verticale

Incentivi alle rinnovabili: l’Olanda rimpolpa il budget e le aziende ringraziano

Grazie a questa iniziativa a vantaggio di un settore in continua crescita cui guardano moltissime aziende in Olanda, l’investimento ha un rientro molto rapido e viene presto generato un guadagno dalla vendita dell’energia elettrica alla rete e dalla produzione di energia termica a basso costo, dal momento che le biomasse hanno un prezzo molto più basso rispetto ai combustibili fossili.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda

Pubblicato
da Supporto Verticale
EIOM Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
aziende & dintorni Aziende & Dintorni A&D 22 LA TERMOTECNICA OTTOBRE 2018 Grazie a questa iniziativa a vantaggio di un settore in continua cre-
scita cui guardano moltissime aziende in Olanda, l'investimento ha
un rientro molto rapido e viene presto generato un guadagno dalla
vendita dell'energia elettrica alla rete e dalla produzione di energia
termica a basso costo, dal momento che le biomasse hanno un prezzo
molto pi basso rispetto ai combustibili fossili. 'Un provvedimen-
to, quello che prevede incentivi per gli impianti di cogenerazione
alimentati a biomasse solide, che sempre pi Governi nel mondo
intraprendono per spingere ad abbandonare gli inquinanti carbu-
rati fossili ' spiega Davis Zinetti, AD di Uniconfort azienda veneta
leader nel settore, ad alta qualit tecnologica e in continuo sviluppo
che progetta, realizza e installa caldaie e impianti a biomasse ' che
per risponde oltre che ad una scelta verde pi in generale, anche
alle esigenze di risparmio delle aziende che si trovano a fronteggiare
gli alti costi derivanti dal conto energetico'.
Tra le molte aziende olandesi, si rivolta ad Uniconfort anche TMB
Europe, che le ha commissionato tre impianti a cogenerazione ali-
mentati a biomasse solide. Uno gi in funzione a Bleiswijk e due
sono in fase di installazione, ma TBM talmente soddisfatta dei ri-
sultati dell'impianto gi installato, che ne ha commissionati altri due.
Le caldaie realizzate per TBM Europe sono alimentate a pellet e con
l'aiuto di una turbina producono energia elettrica che viene venduta
alla rete e energia termica che viene utilizzata per alimentare la
rete di teleriscaldamento lunga decine di chilometri del Comune di
Rotterdam gestita da ENECO, che cos pu offrire prezzi particolar-
mente bassi a molte utenze. Tra queste anche le rinomate serre Leo
Ammerlaan, azienda florovivaistica tra le maggiori in Europa per
la produzione di fiori. NESSUN CLIENTE UGUALE A UN ALTRO
Ogni caldaia e impianto Uniconfort una offre soluzioni tecniche di-
verse a seconda delle particolari richieste del cliente, in questo caso
l'esigenza di bruciare grandi quantit di combustibile: ben 40 mila
tonnellate l'anno! Ecco dunque che alle caldaie stato associato un
sistema di alimentazione con Toploader: un silos di stoccaggio del
combustibile che scarica dall'alto e che permette di gestire volumi
di magazzino della biomassa pi ampi rispetto a quelli tradizionali.
Altro elemento distintivo dell'impianto l'economizzatore fumi/
acqua, un sistema che permette di recuperare l'energia residua dei
fumi per preriscaldare l'acqua dell'impianto e quindi di diminuire i consumi di combustibile ottimizzandone la resa. Soluzioni all'a-
vanguardia applicate anche dall'olandese Wattplant, azienda di
Uden, cittadina a sud di Rotterdam che, grazie all'installazione di
due caldaie Uniconfort che bruciano pellet, alimenta un impianto di
cogenerazione. L'energia elettrica viene veduta alla rete e l'energia
termica invece destinata a una vicina fungaia, che la utilizza per
riscaldare gli ambienti e sterilizzare le celle. Un processo che le
permetter di ottenere incentivi per diversi anni. LA COGENERAZIONE UN PROCESSO
PARTICOLARMENTE VANTAGGIOSO
Il processo cogenerativo permette forti risparmi in quanto, producen-
do contemporaneamente energia termica ed elettrica, si ottimizza
l'uso del combustibile. 'Quando alla caldaia viene collegata una
turbina per la generazione dal calore di energia elettrica i vantaggi
si moltiplicano. La Cogenerazione infatti ' continua Zinetti ' un
processo che permette di razionalizzare l'utilizzo del combustibile,
ottimizzando l'efficienza dell'intero impianto e riducendo di molto i
tempi di ammortamento dell'investimento. In quest'ambito Uniconfort
in grado di soddisfare la domanda di piccole e grandi realt, con
caldaie standard o personalizzate in base alle biomasse a disposi-
zione, che possono produrre contemporaneamente energia termica
(dai 90 kW ai 15 MW) ed energia elettrica (dai 50 kW ai 5 MW)'.
Ai risparmi generati dal processo cogenerativo e ai guadagni por-
tati dagli incentivi, si deve aggiungere poi il vantaggio di utilizzare
le biomasse solide, che a parit di resa costano molto meno dei UNICONFORT - Incentivi alle rinnovabili: l'Olanda
rimpolpa il budget e le aziende ringraziano Rendono particolarmente vantaggiosa l'installazione di caldaie a biomassa solida a servizio di impianti di cogenerazione: sono gli incentivi erogati
dal Governo olandese, che intende cos sviluppare una tecnologia verde per la produzione di energia elettrica e termica. UNICONFORT - www.uniconfort.com a cura di Uniconfort A&D Aziende & Dintorni 23 LA TERMOTECNICA OTTOBRE 2018 combustibili fossili. Nell'ambito della valorizzazione energetica di
questo combustibile verde, Uniconfort si colloca tra le prime realt
del settore nel panorama mondiale con oltre 2.850 caldaie installate
dal 1998 in oltre 100 Paesi. I SETTORI IN CUI OPERIAMO
Le caldaie Uniconfort lavorano in ospedali, segherie, piscine, super-
mercati, aziende grandi e piccole e a servizio di sistemi di teleriscal-
damento in tutto il mondo. 'Uniconfort una realt conosciuta in
Italia e all'estero, nel continente americano, in Africa, Europa, Asia
e in Oriente ' conclude Zinetti ' La distanza non un problema:
siamo in grado di progettare, costruire e installare impianti in breve
tempo ed in qualsiasi parte del mondo, venendo incontro ad ogni
esigenza, anche la pi particolare'. Il punto di forza di Uniconfort
la capacit di innovazione e l'alta tecnologia, che permette di
realizzare prodotti di alta qualit e dimensionati sulle esigenze dei
clienti, anche in termini di disponibilit dei materiali da bruciare.
Uniconfort, infatti, in grado di fornire impianti che valorizzano
energeticamente combustibili standard ma anche materiali derivanti
dallo scarto di produzione di aziende agroalimentari e dalla gestio-
ne delle foreste: materiali 'poveri', con umidit e residui di ceneri
molto alte, eterogenei per grado di umidit ma anche per pezza- tura, a basso potere energetico e con caratteristiche diversissime
tra loro. Per le aziende sono scarti da smaltire a pagamento, per
Uniconfort preziosi combustibili. Il risultato' Un ulteriore risparmio
sul conto energetico che pu raggiungere e superare il 50%, e la
minore dipendenza dalla fluttuazione dei prezzi dei combustibili
standard sul mercato. UNICONFORT IN ITALIA'
Sono moltissime le installazioni a firma dell'azienda veneta, sia nelle
piccole che nelle grandi realt. Nel torinese una caldaia Uniconfort
che brucia scarti dalla gestione dei boschi alimenta un impianto a
cogenerazione: l'energia elettrica viene venduta alla rete mentre
l'energia termica viene sfruttata in parte dall'azienda Caffarel nel
suo stabilimento 'verde' di Luserna San Giovanni per riscaldare le
vasche dove viene lavorato il cioccolato; il resto, tramite teleriscal-
damento, viene distribuito ad edifici pubblici e abitazioni private,
con un forte risparmio rispetto ai combustibili fossili. sempre una
caldaia Uniconfort a fornire energia e calore a 1.800 appartamenti
nel cuore di Milano, generando 7 milioni di kW di energia elettrica
e 31,2 milioni di kW di energia termica all'anno, con un risparmio
per gli utenti di circa il 50% sui costi di riscaldamento; mentre nel
Salento, in Puglia, un'azienda agricola ricava 1 MW di energia
elettrica e 4 MW di energia termica ogni ora a costo quasi nullo
dalle potature di ulivo. ' E NEL RESTO DEL MONDO
Innumerevoli gli impianti fuori dai nostri confini. In Inghilterra lo
strame dei cavalli delle scuderie reali di Londra viene bruciato
per produrre calore ed energia. Un'esperienza replicata nella pi
grande scuderia del Kentucky, negli USA. Sainsbury's, la seconda
catena di supermercati inglesi con un migliaio di punti vendita, ha
gi installato 50 caldaie Uniconfort per le sue nuovi sedi. Un nu-
mero destinato a salire, visto che utilizzare biomasse acquistate sul
mercato per produrre calore, refrigeramento e energia ha portato
ad una riduzione della spesa di circa il 50%. In Galizia (Spagna),
un'industria che produce pellet industriale grazie a una caldaia
ad alto rendimento Uniconfort ottiene i 1.000 kWe e i 5.000 kWt
necessari ai processi produttivi, e in Russia, una caldaia Uniconfort
(5.800 kWt e 1.000 kWe) teleriscalda un'intera citt di 60 mila
abitanti a nord di Pietroburgo e fornisce l'energia necessaria al
funzionamento dell'impianto.
'Siamo in grado di progettare, costruire e installare impianti in breve
tempo ed in qualsiasi parte del mondo - conclude Zinetti - venendo
incontro ad ogni esigenza e seguendo il cliente nel complesso e
delicato percorso che porta dalla scelta di installare un impianto
a biomasse solide al suo avvio: dall'analisi di fattibilit alla con-
sulenza per accedere agli eventuali incentivi, dal procacciamento
del finanziamento alla ricerca della filiera di approvvigionamento,
dalla progettazione alla costruzione e installazione, ma anche alla
manutenzione negli anni.
Un percorso lungo e complesso, se non se ne conoscono le strade,
che Uniconfort pu personalizzare, fornendo le tecnologie adeguate
e garantendo affidabilit, sicurezza, economicit e, soprattutto,
qualit'.


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186