verticale

Contabilizzazione indiretta: fondamentali per un corretto rilevamento dei costi; montaggio e determinazione del valore K

Consigli pratici dopo l'entrata in vigore del DL 141 nel luglio 2016

La ripartizione delle spese per il riscaldamento e l’acqua calda.
Installazione.
Dispositivi per il rilevamento dei consumi: breve riassunto dei ripartitori.
I benefici della contabilizzazione.
DLgs141/2016 –Decreto correttivo -riassunto.
Metodi di contabilizzazione: UNI 10200.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Contabilizzazione Calore - Verona ottobre 2017 La contabilizzazione del calore: aggiornamenti e soluzioni per la stagione termica 2017/18

Pubblicato
da Benedetta Rampini
mcTER Contabilizzazione Calore - Verona 2017Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Veronafiere 19 ottobre 2017 Gli atti dei convegni e pi di 8.000 contenuti su www.verticale.net Contabilizzazione Calore Termotecnica Industriale Pompe di Calore Contabilizzazione indiretta: le premesse fondamentali per un corretto rilevamento dei costi Montaggio e determinazione del fattore K. Consigli pratici dopo l'entrata in vigore del Dlgs 141 nel luglio 2016 1 19 ottobre 2017 Verona V. 1.4 p.i. Klaus Heufler Direttore Tecnico della Oilcontrol di Bolzano Mail: klaus.heufler@oilcontrol.it Relatore 2 Introduzione 3 Il perch della ripartizione delle spese per il riscaldamento e l'acqua calda sanitaria secondo i consumi individuali: E' necessario incentivare al risparmio, poich chi a conoscenza che il proprio consumo si riversa direttamente su ci che dovr pagare, utilizzer in modo pi razionale l'energia cercando di evitare gli sprechi.
Pertanto il fine non quello di inventare calcoli matematici complicati e apparentemente perfetti (talvolta anche non possibili), ma semplicemente di incoraggiare un consumo razionale dell'energia nel modo pi semplice, equo ed economico possibile. E' solo questo che la Direttiva Europea chiede ai suoi Stati Membri e quindi anche all'Italia! Purtroppo la burocrazia eccessiva e il relativo aumento dei costi dimorano costantemente nel nostro paese V. 1.4 V 1.4 4 Installazione: professionalit e garanzia di una corretta installazione e messa in funzione Un'azienda professionale per il servizio di contabilizzazione deve
porre la massima cura, la massima seriet nell'installazione dei
dispositivi di contabilizzazione, nell'identificazione dei corpi
scaldanti e nell'elaborazione dei servizi connessi.
Questo si traduce in: ' Qualit
' Trasparenza
' Garanzia del dato rilasciato Non dimenticarsi MAI che si stanno gestendo i soldi delle famiglie!! Dispositivi per il rilevamento dei consumi: breve riassunto dei ripartitori Norma Europea di riferimento: UNI EN 834 V 1.4 5 Dispositivi per il rilevamento dei consumi: Ripartitori ' l'importanza FONDAMENTALE del coefficiente K 50 C 80 C Temperaura dell'ambiente Temperatura della superficie del radiatore K = Kc x Kq [x Kt] Consumo rilevato Superfici scaldanti con identiche temperature Fattore Kc = esprime il
coefficiente dell'
accoppiamento termico ' deve
essere fornito dal produttore del ripartitore e deve
essere determinato in laboratorio Fattore Kq = coefficiente che
esprime la potenza nominale del
radiatore (secondo UNI EN 442-2 - se questo
non disponibile da parte del produttore , l'utilizzo
del metodo come quello 'dimensionale' non
conforme alla UNI EN 834 !!) V 1.4 6 Dispositivi per il rilevamento dei consumi : Ripartitori ' l'importanza FONDAMENTALE della qualit per un rilevamento dei consumi affidabile Criteri FONDAMENTALI:
' Installazione del ripartitore seguendo in tutti i dettagli quanto indicato dal produttore: solo questo garantisce
un rilevamento dei consumi affidabile. Per esempio,
incollare il ripartitore sul radiatore esplicitamente
vietato dalla norma UNI EN 834 (eccetto casi assolutamente
eccezionali) ' Determinazione del coefficiente 'K' in modo professionale e preciso: la ditta Oilcontrol, al fine di
determinare la potenza nominale di un radiatore
presente, si serve di banche dati con decine di migliaia di
radiatori registrati identificando nel modo pi preciso
possibile tale radiatore. V 1.4 7 Dispositivi per il rilevamento dei consumi: Ripartitori ' l'importanza FONDAMENTALE della qualit per un rilevamento dei consumi affidabile Per il cliente finale, prendiamo ad esempio un condominio, l'individuazione di una
societ di servizi e installazione di ripartitori di alta qualit non un compito facile. Come pu fare' ' Richiedere che i dispositivi siano installati in stretta osservanza della norma UNI EN 834 rispettando tutti i particolari ivi previsti. ' Richiedere che i coefficienti 'K' vengano determinati in stretta osservanza della norma UNI EN 834. ' Assicurarsi che la ditta incaricata per l'installazione sia abilitata (comunicazione MISE giugno 2016: l'attivit di installazione dei sistemi di contabilizzazione del calore e delle valvole termostatiche rientra nelle attivit
di installazione dell'impianto di riscaldamento, quindi l'attivit di installazione di questi apparecchi resta di esclusivo appannaggio
delle imprese abilitate all'esercizio specificato dalla lettera c) del suddetto DM 37/2008.) ' Richiedere una dichiarazione di conformit con riferimento alla norma UNI EN 834 per i punti sopra indicati! V 1.4 8 Dispositivi per il rilevamento dei consumi: Ripartitori ' scala prodotti oppure scala unitaria' Spesso si sostiene che l'avere i coefficienti 'K' programmati direttamente nel ripartitore
voglia dire avere pi trasparenza. Si tratta per di una discussione pi che altro filosofica,
visto che tutte e due le procedure hanno i loro vantaggi e svantaggi. Quindi la decisione sul
metodo da preferire deve essere lasciata all'assemblea
(anche in conformit alla norma UNI EN 834,
che prevede esplicitamente ambedue i sistemi) I radiatori 1 e 2 sono identici V 1.4 9 Dispositivi per il rilevamento dei consumi: Ripartitori ' metodo impreciso' Conclusione: le differenze tra i due sistemi per il rilevamento dei consumi sono
trascurabili (anche tenendo presente le incertezze massimali ammesse dei contatori per energia termica ' parte
volumetrica + termo-sensori + centralina) Tuttavia, questo solo a CONDIZIONE che i dispositivi vengano installati a regola d'arte 1) e i coefficienti di correzione K siano determinati in modo preciso. Gli errori fatti sia nell'istallazione sia nella determinazione dei singoli fattori possono essere di grandezze indefinite (anche ben oltre il 100%) e si riversano direttamente sulla bolletta di fine anno! 1) Questo vale anche per i contatori d'energia! V 1.4 10 Oggi anche tutti i contatori per l'acqua sono disponibili con
telelettura!
Direttiva MID ' verifica periodica:
' Contatori per acqua meccanici : entro 10 anni
' Contatori per acqua statici e venturimetrici: entro 13 anni Dispositivi per il rilevamento dei consumi: Anche l'acqua calda sanitaria (ACS), se centralizzata, deve essere ripartita secondo i consumi! V 1.4 11 Dispositivi per il rilevamento dei consumi: Oggi tutti i dispositivi, sia per la contabilizzazione del calore (contatori di energia termica e ripartitori) sia per l'ACS possono essere teleletti Dai sistemi 'walk by' alla trasmissione dati via GSM e portali online con numerose informazioni utili disponibili per l'utente finale V 1.4 12 I benefici della contabilizzazione ' L'inquilino paga in relazione a ci che consuma ' L'inquilino ha un risparmio medio del 15-20% sui consumi ottenuti precedentemente all'installazione dell'impianto di contabilizzazione ' Beneficio all'ambiente per minore emissione da parte degli impianti di riscaldamento ' Consapevolezza maggiore del mantenimento della temperatura nella propria abitazione ' Possibilit di lasciare acceso l'impianto centralizzato per 24h! V 1.4 13 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo - riassunto 14 Il nuovo decreto ha introdotto alcune modifiche rispetto al DLgs 102/2014: ' Chiarimenti in merito alle definizioni dei contatori di fornitura e dei contatori individuali ' Conferma dell'obbligo di installazione dei contatori/ripartitori, a meno che l'installazione non risulti efficiente in termini di costi con riferimento alla norma
UNI EN 15459 ' L'applicazione della norma UNI 10200 diventa facoltativa nei seguenti casi: ' Nei condomini dove l'installazione dei dispositivi sia stata effettuata prima dell'entrata
in vigore
del Decreto e sia gi stata gi effettuata la ripartizione delle spese ' In presenza di differenze di fabbisogno termico per m tra le unit immobiliari superiori
al 50% ' Quando la norma 10200 non sia applicabile. ' Sono previste sanzioni (min. ' 500,00 ' max. ' 2.500,00) per i proprietari di ogni unit immobiliare che non installino i dispositivi previsti e per il condominio stesso. V. 1.4 V 1.4 15 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo deroga alla UNI 10200 L'osservanza della norma UNI 10200 diventata facoltativa, come per esempio nella quasi
totalit degli edifici di non recente costruzione: basta una semplice relazione tecnica asseverata da parte di un tecnico abilitato per avere
l'esonero dall'applicazione della norma. E' stata quindi ridata la piena libert all'assemblea del condominio di decidere il metodo di
ripartizione dei costi d'esercizio per il riscaldamento e l'acqua calda sanitaria.
Unica condizione che rimane che almeno il 70% dei costi totali venga attribuito agli effettivi
prelievi volontari. V 1.4 16 Metodi di contabilizzazione: UNI 10200 Pur conservando alcuni punti positivi, essa :
' Complicata e costosa ' la norma stessa, di circa 100 pagine, pu essere solo acquistabile a 98 '. ' Non trasparente, perch i calcoli e le stime sono complicati nella valutazione per qualsiasi utente normale ' questi infatti deve semplicemente far fede a tutte le stime presentate. ' Poich l'attribuzione dei costi involontari avviene secondo i fabbisogni (originari) delle singole unit, questo crea (giustamente) forti contestazioni, in quanto alcune utenze
vengono notevolmente avvantaggiate a scapito di altre (in media poche)
considerevolmente svantaggiate! ' Questo conseguentemente risulta contro lo spirito della Direttiva Europea il cui fine incentivare gli accorgimenti sulle parti comuni per ottenere un risparmio energetico (a es. la
coibentazione del tetto): infatti, l'avvantaggiare mediamente la maggioranza delle unit avr
come conseguenza che queste non avranno alcun interesse per l'intervento. V 1.4 17 Metodi di contabilizzazione: Il Metodo 'Europeo' ' chiamato cos perch il metodo applicato nella maggioranza dei paesi europei
' trasparente: facilmente comprensibile per tutti
' non servono interventi costosi da parte di professionisti o aziende esterne per i progetti di contabilizzazione, per calcolare coefficienti e/o fabbisogni per la fatturazione di fine anno,
ecc. ' rispetta l'aspetto sociale che caratterizza un riscaldamento centralizzato : potendo suddividere i costi fissi secondo criteri come i millesimi di propriet di superficie riscaldata,
queste spese vengono ripartite in modo uguale a tutte le utenze. ' Svantaggio: la legge non permette di superare il 30% dei costi totali da attribuire come fissi. (tuttavia nemmeno il metodo previsto dalla UNI 10200 in genere lo supera). V 1.4 18 Metodi di contabilizzazione: confronti Fonte Studio Tecnico RedHat: grafico che rappresenta le differenze tra i millesimi di 'fabbisogno' e
i millesimi secondo 'superficie' in un condominio reale: l'edificio composto da 42 appartamenti
suddivisi in 2 scale (A e B). Nell'edificio, si considera che il primo piano sia soprastante a box e locali
non riscaldati. Questo fa notare che non solo l'ultimo piano presenti rilevanti millesimi di fabbisogno,
ma anche i primi piani soprastanti i locali non riscaldati, come ovvio che sia. Grafico che facilita la comprensione delle differenze tra i vari metodi di ripartizione dei cosiddetti 'costi fissi' V 1.4 19 Metodi di contabilizzazione: procedura consigliata ' Farsi sempre redigere la perizia tecnica asseverata che documenta che nell'edificio polifunzionale (condominio) esistono differenze di fabbisogno
termico per m tra due u.i. superiori al 50%: ' Perizia in genere a bassissimo costo, dato che possono essere prese in considerazione solo due u.i. dove gi in anticipo si sa che i fabbisogni sono
superiori. Alcune aziende gi prevedono per i loro clienti tale perizia a
titolo gratuito.
Come ditta specializzata del settore, la Oilcontrol abilitata a redigere
questa certificazione tramite i loro tecnici abilitati. ' Tutela contro eventuali sanzioni, contestazioni, ecc., anche se il condominio adotta solo in parte la UNI 10200 o non la prende per nulla in
considerazione. ' Fare approvare dall'assemblea i metodi di ripartizione che desidera adottare e consigliare che questa deleghi l'Amministrazione a decidere
secondo le regole della tecnica in caso di imprevisti durante l'esercizio
(eventuali stime necessarie per rottura apparecchi, dati di lettura per
singole u.i. non disponibili per malafede e non, cambi utenza, ecc.). DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo 20 E' ancora obbligatorio ripartire i cosiddetti 'costi fissi' in base ai millesimi di fabbisogno
calcolati da un tecnico abilitato'
No. Nel caso in cui si deroghi dalla norma UNI 10200, cosa che accade spesso, il legislatore non
prevede su che base debbano essere ripartiti i cosiddetti 'costi fissi' : ad esempio, possono
essere utilizzati i millesimi, i metri quadri o i metri cubi utili, oppure le potenze installate o
un altro metodo scelto dall'assemblea. Si possono continuare a utilizzare i millesimi di
riscaldamento adoperati in precedenza nel condominio per la
ripartizione dei 'costi fissi' delle spese di riscaldamento
. V. 1.4 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo 21 Un condominio pu installare i ripartitori di costi di riscaldamento invece dei
contatori di calore, anche se l'installazione di questi ultimi sia tecnicamente
possibile'
Si,
a condizione che un tecnico abilitato accerti
mediante una relazione tecnica (anche
non asseverata) che l'installazione di contatori di calore 'non sia efficiente in termini
di costi rispetto ai risparmi energetici potenziali'.
(Riferimento per la metodologia di calcolo UNI
EN 15459 FACOLTATIVO) Chi aveva gi provveduto all'istallazione dei dispositivi (contatori di energia termica.
Ripartitori, ecc.) prima dell'entrata in vigore del DLgs 141/2016 e abbia gi
provveduto alla relativa suddivisione delle spese , pu continuare a suddividere
come prima'
Si
le disposizioni (applicazione della UNI 10200 e/o alla deroga con il 50% di fabbisogno di differenza) sono
FACOLTATIVE se in data 26 luglio 2016 si aveva gi ripartito le spese secondo i consumi. (vedasi anche la perizia
legale a disposizione su richiesta e/o sul sito ANCCA. V. 1.4 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo Questioni risolte dopo i chiarimenti in giugno 2017 da parte del MISE 22 L'inefficienza in termini di costi deve essere provata per ciascuna unit
immobiliare oppure per tutto il condominio'
' La perizia tecnica deve essere fatta con riferimento a tutto il condominio o edificio polifunzionale. La condizione di 'inefficienza in termini di costi' indicata nella legge non pu
riferirsi ad una singola unit immobiliare e quindi esimere eventualmente tale unit dall'installazione dei dispositivi
previsti e dalla conseguente suddivisione dei costi secondo i consumi individuali. (Risposta 12) ' Unico riferimento per la metodologia di calcolo: UNI EN 15459 Esiste un quorum minimo assembleare per deliberare un criterio di riparto
degli importi in presenza di termoregolazione e contabilizzazione'
' Si. Tale criterio sancito dall'art. 26 comma 5 della Legge n. 10/1991 che dispone di fare riferimento al comma 2 dell'articolo 1120 del Codice Civile, ove si prevede che la decisione sia assunta con la maggioranza degli intervenuti in assemblea, rappresentanti di almeno la
met del valore dell'edificio
V. 1.4 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo Questioni risolte dopo i chiarimenti in giugno 2017 da parte del MISE E' obbligatorio produrre una diagnosi energetica dell'edificio ai fini dell'attuazione
delle disposizioni in materia di contabilizzazione del calore previste dall'articolo 9
del D.lgs. n. 102/2014'
' No. (Risposta 3) Un edificio di un'unica propriet che, a prescindere dal fatto che la destinazione
d'uso sia unica o meno, abbia la necessit di ripartire le spese energetiche con pi
locatari, da considerarsi un edificio soggetto all'obbligo di adeguamento a
quanto previsto dall'articolo 9 del D.lgs. n. 102/2014'
' Si. Il D.lgs. n. 102/2014 definisce l'edificio polifunzionale come un 'edificio destinato a scopi diversi e occupato da almeno due soggetti che devono ripartire tra loro la fattura dell'energia
acquistata',
di conseguenza vi la necessit di ripartire la spesa per la fattura dell'energia acquistata,
indipendentemente dalla propriet del fabbricato (Risposta 4) V 1.4 23 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo Questioni risolte dopo i chiarimenti in giugno 2017 da parte del MISE Esiste un obbligo di suddivisione delle spese secondo UNI 10200 in assenza di
dispositivi di contabilizzazione (sottocontatori) o di sistemi di termoregolazione e
contabilizzazione del calore'
' No. (Risposta 6) L'obbligo di contabilizzazione del calore previsto anche per gli impianti
centralizzati di produzione di acqua calda sanitaria (ACS)'
' S. Tale obbligo previsto dall'art. 9 comma 5, lettera b) del D.lgs. n.102/2014. (Risposta 8) In un edificio, il proprietario dell'abitazione all'ultimo piano ha modificato
l'impianto condominiale a colonne montanti, trasformandolo da radiatori a
pavimenti radianti. Tale situazione rende impossibile l'installazione dei ripartitori
negli altri appartamenti'
' No. Il proprietario dell'ultimo piano dovr dotarsi di opportuni contabilizzatori diretti, come previsti dal comma 5, lettera
b) dell'art. 9, mentre per la restante parte del condominio possibile installare un sistema di termoregolazione e
contabilizzazione indiretto, come previsto dal comma 5, lettera c) del D.lgs. n. 102/2014. (Risposta 11) V 1.4 24 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo Questioni risolte dopo i chiarimenti in giugno 2017 da parte del MISE Nel conteggio di fine anno dei consumi rilevati, ammesso per legge prevedere i
cosiddetti "fattori di compensazione" per l'ubicazione sfavorevole di singole
unit immobiliari'
' No. La normativa non prevede la possibilit di utilizzo di fattori di compensazione. (Risposta 13) L'installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione consente il
funzionamento dell'impianto termico per tutte le 24 ore'
' Il funzionamento dell'impianto termico per una durata giornaliera superiore alle ore di cui all'articolo 4, comma 2, DPR 74/2013, consentita solo se si ricade in una delle condizioni di cui al comma 6 dello stesso articolo. In particolare, nel caso di installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione, consentito il funzionamento dell'impianto termico per tutte le 24 ore soltanto se presente un
programmatore che consenta la regolazione della temperatura almeno su due
livelli nell'arco delle 24 ore
(Risposta 16) V 1.4 25 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo Questioni risolte dopo i chiarimenti in giugno 2017 da parte del MISE In relazione all'articolo 9, comma 5, lettera d), del D.lgs. n. 102/2014, com' calcolata la differenza di fabbisogno termico per metro quadro tra le unit immobiliari costituenti il
condominio al fine di verificare se questa superi il 50 per cento'
' La procedura suggerita 1) per la verifica del calcolo delle differenze di fabbisogno delle singole unit immobiliari di tipo iterativo, come di seguito indicato: ' calcolo del fabbisogno ideale di energia termica utile di due unit immobiliari (si consiglia di iniziare il calcolo dalle due unit che per esposizione e posizione potrebbero avere
evidenti differenze di fabbisogni ideali
); ' confronto dei fabbisogni per metro quadro tra le due unit immobiliari suddette e determinazione della relativa differenza. La formula da utilizzarsi la seguente: (Fabbisogno termico massimo '
Fabbisogno termico minimo)/ Fabbisogno termico massimo 2) ' Se la differenza suddetta inferiore al 50%, allora si proceder a valutare il fabbisogno ideale di energia termica utile di altre unit immobiliari al fine di verificare se questa superi il 50 per cento. (Risposta 17) 1) Si evidenzia che una procedura suggerita e quindi non cogente! Quindi al tecnico abilitato lasciata piena libert a procedere con metodi per determinare i fabbisogni che sono secondo le regole di buona pratica 2) assolutamente ridicolo (senza alcuna giustificazione tecnica) che la formula indicata (anche se solo a titolo suggerito) debba essere quella scritta nella risposta, la quale afferma in pratica che da 100 a 150 non esiste una
differenza del 50%
perch si dovrebbe calcolare dall'alto in basso. Peccato che per questo la legge 102 non lo
dica! evidente che questa sia una concessione ad una richiesta interessata da parte di lobby potenti che in
questo modo lede pesantemente i diritti dei consumatori. ANCCA ha gi contestato la presenza di questa formula V 1.4 26 DLgs 141/2016 ' Decreto correttivo: Sostenevamo il giusto! Siamo orgogliosi del fatto che finalmente sia stato affermato giusto quanto gi comunicato
nell'ottobre 2016 (vedasi info sul sito ANCCA.org)
nel documento dello Studio Legale dell'Avv.
Glaviano. Questo, nonostante ingenti pressioni mediatiche che volevano per forza sostenere le
interpretazioni contrarie. Viene confermata ulteriormente la nostra seriet nel divulgare una corretta
informazione per la difesa del consumatore finale ! V 1.4 27 Al fine di eliminare ogni eventuale possibilit di contrasto con le norme Europee, la
nuova edizione della norma contiene le seguenti modifiche rispetto alla precedente
versione (UNI 10200:2013): ' stata cancellata la prima frase del terzo capoverso del punto 5.1.3: 'I
dispositivi utilizzati in caso di contabilizzazione indiretta, nella fattispecie i
ripartitori, devono essere programmati in funzione delle caratteristiche e della
potenza termica dei corpi scaldanti su cui vengono installati.'
Questo allo scopo di chiarire la possibilit di utilizzo di tutte le tipologie di
ripartitori conformi alla norma Europea UNI EN 834;
' stata cancellata la frase di cui al secondo comma del punto D.1
dell'appendice D: 'la programmazione dei ripartitori, ai fini del progetto
dell'impianto di contabilizzazione indiretta' .
Questo allo scopo di non essere in conflitto con la norma UNI EN 834 per la
determinazione del Kq (le potenze nominali dei radiatori) che in effetti non
prevede simili metodologie come il metodo dimensionale il quale pu
portare a gravi errori nella determinazione dei consumi.
Aggiornamento d'ufficio della Norma UNI 10200:2013 -> 10200:2015 Perch' 28 V. 1.4 29 Il fine della contabilizzazione non quello di inventare calcoli
matematici complicati e apparentemente perfetti (talvolta anche non
possibili), ma semplicemente di incoraggiare un consumo razionale
dell'energia nel modo pi semplice, equo ed economico possibile!


In evidenza

ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
select * from VERT_CONTENUTI as con left join VERT_UTENTI_AZIENDE as azi on con.iduteazienda = azi.iduteazienda where testataurl like '%%' or eventourl like '%'%' or testataurl like '%'eiomfiere.it%' or eventourl like '%'eiomfiere.it'%'
Array ( ) Array ( [0] => Array ( [0] => 42000 [SQLSTATE] => 42000 [1] => 102 [code] => 102 [2] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Incorrect syntax near 'eiomfiere'. [message] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Incorrect syntax near 'eiomfiere'. ) [1] => Array ( [0] => 01000 [SQLSTATE] => 01000 [1] => 16954 [code] => 16954 [2] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Executing SQL directly; no cursor. [message] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Executing SQL directly; no cursor. ) )
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186