verticale

Controllo delle emissioni da impianti di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti

Allo stato attuale, le uniche tecnologie convenienti per trattare l’aria di processo in uscita da impianti di TMB sono quelle basate sulla biofiltrazione
Nonostante i tradizionali biofiltri garantiscano buone efficienze di rimozione, la modalità di rilascio dell’effluente non consente un’adeguata diluizione e dispersione degli inquinanti e delle sostanze osmogene
Ciò può comportare criticità nei dintorni dell’impianto, potenzialmente fino ad alcune centinaia di metri da questo
Un’alternativa più efficiente sembra essere rappresentata dall’utilizzo dei filtri biotrickling, che offrono sia la possibilità di convogliare l’effluente sia di rilasciarlo alla quota più opportuna (da scegliere in base alle caratteristiche della zona)

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
ACQUARIA ottobre 2016 La misura dell'efficacia del trattamento aria: il valore dei dati dall'emissione al territorio

Pubblicato
da Alessia De Giosa
ACQUARIA 2016Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Veronafiere 19-20 ottobre 2016 Gli atti dei convegni e più di 7.000 contenuti su www.verticale.net Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore 27 ottobre Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Alimentare Alimentare Petrolchimico Alimentare 28 ottobre Alimentare Petrolchimico Alimentare Alimentare Petrolchimico Visione e Tracciabilità 28 ottobre Luce Energia Domotica LED Luce Energia Domotica LED Controllo delle emissioni da impianti di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti Ing. Marco Schiavon LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO Verona, 19 ottobre 2016 2 Contenuti 1. I fattori generali che influenzano la qualità dell''aria 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in atmosfera 6. Conclusioni 3. Emissioni da TMB LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la qualità dell''aria 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
3 LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni CLIMA LOCALE E MORFOLOGIA 'Direzione e velocità del vento
'Radiazione solare
'Temperatura
'Umidità
'Stabilità atmosferica
'Precipitazioni
'Orografia
'Presenza di edifici 1. I fattori generali che influenzano la qualità dell''aria 4 La qualità dell''aria in un''area è influenzata da molteplici fattori: QUALITA'' DELL''ARIA CARATTERISTICHE DELLA SORGENTE DI EMISSIONE 'Estensione spaziale (puntuale,
lineare, areale)
'Elevazione e quota di rilascio
'Temperatura dell''effluente
'Velocità di uscita dell''effluente
'Flusso di massa CARATTERISTICHE DEGLI INQUINANTI EMESSI 'Effetti sull''uomo (molestie
olfattive, effetti acuti/cronici,
cancerogeni o non, ecc.)
FATTORI ESTERNI 'Inquinamento
transfrontaliero
Dispersione a scala locale commons.wikipedia.org LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti 5 LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti ' Definizione 6 (DEFRA, 2007) Con il termine trattamento meccanico-biologico (TMB) dei rifiuti si individuano
tipologie di trattamento dei rifiuti solidi urbani che facciano uso di metodi meccanici
e processi di biodegradazione della sostanza organica (DEFRA, 2007). LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti ' Definizione Con il termine trattamento meccanico-biologico (TMB) dei rifiuti si individuano
tipologie di trattamento dei rifiuti solidi urbani che facciano uso di metodi meccanici
e processi di biodegradazione della sostanza organica (DEFRA, 2007). 7 (DEFRA, 2007) ' Obiettivi generali Riduzione della quantità di rifiuti conferiti in discarica
Riduzione delle emissioni incontrollate da discarica, in particolare di metano (gas
serra: 1 ton CH4 = 21 ton CO2), composti organici volatili (precursori di ozono troposferico, in parte tossici e cancerogeni)
Riduzione di patogeni umani, animali e vegetali
Potenziale riduzione del percolato da discarica
Recupero di materiale ad alto potere calorifico (CSS)
Produzione di compost (applicazione in agricoltura)
Produzione di biostabilizzato (copertura discariche) Tali obiettivi rispondono alle prescrizioni dei: -D.lgs 205/2010 (recepimento della Direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti)
-D.lgs 36/2003 (recepimento della Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di
rifiuti) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti 8 In senso stretto, i TMB si dividono in due tipologie: ' Tipi di TMB ' bioessiccazione Entrambe vengono applicate alla frazione residua della raccolta differenziata ' biostabilizzazione LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti 8 In senso stretto, i TMB si dividono in due tipologie: ' Tipi di TMB ' bioessiccazione Residuo da raccolta differenziata Trattamenti meccanici primari (lacerazione sacchi e triturazione) Trattamento biologico (aerobico) Trattamento meccanico secondario (vagliatura 20 mm) Entrambe vengono applicate alla frazione residua della raccolta differenziata Trattamento meccanico terziario (vagliatura 120 mm) Classificatore ad aria Separazione magnetica Trattamento meccanico finale (triturazione) Combustibile solido secondario Metalli In discarica Trattamento emissioni > 20 mm < 20 mm < 120 mm > 120 mm ' biostabilizzazione LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti 9 ' Tipi di TMB Entrambe vengono applicate alla frazione residua della raccolta differenziata Residuo da raccolta differenziata Trattamento meccanico primario (lacerazione sacchi e vagliatura 20 mm) Trattamento biologico (aerobico) Combustibile solido secondario Biostabilizzato Trattamento emissioni < 20 mm Pressa e vagliatura 20 mm > 20 mm < 20 mm Separazione magnetica Metalli > 20 mm Separazione magnetica Metalli ' bioessiccazione ' biostabilizzazione LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni In senso stretto, i TMB si dividono in due tipologie: 2. Un settore particolare: i TMB dei rifiuti 10 Viste le analogie nei processi, si può includere anche il compostaggio ' Tipi di TMB Esso viene applicato alla frazione organica della raccolta differenziata (FORSU),
addizionata con materiale strutturante (es.: rifiuto verde) FORSU Trattamento biologico (aerobico) Vagliatura Trattamento emissioni < 12 mm Separazione magnetica Metalli Maturazione Miscelazione Strutturante Triturazione In discarica > 50 mm 12 ÷ 50 mm Separazione gravimetrica e ciclone Inerti Compost di qualità LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 3. Emissioni da TMB 11 LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 3. Emissioni gassose da TMB 12 ' Dove si formano' ' Punti di rilascio in atmosfera Dalla zona di ricevimento rifiuti fino almeno al termine del trattamento
biologico Per strippaggio strippaggi da parte dell''aspirazione forzata che convoglia i volumi d''aria dall''interno dell''impianto alla linea di trattamento emissioni Ingresso della zona di ricevimento rifiuti (emissioni fuggitive)
Eventuali aperture laterali e a valle dell''impianto (emissioni fuggitive)
Uscita dal trattamento delle emissioni (emissioni localizzate) N.B.: il rilascio è agevolato dalle necessarie operazioni di rivoltamento dei cumuli ' Perché si formano' 1. Per la presenza di inquinanti originariamente presenti originariamente presenti nel rifiuto in ingresso 2. Perché la biodegradazione porta comunque alla formazione di sottoprodotti ' Come si formano' LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni - inevitabile presenza di microambienti anaerobici microambienti anaerobic all''interno delle pile di rifiuti che promuovono processi locali di fermentazione - processi incompleti processi incomplet di biodegradazione aerobica 3. Emissioni gassose da TMB 13 ' Quali composti sono presenti nell''aria di processo' Classe Gruppo Composto Odour threshold < 10 ppb (< 8 ÷ 60 µg/m3) Concentrazione > 1 ppm (> 0.8 ÷ 6.0 mg/m3) Cancerogeno COV Aromatici benzene ' toluene etilbenzene ' xilene stirene ' Alcoli n-propanolo isobutanolo ' ' etanolo ' Esteri etil acetato etil butanoato ' butyl acetato Chetoni acetone ' metiletilchetone ' Aldeidi isovaleraldeide ' acetaldeide ' ' ' butiraldeide ' ' Terpeni limonene ' α-pinene ' β-pinene ' Alcani butano pentane Acidi grassi acido acetico ' acido isovalerico ' Composti a base di zolfo Idracidi acido solfidrico ' Solfuri disolfuro dimetile ' ' trisolfuro dimetile ' Composti a base di azoto Ammoniaca ' Ammine Trimetilammina ' Composti alogenati Alogenuri organici tetracloroetilene ' Diossine 2,3,7,8-TCDD eq. ' Fonti:
Umweltbundesamt (1998); Nagata (2003); He et al. (2010); He et al. (2012); Delgado-Rodríguez et al. (2012); Dorado et al. (2014); IARC (2016) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 3. Emissioni gassose da TMB 13 ' Quali composti sono presenti nell''aria di processo' Classe Gruppo Composto Odour threshold < 10 ppb (< 8 ÷ 60 µg/m3) Concentrazione > 1 ppm (> 0.8 ÷ 6.0 mg/m3) Cancerogeno COV Aromatici benzene ' toluene etilbenzene ' xilene stirene ' Alcoli n-propanolo isobutanolo ' ' etanolo ' Esteri etil acetato etil butanoato ' butyl acetato Chetoni acetone ' metiletilchetone ' Aldeidi isovaleraldeide ' acetaldeide ' ' ' butiraldeide ' ' Terpeni limonene ' α-pinene ' β-pinene ' Alcani butano pentane Acidi grassi acido acetico ' acido isovalerico ' Composti a base di zolfo Idracidi acido solfidrico ' Solfuri disolfuro dimetile ' ' trisolfuro dimetile ' Composti a base di azoto Ammoniaca ' Ammine Trimetilammina ' Composti alogenati Alogenuri organici tetracloroetilene ' Diossine 2,3,7,8-TCDD eq. ' Potenziale impatto olfattivo Potenziale impatto cancerogeno Fonti:
Umweltbundesamt (1998); Nagata (2003); He et al. (2010); He et al. (2012); Delgado-Rodríguez et al. (2012); Dorado et al. (2014); IARC (2016) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 3. Emissioni gassose da TMB 13 ' Quali composti sono presenti nell''aria di processo' Classe Gruppo Composto Odour threshold < 10 ppb (< 8 ÷ 60 µg/m3) Concentrazione > 1 ppm (> 0.8 ÷ 6.0 mg/m3) Cancerogeno COV Aromatici benzene ' toluene etilbenzene ' xilene stirene ' Alcoli n-propanolo isobutanolo ' ' etanolo ' Esteri etil acetato etil butanoato ' butyl acetato Chetoni acetone ' metiletilchetone ' Aldeidi isovaleraldeide ' acetaldeide ' ' ' butiraldeide ' ' Terpeni limonene ' α-pinene ' β-pinene ' Alcani butano pentane Acidi grassi acido acetico ' acido isovalerico ' Composti a base di zolfo Idracidi acido solfidrico ' Solfuri disolfuro dimetile ' ' trisolfuro dimetile ' Composti a base di azoto Ammoniaca ' Ammine Trimetilammina ' Composti alogenati Alogenuri organici tetracloroetilene ' Diossine 2,3,7,8-TCDD eq. ' OSSERVAZIONI
-i terpeni hanno una soglia di percezione dell''odore di 0.1-0.2 mg/m3 e possono
raggiungere concentrazioni nell''ordine di g/m3 impatto olfattivo non trascurabile -le diossine possono essere presenti nel rifiuto come contaminanti della frazione solida
volatile
(Rada et al., 2011), che viene consumata e messa in movimento dall''aerazione
forzata degli impianti. LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 3. Emissioni gassose da TMB 14 ' Normativa In via generale, le emissioni in atmosfera dei singoli composti sono normate dal
D.lgs. 152/2006 e i limiti di emissione considerano gli inquinanti dal punto di vista
tossicologico Crescente sensibilità della popolazione verso il problema degli odori Mancanza a livello nazionale di strumenti normativi che disciplinino la materia in
termini di molestie olfattive ed emissione di sostanze odorigene Il problema si pone in quanto una sostanza può avere impatto olfattivo a
concentrazione diversa da quella alla quale può indurre effetti tossici A livello nazionale, l''unico riferimento tecnico utile è il D.M. 29 gennaio 2007, che
individua le migliori tecnologie disponibili per il settore, suggerisce una
concentrazione massima in uscita da biofiltri pari a 7-20 mg/Nm3 per COV, pari a 1-
20 mg/Nm3 per ammoniaca e pari a 300 OUE/Nm3
Si prendono come riferimento normative regionali, quali quelle sviluppate dalle
regioni Lombardia (Dgr 15/02/2012 n. IX/3018), Puglia (Legge regionale
16/04/2015 n. 23) e Abruzzo (Dgr 26/05/2004 n. 400) Tali norme propongono l''adozione della concentrazione limite di 300 OUE/Nm3 in
uscita da biofiltri e definiscono la metodologia per il campionamento olfattometrico
(UNI EN 13725:2004) In vista dell''autorizzazione a nuovi impianti, il Dgr 15/02/2012 n. IX/3018 della
Regione Lombardia obbliga il gestore a produrre mappe di impatto riportanti
isoconcentrazioni a 1, 3 e 5 OUE/m3 e picco orario di odore al 98° percentile LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 4. Il trattamento delle emissioni 15 LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 4. Il trattamento delle emissioni 16 ' Caratteristiche dell''effluente da trattare Flussi relativamente alti (20.000-100.000 Nm3/h)
Concentrazioni totali di sostanze odorigene e COV relativamente basse (101-103
mg/Nm3) (Deshusses and Cox, 2003) In queste condizioni, i
sistemi di biofiltrazione
(eventualmente preceduti
da scrubber ad acqua)
risultano i più convenienti LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 17 4. Il trattamento delle emissioni ' I biofiltri tradizionali (Waweru et al., 2001) CARATTERISTICHE 'Letto filtrante: compost, torba, suolo, cippato, corteccia
'Inoculo batterico: in genere non necessario
'Irrigazione: non necessaria se l''effluente da trattare è
sufficientemente umido
'Nutrienti: in genere non necessari (nutrienti inorganici
vengono forniti dal letto filtrante)
'Controllo del pH: sostituzione del letto VANTAGGI SVANTAGGI Bassi costi di esercizio Ingombro elevato Facilità di avviamento e gestione Scarsa capacità di controllo del pH Elevati salti di pressione lungo il letto Bassa velocità superficiale del gas LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 18 4. Il trattamento delle emissioni ' Un''evoluzione dei biofiltri: i filtri biotrickling (Waweru et al., 2001) CARATTERISTICHE 'Letto filtrante: cubi di poliuretano, sfere o anelli in polipropilene, particelle ceramiche, conchiglie, ecc.
'Inoculo batterico: sempre necessario
'Irrigazione: necessaria, in quanto la ritenzione di acqua da
parte del materiale filtrante è nulla
'Nutrienti: necessari, da aggiungere all''acqua di ricircolo
'Controllo del pH: utilizzo di materiale filtrante con capacità
tampone (es.: Monashell®), diluizione dell''acqua di ricircolo
con acqua fresca, aggiunta di NaOH www.aircleansrl.com LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO VANTAGGI SVANTAGGI Ingombro limitato Costi di esercizio più elevati Basso salto di pressione Produzione di refluo da trattare Efficace controllo del pH Avviamento e gestione più complicati Possibilità di convogliare il
flusso in uscita Meno indicato del biofiltro per composti idrofobici 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 5. L''importanza della dispersione in atmosfera 19 LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 20 5. L''importanza della dispersione in atmosfera ' Potenziali problematiche dei classici biofiltri aperti La bassa velocità di uscita dell''effluente dai biofiltri tradizionali può comportare una
scarsa dispersione delle sostanze inquinanti/osmogene rilasciate a valle del
trattamento di biofiltrazione
E'' bene notare che difficilmente si raggiungono efficienze di rimozione > 99% e che
alcune sostanze vengono rimosse con più o meno successo di altre (es.: composti poco
idrosolubili o tossici per le popolazioni microbiche nel biofiltro)
Per contro, i filtri biotrickling garantiscono una maggiore velocità di uscita dell''effluente,
grazie alla possibilità di convogliare il flusso
Inoltre, a seconda delle condizioni climatiche e morfologiche di una determinata zona, la
quota di rilascio può essere opportunamente modulata Al fine di valutare il diverso impatto di queste due tecnologie dal solo punto di vista
della dispersione in atmosfera, sono state effettuate delle simulazioni di dispersione
riguardanti un ipotetico impianto di bioessiccazione situato in Pianura Padana LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 21 5. L''importanza della dispersione in atmosfera ' Confronto tra biofiltro aperto e una batteria di 4 filtri biotrickling Oggetto della simulazione: dispersione di disolfuro dimetile (DMDS) rilasciato da
- un biofiltro aperto
- una batteria di 4 filtri biotrickling equivalenti al biofiltro in termini di rimozione del
DMDS Caso di studio: ipotetico impianto di bioessiccazione con le seguenti caratteristiche
- rifiuti trattati: 47500 t/anno di rifiuto residuo da raccolta differenziata
- concentrazione di DMDS nell''effluente a monte del trattamento aria: 10.8 mg/Nm3 (He
et al., 2010)
- flusso d''aria da trattare: 54200 Nm3/h
- dimensioni biofiltro: 11 m ' 50 m ' 1 m
- dimensioni filtri biotrickling: d = H = 4 m
- quota di rilascio filtri biotrickling: 4.5 m
- diametro tubazione aria trattata: 1 m
- velocità di uscita: 27 cm/s (biofiltro) e 4.8 m/s (filtri biotrickling)
- efficienze di rimozione dei due sistemi: 80% per entrambi Modello di dispersione: AERMOD (gaussiano) Dati meteorologici: misurati dalla stazione ARPAV di Legnaro (Padova) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 22 5. L''importanza della dispersione in atmosfera ' Confronto tra biofiltro aperto e una batteria di 4 filtri biotrickling CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI ODORE DI DMDS (TRATTAMENTO CON BIOFILTRO APERTO) (distanze in metri, concentrazioni in OU/m3) Odour threshold (1 OU/m3) (Schiavon et al., 2016) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 23 5. L''importanza della dispersione in atmosfera ' Confronto tra biofiltro aperto e una batteria di 4 filtri biotrickling CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI ODORE DI DMDS (TRATTAMENTO CON FILTRI BIOTRICKLING) (distanze in metri, concentrazioni in OU/m3) Odour threshold (1 OU/m3) (Schiavon et al., 2016) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 24 5. L''importanza della dispersione in atmosfera ' Confronto tra biofiltro aperto e una batteria di 4 filtri biotrickling Con i filtri biotrickling, nel raggio di circa 600 m dall''impianto, si ottiene una
riduzione di concentrazione > 70% rispetto al caso con il biofiltro aperto PERCENTUALE DI MIGLIORAMENTO CON I FILTRI BIOTRICKLING (distanze in metri) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 25 5. L''importanza della dispersione in atmosfera ' Un tema delicato: il potenziale rilascio di diossine Le diossine possono essere presenti in quantità molto modeste (fino a qualche
pgTEQ/Nm3) nell''effluente gassoso in uscita da un impianto di TMB, ma il flusso in uscita
è molto elevato (104 Nm3/h) (Umweltbundesamt, 1998) I sistemi di biofiltrazione offrono solo scarse efficienze di rimozione nel caso di diossine La modalità di rilascio di un biofiltro tradizionale non garantisce un''adeguata dispersione
dell''effluente in atmosfera Vi è quindi un rilascio potenzialmente non trascurabile che può indurre deposizioni
atmosferiche rilevanti nelle aree circostanti l''impianto (Rada et al., 2011) Se nei dintorni dell''impianto sono presenti pascoli, allevamenti o coltivazioni, non si può
escludere una possibile contaminazione di carni, latte e colture Una possibile soluzione consiste nell''adottare altri sistemi di trattamento più costosi
(es.: Regenerative Thermal Oxidizer, RTO) ALCUNE CONSIDERAZIONI LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 6. Conclusioni 26 LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni 6. Conclusioni Allo stato attuale, le uniche tecnologie convenienti per trattare l''aria di processo in
uscita da impianti di TMB sono quelle basate sulla biofiltrazione Nonostante i tradizionali biofiltri garantiscano buone efficienze di rimozione, la
modalità di rilascio dell''effluente non consente un''adeguata diluizione e dispersione degli inquinanti e delle sostanze osmogene Ciò può comportare criticità nei dintorni dell''impianto, potenzialmente fino ad
alcune centinaia di metri da questo Un''alternativa più efficiente sembra essere rappresentata dall''utilizzo dei filtri
biotrickling, che offrono sia la possibilità di convogliare l''effluente sia di rilasciarlo
alla quota più opportuna (da scegliere in base alle caratteristiche della zona) Tuttavia, la biofiltrazione non è idonea a trattare composti poco idrosolubili e/o
tossici per la biomassa microbica, come ad esempio tracce di diossina che possono
essere rilasciate da TMB e che richiedono un trattamento diverso (es., ossidazione
termica) LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO 27 1. I fattori generali che influenzano la
qualità dell''aria
2. Un settore particolare: i TMB
dei rifiuti
3. Emissioni da TMB 4. Il trattamento delle emissioni 5. L''importanza della dispersione in
atmosfera
6. Conclusioni Grazie per l''attenzione marco.schiavon@unitn.it LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO Bibliografia Decreto legislativo 36/2003, "Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti". Presidenza della Repubblica Italiana. Decreto legislativo 152/2006, "Norme in materia ambientale". Presidenza della Repubblica Italiana. Decreto Ministeriale del 29 gennaio 2007, "Emanazione di linee guida per l''individuazione e l''utilizzazione delle migliorie tecniche disponibili in materia di allevamenti,
macelli e trattamento di carcasse, per le attività elencate nell''allegato I del D.lgs. 18 febbraio 2005, n. 59". Ministero dell''Ambiente e della Tutela del Territorio e del
Mare. Decreto legislativo 205/2010, "Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e
che abroga alcune direttive". Presidenza della Repubblica Italiana. DEFRA, 2007. Mechanical Biological Treatment of Municipal Solid Waste. Relazione tecnica. Department for Environment, Food & Rural Affairs. Delgado-Rodríguez, M., Ruiz-Montoya, M., Giraldez, I., López, R., Madejón, E., Díaz, M.J., 2012. Use of electronic nose and GC-MS in detection and monitoring some
VOCs. Atmospheric Environment 51, 278''285. Deliberazione della Giunta Regionale del 15/02/2012 n. IX/3018, "Determinazioni generali in merito ala caratterizzazione delle emissioni gassose in atmosfera derivanti
da attività a forte impatto odorigeno". Regione Lombardia. Deliberazione della Giunta Regionale del 26/05/2004 n. 400, "Direttive regionali concernenti le caratteristiche prestazionali e gestionali richieste per gli impianti di
trattamento dei rifiuti urbani". Regione Abruzzo. Deshusses, M.A., Cox, H.H.J., 2003. Biotrickling Filters for Air Pollution Control. In: Bitton, G., Ed. Encyclopedia of Environmental Microbiology. John Wiley & Sons. Dorado, A.D., Husni, S., Pascual, G., Puigdellivol, C., Gabriel, D., 2014. Inventory and treatment of compost maturation emissions in a municipal solid waste treatment
facility. Waste Management 34, 344''351. He, P., Tang, J., Zhang, D., Zeng, Y., Shao, L., 2010. Release of volatile organic compounds during bio-drying of municipal solid waste. Journal of Environmental Science
22, 752''759. He, P.-J., Tang, J.-F., Yang, N., Fang, J.-J., He, X., Shao, L.-M., 2012. The emission patterns of volatile organic compounds during aerobic biotreatment of municipal
solid waste using continuous and intermittent aeration. Journal of the Air & Waste Management Association 62, 461''470. IARC, 2016. IARC Monographs on the Evaluation of Carcinogenic Risks to Humans. International Agency for Research on Cancer. Legge Regionale del 16/04/2015 n. 23, "Modifiche alla legge regionale 22 gennaio 1999, n. 7, come modificata e integrata dalla legge regionale 15 giugno 2007, n. 17".
Regione Puglia. Nagata, Y., 2003. Measurement of odor threshold by triangle odor bag method. Ministero Giapponese per l''Ambiente, Kawasaki, Giappone. Norma UNI EN 13725:2004, "Qualità dell''aria '' Determinazione della concentrazione di odore mediante olfattometria dinamica". Ente Nazionale di Unificazione. Rada, E.C., Ragazzi, M., Panaitescu, V., Apostol, T., 2006. The role of bio-mechanical treatments of waste in the dioxin emission inventories. Chemosphere 62, 404''10. Rada, E.C., Ragazzi, M., Zardi, D., Laiti, L., Ferrari, A., 2011. PCDD/F environmental impact from municipal solid waste bio-drying plant. Chemosphere 84, 289''95. Schiavon, M., Ragazzi, M., Torretta, V., Rada, E.C., 2016. Comparison between conventional biofilters and biotrickling filters applied to waste bio-drying in terms of
atmospheric dispersion and air quality. Environmental Technology 23 (37), 975''982. Umweltbundesamt, 1998. Abluftemissionen aus der Mechanisch-Biologischen Afballbehandlung in 'sterreich. Relazione tecnica. Waweru, M., Herrygers, V., Van Langenhove, H., Verstraete, W., 2001. Process engineering of biological waste gas purification. In: Rehm, H.-J., Reed, G., Eds.
Environmental Biotechnology: Concepts and Applications. Wiley-VCH Verlag GmbH, Weinheim, Germania. LA MISURA DEI DATI DEL TRATTAMENTO ARIA: IL VALORE DEI DATI DALL''EMISSIONE AL TERRITORIO


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186