verticale

Impatti di terremoti su stabilimenti a rischio di incidente rilevante in impianti petrolchimici

I servizi di ingegneria di alcune società di assicurazione valutano i rischi degli impianti assicurati mediante sistemi di Risk Assessment e di Rating.
Anche il trasferimento del Rischio Terremoto viene valutato.
Tuttavia non tutto il Rischio è trasferibile dall’impianto all’assicuratore, restano:
- franchigie, scoperti, limiti massimali
- perdite di mercato, di immagine, di clientela fidelizzata
Nel caso di terremoti ed impatti sugli impianti a Rischio di Incidente Rilevante, il danno potenziale non è soltanto economico e trasferibile assicurativamente. Restano i danni alla collettività, la salute delle persone, i danni all’ambiente.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcT Industrial Safety & Security Milano novembre 2016 Soluzioni per la Safety nei siti industriali ad alta criticità

Pubblicato
da Alessia De Giosa
mcT Industrial Safety & Security Milano 2016Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Milano, 24 novembre 2016 Gli atti dei convegni e più di 8.000 contenuti su www.verticale.net Terremoti e Rischi Rilevanti :
esempi di incidenti in impianti petrolchimici Fabrizio Di Tirro,
HDI Global - HRC HDI Risk Consulting Index HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 2 2 3 1 Terremoti : Impatti Economici e Risk Assessment Models 4 Terremoto e Incendi conseguenti '' Seismic Fire Protections Conclusioni Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante Alcuni esempi di incidenti in impianti petrolchimici a seguito di terremoti Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections RISCHIO TERREMOTO E INCENDI CONSEGUENTI 3 1 HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 4 Da sempre associamo la moltitudine dei danni che si sommano a seguito di una serie di
azioni sismiche al danno diretto da terremoto: forze sismiche e crolli di edifici.
In realtà i danni da terremoto includono una lunga lista di elementi che concorrono a
formare il danno totale ed il suo «impatto economico» complessivo. HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Danni diretti da terremoto (crolli, danni edifici,
infrasstrutture viarie, ponti, ferrovie, ecc.) Danni da incendi / esplosioni innescati
direttamente o indirettamente dal terremoto
(tank farms, impianti chimici, gas pipelines,
impianti petrolchimici, ecc.) Danni operatività impianti industriali: shut-down
power plant, disallineamento linea carta, ecc.) Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Terremoti e danni consequenziali A titolo di esempio si elencano alcuni dei vari elementi che compongono il danno da
terremoto nel suo totale. Danni da allontanamento residui,
sporcamento
, interventi di emergenza, ecc. Danni ambientali: aria, suolo, acqua Danni da fermo impianti danneggiati Danni da fermo per inaccessibilità impianti Danni da mancate forniture Danni da inagibilità per provvedimenti d''autorità 5 Gli incendi sono la tipologia di eventi più gravi che conseguono un terremoto.
Essi impattano su vari ambiti: Danni ad abitazioni, edilizia civile, vita sociale
Danni ad impianti industriali, vita produttiva
Danni ad impianti a Rischio di Incidente Rilevante
(impianti chimici e petrolchimici, power plants e centrali nucleari, ecc.) HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Terremoti e Incendi I fenomeni che vengono generati sono vari: Incendi attivati da conseguenze del terremoto, guasti elettrici, bruciatori / fiamme libere, ecc.
Incendi attivati direttamente dalle azioni del terremoto (es. attriti di sloshing Niigata EQ)
Fughe di gas o liquidi infiammabili da pipelines, serbatoi, ecc., per danni da terremoti
Fire Spreading in impianti industriali
Scenari tipici da Impianti a Rischio di Incidente Rilevante: VCE, BLEVE, Pool Fires, ecc.
Esplosioni primarie e secondarie da polveri 6 HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Terremoti e Incendi Terremoti e Incendi: avvertimenti
e procedure che si ripetono per
tutte le organizzazioni della
sicurezza, pubbliche e private 7 Il terremoto di San Francisco del 1906 (magnitudo 8,3, liberò un'energia paragonabile a
quella sviluppata dalla bomba atomica sganciata su Hiroshima) però l''incendio generò
danni ancora più pesanti Anche per il terremoto del Kanto, che distrusse Tokyo e Yokohama nel 1923, come per
San Francisco, la maggior parte dei morti e dei danni alla città di furono causati
dall'incendio che scoppiò in seguito al terremoto piuttosto che dal terremoto stesso HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Perché proteggere i sistemi antincendio dagli effetti del sisma '
Obiettivi della ''Protezione Anti-Sismica' degli impianti antincendio : 1. Massimizzare la probabilità che l''impianto antincendio rimanga in condizioni di operatività anche dopo il verificarsi
del terremoto, e quindi di poter intervenire e controllare un
incendio conseguente al sisma 2. Minimizzare i danni da bagnamento a causa di rotture degli impianti a seguito di un terremoto 8 HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Quando la protezione antisismica dei sistemi è richiesta 9 Come un fabbricato è progettato per resistere al sisma, anche gli impianti in esso presenti
devono disporre della stessa resistenza di progettazione. L''obbligo di realizzare un impianto di protezione antincendio, come per altri impianti / utilities
essenziali per la sicurezza a seguito dell''evento sismico, è internazionamente fissata da:
' Building codes ' NFPA 500 ' FM 1-2 e collegate ' Authorities having jurisdiction ' Etc. Standard di riferimento NFPA 13, 2016 (Sprinkler Systems), Paragraph 9.3
NFPA 20, 2013 (Fire Pumps), Paragraph 4.28
NFPA 22, 2013 (Water Tanks), Paragraphs 4.12.4, 5.3, 6.3
Factory Mutual Datasheet 2-8, 2010 (Earthquake
Protection for Water-Based Fire Protection Systems) NOTE: the protection criteria contained in NFPA 13 do not specifically address water supply components, such as
pumps and tanks, because installation of these components is outside the scope of NFPA 13.
Nevertheless, pumps and tanks should be braced against horizontal accelerations in a fashion similar to system
piping. The fastener load criteria of NFPA 13 can be applied
HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Origine dei requisiti sismici per gli impianti antincendio / 1 10 Il primo terremoto per il quale sono stati raccolti dati significativi concernenti i danni subiti dagli impianti
sprinkler fu quello del 1933 di Long Beach, nell''area di Los Angeles Magnitudo non elevatissima (6.2) ma capace di colpire un''area in cui era presente un discreto numero di
impianti sprinkler (circa 500, tecnologicamente tra i primi). Si manifestarono problemi di bagnamento e
mancata operatività che fecero partire le prime iniziative al riguardo (seismic bracings) ' All''epoca nessun requisito antisismico era richiesto per la normativa in vigore [National Board of Fire
Underwriters (NBFU) standard 13] ' In base ai riscontri sul terremoto LongBeach il NBFU iniziò a lavorare sull''inclusione di requisiti antisismici
per gli impianti sprinkler - primi requisiti antisismici per impianti antincendio comparvero NFPA 13 ed.1947 LONG BEACH EARTHQUAKE, 1933 '' 6.2 Moment Magnitude - Sprinkler Systems involved close to the epicenter: 150 (500 in total, including the surrounding area) - 30 serious damages; 60 undamaged systems; 60 minor leakages. - No information on the extent of water damage to contents (i.e. EQSL loss) '' see estimations included in
published reports for this event HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 11 NORHTRIDGE, 1994 '' 6.7 Moment Magnitude - Le compagnie assicurative si trovarono a pagare danni di
bagnamento mai pagati sino ad allora; - Per molte compagnie i danni liquidati a risarcimento
dei danni da bagnamento addirittura eccedettero
quelli dovuti alle conseguenze ''usuali' del sisma.
SAN FERNANDO, 1971 '' 6.7 Moment Magnitude - Sprinkler Systems involved: 973 - 38 damaged systems; 28 with water leakage loss. - Primo terremoto per il quale vennero rilevati dati
concernenti i danni da bagnamento conseguenti
alla rottura degli impianti sprinkler (EQSL)
2 terremoti esemplificativi nei quali i danni da bagnamenti furono censiti e nel EQ-1994 essi superarono i danni sismici Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 12 Protezione dal sisma dei sistemi
antincendio vuol dire anche della
Water Supply (serbatoi e pompe)
Ad es. Rafforzamento Antisismico
Serbatoi Riserva Idrica
Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 13 Come agiscono le protezioni sismiche sugli impianti' Package Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 14 Perché l''Assicuratore prende in considerazione l''adeguamento sismico dell''antincendio Caso 1 '' pipe failure: danni da bagnamento a seguito di terremoto non distruttivo (non avrebbe
prodotto crollo di edifici / impianti) e senza incendio conseguente Adottando una delle curve E x delle esposizioni al danno (probabil. p i che un danno ecceda x% un danno Li su Ei) un evento 1 genererebbe un danno atteso L1 (sismico)
Il pipeline failure (cedimento) causerebbe danni da
bagnamento che spostano la curva pL su un danno
atteso maggiore L2 (ma con stesse probabilità evento
sismico)
Così via per i punti L3, L4, ecc. Il ''L è funzione della vulnerabilità dell''impianto (una farmaceutica può raggiungere danni PD-BI dell''ordine di
Mio ' / m2 di area danneggiata; il picco in una fabbrica
di semiconduttori dove i soli property assets hanno
valori ordine fino alla decina Mio ' / m2 Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 15 Caso 2 '' incendio seguente terremoto ma impianto antincendio fuori uso (pipe failure)
danni da incendio da molto superiori a enormemente superiori (BLEVE per deluge failure) Adottando la curva delle esposizioni al danno
(probabilità pi che un danno ecceda x% un
danno Li) un evento 1 genererebbe un danno
atteso L1 (sismico)
Il pipeline failure (cedimento) non
consentirebbe la operatività dello sprinkler, del
deluge, ecc.
Le conseguenze dipendono dall''occupancy e
potrebbero arrivare fino a scenari disastrosi, il
BLEVE appunto Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections Perché l''Assicuratore prende in considerazione l''adeguamento sismico dell''antincendio In caso di BLEVE la stima dei danni va
calcolata sulle prossimità, dato che questi
fenomeni distruggono intere aree (COSMO
Refinery, Japan, March 11 2011 HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 16 Danni a carico dell''imprenditore Caso 1 '' pipe failure: danni da bagnamento Caso 2 '' pipe failure fire protection out of service Terremoti ed Incendi '' Seismic Fire Protections RISCHIO TERREMOTO E IMPIANTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE (DLgs 105 del 26/06/2015) HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 17 2 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 18 Terremoto non solo effetti su edifici ma anche : impianti, serbatoi, P&I, ecc. (tutti property assets) Impianto industriale chimico / petrolchimico Impianti di processo (es. clinker, idrogenazione grassi, power plant, ecc) leakage, VCE, Bleve, pool-fire, jet-fire ecc serbatoi, P&I, CSTRs, BSTRs, caldaie, tank
farms, solvent recovery, torri di cracking, ecc Linee produttive (es. linea carta, rolling mill, ecc seppur se non pericolosi a seguito danno) Ovviamente se l''impianto è di tipo Rischio Incidente Rilevante le conseguenze delle azioni
sismiche possono arrivare a devastanti Elementi progettazione / verifica azioni sismiche in impianti chimici / petrolchimici RIR introdotti
dal DLgs 105/2015 (ex 334/99) Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante Gli Impianti industriali in Dir. Rischi Seveso e Rischi Sismici HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 19 Le varie evoluzioni della Dir Seveso (82/501/CEE - DPR 17/05/1988 n.175 / 96/82/CEE
DLgs 334/99 / 2003/105/CE '' DLgs 23/2005 / 2012/18/UE '' DLgs 105/2015) giunte a
richiedere l''analisi del rischio sismico tra le cause effetti incidentali degli Impianti RIR Seveso III - pto 3.A 4. Identification and accidental risks analysis and prevention methods:
a) detailed description of possible major-accident scenarios and their probability or conditions under which they occur, including ' natural causes, for example earthquakes floods b) assessment of extent and severity of the consequences of identified major accidents ' D.Lgs. 334/99 incidente rilevante = eventi dettagliati nel RdS: incendio, esplosione,
rilascio HazMats + accessoriamente esame cause esterne all''impianto che le producono ' Nuova Dir 2012/18/UE (DLgs 105) richiede esplicitamente analisi rischio sismico ' DLgs 105/2015 : Interfaccia EQ / Q&QRA, interconnettendo algoritimi rischi chimici e sismici Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 20 Seveso I '' principi base ' censimento stabilimenti a rischio rilevante ' identificazione HazMats e processi pericolosi ' valutazione dei rischi di impianto e metodologie ' effetto domino ' piano di prevenzione, squadre, formazione e piano di emergenza per ogni impianto
SGS (Sistema di Gestione della Sicurezza) ' vicinanze antropizzate e coinvolgimento (informativo) delle zone limitrofe nei piani ' coinvolgimento autorità nel RdS (regione, comune, prefettura, ecc) e organismi autorizzativi ed ispettivi
(ARPA, VVF, ecc.) Seveso II '' diminuisce HazMats da 180 a 50, ma istituisce lista classi pericolosità reampliando campo applicaz Seveso II bis '' dopo Tolosa, revisione HazMats tossiche e cancerogene + NH4NO3 + pirotecnici Seveso III '' migliora esame e redazione di: Emergency Mgmt; territorio: geocoding, meteo, geologia, etc; vicinanze; domino effects; revisione HazMats (nuove categorie, indici, abbreviazioni) e
inclusione dei rischi generati da event NatCat come terremoti e alluvioni tra gli scenari da
valutare in metodologia RIR
Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 21 Problematiche carenze della normativa sismica italiana relativamente agli impianti RIR
(poco diffusi in aree sismiche: 1/5 del tot impianti RIR nelle 10 regioni a maggior rischio) discussioni sull''inadeguatezza approccio probabilistico (PSHA, Probabilistic Seismic Hazard
Analysis, adottato da Eurocodici e NTC) rispetto al deterministico NDSHA (Neo-
Deterministic Seismic Hazard Scenarios) necessità di diverso approccio impianti RIR rispetto verifica a stati limite maggior approfondimento valutazione rischio sismico in redazione RdS e Pianificazione
Emergenza Esterna impianti e terremoto = problema recente ma complesso e contrapposto al tipico binomio
Terremoto '' Urbanizzazione Industriale / Residenziale / Pubblica
importanza analisi Azioni Sismiche su impianti di processo: da edifici a Intero Sistema
Impiantistico inclusi Hazmats (quali professionisti per integrare analisti rischi processo ') Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 22 Terremoto - Panorama Normativo per Impianti di Processo / Industriali Circ MinLLPP 14/02/1974 n.11951 / Testo Unico DPR 380/2001
Impianti Industriali parimenti assoggettati controllo sismico (sili, torri, serbatoi, ciminiere ecc) Ord PCM n.3274 / 2003 (art 2 /3) verifica vulnerabilità sismica di edifici potenzialmente soggetti a collasso / crollo, recepita
Regioni includendovi impianti RIR già prima DLgs 105/15 DLgs 81/2008 - Testo Unico Norme Sicurezza sul Lavoro, valutazione rischi lavoratori (rilasci, eventi, incidenti seguenti sisma) DM 14/01/2008 '' Norme Tecniche Costruzioni (NTC 2008), criteri progettuali / costruttivi edifici in area sismica (recepimento
Eurocodici per costruzioni edifici civili o industriali; no ref. per impianti di processo / utilities, che comunque adottano la
Pericolosità Sismica Territoriale '' Alleg. A, B, S, T - secondo approccio probabilistico PSHA nella progettazioni impiantistica) DLgs 93/2000 Dir. PED 97/23/CE '' DM 329/2004 PED (Pressure Equipment Directive), impianti / vessels / eqpm processo /
piping / etc. (tra i criteri di valutazione include azioni sismiche in fase progettuale) EN 13121 - GRP tanks and vessels EN 13480-3 - Metallic industrial piping / P3 - Design-Calculation - Sistemi tubazioni apparecchiature processo Eurocodici - Ref. calcolo azioni sismiche per progettazione intelaiature acciaio, macchinari, silos, vessels etc
EN 1998-1 - Design of structures for earthquake resistance (part 1: seismic actions / part 4: sili, tanks, pipelines, towers, chemn) International and US Codes
' ASME - Boiler and Pressure Vessel Code
' ASME B 31.3 - Process Piping Code ' API 650 - Welded Steel Tanks for Oil Storage
' FM Global Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 23 In conclusione, in una corretta valutazione del rischio sismico per una apparecchiatura di
processo e necessario mettere in conto non solo lo stato limite di collasso strutturale ma anche
lo stato limite di failure (perdita di tenuta / rilascio sostanze pericolose / interlocks, ecc) Post-Sisma gas leakages ' estensione aree Atex ' flange ' tenute pompe ' sistemi di controllo ed interblocco ' safety shut down ' parametri processo / flussi '
eqpm sensibili disassamenti / movimenti '
forniture cooling ' Inerting ' heating-media / elettricità / UPS etc. ' Esempi di Eqpm Pericolose: CSTR (ampi '' rilevanti leakages) / BSTR
Tanks con liquidi basso bp e basso fp (possibili VCE)
Pressurized Vessels (esposti a incendi generati da sismi '' BLEVE)
Solvent Recovery e Torri Distillazione (Torri di Cracking e Reforming in petrolchimica) ecc. Rif. Oggi: NTC 2008 (pur non focalizzate sugli impianti, sono la base metodologica delle valutazione
probabilità e accelerazioni suolo)
Ma non basta. Occorre passare dal concetto di struttura al concetto di sicurezza di un sistema-impianto
(ad es: (1) leakages per serbatoi, reattori, pipes, eqpm, pompe, etc. - (2) Ancoraggi, staffature, bracings, ecc.) Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 24 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 25 TR 50 Y TR 475 Y TR 2475 Y Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 26 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 27 Però occorre concentrarsi anche su piccoli errori in: supporti per pipe-racks, serbatoi,
apparecchiature non correttamente fissate, equilibri precari, ecc. Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 28 Corrette applicazioni (foto da: Jeffrey Soulages, Intel Corporation e Cynthia Perry, BFP Engineers)
' connessioni a manica di cavi / pipelines su supporti antisismici (ancoraggi sismici = cushioned pipe
clamps spaziosi) ' cilindri gas con connessioni flessibili e agganci a struttura ' excess flow-valve su un serbatoio LPG ' 2 esempi di shut-off valve Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 29 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante ALCUNI CASI DI INCIDENTI IN IMPIANTI PETROLCHIMICI A SEGUITO DI TERREMOTI HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 30 3 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 31 Tohoku, Japan, March 11, 2011 '' Incendio e BLEVE alla Cosmo Refinery di Ichihara dove: Ichihara-City, Chiba Prefecture, Japan - Cosmo Oil Refinery quando: 11 marzo 2011, Tohoku Earthquake evento: eventi partiti dai danneggiamenti degli impianti a seguito del terremoto
cedimenti di vari bracings delle gambe dei serbatoi
uno dei serbatoi (riempito in acqua per manutenzione) crolla e coinvolge quanto vicino
dalle pipelines danneggiate si ha un LPG-leakage e si innesca un incendio
l''incendio si sviluppa rapidamente e coinvolge i serbatoi vicini nonostante gli interventi
di raffreddamento dei sistemi antincendio e dei Vigili del Fuoco
cede un secondo serbatoio e l''incendio sviluppa energie tali da produrre un BLEVE danni: perso l''intero settore LPG e di stoccaggio della raffineria, le pipelines, le strade interne
(liquefazione dell''asfalto); danni agli insediamenti vicini dovuti alle energie termiche radianti
e ai rottami eiettati a centinaia di m., danni a: auto battelli della vicina linea costiera perdite solo 6 feriti gravi e nessuna perdita umana Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 32 Tohoku, Japan, March 11, 2011 '' Incendio e BLEVE alla Cosmo Refinery di Ichihara Cronologia dei fatti
Alla 1a scossa terremoto di Tohoku cedettero
molti dei bracings installati in diagonale a
supporto dei piedi del serbatoio n ° 364 (normalmente utilizzato per stoccaggio LPG, ma
al momento semplicemente contenente acqua
per una regulatory inspection).
Alla 2a scossa (al largo di Ibaraki) ci fu il
cedimento delle gambe del serbatoio 364 che
collassò (solo acqua all''interno) ma causando il
danneggiamento delle vicine pipelines.
Un leakage di LPG innescò l''incendio con
coinvolgimento dei vessels vicini, fino a
raggiungere l''innesco di un BLEVE di notevole
energia e conseguenze disastrose.
Gli sforzi per spegnere l''incendio completamente
terminarono 'on March 21 at 10:10'. Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 33 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 34 Tohoku, Japan, March 11, 2011 '' Incendio e BLEVE alla Cosmo Refinery di Ichihara Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 35 Tohoku, Japan, March 11, 2011 '' Incendio e BLEVE alla Cosmo Refinery di Ichihara Package Package Package Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 36 BLEVE in un piccolo impianto a Phoenix, Arizona, USA Package Quello che è accaduto in una raffineria
di medie dimensioni della Cosmo Oil
può accadere anche in un impianto
abbastanza comune dove un serbatotio
di LPG o altri liquidi infiammabili venga
esposto ad un forte surriscaldamento
da incendio. Questo filmato potrebbe essere riferito
ad un tipico stabilimento chimico
italiano di medie dimensioni Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 37 Izmit Earthquake, Turkey, August 17, 1999 '' Incendio alla maggiore raffineria turca Package Date 17 August 1999 Origin time 00:01:40 UTC Duration 37 seconds Magnitude 7.6 M W Depth 15 km (9.3 mi) Type Strike Slip Areas affected Turkey, Izmit Total damage 3''8.5 Bio USD Max. intensity IX violent Peak acceleration .3''4g Tsunami 2.52 m Casualties 17,120 dead
50,000 injured[ Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 38 Izmit Earthquake, Turkey, August 17, 1999 '' Incendio alla maggiore raffineria turca A causa del terremoto la principale fornitura
di acqua antincendio (una water supply
proveniente da una lunga pipeline esterna
alla raffineria) fu resa indisponibile da un
danno alla pipeline.
Fu fatto ricorso anche agli aerei per gli
incendi boschivi per domare l''incendio oltre
che all''acqua di mare. L''incendio fu controllato dopo 5 gg. e
domato in 1 settimana. 17 tanks furono incendiati, sfiorando scenari
ben peggiori, oltre alla perdita degli impianti
vicini e perfino di un camino di circa 100 m L''incendio alla maggiore raffineria turca,
Tupras, di proprietà statale, prese avvio nel
settore della tank farm. Il primo serbatoio a prendere fuoco fu quello
a tetto galleggiante di uno stoccaggio di
idrocarburi piuttosto volatili che si accesero
quasi immediatamente dopo un leakage dal
floating roof, che sembrerebbe dovuto al
danneggiamento di una tenuta a seguito
delle azioni sismiche. I serbatoi più vicini vennero coinvolti dopo
alcuni minuti nonostante l''interdistanza Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 39 Izmit Earthquake, Turkey, August 17, 1999 '' Incendio alla maggiore raffineria turca Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 40 JX Nippon Oil & E. Co. Sendai refinery fire following the Tohoku Earthquake, March 2011 JX Nippol Oil Sendai è una raffineria di medie
capacità (145 k-barrel / day).
L''incendio avvenne a seguito del terremoto di
Tohoku e colpì la tank farm, ma fu gravemente
compromesso dalle conseguenze di uno
Tsunami che ampliò le aree soggette ad
incendio e colpì tutta l''area ostacolando anche
gli interventi di emergenza e controllo
dell''incendio.
L''incendio fu estinto dopo 3 giorni, il 14 marzo. La raffineria della JX Nippon Oil &
Energy colpita dall''incendio è ubicata nel
Port of Sendai e consiste di vari impianti,
varie tank farms, un impianto di
distribuzione LPG, logistica di
dispatching via autocarro o treno e 5 oil
terminals.
A seguito del terremoto la raffineria ha
tenuto bene gli incendi causati dal
terremoto ma non ha sopportato anche il
carico di devastazione del conseguente
Tsunami con formazione di Boilover che
ampliarono i danni Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 41 JX Nippon Oil & E. Co. Sendai refinery fire following the Tohoku Earthquake, March 2011 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 42 JX Nippon Oil & E. Co. Sendai refinery fire following the Tohoku Earthquake, March 2011 Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 43 Njigata Earthquake 1966 e tank farms fires Il terremoto che colpì Niigata, NW di Honshu, il 16 giugno
1964 raggiunse un grado 7,5 Mw ma fu il primo ''urban
impact EQ', aggravato da una estesa liquefazione dei terreni
- al riguardo restano ancor oggi immagini icona di Niigata ' e quando si parla di estesa liquefazione dei terreni vuol dire
questo ' Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 44 Njigata Earthquake 1966 e tank farms fires Il terremoto del 1964 a Niigata è stato -
prima di Tohoku - il peggior disastro
dell''industria chimica-petrolchimica
giapponese
In quell''evento le forze sismiche
originarono così tanti e gravi incendi che
5 tank farms di crude-oil della zona
vennero distrutte e ben 150 oil-tanks
bruciati tra i depositi concentrati
nell''area, coinvolgendo anche il vicinato
(286 case vicine furono bruciate).
L''estinzione di questi incendi richiese 12
gg di interventi e produsse diversi
boilover (vedi Loss Prevention Bulletin,
Institution of Chemical Engineers) Si verificarono a Niigata situazioni simili a quelle che 50 anni
dopo colpirono a seguito del terremoto di Tohoku.
In particolare gli scenari incidentali trovarono le cause nei
fenomeni di ''sloshing' dei serbatoi di tipo floating roof e
contenenti olio innescato dalle frizioni dovute ai movimenti
sismici del floating roof con la parte interna del serbatoio
(sloshing = rottura renute e perdite di crude-oil accese dalle
frizioni del floating roof contro la parete del vessel).
Dai danneggiamenti (cracks) dei serbatoi iniziò l''efflusso di oli e
l''estensione dell''incendio.
Inoltre la stessa massa fluida che arrivava da tsunami e VVF,
non fece altro che estendere l''incendio generando Boilover e
trasportando pozze infuocate di olio che accesero gli impianti
vicini e perfino le case intorno (case fino a 200-300 m furono
innescate dal Boilover, mentre gli edifici più vicini - distanze
d < 1-1,5 D circa, furono coinvolti direttamente).
Nel suo estendersi l''incendio coinvolse anche serbatoi sferici di
LPG, tipicamente aggredendoli sulle gambe Terremoti e Impianti a Rischio Incidente Rilevante HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 45 Njigata Earthquake 1966 e tank farms fires HDI Global '' Conclusioni CONCLUSIONI HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 46 4 HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 47 Rischio Sismico e Impianti Industriali
1. Ad oggi l''orientamento della Seismic Safety è stato guidato da sicurezza strutturale e criteri progettuali / costruttivi degli edifici e delle opere infrastrutturali (ponti, dighe, ecc.) 2. La sicurezza sismica ha interessato gli impianti industriali attraverso i codici costruttivi (NTC) per gli edifici e quindi di rimando l''impiantistica contenuta 3. Questo concetto può andare bene per le tipologie industriali dove non si hanno processi e materie che possono comportare rischi particolari, al contrario non si adatta agli impianti
industriali dove è necessario il safety shut down (SSS) 4. Impianti chimici, power plants, nuclear plants, impianti petrolchimici, tank farms, distribuzioni e pipelines per gas e liquidi infiammabili, ecc., devono considerare la
sicurezza sismica non solo come relazionata alle norme progettuali e costruttive ma anche
di sicurezza operativa e safety shut down (arresto impianti in sicurezza)
Pertanto supporti di serbatoi con bracings e intumescente, valvole di chiusura sismica per
pipelines, seismic bracings per impianti antincendio e per pipelines, ecc. sono basilari. HDI Global '' Conclusioni HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 48 HDI Global '' Conclusioni Safety ShutDown Valve di tipo
pneumatico Process Safety Valvola Sismica di Shut
Down per gas pipelines HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 49 Rischio Sismico in Impianti Industriali e Trasferimento Assicurativo 1. I servizi di ingegneria di alcune società di assicurazione valutano i rischi degli impianti assicurati mediante sistemi di Risk Assessment e di Rating
Anche il trasferimento del Rischio Terremoto viene valutato 2. Tuttavia non tutto il Rischio è trasferibile dall''impianto all''assicuratore, restano: - franchigie, scoperti, limiti massimali
- perdite di mercato, di immagine, di clientela fidelizzata 3. Nel caso di terremoti ed impatti sugli impianti a Rischio di Incidente Rilevante, il danno potenziale non è soltanto economico e trasferibile assicurativamente.
Restano i danni alla collettività, la salute delle persone, i danni all''ambiente 4. A carico del datore di lavoro, del responsabile sicurezza, dei professionisti consulenti, ecc. possono finire responsabilità civili e penali. HDI Global '' Conclusioni HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 50 Riprendendo quanto visto in una scheda precedente, è quindi fondamentale :
- progettare e costruire / installare in conformità alle norme - valutare i rischi connessi ad una non corretta realizzazione dei sistemi di protezione La corretta progettazione e realizzazione degli impianti antincendio è quindi : ' Sicurezza dell''impianto in caso di necessità (incendio post-sisma) ' Mancati pipe-failures con cedimenti e bagnamenti o danni anche senza incendio ' Esecuzione degli impianti «a norma» che solleva da responsabilità civili e penali ' In qualità di datore di lavoro, evitare incidenti e conseguenze giudiziarie ' Risparmio sul premio assicurativo HDI Global '' Conclusioni HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 51 Imprenditore AD / CEO Risk Mngr Perchè un imprenditore - o chi gestisce la salute dell''impresa con approccio economico - deve richiedere un sistema antincendio seismic-safe ' Sprinkler codes compliance Risk Managed approach Evitare danni (limitati) bagnamento Tutelare la Sicurezza sul luogo di lavoro ed evitare penale ' anche per sola convenienza ! risparmiare sul pricing trasferimento assicurativo Evitare possibili danni (anche
catastrofali) da mancata protezione HDI Global '' Conclusioni HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 52 E'' per il futuro ' maggior attenzione agli impianti a rischio incidente rilevante ' Particolare attenzione agli impianti (specie RIR), un problema solo recentemente affrontato ' In passato Terremoto '' Urbanizzazione Residenziale / Pubblica (collettività / società)
Oggi si aggiunge l''aspetto economico più il «costo alla collettività». ' Importanza Analisi Azioni Sismiche su impianti RIR di processo (chimici / petrolchimici)
Si apre a competenze diverse e diventa fondamentale lavoro d''equipe tra diversi professionisti
includendo analisti dei rischi di processo e di HazMats. ' Prox step: analisi siti produttivi: sistema integrato sicurezza gestione controllo comunicaz Vantaggi legati alla protezione sismica degli impianti antincendio / di spegnimento 1) minimizzare i danni property (sia incendio che danno da bagnamento) 2) garantire la continuità operativa dell''attività (business continuity) 3) ridurre le conseguenze in termini di salvaguardia delle vite umane (life safety) HDI Global '' Conclusioni HDI Global HDI Risk Consulting Italy, Fabrizio Di Tirro, Nov 24th 2016 53 Fabrizio Di Tirro HDI Global Risk Consulting Services Grazie dell''attenzione Fabrizio Di Tirro HDI Global Risk Consulting Services


In evidenza

ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186