verticale

Domotica per l'ottimizzazione dei consumi energetici

La tesi ha per oggetto l'ideazione, la progettazione e la realizzazione di un sistema informatico che permetta l'analisi dei consumi energetici e l'ottimizzazione degli stessi all'interno di un ambiente residenziale. E' stato realizzato un dispositivo che ottimizzi l'utilizzo dell'energia in loco attraverso l'accensione programmata di carichi elettrici di diversa natura nei momenti di massima produzione di energia da parte della fonte rinnovabile.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Tesi di Laurea, Università degli Studi di Pisa, Anno Accademico 2010- 2011

Pubblicato
da Alessia De Giosa
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 


Estratto del testo
Università di Pisa FACOLT' DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Informatica Domotica per l''ottimizzazione dei consumi energetici RELATORE
Prof. Rolando Bianchi Bandinelli Dott. Dario Russo
. TESI DI LAUREA DI FABIANO PALLONETTO Matr. N. 218306 Anno Accademico 2010/2011 Questa tesi vuole o'rire il suo microscopico contributo di-
mostrando che, attraverso la scienza e le sue applicazioni,
l''uomo può evitare di depauperare irrimediabilmente le
risorse della terra. Lo sviluppo di questa tesi è stato possibile grazie al con-
tributo di diverse persone oltre a quelle citate, anche se la
dedico alla memoria della mia cara zia Rosetta Capuano. Vorrei ringraziare particolarmente: mia moglie Kristina Sharkova, per la pazienza dimostrata i miei genitori, per le opportunità uniche che mi hanno concesso i miei nonni, sopratutto Francesco Cammardella, per lo sprone costante e i suoi numerosi appunti mia sorella Dalila e la Delta Energie SOMMARIO La tesi ha per oggetto l''ideazione, la progettazione e la realizzazione di un sistema informatico che permetta l''analisi dei consumi energetici e l''ottimiz- zazione degli stessi all''interno di un ambiente residenziale. Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con l'' I.S.T.I all''interno del gruppo di Domoti- ca del C.N.R. di Pisa nell''ambito dello sviluppo di tecnologie che permettano l''interaoperatività tra sistemi domotici, informatici ed elettronici diversi. Dato che negli ultimi anni sta crescendo ad elevati ritmi l''installazione di impianti da fonti rinnovabili collegati in parallelo con le utenze domestiche con il mec- canismo di scambio sul posto dell''energia, è stato realizzato un dispositivo che ottimizzi l''utilizzo dell''energia in loco attraverso l''accensione programmata di carichi elettrici di diversa natura nei momenti di massima produzione di ener- gia da parte della fonte rinnovabile. La realizzazione del prototipo è avvenuta considerando un impianto fotovoltaico residenziale. E'' stato anche program- mato il controllo dell''irraggiamento attraverso un apposito sensore e quindi mii miii il controllo dell''e'cienza dell''impianto. Per la realizzazione è stato utilizza- to un PLC con linguaggio a contatti della Siemens che è stato programmato attraverso il linguaggio di programmazione definito dal costruttore. Al fine di monitorare l''e'cacia del dispositivo e di ampliare le funzioni di ottimiz- zazione attraverso l''impianto domotico è stata programmata la trasmissione dei dati acquisiti dai sensori del PLC su un bus Konnex. Le informazioni del bus possono servire ai dispositivi Konnex per attivare successivi carichi in caso di sovraproduzione di energia. Oltre a queste funzioni, è stato implementato attraverso l''utilizzo delle librerie Calimero un listener Java per la lettura dei messaggi del PLC da bus Konnex e la storicizzazione in un database relaziona- le. Attraverso un applicazione web programmata in jsp è possibile monitorare l''e'cacia del dispositivo programmato e la percentuale di risparmio energetico così ottenuta. L''implementazione è stata completa, sia per quanto riguarda la program- mazione del PLC che l''interfacciamento con il bus domotico Konnex che l''u- tilizzo del listener per memorizzare i dati nella base di dati. E'' stata an- che implementata l''applicazione Web per la consultazione e la visualizzazione dei dati del database. Il prodotto non ha avuto un testing continuativo per miv un''eventuale immissione sul mercato anche se ne avrebbe tutte le caratteristi- che. Tra l''altro il costo del sistema è stato ottimizzato utilizzando componenti elettronici prodotti su larga scala. L''altra peculiarità del progetto è stata l''implementazione che ha dato come risultato generale quello di portare delle grandezze fisiche analogiche (tensione, conteggio di segnali ad impulsi e stato dei relè) all''interno di una base di dati e quindi manipolabili da programmi ad alto livello con hardware non specializzato, cosa fino ad ora di di'cile realizzazione. Indice 1 La Domotica, concetti ed evoluzioni 5 1.1 Definizione concettuale del termine . . . . . . . . . . . . . . . . 6 1.2 La Dymaxion House e i primi approcci alla domotica . . . . . . 9 1.3 La domotica nasce negli anni ottanta . . . . . . . . . . . . . . . 11 1.4 Caratteristiche di un impianto domotico . . . . . . . . . . . . . 12 1.5 I sistemi a bus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 1.5.1 Classificazione del BUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 1.5.2 Funzionamento di un sistema a bus ad intelligenza di- stribuita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 1.5.3 Il sistema di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . 16 1.5.4 Trasmissione dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 1.5.5 Il telegramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 i INDICE ii 1.6 I mezzi di trasmissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 1.6.1 Il cavo twisted pair . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 1.6.2 PowerLine (onde convogliate) . . . . . . . . . . . . . . . 20 1.6.3 Le frequenze radio RF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 1.7 La situazione del mercato della domotica in Italia . . . . . . . . 25 1.7.1 Konnex . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 1.7.2 Vimar - sistema By Me . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 1.7.3 BTicino - sistema MyHome . . . . . . . . . . . . . . . . 32 1.7.4 Altre piccole aziende . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 1.8 Il contributo della Domotica per il risparmio energetico . . . . . 34 1.9 Limiti e considerazioni sull''attuale mercato della domotica . . . 35 2 Le Fonti di Energia Rinnovabile 37 2.1 L''Italia e le fonti di energia rinnovabile . . . . . . . . . . . . . . 37 2.2 Le principali fonti di energia rinnovabile . . . . . . . . . . . . . 40 2.2.1 Gli impianti di produzione di energia idroelettrica . . . . 40 2.2.2 Gli impianti eolici/minieolici . . . . . . . . . . . . . . . . 43 2.3 Gli Impianti fotovoltaici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 2.4 Incentivazione degli impianti da fonti rinnovabili . . . . . . . . . 50 INDICE iii 2.4.1 Conto Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 2.4.2 Certificati Verdi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 2.4.3 Certificati Bianchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 2.5 Lo Scambio sul Posto: risparmio sulle spese energetiche . . . . . 55 2.6 Ottimizzazione dei consumi rispetto alla produzione . . . . . . . 56 3 Progetto ottimizzazione consumi 59 3.1 Modulo logico Siemens LOGO! . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 3.1.1 Descrizione fisica del modulo e programmazione . . . . . 61 3.1.2 Programmazione del modulo logico . . . . . . . . . . . . 62 3.1.3 Limitazioni della notazione ladder . . . . . . . . . . . . . 64 3.1.4 Le funzioni del modulo logico . . . . . . . . . . . . . . . 65 3.1.5 La ritenzione dei blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 3.1.6 Le funzioni speciali del modulo logico . . . . . . . . . . . 68 3.2 Nomenclatura e concetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . 81 3.3 Descrizione dell''implementazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 82 3.4 Programma di controllo del plc . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88 3.4.1 Interfaccia e pulsanti di controllo . . . . . . . . . . . . . 92 3.5 Limiti e vantaggi della soluzione implementata . . . . . . . . . . 95 INDICE iv 4 Interfaccia web per PLC su bus Konnex 98 4.1 Accesso alla base di dati con JDBC . . . . . . . . . . . . . . . . 100 4.2 Sviluppo del Listener con le API Calimero . . . . . . . . . . . . 102 4.2.1 Architettura di Calimero[6] . . . . . . . . . . . . . . . . 103 4.2.2 Implementazione del listener e accesso alla base di dati . 106 4.3 La base di dati MySQL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107 4.4 L''interfaccia Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111 4.5 Limiti e vantaggi della soluzione implementata . . . . . . . . . . 117 5 Valutazione dell''idea e futuri sviluppi 122 5.1 Ottimizzazione dei consumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124 5.1.1 Acquisizione dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125 5.1.2 Interazione Domotica (KNX) . . . . . . . . . . . . . . . 125 5.1.3 Server ed interfaccia Web . . . . . . . . . . . . . . . . . 126 5.1.4 Diagrammi UML per la rappresentazione del sistema . . 127 5.2 Possibili miglioramenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 5.3 Ricerca e sviluppo nel settore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131 5.3.1 4-noks - IntellyGreenPV[13] . . . . . . . . . . . . . . . . 133 5.3.2 Energy@Home Partnership Enel . . . . . . . . . . . . . . 134 INDICE v 5.3.3 SmartGrid nei centri di ricerca Europea e oltre . . . . . . 137 5.4 Valutazione dell''idea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139 5.4.1 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140 Introduzione Sin dall''antichità l''uomo ha cercato di utilizzare a proprio vantaggio le fonti di energia che l''ambiente gli metteva a disposizione. Ha utilizzato la forza fisica di alcuni animali per arare i campi o per trasportare pesi, ha imparato a controllare il fuoco per scaldarsi e cuocere i cibi, ha costruito mulini a vento per aiutarlo nelle lavorazioni agricole, ha imparato a produrre e ad utilizza- re energia elettrica, ha sfruttato e sta sfruttando i giacimenti di combustibili fossili che gli hanno permesso di mettere in moto dei meccanismi di produ- zione industriale e tecnologica che potrebbero migliorare la qualità della vita dell''intero pianeta. In Italia l''energia prodotta dai combustibili fossili è superiore al 68% [1] dell''intero fabbisogno, senza considerare l''alimentazione dei veicoli di traspor- to, auto, camion, traghetti ed aerei. I giacimenti di combustibili fossili vanno 1 INDICE 2 però esaurendosi e quindi i concetti di energia, risparmio energetico e produ- zione da fonti rinnovabili stanno acquisendo un''importanza sempre maggiore in un panorama industriale e tecnologico in grande movimento. Purtroppo le nostre ''abitudini energetiche'' nel corso dell''ultimo secolo sono diventate una vera e propria minaccia per l''intero pianeta. Ciò è avvenuto sopratutto a causa dello sfruttamento incontrollato delle risorse naturali e alla superficialità con cui si è globalmente valutato l''impatto ambientale che il processo di industria- lizzazione selvaggia avrebbe comportato. L''energia che produciamo attraverso la combustione di carbone e petrolio è molto pericolosa per l''ambiente, da- to che i prodotti della combustione inquinano rilasciando sostanze nocive che provocano e provocheranno disastri ambientali. Diventa quindi necessario cam- biare ''abitudini energetiche'' limitando gli sprechi e utilizzare fonti di energia rinnovabile come il fotovoltaico, l''eolico, il geotermico e l''idroelettrico. A tal fine diventa fondamentale l''integrazione di varie discipline e scienze, se da un lato la tecnologia dei materiali sta facendo passi da gigante per l''otti- mizzazione della produzione di energia da fonti rinnovabili, dall''altro i software di controllo e di gestione devono interagire interfacciandosi con gli impianti e gestendoli nell''ottica del risparmio energetico. INDICE 3 L''obiettivo di questa tesi è quello di aiutare questo processo di riduzione degli sprechi e di ottimizzare lo sfruttamento di energia con un piccolo contri- buto. Ad oggi ci sono tutti presupposti, sia in termini economici che normativi, per poter installare all''interno delle abitazioni dispositivi elettrici intelligenti e generatori di energia che sfruttino le fonti rinnovabili. La presenza di interfac- ce domotiche all''interno dei dispositivi che assorbono energia, può portare alla distribuzione massiva di dispositivi di controllo consumi e di ottimizzazione del consumo di energia pulita. Nel concetto di integrazione dei diversi impianti che utilizzano l''energia e che la producono troviamo quindi la chiave per il massimo risparmio energe- tico e per la minimizzazione di immissioni di agenti inquinanti nell''atmosfera causate dall''utilizzo di fonti non rinnovabili. A tale proposito l''evoluzione degli impianti domotici ci fornisce gli strumenti per la realizzazione di un progetto di controllo dei carichi automatizzato in relazione alla produzione locale di energia ottenuta da fonti rinnovabili. Il sistema decide in base ai parametri di produzione di energia dell''impianto e alla richiesta di energia da parte del- l''utente, di attivare determinati carichi gestiti da un componente domotico di controllo. La realizzazione del progetto non prevede l''utilizzo esclusivo di una INDICE 4 tecnologia domotica bensì può essere applicata a più sistemi in quanto sfrut- ta le caratteristiche o'erte dal middleware domotico DomoNet sviluppato dal Laboratorio di Domotica presso l''Istituto di Scienza e Tecnologie dell''Informa- zione ISTI ''Alessandro Faedo' del CNR di Pisa che permette l''interazione e l''interoperabilità tra diversi standard domotici presenti sul mercato. L''idea di base è di sfruttare l''interoperabilità di tale software al fine di inviare i messaggi ai dispositivi o agli elettrodomestici in attesa di funziona- mento quando l''impianto da fonte rinnovabile sta erogando energia. Al fine di poter valutare il progetto la tesi è stata strutturata in modo da fornire delle conoscenze di base sulla domotica, con i suoi ultimi sviluppi e sulla corrente legislazione sulla produzione di energia da fonti rinnovabili. Inoltre verrà illustrata l''implementazione tecnologica ed informatica del sistema di controllo sui dispositivi e si stimerà il risparmio energetico che un tale dispositivo o're ad un''abitazione. Capitolo 1 La Domotica, concetti ed evoluzioni Questo capitolo si prefigge di descrivere il panorama degli standard domotici attualmente in commercio e di quella che è l''evoluzione continua di un settore in forte espansione. Verrà riposta un attenzione particolare al contributo che la domotica può o'rire al risparmio energetico nella gestione degli impianti. 5 CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 6 1.1 Definizione concettuale del termine La domotica è quell''insieme di tecnologie che permettono la gestione e il con- trollo degli impianti negli edifici. L''obiettivo è quello di ottimizzare le risorse, aumentare il livello di comfort, di centralizzare le interfacce degli impianti, aumentare il livello di sicurezza, aumentare l''autonomia di persone anziane e disabili. Può servire, ad esempio, per controllare l''irrigazione, il riscaldamento o ra'rescamento dell''edificio, per controllare le luci delle varie stanze e per far colloquiare tramite un''infrastruttura comune i diversi dispositivi presenti in una casa, in un u'cio o o in un''azienda. La domotica, quindi, è quella disciplina che cerca e studia le migliori strategie al fine di: ' migliorare la qualità della vita; ' migliorare la sicurezza; ' risparmiare energia; ' semplificare la progettazione, l''installazione, la manutenzione e l''utilizzo della tecnologia; ' ridurre i costi di gestione; CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 7 ' convertire i vecchi ambienti e i vecchi impianti. Per capire in che modo la domotica dà il proprio contributo al fine di rag- giungere questi obiettivi, si pensi a due scenari di casa moderna. Nel primo, riferito come sig X, installa nel proprio appartamento un impianto solare a circolazione forzata, un impianto di riscaldamento a pavimento con caldaia a condensazione, un impianto elettrico che gli permette un''illuminazione adegua- ta, un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, un impianto di climatizzazione a pompa di calore e, successivamente, acquista televisione, lavatrice, asciugatrice, lavastoviglie, forno e tutti gli elettrodomestici necessari in una casa. Il signor X avrà in casa il telecomando della tv, del lettore dvd, della pompa di calore, dovrà andare nel locale tecnico dov''è situato l''inverter per controllare se l''impianto fotovoltaico produce e dovrà andare ad abilitare la funzione di pulizia per gli impianti solari. Inoltre l''accensione contempora- nea del forno e della lavatrice rischia di causare un black out da sovraccarico. Ogni tanto corre per la casa a controllare se tutti i dispositivi sono in ordine e, d''inverno, discute spesso con la moglie ed i figli per la temperatura della casa in quanto loro vorrebbero più caldo, mentre a lui piace stare nel suo studio in un ambiente più fresco. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 8 La moglie intanto decide di fare la lavastoviglie ma esce scordandosi di accenderla. I figli hanno l''abitudine di lasciare sempre luci e tapparelle alzate quando escono di casa. Insomma la gestione di tutti questi dispositivi diventa un''attività complessa e che richiede attenzione e sopratutto, molto tempo. Installando un impianto domotico, il signor X avrebbe avuto da subito i vantaggi di un sistema integrato e pilotabile da un''unica interfaccia. Con il suo PDA di controllo avrebbe regolato la temperatura e la luce di ogni singolo am- biente, avrebbe impostato un comando di chiusura tapparelle e spegnimento luci all''uscita da casa, la manutenzione dei pannelli solari sarebbe stata auto- matica e la gestione dei carichi non avrebbe più permesso il sovraccarico del contatore. Inoltre avrebbe potuto interagire con i vari elettrodomestici facendo sì che alla rilevazione di un guasto, l''impianto di casa si mettesse in contatto direttamente con il tecnico per la riparazione. Inoltre il sistema gli permette di regolare l''intensità delle luci in modo da ottenere un risparmio energetico e di scaldare o ra'rescare solo le stanze scelte. Con un semplice tasto avrebbe potuto impostare le luci e le tapparelle per la visione ottimale della televisione o per leggere un libro. Inoltre il sistema di allarme sarebbe stato connesso direttamente al servizio di vigilanza. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 9 I sistemi domotici significano semplificazione e comodità per gli utenti del sistema. Qual''è l''origine dei sistemi domotici' Quali sono le attuali tecnologie e come è possibile applicarle per ottenere un risparmio energetico' 1.2 La Dymaxion House e i primi approcci alla domotica La ''Dymaxion House'' è stata sviluppata negli anni trenta dall''inventore e ar- chitetto Buckminster Fuller per risolvere dei problemi legati alle tecniche di costruzione esistenti. Fuller progettò diverse versioni della casa nel corso del tempo e furono tutte prodotte in kit da assemblare sul luogo d''installazione in modo da essere flessibile ad ogni tipologia e localizzazione. Fu data particolare considerazione alla trasportabilità della casa e alla sostenibilità energetica. L''architetto Ugo La Pietra negli anni settanta concepì la ''Casa Telematica'' e nel 1983 alla Fiera di Milano ne presentò un prototipo. Era un appartamento- tipo in cui erano stati collocati una serie di strumenti telematici futuristici, in modo da distribuirli su tutta l''area abitabile. Tale scelta era volutamente rappresentativa di un meccanismo usato per evidenziare, in modo ironico o CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 10 Figura 1.1: Dymaxion House provocatorio, le trasformazioni già in atto e le possibili nuove modificazioni dell''ambiente domestico e dei suoi nuovi rituali, in rapporto alla crescita degli strumenti telematici. L''ingresso era caratterizzato dal video-citofono e da uno schermo che con- sentiva un controllo totale dello spazio attraverso una serie di collegamenti a circuito chiuso. Nello studio non era collocata una libreria coi volumi, ma degli archivi virtuali su dischi e nastri che contenevano ciò che era scritto sui libri; inoltre computer, stampanti e altri strumenti per il lavoro e per il collegamento con banche dati, una sorta di anticipazione del telelavoro. La casa telematica era un luogo fatto per riflettere su ciò che avrebbe, a breve, trasformato lo spazio domestico, lo spazio di lavoro e lo spazio collettivo. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 11 1.3 La domotica nasce negli anni ottanta Se volessimo dare un''età alla domotica dovremmo collocarla negli ottanta an- che se il primo strumento di automazione e controllo a cui possiamo dare l''appellativo 'domotico' è in realtà il telecomando nato intorno agli anni cin- quanta dall''ingegnere Robert Adler. La tecnologia domotica si è comunque sviluppatata intorno agli ottanta paralleramente alla di'usione di tecnologie informatiche e di comunicazione sopratutto in relazione agli elettrodomestici e ai loro dispositivi di controllo. Fin da quegli anni si pensava ad un sistema di controllo che raggruppasse ed integrasse tutti i dispositivi elettronici presenti in una casa. Il sistema doveva essere 'esperto' cioè capace di autoregolarsi. L''esigenza derivava dall''aumento della presenza di dispositivi elettronici nelle abitazioni. Al fine di controllare tutti questi dispositivi con un''unica interfac- cia, si sono sviluppate le tecnologie domotiche che costituiscono, attraverso un sistema di comunicazione tra dispositivi e con l''unità centrale di controllo, un vero e proprio 'sistema nervoso' all''interno degli edifici. Da un punto di vista economico, tali tecnologie possono rivoluzionare l''edili- zia che è un mercato trainante dell''economia e possono contribuire al risparmio energetico dato che la casa contribuisce alla crisi energetica almeno al 30%. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 12 1.4 Caratteristiche di un impianto domotico La domotica come strumento di supervisione, consente di controllare tutti i dispositivi collegati tramite un''unica centrale di supervisione gestendoli in maniera razionale ed unitaria. Il punto nevralgico di una tale gestione è rap- presentato dal software di supervisione e di monitoring del sistema che ha il ruolo di acquisire i dati dai software dei sottosistemi o dai dispositivi stessi e ha il compito di tener traccia dell''andamento dei sottosistemi. Tale software deve trasmettere al PC o alla rete le informazioni rilevate ed interagire con le modifiche dell''utente, remotizzando il controllo del sistema. Inoltre deve essere in grado di memorizzare gli scenari degli utenti e riprodurli dietro comando 1.5 I sistemi a bus I sistemi a bus sono nati nei primi anni ottanta per il controllo dei processi industriali. Successivamente sono stati applicati per l''automazione di edifici. La tecnologia a bus è costituita da una linea di potenza, che permette l''alimen- tazione dei dispositivi, e una linea bus di comando e controllo degli apparecchi. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 13 Figura 1.2: Esempio di linea bus Il bus è un mezzo di comunicazione di informazioni. Mentre la linea di potenza deve essere costituita da due, tre o quattro cavi il mezzo di trasmissione delle informazioni (bus), può essere un doppino telefonico, un cavo coassiale, la rete elettrica stessa sulla quale viene convogliata un''ondo da 110 a 132 kHz, oppure un sistema wireless a radiofrequenza[2]. Separando la linea che trasporta informazioni dalla linea di potenza si sem- plificano molte applicazioni elettriche come ad esempio i punti luce comandati da più interruttori. La quantità di cavi necessaria ad un impianto può essere considerevolmente diminuita e le connessioni semplificate. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 14 1.5.1 Classificazione del BUS FIG 2 e FIG 3 Le linee bus si dividono in 'Classi di applicazione' a seconda della larghezza di banda utilizzata: ' Classe A: fino a 100 kHz per bassa velocità dati e trasmissione voce analogica; ' Classe B: fino ad 1 MHz per media velocità su cavo in rame; ' Classe C: fino a 16 MHz per alta velocitàdati su cavo in rame; ' Classe D: fino a 100 MHz per altissima velocità su cavo in rame; ' Classe ottica: fino a 10 GHz e oltre su fibra ottica; Un''altra classificazione definisce le 'Classi del Bus' secondo il livello di presta- zione del mezzo di comunicazione e quindi si hanno: ' Classe 1: solo trasmissione di comandi e controlli; ' Classe 2: Classe 1 più trasmissione voce e video lenti; ' Classe 3: Classe 2 più segnali video complessi; CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 15 Per i sistemi domotici la Classe 3 non è ancora impiegata mentre la Classe 1 è quella più utilizzata. 1.5.2 Funzionamento di un sistema a bus ad intelligenza distribuita I sensori che monitorano una determinata grandezza, ad esempio la velocità del vento, lo codificano e lo trasmettono sul bus. I componenti di controllo dei singoli dispositivi, detti attuatori, ricevono il messaggio, lo decodificano ed eseguono una procedura programmata sul dispositivo che controllano, ad esempio abbassano le tapparelle. I dati sono trasmessi in forma digitale a tutti i dispositivi che poi filtrano esclusivamente i comandi rivolti a loro. Ogni dispositivo può ricevere e trasmet- tere cercando di evitare le collisioni. Tale funzionamento classifica il sistema a bus come ad 'intelligenza distribuita' dato che ogni dispositivo, quando è stato opportunamente programmato, conosce il suo indirizzo e i comandi da eseguire quando vengono trasmessi determinati messaggi. Tale tipo di funzionamento presuppone un indirizzamento unico dei dispo- sitivi all''interno di un sistema e deve riconoscersi come destinario di uno o CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 16 più messaggi. Inoltre il dispositivo deve essere programmato per svolgere una precisa funzione o interagire con altri dispositivi. 1.5.3 Il sistema di comunicazione Un impianto domotico deve permettere a dispositivi di diversa provenienza la comunicazione sul bus. A tale scopo diventa importante stabilire un sistema di comunicazione standard che permetta la comunicazione di disposiivi diversi. Nel corso degli anni varie aziende si sono associate al fine di svilupapre un siste- ma di protocolli e di interazioni unico con più o meno successo. L''Associazione EIBA nata nel 1990 che ha sviluppato l''EIB è una delle associazioni di maggior successo. Hanno sviluppato un bus decentralizzato, Instabus EIB, applicabile in am- bito residenziale, terziario ed industriale. Tramite il bus si riesce ad avere un maggiore controllo dell''impianto elettrico riducendo i circuiti di controllo, mi- nimizzando le spese di progettazione e fornendo uno strumento di diagnosi e manutenzione che semplifica notevolmente il sistema. Questo sistema prevede una riduzione considerevole del cablaggio dato che l''alimentazione viene distri- buita ai carichi elettrici direttamente seprando la parte di controllo dalla parte CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 17 di assorbimento. Gli attuatori e i sensori sono collegati esclusivamente al bus attraverso il quale controllano i dispositivi o monitorano alcuni parametri. Nel caso di appartamenti o strutture ricettive, la topologia del bus permette il sezionamento della singola parte dell''impianto rendendo le sezioni autonome ma permettendo un eventuale controllo di sicurezza a monte dell''impianto. 1.5.4 Trasmissione dei dati I componenti dell''impianto si scambiano informazioni spedendo un telegram- ma sul bus, tipicamente su un cavo twisted pair. Un telegramma contiene un comando o un messaggio ad una velocità di 9600 bit/s che corrisponde a circa 45/55 telegrammi al secondo. L''accesso al bus e le collisioni vengono regolati tramite la trasmissione asincrona dei telegrammi sul cavo bus. Si utilizza un protocollo di accesso al bus CSMA/CA (Carrier Sense Multiple Access with Collision Avoidance) che evita le collisioni e le perdite di telegrammi. I com- ponenti sono in modalità di ricezione sul bus valutando i telegrammi passanti e decidendo in maniera autonoma l''istante di trasmissione. La trasmissione avviene esclusivamente quando si verifica un evento e quindi risulta necessaria. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 18 1.5.5 Il telegramma Un telegramma è formato da blocchi di 11 bit di cui il primo bit è un bit d''inizio seguito da 8 bit di dati, dalla parità e da un bit di fine. Nel telegramma sono contenute informazioni relative al bus ed informazioni di servizio. Prima di cominciare l''invio il dispositivo rileva un intervallo di tempo di silenzio. Una volta rilevato che il bus è libero il dispositivo trasmette un campo di controllo con l''indicazione della priorità di trasmissione o se il telegramma è una ripetizione di un telegrama già trasmesso. Una volta trasmesso il campo di controllo si trasmette il campo indirizzo con indirzzo sorgente e di destinazione. L''indirizzo sogente rappresenta l''indirizzo fisico da cui proviene la trasmissione mentre l''indirizzo di destinazione può essere un indirizzo fisico o di gruppo. Una volta inviato il campo indirizzo si invia il campo dati con l''informa- zione da inviare e poi viane inviato un campo di controllo per verificare che la trasmissione non abbia subito modifiche. Dopo la trasmissione del campo di controllo i dispositi riceventi trasmettono l''ACK (acknowledge) dell''informa- zione che certifica la corretta ricezione dei dati. Se non viene ricevuto l''ACK allora il dispositivo si mette in modalità NACK (not acknowledge) e trasmet- te nuovamente il telegramma. Il NAK ha una priorità superiore rispetto agli CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 19 altri telegrammi trasmessi. 1.6 I mezzi di trasmissione In un sistema EIB è possibile utilizzare un cavo bus tp (twisted pair) e altri mezzi di trasmissione come la rete (instabus su powerline) e le frequenze radio. 1.6.1 Il cavo twisted pair Il cavo twisted pair è il mezzo di trasmissione del segnale in un impianto domotico più utilizzato dato che garantisce una schermatura ai disturbi elevata, è facile da installare, da reperire e di basso costo. Trasmettendo il segnale con il tp si è reso necessario studiare una topologia gerarchica al fine di semplificare l''installazione e la comunicazione tra dispositivi specie in impianti di grande dimensione. L''impianto viene suddiviso in linee alle quali possono essere collegati al massimo 64 apparecchi bus. Tramite degli accoppiatori di linea si possono collegare fino a 13 linee che formano un campo. Gli accoppiatori di campo permettono il collegamento di 15 campi. Il totale dei dispositivi è (64 x 13 x 15) 12480 dispositivi che possono aumentare attraverso dei ripetitori espandendo CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 20 le linee da 64 dispositivi a 256. Esistono poi delle specifiche per la lunghezza massima dei cavi e per l''isolamento delle linee dorsali. Questa suddivisione permette che un guasto su una linea non pregiudichi il campo nè le altre linee e che ci possano essere più comunicazioni contemporanee su linee diverse. Tale suddivisione gerarchica permette anche la diagnosi rapida dei guasti e la manutenzione su ciascuna singola linea. La velocità di trasmissione su twisted pair utilizzando come protocollo l'' instabus EIB può raggiungere i 9600 bit/s, quindi 40/50 telegrammi al secondo. 1.6.2 PowerLine (onde convogliate) Il metodo di trasmissione dei dati su onde convogliate permette il trasporto dei dati sulla stessa linea del cavo di alimentazione attraverso l''invio di un segnale ad una frequenza più elevata rispetto a quella di rete. Il protocollo garanti- sce un''elevata a'dabilità e permette, attraverso dei pacchetti di controllo, di correggere eventuali anomalie di trasmissione. Dato che i sistemi domotici sono modulari, attraverso dei codificatori, è possibile utilizzare i componenti powerline misti a componenti con interfaccia twisted pair garantendo la massima compatibilità. Sono stati sviluppati, nel CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 21 Figura 1.3: Frequenze delle onde convogliate Frequenza Occupazione Utilizzo 3 - 95 KHz Freq. Riservata Fornitori di energia elettrica 95 - 125 KHz Accesso libero Sistemi domotici 125 - 140 KHz Accesso regolamentato CENELEC Sistemi domotici 140 - 148,5 KHZ Freq. Riservata Allarmi Sicurezze corso degli anni, dispositivi che permettono la trasmissione di segnali attre- varso EIB instabus che è conforme agli standard europei EN50065 e CEI EN50090 che si riferiscono ai 'sistemi di trasmissione dei segnali su reti elet- triche nel campo di frequenze da 3 kHz a 148,5 kHz' e dei sistemi elettronici per edifici e case. Al fine di trasmettere i dati i componenti devono essere collegati ai condut- tori di fase e neutro. Questa tecnologia si è sviluppata attraverso il protocollo X10 sopratutto negli Stati Uniti ed è correntemente utilizzata dalle compa- gnie di distribuzione elettrica per la telelettura dei contatori. Ultimamente è possibile anche la trasmissione dei pacchetti TCP per la connessione dati su powerline con limiti di banda notevoli. La velocità di trasmissione del sistema EIB instabus su powerline raggiunge i 1200 bit/s. Il maggior difetto di questa tecnologia sono sopratutto le interferenze e i disturbi del segnale provocati da onde radio, elettrodomestici e tutti quei dispositivi che emettono un campo elettromagnetico di frequenza analoga. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 22 1.6.3 Le frequenze radio RF Attraverso le onde radio si superano tutti i limiti del cavo per la trasmissione e anche i limiti di velocità imposti dal mezzo fisico. L''alimentazione dei sensori può avvenire tramite rete oppure con batteria rendendo il sistema mobile ed adatto per ristrutturazioni, ampliamento di edifici e in tutti quei casi dove il posizionamento di un cavo può essere impeditivo. Il sistema a radiofrequenza è compatibile con i sistemi powerline e con twisted pair attraverso degli accoppiatori per la comunicazione. Gli standard più utilizzati per le comunicazioni radio sono: ' IEEE 802.11b/g/n (Wi-Fi) ' Bluetooth ' ZigBee. Lo standard IEEE 802.11 è lo standard per le reti wlan (wi-fi) ed implementa il livello fisico e mac del modello ISO/OSI. Il termine WI-FI indica l''appar- tenenza ad un gruppo di aziende di hardware, la WI-FI Alliance. Raggiunge velocità nominali che si attestano oltre i 54 Mbps. L''utilizzo del WI-FI è pre- CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 23 Figura 1.4: Topologia di una rete Bluetooth visto per applicazioni e dispositivi con potenza irradiata inferiore ai 20 dBm per l''utilizzo all''interno di una proprietà privata. I dispositivi possono essere influenzati da telefoni cordless, ripetitori o altri apparecchi all''interno di un''azienda o di un''abitazione privata. Il Bluetooth è adeguato per trasmissioni entro i 10 metri di diametro e, grazie alla tecnica di hopping, è molto rubusto alle interferenze. La specifica è stata sviluppata da Ericcsson e in seguito formalizzata dalla Bluetooth Spe- cial Interest Group formatasi il 20 maggio 1999da Sony Ericsson, IBM, intel, Toshiba, Nokia e altre società. Il nome è inspirato ad un re danese, abile diplo- matico. Negli ultimi anni questa tecnologia si è sviluppata anche per ambienti domotici dato che si è largamente di'usa sui dispositivi di telefonia mobile. E'' quindi possibile comandare l''impianto di casa con un semplice cellulare CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 24 Figura 1.5: Riepilogo frequenze onde radio e loro utilizzo Nome Com- merciale Bluetooth ZigBee WiFi Dect GPRS GSM Standard 802.15.1 802.15.4 802.11b 1Xrtt/CDMA Utilizzo Eliminare cavi Monitoraggio Controllo Web / email / audio Telefoni Cordless Tel. Cellulari Risorse di sistema > 250 KB 4-32 KB > 1 MB > 16 MB Durata batt (giorni) 1-7 100-1000 5 2-7 1-7 Dimensione rete 7 no limiti 32 6 1 Velocità trasm. KB/s 720 20-250 11.000 - Nx9.600 Distanza max mt > 10 >100 100 >100 > 1000 Punti forza Costo Consumo/Costo Velocità, flessibilità Telefonico qualità Telefonico Qualità Banda trasmissione usata 2,4 GHz 2,4 GHz 2,4 GHz 0,9-1,8 GHz 0,9-1,8 GHz collegato alla centralina di comunicazione Bluetooth. ZigBee è un nome che identifica un insieme di protocolli basato sullo stan- dard IEEE 802.15.4 per wireless personal area network. Tale specifica ha come obiettivo quello di semplificare la comunicazione tra dispositivi rispetto al Bluetooth e al WI-FI. I protocolli ZigBee sono stati progettati per l''utiliz- zo in applicazioni embedded con un basso transfer rate e l''ottimizzazione dei consumi. E'' ideale per l''utilizzo in reti domotiche e per il controllo industriale. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 25 1.7 La situazione del mercato della domotica in Italia Nel mercato internazionale vi sono migliaia di aziende che commercializza- no prodotti domotici diversi o nel sistema di comunicazione o per peculiarità implementative. Tra questi lo standard Konnex rappresenta il maggior prota- gonista del mercato a cui vi si sono adeguate le più grandi aziende di materiale elettrico ed di componenti elettronici. 1.7.1 Konnex Konnex è uno standard domotico aperto approvato come standard europeo e mondiale. Esso è frutto di una convergenza tra EIB, BatiBus e EHS che prese forma nel 1996 e si sviluppò per tutto il 1997 in modo da incrementare il mercato della domotica e rendere sistemi diversi interoperabili. Lo standard è basato sullo stack di comunicazione EIB allargato al livello fisico, utilizzando per la comunicazione e per le applicazioni il sistema frutto dell''esperienza delle aziende che stavano dietro il BatiBus e EHS. Dalla conver- genza di queste aziende leader di mercato nasce lo standard Konnex eliminando CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 26 de facto gli altri standard delle aziende convergenti nel progetto. Si parla di rete di dispositivi KNX dato che ciascun dispositivo ha una propria autonomia ed è progettato per essere indipendente dalla piattaforma hardware. I dispositivi possono essere controllati sia da un microcontrollore che da un PC a seconda dell''implementazione necessaria. Il metodo di installazione più comune è utilizzando un cavo twisted pair. Konnex è approvato come standard aperto con royalty da: ' International standard (ISO/IEC 14543-3) ' US Standard (ANSI/ASHRAE 135). ' European Standard (CENELEC EN 50090 and CEN EN 13321-1) ' China Guo Biao(GB/Z 20965) L''associazione Konnex ha oltre 200 membri tra cui le più imporatnti sono: ' ABB ' AMX ' Cisco ' Control4 EMEA CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 27 ' Jung ' Miele & Cie KG ' ON Semiconductor ' Hager ' Schneider Electric Industries S.A. ' Uponor corporation ' Bosch Russound/FMP Inc. ' Siemens ' Toshiba Queste compagnie hanno a catalogo più di 7000 prodotti certificati KNX e l''associazione ha oltre 30000 partner installativi in 100 stati e 60 università tecniche e oltre 150 centri didattici. La rete Konnex segue le specifiche ISO/OSI per almeno 5 dei sette livelli previsti e fornisce le fondamenta per lo sviluppo di applicazioni per gestire l''ambiente domestico al fine di standardizzare le reti domotiche. Konnex rap- CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 28 Figura 1.6: Modello ISO/OSI presenta la rete come un insieme di dispositivi che rappresentano elementi indipendenti di un''applicazione distribuita. In Konnex[3] viene implementato un livello di comunicazione che compren- de i requisiti richiesti dal modello applicativo, dalla configurazione e dalla gestione della rete. Sopra quindi il livello fisico e quello di Data Link si in- dividua un modello Common Kernel che viene condiviso da tutti i dispositivi CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 29 Figura 1.7: S-Mode e E-Mode comparazione con la complessita del sistema della rete KNX. Il livello Data Link comprende l''accesso al mezzo trasmissivo e l''astrazione logica del protocollo. Il livello di rete provvede la comunicazione attraverso telegrammi con acknowledge e controlla la trasmissione e implemen- ta funzionalità base di routing. Il livello di trasporto permette 4 tipologie di comunicazione: uno a molti senza connessione (multicast), uno a tutti (broad- cast), uno a uno senza connessione, uno a uno con connessione, Non vengono implementati i livelli di sessione e di presentazione mentre il livello di applica- zione o're un grande numero di servizi applicativi. Tali servizi sono di'erenti in base al tipo di comunicazione e al livello di trasporto. I servizi collegati con la la comunicazione punto a punto e quelli di broadcast servono alla gestione della rete mentre quelli multicast per le operazioni di runtime. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 30 Programmazione del sistema domotico Konnex Il sistema domotico Konnex può essere programmato tramite ETS utilizzando il system mode o attraverso l''easy mode. Il system mode prevede l''utilizzo del software ETS per la messa in servizio e la diagnosi degli impianti. Con ETS si può progettare l''impianto, impostare i parametri di funzionamento per il singolo apparecchio e reallizzare il coordinamento tra sensori ed attuatori. ETS è un softwre indipendente dai singoli produttori e permettere la visualiz- zazione dei telegrammi e la diagnosi di guasti o problemi all''impianto. ETS ha all''interno un database contenente le specifiche di ciascun dispositivo certi- ficato Konnex e quindi permette la programmazione di ciascun dispositivo. Il system mode o're grande flessibilità di realizzazione. L''easy mode è per installazioni con limitata complessità. Con un semplice configuratore il sistema può essere configurato e comandato. L''elemento caratterizzante di ogni componente Konnex è la certificazione del device e quindi l''identificazione dello stesso nel database generale ETS per il suo utilizzo. Per la certificazione del device è fondamentale pagare le royalty all''associazione Konnex. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 31 Figura 1.8: Esempio Impianto Vimar 1.7.2 Vimar - sistema By Me Vimar, azienda produttrice di componenti elettrici commercializza, oltre alla linea Konnex certificata per impianti elettrici, un sistema domotico per le abi- tazioni compatibile con il sistema Konnex, BY-ME. I prodotti BY-ME, invece, pur non essendo certificati Konnex comunicano con un protocollo 'compatibile Konnex' che può interfacciarsi bilateralmente con sistemi Konnex. La comu- nicazione avviene su doppino twistato come su Konnex e il mezzo trasmissivo ha la stessa tensione e intensità di corrente. Con il sistema By-Me è possibile implementare un sistema domotico com- pleto, dall''antintrusione al controllo carichi alla termoregolazione ed è possibile programmare fino a 32 scenari di'erenti. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 32 1.7.3 BTicino - sistema MyHome BTicino ha implementato un sistema domotico su doppino twistato con pro- tocollo proprietario ma con possibile interazione su sistema Konnex/EIB. Il dispositivo di interconnessione può comandare gli attuatori Konnex/EIB at- traverso dispositivi di controllo MyHome. Inoltre è possibile comandare da MyHome dispositivi EIB in caso di allarme per furto. Il dispositivo di in- terconnessione può inoltre inviare eventi specifici sul bus EIB in modo da permettere l''interazione causata dal verificarsi di vari eventi. 1.7.4 Altre piccole aziende Nel corso degli anni sono nate e cresciute molte piccole aziende che hanno prodotto, distribuito ed installato sistemi domotici con protocolli proprietari e con poca interoperabilità con i grandi marchi del settore. Questi sistemi se pur e'cienti e specializzati hanno il grosso limite di non poter a'ermarsi come standard domotico a causa della bassa percentuale di di'usione. Quelle aziende che, ad oggi, vogliano ampliare la di'usione del loro sistema hanno la necessità di interagire con uno dei maggiori produttori di sistemi domotici o con un protocollo aperto tipo Konnex. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 33 Figura 1.9: Interfaccia BTicino/EIB CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 34 Figura 1.10: Percentuale di risparmio con l''utilizzo di impianti domotici 1.8 Il contributo della Domotica per il risparmio energetico Sia per l''energia termica che per l''energia elettrica l''utilizzo della domotica permette un risparmio energetico per edifici non residenziali fino al sessanta percento. Purtroppo per gli edifici residenziali la quantificazione del risparmio diventa più di'cile da calcolare dato che dipende molto dalle abitudini di consumo dei soggetti che non permettono una classificazione omogenea. CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 35 1.9 Limiti e considerazioni sull''attuale mercato della domotica Fino a poco tempo fa era impossibile stabilire l''a'ermazione di uno standard domotico rispetto ad un altro. Ad oggi si nota invece una certa convergenza verso un numero ristretto di protocolli promossi da grandi gruppi industriali. In italia non possiamo fare a meno di individuare Konnex come standard de facto dato che il protocollo è aperto e multinazionali come Abb, Gewiss e altri hanno promosso questo standard proponendo un catalogo prodotti ampio ed adatto a tutte le esigenze. D''altro canto la certificazione del dispositivo e le royalty all''associazione causano un aumento spropositato di prezzo accentuan- do la di'erenza di costo rispetto ad un impianto tradizionale. ' interessante notare che gruppi industriali indipendenti come Vimar e Btcino hanno svi- luppato un loro protocollo garantendo sempre l''interoperabilità con il mondo konnex: bticino in modo parziale attraverso un''interfaccia hardware mentre Vimar attraverso l''implementazione di una sottostruttura fisica, di data link e di trasporto completamente compatibile. Altre aziende permettono poi l''in- terfacciamento con sottosistemi eib/konnex che quindi sta assumendo un ruolo CAPITOLO 1. LA DOMOTICA, CONCETTI ED EVOLUZIONI 36 sempre più importante. Ad oggi si può prevedere l''a'ermazione di una tec- nologia predominante basata su konnex o su qualche protocollo pienamente compatibile con l''infrastruttura hardware. Proprio valutando questi fattori è stato scelto konnex come medium trasmissivo per le informazioni del progetto sviluppato all''interno dell''abitazione. Capitolo 2 Le Fonti di Energia Rinnovabile 2.1 L''Italia e le fonti di energia rinnovabile Da quando, nel 2005, è entrato in vigore il protocollo di Kyoto, in Italia si è cominciata a sentire l''esigenza di fare qualcosa in più nei confronti della disastrosa situazione climatica. L''Unione Europea il 23 Gennaio 2008 ha ap- provato il pacchetto clima detto '20-20-20'. Con tale sigla si identificano gli obiettivi di riduzione dei gas serra e di e'cienza energetica. Entro il 2020 l''UE dovrà diminuire del 20% l''emissione di gas serra, aumentare del 20% l''ef- ficienza energetica degli edifici e utilizzare per almeno il 20% fonti di energia rinnovabile. 37 CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 38 Figura 2.1: Bilancio energetico del 2008 in Italia Il Bilancio Energetico nazionale evidenzia la produzione di energia da fonti rinnovabili pari al 16,7% del fabbisogno nazionale in netto aumento per il rag- giungimento degli obiettivi del pacchetto clima. Questo grazie ad una maggiore attenzione dei governi al problema ambientale della produzione di energia. Infatti negli ultimi anni c''è stata una progressiva sensibilizzazione a'ancata da provvedimenti legislativi che incentivano le fonti di energia rinnovabile. Il principale provvedimento è stato realizzato attraverso la legge detta 'Conto CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 39 Energia'. Tale legge, su modello tedesco, prevede un incentivazione pecuniaria sulla produzione di energia da fonti rinnovabili. Rispetto al passato quando si incentivava l''energia rinnovabile tramite as- segnazione di parte della somma dell''investimento a fondo perduto, il meccani- smo del conto energia diventa un finanziamento in conto esercizio. Il principio consiste nell''incentivazione della produzione elettrica con cadenza tipicamente bimestrale per i primi 20 anni (in alcuni casi 15 anni) di vita dell''impian- to. Il proprietario, anno dopo anno, percepisce un incentivo che deriva dalla produzione in kWh dell''impianto moltiplicata per una tari'a dipendente dalla tipologia e dall''anno di entrata in esercizio. Il sistema di produzione deve ne- cessariamente essere connesso alla rete elettrica (grid connected) a deve avere una dimensione superiore ad 1 kWp. Ogni anno la tari'a incentivante decresce del 2% fino ad arrivare ad un tetto massimo kWp da installare specificato sul portale del GSE (www.gse.it). Oltre all''incentivazione in 'Conto Energia' chi installa un impianto di pro- duzione di energia da fonti rinnovabili può avere un sensibile risparmio nei co- sti dell''energia elettrica. Questo accade perchè la produzione di energia viene direttamente collegata alle utenze e quindi si ha un fattore di contempora- CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 40 neità di produzione rispetto al consumo che permette un risparmio energetico dipendente dalle abitudini di utilizzo. 2.2 Le principali fonti di energia rinnovabile 2.2.1 Gli impianti di produzione di energia idroelettrica La maggior parte di energia elettrica prodotta in Italia che non utilizza combu- stibili fossili è l''energia idroelettrica con centrali installate sopratutto in Italia settentrionale. L''idroelettrico in Italia ha una storia che fonda le proprie ra- dici nel lontano 1889. Già poi nel 1965 la produzione di energia da turbine idroelettriche rappresentava il 65% del fabbisogno nazionale. Successivamente all''impennata dei fabbisogni energetici, l''utilizzo di centrali idroelettriche ha continuato a soddisfare circa il 15-18 per cento degli interi consumi. Ad oggi continua a rappresentare circa il 12% anche se, dagli ani 60, lo sfruttamento elle risorse è considerevolmente aumentato fino ad una quasi saturazione (dai 12.517 MW del 1963 ai 21.343 MW attuali) dei siti d''installazione. La rap- presentazione cartografica della distribuzione regionale della numerosità degli impianti mostra che in Italia il numero maggiore di installazioni d''impianti CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 41 Figura 2.2: Distribuzione degli impianti idroelettrici idroelettrici è presente nelle regioni settentrionali. Infatti nell''Italia settentrio- nale vi è il più alto numero di impianti realizzati: in particolare in Piemonte, in Trentino Alto Adige ed in Lombardia, che insieme esprimono oltre il 55,3% del totale nazionale. Nell''Italia centrale si distinguono le Marche, con il 4,8% d''impianti istallati. Un impianto idroelettrico, sfruttando un dislivello morfologico, trasforma l''energia potenziale dell''acqua in energia meccanica tramite una turbina la CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 42 Figura 2.3: Funzionamento di un impianto idroelettrico quale, collegata ad un generatore, viene trasformata in energia elettrica. Esi- stono tre tipologie di impianti idroelettrici, gli impianti a bacino, a serbatoio o ad acqua fluente. Gli impianti a bacino dispongono di un serbatoio con una capacità che permette la generazione di energia per meno di 400 ore e più di 2. Quelli a serbatoio invece hanno una capacità maggiore di 400 ore. Infine gli impianti ad acqua fluente sfruttano esclusivamente il flusso d''acqua presente nell''alveo del fiume. Gli impianti a serbatoio o a bacino necessitano di grandi opere strutturali se non sono presenti dei serbatoi naturali mentre gli impianti ad acqua fluente sono soggetti a periodi di intensa produzione e periodi di scarsa produttività. In Italia sta aumentando il numero di piccoli impianti idroelettrici ad acqua fluente sia da parte di enti produttori di energia elettrica ma anche da parte di singole realtà industriali o artigianali. CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 43 2.2.2 Gli impianti eolici/minieolici Le pale eoliche sono collegate ad un rotore collegato a sua volta ad un gene- ratore per la produzione di energia elettrica e vengono azionate dall''energia cinetica del vento che le fa ruotare. La rotazione viene trasferita ad un siste- ma meccanico di moltiplicazione dei giri che trasforma la rotazione in energia elettrica la quale viene immessa nella rete. La turbina eolica viene collocata sulla testa rotante di una torre con su'ciente altezza in modo da evitare tur- bolenze del terreno o di eventuali ostacoli. La ventosità del sito d''installazione rappresenta un fattore determinante per verificare la fattibilità dell''impianto. Dato che la producibilità è direttamente proporzionale al cubo della velocità del vento piccole di'erenze di velocità possono incidere sulla convenienza o meno dell''impianto. Esistono turbine eoliche di taglia di'erente da quelle di piccola taglia che vanno da 1 kW a 200 kW con una torre di altezza dai 10 ai 30 metri a quelle di taglia oltre i 1000 kW che hano un diametro del rotore dai 55 agli 80 metri e l''altezza della torre dai 60 ai 120 metri. Le turbine di piccola taglia possono essere utilizzate per soddisfare il fabbi- sogno di piccole utenze o gruppi di utenze mentre quelle di media dimensione o di grandi dimensioni possono soddisfare il fabbisogno di industrie o complessi CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 44 Figura 2.4: Schema di un impianto eolico Figura 2.5: Mappa della ventosità annua a 75 metri s.l.m. CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 45 artigianali. Negli ultimi anni c''è stata una tendenza di aumento della taglia media di aereogeneratori, che è infatti passato dai 50 kW degli anni ''80 fino ai 5 MW odierni. Si è anche verificato un aumento costante delle potenze installate anche derivato dall''evoluzione tecnica degli aereogeneratori che li ha resi più stabili, con una manutenzione meno frequente (ogni 6 mesi circa) e con durata media di oltre 20 anni. Negli ultimi anni, inoltre, abbiamo assisitito ad un''evoluzione costruttiva che ha permesso l''introduzione sul mercato di aereogeneratori ad asse verticale che hanno delle caratteristiche di durata superiori ai classici generatori a tre pale. In generale nel quinquennio 2004-2008 il numero d''impianti è più che rad- doppiato con un tasso di crescita annuo del 19%. Si prevede, inoltre, un ulteriore sviluppo di impianti eolici di piccole dimensioni derivato da aggior- namenti normativi che prevedono un incentivazione più consistente. Infatti, per gli impianti eolici entrati in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2007, di potenza nominale non superiore agli 0,2 MW l''energia riconosciuta all''intervento e'ettuato immessa nel sistema elettrico può essere incentivata, CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 46 con una tari'a onnicomprensiva di 30 '/Cent al kWh per un periodo di 15 an- ni. Restano comunque in vigore le incentivazioni derivanti dai certificati verdi che sono dei titoli negoziabili corispondenti a un quantitativo di emissione di anidride carbonica. I certificati verdi possono essere rivenduti ad aziende o enti o nazioni che non utilizzano fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica, migliorando il bilancio ambientale globale. Nelle pagine successive, nella sezione che si occupa dell''incentivazione degli impianti da fonti rinno- vabili, verrà approfondito il concetto di certificado verde e certificato bianco, evidenziandone le di'erenze e le peculiarità. 2.3 Gli Impianti fotovoltaici Un modulo fotovoltaico trasforma drettamente l''energia solare in energia elet- trica sfruttando l''e'etto fotovoltaico caratteristico di alcuni materiali presenti in natura tra cui il silicio. Questi semiconduttori, se colpiti da radiazione lu- minosa generano elettricità. L''elemento base di un modulo fotovoltaico è la cella che ha una potenza variabile tra 1 e 2 Watt. Un modulo può contenere decine di celle collegate in serie e a sua volta essere collegato in serie o parallero con altri moduli, formando un generatore che può avere le dimensioni di pochi CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 47 kWp fino a generatori di più MWp. L''unità di misura degli impianti fotovoltaici è il Wp (Watt Peak). Il Wp è la producibilità di una cella alle condizioni standard di laboratorio (STC - standard test condition ) cioè ad una temperatura di 25°, con un irraggiamento di 1000 W/m2 . Il Wp suddivide anche le classi di moduli a seconda del rendimento, si possono trovare sul mercato moduli da 10 Wp fino a 300 Wp. I moduli che formano il generatore devono avere un''esposizione corretta all''irraggiamento solare al fine di produrre energia in maniera ottimale. Nel nostro paese i moduli hano la massima produzione se orientati verso Sud con un''inclinazione di circa 30°. La resa per ogni kWp installato dipende dalla latitudine, da Nord a Sud dell''Italia oscilla tra da i 1000 kWh ai 1400 kWh. Un kWp richiede una superficie netta, a seconda della tecnologia, tra gli 8 e i 10 m2. L''installazione di un impianto fotovoltaico può avvenire su superfici piane, come appezzamenti di terra o su superfici inclinate come tetti, facciate o pareti. Per ogni tipologia d''installazione esistono delle strutture di sostegno fisse o mobili. Le strutture mobili, detti inseguitori, sono in grado di seguire il sole al fine di mantere la superficie dei moduli sempre ortogonale rispetto ai raggi CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 48 Figura 2.6: Schema di collegamento di un impianto fotovoltaico solari. I moduli producono corrente continua che, per essere immessa in rete, ne- cessita di un convertitore statico (inverter). L''inverter trasforma la corrente continua in alternata alla tensione di rete e permettono l''immissione di energia sulla rete elettrica esistente. E'' possibile utilizzare un impianto fotovoltaico senza disporre di una rete elettrica, utilizzando degli accumulatori di corrente. Tale tiplogia di impianto è chiamato 'impianto ad isola' e viene utilizzato in zone dove non è presente una rete elettrica. Storia della tecnologia fotovoltaica Durante l''anno 1839 un fisico francese, Edmond Becquerel si accorse dell''e'etto fotoelettrico mentre faceva esperimenti con una soluzione elettrolitica e due elettrodi metallici. Si accorse che l''esposizione alla luce alterava la corrente tra gli elettrodi. Fu poi nel 1876 che William Grylls Adams e Richard Evans Day CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 49 si accorsero delle proprietà fotoelettriche del selenio. Anche se il selenio aveva un e'cienza molto bassa e fu sostituito con celle al silicio, Adams provò che un materiale allo stato solido poteva convertire la luce in elettricità segnando un notevole passo avanti alla ricerca. Charles Fritts, inventore americano, nel 1883 sviluppò la prima cella solare accoppiando un materiale conduttore con un sottile strato d''oro. La cella aveva un''e'cienza pari all''1%. Russell Shoemaker Ohl è stato un ingegnere americano riconosciuto a livello internazionale come autere del brevetto per le moderne celle solari. Egli fu un noto ricercatore sul comportamento di alcuni cristalli, ha lavorato negli anni ''30 all AT&T Bell Lab. Nel 1939 ha scoperto la barriera PN chiamata 'P-N junction' alla base delle moderne celle fotovoltaiche. La sua ricerca sui cristalli e sui diodi lo portò a sviluppare la prima cella solare al silicio. Nel 1954, tre ricercatori americanti, Gerald Pearson, Calvin Fuller e Daryl Chapin, progettarono una cella al silicio capace di un''e'cienza di conversione pari al 6% con luce solare. Crearono un array di diverse strisce di silicio, ciascuna delle dimensioni di una lama di rasoio, le posizionarono alla luce diretta del sole, facendo in modo che producesse energia elettrica. Crearono quindi il primo modulo fotovoltaico, la cui conseguenza sul mercato fu un CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 50 prototipo di batteria a celle solari annunciata nel 1955 dai laboratori Bell. 2.4 Incentivazione degli impianti da fonti rinno- vabili L''italia ha recepito la direttiva Europea per l''incentivazione da fonti rinno- vabili in modo da ottemperare agli obiettivi del protocollo di Kyoto. L''art. 2 del Dlgs 387/03 identifica le fonti energetiche rinnovabili in ''le fonti ener- getiche non fossili (eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice, idraulica, biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas). In particolare, per biomasse si intende: la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall''agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani.' L''incentivazione e sviluppo delle fonti rinnovabili prevede il rilascio dei certificati verdi e una tari'a omnicomprensiva per impianti infieriori ad 1 MW. La tari'a omnicomprendica è applicabile agli impianti entrati in esercizio a partire dal 1 Gennaio 2008 di potenza elettrica non superiore a 0,2 MW per CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 51 gli impianti eolici e non superiore ad 1 MW per gli altri impianti. Ai sensi dell''articolo 2, comma 144, tabella 3 della Legge Finanziaria 2008 e dell''articolo 3 comma 1 del DM 18/12/2008 gli impianti fotovoltaici non posso- no accedere alla tari'a omnicompreniva ma si applicano gli incentivi descritti nel DM 19/02/2007 detti 'Conto Energia Fotovoltaico'. 2.4.1 Conto Energia Il meccanismo del Conto Energia ha avuto una prima emazione nel 28 luglio 2005 mentre è attualmente regolato dal DM del 19/02/2007. Il Conto Energia incentiva l''energia elettrica prodotta agli impianti fotovoltaici per un periodo di 20 anni. La produzione viene calcolata installando un contatore di produ- zione a monte delle utenze e collegato direttamente all''uscita degli inverter. Al momento del collegamento dell''impianto viene riconosciuta una tari'a che varia in base all''integrazione architettonica. Se l''integrazione architettonica è totale la tari'a è del 5% superiore rispetto ad un impianto fotovoltaico com- planare al tetto. Gli impianti a terra o la cui inclinazione e orientamento si discostino dalla superficie del tetto hanno una tari'a remunerativa minore. Questo meccanismo tende ad incentivare lo smaltimento dell''amianto ricono- CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 52 scendo una tari'a superiore del 5% in caso di rimozione della copertura in amianto e installazione dell''impianto fotovoltaico. Inoltre, scuole, enti sanitari e pubblici possono beneficiare di un ulteriore 5% d''incentivazione. Considerando la radiazione annuale, l''e'cienza e la durata di un impianto fotovoltaico il Conto Energia ammortizza il costo di un impianto fotovoltaico dai 5 ai 10 anni, remunerando il soggetto responsabile dell''impianto per i suc- cessivi 10 anni. Da un punto di vista fiscale il ricavo del Conto Energia, per un privato, non si cumula al reddito dato che è considerato un incentivo a fondo perduto. L''azienda, invece, detrae annualmente una quota d''ammortamento pari a circa il 9% e porta l''acquisto dell''impianto a credito IVA. L''incentiva- zione del Conto Energia prescinde dal risparmio energetico o dall''utilizzo che se ne fa. E'' un meccanismo di copertura dell''investimento che ha lo scopo di mantenere in esercizio gli impianti fotovoltaici più a lungo possibile. 2.4.2 Certificati Verdi I certificati verdi sono titoli negoziabili per l''incentivazione da fonti rinnovabili che corrispondo ad una quantità definita di emissioni di andiride carbonica. E'' una quantificazione del risparmio di un impianto da fonti rinnovabili (solare, CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 53 eolico etc..) rispetto ad uno da fonti fossili (petrolio, gas, carbone) espressa come quantità di anidride carbonica evitata. Il gestore dell''mpianto richiede un certificato verde dal GSE (Gestore Servi- zi Energetici) che può rivendere ad industrie o attività che dovrebbero utilizzare delle fonti rinnovabili ma non lo fanno. I certificati verdi sono stati introdotti a seguito della liberalizzazione del settore elettrico. Essi permettono alle imprese che non possono produrre il 2% di fabbisogno di energia da fonti rinnovabili di rispettarne l''obbligo acquistando i certificati presso la borsa del GSE fino a raggiungere il 2% della propria produzione. Tale quota si incrementa dello 0,35% dal 2004. I certificati verdi possono essere accumulati e venduti successivamente al rialzo a causa della domanda di mercato. Questo meccanismo crea un mercato di titoli energetici che possono es- sere scambiati incrementando i profitti per quelle aziende che riducono i gas inquinanti utilizzando il meccanismo del libero mercato. Il meccanismo d''in- centivazione può essere calibrato in modo da poter sviluppare alcuni settori invece che altri in modo da poter evitare conseguenze derivanti dalla degrada- zione del territorio o di paesaggi di valore storico culturale per l''installazione CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 54 selvaggia diuna determinata tipologia di impianti. Inoltre il meccanismo dei certificati verdi deve essere valutato come una parte dei meccanismi d''incen- tivazione delle fonti rinnovabili e per l''ottimizzazione delle risorse energetiche del paese. 2.4.3 Certificati Bianchi I certificati bianchi sono un titolo che attesta il risparmio energetico. I distri- butori di energia elettrica e gas hanno il diritto di ricevere un certificato bianco al momento del raggiungimento del risparmio equivalente ad una tonnellata di petrolio. Per far questo intervengono attraverso la cogenerazione o attraverso misure di promozione rivolte agli utenti finali e che abbiano lo scopo di dimi- nuire il consumo energetico. Ogni certificato equivale a 100 euro per 5 anni e ha la conseguenza di far risparmiare ai consumatori fino a 800 euro l''anno. Dato che il meccanismo funziona e negli ultimi anni ha dato dei risultati superiori alle previsioni è logico pensare che saranno fissati obiettivi più ambi- ziosi di risparmio energetico al 2012 che potrebbero arrivare a circa 5 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio riducendo le emissioni di anidride carbo- nica di 13 milioni di tonnellate pari alle emissioni di 6 milioni di auto. Questo CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 55 strumento permette di avvicinarci considerevolmente all''obiettivo fissato per l''accordo di Kyoto. 2.5 Lo Scambio sul Posto: risparmio sulle spese energetiche Con il termine di 'Scambio sul Posto' si identifica la possibilità di un utente di produrre e utilizzare l''energia autoprodotta connettendola al proprio impianto elettrico. L''energia prodotta attraverso fonti rinnovabili viene collegata in parallelo alle utenze in bassa tensione. Dato che l''energia prodotta localmente viene immessa ad una tensione di poco superiore alla tensione di rete, questa ha la priorità sull''assorbimento delle utenze. Tramite questo meccanismo si ottiene un considerevole risparmio energetico derivante dal mancato prelievo di energia per i propri bisogni dalla rete elettrica. L''energia prodotta in eccesso viene poi ceduta alla rete e conteggiata tramite un apposito contatore. Il GSE remunera l''immissione in rete corrispondendo una tari'a per ciascun kWh immesso. L''assorbimento da rete quindi avviene esclusivamente per carichi superiori rispetto alla produzione istantanea o nelle ore di fermo del generatore. CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 56 Figura 2.7: Collegamento di un generatore fotovoltaico per lo scambio sul posto Tale meccanismo di collegamento incentiva il consumo istantaneo dell''e- nergia prodotta dal generatore mentre risulta poco conveniente la cessione alla rete e il successivo rimborso per ciascun kWh immesso dato che il prezzo di cessione risulta pesantemente inferiore a quello di acquisto. 2.6 Ottimizzazione dei consumi rispetto alla pro- duzione Per sua natura l''energia prodotta da fonti rinnovabili non è totalmente pre- vedibile quindi il concetto dell''utilizzo sfruttando al massimo l''erogazione di energia dalla fonte nell''istante di produzione permette un risparmio generale sia per l''utente che per il gestore di rete il quale non è costretto a sostenere i CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 57 Tabella 2.1: Percentuale di consumo in tari'a fascia bassa e tari'a fascia alta di un''abitazione. Consumo annuale fascia alta fascia bassa costo fascia alta ( 0,22 '/kWh) costo fascia bassa (0,14 '/kWh) totale costi energia 8000 kWh 4000 kWh (50%) 4000 kWh (50%) 880,00 ' 600,00 ' 1480,00 ' 8000 kWh 2000 kWh (25%) 6000 kWh (75%) 440,00 ' 840,00 ' 1280,00 ' 8000 kWh 6000 kWh (75%) 2000 kWh (25%) 1320,00 ' 280,00 ' 1600,00 ' costi di dispacciamento e le relative perdite di potenza. Se poi individuiamo esclusivamente impianti di media piccola entità quindi inferiori ai cento kilowatt possiamo considerare l''ottimizzazione dello scambio sul posto come il miglior meccanismo di risparmio energetico. A tale a'er- mazione possono seguire degli esempi di conferma. Ipotizziamo, com''è nella stragrande maggioranza dei casi, un''abitazione che consuma energia e le viene tari'ata secondo due fasce, la fascia alta dalle ore 8.00 alle ore 19.00 e la fascia bassa dalle 19.00 alle 8.00. A seconda dell''utilizzo dell''energia il costo totale annuo della spesa elettri- ca può variare dal dieci al venti per cento meno se si ottimizzano i consumi nella fascia più conveniente di utilizzo. Se inseriamo poi una fonte di energia rinnovabile, quindi per sua natura non prevedibile, allora possiamo ancora di CAPITOLO 2. LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 58 Tabella 2.2: Percentuale di risparmio con scambio sul posto da fonte rinnovabile Consumo annuale prelievo da rete utilizzo rinnovabile costo medio da rete (0,18 '/kWh) costo utilizzo rinnovabile totale costi energia 8000 kWh 4000 kWh (50%) 4000 kWh (50%) 720,00 ' 0,00 ' 720,00 ' 8000 kWh 2000 kWh (25%) 6000 kWh (75%) 360,00 ' 0,00 ' 360,00 ' 8000 kWh 6000 kWh (75%) 2000 kWh (25%) 1080,00 ' 0,00 ' 1080,00 ' più rendere conveniente l''utilizzo dell''energia prodotta da tale fonte ottenendo dei risparmi superiori al settacinque per cento, come da tabella. Le tabelle indicano chiaramente come l''utilizzo delle fonti rinnovabili nel momento della produzione possa essere rilevante ai fini del risparmio energetico della singola unità abitativa o artigianale. A tale proposito è stato e'ettuato uno studio per la riduzione dei costi e l''ottimizzazione dei consumi da fonti rinnovabili tramite impianto domotico. Capitolo 3 Progetto ottimizzazione consumi L''idea alla base del sistema realizzato è l''implementazione di un componente di acquisizione dati dall''impianto elettrico e la pubblicazione delle informazioni in un database dove risiede la logica di ottimizzazione e automazione dell''utilizzo dell''energia. E'' stato implementato un sottosistema autonomo di acquisizione e attivazione di carichi che permette l''ottimizzazione locale di carichi ausiliari, come l''irrigazione, l''accumulo termico e la ricarica di determinati dispositivi a batteria che non hanno delle priorità di utilizzo o tempistiche specifiche di utilizzo. 59 CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 60 Tabella 3.1: Collegamento elettrico modulo logico 3.1 Modulo logico Siemens LOGO! Al fine di progettare un sistema che possa essere modulare ed ottimizzare l''assorbimento dei carichi all''interno di un''abitazione è stato valutato l''utilizzo di un micro plc programmabile con un linguaggio semplificato tipo ladder. Il modulo logico utilizzato è il modulo LOGO! della Siemens [4]. Il modulo logico permette di realizzare applicazioni nell''ambito dell''im- piantistica civile, automazioni e armadi elettrici con particolari funzionalità di controllo. Il modulo logico ha un display e quattro tasti di controllo per la modifica di parametri e per la visualizzazione degli stati di funzionamento. Al modulo logico standard è stato unito il modulo di comunicazione Konnex che permette la trasmissione di alcuni valori su bus Konnex.. Il componente Konnex è un modulo di comunicazione per il collegamento CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 61 di LOGO! ad un sistema domotico. Fungendo da interfaccia verso Konnex il modulo CM KNX consente di comunicare con altri dispositivi all''interno del- l''impianto. Gli I/O di LOGO! vengono mappati con gli indirizzi Konnex in modo da poter essere utilizzati dall''esterno. Nell''implementazione del dispo- sitivo la mappatura avviene solo in uscita attraverso la pubblicazione dei dati di input del contatore. 3.1.1 Descrizione fisica del modulo e programmazione Il modulo logico LOGO! si installa su guida din e permette l''inserimento in un centralino. E'' stato inserito un alimentatore da 12/24V in corrente continua e l''espansione EIB/KNX. La versione del modulo a 12/24 V permette l''utilizzo di 4 ingressi analogici e 4 digitali. L''ingresso analogico ha in ingresso una tensione (da 0 a 10 V) ideale per l''utilizzo con sensori di temperatura, irraggiamento o umidità, mentre gli in- gressi digitali permettono la valutazione dell''ingresso con solo i due valori acce- so/spento. Il modulo riesce a valutare la tensione in ingresso o altri parametri fisici ad essa correlata. Le uscite del modulo sono a transistor o a relè e permettono l''accensione e lo CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 62 Figura 3.1: Collegamento elettrico del LOGO! spegnimento di determinati carichi collegati. Il modulo permette l''elaborazione dei dati in ingresso, la pubblicazione sul bus konnex e l''attivazione di carichi ausiliari collegati alle uscite. 3.1.2 Programmazione del modulo logico Il modulo logico utilizzato può essere programmato con un linguaggio a con- tatti a logica ladder. Questo linguaggio di programmazione è un linguaggio logico/funzionale e rappresentabile da un diagramma grafico di un circuito a relè equivalente. Tale linguaggio fu sviluppato per i PLC (Logic Programma- ble Controllers) e usato nelle applicazioni industriali. Il nome ''ladder'' deriva dal significato inglese, ''scala'', dato che la rappresentazione classica di un pro- gramma con tale logica ha le sembianze di due binari verticali collegati da pioli CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 63 (rungs) che rappresentano delle funzioni. Il linguaggio ladder aveva l''obiettivo di poter essere usato da un''ampia varietà di ingegneri e tecnici che avrebbero dovuto comprenderne il significa- to e utilizzarlo senza particolare formazione dato che ogni programma veniva rappresentato come un circuito hardware. Tale obiettivo originario è diven- tato sempre meno importante dato che, con il passare del tempo, la maggio- ranza degli ingegneri avevano acquisito delle competenze di programmazione software. Con il passare del tempo, poi, l''implementazione di funzioni sem- pre più complesse hanno reso il tipico programma sempre più distante dalla rappresentazione hardware. La logica di ladder è largamente utilizzata per programmare i PLC o do- ve sia necessario esecuzioni di istruzioni sequenziali o di controllo del flusso del programma e dove l''utilizzo della logica a relé renderebbe l''implementa- zione hardware costosa e lunga. Con lo sviluppo delle versioni di ladder o di linguaggi a contatti simili e di hardware sempre più sofisticato, il linguaggio viene utilizzato per implementare operazioni complesse e spesso interfacciarsi con software che girano su computer workstation con sistemi operativi non specializzati. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 64 Lo sviluppo dell''informatica e dell''esigenza di controllare l''automazione ad alto livello hanno permesso lo sviluppo di software, hardware e di protocolli specifici per l''espansione e la comunicazione con questi dispositivi specializzati che un tempo avevano vita a sé stante. 3.1.3 Limitazioni della notazione ladder La notazione a binario di ladder e dei linguaggi a contatti è ottimale per risol- vere problemi di controllo dove è richiesto l''utilizzo esclusivo di variabili binarie e dove non ci siano accessi multipli su dati condivisi. L''esecuzione di un ramo del programma è sequenziale ma, a causa delle varie logiche di controllo delle condizioni dei rung dipendenti dall''implementazione del linguaggio, all''inter- no del ramo possono verificarsi risultati non deterministici. Rami complessi del programma dovrebbero quindi essere decomposti in semplici istruzioni per evitare il verificarsi di problemi di ''race condition''.Alcuni produttori risolvono tali situazioni specificando l''ordine di esecuzione di un ramo (rung) anche se risulta ugualmente di'cile per un programmatore cogliere l''e'ettiva semantica di un calcolo complesso così descritto. Altre operazioni aritmetiche o su dati complessi risultano di'cili da rappresentare con questa tipologia di program- CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 65 mazione e molti produttori di'erenziano a loro modo la notazione per aggirare tali di'coltà. Altre limitazioni sono il mancato o limitato supporto agli array e ai loop che incrementano la complessità e ripetitività del codice. Dato che i microprocessori sono sempre più potenti e multitasking, le notazioni come i diagrammi funzionali e i blocchi di funzioni possono sostituire la logica ladder con le solite prestazioni. Controller logici complessi hanno al loro interno dei linguaggi che ricordano il BASIC o il C che sostituiscono la logica ladder e risultano più adeguati alle applicazioni moderne. 3.1.4 Le funzioni del modulo logico La programmazione del modulo logico avviene attraverso l''utilizzo di funzioni logiche prestabilite che hanno uno o più ingressi ed uno o più uscite. Il pro- gramma segue un flusso che parte dagli ingressi e comanda le uscite, le celle di memoria, il bus o il display. Il flusso di programma può essere variato at- traverso l''introduzione di una temporizzazione per l''attivazione delle funzioni. Qualsiasi circuito elettrico può essere tradotto in un programma di comando adatto al modulo. Una volta che il programma è stato scritto è possibile definire il "ciclo CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 66 di programma" che è l''esecuzione completa di un programma di comando, quindi la lettura degli ingressi, l''elaborazione del programma e la lettura delle uscite. Il tempo di ciclo è il tempo necessario per elaborare il programma completamente per una volta. Le funzioni di base utilizzabili sono: ' AND: ha una serie di ingressi e l''uscita assume lo stato 1 solo se gli ingressi hanno lo stato 1 ' AND'': (con valutazione del fronte) si comporta come l'' AND ma l''u- scita assume lo stato 1 se nel ciclo precedente almeno un ingresso aveva lo stato a 0. ' NAND: l''uscita assume lo stato 1 solo se tutti gli ingressi hanno stato 0. ' NAND'': (con valutazionde del fronte) l''uscita assume lo stato 1 solo se un ingresso ha lo stato 0 e tutti gli ingressi nel ciclo precedente avevano stato 1. ' OR: assume lo stato 1 se almeno un ingresso ha lo stato 1, cioè se almeno uno dei contatti è chiuso. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 67 ' NOR: assume lo stato 1 solo se tutti gli ingressi hanno lo stato 0, cioè se sono disattivati. Non appena un ingresso si attiva (stato 1), l''uscita del blocco assume lo stato 0. ' XOR: assume lo stato 1 se gli ingressi hanno stati diversi. ' NOT: assume lo stato 1 se l''ingresso ha lo stato 0, inverte lo stato dell''ingresso. Oltre alle funzioni base sono implementate delle funzioni speciali al fine di ottenere un controllo completo del flusso di lavoro e per e'ettuare elaborazioni complesse sui dati in ingresso e valutazioni di carattere numerico, comparazioni e valutazioni analogiche sui valori. 3.1.5 La ritenzione dei blocchi Alcune funzioni possono essere impostati come ritentive. Questo implica che in caso di caduta della rete elettrica il contenuto attuale dei singoli blocchi rimane memorizzato e che al ritorno della tensione il funzionamento del blocco riprende dal punto in cui era stato interrotto. Il timer, ad esempio, in caso di abilitazione della ritenzione continua il conteggio del tempo dal punto in CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 68 cui è stato interrotto. L''abilitazione delle ritenzione deve essere e'ettuata dal programmatore per ciascun singolo blocco. I blocchi ritentivi di default sono: ' Contatore ore d''esercizio ' Timer settimanale ' Timer annuale ' Regolatore PI 3.1.6 Le funzioni speciali del modulo logico Il modulo logico utilizzato ha una varietà ampia di funzioni speciali. Vengono riportate con una breve descrizione esclusivamente le funzioni utilizzate al fine di avere una panoramica globale sulle potenzialità dello sviluppo del progetto. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 69 Figura 3.2: Ritardo all''attivazione Il conteggio del tempo Ta viene avviato quando lo stato dell''ingresso Trg passa da 0 a 1. Se l''ingresso Trg mantiene lo stato 1 almeno per il tempo T configu- rato, allo scadere del tempo T l''uscita viene impostata a 1 (cioè viene attivata in ritardo rispetto all''ingresso). Se l''ingresso Trg passa a 0 prima che sia tra- scorso il tempo T, il tempo viene resettato. L''uscita viene posta di nuovo a 0 quando il segnale nell''ingresso Trg è 0. Se la ritenzione non è attiva, in caso di caduta della rete elettrica l''uscita Q e il tempo già trascorso vengono resettati. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 70 Figura 3.3: Ritardo alla disattivazione Quando l''ingresso Trg assume lo stato 1, l''uscita Q commuta immediatamente su 1. Se il segnale in Trg passa da 1 a 0, viene riavviato il conteggio del tempo attuale Ta e l''uscita resta attiva. Quando Ta raggiunge il valore impostato in T (Ta=T) l''uscita Q viene resettata a 0 con un ritardo alla disattivazione. Il conteggio del tempo Ta riparte in seguito a un impulso nell''ingresso Trg. L''ingresso R (Reset) può essere utilizzato per resettare il tempo Ta e l''uscita prima che sia trascorso il tempo Ta. Se la ritenzione non è attiva, in caso di caduta della rete elettrica l''uscita Q e il tempo già trascorso vengono resettati. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 71 Figura 3.4: Ritardo all''attivazione/disattivazione Quando lo stato nell''ingresso Trg passa da 0 a 1, il tempo TH inizia a tra- scorrere. Se Trg mantiene lo stato 1 almeno per il tempo TH, al termine di TH l''uscita viene posta a 1 (cioè viene attivata in ritardo rispetto all''ingresso). Se lo stato nell''ingresso Trg torna a 0 prima che sia trascorso il tempo TH, il tempo viene resettato. Una transizione da 1 a 0 nell''ingresso Trg attiva il tempo TL. Se lo stato dell''ingresso Trg rimane 0 almeno per il tempo TL, al termine di TL l''uscita viene posta a 0 (cioè viene disattivata in ritardo rispetto all''ingresso). Se lo stato nell''ingresso Trg torna a 1 prima che sia trascorso il tempo TL, il tempo viene resettato. Se la ritenzione non è attiva, in caso di caduta della rete elettrica l''uscita Q e il tempo già trascorso vengono resettati. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 72 Figura 3.5: Ritardo all''attivazione con memoria Quando lo stato nell''ingresso Trg passa da 0 a 1 inizia il conteggio del tempo attuale Ta. Quando Ta diventa uguale a T l''uscita Q viene impostata a 1. Una nuova commutazione nell''ingresso Trg non influisce in alcun modo sul tempo Ta. L''uscita e il tempo Ta vengono resettati quando l''ingresso R commuta a 1. Se la ritenzione non è attiva, in caso di caduta della rete elettrica l''uscita Q e il tempo già trascorso vengono resettati. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 73 Figura 3.6: Relè ad intermittenza Una transizione da 0 a 1 nell''ingresso Trg imposta l''uscita e avvia il conteggio del tempo Ta durante il quale l''uscita rimane impostata. Quando Ta raggiunge il valore impostato in T (Ta = T), l''uscita Q viene resettata (uscita di impulsi). Se l''ingresso Trg passa da 1 a 0 prima che sia trascorso il tempo specificato, l''uscita viene resettata immediatamente. Se la ritenzione non è attiva, in caso di caduta della rete elettrica l''uscita Q e il tempo già trascorso vengono resettati. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 74 Figura 3.7: Generatore casuale Quando lo stato del segnale nell''ingresso En passa da 0 a 1, viene avviato il conteggio di un tempo casuale di ritardo all''attivazione compreso tra 0 s e TH. Se lo stato del segnale nell''ingresso En rimane 1 almeno per il tempo di ritardo all''attivazione, trascorso tale tempo l''uscita commuta a 1. Se lo stato nell''in- gresso En ritorna 0 prima che sia trascorso il tempo di ritardo all''attivazione, il tempo viene resettato. Una transizione da 1 a 0 nell''ingresso EN avvia il conteggio di un tempo casuale di ritardo alla disattivazione compreso tra 0 s e TL. Se lo stato del segnale nell''ingresso En rimane 0 almeno per il tempo di ritardo alla disattivazione, trascorso tale tempo l''uscita commuta a 0. Se lo stato del segnale nell''ingresso En torna a 1 prima che sia trascorso il tempo di ritardo alla disattivazione, il tempo viene resettato. In caso di caduta della rete elettrica il tempo già trascorso viene resettato. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 75 Figura 3.8: Contatore Avanti e Indietro Ad ogni fronte positivo nell''ingresso Cnt il contatore interno viene incrementato (Dir = 0) o decrementato di uno (Dir = 1). L''ingresso di reset R consente di resettare il valore di conteggio interno riportandolo al valore iniziale. Finché R = 1 l''uscita rimane a 0 e gli impulsi nell''ingresso Cnt non vengono contati. Se la ritenzione non è attiva, in caso di caduta della rete elettrica l''uscita Q e il tempo già trascorso vengono resettati. L''uscita Q viene impostata o resettata in funzione del valore attuale Cnt e dei valori di soglia impostati. Si tenga presente la formula descritta di seguito. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 76 Figura 3.9: Contatore ore di esercizio Il contatore delle ore d''esercizio controlla l''ingresso En. Se En = 1 LOGO! calcola il tempo trascorso e il tempo rimanente MN. LOGO! mostra tali tempi nel modo Parametrizzazione. L''uscita Q viene impostata a 1 quando il tempo rimanente MN è = 0. Un segnale nell''ingresso di reset R resetta l''uscita Q e imposta nel contatore il valore predefinito di MI per l''intervallo di tempo MN. Il contatore delle ore d''esercizio OT resta invariato. Un segnale nell''ingresso di reset Ral resetta l''uscita Q e imposta nel contatore il valore predefinito di MI per l''intervallo di tempo MN. Il contatore delle ore d''esercizio OT viene resettato a 0. A seconda di come è stata configurato il parametro Q, l''uscita viene resettata in presenza di un segnale nell''ingresso R o Ral ("Q''0:R"), quando un segnale di reset diventa 1 o se il segnale EN viene impostato a 0 ("Q''0:R+En"). CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 77 Figura 3.10: Interrutore a valore di soglia La funzione legge il valore analogico del segnale presente nell''ingresso Ax. Ax viene moltiplicato per il valore del parametro A (Gain). Il parametro B (O'set) viene poi sommato al prodotto ottenuto. Pertanto: (Ax ' Gain) + O'set = valore attuale di Ax. L''uscita Q viene impostata o resettata in funzione dei valori di soglia impostati. Si tenga presente la formula descritta di seguito. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 78 Figura 3.11: Interruttore a valore di soglia analogico La funzione legge il valore analogico del segnale presente nell''ingresso Ax. Ax viene moltiplicato per il valore del parametro A (Gain). Il parametro B (O'set) viene poi sommato al prodotto ottenuto. Pertanto: (Ax ' Gain) + O'set = valore attuale di Ax. L''uscita Q viene impostata o resettata in funzione dei valori di soglia impostati. Si tenga presente la formula descritta di seguito. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 79 Figura 3.12: Comparatore analogico La funzione legge i valori analogici degli ingressi Ax e Ay. Ax e Ay vengono moltiplicati per il valore di A (Gain) e il valore di B (O'set) viene poi sommato al prodotto ottenuto, per cui: (Ax ' Gain) + O'set = valore attuale Ax o (Ay ' Gain) + O'set = valore attuale Ay. La funzione calcola la di'erenza ("�") tra i valori attuali Ax - Ay. L''uscita Q viene impostata o resettata in funzione della di'erenza tra i valori attuali Ax - Ay e dei valori di soglia impostati. Si tenga presente la formula descritta di seguito. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 80 Figura 3.13: Amplificatore analogico La funzione legge il segnale analogico presente nell''ingresso Ax. Il valore viene moltiplicato per il parametro A (Gain). Il parametro B (O'set) viene poi sommato al prodotto ottenuto, (Ax ' Gain) + O'set = valore attuale Ax. Il valore attuale Ax viene emesso nell''uscita AQ CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 81 3.2 Nomenclatura e concetti generali Al fine di comprendere l''implementazione e la realizzazione del sistema sia dal profilo fisico che informatico si rende necessario specificare alcuni concetti di utilizzo generale che sono stati alla base del progetto. ' P = V I la potenza espressa in Watt è uguale all''intensita espressa in Amperé moltiplicata per la tensione espressa in Volt ' kWh (kilowattora) è l''unità di misura della quantità di energia cioè rappresenta l''assorbimento di un kilowatt per un''ora ' Uscita a contatto pulito è un''output fisico di un contatto che si chiude nel momento in cui vuole trasmettere un dato, ad esempio, nel caso dei contatori l''apertura e chiusura del contatto un determinato numero di volte indica l''assorbimento di un kilowattora. ' Dato che un kilowattora è l''assorbimento di un kilowatt per un''ora di tempo, il rapporto tra numero di impulsi tipico (2000) e potenza media assorbita(p) è il seguente: i = 1 2000 kW h ' Avendo in ingresso il numero di impulsi per un certo tempo t espres- so in minuti per calcolare la quantità di energia assorbita in un''ora x CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 82 utilizziamo la seguente formula: x = i 2000 60 t p = x a questo punto la potenza istantanea media assorbita espressa in kilowatt risulta equivalente alla quantità di energia assorbita in un''ora espressa in kilowattora. 3.3 Descrizione dell''implementazione L''implementazione del sistema ha richiesto l''utilizzo di un ingresso analogico per la valutazione dell''irraggiamento e due ingressi digitali collegati a due con- tatori monofase per la valutazione dell''energia prodotta e dell''energia assorbita dall''impianto. E'' stato scelto un contatore monofase di basso costo con uscita a contatto pulito S0. Come da specifica del contatore ogni duemila impulsi il display CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 83 Figura 3.14: Contatore monofaso con uscita impulsi conteggia un kilowattora consumato. Al fine di ottenere la potenza istanta- nea media è necessario e'ettuare una media nei dieci minuti,così come per i contatori di energia domestici. Quindi, avendo la tensione fissa a 230V se in dieci minuti il sistema con- teggia mille impulsi risulta un assorbimento di 0,5 kWh con t = 10 minuti, ap- plicando la formula su menzionata si rileva un assorbimento istantaneo medio di tremila watt. x = 1000
2000 60
10 = 3kW h = 3000W I tremila watt di assorbimento calcolati dal contatore ausiliario di assorbimento CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 84 vengono comparati con i dati del contatore ausiliario di produzione installato dopo il contatore di produzione Enel dell''impianto da fonte rinnovabile. Il contatore ausiliario di produzione non fa altro che trasmettere i dati di produzione dell''impianto fotovoltaico con il solito meccanismo degli impulsi. I due dati vengono comparati dal sistema e trasmessi sul bus Konnex. Inoltre il sistema plc valuta anche la produzione dell''impianto solare attraverso la comparazione dei dati del piranometro con quelli del contatore di produzione ausiliario. Il piranometro ha in uscita una tensione variabile da 0 a 10 V, la tensio- ne è direttamente proporzionale all''irraggiamento. Se il piranometro indica la presenza di irraggiamento ma il contatore in uscita dall''inverter registra un abbassamento anomalo della produzione, allora interviene un allarme di mal- funzionamento impianto. Il piranometro può semplicemente essere sostituito da un anemometro o da un flussometro a seconda della tipologia di impianto da fonte rinnovabile installato. La valutazione dell''assorbimento istantaneo è stata valutata per un inter- vallo di almeno dieci minuti dato che le fonti rinnovabili hanno una produzione direttamente dipendente dalle condizioni metereologiche e quindi, valutando CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 85 Figura 3.15: Input di sistema e utilizzo degli ingressi del modulo logico CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 86 l''istantanea, avremmo rischiato di accendere e spegnere continuamente i carichi provocando, nel lungo periodo, dei malfunzionamenti. I dieci minuti di valutazione permettono di stabilizzare l''accensione dei carichi rendendoli indipendenti da nuvole passeggere nel caso di pannelli solari o da mancanza temporanea di vento nel caso di pale eoliche. Per quanto riguarda le uscite, nel caso sviluppato sono stai considerati tre interruttori, il primo interruttore Q1 si attiva quando la produzione del- l''impianto da fonti rinnovabili supera l''assorbimento del contatore, la seconda Q2, esclusivamente a scopo didattico, si attiva quando l''assorbimento da parte delle utenze supera la produzione dell''impianto. La terza uscita Q3 si attiva quando c''è un malfunzionamento dell''impianto e cioè quando si ha un valo- re di irraggiamento dal piranometro molto superiore rispetto alla produzione dell''impianto. E'' stato poi inserito un contatore delle ore di esercizio al fine di disattivare il sistema durante le ore serali o di non produzione in modo da trasmettere esclusivamente dati significativi non sovraccaricando il bus di messaggi. Considerando l''implementazione con un boiler elettrico per il riscaldamento di acqua calda sanitaria, l''accensione del boiler avviene esclusivamente quando CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 87 Figura 3.16: Visualizzazione delle uscite del sistema si verifica una sovraproduzione di energia permettendo l''accumulo di energia termica all''interno del boiler. Tale dispositivo potrebbe essere anche utilizzato in sistemi stand-alone ove è importante ottimizzare la produzione delle fonti rinnovabili al massimo e quindi, invece che essere collegato con un accumulo di energia termica si potrebbe utilizzare un pacco batterie in serie con regolatore di carica. E'' interessante notare che nel caso in cui si vogliano inserire assorbimenti di più di un apparecchio è possibile sequenzializzare i carichi senza ulteriori modifiche al programma, mettendo in cascata l''accensione dell''uscita Q1 con l''uscita Q4 al tempo di controllo successivo. Ciò compromette il tempo di CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 88 reazione alla diminuzione della produzione che diventa più lento (20 minuti) ma, nel caso di impianti da fonte rinnovabile, maggiori o uguali ai sei kilo- watt di picco, permette un miglior utilizzo dell''energia nei tempi di mancato assorbimento da parte delle utenze. In caso di più assorbimenti sequenziali risulta interessante anche perchè l''accumulo termico potrebbe essere arrivato a temperatura e quindi non ri- chiedere più energia. Il secondo carico potrebbe in maniera complementare assorbire l''eccesso di produzione non più assorbita dal primo. Al fine di valu- tare il corretto utilizzo del sistema è necessario e'ettuare un dimensionamento rispetto alle abitudini di utilizzo dell''energia dell''impianto. 3.4 Programma di controllo del plc Il programma di controllo del plc è stato scritto con un linguaggio a contatti con logica ladder, la sua implementazione può essere visualizzata come un diagramma con dei blocchi di funzione a cui viene associato un determinato comportamento. Il nucleo del programma prevede un tempo di attesa di dieci minuti durante il quale vengono contati gli impulsi dei due contatori. Alla fine del tempo di CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 89 attesa si e'ettua la comparazione del conteggio, la trasmissione dei dati dei due contatori e del piranometro su bus e si resetta il tempo. Per i successivi dieci minuti, prima di resettare il tempo, viene e'ettuata la scelta di aprire o meno l''uscita corrispondente per l''attivazione del carico. Non essendo un linguaggio di programmazione procedurale è stata utiliz- zata la funzione di temporizzazione per creare un ciclo di polling continuo dei dati dei dati dei contatori. A causa poi del comportamento aleatorio dell''imple- mentazione simulata di contatti elettrici è stata utilizzata una temporizzazione interna al fine di sequenzializzare correttamente l''esecuzione delle funzioni. Nel caso si interrompa l''esecuzione a causa per la caduta di tensione, sono stati utilizzati funzioni a ritenzione per memorizzare lo stato corrente, anche se il ripristino del funzionamento è automatico e si stabilizza nell''arco di dieci minuti, il tempo per una prima valutazione dei dati di input. Da un punto di vista di trasmissione dati, nel caso di mancata tensione biso- gnerebbe sottrarre il tempo dell''ultima valutazione al tempo attuale e mandare un datagram sul bus per malfunzionamento in modo da evitare omissioni di dati che portano ad una non corretta valutazione delle abitudini di consumo. Ciò comunque risulta irrisorio nel momento in cui si utilizzi il sistema già da CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 90 Figura 3.17: Programma di controllo del plc CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 91 diverso tempo dato che le medie statistiche appiattiscono i picchi di consu- mo e di non utilizzo dell''impianto fornendo dei dati significativi nonostante le alterazioni momentanee e sporadiche del sistema. Dallo schema non viene evidenziata la trasmissione su bus. La trasmissione avviene attraverso delle uscite AQ1 e AQ2 dove viene trasmesso il dato dei due contatori di produzione. Non è possibile modificare il datagram di uscita su bus konnex quindi, per rendere il dato leggibile su bus, è stata usata la funzione di matematica analogica. Il dato trasmesso rappresenta un intero da 0 a 100 dove, attraverso la funzione matematica si invia il numero degli impulsi nell''arco temporale di ciascun contatore.. La funzione è calibrata sui dati di targa del contatore monofase, nel caso implementato il contatore supportava un assorbimento massimo di sei kilowatt. Nella parte di statistiche e controllo diventa importante la configurazione iniziale del sistema in modo da essere allineata con gli e'ettivi componenti installati in modo da non avere discrepanze in fase di lettura dei dati dal bus. E'' stata scelta questa tipologia di trasmissione in modo da poter, in futuro, parametrizzare attraverso il plc e la sua interfaccia, i dati di targa dei contatori e del sensore in modo da poter utilizzare il sistema anche con CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 92 componenti diversi . Riassumendo i dati parametrizzabili sul plc potrebbero essere: 1. numero di impulsi per ciascun kWh e per ciascun contatore 2. range d''ingresso espresso in Volt del sensore 3. e'cienza del sistema di conversione 4. intervallo di valutazione dei contatori espresso in minuti 5. intervallo di trasmissione dei dati sul bus espresso in minuti o in cicli di valutazione attraverso la parametrizzazione di questi dati il sistema risulta molto flessibile e scalabile anche per impianti diversi dal residenziale. 3.4.1 Interfaccia e pulsanti di controllo Il plc utilizzato possiede un display con quattro righe dove poter visualizzare delle informazioni essenziali e quattro pulsanti di controllo, (C1-C4). Allo sco- po di poter avere un minimo di controllo sul sistema sono state implementate quattro schemate d''interfaccia. La prima schermata si riferisce all''assorbimen- to dell''energia prodotta, quindi riporta il funzionamento corretto dell''impian- CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 93 Figura 3.18: Impianto a regime e assorbimento locale Figura 3.19: Assorbimento da rete, uscita Q1 non attiva, visualizzazione irraggiamento to da fonte rinnovabile e la percentuale di irraggiamento ottenuta tramite la conversione del segnale del piranometro. La seconda schermata indica l''insu'cienza di produzione e quindi l''as- sorbimento di energia dalla rete, quando viene visualizzata questa schermata si presuppone il carico collegato all''uscita Q1 non attivo. Anche la seconda schermata riporta la situazione in tempo reale dell''irraggiamento. Entrambe le schermate riportano la data e l''ora corrente. La terza schermata indica le ore di esercizio e vi si accede attraverso la CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 94 Figura 3.20: Ore di esercizio e reset delle ore Figura 3.21: Malfunzionamento dell''impianto di produzione pressione del tasto C1. Con la pressione del tasto C2 si ha il reset delle ore di esercizio altrimenti dopo pochi minuti si visualizza il funzionamento normale del sistema. La quarta schermata indica il malfunzionamento del sistema e quindi un avviso di allarme. In concomitanza con la visualizzazione del malfunzionamen- to si attiva l''uscita Q3 per un''eventuale luce di avviso del malfunzionamento. A tale proposito risulta interessante valutare l''irraggiamento e la produzione dell''impianto di energia direttamente dal display. A causa del poco spazio del display l''interfaccia implementa può fornire solo CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 95 dati essenziali. E'' stato preso in considerazione la temporanea disattivazione del sistema in caso di manutenzione dell''impianto oppure in caso di assenza dal- l''abitazione. In questo stato il sistema cede l''energia prodotta completamente alla rete del distributore. 3.5 Limiti e vantaggi della soluzione implemen- tata La scelta del plc adatto è stata molto delicata. E'' stato scelto il LOGO! della Siemens dato che a fronte di un sistema flessibile, programmabile ed economi- co ha la possibilità di interlocuire con gli impianti domotici e quindi può dar spazio a successivi miglioramenti del sistema. Infatti con l''implementazione programmata, i carichi devono essere localmente posizionati nelle vicinanze del plc in modo da poter essere attivati direttamente. Questa limitazione può essere superata attraverso il collegamento attivo con un impianto domotico dove il sistema, invece di attivare le sue uscite Q1-Q5 a transistor, può manda- re dei messaggi a determinati indirizzi dell''impianto attivando o disattivando carichi distanti rispetto alla localizzazione del plc. CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 96 L''altra limitazione del sistema è la localizzazione dei punti d''installazione dei contatori monofase. I contatori vanno installati uno nel locale inverter all''u- scita del contatore di produzione certificato dall''enete erogatore ed il secondo va installato a monte del quadro elettrico principale. Alla fine di collegare i due sistemi con il plc risulta necessario passare un cavo,. Tecnicamente è su'ciente un cavo da un millimetro quadro, dai contatori ausiliari al plc. Tale operazione può essere molto complicata a seconda della tipologia d''installazio- ne. Bisogna anche considerare un errore derivante dalla perdita d''informazioni causata dalla eccessiva distanza. Il sistema implementato dovrà essere modi- ficato se intervenissero più impianti di produzione di energia e se si avesse un sistema di produzione controllabile tipo la cogenerazione. Da un punto di vista prettamente informatico il sistema scelto non prevede un''espansione che implementi uno stack tcp/ip e quindi avrà sempre necessità del supporto di una workstation informatica più complessa o di un sistema gateway per la pubblicazione dei dati trasmessi su Internet o su rete locale. A tale proposito è stato sviluppato un sistema ad acquisizione dati e statistiche attraverso interfaccia Konnex. Per quanto riguarda i vantaggi del sistema è sicuramente da notare innan- CAPITOLO 3. PROGETTO OTTIMIZZAZIONE CONSUMI 97 zitutto la flessbilità, l''economicità del sistema e la possibilità di inserirlo su piattaforme e in contesti completamente diversi rispetto a quello considerato. L''altro grosso vantaggio è derivato dall''evoluzione del mercato. Con gli im- pianti da fonti rinnovabili si sta andando sempre di più verso la grid parity, cioè i vantaggi derivanti dall''impianto di produzione di energia in locale, deri- vano sempre di più dal risparmio energetico a cui possono contribuire e sempre meno dagli incentivi a fondo perduto che stanno anno dopo anno riducendosi. Tutti i meccanismi che riescono ad ottimizzare l''energia prodotta faran- no la di'erenza sul mercato in termini di convenienza dell''investimento. Il dispositivo implementato rientra a pieno titolo tra questi ultimi. Capitolo 4 Interfaccia web per PLC su bus Konnex Al fine di interagire con l''impianto di ottimizzazione consumi è stata implemen- tata un''interfaccia web di controllo. L''interfaccia permette di ottenere delle informazioni specifiche sull''ottimizzazione dei consumi rispetto alla produzione di energia in tempo reale. Come riporta [5] la consapevolezza dei consumi può aiutare il risparmio energetico fino al venti percento. Avere uno strumento che in tempo reale permette di valutare l''assorbimento e i consumi può da un lato spingere al risparmio energetico e dall''altro permettere di creare dei profili di consumo 98 CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 99 Figura 4.1: Struttura del sistema definiti in modo da valutare in maniera più precisa eventuali interventi. Uti- lizzare un server web e un database rende l''applicazione gestibile da dispositivi eterogenei, dal cellulare al PC al tablet casalingo. Con questa implementazio- ne i dati possono essere archiviati e storicizzati nella maniera più flessibile ed rapida. Tra le diverse possibilità è stato scelto di utilizzare un webserver Tomcat, quindi sviluppare le pagine in JSP. La pagine JSP si collegano alla base di dati e, in base alla impostazioni di ricerca, trasferiscono i dati delle tabelle in strutture dati locali che vengono poi visualizzate graficamente dal browser. CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 100 Per il database è stato utilizzato MYSQL versione 4 su piattaforma Linux UBUNTU 7.04. La struttura del sistema prevede quindi una porta ethernet/konnex che per- mette il tunneling dei pacchetti konnex su ip. Questi pacchetti vengono letti da un programma chiamato listener scritto in java e che utilizza le API Cali- mero 2.0 e accede al database MySQL aggiungendo le informazioni derivanti dal dispositivo PLC. Il sistema è stato inoltre testato attraverso l''utilizzo di dati storici carica- ti attraverso stored procedure create appositamente per la popolazione delle tabelle. A livello software l''implementazione in Java ha reso possibile la creazione di una libreria per l''accesso alla base di dati utilizzata sia nel listener che successivamente nello sviluppo dell''interfaccia web. 4.1 Accesso alla base di dati con JDBC La connessione alla base di dati è stata implementata tramite le API JDBC. Queste API mettono a disposizione un meccanismo per caricare dinamicamente il package Java corretto registrandolo con il JDBC Driver Manager. Il Driver CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 101 Manager è un gestore per creare le conessioni JDBC. Le connessioni JDBC supportano le esecuzioni di statement che non sono altro che query SQL o invocazioni di Stored Procedure. JDBC rappresenta gli statement attraverso una delle seguenti classi: ' Statement '' lo statement è mandato al database tutte le volte e viene eseguito. ' PreparedStatement '' lo statement viene memorizzato nella cache di ese- cuzione ed eseguito anche più volte nell amaniera più e'ciente possibile. ' CallableStatement '' usato per le stored procedure. Gli statement di UPDATE, INSERT o DELETE restituiscono un contatore che conta il numero di colonne modificate nel base di dati e nessuna altra informazione. Gli statement contenti query ritornano un JDBC row resultset. Il resultset è usato per navigare all''interno dei dati. I dati vengono memorizzati come un array bidimensionale e richiamati attraverso il nome delle colonne o il numero. Il row resultset ha metadata che descrivono il nome delle colonne e i loro tipi. Esistono dei comandi di navigazione del resultset come next, first, CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 102 Algorithm 4.1 Esempio di utilizzo di codice Java per l''accesso ai database last che ne controllano l''accesso e permettono di utilizzare il resultset nelle guardie dei cicli rendendo il codice facilmente compresibile, snello e conciso. 4.2 Sviluppo del Listener con le API Calimero Calimero è una libreria Java per l''accesso a Konnex. E'' stata presentata per la prima volta, nel 2005 al KNX Scientific Conference. Questo progetto o're un facile accesso ai sistemi Konnex, ai middleware domotici e a strumenti di programmazione specifici per sistemi domotici. Sin dall''inizio Calimero è stato reso disponibile su SourceForge e il package CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 103 comprendeva uno strumento di tunneling e discovery KNX/IP, servizi di tra- duzione per tipi APDU (application layer protocol data unit) e un archivio di indirizzi di gruppo accessibili e programmi di esempio. L''obiettivo di Calimero è sempre stata la semplicità di utilizzo. Grazie a questo package le applicazioni client possono comunicare con i devices Konnex ad alto livello, senza entrare nei dettagli del protocollo. Qualsiasi funzionalità aggiuntiva è stata implemen- tata con l''idea di mantenere l''accesso facile e comprensibile ad alto livello. Per questo anche le API Calimero 2.0 sono state progettate tenendo conto di questi principi base che hanno caratterizzato la libreria fin dalla prima versione. Calimero 2.0 utilizza Java 2 , Micro Edition (J2ME) APIs. Ciò permet- te di utilizzare anche dispositivi embedded o telefoni cellulari per sviluppare applicazioni che interagiscano con Konnex. 4.2.1 Architettura di Calimero[6] Per scrivere software che acceda a Konnex è stato necessario creare un interfac- cia di comunicazione tra le applicazioni e il medium Konnex. Konnex permette di accedere a protocolli di comunicazione diversi come la rete IP o utilizzando il cavo seriale o il bus stesso direttamente. Inoltre la rete Konnex può utilizzare CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 104 di'erenti media di comunicazione richiedendo, per ciascun medium standard di comunicazione specifici. Ad alto livello, quindi, i servizi che Calimero o're devono basarsi su un''in- terfaccia ed un''astrazione ben definita e che incapsuli e nasconda le di'erenze tra media. Come conseguenza Calimero è stato progettato con un architettura chiamata waist-line. L''architettura è divisa in tre livelli. L''implementazione dei servizi di base, ad esempio l''accesso ai protocolli di rete, sono situati nel livello basso. Al centro c''è l''astrazione del livello link di rete che o're un''interfaccia standard per comunicare con la rete Konnex. Questo livello con le sue API essenziali e stabili è considerato il waist ( girovita). Da questo livello si possono sviluppare servizi o applicazioni che interagiscono, se necessario, con le API del livello di link. Calimero è stato sviluppato seguendo un approccio a livelli non chiuso. An- che se un componente viene sviluppato ad un livello superiore rispetto ad un altro può interagire con livelli più bassi. In questo modo l''utente può scegliere il livello desiderato di astrazione delle API. In base ai requirement dell''appli- cazione si può scegliere se usare un livello rispetto ad un altro. Per esempio CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 105 Figura 4.2: Waist-Line architecture può da un lato, utilizzare un API ad alto livello come Process Communicator, dall''altro può utilizzare la KNXnet/IP interface che è un componente ad un livello più basso. I servizi ad alto livello che usano l''astrazione del link possono usare le im- plementazioni dei nuovi protocolli di rete che vengono aggiunti successivamente in maniera del tutto trasparente. CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 106 4.2.2 Implementazione del listener e accesso alla base di dati Il modulo listener è stato implementato in Java e con l''utilizzo delle API Calimero 2.0 in modo da leggere i dati sul bus attraverso un tunneling IP. Il listener valuta i pacchetti IP che vengono ricevuti dalla rete, estrae l''indirizzo di gruppo mittente e, se riconosce l''indirizzo del PLC inserito nei settings iniziali, inserisce un record nella tabella del database mySQL ''logs''. Il record nella tabella ''logs'' può contenere informazioni sulla produzione, sull''assorbimento o su eventuali guasti dell''impianto. Il listener individua la tipologia di messaggio ed inserisce nel campo va- lue della tabella logs il numero di impulsi nell''intervallo oppure il messaggio d''errore relativo. Il dato ritenuto significato è il numero di impulsi dato che, a seconda del contatore di kilowattora utilizzato si può avere un rapporto tra im- pulsi e kilowattora di'erente e quindi la conversione tra impulsi in kilowattora conviene e'ettuarla all''interno del programma di visualizzazione. Durante l''inizializzazione dell''applicazione nel file dei settings si potrà in- serire il numero di contatori con i rispettivi riferimenti, gli indirizzi del PLC e il numero di impulsi equivalenti ad un kilowattora. Il ruolo del listener, nel CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 107 nostro caso è esclusivamente quello di inserire le informazioni dei messaggi in ingresso nella base di dati per una successiva rielaborazione. 4.3 La base di dati MySQL E'' stato opportunamento scelto un database MySQL per i seguenti motivi: ' Il server MySQL è scalabile e flessibile, può contenere una mole di dati che va dai megabyte fino ai terabyte. La piattaforma di utilizzo può essere sia Linux che Windows. Inoltre è rilasciato sotto licenza GPL. ' Permette delle performance di alto livello anche con database di mi- gliaia di record. Permette la gestione e'ciente delle query e supporta pienamente l''indicizzazione delle tabelle secondo chiavi di ricerca perso- nalizzate. ' Ha il supporto delle transazioni, completo di illimitati lock sulle righe e il supporto alle transazioni ACID (atomiche, consistenti, isolate, durevoli) e multiverso. ' Ha dei tool grafici di gestione ed ottimizzazione che permettono l''ag- giornamento del database e la creazione di indici in maniera rapida ed CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 108 intuitiva La base di dati utilizzata ha come tabella principale la tabella logs. La tabella logs viene popolata dal listener con il contenuto dei pacchetti konnex inviati dal PLC. Nel record è presente l''indirizzo di gruppo del mittente, l''identificativo del record (se un record di produzione o di assorbimento), la data e l''ora della trasmissione e il valore rappresentante il numero di impulsi nell''intervallo. Oltre alla tabella logs la tabella users raggruppa lo username e password degli utenti accreditati, inoltre è stata creata la tabella settings dove vengo- no inseriti i parametri base per l''utilizzo dell''applicazione come il numero di impulsi per ciascun kWh consumato e gli indirizzi di gruppo del PLC. L''implementazione sul PLC prevede la comunicazione su bus Konnex, ad intervalli di tempo regolari, del numero degli impulsi del contatore di assor- bimento e del contatore di produzione. Dato che l''analisi dei consumi deve essere e'ettuata non solo su base giornaliera ma anche su base mensile o di periodo è stato deciso di creare due viste che raggruppino i record della tabella logs per permette le analisi di periodo.. Nel nostro caso è importante la velocità di esecuzione della query che crea la vista anche a discapito dell''utilizzo di spazio su disco. Si è quindi optato per CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 109 creare una vista materializzata che crea e memorizza i risultati in una tabella. Questa tecnica viene utilizzata quando la query di creazione vista contiene più di una join su tabelle di'erenti o, come nel nostro caso, se vogliamo minimizzare i tempi di attesa dell''esecuzione di una query a servizio di un sito internet. Le viste materializzate sono consigliate esclusivamente nel caso in cui i record vengano aggiornati in maniera poco frequente, come nel nostro caso. Nel caso in cui è necessario l''aggiornamento di un record in una tabella collegata alla vista bisogna prevedere la ricerca del record nella vista e aggiornare anche la vista materializzata raddoppiando il tempo di esecuzione dell''operazione. La prima vista raggruppa in base all''ora e al giorno. Quindi per ciascuna ora vengono sommati gli impulsi relativi, sia gli impulsi relativi all''assorbi- mento che quelli relativi alla produzione di energia. Sommando gli impulsi e dividendo il risultato per il dato di specifica del contatore si ottiene il numero di kWh utilizzati o prodotti in quell''ora del giorno. La seconda vista permette di valutare i dati per un periodo tra due date. La vista somma gli impulsi giornalieri relativi all''assorbimento e alla produzione di energia. Ogni record della vista indica la somma dell''energia utilizzata per quel giorno e dell''energia prodotta. La somma deve essere divisa per il numero CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 110 di impulsi per kWh indicati nei dati di targa del contatore. La terza vista invece evidenzia gli errori di produzione segnalati dal PLC e quindi rappresenta lo storico errori di produzione visualizzabili dall''interfaccia web. Per quanto riguarda la manutenzione della base di dati è stato considera- to di storicizzare i dati della tabella logs dopo un anno dall''acquisizione. A seconda della volontà dell''utente si può decidere di cancellare i dati dell''anno precedente con un trigger sull''inserimento o una store procedure da mandare in esecuzione in orari di tra'co minimo. La storicizzazione o cancellazione dei dati dovrebbe essere estesa sia al- la tabella logs che alle viste materializzate che riguardano la produzione di energia per ciascuna fascia oraria in modo da limitare la dimensione totale dei dati memorizzati. Considerando la cancellazione annuale della tabella logs è probabile non superare i 150.000 record e quindi ottenere delle prestazioni d''interrogazione su un server medio molto performanti. Con questi meccanismi il database può non richiedere interventi di manu- tenzione, delineando giorno dopo giorno dei profili di consumo e produzione sempre più precisi. Sarebbe anche opportuno inserire una tabella di storiciz- CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 111 zazione annuale dove i dati mensili di produzione ed assorbimento vengono memorizzati in modo da e'ettuare confronti di abitudini energetiche. Un altro meccanismo utile che può essere implementato è l''aggiunta della tabella che riporti la tari'azione elettrica e quindi permetta di valutare il trend di cresci- ta/decrescita delle tari'e elettriche e le rispettive abitudini di consumo basate su termini economici. 4.4 L''interfaccia Web L''interfaccia web è stata implementata con JSP e l''utilizzo di un server Tom- cat. La prima pagina implementata è stata la pagina di login. In base alle credenziali di accesso inserite nel database è possibile loggarsi nel sito ed ac- cedere alla propria home page per valutare il risparmio energetico. In ogni pagina verrà controllata se la sessione è ancora attiva e, in caso negativo, il browser verrà reindirizzato sulla pagina di login. Lo script display.jsp è il cuore dell''applicazione. In questa pagina viene e'ettuato l''accesso alla base di dati e viene popolato l''array di javascript per il rendering del grafico di produzione e assorbimento energia per quel gior- no. Al primo avvio avviene la visualizzazione del giorno corrente del grafico CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 112 Figura 4.3: Pagina di login CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 113 della produzione di energia e del consumo. Il grafico mostra sulle ascisse le ore del giorno e sulle ordinate una scala di kilowattora. La scala sull''asse y viene calcolata prendendo come riferimento il massimo valore di assorbimento o produzione di quel giorno in modo che i dati vengano distribuiti sul grafico in maniera leggibile e proporzionale. Per il rendering grafico è stata utilizzata la libreria javascript highcharts[7] che permette la visualizzazione dinamica di uno o più grafici. La libreria accetta in ingresso un array multi dimensionale e la scala di ascisse e ordi- nate e visualizza su un''area del browser con dimensioni predefinite il grafico corrispondente. Il caricamento dei dati avviene collegandosi al database ed eseguendo delle query parametrizzate in base alle richieste dell''utente. L''utente può selezionare la data d''inizio e la tipologia di comparazione. La data viene selezionata grazie ad un javascript jquery.datepicker[8] che mostra un calendario con evidenziata la data odierna. Il javascript per il calendario è un plugin configurabile in base alle esigenze del programmatore. Si apre quando l''elemento associato genera l''evento on- Focus e si chiude automaticamente quando si genera l''evento onBlur oppure CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 114 quando viene selezionata una data. Nel caso in cui si voglia un calendario che rimanga aperto basta agganciarlo ad un elemento html div o span. L''elemento è navigabile anche attraverso la tastiera: ' page up/down - mese precedente/successivo ' ctrl + page up/down - anno precedente/successivo ' ctrl + home - mese corrente ' ctrl + left/right - giorno precedente/successivo ' ctrl + up/down - settimana precedente/successiva ' enter - accetta la data corrente ' esc - chiudi il datepicker L''elemento supporta la localizzazione, quindi in base al paese di utilizzo può essere tradotto nella lingua dell''utente. Inoltre l''elemento supporta la selezione di uno stile css, rendendolo graficamente adeguato a ciascun sito web. Dall''interfaccia è possibile selezionare due tipi di comparazione: CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 115 Figura 4.4: Schermata iniziale di visualizzazione CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 116 Figura 4.5: Selezione date di analisi CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 117 ' comparazione giornaliera. permette la visualizzazione della produzione e dell''assorbimento su base giornaliera, sulle ascisse vengono visualizzate le ore del giorno e sulle ordinate i kilowatt. ' comparazione tra due date. permette la visualizzaione della produzione e dell''assorbimento su base mensile, sulle ascisse sono riportate le date e sulle ordinate i kilowatt utilizzati. Inoltre è possibile selezionare una sola curva, quella dell''energia prodotta e quella dell''energia utilizzata rendendo la comparazione molto intuitiva e di facile lettura. Per ciascun punto grafico è possibile visualizzare l''etichetta con il valore corrispondente e il relativo valore sulle ascisse. 4.5 Limiti e vantaggi della soluzione implemen- tata L''interfaccia web sviluppata, per sua natura, è portabile su ciascun dispositvo che supporti un browser web con supporto a javascript. Il layout dell''interfaccia è dinamico e quindi si adatta a risoluzioni dello schermo di'erenti. CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 118 Anche i componenti javascript utilizzati sono compatibili con i browser più comuni, garantendo quindi una correta visualizzazzione anche su dispositivi mobili. Dato che al client è a'dato il rendering grafico il server si occupa esclusiva- mente dell''accesso alla base di dati e della trasmissione dei dati, permettendo l''utilizzo dell''applicazione da più client contemporaneamente senza incidere sulle prestazioni in maniera significativa. L''utilizzo di Tomcat, dall''altro lato, richiede risorse di sistema importanti e limita la scalabilità dell''applicazione che, con questa tecnologia di sviluppo, non potrà mai supportare l''accesso di migliaia di utenti simultaneo. Da un punto di prestazioni il massimo che è possibile immaginare per uno sviluppo futuro è la separazione del programma listener, del database e del server web su macchine diverse. CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 119 Figura 4.6: Analisi su periodo di giorni CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 120 Figura 4.7: Analisi solo sulla produzione di energia CAPITOLO 4. INTERFACCIA WEB PER PLC SU BUS KONNEX 121 Figura 4.8: Analisi solo sui consumi di energia Capitolo 5 Valutazione dell''idea e futuri sviluppi In generale gli edifici residenziali e del terziario rappresentano una percentuale superiore al sessanta per cento di consumo di energia e, nel contempo, sono protagonisti di sprechi energetici rilevanti. Il patrimonio immobiliare italiano è infatti caratterizzato da prestazioni energetiche tipiche di un contesto sto- rico dove l''energia da combustibili fossili era a buon prezzo e non incideva pesantemente sui costi di gestione. A causa del cambiamento di contesto energetico degli ultimi decenni che ha visto un incremento esponenziale dei consumi e dei prezzi dell''energia de- 122 CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 123 Figura 5.1: Consumi di energia ripartiti tra terziario e residenziale (fonte Enea) rivante da combustibili fossili, è stato necessario introdurre una politica di integrazione con fonti di energia rinnovabile. Tale integrazione contribuisce al fabbisogno energetico degli immobili in maniera sempre più consistente e inci- derà in maniera sempre più significativa quando vi si a'ancheranno tecnologie idonee per il controllo del fabbisogno e l''ottimizzazione dell''energia. L''idea del controllo dell''energia di uno o più sistemi che sfruttano le fonti rinnovabili si basa su un trend d''integrazione tra software, tecnologie di auto- mazione e sistemi di comunicazione. Con lo sviluppo di tecnologie sempre più complesse e con l''adozione di sistemi di controllo sia per gli immobili residen- ziali che per quelli del terziario grazie alla domotica e alla home automation, CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 124 si rendono necessari software di bilanciamento e di ottimizzazione dell''energia che abbiano la stessa complessità dei software di gestione dati più avanzati. L''idea quindi di ottimizzazione dei consumi risulta attuale e orientata allo sviluppo futuro del sistema elettrico. Al fine di scorgere tutte le possibili evoluzioni del progetto e per meglio comparare i vari rami di ricerca ad esso connessi si rende necessario riassumere l''idea della tesi da un punto di vista generale. 5.1 Ottimizzazione dei consumi L''ottimizzazione dei consumi locali sfruttando il meccanismo dello scambio sul posto permette di risparmiare sui costi di trasmissione e quindi di evitare dispersioni fisiche nei mezzi trasmissivi. L''utilizzo contemporaneo alla produ- zione di energia elettrica permette l''abbattimento del consumo totale annuo di un''abitazione e permette di abbassare la soglia dei consumi in modo da diminuire il prezzo d''acquisto dell''energia. Il software implementato e l''hardware utilizzato permettono da un lato di verificare con interfaccia web i consumi e la contemporaneità dell''utilizzo in modo da attivare una regolazione automatica per quanto concerne i carichi CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 125 collegati al sistema ed aiutare i consumatori finali a modificare le loro abitudini di consumo in base ai ritmi di produzione degli impianti da fonti rinnovabili monitorati dal sistema. 5.1.1 Acquisizione dei dati L''acquisizione dei dati avviene tramite l''utilizzo di uno o più contatori con uscita ad impulsi installati a valle del contatore di produzione e del contatore generale. Questi contatori trasmettono i dati ad un PLC programmato per valutare i consumi e la produzione ed accendere i carichi in modo progressivo rispetto al bilancio tra produzione e consumo. L''accensione e lo spegnimen- to progressivo dei carichi può essere modificato direttamente dall''interfaccia del PLC. Il PLC inoltre analizza la di'erenza di tensione del piranometro e la compara con la produzione di energia inoltrando un allarme in caso di malfunzionamento del sistema. 5.1.2 Interazione Domotica (KNX) Il PLC ha un''interfaccia KNX/EIB dove trasmette le letture dei contatori e del piranometro e le invia all''impianto che a sua volta utilizza le informazioni CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 126 per attivare altri carichi o a'nchè vengano lette dal server e memorizzate nel database come storico. L''impianto può attivare dei carichi valutando i valori di soglia trasmessi dal PLC oppure adattarsi alla situazione di produzione di energia disattivando carichi superflui. 5.1.3 Server ed interfaccia Web Nell''ambito della tesi è stato sviluppato un listener in Java che legge il bus Konnex e inserisce nel database i dati letti dai contatori e dal piranometro in modo da creare un sistema di monitoraggio e di verifica dei consumi in tempo reale. I dati inseriti nel database vengono manipolati e modificati in modo da essere accessibili all''interfaccia web tramite apposite query d''interrogazione. La presentazione dei dati di consumo è stata concepita attraverso l''utilizzo di grafici di comparazione tra energia prodotta e consumata. Il grafico mostra la corrispondenza temporale tra picchi di consumo e di produzione fornendo al visitatore la percentuale di contemporaneità raggiunta nell''intervallo. E'' interessante notare che tale cruscotto permette di acquisire una mag- gior consapevolezza delle proprie abitudini di consumo e quindi permette la riduzione dei consumi aiutando ad adattarli alla produzione. CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 127 Figura 5.2: Diagramma di Sequenza PLC 5.1.4 Diagrammi UML per la rappresentazione del siste- ma Le figure da 1.2 ad 1.5 rappresentano i diagrammi di sequenza delle parti di progetto sviluppate e il diagramma di deploy e il diagramma dei casi d''u- so. Questi diagrammi illustrano a grandi linee il funzionamento del sistema indipendentemente dal linguaggio di programmazione utilizzato. CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 128 Figura 5.3: Diagramma di sequenza Listener CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 129 Figura 5.4: Diagramma di Deploy 5.2 Possibili miglioramenti Il sistema implementato ha delle debolezze strutturali derivanti da una proget- tazione che ha considerato parzialmente i requisiti di scalabilità. Nonostante la possibilità di accesso autenticato all''interfaccia web non è stata implemen- tata la possibilità di separare il server dove funziona il listener con il webserver agendo sull''autenticazione del listener al database e non predisponendo tabelle separate di archiviazione dei log per ciascun utente. Un altro miglioramento potrebbe essere l''attivazione dei carichi diretta- mente dal webserver valutando a livello software i consumi e la produzione CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 130 Figura 5.5: Diagramma Caso d''Uso CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 131 Figura 5.6: Smart Grid dell''impianto da fonti rinnovabili. Ciò permetterebbe una maggiore flessibilità del sistema e l''utilizzo di algoritmi di ottimizzazione del sistema più sofisticati. Il sistema inoltre non permette l''interazione con più di una fonte rinnovabile contemporaneamente. 5.3 Ricerca e sviluppo nel settore Negl''ultimi anni l''ottimizzazione dei consumi è diventata un argomento sempre più importante. L''evoluzione dell''ottimizzazione dei consumi si avrà con il concepimento e la realizzazione della smartgrid che permette di ottimizzare a livello locale e globale i consumi e bilanciare gli assorbimenti[17]. CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 132 Al fine di soddisfare sia l''incremento di domanda di energia che la necessità di ridurre le emissioni di anidride carbonica è necessario implementare un sistema elettrico che può sopperire a questi cambiamenti in modo sostenibile, a'dabile ed economico. Quindi il nuovo sistema elettrico che sta formandosi attraverso lo sforzo congiunto della ricerca e di grandi gruppi industriali prevede quattro requisiti fondamentali: ' Capacità: la grande richiesta di energia deve essere soddisfatta ' A'dabilità: l''energia deve essere disponibile quando necessario senza interruzioni ' E'cienza: dalla produzione al trasporto l''energia deve essere risparmiata ' Sostenibilità: fonti alternative a zero emissioni devono integrare la pro- duzioni di energiea In questo contesto si stanno sviluppando prodotti e delle idee che permettono, gradualmente, di arrivare alla maturità tecnologica, operativa e gestionale di un sistema smartgrid complesso ma che soddisfi i requisiti richiesti dal contesto storico in cui ci troviamo. CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 133 In questa sezione verranno analizzati alcuni prodotti commerciali simi- li all''idea di ottimizzazione dei consumi presentata o progetti di più ampio respiro. 5.3.1 4-noks - IntellyGreenPV[13] Questa azienda ha brevettato un sistema per l''ottimizzazione dei consumi chia- mato Intellygreen PV molto simile all''idea di ottimizzazione basata su tecno- logia domotica oggetto della tesi. La data di lancio del prodotto è fissata per Giugno/Luglio 2011. Dal loro sito web si evincono le caratteristiche principali: ' Accende in automatico gli elettrodomestici quando l''impianto FV sta generando energia elettrica ' Riduce i costi della bolletta ' Dice con precisione quanta energia si cede o si preleva dalla rete e il relativo valore in euro ' Senza fili, tecnologia ZigBee Rispetto all''idea oggetto della tesi il sistema permette di comandare un solo carico e non permette la pubblicazione sul web dei dati nè l''interazione CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 134 Figura 5.7: IntellyGreenPV con un sistema domotico centrale o con un sistema elettrico. Inoltre il sistema non prevede la valutazione dell''e'cienza dell''impianto da fonte rinnovabile. 5.3.2 Energy@Home Partnership Enel Con il progetto Energy@Home Enel ed altri importanti partner industria- li stanno definendo una piattaforma standard per le comunicazioni tra elet- trodomestici, contatori di energia intelligente e gateway internet in modo da ottimizzare i consumi e l''e'cienza dell''utilizzo dell''energia. Il progetto ha come obiettivo quello di sviluppare dispositivi che sono in grado di o'rire dei servizi di supporto che aumentino la consapevolezza dei con- CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 135 sumi energetici. Queste informazioni dette ''Smart Info'' creeranno un nuovo mercato di servizi energetici. Le informazioni saranno rese disponibili attra- verso Internet e permetteranno l''attivazione di elettrodomestici o dispositivi elettronici che attendono il momento più conveniente per attivarsi. L''utente può aumentare la sua consapevolezza dell''energia consumata e dei costi che andrà a sostenere grazie ai dati provenienti dalla smart grid. I dati e le informazioni si ri feriscono a: ' Utente e tipologia di contratto ' Assorbimento istantaneo ' Dati storici ' Attuale tari'a ' Allarmi di sovraccarico del sistema elettrico Questo progetto dovrebbe durare due anni a partire dal primo quadrimestre 2010 e concluderà la sua prima fase con un test dei dispositivi sviluppati ed ingegnerizzati dal team di sviluppo. Fino ad oggi non sappiamo se il progetto stia andando avanti secondo la project line comunicata o se ci sono dei ritardi. CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 136 Figura 5.8: Logo Energy@Home CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 137 Figura 5.9: Project Line e Partner 5.3.3 SmartGrid nei centri di ricerca Europea e oltre Sia la Norvegia[18] che la Svezia[19] stanno investendo nella ricerca su Smart Grid e ottimizzazione dei consumi mettendo a disposizione un percorso forma- tivo nell''ambito dei programmi universitari. Il percorso formativo compren- de sia una specializzazione per software open source dedicati che attraverso lo studio e l''ideazione di sistemi di trasmissione dati adatti per il risparmio energetico. Anche gli USA stanno investendo in ricerca per implementare nel più breve tempo possibile una smart grid capace di far fronte alle esigenze del nostro tempo. Attraverso il sito dell''ente governativo che si occupa di energia[20]si evince l''impegno del governo al fine di raggiungere nel più breve tempo possibile dei risultati. Gli obiettivi di questi paesi per quanto riguarda il risparmio energetico e l''utilizzo di componenti hardware e software specializzati si possono riassumere con i seguenti punti: CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 138 ' Implementazione di uno standard di architettura e comunicazione che permettano ai componenti di interoperare nell''ambito del sistema elet- trico. ' Studio e ricerca di tecnologie per il monitoraggio, il bilanciamento dei carichi e la valutazione della qualità della rete con integrazione di sistemi di comunicazione, analisi e tecniche di controllo. ' Monitoraggio e controllo dei carichi elettrici degli edifici industriali, re- sidenziali e commerciali al fine di implementare un servizio di fornitura di potenza on-demand. ' Ricerca e Sviluppo di componenti avanzati e tecnologie di interconnessio- ne, sistemi operativi avanzati. Criteri di valutazione per la realizzazione di microgrid ed intentional island. ' Modellazione, simulazione, pianificazione e supporto operativo per eventi di disturbo della rete ed integrazione con database, software di ottimiz- zazione e monitoraggio delle performance della rete. Nei prossimi anni vedremo un''evoluzione della tecnologia riguardante l''otti- mizzazione dei consumi e il controllo dei dispositivi all''interno delle abitazioni CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 139 e degli edifici commerciali. Questa evoluzione sarà causata dagli investimen- ti in ricerca di questi paesi e dall''avvento di nuove tecnologie oggi in fase di prototipo. 5.4 Valutazione dell''idea Considerando il momento storico e gli investimenti importanti che paesi al- l''avanguardia stanno e'ettuando nell''ambito dell''ottimizzazione dei consumi e nelle smart grid, questa tesi può o'rire un piccolo contributo. L''obiettivo è dimostrare come sia possibile con hardware di facile approvvigionamento ed economico, utilizzando software open source e sviluppando parte di software creare un sistema per l''ottimizzazione dei consumi che possa essere utile e innovativo. E'' stato inoltre interessante ed innovativo la realizzazione di un sistema di comunicazione tra dispositivi hardware di basso livello e software di alto livello come il database. E'' stata quindi implementatoun sistema di gestione di segnali analogici e digitali che permette apre delle prospettive di sviluppo di componenti ad alto livello per la gestione dei dispositivi domotici e elettronici presenti all''interno delle abitazioni. CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 140 Il sistema è stato implementato, sviluppato e testato. Un successivo studio potrebbe essere una valutazione di quanto l''utilizzo di questo sistema possa contribuire al risparmio energetico di un''abitazione. L''utilizzo di un PLC programmabile permette di poter utilizzare più protocolli di comunicazione domotici ed di poter implementare anche delle comunicazioni wireless. Visto il lancio sul mercato di prodotti con funzionalità simili possiamo esprimere un giudizio positivo sia sull''idea in sè stessa che sui possibili svi- luppi futuri. Al fine di raggiungere dei risultati rilevanti da un punto di vista economico e tecnologico è importante lavorare in maniera interdisciplinare af- fiancando il lavoro di ingegneria dei dispositivi a quello di sviluppo software e di algoritmi sempre più avanzati e che contribuiscano all''e'cienza dell''utilizzo di energia. 5.4.1 Conclusioni 'La coscienza dei propri consumi produce un risparmio energetico del quindici percento'[23]. Queste parole sono state d''ispirazione per la tesi in oggetto. L''idea del controllo dell''energia autoprodotta e consumata deriva principal- mente dal nuovo regime di incentivazione delle fonti rinnovabili. L''utilizzo CAPITOLO 5. VALUTAZIONE DELL''IDEA E FUTURI SVILUPPI 141 dell''energia prodotta assicura inoltre un risparmio energetico che incrementa il suo valore con l''aumento del costo dell''energia. Tutto questo assicura un risparmio di anidride carbonica e quindi un minor inquinamento ambientale. I sistemi domotici, a loro volta, permettono il controllo totale dei dispositivi di un''abitazione. Purtroppo però, non essendoci ancora un protocollo standard di comunicazione con i dispositivi elettronici, l''algoritmo che sta alla base del comando di apertura e chiusura dei relè per ottimizzare l''autoconsumo non dialoga direttamente con il device ma permette esclusivamente di attivare o disattivare l''alimentazione. Questo è il più grande limite dei dispositivi di ottimizzazione di energia. Alla luce dei progressi fatti e degli impegni che società leader del settore energia come Enel e del settore degli elettrodomestici come Electrolux si stanno prendendo, si prevede però uno sviluppo del mercato dell''automazione, della domotica e dell''implementazione di un sistema elettrico intelligente (smart grid) con l''a'ermarsi di standard sempre più evoluti ed e'cienti al fine di evitare il depauperamento completo delle risorse del nostro pianeta. Elenco delle figure 1.1 Dymaxion House . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 1.2 Esempio di linea bus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 1.3 Frequenze delle onde convogliate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 1.4 Topologia di una rete Bluetooth . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 1.5 Riepilogo frequenze onde radio e loro utilizzo . . . . . . . . . . . 24 1.6 Modello ISO/OSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 1.7 S-Mode e E-Mode comparazione con la complessita del sistema . 29 1.8 Esempio Impianto Vimar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 1.9 Interfaccia BTicino/EIB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 1.10 Percentuale di risparmio con l''utilizzo di impianti domotici . . . 34 2.1 Bilancio energetico del 2008 in Italia . . . . . . . . . . . . . . . 38 2.2 Distribuzione degli impianti idroelettrici . . . . . . . . . . . . . 41 142 ELENCO DELLE FIGURE 143 2.3 Funzionamento di un impianto idroelettrico . . . . . . . . . . . 42 2.4 Schema di un impianto eolico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 2.5 Mappa della ventosità annua a 75 metri s.l.m. . . . . . . . . . . 44 2.6 Schema di collegamento di un impianto fotovoltaico . . . . . . . 48 2.7 Collegamento di un generatore fotovoltaico per lo scambio sul posto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 3.1 Collegamento elettrico del LOGO! . . . . . . . . . . . . . . . . . 62 3.2 Ritardo all''attivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 3.3 Ritardo alla disattivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 3.4 Ritardo all''attivazione/disattivazione . . . . . . . . . . . . 71 3.5 Ritardo all''attivazione con memoria . . . . . . . . . . . . . 72 3.6 Relè ad intermittenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 3.7 Generatore casuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 3.8 Contatore Avanti e Indietro . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75 3.9 Contatore ore di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 3.10 Interrutore a valore di soglia . . . . . . . . . . . . . . . . . 77 3.11 Interruttore a valore di soglia analogico . . . . . . . . . . 78 3.12 Comparatore analogico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 ELENCO DELLE FIGURE 144 3.13 Amplificatore analogico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 3.14 Contatore monofaso con uscita impulsi . . . . . . . . . . . . . . 83 3.15 Input di sistema e utilizzo degli ingressi del modulo logico . . . 85 3.16 Visualizzazione delle uscite del sistema . . . . . . . . . . . . . . 87 3.17 Programma di controllo del plc . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90 3.18 Impianto a regime e assorbimento locale . . . . . . . . . . . . . 93 3.19 Assorbimento da rete, uscita Q1 non attiva, visualizzazione ir- raggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 3.20 Ore di esercizio e reset delle ore . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94 3.21 Malfunzionamento dell''impianto di produzione . . . . . . . . . . 94 4.1 Struttura del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99 4.2 Waist-Line architecture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105 4.3 Pagina di login . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112 4.4 Schermata iniziale di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . 115 4.5 Selezione date di analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116 4.6 Analisi su periodo di giorni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119 4.7 Analisi solo sulla produzione di energia . . . . . . . . . . . . . . 120 4.8 Analisi solo sui consumi di energia . . . . . . . . . . . . . . . . . 121 ELENCO DELLE FIGURE 145 5.1 Consumi di energia ripartiti tra terziario e residenziale (fonte Enea) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123 5.2 Diagramma di Sequenza PLC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127 5.3 Diagramma di sequenza Listener . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128 5.4 Diagramma di Deploy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 5.5 Diagramma Caso d''Uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130 5.6 Smart Grid . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131 5.7 IntellyGreenPV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 5.8 Logo Energy@Home . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136 5.9 Project Line e Partner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137 Elenco delle tabelle 2.1 Percentuale di consumo in tari'a fascia bassa e tari'a fascia alta di un''abitazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 2.2 Percentuale di risparmio con scambio sul posto da fonte rinno- vabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 3.1 Collegamento elettrico modulo logico . . . . . . . . . . . . . . . 60 146 Bibliografia [1] Statistiche sulle fonti rinnovabili in Italia '' Anno 2005 - GSE www.gse.it [2] Introduzione ai sistemi a Bus - HOME AND BUILDING AUTOMATION - ing Carlo Vitti - Edizioni Consted [3] Architettura dei sistemi konnex versione 3.0 del 03/01/2001 - http://www.knx.org [4] Manuale introduttivo Siemens Logo http://www.siemens.it ed. 11/2009 [5] Arvola A, Uutela A and Anttila U (1994) Billing feedback as a means of encouraging conservation of electricity in households: a field experiment in Helsinki. [6] Calimero: Next Generation. Automation Systems Group Institute of 147 BIBLIOGRAFIA 148 Automation Vienna University of Technology. Boris Malinowsky, Georg Neugschwandtner,Wolfgang Kastner [7] http://www.highcharts.com/ - Highcharts is a charting library written in pure JavaScript [8] http://jqueryui.com/ - JavaScript Library that simplifies HTML docu- ment traversing, event handling, animating, and Ajax interactions for rapid web development [9] Vittorio Miori, Dario Russo, and Massimo Aliberti. 2010. Domo- tic technologies incompatibility becomes user transparent. Commun. ACM 53, 1 (January 2010), 153-157. DOI=10.1145/1629175.1629211 http://doi.acm.org/10.1145/1629175.1629211 [10] KNX Journal 1-2011 - Automation makes buildings more e'cient [11] Inoue, M.; Higuma, T.; Ito, Y.; Kushiro, N.; Kubota, H.; , "Network architecture for home energy management system," Consumer Electronics, IEEE Transactions on , vol.49, no.3, pp. 606- 613, Aug. 2003 doi: 10.1109/TCE.2003.1233782 URL: http://ieeexplore.ieee.org/stamp/stamp.jsp'tp=&arnumber=1233782&isnumber=27648 BIBLIOGRAFIA 149 [12] Scaradozzi D., Conte G., Aisa V., "Insertion of Boilers in Home Auto- mation Systems", 3rd International Conference on Energy E'ciency in Domestic Appliances and Lighting EEDAL03, Turin, Italy, 2003 [13] IntellyPower PV - Attivazione in automatico degli elettrodomestici - http://www.4-noks.com [14] KNX Journal 1-2011 - E'cient Polytechnic: energy-e'cient possibilities researched before general renovation [15] http://www.eerg.it/ - Gruppo di ricerca sull''e'cienza negli usi finali dell''energia [16] A Simulation Environment for the Analysis of Home Automation Systems G. Conte - D. Scaradozzi - A. Perdon - M. Cesaretti - G. Morganti - Università Politecnica delle Marche 2007 [17] http://www.abb.com/cawp/db0003db002698/145abc3534b16460c12575b300520d8b.aspx -ABB Smart Grid [18] http://ime.ntnu.edu/research/smartgrid - The SmartGrid Research Initiative BIBLIOGRAFIA 150 [19] http://www.innoenergy.se/web/page.aspx'refid=17 - EIT InnoEnergy Ph.D. Programme Theme: Smart Electricity Grid and Storage [20] http://www.energy.gov - US Energy department [21] KNX Journal 1-2011 - Interworking at Headquarters - e'cient building technology at Canon in Spain [22] ENERGY@HOME (Progetto Enel, Elettrolux, Indesit) [http://www.enel.it/it-IT/media_investor/comunicati/release.aspx'iddoc=1624915] [23] Darby, S. (2006) The e'ectiveness of feedback on energy consumption. A review for DEFRA of the literature on metering, billing and direct displays. Environmental Change Institute, University of Oxford. [24] KNX Handbook, Vol. 3, Part 7, Ch. 2, System Specifications: Interworking: Datapoint Types, v1.2 DV [25] KNX Journal 1-2010 - Renewable Energy [26] KNX Journal 1-2010 - Energy E'ciency in House BIBLIOGRAFIA 151 [27] A HOME AUTOMATION SYSTEM TO IMPROVE HOUSEHOLD ENERGY CONTROL Duy Long Ha'' Stephane Ploix'' Eric Zamai'' Mireille Jacomino* - Copyright 2006 IFAC [28] G. Wood and M. Newborougha. 2005 . Energy-use information transfer for intelligent homes: Enabling energy conservation with central and lo- cal displays - School of Engineering and Physical Sciences, Heriot-Watt University, Edinburgh, Scotland EH14 4AS, UK Received 17 August 2005

Document Outline

1 La Domotica, concetti ed evoluzioni 1.1 Definizione concettuale del termine 1.2 La Dymaxion House e i primi approcci alla domotica 1.3 La domotica nasce negli anni ottanta 1.4 Caratteristiche di un impianto domotico 1.5 I sistemi a bus 1.5.1 Classificazione del BUS 1.5.2 Funzionamento di un sistema a bus ad intelligenza distribuita 1.5.3 Il sistema di comunicazione 1.5.4 Trasmissione dei dati 1.5.5 Il telegramma 1.6 I mezzi di trasmissione 1.6.1 Il cavo twisted pair 1.6.2 PowerLine (onde convogliate) 1.6.3 Le frequenze radio RF 1.7 La situazione del mercato della domotica in Italia 1.7.1 Konnex 1.7.2 Vimar - sistema By Me 1.7.3 BTicino - sistema MyHome 1.7.4 Altre piccole aziende 1.8 Il contributo della Domotica per il risparmio energetico 1.9 Limiti e considerazioni sull'attuale mercato della domotica 2 Le Fonti di Energia Rinnovabile 2.1 L'Italia e le fonti di energia rinnovabile 2.2 Le principali fonti di energia rinnovabile 2.2.1 Gli impianti di produzione di energia idroelettrica 2.2.2 Gli impianti eolici/minieolici 2.3 Gli Impianti fotovoltaici 2.4 Incentivazione degli impianti da fonti rinnovabili 2.4.1 Conto Energia 2.4.2 Certificati Verdi 2.4.3 Certificati Bianchi 2.5 Lo Scambio sul Posto: risparmio sulle spese energetiche 2.6 Ottimizzazione dei consumi rispetto alla produzione 3 Progetto ottimizzazione consumi 3.1 Modulo logico Siemens LOGO! 3.1.1 Descrizione fisica del modulo e programmazione 3.1.2 Programmazione del modulo logico 3.1.3 Limitazioni della notazione ladder 3.1.4 Le funzioni del modulo logico 3.1.5 La ritenzione dei blocchi 3.1.6 Le funzioni speciali del modulo logico 3.2 Nomenclatura e concetti generali 3.3 Descrizione dell'implementazione 3.4 Programma di controllo del plc 3.4.1 Interfaccia e pulsanti di controllo 3.5 Limiti e vantaggi della soluzione implementata 4 Interfaccia web per PLC su bus Konnex 4.1 Accesso alla base di dati con JDBC 4.2 Sviluppo del Listener con le API Calimero 4.2.1 Architettura di CalimeroCALIM 4.2.2 Implementazione del listener e accesso alla base di dati 4.3 La base di dati MySQL 4.4 L'interfaccia Web 4.5 Limiti e vantaggi della soluzione implementata 5 Valutazione dell'idea e futuri sviluppi 5.1 Ottimizzazione dei consumi 5.1.1 Acquisizione dei dati 5.1.2 Interazione Domotica (KNX) 5.1.3 Server ed interfaccia Web 5.1.4 Diagrammi UML per la rappresentazione del sistema 5.2 Possibili miglioramenti 5.3 Ricerca e sviluppo nel settore 5.3.1 4-noks - IntellyGreenPV4NOKS 5.3.2 Energy@Home Partnership Enel 5.3.3 SmartGrid nei centri di ricerca Europea e oltre 5.4 Valutazione dell'idea 5.4.1 Conclusioni


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186