verticale

Distribuzione e Utilizzazione dell’Energia Elettrica

La progettazione dell’impianto elettrico di un complesso industriale o civile (residenziale o terziario) presuppone la conoscenza del cosiddetto carico convenzionale, ovvero della potenza che l’impianto deve essere in grado di alimentare sia complessivamente sia in ogni sua singola parte. È necessario dunque conoscere sia la potenza attiva che la potenza reattiva, ovvero (analogamente) la potenza apparente e il fattore di potenza, analizzando ambiente per ambiente.Il carico elettrico degli apparecchi utilizzatori previsti e/o prevedibili. Si possono distinguere tre principali tipologie di utenze: utenza luce, utenza energia industriale e le utenze concentrate. Tali utenze possono essere a loro volta raggruppate in utenze normali e utenze privilegiate.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Appunti delle lezioni della laurea magistrale in ingegneria elettrotecnica - Università di Roma - La Sapienza - 2012

Pubblicato
da Martina Gambini
VerticaleSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Distribuzione e Utilizzazione dell ''Energia Elettrica Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 2 IMPORTANTE Questi appunti non sono stati concepiti per essere sostitutivi né dei libri di testo, né tantomeno
delle lezioni tenute dai professori. Sono il mio strumento di preparazione all''esame, ma dato che nell''arco della mia carriera
universitaria sono stati utili a vari colleghi, ho deciso di renderli pubblicamente accessibili. Per raggiungere la preparazione necessaria ad affrontare l''esame questi appunti non sono
sufficienti: sono troppo sintetici ed essenziali. Sono un valido strumento per prepararsi all''esame, non un supporto di studio. Alcune parti potrebbero essere incomplete o magari errate, sono pur sempre state scritte da uno
studente. Per questo il libro resta la fonte più affidabile e completa di informazioni. In questi appunti ci sono numerosi rinvii a documenti dell''appendice. Dal momento che non mi è
possibile includere tali documenti nel file pdf (come invece accade nel file word sorgente), riporto
di seguito i link web dove è possibile trovare i suddetti documenti: Appendice 1: http://cid.schneiderelectric.it/z_images/LEESDTC020BI-4.pdf Appendice 2: http://www.cnr-cmao.ens-cachan.fr/autres_ressources/pdf/TECHNO/146-p68.pdf Appendice 3: http://cid.schneiderelectric.it/z_images/LEESGTB120FI%20cap%204.pdf Appendice 5: http://www.electroyou.it/vis_resource.php'section=RP&id=77 Appendice 6: http://www.anie.it/browse.asp'goto=772&livello=5&IdDocumento=34444&IdRevisione=72932 Appendice 7: http://www.global-download.schneider-
electric.com/85257578007E5C8A/all/F0DF7271777E6DDD88257578003AC1B8/$File/cg0021en%20%28web%29.pdf Appendice 8:
http://www.geindustrial.com/publibrary/checkout/Shunt%20Capacitor'TNR=White%20Papers|Shunt%20Capacitor|g
eneric Appendice 9:
http://www05.abb.com/global/scot/scot209.nsf/veritydisplay/3c7e8c775bbc82c148257a7000222afb/$file/1SDC0071
02G0902.pdf Ovviamente non posso garantire la permanenza di questi link, ma penso che, in caso, una ricerca
su Google in proposito possa condurre al medesimo risultato. Detto questo vi auguro un buono studio e in bocca al lupo per l''esame. Emanuele ''Laeman' Freddi Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 3 SOMMARIO INTRODUZIONE ........................................................................................................................................... 6 1. ANALISI DELLA POTENZA DI PROGETTO ....................................................................................... 7 1.1. Generalità ......................................................................................................................................................... 7 1.2. Utenze luce ....................................................................................................................................................... 9 1.2.1. Apparecchi illuminati '' tipi e caratteristiche delle lampade ............................................................................... 9 1.2.2. Cenni sulle grandezze fotocromatiche ............................................................................................................... 10 1.2.3. Tolleranze sulla tensione di alimentazione, corrente di inserzione ................................................................... 13 1.2.4. Progetto dell''impianto di illuminazione '' illuminazione d''interni ..................................................................... 14 1.2.4.1. Impianto di illuminazione di sicurezza ....................................................................................................... 18 1.2.5. Progetto dell''impianto di illuminazione '' illuminazione d''esterni (stradale) .................................................... 19 1.3. Utenze EI/FM .................................................................................................................................................. 23 1.3.1. Generalità .......................................................................................................................................................... 23 1.3.2. Potenza nominale dei motori '' tipi di azionamento .......................................................................................... 24 1.3.3 Transitori elettromeccanici, avviamento e frenatura ......................................................................................... 26 1.3.4. Scelta del motore. Coefficiente di utilizzazione. Numero di inserzioni orarie. .................................................. 28 1.3.5. Effetti della qualità dell''alimentazione .............................................................................................................. 30 1.4. Utenze concentrate ......................................................................................................................................... 31 1.4.1. Ascensori ............................................................................................................................................................ 31 1.4.2. Impianti di condizionamento - UTA ................................................................................................................... 33 1.5. Quadri elettrici ................................................................................................................................................ 34 2. FUNZIONAMENTO NORMALE ED ANOMALO DELL''IMPIANTO ............................................. 39 2.1. Funzionamento normale e dimensionamento dei circuiti ................................................................................. 39 2.1.1. Generalità. Definizioni. ...................................................................................................................................... 39 2.1.2. Cavi elettrici ....................................................................................................................................................... 40 2.1.2.1. Comportamento dei cavi in caso di incendio esterno ................................................................................ 44 2.1.2.2. Scelta dei cavi, condotti sbarre .................................................................................................................. 45 2.1.2.3. Portata dei cavi elettrici ............................................................................................................................. 46 2.1.3. Configurazione di circuiti ................................................................................................................................... 47 2.1.4. Calcolo dei circuiti .............................................................................................................................................. 49 2.1.4.1. Calcolo dei circuiti di distribuzione montanti e secondari ......................................................................... 49 2.1.4.2. Calcolo dei circuiti terminali ....................................................................................................................... 51 2.1.4.3. Calcolo globale dei distributori .................................................................................................................. 52 2.1.5. Distribuzione MT '' schema ad anello chiuso ..................................................................................................... 53 2.1.5.1. Anello monoalimentato ............................................................................................................................. 53 2.1.5.2. Anello bialimentato .................................................................................................................................... 54 2.1.6. Dimensionamento dei circuiti ............................................................................................................................ 57 2.1.7. Verifica termica dei circuiti ................................................................................................................................ 58 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 4 2.2. Funzionamento anomalo dei circuiti ................................................................................................................ 63 2.2.1. Sovraccarichi dei circuiti .................................................................................................................................... 64 2.2.2. I cortocircuiti nell''impianto di distribuzione ...................................................................................................... 66 2.2.2.1. Generalità ................................................................................................................................................... 66 2.2.2.2. Calcolo della corrente di cortocircuito: metodo della corrente caratteristica ........................................... 69 2.2.2.3. Guasti squilibrati ........................................................................................................................................ 73 2.2.2.4. Correnti caratteristiche di cortocircuito dei componenti degli impianti elettrici ...................................... 75 2.2.2.5. Sollecitazione termica ammissibile in cortocircuito ................................................................................... 81 2.3. Protezione dei circuiti ..................................................................................................................................... 82 2.3.1. Dispositivi di protezione ..................................................................................................................................... 82 2.3.1.1. Interruttori automatici ............................................................................................................................... 82 2.3.1.2. Fusibili ........................................................................................................................................................ 89 2.3.2. Coordinamento delle protezioni ........................................................................................................................ 93 2.3.2.1. Protezione da sovraccarico ........................................................................................................................ 93 2.3.2.2. Protezione da cortocircuito ........................................................................................................................ 94 2.3.2.3. Protezione da cortocircuito minimo con arco ............................................................................................ 95 2.3.2.4. Protezione dei motori ................................................................................................................................ 97 2.3.2.5. Selettività delle protezioni '' circuiti radiali ................................................................................................ 98 2.3.2.6. Selettività delle protezioni '' circuiti ad anello ........................................................................................... 99 3. ECOPROGETTAZIONE ED ETICA ENERGETICA ........................................................................ 100 3.1. Cabine elettriche di trasformazione ............................................................................................................... 100 3.1.1. I trasformatori .................................................................................................................................................. 101 3.1.2. Layout di sottostazione .................................................................................................................................... 102 3.1.2.1. Layout MT ................................................................................................................................................ 102 3.1.2.2. Layout BT .................................................................................................................................................. 104 3.1.3. Sforzi elettrodinamici ....................................................................................................................................... 105 3.2. Autoproduzione di energia elettrica .............................................................................................................. 107 3.2.1. Generalità ........................................................................................................................................................ 107 3.2.2. Sistemi di continuità ........................................................................................................................................ 109 3.2.3. Alimentazione di soccorso ............................................................................................................................... 111 3.2.4. Alimentazione di emergenza ........................................................................................................................... 113 3.3. Uso razionale dell''energia elettrica ............................................................................................................... 114 3.4. Rifasamento degli impianti elettrici utilizzatori .............................................................................................. 115 3.4.1. Compensazione della potenza reattiva impiegata dagli utilizzatori ................................................................ 115 3.4.1.1. Generalità ................................................................................................................................................. 115 3.4.1.2. Calcolo della potenza di rifasamento ....................................................................................................... 116 3.4.1.3. Condensatori rotanti e statici ................................................................................................................... 117 3.4.2. Rifasamento concentrato e rifasamento distribuito ........................................................................................ 119 3.4.3. Rifasamento automatico .................................................................................................................................. 120 3.4.4. Installazione dei condensatori di rifasamento ................................................................................................. 121 3.4.4.1. Collegamento dei condensatori. Resistenze di scarica. ........................................................................... 121 3.4.4.2. Conseguenze circuitali del rifasamento ................................................................................................... 122 3.4.4.3. Protezione dei condensatori di rifasamento ............................................................................................ 125 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 5 4. SICUREZZA ELETTRICA ................................................................................................................... 126 4.1. Generalità ..................................................................................................................................................... 126 4.1.1. Definizioni ........................................................................................................................................................ 126 4.1.2. Pericoli derivanti dell''energia elettrica ............................................................................................................ 129 4.1.1.1. Shock elettrico o elettrocuzione .............................................................................................................. 129 4.1.1.2. L''arc flash ................................................................................................................................................. 134 4.1.3. Analisi di rischio ............................................................................................................................................... 135 4.2. Impianto di messa a terra .............................................................................................................................. 136 4.2.1. Progetto dell''impianto di terra ........................................................................................................................ 137 4.2.2. Verifica dell''impianto di terra .......................................................................................................................... 140 4.3. Protezione dai contatti diretti ....................................................................................................................... 143 4.3.1. Protezione verso l''esterno IP ........................................................................................................................... 144 4.3.2. Protezione attiva dai contatti diretti ................................................................................................................ 146 4.3.3. Protezione dai contatti diretti durante operazioni di manutenzione/lavori ................................................... 147 4.4. Protezione dai contatti indiretti .................................................................................................................... 148 4.4.1. Sistemi TT, TN e IT ............................................................................................................................................ 149 4.4.1.1. Sistema TT ................................................................................................................................................ 149 4.4.1.2. Sistema TN ............................................................................................................................................... 150 4.4.1.3. Sistema IT ................................................................................................................................................. 151 4.4.1.4. Sicurezza in MT e AT ................................................................................................................................. 152 4.5. Protezione degli edifici dalle scariche atmosferiche ....................................................................................... 153 4.5.1. Introduzione. Analisi di rischio ......................................................................................................................... 153 4.5.2. Criteri di progetto e tipi di LPS ......................................................................................................................... 157 PILLOLE DI SAGGEZZA .......................................................................................................................... 161 APPENDICE ............................................................................................................................................... 162 A1. Avviamento e protezione dei motori ................................................................................................................... 162 A2. Scelta e verifica dei motori asincroni (documento in Francese) .......................................................................... 163 A3. Protezione dei circuiti .......................................................................................................................................... 164 A4. Serie di Rénard ..................................................................................................................................................... 165 A5. Contattori ............................................................................................................................................................ 166 A6. Quadri elettrici ..................................................................................................................................................... 167 A7. Protezione delle reti ............................................................................................................................................ 168 A8. Condensatori di rifasamento e loro protezione. ................................................................................................. 169 A9. Protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra ...................................................................................... 170 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 6 Introduzione Qwerty Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 7 1. Analisi della potenza di progetto 1.1. Generalità La progettazione dell''impianto elettrico di un complesso industriale o civile (residenziale o
terziario) presuppone la conoscenza del cosiddetto carico convenzionale , ovvero della potenza
che l''impianto deve essere in grado di alimentare sia complessivamente sia in ogni sua singola
parte. ' necessario dunque conoscere sia la potenza attiva che la potenza reattiva, ovvero
(analogamente) la potenza apparente e il fattore di potenza, analizzando ambiente per ambiente
il carico elettrico degli apparecchi utilizzatori previsti e/o prevedibili. Si possono distinguere tre principali tipologie di utenze: - Utenza luce (L), costituita dai punti luce fissi e dalle prese a spina a 10 che permettono l''alimentazione di punti luce aggiuntivi; - Utenza energia industriale (EI) e forza motrice (FM) delle apparecchiature ad allacciamento fisso e delle prese a 16 ; - Le utenze concentrante (UC) che sono particolari utilizzatori FM che, per necessità di potenza o di servizio, vengono distinti dagli altri (ascensori, centrali di condizionamento
UTA, etc'). Tali utenze possono essere a loro volta raggruppate in utenze normali e utenze privilegiate. Per stimare il carico convenzionale non è possibile far riferimento alla potenza installata
definita come la somma delle potenze nominali dei singoli apparecchi utilizzatori: = , I motori, ad esempio, sono generalmente sovradimensionati rispetto all''effettivo utilizzo e gli
apparecchi utilizzatori, in genere, non assorbono costantemente la potenza di targa (si pensi ad un
frigorifero con compressore in regolazione on/off). Data una certa superficie o un certo volume è possibile valutare la potenza per unità di superficie
( / ) o di volume ( / ). E confrontare i valori ottenuti con quelli tipici per la medesima tipologia di impianto. In generale si utilizzano due coefficienti riduttivi della potenza installata: - coefficiente di utilizzazione ' 1 da attribuire a ciascun utilizzatore per valutarne l''effettiva richiesta. La stima di tale coefficiente è affidata all''esperienza del progettista, ma
in letteratura si trovano alcune tabelle di riferimento per i casi tipici. - coefficiente di contemporaneità ' 1 che deriva dal fatto che non tutte le utenze richiedono potenza nello stesso momento. Tale coefficiente riguarda l''impianto nella sua
globalità o, meglio, il singolo circuito di alimentazione piuttosto che il singolo apparecchio. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 8 In definitiva la potenza di riferimento è calcolabile come = '' '' Oltre a ciò un obbiettivo della progettazione è la definizione del diagramma di carico effettivo
(potenza di esercizio) e quindi il carico convenzionale per ogni circuito e di tutto l''impianto. Ad ogni modo, stimata la potenza di riferimento, si procede applicando opportuni coefficienti
maggiorativi ''di ignoranza' per ovviare ad eventuali errori o sottostime della fase progettuale
(melius abundare quam deficere). Tabella 1 - Valori indicativi di densità di potenza installata in strutture pubbliche in due gruppi: gruppo 1, impianti semplici, e gruppo 2, impianti complessi e costosi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 9 1.2. Utenze luce 1.2.1. Apparecchi illuminati '' tipi e caratteristiche delle lampade Le lampade solitamente usate negli impianti di illuminazioni sono - lampade a incandescenza: la luce viene emessa per effetto termoelettrico di un filamento in tungsteno riscaldato a circa 2700 per mezzo di una corrente elettrica e posto in
un''ampolla riempita di Argon a bassa pressione. Una variante è la lampada alogena, più
efficiente e più longeva. - lampade a scarica in gas: sono generalmente a vapori di sodio o mercurio e sono dette fluorescenti o fluorescenti compatte (aka ''a risparmio energetico'). Si distinguono lampade
a catodo freddo e lampade a catodo caldo. Le prime hanno tubi più sottili, accensioni
istantanee e luminanza regolabile. Le seconde sono di gran lunga più diffuse e si dividono a
loro volta in ' lampade a preriscaldamento: aventi i catodi preriscaldati per mezzo di uno starter;
' lampade ad accensione istantanea: che non hanno bisogno di uno starter;
' lampade con elettrodo ausiliario: in cui l''accensione avviene quasi immediatamente. - lampade a LED: l''utilizzo dei LED nell''illuminazione ha raggiunto notevoli risultati grazie alle tecniche innovative sviluppate nel campo ed è sempre più utilizzato anche in ambito
domestico. Caratteristiche peculiari delle lampade a scarica Vedi pagine 43-44-45, volume I. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 10 1.2.2. Cenni sulle grandezze fotocromatiche Flusso luminoso Il flusso luminoso Φ rappresenta la quantità di luce emessa da una sorgente, definito come il
prodotto della potenza raggiante (di un fascio luminoso) e il coefficiente di visibilità della
radiazione : Φ = = Per un fascio contenente lunghezze d''onda comprese tra e , si può scrivere Φ = ( ) ( ) Tale flusso nelle lampade fluorescenti diminuisce con le ore di funzionamento fino ad arrivare, a
fine vita, all''80% del flusso iniziale. Dal momento che ogni lampada è munita di un proprio apparecchio illuminante si può definire un
rendimento luminoso dell''apparecchio (fornito dalle case costruttrici) la quantità: = Φ Φ Naturalmente risulta sempre < 1, valori tipici sono = 45% '' 90%, mediamente = 75%. Illuminamento L''illuminamento rappresenta la quantità di luce sull''unità di superficie di lavoro, definito come il
rapporto tra il flusso luminoso ricevuto su una superficie e la superficie stessa: = Φ = Radianza La radianza in un punto d''una superficie irraggiante è la densità di flusso luminoso emesso (o
diffuso) dal punto: = Φ Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 11 Intensità luminosa L''intensità luminosa in una direzione è il flusso specifico per unità di angolo solido, emesso
dalla sorgente nella direzione considerata. = Φ Ω Il diagramma polare che fornisce i valori di intensità luminosa al variare della direzione si chiama
curva fotometrica. Figura 1 - Esempio di curve fotometriche: simmetrica (rossa) e asimmetrica (blu). Luminanza La luminanza di un punto è definita come il rapporto tra l'intensità luminosa emessa da una
sorgente verso una superficie normale alla direzione del flusso e l'area della superficie stessa : = Il valore della luminanza incide sulla tollerabilità della visione diretta della superficie irradiante.
Secondo le norme CEI la massima luminanza deve essere compresa tra 2000 ÷ 3000 / . Si può anche parlare di luminanza di una superficie (non necessariamente sorgente) '' ad esempio
un piano di lavoro '' considerando il coefficiente di riflessione della superficie e l''illuminamento
medio , secondo la formula: = '' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 12 Efficienza luminosa Si definisce efficienza luminosa il rapporto tra flusso luminoso Φ emesso e la potenza elettrica
di alimentazione: = Φ Tabella 2 - Caratteristiche delle lampade più comuni. Temperatura di colore La temperatura di colore di una lampada definisce la temperatura alla quale deve essere portato
un corpo nero affinché la luce emessa a spettro continuo abbia lo stesso colore della luce emessa
dalla lampada in questione: - Bianco-fredda (C): > 5300 - Bianco-neutra (I): 5300 ÷ 3300 - Bianco-Calda (W): < 3300 Indice di resa dei colori L''indice i resa dei colori (I.R.C. o Ra) indica la proprietà di una sorgente di non cambiare la
colorazione naturale delle superfici o degli oggetti illuminati rispetto ad una sorgente campione
della stessa temperatura di colore. varia tra 0 (zero) e 100. Un indice pari a 100 significa che non vi è differenza tra i colori ottenuti con la sorgente considerata e quelli ottenuti con la sorgente
campione. Nella pratica si distinguono cinque gruppi a resa dei colori decrescente: 1A, 1B, 2, 3 e 4. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 13 1.2.3. Tolleranze sulla tensione di alimentazione, corrente di inserzione Per un corretto funzionamento, le lampade necessitano di una tensione di alimentazione costante
a pari al valore nominale. Per valori di tensione di alimentazione più bassi si ha un decadimento del flusso pari a Φ Φ = con = 3,6 per le lampade a incandescenza e = 1,4 per le lampade a fluorescenza con
alimentatore induttivo. Per valori di tensione di alimentazione più alti si ha una riduzione della vita utile della lampada. In una lampada a incandescenza alimentata a = 0,95 si ha una riduzione di flusso del
15 ÷ 20%. Se invece è alimentata costantemente a = 1,05 si ha una riduzione della vita utile
del 50%. Le lampade a scarica tollerano variazioni di tensione fino a ±10% , se l''alimentatore è in grado
di regolarla entro limiti ammissibili. Per tensioni superiori si ha surriscaldamento dell''alimentatore,
prematuro annerimento delle estremità e minore durata della lampada. Per tensioni inferiori la
lampada potrebbe non accendersi affatto, lampeggiare o avere un flusso luminoso
eccessivamente ridotto. All''accensione le lampade a incandescenza, poiché il filamento è freddo, hanno un picco di
corrente di 10 ÷ 12 per alcuni decimi di secondo. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 14 1.2.4. Progetto dell''impianto di illuminazione '' illuminazione d''interni I dati di base per un progetto dell''impianto di illuminazione sono: - Destinazione dell''impianto per stabilire il tipo di lampade
- Destinazione degli ambienti e delle aree par stabilire il livello di illuminamento
- Caratteristiche geometriche degli ambienti.
- Colori previsti negli ambienti per valutare i coefficienti di riflessione e i contrasti. Per il calcolo si utilizza il cosiddetto metodo del flusso totale (o dei coefficienti di utilizzazione).
Tale metodo è un metodo approssimato ma generalmente accettabile ed adeguato, specie per
una valutazione di massima dell''impianto. Il livello di illuminamento medio è un dato di progetto e va fissato per ciascun ambiente
dell''edificio. Data la superficie da illuminare si definisce flusso utile Φ la quantità Φ = Per via delle attenuazioni tra la sorgente e il piano di lavoro è necessario che il flusso effettivo
(totale) sia più grande del flusso utile: per ottenerlo si considerano due coefficienti riduttivi: - Coefficiente di mantenimento (= '' ): congloba le riduzioni di flusso prevedibili nel tempo ed è composto da due fattori: ' Fattore di pulizia . Si assume pari a 0,6 '' 0,7 '' 0,8 rispettivamente per pulizia normale, forte ed elevata. ' Fattore di decadimento nel tempo del flusso . Si assume in genere 0,85 ÷ 0,9. - Coefficiente di utilizzazione : esprime le riduzioni di flusso nello spazio, cioè delle caratteristiche geometriche dell''ambiente, del colore delle pareti e del rendimento
dell''apparecchio illuminante. I valori del coefficiente di utilizzazione sono tabulati in
letteratura secondo il grado di riflessione delle superfici (anch''esso tabulato in letteratura,
in base al colore e al materiale) e al cosiddetto indice del locale . L''indice del locale di una
stanza rettangolare ( ' ) con lampade sospese dal piano di lavoro ad altezza utile '' è
calcolabile come: = '' '' ( + ) Noti ed è possibile calcolare l''illuminamento medio lordo : = '' Si noti che la valutazione dei coefficienti ed deve essere effettuata in tutti gli ambienti. Conoscendo l''illuminamento medio lordo, una volta fissato il tipo di lampade da utilizzare (e
quindi la loro efficienza ) è possibile calcolare la potenza elettrica specifica da installare come: = = '' '' = Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 15 Nota la superficie dell''ambiente da illuminare si calcola la potenza complessiva da prevedere
per l''ambiente stesso: = '' Infine, una volta scelta la lampada standard da adottare, e quindi la sua potenza '', si valuta il
numero complessivo di lampade come = '' Tabella 3 - Coefficienti di riflessione comunemente riscontrati sui soffitti e sulle pareti (in alto). Coefficienti di utilizzazione di un apparecchio illuminante (in basso). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 16 Un altro parametro da considerare nella scelta del numero di lampade (e quindi della potenza
complessiva) è l''uniformità di illuminamento, ossia il rapporto tra il valore minimo e massimo di . La diffusione è tanto più uniforme quanto più piccola è la potenza di ogni centro e tanto più diffusi
sono gli stessi nell''ambiente da illuminare. Per ottenere una determinata uniformità di
illuminamento, il numero può essere ridotto o aumentato di alcune unità. In generale il
costruttore fornisce dei diagrammi di uniformità di illuminamento in funzione del rapporto = /'' dove è l''interdistanza fra gli apparecchi contigui. Figura 2 - Esempio di diagrammi interdistanza - disuniformità per apparecchi con diffusore lamellare. Un ulteriore requisito nella realizzazione dell''impianto di illuminazione è l''equilibrio delle
luminanze
dell''ambiente, affinché tutti gli elementi mantengano una luminanza inferiore ai valori
ammissibili per evitare il fenomeno dell''abbagliamento. Figura 3 - Zona critica ed angolo di osservazione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 17 Esistono due principali metodi di calcolo: - metodo delle curve limite di luminanza: le case costruttrici forniscono le curve limite di luminanza A e B, dove: ' La curva A è per apparecchi privi di superficie emittente laterale, comunque disposti e per apparecchi con superficie emittente laterale disposti col lato
maggiore parallelo all''asse visuale. ' La curva B per apparecchi illuminanti con superficie emittente laterale disposti col lato maggiore perpendicolare all''asse visuale. Figura 4 - Curva di luminanza A (sinistra) e B (destra). - metodo UGR (Unified Glare Rating): si calcola l''indice UGR (che tiene conto dei livelli di luminanza delle lampade, delle pareti e della posizione dell''osservatore) e lo si inserisce in
delle tabelle CIE (Comité International d''Eclairage) per valutare il livello di abbagliamento
degli apparecchi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 18 1.2.4.1. Impianto di illuminazione di sicurezza L''illuminazione di sicurezza, nel caso più generale, comprende: - illuminazione di aree ad alto rischio
- illuminazione antipanico
- illuminazione per l''esodo le norme UNI EN prescrivono che l''illuminazione di sicurezza per l''esodo deve fornire il 50%
dell''illuminamento previsto entro 5 e raggiungere l''illuminamento completo entro 60 . Ulteriori
caratteristiche dell''illuminazione di sicurezza sono riassunte nella seguente tabella: Tabella 4 - Classificazione delle alimentazioni di sicurezza (in alto) e caratteristiche dell'illuminazione di sicurezza (in basso) secondo norme IEC e UNI. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 19 1.2.5. Progetto dell''impianto di illuminazione '' illuminazione d''esterni (stradale) L''impianto di illuminazione stradale deve rendere facile e sicura la circolazione, deve presentare
una distribuzione spaziale della luce tale che il piano stradale non presenti alternanze di macchie
di ombra e di luce troppo vistose e deve fare in modo che non si verifichino fenomeni di
abbagliamento. Dal momento che, sulle strade, non vi sono elementi riflettenti (come pareti o soffitto), il livello
d''illuminamento è direttamente legato alla luminanza corrispondente secondo il coefficiente
di riflessione dell''asfalto . Le norme prescrivono valori di illuminamento medio orizzontale per
strade con fondo chiaro o scuro . La luminanza media corrispondente si trova mediante
l''espressione: = '' , La scelta del livello di illuminamento orizzontale/luminanza, deve essere effettuata in base alla
categoria illuminotecnica di riferimento in relazione al tipo di strada e alla velocità del traffico,
secondo la seguente tabella: Tabella 5 - Categorie illuminotecniche delle strade. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 20 Negli impianti di illuminazione stradale vengono tipicamente impiegate lampade a fluorescenza a
catodo caldo, a vapori di mercurio o a vapori di sodio. La disposizione dei centri luminosi è scelta tra: - Unilaterale: efficace quando viene utilizzata all''esterno delle curve.
- Centrale.
- Bilaterale.
- A quinconce (alternata). Detta la quota parte di superficie stradale che spetta a ciascun centro luminoso (palo) e
l''interdistanza tra essi si può scrivere = '' e = '' 2 Rispettivamente per la disposizione unilaterale e le altre. L''altezza di montaggio '' viene assunta pari alla larghezza della carreggiata nella disposizione
unilaterale e pari a '' = /2 nelle altre. In generale è opportuno che non sia inferiore a 7 metri per
evitare fenomeni di abbagliamento. Il rapporto = /'' tra l''interdistanza e l''altezza di montaggio viene generalmente scelto sulla base di considerazioni empiriche: Tabella 6 - Rapporto di interdistanza (in alto), coefficienti di manutenzione per i centri luminosi (in mezzo) e coefficiente di deprezzamento luminoso (in basso). In definitiva, nota la larghezza della carreggiata e fissato il rapporto si hanno, in linea di
massima, i valori di '' e : '' ' 0,5 '' e ' 0,5 '' '' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 21 Al fine del progetto dell''impianto di illuminazione si possono adottare due criteri: - Metodo del flusso totale: il flusso luminoso viene calcolato secondo la formula: Φ = '' '' = '' '' '' Dopodiché si adotta l''apparecchio illuminante commerciale che emette un flusso pari o
superiore a quello calcolato e si ricalcola l''interdistanza come = Φ '' '' '' - Metodo punto per punto: tale metodo è in genere usato per verificare gli impianti progettati col metodo del flusso totale. Tale metodo consente di ricavare le curve isolux
effettive dell''impianto come è stato progettato. Vista la natura ''agli elementi finiti' di tale
tecnica, questa è facilmente implementabile da software numerici. Una nota particolare meritano le gallerie stradali. Gli impianti delle gallerie sono tipicamente
composti da: - Un impianto base (o permanente) notturno: ha il compito di garantire il livello minimo di illuminamento previsto nella galleria - Un impianto di rinforzo diurno: ha come scopo quello di evitare fenomeni di abbagliamento in entrata e in uscita dalla galleria per via del brusco cambiamento di luminanza. L''andamento della luminanza di giorno in galleria deve essere come quello riportato in figura: Figura 5 - Le cinque zone di luminanza in una galleria: di accesso aperto, di entrata, di transizione, interna e di uscita. La dimensione delle zone di rinforzo dipende dalla distanza sicura di frenata , la quale dipende a sua volta dalla velocità e dalle condizioni dell''asfalto. Si consideri un illuminamento richiesto di 12000 , considerando una potenza luminosa di 150 / si può stimare una potenza specifica dell''impianto base di circa = 80 / . Detta la larghezza della carreggiata si ha che la potenza complessiva di un impianto di rinforzo è pari a = '' '' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 22 ' osservabile come, considerando = 200 e = 14 la potenza del''impianto di rinforzo superi i 200 . Considerando che le gallerie sono spesso ubicate in posizioni remote, tale potenza potrebbe essere insostenibile dalla distribuzione elettrica locale, per questo motivo le
norme accettano che in condizioni eccezionalmente critiche per una breve durata ogni anno (< 75
ore) l''impianto possa non riuscire a garantire i requisiti di sicurezza. Teoria delle svolte e delle intersezioni: vedi libro I pagina 73. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 23 1.3. Utenze EI/FM 1.3.1. Generalità Il carico di tipo EI/FM serve principalmente ad alimentare macchine operatrici termiche e pompe.
Tale carico costituisce tipicamente oltre il 70% del carico totale dell''impianto. Si definisce azionamento elettrico il sistema costituito da uno o più motori e dall''apparecchiatura
di comando, misura e regolazione che, consente al sistema meccanico a cui è applicato di
effettuare il lavoro richiesto. Il principale tipo di motore diffuso nelle applicazioni impiantistiche è il motore asincrono. Oltre ai motori, un'altra utenza EI/FM è costituita dalle applicazioni elettrotermiche che non
verranno però trattate. I motori elettrici vengono identificati dai dati di targa, dalle caratteristiche di posizionamento e
accoppiamento, dal tipo di raffreddamento, dal livello di rumorosità, capacità di lavorare in
atmosfera ATEX e grado di protezione verso l''esterno (cfr. cap. 4) I motori elettrici sono anche caratterizzati dal tipo di servizio S, che si divide in: - S1: servizio continuo.
- S2: servizio di durata limitata.
- S3, S4, S5: servizi intermittenti periodici, con avviamento e con avviamento e frenatura.
- S6, S7, S8: servizi ininterrotto periodico, con avviamento e con avviamento e frenatura.
- S9: servizio comunque variabile.
- S10: servizio a regimi costanti distinti. Per una rappresentazione grafica dei vari cicli vedi appendice A1/13-14 (consigliato, ndr). Oltre a ciò i motori posseggono una classe di isolamento che determina la massima
sovratemperatura ammissibile dal motore stesso: - Classe Y: 65 °
- Classe A: 70 °
- Classe E: 85 °
- Classe B: 100 °
- Classe F: 115 °
- Classe H: 140 °
- Classe C: > 140 ° Le temperature sono riferite a macchine raffreddate ad aria e per = 40 ° . I motori a gabbia vengono infine classificati in quattro classi (A, B, C e D) in base alla coppia e alla
corrente massima di spunto. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 24 1.3.2. Potenza nominale dei motori '' tipi di azionamento Il punto di partenza nel dimensionamento di un azionamento è naturalmente il carico meccanico
azionato. La coppia resistente è generalmente di tre tipi: - = (costante con la velocità): tipico di pompe e compressori alternativi, funivie; - = '' (proporzionale alla velocità): tipico per calandre; - = '' (proporzionale al quadrato della velocità): tipico per pompe, compressori e ventilatori centrifughi; - = / (inversamente proporzionali alla velocità): macchine utensili (tornio). La potenza da attribuire all''azionamento è pari a = 2 '' 1000 '' 60 '' Dove - : velocità nominale; - : coppia resistente (Joule); - : rendimento di trasmissione. Detta la coppia resistente alla velocità di regime (che per i motori asincroni si assume pari alla velocità di sincronismo) si ha che la potenza nominale dell''azionamento deve essere
maggiore o uguale a ' (1,1 ÷ 1,15) 2 '' 1000 '' 60 '' Dove è stato considerato un coefficiente di sicurezza del 10 ÷ 15%. Si rammenti che è la
potenza sviluppata all''asse. La potenza assorbita dal motore si ha al netto delle perdite ovvero,
definito il rendimento del motore : = A seconda del ciclo che il carico meccanico deve subire '' e quindi alle variazioni di velocità ''
l''azionamento del motore deve essere scelto di conseguenza. Si distinguono i seguenti tipi di
azionamento: - Azionamenti a velocità quasi costante al variare del carico: per tutte le macchine operatrici che tollerano una piccola differenza di velocità nel passaggio da vuoto a carico o in
sovraccarico. Rappresentano la maggior parte delle macchine per impieghi comuni nonché
il campo di applicazione tipico dei motori asincroni. - Azionamenti a velocità rigorosamente costante al variare del carico: azionamenti per motori sincroni che vengono usati dove il mantenimento della velocità è un fattore
discriminante nel processo. La velocità di tali azionamenti è tanto più costante tanto più è
costante la frequenza di rete. Gli azionamenti sincroni sono anche usati per rifasare il
sistema regolando sull''eccitazione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 25 - Azionamenti a velocità variabile: tali azionamenti sono in genere usati per avere coppia costante all''albero, in modo che la potenza erogata sia direttamente proporzionale alla
velocità. Tale gamma di azionamenti è dominata dai motori in corrente continua, dapprima
grazie ai gruppi Ward Leonard, poi con azionamenti elettronici di potenza. La regolazione di
velocità in tali motori (in genere a eccitazione indipendente) si basa sul fatto che a flusso
induttore Φ costante, la velocità è proporzionale alla f.c.e.m. di indotto e quindi alla
tensione applicata : = '' + ; C = '' Φ '' ; = '' Φ '' Dove e sono la resistenza e la corrente di indotto (armatura). Si osserva come, fintanto che non si raggiunge la corrente di indotto nominale, è possibile operare la
macchina a coppia costante (e potenza variabile). Se invece si tiene fisso il prodotto = si ottiene una regolazione a potenza costante = ., in cui la coppia varia in ragione inversa della velocità. Quando raggiunge la corrente di indotto nominale si ha
una regolazione a potenza decrescente e coppia costante. Figura 6 - Caratteristiche della macchina in CC con eccitazione indipendente. - Azionamenti a velocità decrescente al crescere del carico: in questi azionamenti (quali i motori in CC con eccitazione serie) la velocità è tanto più bassa quanto più alta è la coppia
resistente. Trovano importanti applicazioni in impianti di trazione e grandi impianti di
sollevamento. Figura 7 - Caratteristica della macchina in CC con eccitazione serie. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 26 1.3.3 Transitori elettromeccanici, avviamento e frenatura A regime si ha l''equilibrio della coppia motrice e la coppia resistente : = Quando una delle due grandezze varia, si viene a creare una coppia accelerante pari a = '' Con conseguente variazione Ω della velocità di rotazione, fino al raggiungimento di una nuova
condizione di equilibrio, secondo l''equazione dinamica = Ω Attraverso la quale è anche possibile calcolare la durata del transitorio elettromeccanico: = '' Ω '' 2 60 (Ω '' Ω ) Dove è Ω e Ω sono le velocità di inizio e fine transitorio e è la coppia accelerante media tra
tali velocità (si ricordi che = (Ω)). Le normative definiscono un rapporto di sovraccaricabilità (rapporto tra coppia massima fornibile
dalla macchina e coppia nominale ) dell''ordine di / = 1,35 ÷ 1,50 per i sincroni e di / = 1,75 ÷ 3,25 per gli asincroni a gabbia. Due transitori di rilievo sono quelli di avviamento e frenatura. Nella fase di avviamento o spunto, il motore deve poter partire in tre tipiche condizioni: - Avviamento a vuoto: quando la coppia di carico all''asse è nulla. Le uniche coppie resistenti sono quelle dovute agli attriti interni. - Avviamento a metà carico: quando la coppia di carico all''asse è pari alla metà del valore nominale. Un esempio tipico sono le pompe centrifughe che si avviano con la valvola di
mandata chiusa in quanto, in tali condizioni, la potenza assorbita è circa la metà di quella
nominale. - Avviamento a pieno carico: quando la coppia di carico all''asse è pari al valore nominale. A volte viene anche richiesto un avviamento in sovraccarico, per vincere una coppia resisterne allo
spunto più elevata di quella nominale. Come noto, in fase di avviamento la corrente di spunto può raggiungere anche 4 ÷ 7 volte il
valore della corrente nominale che si smorza fino a (1,7 ÷ 2,5) dopo un semiperiodo. I motori in
bassa tensione sono generalmente avviati a tensione piena (inserzione diretta). Motori di
dimensioni maggiori possono essere avviati, qualora la coppia resistente allo spunto lo consenta,
riducendo la tensione di alimentazione tramite, ad esempio, l''inserzione stella-triangolo.
Diminuendo la tensione di alimentazione è possibile ridurre la corrente richiesta dalla rete e quindi
la relativa caduta di tensione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 27 ' comunque da considerare che l''avvio a tensione ridotta rende la fase di avviamento più lunga
(per via della minor coppia accelerante disponibile) e quindi un maggiore surriscaldamento del
motore. Si può valutare l''energia dissipata nel rotore come la somma di due contributi: = + Dove - è l''energia cinetica accumulata dalle masse rotanti, esprimibile come = = 1
2 '' '' Ω - è l''energia legata all''avviamento in sé, approssimabile come = '' '' '' '' Si nota dunque come il secondo termine sia tanto maggiore quanto maggiore è la coppia resistente e minore la coppia accelerante. L''avvio a tensione ridotta è quindi tanto meno
conveniente tanto maggiore è la coppia resistente allo spunto. Nella fase di frenatura, tipicamente ottenuta invertendo due fasi di alimentazione, si ha una
dissipazione di energia pari a circa tre volte l''energia dissipata in fase di avvio: '' 3 '' Per l''inversione di marcia l''energia complessivamente dissipata è pari a circa quattro volte
l''energia (frenatura + nuovo avviamento in senso opposto): '' 4 '' Il tempo di frenatura può essere calcolato mediante le formule precedentemente menzionate,
considerando ovviamente la velocità finale pari a zero e la coppia frenante pari alla coppia
resistente (se presente) e alla coppia motrice (in quanto il motore viene spinto a ruotare in senso
opposto). Per informazioni ulteriori sulle tecniche di avviamento e sul controllo industriale dei motori si
rimanda al § 5. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume IV. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 28 1.3.4. Scelta del motore. Coefficiente di utilizzazione. Numero di inserzioni orarie. Come visto in §1.3.2. Potenza nominale dei motori '' tipi di azionamento, i motori vengono
generalmente sovradimensionati rispetto alle effettive esigenze, sia per via della necessità di
avere un certo margine di sicurezza, sia perché le taglie sono standardizzate. Data la potenza
elettrica (attiva) assorbita dal motore , la potenza elettrica nominale è calcolabile dividendo per il fattore di potenza nominale (convenzionalmente pari a 0,9): = Si noti che un motore eccessivamente sovradimensionato, oltre a essere più costoso, introduce i
seguenti inconvenienti: - Fondazione (o basamento) più pesante;
- Giunto maggiorato rispetto alle esigenze della macchina accoppiata;
- Maggiori sollecitazioni sul giunto e sulla fondazione in caso di grippaggio dei cuscinetti, ci cortocircuito o di reinserzione in controfase; - Sovradimensionamento elettrico del montante del motore;
- Aumento del livello di cortocircuito (il contributo di ogni motore nei primi istanti è pressappoco pari alla potenza nominale); - Aumento delle perdite nel motore. Per poter valutare la potenza di targa ottimale di un motore è necessario valutare il coefficiente di
utilizzazione
. Se si considera un servizio diverso da S1 (servizio continuo) in cui le fasi di avviamento e frenatura
siano termicamente trascurabili, è calcolabile come = = 1 ( ) Dove è la potenza equivalente assorbita dal motore nel periodo, mentre ( ) è il rapporto tra la potenza istantanea e la potenza nominale: ( ) = ( ) = '' '' cos '' '' cos '' '' = Dove è stata fatta l''approssimazione '' e si è posto pari a il valore RMS di (aka, risultato dell''integrale). Se il regime variabile è divisibile in fasi a potenza costante nei sottointervalli
nel periodo complessivo , il è esprimibile come = '' Dove = / e = / . Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 29 Si noti come, in condizioni nominali, la potenza dissipata dal motore in regime permanente , è
pari alla somma delle perdite nel ferro e nelle perdite per effetto joule (dovuta a ) , : , = + , ' + '' In regime variabile, con una corrente si ha che la potenza dissipata , è proporzionale a : , ' + '' '' = + , '' Rispetto ad un motore in funzionamento nominale, è dunque definibile una certa quota di perdite
aggiuntive ammissibili ' , pari a ' = , '' (1 '' ) Dato il ciclo affinché sia possibile dissipare l''energia , ovvero l''energia aggiuntiva legata a frenature, avviamenti o inversioni di marcia durante il ciclo, è necessario che sia rispettata la
condizione ' ' '' = , '' (1 '' ) '' Se tale condizione è rispettata, ovvero se (1 '' ) ' , '' Allora il coefficiente di utilizzazione complessivo del motore nel ciclo è pari a , = + , '' Se si considera = = 4 '' '' Ω ovvero il caso di inversione di marcia con motore a vuoto ( = ), è facile calcolare il numero massimo di inserzioni orarie a vuoto come = 3600 '' , 4 '' '' Ω Successivamente, noto il momento di inerzia totale con motore sotto carico, è possibile calcolare
il numero di inserzioni orarie come: = 4 '' '' Ω Per una completa guida alla scelta e alla verifica dei motori (asincroni) si rimanda all''appendice A2
(documento in francese). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 30 1.3.5. Effetti della qualità dell''alimentazione In linea generale è facile verificare, mediante il diagramma circolare del motore asincrono o delle
equazioni di macchina, che gli effetti delle variazioni di tensione e frequenza sono riassumibili
come segue: - Un aumento/diminuzione della tensione di alimentazione di un fattore , fa si che la corrente a vuoto e la corrente di cortocircuito aumentino/diminuiscano del fattore ,
mentre la coppia aumenta/diminuisce di un fattore . Allo spunto e in condizioni di
transitorio è necessario che sia garantita la coppia motrice minima. Ad esempio per motori
che allo spunto hanno, a piena tensione, una coppia pari al 150% di quella minima, è
tollerabile una c.d.t. del 20% in quanto 0,8 '' 150% '' 100%. Infine, un aumento della
tensione provoca una diminuzione del cos per via della maggiore potenza reattiva
necessaria a magnetizzare la macchina. - Un aumento/diminuzione della frequenza di rete di un fattore , fa si che la corrente a vuoto e la corrente di cortocircuito diminuisca/aumenti di un fattore , mentre la coppia
diminuisce/aumenta di un fattore . In questo caso, però, visto che la velocità (' ) sarà volte maggiore, la potenza della macchina risulterà solo volte minore. Gli aumenti della frequenza e della tensione hanno un effetto opposto è possibile, entro certi
limiti, aumentare entrambe e lasciare le caratteristiche del motore pressoché inalterate. Queste
considerazioni, comunque, prescindono dal raffreddamento del motore e valgono solo per
funzionamenti di breve durata. La potenza nominale del sistema a monte di un motore incide sulle condizioni di funzionamento
ordinare di un motore, in quanto da essa dipende la stabilità di tensione frequenza. La potenza di corto circuito del sistema di alimentazione di un motore, invece, influenza le
condizioni transitorie, in particolar modo di accelerazione, in quanto da essa dipende la c.d.t.
durante tali fasi. Un altro fenomeno che influisce sul funzionamento del motore è la presenza di un''alimentazione
non sinusoidale o dissimmetrica
. Una tensione è considerata sinusoidale se tutti i valori
istantanei sono compresi in ±5% dell''ampiezza dell''armonica fondamentale. Un sistema polifase
è considerato simmetrico se nessuna delle componenti di sequenza inversa provoca una corrente
superiore al 5% della corrente di sequenza diretta, ovvero il grado di squilibrio è inferiore a / < 5%. Le correnti di sequenza inversa provocano la comparsa di un campo rotante inverso con effetti
frenanti (coppia inversa) e surriscaldanti per il rotore (diminuzione del rendimento). Un ultima considerazione da fare riguarda la commutazione dell''alimentazione fra sorgenti
diverse (e.g. commutazione su rete da una linea ad un'altra, o da rete al gruppo di emergenza),
che può dare origine, in caso vi sia uno sfasamento tra le fasi delle tensioni, a sovracorrenti
transitorie (50 ÷ 60 ) fino a due volte il valore massimo della corrente di spunto, che provocano coppie nocive sul sistema meccanico a valle, sul basamento e sul giunto. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 31 1.4. Utenze concentrate 1.4.1. Ascensori Il dimensionamento degli ascensori consiste nel determinare innanzi tutto la velocità, la portata e
il numero di impianti (se maggiore di uno). Per la portata si può stimare: - 1 persona per ogni 10 per gli uffici; - 2 persone per camera utile nelle abitazioni e negli alberghi;
- 2-4 persone per letto negli ospedali (visitatori inclusi). La velocità dipende naturalmente dall''altezza dell''edificio e si distinguono ascensori - Lenti: 0,20 ÷ 0,40 / (grandi montacarichi > 500 ÷ 1000 ) - Normali: 0,40 ÷ 0,80 / (abitazioni di < 5 piani)
- Semiveloci: 0,80 ÷ 1,20 / (abitazioni di 6 ÷ 10 piani)
- Veloci: > 1,20 / (grandi edifici) Il motore maggiormente usato per abitazioni comuni è l''asincrono a gabbia. I motori per ascensori
hanno una resistenza rotorica maggiore di quelli standard che gli consente di avere una curva
coppia/giri favorevole ad assicurare avviamenti graduali. In impianti più importanti si adotta un motore a doppia polarità (4/16 poli) che consente di avere
due velocità distinte (in rapporto ¼), atte a garantire frenature più dolci e un livellamento migliore
al piano. Per edifici pubblici (portata 8 ÷ 10 persone) o laddove si voglia avere un controllo fine sulla
velocità della cabina, si utilizza il motore in corrente continua con azionamento tipo Ward-
Leonard
. Il motore asincrono, infatti, tende a raggiungere molto velocemente la velocità i regime e
ciò potrebbe risultare sgradevole per le persone a bordo. Figura 8 - Gruppo Ward-Leonard. Un gruppo Ward-Leonard è costituito da un motore asincrono connesso alla rete, il quale aziona
un motore a corrente continua , la cui eccitazione è derivata dalla tensione continua (che può
essere fornita o meno da un secondo motore in cc, sempre connesso all''asincrono) e regolata per
mezzo del reostato . Quindi, tramite e è possibile variare sia la tensione di alimentazione del motore (connesso al carico) che la sua eccitazione controllando di fatto
coppia e velocità in modo fine. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 32 La potenza richiesta dai motori è, come detto, legata alla velocità e alla portata degli ascensori. '
necessario tenere presente che gli ascensori operano in servizio intermittente, al fine del
dimensionamento termico dei motori. Per valutare il coefficiente di contemporaneità di una batteria di ascensori le norme suggeriscono di fare riferimento alla tabella riportata di seguito, dove è definito come il
rapporto tra la somma delle correnti assorbite dagli ascensori e la maggiore di esse : = 1,00 1,000 2,60 0,807 5,00 0,668 1,20 0,958 2,80 0,792 5,50 0,647 1,40 0,927 3,00 0,778 6,00 0,627 1,60 0,900 3,25 0,761 7,00 0,592 1,80 0,877 3,50 0,745 8,00 0,573 2,00 0,856 3,75 0,730 9,00 0,537 2,20 0,838 4,00 0,717 10,00 0,513 2,40 0,822 4,50 0,692 11,00 0,493 Il conduttore dovrà essere dunque dimensionato per una corrente pari a = ( + +, ' , + ) '' Ad esempio, siano dati tre motori che assorbono rispettivamente correnti di 7 , di 8,2 e 10,7 .
Si trova che = 2,42 per cui = 0,822. La corrente equivalente sarà pari a = 21,3 . Il valore del rendimento complessivo di un ascensore dipende dalla posizione del motore (in alto o
in basso) e dalla trasmissione adottata. Per impianti normali esso è compreso tra 0,4 ÷ 0,5. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 33 1.4.2. Impianti di condizionamento - UTA La progettazione di impianti di condizionamento o di UTA prevede considerazioni di natura
termotecnica che prescindono dal corso. Sia sufficiente richiamare il fatto che nel ciclo frigorifero un compressore fa circolare il fluido
refrigerante attraverso il condensatore (scambiatore caldo) e l''evaporatore (scambiatore freddo),
passando per una valvola di espansione. Figura 9 - Ciclo frigorifero. Tale compressore è generalmente di tipo alternativo e, al fine di ottenere una certa modulabilità
nella regolazione è tipicamente parzializzabile, ovvero è costituito da più unità indipendenti
oppure è possibile agire singolarmente sui cilindri che lo compongono. Un altro tipo di ciclo frigorifero è il cosiddetto ciclo ad assorbimento, che utilizza calore al posto
del motore primo. Tale ciclo, però, conta un rendimento molto inferiore (circa 1/6 del ciclo con
compressore) ed è quindi vantaggioso solamente laddove il costo dell''energia termica è molto
basso (1/6 del costo del kWh). Dal punto di vista elettrico, gli impianti di condizionamento rappresentano in genere una notevole
parte del carico che può variare dal 20% al 50% del totale. In generale è possibile stimare una
densità di potenza di 15 / per impianti civili per abitazioni e per ospedali, e di 30 / per uffici e alberghi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 34 1.5. Quadri elettrici I quadri elettrici rappresentano i nodi elettrici dell''impianto e contengono, in genere, le
apparecchiature di misura, manovra e protezione relative a tutto l''impianto (quadro generale) o
ad una sua parte (quadro locale). L''ubicazione dei quadri elettrici deve essere possibilmente più baricentrica possibile, meglio se
vicina ai carichi che assorbono una maggiore potenza. Naturalmente devono essere preservate la
praticità di accesso e manovra al quadro stesso. I quadri elettrici sono caratterizzati dal grado di protezione IP (cfr. cap. 4) e si dividono in: - Normali: grado IP32 massimo, destinati ad applicazioni generiche;
- Protetti: grado IP4X, destinati ad ambienti polverosi;
- Stagni: grado IPX3 minimo, destinati ad ambienti umidi o bagnati, ovvero per esterni;
- Blindati: sono realizzati in modo particolarmente robusto (caratterizzati da una sigla IK '' tenuta agli urti). I quadri possono presentare parti asportabili o estraibili: - Una parte è asportabile quando può essere completamente rimossa dal quadro, anche se il circuito al quale è normalmente connessa resta in tensione; - Una parte è estraibile quando può essere portata in una posizione di sezionamento rispetto al circuito al quale è normalmente connessa, pur restando meccanicamente unita
al quadro. I quadri elettrici vengono divisi internamente per separare le parti attive da quelle di controllo e
quelle di comando, per assicurare la protezione dell''operatore che dovesse intervenire sul quadro
elettrico con l''impianto in tensione. Tale divisione è detta forma di segregazione. Le norme
prevedono quattro forme di segregazione: Figura 10 - Classificazione delle forme di segregazione secondo la norma CEI EN 60439-1 (fonte: fonte: GEWISS). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 35 Figura 11 -Schema di scelta delle forme di segregazione per interruttori scatolati e sistemi barre (fonte: GEWISS). Per ulteriori chiarimenti sulle modalità di protezione fornite dai diversi tipi di segregazione può
essere utile far riferimento al seguente manuale (doppio click per aprire): Quadri elettrici GEWISS.pdf Un importante aspetto da considerare è il possibile campo di escursione termica ambientale a cui
il quadrò sarà soggetto, la quale può provocare la comparsa di condensa. Per limitare questo
fenomeno si utilizzano resistenze di riscaldamento (poche centinaia di Watt), per scaldare l''aria
umida ed evitare la formazione di condensa e si verniciano le lamiere interne del quadro con
vernici anticondensa. In tal modo si riesce a far fronte ad eventuali bruschi sbalzi di temperatura. Di seguito si riporta uno schema unipolare di un quadro elettrico come viene solitamente
rappresentato. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 36 Figura 12 - Esempio di schema unifilare di un quadro elettrico di un circuito monofase ad uso domestico. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 37 Un quadro elettrico è quindi generalmente costituito da - Interruttori principali;
- Arrivi dei circuiti di alimentazione;
- Interruttori di partenza dei circuiti derivati;
- Le parti attive di connessione (conduttori e/o sbarre);
- Circuiti ausiliari. La sezione e la forma dei conduttori dipende dalle correnti in gioco, ed è generalmente stimabile,
con una stima abbastanza prudenziale, con la formula semplificata di Chapoulie: = 5 '' '' , '' , Dove e sono la sezione e il perimetro esterno del conduttore espresse in millimetri e è un
coefficiente numerico derivante dalle condizioni di impiego e tabulato in letteratura (CEI 7-4). Per forti intensità si adottano piattine o sbarre di rame, tenute in posizione da supporti isolanti. Le
sbarre principali, dette anche omnibus, sono in genere collocate nella parte superiore del quadro,
mentre le distanze sono tali da garantire l''isolamento (in aria) nelle condizioni più gravose. Le
derivazioni dalle sbarre possono essere effettuate con corde di rame isolate o piattine nude,
anch''esse supportate da isolanti. Gli isolamenti possono essere in materiale inorganico (porcellana, vetro, ceramica) o organico
(resine). Un importante aspetto nella costruzione dei quadri riguarda la robustezza con cui le sbarre sono
tenute in posizione: in caso di cortocircuito, le forze elettrodinamiche sono tali da poter deformare
notevolmente il rame fino a farlo avvicinare (o toccare) alle pareti esterne del quadro, provocando
un arco che può degenerare nell''esplosione del quadro stesso: http://youtu.be/KagWdATPG-8 e http://youtu.be/qPl7oWkHwg4 Alcuni aspetti di sicurezza che i quadri elettrici devono soddisfare sono: - Apertura con chiave o attrezzo;
- Accesso alle parti attive esclusivamente con circuito aperto (sezionato);
- Grado di protezione idoneo all''ambiente di installazione;
- Targhette e indicazioni;
- Messa a terra delle parti metalliche. Si fa rilevare, infine, che tutti i quadri devono essere sottoposti a svariate prove (termiche,
dielettriche, di tenuta a cortocircuito, meccaniche, etc'). In particolare, dal punto di vista termico,
è necessario verificare che la potenza dissipata dei dispositivi all''interno del quadro (di manovra e
ausiliari) sia inferiore alla potenza dissipabile dall''involucro. Per ulteriori ragguagli sulle prove dei
quadri elettrici si veda il § 2.9.5.1. pagine 147-148 del libro Distribuzione e utilizzazione
dell''energia elettrica '' volume II. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 38 Quadri elettrici da cantiere Il quadro da cantiere (ASC '' Apparecchiature aSsiemate per Cantiere) può essere - Trasportabile: deve essere messo fuori tensione prima di poter essere spostato;
- Mobile: può essere spostato rimanendo sotto tensione. Esso è costituito da - L''arrivo del circuito di alimentazione;
- L''interruttore principale di sezionamento e di comando;
- I dispositivi di protezione dalle sovracorrenti e i contatti indiretti;
- Le partenze dei circuiti derivati (prese a spina). Oltre a ciò il quadro è sempre munito di un interruttore di emergenza standard (rosso su sfondo
giallo) comunque accessibile. I dispositivi di sezionamento devono poter essere fermati in
posizione di aperto mediante un lucchetto o all''interno di un involucro chiuso a chiave (safety
locking). Figura 13 - Quadro elettrico da cantiere con un arrivo e tre partenze. La guida CEI 64-17 in base a caratteristiche strutturali e di utilizzo individua vari livelli dei quadri di
cantiere: - ASC di distribuzione principale;
- ASC di distribuzione;
- ASC di trasformazione;
- ASC di distribuzione finale;
- ASC di prese a spina. Per approfondimenti riguardo i quadri elettrici si rimanda all''appendice A6. A6. Quadri elettrici Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 39 2. Funzionamento normale ed anomalo dell''impianto 2.1. Funzionamento normale e dimensionamento dei circuiti 2.1.1. Generalità. Definizioni. Un impianto elettrico è un insieme di componenti elettricamente associati e aventi caratteristiche
coordinate al fine di soddisfare esigenze specifiche. Fanno parte dell''impianto tutti i componenti
non alimentati tramite prese a spina e meno che queste ultime non siano unicamente destinate
alla loro alimentazione. Lo standard americano, a differenza di quello europeo, include nell''impianto anche gli utilizzatori
portatili e mobili, ed i loro collegamenti. Gli elementi componenti di un impianto elettrico sono: - Sorgenti di alimentazione: punti di consegna degli enti distributori di energia, sorgenti locali come gruppi elettrogeni, UPS, batterie di accumulatori, etc' - Distributori di alimentazione: conduttori e cavi, trasformatori, interruttori, quadri elettrici, sistemi di sbarre, etc' - Utilizzatori: motori, strumentazione elettronica, apparecchi illuminanti, etc' In generale, lo schema di un impianto di distribuzione comprende il punto di consegna
dell''energia in MT, la distribuzione in MT delle cabine MT/BT e quindi la distribuzione in BT fino
agli utilizzatori. In generale vengono adottati due schemi di impianto: - Distribuzione radiale. Adottato in genere per la BT
- Distribuzione ad anello. Usato prevalentemente per la MT, in caso siano presenti molteplici cabine. Si possono avere due configurazioni di esercizio: ' Anello aperto. Le cabine sono alimentate solo da un lato (corrisponde a due schemi radiali). ' Anello chiuso. Le cabine sono alimentate da due lati. Se i punti di consegna sono due diversi, è necessario che sia autorizzato il parallelo. Infine, si definisce un circuito elettrico come l''insieme dei componenti di un impianto, alimentati
da uno stesso punto e protetti da un medesimo dispositivo di protezione. Si distinguono: - Circuiti di distribuzione: alimentano gruppi di carichi tramite quadri elettrici. Si distinguono in montanti primari e secondari. - Circuiti terminali: alimentano direttamente gli apparecchi utilizzatori elettrici. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 40 2.1.2. Cavi elettrici Un cavo è un conduttore o un insieme di conduttori isolati in modo continuo, generalmente
provvisto di rivestimento protettivo. Sono generalmente costituiti da: - Conduttore: è la parte metallica, in rame o alluminio, che conduce la corrente.
- Isolante: è lo strato dielettrico che circonda il conduttore con funzione di isolamento. L''insieme conduttore + isolante è detto anima. - Riempitivi o guainette: servono per riempire gli interstizi tra le anime in caso ve ne siano più d''una. - Rivestimento protettivo: ha funzione di protezione meccanica può essere metallico o non metallico - Guaina: rivestimento tubolare esterno che funzione di protezione sia meccanica che da agenti chimici. - Filo di identificazione IMQ e HAR: marchiatura sulla guaina che indica il tipo di cavo per mezzo di un codice identificativo. Figura 14 - Struttura interna di un cavo. I cavi unipolari sono quelli costituiti da una sola anima, mentre i cavi multipolari sono costituiti da
più anime. Da un punto di vista costruttivo si distinguono: - Cavi con conduttori rigidi;
- Cavi con conduttori flessibili;
- Cavi senza guaina (solo unipolari);
- Cavi con guaina (sia unipolari che multipolari);
- Cavi con armatura e guaina (vedi figura). Il codice identificativo (sigla) dei cavi è diviso in tre parti: 1. La prima parte fa riferimento alle norme e alla tensione nominale (e.g. 05 = cavo armonizzato per tensione nominale di 300/500 );. 2. La seconda parte riguarda la costruzione del cavo, ossia materiale per l''isolante ed eventuale guaina, nonché al tipo di conduttore; 3. La terza parte indica il numero e la sezione dei conduttori. Di seguito sono riportate le tabelle di designazione dei cavi secondo le norme CEI 20-27 (sistema
europeo) e CEI UNEL 35011 (sistema italiano). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 41 DESIGNAZIONE SECONDO LA NORMA CEI 20-27 RIFERIMENTO ALLE NORME H Armonizzato con marchi <har> A Autorizzato N Nazionale TENSIONE NOMINALE 01 Tensione nominale U0/U 100/100 V 03 Tensione nominale U0 /U 300/300 V 05 Tensione nominale U0/U 300/500 V 07 Tensione nominale U0/U 450/750 V 1 Tensione nominale U0/U 0,6/1 kV MATERIALE ISOLANTE V Polivinilcloruro - PVC V2 Pvc per temperatura di 90 °C X Politene reticolato E Politene
E2 Politene ad alta densità R Gomma sintetica G9 Elastomero reticolato speciale RIVESTIMENTI METALLICI (SCHERMATURA E ARMATURA) C Conduttore concentrico di rame C4 Schermo a treccia di rame sull'insieme delle anime C5 Schermo a treccia di rame sulle singole delle anime C6 Schermo a nastri,fili o piattine di rame sull'insieme
anime C7 Schermo a nastri,fili o piattine di rame sulle singole
anime C8 Schermo a treccia di rame sull'insieme delle anime A7 Schermo elettrosatico di alluminio A Conduttore concentrico di alluminio Z2 Armatura a fili Z3 Armatura a piattine Z4 Armatura a nastri Z5 Treccia di fili di acciaio FORMA DEL CAVO H2 Cavi piatti non divisibili H6 Cavi piatti a tre o piu' anime H7 Cavi con isolante in doppio strato applicato per
estrusione MATERIALE GUAINA V Polivinilcloruro - PVC V2 PVC per temperatura di esercizio di 90 °C V5 PVC resistente all'olio R Gomma sintetica N Policloroprene MATERIALE DEL CONDUTTORE Rame (nessun simbolo) A Alluminio FORMA DEL CONDUTTORE -U Filo unico
-R Corda rigida
-K Corda flessibile per posa fissa
-D Flessibile per cavi di saldatrice
-E Flessibilissimo per cavi di saldatrice
-F Corda flessibile per servizio mobile Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 42 DESIGNAZIONE SECONDO TABELLA CEI UNEL 35011 NATURA E FORMA DEL CONDUTTORE A Alluminio (per il rame = nessuna sigla) U Filo unico R Corda rigida F Corda flessibile FF Flessibilissimo a corda rotonda EF Extraflessibile a corda rotonda o di costruzione
speciale S Conduttore settoriale MATERIALE ISOLANTE G Gomma sintentica per temperatura di 60 °C G1 Gomma sintetica G5 Gomma EPR G7 Gomma EPR ad alto modulo G9 Elastomero reticolato speciale G10 Elastomero reticolato speciale R Polivinilcloruro - PVC R2 PVC di qualita' superiore (antiinvecchiante) R7 PVC per temperatura di esercizio di 90 °C E Polietilene
E4 Polietilene reticolato FORMA DEI CAVI O Anime riunite per cavo rotondo D Anime parallele per cavo piatto RIVESTIMENTI METALLICI (SCHERMATURA E ARMATURA) C Conduttore concentrico di rame AC Conduttore concentrico di alluminio H Schermo elettrostatico di alluminio H1 Schermatura a fili o nastri di rame H2 Schermatura a treccia di fili di rame H3 Schermo a doppia treccia o doppia calza di rame F Armatura a fili Z Armatura a piattine N Armatura a nastri A Armatura a fili di acciaio GUAINA R Polivinilcloruro - PVC K Policloroprene
M1 Termoplastica speciale
M2 Elastomero speciale Figura 15 - Esempio di denominazione di un cavo elettrico secondo norme CEI 20-27. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 43 I materiali isolanti utilizzati per i cavi tradizionali sono - Carta impregnata: la carta in pura cellulosa è avvolta ad elica sul conduttore, deumidificata e degassata e successivamente impregnata sotto vuoto di olio minerale e resina. Per via del
diverso coefficiente di dilatazione termica del conduttore e della carta, tale isolante tende
a formare delle cavità col passare del tempo: ciò impone un limite superiore al campo
elettrico (4 ÷ 5 / ) e quindi della tensione nominale del cavo (< 100 ). Per raggiungere tensioni superiori è necessario ricorrere a carta impregnata in olio fluido
mantenuto in pressione, così da evitare la formazione di cavità. - Sostanze termoplastiche: ' Il cloruro di polivinile PVC è il materiale più diffuso, utilizzato ed a basso costo. Ottima resistenza alle scariche parziali, resiste bene agli agenti chimici e all''umidità,
meno agli agenti meccanici. Usato in più in BT che in MT per via dell''elevato fattore
di perdita. ' Il polietilene PE, ha ottime proprietà dielettriche e basse perdite, ma non resiste bene alle scariche parziali. Molto idrorepellente, è diffuso per guaine di
rivestimento nei cavi marini e simili. - Gomme: quelle utilizzate sono sintetiche, si comportano bene all''aumentare della temperatura in quanto sono vulcanizzate e non rammolliscono. ' Le gomme vulcanizzate tipo EI1 sono sostanzialmente simili al PVC.
' Le gomme butiliche G2 hanno buona flessibilità e perdite accettabili, ma bassa rigidità dielettrica. Sono usate sia in BT che in MT. ' Le gomme etilenpropileniche EPR sono ben resistenti alle scariche parziali ed hanno una elevata rigidità dielettrica, sono idonee per cavi MT e AT. ' Il policloroprene PCP ha buona resistenza chimica e al calore, nonché alla fiamma. Ha però scarse caratteristiche dielettriche, per cui viene usato solamente come
guaina. ' Le gomme siliconiche conservano le proprietà meccaniche ed elettriche ad alta temperatura e sono ben resistenti agli agenti chimici. Il costo elevato ne limita
l''impiego solo ai casi strettamente necessari, per utilizzi in ambienti con
temperature fino a 200 ° . Un materiale ibrido tra gomma e sostanze termoplastiche è il polietilene reticolato XLPE. Esso
presenta una elevata rigidità dielettrica, basse perdite e discreta resistenza alle scariche parziali. '
utilizzato prevalentemente in MT e AT. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 44 2.1.2.1. Comportamento dei cavi in caso di incendio esterno I cavi possono costituire la via attraverso cui un piccolo incendio, anche non di natura elettrica,
sviluppatosi in un locale può propagarsi ad un intero edificio. Oltre a ciò l''isolante dei cavi può
sviluppare fumi e gas tossici o corrosivi ancora più dannosi del fuoco stesso ( e , nonché cloro, che combinandosi con il vapore acqueo forma acido cloridrico ). In base alla resistenza al fuoco si distinguono: - Cavi autoestinguenti: si auto-estinguono in breve tempo e a distanza limitata dalla fiamma viva. Emettono però fumi opachi e gas tossici e corrosivi. Si dividono in: ' Non propaganti la fiamma: presi singolarmente non propagano la fiamma.
' Non propaganti l''incendio: non propagano la fiamma anche se installati in fasci. - Cavi antifumo e atossici: non propagano l''incendio e emettono una quantità minima di fumi trasparenti e gas tossici e corrosivi. - Cavi resistenti al fuoco: come i cavi antifumo e atossici, ma sono in grado di assicurare il funzionamento per almeno 3 ore a una temperatura di 750 ° . Usati per i circuiti di
sicurezza. - Cavi incombustibili: sono costituiti da una guaina esterna in tubo continuo in rame, isolamento in ossido di magnesio e conduttore in rame. Resistono fino a 1083 ° (punto di
fusione del rame), non propagano la fiamma e non emettono gas né fumi. In generale si possono applicare i seguenti provvedimenti per limitare i danni da incendio di cavi: - Sbarramenti antifiamma: sono barriere poste sul percorso dei cavi (e.g. passerelle) in materiali incombustibili (e.g. lana di roccia) atte ad evitare che la fiamma possa scavalcarli
e proseguire sul restante cavo. Le distanze consigliate tra gli sbarramenti dipendono dal
tipo di cavo, variano tra 5 ÷ 10 per tratti verticali e tra 10 ÷ 20 per tratti orizzontali,
e, comunque, prima dei quadri elettrici (se non utilizzati accorgimenti come di seguito). - Compartimenti stagni al fuoco: si ottengono sigillando il passaggio dei cavi nelle pareti degli ambienti, in modo che siano insuperabili al fuoco e dal fumo (e.g. forando il muro con
un foro del diametro esatto o poco superiore di quello del cavo stesso). - Rivelatori di incendio: da usare prevalentemente nei locali poco sorvegliati dove ci sia pericolo di incendio. - Protezione antincendio attiva. - Segregazione funzionale: si tratta di posare i cavi in percorsi appositamente studiati e schermati con materiali tali da evitare la penetrazione delle fiamme. ' applicata laddove sia
necessario garantire l''incolumità di alcuni circuiti in caso di incendio. - Impiego di cavi resistenti all''incendio: usati in alternativa alla segregazione funzionale, per gli stessi motivi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 45 2.1.2.2. Scelta dei cavi, condotti sbarre La scelta del tipo di cavo da adottare è dunque riconducibile ai fattori visti in precedenza: 1. Valore della tensione nominale di esercizio dell''impianto: definisce il grado di isolamento del cavo che, in BT, assume in genere valori di 2 ÷ 3 . 2. Ambiente di posa: definiscono il rivestimento protettivo più efficace per il cavo. Bisogna considerare sollecitazioni di tipo meccanico e chimiche. Si ricordi anche la possibile azione
dei roditori. 3. Tipo di posa: dipende dal tipo di installazione, in generale si può avere una posa in terreno, in gallerie, in canali o tubazioni, nonché la posa aerea. 4. Resistenza al fuoco: determinare il tipo di cavo in base alle esigenze a alle necessita (vedi § 2.1.2.1. Comportamento dei cavi in caso di incendio esterno). In particolari casi, in alternativa ai cavi possono essere utilizzati i condotti sbarre. Queste sono
strutture prefabbricate modulari realizzate con conduttori (sbarre) inscatolate in un contenitore di
protezione. Figura 16 - Condotto sbarre. Hanno tipicamente derivazioni a distanze fisse o a distanze qualsiasi (condotti trolley) e sono
adottate quando è necessario avere un''ampia flessibilità sia spaziale che temporale, ad esempio
per garantire la possibilità di ampliamento del carico. Tali condotti sono infatti largamente sovradimensionati e, in genere, i limiti di potenza ammissibili
sono molto elevati. In più, essendo prefabbricati si possono adeguare a qualsiasi struttura anche
già esistente. Il loro svantaggio principale è il costo elevato, anche se bisogna tenere presente che i condotti
sbarre possono essere recuperati integralmente. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 46 2.1.2.3. Portata dei cavi elettrici Nei cavi elettrici l''invecchiamento è causato principalmente dalle sollecitazioni elettriche e
termiche. Tuttavia gli spessori di isolamento sono generalmente di gran lunga superiori a quelli
effettivamente richiesti, pertanto l''invecchiamento è prevalentemente di natura termica. Il modello di invecchiamento termico del cavo è detto modello di Arrhenius e può essere
sintetizzato mediante l''espressione: log ( ) = + + 273 Dove - è la durata di vita in ore - è la temperatura in ° - , sono due parametri caratteristici del materiale isolante che per EPR e PVC valgono ( è la temperatura di esercizio del cavo): ° EPR 90 ''11,627 6127 PVC 70 ''13,194 6324,2 Si definisce portata di un cavo elettrico quella corrente per la quale, nelle condizioni di posa
considerate ed alla temperatura ambiente, la temperatura del cavo risulta essere quella di
esercizio (che è funzione del tipo di cavo). Quando il cavo è percorso dalla corrente la sua vita sarà pari alla vita utile attesa (in genere 20
anni). Figura 17 - Durata di vita (in ore) di cavi in EPR e in PVC in funzione della temperatura. 0,0 50,0 100,0 150,0 200,0 250,0 300,0 1,0E-02 1,0E+00 1,0E+02 1,0E+04 1,0E+06 1,0E+08 1,0E+10 Temperatura (°C) Tempo (ore) EPR PVC Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 47 2.1.3. Configurazione di circuiti Il secondo passo nella progettazione di un impianto, dopo aver effettuato l''analisi della potenza e
la suddivisione delle utenze nelle categorie luce, EI/FM e UC, è stabilire il numero dei circuiti,
ovvero stabilire il frazionamento delle utenze. Al criterio di economicità immediata, che suggerirebbe l''utilizzo del minor numero di circuiti
possibile, si contrappongono determinate esigenze che, invece, spingono a frazionare il carico, ad
esempio: - Necessità di equilibrare il carico sulle tre fasi. Si noti che se si ha un carico differente sulle tre fasi, e.g. > > il circuito montante avrà avere una potenza di dimensionamento pari a = 3 '' , in quanto le sezioni del cavo per le tra fasi devono essere uguali. Se invece il carico è equilibrato, per cui si può scrivere = = il montante avrà una potenza di dimensionamento '' che risulta inferiore al caso di carico
squilibrato '' < , con conseguente risparmio economico sulla sezione del cavo. - Necessità di poter parzializzare il carico per far fronte a esigenze di esercizio diverse (e.g. poter ridurre il numero di lampade alimentate durante il servizio notturno come semplice
parzializzazione di quelle attive durante la giornata); - Necessità di garantire un funzionamento ininterrotto in caso di guasti. Aumentando il numero di circuiti diminuisce il numero di utenze collegate al singolo circuito, pertanto
diminuisce il tempo di fuori servizio nel caso in cui il circuito fosse aperto per via di un
guasto, manutenzione, etc' ad esempio, alimentando l''utenza luce di una stanza con due
circuiti separati (50% '' 50%), il fuori servizio di un circuito non causa il disservizio totale. Nel disegnare i vari circuiti si utilizza lo schema unifilare. Lo schema unifilare tipico di un impianto
di distribuzione con consegna in MT è riportato di seguito: Figura 18 - Schema tipico di un impianto con consegna MT. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 48 Si possono distinguere: - il punto di consegna PC;
- i trasformatori MT/BT T1 e T2;
- il quadro generale QG (diviso in sezione normale QG-N e sezione privilegiata QG-P);
- i quadri di area QA;
- i quadri locali QL;
- i montanti M;
- i circuiti terminali CT;
- le utenze U;
- il gruppo elettrogeno G.E. (che alimenta, in emergenza, solo la zona privilegiata);
- il gruppo di continuità UPS;
- il banco di rifasamento RIF. A volte, tra QG e QA, si può trovare un quadro di smistamento QS, da cui si dipartono più circuiti
sub-primari (circuiti secondari, CS). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 49 2.1.4. Calcolo dei circuiti Definiti il carico convenzionale o la corrente di impiego e le condizioni ambientali, il calcolo di
progetto per i circuiti procede con la determinazione della sezione dei conduttori, la quale deve
soddisfare due criteri: - Tenuta termica: si verifica che < dove è la portata nominale del cavo; - Caduta di tensione: si verifica che la c.d.t. percentuale % = ' ' % sia inferiore ai limiti ammissibili. Si noti che la % è riferita a tutto l''impianto, dal punto di consegna fino all''ultimo carico. '
possibile quindi suddividere la c.d.t. sui circuiti di distribuzione e sui circuiti terminali
dell''impianto. Dal momento che la serie geometrica R5 1 che definisce le sezioni dei cavi si infittisce per valori più piccoli e visto che la scelta di un cavo deve sempre ricadere sulla sezione
immediatamente superiore a quella calcolata, è evidente come le approssimazioni maggiori si
compiano nei montanti. Per questo motivo, in genere, si può considera una c.d.t. del 60% ÷ 75%
sui circuiti terminali e del 25% ÷ 40% sui montanti. I calcoli di dimensionamento che seguono si basano sull''analogia meccanica tra un circuito che
alimenta un carico e una trave incastrata caricata di punta. Per tale motivo il sistema viene detto
metodo dei momenti amperometrici. Nella progettazione si parte dai circuiti terminali per poi calcolare i montanti o gli eventuali
circuiti secondari; tuttavia, nel seguito, sono proposti in ordine di semplicità, iniziando dal calcolo
dei montati e proseguendo con i circuiti terminali. 2.1.4.1. Calcolo dei circuiti di distribuzione montanti e secondari Si consideri un circuito che alimenta un carico trifase equilibrato di potenza attiva . Detta la
tensione di fase e cos il fattore di potenza la corrente di impiego è ricavabile mediante la = 3 '' '' Tale corrente determina la c.d.t. ' nel circuito pari a ' = cos + sin '' cos ' possibile, in generale, trascurare la componente reattiva dei conduttori sia per il generalmente
elevato valore di cos , sia perché la reattanza dei cavi è tipicamente ' nei cavi fino a
95 . 1 Cfr. A4. Serie di Rénard. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 50 Detta la lunghezza del circuito, la conducibilità del materiale costituente il cavo, la sua
sezione incognita (per cui = / ) ed la c.d.t. relativa = ' / , è possibile riscrivere la precedente relazione come ' = = '' Esplicitando rispetto a = '' '' '' '' ponendo , momento elettrico pari a = '' e , momento della densità di corrente pari a = = '' '' cos Si trova = Si noti che per la sezione del neutro, fino a 16 si adotta lo stesso valore della fase, oltre tale limite può essere ridotto a metà di quello della fase, sempre però col minimo di 16 . Se il termine reattivo non è trascurabile, si può scrivere = cos + sin = + In genere, per valutare la si ipotizza un ordine di grandezza per la sezione del cavo e si calcola
direttamente = sin I valori di sono tabulati il letteratura in funzione della dimensione e del tipo di cavo. Successivamente si valuta la come differenza tra il limite ammesso complessivo e il valore
trovato . = '' Se, una volta calcolata la sezione del cavo per mezzo di si trova una sezione molto differente da
quella ipotizzata, si può reiterare il calcolo per ottenere un''approssimazione migliore. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 51 2.1.4.2. Calcolo dei circuiti terminali Si consideri un circuito che alimenta carichi posti in derivazione lungo il circuito stesso alla
distanza , , ' , dall''origine e che assorbono la corrente , , ' , con fattore di potenza cos , cos , ' , cos Figura 19 - Caso di circuito con quattro carichi uguali distribuiti (a) con fattore di contemporaneità pari a 1 nello schema (b) e con fattore di contemporaneità pari a0,25 nello schema (c). Per i circuiti trifase equilibrati si considera la lunghezza elettrica (necessaria ai fini del calcolo)
pari a = , mentre nei circuiti monofase si considera = 2 . La minima sezione di cavo richiesta dal circuito è calcolabile con la formula vista nel paragrafo
precedente, opportunamente modificata: = '' ( cos ) '' '' = '' Dove è la c.d.t. ammissibile sui circuiti terminali. ' possibile valutare un braccio equivalente come la distanza alla quale il carico complessivo
applicato '' provoca lo stesso momento complessivo '' : = ''
'' Che è pari alla frazione < 1 del braccio complessivo : = Per cui si può scrivere = '' = '' '' '' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 52 2.1.4.3. Calcolo globale dei distributori Si presenta ora un metodo rigoroso per il calcolo complessivo dei distributori. Si consideri un distributore composto da un montante e da circuiti terminali che si dipartono da
un quadro locale. La potenza che interessa il montante (facendo riferimento al circuito
monofase equivalente) è pari, a meno del coefficiente di contemporaneità, alla somma dei carichi (= '' ) dei circuiti terminali: = = cos = cos Se è la c.d.t. massima ammissibile sull''intero distributore, la c.d.t. incognita sul montante e quella sui circuiti terminali è possibile scrivere = '' A questo punto si supponga nota la sezione dei conduttori dei circuiti terminali e si faccia
l''ipotesi che la sezione del montante sia pari alla somma delle sezioni (condizione di minimo volume del conduttore). Applicando la formula per il calcolo di viste nel § 2.1.4.2. Calcolo dei
circuiti terminali si ha: = = '' '' cos '' '' = '' '' cos '' '' Da questa formula si nota come la sommatoria dei momenti rispetto al quadro locale '' '' , provochi sul conduttore di sezione una c.d.t. pari a . Si definisce una lunghezza fittizia , come quella lunghezza che sommata a , per il carico provoca una c.d.t. pari a . Definendo cos = '' cos , essendo cos il valore medio sul ramo j-esimo, la lunghezza si può esprimere come = '' '' cos cos '' '' = '' cos '' '' cos '' = '' '' A questo punto si considera un montante di lunghezza + , per cui si può scrivere = ( + ) '' '' cos '' ( + ) '' = ( + ) '' '' cos '' '' In pratica è come se si fosse riportata la c.d.t. dovuta ai circuiti terminali nel calcolo della sezione
del montante. Noto è possibile calcolare il valore di come = cos '' '' Da cui = '' . Nota la si può calcolare l''effettiva mediante il procedimento studiato fin''ora. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 53 2.1.5. Distribuzione MT '' schema ad anello chiuso La distribuzione MT, al fine di garantire una inferiore durata dei disservizi e minori cadute di
tensione, può essere effettuata mediante uno schema ad anello. Si tratterà, nel seguito, il caso di
anello chiuso monoalimentato o bialimentato considerando due possibilità: - Gli estremi dell''anello sono alimentati dalla medesima tensione (e.g. la stessa sbarra). Questa è la condizione tipica di un anello monoalimentato. - Gli estremi dell''anello si trovano a tensione differente, condizione tipica di anello bialimentato (interconnettore tra due cabine). 2.1.5.1. Anello monoalimentato Si consideri un anello AB di lunghezza alimentato agli estremi A e B da una sola tensione, e lungo
il quale sia dislocata una singola cabina C, posta a distanza e rispettivamente da A, e da B
( + = ), e che assorbe la corrente con fattore di potenza unitario cos = 1. Figura 20 - Rappresentazione di un anello AB alimentante una singola cabina C ed equivalente "elettrico" con C punto di taglio. Dette e le correnti erogate dall''estremità A e B, è evidente che nel nodo C si avrà + = . Supponendo nota la sezione del cavo, è possibile esprimere la caduta di tensione lungo i tratti AC e
BC come '' '' = '' '' Dove è la resistenza per unità di lunghezza del cavo. Tale equazione è riscrivibile come = ( '' ) Da cui si ricava (la seconda equazione è ricavata in analogia alla prima): = '' ; = '' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 54 Tale anello è quindi equivalente a due linee radiali AC e BC e la massima c.d.t. si verifica nel punto
C ed è pari a ' = '' '' = '' '' '' = '' '' '' = '' = '' Considerando ora il caso generale di più cabine alimentate dall''anello, e.g. tre cabine 1, 2, 3 che
assorbono le correnti , , , si può applicare il principio di sovrapposizione degli effetti ed è possibile calcolare le correnti assorbite agli estremi A e B come = '' + '' + '' = '' = '' Note le correnti assorbite da A e da B è facilmente determinare le correnti che circolano
nell''anello applicando la prima legge Kirchhoff ai nodi successivi. Esisterà un nodo (una cabina) in
cui la corrente che proviene da ambo i lati non è sufficiente ad alimentare la cabina da sola ovvero
si avrà una differenza negativa. Tale cabina è alimentata contemporaneamente da ambo le
sottostazioni
e la c.d.t. risulta massima in tale nodo. Chiamando tale nodo C, la c.d.t. in C (ossia
quella massima nell''anello) è pari a ' = ' = = 2.1.5.2. Anello bialimentato Nel caso in cui l''anello sia bialimentato con tensioni differenti il procedimento non differisce molto
dal caso precedente. La principale differenza è nel calcolo delle correnti erogate dagli estremi A e
B che, in questo caso, deve tener conto sia della corrente assorbita dai carichi che della corrente
dovuta alla differenza di tensione tra A e B. Supponendo che > è evidente che vi sarà una corrente pari a = '' Dove è la resistenza del conduttore A-B. Oltre a tale corrente si deve tener conto di quella dovuta al carico dell''anello, ossia una pari a, come già visto = '' La corrente totale che si diparte dal punto A sarà quindi pari a = + = '' + '' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 55 Nota si procede come già visto, per sottrazioni successive fino a trovare il punto di taglio in cui
la corrente cambia segno. Si noti che, in questo caso, è possibile che non si giunga mai ad una
differenza negativa
e non esista quindi punto di inversione. Ciò vuol dire che il punto B non eroga
corrente, anzi che viene a sua volta alimentato da A ed è quindi il punto con la più alta c.d.t. del
circuito. Figura 21 - Caduta di tensione in caso di anello bialimentato con estremi alla medesima tensione. Figura 22 - Caduta di tensione in caso di anello bialimentato con estremi a tensione diversa. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 56 Nel caso in cui non si possa considerare cos = 1, la c.d.t. è data dalla più generale ' = cos + sin = + Dove si nota che la c.d.t. è data dal contributo di due c.d.t. una (detta ohmica), dovuta alla
componente resistiva, e l''altra dovuta alla componente reattiva. ' possibile decomporre la linea
in due linee geometriche identiche, una affetta esclusivamente dalla resistenza e l''altra dalla sola
reattanza. Tale procedimento è valido solo se i carichi hanno il medesimo fattore di potenza. In
caso contrario, infatti, i punti di taglio, generalmente, non coincideranno tra il circuito ''solo
resistivo' e il circuito ''solo induttivo', e non è quindi possibile calcolare la c.d.t. reale per semplice
somma delle due c.d.t. in tal caso è necessario calcolare la c.d.t. tronco per tronco della linea in
esame. Attraverso i calcoli riportati è possibile anche dimensionare la linea in anello, imponendo ad
esempio la massima c.d.t. ammissibile. ' possibile dimensionare il circuito supponendo di voler
mantenere una massima c.d.t. nel caso peggiore di apertura dell''anello ad un''estremità (per cui
l''anello diventa una lunga linea radiale). In tal caso il sovradimensionamento che ne deriva
consente una notevole riduzione della c.d.t. massima rispetto al valore prefissato durante
l''esercizio ad anello chiuso Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 57 2.1.6. Dimensionamento dei circuiti Il dimensionamento di ogni circuito deve far fronte alle condizioni di carico normali ed a quelle
anomale che caratterizzano la prestazione del sistema di protezione. Nota la sezione del cavo si possono individuare le tre grandezze: - Densità di corrente di carico : = Dove è la portata nominale del cavo; - Densità di momento o momento della densità di corrente : = Dove è la corrente del carico che scorre nel circuito (braccio) di lunghezza ; - Densità di sovracorrente/corto circuito : = Dove è la corrente di corto circuito attesa. Queste tre grandezze individuano caratteristiche del circuito che sono indipendenti dalla sezione
o dal carico
e sono tipicamente utilizzate per aiutare il progettista nella scelta (dimensionamento)
del cavo. ' necessario infatti che - = ' cioè la sezione del cavo deve essere tale che la sua portata sia maggiore o uguale della corrente di impiego ; - ' = cioè la sezione del cavo deve consentire il momento di corrente garantendo la caduta di tensione ; - ' cioè la sezione del cavo deve avere la tenuta termica tale da condurre nel breve tempo (fino a 5 ) la corrente di cortocircuito massima prevista . Si coglie l''occasione per introdurre il cosiddetto metodo dell''energia specifica passante secondo
cui l''integrale di Joule = si può riscrivere come = = La grandezza , specifica per ogni dispositivo (cavo, in questo frangente) è detta energia
specifica passante
ed è un parametro fornito dai costruttori. Si è visto come è possibile calcolare la sezione minima richiesta per un determinato circuito
secondo le metodologie proposte nel §2.1.4. Calcolo dei circuiti Il dimensionamento definitivo si
basa sul fatto che il valore di sezione scelto per il cavo deve soddisfare contemporaneamente le
tre condizioni sopraesposte. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 58 2.1.7. Verifica termica dei circuiti La potenza attiva dissipata nei conduttori provoca tre effetti: - Aumento della resistenza del conduttore;
- Allungamento del conduttore (particolarmente rilevante nel caso di condotti sbarre);
- Deterioramento dell''isolante. Per i cavi isolati in gomma, ad esempio, a temperature elevate la gomma si sgretola perdendo le qualità isolanti. In particolare, è necessario garantire che il conduttore lavori ad una temperatura tale che la
vita dell''isolante sia sufficientemente lunga (legge di Arrhenius). La verifica termica dei circuiti è quindi necessaria per assicurarsi che la temperatura di esercizio del conduttore sia minore della temperatura massima ammissibile , ovvero la temperatura per
la quale è garantita la sua vita nominale dell''isolamento. Calcolo del transitorio termico dei cavi La quantità di calore (di seguito si farà sempre riferimento all''unità di lunghezza) prodotta da un
conduttore di sezione , conducibilità e percorso dalla corrente è pari a = = 1 '' Per rendere il problema insensibile dalla temperatura ambiente ci si riferisce alla differenza di
temperatura tra cavo e ambiente ' = '' . La quota di calore dispersa dal cavo è pari a = '' '' '' ' '' = ' Dove si è indicato con = 1/'' la resistenza termica del conduttore calcolabile come = + ( + ) Dove - è il numero di conduttori del cavo; - la resistenza termica tra conduttore e guaina (conduzione); - la resistenza termica della guaina (conduzione); - la resistenza termica tra superficie esterna della guaina e l''ambiente (convezione e irraggiamento). La quantità di calore assorbita dal cavo , invece, dipende dalla sua capacità termica e dalla
della temperatura ' verificatasi nel tempo (indicata come ' ): = '' ' Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 59 Note le grandezze , e è possibile calcolare l''equazione differenziale del fenomeno termico transitorio: = '' ' + ' Ovvero = '' ' + ' La cui soluzione è ( ) = ( '' )(1 '' ' ) + Dove - = '' è la costante di tempo; - è la temperatura assunta a regime a transitorio terminato, calcolabile facilmente considerando che a regime si ha = pertanto ' = '' = Il processo di riscaldamento del cavo ha pertanto andamento esponenziale e la temperatura di
regime viene raggiunta (a meno dell''1%) in un tempo pari a = 5 . Verifica termica della portata dei cavi In condizioni di equilibrio con corrente (di esercizio) si ha, a regime ed esplicitando : '' = '' '' = '' '' ' Tale equazione, tuttavia, è spesso inutilizzabile per via della difficoltà di calcolo di . Per questo
motivo le portate nominali dei cavi (e le relative sezioni) tali che > si calcolano mediante delle tabelle che legano il tipo di isolante e il tipo di posa (e quindi la temperatura massima
ammissibile ). Alla pagina seguente è riportata un esempio di tabella CEI-UNEL 35382 per un
determinato tipo di cavo. Nelle sezioni dei cavi standard si nota come all''aumentare della sezione, la densità di corrente
diminuisce
: questo è necessario proprio per evitare una eccessiva sollecitazione termica del cavo.
Per esempio, nella tabella seguente, un cavo da 1,5 porta 26 ( = 17,3 / ), mentre un cavo da 10 porta 86 (8,6 / ). Per cavi BT è possibile calcolare la densità di corrente nominale in funzione della sezione con il metodo Cenelcom: = (1) Dove (1) è la densità di corrente nominale per il cavo di 1 , parametro caratteristico di ogni cavo, mentre è un coefficiente sperimentale che può essere posto pari a = 0,625 per cavi
in tubo fino a 240 . 6 A 60 I cavi poss
dai costru
problema
tabellati in
metodo an ppunti di D A Figura 2 ono essere ttori, così è sufficien n letteratura nalitico visto Distribuzione Appunti a cur 3 - Esempio di t installati in come la te nte applica a o forniti d
o in precede ed Utilizzazi ra di Emanue tabella CEI-UNE n condizion emperatura are opportu
dagli stessi c enza. one dell''Ene ele Freddi '' h EL 35382 per un i differenti a ambiente uni coeffici costruttori, rgia Elettric http://laema na serie di cavi rispetto a può esser ienti corre o '' nei cas a '' Prof. Giu an.altervista. (Prysmian Afum quelle cons re diversa. ettivi della i più compl useppe Parise .org/Blog/lec mex1000) siderate dal Per ovviar portata n lessi '' calco cture-notes/ le norme o re al primo ominale , olabili con il o
o ,
l Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 61 Quando la temperatura è diversa dalla temperatura di prova prevista dalle norme o dal
costruttore, è possibile valutare la nuova portata nominale mediante la formula: = ''
'' Per calcolare la temperatura di esercizio a cui si porta il conduttore a carico , è possibile
scrivere: = '' '' '' Dove è la resistenza del conduttore alla temperatura . varia in base alla temperatura come ( ) = (1 + ) Trascurando il termine di variazione della resistenza, è possibile esprimere la temperatura di
esercizio come = + ( '' ) '' La tabella che segue alla pagina successiva riporta vari tipi di posa e installazione dei cavi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 62 Tabella 7 - Modalità di posa dei cavi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 63 2.2. Funzionamento anomalo dei circuiti A livello teorico si ha un funzionamento anomalo dei circuiti tutte le volte che la corrente supera
quella nominale di esercizio > . Tuttavia l''effettivo funzionamento anomalo si ha per correnti superiori alla portata del cavo: > . Si distinguono: - Sovraccarichi: si hanno per > , il cui principale effetto è legato alla sollecitazione termica e, quindi, al maggiore invecchiamento del circuito. L''invecchiamento è dunque
parametro di ammissibilità delle sovracorrenti. - Cortocircuiti: si hanno per ' , i cui effetti sono sia termici che elettrodinamici, nonché, spesso, sono accompagnati dalla presenza di un arco elettrico. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 64 2.2.1. Sovraccarichi dei circuiti Il sovraccarico è definito come l''esercizio di un cavo in eccesso di portata ( > ), per una durata sufficiente a determinare un danno o un riscaldamento pericoloso. Per valutare il massimo tempo ammissibile per un sovraccarico è innanzi tutto necessario definire
la percentuale di vita del cavo che si è disposti a ''sacrificare' per far fronte a un certo numero di
sovraccarichi. Si supponga, ad esempio, che il 10% della vita sia sacrificabile per far fronte ai sovraccarichi.
Stimando un numero totale di sovraccarichi pari a 100, si assegna una perdita di vita
convenzionale
(in corrispondenza di ciascun sovraccarico) pari a ' = 1/1000. In altre parole, in seguito ad un sovraccarico, si stima che la vita si riduca di un fattore (1 '' ' ) < 1: = (1 '' ' ) '' Dove è la vita nominale, calcolata alla temperatura . Introducendo nella formula di Arrhenius si trova la temperatura massima alla quale corrisponde una vita pari a ' : log = + + 273 '' = log '' '' 273 La temperatura assunta dall''isolante, come visto nel 2.1.7. Verifica termica dei circuiti, è
esprimibile come ( ) = ( '' ) 1 '' ' + Il termine ( '' ) dipende dalla potenza dissipata per effetto Joule e dalla dispersione dermica del cavo; in pratica, esso dipende dalla corrente che scorre nel conduttore: ( '' ) = ( '' ) '' = '' Posto ( ) = è quindi possibile ottenere una relazione diretta tra la
corrente e il tempo
per il quale tale
corrente può scorrere nel conduttore
prima che la temperatura dello stesso
raggiunga un punto tale da determinare la
perdita di vita ' . Si è soliti graficare tali curve su un piano '' , come in Figura 24. Tale curva rappresenta, in altre parole, la
curva di intervento della protezione del
cavo. Figura 24 - Curva delle correnti di carico ammissibili, considerando = . Per i cavi in EPR si assume = 1,44 '' 0 1 2 3 4 5 Tempo di carico ammissibile I/Iz Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 65 Le normative CENELEC-IEC e ANSI-IEEE differiscono nel calcolo delle condizioni di ammissibilità
per i sovraccarichi, in particolare: - La normativa CENELEC-IEC dichiara ammissibile per i cavi BT una sovracorrente = 1,45 per un tempo variabile da 1 a 4 ore da coordinare con il dispositivo di protezione. Tale
normativa prescindendo dalla sezione dei cavi e dalla loro posa, ammette di fatto
invecchiamenti diversi per i cavi (invecchiamenti maggiori per cavi di sezione minore). - La normativa ANSI-IEEE (IEEE Std. 242), invece, stabilisce per ogni tipo di isolante una temperatura massima ( ) nonché delle costanti di tempo per ogni tipo di cavo, ottenendo quindi un invecchiamento più omogeneo. Figura 25 - Andamento della temperatura in un cavo isolato in EPR che conduce una sovracorrente pari a 1,45 '' al variare della costante di tempo. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 66 2.2.2. I cortocircuiti nell''impianto di distribuzione 2.2.2.1. Generalità Un cortocircuito è una sovracorrente conseguente ad un guasto (contatto non voluto) tra punti di
un circuito a tensione diversa. Il cortocircuito è franco se l''impedenza di guasto è nulla. In tal caso la corrente presenta valori
sicuramente maggiori di quelli d''esercizio, mentre quando è presente un''impedenza come un
arco, la corrente che si instaura può essere di valore anche inferiore a quella d''esercizio. Figura 26 - Circuito equivalente per lo studio del corto circuito. Nel caso più generale di cortocircuito, è possibile considerare lo schema equivalente di Figura 26,
la cui equazione è esprimibile come ( ) = ''2 sin( + ) = '' ( ) + ( ) Dove è l''angolo di fase della tensione al momento del guasto ( = 0). La soluzione dell''equazione differenziale in ( ) è somma dell''integrale generale e dell''integrale particolare: ( ) = , ( ) + , ( ) L''integrale particolare rappresenta la corrente che si instaura a regime (componente simmetrica): , ( ) = ''2 sin( + '' ) con tan = L''integrale generale porta in conto, invece, la corrente transitoria (componente unidirezionale) di
cortocircuito: , ( ) = '' / con = La costante è facilmente ricavata imponendo = 0 per = 0: = '' ''2 sin( '' ) A Appunti a c In conclusi Il cui andam In presenz
sono cont
presenta in - Per
- Per
- Per Il valore di
(e quindi d
picco pu
coefficient La è qui ppunti di D ura di Eman one la corre mento è rap za di genera raddistinte n funzionam riodo subtra
riodo transi riodo sincro i cresta del dall''istante uò essere v te = 2,5 ÷ ndi pari a Distribuzione uele Freddi '' ente di cort ( ) = ''2 ppresentato atori si dist da valori mento norm ansitorio; itorio; ono. Figura 28 - le fa la corrente in cui avvie valutato m ÷ 2,7 defini ed Utilizzazi '' http://laem tocircuito 2 sin( + o di seguito Figura 27 - inguono tra della reatt male: Corto circuito v asi sub-transitor dipende da ene il corto oltiplicando ito dalla nor = 1,0 one dell''Ene man.altervist ( ) vale + '' ) '' o: - Corrente di co a fasi temp
tanza sincro vicino un altern ria e transitoria alla presenz o circuito a o il valore rma IEC 909 2 + 0,98 '' = ''2 rgia Elettric ta.org/Blog/l '' ''2 sin( ortocircuito. orali succes ona differe natore, in cui si a, e la fase sincr za o meno cui corrispo efficace d 9 come: / ca '' Prof. Giu lecture-note '' ) / ssivi ad un enti da que distinguono rona. della comp onde il para ella corren useppe Parise s/ cortocircui ella che il ponente uni ametro ). nte di guas 6 to. Tali fasi generatore idirezionale Il valore di sto, per un 7 i e e i n Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 68 Nota: l''espressione di è derivata dal ragionamento più generale per il calcolo della corrente di picco che
prevede un approccio analitico dall''espressione generale della corrente di cortocircuito. La si può infatti
calcolare imponendo le derivate parziali uguali a zero: ( ) = 0 ( ) = 0 Dalla prima si ricava: '' '' 1 2 + Mentre dalla seconda: = 0 la corrente di picco si trova quindi per sostituzione, e vale: = ''2 1 + sin Imponendo ' si ottiene cos '' 0 da cui deriva l''espressione approssimata del fattore . ' importante notare come il tipo di cortocircuito sia fondamentale nella valutazione
dell''impedenza, che varia sensibilmente da caso caso: - Cortocircuiti trifase;
- Cortocircuiti bifase;
- Cortocircuiti monofase. Per ciascun tipo di cortocircuito sarà necessario trovare: - La corrente di cortocircuito massima: è importante ai fini delle massime sollecitazioni termiche ed elettromagnetiche sui componenti, nonché per stabilire il potere di
interruzione
dei dispositivi di protezione. - La corrente di cortocircuito minima: è importante per determinare la taratura delle protezioni. Nel calcolo di cortocircuito, la tensione nominale è moltiplicata per fattore di tensione , per
valutare le correnti minime e massime di cortocircuito. Il fattore è riportato in tabella. = '' = '' ''3 Tensione nominale 230/400 (altri sistemi) 1,00 0,95 BT: 100 ÷ 1000 1,05( ) '' 1,10( ) 0,95 AT: > 1 1,10 1,00 Tabella 8 - Fattore di tensione c per il calcolo di correnti di cortocircuito massime e minime. (1) Per sistemi di bassa tensione con tolleranza del +6%; (2) Per sistemi di bassa tensione con tolleranza del +10%. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 69 2.2.2.2. Calcolo della corrente di cortocircuito: metodo della corrente caratteristica Il metodo proposto 2 prevede l''utilizzo della corrente caratteristica di cortocircuito di ciascun componente dell''impianto elettrico come parametro di calcolo per il cortocircuito stesso. La corrente caratteristica di cortocircuito alla tensione di un componente è definita come la
corrente che circolerebbe nell''impedenza (di cortocircuito) qualora fosse alimentata separatamente alla tensione come definita nel precedente paragrafo e assunta con fase pari a
zero. Detta l''impedenza di cortocircuito del componente, caratterizzata dall''angolo di fase = atan La corrente caratteristica di cortocircuito alla tensione del componente è pari a = = '' ''3 Caratterizzata naturalmente da un angolo di fase anch''esso pari a . Il calcolo delle correnti caratteristiche di cortocircuito per i vari componenti di un impianto
elettrico è rimandato al §2.2.2.4. Correnti caratteristiche di cortocircuito dei componenti degli
impianti elettrici 2 Si ricorda che il metodo ''classico' per il calcolo della corrente di cortocircuito in un punto di una rete consiste nel
calcolare il circuito equivalente di Thevenin in quel punto (quindi, si presuppongono note le varie impedenze di
cortocircuito degli elementi costituitivi della rete). Il metodo, contenuto nella norma IEC 60909-0, è ben illustrato, sul
seguente sito web: http://www.openelectrical.org/wiki/index.php'title=Short_Circuit_Calculation dove sono anche presenti anche con degli esempi di applicazione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 70 Metodo delle correnti caratteristiche '' elementi in serie Si consideri un circuito composto da un generatore che alimenta in serie due elementi
dell''impianto A e B, di cui si suppongano note le correnti caratteristiche di cortocircuito: Figura 29 - Circuito composto da due elementi in serie alimentati dalla tensione U. Utilizzando il metodo ohmico si avrebbe, nel punto 2, una corrente , pari a , = + ' possibile riscrivere l''equazione come: , = 1 + '' , = 1 1 , + 1 , Quindi, nel caso di elementi in serie, la corrente di cortocircuito è pari all''inverso della somma dei
reciproci delle correnti caratteristiche di cortocircuito
dei singoli elementi. Si noti che le relazioni proposte, sebbene non formalmente evidenziato per non appesantire la
scrittura, sono da intendersi vettoriali. Ciò vuol dire che, in termini di valore assoluto si ha 3: 1 , = 1 , + 1 , + 2 cos , '' , , '' , cos , = , cos , , + cos , , Si osservi che, nel caso di due elementi in serie, il valore della corrente di cortocircuito a valle di
entrambi risulta inferiore alla più piccola tra le correnti caratteristiche di cortocircuito dei singoli
elementi.
3 Si ricordi che dati due vettori ' e , di ampiezze e e angoli e , la loro somma vettoriale ' è pari a ' = ' + = + + 2 cos( '' ) Alcuni casi particolari: - Vettori in fase (o quasi): '' '' ' = '' + + 2 = + con angolo = '' ; - Vettori in quadratura (o quasi): '' '' 90° '' = '' + con angolo '' 0. ERRORE CHE SI COMMETTE USANDO LE ESPRESSIONI SEMPLIFICATE In questi casi (vettori quasi in fase o quasi in quadratura) è possibile semplificare le formule proposte, commettendo
un errore massimo dell''8% nel caso in cui '' ' 45°. Si noti anche che, quando i valori di A e B sono in rapporto di 20, è possibile considerare solo il più grande tra i due
commettendo un errore inferiore al 5%. Per ulteriori spiegazione si rimanda al §2.7.3.4. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume II. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 71 Metodo delle correnti caratteristiche '' elementi in parallelo Si consideri, adesso, un circuito composto da un generatore che alimenta in serie due elementi
dell''impianto A e B: Figura 30 - Circuito composto da due elementi in parallelo alimentati dalla tensione U. Detto , il parallelo delle due impedenze di cortocircuito, utilizzando il metodo ohmico si avrebbe, nel punto 2, una corrente , pari a , = = 1 , + 1 , = , + , Passando alle correnti caratteristiche di cortocircuito si ha , = , + , Quindi, nel caso di elementi in parallelo, la corrente di cortocircuito è pari alla somma delle
correnti caratteristiche di cortocircuito
dei singoli elementi. Anche in questo caso le espressioni sono da intendersi vettoriali. In termini di valore assoluto, si ha: , = , + , + 2 , , cos , '' , cos , = , cos , + , cos , , Si osservi che, in questo caso, il valore della corrente di cortocircuito a valle di entrambi risulta
maggiore di entrambe le correnti caratteristiche di cortocircuito dei singoli elementi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 72 Metodo delle correnti caratteristiche '' calcolo passo passo Note le due forme serie e parallelo con cui gli elementi di un circuito possono essere disposti, è
possibile analizzare una rete comunque complessa procedendo passo per passo dal punto di
consegna fino ai circuiti terminali, andando a individuare, in ogni punto dell''impianto, quella che è
la corrente di cortocircuito per quel determinato punto ed utilizzando questa informazione per
calcolare la corrente di corto nel punto successivo subito a valle. Per alcuni esempi di applicazione del metodo delle correnti caratteristiche si veda il § 2.7.3.3.3.
pagine 65-67 del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume II. Si osservi come la corrente di cortocircuito dei circuiti terminali (serie di molti elementi a partire
dal punto di consegna) sia notevolmente attenuata rispetto a quella che si avrebbe in caso di
cortocircuito di un livello primario. Si osservi altresì come il fattore di potenza (in cortocircuito) ''viri' da un valore basso verso il
valore dell''elemento con cos più alto: tale viraggio è un indice del livello di distribuzione (ramificazione) di un impianto. Figura 31 - Viraggio del fattore di potenza di cortocircuito nei nodi dell'impianto. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 73 2.2.2.3. Guasti squilibrati Nel caso di guasti squilibrati è possibile mostrare come sia possibile estendere il noto metodo
delle componenti simmetriche
al metodo delle correnti di cortocircuito caratteristiche. ' possibile infatti definire correnti caratteristiche di cortocircuito diretta, inversa e omopolare: = ; = ; = Ciò fatto è possibile caratterizzare i singoli componenti dell''impianto con tutte e tre tali correnti e
prendere in considerazione quelle necessarie al fine di calcolare lo specifico cortocircuito in
esame. Cortocircuito trifase Nel guasto trifase, la corrente di cortocircuito è calcolabile come: = '' ''3 Si osserva come la corrente caratteristica per guasto trifase , sia composta dalla sola
componente diretta, infatti: ' Si ha , = , = '' ''3 Cortocircuito bifase Nel cortocircuito bifase la corrente di cortocircuito è calcolabile come = ''3 + In termini di correnti caratteristiche ( , ): ''3 , = 1 , + 1 , = 1 , 1 + , , = 1 , 1 + , , = 1 , 1 + 1 In conclusione si può scrivere , = ''3 1 + 1 '' , con = , , Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 74 ' importante notare che molti componenti di un impianto (cavi, trasformatori, ') presentano un
fattore = 1 (cioè hanno , = , ). Per tali componenti l''espressione si semplifica in , = ''3 2 '' , Dato che ''3 2 ' = 0,866 si ha che , < , Cortocircuito monofase Nel cortocircuito monofase la corrente di cortocircuito è calcolabile come = 3 + + + 3 Dove è l''impedenza del neutro. In termini di correnti caratteristiche si ha: 3 , = 1 , + 1 , + 1 , + 3 , Analogamente a quanto visto per il guasto bifase, definendo = , , ; = , , ; = , , ' possibile scrivere 3 , = 1 , 1 + 1 + 1 + 3 Ossia , = 3 1 + 1 + 1 + 3 '' , Anche in questo caso la formula può essere semplificata per i componenti dell''impianto per cui = 1, e può essere ulteriormente semplificata se i componenti presentano l''uguaglianza , = , ( = 1): , = 1 1 + 1 '' , considerando che dipende dal rapporto delle sezioni dei cavi di fase e neutro , ossia = , , = Si può riscrivere la stessa equazione nella forma più pratica , = 1 1 + '' , Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 75 2.2.2.4. Correnti caratteristiche di cortocircuito dei componenti degli impianti elettrici Nel seguito sono elencati i principali componenti di un impianto elettrico, per i quali verrà
effettuato il calcolo delle correnti caratteristiche di cortocircuito trifase, bifase e monofase. In generale verrà calcolato il valore di cortocircuito massimo, fermo restando che il valore minimo
può essere facilmente ricavato come: , = '' , = '' , Nel caso dei cavi, in cui il valore di resistenza varia in base alla temperatura (essendo per sovratemperatura causata dalla corrente , e per quella causata da , ) si può scrivere, in forma più completa: , = '' / '' cos , cos , '' , e tan , = tan , Nel caso di macchine elettriche, invece, si assume come temperatura di riferimento 75 ° . Punto di consegna dell''energia in MT I dati noti del punto di consegna dell''energia sono generalmente la tensione nominale e la potenza apparente di cortocircuito definita come = ''3 Essendo la corrente di cortocircuito trifase massima nel nodo di rete a cui il punto di consegna è connesso. Il fattore di potenza di cortocircuito è generalmente pari a cos ' 0,1. Mediante questi due dati è facilmente calcolabile la corrente caratteristica di cortocircuito trifase
del punto di consegna come: , = ''3 e cos , = 0,1 Dal momento che in rete si ha , = , e che la rete MT è generalmente esercita con neutro isolato (per cui i termini e visti nel §2.2.2.3. Guasti squilibrati non vengono presi in considerazione) si può scrivere, per i gusti bifase e monofase: , = 0,866 '' , ; , = 1,5 '' , Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 76 Trasformatore di potenza La corrente nominale del trasformatore è ricavabile dalla potenza apparente nominale e
dalla tensione nominale (lato BT) : = ''3 Detta % la tensione di cortocircuito in percentuale, l''impedenza di cortocircuito è calcolabile come = % 100 '' ''3 La corrente di cortocircuito trifase è dunque facilmente ricavabile noti e %, entrambi dati di targa del trasformatore: , = ''3 = 100 % '' Ad esempio se % = 4% si ha che , = 25 '' (in modulo). Il fattore di potenza di cortocircuito cos , è ricavabile dalla conoscenza delle perdite nel rame %, anch''esse dato di targa: cos , = % % Per calcolare la corrente nei casi di guasto bifase e monofase, bisogna considerare che: - Nei trasformatori si ha , = , per cui = 1; - L''impedenza , è in rapporto 0,8 ÷ 0,9 con , per cui ' = 0,8 ÷ 0,9; - L''impedenza del neutro è trascurabile per cui 1/ = 0. Pertanto si ha: , = 0,866 '' , ; , = 3 2 + (0,8 ÷ 0,9) '' , Per un approfondimento sul calcolo dell''impedenza , e quindi del fattore ' e della corrente caratteristica di cortocircuito monofase dei trasformatori, si rimanda al §2.7.3.7.2. del libro
Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume II. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 77 Circuiti multipolari Si consideri un cavo di sezione e lunghezza , di cui sia nota l''impedenza equivalente , ovvero
la resistenza e la reattanza : = = '' Dove è la conducibilità elettrica dei conduttori a 20 ° e la reattanza per unità di lunghezza del cavo, corrispondente alla sezione . La corrente caratteristica di cortocircuito trifase è immediatamente calcolabile come , = = + = '' '' '' ''3 '' '' 1 + tan Dove tan = '' '' Nei circuiti BT con ' 95 si ha ' per cui cos = 1 e tan = 0. L''espressione si semplifica quindi in , = Considerando che per i cavi risulta = = 1 e che, come visto nel §2.2.2.3. Guasti squilibrati, dipende dal rapporto delle sezioni dei cavi di fase e neutro , si può scrivere , = 0,866 '' , ; , = 1 1 + '' , Circuiti bipolari Per i circuiti bipolari vale quanto visto per quelli multipolari con la differenza che per il calcolo
della massima corrente caratteristica di cortocircuito non può (naturalmente) essere assunta
quella del cortocircuito trifase, bensì deve essere considerato il valore massimo tra , e ,
(a seconda di come viene esercito il circuito, gli apparecchi possono essere alimentati fase-fase o
fase-neutro). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 78 Dispositivi di protezione I valori delle impedenze dei dispositivi di protezione sono forniti dalle case produttrici, ma
comunque si trovano dei valori di riferimento anche in letteratura. In prima approssimazione, per i fusibili e per gli interruttori con < 350 a 230/400 si può assumere la corrente limitata dalla sola parte resistiva , dell''impedenza del dispositivo: , '' , = 10 '' '' log cos , '' 1 Per gli interruttori con > 350 , invece, si può assumere , costante in quanto la riduzione della resistenza è compensato da un aumento della reattanza per cui l''impedenza resta
complessivamente invariato. In particolare si può assumere: , = 900 cos , = 900 '' 10 , = 900 '' log Nei circuiti bipolari fase-fase e fase-neutro si ha la corrente caratteristica pari a , = 0,866 '' , ; , = 0,5 '' , Motori a induzione Durante un guasto nei motori a induzione, le reattanze di macchina variano nel tempo e la loro
variazione comporta una variazione transitoria della componente simmetrica di cortocircuito (vedi
§ 2.2.2.1. Generalità. In generale è possibile fare le seguenti osservazioni: - La reattanza sub-transitoria (dovuta all''improvvisa mancanza di un campo magnetico) ha sempre un valore elevato; - La corrente di cortocircuito si estingue al termine del transitorio iniziale, pertanto quest''ultima si può sovente trascurare agli effetti della corrente interrotta (potere di
interruzione del dispositivo di protezione); - Le condizioni di carico influiscono sul tempo di frenatura, ma non sui valori di cortocircuito nei primi istanti; - Il contributo di motori di potenza inferiore a 0,5 può essere trascurato. In modo approssimato si può considerare la massima corrente di cortocircuito (valore di cresta)
pari a volte la corrente nominale del motore stesso. La norma CEI 11-25 propone come valore di
corrente di cortocircuito: , = (4 ÷ 5) '' cos , = 0,39 Inoltre, i motori in BT il cui contributo è inferiore all''1% della corrente di cortocircuito del nodo ai
quali sono allacciati può essere trascurata. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 79 La costante di tempo del fenomeno transitorio legato all''estinzione della sovracorrente dei
motori è valutabile approssimativamente con la formula proposta da Schuisky: = 0,007 + 0,0053 '' ln Dove è la potenza nominale del motore. Per un calcolo accurato della corrente di interruzione dei motori nel tempo riportante anche la
formula esatta della costante di tempo del fenomeno transitorio, si rimanda alla seconda sezione
del §2.7.3.7.6. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume II. Si fa cenno che la conoscenza della corrente di cortocircuito minima , (trifase o fase neutro a seconda se il motore sia trifase o monofase) e la corrente di spunto di un motore a induzione
consenta un rapido calcolo della tensione di alimentazione effettiva allo spunto. Infatti, detta la corrente effettiva di spunto pari a = 1 1 , + 1 + 2 , '' cos , '' La tensione effettiva allo spunto è pari a = Generatori I generatori usati negli impianti di distribuzione e utilizzatori sono generalmente di bassa potenza
ed utilizzati generalmente solo come sorgenti di emergenza. Per i generatori connessi direttamente all''impianto (senza trasformatore intermedio) si può
assumere come valore della corrente di cortocircuito sub-transitoria , la quantità , = = 1 + sin sin tan = Dove - e sono corrente e angolo di fase nominali; - e sono reattanza sub-transitoria in p.u. e angolo di fase di cortocircuito iniziale; - un fattore correttivo (norma CEI 11-25) Per i generatori MT e BT si può assumere tan , = 14 ÷ 20 ; tan , = 6,6 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 80 Se si può conisderare , = , la corrente caratteristica per circuito bifase è pari a , = 0,866 '' , In caso contrario deve essere utilizzata la formula più generale , = ''3 1 + , Considerando nulla la corrente di neutro, la , è pari a , = 3 2 + sin + , '' 3 2 + , con fattore di potenza circa pari a quello per guasto trifase. Tipicamente si ha - = 0,4 ÷ 0,8 per i turbogeneratori; - = 0,4 ÷ 0,6 per i generatori a poli salienti. Al contrario di trasformatori, motori e cavi, i parametri dei generatori sono generalmente forniti
con precisione dai costruttori. Ad ogni modo, anche in assenza di tali dati, è possibile fare
riferimento a dei valori caratteristici riportati in letteratura. Per un calcolo accurato della corrente di interruzione dei generatori nel tempo, si rimanda alla
seconda sezione del §2.7.3.7.7. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica ''
volume II. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 81 2.2.2.5. Sollecitazione termica ammissibile in cortocircuito Dal momento che i cortocircuiti sono estinti in un breve tempo, è possibile considerare il
fenomeno termico come adiabatico. Nelle equazioni già viste nel cap. 2.1.7. Verifica termica dei
circuiti è quindi possibile trascurare il termine di calore disperso dal cavo verso l''ambiente
esterno. L''equazione di bilancio termico diviene, pertanto: = Cioè = '' Essendo la capacità termica per unità di lunghezza dell''elemento di conduttore di sezione .
L''equazione di bilancio è quindi risolvibile per integrazione. L''energia termica sviluppata durante il
cortocircuito di durata totale è pari a Dato che = ( ) si semplifica la formula facendo riferimento all''energia per unità di resistenza
anche detta energia specifica. SI definisce integrale di Joule (o )la grandezza: La quantità è anche comunemente detta energia specifica passante. L''equazione di bilancio termico diviene pertanto: = '' ( ) La capacità termica è definita come = '' '' Dove e sono sezione e lunghezza (unitaria, in questo caso) del conduttore e è il suo calore
specifico. L''equazione di bilancio termico è quindi riscrivibile, esplicitando ( ), come: = '' '' '' 1 ( ) = '' '' ( ) '' Procedendo con l''integrazione tra i valori (temperatura massima di esercizio, assunta
cautelativamente come temperatura di esercizio del conduttore) e , temperatura massima ammissibile in cortocircuito, si giunge ad una espressione del tipo = Nel quale il fattore dipende dal tipo di cavo ed è tabulato in letteratura. 8 A 82 2.3. Pro 2.3.1. Dis 2.3.1.1. Gli interrut - Ele
- Ele Fisicament - I co Si p ppunti di D A tezione spositivi d Interruttor ttori autom mento sens
mento inte
te sono cost ontatti: si di ' contatt la temp ' contatt ed incr
rapida possono anc ' contatt Sono t
conduc ' contatt usura m
distinte
resiste Distribuzione Appunti a cur dei circu di protezio ri automati matici sono lo sore (uno o erruttore. tituiti da qu ividono in ti fissi: cara peratura in ti mobili. ca rementare l ed efficace che distingu ti principal tipicamente cibilità elet ti d''arco: so maggiore. e da inalte nza meccan ed Utilizzazi ra di Emanue uiti one ici ogicamente o più relè); uattro comp atterizzati d esercizio; aratterizzat la velocità d estinzione uere in i: sono dest e in lega di trica. ono quelli s Sono in ge erabilità sup nica. one dell''Ene ele Freddi '' h e divisibili in ponenti fon a un notevo ti da una no di apertura, dell''arco. tinati a por i argento e ui quali si st enere in arg perficiale in Figura
applica Si distin 1) Leva
2) Mec
3) Cont
4) Mor
5) Lam
6) Vite
7) Sole
8) Cam Figur rgia Elettric http://laema n due eleme ndamentali: ole sovradim otevole legg , parametro rtare la corr e nichel, leg tabilisce l''a gento legat n caso d''ar 32 - Interruttor azioni BT. nguono: a di comando;
ccanismo di sca tatti di interruz rsetti di collegam ina bimetallica per la regolazio noide (protezio mera d''interruzio ra 33 - Simbolo un interrutto ca '' Prof. Giu an.altervista. enti: mensionam gerezza, al f
o molto imp rente nomin ga caratter rco e sono to a wolfram rco, elevato re automatico ( tto;
ione; mento; a (protezione ter one della sensib one magnetica); one d'arco. grafico unifilar ore magnetoter useppe Parise .org/Blog/lec mento al fine fine di ridur portante al nale e di so izzata da u quindi sogg mio o carbo o punto di (magneto-term rmica); bilità (in fabbric ; re per rmico. cture-notes/ e di limitare rre l''inerzia fine di una ovraccarico.
una elevata getti ad una onio, leghe i fusione e mico) per ca); e a
a . a a
e
e Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 83 - La camera di interruzione: è necessaria al fine di facilitare l''estinzione dell''arco. La maggior parte degli interruttori BT adotta camere a piastre metalliche dove l''arco viene frazionato
in molteplici archi corti (incrementando quindi l''azione deionizzante della zona catodica). In
generale vengono adottati metodi atti ad allungare e raffreddare l''arco. Nella applicazioni
MT e AT si usano camere in olio, in aria compressa o in SF6, dove viene anche generato un
''soffio' di dielettrico fresco sull''arco al fine di raffreddarlo e ripristinare la rigidità
dielettrica della zona ionizzata dall''arco stesso. - Il comando: sono tutti gli elementi cinematici che permettono il movimento degli elettrodi (contatti). Sono distinti in base al tipo di energia utilizzata (meccanica, elettrica), al modo
con cui essa viene accumulata (molle, aria compressa, etc') e al modo con cui questa viene
liberata per generare il movimento dei contatti (a mano, per via elettromagnetica, etc') - Gli sganciatori: costituiti in genere da relè, sono gli organi che liberano gli organi di ritegno e consentono il comando (apertura e a volte anche la chiusura) dell''interruttore. I principali
tipi di relè elettromeccanici sono: ' Relè elettromagnetico: costituito da un elettromagnete e un''ancora mobile. Quando la bobina è soggetta ad una corrente superiore a quella di taratura,
l''angora viene posta in movimento e sgancia il comando di apertura. Si possono
anche avere relè che agiscono quando la tensione ai capi della bobina è inferiore
alla soglia di taratura: si hanno i relè di minima. ' Relè termico: è costituito da una lamina bimetallica nella quale il diverso coefficiente di dilatazione termica dei due metalli, incurva la lamina in modo tanto
maggiore quanto maggiore è la corrente che circola al suo interno. Il movimento
che ne consegue provoca lo sgancio e l''apertura dei contatti. ' Relè ad induzione: si basano sullo stesso principio degli strumenti ad induzione (e.g. contatori elettromeccanici di energia elettrica). Un disco di alluminio può ruotare
tra le espansioni polari di due elettromagneti, ma il suo movimento è contrastato
da un molla antagonista e il disco resta fermo in condizioni normali mentre ruota
quando la coppia motrice supera un certo valore. Tale relè si presta bene per
protezioni di tipo ritardato e i due elettromagneti possono essere eccitati da varie
grandezze ottenendo così relè di tensione, di corrente o di potenza attiva. Questi
relè si prestano anche ad effettuare una protezione direzionale, essendo possibile
ottenere che il disco ruoti in una certa direzione per un determinato senso
dell''energia che fluisce su una linea. Una importante serie di relè è rappresentata dai relè statici (elettronici). Questi ultimi non
verranno trattati in quanto il loro funzionamento è sempre derivato dai relè elettromeccanici, con
la differenza che il comando di apertura non deriva da effetti dinamici, ma da un calcolo numerico
a seguito di un elaborazione elettronica. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 84 Figura 34 - Funzionamento termico di un interruttore BT. L'incurvamento della lamina bimetallica provoca lo sgancio del comando. Figura 35 - Funzionamento elettromagnetico di un interruttore BT. L'azione dell'ancora mossa dalla bobina spinge il comando aprendo il circuito. Figura 36 - A seguito dell'apertura, l'arco evolve nella camera di interruzione entrando nei setti metallici allungandosi e favorendo la deionizzazione. 4 4 Immagini tratte da
http://www.mysti2d.net/polynesie2/ETT/C041/32/DemarrageMoteur/index.html'LeDISJONCTEURmagntothermique.html Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 85 Dati caratteristici degli interruttori automatici '' caratteristica d''intervento I dati caratteristici di un interruttore automatico sono: - Numero di poli;
- Natura della corrente (AC o DC). Se AC anche numero di fasi;
- Natura del dielettrico in cui l''arco viene estinto (aria, olio, etc');
- Tipo e organo di manovra (motore elettrico, maniglia, volantino, etc'). Con riferimento agli interruttori AC, i dati di specifica, per cui un interruttore è perfettamente
definito, comprendono: - Tensione nominale : la tensione che il dispositivo può sopportare in servizio continuativo;
- Corrente nominale : la corrente che l''interruttore può portare in servizio continuativo;
- Frequenza nominale .
- Ritardo di apertura: può essere: ' Istantaneo: senza ritardi intenzionali;
' Ritardato: ' Tempo indipendente: il relè entra in azione dopo un determinato periodo di tempo fisso; ' Tempo dipendente: l''intervento è tanto più rapido quanto maggiore è la corrente di cortocircuito; - Corrente di intervento : la corrente per la quale l''interruttore apre il circuito; - Potere d''interruzione di cortocircuito : il valore efficace dalla massima corrente di cortocircuito che l''interruttore è in grado di aprire senza danneggiarsi; la norma CEI23-3
divide in ' Potere di cortocircuito estremo : massima corrente di cortocircuito che l''apparecchio può interrompere, senza che sia richiesta la capacità di portare una
corrente di carico dopo l''apertura. ' Potere di cortocircuito di servizio : massima corrente di cortocircuito che l''apparecchio può interrompere, essendo in grado di portare l''85% della corrente di
carico dopo l''apertura. - Tempo di interruzione : pari alla somma dei tempi di apertura e di arco. In base a tale parametro si distinguono interruttori limitatori ( ' 10 ), rapidi ( ' 20 ) e selettivi ( = 30 ÷ 500 ); - Fattore di potenza di cortocircuito cos ; - Potere di chiusura di cortocircuito: il valore efficace dalla massima corrente di cortocircuito che l''interruttore è in grado di chiudere, essendo in grado di riaprire
successivamente (ovvero per cui non si verifica la saldatura dei contatti); - Tensione di ritorno: la tensione che appare ai capi di un polo dell''interruttore dopo l''apertura. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 86 Nella progettazione BT viene sovente utilizzata la combinazione di due tipi di sganciatori (relè) con
caratteristica di apertura istantanea (elettromagnetica) e ritardata a tempo inverso (termica). Rappresentando le curve di intervento su di un piano '' , si viene così a creare una zona di
intervento a tempo inverso (termico) e una zona a intervento istantaneo (magnetico). Figura 37 - Curva di intervento di un relè magneto-termico Si osserva come, in realtà, non si abbia una curva di intervento, bensì una fascia di intervento, in
considerazione del fatto che la durata dell''interruzione dell''arco vera e propria non può essere
determinata se non per mezzo di una probabilità, essendo legata, tra l''altro, a fattori quali la
temperatura ambientale. Si definiscono, pertanto, altri due parametri: - Corrente convenzionale di non funzionamento : la corrente di sovraccarico che non provoca l''apertura dell''interruttore; - Corrente convenzionale di funzionamento : la corrente di sovraccarico che provoca l''apertura dell''interruttore. Si ha = '' . Negli interruttori domestici = 1,45. Figura 38 - Fascia di intervento di un relè magneto-termico. A Appunti a c Inte Un import
differenzia
grado di ril
di fase e co Con riferim
opposta de
a terra) o
quanto un
si viene a c Tale interr
cortocircui
indiretti (cf ppunti di D ura di Eman erruttori dif ante tipo d ale (o inter levare una d orrente di n mento alla F elle corrent con un uti a parte dell creare nel to ruttore non ito, ma ha fr § 4). Figura 40 - Inte 3) Pulsan 6) Trasform 9) Fil Distribuzione uele Freddi '' fferenziali di sganciato rruttore diff dispersione neutro. Figura 39 il f ti e . In lizzatore (c la corrente
oroide eccit Figura 39 n offre, ovv funzione erruttore differe nte di inserimen matore di corre lo (arancio) che ed Utilizzazi '' http://laem ore di cui n ferenziale o e verso terra flusso magn caso di con ontatto dir si richiuder ta una bobi 9 - Schema di p viamente, a esclusivame enziale aperto: nto; 4) Contatti ente (sensore); e alla pressione one dell''Ene man.altervist non si è anc o semplicem a in un impi netico in un tatto accide retto), la di rà nel circui na che azio principio di un in alcuna prote ente di sic 1) Morsetti di i
di interruzione; 7) Circuito elett di test è attrav rgia Elettric ta.org/Blog/l cora fatto c mente diffe ianto, per m n toroide è entale di un fferenza to di terra ( ona l''interru nterruttore diffe ezione nei curezza nei ingresso; 2) Mo ; 5) Solenoide c tronico amplific versato da una ca '' Prof. Giu lecture-note cenno è il c erenziale). mezzo dello mantenuto n conduttor '' non sa (cfr. § 4). Il uttore, apre ferenziale. confronti d confronti orsetti di uscita che tiene chiusi catore; 8) Pulsa corrente sbilan useppe Parise s/ cosiddetto s Tale interr squilibrio t nullo grazi re con la ma arà più par campo mag ndo il circu del sovracc dei contat (verso il carico) i contatti; ante di test; ciata. 8 sganciatore uttore è in ra corrente e all''azione assa (messa ri a zero, in gnetico che ito. arico o del tti diretti e ); 7 e
n
e e a n e l e Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 88 La caratteristica d''intervento degli interruttori differenziali è rappresentata nella figura seguente. Figura 41 - Caratteristica di intervento di un interruttore differenziale da 30 e da 10 . Il tempo di intervento non è definito in corrispondenza della corrente differenziale nominale di
intervento
, bensì ad un valore maggiore, pari a 5 '' . In base al tipo di intervento, gli interruttori differenziali si dividono in - Interruttori differenziali istantanei o rapidi o generali;
- Interruttori differenziali di tipo S, selettivi;
- Interruttori differenziali con riarmo automatico per prova di isolamento. Oltre a ciò, gli interruttori differenziali esistono anche di tipo SI, Super Immunizzati, contro i
disturbi (armoniche, sbalzi di tensione) che possono causare scatti intempestivi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 89 2.3.1.2. Fusibili Il fusibile è un dispositivo di protezione che, mediante la fusione di un elemento fusibile,
interrompe la corrente che lo percorre quando essa raggiunge una certa soglia per un certo
tempo. Un fusibile è fisicamente costituito dalle seguenti parti: - Base: è il supporto sul quale viene montato il fusibile;
- Cartuccia: contiene l''elemento fusibile vero e proprio ed è riempita di materiale isolante granuloso (sabbia di quarzo), in misura tale da consentire un facile spegnimento dell''arco
per ''soffocamento'; - Contatti della base e della cartuccia: consentono il collegamento del fusibile alla base e della base all''impianto elettrico; - Elemento fusibile: è la parte attiva del dispositivo, costituita in genere da un filo di rame o argento di opportune dimensioni, racchiuso nell''isolante della cartuccia. Al suo interno
viene posizionato un elemento attivo (una saldatura o delle strozzature) che ha una
temperatura di fusione più bassa: in corrispondenza dell''elemento attivo si avrà la rottura
del fusibile; - Dispositivo di segnalazione (striker): è un dispositivo che permette di conoscere lo stato del fusibile (integro, fuso) per semplice ispezione visiva del fusibile stesso. I fusibili devono essere installati sulle fasi attive e a valle degli interruttori (se presenti). Figura 42 '' Fusibile e simbolo grafico unifilare. Anche per i fusibili si definiscono le seguenti grandezze di specifica: - Tensione nominale ;
- Frequenza nominale ;
- Corrente nominale : è la corrente con la quale il fusibile può essere permanentemente caricato. - Corrente limite inferiore: è la corrente per la quale il fusibile non fonde (e per cui, in teoria, potrebbe essere caricato permanentemente). Può essere, ad esempio, di 1,1 '' ; - Corrente limite superiore: è la minima corrente che porta alla fusione del fusibile, anche se in un tempo molto lungo. Può essere pari, ad esempio, a 1,15 '' . 9 A 90 Il fusibile, c
d''intervent
interruzion In corrispo
fusibile vie - Cor per - Cor pro Rappresen
continua, d 5 Immagini tr ppunti di D A così come p to, bensì da ne è compo ondenza de ene caratter rrente conv rcorre il fus rrente conv ovoca la fus ntata su un decrescente ratte da http:/ Distribuzione Appunti a cur per l''interru a una fascia sto da un te ll''intervent rizzato dalle venzionale ibile per alm venzionale
ione del fus n piano '' e a tempo in //www.elenet ed Utilizzazi ra di Emanue uttore autom a d''interven
empo di pre Figura 43 - Fu o per sovra e due grand di non fus meno 2 ore di fusione sibile. Per i f , la caratt nverso com Figura 44 - Car t.altervista.or one dell''Ene ele Freddi '' h matico, non nto, a mag earco ed un unzionamento d accarico, an ezze: sione : (se > 63 e : defini fusibili si ha teristica d'' me nella figu ratteristica '' rg/Elettrotecn rgia Elettric http://laema n è caratter gior ragion n tempo d''a di un fusibile. 5 nalogament la corrente 3 ) o alme ita in analo a = / intervento ura seguente di un fusibile. ica/Index.htm ca '' Prof. Giu an.altervista. izzato da un
e se si cons arco vero e te agli inter e che non p no 1 ora (se ogia con = 1,6. di un fusib e. . ml useppe Parise .org/Blog/lec na curva ca sidera che proprio. rruttori auto provoca la
e < 63 , è la co bile delinea cture-notes/ aratteristica il tempo di omatici, un fusione se
) orrente che a una zona a i n e e a Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 91 In relazione alla capacità di intervenire o meno per sovraccarico si distinguono due grandi categorie: - Fusibili ''g': con potere di interruzione a pieno campo. Si definiscono e ed il fusibile interviene secondo la sua caratteristica che è quella vista fin''ora. Tali fusibili proteggono sia
da sovraccarico che da cortocircuito. - Fusibili ''a': con potere di interruzione a campo ridotto. Questi fusibili sono in grado di interrompere correnti solo per un determinato multiplo della corrente nominale (4 ÷ 6 ).
Non si definiscono pertanto e . Tali fusibili non sono indicati per la protezione da sovraccarico. Per classificare ulteriormente i fusibili, si introduce il concetto di ''categoria di utilizzazione di una
cartuccia', ossia lo scopo per il quale un determinato fusibile è utilizzato. Si hanno così: - Fusibili gG: fusibili tipo ''g' per uso generale. ' individuato dalla sola corrente nominale ; - Fusibili gM: fusibili tipo ''g' per la protezione di circuiti che alimentano motori. ' individuato univocamente dalla corrente nominale e dal valore che indica il tipo di caratteristica '' del fusibile; - Fusibili aM: fusibili tipo ''a' per la protezione di circuiti che alimentano motori. ' individuato dalla sola corrente nominale . I fusibili sono anche caratterizzati dal potere di interruzione nominale , ma tale valore è generalmente molto al di sopra delle correnti di cortocircuito riscontrabili negli impianti comuni.
Le norme prescrivono, tra l''altro, che fusibili fino a 500 devono avere un ' 50 . I fusibili agiscono come limitatori di corrente in quanto, a partire da un determinato valore di
sovracorrente istantanea, iniziano a fondere riducendo, di fatto, il valore di corrente di picco di
cortocircuito e, con essa, le sollecitazioni termiche ed elettrodinamiche che comporta. Figura 45 - Effetto limitatore del fusibile. In definitiva i fusibili costituiscono una economica alternativa agli interruttori, risultando in taluni
casi anche tecnicamente superiori. Un elenco di pro e contro è disponibile nel §2.8.3.2. del libro
Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume II. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 92 Combinazione interruttore e fusibile: protezione di back-up Combinando linearmente l''azione degli interruttori e dei fusibili, è possibile usufruire dei vantaggi
di entrambi. Affinché fusibile e interruttore siano coordinati tra loro è sufficiente che la curva dei
tempi di fusione del fusibile: 1. abbia un andamento superiore al punto di intersezione tra curva magnetica e curva termica dell''interruttore; 2. stia al di sotto del ritardo di apertura dell''interruttore in prossimità del valore del potere di interruzione nominale dell''interruttore. In questo modo il fusibile protegge l''interruttore in caso di apertura di una corrente di
cortocircuito più elevata dell'' dell''interruttore stesso. Figura 46 - Protezione di back-up. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 93 2.3.2. Coordinamento delle protezioni 2.3.2.1. Protezione da sovraccarico Il principio base nella protezione da sovraccarico, consiste nell''installare un dispositivo di
protezione che abbia una corrente nominale inferiore alla portata del cavo che deve
proteggere e, naturalmente, maggiore o uguale alla corrente di impiego : ' ' Dal momento che il sicuro intervento per sovraccarico si ha soltanto per = '' è necessario che sia rispettata la condizione ' 1,45 '' Il coefficiente 1,45 è stato stabilito in sede internazionale e deriva dal compromesso tra l''efficiente
protezione e l''aspetto economico. Si noti che per gli interruttori domestici per cui = 1,45, si ha
che = . Per i fusibili, invece, affinché la condizione sia rispettata è necessario che sia rispetta la condizione ' , , . Figura 47 - Protezione contro i sovraccarichi. a) caso generale; b) caso di interruttori automatici ad uso domestico; c) caso dei fusibili. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 94 2.3.2.2. Protezione da cortocircuito Si consideri un circuito caratterizzato dalle correnti di cortocircuito minima , (cortocircuito lontano) e massima , (cortocircuito vicino). Detti - il tempo di interruzione dell''interruttore; - il potere d''interruzione dell''interruttore; - la corrente minima d''intervento dell''interruttore; - la massima energia specifica passante relativa al cavo in esame; si ha che devono essere verificate le seguenti relazioni: > , < , ' , Se il dispositivo di protezione è un fusibile la condizione su decade in quanto non definibile. Nella pratica, una volta scelto un dispositivo di protezione con l''adeguata e , gli altri parametri restano assegnati. Dato il cavo di sezione , dunque, si può definire la massima
lunghezza oltre il quale risulta , < per cui il cavo non viene protetto. Tale lunghezza può essere calcolata a partire dalla formula viste nel 2.2.2.4. Correnti caratteristiche di
cortocircuito dei componenti degli impianti elettrici (circuiti multipolari) che si riporta qui per
chiarezza: , = ' dunque possibile scrivere, in corrispondenza di , : = '' '' '' , Dove si ricorda che = / e = / . Tale equazione vale per guasto trifase. Nel caso in cui si abbia guasto fase-neutro, la lunghezza massima protetta è pari a = Dove = 2 nel caso di neutro con sezione pari alla fase ed = 3 nel caso di neutro con sezione dimezzata rispetto alla fase. Per un approfondimento con tabelle applicative si faccia riferimento all''appendice A3 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 95 2.3.2.3. Protezione da cortocircuito minimo con arco Negli impianti BT il cortocircuito minimo con arco può presentarsi in tre casi fondamentali: - Cortocircuito serie;
- Cortocircuito fase-neutro.
- Cortocircuito fase-terra. Quando il cortocircuito si presenta con arco, la corrente può essere sensibilmente inferiore a
quella presunta per guasto franco. In caso di arco si possono manifestare i seguenti scenari: - Il guasto evolve fino a raggiungere impedenza nulla, cioè guasto franco;
- Il l''arco si spegne prima il guasto raggiunga impedenza nulla. In tal caso ' Il circuito resta aperto, anche solo parzialmente, per fusione di uno o più conduttori nel punto di guasto; ' Il circuito rimane intensione e localmente si ha un deterioramento dell''isolante. Tra i provvedimenti che si possono prendere per la protezione dal cortocircuito minimo con arco si
distinguono - protezione generale: basata sul criterio della massima energia specifica passante;
- protezione locale: che si distingue in due tipologie di approccio: probabilistico e deterministico. Protezione generale ' necessario garantire che la lasciata passare dall''interruttore prima dell''apertura sia inferiore all''energia massima tollerata dal cavo . A tal fine i produttori di interruttori forniscono curve di energia specifica in modo da rendere agevole un confronto con la massima energia specifica
passante ammissibile per il cavo, come mostrato in figura: Figura 48 - Energia specifica passante di un interruttore e di un cavo. In figura, l''intervallo ammissibile di correnti di cortocircuito (zona protetta) è compreso tra e , pertanto il minimo valore di cortocircuito, anche con arco, deve risultare maggiore di affinché
la condizione venga rispettata. Qualora il punto 1 si trovasse al di sopra dell''intersezione tra
intervento magnetico e termico, qualsiasi valore di < provocherebbe l''apertura e il circuito sarebbe quindi protetto ma solo nei riguardi dell'' (surriscaldamento del cavo). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 96 Protezione locale probabilistica Per garantire la protezione dal guasto minimo con arco, si opta per impostare la soglia
d''intervento magnetica ad un valore inferiore di un fattore '' alla corrente minima di cortocircuito
franco, ossia: < '' '' , In generale si ha che '' è compreso tra 0,45 ÷ 0,78, ed è tanto più alto quanto più il fattore di
potenza del circuito è prossimo all''unità. Protezione locale deterministica Un misura protettiva deterministica consiste nel convertire forzatamente i gusti in guasti franchi
fase-terra (o di tipo misto). Tale obiettivo è raggiungibile con l''ausilio di cavi tipo GFFC Ground
Fault Forced Cable. Tali cavi presentano uno schermo attorno ciascuna fase: i guasti con arco,
anche quelli serie, danneggiando l''isolante evolvono rapidamente in un guasto fase-terra
attraverso lo schermo della fase danneggiata. Il guasto viene pertanto aperto da un opportuno
dispositivo di protezione differenziale. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 97 2.3.2.4. Protezione dei motori Le cause che originano sovraccarichi termini dei motori sono molteplici, in particolare: - variazioni delle condizioni nominali di esercizio, quali coppia resistente, numero di inserzioni, tempi di avviamento e frenatura, tensione e frequenza di rete; - marcia monofase;
- rotore bloccato in avviamento o blocco del rotore in funzionamento;
- aumento della temperatura ambiente;
- ventilazione ostacolata. Un dispositivo di protezione deve quindi soddisfare le seguenti condizioni: - intervenire rapidamente in caso la temperatura limite del motore viene superata;
- intervenire rapidamente in caso di cortocircuito;
- non intervenire se il motore marcia a potenza nominale;
- deve lasciar passare le sovracorrenti di inserzione e frenatura;
- consentire lo sfruttamento della sovraccaricabilità ammissibile dalle norme;
- intervenire rapidamente in caso di mancanza di una fase. La protezione magnetica di un interruttore deve essere tarata affinché in nessun caso esso possa
intervenire a causa delle correnti di inserzione. In genere è regolabile tra 8 e 14 volte la corrente
nominale (si ricorda che in avviamento si ha circa 6 ). Analogamente la caratteristica termica deve essere sufficientemente ritardata da consentire
l''avviamento. Si noti che, in caso di mancanza di una fase, il relè termico interviene con ritardo
supplementare (definito dalle norme) del 10%: ciò è dovuto al fatto che viene a mancare la
''spinta' di una delle tre lamine bimetalliche sul dispositivo di sgancio, pertanto l''apertura avviene
più in ritardo rispetto al caso di sovraccarico trifase. Alcuni relè effettuano un controllo sulla tensione di rete. Quando essa scende al disotto del 35%
della nominale, distaccano il motore per evitarne il surriscaldamento. Il comando e la manovra dei motori vengono in genere effettuati per mezzo di contattori o
teleruttori, dispositivi controllabili a distanza in grado di stabilire e interrompere correnti di carico
un numero molto elevato di volte. La loro identificazione avviene per mezzo di una sigla che ne
caratterizza il campo di utilizzo. Le norme definisco anche 6 classi di contattori differenziati dal
numero di cicli orari previsti, rispettivamente 6, 12, 30, 120, 300 o 1200 cicli/ora. Ulteriori
informazioni sui teleruttori sono disponibile in appendice A5 Infine, per un approfondimento sulla protezione dei motori asincroni (Schneider) si faccia
riferimento all''appendice A1 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 98 2.3.2.5. Selettività delle protezioni '' circuiti radiali Nei circuiti radiali si ha selettività quando qualsiasi guasto viene eliminato dall''interruttore
immediatamente a monte e da lui solo. Si ha selettività totale quando tale condizione è vera per tutti i valori di sovracorrente inferiori a , nel punto considerato; si ha selettività parziale o limitata in caso opposto. Si distinguono due tipi di selettività: - Amperometrica: realizzata basata sui livelli di taratura dei relè. Tale selettività, anche nella migliore delle ipotesi, è solamente parziale. Infatti le soglie , e , del dispositivo a valle sono certamente comprese in quelle (maggiori) del dispositivo a monte, pertanto si
avrà sempre una sovrapposizione delle curve nella zona , ÷ , del dispositivo a valle. - Cronometrica: realizzata tramite apertura ritardata degli interruttori a monte rispetto agli interruttori a valle. La maggior parte delle protezioni è basata su questo criterio che
comporta lo svantaggio di avere protezioni sempre più ritardate man mano che ci si sposta
verso l''alimentazione. I massimi tempi di ritardo possono essere dell''ordine di 0,5 , dal
momento che gli scarti tra un gradino e il successivo devono essere di almeno
50 ÷ 100 (per tenere conto dei tempi propri di apertura), è bene non prevedere in serie più di quattro dispositivi (l''ultimo con scatto istantaneo) per evitare ritardi eccessivi. Figura 49 - Curve di selettività cronometrica e amperometrica per un impianto di distribuzione a tre livelli. Altre tecniche di selettività fanno ricorso a segnali di blocco logico, inviati dagli interruttori a valle
per inibire lo scatto di quelli a monte. In questo modo la prima soglia (istantanea) interviene solo
quando il relè non è logicamente bloccato dal relè subito a valle e tutti i livelli dell''impianto sono
in grado di aprire un guasto istantaneamente. In caso un interruttore a valle non dovesse (guasto
dell''interruttore), gli interruttori a monte intervengono ugualmente su selettività cronometrica,
insensibile ai blocchi logici. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 99 2.3.2.6. Selettività delle protezioni '' circuiti ad anello Per garantire la selettività e la rapidità d''intervento in caso di guasto in una rete ad anello chiuso,
sono installate in ogni cabina protezioni di massima corrente e di terra direzionali (ANSI 67 e
67N). Ogni protezione interviene soltanto se il guasto è visto in direzione linea e viceversa, è
inibita in caso di guasto in direzione sbarra. Tale accorgimento è coadiuvato da una temporizzazione scalare ''incrociata'. Si consideri un anello
AB che alimenta cabine elettriche , , ' , . Normalmente si limita il massimo ritardo di intervento della protezione a 1 . Dal momento che l''anello è diviso in = + 1 tratte, il ' da imporre tra una protezione e l''altra è al più pari a ' ' 1 La necessità di un intervento rapido spingerebbe ad abbassare ' , ma è necessario tenere in
considerazione la velocità di apertura degli interruttori. Per superare tale limite è possibile ricorrere alla selettività logica, i relè direzionali che ''vedono'
un guasto verso la linea, inviano un segnale di blocco logico al relè direzionale immediatamente a
monte. In questo modo è possibile ridurre i tempi di intervento minimi a 100 in tutte le tratte dell''anello, mantenendo la selettività cronometrica come backup. Per un approfondimento sulla protezione delle reti radiali, ad anello, ed altri tipologie di
configurazione si veda l''appendice A7. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 100 3. Ecoprogettazione ed etica energetica 3.1. Cabine elettriche di trasformazione Per cabina elettrica di trasformazione si intende il complesso di conduttori, apparecchiature e
macchinario impiegato per realizzare la trasformazione del valore di tensione. Figura 50 - Schema elettrico e rappresentazione di una cabina di trasformazione (datata, ma con valore didattico). 1) Sezionatore di alimentazione; 2) Interruttore automatico MT; 3) Riduttori di corrente per gruppi di misura e di controllo; 4) Riduttori di tensione; 5) Sezionatori - fusibili di protezione dei TV; 6) Sezionatori - Fusibili di alimentazione dei trasformatori; 7) Trasformatori di potenza; 8) Circuito di alta tensione; 9) Circuito di terra; 10) Circuito di bassa tensione; 11) Quadro di parallelo e distribuzione; 12) Sbarre BT; 13) Scaricatori di sovratensione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 101 3.1.1. I trasformatori Le taglie dei trasformatori hanno valori normalizzati, per cui la potenza totale installata risulta
maggiore di quella di progetto . In generale, per ragioni di sicurezza e per far fronte a carichi no aspettati o squilibri, si richiede che ' 1,2 '' La serie di potenze nominali deriva dalla serie di Rénard R5 (alcuni costruttori producono
trasformatori con taglie che seguono la R10). Fino a 400 di tende ad installare una sola unità. Ciò consente di: - Ridurre il costo;
- Semplificare lo schema della cabina e quindi ridurre il costo della stessa;
- Diminuire gli ingombri della cabina. Per contro, l''impiego di più trasformatori in parallelo permette di: - Mantenere, in parte, il servizio in caso di guasto ad un trasformatore;
- Ridurre il valore della corrente di cortocircuito tenendo separati i trasformatori, e quindi ridurre il costo delle apparecchiature di protezione e manovra lato BT; - Ridurre il valore della corrente di inserzione potendo inserire i due trasformatori in due istanti temporali diversi; - Consentire un servizio a potenza ridotta (e.g. notturno) mantenendo attivo una sola unità;
- Far fronte allo sviluppo dell''impianto alimentato, inserendo ulteriori trasformatori in parallelo, laddove lo spazio in cabina lo consenta (sia stato previsto in fase progettuale). Come noto i trasformatori possono essere sovraccaricati a scapito di una riduzione della loro vita
utile. Dal punto di vista pratico è utile ricordare la regola di Montsinger: la vita utile dell''isolante
si riduce alla metà per un incremento (permanente) della temperatura dell''ordine di 6 ÷ 7 ° . '
quindi evidente che non conviene sovraccaricare il trasformatore per periodi di tempo
considerevoli. Alcuni trasformatori sono equipaggiati con sistemi di raffreddamento supplementari
che possono essere attivati nel caso sia necessario sovraccaricare la macchina (e.g. nel caso di
manutenzione della macchina gemella in parallelo). Ad esempio i trasformatori ad olio possono
essere dotati di tre modalità di raffreddamento: ONAN, ONAF e OFAF, utilizzate rispettivamente
per nessun sovraccarico, 33% e 66% di sovraccarico. I trasformatori utilizzati sono in olio o a secco. Le macchine in olio sono meno costose, ma se il
peso dell''olio è superiore a 500 devono essere previste vasche di raccolta e muri tagliafuoco. I trasformatori sono caratterizzati dai seguenti dati di targa: tensione primaria e secondaria,
frequenza nominale, potenza apparente nominale, tensione di cortocircuito, collegamento degli
avvolgimento, perdite, livello di isolamento (continuo e impulsivo). Nelle costruzioni normali, le
prese primarie di regolazione della tensione sono cinque (0, ±2,5%, ±5%). Qualora necessario, l''installazione di uno scaricatore di sovratensione in ingresso al trasformatore
è sempre giustificato, visto il costo relativamente basso rispetto all''apparecchiatura protetta. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 102 3.1.2. Layout di sottostazione 3.1.2.1. Layout MT L''obiettivo della progettazione di una cabina è garantire continuità di servizio e qualità della
tensione, considerando anche efficienza e sicurezza del sistema elettrico. Al fine di definire lo schema di una cabina occorre analizzare esigenze di sicurezza, regole tecniche
per la connessione alla rete (CEI 0-16) e le problematiche di inserzione e disinserzione dei
trasformatori
. Esigenze di sicurezza Per eseguire manutenzione elettrica è necessario seguire una precisa procedura operativa volta a
garantire la sicurezza delle operazioni. Tale procedura consiste nei seguenti passi: 1. Identificare la zona di lavoro (Working Zone WZ) e tutti gli interruttori di sorgente;
2. Sezionare completamente la WZ;
3. Verificare che l''impianto sia fuori tensione (verificare preliminarmente che lo strumento utilizzato per verificare l''assenza di tensione funzioni); 4. Eseguire la messa a terra ed in cortocircuito;
5. Assicurarsi contro la richiusura (Safety Locking);
6. Isolare le eventuali parti attive adiacenti per mezzo di dispositivi di protezione. Regola tecnica di connessione I principali schemi di inserimento sulla rete pubblica si distinguono in - Inserimenti su linee esistenti: ' In entra-esce;
' In derivazione rigida a T; - Inserimento in antenna su stazioni e cabine primarie esistenti. La sezione MT dell''impianto deve sempre contenere l''interruttore generale ed il sezionatore
generale
(oppure interruttore estraibile), posti a valle del punto di consegna e destinati a
separare completamente l''impianto dell''utente dalla rete. La normativa distingue tra: - Sistema di protezione generale SPG: sistema di protezione composto da ' Protezione generale (relè) PG;
' TA: posti a valle del PG, o a monte se di tipo toroidale;
' TO ( = TA omopolari): posti a monte del PG.
' TV: possono essere installati a monte del PG (necessari fusibili di protezione) o a valle; - Dispositivo generale di utente DG: apparecchiatura di manovra e sezionamento la cui apertura è comandata dal SPG ed assicura la separazione dell''intero impianto. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 103 Il PG comprende le seguenti protezioni (i valori numerici sono solo di riferimento): - la protezione di massima corrente di fase a tre soglie, di cui una tempo dipendente: ' I> (ANSI 51.1): protezione per sovraccarico;
' I>> (ANSI 51.2.): ritardata, 250 '' 500 ; ' I>>> (ANSI 50): istantanea, 600 '' 170 . ' evidente che sussistono i seguenti vincoli di selettività: 1,2 '' < . < 0,8 '' , 1,3 '' , < < 2 ÷ 4 Dove , è la corrente di cortocircuito BT dei trasformatori riportata lato MT. - la protezione di massima corrente di terra a due soglie (ANSI 50N/51N): ' Io> (ANSI 51N): ritardata, 2 '' 170 se neutro isolato o 450 se neutro compensato; ' Io>> (ANSI 50N): istantanea, 120 '' 120 . - la protezione direzionale omopolare (ANSI 67N): se il contributo della corrente capacitiva per guasto monofase è maggiore dell''80% della corrente di regolazione stabilita dal
distributore, si sostituisce alla 51N la 67N a due soglie: ' prima soglia: = 2 ; = 2 ; = 60° ÷ 120°; = 170 ; ' seconda soglia: = 2 ; = 5 ; = 60° ÷ 250°; = 450 . Si veda la tab. 3.2. pag. 15 del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume III,
per un esempio di tarature per le protezioni in reti MT con neutro isolato. Problematiche di inserzione e disinserzione dei trasformatori Le due principali problematiche relative alla manovra dei trasformatori sono: - Inserzione: quando l''inserzione non è effettuata per mezzo di un sincronizzatore (che chiude l''interruttore quando la tensione passa per il valore massimo, tale da far partire il
flusso di macchina da zero), si possono verificare sovracorrenti dell''ordine di 10 ÷ 12 volte
la corrente nominale. Le protezioni devono quindi essere tarate in modo tale da lasciar
passare tale corrente per una durata di circa 0,1 . Per un approfondimento sul fenomeno
dell''inserzione si veda il cap. 2.3. degli appunti di macchine elettriche. - Disinserzione a vuoto: nel caso in cui il trasformatore stia lavorando a vuoto, l''apertura dell''interruttore di macchina, dimensionato per aprire importanti correnti di cortocircuito,
è in grado di forzare bruscamente la piccola corrente di magnetizzazione a zero (per il
cosiddetto ''strappamento dell''arco' nella camera d''interruzione), provocando una forte
sovratensione (tensione di ritorno) che da luogo a riadescamenti multipli e
danneggiamento all''isolante. Per evitare tale problema si ricorre a interruttori di tipo
autosoffiante, in cui l''effetto estinguente è proporzionale alla corrente, evitando così lo
strappamento dell''arco. Per un approfondimento sul fenomeno dell''inserzione si veda il
cap. 7.2.3. degli appunti di impianti elettrici. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 104 3.1.2.2. Layout BT Il circuito BT in una cabina è composto dal complesso di conduttori che connettono il
trasformatore ai morsetti dell''interruttore di macchina sul quadro generale. Tipicamente vengono usate sbarre in rame calcolate per sopportare il funzionamento in regime
anomalo, sforzi elettromeccanici e termici compresi. Sotto il profilo elettrico si cerca di ottenere una distribuzione di corrente all''interno delle sbarre
più uniforme possibile, obiettivo al quale si contrappongono due fenomeni: - Effetto Kelvin (o effetto pelle): per cui si ha un addensamento di densità di corrente alla periferia di un conduttore, con conseguente aumento della resistenza delle sbarre rispetto
alla resistenza in corrente continua. - Effetto di prossimità: dovuto alla vicinanza tra conduttori diversi. Per ridurre al massimo la reattanza che ne consegue è opportuno alternare conduttori appartenenti a fasi diverse
(trasposizione) e collocarli alla minima distanza l''uno dall''altro. Nel caso di conduttori
rettangolari di dimensioni ' di lunghezza e posti a distanze , , , detto raggio medio = 0,224 '' ( + ) e distanza media = , la reattanza per carico equilibrato è pari a = 0,145 '' '' log '' 10 Ω Nella pratica le sbarre omnibus sono realizzate in officina in tronconi sagomati che devono essere
giuntati in fase di montaggio. Tale giuntura è sempre associata ad una resistenza di contatto che,
per quanto modesta è fonte di cadute di tensione e surriscaldamenti localizzati. Per ridurre tali
inconvenienti è opportuno aumentare la superficie di contatto e verificare il serraggio dei giunti.
Tale verifica può essere facilmente effettuata con una fotocamera termica. Figura 51 - Immagine termica di una terna di fusibili. Si nota un surriscaldamento di uno dei contatti causato da un cattivo serraggio del contatto stesso. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 105 3.1.3. Sforzi elettrodinamici Nel circuito BT è importante tenere conto degli sforzi elettrodinamici conseguenti a cortocircuiti,
valutando le deformazioni delle sbarre e le sollecitazioni sugli isolatori. La forza di repulsione per metro lineare tra due conduttori percorsi da una corrente di
cortocircuito (dovuta ad esempio a un guasto monofase) è pari a: = 0,16 '' Dove è la distanza tra i conduttori in metri, e la corrente di cortocircuito in . ' facile
verificare che si può giungere a svariate centinaia di chili nei normali casi di cortocircuito. La sbarra può essere approssimata ad una trave con più appoggi che può quindi deformarsi come
in figura: Figura 52 - Deformazione di una sbarra su appoggi. Ai fini pratici, l''unico sforzo importante è la flessione. La fibra di materiale più lontana dal
baricentro sarà soggetta ad un momento flettente tale da provocare uno sforzo flettente pari a = Dove - è il momento flettente al quale la sezione è sottoposta. Si ricorda che per una trave appoggiata agli estremi lunga sottoposta ad uno sforzo uniformemente distribuito ' si ha = 8 - è il momento d''inerzia della sezione rispetto all''asse neutro. Per una sbarra rettangolare di sezione ' '', sollecitata perpendicolarmente ad '' si ha = '' 12 Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 106 - è la distanza dall''asse della fibra più sollecitata. Per una sbarra rettangolare si ha = 2 La sollecitazione deve essere molto inferiore al carico di rottura, meglio se inferiore alla
sollecitazione di snervamento. Si tenga presente che lo sforzo calcolato vale in corrente continua. A 50 lo sforzo presenta una componente costante ed una componente alternativa a frequenza doppia (100 ). ' evidente, infatti, che esprimendo la corrente come = sin( ) La sollecitazione ' diviene = '' = '' sin ( ) = '' 2 (1 '' cos 2 ) Dove è chiaramente distinguibile la componente costante e la componente a frequenza doppia.
Una sbarra fissata agli estremi ha come frequenza propria di risonanza la quantità: = 112 Dove - è il modulo di elasticità del materiale ( / ); - è il momento di inerzia ( ); - è il peso per unità lineare di conduttore ( / ); - è la lunghezza della sbarra ( ). ' importante, in fase di progettazione, definire l''interdistanza tra gli appoggi isolatori tale da
evitare che la sia lontana da 100 , ma anche da 50 , per evitare la cosiddetta falsa risonanza, fenomeno simile alla risonanza dagli effetti meno nocivi ma comunque molto
pericolosi. Oltre ai calcoli sulle sbarre anche gli appoggi isolatori devono essere tali da sopportare gli sforzi
meccanici dovuti alle sbarre. I costruttori forniscono i carichi di rottura dei supporti alla trazione,
alla compressione alla flessione e alla torsione. Tali valori devono essere confrontati con i carichi
risultanti dia calcoli elettromeccanici. Gli sforzi non devono essere superiori al 40% del carico di
rottura degli isolatori. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 107 3.2. Autoproduzione di energia elettrica 3.2.1. Generalità Prima di analizzare i metodi impiegati per l''autoproduzione di energia elettrica è bene fare cenno
alle problematiche dalle quali scaturisce la necessità di un''alimentazione in proprio. La qualità dell''alimentazione e la sua disponibilità sono obiettivi che il distributore dell''energia
elettrica è tenuto a rispettare. Nonostante ciò è possibile che tali requisiti vengano a mancare,
come conseguenza di guasti o condizioni anomale d''esercizio. Quando si parla di qualità dell''alimentazione ci si riferisce alle caratteristiche della forma d''onda
di tensione
fornita. Tali caratteristiche devono essere ben definite e costanti, ma possono essere
disturbate da: - Variazioni del valore efficace: ' ' rapida se è superiore al +15%, ''18% della nominale per un massimo 0,5 secondi;
' ' lenta se inferiore al +10%, ''8% della nominale per un tempo illimitato; - Mancanza totale di tensione (black-out);
- Variazione della frequenza (oltre ±0,5 ); - Asimmetria delle tensioni di fase (oltre ±2,5% in ampiezza e 4° in fase);
- Distorsione armonica (oltre il 14% della fondamentale e il 5% in contenuto armonico);
- Buchi (dip) o impulsi (spike);
- Presenza di componenti continue. Figura 53 - Principali tipi di disturbi e loro cause caratteristiche. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 108 A seconda del tipo di carico e dall''importanza che esso ricopre all''interno dell''impianto, è possibile
classificare tutte le utenze in base alla loro sensibilità ai suddetti disturbi: - Utenze normali: sono le utenze che non risentono in modo particolare dei disturbi, oppure è possibile fare a meno della loro funzione in caso, ad esempio, di mancanza di tensione. - Utenze privilegiate: sono le utenze sensibili ai disturbi in rete (e.g. componenti elettronici), o che non possono subire un''interruzione dell''alimentazione. A tal proposito è necessario
distinguere tre tipologie di alimentazione ''priviliegiata': ' Alimentazione di continuità: è da adottarsi in quei casi il carico non può perdere l''alimentazione neppure per una frazione di millisecondo, come nel caso in cui il carico
sia dotato di memoria e funzioni in tempo reale; ' Alimentazione di soccorso (short-break): utilizzata nei casi in cui il carico tollera interruzioni dell''ordine di alcuni decimi di secondo, ad esempio l''illuminazione di
sicurezza, o del campo operatorio in un ospedale. ' Alimentazione di emergenza: nei casi in cui un''interruzione dell''ordine della decina di secondi è sopportabile, e.g. ascensori, UTA, cucine negli alberghi. L''alimentazione di
emergenza si suddivide in : ' Alimentazione di sicurezza: destinata alla salvaguardia delle persone;
' Alimentazione di riserva: atta ad evitare danni economici. Nel seguito si studieranno varie tipologie di sistemi per garantire l''alimentazione delle utenze
privilegiate. In linea di massima si possono distinguere due tipologie di sistemi: - Sistemi dinamici che utilizzano macchine rotanti (gruppi elettrogeni);
- Sistemi statici che utilizzano elementi elettronici di potenza (UPS). Tali sistemi possono naturalmente essere combinati tra loro per unire i vantaggi di entrambe le
tecnologie. Ad esempio si possono avere impianti che utilizzano gruppi statici per coprire
l''alimentazione di soccorso e di emergenza, e gruppi dinamici per quella di emergenza. Si ricorda, infine, che nel caso in cui l''impianto, o una parte di esso, preveda l''adozione di sistemi
di autoproduzione di energia elettrica, i calcoli di cortocircuito devono tener conto di tutti i
possibili assetti in cui l''impianto stesso può funzionare. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 109 3.2.2. Sistemi di continuità Un gruppo di continuità assoluta, per poter essere tale, deve necessariamente contare su
un''alimentazione diversa da quella di rete anche nei casi in cui la rete sia presente e priva di
disturbi. Si hanno, come visto nel § 3.2.1., due soluzioni: una dinamica ed una statica. Soluzione dinamica In condizioni normali la rete alimenta un motore elettrico M, sul cui asse sono calettati un
generatore G, un volano V e, per mezzo di una frizione Fr, un motore primo D (tipicamente diesel,
ma può essere anche una piccola turbina a gas). In condizioni normali si ha, dunque, una
conversione elettrica/meccanica/elettrica. Figura 54 - Sistema di continuità assoluta dinamico. Al cadere della tensione si apre l''interruttore I, il generatore è mantenuto in movimento per
mezzo dell''energia cinetica accumulata nel volano che sopperisce alla mancanza del motore nel
tempo in cui il motore D viene avviato ed agganciato al carico per mezzo della frizione Fr. Si noti che se il sistema sopperisce ai soli disturbi transitori, il motore D non è previsto. Dalla scelta del motore elettrico M dipenderanno le caratteristiche del sistema. ' evidente come la
velocità di un motore sincrono, essendo legata alla frequenza di rete, ne subisca al tempo stesso
le medesime perturbazioni. Tuttavia tale motore sincrono può svolgere contemporaneamente
funzione di motore primo per l''alimentazione privilegiata e funzione di rifasamento per il resto
dell''impianto. Utilizzando un motore asincrono, invece, bisognerà tenere presente la dipendenza
della velocità dal carico, nei limiti dello scorrimento, e della potenza reattiva che la macchina
preleva dalla rete. La massima flessibilità si ottiene con i motori in corrente continua, che
comportano, però, la nota delicatezza del sistema spazzole-collettore. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 110 Soluzione statica In condizioni normali la rete alimenta un ponte raddrizzatore Rd il quale provvede a mantenere la
carica di un gruppo di batterie B e contemporaneamente fornisce potenza all''inverter Inv che
alimenta i carichi. In condizioni normali si ha, dunque, una doppia conversione AC/DC/AC. Figura 55 - Sistema di continuità assoluta statico. Al mancare della tensione di rete, in fase transitoria, l''energia necessaria ai carichi privilegiati è
fornita dal gruppo batterie. Al termine di tale fase, avviatosi il motore termico D si chiude
l''interruttore e i carichi sono alimentati dal generatore G. Il motore può essere dimensionato per alimentare solo i carichi privilegiati oppure l''intero
impianto. Nel primo caso sarà necessario prevedere al distacco dei carichi normali (ad esempio
mediante un interruttore di sbarra comandato da un relè di minima tensione). In generale, per evitare il parallelo del generatore G con la rete, gli interruttori e devono
essere interbloccati. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 111 3.2.3. Alimentazione di soccorso Le medesime strutture viste per l''alimentazione di continuità si prestano ad effettuare
l''alimentazione di soccorso, con alcune modifiche. Soluzione dinamica In questo caso, il motore M funziona a vuoto e mantiene in rotazione il generatore G e il volano V. Figura 56 - Sistema di alimentazione di soccorso (short break) dinamico. Al mancare della tensione di rete, gli interruttori e vengono aperti, mentre si chiude con un
lieve ritardo rispetto a . In tale breve ritardo i carichi non sono alimentati. Chiuso il volano
fornisce l''energia necessaria affinché il generatore possa alimentare il carico nel tempo in cui il
motore D viene avviato. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 112 Soluzione statica In questo caso il gruppo statico è provvisto di un bypass AC/AC (e.g. un triac). Figura 57 - Sistema di alimentazione di soccorso (short break) statico. Al mancare della tensione di rete il commutatore statico Cs viene disinserito (in un tempo pari a
circa 1-2 semiperiodi) e l''inverter Inv prende il carico, alimentato dalle batterie. Successivamente
si procede come nel caso visto precedentemente. Per un approfondimento sui componenti elettronici di potenza (raddrizzatore, inverter,
commutatore statico) e sugli accumulatori si rimanda alle sezioni 3.3.3.1. e 3.3.3.2. del libro
Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume III. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 113 3.2.4. Alimentazione di emergenza Nel caso di alimentazione di emergenza non si hanno soluzioni di tipo statico. L''alimentazione di emergenza è, pertanto, fornita dai gruppi elettrogeni che sono, in condizioni
normali di rete, spenti non essendo richiesta una rapidità di intervento tale da dover mantenere il
generatore pronto per il parallelo. Figura 58 - Sistema di alimentazione di emergenza. Il motore D viene avviato in caso di assenza di tensione di rete, ed il dispositivo CA (controllo
dell''alimentazione) comanda la chiusura dell''interruttore una volta che il generatore sia pronto
a prendere carico. L''interblocco tra e assicura che non vi sia il parallelo tra il generatore e la rete. Il tempo di intervento dipende dalla capacità del motore primo D di avviarsi rapidamente. Si
distinguono - Motori diesel a pronto intervento, nei quali si provvede al preriscaldamento dell''olio;
- Motori diesel normali, nei quali non è previsto nessun particolare accorgimento. I tempi di avviamento variano tra alcune decine di secondi fino ad un minuto circa. I gruppi elettrogeni sono classificati in base a: - Classe di prestazione: variano in base alle prestazioni del gruppo a far fronte a variazioni di carico rapide, carichi squilibrati, variazioni di frequenza, '(CEI EN 60031-22 e ISO 8528-1); - Emissioni inquinanti;
- Impatto acustico;
- Coibentazione, insonorizzazione e fonoisolamento. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 114 3.3. Uso razionale dell''energia elettrica Vedi libro III pagine 53-61. In sintesi: - Interventi di uso razionale dell''energia mirano a spostare il carico fuori dalle punte, aumentare il rendimento delle apparecchiature, ridurre il fabbisogno di potenza reattiva; - L''utilizzo della cogenerazione è utile nei casi in cui si ha necessità di calore ed energia elettrica, può essere realizzata nelle due versioni ''elettrico a seguire' (precedenza al
fabbisogno termico) o ''termico a seguire'. - L''associazione di piccoli consumatori (e.g. domestici) può portare a vantaggi in termini economici (installazione di una cabina MT/BT propria e consegna dell''energia in MT), ed
energetici. - L''uso intelligente dell''energia coincide con l''uso razionale solo se quest''ultimo porta un vantaggio economico all''utente finale. Leggi anche cap. 3.6 (pagine 88-91): le tariffe elettriche. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 115 3.4. Rifasamento degli impianti elettrici utilizzatori 3.4.1. Compensazione della potenza reattiva impiegata dagli utilizzatori 3.4.1.1. Generalità Un carico elettrico alimentato in corrente alternata assorbe una potenza attiva ed una potenza
reattiva
. Nel campo delle utenze luce il problema si pone solo per le lampada a scarica o le lampade
fluorescenti
, in quanto il loro alimentatore (ballast), essendo costituito da una reattanza,
determina un abbassamento del fattore di potenza a circa 0,5. Nel campo della forza motrice la principale richiesta di potenza reattiva deriva dai motori
asincroni
. Tali motori presentano sempre un fattore di potenza inferiore ad uno, in particolare si
aggira intorno a 0,8 per macchine medio - grandi e a 0,6 ÷ 0,7 per macchine di potenza modesta. Inoltre si ricorda che il fattore di potenza di un motore asincrono è tanto minore quanto minore è
il carico applicato( in % di quello nominale), tanto maggiore è la tensione di alimentazione e tanto
minore è la frequenza di alimentazione. Pertanto, dal momento che si è soliti sovradimensionare i
motori asincroni, in condizioni normali di assorbimento il fattore di potenza del motore è più basso
di quello che si avrebbe in assenza di sovradimensionamento. L''assorbimento di potenza reattiva comporta una maggiore c.d.t. sulle linee di alimentazione,
secondo la nota formula: ' = cos + sin = + Quando la linea presenta una ' la formula si può esprimere come ' = Dove si è espressa la reattanza della linea in funzione della potenza di cortocircuito ( = / ). Il maggiore costo legato alle perdite di trasporto viene contabilizzato dagli enti fornitori di energia
elettrica e penalizzato. La generazione locale di potenza reattiva in anticipo è pertanto auspicabile
sia per un corretto funzionamento della rete, sia per non incorrere nelle ''penalità per basso
cos '. Tale provvedimento, detto rifasamento, è tanto più razionale se si considera che la generazione di
potenza reattiva capacitiva è equivalente se realizzata in centrale o localmente, con la differenza
che si eliminano le corrispondenti perdite di trasmissione. 11 A 16 3.4.1.2. Si consider
angolo di f Al fine di
pensare di
contrario a In altre pa
un valore ' possibile
modo il co Tuttavia, a
pertanto
sottostante
il cos risp ppunti di D A Calcolo de ri un carico fase aumentare i installare u a quella asso role si vuole = tan e dimension s che ne approssima l''economic e, si osserv pettivamen Valori i n iziali Tabella 9 - Valo Distribuzione Appunti a cur ella potenza che assorb il cos ass un apparec orbita dall''u e far si che , pertant nare il disp deriva è un andosi al co ità dell''int a come è n nte da 0,8 a 0,9 0,70 0, 0,75 0,4 0,80 0, 0,85 0, 0,90
0,93
0,95
0,97
ori di potenza re ed Utilizzazi ra di Emanue a di rifasam e la potenz sociato e p chiatura ch utente). Figura 59 - la potenza to sarà nece = positivo di itario e l''im os = 1 il ervento di ecessario fo 0,9, opppu 90 0,
54 0,
40 0,
27 0,
14 0, 0,


eattiva, in % di one dell''Ene ele Freddi '' h ento a attiva e = atan portarlo ad
he assorba p - Rifasamento d reattiva ass essario com (tan '' t rifasamento mpianto non valore di t i rifasamen ornire la ste ure da 0,97 Valori desid 92 0,
59 0,
46 0,
32 0,
19 0,
06 0, 0,
quella attiva, d rgia Elettric http://laema e la potenza un nuovo potenza rea di un carico. sorbita dall pensare (fo tan ) o in modo n assorbe po tan associ nto si ridu essa potenz a 1. derati ,95 0,
,69 0,
,55 0,
,42 0,
,29 0,
,16 0,
,07 0, 0, 0, da compensare ca '' Prof. Giu an.altervista. a reattiva , valore cos attiva in ant a rete = ornire) la po tale da ot otenza reatt iato cresce uce. Ad es za reattiva ( ' ,98 1
,82 1
,68 0
,55 0
,42 0
,28 0
,19 0
,13 0
,05 0 per passare da useppe Parise .org/Blog/lec , con il corr ' > cos ticipo (quin tan dim otenza reatt ttenere = tiva dalla re e molto rap sempio, ne (in % di ) p ,00
,02
,88
,75
,62
,48
,40
,33
,25 a a cture-notes/ ispondente è possibile ndi di segno minuisca ad tiva : = . In tal ete. pidamente, ella tabella per portare '. e e o d l , a e Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 117 3.4.1.3. Condensatori rotanti e statici Il problema del rifasamento si identifica con quello di assorbire un adeguato valore di potenza
reattiva capacitiva in parallelo alle utenze. Le apparecchiature capaci di assorbire potenza reattiva
in anticipo sono: - Condensatori statici
- Condensatori rotanti Di seguito verranno esposti i principali vantaggi e svantaggi di entrambe le tecnologie. Condensatori statici I condensatori statici per rifasamento sono realizzati in unità monofase il cui collegamento
(eventualmente trifase) viene realizzato durante l''installazione. Il dielettrico interposto tra le armature rappresenta la parte essenziale di un condensatore e ne
determina le prestazioni. I condensatori per rifasamento sono tipicamente costituiti da una custodia metallica chiusa
ermeticamente
contenente un certo numero di condensatori elementari, ossia elementi cilindrici
formati da due armature di alluminio in nastri da 5 ÷ 7 avvolti insieme a fogli isolanti il cui dielettrico può essere spesso tra 25 ÷ 80 . Il raggio ti curvatura di tali insiemi è talmente grande rispetto allo spessore delle piastre che il
tutto si può approssimare ad un condensatore ad armature piane e parallele, nel cui il campo
elettrico è uniforme e si può esprimere la capacità tramite la nota formula = Per compensare la potenza tramite condensatori statici, la capacità complessiva del banco di rifasamento è calcolabile come = 2 '' Si osservi come, in sistemi trifase, il collegamento fase-fase (a triangolo) dei banchi di condensatori
consenta una riduzione della capacità complessiva da installare di un fattore 3 rispetto al
collegamento fase-neutro (a stella). D''altro canto, ciò richiede condensatori con un dielettrico più spesso, capaci di sostenere la tensione maggiorata di ''3. Per un approfondimento sulle caratteristiche costruttive dei condensatori statici, si rimanda ai
paragrafi 3.5.2.1. e 3.5.2.2. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume III. 11 A 18 Conden Una macch
valore del
eccitazione
carico nullo Rispetto a
rendiment
difficoltà s
potenza re
potenza at Tuttavia, t
costante d
Inoltre la m
motore e, Infine si fa
per le mac
valore dell
rotante piu In alcuni p
necessari n ppunti di D A nsatori rota hina sincro la corrente e è illustrat o: ai condensa to e una m sono tali d eattiva, la m
ttiva necess ra i vantagg della potenz macchina co dove neces notare com cchine sincr la potenza uttosto che paesi si pre nell''impiant Distribuzione Appunti a cur anti ona a vuoto
e di eccitaz to dalle not F atori static maggiore co a far si ch macchina ve saria a sopp gi del comp za reattiva g onsente un ssario, come me il costo d rone il cost da compen uno statico scrive l''util to, la fine di ed Utilizzazi ra di Emanue o assorbe p ione. Il leg
te curve a Figura 60 - Curv ci, la macc omplessità d e, nelle or enga mante erire alle pe pensatore r generata ch a grande fl e generator dei condens to cresce m nsare per cu
o. izzo di un i espletare one dell''Ene ele Freddi '' h potenza rea ame quant V, ed in p e a V di un gen hina sincro di impianto e della gio enuta in pa erdite mecc rotante si tr he può esser essibilità d re. satori static meno rapida ui risulterà motore sin la duplice fu rgia Elettric http://laema attiva in mi titativo tra articolare d eratore sincron ona presen
o, legata al ornata nelle arallelo alla caniche e di rova la poss re reso auto i impiego, p ci cresca line amente con più econom ncrono al po unzione di m ca '' Prof. Giu an.altervista. isura e seg potenza as dalla curva no. ta lo svan le difficoltà e quali non a rete, asso
i ventilazion sibilità di u omatico in m può essere earmente c n la potenza mico install osto di uno motore e sis useppe Parise .org/Blog/lec no variabili ssorbita e c a V corrisp ntaggio di à di avviam n è necessa orbendo co ne. una regolaz modo molto utilizzata a con la poten a. Esisterà lare un com o dei moto stema di rif cture-notes/ i in base al corrente di pondente a un minore mento. Tali
ario fornire omunque la ione fine e o semplice. anche come nza, mentre dunque un mpensatore ri asincroni fasamento. l
i a e i e
a e . e e
n
e i Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 119 3.4.2. Rifasamento concentrato e rifasamento distribuito Rifasamento concentrato Il rifasamento concentrato o rifasamento globale consiste nel predisporre un unico dispositivo di
rifasamento, tipicamente nel livello più alto dell''impianto, quello cioè vicino al punto di consegna. Per effettuare tale tipo di rifasamento è necessario conoscere il diagramma di carico dell''impianto
nelle varie ore e nei vari giorni (mesi) dell''anno, e suddividere il carico in ''fasce orarie' ciascuna
caratterizzata da uno stesso (o simile) cos . L''obiettivo del rifasamento globale è rifasare il carico in modo tale che il valore del fattore di
potenza istantaneo
, in corrispondenza del massimo carico prelevato in ciascuna delle fasce orarie
non sia inferiore a , , mentre quello medio mensile, valutato separatamente nelle fasce orarie
suddette, sia maggiore di , . Il sistema di rifasamento deve quindi essere dimensionato in base alla condizione più gravosa
prevista, e deve essere frazionato in modo tale da consentire di seguire le variazioni di potenza
reattiva per raggiungere il suddetto obiettivo (cos medio nel mese superiore a 0,7). In ogni caso
si deve mai avere una condizione di assorbimento con in anticipo. Rifasamento distribuito Il rifasamento distribuito consiste nel collegare in parallelo con ogni utilizzatore, condensatori di
rifasamento che vengono inseriti insieme all''utilizzatore stesso. Questa soluzione, dove possibile, è
la migliore in quanto consente l''adeguamento automatico della potenza di rifasamento ed
estende i benefici del rifasamento all''impianto di distribuzione interno. Qualche difficoltà si incontra negli apparecchi in cui la potenza reattiva assorbita non è costante
(e.g. motori asincroni, in cui la varia, tra l''altro, in base al carico), pertanto, nella pratica, si
realizzano spesso soluzioni di compromesso che contemplano rifasamento distribuito ed, in parte,
concentrato. In via orientativa si può affermare che conviene: - Per i motori rifasare a cos = 1 in corrispondenza del 50% del carico nominale; - Per i trasformatori compensare la potenza magnetizzante;
- Per utenze speciali (saldatrici, forni a induzione, ecc') affrontare il problema caso per caso. In linea generale per le saldatrici ad arco in C.A. si riporta all''unità il fattore di potenza
in corrispondenza del 50% ÷ 75% del carico. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 120 3.4.3. Rifasamento automatico Al fine di garantire l''andamento del carico e garantire un rifasamento tale da soddisfare i
requisitivi visti nel precedente paragrafo è possibile affidare la regolazione della potenza reattiva,
ovvero l''inserzione e il distacco delle batterie di condensatori oppure l''eccitazione dei
compensatori rotanti
, ad un sistema automatizzato. Rifasamento automatico non regolato Un sistema di rifasamento può essere automatico pur non essendo regolato. L''automatismo, in
questo caso, è costituito semplicemente da un relè varmetrico o un interruttore orario che
comanda l''inserzione o il distacco di una batteria di rifasamento. Questo tipo di sistema è adottabile in piccole utenze, con assorbimenti di potenza reattiva
relativamente costanti, e dove non vi sia personale in grado di effettuare manualmente le
manovre giornaliere di inserzione e disinserzione della batteria di rifasamento. Rifasamento con regolazione automatica La soluzione più razionale e complessa prevede una batteria di rifasamento frazionata in diversi
gruppi
, che vengono inseriti o distaccati in base all''effettiva potenza reattiva assorbita dai carichi. Un dispositivo elettronico monitora la potenza reattiva assorbita e comanda l''azione delle bobine
di comando dei contattori che inseriscono o disinseriscono i singoli gruppi della batteria di
rifasamento. La scelta del numero di gradini in cui frazionare la batteria di rifasamento deve tener conto di
alcuni aspetti fondamentali. Un maggior numero di gradini consente di seguire meglio il carico,
ma le numerose aperture/chiusure necessarie tendono a logorare più rapidamente gli organi di
manovra
. Inoltre, per via del ritardo tra un''inserzione e un''altra, si rischia di non riuscire a
seguire
adeguatamente rapide e ingenti variazioni di carico. In generale dunque è consigliabile rifasare tramite batterie con il minor numero di gradini
possibile. Un buon criterio è scegliere la potenza del singolo gradino pari al 2,5% ÷ 5% della
potenza del trasformatore che alimenta i carichi. Nella maggior parte dei casi, le batterie sono
frazionate in 5 ÷ 10 gradini. Per evitare fenomeni oscillatori (inserzione/distacco dei gradini per piccole variazioni di carico) si
dota il regolatore di una zona di insensibilità (dead band), compresa tra 1,2 ÷ 1,3 volte la potenza
del singolo gradino. Per un approfondimento sulle capacità di regolazione dei regolatori a microprocessore (relè
digitali) si rimanda al paragrafo 3.5.6.3. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica
'' volume III. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 121 3.4.4. Installazione dei condensatori di rifasamento 3.4.4.1. Collegamento dei condensatori. Resistenze di scarica. Come visto nel § 3.4.1.3., il collegamento a stella o a triangolo di una batteria di condensatori
consente una notevole riduzione della capacità installata a fronte di una maggiore tensione di
esercizio dei condensatori. Oltre a queste considerazioni è importante evidenziare altre
conseguenze che i due tipi di collegamento comportano. Nei collegamenti a triangolo le correnti di guasto sono maggiori, in quanto alimentate dalla
tensione concatenata. La connessione a triangolo è quindi generalmente riservata agli impianti BT,
avendo cura di frazionare la capacità su ogni singola fase in vari condensatori in serie per limitare
la corrente di guasto in caso di cortocircuito di uno degli elementi della serie. Nei collegamenti a stella, d''altronde, il guasto di un ramo può portare il centro stella in posizione
tale che gli altri due rami vengano sottoposti alla tensione concatenata. Per questo motivo anche
nei collegamenti a stella, i condensatori sono isolati per la tensione concatenata. Negli impianti eserciti con neutro a terra vi è un terzo tipologia di collegamento: a stella con
neutro a terra
. Tale collegamento consente di contenere lo squilibrio delle tensioni in caso di
guasto, a scapito di una corrente maggiore rispetto al collegamento a stella, ma senz''altro minore
di quella associata al collegamento a triangolo. Inoltre la tensione di isolamento dei condensatori
può essere limitata al valore stellato. La connessione a terra del centro stella è sconsigliabile dove
vi siano problemi di correnti armoniche omopolari, in quanto i condensatori fungono da filtro
passa alto. I condensatori, a differenza di altri dispositivi nell''impianto, non vengono de energizzati alla
mancanza di alimentazione
o al loro distacco, e mantengono una tensione più o meno elevata ai
loro morsetti, risultando potenzialmente pericolosi per gli utenti che dovessero avvicinarvisi. Per questo motivo è necessario prevedere delle resistenze i parallelo ai morsetti che consentano
di ridurre la tensione residua a meno di 50 in un minuto per impianti fino a 1 , o in 5 minuti per impianti a tensione superiore. Detta la tensione di picco di alimentazione, la capacità dei condesatori è possibile calcolare il
valore della resistenza per ottenere la condizione suddetta mediante la formula: 50 = Dove è il tempo in cui si vuole raggiungere il valore di 50 e = è la costante di tempo caratteristica per la scarica dei condensatori. Qualora le reinserzioni dei condensatori siano frequenti, le norme prevedono che al momento
della reinserzione la tensione residua deve essere inferiore al 10% di quella nominale. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 122 3.4.4.2. Conseguenze circuitali del rifasamento L''installazione di una batteria di condensatori su una rete modifica le caratteristiche proprie del
circuito, in particolare: - Aumenta la potenza di cortocircuito;
- Amplifica le correnti armoniche;
- Eleva la tensione di alimentazione;
- Può causare fenomeni transitori amplificati come sovratensioni durante le manovre, autoeccitazione di macchine rotanti, ecc' Nel seguito si analizzano i fenomeni di sovracorrente e autoeccitazione legati alla presenza di
condensatori di rifasamento. Sovracorrenti transitorie Una corrente transitoria si verifica quando la batteria di condensatori viene inserita nell''impianto
in parallelo al carico. Per una valutazione approssimata si consideri il circuito RLC costituito dall''impedenza ,
dell''impianto vista a monte del punto di inserzione e delle capacità della batteria di rifasamento.
Considerando trascurabile, la frequenza propria di oscillazione , varia tra qualche e alcune decine di . La corrente globale di inserzione è data dal contributo della corrente permanente e di una
componente transitoria : = + = + ''2 / sin Dove = 1/'' è la pulsazione propria e = 2 / è la costante di tempo che può essere ricavata dal cos come = 2 tan(acos ) ' evidente come l''ampiezza di sia tanto maggiore quanto maggiore è la pulsazione propria. Il
valore di picco di può essere valutato come , = ''2 '' '' Ad esempio per = 14 si ha , = 400 '' . Tale valore (400 ) è, tra l''altro, il massimo valore ammesso per i condensatori. Il rapporto / può essere espresso in funzione della della linea e in funzione della della batteria di rifasamento: = 1 '' = 1 = = Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 123 Pertanto il picco è esprimibile come = ''2 '' '' = 2 Per contenere il valore massimo della , entro il limite di 400 è possibile fare ricorso a delle reattanze di inserzione (in aria). Tali reattanze non sono necessarie quando l''impedenza di
cortocircuito dei trasformatori è sufficiente a smorzare il transitorio, mentre è necessario nei casi
in cui la batteria sia frazionata in diversi gradini, alimentati da un medesimo cavo. In tal caso l''induttanza dei collegamenti tra i gradini è molto bassa e bisogna porre = dove è la tensione di fase e la capacità serie del gradino energizzato con quello da energizzare;
e = / con induttanza di collegamento tra i banchi. L''ordine di grandezza delle induttanze di inserzione varia tra 25 ÷ 125 . Per evitare fenomeni oscillatori si è soliti collegare in parallelo a ciascun induttore una resistenza di circa 20 ÷ 30 Ω. Sovracorrenti permanenti Un condensatore può trovarsi ad assorbire una corrente superiore a quella nominale per due
motivi: 1. Variazioni in aumento della tensione : i condensatori hanno un effetto destabilizzante in quanto all''aumento della tensione (ovvero diminuzione della potenza reattiva richiesta al
nodo), reagiscono aumentando la produzione di potenza reattiva e diminuendo
ulteriormente quella richiesta da rete, con conseguente ulteriore aumento della tensione; 2. Presenza di armoniche nell''impianto: tipicamente dovute alla saturazione dei trasformatori (prevalentemente la 3°, 5° e 7°), che può essere importante se la frequenza
di risonanza del circuito è vicina alle frequenze di tali armoniche (si ricorda che = / ). Le sovracorrenti permanenti che devono essere ammissibili per un condensatore sono fissate
dalle norme CEI, pari , '' . Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 124 Autoeccitazione dei motori asincroni Un problema che merita di essere considerato è quello relativo all''autoeccitazione dei motori
asincroni. Si consideri un motore asincrono connesso alle sbarre, protetto da fusibili e azionato da un
contattore. Un banco di rifasamento può essere posizionato (in derivazione) in due punti: 1. Tra i fusibili e il contattore;
2. Tra il contattore e il motore. In entrambi i casi il banco sarebbe protetto dai fusibili, ma la seconda opzione appare più
conveniente in quanto esso è inserito solo insieme al motore, è soggetto cioè al medesimo organo
di manovra. Tale seconda opzione può dar luogo a fenomeni che possono sollecitare il motore stesso. Se al
distacco del contattore il motore si trova a vuoto, quest''ultimo si porterà a funzionare da
generatore asincrono chiuso sulle capacità di rifasamento e sostenuto dall''inerzia del motore
stesso. In presenza di un magnetismo residuo nel rotore, lo statore alimenterà il banco di condensatori, il
quale reagirà con correnti in anticipo, tali da generare un campo magneti concorde a quello di
rotore tale che il fenomeno tende ad esaltarsi finché la macchina non si porta appunto a lavorare
come un generatore asincrono. Il punto di lavoro di un tale accoppiamento generatore (il motore asincrono, caratteristica a
gomito) e carico (il gruppo di condensatori, caratteristica lineare) si stabilizza nel punto di
inserzione delle due caratteristiche V-I degli elementi: Figura 61 - Punto di funzionamento di un motore asincrono autoeccitato per mezzo di condensatori. ' evidente come, a seconda della capacità C, il valore della tensione di lavoro può essere
considerevolmente superiore a quella nominale, inducendo pericolose sollecitazioni sia nel motore
che nei condensatori. Nel caso l''inserzione dei condensatori sia a valle del contattore o dell''interruttore di macchina,
quindi, è necessario limitare il valore di capacità o assicurarsi che il motore non funzioni a vuoto al
momento dell''apertura del suo interruttore. In tal caso, il rapido rallentamento dovuto alle perdite
meccaniche del carico, riduce fino ad annullare il rischio di sovratensioni. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 125 3.4.4.3. Protezione dei condensatori di rifasamento Le batterie di condensatori devono ammettere una sovratensione del 10% della nominale ed una
sovracorrente del 30%, con una sovraccaricabilità del 35% della potenza reattiva nominale. In presenza di numerosi condensatori elementari è possibile proteggere la batteria dai guasti
interni mediante un a serie di fusibili ognuno associato al singolo elemento. Tale opzione consente
di ottenere i seguenti vantaggi: - Pronta eliminazione del guasto ed esclusione del pericolo di esplosione dell''elemento;
- Possibilità di mantenere in servizio la batterie con una minima riduzione della sua potenza reattiva; - Rapida identificazione del condensatore nel quale si è manifestata l''avaria. In presenza di batterie costituite da un modesto numero di condensatori elementari, l''uscita di
servizio di una unità può comportare un tale squilibrio da rendere comunque necessario il distacco
di tutta la batteria. In questi casi può risultare sufficiente e razionale affidare ad un singolo fusibile
o relè la protezione di più condensatori costituenti un ramo o una batteria. Per la protezione dei banchi di condensatori si utilizzano fusibili NH a caratteristica ritardata. '
necessario fare attenzione ai picchi di corrente all''inserzione in parallelo di più condensatori,
nonché tenere presente la suddetta sovraccaricabilità del 30%. Per questo motivo si scegli un
fusibile la cui corrente nominale sia , volte la corrente nominale del condensatore. Nel caso di utilizzi uno sganciatore magnetotermico associato a contattori, l''intervento termico
ritardato si sceglie con una corrente pari a 1,3 ' 1,1 = 1,43 volte la corrente del condesatore per
rispettare la sovraccaricabilità del 30% e la tolleranza sulla capacità del 10%. L''intervento
magnetico è invece tarato con un valore compreso tra 8 ÷ 14 volte il valore nominale della
batteria di rifasamento. A questa protezione si associa frequentemente quella fornita da un relè voltmetrico per la
protezione dei condensatori dalle sovratensioni e dai sovraccarichi che ne deriverebbero. Un ultima nota merita la protezione di
condensatori di grande potenza, per i quali le
conseguenze di una eventuale esplosione
sarebbero particolarmente disastrose. In questi
casi si utilizza il concetto di protezione
differenziale
. I condensatori vengono disposti
come in figura. Il cortocircuito di un qualsiasi elemento
comporta lo squilibrio del sistema che viene
rilevato dal dispositivo di protezione attraverso
i TA, provocando l''intervento dello stesso. Per un approfondimento sull''argomento dei
condensatori di rifasamento e sulla loro
protezione si rimanda all''appendice A8 Figura 62 - Protezione differenziale per condensatori. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 126 4. Sicurezza elettrica 4.1. Generalità 4.1.1. Definizioni Prima di affrontare il problema della sicurezza elettrica è bene fornire alcune definizioni e la
terminologia necessaria per una corretta comprensione. Contatti diretti e indiretti Un contatto, accidentale, tra un utente ed un apparecchiatura in tensione può essere di due tipi: - Contatto diretto: se l''utente viene in contatto con elementi conduttori normalmente in tensione (parti attive). - Contatto indiretto: se l''utente viene a contatto con elementi metallici normalmente non in tensione, ma sono stati messi in tensione da un evento accidentale (cedimento
dell''isolamento di componenti in tensioni adiacenti). In ogni caso, l''infortunato viene sottoposto ad una certa tensione, detta appunto tensione di
contatto
. In seguito si vedrà come tale tensione possa provocare danni nel caso in cui superi una
determinata soglia e sia possibile il passaggio di corrente all''interno del corpo. Massa e massa estranea Si definisce massa (M) una parte conduttrice che soddisfa le seguenti proprietà: - Può essere toccata;
- Fa parte di un componente elettrico;
- Non è in tensione in condizioni ordinarie (altrimenti sarebbe una parte attiva);
- Può andare in tensione in condizioni di guasto. Si noti che se una parte conduttrice fa parte di un componente elettrico e può andare in tensione
in caso di guasto, ma non vi è rischio che venga toccata non è una massa, bensì una parte
intermedia. Una massa estranea (ME) è definibile come una massa, con la differenza che essa non fa parte
dell'impianto elettrico, ma può ugualmente andare in tensione in condizioni di guasto a causa di
una resistenza verso terra superiore a 1000 (250 per particolari applicazioni). Sia la massa che la massa estranea vanno protette contro i contatti indiretti, attraverso opportuni
collegamenti che costituiscono la messa a terra. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 127 Messa a terra La messa a terra di parti metalliche consiste nel collegamento delle parti stesse ad un dispersore,
ovvero un conduttore a diretto contatto con il terreno. Tale operazione equivale idealmente a
portare allo stesso potenziale le parti metalliche ed il terreno circostante. Figura 63 - Impianto di messa a terra. Un dispersore (DA) è un elemento metallico a diretto contatto con il terreno oppure annegato nel
calcestruzzo a contatto col terreno mediante un''ampia superficie (e.g. una fondazione). Un dispersore di fatto (DN) è una parte metallica a contatto col terreno il cui scopo originale non è
di mettere a terra, ma che soddisfa tutti i requisiti di un dispersore senza compromettere la sua
funzione originale (e.g. tubature, armature del calcestruzzo, strutture in acciaio per l''edilizia, '). Un conduttore di terra (CT) è il conduttore (isolato dal terreno) che collega un collettore di terra
(MT) con il dispersore, oppure che collega tra loro più dispersori. Un conduttore di protezione (PE) è il conduttore che collega le masse con il collettore di terra. Un conduttore equipotenziale (EQP) è il conduttore che collega le masse estranee con il collettore
di terra. Competenza delle persone PES, PAV e PEC Si definisce persona esperta (PES) una persona la cui istruzione ed esperienza siano tali da
comprendere ed evitare i pericoli derivanti dall''elettricità. Si definisce persona avvertita (PAV) una persona formata, adeguatamente avvisata in base alle
circostanze da persone esperte, per metterla in grado di evitare i pericoli da elettricità. Si definisce persona comune (PEC) una persona non formata e non istruita nel campo delle attività
elettriche. 12 A 28 Cla Le classi
caratterist
conseguen Cla Gli appare
sull'isolam
connession
principale, Da molti a
normalizza Cla Negli appa
principale, Un guasto
in contatt
conduttore Cla Gli appare
modo da n Sono costr
tensioni pe
l'involucro
le parti in t Cla Un appare
all''assenza
Extra-Low
batteria o La tension
in caso di
classi I e II
terra di pro ppunti di D A ssi di isolam di isolame iche tecnic nti ad un gu sse 0 ecchi appar ento princi ne di event la protezio anni gli app azione inter sse I arecchi di cl ma anche nell'isolam to con la c e di protezio sse II ecchi di clas non richiede ruiti in mod
ericolose da del conten tensione sia sse III ecchio vien a di tensioni Voltage). da un trasfo e prodotta, contatto c non sono n otezione. Distribuzione Appunti a cur mento ento elettr he applicab
asto dello s rtenenti a
ipale (cioè tuali parti c one rimane parecchi di
rnazionale. asse I la pr sul collegam ento in que carcassa pr
one e conse sse II, detti ere la conne do che un s a parte dell' itore in ma ano circond ne definito i superiori a In pratica ormatore S , inferiore a con il corpo necessarie. ed Utilizzazi ra di Emanue ico sono i bili ad un d stesso. questa cla delle parti conduttrici affidata sol Classe 0 n otezione no mento alla t esti apparec rovocando eguente int anche a do essione dell singolo guas 'utilizzatore teriali isola
ate da un d o di Classe alla Bassissi tale appa ELV. ai 25 o 6 o umano. L Gli apparec one dell''Ene ele Freddi '' h l raggrupp dispositivo e sse sono a in tensione accessibili a
amente all' on vengono on si basa u terra delle p cchi può po un flusso ervento de oppio isola e masse a t sto non pos e. Ciò è otte nti, o comu doppio strat III quand
ma tension recchio vie 60 , non e misure d cchi di Class rgia Elettric http://laema amento om elettrico pe apparecchi e) e non è alla terra. I ambiente c o più fabbr unicamente parti condut rtare un con di corrent l differenzia amento, son terra. ssa causare enuto in gen unque facen to di materi o la prote ne di sicurez ene alimen è normalm di sicurezza se III non ha ca '' Prof. Giu an.altervista. mogeneo d er limitare i nei quali previsto al n caso di g che circonda ricati e son sull'isolam ttrici access nduttore di te attraver ale (cfr. § 4. no progetta e il contatto nere realizza ndo in modo ale isolante ezione si a zza SELV (Sa tato o da mente perico previste p anno la me useppe Parise .org/Blog/lec definito da rischi di fo la protezio cun dispos guasto dell' a l'apparecc no stati elim mento sibili. fase rso il 3.). ati in o con ando o che e. affida afety una olosa er le ssa a cture-notes/ ll'IEC delle olgorazione one si basa itivo per la isolamento chio. minati dalla Figura 64 - Classe I Figura 65 - Classe II Figura 66 - Classe III e
e a
a o a Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 129 4.1.2. Pericoli derivanti dell''energia elettrica I rischi connessi con l''uso dell''energia elettrica possono essere sinteticamente raggruppati in: - Shock elettrico: si tratta dell''effetto patofisiologico risultante dal passaggio di una corrente elettrica nel corpo umano. - Innesco elettrico dell''incendio: causato da surriscaldamento dei cavi e dei componenti. Di questo tipo di guasto si è già discusso nel cap. 2. - Arc flash: è la situazione pericolosa associata col rilascio di energia causato da un arco elettrico. Nel seguito vengono presentate trattazioni relative al primo e al terzo fenomeno. 4.1.1.1. Shock elettrico o elettrocuzione Il parametro fondamentale per valutare gli effetti di un incidente elettrico è l''intensità
dell''elettrocuzione
. Altri parametri importanti sono la durata del fenomeno, il percorso della
corrente e la frequenza della medesima. Tabella 10 - Effetti della corrente sul corpo umano in caso di contatto prolungato. La tetanizzazione è la contrazione involontaria dei muscoli, che può portare a difficoltà nella
respirazione fino ad un eventuale arresto respiratorio. La fibrillazione ventricolare è un fenomeno caratterizzato dalla contrazione anomala, involontaria
ed asincrona del muscolo cardiaco. La corrente elettrica interferisce con i normali impulsi nervosi
che regolano il ritmo cardiaco, provocandone la fibrillazione. Figura 67 - Innesco della fibrillazione ventricolare. Elettrocardiogramma e pressione sanguigna. Studi hanno dimostrato che il cuore risulta più aggredibile dalla corrente elettrica in un periodo di
20 ÷ 30 durante la diastole. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 130 Di seguito è rappresentata la curva corrente tempo relativamente agli effetti di una corrente
alternata che fluisce nel corpo umano (norma IEC 479-1): Figura 68 - Zone tempo-corrente relative agli effetti della corrente alternata (15 ÷ 100 ) sulle persone. In Figura 68, si distinguono quattro zone, contrassegnate da altrettanti numeri: 1) Tipicamente nessuna reazione.
2) Tipicamente nessun effetto fisiologicamente pericoloso.
3) Tipicamente nessun danno organico. Probabilità di contrazioni muscolari e difficoltà respiratoria; disturbi reversibili nella formazione e conduzione di impulsi nel cuore, inclusi
fibrillazione ventricolare, che aumentano con l''intensità della corrente e il tempo. 4) In aggiunta agli effetti della zona 3, la probabilità di fibrillazione ventricolare aumenta fino a circa il 5% (curva c2), al 50% (curva c3), oltre il 50% al di là della curva c3. Effetti come
arresto cardiaco e arresto respiratorio possono presentarsi con l''aumento dell''intensità
della corrente e del tempo. 5) Per valori molto elevati di corrente (qualche Ampere) il fenomeno cambia: non si ha fibrillazione, ma si hanno ustioni gravi, con distruzione e necrotizzazione dei tessuti, anche
massicce, a livello delle zone interessate. Inoltre in corrispondenza delle ustioni si ha un
travaso di mioglobina nel sistema circolatorio. Tale sostanza giunge lentamente (da
qualche ora a qualche giorno) ai reni, provocando il blocco renale e quindi la morte. Tale
evenienza è, ovviamente, evitabile in caso di un rapido intervento di soccorso. Nei riguardi della frequenza è possibile dire che frequenze maggiori risultano meno pericolose.
Frequenze molto elevate (centinaia di ) risultano addirittura innocue (nei limiti di intensità che superano il centinaio di ). Il discorso della frequenza non è estendibile in corrente continua. Pur essendo quest''ultima
decisamente meno pericolosa della corrente alternata (si vedrà come i limiti normativi di tensione
siano più alti in CC), è necessario considerare che in corrente continua i liquidi e le soluzioni
organiche subiscono processi di dissociazione, complicando i fenomeni e ne aggravano le
conseguenze per tempi di esposizione lunghi. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 131 Per tenere in conto il percorso della corrente all''interno del corpo è necessario conoscere
l''impedenza del corpo umano. Tale impedenza è costituita da due parti: - L''impedenza del corpo vera e propria, che varia in base al percorso della corrente, come si vedrà in seguito. Tale impedenza varia anche in base alla tensione a cui si è sottoposti ed è
dell''ordine di 1200 Ω (il valore dipende da persona a persona, tale dato si riferisce a quella
minima per il 95% della popolazione). - L''impedenza di contatto, che è largamente variabile in base alle condizioni. Per avere un''idea, in condizioni asciutte, la pelle presenta una resistenza di contatto di qualche
decina di migliaia di ohm, che scendono fino a zero nel caso di individuo completamente
immerso in acqua. Per differenti percorsi della corrente nel corpo si hanno diversi gradi di pericolo in riferimento alla
fibrillazione ventricolare. Per questo si introduce il fattore di percorso definito come: = Dove è la corrente di riferimento legata al percorso mano sinistra '' piedi, e è la corrente caratterizzata dal percorso in esame. I valori di sono riportati nella seguente tabella: Percorso della corrente Fattore di percorso Mano sinistra - piede sinistro, piede destro o entrambi i piedi 1,0 Mano destra piede sinistro, piede destro o piedi 0,8 Mano sinistra - mano destra 0,4 Due mani - piedi 1,0 Schiena - mano destra 0,3 Schiena - mano sinistra 0,7 Torace - mano destra 1,3 Torace - mano sinistra 1,5 Mano sinistra - piede sinistro, destro o entrambi i piedi 0,7 Fondoschiena - mano sinistra, mano destra o entrambe 0,7 Tabella 11 - Valori del fattore di percorso nel caso di corrente alternata. Da quanto visto fin''ora si può comprendere come non sia corretto parlare di tensione innocua o
tensione pericolosa, in quanto al fenomeno dell''elettrocuzione concorrono una serie di parametri
(durata e percorso della corrente) imprevedibili. Oltre a ciò il corpo umano presenta una
impedenza fortemente variabile in base alle condizioni della pelle, all''abbigliamento, ecc. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 132 Tuttavia, conoscendo i valori dell''impedenza del corpo umano e avendo accettato i limiti di
corrente - durata , è possibile stabilire dei valori convenzionali di tensione ammissibile. Si
definiscono: - Tensione di contatto: la tensione applicata su una persona tra mano e piedi nudi;
- Tensione di contatto presunta: la tensione complessiva a cui un soggetto è sottoposto in un contatto indiretto, considerando anche le scarpe e la resistenza del terreno su cui sosta.
La tensione di contatto risulta quindi una parte di quella presunta. In condizioni normali di terreno e scarpe asciutte si assume l''impedenza del corpo pari a 1000 Ω,
mentre per condizioni di ambiente bagnato o piedi nudi (''condizioni speciali') il valore si riduce a
200 Ω. Di seguito sono riportati due casi notevoli (IEC 61200-413) per tensioni di 100 e 230 : Tensione Condizioni normali Condizioni speciali Impedenza del corpo Corrente risultante Tempo ammissibile Impedenza del corpo Corrente risultante Tempo ammissibile 1600 Ω 62 0,4 800 Ω 125 0,22 1500 Ω 147 0,18 700 Ω 314 0,05 Tabella 12 - Casi notevoli di tensioni di contatto presunte (norma IEC 61200-413). Di seguito sono riportate le curve dei valori tensioni-tempo ritenuti, in sede internazionale,
accettabili per la protezione dei contatti indiretti in BT e AT: Figura 69 - Curve della durata massima ammissibile della tensione limite di contatto : H) alta e media tensione; L) bassa tensione; Lp) bassa tensione in condizioni speciali. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 133 Si osservi come le curve sono diverse in base al livello di tensione. Tale diversità è maggiormente
accentuata dal fatto che la norma in alta tensione (H) si riferisce alla tensione di contatto, mentre
la norma di bassa tensione (L e Lp) si riferisce alla tensione di contatto presunta. Ciò è dovuto essenzialmente al fatto in una sottostazione si presume che il livello di qualificazione
del personale, nonché l''equipaggiamento di protezione indossato, sia ben diverso da quello che ci
si può aspettare, ad esempio, in un impianto residenziale in BT. Si osservi come la tensione di contatto, a prescindere dal sistema considerato, è sempre una quota
parte della tensione totale di terra (si veda il §4.2 per la definizione). La norma IEC 60364-4-41, associa, in base al tipo di sistema (TN, TT), i valori del tempo a quelli
della tensione totale di terra. Di seguito sono riportate le tabelle tempi-tensioni limite di contatto
ammissibili in bassa e alta tensione, e in rapporto alla tensione totale di terra: Tempo (s) Tensione limite di contatto (V) 5,00 80 1,00 107 0,80 120 0,40 289 0,30 398 0,20 500 0,10 660 0,07 729 0,04 800 Tabella 13 - Tensioni di contatto ammissibili in AT (std. HD637 S1). Tempo (s) Tensione limite di contatto (V) Tensione totale di terra (V) Condizioni ordinarie Condizioni speciali Sistema TT Sistema TN 5,00 50 25 50 50 1,00 60 32 '' '' 0,80 67 35 '' 120 0,40 100 58 '' 230 0,30 120 75 120 '' 0,20 200 110 230 400 0,10 310 160 '' > 400 0,07 400 190 400 '' 0,04 500 250 > 400 '' Tabella 14 - Tensioni di contatto ammissibili in BT (std. IEC 61200-413). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 134 4.1.1.2. L''arc flash Con il termine arc flash si intende l''energia termica e luminosa associata ad un guasto con arco. La
principale conseguenza del rilascio di tale energia è una quantità di calore irraggiato che varia
con la nota legge = 0,571 '' '' ( '' ) '' 10 Dove è il coefficiente di assorbimento della superficie assorbente e e sono rispettivamente le temperature della superficie emettente e assorbente. Le ustioni dovute ad irraggiamento possono essere fatali, e restano gravi anche quando la vittima
si trova ad una distanza di 50 dall''arco. Per valutare la minima distanza dall''arco per ricevere una ustione curabile (ossia di secondo
grado) è valutabile secondo la seguente equazione: = 2,65 '' '' Dove è il tempo di esposizione e è la potenza apparente nel punto dell''arco, pari a = ''3 '' '' Con tensione di alimentazione e corrente d''arco (di guasto). La distanza per la quale si
verificano ustioni fatali è invece pari a = 1,96 '' '' = 0,86 '' I vestiti stessi possono incendiarsi a distanze non troppo elevate, divenendo una ulteriore fonte di
ustione. Per ovviare, a tale problema, il personale che deve operare in prossimità o sui quadri
elettrici è dotato di abbigliamento resistente al fuoco (FR, Fire Resistant). Tali indumenti sono
tipicamente costituiti da spessi strati (in genere più d''uno) di tessuto di colore chiaro (in modo da
richiedere maggiore energia per l''ignizione). Non vengono usate fibre sintetiche in prossimità della
pelle, in quanto, fondendo, possono aderire alla cute trasferendovi rapidamente il calore. Oltre ai danni termici dovuti all''arco è importante accennare ai danni dovuti all''emissione
ultravioletta dell''arco che può provocare danni alla vista che possono anche portare alla
completa cecità. Per questo tra gli equipaggiamenti di protezione personale in dotazione a, si ha
sempre un casco con visiera schermante che permette di abbattere l''emissione ultravioletta. Quando l''arco si verifica all''interno di un quadro elettrico si hanno tre principali fenomeni: - sovrappressione all''interno del cubicolo;
- riscaldamento dei materiali a contatto con l''arco;
- luce e rumore. Al fine di evitare l''esplosione del quadro è necessario prevedere delle vie di fuga per la
sovrappressione, che non dirigano il soffio verso il personale (ovvero anteriormente al quadro). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 135 4.1.3. Analisi di rischio Il rischio di un determinato evento (come può essere un contatto accidentale di natura elettrica)
è definito come la probabilità che tale evento accada moltiplicata per il danno che ne
consegue: = '' Nel caso specifico degli impianti elettrici, occorre analizzare: - l''effettiva capacità dell''impianto di causare il danno;
- la probabilità della contemporanea interazione del soggetto con l''impianto;
- la conseguente entità del danno. Gli apparecchi componenti possono essere caratterizzati dal parametro (funzione di
sopravvivenza
), che rappresenta la probabilità che il guasto non avvenga in un determinato
intervallo di tempo , + d . Conseguentemente, la probabilità che il componente si guasti nel medesimo intervallo di tempo è pari a = 1 '' Il parametro è naturalmente dipendente dalla qualità del componente, dalla sua età e dal suo
stato di manutenzione. Nota la probabilità di guasto è necessario conoscere la probabilità che il soggetto da proteggere
possa interagire con l''apparecchio
o il componente stesso e tocchi la parte in tensione, e quindi il
danno che ne conseguirebbe. Noti tali parametri il rischio legato al sistema elettrico in esame è esprimibile come = '' '' La probabilità è naturalmente legata al tipo di componente. Ad esempio per un apparecchio
portatile, per i quali è previsto che il funzionamento avvenga durante il contatto con l''utente (e.g.
elettroutensili, asciugacapelli, ') la probabilità risulta sempre uguale a = 1, mentre in
generale si avrà ' 1 per apparecchi fissi. Nel primo caso ( = 1) è necessario far si che non vi sia possibilità per l''utente di entrare in
contatto con il potenziale elettrico: si adotta quindi il doppio isolamento. Nel secondo caso ( ' 1), invece, è sufficiente assicurare che la presenza del potenziale elettrico
sia limitata nel tempo (secondo i limiti che si vedranno in seguito), garantendo l''interruzione
automatica dell''alimentazione. Tale criterio è detto della protezione attiva. 13 A 36 4.2. Imp Con il term
stesso pote Con riferim - Ten la t
gua - Ten toc
di - Ten (1
è ta L''obiettivo
impedenza
rilevarla di Tutte le m
particolare
0,2 Ω e tut ppunti di D A pianto di mine messa enziale del mento alla F nsione tota terra lontan asto a terra, nsione di co cchi la mass nsione di p ) quando anto maggio o della mes a in modo d interrompe masse e le m e, come il b tte le masse Distribuzione Appunti a cur messa a a a terra s terreno. Figura Figura 70, si le di terra na (o terra , la tensione ontatto (in a soggetto passo : la il dispersor ore quanto ssa a terra da far circola ere l''alimen masse estra bagno, i col e estranee a ed Utilizzazi ra di Emanue a terra i intende l'' a 70 - Dispersio possono in : è la ten di riferime e totale di t diretto)
al guasto. S a tensione
re disperde più si è vici è quello d are la corre ntazione. nee devono legamenti accessibili d one dell''Ene ele Freddi '' h ''insieme di one di una corre ndividuare: nsione che s ento). Se terra è pari = '' : la tension Si nota com a cui è sot a terra la co ini al disper di far si che ente più elev o essere co equipotenz devono aver rgia Elettric http://laema collegame ente di guasto a si stabilisce è la resist a ne a cui si v e tale tensi toposto un orrente di g rsore di terr e la corren
vata possib onnesse all''i ziali devono re un colleg ca '' Prof. Giu an.altervista. nti volti a a terra. tra la mass tenza di te viene a trov ione sia, di f n individuo guasto. Si no ra. nte di guas ile consente impianto di o avere un''i amento sup useppe Parise .org/Blog/lec portare le sa soggetta erra e la c vare un ind
fatto, una q che compi oti come ta to incontri endo alle p i terra. In a
impedenza pplementar cture-notes/ masse allo al guasto e corrente di dividuo che
quota parte e un passo ale tensione la minima rotezioni di alcune zone inferiore a re. o e i e
e o e a i e
a A Appunti a c 4.2.1. Pro L''impianto
giunzioni. ' tipicame
singoli con
particolarm Riguardo
contenere
prima app
caratterist Nel caso te Dove è Dove è l
orizzontale ppunti di D ura di Eman ogetto de o di terra è nte costitui nduttori di mente curat al disperso le tensioni prossimazio iche geome eorico di dis è la resistivit la lunghezz
e si ha, inve Distribuzione uele Freddi '' ll''impiant costituito d ito da un m protezione te. ore vero e di passo e one, indipe etriche del d spersore se tà del terren za della pa ece: ed Utilizzazi '' http://laem to di terra dal comples Figura ontante co e, costituen proprio, q di contatto ndente da dispersore. emisferico d no. Per un p arte interra one dell''Ene man.altervist a sso di dispe 71 - Impianto d nnesso ad u ti i circuiti questo dev o nell''impia lla corrent
di raggio l = 2 picchetto ve = 2 ln ata del picc '' rgia Elettric ta.org/Blog/l ersori propr di terra. un collettor di terra. T ve minimizz nto. La resi te iniettata la resistenz erticale si h 2 chetto e ca '' Prof. Giu lecture-note ri e di fatto re di terra, d Tutte le giu zare la res stenza di te a ed è cal a di terra ha il suo ragg seppe Parise s/ , conduttor dal quale si unzioni dev sistenza di
erra si può colabile in è pari a gio. Per un 1 ri di terra e dipartono i ono essere terra, per ritenere, in base alle n picchetto 37 e i e r n e o Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 138 Altri tipi di conduttori sono riportati nella tabella seguente: Figura 72 - Resistenze di terra per vari tipi di dispersore. Per contenere le tensioni di passo e di contatto è necessario distribuire i dispersori il più
uniformemente possibile sulla superficie che si vuole proteggere. In una rete di terra magliata, le
tensioni di contatto sono più critiche al centro delle maglie, in particolare delle maglie perimetrali,
mentre le tensioni di passo sono critiche ai vertici della rete. Per questo, è opportuno prevedere ai
bordi della rete, dei picchetti che penetrino più in profondità della rete stessa. Detta la resistività media superficiale del terreno e la resistività media degli strati profondi di terreno, si possono delineare due casi: - > 1: può essere conveniente installare dei picchetti connessi tra loro in parallelo; - ' 1 e per installazioni estese: conviene adottare una maglia di terra con eventuali picchetti ai vertici per ridurre le tensioni di passo. In alcuni edifici, dove autorizzato dalla società idrica, l''acquedotto è utilizzato come unico
dispersore (di fatto). Per misurare la resistività del terreno è possibile utilizzare il metodo ''dei quattro picchetti' di
Wenner: Figura 73 - Metodo dei quattro picchetti di Wenner. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 139 Nota la corrente e la tensione , la resistività del terreno è facilmente calcolata come = 2 Quando la resistività del terreno circostante è troppo elevata, è possibile introdurvi sostanze
elettriche conduttrici quali: - Grafite, bentonite, polvere metallica: metodo valido ma non duraturo, richiede grandi scavi; - Cloruro di sodio o di calcio, solfato di magnesio o di rame: valido ma non duratura, in quanto i sali sono solubili in acqua e col tempo vengono dilavati. Il trattamento deve essere
ripetuto ogni anno; - Elettrolita non solubile in acqua ''gel': il terreno viene trattato con due soluzioni saline che reagendo tra loro formano un gel stabile e non solubile in acqua, che aumenta molto il
contatto del dispersore col terreno. Sia questa soluzione che la soluzione mediante sali,
non sono attuabili quando vi è il rischio di inquinamento delle falde acquifere. Si vuole infine accennare ai fenomeni di corrosione a cui sono soggetti i dispersori, a causa delle
correnti galvaniche e dell''aggressività propria del terreno (acidità). ' possibile classificare il terreno
in base alla resistività: - Per = 10 ÷ 20 Ω si hanno terreni fortemente aggressivi;
- Per = 20 ÷ 50 Ω si hanno terreni mediamente aggressivi;
- Per = 50 ÷ 100 Ω si hanno terreni non aggressivi. Il materiale del dispersore deve essere scelto per limitare al massimo la sua corrosione e
garantirne il funzionamento per il maggior numero di anni possibile. Per maggiori informazioni e note sul progetto dell''impianto di terra si rimanda al §4.7. del libro
Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume IV. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 140 4.2.2. Verifica dell''impianto di terra La normativa impone la verifica dell''efficienza di un impianto di terra mediante: - Misura della resistenza di terra;
- Verifica dei conduttori di terra;
- Se necessario, misura delle tensioni di passo e di contatto. Le misure della resistenza di terra si effettuano mediante il metodo volt-amperometrico mediante
l''ausilio di un dispersore ausiliario (sonda di corrente) e una sonda di tensione (che può essere
anch''essa a picchetto). Il dispersore ausiliario di corrente deve essere posto ad una distanza tale da considerarsi fuori
dalla sfera di influenza del dispersore in esame, quindi pari a una distanza ' 4 ÷ 5 dove
rappresenta la dimensione massima del picchetto di terra. Nel caso di grandi complessi industriali,
l''elettrodo potrebbe dover essere posto a parecchi chilometri di distanza. Per questo motivo potrebbe non essere sempre possibile eseguire tale misura. Si ricorre quindi al
metodo con sonda ravvicinata. Tale metodo non permette la misura della resistenza di terra, ma
consente una valutazione cautelativo (a favore della sicurezza) direttamente delle tensioni di
passo e di contatto. Si consideri un dispersore emisferico (teorico) isolato, ed un dispersore emisferico in presenza
della sonda ausiliaria di corrente. Nei due casi l''andamento del potenziale è rappresentato in
figura: Figura 74 - Andamento del potenziale sulla superficie del terreno con dispersore emisferico (A) in assenza (a sinistra) e in presenza (a destra) di un dispersore ausiliario (B). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 141 Se si confrontano i due potenziali sulla stessa scala si nota come la tensione di contatto misurata in
presenza della sonda ausiliaria nel punto H, sia maggiore della tensione di contatto effettiva : Figura 75 - Differenza tra le tensioni di contatto nei due casi precedenti. senza dispersore ausiliario; con dispersore ausiliario. La misura di in H, quindi, porta ad un risultato cautelativo. La stessa cosa non vale nel punto K, dove risulta < . Esiste dunque una zona, compresa in un settore angolare di 160°, entro la quale la misura di (mediante la sonda di tensione) risulta essere cautelativa. Tale zona è
rappresentata in figura: Figura 76 - Settore spaziale entro il quale la misura della tensione di contatto mediante un dispersore ausiliario sono in favore della sicurezza. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 142 Quanto visto per il dispersore emisferico è possibile estendere a impianti di terra complessi. In tal
caso, però, è necessario disporre di tre dispersori ausiliari (B1, B2, e B3) posti a 120° tra loro: Figura 77 - Posizione delle sonde di corrente (dispersori ausiliari) per la misura delle tensioni di contatto e di passo, in favore della sicurezza. In tal modo la misura delle tensioni di passo e di contatto si può effettuare in qualsiasi punto,
utilizzando il rispettivo dispersore ausiliario entro 120°. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 143 4.3. Protezione dai contatti diretti La protezione contro i contatti diretti consiste nell''evitare il contatto delle persone con le parti
attive. Sono previsti diversi gradi di protezione: - Totale per tutti gli utenti: gradi IP. Le parti in tensione sono protette da un isolamento che può essere rimosso solo per distruzione dello stesso. I cavi, quando posati a vista,
richiedono il doppio isolamento, normalmente garantito dalla presenza della guaina
sull''isolamento principale, guaina che deve essere adatta all''impiego previsto del cavo (e.g.
resistente alle azioni meccaniche o all''acqua per cavi da cantiere). - Parziale per zone frequentate da individui PES e PAV: locali sottochiave, ostacoli. In generale, anche nei locali sottochiave, è necessario adottare dei distanziatori o ostacoli che
impediscano il raggiungimento contemporaneo con le braccia di parti a potenziale diverso. - Addizionale: mediante l''adozione di interruttori differenziali, che intervengono nel caso in cui il contatto diretto provochi una dispersione di terra (attraverso l''infortunato). 14 A 44 4.3.1. Pro Il grado di
codice (ap
di protezio
corpo uma La codifica Al termine Prim La prima c
estranei: Sec La second
dell''acqua ppunti di D A otezione v i protezione plicabile a s one di un'a ano o con og è la seguen IP seguono ma cifra cifra, variab conda cifra da cifra, va : Distribuzione Appunti a cur verso l''est e verso l''es sistemi con pparecchiat
ggetti, e la p nte: o due cifre o bile tra 0 e Tabel ariabile tra Tabella ed Utilizzazi ra di Emanue terno IP sterno IP (I tensione no tura elettric
protezione obbligatorie 6, indica i la 15 - Significa 0 ed 8, in a 16 - Significat one dell''Ene ele Freddi '' h ndice di Pr ominale no ca contro il contro il co IPXXab e (XX) e due il grado di ato della prima ndica il gra to della seconda rgia Elettric http://laema rotezione o n superiore l contatto a ontatto con e lettere opz protezione cifra nella codif ado di pro a cifra nella cod ca '' Prof. Giu an.altervista. o anche Ing e a 72,5 ) accidentale l'acqua. zionali (ab). contro la fica IP. otezione co difica IP. useppe Parise .org/Blog/lec gress Protec ) che riassu e o intenzio . penetrazio ontro la pe cture-notes/ ction) è un
me il livello onale con il ne di corpi enetrazione n
o l i e A Appunti a c Prim La prima le Sec La seconda Ulteriori in
per aprire ppunti di D ura di Eman ma lettera o ettera aggiu conda letter a lettera agg nformazioni il documen Distribuzione uele Freddi '' opzionale untiva indica Tabella ra opzional giuntiva ind Tabella sul grado d
to allegato) ed Utilizzazi '' http://laem a la protezio a 17 - Significat e dica informa 18 - Significato di protezion ): one dell''Ene man.altervist one contro to della prima le azioni addiz o della seconda ne IP sono c rgia Elettric ta.org/Blog/l l''accesso u ettera nella cod zionali rigua lettera nella co contenute n ca '' Prof. Giu lecture-note mano: difica IP. ardo la prote odifica IP. nella norma useppe Parise s/ ezione del d CEI 70-1 (d 14 dispositivo: doppio click 5 k Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 146 4.3.2. Protezione attiva dai contatti diretti La protezione attiva o addizionale contro i contatti diretti si basa sull''utilizzo di interruttori
differenziale
. Tale misura è da intendersi, appunto, come addizionale ai sistemi di protezione totale o parziale,
ovvero che entri in funzione in caso di fallimento di una delle precedenti o per negligenza degli
utenti. In altre parole la sola presenza della protezione addizionale non garantisce la sicurezza e
non autorizza i contatti diretti. Figura 78 - Esempi di contatti diretti involontari per i quali la protezione addizionale risulta efficace. I differenziali si dividono in base alla corrente differenziale nominale di intervento : - Ad alta sensibilità: ' 1 - A bassa sensibilità: > 1 Per la protezione addizionale si possono adottare solo interruttori differenziali ad alta sensibilità
con ' 30 ' necessario tenere presente le difficoltà pratiche di utilizzo di interruttori differenziali con soglie
più basse, legate alle normali correnti di dispersione presenti nell''impianto (le norme accettano
fino a 5 ). Dal momento che la corrente differenziale di non intervento è definita come /2, è evidente come assumere = 30 equivale a fissare una soglia di sensibilità di 15 che è necessaria per assicurare la continuità di servizio. Infine è importante notare come gli interruttori differenziali siano sensibili ai disturbi della rete,
quali quelli generati da componenti elettronici di potenza (alimentatori, dimmer, inverter per
lampade, '). Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 147 4.3.3. Protezione dai contatti diretti durante operazioni di manutenzione/lavori Per poter effettuare operazioni di manutenzione o lavori su una zona normalmente in tensione, è
necessario sezionare tale parte dell''impianto per poter garantire la sicurezza dei lavoratori. La procedura, in francese denominata consignation, consiste nei seguenti step: - Separazione: distacco dell''alimentazione della sezione di impianto in esame. - Condamnation: traducibile in italiano con ''lucchettaggio', ma meglio descritto dal termine inglese lockout-tagout (LOTO), consiste nel rendere impossibile, mediante l''applicazione di
appositivi dispositivi (come un lucchetto) le rimessa in servizio della sezione disalimentata
dell''impianto da una persona diversa da colui che ha effettuato la separazione. Oltre a ciò,
l''applicazione di un''etichetta (tag) consente a chi avesse necessità di rialimentare
l''impianto di contattare il responsabile. - Identificazione: delimitazione della zona di lavoro per mezzo di dispositivi di protezione collettivi, quali ostacoli, nastro rosso/bianco, ' - Verifica: dell''assenza della tensione nella sezione in esame; - Messa a terra: a monte della sezione in esame in caso di circuito terminale e a monte e a valle della sezione nel caso di linea di trasmissione, cavo o comunque in tutti quei casi in
cui l''alimentazione potrebbe arrivare anche da valle. A tal fine i dispositivi di manovra e/o di protezione devono possedere i seguenti requisiti di
sicurezza
: - Onnipolarità del sezionamento con simultaneità di apertura e chiusura del neutro. Tutti i conduttori devono essere sezionati contemporaneamente (ad eccezione del PE che non va
sezionato). L''eventuale telecomando deve essere a sicurezza positiva (ossia in logica
negativa: le bobine comandano l''apertura quando vengono diseccitate). - I comandi funzionali devono essere idonei per più manovre. Si noti che per < 16 sono considerati comandi funzionali anche le prese a spina. - Estraibilità degli interruttori ovvero combinazione degli stessi con un dispositivo di sezionamento. - Garanzia dell''avvenuta apertura per i dispositivi di sezionamento, con possibilità di bloccare in posizione di aperto il dispositivo per mezzo di un lucchetto o una apposita
chiave. Quando i lavori devono essere effettuati in prossimità di sezioni di impianto che non possono
essere disalimentate
, è necessario provvedere a disporre ostacoli rigidi che impediscano
l''avvicinamento delle parti attive. Oltre a ciò, nel caso di lavori in prossimità di linee elettriche
aeree, è necessario rispettare la distanza di sicurezza minima di 3 (anche in bassa tensione),
nelle condizioni di lavoro più sfavorevoli. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 148 4.4. Protezione dai contatti indiretti La protezione contro i contatti indiretti consiste nell''evitare i pericoli risultanti dal contatto con
parti normalmente non conduttrici che possono andare in tensione in conseguenza di un guasto.
Le misure si distinguono in: - Protezione senza interruzione automatica dell''alimentazione: mediante l''adozione di componenti in doppio isolamento, o con alimentazione con separazione elettrica
(trasformatore di isolamento); - Protezione con interruzione automatica dell''alimentazione: mediante l''interazione coordinata del sistema di messa a terra e i dispositivi di protezione. Un approccio semplificato e convenzionale nella protezione con interruzione automatica, consiste
nel far si che la tensione di contatto a cui un eventuale utente sia soggetto in caso di guasto
non superi i valori fissati dalle norme : ' Tale tensione di contatto è, in generale, una quota parte della tensione totale di terra , che può essere calcolabile o meno a seconda delle informazioni sull''impianto di terra che si ha a
disposizione. In generale la tensione di contatto non deve superare: - ' 50 per < 5 in condizioni normali, oppure secondo la Tabella 14 qualora si conoscano i parametri necessari al calcolo della tensione totale di terra. - ' 25 per < 5 in condizioni speciali, oppure secondo la Tabella 14 qualora si conoscano i parametri necessari al calcolo della tensione totale di terra. Nel seguito verranno analizzati i sistemi TT, TN e IT, specificando di volta in volta i provvedimenti
da adottare affinché tale condizione di sicurezza sia rispettata. Per un approccio teorico completo sulle condizioni di sicurezza nei contatti indiretti si rimanda al
§4.5.2. del libro Distribuzione e utilizzazione dell''energia elettrica '' volume IV. Si rimanda, invece, all''appendice A9 per una trattazione tecnica completa circa la protezione dai
contatti indiretti. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 149 4.4.1. Sistemi TT, TN e IT 4.4.1.1. Sistema TT Il sistema TT viene impiegato per alimentare impianti utilizzatori di piccola potenza. Nel caso di
guasto fase-massa l''anello di richiusura della corrente comprende la fase affetta da guasto, e gli
impianti di terra dell''utente e della cabina , ed (Figura 79). Figura 79 '' Guasto fase-massa in un sistema TT. Si può esprimere la corrente di guasto tramite la: = + La tensione di contatto a cui si portano le masse vale = '' = + Questo mette in evidenza la necessità di avere una particolarmente piccola. I dispositivi di protezione sono essenzialmente degli interruttori differenziali tarati per correnti
differenziali massime di 30 . In generale non è noto il valore di (o comunque non è possibile agire su di esso), quindi è necessario imporre = 50 per valutare la resistenza del dispersore di terra. In questo modo si ottiene un valore della resistenza di progetto pari a = 50 0,03 = 1666 Ω Per far si che il tempo di apertura sia pari a = 0,2 , si considera un valore di corrente
differenziale pari a 5 '' = 0,15 (cfr. §2.3.1.1, interruttori differenziali). In tal caso la resistenza del dispersore dovrà essere di = 50 0,15 = 333 Ω In generale valori di più bassi sono a favore della sicurezza. Qualora, per motivi di varia natura, il dispersore di terra abbia resistenze troppo elevate, possono essere utilizzati anche interruttori
sensibili alle grandezze omopolari. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 150 4.4.1.2. Sistema TN Il sistema TN viene impiegato per forniture di potenza medio-alta. In Europa, l''utilizzo di un
sistema TN è subordinato al possesso del trasformatore MT/BT (altrimenti l''impianto deve essere
di tipo TT). Possiamo distinguere tra tre tipi di sistemi TN: - TN-C: il neutro e il conduttore di protezione (PE) sono svolte da un unico conduttore
- TN-S: il neutro ed il PE sono due conduttori separati
- TN-C-S: la due funzioni sono in parte combinate ed in parte separate. Nel caso di guasto fase-massa, l''anello di guasto non interessa il terreno, rimanendo chiuso nel
conduttore di protezione (Figura 80). Figura 80 '' Guasto fase-massa in un sistema TN-S. La corrente di guasto sarà il rapporto tra la tensione della rete e la serie di impedenza della linea e del PE (o del PEN) : = + Il terreno non è interessato dalla corrente, pertanto la tensione di contatto è pari alla caduta di
tensione sul conduttore di protezione: = '' = + In questo caso il rapporto è una responsabilità di progetto. In via generale è possibile prevedere che tale rapporto sia pari a 0,5 (Tabella 14) pertanto la tensione di contatto sarà pari a
metà della tensione totale di terra (che coincide con la ). ' dunque possibile agire sulla in modo tale che l''impedenza sia sufficientemente piccola da garantire una superiore alla soglia di intervento magnetico, assicurando una rapida estinzione
del guasto. Anche se questa protezione è di norma sufficiente, si inserisce nel sistema un interruttore
differenziale a protezione dei contatti diretti. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 151 4.4.1.3. Sistema IT Il sistema IT è usato solo dove sono sussistono particolari esigenze di continuità di servizio. L''impianto utilizzatore deve avere una cabina di trasformazione propria, con neutro isolato o a
terra per mezzo di un''impedenza di elevato valore, mentre le masse sono messe a terra nel modo
tradizionale. Nel caso di guasto fase-massa, l''anello di guasto comprende la e le capacità di linea (Figura 81), oppure la resistenza di terra del neutro di valore elevato (in genere, quindi, una ): = + Le correnti hanno pertanto intensità limitate, mentre le altre due fasi si portano ad un potenziale
prossimo alla tensione concatenata. Figura 81 - Guasto fase-massa in un sistema IT. Nel caso di un primo guasto, è sufficiente che la corrente dia luogo ad una tensione di contatto inferiore a quella limite per il determinato livello di tensione . = '' = + Essendo in genere ' si ha che ' . Un dispositivo di controllo dell''isolamento, costituito ad esempio da un relè voltmetrico
omopolare, deve essere provvisto nell''impianto e collegato ad una segnalazione ottica o acustica.
Ciò è necessario in quanto, se si realizzasse un altro guasto fase-terra, l''anello di guasto si
richiuderebbe attraverso il nuovo guasto, stavolta con bassa impedenza, e quindi con correnti e
conseguenti tensioni di contatto molto più elevate. Per questo motivo, anche nel sistema IT devono essere presenti i dispositivi di protezione utilizzati
nei sistemi TT/TN (a seconda del collegamento delle masse), in modo da poter garantire la
sicurezza dell''impianto in caso si manifestassero due guasti verso terra contemporaneamente. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 152 4.4.1.4. Sicurezza in MT e AT Come visto nel § 4.1.1, in AT ed MT i limiti sono sostanzialmente superiori rispetto ai rispettivi in
BT. La condizione di sicurezza da rispettare è sempre ' Per i tempi riportati in Tabella 13. Se però, come auspicabile, l''impianto di messa a terra è
condiviso tra sezione AT e BT dell''impianto, la condizione cautelativa da rispettare è ' Dove è la tensione totale di terra. Tale condizione è comunque da rispettare in applicazioni speciali come cantieri o con impianti dispersori a picchetto. Si noti che, a differenza dei sistemi TT in BT, negli impianti AT il distributore è tenuto a fornire il
valore della corrente di guasto a terra nel nodo di allaccio: risulta pertanto possibile calcolare la
resistenza di terra del distributore e conoscere la tensione totale di terra nell''impianto. La norma CEI 11-1 concede ' 1,5 '' Che risulta la condizione conveniente da applicare qualora vi sia un dispersore ad anello o
magliato, in quanto, in tal caso, la tensione totale di terra è certamente maggiore della tensione di
contatto. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 153 4.5. Protezione degli edifici dalle scariche atmosferiche 4.5.1. Introduzione. Analisi di rischio Un impianto di protezione contro i fulmini LPS (Lightning Protection System) è l''insieme di
dispositivi atti a realizzare al protezione contro i fulmini, costituito da: - Impianto LPS esterno: per la protezione dalla fulminazione diretta. Comprende gli organi di captazione, le calate e i dispersori; - Impianto LPS interno: per la protezione dalle fulminazioni indirette. Comprende le connessioni equipotenziali, limitatori e scaricatori di tensione. In base alla forma degli organi di captazione, si distinguono: - Impianti ad aste verticali;
- Impianto a funi;
- Impianto a maglia (gabbia di Faraday). Prima di procedere alla progettazione di un LPS, è necessario stabilire se la sua installazione sia
necessaria o no. Per questo è necessario effettuare preventivamente un''analisi di rischio. Nel rischio associato alla fulminazione, intervengono 3 fattori: = '' '' ( / ) '' ( / ) '' ( / ) sono il numero di eventi che interessano il sistema. sono il numero di eventi che effettivamente causano il danno. è il costo delle perdite conseguenti all''evento dannoso (e.g.
fuori servizio). Il campo elettromagnetico impulsivo causato dal fulmine (LEMP) può provocare l''insorgere di
sovratensioni pericolose sulle linee MT, BT e TLC di una struttura. La loro entità dipende da
numerosi parametri: - Punto di caduta del fulmine: o S1: fulmine sulla struttura; o S2: fulmine vicino alla struttura; o S3: fulmine sui servizi entranti nella struttura; o S4: fulmine in prossimità dei servizi entranti nella struttura. - Caratteristiche della corrente di fulmine;
- Caratteristiche della struttura, degli impianti interni, delle linee entranti e delle apparecchiature; - Caratteristiche delle misure di protezione adottate contro le sovratensioni. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 154 La normativa (EN/CEI 62305-1-2-3-4) divide 4 tipi di rischio: - : rischio di perdite di vite umane - : rischio di perdite di servizio essenziale al pubblico - : rischio di perdite di patrimonio culturale insostituibile - : rischio di perdite economiche Per i primi tre tipi di rischio (che coinvolgono la comunità) si prevedono dei rischi tollerabili: - = 10 - = 10 - = 10 Il rischio di perdita di vite umane si può dividere in: Componente di rischio Danni Cause Danni ai esseri viventi (all''esterno dell''edificio) Tensione di contatto e di passo per fulminazione diretta dell''edificio Danni materiali (incendi o esplosioni) Scariche pericolose per fulminazione diretta dell''edificio Avarie di apparecchiature elettriche ed elettroniche Sovratensioni per fulminazione diretta dell''edificio Avarie di apparecchiature elettriche ed elettroniche Sovratensioni per fulminazione indiretta dell''edificio Danni ai esseri viventi (all''interno dell''edificio) Tensione di contatto per fulminazione diretta dell''edificio Danni materiali (incendi o esplosioni) Scariche pericolose per fulminazione diretta della linea Avarie di apparecchiature elettriche ed elettroniche Sovratensioni per fulminazione diretta della linea Avarie di apparecchiature elettriche ed elettroniche Sovratensioni per fulminazione indiretta della linea Sicché si abbia, per il rischio di perdita di vite umane: = + + ( ) + .
. ( ) + + + ( ) + .
. ( ) Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 155 Per il rischio di perdita di servizio pubblico: = + + + + + per il rischio di perdita di patrimonio culturale insostituibile: = + per il rischio di perdita economica: = + + + + + + + ( e sono in strutture ad uso agricolo in conseguenza alla perdita di animali). Ciascuna delle componenti di rischio è espressa mediante la = . Per valutare il numero di eventi , si consideri una struttura a terra assimilabile ad un parallelepipedo di dimensioni ' ' . Il numero di fulmini che interessano tale struttura è pari a: = '' Dove la densità ceraunica espressa in '' , ed è l''area equivalente occupata dall''edificio. In prima approssimazione si può ritenere '' 0,1 dove con si indica il thunderstorm day, ovvero il numero di giornate temporalesche. Per una stima più accurata si
possono utilizzare gli LLS (Lightning Localization System). La densità ceraunica a Roma si attesta intorno a 1 ÷ 4 '' . L''area equivalente deve tener conto di vari fattori, primo tra tutti che le strutture più alte sono più esposte. La normativa indica la seguente formula per l''area
equivalente: = '' + 2( + ) '' '' + ( ) Dove il coefficiente è un parametro convenzionale, che per un''intensità di corrente di fulmina
pari a 40 è pari a = 3. Questa formula deriva dal considerare un''area siffatta (area piena): Figura 82 - Area equivalente per il calcolo del rischio di fulminazione di un edificio. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 156 La norma prevede un coefficiente correttivo che tiene conto della disposizione della struttura: - = 0,25: struttura situata in un''area con strutture di altezza pari o superiore; - = 0,5: struttura situata in un''area con presenza di strutture più basse; - = 1: struttura isolata, o dove non esistano altre strutture a una distanza inferiore di ; - = 2: struttura isolata sulla cima di una collina o di una montagna. In definitiva, quindi, il numero di fulmini che interessano un edificio è pari a: = '' '' ossia = 0,1 '' '' '' '' + 2( + ) '' '' + ( ) Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 157 4.5.2. Criteri di progetto e tipi di LPS In base all''analisi di rischio si sceglie il livello di protezione richiesto all''LPS. Parametri della corrente di fulmine Livelli di protezione I II III e IV Valore di picco ( ) 200 150 100 Carica impulsiva ( ) 100 75 50 Energia specifica ( Ω ' ) 10 5,6 2,5 Tabella 19 - Livelli di protezione classificati dalle norme. Il sistema LPS deve garantire la capacità di condurre la corrente di fulmine di riferimento per il suo
livello (criterio di conduzione, vedi tabella precedente) e di intercettare il minimo fulmine di
riferimento per lo stesso livello (criterio di intercettazione). Un LPS può essere di tipo: - Isolato: la struttura metallica è posta su supporti isolanti;
- Non isolato: la struttura metallica è fissata senza supporti isolanti. Ciò è realizzato tipicamente nelle parti della maglia che attraversano zone di passaggio e piani di calpestio. Un LPS è costituito generalmente da: - Captatori a maglia;
- Captatori ad asta;
- Sistema di interconnessione e di collegamento dei captatori alle calate;
- Calate;
- Dispersori. I captatori, ossia gli organi che ''catturano' il fulmine, possono essere una qualsiasi combinazione
dei seguenti elementi: - Maglie
- Aste
- Funi Captatore a maglia Si tratta di una struttura reticolare poggiato al di sopra della copertura degli edifici. A ciascun
livello di protezione corrisponde un valore massimo per la dimensione del lato della maglia: Livello di protezione Dimensione del lato della maglia (m) I 5 II 10 III 15 IV 20 Tabella 20 - Dimensione della maglia in funzione del livello di protezione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 158 Captatore ad asta e a fune Per valutare la protezione offerta da un captatore di questo tipo si può ricorrere ad uno dei
seguenti metodi: - Metodo dell''angolo di protezione: l''angolo di protezione è funzione dell''altezza del captatore. Il cono descritto da tale angolo definisce l''area protetta. Figura 83 - Valori dell'angolo di protezione in funzione dell''altezza del captatore '' ( ). - Metodo della sfera rotolante: il posizionamento del captatore si individua simulando la rotazione, intorno alla struttura da proteggere, di una sfera di raggio R, dipendente dal
livello di protezione scelto: Livello di protezione Raggio della sfera (m) I 20 II 30 III 45 IV 60 Tabella 21 - Raggio della sfera di rotolamento in base al livello di protezione. La sfera non dovrà mai entrare in contatto con la struttura, ma soltanto col terreno e con i
captatori. L''adozione di un raggio più basso per la sfera garantirà la protezione dai fulmini
statisticamente più probabili. Figura 84 - metodo della sfera rotolante e dell'angolo di protezione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 159 Una particolare attenzione deve essere posta nell''impianto delle antenne. Tali elementi
costituiscono dei captatori naturali, e devono essere protetti avendo cura di posizionarli al di sotto
della zona coperta dai captatori. Come ulteriore misura di sicurezza, per evitare che la corrente di
fulmine si propaghi attraverso i collegamenti degli impianti a cui fanno parte, è possibile: - Collegare il palo dell''antenna alle calate o alle maglie;
- Collegare lo schermo metallico dei cavi al palo e/o alle calate;
- Collegare lo schermo dei cavi all''impianto di messa a terra. Calate Le calate devono essere sistemate in modo da diventare, nei limiti del possibile, la continuazione
diretta dei captatori ed assicurare il percorso più breve fino a terra. Ciascuna calata deve essere
connessa al dispersore con una giunzione apribile. A livello del suolo, la calata deve essere
protetto da un tubo di PVC pesante. Figura 85 - LPS con captatore a maglia e calate collegate a livello del suolo. La corrente di fulmine che colpisce un captatore, verrà ripartita sulle diverse calate secondo un
certo coefficiente . Il coefficiente di ripartizione consente di determinare la minima distanza
di sicurezza da rispettare tra le calate e i corpi metallici e gli impianti interni alla struttura, per
evitare correnti indotte. La calata più vicina al punto dell''impatto (caso rappresentato in Figura 85)
viene attraversata da una frazione della corrente di fulmine individuata da: = 1 2 + 0,1 + 0,2 '' '' '' Dove è il numero di calate. La distanza di sicurezza conseguente è pari a: = '' Dove è un coefficiente che dipende dal livello di protezione, dipende dal materiale isolante e la distanza in metri fra il punto in cui si intende verificare la distanza di separazione e la più
vicina connessione equipotenziale fra le parti interessate. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 160 Livello di protezione I 0,08 II 0,06 III e IV 0,04 Tabella 22 - Valori del coefficiente . Materiale Aria 1 Muratura 0,5 Tabella 23 - Valori del coefficiente Per ulteriore informazioni sul progetto degli LPS si rimanda al §4.9.3. del libro Distribuzione e
utilizzazione dell''energia elettrica '' volume IV. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 161 Pillole di saggezza Non si può dire che tutta la conoscenza sia racchiusa in questi detti, ma la loro scrupolosa
applicazione porta a buoni risultati progettuali '' provare per credere! 1. Melius abundare quam deficere: 2. Entia non sunt multiplicanda sine necessitate: Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 162 Appendice A1. Avviamento e protezione dei motori Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 163 A2. Scelta e verifica dei motori asincroni (documento in Francese) Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 164 A3. Protezione dei circuiti Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 165 A4. Serie di Rénard Estratto da Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Serie_di_Renard Una serie di Rénard di ordine è una successione numerica di elementi, iniziante con il numero
1 e in cui il ( + 1)-esimo elemento è il numero 10; nella successione l'n-simo termine differisce
dal precedente ( '' 1)-esimo per un fattore pari alla radice k-sima di 10. In termini matematici: ( , ) = 10 / Dove ( , ) sta per -esimo termine della serie di Rénard di ordine . Nel 1952 l'ISO adottò nel suo standard ISO 3, la serie di Rénard come una serie di numeri
preferenziali per definire gli standard. Di seguito sono riportare le serie di Rénard R5 ed R10, le più
utilizzate in ambito elettrotecnico in quanto definisco le sezioni dei cavi e le taglie di motori e
trasformatori. Serie R5 Serie R10 10 10 12,5 16 16
20 25 25 31,5 40 40
50 63 63
80 100 100 Tabella 24 - Serie di Rénard R5 ed R10. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 166 A5. Contattori Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 167 A6. Quadri elettrici Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 168 A7. Protezione delle reti Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 169 A8. Condensatori di rifasamento e loro protezione. Appunti di Distribuzione ed Utilizzazione dell''Energia Elettrica '' Prof. Giuseppe Parise Appunti a cura di Emanuele Freddi '' http://laeman.altervista.org/Blog/lecture-notes/ 170 A9. Protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186