verticale

La fito-estrazione assistita per il recupero della fertilità dei suoli agricoli contaminati

L’elevata produzione di biomassa dell’A. donax, non condizionata dal contenuto di Cd, apre buone prospettive per l’accoppiamento della fitoestrazione assistita con la produzione di energia o di materie prime per lo sviluppo di chimica verde. Questo consentirebbe di recuperare reddito per gli agricoltori rendendo economicamente produttivi suoli non destinabili alle produzioni alimentari e, in tempi medi, di restituire i suoli alle produzioni ordinarie. Le asportazioni di Cd del primo anno fanno supporre che la tecnica di fitoestrazione possa essere utile a bonificare il nostro suolo.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Supplemento alla rivista quadrimestrale micron, Arpa Umbria

Pubblicato
da Alessia De Giosa




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Cittadini nella società
della conoscenza
atti del convegno su pple me n to a lla r iv is ta qu adr imes tr ale m ic ro n (N. 11 / L u gl io 2009 ) d i A rpa U m br ia Ag en zia r eg ion ale p er la pr ote zione ambie n ta le Bonifica, recupero
ambientale e sviluppo del
territorio: esperienze a
confronto sul fitorimedio
atti del convegno su pple me n to a lla r iv is ta qu adr imes tr ale m ic ro n (N. 22 / Ag os to 2012 ) d i A rpa U m br ia Ag en zia r eg ion ale p er la pr ote zione ambie n ta le Direttore
Svedo Piccioni Direttore responsabile
Fabio Mariottini Segreteria di redazione
Markos Charavgis Direzione e redazione
Via Pievaiola San Sisto 06132 Perugia
Tel. 075 515961 - Fax 075 51596235
www.arpa.umbria.it
ufficiostampa@arpa.umbria.it Design
Paolo Tramontana Fotografia
ICP Milano Stampa
Grafox, Perugia 1 Presentazione
Adriano Rossi Il fitorimedio per la bonifica dei siti contaminati:
prospettive di sviluppo in Umbria
Paolo Sconocchia Il ruolo potenziale del fitorimedio nei siti della Provincia
di Ferrara: aspetti tecnici ed amministrativi
Igor Villani Il ruolo delle tecnologie ''soft' nella rigenerazione dei brownfields:
la visione del progetto europeo HoMBRe
Renato Baciocchi, Pierre Menger Il rimedio dei suoli e acque contaminati con metalli pesanti, organici
ed eccesso di nutrienti: processi biologici utili nella rizosfera
Angelo Massacci, Laura Passatore Fitotrattamento del percolato di discarica:il caso Alcantara
Paolo De Angelis, Daniele Bianconi, Angelo Massacci Le attività di REMIDA e l''approccio operativo
Andrea Sconocchia Prime esperienze di bonifica del suolo dal lindano: le potenzialità
della short rotation coppice (SRC) per il recupero ambientale
e la sostenibilità economica
Daniele Bianconi, Pierluigi Paris, Angelo Massacci Il progetto europeo GREENLAND (Gentle remediation of trace
element contaminated land): una soluzione verde per l''inquinamento
Giancarlo Renella Fitostabilizzazione e controllo idrologico in un sito multicontaminato
da metalli pesanti nell''area industriale di Porto Marghera
L. Pietrosanti, F. Pietrini, G. Matteucci, A. Massacci, R. Aromolo, M.C. Zuin,
G. Capotorti, A. Nardella Biorisanamento di acque sotterranee contaminate da solventi
clorurati: batteri responsabili del processo e strategie applicative
S. Rossetti, F. Aulenta, V. Tandoi, M. Majone, B. Matturro, M. Petrangeli Papini Esperienze di fitorisanamento presso due aree industriali
Luca Marchiol, Guido Fellet, Giuseppe Zerbi, Francesco Boscutti, Barbara Conte,
Carlo Montella, Carmine Guarino La fito-estrazione assistita per il recupero della fertilità dei suoli
agricoli contaminati
Massimo Fagnano, Nunzio Fiorentino La posizione dell''Unione Petrolifera nei processi di bonifica
Donatella Giacopetti INDICE 03 05 13 21 31 45 57 65 75 89 99 107 125 139 125 Premessa
Il ricorso a scorciatoie piuttosto che agli investimenti per la ricerca di metodi
per la riduzione dei costi di produzione, hanno portato molte imprese a smal-
tire i reflui dei propri cicli produttivi i maniera più o meno illegale. Numerose
inchieste (Cassiopea, Spartacus) hanno messo in luce un fitto intreccio tra eco-
nomia legale e organizzazioni criminali finalizzato allo smaltimento illegale dei
reflui industriali. Si stima che più di 1 milione di tonnellate di fanghi industriali
provenienti dalle industrie di Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e
Toscana sia stato smaltito dalle organizzazioni criminali nelle aree agricole della
Campania.
I meccanismi di smaltimento erano prevalentemente 3: sotterramento di carichi
pericolosi (fusti, container ed addirittura rimorchi con tutto il loro carico) con
conseguenti livelli di inquinamento molto alti, ma puntiformi; sversamento di
fanghi nei pozzi, con conseguente inquinamento diretto delle falde; miscelazio-
ne dei fanghi con compost e distribuzione sui suoli agricoli come ammendante.
Nel primo caso (intombamento), le uniche tecniche di risoluzione del problema
possibili sono quelle che portano alla rimozione dei materiali contaminati e lo
smaltimento in discariche controllate. Nel secondo caso (sversamento nelle fal-
de), gli inquinanti sono stati trasportati al suolo in maniera inconsapevole dagli
agricoltori attraverso l''irrigazione. La stessa dinamica ha interessato la fertilizza-
zione con compost di bassa qualità: una virtuosa pratica agricola si è trasformata
in una delle più diffuse cause di inquinamento soprattutto nelle pianure irrigue
interessate da agricoltura intensiva. A queste forme di inquinamento dovute allo
smaltimento illegale dei rifiuti industriali si è anche aggiunta la deposizione di
particelle derivate dalla combustione di rifiuti sia urbani che industriali (vedi
www.laterradeifuochi.it). La fito-estrazione assistita per il recupero della fertilità
dei suoli agricoli contaminati
Massimo Fagnano (Dip. Ingegneria agraria ed Agronomia, Università degli Studi di Napoli ''Federico II')
Nunzio Fiorentino (Dip. Ingegneria agraria ed Agronomia, Università degli Studi di Napoli ''Federico II') 126 Tutto ciò ha determinato la presenza di inquinamento di strati di terreno abba-
stanza superficiali, con livelli di concentrazione spesso moderati, ma che pur-
troppo interessa aree molto vaste.
In Campania sono stati identificati 6 Siti di Interesse Nazionale che coprono
circa 170.000 ha (fig. 1):
- Napoli Orientale (Legge 426/1998);
- Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano (Legge 426/1998);
- Napoli-Bagnoli Coroglio (Legge 426/1998);
- Aree del Litorale Vesuviano (Legge 179/2002);
- Bacino idrografico del fiume Sarno (Legge 266/2005);
- Pianura (DM 11 aprile 2008).
Il SIN più grande (Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano) è quasi tutto rap-
presentato da aree agricole che sono in via di abbandono a causa della crescente
difficoltà di vendere i prodotti agricoli anche a prescindere dal loro effettivo inqui-
namento. In questo contesto di degrado territoriale, che rende tristemente nota la
Campania, ma che non risparmia le aree più industrializzate del Paese, è andata
crescendo la necessità di sviluppare protocolli di bonifica che mirino al ripristino
della fertilità dei suoli ed alla loro restituzione alle tradizionali produzioni agricole. Figura 1. Siti potenzialmente inquinati in regione Campania (ARPAC, 2005) 127 Inoltre, negli ultimi anni si è andata sviluppando un''altra esigenza: la produzio-
ne di biomasse per uso energetico e come materia prima per la chimica verde.
La conversione in energia di tali biomasse è caratterizzata da un bilancio neu-
tro per le emissioni di carbonio perché, a differenza dei combustibili fossili, la
CO2 emessa durante la combustione corrisponde a quella che le piante hanno
assorbito con la fotosintesi in tempi recenti dall''atmosfera, e, di conseguenza,
non contribuisce all''innalzamento dell''effetto serra. Inoltre, la riduzione delle
disponibilità di prodotti petroliferi ed il conseguente prevedibile aumento dei
prezzi sta spingendo le principali industrie nazionali ad intensificare i loro in-
vestimenti nel settore della chimica verde basato sull''uso di risorse rinnovabili,
quali le biomasse verdi e le molecole prodotte dalla fotosintesi (cellulosa, lignina,
trigliceridi, ecc.).
Il principale fattore limitante di questo settore è la necessità di ampie superfici
per la coltivazione delle specie da biomassa: ciò potrebbe sottrarre i suoli più fer-
tili alla tradizionale agricoltura per la produzione di cibo mettendola così ancor
più a rischio a partire dalle aree cerealicole dove i ridotti margini di guadagno già
ora mettono a serio rischio la sopravvivenza economica delle aziende agricole.
I rischi connessi a questa riduzione di superfici agricole, non consistono tanto
nell''aumento dei prezzi dei prodotti alimentari o nella perdita di sovranità ali-
mentare dei Paesi industrializzati, quanto nella riduzione dell''accesso al cibo dei
cittadini dei Pesi in via di sviluppo (anche a causa del c.d. land grabbing) con
conseguente aumento dei morti e delle migrazioni per fame.
Naturalmente non è accettabile da nessun punto di vista uno sviluppo che com-
porti questi effetti ''collaterali'.
In questo quadro il gruppo agronomico del Dipartimento di Ingegneria agra-
ria ed Agronomia dell''Università di Napoli ha promosso diverse linee di ricerca
per sviluppare protocolli di bonifica eco-compatibile basati sull''utilizzazione
di piante interessanti per le industrie della green economy nazionale. Alcune
di queste ricerche saranno sviluppate nell''ambito del progetto PON ''Filiere
agro-industriali integrate ad elevata efficienza energetica per la messa a punto
di processi di Produzione Eco-compatibili di Energia e Bio-chemicals da fonte
rinnovabile e per la valorizzazione del territorio (acronimo EnerbioChem)', re-
centemente finanziato, ed al quale partecipano partner industriali come la No-
vamont o la Chemtex. 128 La fitoestrazione: limiti e prospettive per ottimizzare il processo di bioac-
cumulo
Studi accurati sulle concentrazioni di metalli presenti nei tessuti di alcune piante
misero in luce la loro straordinaria capacità di bioaccumulo verso uno o più me-
talli pesanti (Chaney et al., 1995).
Le ricerche sull''uso delle piante per la bonifica dei suoli contaminati sono state
spinte soprattutto dal fatto che la fitoestrazione, rispetto alle altre tecniche di
bonifica convenzionali, è molto più economica (tab. 1). Trattamento Fattori aggiuntivi Costo( $/ton)    Monitoraggio a lungo termine 75-425 Smaltimento in discariche Trasporto/scavo/monitoraggio 100-500 Trattamenti chimici Riciclaggio dei contaminanti 100-500 Elettrocinesi Monitoraggio 20-200 Fitoestrazione Monitoraggio 5-40 Tabella 1. Costi delle tecniche per il trattamento del suolo
Fonte: Glass, D.J., (1999). Economic potential of phytoremediation. In: Raskin, I., Ensley, B.D. (Ed.), Phytoremediation of
Toxic Metals: Using Plants to Clean up the Environment. John Wiley & Sons, New York, 15-32 Le piante per la fitoestrazione di tali metalli dovrebbero avere, preferibilmente,
le seguenti caratteristiche (Alkorta et al., 2004):
1) tolleranza ad alte concentrazioni di metalli;
2) accumulare grosse quantità di metallo nei loro tessuti fuori dal suolo;
3) rapido tasso di crescita;
4) produzioni ragionevoli di elevate biomasse in campo;
5) abbondante apparato radicale;
6) facilità di gestione culturale;
7) proprietà geneticamente stabili;
8) eventuale interesse economico della biomassa.
Le piante che riescono ad accumulare metalli nei tessuti della parte aerea in con-
centrazioni di almeno 1% (Zn, Mn), 0,1% (Ni, Cr, Co, Cu, Pb e Al), 0,01% (Cd
e Se) o 0,001% (Hg) su peso secco (Baker e Brooks, 1989) sono dette iperaccu-
mulatrici.
In relazione ai suddetti requisiti, tutte le specie iperaccumulatrici hanno uno o 129 più dei seguenti difetti: lento e ridotto sviluppo di biomassa, derivante dalla spesa
energetica necessaria per sostenere i meccanismi fisiologici che le proteggono dai
metalli in eccesso presenti nel suolo (Boyd, 1998); apparato radicale poco este-
so; necessità di determinate condizioni climatiche per il loro sviluppo ottimale;
necessità di pratiche agronomiche per ottimizzare il processo di bioaccumulo e
selettività di assorbimento (Ensley et al., 1999). I tempi di bonifica variano, da 1
a 20 anni (Kumar et al., 1995), in funzione del tipo e della gravità dell''inquina-
mento, della durata dello sviluppo della pianta e dall''efficienza estrattiva.
Per questi motivi, al fine di massimizzare le quantità di metalli estratti dal suolo,
recentemente la ricerca si è indirizzata maggiormente verso specie ad alta produ-
zione di biomassa, piuttosto che specie iperaccumulatrici (fig. 2).
Tra le specie a rapido accrescimento la Canna comune (Arundo donax L.), o canna
domestica, è senz''altro una delle più interessanti.
La sua area di origine si estende dal bacino del Mediterraneo al Medio Oriente
fino all''India, ma attualmente si può rinvenire, sia piantata che naturalizzata, nelle
regioni temperate e subtropicali di entrambi gli emisferi.
Rispetto alle specie annuali, le colture erbacee perenni, come l''Arundo, presentano
vantaggi energetici significativi, permettendo di ammortizzare i costi d''impianto
(pari al 50% dell''energia totale spesa per la coltura) lungo l''intera durata della col-
tivazione, che può superare i 20 anni. Il limitato bisogno di lavorazioni del terreno,
la prolungata ed intensa copertura del suolo e la resistenza alla trazione delle radici,
rendono questa specie capace di incrementare la sostanza organica del suolo e ri-
durne i processi erosivi. Figura 2. Differenze di habitus vegetativo tra specie iperaccumulatrici, Alyssum wulfenianum (A) e specie ad alta produtti-
vità di biomassa, Arundo donax (B) 130 La sua spiccata rusticità legata alla bassa esigenza di elementi nutritivi, alta resisten-
za a patogeni/parassiti, ed a stress idrici e termici rende inoltre l''Arundo adattabile
ad ambienti molto poco ospitali e marginali come i substrati a forte concentrazione
salina oppure inquinati.
Alcuni studi hanno recentemente messo in evidenza le capacità di A. donax per il
risanamento o decontaminazione ambientale di siti fortemente inquinati da so-
stanze organiche o metalli pesanti mediante il loro assorbimento, degradazione e
stabilizzazione come soluzione efficace e sostenibile da un punto di vista econo-
mico e ambientale. La canna comune presenta, inoltre, il vantaggio ecologico di
non essere appetita dagli animali, e quindi evita la diffusione di sostanze tossiche e
persistenti nella catena alimentare.
Gou e Miao (2010) hanno osservato come la canna comune possieda una forte
tolleranza ai metalli pesanti ed in presenza di forti concentrazioni di cadmio e
nichel non sono stati osservati effetti depressivi a carico del tasso fotosintetico e
della crescita della pianta così come di altri importanti parametri fisiologici, quali
conduttanza stomatica, concentrazione intercellulare di CO2, resistenza stomatica,
contenuto e fluorescenza della clorofilla (Papazoglou et al., 2007).
L''Arundo donax si presenta quindi come la specie più adatta al nostro scopo,
soddisfacendo tutti i requisiti necessari:
- è una specie a rapidissima crescita (tra le migliori al mondo): quasi 10 cm al giorno; - non necessita di particolari cure colturali;
- si adatta a quasi tutti i tipi di suoli;
- produce, in condizioni ottimali, una notevole quantità di biomassa (fino a 40- 50 t ha-1); - ha un apparato radicale profondo (200 cm);
- impedisce il pascolamento, essendo una specie non pabulare e garantendo una copertura fitta. Utilizzazione delle biomasse
La biomassa usata per estrarre gli inquinanti, può avere un valore economico
se impiegata per produrre energia per combustione o gassificazione seguita da
cogenerazione. Le ceneri prodotte, ovviamente ricche in metalli, possono es-
sere destinate, qualora economicamente conveniente, a processi estrattivi per 131 recuperare i metalli stessi. Tra le tecniche idrometallurgiche usate per estrarre i
metalli dalle ceneri, il metodo carrier in pulp potrebbe fornire una soluzione ai
problemi connessi al trattamento e recupero dei metalli dalle ceneri prodotte
dopo l''incenerimento dei residui vegetali (Alloro et al., 2008). Nel caso in cui
ciò non sia possibile tali ceneri possono essere incorporate in conglomerati ce-
mentizi (Cunningham e Ow, 1996), in materiali non soggetti a degradazione
o, ancora, destinate alla discarica, con il vantaggio di un ridotto volume rispet-
to alla biomassa tal quale (Kumar et al., 1995; Mosca et al., 2004).
Anche diverse produzioni no food (amido per la produzione di carta, colle,
plastiche, olio per la produzione di biodiesel o oli industriali) possono portare
ad un possibile ritorno economico, in quanto molte specie sono utilizzate per
i semi (es. brassicacee) dai quali si estrae l''olio e molte piante non traslocano i
metalli agli organi riproduttivi (Mosca et al., 2004).
Numerose ricerche hanno anche prospettato la possibilità di produrre etanolo
dalla biomassa dell''Arundo donax, previa separazione della cellulosa, idrolisi,
fermentazione alcolica e distillazione. I residui ligninici (20/30% della bio-
massa iniziale) contenti i metalli, potrebbero poi essere utilizzati per la produ-
zione energetica, con combustione o meglio pirogassificazione. Quest''ultima
tecnologia appare più interessante perché la combustione determina bassissi-
me emissioni di CO2 in quanto il gas ricco di idrogeno (syngas) in fase di com-
bustione viene ossidato ad H2O, ed anche perché determina una produzione di
ceneri (ricche di metalli) molto più contenuta (5/10%) rispetto alla normale
combustione dei termovalorizzatori (20/30%), con evidenti vantaggi sui costi
di smaltimento in discarica.
Recenti ricerche ancora in corso (Pirozzi et al., 2010) hanno evidenziato anche
la possibilità di utilizzare la biomassa di A. donax come substrato per la coltiva-
zione di lieviti oleaginosi dai quali è possibile estrarre lipidi per la produzione
di biodiesel. La stessa cellulosa può essere utilizzata come building block per lo
sviluppo di polimeri biodegradabili.
Al fine di potenziare le capacità dell''A. donax di estrarre metalli dai suoli con-
taminati, nella nostra sperimentazione a scala di campo abbiamo potenziato
la fitoestrazione mediante l''aggiunta al suolo di sostanze in grado da un lato
di aumentare la biodisponibilità dei metalli pesanti e dall''altro di migliorare
l''attività radicale delle piante: ovvero compost e Trichoderma spp. 132 Ruoli del compost
La sostanza organica derivante dall''aggiunta di compost immobilizza i metalli
pesanti che poi la mineralizzazione rende biodisponibili successivamente (Mc
Grath et al., 2000). In altri termini le sostanze umiche riducono la mobilità pas-
siva (diffusione, trasporto di massa) con il rischio di contaminare i corpi idrici
adiacenti, ma aumentano la mobilità attiva (assorbimento radicale) che è media-
ta dagli acidi organici essudati dalle radici. Infatti, l''aggiunta di sostanze umiche
immobilizza i metalli in complessi organo-metallici stabili proteggendoli dalla
solubilizzazione, e riducendo così il rischio di lisciviazione e quindi di inquina-
mento delle falde. In presenza degli acidi organici degli essudati radicali, però,
si consente il rilascio e quindi l''assorbimento da parte delle piante fitoestrattrici
(Piccolo, 1989; Fiorentino et al., 2010; Fiorentino et al, 2012). Inoltre, il com-
post si è rilevato essere molto adatto nei processi di phytoremediation in quanto
è dotato di microrganismi con elevate capacità metaboliche e di biodegradazione
nei confronti di molti composti organici tossici come idrocarburi policiclici aro-
matici, solventi clorurati e pesticidi (Vallini et al., 2002). Ruoli delle micorrize (Trichoderma spp)
Il Trichoderma è un fungo comune della rizosfera. ' dimostrato che riesce ad
instaurare una simbiosi di tipo mutualistico con la porzione ipogea delle pian-
te e, mediante iperparassitismo, limita fortemente la crescita di funghi patoge-
ni. Infatti, la produzione di metaboliti tossici e la forte azione micoparassitaria
lo rende un ottimo antagonista di numerosi funghi patogeni di importanza
economica come F. oxysporum, R. solani, Phytophthora spp., Verticillium spp.
e altri. Inoltre, i funghi del genere Trichoderma esplicano una attività di an-
tibiosi attraverso la produzione di un vasto numero di metaboliti secondari
ad attività antibiotica (Harman et al., 2004). Alcuni ceppi stabiliscono forti e
durature colonizzazioni delle superfici delle radici penetrando addirittura fino
al di sotto dell''epidermide (Woo e Lorito, 2007). Grazie alla produzione di
una grossa varietà di enzimi depolimerizzanti, Trichoderma spp. sono capaci di
utilizzare come fonte di carbonio e azoto un ampio gruppo di composti e ciò,
insieme all''abbondante produzione di conidi e all''adattabilità a diverse con-
dizioni ambientali, conferisce a queste specie un''elevata competitività rispetto
alla restante microflora del terreno. Altri ceppi di Trichoderma interagiscono 133 attivamente con la pianta promuovendone la crescita delle radici e del fusto
(Harman et al., 2004).
Negli ultimi anni è stata dimostrata anche la capacità di alcuni ceppi di Tri-
choderma di biodegradare o comunque tollerare una vasta gamma di inqui-
nanti ambientali, tanto è vero che in letteratura è riportato il suo impiego nella
phytoremediation di suoli inquinati da idrocarburi (Harman et al., 2004). Tali
ceppi, in virtù delle loro peculiarità, sono stati inseriti anche in programmi di
recupero di suoli; essendo microrganismi rizosfera-competenti che contribu-
iscono alla stabilità delle comunità microbiche nella rizosfera, controllano la
microflora patogena e competitiva; insomma, migliorano la salute delle piante
e aumentano lo sviluppo e la densità delle radici. Nella fattispecie si è visto che
il ceppo T22 di T. harzianum aumenta notevolmente l''efficacia delle piante
utilizzate per il fitorisanamento e recenti studi hanno dimostrato che il tratta-
mento delle radici di felci con questo fungo determina una drastica riduzione
dei livelli di arsenico nei suoli contaminati ed un significativo incremento della
biomassa radicale rispetto alle piante controllo (Harman et al., 2004). Obiettivi della ricerca
Lo scopo della ricerca è stato quello di testare la capacità fitodepuratrice dell''A-
rundo donax includendola in un protocollo di ''fitoestrazione' assistita tramite
l''inoculazione con Trichoderma e la fertilizzazione con compost.
Sono stati utilizzati materiali facilmente reperibili in commercio ed economici
come il compost e un bioregolatore commerciale a base di Trichoderma e non si
è ritenuto opportuno intervenire con concimazioni minerali ed irrigazioni con
l''obiettivo di valutare un protocollo di fitoestrazione assistita a basso costo.
Si è scelto un sito moderatamente inquinato perché rappresenta, in maniera
chiara, quella che è la situazione della maggior parte dei siti contaminati in
Campania caratterizzati da un inquinamento di tipo diffuso. Primi risultati di campo
Il campo sperimentale è stato allestito in un''azienda privata e si trova ad Acer-
ra, in provincia di Napoli, località inclusa nel Sito di Interesse Nazionale (SIN)
Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano. Le applicazioni di compost di
bassa qualità e la combustione di rifiuti sono state riconosciute come le prin- 134 cipali fonti di inquinamento da cadmio (ARPAC, 2005). La tessitura del terreno
è sabbiosa-limosa (USDA), con un alto contenuto di carbonati (50% in media),
un pH sub-alcalino (7,7) e un alto tenore di carbonio organico e azoto totale
(1,73/0,18% rispettivamente). Il livello di contaminazione è moderato (3,4 mg kg-
1), considerata la soglia di 2.0 mg kg-1 prevista dal DLgs 152/06.
La fertilizzazione con il compost e l''inoculazione dei rizomi di Arundo donax con
Trichoderma sono state combinate in modo fattoriale ottenendo i seguenti trat-
tamenti: rizomi non inoculati e non fertilizzati (NT-NC); rizomi inoculati e non
fertilizzati (T-NC); rizomi non inoculati e fertilizzati (NT-C) e rizomi inoculati
e fertilizzati (T-C).
I trattamenti con compost e Trichoderma sono stati disposti in parcelle di 132 m2
(6 x 22 m) ed inclusi in uno schema a blocchi randomizzati con tre repliche.
Il compost utilizzato, ottenuto da scarti verdi e frazione organica dei rifiuti solidi
urbani (RSU), presentava un bassissimo contenuto in elementi potenzialmente
tossici (PTEs) e le sue caratteristiche rientravano nei parametri di legge italiana in
materia di fertilizzanti organici (L 784/94, DL 99/92) consentendone l''impiego
in agricoltura senza nessuna restrizione. La distribuzione del fertilizzante organico
alla dose di 20 Mg ha-1 (FW), corrispondenti a 130 kg N ha-1 è stata effettuata
manualmente il 14 aprile 2009 e l''interramento è stato effettuato due giorni dopo
a 20 cm con una fresatrice. I rizomi da trapiantare nelle parcelle T-NC e T-C sono
stati inoculati con T. harzianum A6 immergendoli per 24 h in una sospensione di
acqua 100ml/100L e di un bioregolatore commerciale (BioplantGuard ®, Saipan Srl, Cava de ''Tirreni, Italia, T. harzianum 107 CFU g-1).
Il trapianto è stato effettuato il 17 aprile 2009 ad una profondità di 20 cm con
una distanza di 60 cm tra le file con una densità di 2,7 piante m-1.
Le piante sono state irrigate solo dopo il trapianto con l''obiettivo di assicurare
un buon contatto tra radici e suolo, mentre durante l''intera stagione di crescita
la coltura si è avvantaggiata unicamente dell''acqua meteorica.
I trattamenti sono stati effettuati ad inizio sperimentazione con lo scopo di
valutarne gli effetti immediati (prima stagione di crescita) e quelli di medio
termine (cicli successivi) legati ad un''unica applicazione.
Gli effetti dei trattamenti sulla produzione di A.donax mostrano un''azione si-
nergica di compost e Trichoderma, con un aumento del 38% rispetto alla media
degli altri trattamenti (fig. 3). 135 I trattamenti (Compost e Trichoderma) hanno consentito di aumentare la fitoe-
strazione del Cd (fig. 4) soprattutto a carico di foglie (+20%) e rizomi (+30%),
consentendo di raggiungere valori più alti di quelli riportati in letteratura: 6 mg
kg-1 vs. 0,57-1,42 mg kg-1 (Gou e Miao, 2010) o vs. 2,92-4,02 (Kos et al., 2003).
Le asportazioni totali di Cadmio, nel primo anno non sono state molto alte (50-
70 g ha-1), ma in linea con quelli riportati in altri lavori (Kos et al., 2003). Conclusioni e prospettive future
1) L''elevata produzione di biomassa dell''A. donax, non condizionata dal conte- nuto di Cd, apre buone prospettive per l''accoppiamento della fitoestrazione
assistita con la produzione di energia o di materie prime per lo sviluppo di
chimica verde. Questo consentirebbe di recuperare reddito per gli agricoltori
rendendo economicamente produttivi suoli non destinabili alle produzioni
alimentari e, in tempi medi, di restituire i suoli alle produzioni ordinarie. 2) Le asportazioni di Cd del primo anno fanno supporre che la tecnica di fitoestrazione possa essere utile a bonificare il nostro suolo. Figura 4 - Concentrazioni di Cadmio nei vari organi della pianta nel primo anno di crescita Figura 3 - Trichoderma x Compost: effetto sulla produzione di biomassa della parte epigea e dei culmi. Lettere differenti
indicano valori diversi per p<0,05 136 3) Un ideale protocollo di bonifica con Arundo donax prevede la raccolta an- nuale della biomassa aerea destinata alla filiera energetica e la raccolta dei
rizomi a fine ciclo produttivo (circa 10 anni). Culmi a basso contenuto di
metalli possono essere utilizzati in processi ad alto livello tecnologico per la
conversione in bioetanolo e biodiesel senza creare problemi all''attività del-
la microflora coinvolta, ma non va scartata l''ipotesi di un utilizzo nella ter-
movalorizzazione. La raccolta invernale potrebbe incrementare l''efficienza
di questi processi grazie alla minore presenza di foglie nella biomassa aerea,
ma va considerato che sarebbe associata ad un ritorno al suolo di notevoli
quantità di metalli. 4) L''effetto positivo dell''interramento di compost sulla biodisponibilità dei metalli suggerisce la sua utilizzazione estensiva in protocolli di bonifica
pianificati a livello regionale. Questo consentirebbe di recuperare la frazio-
ne organica dei rifiuti riducendone le quantità trasportate in discarica per
introdurla in un ciclo virtuoso di recupero della fertilità dei suoli. 5) Gli effetti del Trichoderma sono tangibili in entrambi gli anni di sperimen- tazione. La sua attitudine a stimolare l''accrescimento della biomassa aerea
e quindi ad incrementare i quantitativi di metalli asportabili suggeriscono
un suo utilizzo soprattutto se in combinazione con il compost. Naturalmente sono necessarie alcune condizioni per la realizzazione di una filiera
sostenibile:
1) Esistenza sul territorio di tutti gli attori della filiera entro un raggio critico di
50-70 km
Trattandosi di un sistema molto complesso, nel quale i costi legati ai trasporti inci-
dono in maniera particolare, è necessario organizzare la presenza sul territorio degli
operatori appartenenti a tutti i sistemi produttivi coinvolti:
- sistema agricolo (coltivazione e produzione);
- sistema logistico (raccolta, trasporto, primo stoccaggio, ecc.);
- sistema industriale (trasformazione, gestione ceneri e riciclaggio metalli);
- sistema pubblico di controlli (Enti Locali, Università).
2) Convenienza economica
Le industrie sono disposte a pagare le biomasse fino a 40-50 '/t/s.s. Ciò consenti-
rebbe di ottenere redditi agricoli interessanti con PLV pari a circa 1.200-1.500 '/
ha/anno. Solo a queste condizioni il sistema risulterebbe autosostenibile. 137 3) Sostenibilità ambientale
Naturalmente è necessario che tutti i segmenti della filiera, dalla coltivazione del-
le biomasse al trasporto, fino ai processi di trasformazione, siano gestiti in modo
da ridurne al minimo l''impatto ambientale.
4) Fiducia e consenso delle popolazioni
Un sistema così complesso deve coinvolgere tutti i soggetti presenti sul territorio,
attivando operazioni di informazione, divulgazione, pianificazione partecipata,
ma soprattutto garantendo la massima trasparenza attraverso un sistema indi-
pendente di controllo e biomonitoraggio, degli impatti. Bibliografia Alkorta I., Hernandez-Allica J., Becerril J.M., Amezaga I., Albizu I., Garbisu C. (2004). Recent findings on the phyto-
remediation of soils contaminated with environmentally toxic heavy metals and metalloids such as zinc, cadmium, lead
and arsenic. Reviews on Environmental Health 3, 71-90. Alorro R.D., Mitani S., Hiroyoshi N., Ito M., Tsunekawa M. (2008). Recovery of heavy metals from MSW molten fly ash
by carrier-in-pulp method: Fe powder as carrier. Minerals Engineering 21, 1094-1101. ARPAC (2005). Piano Regionale di Bonifica dei siti inquinati della regione Campania. Baker A.J.M., Brooks R.R. (1989). Terrestrial higher plants which hyper accumulate metallic elements '' Review of their
distribution, ecology, and phytochemistry. Biorecovery 1, 81-126. Boyd R.S. (1998). Hyperaccumulation as a plant defensive strategy. In: Brooks R.R. (Ed.) Plants that hyperaccumulate
metals, CAB International, Wallingford, UK 181-201. Chaney R.L., Li Y.M., Brown S.L., Angle J.S., Baker A.J.M. (1995). Hyperaccumulator based phytoremediation of metal-
rich soils. In: Will plants have a role in bioremediation' Proceeding of the Fourteenth Annual Symposium, Current
Topics in plant biochemistry, physiology and molecular biology. Aprile 19-22, Columbia MI: 33-34. Cunningham S.D., Ow D.W. (1996). Promises and prospects of phytoremediation. Plant Physiology 110 (3), 715-719. Ensley B.D., Blaylock M.J., Dushenkov S., Kumar N.P.B.A., Kapulnik Y. (1999). Inducing hyperaccumulation of metals
in plant shoots. S.U. Patent 5 917 117. Date issued: 29 June 1999. Fiorentino N., Impagliazzo A., Ventorino V., Pepe O., Piccolo A., Fagnano M. (2010). Biomass accumulation and heavy
metal uptake of giant reed on polluted soil in southern Italy. Journal of biotechnology, 150, S1, 261. doi:10.1016/j.
jbiotec.2010.09.155. Fiorentino N., Fagnano M., Ventorino V., Pepe O., Zoina A., Impagliazzo A., Spigno P. (2012). Assisted phytoextraction
of heavy metals: compost and Trichoderma effects on giant reed uptake and soil quality. Plant Soil Environ. (in press). Glass D.J. (1999). Economic potential of phytoremediation. In: Raskin, I., Ensley, B.D. (Ed.), Phytoremediation of Toxic
Metals: Using Plants to Clean up the Environment. John Wiley & Sons, New York, 15-32. Gou Z.H., Miao X.F. (2010). Growth changes and tissues anatomical characteristics of giant reed (Arundo donax L.) in
soil contaminated with arsenic, cadmium and lead. J. Cent. South Univ. Technol 17, 770''777. Harman G.E., Howell C.R., Viterbo A., Chet I., Lorito M. (2004). Trichoderma species-opportunistic, avirulent plant
symbionts. Nature Review Microbiology 2, 43-56. Kos et al. (2003). Plant Soil Environ., 49: 548-553. 138 Kumar P. B. A. N., Dushenkov V., Motto H., Raskin I. (1995). Phytoextraction: The use of plants to remove heavy metals
from soils. Environmental Science and Technology 29, 1232''1238. Mc Grath S.P., Zhao F.L., Dunham S.J., Crosland A.R., Coleman K. (2000). Long-term changes in the extraibility and
bioavailability of Zinc and Cadmium after sludge application. Environ. Qual., 29, 875-883. Mosca G., Vamerali T., Ganis A., Coletto L., Bona S. (2004). Miglioramento dell''efficienza agronomica della fitode-
contaminazione di metalli pesanti. In: Zerbi G. e Marchiol L. (Ed.) Fitoestrazione di metalli pesanti, contenimento del
rischio ambientale e relazioni suolo-microrganismi-pianta. Ed. Forum, Udine, 105-135. Papazoglou E.G., Serelis K.G., Bouranis D.L. (2007). Impact of high cadmium and nickel soil concentration on selected
physiological parameters of Arundo donax L. European J. of Soil Biol. 43, 207-215. Piccolo A. (1989). Reactivity of added humic substances towards plant available heavy metals in soils. The Sci. of the
Total Environ., 81/82, 607-614. Pirozzi D., Yousuf A., Fagnano M., Mori M., Fiorentino N., Impagliazzo A. (2010). Lipids production by yeast grown on
giant reed biomass. Journal of biotechnology, 150, S1, 167-168. doi:10.1016/j.jbiotec.2010.08.434. Vallini G., De Gregorio S., Pera A., Chuna Queda A.C.F. (2002). Exploitation of composting management for either re-
clamation of organic wastes or solid-phase treatment of contaminated environmental matrices. Environmental Reviews/
Dossiers Environ. 10(4), 195-207. Woo S.L., Lorito M. (2007). Exploiting the interactions between fungal antagonists, pathogens and the plant for biocon-
trol. In: Vurro M., Gressel J. (Eds.), Novel Biotechnologies for Biocontrol Agent Enhancement and Management. IOS,
Springer Press, Amsterdam, the Netherlands, 107-130.

Document Outline

INDICE Presentazione Il fitorimedio per la bonifica dei siticontaminati: prospettive di sviluppo in Umbria Il ruolo potenziale del fitorimedio nei sitidella Provincia di Ferrara: aspetti tecnicied amministrativi Il ruolo delle tecnologie ''soft'nella rigenerazione dei brownfields:la visione del progetto europeo HoMBRe Il rimedio dei suoli e acque contaminaticon metalli pesanti, organici ed eccessodi nutrienti: processi biologici utili nella rizosfera Fitotrattamento del percolato di discarica:il caso Alcantara Le attività di REMIDA e l''approccio operativo Prime esperienze di bonifica del suolo dal lindano:le potenzialità della short rotation coppice (SRC)per il recupero ambientale e la sostenibilità economica Il progetto europeo GREENLAND(Gentle remediation of trace element contaminated land):una soluzione verde per l''inquinamento Fitostabilizzazione e controllo idrologico in un sitomulticontaminato da metalli pesanti nell''area industrialedi Porto Marghera Biorisanamento di acque sotterranee contaminateda solventi clorurati: batteri responsabili del processoe strategie applicative Esperienze di fitorisanamento presso due aree industriali La fito-estrazione assistita per il recupero della fertilitàdei suoli agricoli contaminati La posizione dell''Unione Petroliferanei processi di bonifica


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186