verticale

Impianti Elettrici

Il sistema elettrico è l’insieme di componenti atti alla produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica. Lo sviluppo del sistema elettrico segue quasi con proporzionalità la crescita del prodotto interno lordo (PIL) di una nazione. Il PIL è il valore complessivo dei beni e servizi prodotti all'interno di un Paese in un certo intervallo di tempo (solitamente l'anno) e destinati ad usi finali (consumi finali, investimenti, esportazioni nette). La domanda elettrica è pari alla produzione lorda di energia elettrica più il saldo degli scambi con l’estero. La domanda elettrica, pur essendo crescente con gli anni, non è costante nel tempo, bensì varia a seconda del periodo dell’anno e dell’ora del giorno.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Appunti delle lezioni della laurea magistrale in ingegneria elettrotecnica - Università di Roma - La Sapienza - 2012

Pubblicato
da Martina Gambini
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Impianti Elettrici Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 1 IMPORTANTE Questi appunti non sono stati concepiti per essere sostitutivi né dei libri di testo, né tantomeno
delle lezioni tenute dai professori. Sono il mio strumento di preparazione all''esame, ma dato che nell''arco della mia carriera
universitaria sono stati utili a varie colleghi ho deciso di renderli pubblicamente accessibili. Per raggiungere la preparazione necessaria ad affrontare l''esame questi appunti non sono
sufficienti: sono troppo sintetici ed essenziali. Sono un valido strumento per prepararsi all''esame, non supporto di studio. Alcune parti potrebbero essere incomplete o magari errate, sono pur sempre state scritte da uno
studente. Per questo il libro di testo resta la fonte più affidabile e completa di informazioni. Detto questo vi auguro un buono studio e in bocca al lupo per l''esame. Emanuele ''Laeman' Freddi Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 2 Indice 1. Architettura del sistema elettrico .................................................................................................... 7 1.1 Definizione di sistema elettrico e fabbisogno elettrico nazionale ............................................. 7 1.2 Impianti di produzione e copertura del fabbisogno '' diagrammi di carico .............................. 9 1.3 Il sistema di trasmissione dell''energia elettrica ...................................................................... 13 1.4 Il sistema di distribuzione dell''energia elettrica ...................................................................... 18 2. I modelli dei componenti di rete .................................................................................................... 19 2.1 Linee Elettriche ........................................................................................................................ 19 2.1.1 Induttanza longitudinale ................................................................................................... 20 2.1.2 Resistenza longitudinale ................................................................................................... 23 2.1.3 Capacità trasversale .......................................................................................................... 24 2.1.4 Conduttanza trasversale ................................................................................................... 27 2.1.5 Rappresentazione delle linee ............................................................................................ 27 2.1.6 Potenza caratteristica della linea ...................................................................................... 30 2.2 Linee elettriche alla sequenza omopolare ............................................................................... 32 2.3 Trasformatori alla sequenza diretta e omopolare ................................................................... 33 2.4 Generatori sincroni alla sequenza diretta e omopolare .......................................................... 34 3. I flussi di potenza in rete ................................................................................................................ 36 3.1 Deduzione del circuito equivalente e calcolo della matrice delle ammettenze ...................... 36 3.2 Aggiornamento della matrice delle ammettenze .................................................................... 39 3.3 Il calcolo dei flussi di potenza .................................................................................................. 41 4. Regolazione della frequenza .......................................................................................................... 44 4.1 Regolatore di velocità .............................................................................................................. 45 4.2 Massa rotante .......................................................................................................................... 50 4.3 Carico ....................................................................................................................................... 52 4.4 Macchina isolata in regolazione primaria ................................................................................ 53 4.5 Reti con più macchine in regolazione primaria '' massa rotante equivalente ........................ 54 4.6 Rete isolata in regolazione primaria ........................................................................................ 55 4.7 Rete interconnessa in regolazione primaria ............................................................................ 58 4.8 Cenni sulla regolazione secondaria e terziaria ........................................................................ 61 5. Regolazione della tensione ............................................................................................................ 63 5.1 Regolazione nelle centrali di produzione ................................................................................. 63 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 3 5.1.1 SE completamente rotanti ................................................................................................ 64 5.1.2. SE semistatici .................................................................................................................... 64 5.1.3. SE statici ........................................................................................................................... 65 5.1.4. Grandezze caratteristiche dei sistemi di eccitazione ....................................................... 67 5.1.5. Asservimento del regolatore di tensione al carico dell''alternatore ................................ 67 5.2 Campo di funzionamento dei generatori sincroni ................................................................... 68 5.3 Compensatori sincroni ............................................................................................................. 69 5.4 Condensatori statici ................................................................................................................. 69 5.5 Reattanze shunt ....................................................................................................................... 70 5.6 Compensatori statici ................................................................................................................ 70 5.7 Regolazione della tensione nelle reti di sub-trasmissione ...................................................... 71 5.8 Regolazione della tensione nelle reti di distribuzione ............................................................. 71 6. I corti circuiti .................................................................................................................................. 72 6.1 Guasto simmetrico ................................................................................................................... 75 6.2 Guasto dissimmetrico .............................................................................................................. 76 6.3 Guasto trifase ........................................................................................................................... 78 6.4 Guasto fase-terra ..................................................................................................................... 79 6.5 Guasto fase-fase ....................................................................................................................... 80 6.6 Guasto bifase-terra .................................................................................................................. 81 6.7 Rapporto tra corrente di corto circuito monofase e trifase .................................................... 82 7. L''interruzione delle correnti alternate ........................................................................................... 83 7.1 Il fenomeno dell''interruzione in corrente alternata ................................................................ 84 7.2 Casi notevoli di interruzione .................................................................................................... 87 7.2.1 TTR ad una frequenza ....................................................................................................... 87 7.2.2 TTR a due frequenza ......................................................................................................... 87 7.2.3 Interruzione di piccole correnti induttive ......................................................................... 89 7.2.4 Interruzione di correnti capacitive .................................................................................... 91 7.3 L''arco elettrico e i fenomeni utilizzati per estinguerlo ............................................................ 93 7.4 Principali tipologie di interruttori per AT ................................................................................. 94 7.5 I parametri fondamentali degli interruttori ............................................................................. 95 8. Lo Stato del neutro nelle reti di AT, MT e BT ................................................................................. 96 8.1 Stato del neutro dei generatori sincroni .................................................................................. 97 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 4 8.2 Stato del neutro nelle reti AT ................................................................................................... 98 8.3 Stato del neutro nelle reti MT .................................................................................................. 99 8.3.1 Neutro direttamente a terra ........................................................................................... 100 8.3.2 Neutro isolato ................................................................................................................. 101 8.3.3.Neutro a terra tramite resistenza ................................................................................... 103 8.3.4. Neutro a terra tramite bobina di Petersen .................................................................... 104 8.4 Stato del neutro nelle reti BT ................................................................................................. 107 9. Pericoli da elettricità .................................................................................................................... 110 9.1 Effetti della corrente sul corpo umano .................................................................................. 110 9.2 Protezione delle persone negli impianti utilizzatori. ............................................................. 111 9.2.1 Sistema TT ....................................................................................................................... 112 9.2.2 Sistema TN ...................................................................................................................... 113 9.2.3 Sistema IT ........................................................................................................................ 114 9.3 Dispersori di terra .................................................................................................................. 115 9.4 Protezione tramite relè differenziale ..................................................................................... 116 10. Stabilità di trasmissione ............................................................................................................. 117 10.1 Il concetto di stabilità di trasmissione '' definizioni ............................................................. 117 10.2 Il criterio delle aree .............................................................................................................. 122 10.3 Casi notevoli di applicazione del criterio delle aree ............................................................ 126 10.3.1 Linea in doppia terna. Distacco permanente di una linea ............................................ 126 10.3.2 Linea a doppia terna. Guasto trifase in una terna seguito da apertura permanente .. 126 10.3.3 Linea a doppia terna. Guasto trifase in una linea seguito da richiusura riuscita ......... 127 10.3.4 Linea a semplice terna. Guasto monofase seguito da apertura monofase e richiusura ....
riuscita ...................................................................................................................................... 127 10.4 Provvedimenti per aumentare la stabilità di trasmissione .................................................. 129 10.4.1 Aumento della tensione di trasmissione ...................................................................... 129 10.4.2 Riduzione della reattanza delle macchine .................................................................... 129 10.4.3 Riduzione della reattanza delle linee '' condensatori serie .......................................... 129 10.4.4 Eliminazione rapida dei guasti '' richiusura degli interruttori ...................................... 130 10.4.5 Aumento dell''inerzia dei generatori ............................................................................. 130 10.4.6 Sistemi di eccitazione e regolatori di tensione ............................................................. 131 10.4.7 Compensatori sincroni e statici ..................................................................................... 131 10.4.8 Stazioni intermedie ....................................................................................................... 132 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 5 10.4.9 Resistenze di frenatura ................................................................................................. 132 10.4.10 Fast valving .................................................................................................................. 132 10.4.11 Distacco temporaneo dei carichi ................................................................................ 132 11. Sovratensioni .............................................................................................................................. 133 11.1 Sovratensioni atmosferiche ................................................................................................. 134 11.1.1 Sovratensioni per fulminazione diretta delle linee ....................................................... 135 11.1.2 Sovratensioni per fulminazione indiretta delle linee .................................................... 137 11.2 Sovratensioni temporanee .................................................................................................. 138 11.3 Sovratensioni di manovra .................................................................................................... 139 11.4 Coordinamento degli isolamenti.......................................................................................... 140 11.4.1 Coordinamento probabilistico degli isolamenti (autoripristinanti) .............................. 140 11.4.2 Coordinamento deterministico degli isolamenti (non autoripristinanti) ..................... 141 11.5 Apparecchi di limitazione delle sovratensioni ..................................................................... 142 11.5.1 Spinterometri in aria ..................................................................................................... 142 11.5.2 Scaricatori ad ossido metallico ..................................................................................... 144 12. Relè e protezioni delle reti ......................................................................................................... 146 12.1 Generalità ............................................................................................................................. 146 12.2 Relè ....................................................................................................................................... 147 12.3 Protezione delle reti magliate AT ........................................................................................ 149 12.4 Protezione dei trasformatori AT .......................................................................................... 154 12.5 Protezione delle reti radiali .................................................................................................. 156 13. Stazioni elettriche di AT ............................................................................................................. 158 13.1 Generalità e classificazione .................................................................................................. 158 13.2 Schemi di connessione delle sbarre ..................................................................................... 159 13.2.1 Montante di linea .......................................................................................................... 160 13.2.2 Montante di macchina .................................................................................................. 161 13.2.3 Schema a semplice sbarra e con sezionatore di by-pass degli interruttori .................. 162 13.2.4 Schema a semplice sbarra più sbarra di traslazione ..................................................... 163 13.2.5 Schema a doppia sbarra ................................................................................................ 164 13.2.7 Stazioni isolate in SF6 .................................................................................................... 165 13.3 Layout di stazione ................................................................................................................ 166 14. Affidabilità dei sistemi elettrici .................................................................................................. 172 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 6 14.1 Definizioni e generalità ........................................................................................................ 172 15. Qualità dell''alimentazione ......................................................................................................... 173 15.1 Continuità del servizio .......................................................................................................... 174 15.2 Caratteristiche della tensione .............................................................................................. 175 15.2.1 Variazioni di ampiezza ................................................................................................... 176 15.2.2 Variazioni di frequenza ................................................................................................. 179 15.2.3 Armoniche ..................................................................................................................... 180 15.2.4 Squilibri ......................................................................................................................... 183 15.2.5 Riduzione dei disturbi ................................................................................................... 184 15.3 Qualità commerciale ............................................................................................................ 188 Appendice ........................................................................................................................................ 189 Il metodo dei valori relativi .......................................................................................................... 189 Esercizi .......................................................................................................................................... 190 Il calcolo delle costanti primarie delle linee ............................................................................ 190 Linee elettriche trifase ............................................................................................................. 192 Il calcolo dei flussi di potenza .................................................................................................. 193 Il calcolo delle correnti di cortocircuito ................................................................................... 194 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 7 1. Architettura del sistema elettrico 1.1 Definizione di sistema elettrico e fabbisogno elettrico nazionale Il sistema elettrico è l''insieme di componenti atti alla produzione, trasmissione e distribuzione
dell''energia elettrica. Lo sviluppo del sistema elettrico segue quasi con proporzionalità la crescita
del prodotto interno lordo (PIL) di una nazione come si può osservare in fig. 1. Il PIL è il valore
complessivo dei beni e servizi prodotti all'interno di un Paese in un certo intervallo di tempo
(solitamente l'anno) e destinati ad usi finali (consumi finali, investimenti, esportazioni nette). La
domanda elettrica è pari alla produzione lorda di energia elettrica più il saldo degli scambi con
l''estero. Per avere un''idea dell''ordine di grandezza della domanda elettrica si può osservare,
sempre considerando la fig. 1, che, in Italia, la domanda elettrica nel 2008 è stata di 339'481 GWh. Figura 1 '' Domanda elettrica (a sinistra) e confronto tra PIL e domanda elettrica (a destra, posti su scala comune) in Italia negli ultimi 30 anni. Fonte: TERNA. La domanda elettrica, pur essendo crescente con gli anni, non è costante nel tempo, bensì varia a
seconda del periodo dell''anno e dell''ora del giorno. Storicamente il massimo picco della domanda
si registrava a dicembre; con l''avvento degli impianti di climatizzazione domestici il picco si è
spostato ad agosto. (da rivedere e confermare le date). In fig. 2 è tracciato un grafico in cui ogni valore della scala delle ascisse rappresenta la percentuale
di ore annuali in cui la potenza richiesta è stata uguale o superiore al corrispondente valore
percentuale riportato in ordinata. ' evidente che la massima potenza è necessaria solo per un
limitato numero di ore all''anno, mentre la potenza richiesta non scende mai sotto una base pari a
circa il 40% della potenza di picco. Dal momento che, all''attuale stato della tecnologia, l''energia
elettrica non può essere accumulata, è necessario che in ogni istante la potenza elettrica prodotta
sia uguale alla potenza elettrica utilizzata. Se ciò non accadesse si creerebbero squilibri nella
condizione di stabilità della rete, che non possono essere tollerati, come si vedrà in seguito. Il
sistema elettrico deve essere quindi in grado di assicurare il funzionamento in ogni condizione di Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 8 carico, quindi anche nelle poche ore di picco annuali. La diversificazione degli impianti di
produzione permette di ottenere questo scopo riducendo al minimo i costi legati alla gestione di
centrali e centri di produzione che devono funzionare per poche ore all''anno. Figura 2 - Curva di durata del carico sulla rete Italiana (2008). Fonte: TERNA. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 9 1.2 Impianti di produzione e copertura del fabbisogno '' diagrammi di carico ' possibile classificare i seguenti impianti di produzione dell''energia elettrica effettivamente
utilizzati per la produzione industriale: - Impianti termonucleari: utilizzano un ciclo a vapore sfruttando come sorgente di calore una reazione nucleare controllata. A causa delle grandi potenze di questi impianti e della
criticità nel controllo della reazione nucleare, queste centrali sono adatte per la copertura
della base di carico e non possono essere utilizzate per la modulazione. - Impianti termoelettrici a vapore: utilizzano un ciclo a vapore sfruttando come sorgente di calore la combustione di combustibili solidi (carbone), liquidi (olio combustibile) o gassosi
(gas naturale). Per aumentare i rendimenti le moderne centrali ultrasupercritiche spingono
le condizioni del vapore ad altissime pressioni e temperature. Per funzionare al meglio
queste centrali devono essere mantenute il più possibile vicine alle condizioni nominale di
esercizio. Sono quindi ideali per il servizio di base a causa anche della grande inerzia
termica che le caratterizza. Possono venire utilizzate anche per un piccolo servizio di
modulazione, a scapito del rendimento. Tempo di avviamento: 4-6 ore. - Impianti termoelettrici turbogas: utilizzano un ciclo a gas sfruttando come sorgente di calore la combustione di gas naturale. Data la loro rapidità di modulazione sono
particolarmente adatte ad assolvere sia il servizio di modulazione sia, in parte, il servizio di
punta. Tempo di avviamento: minore di 10 minuti. - Impianti a ciclo combinato: utilizzano un ciclo a vapore sfruttando come sorgente di calore i gas di scarico di uno o più impianti turbogas. A seconda della tipologia di impianto può
essere o meno presente una caldaia supplementare per il ciclo a vapore. I moderni impianti
a ciclo combinato hanno dei rendimenti molto elevati (oltre il 50%). Data la loro
complessità e l''importanza nel mantenere i giusti livelli di temperatura per far funzionare i
due impianti in cascata, queste centrali vengono utilizzate per il servizio di base e non
vengono modulate. - Impianti geotermoelettrici: utilizzano un ciclo a vapore sfruttando come sorgente di calore il calore endogeno della Terra. Possono venire realizzate solo in determinate aree
geografiche in cui vi siano particolari requisisti geofisici. Dato il costo nullo del
combustibile, queste centrali vengono sempre esercite alla potenza nominale, andando a
rinforzare la base del diagramma di carico. - Impianti idroelettrici: utilizzano l''energia meccanica legata al movimento di acqua per porre in rotazione una turbina e produrre energia elettrica. Data la loro elevatissima
rapidità di modulazione queste centrali vengono utilizzate principalmente per il servizio di
modulazione. A seconda del tipo di centrale, inoltre, possono anche venire utilizzate per il
servizio di base (idroelettrico ad acqua fluente) o di punta (centrali di pompaggio). Tempo
di avviamento: pochi minuti. - Impianti a biomasse: utilizzano un ciclo a vapore sfruttando come sorgente di calore la combustione di biomassa (legno, rifiuti biologici, etc'). Vengono utilizzate per un servizio
di base, con considerazioni analoghe agli impianti termoelettrici. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 10 - Impianti eolici: utilizzano l''energia meccanica legata allo spostamento di masse d''aria (venti). Il loro contributo, seppur in rapida crescita negli ultimi anni con impianti sempre
più numerosi e di potenze unitarie più grandi, è ancora modesto. Vengono utilizzate per il
servizio base, anche se l''aleatorietà dei fenomeni naturali rende difficile ogni previsione se
non su base statistica. - Impianti solari termodinamici: utilizzano un ciclo a vapore sfruttando come sorgente di calore la radiazione solare concentrata da lenti o da specchi parabolici. Anche se ne
esistono alcuni esempi funzionanti nel mondo, questa tipologia di impianti è tuttora
oggetto di studi e in sviluppo. Laddove esistono vengono utilizzati, come gli altri impianti
ad energie rinnovabili, per coprire parte della base del diagramma di carico. - Impianti fotovoltaici: utilizzano la conversione diretta dell''energia associata alla radiazione solare in energia elettrica (per effetto fotoelettrico) mediante moduli fotovoltaici. Esistono
ancora pochi impianti di grande taglia che vengono utilizzati sempre per coprire la base del
diagramma di caricco. Questo tipo di impianti acquista notevole interesse se si considera la
cosiddetta generazione distribuita e le ''smart grids' che tuttavia, allo stato attuale, restano
ancora una chimera. Ognuno di questi impianti è caratterizzato da una certa disponibilità tecnica. La disponibilità
tecnica è il tempo medio espresso in ore/anno, in cui l''unità generatrice è tecnicamente
disponibile per produrre energia elettrica. L''indisponibilità è causata dalla manutenzione ordinaria
e straordinaria, e dalla riparazione dei guasti. In tabella 1 sono riportate le disponibilità tecniche di
alcuni impianti. ' evidente come gli impianti costruttivamente più semplici siano anche quelli con
una disponibilità tecnica maggiore. Tuttavia, come si vedrà in seguito, la durata annua di
utilizzazione
, ovvero il rapporto tra l''energia prodotta in un anno (kWh) e la potenza complessiva
installata nell''impianto di generazione (kW), differisce dalla disponibilità tecnica per ragioni
economiche. Tipo di centrale Idroelettrico A vapore Nucleare TG Cicli Combinati Geo Fluente Serbatoio Pompaggio Olio/gas Carbone Disponibilità tecnica (ore/anno) circa 8000 circa 8000 Circa 8000 7000 - 7500 6500 - 7000 6500 - 7500 7500 7000 - 7500 8000 Durata annua di utilizzazione (ore/anno) 4000 - 8000 2000 - 5000 -- 5000 - 7500 5000 - 7000 6500 - 7500 1000 - 3000 6000 - 7500 8000 Rendimento medio 90 - 94% 90 - 94% 75% 38 - 42% 37 - 41% -- 36 - 38% 55 - 58% -- Tabella 1 - Disponibilità tecnica e durata annua di utilizzazione di alcuni tipi di impianti. Uno dei parametri più importanti quando si parla di impianti di produzione è il costo del kWh
prodotto
. Le procedure di calcolo per questo dato sono molteplici. La procedura raccomandata
dalla IEA (International Energy Agency) è piuttosto laboriosa. Tuttavia si può utilizzare una
versione semplificata della stessa, il cui risultato non si scosta in modo eccessivo dal risultato della
formula completa, e risulta molto comoda per dei conti di prima approssimazione. Il costo del kWh Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 11 è determinato essenzialmente da due fattori: il costo del capitale e il costo del combustibile. Il
primo è tanto maggiore quanto maggiore è la potenza installata (a parità di impianto realizzato), il
secondo varia sia in funzione del mercato, sia in funzione dell''energia effettivamente prodotta
dalla centrale. La formula semplificata del costo del kWh è la seguente: = '' + '' Dove - è la rata annua delle spese fisse per kW installato (che include ammortamento, interessi, manutenzione e personale) - è la potenza installata - è il costo del combustibile - è l''energia prodotta Introducendo il coefficiente di utilizzazione definito come rapporto tra energia prodotta su
energia producibile in un anno da un impianto l''equazione diventa: = '' + '' '' = '' + '' '' '' Dove la è la disponibilità tecnica di un impianto. Questa è l''equazione di una retta in funzione del numero di ore equivalenti a potenza nominale di funzionamento annue (fig. 3). Figura 3 - Costo del kWh in funzione del numero di ore di funzionamento equivalenti a potenza nominale annue. Questo metodo di calcolo può essere utilizzato, ad esempio, per calcolare fino a quante ore di
funzionamento conviene una centrale di tipo a vapore rispetto ad un turbogas. Per far questo si
considerano i diversi coefficienti , ed per le centrali e si tracciano i due andamenti, come riportato in figura 4. Si può osservare che esiste un punto chiamato ''punto di indifferenza
economica' in cui le rette si incrociano. Se questo punto cade oltre le 8760 ore annuali ( = 1),
allora la centrale che ha la retta al di sotto delle due è sempre più economica rispetto all''altra. '
questo il caso, ad esempio, di una centrale a ciclo combinato rispetto ad una centrale
termoelettrica tradizionale. Se invece, come in fig.4, il punto cade prima delle 8760 ore, allora si
individuano due distinte zone. Per un numero di ore di funzionamento maggiore del punto di 8760 0 2000 4000 6000 8000 C kW h Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 12 indifferenza economica converrà produrre con una centrale termoelettrica, mentre per un numero
di ore inferiore converrà produrre con una centrale di tipo turbogas. Figura 4 - Confronto tra costo del kWh per una centrale termoelettrica e per una centrale turbogas. L''insieme di queste considerazioni economiche, unite alle esigenze tecniche, portano ad una
gestione del sistema che tende a minimizzare i costi di esercizio pur riuscendo a coprire il
diagramma di carico. Il diagramma di carico è l''andamento che assume al domanda elettrica su
base giornaliera. Un tipico diagramma di carico è riportato in fig. 5. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 13 Figura 5 - Diagramma di carico relativo al sistema elettrico italiano, il 3° mercoledì del mese di dicembre 2001. 1.3 Il sistema di trasmissione dell''energia elettrica Per trasmettere efficientemente l''energia elettrica prodotta a grandi distanze dal luogo di utilizzo
(è il caso, assai frequente, di centrali poste a grandi distanze dai centri urbani o industriali) è
necessario innalzare il livello di tensione di trasmissione sulle linee elettriche. Tale affermazione è
facilmente giustificata dalle seguenti considerazioni. La potenza attiva trasmissibile è pari a: = ''3 cos Da cui la corrente lungo la linea è pari a: = ''3 cos Le perdite di potenza attiva per effetto Joule lungo la linea sono pari a: = 3 = cos Esplicitando l''espressione della resistenza Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 14 = Si può facilmente giungere alla seguente espressione delle perdite di trasmissione : = = cos ' evidente che maggiore tanto maggiore è la lunghezza della linea, tanto maggiori sono le perdite.
Il fattore di potenza è imposto dal carico, mentre si può andare ad operare sul materiale ,sulla
sezione e, ovviamente, sulla tensione . Le scelte riguardanti il materiale sono molto limitate. Il
rame ha scarse proprietà meccaniche ed elevato costo, pertanto non è adatto per i lunghi cavi
aerei delle linee. Per garantire la giusta tenuta meccanica e una bassa resistività, sovente vengono
utilizzati cavi di acciaio e alluminio denominati ACSR e rappresentati in fig. 6. Figura 6 - Cavo ACSR: Alluminium Conductor Steel Reinforced. Una simile configurazione consente notevoli vantaggi in termini di resistenza meccanica e
resistenza agli agenti atmosferici, nonché buona conducibilità elettrica e un costo non eccessivo.
Da notare che, per via dell''effetto pelle e della diversa resistività dei materiali, la corrente tende a
circolare quasi esclusivamente nella corona esterna di alluminio. Una seconda osservazione riguarda la sezione dei cavi. Senza dubbio aumentare la sezione porta
vantaggi in termini di perdite di potenza attiva. Tuttavia una sezione maggiore porta anche a delle
sollecitazioni meccaniche maggiori che si riflettono in tralicci e isolatori più robusti e, in definitiva,
sul costo chilometrico della linea. Come si è visto le dimensioni geometriche e il materiale con cui sono costituiti i cavi sono imposti
da considerazioni di tipo tecnico-economico e quindi si possono ritenere costanti. La tensione di
trasmissione è la vera variabile in gioco aumentare la tensione significa diminuire le perdite di un
fattore . Tuttavia un aumento della tensione porta anch''essa alla necessità di costruire tralicci più grandi e più alti, tali da garantire il giusto livello di isolamento tra fase e fase e tra fase e terra.
Si può dunque approntare un rapido processo di ottimizzazione economica che consente di
scegliere la giusta tensione per una data linea come riportato in fig. 7. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 15 Figura 7 - Criterio di scelta del livello di tensione di trasmissione. Come in tutti i processi industriali è opportuno definire degli standard di riferimento, al fine di
ottimizzare la produzione delle infrastrutture, le procedure ed i metodi. In Italia esistono
molteplici livelli di tensione dovuti a motivi storici. Infatti, agli esordi delle reti elettriche ogni
fornitore scelse un livello di tensione ritenuto ottimale. Dopo la statalizzazione dell''energia
elettrica, Enel iniziò un processo di standardizzazione sia delle linee, sia delle centrali di
produzione. Con la liberalizzazione dell''energia le reti di competenza Enel passarono a TERNA, che
continua tutt''ora il processo di standardizzazione e ottimizzazione della rete. A seconda della
tensione e dell''estensione geografica della linea, si distinguono le reti di trasmissione, sub-
trasmissione e distribuzione: ' AAT '' altissima tensione(220-380 kV): rete nazionale (di trasmissione)
' AT '' alta tensione (80-150 kV): rete regionale (di sub-trasmissione)
' MT '' media tensione (8,4-20 kV): rete provinciale o comunale (di distribuzione MT)
' BT '' bassa tensione (220-380 V): rete ''di isolato' (di distribuzione BT) I generatori sincroni posti nelle centrali elettriche producono energia elettrica in MT che viene
successivamente elevata per mezzo di trasformatori in salita fino ad AAT (o AT in alcuni casi).
Pertanto dalle centrali di produzione viene erogata potenza su una linea AAT. Successivamente per
mezzo di autotrasformatori posti nelle stazioni primarie la tensione viene abbassata da AAT ad
AT. In prossimità dell''utenza finale per mezzo di trasformatori in discesa posti nelle cabine
primarie
si scende da AT a MT. Infine nelle cabine secondarie (poste vicine all''utenza), la tensione
viene ulteriormente ridotta da MT a BT. Uno schema di quanto detto è rappresentato in fig. 8. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 16 Figura 8 - Schema di una porzione di un sistema elettrico. Le prime reti elettriche erano reti di illuminazione pubblica, in cui il generatore di tensione era
costituito da una dinamo azionata per lo più da turbine idrauliche. La tensione del generatore era
la tensione di rete e le lampade erano inserite in serie tra loro. Con la scoperta del trasformatore e
del motore asincrono trifase si determina una netta preferenza per la corrente alternata con
utilizzatori in derivazione, anche per la relativa facilità nell''interruzione delle correnti di guasto. La
scelta della frequenza fu un passo importante. In particolare dopo la II Guerra Mondiale l''intera
Europa si accordò sui 50 Hz. Affinché due reti potessero essere connesse tra loro era
assolutamente necessario che la frequenza fosse la stessa. In tempi odierni anche questo
problema è stato risolto mediante dispositivi di conversione statica e linee HVDC che hanno
consentito, tra l''altro, l''interconnessione dei sistemi a 50 Hz con i sistemi a 60 Hz tipici dei paesi
nordamericani e alcuni paesi dell''America del sud e del centro. La frequenza di 50 Hz fu un
compromesso dettato da varie esigenze. Le principali implicazioni che la variazione di frequenza
comporta sono: - Frequenze elevate consentono di ridurre le dimensioni e il peso delle macchine elettriche, a parità di induzione di lavoro; - Frequenze elevate consentono velocità di rotazioni maggiori per le macchine a induzione bipolari; - Frequenze inferiori a 25 Hz rendono fastidiosa la riduzione del flusso luminoso nelle lampade ad incandescenza (effetto flicker); - Frequenze basse consentono di ridurre la reattanza serie delle linee (e quindi la caduta di tensione) e la produzione di potenza capacitiva da parte delle capacità trasversali di linea; - Frequenze basse consentono di ridurre perdite per isteresi e correnti parassite, nonché per effetto pelle. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 17 La struttura della rete AT può assumere diverse configurazioni, le più frequenti sono: Ognuna di queste configurazioni presenta delle caratteristiche peculiari che ne determinano le
modalità di esercizio come si vedrà nei capitoli successivi. '' AAT AT MT MT Struttura radiale '' AAT AT '' AAT AT '' AAT AT Struttura ad anello o a petalo MT MT MT MT MT MT Struttura magliata o ad isola MT Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 18 1.4 Il sistema di distribuzione dell''energia elettrica Qwerty Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 19 2. I modelli dei componenti di rete 2.1 Linee Elettriche Il primo passo per studiare una rete elettrica è senza dubbio analizzare le linee elettriche, ovvero
l''organo della rete atto alla trasmissione vera e propria dell''energia elettrica. ' necessario innanzi tutto distinguere tra linee elettriche aeree ed in cavo. Nelle linee elettriche aeree i conduttori sono sospesi in aria, ancorati a dei tralicci attraverso delle
catene di isolatori. Il dielettrico interposto tra i conduttori e tra i conduttori e il suolo è l''aria. Nelle linee elettriche in cavo, in conduttori sono contenuti in una guaina dielettrica ed interrati. Il
dielettrico utilizzato, in questo caso, è un isolante solido come l''XLPE. Figura 9 - Linea elettrica aerea (a sinistra) e sezione di un cavo trifase (a destra) Le linee elettriche vengono tipicamente rappresentate circuitalmente mediante un doppio bipolo,
e sono caratterizzate da quattro parametri: - Induttanza longitudinale
- Resistenza longitudinale
- Capacità trasversale
- Conduttanza trasversale Questi quattro parametri vengono chiamati costanti primarie delle linee elettriche. Prima di
analizzare la rappresentazione vera e propria delle linee, quindi, è opportuno studiare i metodi di
calcolo delle costanti di linea. Come si vedrà nel capitolo successivo, inoltre, è doveroso
caratterizzare le linee non solo quando queste sono interessate da una terna di tensioni e correnti
simmetriche ed equilibrate (terne di sequenza diretta, o inversa), ma anche quando vi scorrano
delle correnti omopolari, come avviene nei casi di guasto in rete. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 20 2.1.1 Induttanza longitudinale In regime sinusoidale simmetrico si tiene conto dei fenomeni di auto e mutua induzione attraverso
il coefficiente di autoinduzione apparente : = ' . . . à '' '' ' Se si pongono = 1 e ' = 1, i coefficiente di autoinduzione apparente coincide con la componente in quadratura con la corrente ' della sommatoria delle f.e.m. autoindotta e
mutuamente indotte sull'unità di lunghezza del conduttore s-esimo. In una linea a due conduttori, l''induttanza di servizio è esprimibile come: = + 0,46 log Dove è l''induttanza dovuta al flusso interno (in generale non trascurabile, tranne se '' ''
allora '' 0), è la distanza tra i due conduttori e il raggio dei conduttori. Ponendo = ''0,46 log si ottiene = 0,46 log Dove prende il nome di raggio geometrico equivalente per il calcolo dell''induttanza. Se invece di una linea a due conduttori si considera una linea con conduttori uguali, percorsi da un sistema
di correnti ' , ' , ' , ' tali che '' ' = 0, possiamo scrivere, per il conduttore s-esimo: ' = '' ' = ''( ' + ' + ' + ' + ' + ' + ' ) Il sistema di conduttori si può vedere composto da '' 1 circuiti a due fili, formati dal
conduttore accoppiato di volta in volta con ognuno degli altri '' 1 conduttori. Considerando la coppia di conduttori '' , la f.e.m. parziale indotta in s per effetto della corrente di ritorno '' ' è
pari a: , = '' ('' ' ) ''0,46 log + 0,46 log , = ' + 0,46 log , Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 21 La f.e.m. indotta complessivamente sul conduttore s-esimo può essere calcolata per
sovrapposizione degli effetti (il sistema risulta lineare), sommando le '' 1 f.e.m. parziali indotte: = ' + 0,46 log , = ( ' ) + ' '' 0,46 log , Dal momento che ( ' ) = '' ' Ponendo ' = 1 e = 1, la f.e.m. indotta sulla fase s diventa: = '' '' , Dove = ''0,46 log è il coefficienti di autoinduzione proprio, mentre = ''0,46 log , è il coefficiente di mutua induzione. Si consideri a questo punto una linea trifase simmetrica, con i conduttori disposti ai vertici di un
triangolo equilatero di lato . Sotto queste ipotesi è evidente che, ponendo i moduli pari ad 1, la
terna di correnti è pari a ( ' , ' , ' ) = (1, , ) I coefficienti di autoinduzione propri sono uguali tra loro, pertanto = = Anche i coefficienti di mutua induzione sono uguali tra loro, ossia = = La f.e.m. indotta nella fase 1, ad esempio, vale: '' = '' '' '' = '' + = '' ( '' ) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 22 La '' è in quadratura con ' . Avendo già posto ' = 1, ponendo anche = 1 si ha = '' ' = '' = '' Ricordando le espressioni di e viste poc''anzi si può calcolare il coefficiente di autoinduzione apparente come: = 0,46 log Si definisce induttanza di servizio di una linea aerea trifase, il valor medio dei coefficienti di
autoinduzione apparente delle tre fasi. Se la linea è simmetrica tale valore coincide con il valore
comune dei tre coefficienti di autoinduzione apparente. Per ovviare alle dissimmetrie, nelle linee
lunghe si esegue la trasposizione delle fasi (a 1/3 e 2/3 della lunghezza totale della linea), come in
fig. XX. Figura 10 - Trasposizione di una linea. Si consideri, ad esempio, la f.e.m. indotta nella fase A, nei tre diversi tratti della linea 1, 2 e 3: ''( ) = '' 3 ( + + ) ''( ) = '' 3 ( + + ) ''( ) = '' 3 ( + + ) La f.e.m. totale, somma dei contributi delle tre sezioni, è pari a: '' = ''( ) + ''( ) + ''( ) = '' '' + + 3 Ripetendo il calcolo per le altre fasi si trova per tutte e tre il medesimo risultato. Tutte le fasi
hanno uguale coefficiente di autoinduzione apparente, pari all''induttanza di servizio: = '' + + 3 = 0,46 log = 0,46 log Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 23 Nelle linee elettriche aeree di alta e altissima tensione, vengono spesso utilizzati non un
conduttore per fase, bensì fasci di conduttori (tipicamente binati o trinati) per ridurre le perdite
corona. In questo caso, non essendo definibile un unico raggio per il conduttore si ricorre al raggio
geometrico equivalente
. Con riferimento alla fig. XX: Figura 11 - Conduttore a fascio. è possibile definire il raggio geometrico equivalente (per il calcolo dell''induttanza) come: , = '
2 Dove sono il numero di conduttori per fascio (3 in figura). L''induttanza di servizio diventa quindi
pari a = 0,46 log , 2.1.2 Resistenza longitudinale La resistenza elettrica offerta da una linea dipende in primo luogo dalla resistività dei conduttori
con cui è costruita. La resistenza, inoltre, dipende dalla temperatura a cui lavorano i cavi della
linea elettrica (che, per le linee aeree, può raggiungere gli 80°C). Detto il coefficiente di
temperatura del conduttore, la resistenza in funzione della temperatura vale: ( ) = ° 1 + ( '' 20) Ω La resistenza apparente in corrente alternata, inoltre, è diversa da quella misurabile in corrente
continua per via dell''effetto pelle. In un cavo di rame a 50 , la ' può raggiungere l''1% per un diametro del conduttore di 20 , e il 5% per un diametro di 30 . Nelle corde alluminio-acciaio, infine, si
hanno perdite addizionali nell''acciaio
(per isteresi e correnti parassite) che si
possono vedere come delle resistenze
longitudinali addizionali. In fig. XX è
riportata una tabella con alcuni tipi di Figura 12 - Resistività e coeff. di temperatura di alcuni Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 24 conduttori per linee aeree. tipi di conduttori per linee aeree. 2.1.3 Capacità trasversale L''applicazione di una tensione sinusoidale ad un conduttore, determina la comparsa di cariche
(proporzionalmente alla tensione impressa) su tutti i conduttori. Se il sistema è simmetrico, la
carica spostata sul conduttore s-esimo è proporzionale alla secondo la formula = Dove prende il nome di capacità apparente del conduttore s-esimo. Alla carica è associata una corrente di spostamento ' in quadratura in anticipo con la carica e con : ' = = Ponendo = 1 e = 1 si ha ' = Questa corrente è la somma vettoriale di tutte le correnti di spostamento che confluiscono al
conduttore dagli altri '' 1 conduttori e dal terreno. Ognuna di queste correnti si può pensare
flusica attraverso una capacità parziale verso il conduttore s-esimo (fig. XX). Figura 13 - Capacità parziali di una linea. Tali capacità parziali si dividono in: - Capacità parziale verso terra, : è pari alle correnti spostate verso terra ponendo = = 1 (sistema omopolare di tensioni, corrente tra i conduttori nulla) e = 1. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 25 - Capacità parziale tra conduttori, : è pari alla corrente spostata tra i conduttori ed , ponendo = , = 0 ( ' ). In questo modo = '' da cui = = . Se, in un sistema a fili, sono presenti contemporaneamente cariche , , ' , sui conduttori, la tensione indotta elettrostaticamente si ottiene sovrapponendo gli effetti delle singole cariche
pensate presenti separatamente: = + +. . . + = + +. . . + ' = + +. . . + I coefficienti si chiamano coefficienti di potenziale. In forma matriciale is ha: = Ovvero, risolvendo rispetto alle cariche: = = I coefficienti sono detti coefficienti di induzione (elettrostatica). Calcolare tali coefficienti risulta complicato in quanto sono funzione della geometria di tutti i conduttori (non solo di r ed s);
si preferisce, quindi, calcolare i coefficienti di potenziale ed invertire la matrice. Note le tre capacità apparenti ( = ), si definisce capacità di servizio la loro media aritmetica: = + + 3 Nelle linee aeree le capacità apparenti non sono uguali perché, anche con i conduttori disposti a
triangolo, il sistema risulterebbe dissimmetrico rispetto alla terra. Anche in questo caso la
trasposizione rende simmetriche le tre capacità apparenti. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 26 Figura 14 - Conduttori di fase e immagini al suolo, per il calcolo della capacità. Con riferimento alla fig. XX, in cui sono rappresentati i tre conduttori di fase e le rispettive
immagini al suolo, è possibile definire le seguenti medie geometriche: = = = Ciò detto per una linea trasposta i coefficienti di potenziale corrispondono con le medie
aritmetiche dei termini propri e mutui: = + + 3 = + + 3 ovvero: = 1 2 ln 4 = 1 2 ln Se la somma delle tensioni impresse sui conduttori è nulla (sistema simmetrico), anche la somma
delle cariche sui conduttori è nulla ('' = 0). Per il conduttore s-esimo si ha = + = ( '' ) La capacità di servizio sarà quindi pari a: = = 1 '' = 2 ln 4 '' 2 ln 2 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 27 In quanto è possibile approssimare '' 2 . Valori di riferimento per la capacità di servizio delle linee aeree sono: '' 9 ÷ 17 / ; invece per le linee in cavo: '' 200 ÷ 400 / . 2.1.4 Conduttanza trasversale La conduttanza trasversale rappresenta i fenomeni dissipativi nel
dielettrico (effetto corona) e negli isolatori. I fenomeni dissipativi negli
isolatori sono generalmente trascurabile, mentre non è possibile
trascurare l''effetto corona. Se il campo sulla superficie del conduttore
supera la rigidità dielettrica dell''aria (30 kV/cm), si ha la ionizzazione di
una guaina intorno al conduttore con scarica luminosa e passaggio di
corrente (fig. XX). Attraverso la conduttanza trasversale , si tiene conto Figura 15 - Effetto corona. delle perdite di energia : = 3 = Altre conseguenze dell''effetto corona sono interferenze elettromagnetiche (EMI) ai segnali radio e
emissione acustica (''ronzio elettrico'). I conduttori sono dimensionati per evitare che l''effetto
corona sia visibile. Tuttavia anche in assenza di corona luminoso si hanno disturbi analoghi, ma di
minore entità. 2.1.5 Rappresentazione delle linee Nel capitolo precedente sono state analizzate le grandezze caratteristiche delle linee elettriche. SI
vuole, ora, giungere ad uno schema elettrico equivalente di tali linee. Si considera quindi uno
schema tipo: Figura 16 - Rappresentazione di una linea elettrica. Per cui valgono le seguenti relazioni: ' = ' + ( + ) = + ' ( + ) Dove = + e ' = ' + ' . Continuando a sviluppare i calcoli si ha ' = ''( + )( + ) = '' ( + ) = '' ' ( + ) Nella prima equazione sono stati tralasciati gli infinitesimi di ordine superiore (il prodotto ). Dividendo ambo i membri per e derivando si ha: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 28 ' = '' ( + ) = '' ' ( + ) ' = '' ( + ) = '' ' ( + ) Sostituendo i valori delle derivate si giunge alle cosiddette equazioni dei telegrafisti: ' = ' ' = ' = ' = dove è stato posto ' = ( + ), impedenza per unità di lunghezza, e = ( + ), ammettenza per unità di lunghezza. è la costante di propagazione della linea, costituita da: { { y x K j K K fase di ante st co ne attenuazio di ante st co = ' + ' = Integrando tra 0 e la lunghezza ''a' della linea avendo come condizioni al contorno la tensione e la
corrente di partenza (p) e di arrivo (a) è possibile ottenere il modello della linea mediante un
quadripolo caratterizzato da 4 costanti: '' ' ' ' + = + = a a p a a p I D E C I I B E A E Dove d d d d d cd C j jX R Y Z Z ' + = = è l''impedenza caratteristica della linea. I valori delel costanti sono: ( ) ( ) ( )a K Z C a K Z B a K D A cd cd '' = '' = '' = = & & & sinh 1 sinh cosh La tipologia di circuito rappresentativo delle linee più spesso utilizzato è il circuito a parametri
concentrati detto a pi greco: Alle volte, per le linee corte, si ricorre anche al seguente circuito: Ep Ea B A Y 1 '' = Y B Z = Ip Ia Ep Ea A B C D Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 29 Ep Ea 2 a Yd a Zd '' 2 a Yd Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 30 2.1.6 Potenza caratteristica della linea La potenza apparente all''estremità di una linea può essere scritta come: * 3 a a a a a I E jQ P N = + = Con I * a il complesso coniugato di I. Dalla prima delle equazioni (*) si ricava: B E A E I a p a '' = Ossia: * * * * * 3 3 B E A E E B E A E E N a p a a p a a '' = '' ''
' '' '' ''
' '' '' = Supponendo Ea parallelo e concorde con l''asse polare (tale che abbia fase nulla) si esprime con ' l''angolo elettrico tra Ea ed Ep. ' viene chiamato angolo elettrico della linea. Esprimendo inoltre A e B nella forma esponenziale α j Ae A = e β j Be B = si ottiene: ( ) ( ) ( ) ( ) 4 4 4 4 4 4 4 3 4 4 4 4 4 4 4 2 1 4 4 4 4 4 4 4 3 4 4 4 4 4 4 4 2 1 a a Q a p a P a p a a B A E B E E j B A E B E E N ' ' ' ' ' ' '' '' '' + '' '' '' = α β ' β α β ' β sin 3 sin 3 cos 3 cos 3 2 2 Si può notare che la d d d jX R Z + = è approssimabile con d d jX Z '' , essendo Rd « Xd. Quindi si può dire che = /2 , mentre supponendo che la linea non sia eccessivamente lunga ( < 100 ) si può trascurare l''ammettenza trasversale ( = 1; = 0). L''espressione della potenza diventa: ' ' ' ' ' ' '' + = B A E B E E j B E E N a p a p a a 2 3 cos 3 sin 3 ' ' Da questa espressione si evince che la Pa è influenzata da ' mentre la Qa è influenzata essenzialmente da Ea ed Ep. Si può anche dedurre che se Pp > 0 allora anche Pa > 0, mentre se Qp >0
non è detto che anche Qa lo sia. Viene definita potenza caratteristica della linea il valore: cd p cd p p p p cd Z E Z E E I E N 2 * * 3 3 3 = '' ''
' '' '' ''
' '' = = in particolare, se Rd « Xd, l''impedenza caratteristica diventa d d cd C L Z = Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 31 e quindi la potenza caratteristica: d d p cd C L E N 2 3 = ' interessante osservare cosa accade qualora la resistenza delle linee non sia trascurabile rispetto
alla reattanza. Ponendo come si è visto: ( ) ( ) α β ' β '' '' '' = cos 3 cos 3 2 , B A E B E E P a p a a e Trascurando l''ammettenza trasversale della linea ( = 1, = 0) si ha che = = + e quindi cos = / . Inoltre se si assume = , si ha: , '' 3 '' Per linee fortemente resistive ( '' ) la potenza attiva trasmissibile diventa molto piccola. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 32 2.2 Linee elettriche alla sequenza omopolare Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 33 2.3 Trasformatori alla sequenza diretta e omopolare Qwerty Per valutare come variano i parametri dei trasformatori in regime omopolare è necessario
considerare i flussi magnetici nelle diverse categorie di trasformatori (a 3 o a 5 colonne, tri-monofase). Anche il tipo di collegamento degli avvolgimenti (stella, triangolo, stella con neutro
a terra) è importante ai fini dello scorrimento di correnti omopolari. - Nel caso dei trasformatori a tre colonne il flusso si richiude in aria, pertanto la riluttanza del circuito stesso è molto elevata. Da ciò si deduce che la reattanza trasversale del
trasformatore in regime omopolare è piccola. X0 ~ 0,8 '' 1 p.u. - Per i trasformatori a cinque colonne e tri-monofase, il flusso continua a svolgersi nel ferro,pertanto la reattanza trasversale si può considerare uguale a quella di sequenza
diretta. X0 ~ 100 '' 1000 p.u. Nella pratica i trasformatori a tre colonne vengono usati in MT e in BT, mentre quelli a cinque
colonne in AT e AAT. I trasformatori tri-monofase, invece, vengono usati solo per altissime
potenze. Per quanto riguarda i collegamenti trifase in regime omopolare possiamo dire che nel caso vi sia
un collegamento senza neutro a terra non scorrono correnti omopolari. Nel collegamento a stella
con neutro a terra, invece, scorrono correnti omopolari. Per esempio in un trasformatore triangolo '' stella con neutro a terra scorrono correnti omopolari
solo dal lato col neutro a terra. Ciò si può dimostrare rappresentando l''avvolgimento a triangolo
nel seguente modo: Per cui valgono le seguenti relazioni: 0 3 3 0 0 0 0 2 1 12 0 0 0 0 = '' = '' = '' = = '' / = / cc cc cc cc cc Z Z E E I Z E E E E Z E I I Z E L''avvolgimento a triangolo, quindi, viene visto come c.to c.to e lo schema equivalente monofase
diventa: Zcc Zcc Zcc 1 3 2 E0 E0 E0 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 34 2.4 Generatori sincroni alla sequenza diretta e omopolare Lo schema del generatore sincrono, quando lo statore è percorso da una terna di correnti
omopolari, è il seguente: Le equazioni del campo magnetico rotante, divengono: ( ) ( ) ( ) ' ' ' ' ' = = = t I I t I I t I I ' ' ' sin sin sin 0 3 0 2 0 1 Da cui: ( ) ( ) ( ) ( ) ' ' ' ' ' ' ' ' ' '' ' '' '' ' '' '' = '' ' '' '' ' '' '' = = ' θ ' ' θ ' θ ' 3 4 cos sin . . . 3 2 cos sin . . . cos sin . . . 0 3 0 2 0 1 t KI m m f t KI m m f t KI m m f RN E0 E0 E0 I0 I0 I0 3I0 G Zcc/2 Zcc/2 Z0 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 35 Pertanto la f.m.m. è nulla. Nella realtà la f.m.m. è molto piccola, ma non nulla, pertanto vengono
generate delle piccole correnti che danno luogo a delle piccole disperisioni. La reattanza di indotto
pertanto non è nulla bensì vale X0 ~ 0,07 '' 0,15 p.u. Il circuito monofase del generatore sincrono con avvolgimenti collegati a stella con neutro a terra
è il seguente: 3RN X0 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 36 3. I flussi di potenza in rete 3.1 Deduzione del circuito equivalente e calcolo della matrice delle ammettenze Consideriamo una generica rete di distribuzione, come la seguente: Figura 17 - Schema unifilare di una rete elettrica. Il primo passo per ''risolvere' la rete è schematizzarla con un circuito equivalente. Qualora non
siano dati i valori dell''impedenza di linea è sempre possibile calcolarli partendo dalle
caratteristiche della linea stessa. Dei trasformatori e dei generatori sincroni, si ricavano i dati
necessari dalle targhe dei macchinari. Figura 18 - Circuito monofase equivalente della rete elettrica della figura precedente. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 37 ' opportuno notare come una generica rete sia costituita da un insieme di nodi e rami. Prima di
proseguire con il calcolo dei flussi di potenza, sono necessarie alcune definizioni. Si dice tensione nodale ( ), la d.d.p. del nodo (ai morsetti di fase) rispetto al neutro. Si dice corrente nodale ( ' )la corrente erogata dal generatore o assorbita dal carico connesso al
nodo. Se il nodo funge solo da interconnessione, la corrente è nulla. Se ad un nodo convergono
carichi e generatori, la corrente nodale è la somma algebrica delle correnti. Non bisogna
confondere queste correnti con le correnti di ramo, ovvero quelle correnti che fluiscono nei rami
della rete connessi ai nodi stessi (correnti di linee, trasformatori, reattanze e banchi di
condensatori). Le equazioni che legano le tensioni e le correnti di nodo si possono scrivere applicando il 1°
principio di Kirchhoff agli nodi, esprimendo le correnti dei rami convergenti ai nodi come
prodotto delle ammettenze di ramo per le d.d.p. ai loro capi. Si giunge ad un sistema di
equazioni in incognite (determinato, come si vedrà in seguito). Le equazioni del sistema sono
denominate equazioni ai nodi (o equazioni alle ammettenze), ed in forma matriciale sono
esprimibili come: [ ] [ ][ ] 1 1 ' ' ' = n no n n no n no E Y I La matrice viene detta matrice delle ammettenze nodali. Per comprendere il significato fisico dei componenti che la costituiscono, consideriamo due situazioni limite: 1. Tutte le tensioni impresse ai nodi, ad eccezione della siano nulle (ossia tutti i nodi tranne il j-esimo sono cortocircuitati). Dalla j-esima equazione ai nodi si ottiene che: ' = '' = ' Si osserva che la è l''ammettenza della rete vista dal nodo j, quando tutti gli altri nodi sono cortocircuitati. Per questo motivo gli elementi sulla diagonale principale vengono
chiamati autoammettenze. 2. Tutte le tensioni impresse ai nodi, ad eccezione di una siano nulle. Dalla i-esima equazione (con i'j) ai nodi si ottiene che: ' = '' = ' I termini sono quindi il rapporto tra la corrente al nodo e la tensione al nodo quando tutti i nodi diversi da sono cortocircuitati. In altre parole la coincide con la corrente che entra nel nodo quando tutti i nodi sono in corto circuito, ad eccezione del nodo in
cui è applicata la tensione . Per questo motivo tutti i termini fuori dalla diagonale
principale vengono chiamati mutue ammettenze. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 38 Un modo rapido per calcolare gli elementi della matrice delle ammettenze è il seguente: - Le auto ammettenze si calcolano come la somma di tutte le ammettenze che convergono al nodo i-esimo - le mutue ammettenza sono l''opposto della somma delle ammettenze che collegano l''i- esimo nodo al j-esimo nodo. Se i nodi i e j non sono adiacenti (ossia se non sono
direttamente collegati da un ramo di ammettenza finita), la mutua ammettenza è nulla. per questo secondo punto la matrice Y è simmetrica e fortemente sparsa. Analiticamente si può
scrivere: = , = = '' Dove sono tutti i nodi adiacenti al nodo i-esimo. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 39 3.2 Aggiornamento della matrice delle ammettenze Ottenuta la matrice la rete è nota. Qualora vi siano delle modifiche alla rete occorre aggiornare la matrice delle ammettenze per tener conto dei cambiamenti. Esistono tre operazioni
fondamentali di aggiornamento della matrice, attraverso le quali è possibile eseguire qualsiasi
riconfigurazione della rete: A. Aggiunta di un nodo connesso ( + ) connesso al generico nodo tramite un''ammettenza ( ), : in questo caso la matrice aumenta di ordine. Si tratte, dunque, di scrivere i componenti della colonna e della riga n+1 e di vedere cosa cambia nella matrice
originaria. Scrivendo con l''apice i componenti della matrice aggiornata e senza quelli della
matrice originaria, risulta: = + ( ), ( ),( ) = = ( ), ( ), = ,( ) = = '' ( ), La matrice aggiornata assume la forma: (1) ' ( ) ' ( ) ( + 1) ' ' ' ' ' 0 ' ' ' ' ' ' 0 ' ' ' ' 0 ' 0 B. Aggiunta di un''ammettenza '' tra un nodo generico ed il neutro: la matrice ottenuta è sempre di ordine , e cambia soltanto il termine diagonale relativo al nodo : = + '' C. Aggiunta di un''ammettenza '' tra due generici nodi ed : anche in questo caso la matrice resta di ordine . A cambiare sono le due auto ammettenze relative ai nodi ed e
la mutua ammettenza tra i nodi ed : = + '' = + '' = = '' '' Vediamo alcuni casi notevoli di riconfigurazione della rete: - Aggiunta di una linea di trasmissione tra due stazioni già esistenti: 2 volte l''operazione B più 1 volta l''operazione C (2xB+1xC); - Aggiunta di una nuova stazione connessa con una linea ad un nodo della rete data: 1xA+2xB; Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 40 - Aggiunta di un trasformatore tra due sbarre di una stazione: 1xC;
- Aggiunta di un trasformatore alimentato da un nodo della rete, con creazione di un nuovo nodo al secondario: 1xA; - Aggiunta di un banco di condensatori shunt o di reattanze shunt: 1xB;
- Eliminazione (o distacco) di un componente: basta procedere come l''aggiunta del componente, considerando valori di ammettenza opposti a quelli del componente da
eliminare. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 41 3.3 Il calcolo dei flussi di potenza Attraverso quanto visto fin''ora, siamo giunti ad una serie di equazioni, la cui soluzione fornisce i
valori di tutte le tensioni e tutte le correnti in rete. Va però osservato, che non in tutti i nodi della
rete possiamo imporre un vincolo che sia la tensione o la corrente. Anzi, nella pratica si utilizzano
come vincoli le potenze attive e reattive assorbite dal carico o generate dai generatori. ' innanzi
tutto opportuno distinguere le tipologie di nodi che si possono trovare in rete. Successivamente
bisogna assicurarsi che il sistema sia risolvibile. Consideriamo una rete ad nodi. Viene inoltre considerato il nodo 0 la terra. Distinguiamo tre
tipologie di nodo: di carico, di generazione e di saldo. Ai fini del calcolo della rete e dei flussi di
potenza dobbiamo anche distinguere vincoli ed incognite. Ciò è riassunto nella seguente tabella: Tipo di nodo di carico di generazione di saldo Vincoli Pc, Qc < 0 Pg > 0, Eg Eg, g ' = 0 Incognite Ec, c ' Qg, g ' Pg, Qg Il nodo di saldo, o nodo di riferimento, è un nodo rispetto al quale si fissa il valore efficace e la fase
della tensione. In genere viene scelto un nodo generatore dove è installata una potenza
importante e si fissa la fase nulla in quel nodo. Le incognite utili sono i moduli e le fasi delle tensioni. Pertanto, in una rete ad nodi vi saranno
2 grandezze incognite. Infatti, note le tensioni (in modulo e fase) in tutti i nodi della rete, si può
risalire ai flussi di potenza attraverso le equazioni di rete. ' possibile scrivere: = + Dove - sono i nodi di generazione incluso il nodo di saldo - sono i nodi di carico Dal momento che negli nodi di generazione si fissano i moduli delle tensioni, e al nodo di saldo si fissa anche la fase della tensione, le incognite restanti sono: 2 '' + 1 = 2 + '' 1 Ovvero moduli e fasi delle tensioni negli nodi di carico e fasi delle tensioni negli '' 1 nodi di generazione escluso quello di saldo. ' possibile scrivere '' 1 equazioni per le potenze attive iniettate in rete dai generatori (escluso saldo), e 2 equazioni per potenze attive e reattive
assorbite dai carichi. In totale si possono scrivere 2 '' + 1 equazioni, infatti: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 42 2 + '' 1 = 2 '' + '' 1 = 2 '' + 1 Il sistema risulta quindi determinato. Per scrivere il sistema risolutivo, partendo dai vincoli di
potenza iniettata o assorbita dalla rete si valuta la potenza apparente al nodo k-esimo: * 3 k k k k k I E jQ P N = + = ma dato che i n i k k E Y I i '' = = 1 allora, considerando gli argomenti delle ammettenze : ( ) = = = + '' = = '' '' ki i i k i j i n i k j k i n i k k k e E Y e E E Y E N γ ' ' 1 * 1 * 3 3 ( ) ( ) i i i i k i k i n i k k k i k i n i k k k E Y E j E Y E N γ ' ' γ ' ' '' '' + '' '' = = '' '' = = sin 3 cos 3 1 1 Il sistema, definito dalle incognite e k ' diventa quindi: ( ) ( ) ' ' ' '' ' ' '' '' = '' '' = '' '' = = i i i i k i k i n i k k k k i k i n i k k k E Y E Q E Y E P γ ' ' γ ' ' sin 3 cos 3 1 1 Questo sistema non è lineare, pertanto la sua soluzione è possibile soltanto mediante metodi
numerici approssimati. Fra questi il metodo di Newton-Raphson risulta efficace, anche se, per le
reti con oltre alcune centinaia di nodi, risulta conveniente usare altri metodi come Gauss-Seidel. (metodo di newton raphson) La conduzione pratica dello studio dei flussi di potenza può essere così riassunta: - si calcola la matrice delle ammettenze e si sceglie il nodo di saldo
- si assegnano i valori imposti alla rete e si sceglie una n-pla di primo tentativo
- si fissa il numero massimo di iterazioni (per evitare loop del sistema)
- si fissano gli scostamenti al di sotto dei quali il processo si arresta (1% - 1')
- si calcolano Pk e Qk e quindi 'Pk e 'Qk e si confronta con le tolleranze
- si calcolano le derivate parziali di Pk e Qk ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' '' ' '' ' '' '' '' ' '' ' '' '' '' ' '' ' '' '' '' ' '' ' '' '' = ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' E E Q Q E P P Q P M M ' ' ' Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 43 - si ripete il procedimento m volte finchè 'Pk (m) e 'Qk(m) diventano inferiori alle tolleranze - note tutte le tensioni (valore efficace e fase) ai nodi, si calcolano i flussi di potenza attiva e reattiva - si calcolano le perdite della rete Bisogna verificare che le cadute di tensione rispettino i limiti previsti e che le correnti non siano
troppo elevate (limite termico). Bisogna altresì verificare che i trasformatori eroghino una potenza
minore di quella nominale e che i generatori possano erogare la potenza reattiva richiesta senza
uscire dal limite di stabilità. Infine si verifica anche che le perdite complessiva di potenza attiva
non siano troppo elevate. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 44 4. Regolazione della frequenza Il sistema elettrico deve operare a frequenza costante per assicurare il corretto funzionamento sia
dei generatori che degli utilizzatori. La frequenza di un sistema dipende dalla velocità di rotazione
dei singoli generatori, quindi è direttamente controllata dall''equilibrio tra la potenza generata e la
potenza assorbita. Nell''esercizio questo equilibrio è sempre turbato. Per questo non si potrebbe
definire una frequenza del sistema, in quanto il valore varia da punto a punto. Si definisce sistema
elastico
, un sistema in cui le velocità angolari dei singoli generatori sono diverse tra loro (fig. XX). Figura 19 - Sistema elastico. Nel nostro caso, tuttavia, supporremo di avere a che fare con un sistema rigido. In questo tipo di
sistema le macchine sincrone ruotano tutte alla medesima velocità ed è possibile definire una
frequenza media del sistema (fig. XX). Si tratta, ovviamente, di un''approssimazione che risulta
accettabile quando il periodo delle oscillazioni pendolari dei generatori sincroni sia
sufficientemente rapido rispetto ai fenomeni che si considerano. Figura 20 - Sistema rigido. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 45 4.1 Regolatore di velocità Il controllo della frequenza, come si è visto, passa attraverso il controllo della velocità di rotazione
dei generatori sincroni. Si vuole illustrare il principio di funzionamento di uno dei primi regolatori
di velocità adottati che, seppur in disuso da tempo, è didatticamente utile per comprendere il
fenomeno. Questo regolatore è illustrato in fig. XX. Figura 21 - Regolatore di velocità. La potenza erogata dalla turbina dipende dall''apertura del distributore, il quale a sua volta è
comandato da un sistema sensibile allo scarto di velocità rispetto alla velocità nominale. L''azione
del tachimetro sul cassetto di distribuzione è tale da far aprire o chiudere le luci che collegano il
cassetto al servomotore. A seconda del segno dello scarto di velocità si può avere un aumento o
una riduzione del volume . Analiticamente si può scrivere che la derivata del volume di fluido
(incomprimibile) è proporzionale secondo un certo fattore alla variazione della frequenza: ( '' ) = '' ( '' ) Si adotterà, d''ora in avanti, la notazione per cui '' = ' '' = ' ' e così via. Tornando all''equazione e scrivendola in valori relativi si ottiene: ' '' = '' ' '' Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 46 Passando alle L-trasformate, si ha: ' '' = '' ' '' Ovvero: ' '' = '' ' '' A questo punto si può osservare che la variazione ' '' è pari alla variazione della potenza generata
(N.B: sempre in valori relativi!) ' ''. Si può quindi concludere che ' '' = '' ' '' Il regolatore, cioè, è del tipo integrale puro (fig. XX). Figura 22 - Schema a blocchi del regolatore di velocità. Figura 23 - Caratteristica f-Pg del regolatore di velocità. Un regolatore simile è del tipo astatico, ossia annulla l''errore a regime permanente. Ciò significa
che la macchina mantiene sempre la stessa frequenza di rotazione indipendentemente dalla
potenza erogata. Se si considera una sola macchina in un sistema stabile ciò non porta a particolari
problemi. Tuttavia in reti con più macchine regolanti risulta indeterminata la ripartizione del carico
tra le macchine. Può accadere, cioè, che una macchina si porta a lavorare oltre la potenza
nominale mentre altre sono ampiamente sotto tale limite. Ciò non è accettabile per il corretto
l''esercizio del sistema che deve assicurare una ripartizione quanto più uniforme della potenza
erogata. In passato si adottò quindi un accorgimento costruttivo del regolatore tale da
compensare questo fenomeno (fig. XX). Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 47 Figura 24 - Regolatore di velocità compensato. Tramite questo accorgimento il legame tra ' '' e ' '' diventa del tipo proporzionale-integrale: ' '' = '' ' '' + ' '' Figura 25 - Schema a blocchi del regolatore di velocità compensato. Introducendo le due costanti = 1 = 1 ' possibile ridurre lo schema a blocchi ad una sola funzione di trasferimento: ' '' = '' 1 + ' '' Rappresentata in un unico blocco in fig. XX. Figura 26 - Funzione di trasferimento 'f*-'Pg*. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 48 Questo tipo di regolatore PI è statico, ossia è caratterizzato da un errore non nullo a regime (ossia
per '' 0). A regime si ha ' '' = '' ' '' Ritornando dai valori relativi ai valori assoluti si può scrivere: '' = '' '' Ovvero = '' ( '' ) Questa è l''equazione di una retta nel piano '' . Il coefficiente = Che dimensionalmente è un''energia, prende il nome di energia regolante della macchina, ed
esprime la variazione di potenza erogata corrispondente ad uno scarto di frequenza di 1 Hz. Considerando anche l''azione del limitatore di apertura che entra in funzione quando si raggiunge
la potenza massima di turbina si può tracciare al caratteristica del regolatore di velocità su un
piano '' (fig. XX.). Figura 27 - Caratteristica f-Pg del regolatore di velocità compensato. Si definisce grado di statismo del regolatore di velocità la variazione percentuale ''s' di frequenza
passando da pieno carico a vuoto: = 100 '' Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 49 Per concludere la trattazione del regolatore è opportuno parlare di un dispositivo chiamato
variagiri che è in grado, agendo sulla lunghezza dell''asta b del regolatore (vedi fig. XX), di traslare
verticalmente la caratteristica ottenendo, in pratica, una diversa frequenza a vuoto . Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 50 4.2 Massa rotante Nel precedente paragrafo si è analizzato il regolatore di velocità ottenendone una funzione di
trasferimento ' '' '' ' ''. Si vuole ora procedere in modo analogo per quanto riguarda la
macchina sincrona intesa come massa in rotazione. Per la prima legge della dinamica si può
scrivere = Ω ' possibile sviluppare in serie di Taylor tale espressione. Limitandosi al primo ordine si ha: = Ω + Ω Passando ai valori relativi: '' = '' + Ω'' Dato che ' '' = 'Ω'' si ottiene: '' = '' + '' ' altresì possibile, sempre per la massa rotante, l''equazione di equilibrio delle coppie: = '' = Ω A regime la coppia risultante è ovviamente nulla. Per gli incrementi si può scrivere: ' '' ' = ('Ω) Passando ai valori relativi: ' '' = ' '' '' ' '' = Ω 'Ω'' Introducendo il tempo di avviamento della macchina (§ 10.4.5), definito come: = Ω E, ricordando sempre che ' '' = 'Ω'', si ha: ' '' = ' '' Passando alle L-trasformate: ' '' = ' '' Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 51 A questo punto, ricordando che '' = '' + '' è possibile scrivere: ' '' = ' '' + ' '' Da cui giungere alla funzione di trasferimento della massa rotante: ' '' = 1 1 + ' '' Rappresentata in fig. XX. Figura 28 - Funzione di trasferimento della massa rotante. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 52 4.3 Carico Per concludere l''analisi delle componenti che serviranno per costruire uno schema della rete in
regolazione primaria, è necessario sintetizzare anche il comportamento del carico. Il carico ha un
comportamento non perfettamente lineare al variare della frequenza come osservabile in fig. XX. Figura 29 - Caratteristica f-Q del carico. Si può tuttavia linearizzare se si considera scostamenti piccoli rispetto alla frequenza nominale.
Chiamando con la potenza (attiva!) assorbita dal carico si può scrivere: '' = ( '' ) Il parametro è chiamato energia autoregolante del carico. In valori relativi, con base = per le potenze, si ha: ' '' = / ' '' Ossia, definendo = / Si ottiene, in definitiva: ' '' = ' '' Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 53 4.4 Macchina isolata in regolazione primaria E'' possibile, combinando i risultati ottenuti nei § 12.1, 12.2 e 12.3, sintetizzare uno schema
equivalente di una macchina che funziona in regolazione primaria, assumendo come variabile
d''ingresso la variazione di carico indipendente ' '': Figura 30 - Schema a blocchi di una macchina isolata in regolazione primaria. ' ovviamente possibile scrivere un''unica funzione di trasferimento ( ) tale da ricondurre l''intero
schema ad un unico blocco (fig. XX): ( ) = ''1 ' + 1 + + con ' = 1 + A questo punto è opportuno fare delle considerazioni sulle modalità di regolazione che si riescono
ad ottenere con questa tipologia di controllo. Consideriamo una variazione di carico, tale che la
caratteristica nel piano '' del carico trasli di una quantità ' . Rappresentando sul medesimo
piano sia la caratteristica del carico che la caratteristica del regolatore si può identificare
facilmente il nuovo punto di lavoro del sistema: Figura 31 - Punto di funzionamento a seguito di una variazione di carico. ' evidente che il sistema si porta a lavorare a frequenza . Per ristabilire la frequenza nominale
non è sufficiente l''azione della regolazione primaria, bensì è necessario l''intervento di una
seconda regolazione, chiamata regolazione secondaria, che agendo sul variagiri trasla la
caratteristica del regolatore verso l''alto consentendo di riottenere la frequenza voluta (linea nera
in fig. XX). Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 54 4.5 Reti con più macchine in regolazione primaria '' massa rotante equivalente Fin''ora si è visto cosa accade nel caso in cui ci sia una sola macchina a gestire la regolazione della
frequenza in rete. Nella realtà, ovviamente, questo compito è ripartito su tutte le macchine della
rete. Il modello della massa rotante stilato nel §12.2 deve essere quindi rivisto e alla luce di questa
nuova condizione. Invece di considerare tutte le macchine sincrone singolarmente si fa ricorso ad
un''unica massa rotante equivalente di cui bisogna calcolare un tempo di avviamento equivalente
per poter riscrivere la funzione di trasferimento ( ), vista nel §12.4. ' quindi necessario calcolare
un momento d''inerzia equivalente . Per far ciò si eguaglia l''energia cinetica della massa rotante con la somma delle energie cinetiche di tutte le macchine in rete: = Ovvero 1
2 Ω = 1
2 Ω In definitiva il momento di inerzia equivalente è pari a: = e quindi il tempo di avviamento equivalente (§ 10.4.5): = Ω Dove il termine è la potenza complessiva nominale di tutte le macchine in rete. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 55 4.6 Rete isolata in regolazione primaria Quando si considera una rete, è necessario mettere in conto l''azione di tutti i regolatori della rete.
La variazione di potenza erogata per effetto della regolazione primaria sarà pari alla somma delle
variazioni di tutte le macchine: ' '' = ' ,'' Dal momento che ' ,'' = '' , 1 + , ' '' ' possibile definire una nuova costante = , 1 + , Tale che ' '' = '' ' '' La variazione complessiva di potenza ' '' è data dalla somma di tale ' '' e di un altro contributo
' '' che rappresenta tutte le variazioni di potenza erogata che non dipendono dalla frequenza,
per esempio una variazione negativa dovuta al distacco di una linea: ' '' = ' '' + ' '' La potenza risultante complessiva ' '' che agisce sulla massa equivalente è pari a ' '' = ' '' '' ' '' Figura 32 - Schema a blocchi di una rete in regolazione primaria. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 56 Si introduce una nuova grandezza chiamata variazione di fabbisogno 'Π'', definita come la somma
algebrica delle variazioni di carico ' '' e di generazione non controllata ' '': 'Π'' = ' '' '' ' '' La variazione di fabbisogno è assunta positiva se alla variazione di potenza corrisponde una
maggiore richiesta. In fig. XX è schematizzato con un diagramma a blocchi quanto detto fin''ora. Questo schema può essere visto come una singola macchina equivalente in regolazione primaria,
come rappresentato in fig. XX. Figura 33 - Schema equivalente di una rete in regolazione primaria. ' possibile, inoltre, ricondurre tutto lo schema ad un''unica funzione di trasferimento ( ): 'Π'' '' ' '': ( ) = ''1 + + Per quanto riguarda la regolazione si possono fare considerazioni analoghe a quelle viste per una
macchina singola. Riportando su un grafico le caratteristiche del carico e della macchina ed
ipotizzando una variazione di fabbisogno si ottiene: Figura 34 - Punto di funzionamento a seguito di un aumento di carico e al distacco di un generatore in una rete in regolazione primaria. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 57 Nella fig. XX è stata ipotizzata una variazione di fabbisogno legata a due fattori: aumento del carico
e distacco di uno dei generatori della rete. Le caratteristiche blu in fig. XX sono le caratteristiche
prima della variazione di fabbisogno. Le caratteristiche rosse, invece, sono quelle successive alla
variazione. La retta nera tratteggiata è quella di lavoro della regolazione secondaria. Si può notare
che la maggior parte della variazione 'Π è coperta dalla regolazione primaria ' . Il resto sono effetti autoregolanti del carico. Si vuole calcolare la variazione di potenza erogata a regime
( '' 0). Per far ciò si considera che: ' '' = ' ,'' = ('' )' '' = '' ' '' Dove è stato posto = '' ( ). Passando ai valori assoluti, ricordando che = / , si ha '' = '' / '' = ( '' ) Da cui si ottiene il valor cercato: '' = ( '' ) Concludendo si vuole osservare anche che, sempre a regime permanente: 'Π'' = '' + ' '' Passando ai valori assoluti si ha: 'Π = '' + ( '' ) = '' ( '' ) Il coefficiente è chiamato energia regolante di rete ed è pari alla somma delle energie regolanti delle macchine e autoregolanti dei carichi e delle masse rotanti: = + Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 58 4.7 Rete interconnessa in regolazione primaria Si considerino due reti rigide caratterizzate da due frequenze e non necessariamente uguali
tra loro, interconnesse mediante una o più linee che costituiscono un legame ''elastico'. Come
visto nel capitolo 2, tra queste due reti vi sarà uno scambio di potenza attiva pari a = sin Dove è la reattanza della linea (o delle linee) di interconnessione, ed sono i moduli delle tensioni che le due reti presentano ai rispettivi terminale, e è lo sfasamento del vettore rispetto al vettore . Se i moduli delle tensioni si possono ritenere costanti si può porre: = Se l''angolo è abbastanza piccolo si può supporre anche sin = Tale che la potenza scambiata tra le due reti diviene = Ipotizzando ora che le due reti non si trovino in condizione di regime e che quindi esista uno
sfasamento delle tensioni che porta ad una variazione dell''angolo pari a: ' = ( '' ) = '' '' '' = (' '' '' ' '') Passando alle L-trasformate e ricordando che ' '' = ' '' si ha: ' = ' '' '' ' '' Questo sfasamento dà luogo ad una variazione di potenza pari a ' = ' = ' '' '' ' '' Che in per unità diventa: ' '' = ' '' '' ' '' Ponendo = si ha: ' '' = (' '' '' ' '') Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 59 L''interconnessione è quindi rappresentabile mediante un blocco integratore (fig. XX). Figura 35 - Schema a blocchi dell'interconnessione fra reti Allo schema già visto per la rete isolata si aggiunge quindi il blocco integratore che rappresenta
l''interconnessione con un'altra rete (fig. XX). Figura 36 - Schema a blocchi di una rete interconnessa Come si può notare, la potenza che agisce sulla massa rotante è ora somma di più componenti,
ovvero della variazione di fabbisogno e della potenza scambiata con la seconda rete. Ovviamente è
possibile mettere in evidenza ciò riconducendo la rete isolata ad un''unica funzione di
trasferimento ( ) come fatto nel §12.6 (fig. XX). Figura 37 - Schema semplificato di una rete interconnessa Per questa rete si può scrivere: ' '' = ( )('Π'' + ' '') Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 60 A regime permanente ( '' 0), ricordando l''espressione di ( ), ciò equivale a: ' '' = ''1 + ('Π'' + ' '') Da cui 'Π'' = '' ' '' + + ' '' Passando ai valori assoluti si trova che 'Π = '' ( '' ) + + ( '' ) = ''( '' ) '' ( '' ) In assenza di interconnessione (§12.6) si era trovato che = '' 'Π Con l''interconnessione, invece: = '' 'Π '' '' Se la variazione di fabbisogno è positiva (difetto di potenza nella rete 1) la rete 2 fornisce potenza
alla rete 1, pertanto < . ' altrettanto vero che se la variazione di fabbisogno è negativa (eccesso di potenza nella rete 1), la potenza scambiata tra le due reti cambia segno, ovvero risulta > . In ogni caso l''effetto dell''interconnessione è tale da ridurre il ' causato da un 'Π nelle reti. Tutto va come se l''energia regolante primaria fosse aumentata grazie all''interconnessione. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 61 4.8 Cenni sulla regolazione secondaria e terziaria La regolazione secondaria segue la regolazione primaria per compensare lo squilibrio che una
perturbazione ha causato alla rete e ristabilire la frequenza di regime. Per far ciò viene immesso,
all''ingresso del regolatore vi velocità, un secondo segnale, esterno: Figura 38 - Segnale di regolazione secondaria. in uscita dal regolatore si avrà dunque una quota parte di ' '' derivata dal segnale di
regolazione secondaria, in particolare, in ipotesi di linearità: ' '' = '' 1 + (' '' + ' '') = ' '' + ' '' Come visto in precedenza questo segnale opera sul variagiri. La regolazione secondaria opera, in
rete, su un certo numero di macchine generatrici secondo opportuni coefficienti , al fine di
compensare completamente la variazione di fabbisogno: = + 'Π con α = 1 Il segnale ' '' è generato da un regolatore di rete, che è un dispositivo atto ad annullare lo scarto
di frequenza a regime (blocco integratore). Figura 39 - Regolatore di rete. Al generico regolatore j-simo arriva un segnale di regolazione secondaria siffatto: ' '' = ' '' Successivamente alla regolazione secondaria interviene anche una terza regolazione, detta
regolazione terziaria, che è una regolazione centralizzata a livello nazionale. Definisce e coordina i
livelli di tensione e il dispacciamento dei generatori. La quota parte di potenza di riserva rotante
per le tre regolazioni è così definita: - Riserva rotante primaria: 1,5% della capacità del singolo generatore
- Riserva rotante secondaria: 3% de fabbisogno complessivo
- Riserva terziaria (rotante e fredda pronta): 6% del fabbisogno complessivo Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 62 I tempi di intervento delle tre regolazioni sono schematizzati in fig. XX. Figura 40 - Tempi di intervento delle regolazioni.
Esistono due criteri per la regolazione definiti dall''UCPTE (Union for the Co-ordination of
Production and Transmission of Electricity): Principio di solidarietà: si attiva la regolazione primaria di frequenza in tutti i gruppi generatori
chiamati a svolgere questa funzione (parecchie centinaia di gruppi); il deficit viene rapidamente
(entro non più di 30 secondi) bilanciato con piccolo contributo percentuale di tutti i generatori in
regolazione (primaria) nel sistema elettrico. Principio di equità: entro 15 minuti il sottosistema sede della perturbazione deve provvedere con i
propri mezzi ad annullarne le conseguenze, cioè riportare la frequenza al valore nominale e le
potenze di scambio tra tutti i sottosistemi ai valori di programma in atto prima della
perturbazione. Questo compito è affidato alla regolazione secondaria frequenza-potenza (f-P). Durante la regolazione f-P susseguente una perturbazione, la frequenza misurata non deve uscire
dalla fascia rappresentata dalle due curve in fig. XX. Figura 41 - Fascia di tolleranza in frequenza a seguito di una perturbazione. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 63 5. Regolazione della tensione 5.1 Regolazione nelle centrali di produzione Regolare la tensione nelle centrali di produzione significa regolare la corrente di eccitazione del
rotore della macchina sincrona. Infatti, con riferimento al circuito equivalente di Behm-
Eschemburg è evidente che variando la f.e.m. (E0) di induzione (aumentando la corrente che
circola nelle spire di rotore) risulta: n n n s n n s n n s E jQ P jX E I jX E E I jX E E 3 0 0 '' + = + = '' = La ie viene prodotta dai sistemi di eccitazione (SE). Esistono tre tipi di sistemi di eccitazione: - SE completamente rotanti
- SE semistatici
- SE statici Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 64 5.1.1 SE completamente rotanti Figura 42 - SE rotante. Il sistema è composto da un''eccitatrice principale Ep ed una dinamo ausiliaria Ea, che alimenta il
campo dell''eccitatrice principale. Ciò avviene perché il segnale proveniente dal regolatore di
tensione è dell''ordine di pochi watt, mentre le grandi eccitatrici principali richiedono una potenza
di eccitazione di decine di kW. L''eccitatrice secondaria è del tipo ''amplidina' caratterizzata da
tempi di risposta molto rapidi: in caso di c.to c.to alle sbarre MT, infatti, la tensione del generatore
sincrono deve essere innalzata molto rapidamente per evitare che la macchina vada in fuga.
Questo tipo di SE è stato largamente utilizzato prima degli ultimi 20 anni, quando è stato sostituito
dai Se statici. 5.1.2. SE semistatici Figura 43 - SE semistatico. Questo tipo di sistemi utilizza dei ponti raddrizzatori a diodi per alimentare il campo di rotore
dell''alternatore. Il ponte a diodi è alimentato da un generatore sincrono calettato sul medesimo
albero dell''alternatore ed alimentato a sua volta da un ponte raddrizzatore a tristori, alimentato
da un generatore sincrono a magneti permanenti, sempre calettato sull''albero. L''angolo elettrico
dei tristori (e quindi la corrente di eccitazione di Ga) è regolato dal regolatore di tensione Questa
catena era necessaria in quanto, un tempo, i tristori non potevano sopportare potenze elevate Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 65 come i diodi. La velocità di risposta del SE è limitata dalla costante di tempo del generatore Ga,
pertanto dello stesso ordine di grandezza dei sistemi precedenti. Questi sistemi presentano
l''inconveniente del trasferimento di grosse potenze al rotore per mezzo di spazzole. Per ovviare a
ciò si utilizzano i sistemi cosiddetti a ''diodi rotanti'. Il ponte di Graetz viene montato in un
prolungamento dell''albero del rotore dell''alternatore. Nel generatore ausiliario Ga viene invertita
la funzione del rotore e dello statore: il rotore fa da avvolgimento di indotto, mentre lo statore
genera il campo magnetico. 5.1.3. SE statici Figura 44 - SE statico. Questo tipo di sistemi utilizza un raddrizzatore a ponte intero alimentato direttamente dalle
sbarre a valle del generatore per alimentare il generatore stesso. L''angolo α di ritardo di innesco è
gestito dal RT, e può assumere anche valori oltre i 90°: in questo modo si ottiene una tensione
negativa. Ciò serve nel caso di perdita di carico o di guasto all''alternatore per limitare i danni. Il SE
in questi frangente funziona da inverter, e trasferisce l''energia del campo magnetico alla rete
sotto forma di corrente alternata. Un''altra importante caratteristica di questi SE è la grande rapidità di intervento (nell''ordine di un
periodo elettrico). La rapidità è pertanto dettata dalla sola costante di tempo del rotore Le/Re. Inoltre questo SE ha un elevato guadagno in tensione, essendo la tensione continua massima
disponibile pari a 1,35 volte la tensione alle sbarre del generatore. L''alimentazione derivata dalle sbarre presenta l''inconveniente che durante i c.to c.ti nelle
vicinanze si verifica un forte abbassamento di tensione. Per ovviare a ciò si può sovradimensionare
il ponte a tristori, in modo che l''abbassamento di tensione alle sbarre venga bilanciato da una Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 66 riduzione dell''angolo α, oppure si alimenta l''eccitazione per mezzo di due ponti, uno alimentato in
tensione ed uno alimentato in corrente. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 67 5.1.4. Grandezze caratteristiche dei sistemi di eccitazione - Precisione di regolazione: scarto tra tensione regolata e tensione desiderata
- Tensione di eccitazione: è la tensione necessaria all''eccitazione per ottenere ai morsetti la tensione nominale a vuoto Ve0 o a carico Ven (Ve0<<Ven) - Grado di statismo: è la differenza tra la tensione a vuoto e quella a carico nominale dell''alternatore, espressa in % della tensione nominale {S=(Eg0-Egn)/Egn} - Campo di funzionamento della regolazione automatica: in genere dovrebbe coprire tra l''80% e il 110% della tensione nominale - Tensione di ceiling: massima tensione che il SE può raggiungere. In genere è espressa in p.u. della tensione di eccitazione a carico nominale. La tensione di ceiling esprime la
capacitò del SE di forzare l''eccitazione per qualche secondo (al seguito di c.to c.ti, ecc') al
fine di favorire la stabilità in parallelo. La tensione di ceiling è in genere pari a 7 Ve0. - Tensione di ceiling negativa: serve nei casi di sovratensione affinché la macchina si comporti nella rete come un induttore. - Tempo di risposta: tempo richiesto al SE per raggiungere il 95% della tensione di ceiling partendo dalla tensione di eccitazione a carico nominale. 5.1.5. Asservimento del regolatore di tensione al carico dell''alternatore In molti casi è necessario che la tensione ai morsetti dell''alternatore aumenti al crescere del
carico, per compensare le c.d.t. nel trasformatore elevatore e nella linea AT. Questo tipo di
asservimento viene chiamato compoundaggio. Per realizzare il compoundaggio bisogna regolare
la tensione utilizzando un segnale proporzionale alle correnti di carico. In altri casi può essere richiesto che la tensione regolata decresca all''aumentare del carico, al fine
di ripartire la potenze reattive erogate da più alternatori connessi in parallelo direttamente in MT.
Questo tipo di asservimento viene chiamato statismo. Nelle centrali in cui gli alternatori sono connessi in parallelo lato AT, la reattanza di c.to c.to dei
trasformatori conferisce uno statismo naturale, sufficiente per una ripartizione stabile delle
potenze reattive. Nelle piccole centrali elettriche, invece, più generatori possono essere connessi
lato MT. Senza lo statismo naturale dovuto alla reattanza dei trasformatori. In questo caso si deve
operare sul RT per conferire al sistema alcuni gradi di statismo. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 68 5.2 Campo di funzionamento dei generatori sincroni I generatori sincroni presentano dei limiti di esercizio dettati sia al motore primo a sono
accoppiati, sia dalle caratteristiche costruttive. Vediamo quali sono questi limiti: ' Il primo limite è evidentemente legato alla massima potenza meccanica che il motore primo è in grado di fornire. A questo limite corrisponde un limite di massima potenza attiva
erogabile: ; ' Il secondo limite è imposto dal limite termico di statore e quindi alle correnti che possono scorrere in modo continuativo in esso: . Questo limite è normalmente molto elevato, in quanto i conduttori di statore sono raffreddati efficacemente. ' Il terzo limite è dettato dal limite termico di rotore e quindi alla massima tensione di eccitazione ammissibile: . Normalmente si dimensiona il sistema di eccitazione in modo tale da avere = 1,2 ; ' Il quarto limite dipende dal limite pratico di stabilità, come visto nel precedente capitolo sulla coppia: . C''è da notare che, nella pratica, questo limite è inferiore al limite teorico ( ' 90°) in quanto è necessario assicurare un certo margine di sicurezza nei transitori. Questi limiti si possono riportare in un diagramma P-Q: Infine c''è da notare che esiste una relazione tra le potenze attive e reattive '' e '' e la tensione: = cos '' ''3 = sin ''3 ' ' , ' , ' ' /''3 à ( à ) à Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 69 5.3 Compensatori sincroni Le macchine sincrone non accoppiate a motori primi o macchine operatrici possono generare o
assorbire potenza reattiva. Infatti, quando la macchina lavora in sovraeccitazione (E0>E) la
macchina produce potenza reattiva (assorbe potenza reattiva capacitiva) mentre quanto la
macchina lavora in sottoeccitazione (E0<E) la macchina assorbe potenza reattiva. d n si c X E E E EI Q '' = = 0 3 3 I compensatori sincroni possono essere utilizzati per mantenere la tensione fissa ad un nodo,
compensando l''aumento o la diminuzione di potenza reattiva che altrimenti sarebbe dovuta
essere richiamata dalla rete con conseguenti c.d.t. I compensatori sincroni hanno natura
autostabilizzante: infatti a parità di E0, un aumento della tensione E al nodo produce una
diminuzione della potenza reattiva generata pertanto ciò produce un aumento della potenza
reattiva richiamata dalla rete, ed un aumento della c.d.t., con conseguente bilanciamento
dell''aumento di tensione. 5.4 Condensatori statici La potenza generata da un banco di condensatori statici è espressa da: 2 V C Q st c ' = La capacità C può essere variata a gradini durante l''esercizio. I condensatori statici hanno azione
antistabilizzante: un piccolo aumento di V provoca un aumento della potenza reattiva generata e
quindi una diminuzione della potenza reattiva dalla linea, che comporta una diminuzione della
c.d.t. ed un ulteriore aumento della tensione. Nonostante ciò i condensatori di rifasamento 0 '' 3 Figura 45 - Andamento di in funzione di . Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 70 vengono usati nelle reti di sub-trasmissione e di distribuzione per via del loro basso costo e della
loro elevata affidabilità. 5.5 Reattanze shunt Quando le linee sono gestite a basso carico, generano ingenti potenze reattive capacitive che non
possono essere assorbite dai generatori e dai carichi. Ancora più critica è la messa in tensione della
linea. Per ovviare a ciò si installano ad una o entrambe le estremità della linea delle reattanze
induttive di compensazione trasversale o reattanze shunt. Si definisce grado di compensazione
trasversale il rapporto tra la somma delle potenze reattive assorbite dalle reattanze shunt e la
potenza reattiva generata dalla capacità di linea (alla tensione nominale V): % 70 % 50 '' '' = C L t Q Q K 5.6 Compensatori statici I compensatori statici svolgono la medesima funzione dei compensatori sincroni, ma sono
caratterizzati da una maggiore rapidità di risposta e un minore costo di esercizio. Sono costituiti da
banchi di condensatori commutati da tiristori (TSC, Thyristor-Switcher Capacitor) e induttori
controllati da tiristori (TCI, Thyristor-Controlled Inductor). Lo schema di un generico compensatore
statico è rappresentato in fig. XX: Figura 46 - Schema unifilare di un compensatore statico. Si possono individuare sia i TSC che i TCI, nonché i filtri accordati per la 5°, 7°, 11° e 13° armonica,
necessari per filtrare le armoniche causate dall''azione dei tiristori. Per i condensatori la variazione
di potenza reattiva erogata avviene a passi discreti, mentre per gli induttori la potenza reattiva
assorbita è regolabile con continuità. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 71 5.7 Regolazione della tensione nelle reti di sub-trasmissione La regolazione della tensione nelle reti di sub-trasmissione avviene essenzialmente mediante il
rifasamento dei carichi e per mezzo dei variatori di rapporto nei trasformatori. Quest''ultimo
consente di variare la tensione in un range tipicamente del ±10-15% con gradini del ±1-1,5%. Il
metodo più semplice per ottenere una tensione crescente con il carico è quello di dotare i
regolatori di un compoundaggio di corrente o di potenza reattiva. Da notare, comunque, che i
variatori di rapporto sotto carico non eliminano le cause delle variazioni di tensione, ma si limitano
ad attenuarne gli effetti. 5.8 Regolazione della tensione nelle reti di distribuzione Le c.d.t. in BT sono essenzialmente dovute alla resistenza ohmica dei conduttori (che può essere
anche molto maggiore della reattanza ) e spesso le limitazioni di corrente devono essere basate su
criteri termici più che sulla c.d.t. Gli interventi per limitare le c.d.t. in BT sono piuttosto limitati. I trasformatori MT/BT non possono
essere dotati di variatore di rapporto, per ragioni economiche e pratiche. La tensione secondaria a
vuoto dei trasformatori viene scelta il 5% maggiore della tensione nominale (per esempio 400V
per le linee a 380V) per compensare del tutto o in parte la c.d.t. che ha luogo nel funzionamento a
carico. I condensatori di rifasamento vengono utilizzati per ridurre la corrente nelle linee,
riducendo la richiesta di potenza reattiva. Nei periodi di minor carico possono essere disinseriti
anche automaticamente per mezzo di relè. Un provvedimento utile per ridurre la c.d.t. nelle linee MT sono i condensatori in serie. La
reattanza negativa dei condensatori compensa del tutto o in parte la reattanza di servizio. Sarebbe
anche possibile, seppure con cautela, ipercompensare la reattanza in modo da ridurre la c.d.t.
dovuta alla resistenza. Questo provvedimento, seppur economicamente interessante, è raramente
utilizzato in MT, mentre viene ampiamente usato nelle linee AAT per aumentare la stabilità di
trasmissione. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 72 6. I corti circuiti Il c.to c.to è un contatto accidentale tra le fasi o le fasi e la terra. Se l''impedenza di guasto Figura 47 - Circuito equivalente per lo studio del corto circuito è bassa allora il c.to c.to si dice netto o ''franco'. Questo è il caso
di contatto accidentale tra le fasi. All''instaurarsi di un c.to c.to si
ha un aumento della corrente nel circuito, preceduto da un
regime transitorio. ' lecito studiare questo regime per un c.to
c.to trifase franco, mediante il circuito equivalente monofase (fig.
XX).
Scriviamo le equazioni del circuito: ( ) ( ) ( ) ( ) dt t di L t i R t E t e cc cc + '' = + = α ' sin 2 La soluzione dell''equazione differenziale è data dall''integrale generale sommato all''integrale
particolare: ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) R L con t Z E t i R L con Ae t i L R con Ae t i t i t i t i p cc t g cc t g cc p cc g cc cc ' α ' α ' ' α ' α = '' + = = = '' '' = = + = '' tan sin 2 Per calcolare la costante A si impone che = 0 al tempo = 0, quindi: ( ) ' α '' '' = sin 2 Z EZ A In definitiva la corrente di c.to c.to vale: ( ) ( ) ( ) 4 4 4 3 4 4 4 2 1 4 4 4 3 4 4 4 2 1 simmetrica componente nale unidirezio componente t cc t Z E e Z E t i ' α ' ' α ' '' + + '' '' = '' sin 2 sin 2 Che graficamente è rappresentabile come: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 73 La icc massima si può calcolare imponendo le derivate parziali uguali a zero: ( ) ( ) ' ' ' '' ' ' = '' = '' ' '' '' ' '' + '' '' = 0 0 2 1 0 * α α ' ' ' d t di t dt t di cc cc La icc max vale dunque: ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' + = '' ' '' '' ' '' + '' ' ' ' ' sin 1 2 tan 2 max e Z E icc Questo valore deve essere tenuto in conto quando
si dimensionano le protezioni. In particolare gli
interruttori devono essere in grado di interrompere
questa corrente di c.to c.to, devono avere cioè
questo potere di interruzione. Il potere di
interruzione è la massima corrente in kA efficaci che
un interruttore è in grado di interrompere. Normalmente il cos' si ritiene circa pari a 0,07
corrispondente ad una i in p.u. di circa 2,55. ' utile studiare, ai fini del calcolo delle correnti di c.to c.to, il comportamento dei generatori
sincroni quando i morsetti vengono cortocircuitati. In un primo momento la reattanza sincrona
decresce bruscamente, ed assume il nome di reattanza sub-transitoria (0,15-0,3 p.u.).
Successivamente ricresce fino al valore di regime iniziale (0,8-2,5 p.u.). La f.e.m. invece varia da un
valore iniziale (di poco maggiore alla tensione ai morsetti) fino al valore di regime. Le principali conseguenze di un corto circuito sono: 1. Rapido surriscaldamento dei conduttori per effetto Joule;
2. Ingenti forze elettrodinamiche;
3. Danni nel punto di guasto per effetto dell''arco elettrico;
4. Forte riduzione della tensione in una parte della rete;
5. Possibile perdita della stabilità di trasmissione;
6. Comparsa di tensioni di passo e di contatto in prossimità dei dispersori di terra delle stazioni; 7. Induzione di f.e.m. nei circuiti di telecomunicazione paralleli alla linea, se nel cortocircuito vi sono correnti omopolari; 8. La corrente omopolare può richiudersi attraverso tubazioni sotterranee o altre strutture metalliche provocando danni come perforazioni, fusioni o incendi. 1 ''2 2''2 Iccmax/Icc cos' i (p.u.) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 74 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 75 6.1 Guasto simmetrico Nel caso (poco frequente) di guasto simmetrico è possibile calcolare la Icc mediante il circuito
monofase equivalente di Thevenin. E'' possibile approssimare la tensione nel generico punto della rete (senza risolverla) ad 1,1 volte la
tensione nominale, in quanto la rete è esercita in modo da non superare mai tale valore. L''impedenza di Thevenin, invece, si calcola come l''impedenza equivalente vista ai ''morsetti' della
sezione di guasto. Ovviamente per quanto riguarda i generatori sincroni andrà utilizzata la
reattanza sub-transitoria, e tutte le impedenze eventualmente a monte di trasformatori vengono
riportate lato c.to c.to. Qualora il c.to c.to non sia franco, è sufficiente collegare il circuito equivalente di Thevenin
all''impedenza di guasto, invece che chiuderlo in c.to c.to. ETh ZTh Zg ~ Icc Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 76 6.2 Guasto dissimmetrico Nel caso più frequente di guasto dissimetrico (per esempio fase-terra o fase-fase) la rete non può
più essere rappresentata mediante un circuito monofase equivalente. Pertanto la rete viene
scomposta in tre circuiti di sequenza. Si può dimostrare, infatti, che una qualunque terna trifase di
tensioni, può essere scomposta nelle componenti diretta, inversa ed omeopolare. La relazione tra
le tensioni di fase e le componenti di sequenza è la seguente: [ ] [ ] [ ] ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' = ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' = ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' '' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' = ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' '' '' 3 2 1 2 2 3 2 1 1 0 0 2 2 3 2 1 1 1 1 1 1 1 3 1 1 1 1 1 1 E E E E E E F E E E E E E E E E F i d i d F 4 4 3 4 4 2 1 4 4 3 4 4 2 1 α α α α α α α α In cui F è la matrice di Fortesque. Rappresentando la sezione di guasto come di seguito, variando Z1, Z2, Z3, e Zn è possibile simulare
tutti i tipi di guasto. Operiamo alcune trasformazioni: ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ I1 I2 I3 E1 E2 E3 Z1 Z2 Zn Z3 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 77 Ed 0, Ei0 ed E00 sono le tensioni prima del guasto, ma dato che la rete inizialmente era simmetrica risulta che Ei 0 = E00 = 0. Si ottengono così le equazioni di rete: ' ' ' '' ' ' + = + = + = 0 0 0 0 0 0 E I Z E I Z E I Z E i i i d d d d ' evidente che le incognite sono 6 mentre le equazioni sono solo tre. Gli altri tre vincoli dipendono
dal tipo di guasto. Si analizzeranno ora i vari tipi di guasto che si possono presentare. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 78 6.3 Guasto trifase Per il guasto trifase, anche se calcolabile come precedentemente visto, possiamo scrivere: ' ' ' ' ' = = = 3 3 2 2 1 1 I Z E I Z E I Z E g g g Ossia, passando alle equazioni di sequenza: ( ) ( ) ( ) ' ' ' ' ' = = + + = + + '' ' '
' '' ' ' + + = + + + + = + + + + = + + i g i d g d g i d g i d i d g i d i d g i d I Z E I Z E I Z E I I I Z E E E I I I Z E E E I I I Z E E E 0 0 3 0 0 3 0 0 2 0 2 0 2 0 2 0 0 0 α α α α α α α α Dove la prima equazione è la somma delle prime tre mentre la seconda e terza equazione si sono
ottenute prima moltiplicando per α e sommando, e poi moltiplicando per α² e sommando. Inserendo queste ultime relazioni nelle equazioni di rete si ha (c.v.d.): ( ) ' ' ' ' ' = + = = 0 0 0 0 d d g d i E I Z Z I I Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 79 6.4 Guasto fase-terra In questo caso di può scrivere: ( ) ' ' ' ' ' = = + + = = + + + + = + + '' ' ' ' ' ' = = = 3 2 0 2 2 0 0 0 3 2 1 1 0 0 0 0 I I I I I I I I I I I Z E E E I I I Z E i d i d i d g i d g α α α α Sottraendo la seconda e la terza si ottiene: ( ) ( ) i d i d I I I I = '' = '' + '' 0 2 2 α α α α Quindi I0=Ii=Id ed E0+Ed+Ei=3ZgI0. I tre circuiti di sequenza sono connessi in serie. La Icc vale, dunque: g i d n g i d d cc Z Z Z Z E Z Z Z Z E I I 3 3 , 3 3 3 3 0 0 0 0 + + + = + + + = = Ed 0 Zd ~ I0 Ed Zi I0 Ei Z0 I0 E0 3Zg Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 80 6.5 Guasto fase-fase Possiamo scrivere: ' ' ' ' ' '' = + = = 3 2 2 3 2 1 0 I I I Z E E I g Dalla terza e la prima si ricava: ( ) ( ) ( ) i d i d i d i d i d i d I I I I I I I I I I I I I I I I I I ' ' ' '' = = ' ' ' ' ' ' + = '' '' '' + '' '' = '' + + '' = + + '' '' '' '' '' '' '' '' = + + 0 2 2 0 0 0 2 2 0 2 0 2 0 0 α α α α α α α α Dalla seconda insieme ai due risultati ottenuti si ha che: ( ) ( ) ( ) ( ) d g i d d g i d i d g i d i d I Z E E I Z E E I I I Z E E E E E E + = '' = '' '' '' + + + + + = + + α α α α α α α α α α α α 2 2 2 2 0 2 0 2 0 Il circuito quindi diventa: La Icc vale: trifase bifase cc cc g g i d d cc I I Z se Z Z Z E j I 2 3 0 2 3 0 = '' = + + '' = Ed 0 Zd ~ Id Ed Zi Ii Ei 2Zg Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 81 6.6 Guasto bifase-terra Scriviamo: ( ) ' ' ' ' ' + = = = 3 2 2 3 2 1 0 I I Z E E E I g Che diventa 0 3 2 0 0 2 0 2 0 0 3 3 0 I I I ZI E E E E E E E E E E I I I d i d i d i d i d = + ' ' ' ' ' ' + = = '' + + = + + = + + α α α α La Icc vale: 0 0 0 0 3 Z Z Z Z Z Z Z Z E j I i d i d i d cc + + '' '' = α Ed 0 Zd ~ Id Ed Zi Ii Ei Z0 I0 E0 3Zg Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 82 6.7 Rapporto tra corrente di corto circuito monofase e trifase Come già accennato per dimensionare gli interruttori è necessario conoscere il loro potere di
interruzione. Per far ciò è necessario conoscere quale sarà la massima corrente di c.to c.to nella
rete. Vediamo come varia il rapporto fra correnti monofase e trifase al variare di un parametro
caratteristico della rete a=X0/Xd. ( ) ( ) 2 3 3 , 3 2 3 , 3 2 3 , 3 3 2 3 , 3 3 3 0 0 + = = = + = + '' + + = a i I I X E I X a j E X X j E Z Z Z E I m g gmt d n g d n d n AAT g d n gmt ' ' Graficamente: Quindi se 0<a<1 (a<0 viene normalmente esclusa) risulta Igm-t > Ig3Φ. Ciò avviene in prossimità delle
centrali, in cui (dal lato della centrale) Xd =XccT + Xd'''' e X0 = XccT, quindi a<1: ~ D Y Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 83 7. L''interruzione delle correnti alternate Nel capitolo 6 si è visto come calcolare la corrente che si instaura a seguito di un cortocircuito
nella rete. Il dispositivo atto all''interruzione di tali correnti è l''interruttore. Si vuole qui analizzare
meglio il fenomeno dell''interruzione delle correnti alternate, nonché le caratteristiche costruttive
degli interruttori e le tecniche utilizzate per interrompere le correnti. Un interruttore unipolare è costituito da due elementi metallici il contatto fisso e il contatto
mobile. Nella posizione di chiuso i due contatti sono uniti e garantiscono una bassa impedenza al
passaggio della corrente. In posizione di aperto i contatti sono separati da un dielettrico che
assicura la tenuta alla tensione di esercizio ed a piccole sovratensioni di manovra. Le prestazioni
dinamiche di un interruttore sono la capacità di interrompere o stabilire rapidamente il passaggio
della corrente negli impianti, in particolare: 1. l''interruttore deve interrompere rapidamente il passaggio di corrente in caso di cortocircuito in rete; 2. l''interruttore deve essere in grado di chiudersi anche se l''impianto viene messo in tensione si trova accidentalmente in cortocircuito; 3. l''interruttore deve essere in grado di effettuare tutte le normali manovre: a. inserzione e distacco dei carichi e di reti passive
b. messa in parallelo e separazione di reti attive
c. distacco e messa in tensione di linee e trasformatori a vuoto, banchi di condensatori, reattanze shunt, ecc' Normalmente la funzione più gravosa per un interruttore è quella di protezione (1). Tuttavia anche
le normali manovre (3) possono presentare dei casi critici. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 84 7.1 Il fenomeno dell''interruzione in corrente alternata Quando il relè asservito all''interruttore avverte una condizione tale da richiedere l''azionamento
delle protezioni i contatti dell''interruttore si separano. Al momento della separazione meccanica
dei contatti si innesca un arco elettrico. Infatti, se la corrente passasse istantaneamente a zero, si
manifesterebbe una elevata sovratensione tra i contatti dell''interruttore dovuta all''induttanza
(sempre presente) del circuito. Agendo con sofisticati mezzi sull''arco è possibile controllarne la
resistenza in modo da farla variare gradualmente nelle fasi successive all''apertura. Dopo che l''arco
elettrico viene estinto, l''interruzione può aver luogo soltanto se l''interruttore è in grado di
sopportare la sovratensione che si presenta ai suoi contatti, chiamata tensione di ritorno (TR). Per
comprendere il fenomeno della TR si consideri il circuito in fig. XX. Figura 48 - Circuito di esempio Un trasformatore T è alimentato da una rete di grande potenza e a sua volta alimenta un impianto
utilizzatore U. Il circuito equivalente riferito al primario del trasformatore è riportato in fig. XX. Figura 49 - Circuito equivalente monofase Dove: - la f.e.m. è la tensione fornita dalla rete di potenza infinita; - L e R sono l''induttanza e la resistenza serie del trasformatore e dei collegamenti;
- C è la capacità equivalente tra gli avvolgimenti del trasformatore e dei collegamenti, supposta concentrata. Allo stabilirsi del cortocircuito franco tra G e G'' la tensione si annulla e la corrente aumenta di
intensità e subisce un cambiamento di fase in quanto la reattanza induttiva è in genere molto
maggior e della resistenza R. Al momento del distacco dei contatti ( = ) si innesca un arco tra di essi, attraverso il quale la corrente di corto circuito tende a mantenersi come a circuito chiuso.
L''esistenza dell''arco è utile perché, tramite opportune azioni su di esso, è possibile controllare il
processo di interruzione. L''interruzione definitiva ha luogo se viene impedita la riaccensione
dell''arco in seguito ad un naturale passaggio per lo zero di corrente. La riaccensione avviene solo
se la tensione che si stabilisce tra i contatti dopo spegnimento dell''arco trova condizioni di
ionizzazione residua tali da favorire un riadescamento. Si può dire che condizione per lo Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 85 spegnimento definitivo dell''arco ad un passaggio della corrente per lo zero è che la curva di
ripristino della tensione di tenuta
tra i contatti a partire da tale istante si trovi tutta al di sopra
della curva della tensione di ritorno (fig. XX). Figura 50 - Curva di ripristino della tensione di tenuta e curva della TR L''andamento della TR isulta dalla somma algebrica di due componenti: - una sinusoidale a frequenza di esercizio
- una con andamento aperiodico smorzato, risultante da oscillazioni libere ad una o più frequenze. Finché è presente una componente transitoria apprezzabile, la TR viene denominata tensione
transitoria di ritorno (TTR). La componente a frequenza di esercizio che rimane dopo l''estinzione
della TTR si chiama tensione permanente di ritorno (TPR). Si vuole ora calcolare l''entità di tale TR. Si faccia riferimento al circuito di fig. XX e si indichi con
l''istante di inizio dell''apertura dei contatti e con l''istante di estinzione dell''arco. Dopo l''istante
tra i morsetti AO è impressa la tensione sinusoidale del generatore. La parte a destra dei morsetti
BO, invece, è un circuito oscillante RLC. La tensione a cui risulta caricata la capacità C all''istante
dell''estinzione dell''arco è pari alla tensione ( ) diminuita della c.d.t. nell''arco: ( ) = ( ) '' Il circuito RLC è sede di oscillazioni smorzate (in quanto < 2 ) di frequenza: = 1 2 1 '' 2 Senza ripetere lo studio analitico del circuito RLC si è in grado di scrivere direttamente
l''espressione della tensione ai capi del condensatore a partire dall''istante : Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 86 ( ) = ( ) = ( ( ) '' ) '' ( ) '' cos ( '' ) ' Dove, ovviamente, = 2 . A questo punto la TRR si calcola applicando il 2° principio di Kirchhoff alla maglia di sinistra del circuito, ponendo: ( ) = ( ) '' ( ) ovvero: ( ) = cos( ) '' ( ) + '' ( ) '' cos ( '' ) ' la frequenza propria del circuito RLC è molto maggiore della pulsazione di rete . L''andamento
tipico di una TE è rappresentato in fig. XX. Figura 51 - Andamento della TR Il valore massimo della TR viene raggiunto dopo mezzo periodo , mentre il gradiente massimo si verifica dopo un quarto di periodo, . Trascurando lo smorzamento e ponendo il valore massimo della tensione di alimentazione al posto di ( ), il valore di picco della TR è pari a , = 2 + Mentre il gradente massimo vale circa: '' 2 ( + ) onde evitare il reinnesco elettrico dell''arco è necessario che la caratteristica della TR non
intersechi la caratteristica di rigenerazione della tenuta dielettrica. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 87 7.2 Casi notevoli di interruzione La descrizione del fenomeno di interruzione ha posto in evidenza che negli interruttori hanno sede
sollecitazioni di tipo termico e sollecitazioni di tipo dielettrico. Si presentano casi in cui l''arco non
si spegne ai primi passaggi per lo zero, perché la quantità di energia asportata dall''arco è inferiore
a quella dissipata dall''arco stesso: hanno luogo, allora, riaccensioni di tipo termico. In altri casi, la
mancata interruzione è causata dal riadescamento dell''arco per mancata tenuta della TR: sia un
riadescamento di tipo dielettrico. Le norme internazionali prescrivono i seguenti casi notevoli di
interruzione su cui effettuare le prove degli interruttori: - interruzione di correnti di corto circuito
- interruzione di guasto su linee corte AT (guasto chilometrico)
- interruzione di piccole correnti induttive (con strappamento dell''arco)
- interruzione di correnti capacitive
- interruzione in opposizione di fase si analizzeranno alcuni di questi casi notevoli. 7.2.1 TTR ad una frequenza ' questo il caso già visto nel §7.1, in cui l''interruttore deve poter resistere alla TR, che, in seguito
all''estinzione dell''arco, ha una andamento tipo: ( ) = cos( ) '' ( ) + '' ( ) '' cos ( '' ) ' 7.2.2 TTR a due frequenza Si consideri una centrale elettrica comprendente molte unità generatrici in parallelo collegate ad
una sbarra a 420 kV, come in figura: Figura 52 '' In questo caso, il guasto a valle dell''ATR provoca una TTR a due frequenze. Il cui circuito equivalente monofase è il seguente: Figura 53 - Circuito equivalente monofase Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 88 Durante la persistenza del corto circuito in G, la tensione del generatore ideale ( ) cade in parte
nell''impedenza ' ed in parte nell''impedenza ' . Trascurando le piccole correnti derivate dalle
capacità, la tensione ai capi delle stesse vale: = ' ' + ' Dopo l''interruzione all''istante , la si scarica con transitorio oscillatorio smorzato di frequenza = 1 2 1 '' 2 e ampiezza pari alla tensione iniziale di carica. Nel circuito a monte dell''interruttore, la si porta tramite un transitorio oscillante alla tensione del generatore . Subisce, cioè, una variazione di
tensione pari a: ' = '' ' ' + ' = ' ' + ' Inoltre, il circuito è sede di oscillazioni sinusoidali smorzate alla frequenza = 1 2 1 '' 2 che si sovrappongono alla tensione impressa ( ). L''andamento della tensione risultante è
rappresentato in fig. XX. Figura 54 - TTR a due frequenze. Si può notare che, nel caso in esame risulta ' da cui ' . La TR ai capi dell''interruttore è facilmente ottenibile come differenza delle tensioni a monte e a valle: ( ) = ( ) '' ( ) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 89 ' possibile osservare che l''ampiezza è circa il doppio della massima tensione del generatore
mentre la variazione temporale è caratterizzata da un rapido aumento, ma il valore massimo viene
raggiunto in una successiva oscillazione. 7.2.3 Interruzione di piccole correnti induttive L''interruzione delle correnti di corto circuito avviene sempre ad un naturale passaggio per lo zero
della corrente. Tuttavia, se la corrente da interrompere è piccola è possibile che essa venga
portata forzatamente a zero quando il valore istantaneo è non nullo. Questo fenomeno si chiama
strappamento dell''arco o della corrente. Lo strappamento dell''arco in circuiti induttivi causa
elevate sovratensioni. Si consideri, ad esempio, un trasformatore di potenza funzionante a vuoto,
connesso tramite un interruttore di protezione e manovra ad un nodo di una rete di AT. Il circuito
equivalente è rappresentato in fig. XX. Figura 55 - Interruzione di piccole correnti induttive. Quando la corrente ' attraverso l''interruttore viene interrotta dallo strappamento, essa viene
dirottata sulle due capacità e come è necessario perché le correnti sulle induttanze non subiscano brusche variazioni. Si può osservare che, essendo ' , l''energia immagazzinata nel trasformatore è molto inferiore a quella immagazzinata nell''induttanza di rete. Molto spesso
accade anche che ' . Ne consegue che le oscillazioni di tensione nella rete di alimentazione sono di modesta ampiezza, mentre lato trasformatore l''energia dell''induttanza che si riversa nella
piccola capacità provoca ingentissime sovratensioni. L''andamento delle correnti ' , ' e della
tensione ' = ' sono illustrati nella fig. XX. Figura 56 - Andamento delle correnti e delle tensioni dopo lo strappamento dell'arco. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 90 Per il calcolo del gradiente iniziale e del valore massimo raggiunto dalla tensione , conviene trascurare le perdite ( = '') e la non linearità ( = ): = '' '' = 1 = ( ) '' ( ) '' ( ) Il valore massimo si calcola facilmente con considerazioni energetiche: 1
2 '' ( ) + 1
2 '' ( ) = 1
2 '' , Da cui , = ( ) + ( ) Questa tensione è riportata nel diagramma nella curva a della fig. XX, in funzione della corrente
strappata. Figura 57 - Sovratensioni per effetto dello strappamento d'arco Figura 58 - Riadescamenti multipli. La curva mostra come una corrente di 10 A provoca una sovratensione di 8 p.u. L''interruttore può
sopportare al più una tensione di 2-3 p.u., quindi lo strappamento provoca il reinnesco dell''arco.
Quando l''arco reinnesca, la capacità C si scarica nella rete di alimentazione. Si può ipotizzare che la
corrente venga nuovamente interrotta, ad un passaggio per lo zero, durante il transitorio di
scarica. Molti rilievi sperimentali hanno dimostrato che possono ripetersi alcuni riadescamenti a
brevi intervalli di tempo, come rappresentato in fig. XX. In tale diagramma si può ben osservare il
fenomeno dei riadescamenti multipli seguito dall''interruzione definitiva. Per ovviare a tali
inconvenienti, si cerca di ridurre la sovratensione mediante alcuni provvedimenti. Una possibile
soluzione consta nell''installazione di scaricatori di sovratensione derivati ai terminali dei
trasformatori e delle reattanze shunt (S in fig. XX). Un''altra soluzione, utilizzata nei casi più critici,
consiste nell''utilizzo di resistenze di apertura nell''interruttore (R in fig. XX). Se il valore di R è
opportunamente scelto la sovratensione viene limitata a valori sopportabili dal trasformatore o
dalla reattanza. Poco dopo (30-40 ms) l''apertura dell''interruttore viene disinserita anche la
resistenza, aprendo il contatto . Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 91 Figura 59 - Resistenza di apertura e scaricatore di sovratensione. 7.2.4 Interruzione di correnti capacitive Gli interruttori devono poter interrompere correnti capacitivi (linee a vuoto, banchi di
condensatori). In questi casi la corrente è praticamente in quadratura con la tensione. Si consideri
un interruttore posto a monte di un banco di condensatori avente come circuito equivalente come
in figura XX. Figura 60 - Interruttore a monte di un banco di condensatori. Dal momento che la TR ha una velocità di aumento molto piccola (per via della presenza della
grande capacità C) è molto probabile che la corrente si estingua al primo passaggi per lo zero. In
questo modo, però, i condensatori rimangono carichi approssimativamente al valore massimo
della tensione. Dopo ¼ di periodo la tensione ai capi dell''interruttore diviene pari al doppio della
tensione di cresta della sinusoide . Dal momento che i contatti si trovano piuttosto vicini tra loro (la corrente si era estinta al primo passaggio per lo zero) è molto probabile che si inneschi un
arco elettrico, nonostante il valore della TR non sia eccessivamente elevato. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 92 Figura 61 - Interrruzione di correnti capacitive. Quando la piccola capacità carica a '' si porta al valore a cui è carico il condensatore C
+ , innesca nel circuito delle oscillazioni a frequenza elevata e di ampiezza pari a 2 . ' possibile, a questo punto, che l''arco venga
interrotto nuovamente quando il condensatore
C è carico a ''3 . ' possibile, in seguito, che vi sia una nuova scarica quando la d.d.p. tra e C è di 4 : il transitorio stavolta, darà origine ad una oscillazione con un picco a 5 . Il meccanismo descritto è ben visualizzabile in
fig. XX. Teoricamente si potrebbe andare
avanti così senza limiti. Nella realtà, però, si
riscontra che le sovratensioni di questo tipo
può giungere a 3-4 p.u. L''utilizzo di interruttori
non riadescanti (in SF6) al posto di quelli in olio
ha risolto questo problema nei nuovi impianti. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 93 7.3 L''arco elettrico e i fenomeni utilizzati per estinguerlo Qwerty Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 94 7.4 Principali tipologie di interruttori per AT Qwerty Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 95 7.5 I parametri fondamentali degli interruttori I principali parametri di specifica degli interruttori sono: Corrente nominale. Si definisce corrente nominale il valore efficace della corrente che un interruttore deve poter sopportare in servizio continuativo senza deteriorarsi e senza che il
surriscaldamento dei contatti superi i limiti stabiliti dalle norme. Potere di interruzione. Si definisce potere di interruzione l''intensità di corrente presunta di interruzione (ossia la corrente che circolerebbe nel circuito se l''interruttore avesse impedenza
trascurabile) che un interruttore è in grado di interrompere ad una tensione specificata e nelle
condizioni di impiego e comportamento prescritte. Potere di chiusura. Si definisce potere di chiusura di un interruttore la massima corrente, espressa in kA di cresta, che esso è in grado di stabilire e di condurre prima della riapertura
automatica, senza che l''apparecchio subisca danni e apprezzabile usura. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 96 8. Lo Stato del neutro nelle reti di AT, MT e BT Prima di analizzare lo stato del neutro nelle reti AT, MT ed BT, è opportuno fare alcune
considerazioni generali sulle implicazioni che le varie scelte possono portare. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 97 8.1 Stato del neutro dei generatori sincroni I grandi sincroni alimentano la rete per mezzo di trasformatori trifase D-Y con neutro a terra, come
in fig. XX. Figura 62 - Stato del neutro dei generatori sincroni. Il trasformatore lato MT ha il collegamento a triangolo per consentire la circolazione delle correnti
di magnetizzazione (armoniche di 3° ordine), per avere una buona messa a terra lato AT e per
ridurre le correnti di fase lato MT. ' evidente che mettere il neutro direttamente a terra
porterebbe ad avere delle correnti di c.to c.to monofase-terra eccessive. Infatti, considerando che,
in p.u., la reattanza sub-sincrona del generatore e l''impedenza omopolare valgono
rispettivamente circa 0,2 e 0,1 si ha: , = 3 + + + 3 = 3 2 + '' 6 Il che non è accettabile. Mettere il neutro isolato da terra, d''altronde, porterebbe ad una sopraelevazione della tensioni sulle due fasi non affette da guasto dell''ordine di ''3 volte maggiori a quella nominale e comunque difficilmente prevedibili. Il neutro dei sincroni viene pertanto messo a terra tramite una resistenza. Questa resistenza è tale
da garantire nel c.to c.to correnti dell''ordine di una decina di ampere, ovvero la corrente di guasto
resistiva che si genera è paragonabile a quella capacitiva che si avrebbe con neutro isolato: , = 3 '' 20000 ''3 ' 3 '' '' 10 da cui '' 10 ÷ Ω Tipicamente, non viene usata una resistenza MT, bensì una grossa resistenza BT connessa al
neutro mediante un trasformatore avente i morsetti del secondario connessi tra il neutro e la
terra. Si può anche utilizzare un trasformatore trifase Ynd connesso alle sbarre e avente al
secondario una triangolo aperto di resistenze. La rilevazione del guasto è affidata a relè di
massima tensione omopolare (''r' in fig. XX). Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 98 8.2 Stato del neutro nelle reti AT Nella scelta del neutro per le reti AT bisogna tener conto dei fenomeni di risonanza che possono
verificarsi tra la capacità di servizio e l''induttanza della linea in caso di guasto monofase-terra con
neutro isolato. Le linee di AT si estendono tipicamente per numerose centinaia di chilometri. Per
questo motivo, la reattanza omopolare può assumere valori negativi (capacitiva) e confrontabili in
modulo con le reattanza di sequenza diretta e inversa. Potrebbe accadere, in particolare, che = '' ''2 Con conseguente risonanza del circuito e crescita della tensione a valori molto elevati. Il
conduttore affetto da guasto verrebbe certamente interessato da un arco a terra con correnti
molto più elevate delle correnti di guasto trifase. Per questo motivo il neutro isolato da terra non è
esercibile in AT. Utilizzando il neutro direttamente a terra, invece, è possibile mantenere la reattanza omopolare
positiva (induttiva) e ridurla in modulo a valori di = 1 ÷ 3, corrispondenti a sovratensioni di
0,33 ÷ 0,6 . . e correnti di 1 ÷ 0,6 . .. Per far questo i trasformatori delle centrali e delle
stazioni di interconnessione AAT-AT vengono eserciti con neutro a terra. In questo modo la
corrente di guasto monofase terra è inferiore a quella di guasto trifase e le protezioni si possono
scegliere con un potere di interruzione pari al guasto trifase. La sovratensione temporanea sulle fasi sane in caso di guasto monofase a terra è governata dalle
impedenze longitudinali. Si definisce fattore di guasto a terra K il rapporto tra il più elevato valore
efficace delle tensioni assunte verso terra dalla o dalle fasi non affette da guasto durante un
guasto a terra, e il valore efficace della tensione di fase che si ha nel punto considerato in assenza
di guasto. Se si considerano i valori tipici: = 0,3 ÷ 5; = 0,5 ÷ 1,5; = 0 ÷ 5 allora il fattore K è compreso tra 0,7 < < 2. Se la tensione efficace delle fasi sane non supera l''80% della tensione concatenata, ovvero se ' 0,8''3 '' 1,4 si dice che il neutro è posto efficacemente a terra. Questa condizione, posto = (regime subtransitorio), si ha per: ' 3; ' 1 Con il neutro efficacemente a terra è possibile anche limitare le sovratensioni transitorie a
2,5 ÷ 3 . .. Inoltre è possibile realizzare un isolamento graduato degli avvolgimenti dei
trasformatori AAT, nonché dimensionare gli scaricatori per una tensione nominale inferiore. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 99 8.3 Stato del neutro nelle reti MT Qwerty (tabella con i vari neutri MT nel mondo) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 100 8.3.1 Neutro direttamente a terra Esercire le reti MT con neutro a terra porta a notevoli correnti di corto circuito monofase a terra
(paragonabili con quelle trifase, nell''ordine di alcuni kA), limitate esclusivamente dalla resistenza
di guasto (fig. XX.a), e dalle due resistenze di terra del dispersore in cabina e del punto di guasto. Figura 63 - Messa a terra diretta del neutro. Uniground (a); Multiground (b). Le sovratensioni sulle fasi non affette da guasto sono generalmente inferiori a ''3 . Tuttavia, essendo i dispersori di terra sempre di modesta estensione (le stazioni MT sono piccole) la
tensione di passo e di contatto sono importanti frazioni della tensione di fase (la c.d.t. avviene
nella terra), con conseguente pericolo per le persone. Inoltre se la resistenza di terra (o di guasto)
fosse elevata la corrente di corto circuito potrebbe essere insufficiente a far scattare le protezioni
che, di norma, sono amperometriche. Si devono utilizzare allora dei relè di massima corrente
omopolare per garantire l''apertura in caso di elevata resistenza di guasto. Qualora sia presente un
conduttore di terra lungo tutto il percorso messo a terra ad intervalli regolari (quarto filo, sistema
detto ''messa a terra multiground', fig. XX.b), le tensioni di passo e contatto si riducono a valori
accettabili, e le correnti di guasto sono sempre sufficientemente elevate da far scattare le
protezioni. La messa a terra diretta del neutro in MT, quindi, risulta accettabile solo se sono
presenti conduttori di terra lungo le linee, come accade nella pratica impiantistica dei paesi che
seguono la tecnica americana. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 101 8.3.2 Neutro isolato Per quanto riguarda il neutro isolato, è necessario stabilire una formula per esprimere l''intensità
della corrente di corto circuito monofase a terra. Si possono trascurare le impedenze serie (linea
corta) e considerare solo le impedenze trasversali (fig. XX.a). Nel circuito di sequenza, dunque,
risulta = = 0, mentre la è di tipo capacitivo (fig. XX.b). Figura 64 - Rete MT con neutro isolato in caso di guasto monofase a terra (a) e circuito di sequenza associato (b). Con riferimento alla fig. XX.b, si può calcolare la corrente di guasto: ' = ' = ' = ' 3 = 3 '' '' ' = 3 1 + 3 La tensione assunta dalle altre due fasi è pari a ''3 , anche se in alcuni casi (per esempio nelle linee in cavo) può essere ancora maggiore. Questo porta alla necessità di un maggiore isolamento
della rete e all''adozione di scaricatori con tensione nominale maggiore. La tensione assunta dal
centro stella del trasformatore, invece, coincide con la tensione omopolare ed è pari a: = '' ' = '' 1 + 3 Se si suppone guasto franco a terra ( = 0) la corrente omopolare è in quadratura in anticipo rispetto alla tensione omopolare della fase guasta. Questa osservazione sarà giustificata a breve
ed è molto importante ai fini della protezione per quanto si vedrà di seguito. Si consideri una rete
MT (esercita con configurazione radiale) costituita da n linee in cui la n-sima sia affetta da guasto,
come in fig. XX. Applicando la LKC al nodo ideale N per le correnti omopolari si ha: 3 ' ( ) = 0 Da cui, per la n-sima linea: '( ) = '' '( ) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 102 L''intensità della corrente omopolare nella linea guasta è pari alla somma delle intensità delle
correnti omopolari che scorrono in tutte le altre linee. Inoltre la corrente omopolare nella linea
guasta è in opposizione di fase rispetto alle correnti omopolari delle linee sane. Se le correnti omopolari delle fasi sane sono in quadratura in anticipo rispetto alla , allora la ' ( ) (della fase guasta) è in quadratura in ritardo rispetto alla . Figura 65 - Rete MT affetta da guasto monofase a terra. La linea affetta da guasto, quindi, si comporta come un''induttanza alla sequenza omopolare,
mentre le altre si comportano come delle capacità. Per le linee non affette da guasto è possibile
scrivere la corrente omopolare contribuita come: ' ( ) = '' ( ) = '' ( ) 1 + 3 La corrente omopolare che fluisce nella n-sima linea (affetta da guasto) è pari a: '( ) = '' ' ( ) = 1 + 3 ( ) = '' ( ) 1 + 3 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 103 Per garantire la selettività degli interventi in caso di guasto vengono usati relè VARmetrici
omopolari direzionali. Come visto, infatti, la corrente richiamata dalla linea di guasto è in
quadratura in ritardo rispetto alla tensione ompolare, mentre la corrente delle altre linee è in
quadratura in anticipo. Questo garantisce la selettività d''intervento. Altri vantaggi del neutro isolato sono: possibile auto estinzione del guasto nelle linee aeree per
correnti fino a 20 A, tensioni di passo e contatto moderate anche se di durata 0,5-1 sec. 8.3.3.Neutro a terra tramite resistenza La messa a terra tramite resistenza rappresenta una via di mezzo rispetto alle due alternative visto
fin''ora. In caso di guasto monofase a terra il circuito della corrente di guasto e il circuito di
sequenza sono rappresentati in fig. XX: Figura 66 - Rete MT con neutro a terra su resistenza in caso di guasto monofase a terra (a) e circuito di sequenza associato (b). In questo caso la corrente di guasto è data dalla somma delle correnti che scorrono nella
resistenza e nelle capacità di linea: = + Affinché sia possibile utilizzare relè amperometrici omopolari e garantire la selettività
dell''impianto, bisogna che la corrente che scorre nella resistenza sia almeno un ordine di
grandezza superiore a quella che scorre nelle capacità. ' necessario quindi che: 3 ' 1 Nella scelta del valore di bisogna tener presente di due esigenze contrastanti: - Ridurre la corrente di guasto rispetto al neutro direttamente a terra, per contenere i danni e le tensioni di passo e di contatto; - Aumentare la corrente di guasto rispetto al neutro isolato, per facilitare la rilevazione dei guasti. In ogni caso, come già accennato, la protezione è di tipo amperometrica omopolare, in quanto la
corrente di guasto è molto maggiore rispetto a quella capacitiva omopolare che scorre nelle linee
sane: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 104 ' 2 8.3.4. Neutro a terra tramite bobina di Petersen Una pratica che si sta consolidando nel tempo (in Italia la transizione da MT con neutro isolato è
quasi completa) è la messa a terra del neutro tramite bobina di Petersen (fig. XX). Figura 67 - MT con neutro a terra su bobina di Petersen in caso di guasto monofase a terra (a) e circuito di sequenza associato (b). La bobina di Petersen non è altro che un induttore (di adeguata induttanza L) interposto tra il
neutro e la terra, in grado di annullare (idealmente) la corrente di guasto a regime: = + = 0 Per mezzo dell''effetto della risonanza parallelo con le capacità di linea. In caso di c.to c.to
monofase a terra la corrente di guasto trova una richiusura sia attraverso le capacità di linea, sia
attraverso la bobina. Ovviamente le due correnti hanno fase opposta, pertanto la corrente di
guasto permanente si annulla e, se il guasto è di natura transitoria (arco a terra), esso si estingue
automaticamente. Se si sceglie il valore di tale che risulti in risonanza con le capacità: 3 = 1 allora la corrente di guasto è circa pari a zero. Per questo motivo la bobina di Petersen è anche
chiamata bobina di estinzione o di risonanza. Dopo l''estinzione, il circuito risonante 3 '' è sede di oscillazioni a frequenza prossima a quella di rete, che si smorzano lentamente. Se il guasto
non è transitorio, la bobina ha comunque un effetto positivo, in quanto il contributo capacitivo alla
corrente di corto circuito circola nella bobina, riducendo localmente i danni. In assenza di elementi
dissipativi e considerando le impedenze longitudinali nulle, la bobina di Petersen fa si che la
corrente omopolare nella linea affetta da guasto sia data dalla soma di tutti i contributi delle linee
sane più il contributo della bobina stessa. Supposto un guasto franco a terra ( = 0) è possibile calcolare, in modo del tutto analogo a quanto già fatto nel caso di neutro isolato (§ 8.3.2), la
corrente omopolare nella linea affetta da guasto: '( ) = '' ( ) + ' 3 Il termine ' /3 rappresenta il contributo della bobina di Petersen. Dal momento che 3 = , è possibile scrivere: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 105 ' = = '' 3 La corrente ' ( ) vale, pertanto: '( ) = '' ( ) ' evidente, a questo punto, l''effetto mitigativo della bobina: la corrente omopolare sulla linea
affetta da guasto si riduce al solo contributo delle capacità omopolari della linea stessa, come per
le linee sane. In tutte le linee, inclusa quella guasta, circola una corrente omopolare capacitiva. Pertanto non è
possibile utilizzare le protezioni varmetriche omopolari usate nel caso di MT isolato. Per questo
motivo, nella pratica, viene posta in parallelo alla bobina una resistenza. In questo modo si ha una
piccola ma ben definita componente attiva della corrente di guasto (20-40 A), sfruttabile per
realizzare la protezione selettiva mediante relè wattmetrici omopolari direzionali, senza perdere il
beneficio dell''autoestinzione dei guasti transitori proprio della bobina. Tra i vantaggi dell''utilizzo della bobina di deterse si ha la ridotta tensione di passo e di contatto nel
punto di guasto, che diventa elevata in corrispondenza della bobina (tipicamente, quindi, in cabina
primaria AT/MT). Le sovratensioni temporanee si avvertono in tutta la rete e le fasi sane si portano
a tensioni anche maggiori della concatenata. Le sovratensioni transitorie sono significative ma
inferiori al caso di neutro isolato. Gli isolamenti e gli scaricatori sono dimensionati, in pratica,
come nel caso di neutro isolato. Figura 68 - Bobina di Petersen. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 106 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 107 8.4 Stato del neutro nelle reti BT I principali aspetti da considerare per la scelta della messa a terra delle reti BT sono: - sicurezza delle persone
- continuità di servizio
- protezione contro i guasti a terra
- sovratensioni il rischio maggiore di cui bisogna tener conto nella scelta dello stato del neutro per le reti BT è
quello legato al contatto tra un conduttore di MT e un la rete BT, dovuto, ad esempio, alla rottura
di una cavo aereo. Si distinguono, perciò, 4 casi: ' MT a terra, BT isolato (fig. XX): in questo caso le fasi r, s e t si portano ad un potenziale molto vicino a quello di R, sempre che non vi sia un cedimento strutturale dell''isolamento,
e la corrente di guasto si richiude tramite le capacità a terra della linea BT. Ciò comporta
una pericolosità prolungata nel tempo. Figura 69 - MT a terra, BT isolato. ' Entrambi isolati (fig. XX): il contatto tra R ed r, porta alla circolazione di una debole corrente di guasto. Tuttavia, essendo ' , la fase r assume verso terra gran parte del potenziale di R (per dimostrare tale affermazione basta applicare la formula del partitore di
tensione alla rete che si viene a creare). Ciò rimane non compatibile con gli isolamenti
adottati in BT, ad anche in questo caso comporta una pericolosità prolungata nel tempo. Figura 70 - MT isolato, BT isolato. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 108 ' Entrambi a terra (fig. XX): in questo caso si ha una intensa corrente di guasto, a cui segue l''apertura dei relè di protezione. Il rischio per le persone è quindi limitato dalla breve
durata del corto circuito. Tuttavia, durante il guasto la rete BT assume un potenziale
elevato in quanto: r MT BT BT BT E R R R E + = Figura 71 - MT a terra, BT a terra. ' MT isolato, BT a terra (fig. XX): in questo ultimo caso, la sovratensione cade sulle capacità , quindi è come se si fosse verificato un guasto MT monofase terra. Qualora la MT fosse connessa a terra tramite bobina la situazione migliora ulteriormente, in quanto la
sovratensione si annullerebbe per effetto della risonanza parallelo. Figura 72 - MT isolato, BT a terra. Altre considerazioni importanti che portano a preferire la messa a terra diretta in BT sono: - facilità e selettività di intervento delle protezioni (vedi cap.10) - si evita la sopraelevazione della tensione delle altre fasi del fattore ''3. - Se una persona tocca un conduttore BT con neutro isolato in una linea lunga, può essere percorsa da correnti pericolose, in quanto le conduttanze di rete possono essere anche
maggiori delle suscettanze. Solo in piccole reti BT ben isolate il neutro isolato non costituisce un pericolo. La presenza di guasti
a terra in circuiti BT con neutro isolato si rileva grazie ad un relè voltmetrico omopolare. La Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 109 tensione omopolare, infatti, è nulla nel funzionamento normale, diventa uguale alla tensione
stellata in caso di guasto. Molto più difficile è individuare la posizione del guasto nella rete. 11 10 9. Per 9.1 Eff La soglia d
corrente c
all''intensit Per una cla Nella figur 1) Tip
2) Tip
3) Tip res
fibr 4) in a a c
arre
del A ricoli da e fetti della c di percezion continua. I d à di corrent Fig assificazione Fi a XX, si pos icamente n
icamente n
icamente n
piratoria; d rillazione ve aggiunta ag irca il 5% (c esto cardia l''intensità d Appu Appunti a cur elettricit corrente su ne della cor danni provo
te. Per tem gura 73 - Effetti e più accura igura 74 - Effett sono disting essuna reaz
essun effet nessun dan disturbi reve entricolare, gli effetti de curva c2), a aco, arresto della corren nti di Impia ra di Emanue ul corpo um rente dell''u ocati dal pa pi di contat della corrente ata (norma ti della corrente guere 4 zon zione tto fisiologic nno organi ersibili nella che aumen ella zona 3, al 50% (curv o respirator nte e del tem nti Elettrici '' ele Freddi '' h mano uomo è di c assaggio de tto prolunga sul corpo uman IEC 479-1) s e sul corpo uma ne, contrass camente pe ico. Probab a formazion ntano con l'' la probabil va c3), oltre rio, gravi u mpo. prof. A. Cap http://laema circa 0,5 ella corrent ato si può c no in caso di co si può fare ano secondo la segnate da a ericoloso bilità di co ne e conduz intensità de
ità di fibrilla e il 50% al ustioni, pos asso an.altervista. a 50 ÷ 6 e sono pro onsiderare ntatto prolunga riferimento norma IEC 479 altrettanti n ontrazioni m zione di imp ella corrent azione vent di là della c sono prese org/Blog/lec 0 e di 2 oporzionali la seguente ato. o alla fig. XX -1. numeri: muscolari e pulsi nel cu e e il tempo tricolare au curva c3. E entarsi con ture-notes/ 2 per la al tempo e e tabella: X: e difficoltà uore, inclusi o. menta fino ffetti come l''aumento a e à i o e o Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 111 9.2 Protezione delle persone negli impianti utilizzatori. Per ovviare ai problemi elencati nel paragrafo precedente, è necessario prevedere un efficace
sistema di protezione, nonché di messa a terra degli impianti utilizzatori e delle masse. La norma
CEI 64-8 definisce il concetto di massa e massa estranea. Una massa è una parte conduttrice che soddisfa le seguenti proprietà: 1. può essere toccata;
2. fa parte di un componente elettrico;
3. non è in tensione in condizioni ordinarie (altrimenti sarebbe una parte attiva);
4. può andare in tensione in condizioni di guasto. La prima proprietà focalizza l'attenzione sull'accessibilità della massa: se una parte conduttrice fa
parte di un componente elettrico e può andare in tensione in caso di guasto, ma non vi è rischio
che venga toccata, non è una massa, bensì una parte intermedia. La seconda proprietà specifica che "la massa fa parte del componente elettrico" e di conseguenza
dell'impianto elettrico. Se la parte conduttrice non fa parte dell'impianto elettrico, ma può
ugualmente andare in tensione in condizioni di guasto a causa di una resistenza verso terra
superiore a 1000 Ω (250 Ω per particolari applicazioni), viene detta massa estranea. Sia la massa che la massa estranea vanno protette contro i contatti indiretti. Esistono tre sistemi per la protezione delle persone negli impianti utilizzatori: TT, TN, IT. La
denominazione TT, TN o IT rappresenta lo stato del neutro (centro stella del trasformatore in
cabina) e delle masse: - TT: neutro a terra, masse a terra
- TN: neutro a terra, masse a neutro
- IT: neutro isolato, masse a terra Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 112 9.2.1 Sistema TT Il sistema TT viene impiegato per alimentare impianti utilizzatori di piccola potenza. Nel caso di
guasto fase-massa l''anello di richiusura della corrente comprende la fase affetta da guasto, e gli
impianti di terra dell''utente e della cabina , ed (fig. XX). Figura 75 '' Guasto fase-massa in un sistema TT. Si può esprimere la corrente di guasto tramite la: , = + Tipicamente vale , '' 11 . La tensione a cui si portano le masse vale = , ('' 110 ) Questo mette in evidenza la necessità di avere una particolarmente piccola. I dispositivi di protezione sono essenzialmente degli interruttori differenziali tarati per correnti differenziali
massime di 30 mA. Possono essere utilizzati anche interruttori sensibili alle grandezze omopolari,
qualora il dispersore di terra abbia resistenze troppo elevate. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 113 9.2.2 Sistema TN Il sistema TN viene impiegato per forniture di potenza medio-alta. Possiamo distinguere tra tre tipi
di sistemi TN: - TN-C: il neutro e il conduttore di protezione (PE) sono svolte da un unico conduttore
- TN-S: il neutro ed il PE sono due conduttori separati
- TN-C-s: la due funzioni sono in parte combinate ed in parte separate. Nel caso di guasto fase-massa, l''anello di guasto non interessa il terreno, rimanendo chiuso nel
conduttore di protezione (fig. XX). Figura 76 '' Guasto fase-massa in un sistema TN-S. La corrente di guasto sarà il rapporto tra la tensione della rete e l''impedenza della linea e del PE (o
del PEN). Il terreno non è interessato dalla corrente, pertanto la tensione di contatto è pari alla
caduta di tensione sul conduttore di protezione. Anche se questa tensione è una frazione della
tensione di rete, è necessario disporre di interruttori automatici di tipo magnetotermico. Anche se
questa protezione è di norma sufficiente, si inserisce nel sistema un interruttore differenziale a
protezione dei contatti diretti. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 114 9.2.3 Sistema IT Il sistema IT è usato solo dove sono sussistono particolari esigenze di continuità di servizio.
L''impianto utilizzatore deve avere una cabina di trasformazione propria, con neutro a terra tramite
resistenza di valore elevato . Nel caso di guasto fase-massa l''anello di guasto comprende la e la resistenza di terra delle masse (fig. XX), e pertanto le correnti hanno intensità limitate, mentre le
altre due fasi si portano ad un potenziale prossimo alla tensione concatenata. Figura 77 - Guasto fase-massa in un sistema IT. Per eliminare i guasti, in genere, si utilizzano relè voltmetrici sensibili alla tensione su collegati ad una segnalazione ottica o acustica. Ciò è necessario in quanto, se si realizzasse un altro guasto
fase-terra, l''anello di guasto si richiuderebbe attraverso questa fase, con bassa impedenza, e
quindi con elevate correnti. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 115 9.3 Dispersori di terra La realizzazione pratica della messa a terra avviene mediante i dispersori di terra, dei dispositivi a
bassa resistenza che permettono, appunto, di disperdere la corrente di guasto nel suolo. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 116 9.4 Protezione tramite relè differenziale Qwerty Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 117 10. Stabilità di trasmissione 10.1 Il concetto di stabilità di trasmissione '' definizioni La stabilità di trasmissione dei sistemi elettrici di potenza è un complesso fenomeno
elettromeccanico. Prima di passare alle trattazioni formali ed analitiche è opportuno esaminare
fisicamente il fenomeno. Si consideri un sistema come quello in figura XX. Figura 78 - Modello di linea elettrica. Lo schema equivalente è in per unità e non considera le ammettenze del trasformatore e della
linea. L''equazione del circuito è: = + ' Ed il relativo diagramma fasoriale è rappresentato in fig. XX. Figura 79 - Diagramma fasoriale della linea. Se si trascurano le perdite di trasmissione si può scrivere che la potenza attiva erogata dal
generatore è pari a quella assorbita dal motore sincrono ed è fornita dalla: = 3 cos = 3 cos Considerando il segmento , si può scrivere: = cos = sin Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 118 Da cui: cos = sin In definitiva, sostituendo la precedente nell''espressione della si trova: = 3 sin L''angolo si può ritenere uguale all''angolo elettrico tra i rotori, ovvero la differenza delle ascisse
angolari riferite ad un comune asse di riferimento. Questa espressione pone in evidenza come,
fissate le tensioni e la reattanza, la potenza trasmessa varia con il seno dell''angolo elettrico tra i
due rotori, come rappresentato in fig. XX. Figura 80 - Caratteristica potenza-angolo. La potenza massima trasmissibile si ha per sin = 1 '' = e può essere aumentata diminuendo la reattanza di collegamento tra le macchine, oppure aumentando la tensione di trasmissione. Il funzionamento stabile si può avere solo per '' ' ' , ovvero per > 0, come dimostrato di seguito. Si supponga, ad esempio, di trovarsi nella condizione di regime nel punto A e di avere un piccolo
aumento di carico del motore. All''aumento della potenza prelevata all''albero del motore sincrono
si avrà un rallentamento del rotore del motore, mentre il rotore del generatore ruoterà
(inizialmente) sempre alla stessa velocità. L''angolo , di conseguenza, tende ad aumentare.
All''aumentare di , aumenta la potenza che il motore stesso richiama dalla linea fino ad
eguagliare la nuova potenza richiesta dal motore. In questo transitorio la potenza erogata dal
generatore sincrono deve aumentare, ma la potenza fornita dalla turbina resta pressoché
invariata, quindi il rotore rallenta e la frequenza si riduce. Il successivo intervento del regolatore di Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 119 velocità fa aumentare la potenza generata dalla turbina e riporta il sistema a funzionare in regime
stazionario. Riepilogando: 1. Il sistema funziona in regime stazionario;
2. Aumento della potenza prelevata all''albero del motore sincrono;
3. Riduzione di velocità del rotore del motore e conseguente aumento dell''angolo ;
4. Aumento della potenza richiamata dalla linea dal motore;
5. La turbina inizialmente fornisce la stessa potenza. Il rotore del generatore rallenta e la frequenza del sistema si riduce; 6. L''intervento del regolatore di velocità sul distributore di turbina riporta il sistema a lavorare in condizioni di stabilità. In linea di principio, la potenza assorbita dalla macchina operatrice può essere aumentata molto
lentamente, attraverso una successione di stati di equilibrio, fino a raggiungere il punto di funzionamento M, corrispondente a = . Questo limite di stabilità statica è valido solo se non avvengano variazioni brusche di potenza assorbita. Giunti in M, un ulteriore aumento della
potenza assorbita provoca una diminuzione della potenza richiamata dalla rete: il motore perde
rapidamente il passo e si ferma. Ecco quindi spiegata l''affermazione precedente sulla zona di
funzionamento stabile. Molto più incisivo ed importate del limite di stabilità statica è il limite di stabilità transitoria. Si
consideri, come rappresentato in fig. XX, un funzionamento a regime nel punto A. Figura 81 - Brusca variazione di potenza. Si ipotizzi, ora, una grande e brusca variazione della potenza prelevata dalla macchina. Si elimini,
cioè, l''ipotesi semplificativa posta in precedenza di perturbazioni piccole. Si supponga, inoltre, che
la turbina sia in grado di fornire tutta la potenza richiesta senza subire variazioni di velocità,
neppure temporanee. In queste ipotesi all''aumentare della potenza richiesta al motore si ha un
rallentamento dello stesso ed un conseguente aumento dell''angolo , come nel caso precedente.
Quando l''angolo eguaglia , il rotore sta ruotando ad una velocità inferiore a quella di
sincronismo, pertanto l''angolo continua ad aumentare. Tuttavia, quando > , la potenza Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 120 trasmessa al motore supera la potenza meccanica erogata, la macchina accelera e si riavvicina al
sincronismo. A questo punto si possono distinguere due casi: 1. La macchina raggiunge il sincronismo quando l''angolo (in figura XX è rappresentato come ) è inferiore all''angolo limite di stabilità transitoria per quella determinata perturbazione. In questo caso la macchina oscilla attorno al punto di equilibrio fino a
riguadagnare la stabilità grazie ai fenomeni dissipativi che riducono progressivamente
l''ampiezza delle oscillazioni. In questo caso si dice che il sistema è stabile. Figura 82 - Sistema stabile. 2. La macchina non riesce a raggiungere il sincronismo prima che l''angolo superi l''angolo . In questo caso, superato tale limite, la potenza richiamata dalla linea continua a decrescere
fino a far perdere il passo al motore (fig. XX), che si ferma rapidamente. In questo caso il
sistema si dice instabile. Figura 83 - Sistema instabile. Come già implicitamente visto nelle fig.re XX e XX, vi è un semplice criterio per stabilire a priori,
date le caratteristiche del sistema ed i valori della potenza iniziale e dell''incremento ' , come
evolverà il sistema. Tale criterio è detto criterio delle aree secondo cui, affinché vi sia stabilità, è Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 121 necessario che l''area compresa tra la retta + ' e la caratteristica potenza angolo segnata con il segno ''+'', eguagli quella rappresentata dal segno ''-'' prima che venga raggiunto l''angolo limite.
Questo criterio verrà visto ed analizzato accuratamente nel capitolo successivo. In conclusione è possibile dare alcune definizioni, inerenti al problema della stabilità. Regime permanente: condizione di costanza nel tempo e nello spazio della sistema elettrico delle
grandezze elettriche e meccaniche. I generatori sincroni ruotano alla frequenza nominale e le
tensioni efficaci in ciascun nodo della rete sono costanti nel tempo. Perturbazione: una qualsiasi variazione apportata alle variabili o alla struttura del sistema
elettrico. Possono distinguersi perturbazioni: - Grandi / piccole (es. cortocircuito di sbarra AAT / piccola variazione di carico)
- Rapide / lente (es. apertura di un interruttore / normale variazione del carico nel tempo)
- Permanenti / temporanee (es. distacco di una linea / guasto in linea con apertura e richiusura riuscita) Regime transitorio: regime che si instaura a seguito di una perturbazione in cui le grandezze
elettriche e meccaniche variano nel tempo fino a raggiungere un nuovo regime permanente. Sistema stabile. Un sistema si dice stabile, per un''assegnata perturbazione impressa a partire da
una data condizione iniziale di regime permanente, se dopo estinto il regime transitorio esso
ritorna integralmente in equilibrio, cioè se le macchine sincrone riassumono tutte le rispettive
velocità di sincronismo, non si verifica la separazione della rete, le tensioni riassumono i valori che
avevano prima della perturbazione, o comunque valori prossimi alla tensione nominale. Stabilità statica. Si definisce stabilità statica l''attitudine del sistema a mantenersi stabile in seguito
a perturbazioni piccole ed a perturbazioni lente. Stabilità transitoria. Si definisce stabilità transitoria la capacità del sistema a rimanere stabile
dopo una specificata perturbazione rapida di grande ampiezza che venga a sovrapporsi ad una
assegnata condizione iniziale di regime permanente. Stabilità dinamica. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 122 10.2 Il criterio delle aree Lo studio della stabilità si esegue tramite la simulazione numerica di tutte le macchine in rete,
considerate individualmente. ' possibile suddividere tre distinte fasi che intervengono a seguito di
una perturbazione, durante il regime transitorio: 1) Durata: 1-1,5 secondi. Stabilità transitoria. In questa fase i regolatori di velocità delle turbine non entrano in gioco in quanto le costanti di tempo sono più lunghe. Molto spesso
è trascurabile anche l''azione dei regolatori di tensione. 2) Durata: 5-10 secondi. Stabilità dinamica. In questa fase intervengono sia i regolatori di velocità che i regolatori di tensione. Per alcuni secondi la potenza erogata dalle turbine a
vapore (e, per un tempo leggermente maggiore, dalle turbine idrauliche) non varia a causa
dell''inerzia meccanica. In questa fase è necessaria una rappresentazione delle macchine
sincrone che tenga conto delle variazioni di campo magnetico, nonché dell''intervento degli
avvolgimenti smorzatori, dei regolatori di tensione e dei regolatori di velocità (specie per le
turbine a vapore). 3) Durata: alcuni minuti. Long-term dynamics. In questa fase si sviluppano tutte le reazioni dei sistemi termici, idraulici e nucleari a monte delle turbine. Si possono manifestare
pendolazioni di potenza attraverso le linee di interconnessione tra grandi reti, oppure in
reti vicine al limite di stabilità statica. Oltre a quanto già fatto per la 2° fase, adesso diventa
necessario studiare la rete nel suo complesso considerando tutti i suoi elementi come le
funzioni di trasferimento dei generatori di vapore, l''intervento dei relè di protezione e
alleggeritori di carico, i variatori di rapporto sotto carico dei trasformatori, etc' ' interesse di questa trattazione, soffermarsi sulla prima fase, la stabilità transitoria, in quanto la
stabilità dinamica e la long-term dynamics non sono facilmente affrontabili se non con un
approccio di tipo numerico. Per il calcolo della stabilità transitoria vi è un metodo semplice,
chiamato criterio delle aree, già visto qualitativamente nel precedente capitolo. Questo metodo è
applicabile solamente a due modelli: - Generatore sincrono connesso ad una rete di potenza infinita;
- Due macchine sincrone connesse da una rete passiva; Si utilizzerà il primo dei due considerando il sistema in figura sottostante. Figura 84 - Macchina sincrona collegata ad una rete di potenza infinita. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 123 Con riferimento alla fig. XX, si indichi con: - , potenza e coppia meccanica generate dal motore primo; - , potenza elettrica erogata in rete dalla macchina sincrona e coppia elettromeccanica; - = '' potenza accelerante o decelerante; - momento di inerzia della macchina sincrona e del motore primo; - ( ) = + ( ) ascissa angolare del rotore rispetto ad un asse di riferimento fisso ; - , velocità angolare e accelerazione angolare del rotore; - velocità angolare nominale del rotore; - ( ) = ( ) '' angolo elettrico tra il rotore della macchina sincrona (G) ed il rotore di una macchina di potenza infinita (G'') ruotante a velocità costante . Si può assumere uguale allo sfasamento tra la f.e.m. interna della macchina (supposta costante durante il transitorio) e la tensione della rete di potenza infinita Figura 85 - Rotore della macchina sincrona (G) e rotore di una macchina sincrona di potenza infinita (G''). Dall''ultima delle definizioni date si può immediatamente scrivere: = 1 + = 1 Il moto del rotore della macchina sincrona è regolato dalla nota equazione: '' = Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 124 Moltiplicando ambo i membri per si ottiene: = ( '' ) = '' Dal momento che la valutazione riguarda la stabilità transitoria (la prima delle tre fasi) è possibile considerare la velocità di rotazione dell''asse costante (in realtà si discosta di pochi percento, ma con questa approssimazione non si commettono errori grossolani), e pari al valore della velocità di sincronismo . Sotto tale ipotesi si può scrivere: = '' = Ovvero: = A partire da questa equazione è piuttosto semplice dimostrare il criterio delle aree. Moltiplicando ambo i membri per 2 si ottiene: 2 = 2 Che può anche essere scritta come: = 2 A questo punto si passa dalle derivate ai differenziali moltiplicando entrambi i membri per : = 2 Integrando tra l''istante iniziale e un istante successivo '' a cui corrispondono gli angoli e '' si
ottiene: '' '' = 2 '' ' evidente che se a macchina all''istante iniziale era in condizioni di regime permanente la
variazione di angolo di coppia era nulla, quindi: = 0 Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 125 La condizione per cui la macchina rimanga stabile è che il rotore ritrovi la velocità di sincronismo
(persa a seguito della perturbazione) prima che l''angolo eguagli l''angolo . Se ciò accade al
generico istante '' si può scrivere: '' = 0 In conclusione si deduce che la condizione necessaria affinché sia assicurata la stabilità è che per
un certo valore di '', si annulli l''integrale: '' = ( '' ) '' = 0 Questo integrale si può rappresentare graficamente in un piano '' come in fig. XX. Figura 86 - Interpretazione grafica del criterio delle aree. Fisicamente succede che all''aumento della potenza richiesta la macchina reagisce cedendo parte
della sua energia cinetica rallentando la rotazione. Quando si supera il punto , invece, accade
l''opposto. Vi è un esubero di energia in rete e la macchina accelera fino a che, raggiunto il punto '', non guadagna nuovamente la velocità di sincronismo. A questo punto, però, continua ad esserci un eccesso di potenza erogata, quindi la macchina continua la sua accelerazione riducendo
così l''angolo . La macchina prosegue con oscillazioni successive che, se non ci fossero fenomeni
dissipativi, continuerebbero indefinitamente tra e ''. Tuttavia, proprio per la presenza di tali
fenomeni incentivati anche dalle barre di smorzamento, la macchina guadagna nuovamente
l''equilibrio nel nuovo punto stabile . ' opportuno a questo punto osservare che l''analisi
mediante il criterio delle aree si effettua sulla prima oscillazione della macchina. Per quanto detto,
infatti, se la macchina non perde il passo alla prima oscillazione del rotore, allora non lo perderà di
certo in nessuna delle successive. Per concludere è opportuno ribadire che il criterio delle aree individua una condizione necessaria
e sufficiente per la stabilità del sistema, soltanto se il sistema è costituito da due macchine (ipotesi
iniziali). In ogni altro caso, il criterio delle aree determina una condizione necessaria, ma non
sufficiente ai fini della stabilità. Questo perché, nei sistemi complessi, può capitare che alcune
macchine non perdano il passo alla prima oscillazione, ma lo perdano, ad esempio, nella seconda. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 126 Questi fenomeni, come accennato, possono essere analizzati numericamente, ma verranno
tralasciati in questa trattazione. 10.3 Casi notevoli di applicazione del criterio delle aree ' interessante esaminare alcuni casi notevoli di applicazione del criterio delle aree, nel caso di una
centrale connessa ad una rete di potenza infinita tramite una o più linee in parallelo, considerando
grandi variazioni brusche (guasti, fig. XX). Figura 87 - Centrale elettrica connessa ad una rete di potenza infinita. Prima di procedere ed analizzare i singoli casi, è opportuno notare che il caso di una macchina
connessa a una rete di potenza infinita è chiaramente un''astrazione. Tuttavia, per molto tempo si
è utilizzata per mancanza di strumenti di calcolo appropriati. Al giorno d''oggi ha un''utilità
esclusivamente didattica, che consente di formare una certa sensibilità alle grandezze in gioco. 10.3.1 Linea in doppia terna. Distacco permanente di una linea Aprendo una delle due linee la reattanza del collegamento aumenta e la caratteristica si abbassa
passando dalla (a) alla (b). Nelle condizioni di figura XX la macchina è stabile. L''angolo massimo
raggiunto è e la nuova posizione di equilibrio è il punto '. Figura 88 '' Linea in doppia terna. Distacco permanente di una linea. 10.3.2 Linea a doppia terna. Guasto trifase in una terna seguito da apertura permanente L''angolo raggiunto dal rotore al momento dell''interruzione del guasto, dal momento che il rotore è in moto uniformemente accelerato è: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 127 '' = 1
2 ' Durante la persistenza del guasto la potenza elettrica erogata si annulla e pertanto la caratteristica ( ) coincide con l''asse delle ascisse (fig. XX). Dopo l''apertura della linea, la potenza elettrica erogata varia secondo la caratteristica (b) e il rotore rallenta. Figura 89 - Linea a doppia terna. Guasto trifase in una terna seguito da apertura permanente. 10.3.3 Linea a doppia terna. Guasto trifase in una linea seguito da richiusura riuscita Rispetto al caso precedente la stabilità è influenzata, oltre che dal tempo di apertura , anche dalla pausa prima della richiusura . Dopo che è avvenuta la richiusura riuscita la potenza elettrica erogata va letta sulla caratteristica (a) (due linee in servizio, vedi fig. XX). Figura 90 - Linea a doppia terna. Guasto trifase in una linea seguito da richiusura riuscita. 10.3.4 Linea a semplice terna. Guasto monofase seguito da apertura monofase e richiusura riuscita Durante la persistenza del guasto e la successiva interruzione momentanea di una fase, la
macchina continua ad erogare una parte della potenza in rete attraverso le due fasi non affette da guasto e la terra. L''ampiezza della caratteristica (c) può anche essere maggiore di quella della
caratteristica (b) e dipende dalla posizione del guasto e dallo stato del neutro della rete: Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 128 Figura 91 - Linea a semplice terna. Guasto monofase seguito da apertura monofase e richiusura riuscita Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 129 10.4 Provvedimenti per aumentare la stabilità di trasmissione Per migliorare la stabilità di rete esistono una serie di provvedimenti più o meno incisivi. Di seguito
si porteranno in rassegna vari tipi di provvedimenti, cercando di metterne in evidenza gli aspetti
fondamentali. 10.4.1 Aumento della tensione di trasmissione Il primo e più intuitivo provvedimento è rappresentato dall''aumento della tensione di
trasmissione. ' infatti evidente come il limite di stabilità statico sia (assumendo '' = ): = Quindi la potenza trasmissibile varia all''incirca con il quadrato della tensione di rete. Tuttavia, per
esigenze economiche, non ci si può scostare di molto dall''optimum economico visto nel cap. 1.3. 10.4.2 Riduzione della reattanza delle macchine Così come è possibile agire sulla tensione, è possibile ridurre la reattanza delle macchine che,
essendo in serie con quelle di linea, si sommano al denominatore dell''espressione della potenza
massima trasmissibile al limite di stabilità statica. Tuttavia, la riduzione delle reattanze porta ad
una serie di inconvenienti: - Aumento dei costi di costruzione
- Aumento delle correnti di corto circuito
- Conseguente aumento della tenuta richiesta agli sforzi elettrodinamici Se la della rete è molto elevata è opportuno non intervenire sulle reattanze delle macchine. Per reti con bassa , invece si può cercare di applicare questa correzione. 10.4.3 Riduzione della reattanza delle linee '' condensatori serie Il provvedimento più economico per ridurre la reattanza longitudinale di una linea è quello di
utilizzare dei condensatori in serie (fig. XX). Figura 92 - Condensatori serie. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 130 10.4.4 Eliminazione rapida dei guasti '' richiusura degli interruttori I moderni interruttori AT riescono ad interrompere le correnti di guasto in breve tempo (3-5
periodi). ' importante, come è stato visto in precedenza, effettuare la richiusura rapida degli
interruttori. In questo modo, se il guasto era di natura transitoria, ci sono più possibilità che i
generatori non perdano il passo. 10.4.5 Aumento dell''inerzia dei generatori La variazione dell''angolo di spostamento del rotore è evidentemente influenzata dall''inerzia della
macchina; il parametro usato per identificarla è la costante di inerzia H. La costante di inerzia H è
definita come il rapporto tra l''energia cinetica accumulata quando il rotore ruota a velocità
nominale e la potenza nominale della macchina sincrona: = 1 2 Valori tipici per il complesso turbina-generatore sono: - Turbine a gas: = 6 ÷ 8 - Termoelettrici: = 4 ÷ 5 - Idroelettrici: = 3 ÷ 5,5 Alle volte, invece che la costante di inerzia, si utilizza un parametro analogo chiamato tempo di
avviamento che è il tempo che la macchina impiega per raggiungere la velocità nominale partendo da ferma. Considerando l''equazione del moto: = ' possibile scrivere = Moltiplicando per ed integrando tra l''istante iniziale (macchina ferma) e l''istante finale (macchina che ruota a velocità nominale) si ha: = da cui = ' / Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 131 Ovvero: = ' = / 1 = = 2 Si utilizzano le costanti e in quanto, mentre l''inerzia della macchina varia molto a seconda della taglia, queste due costanti rimangono sempre dello stesso ordine di grandezza. In passato, con delle soluzioni molto costose, sono state utilizzate anche macchine con costanti
d''inerzia molto maggiori del valore naturale. Con l''utilizzo sempre più spinto dell''acciaio, tuttavia,
le costanti di inerzia si sono ridotte anche fino a soli 2 secondi. 10.4.6 Sistemi di eccitazione e regolatori di tensione L''influenza dei sistemi di controllo non è molto importante durante la prima oscillazione del
rotore, a causa dell''inerzia del circuito magnetico. Ad ogni modo il miglioramento della stabilità
transitoria è tanto più apprezzabile quanto più grandi sono il guadagno e la tensione di ceiling, e
quanto minori sono le costanti di tempo del sistema di eccitazione. 10.4.7 Compensatori sincroni e statici Con riferimento alla fig. XX si può dire che il compensatore sincrono, se ha elevata velocità di
risposta, stabilizzando la tensione sulla sbarra B, fa in modo che perturbazioni a monte della sbarra
B non interessino il sistema a valle e viceversa. I compensatori sincroni sono molto più costosi, sia
come spese di esercizio (perdite e manutenzione), che costi d''impianto dei condensatori serie. Figura 93 - Rete con compensatore sincrono. Considerazioni analoghe si possono effettuare per i compensatori statici. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 132 10.4.8 Stazioni intermedie Figura 94 - Aggiunta di stazioni intermedie. L''interposizione di stazioni intermedie in collegamenti con più di due terne in parallelo migliora la
stabilità perché, in caso di guasto, si riduce la lunghezza del tronco di linea interrotto. Si tratta di
una soluzione molto costosa e che condiziona il tracciato delle linee almeno nei tratti in prossimità
delle stazioni. 10.4.9 Resistenze di frenatura Le resistenze di frenatura sono resistenze elettriche che vengono temporaneamente collegate alle
sbarre di centrale durante le perturbazioni in rete. Sono generalmente costituite da banchi di
resistenze trifasi di tipo metallico. Vengono inserite in centrale tramite la manovra di un
interruttore quando le macchine accelerano oltre un prefissato valore. Possono essere collegate in
derivazione, tra le sbarre di AT e terra, oppure in serie agli avvolgimenti di AT del trasformatore
elevatore. Per contenere i costi vengono dimensionate per un servizio di massimo 2-4 s; vengono
in genere disinserite dopo circa 1 s. Le resistenze di frenatura sono molto importanti per centrali
collegate con una sola lunga linea alla rete. 10.4.10 Fast valving Si tratta di un provvedimento attuabile solo nelle turbine a vapore, il cui fluido motore ha poca
inerzia. Il ''fast valving' consiste nella chiusura per alcuni secondi delle valvole di intercettazione
del vapore, oppure delle valvole di regolazione con esse in serie, o di entrambe. La riduzione della
potenza meccanica generata inizia dopo circa 100 ms e dopo 300 ms la potenza può essere già
scesa al 50%. L''effetto è meno immediato rispetto alle resistenze di frenatura, a causa dell''inerzia
delle valvole e per la presenza di vapore intrappolato nelle turbine dopo la chiusura delle valvole. 10.4.11 Distacco temporaneo dei carichi Le reti sono dotate di relé alleggeritori di carico, sensibili alla frequenza e alla derivata della
frequenza atti a distaccare rapidamente una parte del carico quando avviene un improvviso
squilibrio fra potenza assorbita e generata. I relè alleggeritori sono tarati in frequenza tra 49,8 Hz e
47,5 Hz e in derivata di frequenza tra 0,1 e 1 Hz/s. L''azione dei relè alleggeritori è importante
anche contro l''instabilità dinamica. Il distacco dei carichi all''estremità ricevente di una lunga linea
di trasmissione per aumentare la stabilità transitoria deve essere attuato con telecomandi. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 133 11. Sovratensioni Si definisce sovratensione qualsiasi tensione che sollecita l''isolamento tra fase e terra con
ampiezza superiore a = ''2 ''3 Dove è la tensione massima ammessa in esercizio continuativo. Una possibile classificazione delle sovratensioni è effettuata in base al tempo di persistenza. Si distinguono: - Sovratensioni atmosferiche (poche decine di μs)
- Sovratensioni di manovra (poche decine di ms)
- Sovratensioni temporanee (da alcuni periodi elettrici, fino a parecchi minuti) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 134 11.1 Sovratensioni atmosferiche Le sovratensioni atmosferiche sono quelle generate da fulmini. Un fulmine è una rapida scarica
della carica accumulata nelle nubi. Il fenomeno interessa particolarmente le linee aeree. Si
possono distinguere due casi di fulminazione di una linea: - Fulminazione diretta: il fulmine cade direttamente su una parte strutturale della linea: conduttori, funi di guardia o sostegni. - Fulminazione indiretta: la sovratensione è indotta per via elettrostatica o elettromagnetica dalla scarica di un fulmine a terra o tra due nubi in prossimità della linea. La scarica di un fulmine è riconducibile ad un impulso di corrente. ' stata definita un''onda
impulsiva riproducibile in laboratorio che simuli ragionevolmente il fenomeno naturale per la
progettazione e le prove degli isolamenti: l''onda 1.2/50 μs, rappresentata in fig. XX. Figura 95 - Impulso convenzionale atmosferico. La durata del fronte d''onda è di 1.2 μs ± 30%, mentre la durata della coda di 50 μs ± 20%. Si
procederà ora all''analisi delle fulminazioni sia dirette che indirette. Appunti a c 11.1.1 S Se un fulm
(tipicamen
valore di c
ampiezza La sovrate
incontra, e
la linea con Lo scherm
schermagg
guardia dis Se un fulm
guardia in ura di Eman Sovratensio mine colpisc nte = 25 cresta della = '' ( nsione che e questo no n delle funi maggio effic gio ottimale sposte in pia mine colpisc proporzio Appu nuele Freddi oni per fulm ce un cond 50 '' 500 Ω corrente d /2) e fron si propaga on è accetta di guardia ( Figu cace delle
e si ottiene ano, per la e un sosteg ni diverse nti di Impia '' http://laem minazione d uttore di u Ω), si propa i fulmine), nte molto ri Figura 96 - Fulm lungo la lin abile per l''e (fig. XX). ura 97 - Angolo funi di gu e per = fase centra gno (o una a seconda nti Elettrici '' man.altervis iretta delle una linea ar gano due o
a cui sono ipido (da 0,5 minazione diret nea, molto s esercizio. Pe di protezione d uardia si h 10 '' 20°. le sono suff fune di gua della loro prof. A. Cap ta.org/Blog/ e linee rea (fig. XX) onde di cor associate d 5 μs a parec tta di una linea spesso scari erciò è nece delle funi di gua a per un Nel caso d ficienti 45°. ardia), la co impedenza asso /lecture-note ) di impede
rrente di a due onde im cchi μs). a. ica sulla pri essario sch ardia. angolo di linee AA orrente si di a d''onda. L s/ enza d''onda mpiezza mpulsive di ma fila di is ermare effi inferiore a AT, aventi d ivide tra le La testa de 1 a pari a /2 (con
tensione di solatori che icacemente a 35°. Uno due funi di due funi di el sostegno 35
i e
e o i i o Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 136 assume un potenziale elevato pari al prodotto della sua impedenza d''onda per la corrente che lo
attraversa. In questo caso non si può trascurare il fenomeno di riflessione dell''onda che percorre il
sostegno. Dal momento che ' l''onda di tensione riflessa ha segno opposto rispetto all''onda incidente. Questo fenomeno si chiama arco di ritorno. Per questo motivo, la
massima tensione alla testa del sostegno (somma della tensione incidente e la tensione riflessa) è
tanto minore quanto minore è l''impedenza d''onda dell''impianto di terra ( ) e quanto più basso è il sostegno. Gli isolatori vengono sollecitati dalla somma della massima tensione assunta
dalle tre fasi (una delle tre fasi sarà certamente prossima al massimo della tensione) e della
tensione assunta dal traliccio. Per evitare la scarica è assolutamente necessario evitare che questa
tensione sia troppo elevata. Per ridurre la resistenza di terra (specie in terreni rocciosi) è possibile
utilizzare delle corde di messa a terra disposte radialmente alla base del traliccio. Appunti a c 11.1.2 S Questa ti
fulminazio
superano i
possono m
sovratensio - Per
- Per Vediamo i
linea elett
rappresent (a) Per effetto
positive. A
venga a cr
suolo, la c
quindi a fo Questa sov
diretta. Il lo La fulmina
concatena
intensità p
delle sovra
del fulmine
fulmine. L
sovratensio ura di Eman Sovratensio pologia di ne diretta. i 200-300 k mettere in oni indotte r induzione
r induzione l meccanism trica si cari tato in fig. X Figura 98 - Una A o dell''induz Attraverso l reare una se carica ' p ormare una vratensione oro effetto, azione ind mento del può essere a atensioni in e e all''altez La presenza oni del 30-4 Appu nuele Freddi oni per fulm fulminazio . ' stato a kV. Per ques crisi l''isola per fulmina elettrostati
elettromag mo che por ca lentame XX.a. a nuvola carica
Al momento de zione elettr e condutta ensibile d.d presente su d.d.p. non e da origine , tuttavia, n iretta prov campo mag anche magg ndotte per zza dei con a di funi d 40%. nti di Impia '' http://laem minazione in one provo appurato c sto motivo mento dell azione indir ica gnetica rta alla prim ente (tipica elettricamente lla scarica rima rostatica, s nze trasver d.p. tra la lin ulla linea n più trascura e ad una se on viene ris vocata da gnetico ind giore della via elettrom duttori, ed
i guardia, nti Elettrici '' man.altervis ndiretta del oca delle che le sovr non sono c le linee MT retta: ma tipologi mente la c (b) e induce delle ca
angono delle ca ul terreno rsali anche nea e la ter on subisce abile tra line ' = ' erie di onde sentito per induzione dotto dalla s sovratensio magnetica inversamen sedi di cor prof. A. Cap ta.org/Blog/ lle linee conseguenz ratensioni causa di pro T e BT. Si a di fenom carica delle ariche nel terre ariche residue su si troveran
la linea si rra. Al mom variazioni ea e suolo p e migranti c distanze su elettroma scarica atm one per ind è direttam nte proporz rrenti indot asso /lecture-note ze meno dovute a q oblemi per possono d eno. Una n nubi è di no e nella linea ui conduttori (b nno un cer carica lenta mento della apprezzabi pari a come nel ca periori al ch gnetica, in mosferica e duzione elet ente propo zionale alla tte, riduce es/ ingenti ris questi feno le linee AA istinguere nuvola che tipo negat a sottostanti (a) b). to numero amente, ta scarica del ili (fig. XX.b aso della fu hilometro. nvece, è c la linea ste ttrostatica. orzionale al distanza di l''ampiezza 1 spetto alla omeni non AT o AT, ma due tipi di sovrasta la tivo), come ). di cariche lché non si l fulmine al b). Si viene ulminazione ausato dal essa. La sua L''ampiezza la corrente caduta del a di queste 37 a n a i a e e i
l e e l a
a e l e 13 38 11.2 So Si distinguo - Per ter - Per tra
inte - Per sov
mo
rag
110
1,2 - Per Per = l''es han Le sovrate
ma non eli - Per ser
ferr A ovratensio ono le segu r guasto dis ra si ha una r perdita di nsitoria e tr erviene il re r sovravelo vravelocità orsetti. Il f ggiungere il 0% della vel 2 ÷ 1,3 . . r effetto Fe r linee molt = da cui sperienza d nno sovrate nsioni fin''o
minare, e p r ferrorison ie e chiuse ro saturabil Appu Appunti a cur ni tempora uenti sovrate ssimmetrico a sovratensi carico dei ransitoria c egolatore di Figura 99 - S ocità dei ge determina fenomeno 150% della locità nomi .. rranti: per u to lunghe ( = ''. N di esercizio ensioni dell'' ora descritte possono com nanza: si ma all''estremit le. nti di Impia ra di Emanue anee ensioni tem o a terra: se one inferio generatori he limitano i tensione c Sovratensione p eneratori si anche un è sentito velocità no nale). L''effe una linea a prossime a Nella realtà ha rilevato ordine di 1, e sono abb mbinarsi tra anifesta, ad tà ricevente nti Elettrici '' ele Freddi '' h mporanee: e la rete è e re a ' ' 1 sincroni: in o la sovrate he riduce l'' per perdita di ca incroni: ne aumento maggiorm ominale) ch etto dell''ine vuoto, tras = cos 2 alla lunghez ci sono d o che '' ,2 ÷ 1,25 astanza fre a loro fino a esempio, in e su autotra prof. A. Cap http://laema esercita con 1,4 . .. n questo ca nsione a 1, eccitazione arico dei genera lle macchin dell''induzi mente negli e in quelli t erzia dei gru curando gli zza d''onda egli effetti '' 2 per = . .. quenti neg dare luogo n lunghe lin asformator asso an.altervista. n il neutro m so interven 15 ÷ 1,25 e (vedi fig. X atori sincroni. ne con ecci one e qui i impianti termici (dov uppi limita q elementi d della tensio dissipativi = 1000 li impianti. o a sovraten nee di AAT d i o reattanz org/Blog/lec messo effica ngono le rea . .. Succe XX). itatrici a di ndi della t idroelettri ve si raggiun queste sovr dissipativi, s one) si può che evitan . Per < Si possono nsioni anche dotate di co ze shunt co ture-notes/ acemente a attanze sub ssivamente namo, una tensione ai ci (si può nge al più il ratensioni a i ha: ò avere che no ciò, ma 600 , si o contenere e di 2 . .. ondensatori n nucleo in a b
e a i ò l a e a i e i n Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 139 11.3 Sovratensioni di manovra Si distinguono le seguenti sovratensioni di manovra: - Messa in tensione di una linea a vuoto: se la chiusura della linea avviene all''istante in cui la tensione è massima, si ha la condizione più critica. Considerando che la tensione resta al
valore massimo per circa 3-4 ms e che la velocità di propagazione dell''onda è di 300
km/ms, in linee non eccessivamente lunghe si hanno vari percorsi andata e ritorno.
Idealmente, in una linea monofase un''onda quadra riflettendosi su una linea a vuoto
raddoppia di modulo. In una linea trifase considerando vari fattori quali le distorsioni, gli
accoppiamenti tra le fasi e il non perfetto sincronismo nella chiusura dei poli si possono
raggiungere sovratensioni di 3 . .. - Richiusura di linea a vuoto: dopo l''apertura di una linea, essa rimane carica perché sono presenti essenzialmente accoppiamenti capacitivi. Ipotizzando una linea monofase rimasta carica al valore di '' , se la richiusura avviene quando la tensione ha valore , si ha una propagazione d''onda di 2 che raddoppia riflettendosi. Si avrà, quindi, una sovratensione di 4 + ('' ) = 3 . In una linea trifase considerando vari fattori quali le distorsioni, gli accoppiamenti tra le fasi e il non perfetto sincronismo nella chiusura
dei poli si possono raggiungere sovratensioni di 3,5 ÷ 4 . .. Per lo studio delle sovratensioni di manovra la IEC ha stabilito un impulso convenzionale di
manovra
. La forma dell''impulso è identica all''impulso convenzionale atmosferico, ma è
caratterizzato da un fronte di 250 ± 30%, ed una coda di 2500 ± 60%. La durata della coda è molto importante per la verifica degli isolamenti solidi. Il valore scelto di 2500 fino all''emivalore corrisponde ad un impulso complessivo di durata pari ad un semiperiodo a frequenza
industriale. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 140 11.4 Coordinamento degli isolamenti Il coordinamento degli isolamenti è la correlazione dei livelli di tenuta dei vari componenti, al fine
di minimizzare i danni e le discontinuità di esercizio dovuti alle sovratensioni. A tal fine è
necessario: - Garantire l''isolamento alle normali sollecitazioni di esercizio e alla maggior parte di quelle anormali; - Scaricare o deviare le sovratensioni che superano il livello di tenuta;
- Proteggere maggiormente le parti di impianto più costose. Si distinguono due tipi di isolamenti: - autoripristinanti
- non autoripristinanti Nei primi, il dielettrico interposto tra i due elettrodi è in grado di rigenerarsi in seguito alla scarica
(per esempio: spinterometri in aria), mentre nei secondi la scarica porta alla distruzione del
componente di protezione. Per gli isolamenti autoripristinanti si adotta un metodo di dimensionamento di tipo probabilistico,
mentre per quelli non autoripristinanti si adotta un metodo di tipo deterministico. In ogni caso nella scelta della tensione di tenuta intervengono le seguenti variabili aleatorie: - Forma d''onda, rapidità del fronte e polarità delle sovratensioni di origine atmosferica e di manovra; - Tensione di scarica degli isolamenti a geometria variabile (ad esempio la distanza sostegno- conduttore è funzione della velocità e della direzione del vento); - Tensione di scarica degli isolamenti a geometria fissa in funzione della forma geometrica degli elettrodi, delle condizioni atmosferiche, della forma d''onda e della polarità della
tensione impressa. 11.4.1 Coordinamento probabilistico degli isolamenti (autoripristinanti) ' possibile ritenere che l''andamento probabilistico del valore delle sovratensioni segua un
andamento di tipo gaussiano. Questa affermazione è altresì confermata da numerosi rilevamenti
sul campo effettuati nel corso degli anni. Sia quindi Φ( ) la distribuzione di probabilità dei valori
di cresta delle sovratensioni atmosferiche, come detto di tipo gaussiano. Attraverso le prove di
laboratorio è possibile tracciare anche una curva, relativa ad un isolamento autoripristinante, di
probabilità di scarica ( ). Tale curva fornisce l''attitudine di un determinato componente a
sopportare le sovratensioni. Questa curva ha un andamento tipo quello mostrato in fig. XX. Si
definisce tensione di scarica 50% ( %) o tensione critica di scarica, la tensione per la quale si ha la scarica nel 50% dei casi. ' possibile ritenere che, per un certo isolamento, la dispersione sia
costante, pertanto è sufficiente fissare la % per dimensionare un isolamento. Si definisce Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 141 rischio di scarica R, la probabilità che, al presentarsi di una sovratensione, l''isolamento scarichi.
Analiticamente si può esprimere come: = Φ( ) ( ) Sempre con riferimento alla fig. XX, il rischio di scarica è rappresentato dall''area tratteggiata in
rosso. Figura 100 '' Distribuzione di probabilità delle sovratensioni ( ), probabilità di scarica ( ) e rischio di scarica R. Il dimensionamento deve essere eseguito fissando una % in modo tale che per uno stesso evento si abbia un R inferiore del rischio accettabile. 11.4.2 Coordinamento deterministico degli isolamenti (non autoripristinanti) In questa tipologia di isolamenti non è possibile effettuare prove di laboratorio (se non in numero
molto limitato), che porterebbero alla distruzione del componente. Il dimensionamento consiste,
pertanto, nella scelta di un insieme di tensioni di tenuta normalizzate. Queste tensioni
costituiscono il livello di isolamento nominale dell''apparecchiatura, ovvero la caratteristica di
isolamento dell''apparecchiatura. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 142 11.5 Apparecchi di limitazione delle sovratensioni Per limitare le sovratensioni, sia di origine interna che di origine esterna, si adottano due tipi di
provvedimenti: - Provvedimenti preventivi: sono tutti quei provvedimenti in grado di limitare in ampiezza ed in numero le sovratensioni, come le funi di guardia, l''utilizzo di relè di protezione rapidi
o la buona messa a terra dei sostegni. - Provvedimenti repressivi: sono tutti quei provvedimenti che comportano l''adozione di apparecchiature in grado di contenere l''ampiezza delle sovratensioni nel punto in cui sono
installati. Tali apparecchi sono essenzialmente due: spinterometri in aria e scaricatori ad
ossido metallico senza spinterometro
. Un tempo si utilizzavano anche delle resistenze non
lineari in serie ad uno spinterometro, ma ormai sono caduti in disuso. 11.5.1 Spinterometri in aria Uno spinterometro è un apparecchio costituito da due elettrodi di acciaio separati da una distanza
in aria. Gli elettrodi possono assumere varie forme, in fig. XX un tipo di spinterometro chiamato
spinterometro a corna. Figura 101 - Spinterometro a corna. Si utilizzano nei sistemi con tensione di esercizio < 123 . La distanza tra gli elettrodi è studiata in modo che, al presentarsi di una grande sovratensione, si inneschi un arco tale da
portare la tensione tra gli elettrodi quasi a zero (la tensione residua è pari alla tensione dell''arco,
che non è mai pericolosa per gli isolamenti) in un tempo molto rapido, dell''ordine di 10 secondi. Gli spinterometri sono apparecchiature semplici. Sono pertanto affidabili ed economici, ma
presentano alcuni svantaggi. Per caratterizzare uno spinterometro, si eseguono una serie di prove di laboratorio sottoponendo
il componente ad una serie di impulsi atmosferici convenzionali con tensione di cresta decrescente Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 143 e si riportano su un diagramma '' la tensione e l''istante di tempo in cui avviene la scarica, per
ogni prova, come in fig. XX. Figura 102 - Caratteristica tensione alla scarica-tempo alla scarica. ' possibile (seppur con diverse tecniche e più adeguate attrezzature) tracciare la medesima curva
per i componenti più costosi ed importanti degli impianti, quali i trasformatori. Con riferimento
alla fig. XX, è evidente che, se si presentasse una sovratensione avente fronte d''onda di ripidezza
superiore della linea OP ed ampiezza maggiore di la scarica si produrrebbe nel trasformatore
anziché nello spinterometro, con evidenti danni agli avvolgimenti e fuori servizio dello stallo in
stazione. Figura 103 - Protezione spinterometrica. Per ovviare a tale problema si potrebbe abbassare la caratteristica dello spinterometro
(avvicinando gli elettrodi tra loro), ma in questo modo si corre il rischio di avere la scarica anche in
presenza di sovratensioni modeste. Risulta pertanto impossibile ovviare a questo problema. Vi
sono anche altri inconvenienti legati all''utilizzo degli spinterometri: - Nelle reti AT esercite con neutro a terra, l''arco dello spinterometro non si estingue al termine della sovratensione, ma rimane alimentato dalla tensione di esercizio; - Il valore della tensione di innesco presenta una notevole dispersione, essendo legato a variabili quali la forma d''onda e polarità della sovratensione e le condizioni atmosferiche; Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 144 - L''innesco dello spinterometro provoca la troncatura della sovratensione in un tempo molto rapido. Ne consegue una forte sollecitazione dielettrica tra le spire dell''isolamento tra le
spire dei trasformatori; - Il cortocircuito fase-terra che segue all''innesco dello spinterometro provoca sollecitazioni termiche ed elettrodinamiche nei componenti dell''impianto. 11.5.2 Scaricatori ad ossido metallico Gli scaricatori ad ossido metallico sono dei dispositivi di protezione costituiti da dischi cilindrici
posti in serie realizzati con ossidi metallici (principalmente ossido di zinco, ZnO) che presentano
una caratteristica fortemente non lineare, come in fig. XX: Figura 104 - Scaricatore e caratteristica elettrica. La non conducibilità alle basse tensioni è fortemente influenzata dalla temperatura: se si superano
i 130°C si rischia l''instabilità termica. Si dice energia dissipabile (espressa in kJ o in MJ) di uno scaricatore, l''energia che questo è in
grado di dissipare durante una sovratensione prima che sopraggiungano problemi di instabilità
termica. Gli scaricatori sono dimensionati per fronteggiare le sovratensioni atmosferiche e di
manovra. Per questo motivo gli sono maggiormente sollecitati dalle sovratensioni temporanee che
possono durare anche alcuni minuti, con ingentissime energie associate. Si dice tensione residua, la tensione che rimane ai capi degli apparecchi protetti quando è in
funzione lo scaricatore. Si dice corrente nominale di scarica la corrente che lo scaricatore è in grado di drenare per onde
ad impulso atmosferico. Si dice livello di protezione la massima sovratensione a cui sono sottoposti gli apparecchi protetti
dallo scaricatore in caso di impulso atmosferico (livello di protezione ad impulso atmosferico) o di
impulso di manovra (livello di protezione ad impulso di manovra). Per concludere si vuole esaminare l''approccio Italiano all''utilizzo degli scaricatori nelle stazioni
elettriche, come protezione contro le sovratensioni. In fig. XX è rappresentato lo schema di una Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 145 stazione elettrica in cui sono evidenziate le posizioni degli scaricatori SC1, SC2 ed SC3. Come si può
osservare, gli scaricatori sono posti molto vicini agli autotrasformatori (tipicamente ad una
distanza inferiore ai 9 metri). In questo modo è assicurata la protezione della macchina. Si può
altresì osservare che tutte le apparecchiature di stazione sono comunque comprese in un raggio di
un centinaio di metri di distanza dagli scaricatori. Questo fa si che l''effetto protettivo (o per lo
meno attenuativo) dello scaricatore è esteso a tutto l''impianto. Ovviamente, per alcune
apparecchiature degli stalli di linea, l''influenza dello scaricatore cessa ad interruttore aperto. Figura 105 - Impiego degli scaricatori di sovratensione in una stazione elettrica di concezione italiana. Nei paesi che utilizzano la tecnica americana, invece, gli scaricatori sono posti in arrivo ed in
partenza di tutte le linee. Le motivazioni della scelta italiana sono due: - Contenimento dei costi
- Affidabilità globale dell''impianto. Gli scaricatori, infatti, sono tra i componenti meno affidabili e più pericolosi di una stazione. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 146 12. Relè e protezioni delle reti 12.1 Generalità I sistemi elettrici di potenza sono caratterizzati da alti costi e lunghi tempi di manutenzione
pertanto richiedono la presenza di un adeguato sistema di protezione per rilevare la presenza di
guasti o condizioni anormali di servizio. In questi casi è necessario che il sistema di protezione sia
in grado: - in caso di guasto nel componente protetto di intervenire rapidamente per mettere fuori tensione l''impianto e salvaguardarne l''integrità. Il guasto è tipicamente causato da un
cedimento dell''isolamento a cui segue l''instaurarsi di una corrente di cortocircuito che
deve essere rapidamente eliminata; - in caso di condizioni anomale di esercizio si segnalarne la presenza in modo da consentire l''attuazione di opportuni interventi correttivi prima che sia necessario il distacco di uno o
più componenti dell''impianto. Sono condizioni anomale i sovraccarichi, gli aumenti e
cadute eccessive di tensione, le asimmetrie di tensione/squilibri di corrente, la non
sinusoidalità della tensione, gli scarti di frequenza e le oscillazioni di tensione e potenza. I dispositivi atti a rilevare guasti o condizioni anomale di esercizio sono i relè, che sono dei
dispositivi ''intelligenti' installati a guardia dei componenti dell''impianto (macchine, linee, cavi,
ecc') e che possono comandare la manovra degli interruttori. I requisiti che caratterizzano la
qualità di un sistema di protezione sono: 1. Selettività: capacità del sistema di protezione di porre fuori tensione esclusivamente il componente dell''impianto affetto da guasto. 2. Rapidità: velocità con cui i relè del sistema rilevano il guasto. I relè devono essere più rapidi possibile, tuttavia esiste un ritardo minimo di intervento proprio di ciascun relè.
Questo ritardo è piccolo (10-20 ms) nei relè elettronici, un po'' più elevato (50 ms) per i relè
elettromeccanici. Se un relè interviene con il tempo proprio, senza ritardi intenzionali,
viene chiamato istantaneo. 3. Autonomia: i relè devono poter intervenire allo stesso modo e correttamente indipendentemente dalle condizioni e configurazioni di esercizio dell''impianto, senza che
siano necessarie modifiche alla taratura. 4. Sensibilità: è il valore minimo della grandezza controllata che può essere rilevato dal relè.
5. Affidabilità: il sistema di protezione deve intervenire in presenza di guasti o anomalie, mentre non deve intervenire erroneamente durante il normale esercizio. Un metodo per aumentare l''affidabilità di un sistema è la ridondanza dei componenti. Questo
porta, ovviamente, ad un aumento dei costi, ma anche ad un aumento del rischio di interventi
indesiderati. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 147 12.2 Relè Il relè di misura è un dispositivo che controlla una o più grandezze elettriche e, quando queste
assumono valori che denunciano uno stato di guasto o un funzionamento anomalo, comanda
l''apertura di un interruttore attraverso un segnale di scatto al fine di interrompere la continuità
del circuito. ' possibile classificare i relè secondo vari criteri: ' Per tipologia costruttiva: - Relè elettromeccanici: si basano sui medesimi principi degli strumenti di misura, possono quindi essere elettro-magnetici, magneto-elettrici o ad induzione. In tutti
casi sono dotati di un equipaggio mobile che aziona un relè di sgancio. - Relè elettronici: possono essere sia analogici che digitali e sono caratterizzati da una elevata rapidità. ' Per tipologia di inserzione: - Relè diretti: questi relè vengono inseriti direttamente nel circuito da proteggere. Tipicamente sviluppano un''azione meccanica sufficiente a sganciare l''interruttore. - Relè indiretti: vengono inseriti nel circuito mediante TA e TV. Il comando di apertura è trasmesso mediante circuiti ausiliari (in genere il c.c. dotati di batteria
propria). ' Per caratteristica di intervento: - Relè istantanei: il ritardo intenzionale di intervento è nullo. La velocità di risposta è dettata solo dal tempo proprio del relè. - Relè ritardati: il ritardo intenzionale di intervento è non nullo. Si possono distinguere (fig. XX): ' Relè a tempo indipendente: il tempo di ritardo è fisso, a prescindere dalla grandezza controllata. ' Relè a tempo dipendente: il tempo di ritardo dipende dalla grandezza controllata, tipicamente con una caratteristica a tempo inverso. Figura 106 - Caratteristiche di intervento dei relè. 14 48 ' Per Figura 10 A r tipo e num - Relè ad questa - Relè a individ
ulterio
tipici, n ' 07 - Schema cos ' Appu Appunti a cur mero di gran d una gran categoria, due grand uare zone
rmente cla nonché imp Relè a im
frequenza
costruzion
intervento struttivo di un re Relè dire
Suddividon
blocco (fig Figura 108 - nti di Impia ra di Emanue ndezze in in ndezza d''ing ad esempio dezze d''ing di blocco ssificare in portanti relè mpedenza: di rete ( e più elem o nel piano c elè elettromecc ezionali: so no il piano c . XX). - Caratteristica nti Elettrici '' ele Freddi '' h ngresso: gresso: mis o, i relè di m resso: attra
o di inte comparato è di questo t misurano filtrate, cio mentare di u complesso s canico a impede ono sensib complesso nel piano comp prof. A. Cap http://laema surano una massima cor averso opp ervento ne ori di ampi tipo sono: il rapport oè, da eve
un relè di q
sono rappre enza e caratter bili al ve in due sem plesso di un relè asso an.altervista. sola grand rrente e di m portune com l piano co
ezza o com to = / entuali con questo tipo esentate in ristica di interve rso della ipiani, uno è direzionale. org/Blog/lec ezza. Appa minima tens mparazioni omplesso. S mparatori d delle gr ntenuti arm o e la carat fig. XX. ento nel piano c potenza di interven ture-notes/ rtengono a sione. è possibile Si possono i fase. Due randezze a
monici). La tteristica di complesso. complessa. nto e uno di a e o e a
a i .
i Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 149 12.3 Protezione delle reti magliate AT Le reti AT sono esercite con neutro a terra per evitare i fenomeni di risonanza, per ridurre il valore
delle sovratensioni e per evitare il fenomeno degli archi a terra intermittenti. Sono inoltre
caratterizzate da una struttura magliata a garanzia della stabilità e della continuità di esercizio.
Questi due aspetti fanno si che il sistema di protezione per queste reti sia molto complesso per
garantire delle buone prestazioni. L''intera rete viene suddivisa logicamente in molte zone di protezione delimitate da interruttori e
relè (fig. XX) Figura 109 - Suddivisione di una rete in zone di protezione. Per la protezione di queste reti vengono utilizzati relè distanziometrici e direzionali. Per avere una
buona protezione (anche di riserva, qualora le protezioni principali non dovessero funzionare)
sono necessari dei relè con selettività a gradini sia su impedenza che cronometrica. Un relè
distanziometrico (ad impedenza) misura l''impedenza vista dall''estremità di una linea e comanda in
apertura l''interruttore quando questo valore è minore del valore di taratura che è pari a
all''impedenza di linea = '' , dove è la lunghezza della linea e è l''impedenza chilometrica della linea stessa. Figura 110 '' Guasto in linea. Funzionamento dei relè distanziometrici. Facendo riferimento alla fig. XX, in caso di guasto sia il relè 1 che il relè due misurano
un''impedenza inferiore a quella di taratura in quanto sia che sono minori della lunghezza e
quindi risulterà: '' < '' '' < '' Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 150 I guasti ad elevata resistenza di guasto potrebbero confondere i relè ad impedenza. Per questo
motivo si compensano i relè ad impedenza con i relè a reattanza. L''utilizzo esclusivo dei relè ad
impedenza non garantisce la selettività del sistema di protezione. Con riferimento alla fig. XX, per il
guasto in g oltre ai relè 1 e 2, anche i relè 3, 4, 5 e 6 vedono un''impedenza inferiore, comandando
in apertura e mettendo fuori servizio una grande porzione di rete non affetta da guasto. Figura 111 - Guasto in linea. La selettività non è garantita con i soli relè distanziometrici. Per ovviare a questo problema si utilizzano sia relè distanziometrici che relè direzionali. La
combinazione di queste due protezioni, la cui caratteristica di intervento è rappresentata in fig. XX,
consente di ottenere una buona selettività. Un sistema siffatto, che utilizza sia relè
distanziometrici che relè direzionali non presenta delle buone caratteristiche di affidabilità.
Sempre con riferimento alla fig. XX,se, ad esempio, il relè 2 non dovesse funzionare, la corrente di
corto circuito continuerebbe a fluire dalle linee afferenti ai relè 3, 4 e 5 senza che il sistema di
protezione intervenga. ' opportuno, quindi, tarare i relè distanziometrici su più gradini di
impedenza ottenendo così una certa ridondanza nelle protezioni, come si vedrà a breve. Il primo
gradino di taratura non può essere effettuato sul 100% della lunghezza della linea. Infatti, se si
tarasse il relè per un''impedenza di = '' , ci potrebbero essere interventi intempestivi delle protezioni delle linee adiacenti alla linea affetta da guasto (ad esempio se il guasto g si verifica
vicino ad una sbarra), causati da: - Errori di misura dei TA e TV
- Imprecisioni sulla stima di e di
- Presenza della componente transitoria di corto circuito che riduce il valore della misurata come se il guasto fosse più vicino (il relè opera un confronto ed effettua la divisione = / , un aumento della corrisponde ad una diminuzione di ) Per questi motivi il primo gradino si tara sull''85-90% della . Generalmente la configurazione adottata è la seguente (fig. XX): - 1° gradino: = (0,85 ÷ 0,9) ; = 0,1 - 2° gradino: = + 0,5 ; = 0,5 - 3° gradino: = ( + ) + 0,5 ; = 1 - 4° gradino: massima corrente, adirezionale Dove con e si indicano le impedenze delle successive linee adiacenti a quella da proteggere. Appunti a c In questo
esempio, la Al manifes
Supponiam e v consenso a
trova nel r
anche il re
corrente).
viene post
causare l''a
che può ri
l''azione de ura di Eman modo è po a rete di fig starsi di un mo che l''int vedono tutt all''apertura range di azi elè com In questo m o fuori tens apertura di isultare ecc elle protezio Appu nuele Freddi ossibile gar g. XX. Figura 113 - guasto nel erruttore ti fluire la a. Dopo 0,5 one del sec anda l''ape modo si gara sione e tre altre linee cessivo per oni descritte nti di Impia '' http://laem rantire la r Rete elettrica. P lla linea sia mal fu potenza ne secondi il condo grad rtura con u antisce l''est tronchi di l per sovracc le reti di t e fin''ora. nti Elettrici '' man.altervis idondanza Principio di funz , ad esemp unzionante
el senso op relè avv ino e coma un interven tinzione de linea vengo carico. Inolt trasmission prof. A. Cap ta.org/Blog/ del sistema zionamento de pio, sono c e non riesc pposto a q verte la pre nda l''apert nto di riserv l guasto, m ono messi fu tre il guasto e. Si può r asso /lecture-note Figura 112 '' a di protez lle protezioni. hiamati ad ca ad aprire quello di re senza del g tura. Infine, va (relè ad a il carico se uori servizio o permane p iassumere es/ Caratteristica d zione. Si co aprire i re e. I relè dire egime e no guasto in superato i irezionale d ervito dalla o, eventual per un tem in un grafi 1 di intervento. onsideri, ad lè e . ezionali , on danno il n quanto si l tempo di massima stazione ità che può po > 1 , co (fig. XX) 51 d .
,
l
i a ò , ) 15 52 ' possibile
soluzioni a - Error oppu - Inter prote - Inter di va
con r - Inter della
della - Ritar
- Com reatt - Error usan Come si pu
teleprotez
principio a
una linea a
un canale d
onde conv
a: A Figur e individuar dottate: re di calcolo ure relè digi rventi intem ezioni basat rventi intem ariazione de relè a confr rventi intem a protezione
a mutua ind rdi di interv pensazione tanza o con ri di misura do teleprot uò osservar ioni. Si vuo alla base è q al fine di au di telecomu vogliate e fib Appu Appunti a cur ra 114 - Caratte re una seri o della dista
itali. mpestivi su te sul contr mpestivi pe ell''impeden onto di fase mpestivi pe e basata su uttanza. vento per gu e errata de relè sensib a per prese tezioni con re, una delle ole, quindi, quello di sfr
umentare l'' unicazione a bre ottiche nti di Impia ra di Emanue eristiche di tara ie di situaz anza sui gu i sovraccar
ollo di temp er pendolaz za misurata e. er distacco lla misura d uasti alle es ella resiste bili alla corre enza di con relè a confr e tecniche p , fare un c ruttare un v affidabilità affidabile e o canali te nti Elettrici '' ele Freddi '' h atura distanza-t zioni in cui asti dissimm ichi. Si poss peratura. ioni. Si riso a (out-of-st di una tern delle corren stremità. Si enza di gua ente omopo densatori s ronto di fas più utilizzat cenno ai s veloce segn e la seletti
disponibile lefonici ded prof. A. Cap http://laema tempo dei relè i un tale si metrici. Si r sono risolve olve utilizzan tep blocking na adiacent nti omopola i risolve usa asto su lin olare sul sec
serie o line e. te per ovvia istemi di p ale pilota p vità. Per fa e. Tipicamen dicati. Le te asso an.altervista. in una rete mag stema vien risolve utiliz ere in vari m ndo dei relè g relè) oppu te. Si risolv ari, oppure ando le tele
nee corte. condo grad e in cavo A are ai proble protezione per far ''dial r questo è nte vengono eleprotezion org/Blog/lec gliata. ne messo in zzando relè modi, ad es è sensibili a
ure con tele ve mediante con la com protezioni. Si risolve ino. AAT e AT. S emi present con telepr ogare' i rel necessario o utilizzati p ni si posson ture-notes/ n crisi e le commutati sempio con alla velocità eprotezioni e inibizione pensazione con relè a Si risolvono tati sono le rotezioni. Il lè ai capi di disporre di ponti radio, o applicare e i n à i e
e a o e l
i
i
, e Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 153 - Relè a confronto di direzione: si basano sul semplice confronto, effettuato tra due relè, tramite un telesegnale pilota. o Blocking scheme: utilizzano un canale on/off e sistemi di onde convogliate o ponte
radio. La tecnica consiste nel tarare il solo 2° gradino delle protezioni
distanziometriche su un intervento rapido, ma comandato per mezzo di un segnale
di blocco per guasto esterno inviato da relè direzionali aggiuntivi posti in modo
inverso rispetto ai relè direzionali incorporati nelle protezioni (cioè manda un
segnale di blocco all''altro estremo se la potenza fluisce dalla linea verso le sbarre). o Permissive Over-reaching / Under-reaching Transfer Trip Scheme: utilizzano un
canale a spostamento di frequenza e sistemi a ponte radio o canali telefonici. Il 2°
gradino è comandato dal telesegnale. Non sono necessari relè speciali. In questo
schema invece che un segnale di blocco viene mandato un segnale di consenso. - Relè a confronto di fase: utilizzano cavi AT o AAT con onde convogliate o ponti radio. Si confrontano le fasi delle correnti in partenza e arrivo linea, che sono quasi in opposizione
di fase nei primi istanti del corto circuito. - Relè direzionali: utilizzano sistemi di fibre ottiche. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 154 12.4 Protezione dei trasformatori AT Per trasformatori AT si intendono: - Trasformatori di interconnessione AAT/AT
- Trasformatori elevatori di gruppo MT-AT/AAT
- Trasformatori di sub-trasmissione AT-MT Queste macchine devono essere adeguatamente protette (a causa del loro costo e del lungo
periodo di manutenzione richiesto in caso di guasto) dalle seguenti anomalie, con i seguenti
metodi: - Sovracorrenti: o Sovraccarichi: determinano sollecitazioni termiche e un rapido invecchiamento del
trasformatore. Si utilizzano relè ad immagine termica e relè Buchholtz. Il relè ad
immagine termica
è essenzialmente un termometro collegato ad una termoresistenza
strutturato in modo tale che la costante termica del sistema sia uguale a quella
dell'avvolgimento. In questo modo si può conoscere la temperatura dell'avvolgimento. Il
relè Buchholtz è raffigurato in fig. XX. Quando la temperatura sale eccessivamente
l''isolamento polimerizza e provoca delle bolle di gas. Figura 115 - Relè Buchholtz Man mano che il gas si accumula nella parte alta del relè riduce la quantità di olio
presente. Il galleggiante superiore al cui interno è racchiusa un''ampolla di mercurio,
ruota e il mercurio contenuto nell''ampolla chiude un circuito di allarme. Se il guasto è
importante si sviluppa un grande quantità di gas, tale da far ruotare il galleggiante
inferiore che comanda direttamente in apertura l''interruttore. o Corto circuiti: determinano sforzi elettromeccanici sugli avvolgimenti. ' necessario
proteggere i trasformatori sia dai guasti tra le fasi che dai guasti verso terra. Entrambi i
tipi di protezioni sono effettuate mediante protezioni differenziali che sono tuttavia
diverse tra loro (fig. XX e XX). Si inseriscono a monte e a valle dei trasformatori dei TA
con un rapporto di spire tale da trasformare la corrente allo stesso modo di quelli che
stanno a valle che a monte. Se ad esempio il trasformatore ha rapporto 10 e i TA a
monte hanno rapporto 100:5, allora i TA a valle avranno rapporto 1000:5. Nel caso in cui
il gruppo del trasformatore sia diverso da 1, è necessario anche compensare lo
sfasamento. Nella protezione differenziale contro i guasti tra le fasi (fig. XX) esiste il Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 155 problema che i TA possono saturare e quindi si potrebbero avere correnti differenziali
anche in assenza di effettivi guasti. Questo si risolve grazie all''utilizzo di due bobine, una
di sgancio ed una di ritenuta. La bobina di sgancio è comandata dalla differenza tra le
correnti delle due bobine di ritenuta per fase, mentre la bobina di ritenuta è percorsa
dalla loro semisomma. In condizioni normali o di guasto esterno è nulla la corrente
differenziale e massima la semisomma per cui risulta nulla l''azione della bobina di scatto
e massima l''azione di quella di ritenuta; in caso di guasto interno avviene il contrario e si
ha il sicuro intervento del relè. Figura 116 - Protezione differenziale contro i guasti tra le fasi. Nella protezione differenziali contro i guasti a terra si utilizza un relè che è attraversato da corrente solamente se il guasto a terra è compreso tra il punto di
installazione dei TA e il centro stella. Se il centro stella non è accessibile si realizza una
configurazione come quella a sinistra in figura XX. Figura 117 - Protezione differenziale contro i guasti a terra. - Sovratensioni: o Atmosferiche: determinano la rottura dell''isolamento. Si utilizzano scaricatori di
sovratensione a monte e a valle del trasformatore (§11 e §13). o Temporanee o di manovra: possono determinare la saturazione del nucleo con
conseguenti surriscaldamenti. - Abbassamenti di frequenza: producono un aumento del flusso del nucleo con conseguente saturazione e surriscaldamenti. Si utilizzano relè di minima frequenza. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 156 12.5 Protezione delle reti radiali Nelle reti ad esercizio radiale ciascun carico riceve l''alimentazione da un solo lato e questo facilita
la protezione. In fig. XX, è rappresentata una rete esercita radialmente con i soli organi di
protezione (senza, quindi, gli organi di manovra). Gli interruttori utilizzati seguono una regola di
tipo amperometrica-cronometrica: le protezioni a monte sono sempre tarate per amperaggi e
ritardi in apertura maggiori degli interruttori a valle. Si può notare che a monte dei trasformatori, a
protezione degli stessi, vi è un fusibile. Questo perché gli interruttori sono più costosi e i guasti ai
trasformatori sono rari (dell''ordine di uno ogni 10-20 anni). Figura 118 - Protezioni delle reti radiali. In BT sono molto utilizzati i sezionatori di manovra sotto carico, nonché soluzioni a contattori
azionati entrambi da relè termici (protezione dai sovraccarichi) o magneto-termici. Le reti MT sono tipicamente ad esercizio radiale con configurazione radiale o ad anello. A seconda
dello stato del neutro si possono utilizzare diverse protezioni. Tutte quante, però, si basano sulla
misura di grandezze omopolari. Dal momento che i 2/3 dei guasti in MT sono guasti monofase a
terra, si adotta il principio della richiusura rapida dopo 0,5 secondi e della richiusura lenta dopo 15
secondi - 3 minuti. In questo modo si ottiene una probabilità di auto estinzione del: - 95% se si utilizza il neutro a terra tramite bobina di Petersen
- 50% se si utilizza il neutro isolato
- <50% se si utilizza il neutro a terra tramite resistenza Un ulteriore provvedimento attuabile se il neutro è isolato a terra tramite resistenza che accresce
le possibilità di auto estinzione è l''utilizzo degli interruttori ''atterratori di fase' che mettono a
terra (sulle sbarre MT) la fase guasta per 0,2 secondi e ne garantiscono l''estinzione sicché non
debba intervenire l''interruttore di protezione. I grandi motori MT ( > 1 ) sono protetti Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 157 tramite relè differenziali per guasti fra le fasi, relè omopolare per guasti a terra, relè sensibili alla
componente inversa per interruzione di una fase e relè di minima tensione e termo-resistenze. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 158 13. Stazioni elettriche di AT 13.1 Generalità e classificazione Una stazione elettrica può essere considerata un nodo della rete elettrica. Fisicamente, una
stazione elettrica è un impianto elettrico che comprende di base, i seguenti componenti: - Sbarre collettrici (conduttori in corda o in tubo)
- Apparecchiature di manovra (interruttori, sezionatori)
- Trasformatori di misura
- Protezioni contro sovratensioni e sovracorrenti A seconda della specifica funzione che la singola stazione svolge, può anche comprendere: - Macchinari di trasformazione
- Apparati di conversione
- Apparati di rifasamento A seconda della funzione svolte dalle stazioni queste si possono suddividere in: - Stazioni annesse alle centrali: hanno la funzione di trasferire l''energia che viene prodotta dai generatori a tensione di alcune decine di kV alla tensione della rete cui la centrale è
connessa; - Stazioni di interconnessione: hanno la funzione di trasferire l''energia tra reti a tensione diversa esse pertanto sono tutte dotate di macchinario di trasformazione; - Stazioni di smistamento: hanno la funzione di connettere vari elettrodotti aventi tutti la stessa tensione; - Stazioni di distribuzione primaria: hanno la funzione di trasferire l''energia dalle reti di trasporto a quelle di distribuzione a media tensione. Sono quindi dotate di macchinario di
trasformazione; - Stazioni di distribuzione: hanno la funzione di trasferire l''energia dalle reti a media tensione a quelle a bassa tensione. Sono quindi dotate di macchinario di trasformazione; - Stazioni di conversione: hanno la funzione di convertire l''energia elettrica da alternata in continua e viceversa. In tutti i tipi di stazione citati possono essere installati apparati per il rifasamento, ossia batterie di
condensatori o induttanze. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 159 13.2 Schemi di connessione delle sbarre Prima di studiare i principali tipi di connessione delle sbarre è opportuno vedere a quali requisiti
dovrebbe rispondere lo schema fisico di collegamento dell''impianto: - Chiarezza di impianto: l''impianto deve essere strutturato in modo tale che un operatore possa rendersi conto a colpo d''occhio quali sono i circuiti in tensione durante il servizio. - Facilità di ispezione dell''apparecchiatura in servizio: è preferibile disporre i componenti su uno al più due piani. - Possibilità di lavorare in sicurezza sulle singole sezioni mantenendo in tensione il resto.
- Adozione di precauzioni per limitare le conseguenze di incidenti: bisogna evitare sovrappassi di conduttori sulle sbarre e le apparecchiature a rischio di esplosione devono
essere distanziate le une dalle altre. - Standardizzazione delle carpenterie, fondazioni, ed opere: per ridurre il tempo e il costo di progetto e di realizzazione. - Possibilità di eseguire facilmente ampliamenti successivi: è necessario poter ampliare la stazione senza eseguire demolizioni o lunghi fuori servizio. Oltre a questi requisiti è necessario prevedere delle distanze minime (in aria) dei componenti
dell''impianto. Tra queste le più importanti sono: - : distanza minima tra strutture in tensione e massa. Bisogna assicurare la tenuta alle sovratensioni di manovra e impulsive. - : Distanza minima tra le fasi. ' necessaria la tenuta anche quando in una delle fasi vi sia una tensione impulsiva e su una fase contigua la massima tensione a frequenza industriale
di segno opposto. - : Distanza minima tra le sbarre e il terreno. Si assume pari alla , più 3 metri, dove 3m è l''altezza di un uomo di 2 m con le braccia alzate più 0,4 m di sicurezza. - : Distanza minima orizzontale tra le sbarre le altri parti in tensione. Si assume pari alla più 2,25 m di sicurezza. Di seguito si riporta una tabella riassuntiva delle distanze minime, a seconda del livello di tensione
dell''impianto: Tabella 2 - Distanze minime in aria. 16 60 13.2.1 M Per monta
di stazione
linea (affe
figura: ' possibile - TV. for
ada
con
tras
ene
l''in
del - Filt la s - Sez dur - Sez l''ev - TA. For - Inte me - Sez evid
l''in A Montante d nte (o stall e e la parte erente ad u notare, pa . Il trasform nire la tens atti come c nvogliate. E smissione a ergia di ele terruttore.
sezionator tro per onde
sezione di p zionatore d rante la ma zionatore d
vidente disc . Il trasform rnisce la cor erruttore d ettendo fuor zionatore/i dentement terruttore c Appu Appunti a cur di linea o) di linea s enza o l''arr un sistema rtendo dalla matore di te sione neces condensato ssendo il TV anche con evata precis In questo m re, il TV non e convoglia otenza dell di terra. Con nutenzione di linea. Un connessione matore di co rrente nece di linea. Con ri tensione di sbarra e fuori se contro le so nti di Impia ra di Emanue si intende t rivo di una a doppia s Figura 1 a linea vers ensione è s
ssaria per i ri di accop V posto a va la linea fuo sione si uti modo si age resti espos ate. Fa si ch ''impianto. nsente di m e. na volta ap e dello stess
orrente è p ssaria per i nsente l''ap lo stallo. a. Consente ervizio uno ovratension nti Elettrici '' ele Freddi '' h utta la serie linea. Una sbarra, ved 119 - Montante so le sbarre, empre sott sistemi di p piamento p alle del sezi ori servizio. lizzano dei evola la ma
sto a perico e le onde co mettere chia perto proteg so. osto tra l''in sistemi di p ertura delle e di effett o stallo. H i provenien prof. A. Cap http://laema e di appare rappresent di §15.2.5) e di linea. , in ordine: toposto alla protezione per i sistem onatore di
Quando è TV indutti nutenzione lose sovrate onvogliate a aramente a gge lo stall nterruttore protezione e e correnti s tuare le m Ha anche nti da altre l asso an.altervista. cchiature in tazione sche è rapprese a tensione d e le misure mi di teleco linea, è pos è necessario ivi, conness e e si fa si ch ensioni. ad alta freq a terra una lo dalle sov di linea e i e le misure. sia di carico manovre in la funzione
inee attrave org/Blog/lec nterposte tr ematica de entato nella di linea ha
e. I TV capa omunicazion ssibile utiliz o effettuare si tra il sez he, in caso quenza non sezione de vratensioni il sezionato . o che di cor stazione e di prote erso le sbar ture-notes/ ra le sbarre llo stallo di a seguente lo scopo di acitivi sono ne ad onde zarlo per la e misure di
zionatore e di apertura interessino ell''impianto e assicura ore di linea. rto circuito, o mettere ezione per rre. e i e i o e a i e
a o o a . , e r Appunti a c 13.2.2 M Il montant
elettrica (t
sbarre. Ne ' possibile - Sez evid - Inte circ - TA. sov - Sca que
del
dal
alim - Ma ' preferibi
modo che ura di Eman Montante d te di macc trasformato lla seguente notare, pa zionatore/i dentement erruttore d cuito, mette . Il trasform vratensione
aricatore di esto modo l''equipaggi
lo scaricat mentata dal acchina. ile, inoltre, il punto più Appu nuele Freddi di macchina hina è tutt ori, reattan e figura è ra rtendo dalle di sbarra e fuori serv di macchina endo fuori t matore di . Fornisce la sovratensi si riesce ad amento di ore rimane lle altre sba che l''appa ù basso dell nti di Impia '' http://laem a ta quella s ze shunt, b appresentat Figura 120 e sbarre ve a. Consente vizio la macc a. Consent tensione lo corrente è a corrente n one. ' post d assicurare stazione. Se e anche c arre a cui è c arecchiatura e porcellan nti Elettrici '' man.altervis erie di app banchi di co to un mont 0 - Montante di rso la macc e di effett china. e l''apertur
stallo. è posto tra necessaria p
to molto vic e la protezi e la macchi con interru connessa. a sia dispos e sia a 2,25 prof. A. Cap ta.org/Blog/ parecchiatu ondensator ante di mac i macchina. hina, in ord tuare le m ra delle cor l''interrutt per i sistem
cino agli iso ione sia de ina è un tra uttore aper sta su un s metri dal s asso /lecture-note ure interpos ri, compens cchina: dine: manovre in rrenti sia d ore di line i di protezio olatori passa lla macchin asformatore rto, ma m olo piano, suolo. s/ ste tra una satori sincro stazione di carico ch ea e lo sca one e le mis anti della m na che di b e la protezio macchina in sollevata d 1 a macchina oni) in e le o mettere he di corto aricatore di sure. macchina: in uona parte one offerta n tensione, dal suolo in 61 a
e e o i n e
a , n 16 62 13.2.3 S Uno schem
rappresent
più facile v Lo schema
stalli. ' un
sezionator Figura 122 - S A Schema a se ma di stazio tato in fig. X visualizzazio Figura 1 a a semplice no schema re longitudin Schema a semp Appu Appunti a cur emplice sba one a sempl XX. Nella ra one. 121 - Schema a e sbarra è d decisamen nale di sbar plice sbarra con nti di Impia ra di Emanue arra e con s lice sbarra appresentaz semplice sbarr di concezio nte poco el rra) e sicuro n sezionatore di nti Elettrici '' ele Freddi '' h sezionatore (interruttor zione è stat ra con e senza s ne semplic astico (in p o. i by-pass. D
n
se
l'' P
p
se
ra
q
se
c
p In
se
c
to prof. A. Cap http://laema e di by-pass ri per stallo to semplific sezionatore lon e ed è adat particolare Durante la
necessario m e si vuole a intera stazi Per ovviare
possibile ut ezionatore appresenta questi sezio ervizio, ma omplicata presenza de noltre, nei ezionatore orrisponde otale della s asso an.altervista. degli interr i=1, sezion ato lo sche gitudinale di sb tto per staz nello schem a manute mettere fuo accedere ai one. e a quest tilizzare un di by ta a lato in onatori mig la disposiz e la sicu lle sovrappa periodi di by-pa nte linea c stazione. org/Blog/lec ruttori natori per s ma degli st barra (S). zioni minor
ma di fig. X enzione è ori servizio sezionator t''ultimo pr a configura y-pass (i= n fig. XX. L''a gliora la co zione fisica rezza ridot
assi delle sb in cui è ss, un gu causa il fuo ture-notes/ tallo s=2) è
alli per una i con pochi XX.a, senza è sempre lo stallo o, ri di sbarra, roblema è
azione con
=1, s=3), aggiunta di ontinuità di risulta più tta per la barre. chiuso un uasto sulla ori servizio è
a i a e ,
, è n ,
i
i ù a n a o Appunti a c 13.2.4 S Questa pa
sbarra (ve
schema in In aggiunta
traslazione
questo mo
perdere lo
schema av
frequenti m ura di Eman Schema a se rticolare so edi 15.2.5), questione è a alla sbarr e che può odo è dunq stallo a cu veva una ce manutenzio Appu nuele Freddi emplice sba oluzione cos senza per è rappresen Figura 12 ra semplice, sostituire que possibi i è conness
rta validità oni. nti di Impia '' http://laem arra più sba struttiva po ò poter ef ntato in fig. 23 - Schema a se , lo schema qualunque le effettuar o, utilizzand quando ven nti Elettrici '' man.altervis arra di trasl ssiede i me ffettuare i XX. emplice sbarra a comprend altro inte re la manu
do l''interru
nivano utili prof. A. Cap ta.org/Blog/ azione edesimi indi servizi sep più sbarra di tr de la sbarra rruttore se utenzione d ttore di tra zzati gli inte asso /lecture-note ici di costi d arati (i=(n+ raslazione. a di traslazio enza interro i un qualsi
slazione co erruttori in es/ dello schem +1)/n; s=(3n one e l''inte ompere il asi interrut ome sostitui olio, che ric 1 ma a doppia n+2)/2). Lo erruttore di servizio. In ttore senza ivo. Questo
chiedevano 63 a o i n a o
o Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 164 13.2.5 Schema a doppia sbarra Lo schema a doppia sbarra (i=(n+1)/n; s=(3n+2)/2) rappresenta la naturale evoluzione dello
schema a semplice sbarra. ' la soluzione di gran lunga più utilizzata in Italia e in Europa. Lo schema
è rappresentato in fig. XX: Figura 124 - Schema a doppia sbarra. In questo schema è presente un interruttore chiamato interruttore di parallelo sbarre che
consente di mettere in parallelo le due sbarre, oppure di effettuare servizi separati a seconda delle
esigenze di esercizio. Il piccolo ''stallo' in cui è posto l''interruttore è rappresentato in Figura 125. Figura 125 - Interruttore di parallelo sbarre. In seguito all''avaria di un interruttore di linea si può temporaneamente utilizzare come riserva
l''interruttore di parallelo sbarre. Quando si presenta un guasto su una sbarra si perdono momentaneamente tutti gli stalli connessi
a quella sbarra. Successivamente se il congiunture di sbarre era chiuso viene aperto e gli stalli
perduti si connettono alla sbarra sana. Con riferimento alla fig. XX, supponendo che la sbarra
guasta sia la A, per ogni stallo si operano le seguenti manovre: - apertura del''interruttore I;
- apertura del sezionatore sA;
- chiusura del sezionatore sB;
- chiusura dell''interruttore I. Appunti a c 13.2.7 S In questo p
a terra con
sostenuti d
ogni fase è
possono e
consideraz - qua sta - qua
- qua per
inq - qua In fig. XX è ura di Eman Stazioni iso particolare ntenenti es da dischi di è contenuta essere racc zione nei se ando vi sian zioni su are ando sia ne
ando è nece r l''inquinam uinamento ando sussist rappresent Appu nuele Freddi late in SF6 tipologia di afluoruro d materiale i a in un invo hiuse in u
guenti casi: no difficoltà ee limitate; cessario co essario l''int mento acus atmosferic ta il pericol tata una sta nti di Impia '' http://laem i stazioni, i di zolfo alla solante com olucro sepa
n unico inv : à di reperim ntenere o c terramento
stico prodo co; o di incend azione comp Figura nti Elettrici '' man.altervis conduttori pressione me vetrores arato dagli volucro. Qu mento dei te comunque m o per ragion otto dai tr io per la vic pleta in SF6 a 126 - Stazione prof. A. Cap ta.org/Blog/ sono racch di 4-5 atmo sina o resine altri, ment uesta soluz erreni, opp mitigare l''im ni ambienta asformator cinanza di im . e in SF6. asso /lecture-note iusi in invol osfere. I co e epossidic re negli im zione costr ure sia nec mpatto amb li come pre ri oppure p mpianti a ris s/ lucri metall nduttori in
he. Negli im pianti AT e ruttiva vien cessario am bientale; esenza di zo per un alto schio. 1 ici collegati rame sono mpianti AAT e MT le fasi
ne presa in pliare delle one urbane o grado di 65 o T i n e e i Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 166 13.3 Layout di stazione Per concludere il capitolo si vogliono prendere in considerazione alcuni layout tipici di stazione. Ci
si limiterà ad esporre una serie di disegni di layout di stazione, dato che ogni spiegazione di
carattere tecnico è stata già affrontata nei precedenti paragrafi. Figura 127 - Esempio di planimetria di stazione. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 167 Figura 128 - Layout del doppio sistema di sbarre realizzato con conduttori rigidi (a) e flessibili (b). Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 168 Figura 129 - Layout di un montante di linea. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 169 Figura 130 - Layout di un montante di macchina. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 170 Figura 131 - Layout completo dall''arrivo della linea AT al trasformatore lato AT. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 171 Figura 132 - Layout completo dal trasformatore lato MT alla partenza della linea MT. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 172 14. Affidabilità dei sistemi elettrici 14.1 Definizioni e generalità Affidabilità (MIL STD B 1966). Si definisce affidabilità (reliability) la probabilità che un apparato compia le funzioni previste in un intervallo di tempo specificato e in condizioni definite. Affidabilità (IEC). Capacità di un dispositivo (sistema, sottosistema o componente) di svolgere una funzione prevista in condizioni stabilite e per una durata stabilita Tasso di guasto. Si definisce tasso di guasto (failure rate) il rapporto tra il numero di guasti per unità oraria di impiego. Il tasso di guasto di un componente è variabile con l''età del componente
stesso. Si possono distinguere tre zone di funzionamento tipiche: rodaggio, vita utile, usura.
Durante il rodaggio e dopo la vita utile il componente presenta un tasso di guasto più elevato.
Grafitando il tasso di guasto di un generico componente in funzione del tempo si ottiene la
cosiddetta ''curva a vasca da bagno', rappresentata in fig. XX. Figura 133 - Curva a vasca da bagno (linea blu). Sono evidenziati i tassi di guasto casuali (linea verde), di rodaggio (linea rossa) e per usura (linea gialla). Tempo medio tra guasti. Si definisce MTBF (Mean Time Between Failures) il tempo medio tra due guasti successivi del sistema/componente. Disponibilità. Si definisce disponibilità (availability) la probabilità che un componente/sistema funzioni correttamente in un determinato istante t, indipendentemente dalla storia del
componente/sistema cioè indipendentemente dal fatto che lo stesso si sia in precedenza guastato,
anche più volte, e sia stato riparato. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 173 15. Qualità dell''alimentazione La qualità dell''alimentazione (Power Quality) presenta tre aspetti fondamentali, riassumibili nel
seguente diagramma: Power Quality Numero delle interruzioni Durata delle interruzioni Continuità del servizio Frequenza Ampiezza Forma d'onda Simmetria nella terna trifase Contenuto di armoniche Caratteristiche della tensione Tempi delle prestazioni Lettura e fatturazioni Qualità commerciale Nel seguito si analizzeranno sommariamente tutti gli aspetti della PQ. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 174 15.1 Continuità del servizio La continuità dell'alimentazione è caratterizzata dal numero e dalla durata delle interruzioni.
Diversi indici sono utilizzati a questo scopo per caratterizzare la continuità del servizio nelle reti di
trasmissione e distribuzione. Tra essi appare il più significativo, almeno per gli utenti in BT, la
''durata complessiva delle interruzioni (senza preavviso) per utente BT, al netto delle interruzioni
originate dalla rete in alta tensione e nella rete di trasmissione nazionale, e al netto delle
interruzioni provocate da cause di forza maggiore (o comunque non attribuibili alla responsabilità
degli esercenti)'. Tra dette interruzioni sono di regola escluse anche quelle originate sulla rete AT
(sempre per ragioni di assenza di responsabilità) e quelle di breve durata (<1 minuto). Due
indicatori della continuità del servizio sono: - Numero di interruzioni per cliente: per interruzioni con e senza preavviso lunghe (>3 min) o brevi e transitorie (<1s). = '' Dove è il numero di clienti coinvolti nella i-esime interruzione e è il numero di clienti totali - Durata complessiva delle interruzioni per cliente: solo per interruzioni con e senza preavviso lunghe. = '' '' , '' , Dove , sono il numero totali di clienti coinvolti nell''interruzione per il tempo , . Nelle
zone ad alta concentrazione (>50000 abitanti) si cerca di mantenere tale indice al di sotto
di 25 minuti, mentre sono tollerati valori più alti (anche fino a 60 minuti) per zone a minore
concentrazione (dati obiettivo 2004/2007 in Italia). Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 175 15.2 Caratteristiche della tensione Il gestore della rete deve essere in grado di presentare ai terminali dell''utente, cioè alla consegna,
una forma d''onda di tensione idealmente perfettamente sinusoidale, priva di ogni contenuto
armonico, con ampiezza e frequenza nominali. Per un sistema trifase, inoltre, le tensioni
dovrebbero formare una terna simmetrica, con ciascuna fase sfasata di 120° rispetto alle altre.
Nella realtà esistono vari tipi di disturbi che possono far scostare in modo significativo la forma
d''onda di tensione dall''idealità. Una tabella riassuntiva delle principali cause dei disturbi è
riportata in fig. XX. Figura 134 - Origine dei disturbi. Nel seguito si analizzeranno sia le cause che gli effetti di tali disturbi (tranne delle sovratensioni, di
cui si è già ampiamente discusso nel cap. 13) e si indagherà sui metodi adottati per contrastarli. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 176 15.2.1 Variazioni di ampiezza I disturbi sull''ampiezza della forma d''onda di tensione sono: - Fluttuazioni di tensione. Sono variazioni lente della tensione (con tempi maggiori del periodo della tensione a frequenza industriale, 20 ms a 50 Hz) che, in condizioni normali di
esercizio, devono comunque essere comprese tra ±10% della tensione nominale. Le
fluttuazioni possono essere periodiche oppure completamente casuali. Fluttuazioni
periodiche e ripetitive sono tipicamente causate dai seguenti carichi:
' Saldatrici
' Gruppi di avviamento dei motori
' Forni ad arco
' Carichi di trazione
' Carichi con assorbimenti impulsivi di potenza Tra le fluttuazioni di tensione periodiche ve ne sono alcune, con periodo tra 0,005 Hz e
35 Hz, che provocano un fenomeno detto effetto flicker. L''occhio umano, infatti, è in grado
di percepire queste fluttuazioni in seguito allo sfarfallio della radiazione luminosa emessa
da una lampada. L''effetto flicker è un fenomeno fisiologico a cui prendono parti gli occhi ed
il cervello. Non tutti gli individui percepiscono il flicker nello stesso modo: fluttuazioni di
0,3 V a 8 Hz sono percepite dal 10% degli osservatori, mentre, a parità di frequenza,
fluttuazioni di 1 V sono percepite dal 90% degli osservatori. L''intervallo di frequenze più
critico per l''effetto flicker è compreso tra 6 e 12 Hz. Si chiama frequenza di fusione del
flicker
o frequenza di fusione critica, la frequenza al di sopra della quale l''occhio umano
non è più in grado. Tale frequenza dipende da individuo a individuo e varia tra i 40 e i
56 Hz. - Sovratensioni. Sono tutte quelle anomalie che comportano una sopraelevazione della tensione rispetto al valore nominale (vedi §13). - Buchi di tensione. Sono riduzioni della tensione di ampiezza maggiori di '' 10%, ma sempre minori di '' 90%. I buchi di tensione sono principalmente dovuti a guasti seguiti da manovra di richiusura rapida o lenta, e dall''inserzione di trasformatori e condensatori.
Anche l''avviamento diretto dei motori asincroni provoca dei buchi di tensione. I principali
effetti dei buchi dei tensione sono:
' Interventi intempestivi dei relè di minima tensione e dei teleruttori (contattori telecontrollati); ' Problemi in impianti di illuminazione con lampade a scarica (che possono spegnersi se la tensione si riduce del 30-40% di Vn per periodi di 50 ms o superiori); ' Rallentamento e possibile arresto della marcia nei motori asincroni;
' Perdita del sincronismo per motori sincroni alimentati a frequenza variabile;
' Arresto di funzionamento dei sistemi elettronici, con necessità di rielaborazione o ricostituzione delle informazioni perdute. Appunti a c In f Si c Si p
var
rich
reti
tran
par ura di Eman fig. XX sono consideri un può osserva iazione di hiusura rapi i MT la bob
nsizione da rallelo. Si co Appu nuele Freddi rappresent na rete AT in Figura 136 - B are un buc tensione v ida senza su bina di Pete
a neutro M onsideri, ad nti di Impia '' http://laem tati alcuni b Figura 1 n cui avveng Buco di tensione o di tensio
iene interr uccesso si h ersen mitiga MT isolato esempio, u nti Elettrici '' man.altervis buchi di ten 135 - Buchi di te ga un guast e in conseguenz one su tutte otta all''ape ha la ricom a l''effetto d a neutro M una porzione prof. A. Cap ta.org/Blog/ sione dovut ensione. o su una de za di un guasto e le altre li
ertura dell'' parsa del b dei buchi d MT a terra e di rete co asso /lecture-note ti a diverse elle linee aff su una rete AT inee non af
''interruttor buco di tens i tensione. tramite b me quella m es/ cause. ferenti ad u T ffette da g e di linea. sione sulle In Italia, è obina e re mostrata in 1 una sbarra: uasto. Tale In caso di linee. Nelle in corso la esistenza in fig. XX. 77 e i e
a n Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 178 Figura 137 - Guasto su una rete MT. In fig. XX. Si può osservare l''effetto mitigativo della bobina di Petersen sull''abbassamento
di tensione: Figura 138 - Effetto della bobina di Petersen sull'abbassamento di tensione successivo al guasto. riducendo al corrente nel punto di guasto, la bobina permette di ottenere, inoltre, una
diminuzione delle tensioni di passo e di contatto nei punti limitrofi al guasto, ed un
aumento delle possibilità di autoestinzione dell''arco prima dell''apertura dell''interruttore,
con conseguente riduzione delle interruzioni brevi per la clientela (vedi §17.1). - Interruzioni brevi. Interruzioni della tensione di durata non superiore a 3 minuti.
- Interruzioni lunghe. Interruzioni della tensione di durata superiore a 3 minuti. Appunti a c 15.2.2 V Per quanto
stabilisce c - com il re - com Per quanto
regolazion ura di Eman Variazioni d o riguarda che, a 50 Hz mpreso tra estante 5% mpreso tra 5 o concerne e, si rimand Appu nuele Freddi Figura 139 - di frequenza la frequenz z, il valore ri 50 ±1% per della settim 50 +4%/-6% la variazion da al cap.12 nti di Impia '' http://laem Disturbi nell''am a za della for
ilevato ogni r il 95% del mana, ma co % Hz per il 1 ne di freque 2. nti Elettrici '' man.altervis mpiezza della fo rma d''onda i 10 second la settiman omunque il 100% della s enza, le cau prof. A. Cap ta.org/Blog/ forma d'onda de a di tension i deve esse a. Si amme valore deve settimana. se, le conse asso /lecture-note ella tensione. ne, la norm re: ettono delle e restare: eguenze e i s/ ma EN 5016 e piccole va metodi ado 1 0 del 1993 riazioni per ottati per la 79 3 r a 18 80 15.2.3 A Le principa
potenza. O
rappresent
frequenza
armoniche La norma
valore effi
limiti di tab Inoltre, il T A Armoniche ali fonti di Ogni conve ta il nume industriale e immesse d Fi impone ch
cace di cia bella XX: THD calcolat Appu Appunti a cur armoniche rtitore è ca
ro di comm e. In funzio dal converti igura 140 - Arm e in condiz ascuna arm Fi to sulle prim nti di Impia ra di Emanue e in una re aratterizzat mutazioni n one dell''ind tore sia lato : ( : ( moniche prodott ioni di norm onica indiv igura 141 '' Lim me 40 armo nti Elettrici '' ele Freddi '' h ete sono ra to da un va non simulta dice di puls o AC sia lato '' ) ± 1 '' ) te da un conver male eserc viduale dell miti di ampiezza oniche non d prof. A. Cap http://laema appresentat
alore chiam
anee duran
sazione è p o DC, media = 0, 1, 2 = 0, 1, 2 rtitore con indic izio il 95% a tensione delle armonich deve supera asso an.altervista. te dai conv mato indice nte un peri possibile ca ante la form 2, ' 2, ' ce di pulsazione dei valori m debba ess he. are l''8%. org/Blog/lec vertitori ele e di pulsazi iodo della alcolare l''o mula: e P. medi su 10 sere minore ture-notes/ ettronici di ione che tensione a rdine delle minuti del e uguale ai i e
a
e l
i Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 181 I principali utilizzi di convertitori di grossa potenza nelle reti elettriche sono: 1. Interconnessione fra due reti a frequenza diversa: per esempio sistemi a 50/60 Hz oppure interconnessione con reti ferroviarie a 16+2/3 Hz; 2. Distribuzione dell''energia: alimentazione di utenze che richiedono un elevato grado di continuità come ospedali, aeroporti, servizi ausiliari delle stazioni elettriche; 3. Trasmissione in CC e trazione elettrica: linee sottomarine o HVDC. Si utilizzano principalmente convertitori a ponte dodecafase (indice di pulsazione 12); 4. Elettrotermia: forni ad arco. La caratteristica non lineare dell''arco elettrico da origine a correnti e tensioni armoniche nella rete a monte. I principali circuiti generatori di armoniche e lo spettro in frequenza prodotto sono rappresentati
in fig. XX. Figura 142 '' Principali circuiti generatori di armoniche e distorsioni prodotte. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 182 Le correnti armoniche in rete producono svariati effetti negativi, tra i quali: - Sovraccarichi delle batterie di condensatori: le norme IEC stabiliscono che i condensatori devono poter funzionare con un sovraccarico permanente del 30%; - Irregolarità di funzionamento nei dispositivi di telecomando centralizzato di tipo ''ripple control'; - Circolazione di correnti armoniche nel quarto filo nei sistemi trifase BT: in fig. XX è riportato l''andamento della corrente sul neutro all''aumentare del carico elettronico
globale. Figura 143 - l''andamento della corrente sul neutro all''aumentare del carico elettronico globale. Le correnti sul neutro possono anche essere provocate da squilibri come inserzione di
carichi monofase (vedi §17.2.4). Gli effetti delle correnti sul neutro sono: ' Surriscaldamento del conduttore del neutro, possibile inadeguatezza della sezione del conduttore del neutro; ' Comparsa di una tensione sul neutro;
' Surriscaldamenti e vibrazioni nei trasformatori. - Perdite addizionali nei trasformatori;
- Errori di misura nei contatori di energia;
- Disturbi ai carichi: macchine rotanti, convertitori statici, relè di protezione, calcolatori elettronici; - Disturbi alle linee telefoniche e telegrafiche. 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 0% 20% 40% 60% 80% 100% RMS del la c o rrente sul neutro (% del la c o rrente di fa se RMS) Carico di tipo elettronico (% sul carico totale) Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 183 15.2.4 Squilibri Quando in un sistema trifase si preleva potenza solamente da una o due fasi (fig. XX), si creano
degli squilibri nelle correnti di fase che danno luogo a differenti cadute di tensione in linea con
conseguenti dissimmetrie nelle tensioni. Figura 144 - Carico squilibrato e circuito di sequenza associato. Come noto dalla teoria delle sequenze, qualsiasi terna di tensioni e correnti può essere
rappresentata mediante la composizione di - terna diretta (o positiva)
- terna indiretta (o negativa)
- terna omopolare (o ''zero') per il circuito di sequenza associato (fig. XX) valgono le seguenti relazioni: = '' = Si definisce fattore di dissimmetria , il rapporto tra la tensione di sequenza inversa e la tensione di sequenza diretta: = Se si ipotizza ' e = per cui '' = = si ha che = '' '' ''3 '' = '' = Quindi, sotto tali ipotesi, il fattore di dissimmetria è pari al rapporto tra la potenza apparente
assorbita dal carico monofase e la potenza di cortocircuito trifase nel nodo di alimentazione del
carico. Lo squilibrio del carico porta alla circolazione di correnti di sequenza indiretta che disturbano
motori sincroni, asincroni e lampade. Per questo motivo, le norme IEC stabiliscono che, in 18 84 condizioni
medi in 10 15.2.5 R Vediamo q Per quanto - Sca alta
ven
è u
effi
dim
(pre
MO
per - Gru sup
ma
e in
A normali di 0 minuti (su Riduzione d quali sono i o riguarda i aricatori. Pe a frequenza ngono utiliz un compon icacemente mensioname esunto tale OV sono ind r garantire r uppi statici pply), sono d ncanza di a nverter. Si p ' UPS on tipolog
la cont
garanti
sempre ' UPS of tipolog
non da
infatti,
continu Appu Appunti a cur esercizio, il base settim dei disturbi provvedime problemi d er la protez a, impulsive zati due tip nente aven e le sovrat ento degli ) a cui ques dicati in fig. risultati otti Figura 1 i di continu dei disposit alimentazio possono dist nline (o VFI, gia di UPS g tinuità dell''a isce la prot e una forma ffline (o VF gia di UPS ga a tutti gli il carico è utà. L''UPS e nti di Impia ra di Emanue fattore di d manale), il fa enti adoper di variazione ione contro e oscillatori pi di scaricat nte caratter tensioni, in scaricatori sti dovranno . XX. Alle vo imali. 145 - Simbolo ci uità. I grup tivi in grado ne da rete,
tinguere in: , Voltage an
enera semp alimentazio ezione da t a d''onda pe D, Voltage arantisce la altri distur alimentato entra in fun nti Elettrici '' ele Freddi '' h dissimmetri
attore di dis rati per gara e di ampiez o le sovrate ie e sovrate tori: Gas Ar ristica forte
n modo a viene ese o far fronte olte questi ircuitale e carat ppi statici d o di garantir mediante : nd Frequen pre una nuo one in caso tutti gli altr erfetta per i and Freque a protezione bi provenie dalla tensi zione soltan prof. A. Cap http://laema ia sia comp ssimmetria antire la giu zza si adotta nsioni impu ensioni der rester e Me emente no analogo ag eguito sul e. Il simbolo due compo tteristica I-V di di continuit re la continu l''utilizzo di cy Indepen ova forma d di interruzi i disturbi pr l carico. ency Depen
e dalle inter enti da ess one di rete nto in caso asso an.altervista. reso tra 0 e sia compre usta forma d ano: ulsive unidir ivanti da m etal Oxide V on lineare, gli scaricato contenuto circuitale e onenti veng un MOV. tà o UPS (u uità del siste componen ndent from d''onda in us ioni della te rovenienti d ndent from rruzioni dell
sa. Nel fun e tramite un di mancanz org/Blog/lec e 2% nel 95% so tra 0 e 2 d''onda ai ca rezionali, im manovre sul Varistor (MO in grado ori delle energetico e la caratter gono install uninterrupt ema elettric ti statici qu mains supp scita. Oltre ensione di r dalla rete, g mains supp la tensione nzionamento n bypass de za di tension ture-notes/ % dei valori 2%. arichi. mpulsive ad lla rete AT, OV). Il MOV di drenare reti AT. Il o massimo
ristica di un lati in serie tible power co anche in uali batterie ply). Questa a garantire rete, un VFI garantendo plì). Questa di rete, ma o normale, el gruppo di ne da rete. i d , V e l o
n
e r n e a
e I o a
a ,
i Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 185 - Gruppi rotanti di continuità. Si tratta di UPS realizzati medianti componenti rotanti
(motori e generatori). Le macchine
utilizzate sono tipicamente sincrone, per
garantire la corretta frequenza. In caso di
buchi di tensione dalla rete, l''alimentazione
del carico viene mantenuta grazie all''inerzia
del gruppo rotante, che può anche essere
opportunamente aumentata con dei volani Figura 146 - VFI con gruppo rotante di continuità. proprio per far fronte a queste evenienze. Per fronteggiare le lunghe interruzioni, i gruppi
sono corredati di un motore diesel che viene avviato quando la tensione viene a mancare
per un certo periodo di tempo prefissato. Per i carichi critici si realizzano spesso sistemi
ibridi, composti da un gruppo rotante e un UPS di tipo VFI (fig. XX). In questo modo è
garantita la corretta alimentazione sia per interruzioni brevi (scarica delle batterie del VFI)
che per lunghi blackout (alimentazione dal gruppo rotante). Per quanto riguarda i problemi di armoniche si utilizzano: - Raddrizzatori con reazioni dodecafase. Questo tipo di
raddrizzatori fa uso di un
trasformatore a tre
avvolgimenti di tipo Ddy ai cui
secondari sono connessi dei
ponti trifasi di tiristori (a sei
impulsi), i cui lati DC sono
connessi in serie. Lo sfasamento
di 30° tra le tensioni secondarie
introdotto dalle connessioni Dd
e Dy, consente di avere una
forma d''onda di tensione, lato
DC, che presenta 12 impulsi in
un periodo elettrico a
frequenza industriale. Questo
consente di avere lato DC una
corrente puramente continua Figura 147 - Corrente lato AC in un convertitore a ponte dodecafase. senza la necessità di inserire una grossa induttanza di spianamento. Inoltre l''indice di
pulsazione del sistema è pari a 12, quindi la corrente richiamata dalla linea AC presenta
solamente armoniche di ordine 12 ± 1 con = 0, 1, 2, ' che sono molto più semplici da
filtrare. La forma d''onda della corrente richiamata dalla linea è rappresentata in fig. XX. 18 86 - Filt Off
con
freq Un
50
arm
pas
- Filt d''o
arm
dal
rap A tri passivi: a
frono una b
n l''armonica quenza è ra Figura 148 - F filtro smor Hz il com moniche di ssa-alto (fig tri attivi. Un onda di corr moniche su la rete, m ppresentato Appu Appunti a cur accordati e bassa impe a che si vuo appresentat Filtro accordato rzato, invec mportament ordine su . XX). n filtro attiv rente non s periori nec a vengono o in fig. XX. Figu nti di Impia ra di Emanue e smorzati. denza alla ole filtrare. S to in fig. XX. o e diagramma ce, è caratte o è capac uperiore. Il vo è un com sinusoidale cessarie. In o generate ura 149 - Schem nti Elettrici '' ele Freddi '' h Un filtro a frequenza Si connetto
. Z-f (a sinistra); erizzato da itivo), men comportam mponente el richiamata questo mo in situ. U ma di funzionam prof. A. Cap http://laema ccordato è di risonanz ono tra le fa ; filtro smorzato un''alta imp ntre offrono mento in f lettronico c da un cari odo le arm Uno schema mento dei filtri a asso an.altervista. costituito za, che vien si e la terra o e diagramma pedenza all o una bas frequenza che consent ico, attrave moniche non a di princi attivi. org/Blog/lec da bipoli R ne pertanto
a. Il compor Z-f (a destra). a frequenz sa impede è quello d te di ottene rso l''immis n vengono
ipio dei fil ture-notes/ LC in serie. o accordata rtamento in a di rete (a nza per le di un filtro re la forma ssione delle richiamate tri attivi è . a n a
e o a
e
e
è Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 187 Per quanto riguarda i problemi di carichi squilibrati si usano: - Stabilizzatori di tensione. Apparati realizzati mediante l''inserzione di un trasformatore in
serie su tutte e tre le fasi, al cui secondario è
collegato un autotrasformatore a rapporto
variabile azionato da un servomotore
comandato da un circuito di controllo. In
questo modo, agendo sul rapporto di
trasformazione è possibile equilibrare carichi
squilibrati ed equilibrare un sistema di
tensioni dissimmetrico. In fig. XX è raffigurato
uno stabilizzatore di tensione, in cui spiccano i
tre autotrasformatori. Figura 150 - Stabilizzatore di tensione. - Schemi di inserzione dei carichi monofase: schema Scott e schema a V. - Equa ripartizione del carico sulle fasi (riduzione alla sorgente). Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 188 15.3 Qualità commerciale La qualità commerciale coinvolge i rapporti tra fornitore e utilizzatore. Tali rapporti sono
fondamentali per la scelta del fornitore e si instaurano dal momento in cui un potenziale cliente
chiede informazioni o inoltra richiesta per un nuovo allaccio. La qualità commerciale fa riferimento
ai seguenti indicatori di qualità: - Tempo di realizzazione del preventivo; - Tempo di attivazione della fornitura (allaccio alla rete elettrica); - Tempo di disattivazione della fornitura (su richiesta del cliente); - Tempo di esecuzione dei lavori semplici; - Tempo di esecuzione dei lavori complessi; - Tempo di riattivazione della fornitura a seguito di una sospensione; - Fascia di puntualità per gli appuntamenti con i richiedenti. In altre parole La qualità commerciale copre un ampio numero di aspetti dello standard del
servizio prestato dal fornitore al cliente: dal tempo massimo per l'allacciamento, risposta a
informazioni, fatturazione, appuntamenti, risposta alle lamentele, risposta alle emergenze, ecc.. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 189 Appendice Il metodo dei valori relativi Sia data una rete elettrica monofase priva di trasformatori e sia { } l''insieme delle grandezze
scalari e vettoriali di cui è sede (potenze attive e reattive, tensioni, correnti, impedenze, etc'). Sia inoltre assegnato un sistema di grandezze scalari { } = { , , , , }, chiamate grandezze di base tale che sussistano le relazioni fondamentali: = ; = ; = 1 ; Per definire queste cinque grandezze è necessario fissarne 2. In genere si fissano potenza base e tensione base . Esprimere una grandezza dell''insieme { } in valore relativo sulla base di { } (o in per unità, p.u.),
significa determinare il rapporto tra tale grandezza e la grandezza omogenea dell''insieme { }. Per
esempio: '' = ; ''' = ' ; '' = ; Tutte le relazioni che valgono nella rete normale valgono anche quando le grandezze sono
espresse adimensionalmente in p.u. Un primo vantaggio nell''usare questo metodo consiste nella maggiore quantità di informazioni che
il valore in p.u. è in grado di offrire. Dire che un motore eroga 120 kW non fornisce informazioni
come dire che un motore eroga una potenza pari a 1,2 p.u: questo ci dice che sta funzionando
oltre la potenza nominale. Un secondo vantaggio di usare questo metodo consiste nella semplificazione dei calcoli relativi a
reti contenti trasformatori. L''utilizzo del calcolo in p.u. con appropriata base consente, infatti, di
eliminare il componente ''trasformatore ideale' dallo schema equivalente del trasformatore. Il procedimento per operare questa semplificazione si può riassumere in: a) riduzione in p.u. le grandezze a valle del primario sulla base della potenza Nb e della tensione E1b. b) riduzione in p.u. le grandezze a monte del secondario sulla basse della stessa Nb e della tensione E2b=E1b/K con K rapporto di trasformazione ideale. c) Eliminazione del trasformatore di interconnessione con collegamento diretto tra primario e secondario. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 190 Esercizi Di seguito vengono proposti una serie di esercizi svolti riuniti per argomento. Il calcolo delle costanti primarie delle linee Esercizio 1 Si consideri la linea aerea a 110-230 kV caratterizzata dalle seguenti grandezze (i numeri si
riferiscono ai singoli conduttori: 1, 2 e 3 per le fasi; 4 e 5 per le funi di guardia): X (*) (m) Y sostegno (m) Y minima (m) 1'' -2,75 22,00 12,00 2'' 2,75 20,00 10,00 3'' -2,75 18,00 8,00 4 -1,60 26,61 18,00 5 1,60 26,61 18,00 (*)Coordinata orizzontale riferita alla mezzeria del sostegno Conduttori Fase Fune di guardia d (mm) 21,8 11,70 r''40°C (Ω/km) 0,1285 0,6091 k 0,845 0,862 Terreno Ρt (Ωm) 500 Conduttori di fase ACSR Hawk (282,5 mm²); funi di guardia ACSR Petrel (81 mm²). Calcolare: - I coefficienti di autoinduzione apparente delle tre fasi, alla sequenza diretta;
- L''induttanza di servizio alla sequenza diretta;
- Le capacità proprie e mutue;
- La capacità di servizio alla sequenza diretta. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 191 Esercizio 2 Si consideri la linea aerea a 220 kV caratterizzata dalle seguenti grandezze (i numeri si riferiscono
ai singoli conduttori: 1, 2 e 3 per le fasi (1); 4 e 5 per le funi di guardia): X (2) (m) Y sostegno (m) Y minima (m) 1'' -8,325 20,00 8,00 1'''' -7,875 20,00 8,00 2'' -0,225 20,00 8,00 2'''' 0,225 20,00 8,00 3'' 7,875 20,00 8,00 3'''' 8,325 20,00 8,00 4 -7,05 27,30 17,10 5 7,05 27,30 17,10 Conduttori Fase (3) Fune di guardia d (mm) 27,72 11,00 r''20°C (Ω/km) 0,0733 2,28 k 0,82 0,758 Terreno Ρt (Ωm) 200 (1) Le fasi consistono di fasci binati con '=45 cm
(2) Coordinata orizzontale riferita alla mezzeria del sostegno
(3) Dati del singolo subconduttore Calcolare: - I coefficienti di autoinduzione apparente delle tre fasi, di sequenza diretta;
- L''induttanza di servizio alla sequenza diretta;
- Le capacità proprie e mutue;
- La capacità di servizio alla sequenza diretta. Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 192 Linee elettriche trifase Qwerty Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 193 Il calcolo dei flussi di potenza Qwerty Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 194 Il calcolo delle correnti di cortocircuito Esercizio 1 Qwerty Appunti a c Ese Data la ret
Petersen) d 1) Com
2) Ass = Determina omopolare
longitudina Innan La bo
ricord
omop
scrive Da cu Si è ura di Eman ercizio 2 te MT in fi dimensiona mpensare la sicurare un = 16 ) are success e ' ( ) alla p ali e, per la nzi tutto si c = obina di Pet di che, ess polare è ne
ere (cap. 8.3 ui si ricava il considerata Appu nuele Freddi gura, consi are detto bi a componen a corrente ivamente, partenza de tensione ne calcola la ca = 300 tersen e le sendo l''indu cessario co 3.4): valore dell = 1 3 a una com nti di Impia '' http://laem iderando il polo in mod nte capaciti di guasto con riferim ella linea L el punto di S pacità tota 0 '' (7,9 + 9 capacità al uttanza onsiderare u a induttanz = 3 '' (2 pensazione nti Elettrici '' man.altervis neutro a t do di: iva della co monofase mento al gu L4, non affe guasto, si a Svolgiment le della rete ,7 + 9,2 + lla sequenz inserita fra una indutta 3 = 1 za 1 50) '' 17, e totale de prof. A. Cap ta.org/Blog/ terra su bip rrente di gu franco par uasto mon etta da gua ssuma = o e MT: 10,6 + 11,9 a omopolar a il neutro anza 3 , cfr 28 '' 10 = elle corrent asso /lecture-note polo R//L (r uasto; ri a 25 (s ofase franc asto. Si tra = 16 . 9 + 8,3) = re si trovan o e la terra r §2.X), per = 195 ti capacitive s/ resistenza e si consider co in g1, l scurino le 17,28 no in parall a, alla seq rtanto è po e da parte 1 e bobina di i a tal fine la corrente impedenze elo (si uenza ssibile della 95 e e e Appunti di Impianti Elettrici '' prof. A. Capasso Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 196 bobina. Sotto tale ipotesi, la resistenza che il bipolo resistivo deve avere per assicurare
una corrente di guasto monofase franco pari a 25 A è semplicemente data dalla: = , = ''3 , = 16 '' 10 ''3 '' 25 = 370 Ω Per svolgere l''ultima richiesta del testo è sufficiente ricordare quanto visto nel §8.3.2,
osservando che, nel caso in cui il guasto sia monofase franco a terra, la tensione
omopolare coincide, cambiata di segno, con la tensione nel punto di guasto. Si può
pertanto scrivere: '( ) = ( ) = '' Da cui ( ) = ''3 = 2 50 '' 300 '' 10 '' 10,6 16 '' 10 ''3 = 9,22


In evidenza

ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186