio nell''utilizzo della motosega, si è quindi ritenuto opportuno proporre un''analisi dei prezzi per l''acquisto dei dispositivi di protezione individuale, in modo da capire quale sia la spesa media che debba essere sostenuta da un professionista boscaiolo o un operatore che desideri operare nell''utilizzazione del bosco, in piccole attività di abbattimento e gestione di aree boscate marginali, o solo nel deprezzamento della legna da ardere. A tale proposito è stata quindi costruita una scheda anagrafica dei dispositivi di protezione individuali e per ciascuno, utilizzando un foglio Excel, è stata costruita una tabella in modo da estrapolare i dati inerenti: - marca; - prezzo; - caratteristiche del prodotto; - sito da cui è stato individuato il prodotto, in modo da risalire in qualsiasi momento al prodotto. Per le marche principali, quali Husquarna, Jonsereed, Oleomac, Sthill, si sono considerati i prezzi esposti nei cataloghi in rete, tralasciando eventuali altri prezzi proposti da singoli venditori; per le altre marche la ricerca è stata effettuata considerando i prezzi proposti dai rivenditori specializzati o quelli esposti su siti specializzati nella vendita, quali ebay.it o subito.it, o trova prezzi.it. Sono state individuate dopo una ricerca 22 marche da cui sono stati individuati i prezzi per ciascuna categoria di DPI ed è stata elaborata la media. La ricerca ha voluto quindi individuare la spesa complessiva necessaria per l''acquisto di tutti i dispositivi necessari per alcune distinte figure lavorative in cui la motosega risulta la macchina fondamentale: - il professionista boscaiolo; - l''operatore che svolge solo l''operazione di abbattimento di piante di piccole dimensione ('<15 cm) in cui il rischio di caduta dall''alto è inesistente; 79 - l''hobbista che desidera solo depezzare legna. 80 4.0. Risultati 4.1. Analisi degli infortuni Come evidenziato dalla tabella seguente (figura 43) nel 2011 si sono verificati il 41% degli incidenti totali; alti risultano gli infortuni verificatisi nel 2009 e nel 2010 con il 13% e il 16%, anche nel 2012 la casistica è molto elevata se si considera che solo in 4 mesi si sono verificati ben il 10% degli incidenti totali, valore superiore a quelli verificatisi in tutto il 2007 e il 2008. Questo è un sintomo che nonostante la recente e sempre aggiornata normativa sulla sicurezza e i dispositivi di sicurezza costruiti con materiale sempre più tecnico e resistente, la motosega non venga considerata una macchina altamente pericolosa e quindi non vengano utilizzati tutti i sistemi e i dispositivi idonei per utilizzarla in completa sicurezza, quindi viene sottovalutato il rischio che l''utilizzo di tale macchina comporta. Numero incidenti suddiviso per anni 25 27 41 49 124 30 296 8,45 9,12 13,85 16,55 41,89 10,14 100,00 0 50 100 150 200 250 300 350 2007 2008 2009 2010 2011 2012 (aprile) Totale Anno N u m e ro i n c id e n ti Numero di incidenti % sul totale Figura 43 Numero di incidenti nei diversi anni d'indagine Dall''analisi della frequenza delle età, suddivisa sulla base dei morti e dei feriti, emerge che la fascia d''età compresa fra i 60 ai 70 anni è quella in cui ricade il più alto numero di morti e feriti. Se l''analisi invece si concentra solo sulle persone ferite in seguito ad utilizzo di motosega si denota un valore molto alto anche nella classe compresa tra i 40 e 60 anni, evidenziando un numero di vittime inferiore nella fascia più bassa. Escludendo le classi più piccole, fino ai vent''anni, che comunque evidenziano dei feriti e per la classe dai 10 ai 20 anni addirittura dei morti, si può osservare che il numero dei morti nella fascia dai 30 ai 60 anni e dai 70 agli 80 anni raggiunge valori molto simili intorno alle 20 unità; molto significativo è inoltre il dato 81 per la classe degli ultrasettantenni in cui il numero dei morti è più del doppio dei feriti (figura 44). Nella classe comprendenti i trentenni il numero dei morti eguaglia quello dei feriti, mentre nella classe dei ventenni le vittime seppur per poche unità superano i feriti. Da questa analisi quindi si percepisce come il pericolo associato all''utilizzo della motosega sia molto spesso non percepito, visto la distribuzione in quasi in tutte le classi di morti e feriti, e quindi il suo utilizzo sia spesso eseguito sottovalutando il rischio che tale macchina comporta. Il fatto che il numero di vittime sia distribuito in maniera quasi omogenea nelle diverse classi è indicativo di come la motosega abbia un potenziale di rischio molto elevato e quindi sia molto pericolosa ma molto spesso sottovalutata e non vengano utilizzati i DPI necessari a prevenire gli incidenti. 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00 Frequenza da 0 a 10 da 10 a 20 da 20 a 30 da 30 a 40 da 40 a 50 da 50 a 60 da 60 a 70 da 70 a 80 Classi di età Frequenza per classe di età MORTI FERITI Figura 44 Frequenza suddivisa in base alle classi d''età Sono stati poi analizzate nella figura 45 le giornate della settimana in cui si verifica la maggior presenza di incidenti, e tali dati sono stati poi elaborati a seconda che l''incidente riguardasse un lavoratore professionista o un hobbista. L''analisi degli incidenti totali spiega che il lunedì, mercoledì e il giovedì sono i giorni in cui si verificano il numero più alto di incidenti quindi ad inizio e a metà settimana; se ci si concentra sugli incidenti accaduti ai non professionisti la frequenza è costante ad eccezione del martedì e la domenica in cui si verifica un calo significativo degli incidenti. Diversa è invece la casistica se consideriamo i professionisti in cui la distribuzione degli infortuni è costante con un picco il giovedì e una diminuzione significativa la domenica. 82 Giorno della settimana in cui si verificano gli incidenti 0,00 10,00 20,00 30,00 40,00 50,00 60,00 lunedi martedi mercoledi giovedi venerdi sabato domenica Giorno della settimana N u m e ro i n ci d e n ti Totale Non
professionista Professionista Figura 45 Giorno della settimana in cui accadono gli incidenti Se inoltre si considera che tra i non professionisti è più elevato il numero di incidenti rispetto ai professionisti, questo è significativo del fatto che i professionisti: - sono maggiormente preparati e formati nell''utilizzo della motosega; - sono maggiormente coscienti del pericolo nell''utilizzo della macchina e quindi pongono maggiore attenzione durante il suo utilizzo; - utilizzano in maniera costante i dispositivi di protezione individuale. Si è quindi studiato in quale ora del giorno gli infortuni accadono maggiormente e si è confrontato tale dato con i valori da bibliografia raccolti a livello internazionale (Suva, 2003). La giornata lavorativa come emerge dalla figura 46 vede un continuo crescendo nel numero di incidenti a partire dalle 9; si individuano due picchi, quello più alto, con ben 19 incidenti, si colloca intorno alle10,30, tale picco è spiegabile con il fatto che dopo alcune ore di lavoro, intorno alle 10,30, l''attenzione e la concentrazione subiscono un repentino calo determinando lo sviluppo dell''incidente. Dopo tale picco si osservano dei decrementi fino alle ore 13,00 quando il valore subisce un''impennata e raggiunge il secondo picco con valore intorno alle 8 unità verso le 16,30; probabilmente intorno a quell''ora l''infortunato ha accumulato la stanchezza di tutta la giornata e aspetta di terminare la giornata lavorativa, ed è proprio in quel momento che si verifica l''incidente. 83 Orario dell'infortunio 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00 10,00 12,00 14,00 16,00 18,00 20,00 6,00 7,00 8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00 15,00 16,00 17,00 18,00 19,00 20,00 21,00 Ora N u m e ro i n ci d e n ti Campione Riferimento
internazionale Figura 46 Orario dell'incidente Se confrontiamo tali dati con i valori di riferimento internazionali provenienti dalla valutazione di alcuni case report francesi si nota una certa sintonia seppur con valori diversi per quanto riguarda il primo picco intorno alle 10,30; per quanto riguarda invece il secondo picco il valore del dato internazionale è anticipato intorno alle 14,30. Si è quindi valutato in quale periodo dell''anno sia concentrato il numero più elevato di incidenti gravi e mortali, anche in questo caso analizzando il valore totale e suddiviso tra gli incidenti accaduti a professionisti e non professionisti: emerge che, analizzando il valore complessivo, gli incidenti accadono con una frequenza maggiore nel periodo autunno- invernale con una costante di incidenti superiore alle 30 unità e punte di 35 casi nei mesi di gennaio e febbraio (figura 47). Il valore più basso si verifica in maggio; anche i singoli valori suddivisi per professionisti e non, non evidenziano grosse discrepanze rispetto ai valori totali: per i professionisti il mese con meno incidenti risulta essere agosto, collegato probabilmente al periodo di ferie e a fine anno, con valori però abbastanza costanti ed elevati lungo tutto l''arco dell''anno intorno alle 10 unità. I non professionisti, hobbisti e pensionati, hanno un trend molto simile a quello totale, con punte nei mesi invernali e valori comunque alti nei mesi autunnali. I professionisti nel mese di luglio evidenziano valori di gran lunga superiori a quello dei non professionisti, quasi il doppio, mantenendosi invece uguali nel mese di settembre. 84 Andamento degli infortuni gravi e mortali per mese e per attività di lavoro 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00 mese numero di casi total e non professionisti professionisti totale 36,00 35,00 29,00 32,00 14,00 17,00 17,00 20,00 22,00 25,00 34,00 15,00 non professionisti 25,00 19,00 18,00 21,00 6,00 8,00 6,00 15,00 11,00 13,00 23,00 12,00 professionisti 11,00 16,00 11,00 11,00 8,00 9,00 11,00 5,00 11,00 12,00 11,00 3,00 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Figura 47 Mese in cui accadono gli incidenti in relazione alla tipologia lavorativa L''analisi ha quindi messo in relazione il tipo di lesione con il tipo di attività svolta: quindi si è cercata di capire che tipo di lesione si verificasse nei diversi incidenti a danno del professionista e quali a danno del non professionista: nel secondo le parti del corpo maggiormente colpite risultano essere le mani e le gambe e a seguire la testa; questo probabilmente accade nell''incidentato non professionista a causa dell''assenza dei dispositivi di protezione individuale, in particolare i guanti e i pantaloni antitaglio, seguiti dall''elmetto; le altre parti del corpo, busto e schiena, piedi e braccia risultano colpiti con la stessa frequenza. Per il lavoratore professionista, abituato ad utilizzare costantemente i DPI e a conoscere i possibili pericoli dall''utilizzo della motosega, si evidenzia un''assenza di lesioni per braccia e piedi, alcuni casi esigui per braccia, busto e testa, mentre il valore più significativo si manifesta con le lesioni alle gambe, seguita con valori molto più bassi alle mani. L''assenza, per il professionista, di incidenti che colpiscano i piedi e le braccia, e di un basso numero per mani, testa, busto e schiena può essere spiegato da un utilizzo costante e preciso dei DPI a protezione di tali parti del corpo; l''incidente alle gambe che colpisce con valori più elevati il professionista può essere determinato dal non utilizzo a volte anche da parte del professionista dei pantaloni con protezione integrale e quindi anche della parte alta delle gambe (figura 48). 85 Si è quindi considerata la relazione tra la gravità dell''incidente e la sede della lesione: assegnando il valore 1 nel caso di ferito e 2, simboleggiato dal teschio, nel caso di morte, si è confrontato tale valore con la sede del corpo colpita durante l''incidente. Lesioni con motosega per tipologia di profilo di lavoro 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 6,00 7,00 0,00 1,00 2,00 tipologia lavorativa non professionista professionista Figura 48 Tipo di lesione in relazione alla tipologia lavorativa
Quest''analisi vuole capire se esista una qualche correlazione tra il tipo di incidente mortale o meno con la parte del corpo lesionata. Emerge in maniera evidente dalla figura 49 che gli incidenti mortali sono determinati da eventi che colpiscono la testa e la schiena, in particolare ad esempio lo schiacciamento da tronchi o la caduta di parti di piante. Molto bassa è il numero di incidenti che, colpendo braccia o gambe diventano mortali, probabilmente causati dalla lesione all''arteria in particolare quello femorale. Se invece si analizza la parte del corpo più colpita, in seguito ad incidente non mortale, mani, gambe, testa e busto risultano le sedi del corpo maggiormente lesionate; la spiegazione può essere assunta nell''assenza dell''utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, in particolare per mani, testa e gambe. Non professionista Professionista 86 Distribuzione dell'evento per gravità 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 6,00 7,00 0,00 1,00 2,00 Tipologia di accadimento negativo S e d e a cc a d im e n to Figura 49 Sede della lesione per gravità dell'incidente Tale assunto viene confermato anche dall''analisi delle lesioni in percentuali sulle diverse parti del corpo evidenziato nella figura 50; è molto significativo osservare come il mancato utilizzo del casco comporti il 27% degli incidenti; anche gli incidenti che colpiscono tronco e gamba risultano quasi metà degli incidenti; questo potrebbe essere determinato dal mancato utilizzo dei pantaloni con protezione completa e della giacca con protezione antitaglio; anche la somma delle lesioni a braccia e mani raggiunge quasi il 25%, quindi un quarto degli incidenti, sicuramente dovuta all''assenza di guanti e della giacca protettiva. Figura 50 Numero dei casi in base alla sede di lesione Analisi delle lesioni e danni all'interno del campione analizzato 0,00 10,00 20,00 30,00 40,00 50,00 60,00 PIEDE GAMBA TRONCO DEL CORPO BRACCIO MANO TESTA sede della lesione/danno numero di casi 27% 8 % 16% 4% 23% 21% 87 Se si analizza invece i numeri dei singoli incidenti suddivisi per sede della lesione, la parte del corpo che risulta maggiormente colpita è la testa; sono superiori a quaranta gli incidenti che hanno lesionato gamba o il tronco; seguono le ferite alla mani ed alle braccia; infine con valori sotto le dieci unità gli incidenti ai piedi. Si sono poi confrontati i dati dei danni del campione sviluppati in seguito a lacerazione per contatto con motosega con i dati francesi (Accidents du travail dans les entreprises forestières en 2003, Suva) (tabella 44). Campione Dati francesi 29,46 MANO 22,00 12,50 BRACCIO 9,00 31,25 GAMBA 26,00 7,14 PIEDE 15,00 12,50 TESTA 16,00 7,14 TRONCO DEL CORPO 12,00 100,00 100,00 Tabella 44 Confronto tra lesioni in seguito a lacerazione per dati campioni e dati francesi
Si evince che per entrambe le ricerche le parti maggiormente colpite e soggette a lacerazione risultano essere le mani e le gambe, con il 60% dei casi per la ricerca italiana e il 48% dei dati francesi; la testa si posiziona al terzo posto delle parti maggiormente lesionate con il 12,5% in Italia e ben il 16% in Francia, a dimostrazione che un corretto utilizzo dei DPI potrebbe diminuire sicuramente questo valore (Figura 51). Infine è stata messa in relazione la sede della lesione con il tipo di incidente, cioè se la causa dell''incidente è stato l''utilizzo diretto della motosega o se l''incidente è stato determinato indirettamente dalla motosega, ad esempio mentre l''incidentato usava la motosega è caduto dall''albero, è scivolato dalla scala, è rimasto folgorato perché l''albero ha tranciato i cavi della corrente, ecc. La motosega genera direttamente incidenti che colpiscono tutte le parti del corpo, con prevalenza di lesioni a danno di gambe e mani; è quindi significativo dedurre che l''utilizzo dei DPI, in particolare per la protezione di mani, gambe e testa, possano diminuire notevolmente il numero di incidenti e in tal senso la formazione potrebbe essere un ottimo alleato. 88 Figura 51 Parti del corpo colpite durante gli incidenti nelle imprese forestali francesi nel 2003 (Suva) Se infatti si considera i rischi derivanti dall''uso diretto della motosega e le possibili conseguenze si osserva che la casistica è molto trasversale: non solo l''organo di taglio ma anche il contatto con la marmitta o la possibilità di proiezioni di schegge, il rumore della macchina od il contatto con oli e combustibili per citarne alcuni come da tabella 45. Rischi per la sicurezza Possibili conseguenze Perdita di controllo Ferite lacere, fratture, emorragie Contraccolpo Ferite lacere, fratture, emorragie Urti con la catena tagliente durante
gli spostamenti Ferite lacere, tagli, fratture Rottura della catena Ferite lacere, fratture, emorragie Schiacciamento (incastro) della barra
della motosega nel taglio Ferite lacere e tagli, contusioni Contatto con la marmitta Ustioni Incendio Ustioni Proiezioni di schegge Ferite e lesioni al volto ed agli occhi Affilatura catena Ferite lacere e tagli Vibrazioni Danni al sistema vascolare, nervoso, osseo,
patologia del tipo osteoarticolare del rachide,
disturbi dell''equilibrio 89 Esposizione a gas di scarico
Esposizione a vapori e di carburanti e
contatto con carburanti
Esposizione ad oli Irritazioni, rischio incendio ed esplosioni, lesioni,
problemi alle vie respiratorie, cefalee, esplosioni,
azione cancerogena Posture incongrue Perdita dell''equilibrio, sforzo Rumore Otopatia da rumore, stress, ripercussioni sull''intero organismo, disagio, aumento della
pressione cardiaca e arteriosa, della sudorazione e
del tono muscolare, della secrezione gastrica Tabella 45 Rischi collegati all'uso diretto della motosega
Se invece si analizza gli incidenti indiretti invece si nota che la testa e il tronco sono le sedi esclusivamente lesionate, con un piccolo campione che colpisce le gambe. La spiegazione può essere ricercata nello schiacciamento dell''operaio in seguito a caduta di una pianta o di un ramo, o nella caduta da scale o da alberi durante la fase di potatura (figura 52). Durante questo tipo di incidenti la testa ed il tronco in primis e secondariamente le gambe, risultano essere le parti maggiormente colpite. Sede della lesione rapportata al tipo di incidente 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 6,00 7,00 0,00 1,00 2,00 Forma di accadimento Sede lesione 195 casi Figura 52 Sede della lesione rapportata al tipo di incidente
Se consideriamo i rischi, per esempio derivanti e legati all''interazione con la vegetazione durante e dopo l''abbattimento, è possibile individuare tra l''altro la caduta incontrollata dell''albero, il contatto della pianta con linee elettriche aeree, le frustate di rami, gli urti contro arbusti e rovi, per citarne alcuni evidenziati nella tabella 46. I rischi derivanti dalla vegetazione possibili conseguenze possono essere quindi così suddivisi: 90 Rischi Possibili conseguenze Caduta incontrollata dell''albero Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Caduta dell''albero e dei rami durante
l''abbattimento Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Rimbalzo dell''albero in caduta Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Rotolamento dell''albero Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Spaccatura longitudinale del tronco
durante il taglio Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Pianta rimasta appoggiata o trattenuta
dalla chioma di alberi vicini Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Investimenti all''interno della zona di
abbattimento e /o di pericolo Contusioni, fratture, ferite, lesione agli organi
interni Contatto delle pianta con linee elettriche
aeree Folgorazione Frustate di rami Ferite, contusioni, lesioni oculari Urti contro arbusti e rovi Ferite, contusioni Tabella 46 Rischi indiretti derivanti dalla vegetazione

Le possibili conseguenze sono per la maggior parte dei casi riassumibili in semplici contusioni ed aumentando la gravità dell''incidente possono causare fratture, ferite, per arrivare alla lesione degli organi interni con effetti spesso mortali. Figura 53 Analisi dei rischi diretti vs indiretti Rischi 'Caduta incontrollata dell''albero
'Caduta dell''albero e dei rami
durante l''abbattimento
'Rimbalzo dell''albero in caduta
'Rotolamento dell''albero
'Spaccatura longitudinale del tronco
durante il taglio
'Pianta rimasta appoggiata o
trattenuta dalla chioma di alberi
vicini 'Investimenti all''interno della zona
di abbattimento e /o di pericolo
'Contatto delle pianta con linee
elettriche aeree 'Frustate di rami 'Urti contro arbusti e rovi Fattori di rischio diretti Fattori di rischio indiretti e condizioni al contorno -Fattori Biotici
-Fattori Microclimatici
- Operazioni forestali, forestazione urbana,
gestione del verde 91 Confrontando i rischi diretti con i rischi indiretti e le condizione al contorno come i fattori biotici quali morsi/graffi di canidi e piccoli mammiferi, morso di vipere, puntura di zecche, puntura di insetti (api, vespe, ecc.), tetano o determinati da fattori climatici, quali basse e alte temperature, agenti meteorici (pioggia, neve, umidità), irraggiamento, fulmini, si evince come l''utilizzo della motosega necessiti di conoscenza e formazione che possono essere determinanti per la prevenzione dell''incidente. La difficoltà nel risalire a queste cause è determinata dal fatto che molto frequentemente tali incidenti o danni non sono associati direttamente all''attività con la motosega. In realtà, anche in Friuli si conta più di una persona, nello specifico boscaioli, punti da una zecca e che hanno dovuto sottoporsi a cure mediche. Questo è un altro esempi di come i rischi corsi da chi pratica attività in bosco, e quindi anche di chi utilizza il bosco, siano molto variegati e non sempre collegabili direttamente alla motosega. Tra i rischi collegati indirettamente all''utilizzo della motosega non vanno scordati quelli legati alla pendenza, all''accidentalità e agli ostacoli del terreno, in particolare cadute e scivolamenti, che molto spesso tornano alla ribalta negli articoli di cronaca (Cividino et altri, 2012). Questi rischi devono essere eliminati o, se non sussiste tale possibilità, almeno ridotti sia dotando la macchina degli opportuni requisiti di sicurezza previsti dalla normativa sia utilizzando l''equipaggiamento di protezione personale e sia svolgendo in modo corretto (cioè in ''sicurezza') le operazioni legate alle varie fasi di uso della macchina (Pirozzi et altri, 2003). 4.2. Valutazione economica dei dispositivi di protezione individuale Partendo dai prezzi individuati per ciascun DPI sono state calcolate le medie e quindi la spesa complessiva necessaria per l''acquisto di tutti i dispositivi; si è valutato inoltre di calcolare la spesa per l''acquisto dei DPI suddivise per tre distinte attività, rispettivamente: - per l''operatore che si reca in bosco per l''utilizzazione completa del bosco, quindi per il professionista boscaiolo; - per l''operatore che svolge solo l''operazione di abbattimento e sramatura di piante di piccolo diametro; - per l''hobbista che desidera depezzare legna. In questo modo si è voluto capire l''incidenza effettiva che ha il costo di ciascun DPI sul suo utilizzo (tabella 47). 92 TIPO DI DPI CODICE Guanti (') Casco (') Pantaloni (') Salopette (') Calzari/Ghette (') Manicotti (') Giacca (') Kit protezione (') Gambali (') Scarponi (') Cuffie (') Occhiali di protezione/ visiera (') a1 35,5 82 328 169 180 165 146 30,5 15 a2 34 46 112,71 39 123,54 182,06 8,5 a3 27,04 178,55 a4 115 a5 35,5 82 292 170,4 105 164 146 26,7 15,1 a6 a7 26 83 297,9 315,5 330 199 346,8 29,5 12 A8 34,8 A9 19,9 a10 99,5 139,15 25,02 a11 120,9 a12 120,9 a13 164,35 a14 164,25 a15 87 19,28 129 200 97 240 152 8,94 6,53 a16 100 a17 30 130,68 63,68 22,87 182,95 27,95 25,41 a18 a19 13,9 a20 177,99 39,2 7,62 a21 24,9 a22 20 Media 39,29 62,94 261,73 168,74 110,00 66,56 195,16 109,01 199,00 192,64 24,63 14,38 Tabella 47 Categorie, prezzi in euro e tipi di DPI
93 E'' stata svolta quindi una ricerca per capire la spesa per l''acquisto dei seguenti DPI (figura 54): - guanti - casco - pantaloni - salopette - calzari/ghette - manicotti - giacca - kit protezione, composto da elmetto, guanti e gambali - scarponi - cuffie - occhiali di protezione/visiera. Figura 54 Dispositivi di protezione (Suva) Dall''analisi emerge nella figura 55 che l''incidenza maggiore nella spesa è dovuta al costo dei pantaloni con una media di 254,00 euro; alto è anche il contributo in termini di costo portato da giacca, gambali e scarponi con valori superiori ai 190,00 euro. 94 Spesa media associata ai dispositivi ed abbigliamento di sicurezza 39,29 62,94 254,73 168,74 110,00 66,56 195,16 109,01 199,00 192,64 24,63 14,38 ' 0,00 ' 50,00 ' 100,00 ' 150,00 ' 200,00 ' 250,00 ' 300,00 G ua nt i Ca sc o Pa nt al on i Sa lo pe tt e Ca lz ar i/ Gh et te M an ic ot ti Gi ac ca Ki t p ro te zio ne G am ba li Sc ar po ni Cu ff ie O cc hi al i d i p ro te zi on e/ v isi er a Categoria analizzata Prezzo medio euro Figura 55 Costo medio dei DPI Sono stati poi analizzati, in figura 56, cinque dispositivi, casco, scarponi, salopette, guanti, giacca ed è stata studiata la variazione di prezzo di ciascun DPI in relazione alla ditta produttrice. Variazione prezzo/dpi per ditta produttrice ' 0,00 ' 50,00 ' 100,00 ' 150,00 ' 200,00 ' 250,00 ' 300,00 ' 350,00 ' 400,00 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 Guanti Salopette Giacca Scarponi Casco Figura 56 Relazione prezzo/azienda produttrice Prezzo Azienda 95 Mentre i guanti e il casco hanno valori compresi in una fascia inferiore a 100,00 euro, per gli altri tre DPI, giacca, salopette e scarponi, notiamo variazioni importanti con punte superiori ai 300,00 euro; già questo è un indicatore per capire quali siano i DPI che incidono in maniera pesante sul costo personale della sicurezza. Lo studio ha poi riguardato i DPI per tre diverse figure professionali: boscaiolo professionista; operatore forestale addetto solo all''abbattimento e sramatura di piante di piccolo diametro; hobbista che esegue taglio e deprezzamento con piccola motosega. E'' evidente che queste diverse figure necessitano di dispositivi di protezione individuali diversi a seconda del lavoro svolto e del possibile rischio. E'' stato inizialmente calcolato il costo complessivo per l''acquisto dei DPI idonei ai diversi tipi di lavoro. Il boscaiolo professionista, nella figura 57, risulta essere per la sua tipologia di lavoro il più soggetto al rischio. Esso infatti svolge tutte le mansioni ed i lavori tipiche dell''operaio forestale: abbattimento, sramatura, depezzamento, sezionatura, scorteccionatura ed allestimento, quindi incorre in tutti i rischi compreso quello della caduta dall''alto. I dispositivi che dovrebbe utilizzare sono i seguenti: - guanti; - salopette; - giacca; - scarponi; - casco con visiera ed otoprotettori. Figura 57 Costo dei DPI per l''operatore forestale completo, operatore professionale solo per taglio ed
abbattimento e non professionale per taglio e depezzatura
658,76 euro
Operatore per abbattimento e sramatura di piccole piante Operatore forestale 478,68 euro
Operatore per taglio e depezzatura 270,94 euro
96 La media complessiva del corso dei diversi DPI ammonta a 658,00 euro, sicuramente un valore importante che però va confrontato con il rischio a cui è quotidianamente sottoposto nel lavoro; è quindi un investimento sul futuro considerando che la lacerazione in seguito a contatto con motosega può determinare danni perenni in termini fisici ed economici. L''operatore forestale che svolge esclusivamente la fase di abbattimento e sramatura di piccole piante necessita utilizza come dispositivi di protezione individuali, guanti, salopette, scarponi, manicotto di protezione per le braccia, occhiali/visiera e cuffie; non necessitando della giacca, sostituita dai manicotti, ovviamente la spesa diminuisce e si attesta a 478,00 euro. Tale figura utilizza una motosega di piccole dimensioni e si limita a tagliare, ad esempio con l''operazione di gestione delle aree marginali e boscate, piccole piante a bordo campo, piante con diametro inferiore a 15 cm per cui essendo ridotto il rischio di caduta dall''alto non è necessario l''utilizzo del casco. Non è previsto inoltre il sollevamento della motosega ad una altezza superiore al bacino. Infine è stato analizzato l''hobbista che si limita a depezzare la legna con una piccola motosega; l''operazione compiuta con la motosega prevede esclusivamente un movimento di ondeggiamento; sono perciò sufficienti guanti, scarponi, occhiali/visiera e cuffia; non essendo necessaria la salopette antitaglio, la spesa cala notevolmente a 270,00 euro. Sicuramente un''analisi superficiale potrebbe portare a concludere che il costo per l''acquisto dei DPI anche per il singolo hobbista risulti essere molto alto e quindi potrebbe essere portato come giustificazione del suo non utilizzo durante la semplice operazione di depezzamento della legna da ardere. E'' sufficiente però pensare alla perdita di una falange per il mancato uso dei guanti con resistenza a lama da taglio o una scheggia che lede un occhio, per giustificare la seppur importante spesa. Infine è stato calcolata la percentuale d''incidenza di ciascun DPI nelle tre diverse figure: si evince chiaramente che gli scarponi, seppur con percentuali diverse, assumono una grossa incidenza nel costo complessivo della sicurezza, raggiungendo il 71% nell''operazione di sola de pezzatura. Interessante è osservare che i guanti con specifica protezione antitaglio, la cui incidenza percentuale di costo nelle prime due figure è inferiore al 10%, non siano comunque utilizzati; tale dato è confermato dalla figura 58, in cui si nota che anche per il professionista, la percentuale di incidenti che colpisce le mani è comunque elevata; si osserva che gli incidenti alle mani raggiungono il valore più alto per il non professionista, tale dato viene confermato anche dall''analisi dell''incidenza per l''operazione di sola depezzatura con un valore del 14,5%, il secondo in scala dopo gli scarponi. Tale incidenza risulta salire di molto 97 se consideriamo gli scarponi per l''operazione di abbattimento: invece, l''assenza di incidenti che colpiscono i piedi per il professionista può essere messo in relazione con l''incidenza di circa un quarto per l''operatore forestale. Nell''operaio forestale professionista si nota un''influenza molto simile per salopette, giacca e scarponi, con percentuali superiori al 25%: nel professionista e si nota che le gambe sono le parti maggiormente colpite, nonostante l''incidenza delle salopette si attesti attorno al 25%. Influenza in % di ogni DPIi sul costo totale per figura analizzata 5,96 8,2 14,5 25,61 35,25 29,63 29,24 40,24 71 9,55 8,14 3 5,3 5,14 9,09 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Operatore forestale Operatore non professionista per taglio ed abbattimento Operatore non professionista per attività di taglio e depezzatura Cuffie Occhiali/ visiera Manicotti di
protezione Casco con
otoprotettori Scarponi Giacca Salopette Guanti Figura 58 Influenza percentuale dei diversi dispositivi per ciascuna figura professionale 98 4.3. Azione di valutazione del rischio nei cantieri edili - forestali Le attività svolte nella totalità dei cantieri hanno ottenuto punteggi accettabili o appena sotto la sufficienza (vedi figura 59): in particolare l''installazione delle impalcature e dei casseri dei muri risultano essere le più deficitarie in termini di sicurezza. Figura 59 La valutazione delle attività svolte nei cantieri Analizzando le valutazioni delle attività per cantiere, come emerge dal grafico 60, si osserva come siano quattro i siti che hanno ottenuto punteggi nettamente insufficienti: c2 e c8 (la squadra di lavoro è stata la medesima), c7 e c11. Il punteggio negativo è attribuibile più alla componente umana che a fattori di tipo tecnico o ambientale. Figura 60 Valori medi delle attività per cantiere attività svolta 99 Dal grafico 61, che riporta la valutazione media per macchinario utilizzato nei vari cantieri, emerge che l''utilizzo della motocarriola determina il rischio più elevato: questo è dovuto principalmente all''errato utilizzo del mezzo spesso in sovraccarico, che, considerando le pendenze e la scivolosità del terreno, aumenta la probabilità di incidente. Nel caso dell''autocarro con gru con capacità di carico di 15 m 3, si è osservato un''eccessiva disinvoltura nella movimentazione dei carichi, con lavoratori troppo vicini al materiale in movimento. Discorso a parte merita il decespugliatore (potenza 0,73 kW) che è risultato essere utilizzato per troppo tempo consecutivo, fatto che comporta affaticamento del lavoratore e un calo dell''attenzione necessaria per effettuare la lavorazione con tale strumento. In relazione al mototrapano (potenza 0,70 kW) si è osservato che di frequente non venivano utilizzati i DPI, esponendo gli operai al contatto con materiale proiettato. Spesso nei cantieri si è verificata l''assenza dei libretti di uso e manutenzione dei macchinari che per legge dovrebbero essere presenti. Figura 61 Rischio connesso all''uso delle macchine e delle attrezzature presenti in cantiere In relazione al grafico 62 che incrocia i dati medi relative ai rischi connessi ai macchinari con i singoli cantieri, appare evidente come sia il c11 il cantiere più a rischio da questo punto di vista, ma la situazione è critica anche per i cantieri c1, c2, c7 e c8. Macchine e attrezzature utilizzate 100 Figura 62 Relazione tra la valutazione media delle macchine e degli attrezzi presenti e ogni singolo cantiere Osservando il grafico 63 si nota che i rischi o i fattori di rischio più frequenti, e al contempo più pericolosi, sono, in ordine decrescente di gravità: ' scivolamento;
' caduta;
' schiacciamento/ribaltamento;
' movimentazione carichi;
' proiezione materiale;
' contatto con parti mobile. Figura 63 Rischi presenti nei cantieri e relativa valutazione media Rischi 101 Nel grafico 64 invece si può analizzare per ogni rischio l''indice di gravità; confrontando tra loro i dati ottenuti i rischi maggiori rimangono sempre gli stessi. Discorso a parte merita il rischio biologico diviso per tipologie di animali quali zecche, vipere e insetti, aggregato nel grafico in un''unica voce. Seppure la frequenza sia relativamente bassa è bene considerare l''eventualità di un incidente dovuto a questi fattori di rischio, viste le conseguenze che possono causare le punture di zecche, i morsi di vipera o le punture di insetti in vari casi di allergia. Figura 64 Valutazione media del rischio per ogni cantiere Il grafico 65 mette in luce come nella gestione della sicurezza ci sia un''insufficiente organizzazione degli spazi, che spesso risultano limitati e angusti, ma pone anche l''accento sul non rispetto delle corrette procedure, ovvero una sbagliata applicazione pratica degli aspetti formali: ciò significa come il problema della sicurezza e le soluzioni che il legislatore ha imposto vengano viste e vissute dai lavoratori del Servizio come coercizioni di tipo burocratico e che non vi sia la consapevolezza che determinate pratiche tendano a diminuire oggettivamente il rischio per i lavoratori stessi. Se ne può dedurre che non vi sia un''adeguata percezione dei pericoli, e che occorra quindi studiare metodi per sensibilizzare coloro che operano in un settore tanto pericoloso. 102 Figura 65 Valori medi delle componenti della gestione della sicurezza Analizzando il grafico 66 relativo alla gestione della sicurezza in ogni singolo cantiere, si osserva come nei cantieri c2 e c3 la situazione sia negativa e che nei cantieri c7, c8 e c11 la situazione sia ancora peggiore. Risultati di questo tipo non possono che essere dovuti alla componente umana, in particolar modo al preposto di ogni sito (il caposquadra) che probabilmente sottovaluta l''importanza della sicurezza nel lavoro o che forse non è capace di gestire un ruolo tanto delicato; inoltre, parte della responsabilità, può essere dovuta alla mancata formazione o ad uno scarso controllo dei lavori in fase esecutiva da parte dei responsabili. Figura 66 Gestione complessiva della sicurezza in ogni singolo cantiere Componenti della gestione della sicurezza 103 Al fine di poter risolvere in maniera puntuale le criticità emerse nella fase analitica è stato proposto un sistema di gestione, ossia un insieme di procedure applicative e formali in maniera da rendere standardizzabili, efficienti ed efficaci le misure di controllo del rischio. In base ai risultati emersi il modello gestionale ha l''obiettivo di comprendere e garantire: 1) lo sviluppo di una manualistica operativa per i lavoratori in maniera tale che possano controllare e verificare all''occorrenza e in maniera istantanea i rischi associati ad una determinata attività. Inoltre il manuale dovrà fungere da supporto per i corsi di formazione che avranno come destinatari i lavoratori; 2) una riorganizzazione interna del servizio: lo scambio di informazioni tra il personale e gli approfondimenti relativi alla sicurezza sono fondamentali per l''abbattimento del rischio in quanto la normativa vigente determina un ruolo paritetico per tutte le figure lavorative presenti nel contesto. La riorganizzazione del servizio dovrà favorire una collaborazione proficua e costruttiva tra i dirigenti, impiegati, tecnici e operai; il ruolo centrale e di coordinamento del sistema ricadrà sul Servizio Protezione e Prevenzione; 3) la sensibilizzazione del personale: in base ad una ricerca effettuata sul personale stesso del Servizio è emersa una discrasia tra il rischio reale e il rischio percepito e questo indica come occorra intervenire per formare una corretta coscienza della sicurezza; 4) la verifica e il controllo sui luoghi di lavoro: è fondamentale che personale qualificato ispezioni con regolarità i cantieri in maniera da garantire che le procedure vengano applicate correttamente e per correggere eventuali comportamenti non regolari; 5) la scelta DPI: ogni lavoratore, per lo svolgimento della sua attività, deve essere munito dei DPI specifici che saranno schedati e valutati in un''apposita scheda; in questo modo sarà possibile determinare il grado di usura e di confort dei dispositivi protettivi personali e conseguentemente anche se il DPI è da considerarsi ancora valido o se sia il caso di sostituirlo; 6) un sistema di manutenzione delle attrezzature: l''informatizzazione, eseguibile con la costruzione di un database, consente un controllo rapido ed efficiente dello stato in cui si trova un''attrezzatura o un macchinario; 7) un database dei lavoratori: allo scopo di poter raggruppare i dati antropometrici dei lavoratori e le caratteristiche legate alla loro attività, i DPI dati in dotazione, indicando eventuali richiami o specificità può aiutare a gestire il personale, a individuare le carenze, organizzare i ruoli e corsi di formazione specifici. 104 E'' stato quindi realizzato un manuale rivolto agli operatori con un basso grado di scolarizzazione e pertanto con aree informative supportate da immagini, illustrazioni, fotografie. Fondamentalmente il manuale sarà costituito da due macroaree principali: a.sezione relativa alla normativa; b.sezione relativa ai rischi specifici nel settore edile/forestale comprendente: - movimentazione manuale dei carichi; - proiezione materiale; - caduta; - rischio biologico (zecche, vipere, insetti, ecc.); - scivolamento; - schiacciamento/ribaltamento; - l''uso in sicurezza delle macchine da cantiere; - l''uso in sicurezza delle attrezzature per l''esbosco (motosega, ecc.); - come organizzare la gestione delle emergenze; - il pronto soccorso; - il rumore; - le vibrazioni; - il rischio chimico. All''interno della sezione dedicata alla normativa c''è l''intenzione di descrivere i soggetti imputati al controllo della sicurezza e le loro responsabilità oggettive in termini civili e penali. In particolar modo è necessario creare una schematizzazione della legislazione vigente in modo tale da focalizzare l''attenzione dell''utenza sulle parti di maggiore interesse per i lavoratori del Servizio. La struttura di questo primo capitolo del manuale dovrà riportare: le figure previste dalla normativa: RSPP, RSL, RSU, datore di lavoro, direttore dei lavori, lavoratori; i ruoli operativi che hanno le figure responsabili della sicurezza; le sanzioni in caso di non rispetto delle norme previste. Inoltre è opportuno creare un quadro generale di tutta la normativa relativa alla sicurezza, facendo anche dei riferimenti ai principi ispiratori che hanno determinato l''evoluzione delle leggi, in maniera tale da sviluppare uno spirito critico nelle coscienze dei lavoratori. 105 Per quanto riguarda gli aspetti operativi, il presente studio ha portato all''individuazione di una serie di criticità come potenziali fonti di pericolo per la salute e l''incolumità dei dipendenti del Servizio. Nei documenti di valutazione del Servizio, i rischi sono stati effettivamente individuati e per ognuno di questi c''è un rimando alla relativa scheda di analisi. Questo è un esempio di applicazione degli aspetti formali; al contempo i risultati delle ispezioni nei cantieri indicano che, anche se la documentazione elaborata dal Servizio analizza dettagliatamente ogni rischio, esiste comunque un''effettiva carenza di sicurezza. ' quindi possibile affermare che la documentazione è efficiente, ma poco efficace. Per questo motivo il manuale deve essere molto schematico e di immediata comprensione, il lavoratore deve immediatamente capire quello che deve e non deve fare nell''utilizzare una macchina o nell''effettuare una qualsiasi altra attività. Si ritiene, perciò, opportuno costruire una serie di schede, come evidenziato in figura 67 e 68, relative ai singoli fattori di rischio dove riportare: 1) una descrizione generale dell''attività; 2) i rischi associati; 3) i DPI da utilizzare durante l''attività; 4) le misure di prevenzione e protezione; 5) il kit di sicurezza; 6) la tempistica da rispettare durante l''attività; 7) la gestione di eventuali emergenze; 8) la segnalazione di anomalie. Un buon sistema di gestione prevede un rapporto costante e diretto con i lavoratori, infatti, si ritiene che per aiutare l''instaurarsi di relazioni favorevoli tra i lavoratori, sia a livello esecutivo sia a livello progettuale, si debba organizzare e pianificare degli incontri nei quali sia possibile approfondire tematiche relative ai rischi durante il lavoro e lasciare spazio all''interazione tra gli operai, i preposti e i responsabili, in maniera da sviscerare dubbi e problematiche inerenti alla sicurezza. Esiste, quindi, l''ipotesi di organizzare degli incontri a cadenza non rigidamente fissa, ma comunque con una certa regolarità pari a circa due volte al mese. I temi dovranno essere individuati dando la priorità a quelle attività rischiose che hanno portato al maggior numero di infortuni o nelle quali si sono riscontrati comportamenti sbagliati e potenzialmente fonti di pericolo. 106 Figura 67 Fronte della scheda di utilizzo in sicurezza della motosega Figura 68 Retro della scheda di utilizzo in sicurezza della motosega L''organizzazione interna, per quel che concerne la sicurezza, deve ruotare attorno alle figure che compongono il Servizio Protezione e Prevenzione. Queste devono essere il collegamento tra i ruoli dirigenziali o comunque di responsabilità, e la base dei lavoratori. La figura 69 107 schematizza i ruoli e i rapporti che devono intercorrere all''interno della struttura lavorativa e dove deve risultare che: 1) quando si tratta di sicurezza tutte le varie personalità, dal datore di lavoro fino agli operai non specializzati, concorrono in egual misura all''abbattimento del rischio; 2) la figura del Rappresentante Sindacale dei Lavoratori deve essere di coordinamento tra i lavoratori e i preposti, e in questo caso lo scambio di informazioni sarà a doppio senso; 3) la figura centrale e che fungerà da guida sarà quella del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP). Egli impartirà le disposizioni della normativa ai ruoli dirigenziali (datore di lavoro, direttore e assistente dei Lavori e preposti), informandoli sulle loro responsabilità e quindi di come devono comportarsi in materia di sicurezza. Inoltre dovrà collaborare con loro in fase di progettazione e dovrà svolgere ruolo di consulenza al datore di lavoro. Al contempo dovrà instaurare un ''dialogo' con il RSL e con i lavoratori stessi, al fine di raccogliere gli elementi di criticità eventualmente non colti dalla pianificazione progettuale della gestione della sicurezza. Figura 69 Organizzazione interna del Servizio in relazione alla sicurezza 108 Conseguentemente dovrà essere presente il più possibile durante l''esecuzione delle attività e convocare, di concerto con gli interessati, incontri con i lavoratori e i loro rappresentanti per massimizzare gli sforzi in atto per tutelare la salute di chi opera nel contesto forestale. Dalle ispezioni condotte nei cantieri è apparso che i lavoratori spesso non percepiscono la pericolosità del contesto lavorativo in cui operano e che occorre la responsabilizzazione degli stessi. Questo risultato si può ottenere con una formazione relativa alla legislazione in tema di sicurezza, facendo presenti le possibili sanzioni, ma pare chiaro che è necessario incrementare il controllo e la verifica sul campo da parte di addetti specializzati. Nel confronto con l''insita insicurezza di questi ambienti di lavoro appaiono chiare due modalità di intervento: preventiva; punitiva. Ma è anche palese che le punizioni avvengono dopo che l''evento negativo si è manifestato e nei casi peggiori dopo che è avvenuto l''infortunio. ' chiaro che le lettere di richiamo, le sanzioni e altre azioni drastiche come il licenziamento appartengono alla ''modalità punitiva', ed è provato che hanno una certa valenza e un certo effetto sui lavoratori. Quindi risulta di assoluta importanza l''intervento a priori e preventivo consistente in formazione e informazione. Ma può presentarsi, peraltro, la situazione in cui anche questo tipo di azione risulti insufficiente a sradicare comportamenti errati dovuti magari ad una sottovalutazione del pericolo, ad una non buona percezione del rischio o a una cattiva abitudine consolidata nel tempo e dalla pratica. Ogni attività lavorativa effettuata nei cantieri oggetto di studio richiede dei Dispositivi di Protezione Individuale che possono essere specifici o generali. Quindi ogni operaio, in base alla propria mansione e alle proprie qualifiche ha in dotazione dei DPI. Inoltre è possibile collegare a questa ''scheda anagrafica'' dei DPI anche una valutazione del grado di efficienza, efficacia, pulizia e stato del DPI stesso in modo da poter giustificare eventuali richieste di sostituzione anticipata. All''interno del Servizio si è riscontrata la carenza di un sistema omogeneo di organizzazione e pianificazione relativo all''uso e alla manutenzione/sostituzione dei DPI. Per questo motivo si ritiene di dover costruire un sistema di gestione dei dispositivi di protezione (vedi tabella 48) che possa offrire al SPP la possibilità di controllare con estrema 109 facilità, per ogni operaio e in base alla sua mansione, di quali DPI è munito, quando gli sono stati consegnati, la durata specifica dei dispositivi (generalmente indicata dal costruttore) e se sono stati effettuati i controlli periodici. Check periodico Mansioni e profilo operativo DPI in dotazione Data di consegna Durata DPI 6 mesi 12 mesi 18 mesi Efficienza Efficacia Pulizia Stato Scarpe 2 anni Guanti 5 giorni- 6 mesi Motoseghista X Y Casco 3-5 anni Tuta 1 anno Mascherine filtri 5 giorni- 1 anno Visiera 1-2 anni Squadra Z Imbragature e funi Tabella 48 Scheda per la gestione dei DPI

Il presente studio ha portato in evidenza che all''interno di un cantiere del Servizio sono presenti e utilizzati numerosi macchinari e attrezzi. Questo elaborato ha, peraltro, portato alla luce la presenza di mancanze relative alle apparecchiature. SISTEMA DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE: Manutenzione Attrezzo Chi controlla Entrata - uscita Ordinaria Straordinaria Affidato a: Data: Data: quadra: Operazione: Sostituzione: Scheda di riferimento uso in sicurezza macchina Libretto d'uso e manutenzione consegnato a: DPI associati Tabella 49 Scheda per l''organizzazione della manutenzione dei macchinari, 110 Per questo motivo si ritiene che possa essere un valido coadiuvante della sicurezza l''implementazione di un sistema di manutenzione delle macchine e delle attrezzature (vedi tabella 49) che permetta al SPP di verificare in tempi brevi, in relazione ad un macchinario generico, a quale lavoratore e a quale squadra è stato affidato, il deposito di provenienza, il controllore che ha certificato la regolarità della macchina, i dati relativi alla manutenzione ordinaria e straordinaria, la scheda di riferimento con le specifiche sull''uso in sicurezza della macchina stessa, la persona a cui è stato consegnato il libretto di uso e manutenzione e che è responsabile della sua presenza in cantiere e i DPI associati all''utilizzo della macchina stessa. La gestione della sicurezza non può prescindere dalla conoscenza dei soggetti che operano all''interno dei cantieri. In particolar modo, la possibilità di raccogliere le informazioni utili, poterle confrontare e essere in grado di gestirle con facilità potrebbe essere un catalizzatore indiretto di una corretta gestione della sicurezza. Conseguentemente si ritiene che la creazione di un database, organizzato secondo una determinata struttura, possa essere di aiuto al SPP. Nella tabella 50 è riportata, a scopo esemplificativo, una scheda del database con i dati relativi ad un lavoratore generico del Servizio. La scheda è divisa in 2 sezioni che saranno compilate da organi diversi. La prima parte sarà compilata dall''Ufficio Personale di concerto con il SPP previo colloquio con il lavoratore e riguarda i seguenti punti: 1. la mansione e il profilo operativo del lavoratore a cui si riferisce la scheda; 2. i dati antropometrici personali, in maniera tale che, per esempio, in caso di richiesta di nuovi DPI, si possa immediatamente conoscere la taglia del lavoratore, evitando perdite di tempo nella comunicazione dei dati tra il personale addetto, e rifornire lo stesso del DPI richiesto nel minor tempo possibile; 3. l''esposizione ai rischi specifici a cui è esposto il lavoratore; 4. la formazione specifica in tema di sicurezza che l''operaio ha ricevuto; 5. i DPI ricevuti in consegna; 6. le eventuali abilitazioni speciali che il lavoratore ha conseguito; 7. le eventuali note del Datore di Lavoro o del SPP; 8. le eventuali lettere di richiamo o ammonimento in relazione a comportamenti non corretti nell''ambito della sicurezza. La seconda parte sarà compilata dal Medico Competente e dal Servizio Sorveglianza Sanitaria è riguarda: le prescrizioni del medico competente in relazione alle attività che il lavoratore deve e non deve fare; 111 i dati relativi alle vaccinazioni e ai richiami che il lavoratore ha effettuato o deve effettuare. A completamento del database verranno inseriti anche le schede con i dati relativi alla gestione delle attrezzature e dei DPI di cui è stato scritto nei paragrafi precedenti a questo. Database e sistema di gestione sicurezza Mansioni e profilo operativo Prescrizioni del medico competente limitazioni peso-determinate attività Scheda personale Indicazioni - vaccinazioni date prima vaccinazione e date dei richiami a visite mediche (zecche) Formazioni in materia di sicurezza Dati antropometrici Corsi seguiti Esposizione a rischi specifici Dpi in dotazione data sostituzione Abilitazioni speciali Patenti, brevetti, addestramenti Eventuali disposizioni Datore di lavoro e SPP Richiami e sanzioni Tabella 50 Scheda del database dei lavoratori 4.4. Identificazione ed analisi dei sistemi innovativi di protezione attiva 4.4.1. Sistema TrioBrake' Husquarna TrioBrake' è un sistema di sicurezza delle motoseghe Husqvarna che permette di attivare il freno a catena in un terzo modo '' con il polso destro '' oltre ai due modi tradizionali, cioè con il polso sinistro e per mezzo della funzione inerziale. TrioBrake' può assicurare una maggiore protezione extra installata sulla motosega nei casi in cui un freno catena ordinario non è in grado di offrire una protezione adeguata, ad esempio in caso di contraccolpo durante la sramatura di un albero oppure di caduta e pericolo di lesioni (figura 70). 112 Figura 70 Sistema TrioBrake' Il sistema si attiva anche quando l''operatore inciampa su un ramo o una pietra. In alcune situazioni, il freno può essere attivato automaticamente dalla mano destra o sinistra del gestore, TrioBrake migliora la sicurezza sul lavoro e consente di ridurre al minimo lo sforzo dell'utente. Figura 71 Sistema TrioBrake' TrioBrake' contribuisce anche a lavorare in modo più comodo, sicuro ed ergonomico. La protezione sull''impugnatura posteriore porta a piegare le ginocchia anziché la schiena durante il taglio a croce. Inoltre, TrioBrake' si attiva qualora la motosega sia utilizzata erroneamente al di sopra dell''altezza delle spalle, ad es, durante la sramatura. Infine, TrioBrake' facilita l''inserimento del freno catena all''avviamento ed in movimento. Impedisce di utilizzare la motosega in maniera pericolosa o scorretta, evitando di causare stress a schiena e braccia dell''utilizzatore. 4.4.2. Sistema motosega intelligente INAIL Angel Inside ed è un dispositivo di protezione attiva che permetterà di migliorare considerevolmente la sicurezza delle motoseghe portatili e, quindi, di contribuire a i ridurre il numero degli infortuni da taglio. Tale dispositivo sfrutta le variazioni di capacità elettrica (rilevate da un sensore posizionato all`interno della macchina) tra l''operatore e la larva della motosega, secondo il principio in base al quale ad un aumento della capacità corrisponde una diminuzione della distanza. Angel Inside si attiva nel momento in cui l`utilizzatore, dopo avere messo in funzione la macchina, entra in connessione elettrica con il contatto posizionato sull`impugnatura mentre un secondo contatto, collocato sulla lama, "chiude" il sistema. 113 All`avviamento della motosega il sensore di capacità determina un valore di soglia (in funzione della distanza tra l''operatore e la lama) al di sotto del quale viene attivato il blocco della macchina. La soglia di scatto può essere regolata dall`operatore tenendo conto delle differenti condizioni di lavoro, senza cioè incorrere in falsi allarmi che potrebbero rendere più gravosi gli interventi sul verde. Collegando ad un circuito elettrico sia la lama della motosega che il vestiario dell'operatore, intessuto con una maglia di rame molto leggera, si ottiene un effetto cosiddetto "capacitivo". I due oggetti metallici si comportano cioè come le due armature di un condensatore: un ben noto componente elettronico. Più questi due oggetti si avvicinano, più aumenta la capacità elettrica del sistema. Quando questa supera una certa soglia, il motore della motosega viene bloccato (figura 72). Figura 72 Angel Inside Si tratta di un sistema antinfortunistico di protezione attiva da incidenti per uso di motoseghe applicato ad un utensile in movimento. L''innovatività della soluzione consiste nel fatto di aver superato (in termini di sicurezza) tutti i sistemi attuali, che garantiscono una pura protezione passiva, basata sulla limitazione dei danni che provengono dal contatto accidentale tra la persona e gli organi in movimento: di fatto, una specie di armatura. Questi sistemi infatti non garantiscono un adeguato livello di sicurezza quando il contatto è generato da lame o ruote taglienti in velocissimo movimento. L''approccio attivo si basa sulla costruzione di un sistema di bloccaggio automatico. L''automatismo è ottenuto misurando la differenza di capacità che si genera tra la lama e l''indumento protettivo ed inviando un corrispondente segnale di blocco al motore dell''utensile. Il sistema è applicabile anche ad altri utensili, come i coltelli elettrici usati nell'industria alimentare, ed ha un costo unitario nell'ordine dei 3 euro. 114 4.5. Progettazione e realizzazione di un sistema intelligente attivo su una motosega ChainGuard è un sistema di sicurezza per motoseghe e altri utensili manuali con parti taglienti (come decespugliatori e sramatori) proposta dall''Università di Udine, che consente di ridurre i sinistri che si verificano durante l'utilizzo. ChainGuard è in grado di analizzare in tempo reale i movimenti dello strumento sul quale è installato, distinguendo le situazioni di potenziale pericolo - caduta dello strumento, rinculo, scivolamento (figura 73) e bloccando istantaneamente le parti taglienti in movimento, riducendo così il numero e l'entità degli infortuni. Il suo costo è estremamente contenuto, particolare che lo rende quindi applicabile anche ad attrezzi ad uso hobbistico. Figura 73 Kickback in seguito a taglio di punta Su una motosega elettrica sono stati installati dei sensori per la rilevazione del movimento. I dati raccolti identificano le varie accelerazioni, lineari ed angolari. I segnali ricevuti dai sensori vengono poi filtrati in modo da ridurre le vibrazioni della motosega ed elaborati tramite un algoritmo proprietario in grado di discernere i movimenti naturali da quelli improvvisi e potenzialmente pericolosi. Se viene rilevata una situazione di pericolo, quali accelerazioni brusche ed improvvise, contraccolpi, caduta della macchina, caduta dell''operatore, viene dato un segnale d'allarme e viene bloccata la catena della motosega a tutto vantaggio della sicurezza dell'operatore (figura 74). La realizzazione del dispositivo ha previsto l''utilizzo di una motosega, per provare sperimentalmente quanto realizzato, di due accelerometri e due giroscopi situati in essa. 115 Figura 74 Funzionamento del dispositivo
Il sistema Motosega - Telecomando Per realizzare ciò è stato utilizzato un telecomando specifico (figura 75), ed è stato posizionato sopra la motosega in modo da raccoglierne tutti i movimenti possibili che un operatore potrebbe compiere. Figura 75 Motosega-Telecomando Costruzione e validazione del sistema di allarme A livello operativo la fase propedeutica all'implementazione dell'algoritmo è stata la simulazione di situazioni di rischio rilevante nell'utilizzo della motosega. La spiegazione dell'algoritmo riguardante il sistema di sicurezza di una motosega, considerando come dati di ingresso le accelerazioni lineari e angolari della motosega in movimento, rilevabili attraverso due accelerometri e due giroscopi situati in essa, per motivi di brevetto non può essere reso noto. 116 Il sistema di bloccaggio Individuato l'algoritmo che analizzava le situazioni di pericolo, è emersa la necessità di realizzare anche il sistema di bloccaggio della catena, per arrestare la motosega: l''idea è stata di implementare un sistema di bloccaggio immediato della catena; si sono ipotizzate per questa fase di lavoro due tipologie d'azioni differenti in base al tipo di macchina utilizzata (elettroseghe e motoseghe). L'opzione di intervenire sull'alimentazione della macchina è stata scartata per entrambe le macchine sin dalle prime fasi sperimentali, dal momento che questa modalità non permette il blocco immediato della lama (real-time) e perché la lama per inerzia continua girare pur essendo interrotta l'alimentazione. Sistema di bloccaggio per elettroseghe Le elettroseghe non sono dotate di freno catena (figura 76), e l'azione di blocco immediato avviene a livello di acceleratore. Nel prototipo realizzato, il sistema d'allarme implementato nell'algoritmo andrà ad agire sul potenziometro, bloccandolo e determinando un arresto immediato della lama (azione che attualmente avviene immediatamente rilasciando i grilletti dell'acceleratore e della sicurezza ''doppia azione'). Figura 76 Blocco Catena (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin)

Sistema di bloccaggio per motoseghe Sulle motoseghe attualmente in commercio è presente un sistema di bloccaggio rapido della catena, che entra in funzione solamente a seguito dell'azione volontaria dell'operatore o a 117 seguito di un forte urto della macchina che provocherebbe un movimento automatico della mano dell'operatore, con conseguente inserimento del sistema freno (figura 77). Nel prototipo realizzato il sistema di bloccaggio è integrato nel freno catena già esistente. La novità riguarda l'inserimento di un pistone che a seguito del segnale di allarme, con un azione di tipo meccanico, va ad azionare il freno. Figura 77 Funzionamento del blocco-catena L'implementazione dell'algoritmo ha avuto come fase propedeutica la simulazione di situazioni di rischio rilevati nell'utilizzo della motosega. Sono stati simulati e misurati i dati di accelerazione delle seguenti azioni, che rappresentano le cause più frequenti di incidente: ' scivolamento dell'operatore;
' caduta dell'operatore;
' caduta della macchina;
' kick back : colpo di rimbalzo della motosega;
' movimento improvviso ed innaturale dell'attrezzatura verso il corpo dell'operatore. Nella fase successiva è stata eseguita l'elaborazione dei dati da parte dell'algoritmo costruito. In figura 78 viene riportato il processo logico del protocollo sperimentale. 118 Figura 78 Flusso di Progetto (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Simulazioni di taglio Sono state quindi eseguite diverse prove di taglio, utilizzando legno di diverse diametri e di diversa durezza e tagliando con diverse parti della lama della motosega, in modo da analizzare i cambiamenti bruschi delle accelerazioni lineari e angolari. Per ogni sessione di taglio vengono visualizzati dei grafici che rappresentano i diversi valori delle accelerazioni, letti dal telecomando posto sulla motosega. 1° Tipo: Taglio di una canna di piccole dimensioni La prima sessione di taglio ha previsto l''utilizzo di un legno morbido, di piccole dimensioni (diametro 4 cm), facile da tagliare. I 29 tagli (individuabili dalle oscillazioni nei tre assi), sono abbastanza uniformi, avendo un'accelerazione lineare di coordinata z che non supera le 700 unità, come si può vedere del grafico successivo. Figura 79 1° tipologia di taglio: accelerazioni lineari (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin)
Le accelerazioni angolari, sono abbastanza uniformi, con un'accelerazione lungo l'asse x più elevata, ma che comunque deve essere minore della soglia d'allarme. 119 Figura 80 1° tipologia di taglio: accelerazioni angolari (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin)
2° Tipo: Taglio di legno tenero Nella seconda sessione di taglio è stato usato un legno di medie dimensioni (5,8 cm x 3,3 cm x 4 cm), più robusto del precedente, ma comunque sempre facile da tagliare. I 16 tagli hanno avuto una durata maggiore, ma hanno comunque mantenuto accelerazioni lineari abbastanza uniformi come i tagli del 1° tipo. Figura 81 2° tipologia di taglio: accelerazioni lineari (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Lo stessa risposta si è osservata per le accelerazioni angolari: si hanno sempre accelerazioni lungo l'asse x maggiore rispetto a quelle degli altri assi, ma comunque uniformi, che non superano le 1250 unità. La maggiore robustezza del tipo di legno determina un aumento nella difficoltà del taglio e quindi le accelerazioni angolari sono più elevate, ma sempre in condizioni di non allarme. Figura 82 2° tipologia di taglio: accelerazioni angolari (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) 3° Tipo: Taglio di legno duro In questa sessione di taglio è stato usato un legno ancora più duro e di dimensioni maggiori rispetto al precedente (figura 83). 120 Figura 83 3° tipologia di taglio: accelerazioni lineari (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Nei 10 tagli effettuati, oltre ad avere durata maggiore perchè il tempo di taglio aumenta in proporzione allo spessore e alla robustezza del legno, i tagli hanno anche accelerazioni lineari leggermente più elevate delle precedenti. Figura 84 3° tipologia di taglio: accelerazioni angolari (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin)
Ma non rappresentano i casi in cui la motosega deve segnalare il pericolo, arrestandosi. La situazione non cambia per le accelerazioni angolari. 4° Tipo: Taglio a rischio di allarme Sono quindi state analizzate le 3 tipologie di tagli a rischio di allarme. Nella prima sessione di taglio, evidenziati nella figura 85, le accelerazioni angolari dell'asse z, vanno oltre le 700 unità. Per questa prova è stata utilizzata la tipologia di legno usata nei tagli del 2° tipo (dimensioni 5,8 cm x 3,3 cm x 4 cm). In questi tagli in cui le oscillazioni sono maggiori, e quindi a rischio di allarme, perchè il taglio è stato fatto con la parte superiore della lama, quindi tagliando dal basso verso l'altro, le accelerazioni lineari dell'asse y sono ridotte, in quanto il movimento lungo quest'asse è più difficile da compiere. Aumentano invece le accelerazioni angolari dell'asse x, a causa dell'instabilità del legno durante il taglio. La motosega anche in questo caso non deve segnalare comunque il pericolo, in quanto non sono state compiute azioni a rischio. 121 Figura 85 4° tipologia di taglio: accelerazioni lineari - "taglio da sopra" (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Le accelerazioni angolari si mantengano relativamente basse, anche rispetto agli altri casi. Figura 86 4° tipologia di taglio: accelerazioni angolari '' ''taglio da sopra' (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Nella seconda sessione di tagli a rischio di allarme le oscillazioni sono elevate solamente lungo l'asse z; si tratta della stessa tipologia di taglio precedente, solo che in questo caso il rischio è ridotto, in quanto il legno è ben fissato al tavolo di lavoro e non crea problemi di oscillazioni. Figura 87 4° tipologia di taglio: accelerazioni lineari '' ''taglio da sopra con legno (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Le accelerazioni angolari, come si osserva dalla figura seguente, sono sempre molto ridotte. 122 Figura 88 4° tipologia di taglio: accelerazioni angolari '' ''taglio da sopra con legno (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) L''ultima sessione di taglio ha previsto tagli eseguiti con la parte della motosega molto vicina alla punta; questa modalità è quella più vicina ad un rischio d'allarme, in quanto i tagli di punta sono pericolosi perché determinano contraccolpi. Analizzando questi due tagli, si può notare che non ci sono accelerazioni lineari elevate lungo gli assi z e y, che sono quelli che fino ad ora avrebbero potuto dare problemi. Figura 89 4° tipologia di taglio: accelerazioni lineari '' ''taglio di punta' (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Se invece si analizzano le accelerazioni lungo l'asse x, si può osservare che aumentano notevolmente, a causa dell'instabilità dovuta a questa tipologia di taglio, che crea vibrazioni laterali della lama. Anche in questo caso comunque non ci dovrebbero essere segnali d'allarme. Se si dovesse fare un reale taglio di punta le oscillazioni delle accelerazioni sarebbero maggiori. Figura 90 4° tipologia di taglio: accelerazioni lineari - "taglio di punta"- asse x (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) 123 Per quanto concerne le accelerazioni angolari esse non danno problemi, in quanto comprese nell'intervallo individuato dai tagli precedenti, in cui non doveva esserci pericolo d'allarme (figura 91). Figura 91 4° tipologia di taglio: accelerazioni angolari '' ''taglio di punta' (Fonte Tesi di laurea Jessica Pighin) Taratura dei parametri L'algoritmo realizzato riconosce i tagli pericolosi però, per ottimizzare i segnali d'allarme, bisogna tarare dei parametri in modo che il dispositivo non sia nè troppo sensibile e neanche troppo poco sensibile ai movimenti. I parametri da tarare sono: - frequenza di taglio lineare: fTSlin; - frequenza di taglio angolare: fTSang; - soglia lineare: soglialin; - soglia angolare: sogliaang; - soglia di caduta: soglia caduta. Vengono qui di seguito alcuni valori dati ai parametri nelle prove più delicate; in particolare ci si riferisce al taglio delle legna più spesse e ai tagli a rischio di allarme; le prove sono state eseguite separatamente per le accelerazioni angolari e lineari. 1° Prova: Taglio di legno duro In questa prima taratura dei parametri, viene considerato il taglio di legno duro. Sono stati effettuati dieci tagli. I dati raccolti dal telecomando, che campiona con una frequenza di 100 Hz, sono stati schedulati, variando le possibili frequenze e soglie, lineari ed angolari. In figura 92 vengono quindi riportate 9 possibili combinazioni, sia per le accelerazioni lineari che per quelle angolari, con il rispettivo numero di errori che vengono segnalati (da 0 a >50). Come già detto in precedenza questi tagli non devono dare segnali d'allarme quindi bisogna considerare solo quelle combinazioni in cui il numero di errori è pari a zero. 124 Figura 92 Frequenze di taglio e soglie: ''taglio legna dure'
I parametri, nello stesso tempo, non devono neanche essere troppo elevati in modo da far passare anche accelerazioni a rischio d'allarme. Per fare ciò bisogna considerare anche le prossime combinazioni dei tagli a rischio d'allarme e poi trarre una conclusione. 2° Prova: Taglio a rischio di allarme In figura 93, vengono riportate le combinazioni di tagli, in cui c'è parecchia instabilità. Si tratta infatti di tagli fatti con la parte superiore della lama, cioè dal basso verso l'alto, in modo da simulare una situazione estrema in cui non deve esserci nessun segnale d'allarme. Vengono considerate, quindi, solamente le combinazioni di tagli il cui numero d'errori è pari a zero. Figura 93 Frequenze di taglio e soglie: ''Taglio da sopra con legno fissato'
3° Prova: Taglio a rischio di allarme Queste ultime combinazioni di parametri si riferiscono a 2 tagli effettuati con la parte della lama vicina alla punta, quindi tagli molto instabili. Si considerano quindi, sempre le combinazioni che danno zero allarmi, figura 94. 125 Figura 94 Frequenze di taglio e soglie: ''Taglio di punta'
3° Prova: Soglia di Caduta Per quanto riguarda la caduta, basta prendere in considerazione le accelerazioni lineari. Sappiamo che, quando un corpo è in caduta libera, le accelerazioni sono pari a zero. Quindi questa soglia dovrà essere un numero molto piccolo. Per determinarla sono state fatte delle prove sperimentali lasciando cadere la motosega e controllando i valori indicati dal telecomando. In caduta i valori registrati erano inferiori o uguali a 40 unità. Scelta dei parametri Dalle numerose prove effettuate, in diverse situazioni, si è individuata la seguente combinazione ottima dei parametri per la motosega utilizzata: - 'TSlin = 0; 40 - 'TSang= 0; 45 - soglialin = 5 - sogliaang = 250 - sogliacaduta = 40 Questi valori sono stati determinati in modo da non essere troppo poco sensibili ai movimenti bruschi, ma essere nella soglia limite al rischio d'allarme. Il regolatore di sensibilità E' possibile prevedere sulla motosega l'installazione di un regolatore di sensibilità, in modo tale da permettere all'operatore di tarare il sistema nel modo desiderato. Ad esempio, il regolatore può essere composto da tre pulsanti relativi a: - bassa sensibilità; - media sensibilità; - alta sensibilità. L'operatore potrà così scegliere il livello di protezione adatto alla tipologia di lavori che deve compiere. Ad esempio, se l'operatore desidera lavorare più liberamente, in modo che la 126 motosega non si blocchi ad ogni movimento brusco (ma non pericoloso), premerà il pulsante relativo ad una bassa sensibilità. Se invece, l'operatore desidera lavorare completamente protetto, in modo che la motosega si fermi per ogni spostamento brusco, dovrà premere il pulsante relativo ad una alta sensibilità. In base alla scelta effettuata infatti, i vari parametri cambiano, facendo variare così la relativa soglia d'allarme. Per motivi di sicurezza, il dispositivo comunque non può essere disattivato. I vantaggi derivanti dall'uso del dispositivo possono essere riassunti nei seguenti punti: ' miglioramento delle condizioni di sicurezza nel settore agricolo - forestale;
' riduzione della pericolosità derivante dall'utilizzo di macchinari da taglio;
' semplicità: realizzazione di un sistema utilizzabile da chiunque a prescindere dal grado di competenza tecnica; ' real-time: risposta immediata del dispositivo a qualsiasi anomalia;
' completezza: l'integrazione di una tecnologia attiva con i dispositivi di protezione individuale (DPI) passivi già in uso (come ad esempio tute antitaglio), consente una protezione al 100% dell'operatore; ' ergonomicità: le dimensioni ed il peso del dispositivo non modificano e non incidono pertanto negativamente sulle condizioni operative della macchina su cui il dispositivo è installato; ' esportabilità: l'impiego del dispositivo può essere esteso ad altre tipologie di attrezzature del settore agricolo ed agro-alimentare; ' semplicità (il sistema non prevede particolare manutenzione, nemmeno operazioni di calibratura, pertanto è utilizzabile da chiunque a prescindere dal grado di competenza tecnica). Il valore etico del prodotto consta nella diminuzione significativa dei costi sociali degli infortuni. Basti pensare che gli indennizzi e i premi dovuti agli incidenti sul lavoro influiscono sul 2% del PIL nazionale (dati 2007). Pertanto lo sviluppo del sistema proposto pone vantaggio su tre livelli: ' etico (miglioramento della sicurezza dell'operatore);
' inter-aziendale (diminuzione dei costi connessi agli infortuni);
' sociale (diminuzione dei costi sociali). Il dispositivo assicura anche a livello economico i seguenti valori aggiunti: 127 ' realizzazione di un dispositivo di sicurezza a basso costo;
' assenza di costi di manutenzione;
' possibilità di utilizzare i macchinari da taglio aventi il dispositivo integrato, senza l'utilizzo dei costosi DPI (dispositivi di protezione individuale). 4.6. Sistema della formazione La formazione e l''addestramento, uniti agli albi e ai patentini, avranno un ruolo fondamentale per garantire la sicurezza del lavoro e il risultato dell''attività svolta. Il programma è stato ideato per testare le conoscenze del personale che utilizza motosega e definire un protocollo di addestramento per colui che utilizzi le motoseghe secondo gli standard internazionali (figura 95). Figura 95 Schermata d'ingresso del programma
Si desidera nello specifico standardizzare un test prova per validare la formazione ed informazione relative all'utilizzo in sicurezza della macchina stessa. Il programma è strutturato in cinque sessioni che attribuiscono un punteggio per indicare il raggiungimento o meno del livello minimo di formazione previsto per l'utilizzo della motosega come evidenziato nella figura 96. 128 Figura 96 Istruzioni del programma Dopo la schermata iniziale si accede al programma vero e proprio con la scelta delle diverse opzioni (figura 97): ' istruzioni del programma;
' tasto delle informazioni; Figura 97 Scelta della cinque sessioni 129 ' test sugli aspetti di natura formale tecnica;
' test sulla sicurezza e i DPI;
' test sulle componenti della motosega;
' due prove pratiche. Il test, come detto, viene strutturato in base a 5 sezioni, tre di carattere teorico, relative alla sicurezza, alla motosega e alle metodologie di lavoro in generale, due di carattere meramente pratico con la realizzazione di prove in campo specifiche. La prima sessione è un test di verifica operativa inerente il corretto utilizzo e manutenzione della motosega. Per ogni test il candidato deve indicare se le tre risposte del quesito sono vere o false. Dopo aver risposto a tutte le domande il programma indica se la prova è stata superata, e quindi se è possibile passare alla sessione successiva (figura 98). 130 Figura 98 Prima sessione 131 La seconda sessione di domande valuta la conoscenza degli operatori sugli aspetti legislativi e sistemi di prevenzione e protezione nonché sulla sicurezza di chi utilizza la motosega. Anche in questo caso sono previste tre risposte per ogni quesito, il candidato deve indicare se le risposte risultano essere corrette o fasulle; sulla base del numero di risposte corrette la prova risulterà superata o meno (figura 99). Figura 99 Seconda sessione La terza sessione prevede un test sul riconoscimento delle diverse parti della motosega: il candidato deve associare i nomi ai diversi numeri collegati alle diverse componenti della motosega, come indicato nella figura 100. Dopo aver risposto alle domande delle prime tre sessioni ed aver superato tutte tre le prove il candidato può sottoporsi alle due prove pratiche; entrambe le prove tecniche vengono valutate dall''istruttore attraverso dei parametri definiti e presenti nel programma; osservando l''operazione svolta prevista nella sessione e analizzando le indicazioni inerenti fornite dal 132 manuale per le diverse operazioni è possibile attribuire un giudizio alla prova svolta (figura 101). Figura 100 Terza sessione Figura 101 Prima prova pratica 133 Dopo aver superato tutte cinque le sessioni il candidato riceverà l''attestato che certificherà il superamento delle prove e la bontà della formazione ricevuta (figura 102-103). Figura 102 Risultati dei test Figura 103 Attestato di superamento del corso 134 5.0. Conclusioni E'' evidente che negli ultimi anni, sia a livello internazionale che nazionale, si è progressivamente consolidata la consapevolezza che la sicurezza sui luoghi di lavoro è un bene pubblico. Questo bene, tuttavia, non scaturisce liberamente e spontaneamente dalle scelte imprenditoriali, bensì deriva dall''introduzione di specifiche misure che l''imprenditore deve adottare. Ciò significa sostenere dei costi specifici, che a loro volta possono divenire oggetto di economie di scala per accrescere i profitti dell''attività. Dall''analisi complessiva di tutti gli incidenti emerge che: - le motoseghe sono una macchina facilmente acquistabile ed utilizzabile da chiunque; - il manuale delle istruzioni allegato alla macchina non viene sufficientemente compreso; - spesso chi utilizza le motoseghe non possiede le conoscenze e la formazione sufficienti per poterla utilizzare in completa sicurezza; - viene trascurata la pericolosità della motosega e quindi non viene assegnata la giusta importanza all''utilizzo dei dispositivi di protezione individuali; emerge quindi un bisogno formativo per chi si accinge ad utilizzare tale macchina; analizzata la sua pericolosità forse sarebbe necessario rendere obbligatorio un patentino, ottenibile dopo aver superato il test proposto dal software Forestry evaluation; in questo modo con la formazione e con la verifica delle competenze sarebbe possibile prevenire alcuni incidenti. Il binomio formazione '' informazione costituisce un elemento fondamentale per la prevenzione degli incidenti in qualsiasi ambito lavorativo, dal momento che pone al centro dell''attenzione i lavoratori, che sono poi quelli diventano i protagonisti del lavoro e anche degli incidenti. L''analisi e lo studio svolti in questi tre anni hanno evidenziato in maniera chiara come la formazione debba essere: - credibile nei contenuti divulgati; - valida nella metodologia; - adeguata nel sistema comunicativo ed informativo; - rivolta a tutti i soggetti coinvolti. E questo in maniera ancora più evidente per il settore agricolo forestale in cui la specificità e le caratteristiche dell''ambiente di lavoro rendono l''applicazione delle varie direttive sociali di difficile applicazione. Si è inoltre realizzato un software che individua i diversi tipi di DPI richiesti a seconda della attività svolta con la motosega, in modo da facilitare ed informare chi si accinge a utilizzare la motosega sul tipo di protezione da utilizzare e sul costo complessivo 135 da sostenere per operare in sicurezza. Questo modello si pone come obiettivo seminare conoscenza per lavorare in sicurezza. In conclusione quindi emerge che: 1. il lavoro degli operatori forestali, soprattutto in montagna, richiede un elevato livello di professionalità e di specializzazione. Tale attività è strettamente connessa con la manutenzione del territorio, la prevenzione del rischio idrogeologico e la prevenzione del rischio di incendi. Si tratta quindi di una professione strettamente collegata con la salvaguardia ambientale in quanto i boschi gestiti risultano migliori e più efficienti nelle loro funzioni; 2. il lavoro in bosco comporta costantemente situazioni impreviste di pericolo improvviso. Per far fronte a tali situazioni sono necessari prontezza di riflessi e forza fisica. Dopo i 50 anni si assiste di conseguenza ad un aumento degli incidenti sul lavoro; 3. l''attività del boscaiolo, per essere redditizia, risulta intensa e fisicamente impegnativa. Le operazioni e le mansioni faticose e rischiose prevalgono in tutte le fasi di lavoro e occupano quotidianamente la maggior parte delle ore operative del lavoratore: abbattimento, allestimento tronchi, concentramento del legname, esbosco mediante trattore, verricello o teleferica; 4. il lavoro si svolge costantemente su terreno accidentato e per la maggior parte in aree disagiate (zone montane e collinari), dove si aggravano tutti i fattori che determinano logoramento fisico e rischio di incidenti: in montagna si riduce il livello di meccanizzazione del lavoro ed aumentano le operazioni svolte manualmente dal lavoratore (allestimento, movimentazione e concentramento dei tronchi dal letto di caduta alla linea di esbosco), con pesi sollevati dell''ordine di alcune centinaia di chilogrammi; 5. l''uso delle macchine, in particolare dei trattori, si svolge inoltre in condizioni di maggior rischio e di maggiore sollecitazione per l''operatore a causa delle pendenze elevate, degli spazi ristretti e del terreno fortemente accidentato; 136 6. si utilizzano frequentemente macchine specializzate quali teleferiche e gru a cavo, che comportano particolari attività fisiche e rischi di incidente soprattutto nella fase di montaggio e smontaggio del cantiere (lavoro in altezza per il posizionamento dei rinvii sugli alberi, tensionamento dei cavi d''acciaio, tronchi sospesi, ecc.); 7. per prevenire le costanti condizioni di rischio di incidente è quindi necessaria l''adozione di misure di sicurezza previste dalla vigente normativa, che determinano in molti casi un''ulteriore pressione fisica sul lavoratore. L''applicazione della normativa di sicurezza comporta l''uso obbligatorio di caschi, imbottiture, cuffie antirumore, ecc. i quali risultano indispensabili sotto il profilo della sicurezza ma che in condizioni di sforzo e nel periodo estivo costituiscono un''aggravante per quanto concerne la difficoltà di movimento, la perdita di liquidi, l''apparato respiratorio e l''apparato cardio-vascolare. La ricerca quindi vuole essere il punto di partenza per futuri studi in ambito non solo della valutazione del rischio ma della costruzione di sistemi di gestione sulla sicurezza innovativi che possano essere un valore aggiunto per le aziende e le imprese forestali e che possano, oltre a rendere il lavoro più sicuro, produrre un processo di qualità. Il lavoro in ultima analisi porta le basi per nuove ricerche nell''ambito della sicurezza sul lavoro e della prevenzione; occorre definire degli strumenti di gestione del rischio calibrati sulle specifiche condizioni operative del lavorare in bosco ed in foresta, inoltre occorre identificare delle soluzioni ad hoc calibrate agli operatori non professionali che sempre più spesso si ritrovano nelle cronache per infortuni gravi e mortali. Solamente unendo la ricerca scientifica e la progettazione di strumenti operativi si può seminare e raccogliere la cultura della sicurezza in bosco. 137 6.0. Bibliografia Fonti legislative Testo Unico in Materia di Sicurezza D. Lgs. 81/08. OHSAS 18001. EN ISO 11681-1, ISO 10726, ISO 8334, ISO 7915, ISO 6534. INAIL _ Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. ISPESL _ Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro, Linee guida per l'uso in sicurezza delle motoseghe portatili per potatura. Consiglio nazionale delle ricerche - Regione Piemonte, Sicurezza in agricoltura. Suvapro, Sicurezza sul lavoro. Vega Engineering.
Fonti bibliografiche Pubblicazioni internazionali AREZES P.M., MIGUEL A.S., ''Risk perception and safety behaviour: A study in an occupational environment' Safety Science 46 (2008) 900''907. BRACHETTI MONTORSELLI N., LOMBARDINI C., MAGAGNOTTI N., MARCHI E., NERI F., PICCHI G., SPINELLI R., Relating safety, productivity and company type for motor-manual logging operations in the Italian Alps Accident Analysis & Prevention, Volume 42, Issue 6, November 2010, Pages 2013-2017. CATION S., JACK R., OLIVER M., DICKEY J.P., LEE-SHEE N.K., Six degree of freedom whole-body vibration during forestry skidder operations International Journal of Industrial Ergonomics, Volume 38, Issues 9-10, September-October 2008, Pages 739-757. CAVALLI R., GRIGOLATO S., Geographical analysis with GIS methodology for a sustainable use of logging residues in mountainous area, JOURNAL OF AGRICULTURAL ENGINEERING, vol. 38; p. 29-37, ISSN: 1974-7071 (2007). DRISCOLL T.R., ANSARI G., HARRISON J.E., FROMMER M.S., RUCK E.A., Traumatic work-related fatalities in forestry and sawmill workers in Australia Journal of Safety Research, Volume 26, Issue 4, Winter 1995, Pages 221-233. FAO/ECE/ILO Committee on Forest Technology, Management and Training, ''Safety and health in forestry are feasible, proceedings of seminar held in Emmental' Switzerland, 7-11 October 1996 , Berna, 1997. FAO/ILO, ''Chain-saws in tropical forests, FAO Training Paper n. 2' , Roma, FAO, 1980. 138 FERNANDES H. C., BRITO A. B. DE. MINETTI L. J., SANTOS N. T., RINALDI P. C. N., Ergonomic evaluation of the operator cabin of a forest tractor, Editora UFV, Universidade Federal de Viçosa, Viçosa, Brazil, Revista Ceres, 2010, 57, 3, pp 307-314, 10 ref. FLIN R., MEARNS K., GORDON R., FLEMING M., Risk perception by offshore workers on UK oil and gas platforms, Safety Science 22, 131''145 1996. GUBIANI R., ZUCCHIATTI N., RIZZI C., Health and safety in the wine sector, EurAgEng, 30/6-4/7, 2002, Budapest, Paper n. 02-RD-005, 2002. HAGEN K.B., Longer lifting hooks for forestry workers: An evaluation of ergonomic effects International Journal of Industrial Ergonomics, Volume 12, Issue 3, October 1993, Pages 165- 175. HANSSON E., Ergonomic design of large forestry machines International Journal of Industrial Ergonomics, Volume 5, Issue 3, May 1990, Pages 255-266J. HOLOTA R., GRZYWINSKI E. W., Subjective assessment of the fatigue of forest workers based on Japanese Questionnaire, Acta Sci, Pol, Silv, Colendar, Rat, Ind, Lignar, 5 (1), 27-37, 2006. HSE Chainsaws continue to kill, Tree work news, E, 2008. HUDSON B., The Importance of Safety in Forestry, In: ''Second International Conference on Safety and Health in Forestry', Annency (France) 25-27 May 2005. HUBER A.; H'TL G.; KAUFMANN R., Vehicles overturning in mountain areas - accident events, Agroscope Reckenholz-Tanikon Research Station ART, Ettenhausen, Switzerland, ART-Schriftenreihe, 2010, 12, pp 51-53. ILO Occupational safety and health problems in the timber industry, Report 11, Third Tripartitie Technical Meeting for the Timber Industry, Geneva, ILO, 1981. ISLER R., KIRK P., BRADFORD S. J., PARKER R. J., Testing the relative conspicuity of safety garments for New Zealand forestry workers Applied Ergonomics, Volume 28, Issues 5- 6, October-December 1997, Pages 323-329. JONES T., KUMAR S., Occupational injuries and illnesses in the sawmill industry of Alberta International Journal of Industrial Ergonomics, Volume 33, Issue 5, May 2004, Pages 415- 427. KLUN J., MEDVED M., Fatal accidents in forestry in some European countries, Croatian Journal of Forest Engineering 28 (1): 55-62 (2007). KOUKOULAKI T., New trends in work environment '' New effects on safety Safety Science, Volume 48, Issue 8, October 2010, Pages 936-942. 139 LILLEY R., FEYER A. M., KIRK P., GANDER P., A survey of forest workers in New Zealand: Do hours of work, rest, and recovery play a role in accidents and injury' Journal of Safety Research, Volume 33, Issue 1, Spring 2002, Pages 53-71. Marginality and gender at work in forestry communities of British Columbia, Canada Journal of Rural Studies, Volume 19, Issue 3, July 2003, Pages 373-389. MASI M., BORGHI P., GIANNELLI M., BOLGNESI R., GIOVANNINI P., ULIVI A., FABIANO F., PIEGAI F., Ergonomic problems, Compagnia delle Foreste, Arezzo, Italy, Sherwood - Foreste ed Alberi Oggi, 158, pp 26-28 , 2009. MELEMEZ K.; TUNAY M., Evaluation of the physiological workload of loading machine operators during forestry work, Kastamonu University Forestry Faculty, Kastamonu, Turkey, Kastamonu 'niversitesi Orman Fakültesi Dergisi, 2010, 10, 1, pp 20-26, 25 ref. MINETTE L. J., SOUZA A. P. DE, BA'TA F. DA C., FERNANDES H. C., MAFRA S.C.T., VIEIRA H.A. N. F., Characterization of the health of workers involved in the extraction of wood in mountainous regions, Silva, E. P. da.; Sociedade de Investigações Florestais, Viçosa, Brazil, Revista Árvore, 2009, 33, 6, pp 1169-1174, 12 ref. NEELY G., WILHELMSON E., Self-reported incidents, accidents, and use of protective gear among small-scale forestry workers in Sweden Safety Science, Volume 44, Issue 8, October 2006, Pages 723-732. 'STBERG O., Risk perception and work behaviour in forestry: Implications for accident prevention policy Accident Analysis & Prevention, Volume 12, Issue 3, September 1980, Pages 189-200. PICCHIO R., BLASI S., SIRNA A., Survey on Mechanization and Safety Evolution in Forest Works in Italy University of Tuscia (Viterbo), Department of technology, engineering and sciences of Forest Environment (DAF),Via S, Camillo de Lellis, 01100 '' Viterbo, ITALY, Tel 0039 0761357400, Fax 0039 0761357250. SALMINEN S., KLEN T., OJANEN K., Risk taking and accident frequency among Finnish forestry workers Safety Science, Volume 33, Issue 3, December 1999, Pages 143-153. SLEE B.; Social indicators of multifunctional rural land use: The case of forestry in the UK Agriculture, Ecosystems & Environment, Volume 120, Issue 1, April 2007, Pages 31-40. SPRINGFELDT B., Rollover of tractors '' international experiences Safety Science, Volume 24, Issue 2, November 1996, Pages 95-110. TAPIO K., Costs of occupational accidents in forestry Journal of Safety Research, Volume 20, Issue 1, Spring 1989, Pages 31-40. 140 The Oil Industry International Exploration and Production Forum, ''Guidelines for the development and application of health, safety and environmental management systems, Report No. 6,36/210' , Londra, 1994. THELIN A., SLAPPENDEL C., LAIRD I., KAWACHI I., MARSHALL S., CRYER C., Factors affecting work-related injury among forestry workers: A review Journal of Safety Research, Volume 24, Issue 1, Spring 1993, Pages 19-32 Fatal accidents in Swedish farming and forestry, 1988''1997 Safety Science, Volume 40, Issue 6, August 2002, Pages 501-517. TOMLINSON R.W., MANENICA I., A study of physiological and work study indices of forestry work Applied Ergonomics, Volume 8, Issue 3, September 1977, Pages 165-172. Unasylva '' No. 172 - Forest worker safety, International journal of forestry and forest industries - Vol, 44 - 1993/1. VARONEN U., MARKKU MATTILA, The safety climate and its relationship to safety practices, safety of the work environment and occupational accidents in eight wood- processing companies Accident Analysis & Prevention, Volume 32, Issue 6, November 2000, Pages 761-769. V'YRYNEN S., OJANEN K., Review of developments in forestry protective equipment since publication of the paper ''the protection of loggers' heads and eyes in forestry work' Safety Science, Volume 16, Issues 3-4, July 1993, Pages 239-245. V'YRYNEN S., OJANEN K., The protection of loggers' heads and eyes in forestry work Journal of Occupational Accidents, Volume 5, Issue 2, June 1983, Pages 81-88. Pubblicazioni nazionali ADAMI F., Meccanizzazione dei lavori forestali in bosco: aspetti tecnici e di sicurezza per alcune aziende forestali nella provincia di Viterbo, Tesi di laurea A.A. 1999-2000, Università degli Studi della Tuscia, pp. 134, (2000). ANARF Sicurezza ed antinfortunistica nei cantieri forestali, Associazione Nazionale Aziende Regionali delle Foreste, AGRA Editrice, Roma, (2008). AAVV ''Più sicurezza e più produttività in bosco' Industria Grafica Valdarnese (AR) 2010. AAVV, 2009 Atti del convegno "Dal mondo forestale un esempio nel campo della sicurezza sul lavoro" Roma. AAVV, Osservatorio sulle condizioni di lavoro e sulle malattie professionali, Quotidiano on line ''Articolo 21', www.lavoro.articolo21.com(2009). AAVV, Confronto tra il vecchio ''DLgs 494/96' ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08, Rivista ''Il ponte' n, 5, 2008. 141 AAVV, Esplorare il ''Testo Unico' sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, INAIL; Università di Napoli ''Federico II', Facoltà di Medicina, 2008. AAVV, Atti del convegno: ''La sicurezza negli Ambienti Agroforestali: aspetti tecnici, gestione e controllo del rischio '' Gemona del Friuli 2008. AAVV, Linee guida per la prevenzione e sicurezza nei lavori forestali in Toscana, Assessorato Diritto alla Salute, Regione Toscana, Edizione Compagnia delle Foreste, Arezzo, (2008). AAVV Atlante Statistico Della Montagna Italiana, A cura dell''Istituto Nazionale della Montagna e dell''istituto Nazionale di Statistica, Bonomia University Press, (2007). AAVV Manuale di Ingegneria Naturalistica della Provincia di Terni Applicabilità delle tecniche, limiti e soluzioni, Provincia di Terni Agenzia Umbria Ricerche (2003). AAVV, Atti del convegno: lavoro in foresta e salute, Trento 31 maggio (2002). BALDINI S., CIOE A ., PICCHIO R., Sicurezza ed antinfortunistica nei cantieri forestali e di manutenzione del verde urbano, AGRA Editrice, Roma. (2002). BARALDI G., CAVALLI R., Innovazioni nel settore delle tecnologie meccaniche per le produzioni agricole e forestali, ITALIAN JOURNAL OF AGRONOMY, vol. 42; p. 155-159, ISSN: 1125-4718 (2008). BEHMANN DELL''ELMO G., CATTOI S., Obblighi del committente in materia di sicurezza, Sherwood 144: 5-12 (2008). BEHMANN G., Seminario regionale ''La sicurezza nei cantieri forestali' 14 giugno 2012 '' Fenestrelle( TO) I cantieri forestali in relazione al D. Lgs, 81/2008 , Magnifica Comunità Comunità di Fiemme. BERRUTI M., ASSONE S., GALIZIA C., Valutazione dei rischi specifici - pianificazione lavori forestali, Comunicazione alla Giornata di Formazione ''La sicurezza nei lavori forestali'Albugnano (AT), 24 ottobre 2008. BERTUZZI L., FABIANO F., GIANNELLI M., PAGNI D., PIEGAI F., SABATINI R., SANGIORGI T., The exposure to chainsaw vibrations, The influence of some parameters, Compagnia delle Foreste, Arezzo, Italy, Sherwood - Foreste ed Alberi Oggi, 165, pp 25-29, 7 ref, 2010. BOLZERN P., SCATTOLINI R., SCHIAVONI N., Fondamenti di controlli automatici, McGraw-Hill. BORTOLUZZI B., CAVALLI R., L'istruzione professionale e le tecnologie nelle utilizzazioni forestali: il caso della Finlandia, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol. 5; p. 33- 37, ISSN: 1590-7805 (1999). 142 BRUSCHI A., MASI M., BARDAZZI L., La nuova considerazione del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nel Testo unico e le novità introdotte sulla sua formazione, Bollettino ''Toscana RLS', 2008. CARBONE F., Sistemi di gestione della sicurezza nei lavori forestali, Forest@ 8 (5): 183- 197, URL: .http://www.sisef.it/forest@/contents/'id=efor0670-008 (2011). CASALI P., CIVIDINO S.R.S., GUBIANI R., Studio del Territorio per la determinazione di biomasse forestali per l''avvio di un impianto pilota progetto Bioenergy FVG '' progettazione, messa in funzione e gestione di impianti pilota per l''utilizzazione, Udine, 04-05 Dicembre 2008. CAVALLI R., ZUCCOLI BERGOMI L., MEARNS G., GRIGOLATO S., Formazione dell'operatore di harvester, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol, 14 (4); p. 21- 25, ISSN: 1590-7805 (2008). CAVALLI R., GALEAZZI M., LUBELLO D., ZUCCOLI BERGOMI L., PETERLE S., Monitoraggio delle polveri di legno di faggio inalabili durante l'utilizzo della motosega, ISL, IGIENE & SICUREZZA DEL LAVORO, vol. 51; p. 107-115, ISSN: 1592-5633 (2007). CAVALLI R., ZUCCOLI BERGOMI L., Funzionalità di un harvester in ambiente alpino italiano, L'ITALIA FORESTALE E MONTANA, vol. 61; p. 181-191, ISSN: 0021-2776 (2006). CAVALLI R., GRIGOLATO S., REDIGOLO N., Impiego di residui di lavorazione di segheria. Risultati di un''indagine condotta in Veneto, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol. 12 (2); p. 37-41, ISSN: 1590-7805 (2006). CAVALLI R., Professionalità, regolarità e sicurezza, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol. 10; p. 41-43, ISSN: 1590-7805 (2004). CAVALLI R., Linee evolutive nel settore delle utilizzazioni forestali e dell''approvvigionamento del legname, L''Italia Forestale e Montana 4 297-306, - doi: 10,4129/IFM.2008.4.01 (2008). CAVALLI R., Le utilizzazioni forestali nell''Italia nord-orientale, L'ITALIA FORESTALE E MONTANA, vol. 59; p. 453-465, ISSN: 0021-2776 (2004). CAVALLI R., MIOLA P., SARTORI L., Diffusione del rumore prodotto dalla motosega in boschi con differente forma di governo, L'ITALIA FORESTALE E MONTANA, vol. 59; p. 375-390, ISSN: 0021-2776 (2004). CAVALLI R., ''MENEGUS G., ''Lavorare sicuri per migliorare l''ambiente Linee guida per l''esecuzione delle utilizzazioni forestali' Regione del Veneto Direzione foreste ed economia montana, Mestre 2003. 143 CAVALLI R., Educare al lavoro in bosco, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol. 9; p. 5-7, ISSN: 1590-7805 (2003). CAVALLI R., MENEGUS G., La prevenzione degli infortuni nel lavoro forestale, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol. 8 (8); p. 29-34, ISSN: 1590-7805 (2002). CAVALLI R., Linee innovative nella meccanizzazione forestale. La situazione dell''arco alpino, SHERWOOD, FORESTE ED ALBERI OGGI, vol. 8 (8); p. 5-11, ISSN: 1590-7805 (2002). CAVALLI R., MENEGUS G., Strategie per la diminuzione degli infortuni nel lavoro forestale, In: ''Utilizzazioni forestali: innovazioni tecnologiche per salvaguardare una risorsa naturale', Programma Leader II GAL Alto Bellunese - Azione 9: valorizzazione della produzione e commercializzazione della risorsa legno, Centro di contabilità e gestione agraria, forestale e ambientale, Dip. TESAF, Università di Padova, (2001). CAVALLI R., Valutazione della pericolosità nel lavoro nei Servizi Forestali delle province di Belluno, Verona e Vicenza, MONTI E BOSCHI, vol. 48 (5); p. 19-27, ISSN: 1124-1454 (1997). CE.R.D., Centro di Ricerca sul Rischio e la Decisione, http://decision.psy.unipd.it. 2008. CIVIDINO S.R.S., MARONCELLI E., VELLO M. , GUBIANI R., SNIDERO I., PERGHER G. , COLANTONI A., Accident analysis during the chainsaw use: prevention and protection measures to reduce injuries International Conference RAGUSA SHWA 2012 September 3-5, 2012 Ragusa '' Italy ''Safety Health and Welfare in Agro-food Agricultural and Forest Systems'. CIVIDINO S.R.S., PLASENZOTTI F., VELLO M., GUBIANI R., GRIMAZ S., ''La Sicurezza sul lavoro nella gestione del verde pubblico e privato' , Udine, 2008. CIVIDINO S.R.S., CAPPELLARI G., GRIMAZ S., Gestione sistemica della sicurezza nelle az. Agrarie: ''Il progetto AGRISAFE', atti del convegno:' La sicurezza negli ambienti forestali: aspetti tecnici, questione e controllo dei rischi', Gemona del Friuli 18/01/2008. DUBINI R., Cosa è cambiato con il Decreto Legislativo 81 in materia di protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni' 2008. EURISPES Relazione Eurispes maggio 2007: ''Infortuni sul lavoro: peggio della guerra', 2007. FABIANO F., PIEGAI F., Linee guida per la sicurezza nei lavori forestali, Sherwood 84: 13- 17 (2002). GIACOMAZZI F., Marketing Industriale - Individuazione e valutazione delle opportunità di mercato, McGraw-Hill. 144 GIOVANNINI G., ''Il comparto delle imprese di utilizzazione forestale in provincia autonoma di Trento', Università degli Studi di Padova, Tesi di laurea in Scienze forestali ed ambientali, 2004. GORFER A., ''L''uomo e la foresta', Manfrini editori, Calliano Trento, 1988. GRIMAZ S., Valutazione ed organizzazione della sicurezza nelle strutture universitarie, Forum di Udine 1998. GRUPPO DI LAVORO REGIONALE ''Sicurezza in Agricoltura' formato da operatori dei Servizi di Igiene e Sicurezza del Lavoro ''Sicurezza in agricoltura ''Abbattimento alberi' Regione Piemonte Assessorato alla Sanità Settore Sanità Pubblica Servizio Igiene del Lavoro, 1996. GUBIANI R., VELLO M., ZOPPELLO G., Utilizzo di check list per un approccio integrato alla sicurezza in cantina in Friuli Venezia Giulia", Convegno Nazionale A,I,I,A, - III°, V°e VI° Sezione, ''Tecnologie innovative nelle filiere: orticola, vitivinicola e olivicola-olearia', Pisa / Volterra 5-7 settembre 2007. HIPPOLITI G., Le utilizzazioni forestali, Edizione CUSL, Firenze (1994), HIPPOLITI G., PIEGAI F., Tecniche e sistemi di lavoro, La raccolta del legno, Compagnia delle Foreste, Arezzo (2000). iFEL Istituto per la Finanza e l''economia Locale, Fondazione Anci, Comuni Montani 2012. INAIL Il legno: rischi ed infortuni, Comunicazione al Convegno: ''Lavoro in foresta e salute', Trento, 31 maggio 2002. I.S.P.E.S.L. Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro, Linee guida per l''uso in sicurezza delle motoseghe portatili per potatura, Roma 2002. LAGEARD G., GEBBIA M., Il committente nel cantiere: possibile incostituzionalità sulla riforma degli obblighi' Ambiente e Sicurezza; il sole 24 ore, 2008. MAIANDI G., PAOLI S., Il lavoro in bosco ha tutti i requisiti per essere considerato attività usurante, Torino, 26 novembre 2003. MARONCELLI E., GUBIANI R., CIVIDINO S.R.S. VELLO M., SEGANTIN P., Analisi e movimentazione del rischio nella movimentazione manuale dei carichi durante l'attività nei cantieri forestali - Il Testo Unico e la sicurezza nel mondo agroforestale, Viterbo 3 dicembre 2009. MARTIGNETTI F., La sicurezza aziendale nei lavori dei forestali, Rivista ''Silvae'. MASI M., BORGHI P., GIANNELLI M., BOLOGNESI R., GIOVANNINI ULIVI A., FABIANO F., PIEGAI F., GRIFONI C., NOVELLI D., LAURENDI V., PIROZZI M., 145 BITUSSI D., POZZO D., BEHMANN G., Schede sicurezza nei lavori forestali: esbosco con trattore con rimorchio o con gabbie, Sherwood 170 (1): 18-32 (2011). MONARCA D., CECCHINI M., ''Analisi del rischio nel settore agroforestale alla luce della normativa vigente' La sicurezza negli ambienti agroforestali: aspetti tecnici, gestione e controllo dei rischi, Udine, 2008. ORTOLANI G., ''Quanto ci costano i danni da lavoro'', Dati INAIL dicembre 2007, n°12, Sito internet .www.inail.it (2007). PIGHIN J. e AA Analisi di un sistema innovativo di sicurezza per motoseghe, 2011 PIROZZI M., CATARINOZZI A., Linee guida per l''uso in sicurezza delle motoseghe portatili per potature, Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro, ISPSEL, Roma (2003). PIUSSI P., ''Notizie storiche su alcuni boschi della valle del But in Carnia', Ca Fastu: 10, 1969. POZZATI A., ''Situazione delle utilizzazioni boschive in Trentino e tendenze, Atti Convegno Teleferiche e selvicoltura', Moena 24 - 25 settembre 1990, Trento. PROVINCIA DI LECCO, Comitato di coordinamento delle organizzazioni di volontariato di protezione civile della provincia di Lecco ''Motoseghe'. REGIONE PIEMONTE, ''Manuale del boscaiolo Nozioni di base Versione semplificata' Torino 2007. ROMANO P., ZAMBON E., Comunicazione nel Marketing Industriale. SEGANTIN P. e AA La gestione della sicurezza nei cantieri forestali, 2009. SUVA Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro ''Pericolo d''infortunio e regole di sicurezza nell''abbattimento di alberi', 2006. SUVA Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro ''Professionisti»nel proprio bosco' 2005. SUVA Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro ''Come allestire il legname d'infortunio in modo sicuro' 2002. ZAPPAVIGNA P., CAPELLI G., BRUGNOLI A., ASSIRELLI A., Valutazione dei rischi sul lavoro in agricoltura, Risultati di un'indagine nell'Appennino emiliano svolta mediante "check list", Rivista di Ingegneria Agraria, 2, 13-28 (2002). ZIMBALATTI G., PROTO A. R., ''Le tipologie di infortuni nei lavori forestali' La sicurezza negli ambienti agroforestali: aspetti tecnici, gestione e controllo dei rischi, Udine, 2008. ZOPPELLO G., GUBIANI R., CIVIDINO S., CAPONE F., VELLO M., Lo Sviluppo delle biomasse attraverso la gestione della sicurezza sul lavoro nel settore agroforestale, in: 146 Progetto Bioenergy FVG '' Progettazione, messa in funzione e gestione di impianti pilota per l''utilizzazione, Udine, 04-05 Dicembre 2008, ISBN/ISSN: 978-88-903361-0-2. Sitografia http://it.scribd.com/doc/82989237/patentino-motoseghisti http://web.tiscalinet.it/agronomivibo/RISCHI%20D.Lgs%20626.htm http://www.comunitrentini.it/index,php/plain/content/.../altamecanizzazione.doc http://www.forestambiente.unifi.it/CMpro-v-p-71.html http://www.mashpedia.it/Ingegneria_naturalistica http://www.moebiusonline.eu/fuorionda/SicurezzaMotoseghe.shtml http://www.puntosicuro.it. http://www.regione.piemonte.it/foreste/cms/media/files/eventi/formazione/sicurezza2012/dott a.pdf http://www.sicurezzaesalute.it/interne/corsi.php http://www3.istat.it/istat/eventi/2007/forestali/inventario_foreste_serbatoi_carbonio.pdf Alpina Italia. www.alpinaitalia.it. Black and Decker, www.blackanddecker.it Caduti sul Lavoro. Cadutisullavoro.blogspot.com. Comagarden -Unione nazionale costruttori macchine agricole. www.unacoma.it. Compagnia delle foreste, Sito internet http://www.compagniadelleforeste.it Digikey, Sito internet http://.www.digikey.it. Distrelec, Sito internet http://www.distrelec.it. Echo, Sito internet http://www.echo-italia.it. Einhell, Sito internet http://.www.einhell.com. EUROSTAT (istituto europeo di statistica), Sito internet http://epp.eurostat.ec.europa.eu. Farnell, Sito internet http://.www.it.farnell.com. Garmec-Zeonah, Sito internet http://www.garmec.it. Homelite, Sito internet http://.www.homelite.com. Husqvarna, Sito internet http://.www.husqvarna.com. ILO, (Organizzazione internazionale del lavoro) Sito internet http://www.ilo.org/ INAIL, Sito internet .http://www.inail.it/ ISTAT, Sito internet http://istat.it. ISPESL, Sito internet .http://www.ispesl.it. Jonsered, Sito internet http://.www.jonsered.com 147 Mc Culloch, Sito internet http://www.mcculloch.biz. Mondo Pratico, Sito internet http://www.mondopratico.it. Morti Sul Lavoro, Sito internet http://www.mortisullavoro. Wordpress.com. Oregon, Sito internet http://www.oregonchain.eu/ OSHA 2007, European Agency for Safety and Health at Work, Sito internet http://www. Osha.europa.eu Regione Friuli Venezia Giulia Sito internet http://www.regione.fvg.it RS Components, Sito internet http://www.it.rs-online.com. Shindaiwa Sito internet http://www.shindaiwa.com. STIHL, Sito internet http://www.stihl.it. SUVA, Sito internet http://www.suva.ch http://www.waldwissen.net/technik/holzernte/arbeit/wsl_notfallorganisation/index_IT http://www.corsiboscaioli.ch
148 7.0. Pubblicazioni complessive ' MARONCELLI E., GUBIANI R., CIVIDINO S.R.S., VELLO M., SEGANTIN P., Analisi e movimentazione del rischio nella movimentazione manuale dei carichi durante l'attività nei cantieri forestali - Il Testo Unico e la sicurezza nel mondo agroforestale, Viterbo 3 dicembre 2009. ' CIVIDINO S.R.S., SEGANTIN P., VELLO M., MARONCELLI E., GUBIANI R., La gestione della sicurezza nei cantieri edili-forestali-Il Testo Unico e la sicurezza nel mondo agroforestale, Viterbo 3 dicembre 2009. ' VELLO M., CIVIDINO S.R.S., GUBIANI R., MARONCELLI E., SEGANTINI P., La percezione del rischio negli operatori forestali - Il Testo Unico e la sicurezza nel mondo agroforestale, Viterbo 3 dicembre 2009. ' VELLO M., CIVIDINO S.R.S., MARONCELLI E., GUBIANI R., Safety winery design in the 21st Century, Work Safety and Risk Prevention in Agro-food and Forest systems, Ragusa 16-18 settembre 2010. ' CIVIDINO S.R.S., VELLO M., MARONCELLI E., GUBIANI R., PERGHER G., Safety management in horticulture and floriculture:first results of a study in Friuli- Venezia Giulia Work Safety and Risk Prevention in Agro-food and Forest systems, Ragusa 16-18 settembre 2010. ' CIVIDINO S.R.S., VELLO M., MARONCELLI E., GUBIANI R., PERGHER G., The manual handiing risk in the Wine Growing and Wine Production: a survey in Friuli- Venezia Giulia Work Safety and Risk Prevention in Agro-food and Forest systems, Ragusa 16-18 settembre 2010. ' MARONCELLI E., CIVIDINO S.R.S., DOMINI F., CROMAZ E., GUBIANI R., SAVONITTO F., Progetto: New Wood Park - bosco legna energia Nuove tecniche di gestione e valorizzazione di un bosco attraverso lo sfruttamento di biomasse in Azienda agro-forestale.', Udine 24-26 novembre 2010 ' VIII Convegno AISSA ''Produzione degli alimenti, superamento della povertà e tutela dell''ambiente', Udine 24-26 novembre 2010 Poster ''Progetto New Wood Park: bosco, legna, energia'. ' CIVIDINO S.R.S., DELL''ANTONIA D., MARONCELLI E., RAINIS S., PERGHER G., GUBIANI R., Potential for biomass energy production in Friuli Venezia Giulia (Italy), Atti XXXIV CIOSTA CIGR V Conference 2011, 29 June '' 01 July 2011. 149 ' CIVIDINO S.R.S., VELLO M., MARONCELLI E., GUBIANI R., PERGHER G., Analyzing the manual handling risk in the vine growing and wine production sectors, Atti XXXIV CIOSTA CIGR V Conference 2011, 29 June '' 01 July 2011. ' CIVIDINO S.R.S., VELLO M., MARONCELLI E., GUBIANI R., PERGHER G., The manual handling in the forestry workers Atti XXXIV CIOSTA CIGR V Conference 2011, 29 June '' 01 July 2011. ' CIVIDINO S.R.S., MARONCELLI E., VELLO M., GUBIANI R., SNIDERO I., PERGHER G. , COLANTONI A., Accident analysis during the chainsaw use: prevention and protection measures to reduce injuries International Conference RAGUSA SHWA 2012 September 3-5, 2012 Ragusa '' Italy ''Safety Health and Welfare in Agro-food Agricultural and Forest Systems'. ' CIVIDINO S.R.S., VELLO M., GUBIANI R., SNIDERO I., BORTOLUZZI A., MARONCELLI E., PERGHER G., COLANTONI A., Dynamic simulations to test the protective safety gloves: first results of a new methodological approach International Conference RAGUSA SHWA 2012 September 3-5, 2012 Ragusa '' Italy ''Safety Health and Welfare in Agro-food Agricultural and Forest Systems'. 150 8.0. Attività formativa Attività didattica svolta: frequenza ai corsi di formazione di base e trasversale della Scuola; ' Statistica applicata alla Sperimentazione Scientifica (Università degli Studi di Padova) S. Vito di Cadore, 10- 12 marzo 2010, 22 ore di cui 12 ore di lezioni frontali e 10 di esercitazioni al calcolatore. ' Corso sulle tecniche di presentazione dei risultati della ricerca (Università degli Studi di Padova) S. Vito di Cadore, 24- 26 febbraio 2010, 18 ore. ' Corso Risorse e ricerca bibliografica (Università degli Studi di Padova) Padova, 11-15 ottobre 2010, 15 ore. Frequenza di seminari, lezioni frontali e corsi caratterizzanti la Scuola; ' Il progetto Ampezzo Un esempio per la futura pianificazione forestale in Friuli Venezia Giulia, Ampezzo, 24 maggio 2012. ' Relatore al Convegno ''A scuola di agricoltura sicura' tenutosi a Udine il 30 gennaio e il 1 febbraio 2012 presso l'Azienda Agraria ''A. Servadei, Iniziativa all''interno del programma nazionale SICS, in collaborazione con INAIL e Ministero dell''istruzione. ' Convegno ''Autonomia energetica da fonti rinnovabili', Villa Moretti Tarcento, 11 febbraio 2011. ' Dimostrazione dello skidder leggero Hittner Ecotrac 55 presso la foresta di Pramosio, 30 settembre 2011. ' Relatore al Convegno ''SICUREZZA IN CAMPO La gestione della sicurezza in agricoltura' tenutosi a Udine il 08/04/2011. ' Relatore al Convegno Sicurlav: Udine del 22/04/2010 dal titolo ''Gestione della Sicurezza sul Lavoro all'interno dei cantieri edili-forestali' della Regione FVG. ' Coordinatore all''interno del progetto di ricerca Wood Park (la valorizzazione ed il recupero di aree verdi ai fini energetici e didattici), maggio 2009-febbario 2010. ' Unità operativa nel progetto SicurLav, Convezione tra Università degli Studi di Udine e Regione Friuli Venezia Giulia con le seguenti attività: '' Analisi dei rischi all''interno dei cantieri forestali in seguito a convezione con la Direzione centrale risorse agricole, naturali e forestali, e nello specifico il Servizio Territorio Rurale e Irrigazione. '' Analisi e costruzione di sistemi di gestione in locali tecnici (depositi di attrezzature e macchine edili e forestali). 151 '' Implementazione di un sistema di gestione all''interno del Servizio Gestione Territorio Rurale e Irrigazione. ' Attività di ricerca effettuata presso il Dipartimento di Scienze e agrarie ed ambientali con le seguenti tematiche affrontate: '' Sistemi di gestione della sicurezza nei cantieri edili e forestali. '' Sviluppo di nuove metodologie per la valutazione del rischio connesso alla movimentazione dei carichi in ambiti estremi (cantieri edili e forestali in quota). '' Realizzazione e validazione di sistemi di protezione passiva su motoseghe. ' Attività di ricerca all''interno del settore energetico e delle Biomasse con particolare riferimento a : '' Progettazione e realizzazione di impianti sperimentali. '' Prototipazione di sistemi per la valutazione di potenziali energetici (area energie Eoliche ed energie derivanti da Biomasse Forestale). ' Convegno ''Radicchio di Monte, Dalla raccolta del materiale spontaneo alla coltivazione' (Ersa- Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia), 4 ore Rigolato 1° luglio 2010. ' Relatore al Convegno Sicurlav ''Gestione della Sicurezza sul Lavoro all'interno dei cantieri edili-forestali della Regione FVG' (Università degli Studi di Udine) 4 ore Udine del 22/04/2010. ' La sicurezza sul lavoro nell''impresa vitivinicola: dal vigneto alla cantina (Veneto Agricoltura) 8 ore, Legnaro 9 febbraio 2010. ' Convegno ''Il Testo Unico e la sicurezza nel mondo agroforestale', Viterbo 3 dicembre 2009. Altra attività formativa Corso di Formazione professionale permanente per Dottori Agronomi e Dottori Forestali: La formazione professionale, l''Estimo e gli standard internazionali Udine 23/04/2010 4 ore Argomenti trattati: - L'' Estimo nella libera professione del D.A.F. 152 - L''adeguamento dell''Estimo tradizionale alle nuove esigenze del mercato. Il professionista DAF nell''Estimo civile. Esercizio della professione, adempimenti tributari e previdenza Udine 28/05/2010 4 ore Argomenti trattati: - ordinamento professionale, fiscalità e information tecnology nello studio professionale; - competenze professionali, deontologia, tariffe e previdenza; - tutela dei dati personali, della salute e della sicurezza negli studi professionali; l''organizzazione dello studio. Pianificazione territoriale e paesaggistica Udine 18/06/2010 4 ore. Sicurezza nelle aziende agricole Udine 24/09/2010 4 ore Argomenti trattati: - adempimenti, obblighi e responsabilità nelle aziende agricole fino a 10 dipendenti. Normativa urbanistica e progettazione edifici rurali Udine 22/10/2010 4 ore Argomenti trattati: - la normativa urbanistica nazionale e regionale. Dall''idea imprenditoriale alla dichiarazione di fine lavori: la gestione della pratica edilizia. Catasto Udine 26/11/2010 4 ore Argomenti trattati: - la procedura PREGEO per l''aggiornamento degli atti catastali; - la procedura DOCFA per la compilazione dei documenti tecnici catastali.



© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186