verticale

Il punto di vista delle Province: le criticità e i criteri autorizzativi

In generale per la valutazione del sito per un impianto si dovrebbe tenere conto di:
- Disponibilità locale di biomasse e soprattutto di reflui zootecnici
- Impatti sulla qualità dell’aria modesti per quanto riguarda le emissioni del motore
- Emissioni odorigene
- Ubicazione degli impianti presso aziende agricole e zootecniche
- Trasporti e vie di comunicazione locali
- L’esistenza nelle vicinanze di utenze termiche idonee a consentire l’uso dell’impianto in assetto cogenerativo costituisce titolo preferenziale

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
Sostenibilita' ed efficienza dell'energia da biomasse in Piemonte novembre 2011 Sostenibilita' ed efficienza dell'energia da biomasse in Piemonte

Pubblicato
da Alessia De Giosa
EIOMSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Il punto di vista delle Province: le criticità e i criteri autorizzativi Francesco PAVONE Provincia di Torino 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Al 10 novembre 2011, risultavano in esercizio in Italia 296.331 impianti per una potenza complessiva installata di 11,5 GWp. Il Piemonte (955 MWp) risulta la quinta Regione per potenza installata. 12 47 109 192 195 259 282 293 313 320 392 497 713 728 822 955 1.037 1.140 1.176 1.987 - 500 1.000 1.500 2.000 2.500 V A LL E D 'A O S TA LI G U R IA M O LI S E C A LA B R IA B A S ILI C A TA FR IU LI V E N E ZI A G IU LI A TR E N TI N O A LT O A D IG E U M B R IA C A M P A N IA S A R D E G N A A B R U ZZ O TO S C A N A M A R C H E S IC ILI A LA ZI O P IE M O N TE V E N E TO E M ILI A R O M A G N A LO M B A R D IA P U G LI A [M W p ] La situazione del fotovoltaico in Italia 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Aggiornamento 10/11/11
Fonte: GSE Con quasi 205 MWp installati, la provincia di Torino risulta la seconda provincia Piemontese per potenza installata, ma la prima come numerosità di impianti (7.390 sul totale del Piemonte di 21.882). La provincia di Cuneo con più di 360 MWp installati fa registrare una dimensione media impianto di circa 61 kWp, contro una media piemontese di 44 kWp e della provincia di Torino di 28 kWp. La situazione del fotovoltaico in Piemonte 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte ALESSANDRIA 18% ASTI 5% BIELLA 6% CUNEO 38% NOVARA 5% TORINO 21% VERBANO-CUSIO- OSSOLA 1% VERCELLI 6% ASTI 8% CUNEO 27% NOVARA 9% TORINO 33% VERBANO-CUSIO- OSSOLA 2% VERCELLI 5% ALESSANDRIA 11% BIELLA 5% Ripartizione per potenza Ripartizione per numerosità Aggiornamento 10/11/11
Fonte: GSE 303 1.437 8.627 11.931 27.360 155.031 - 20.000 40.000 60.000 80.000 100.000 120.000 140.000 160.000 180.000 2006 2007 2008 2009 2010 2011 [k W ] La situazione del fotovoltaico in provincia di Torino In provincia di Torino il mercato fotovoltaico è più che raddoppiato nel 2010. Nell''anno in corso il mercato è aumentato di un ordine di grandezza. Al 10 novembre 2011, gli impianti in esercizio erano più di 7.000 con una potenza installata superiore a 150 MWp. 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Aggiornamento 10/11/11
Fonte: GSE - - 1 3 7 3 1 2 2 3 4 33 6 8 8 17 63 72 78 210 521 - - 0 0 0 1 1 1 2 2 2 4 4 5 6 14 43 54 55 156 350 L IG U R IA SI C IL IA VA L L E D 'A O ST A B A SI L IC A T A SA R D EG N A C A L A B R IA M O L ISE A B R U Z Z O PU G L IA C A M PA N IA L A Z IO T R EN T IN O A L T O A D IG E M A R C H E U M B R IA T O SC A N A F R IU L I VE N EZ IA G IU L IA EM IL IA R O M A G N A PI EM O N T E VE N ET O L O M B A R D IA IT A L IA Numero Potenza La situazione del biogas in Italia 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Fonte: CRPA - - 1 3 7 3 1 2 2 3 4 33 6 8 8 17 63 72 78 210 521 - - 0 0 0 1 1 1 2 2 2 4 4 5 6 14 43 54 55 156 350 L IG U R IA SI C IL IA VA L L E D 'A O ST A B A SI L IC A T A SA R D EG N A C A L A B R IA M O L ISE A B R U Z Z O PU G L IA C A M PA N IA L A Z IO T R EN T IN O A L T O A D IG E M A R C H E U M B R IA T O SC A N A F R IU L I VE N EZ IA G IU L IA EM IL IA R O M A G N A PI EM O N T E VE N ET O L O M B A R D IA IT A L IA Numero Potenza In Piemonte risultano operativi o in costruzione circa 55 MWe in 72 impianti di
biogas del settore agro-zootecnico. Di questi, 15 sono in provincia di Torino e 35
in provincia di Cuneo. La situazione del biogas in Italia 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Numero di procedimenti gestiti dalla Provincia di Torino 7 3 4 4 2 5 4 2 1 1 3 2 3 2 13 22 0 5 10 15 20 25 30 prima 2009 2009 2010 2011 in corso [N u m e ro ] Biogas Biomassa legnosa Eolico Fotovoltaico Olio vegetale Altri 6 procedimenti sulla biomassa legnosa si sono conclusi senza il rilascio del
provvedimento di autorizzazione per annullamento o, in un caso, diniego. La situazione del biogas in Italia 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte I procedimenti gestiti dalla Provincia di Torino Biogas 9% Biomassa legnosa 34% Eolico 1% Fotovoltaico 35% Olio vegetale 21% Complessivamente, con i
procedimenti gestiti dalla
Provincia sono stati autorizzati
146 MWe. Gli impianti fotovoltaici
rappresentano il 35% della
potenza autorizzata, seguita
dagli impianti termoelettrici
alimentati a biomassa legnosa
(34%). Per quanto riguarda gli
impianti a biomassa (in
particolare nel caso della
legna), si nota che per gran
parte delle centrali autorizzate
non sono ancora iniziati i
lavori per la costruzione. Attivo 22% In corso di realizzazione 26% Lavori non ancora iniziati 52% Inquadramento normativo Il D.Lgs. 387/2003 , in attuazione della direttiva 2001/77/CE, disciplina l''iter autorizzativo per la costruzione e l''esercizio degli impianti per la produzione
di energia elettrica da fonti rinnovabili 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Con D.M. 10/09/2011 sono state approvate le Linee guida ministeriali di cui
all''art. 12 del D.Lgs. 387/03 In attuazione del suddette L.G.M., la Regione Piemonte ha adottato la
D.G.R. del 14 dicembre 2010 n. 3-1183 ''Individuazione dei siti non idonei all''installazione di impianti fotovoltaici a terra' Il D.Lgs. 28/2011, in attuazione della direttiva 2009/28/CE, integra e modifica
l''iter autorizzativo per la costruzione e l''esercizio degli impianti per la
produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Competenze della Provincia AUTORIZZAZIONE UNICA art. 12 D.Lgs. 387/2003, art. 13 D.M. 10/09/2010 e art. 6 D.Lgs. 28/2011 Gli impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili sono soggetti ad
Autorizzazione Unica rilasciata dalla Provincia delegata. L''art. 5 del d.lgs. 28/2011 ha ridotto il termine massimo per la conclusione del
procedimento unico da 180 agli attuali 90 giorni 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Il Consiglio di Stato, Sez. V, 23/05/2011, n. 3099, ha ribadito che le Amministrazioni convocate devono esprimere il proprio eventuale dissenso, a
pena di inammissibilità, motivatamente all'interno della Conferenza dei Servizi. Ai sensi dell''art. 14 e 15 delle Linee Guida ministeriali, in sede di Conferenza dei Servizi le Amministrazioni competenti determinano eventuali misure di compensazione a favore dei Comuni, non meramente patrimoniali o economiche. Il procedimento unico si svolge tramite Conferenza dei Servizi, nell''ambito della quale confluiscono tutti gli apporti amministrativi necessari. Criteri autorizzativi art. 12 D.Lgs. 387/2003 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Localizzazione ' Aree idonee e non idonee ' Consumo e uso del suolo ' Corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio Approvvigionamento ' Tracciabilità e filiera corta ' Consorzi forestali e boschivi ' Colture energetiche dedicate ' Trasporti Impatto ambientale ' Monitoraggio ' D.Lgs. 152/2006 ' Migliori tecniche disponibili BIOMASSE SOLIDE E LIQUIDE Si applica la procedura abilitativa semplificata (PAS) di cui all''art. 6 del D.Lgs. 28/2011 nei seguenti casi: 1. La potenza elettrica sia inferiore a 200 kW (Tab. A allegata a D.Lgs.
387/2003 introdotta da art. 2 c. 161 della L. 244/2007) 2. a) L''impianto operi in assetto cogenerativo (ai sensi della Delibera AEEG 42/2002 e s.m.i.) b) L''impianto abbia potenza elettrica inferiore a 1.000 kW (piccola
cogenerazione) ovvero potenza termica di combustione inferiore a 3.000 kW. In caso di potenza termica di combustione superiore a 1.000 kW è comunque necessaria l''autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell''art. 269 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.) Resta ferma la facoltà per il proponente di optare, in alternativa, per il procedimento unico di cui all''art. 12, comma 4, del decreto legislativo n.
387 del 2003
(DM 10/09/2010 punto 11.1) 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte BIOMASSE LEGNOSE Rendimenti energetici 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Il rendimento elettrici degli impianti termoelettrici a biomassa è
generalmente bassi: 15-25% secondo tecnologia impiegata e taglia
dell''impianto
Con l''esercizio di un impianto in assetto spiccatamente cogenerativo il
rendimento energetico complessivo può superare il 70-80%
Il rendimento di una moderna caldaia a biomassa per la sola generazione
termica supera normalmente l''80%
1 MW termico in cogenerazione impiegato su rete di teleriscaldamento
consente di servire utenze civili per circa 80.000 m3 (270 appartamenti da
100 m2)
In generale per la valutazione del sito per un impianto si dovrebbe tenere conto di: ' Disponibilità di biomassa locale: scarti di lavorazioni, gestione forestale,
colture dedicate (SRF), ecc'
' Possibilità di remunerazione della biomassa combustibile adeguata a
consentire lo sviluppo di filiere forestali locali sostenibili
' Trasporti e vie di comunicazione ' Esistenza nelle vicinanze di utenze termiche idonee a consentire l''uso
dell''impianto in assetto cogenerativo
' Impatti sulla qualità dell''aria a livello locale, in particolare in zona di piano ' Monitoraggio in continuo delle emissioni per P > 6 MW 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte BIOMASSE LEGNOSE Criteri localizzativi e autorizzativi 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Sono presenti o in corso di autorizzazione alcuni impianti di piccola potenza (< 1.000 kW elettrici) oltre a uno da 17 MW elettrici Rendimento elettrico motore a olio: 40-45% circa
'' In caso di impiego in cogenerazione / trigenerazione il rendimento energetico complessivo può arrivare a 80-85% Emissioni in atmosfera non trascurabili, in particolare per gli ossidi di azoto '' (Necessario impiego di sistemi di abbattimento SCR) OlI VEGETALI Criteri localizzativi e autorizzativi 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte OlI VEGETALI Criteri localizzativi e autorizzativi ' Filiera di approvvigionamento: generalmente non locale ma in ambito
comunitario (oli vegetali puri tracciabili secondo regolamento CE n.
73/2009)
' Esistenza nelle vicinanze di utenze termiche idonee a consentire l''uso
dell''impianto in assetto cogenerativo (talora trigenerazione presso siti
industriali o terziari)
' Monitoraggio in continuo delle emissioni per P > 6 MW BIOGAS 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte Si applica la procedura abilitativa semplificata (PAS) di cui all''art. 6 del D.Lgs. 28/2011 nei seguenti casi: 1. La potenza elettrica sia inferiore a 250 kW (Tab. A allegata a D.Lgs.
387/2003 introdotta da art. 2 c. 161 della L. 244/2007) 2. a) L''impianto operi in assetto cogenerativo (ai sensi della Delibera AEEG 42/2002 e s.m.i.) b) L''impianto abbia potenza elettrica inferiore a 1.000 kW (piccola
cogenerazione) ovvero potenza termica di combustione inferiore a 3.000 kW. In caso di potenza termica di combustione superiore a 3.000 kW è necessaria l''autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell''art. 269 del D.Lgs.
152/2006 e s.m.i.) Resta ferma la facoltà per il proponente di optare, in alternativa, per il procedimento unico di cui all''art. 12, comma 4, del decreto legislativo n.
387 del 2003
(DM 10/09/2010 punto 11.1) 17 novembre 2011 - Centro Congressi Torino Incontra, Via Nino Costa 8 '' Torino
Sostenibilità ed efficienza dell''energia da biomasse in Piemonte BIOGAS DA BIOMASSE AGRICOLE E REFLUI ZOOTECNICI Criteri localizzativi e autorizzativi Sono presenti o in corso di autorizzazione numerosi impianti di piccola potenza (< 1.000 kW elettrici). Rendimento elettrico motore a biogas: 40% circa In generale per la valutazione del sito per un impianto si dovrebbe tenere conto di: ' Disponibilità locale di biomasse e soprattutto di reflui zootecnici ' Impatti sulla qualità dell''aria modesti per quanto riguarda le emissioni del
motore
' Emissioni odorigene ' Ubicazione degli impianti presso aziende agricole e zootecniche ' Trasporti e vie di comunicazione locali ' L''esistenza nelle vicinanze di utenze termiche idonee a consentire l''uso
dell''impianto in assetto cogenerativo costituisce titolo preferenziale


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186