verticale

Generazione distribuita sostenibile e risparmio energetico. Cogenerazione: missione meno emissioni

Il D.Lgs 102/2014 di recepimento della Direttiva 2012/27/UE, conferma l’importante ruolo della CAR e del teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti nel raggiungimento dell’obiettivo nazionale indicativo di risparmio energetico che consiste nella riduzione, entro l'anno 2020, di 20 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio dei consumi di energia primaria, pari a 15,5 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio di energia finale, rispetto al 2010.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Roma aprile 2017 Cogenerazione: riduzione delle emissioni

Pubblicato
da Alessia De Giosa
mcTER Roma 2017Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Gli atti dei convegni e pi di 7.500 contenuti su www.verticale.net Pompe di Calore Termotecnica Industriale Pompe di Calore Roma, 6 aprile 2017 1 CONVEGNO Cogenerazione: riduzione delle emissioni Generazione distribuita sostenibile e risparmio energetico Cogenerazione: missione meno emissioni Dr. Carlo Belvedere Segretario Generale ASCOMAC Roma, 6 aprile 2017 mcTER - Universit degli Studi di Roma La Sapienza - Facolt di Ingegneria 'Tutte queste costruzioni devono avere requisiti di SOLIDIT, UTILIT e BELLEZZA.' 'De Architectura' di Marco Vitruvio Pollione, 15 a.C . 2 'Avranno solidit quando le fondamenta, costruite con materiali scelti con cura e senza
avarizia, poggeranno profondamente e saldamente sul terreno sottostante; utilit,
quando la distribuzione dello spazio interno di
ciascun edificio di qualsiasi genere sar corretta
e pratica all'uso; bellezza, infine quando l'aspetto dell'opera sar piacevole per l'armoniosa proporzione delle parti che si ottiene con l'avveduto calcolo delle simmetrie' 3 MODELLO ASCOMAC GIURIDICO NORMATIVO AMBIENTALE ECONOMICO SOCIALE CICLO VITA Ciclo Vita Legalit, Ricerca, Progettazione, Gestione, Smaltimento, Certificazione risultati Sostenibilit PRODOTTI LAVORI SERVIZI FORNITURE SITO OPERA INFRASTRUTTURA CITT TERRITORIO INDUSTRIA AGRICOLTURA COMMERCIO SERVIZI MOBILIT TRASPORTO TURISMO ASCOMAC Cogena Fondata nel 1994 da Imprese operanti nel settore dell'Energia quali
la CPL Concordia Group, COGENA entrata in ASCOMAC nel 2005
Oggi rappresenta la filiera della fabbricazione, distribuzione e relativi
servizi di unit/impianti di generazione distribuita di energia da fonti
rinnovabili e da cogenerazione ad alto rendimento, E.S.Co., Societ di
servizi energetici, di progettazione e installazione impianti. Obiettivi Definizione e Proposta di Politiche di Sviluppo Sostenibile per la Crescita, la Occupazione, la Concorrenza, la Competitivit Generazione-consumo-utilizzo ad alta efficienza delle risorse verso la decarbonizzazione della Citt/Territorio 4 ASCOMAC COGENA Riferimenti normativi 5 D. Lgs. n. 79/1999 D. Lgs. n. 20/2007 D. Lgs. n. 115/2008 L. n. 99/2009 e smi D. M. 10.12.2010 D. Lgs. n. 28/2011 D. Lgs. n. 93/2011 L. n. 220/2012 D. Lgs. n. 102/2014 L. n. 23/2014 D.L. n. 91/2014 D. L. Milleprororoghe ASCOMAC COGENA Azioni D. Lgs. n. 115/2008 ' D. Lgs. n. 79/1999 Richiesto ed ottenuto che i cd SEU Sistemi efficienti di utenza, nell'ambito
dell'accesso alla rete, versino corrispettivi tariffari ed oneri di sistema
esclusivamente sull'energia prelevata. Proposta per i SEU pluricliente (attualmente non prevista) quali ad es.
condomini, centri commerciali, zone industriali, etc. costituiti da pluralit di
clienti finali, di dotarsi di un sistema di approvvigionamento energetico ed
usufruire dell'energia elettrica autoprodotta. Tale proposta ha incontrato dapprima l'attenzione e poi il favore della X
Commissione Industria della Camera il 2 febbraio 2010. L. n. 99/2009
Proposte in materia di SEU e valorizzazione della autoproduzione / autoconsumo di energia ad alta efficienza. Richiesta ed ottenuta la semplificazione iter installazione unit di micro e
piccola cogenerazione: rispettivamente Comunicazione per la micro e la SCIA
(ex DIA) per la piccola cogenerazione. 6 ASCOMAC COGENA Azioni Legge Comunitaria 2009
Proposta ed ottenuta la presentazione della SCIA (ex DIA) per
impianti con potenza fino a 1 MWe alimentati da fonti
rinnovabili D. Lgs. n. 28/2011
Proposte riguardanti il recepimento della Direttiva 2009/28/CE sull'uso dell'energia da fonti rinnovabili 7 ASCOMAC COGENA Azioni D. Lgs. n. 93/2011 Proposte riguardanti il recepimento della Direttiva 2009/72/CE
Ottenimento inserimento articolo sugli SDC Sistemi di distribuzione Chiusi, non previste dal Governo
Segnalazione il 21.4.2011 alla AGCM Autorit garante della
concorrenza e del mercato della discriminazione, nell'ambito dei
sistemi di distribuzione chiusi, delle reti elettriche private operata
dal D.Lgs. n. 93/2011 di recepimento della Direttiva 2009/72/CE. In base alla fondatezza delle tesi di Ascomac Cogena, l'AGCM ha
inviato una segnalazione al Governo ed al Parlamento ' Provvedimento AS 898 del 2011 - per la rimozione della situazione di
discriminazione e lesione della concorrenza tra rete elettriche a causa
della applicazione alle reti elettriche private di corrispettivi ed oneri
non dovuti. 8 ASCOMAC COGENA Azioni D.L. n. 16/2012
Richiesta e ottenuta la applicazione della aliquota di accisa per la
produzione di energia elettrica all'intera quantit di combustibile
utilizzato dal cogeneratore ai sensi dell'art. 3-bis, L. n. 44/2012 L. n. 220/2012
Riforma del condominio: richiesta ed ottenimento inserimento della
cogenerazione D.L. n. 63/2013
Proposta di stabilizzazione della cd misura del 55%, integrazione con
la misura del 36% per le ristrutturazioni edilizie (ora 50%) e relativa
rimodulazione a favore di tutte le tecnologie efficienti tra cui la
cogenerazione, ora esclusa. 9 ASCOMAC COGENA Azioni L. n. 23/2014 - Proposte Ascomac
' introduzione, in sostituzione dello strumento 'cap and trade', del principio
basato su meccanismi di mercato riguardanti il contenuto CO2 dei prodotti
destinati al consumo,
attraverso una riduzione/esenzione della tassazione di accise
e IVA dei prodotti a pi basso contenuto di carbonio e non solo ( si pensi ad es. alla
riduzione del consumo di acqua, di materie prime ed all'aumento della riciclabilit) e
finalizzato a contrastare fenomeni di dumping ambientale. ' revisione del metodo di attribuzione dei benefici fiscali all'energia generata/consumata/utilizzata/da sistemi e tecnologie ad alta efficienza, quali: a. aiuto all'investimento b. sostegno all'esercizio c. sistemi premiali quali i Titoli di Sostenibilit a impatto zero che valorizzino il
consumo efficiente, contestuale e ridotto delle risorse ' energia, acqua, rifiuti
nella realizzazione e gestione del prodotto, impianto, sito. ' revisione della disciplina delle accise e dell'IVA ' attuazione di quanto previsto dall'art. 15, Direttiva 2003/96/CE in merito alle
fonti rinnovabili e alla cogenerazione ad alto rendimento
' autoproduzione/autoconsumo di energia ad alta efficienza ' azioni sul comportamento dei consumatori ' adozione, nella valutazione ambientale del prodotto, di standard internazionali e
norme quali la ISO 14067 fino alla etichettatura del prodotto.
10 ASCOMAC COGENA Azioni L. n. 23/2014
Accoglimento proposte Ascomac Art. 15. Fiscalit energetica e ambientale ' inserimento nella rubrica del termine: ambientale ' orientamento del mercato verso modi di consumo e produzione sostenibili ' revisione la disciplina delle accise sui prodotti energetici e sull'energia
elettrica, ' diffusione e innovazione delle tecnologie e dei prodotti a basso contenuto di
carbonio ' finanziamento di modelli di produzione e consumo sostenibili, ' revisione regimi di sostegno alla generazione distribuita di energia da fonti
rinnovabili. 11 ASCOMAC COGENA AZIONI D.L. n. 91/2014
Proposte Ascomac - richieste ed ottenute : esenzione dai corrispettivi di trasmissione e distribuzione del sistema
elettrico per reti interne e sistemi efficienti di produzione e consumo, in quanto
servizio mai reso.
Semplificazione amministrativa modello unico per installazione unit di microcogenerazione
Esclusione, dall'applicazione dei corrispettivi tariffari, degli oneri per lo sconto
dipendenti previsti dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del settore
elettrico.
Segnalazione Audizione AEEG Ascomac 2012, pag. 9 - Spending review e
Rigore - Richiesta
In un momento di grave crisi economica quale quello affrontato dal Paese ed alla
politica di rigore e di riduzione della spesa pubblica del Governo rivolta a tutti i cittadini, segnaliamo l'art. 37 della Delibera AEEG 199/2011 recante
'Integrazione dei ricavi a copertura degli oneri per lo sconto ai dipendenti'.
Oltre che poter conoscere l'importo globale di tale agevolazione, ci si chiede se in
un momento economicamente molto complesso per i cittadini, non sia necessario ed opportuno eliminare rapidamente 'privilegi' di alcuni come quello
in oggetto, alleggerendo cos la bolletta elettrica di tutti i clienti finali. Poco o
tanto che sia, non importa. E' un Segnale 'del e per' il Paese'. 12 ASCOMAC COGENA Azioni D. Lgs. n. 102/2014
Proposte Ascomac Modifica Atto Camera n. 90-2014 - Atto Senato n.
201-2015
Autoproduzione/autoconsumo di energia ad alta efficienza, Banche
dati, Misuratori di calore impianti di cogenerazione, Riqualificazione
energetica degli immobili della pubblica amministrazione, Conto
termico, Trasformazione, trasmissione e distribuzione dell'energia,
Fondo nazionale per l'efficienza energetica Decreti milleproroghe 2013- 2014-2015
Richiesta di attuazione del comma 1, art. 3-bis D.L. n. 16/2012 in
materia di fiscalit energetica relativa alla cogenerazione ad alto
rendimento. 13 ASCOMAC Cogena Azioni D. Lgs. n. 11/2016 - D. Lgs. n. 50/2016
Accoglimento proposte Ascomac Ciclo Vita
Offerta economicamente pi vantaggiosa in base al criterio fondato
sul rapporto qualit prezzo basato sul ciclo vita
Criteri di sostenibilit energetica e ambientale GPP CAM
Progettazione innovativa attraverso i sistemi di modellazione
parametrica quali il BIM Building Information Modeling
Rating di Legalit
Qualificazione e Certificazione delle Imprese ' Rating di Legalit,
D. Lgs. n. 231/2001, Social Accountability 8000, OHSAS 18001,
UNI CEI EN ISO 50001, UNI CEI 11352. Legge n. 221/2015
Presentazione proposte in materia di SEU pluricliente
Accoglimento proposta di valorizzazione delle certificazioni- UNI CEI
EN ISO 50001 14 Cogenerazione: Missione meno emissioni ' Ridotte emissioni di CO2 e NOx ' Il consumo del combustibile da parte di un
impianto di cogenerazione ad alto rendimento, si
produce circa l'80% in meno di anidride carbonica (CO2 ), per unit di energia, rispetto ad
una centrale a carbone centralizzata ' livelli di ossidi di azoto (NOx) e quantit di
particolato (PM) ridotti. 15 Cogenerazione: Missione meno emissioni 8.1 CAR e TLR: politiche e obiettivi (Fonte GSE 12.2015 ' Potenziale Cogenerazione) Le Direttiva 2012/27/UE assegna alla cogenerazione ad alto
rendimento (CAR) e al teleriscaldamento e al teleraffreddamento
efficienti (TLR) un ruolo chiave nella realizzazione delle politiche
di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni climalteranti. Nei considerata della suddetta Direttiva, infatti, si sottolinea
come la cogenerazione ad alto rendimento e il teleriscaldamento e
teleraffreddamento efficienti presentino significative possibilit di
risparmio di energia primaria largamente inutilizzate nell'Unione.
E' quindi ritenuto opportuno che gli Stati membri effettuino una
valutazione globale del potenziale tecnico ed economico di tali
soluzioni tecnologiche, propedeutica alla loro diffusione secondo
criteri di efficacia ed efficienza. 16 Cogenerazione: Missione meno emissioni Il D.Lgs 102/2014 di recepimento della Direttiva 2012/27/UE, conferma l'importante ruolo della CAR e del
teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti nel raggiungimento dell'obiettivo nazionale indicativo di risparmio
energetico che consiste nella riduzione, entro l'anno 2020, di
20 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio dei consumi di
energia primaria, pari a 15,5 milioni di tonnellate equivalenti
di petrolio di energia finale, rispetto al 2010. 17 Vision, Governance, Modelli, Scelte, Programmi, Misure, Strumenti, Comportamenti per la Crescita Sostenibile e Responsabile dell'Italia a basso contenuto di carbonio, ridotto consumo di acqua e di territorio, elevato risparmio energetico, alta innovazione digitale, elevata riciclabilit Paradigma di sviluppo equo-sostenibile-solidale da promuovere e realizzare Insieme Condividi con Noi 18 ASCOMAC Federazione Nazionale Commercio Macchine 00197 Roma ' Via Gualtiero Castellini, 13 Tel. 06 2036.9638 -ascomac@ascomac.it ' www.ascomac.it 19


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186