verticale

Dimensione globale dei traffici di rifiuti

• Per quanto riguarda il packaging in plastica in Italia, il rifiuto prodotto percorre quattro passaggi prima di arrivare alla destinazione finale e quindi al riciclo definitivo;
• E’ indubbio che tali passaggi si prestano a pratiche illegali svolte dai singoli operatori, che provano a creare un doppio livello: quello formale e quello informale;
• Le piattaforme di conferimento a rischio pratiche illecite/furti.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
I flussi internazionali di rifiuti come risorsa dell’economia circolare maggio 2016 I flussi internazionali di rifiuti come risorsa dell’economia circolare

Pubblicato
da Alessia De Giosa
EIOMSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
' L''obiettivo principale del progetto Civic è mappare le filiere di tre importanti settori '' rifiuti, agroalimentare e specie protette '' per individuare vulnerabilità in cui si può inserire l''agire criminale; ' Mappare le filiere significa passare al setaccio ciascun passaggio di iter spesso complessi e macchinosi, che vedono coinvolti una molteplicità di soggetti economici e amministrativi, mezzi logistici e apparati di controllo di diversi paesi; ' Problema della tracciabilità e di corretta e trasparente classificazione dei codici Cer per ciascuna tipologia di rifiuti; ' Partendo dal presupposto che il miglior rifiuto è quello non prodotto. ' Il primo passo è stato raccogliere quante più informazioni possibili sulle tre filiere utilizzando tutti gli strumenti a disposizione, con una particolare attenzione agli operatori del settore e in genere
agli stakeholder, che sono stati coinvolti per avere punti di vista ''interni' e consapevoli; ' La disponibilità a collaborare per alcuni di essi non è stata entusiastica, per il (comprensibile) prevalere di esigenze di tutela degli interessi particolari; ' Considerato che ciascuna filiera si scompone in una molteplicità di specifiche sottofiliere, si è scelto di focalizzare l''analisi a due sottofiliere per ciascun settore. ' Per i rifiuti l''approfondimento ha riguardato i Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) e i materiali plastici La mappatura ' La mappatura delle sei sottofiliere è servita per intercettare le vulnerabilità, cioè situazioni a forte rischio di offrire spazi all''illegalità. Attraverso un approccio sistemico, interessato anche ai modelli di governance e di policies, oltre che di presenza di strutture propriamente criminali. Vulnerabilità che possono essere causate da: ' normative o regolamenti incoerenti o nei fatti criminogeni; ' iter di gestione farraginosi e inutilmente costosi; ' controlli inefficaci e/o del tutto formali (sistema Arpa in Italia); ' scelte politiche ed economiche sbagliate; ' qualità della rete sociale e dei livelli di partecipazione. Quest''attività ha portato alla redazione di tre rapporti per ciascuna filiera, che è possibile visionare sul sito del progetto al seguente link http://progettocivic.eu/i-documenti/ . Dimensione globale dei traffici di rifiuti ' Esistenza di strutture reticolari ben organizzate ed efficienti di trafficanti di rifiuti, capaci di muoversi sia sul mercato illegale dei servizi di mero smaltimento che del riciclo
in nero
, drenando potenziali materie prime dai circuiti legali verso quelli illegali. Dove
molto spesso compaiono ditte e imprenditori più o meno espressione di clan mafiosi, con
altissimi tassi di recidività; ' Intercettare partite di rifiuti significa, quindi, non solo risparmiare sui costi di smaltimento, ma anche entrare in possesso di preziose materie prime seconde, che valgono ogni anno
sul mercato globale '' solo per le principali cinque tipologie di scarti più importanti
(alluminio, carta, plastica, materiali ferrosi e legno) '' circa 90 miliardi di dollari (fonte
United Nations, Comtrade Database 2013). Principali sequestri di rifiuti effettuati dall''Agenzia delle Dogane e dei Monopoli '' Anno 2015 Sequestri di rifiuti anno 2015 La filiera dei RAEE Tutti processi di trattamento dei RAEE possono esse suddivisi in tre fasi
principali
che descrivono i flussi fisici dei beni attraverso i punti fondamentali
del sistema.
' Ricevimento e raccolta
' Pretrattamento e messa in sicurezza dei materiali
' Smontaggio e recupero dei componenti
' Frantumazione e selezione dei materiali
' Recupero di materia e/o energia
' Smaltimento della frazione residuale Vulnerabilità RAEE Distinzione tra Raee domestici e professionali ' Raee domestici: 1) leggerezza o alla scarsa professionalità con cui si mette in campo la raccolta dei Raee presso le singole utenze, cui va aggiunta l''oggettiva difficolta a praticare la raccolta differenziata nei
singoli contesti, anche per la mancanza di adeguati impianti di raccolta, come le isole ecologiche; 2) in uscita dai centri di raccolta i Raee prendono strade diverse da quelle previste dalle legge, a causa dell''attribuzione di codici Cer (Codici europeo dei rifiuti) sbagliati, per colpa o per dolo; 3) seppure i codici Cer sono giusti, in Italia operano troppi soggetti economici che non hanno competenze adeguate per trattare i Raee, tipologie di rifiuti particolarmente complicate da
gestire e soprattutto da recuperare. 4) Funzionamento non sempre corretto del sistema uno contro uno, soprattutto per colpa di singoli operatori commerciali. Raee professionali ' Soprattutto finta vendita di queste tipologie di rifiuti come prodotti usati e perfettamente funzionanti. Molto spesso questo è solo un escamotage per trasformare fittiziamente un costo in un
ricavo, tagliando la testa al toro su come smaltire i Raee; ' Scarso coordinamento tra produttori/detentori e raccoglitori qualificati; ' Scarsa tracciabilità; ' Presenza diffusa di circuiti informali/criminali. ' In generale, quindi, i rischi di illegalità si manifestano in maniera diversa a seconda dei
punti di sorgenza dei Raee e da lì in poi a
seconda dei circuiti attivati. ' Laddove le filiere sono efficienti e i circuiti legali economici innovativi e trasparenti, minori
sono le manifestazioni criminali RAEE e Terre rare Sono tra i rifiuti più gettonati dai trafficanti, uno scrigno di metalli preziosi e terre
rare (Ree '' Rare Earth Elements), 17 elementi chimici della tavola periodica usati
nei prodotti hi-tech (Pc, monitor, telefonini, etc); Per capirne il valore, basta analizzare la curva dei prezzi delle REE; Tema di geopolitica; Oggi la richiesta di neodimio, praseodimio e disprosio, per la produzione di
magneti
, continua a spingere il mercato. In futuro il consumo di europio, terbio e
ittrio nella produzione di fosfori potrà ulteriormente far salire il valore delle loro
quotazioni. Vulnerabilità scarti in plastica ' Per quanto riguarda il packaging in plastica in Italia, il rifiuto prodotto percorre quattro passaggi prima di arrivare alla destinazione finale e quindi al riciclo definitivo; ' E'' indubbio che tali passaggi si prestano a pratiche illegali svolte dai singoli operatori, che provano a creare un doppio livello: quello formale e quello informale; ' Le piattaforme di conferimento a rischio pratiche illecite/furti; ' Se, dunque, le politiche di raccolta differenziata destinata ai rifiuti urbani, e agli assimilati agli urbani, influenza i circuiti di trattamento e recupero, attraverso il ruolo svolto dai consorzi; nel campo industriale le scelte dei singoli operatori '' specificatamente condizionate dalla logica dei costi '' si presta a scorciatoie facilmente praticabili. Salvo i casi in cui si creano sinergie produttive, ad esempio attraverso ecodistretti tesi alla valorizzazione degli scarti; ' Evidentemente la risposta più efficace nel contrastare i circuiti illegali sta in modelli di governance capaci di incentivare i circuiti economici legali in un approccio sistemico, cioè di strategia produttiva nazionale/locale I Seminari Il secondo passo del progetto è stato di predisporre una decina di
seminari formativi in alcune città d''Italia particolarmente interessate al
fenomeno (Venezia, Firenze, Bari, Napoli, Roma, Milano,
Civitavecchia ' così emerso dall''interazione coi vari soggetti coinvolti nell''analisi delle filiere per l''individuazione
delle criticità che l''illegalità non è solo il risultato di scelte propriamente criminali, ma delle modalità
specifiche con le quali sono state implementate le filiere, dalla qualità delle relazioni sociali, del livello
di innovazione e trasparenza presente nelle scelte economiche. Ultimo atto: le Linee Guida Vogliono perciò essere uno strumento operativo e concreto per limitare l''affermazione delle
illegalità nelle filiere monitorate, destinate alle forze dell''ordine, operatori del settore, ma
soprattutto ai policy-makers a livello europeo e dei singoli stati membri Ue. Una sintesi RAEE Plastica Estendere al resto dei paesi membri UE il delitto di traffico organizzato di rifiuti
(previsto in Italia dall''art. 260 Dlgs 152/2006), prevendendolo anche per i traffici
internazionali. Estendere al resto dei paesi membri UE il delitto di traffico organizzato di rifiuti
(previsto in Italia dall''art. 260 Dlgs 152/2006), prevendendolo anche per i traffici
internazionali. Incentivare la raccolta differenziata presso utenze domestiche, esercizi
commerciali e in genere attività industriali Incentivare la raccolta differenziata presso utenze domestiche, esercizi
commerciali e in genere attività industriali Migliorare la tracciabilità dell''intera filiera, facendo ricorso ai più innovativi strumenti tecnologici e di investigazione Migliorare la tracciabilità dell''intera filiera, facendo ricorso ai più innovativi strumenti tecnologici e di investigazione Adottare misure fiscali ed economiche per incentivare il recupero di materia, valorizzando al massimo il Green public procurement Adottare di misure fiscali ed economiche per incentivare il recupero di materia, valorizzando al massimo il Green public procurement Migliorare la qualificazione professionale degli operatori e premi di efficienza per coloro che lavorano in modo più efficiente e sostenibile Accorciare le filiere tra i luoghi di produzione di scarti plastici e i luoghi di trattamento/valorizzazione Introdurre sinergie modulari tra enti pubblici e soggetti privati per intercettare presso i canali legali maggiori quantità di Raee Introdurre sinergie modulari tra enti pubblici e soggetti privati per intercettare presso i canali legali maggiori quantità di materiali plastici Disporre controlli più stringenti e coordinati sui flussi transfrontalieri, aumentando lo scambio di informazioni tra dogane e forze di polizia e definendo modelli di analisi dei rischi e standard di controllo uniformi presso ciascun Paese Membro. Disporre controlli più stringenti e coordinati sui flussi transfrontalieri, aumentando lo scambio di informazioni tra dogane e forze di polizia e definendo modelli di analisi dei rischi e standard di controllo uniformi presso ciascun Paese Membro. RAEE Plastica Prevedere determinati requisiti tecnici per le spedizioni transfrontaliere di apparecchiature usate in modo da evitare elusioni della normativa sulle spedizioni illegali di rifiuti. Incentivare, fin dove possibile, il recupero di materia sul recupero energetico Innovare i processi e i prodotti (ecodesign) Innovare i processi e i prodotti (ecodesign) Adottare misure normative a livello Ue per sostenere e incentivare la qualità del trattamento, sia per favorire le imprese più innovative che per maggiore tutela ambientale Adottare misure normative a livello Ue per sostenere e incentivare la qualità del trattamento, sia per favorire le imprese più innovative che per maggiore tutela ambientale Prevedere l''inasprimento delle misure interdittive specifiche (o comunque di carattere amministrativo) a carico dei soggetti giuridici, principali protagonisti degli affari illeciti Prevedere l''inasprimento delle prevedere misure interdittive specifiche (o comunque di carattere amministrativo) a carico dei soggetti giuridici, principali protagonisti degli affari illeciti Sostenere le politiche di formazione presso gli addetti ai lavori Sostenere le politiche di formazione presso gli addetti ai lavori Sostenere le campagne di sensibilizzazione e informazione rivolti alla cittadinanza Sostenere le campagne di sensibilizzazione e informazione rivolti alla cittadinanza Ridurre il numero di operazioni di recupero intermedie prima del recupero finale Grazie per l''attenzione
antoniopergolizzi@gmail.com


In evidenza

ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186