verticale

Cogenerazione ad alto rendimento

• L’operatore deve conoscere il valore effettivo di tutti i flussi di energia in ingresso e in uscita dal sistema rilevati attraverso sistemi di misura installati sui confini individuati;
• la suddivisione dell’impianto deve consentire anche la determinazione dell’energia elettrica e del calore non prodotti in regime di cogenerazione.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Polygen cogenerazione diffusa e trigenerazione, maggio 2013

Pubblicato
da Alessia De Giosa




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo

Gabriele Susanna Divisione Operativa COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Milano 10 maggio 2013 - 2 -
Indice ' La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) ' Regime di sostegno alla CAR ' Presentazione delle richieste al GSE
- 3 - La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) A partire dal 1° gennaio 2011, un''unità di cogenerazione si può definire come funzionante in condizioni di alto rendimento solo se presenta caratteristiche
conformi ai criteri indicati nell''allegato III del D.Lgs 8 febbraio 2007, n° 20, come integrato dal DM 4 agosto 2011. La conformità è da intendersi sia in termini di
indici conseguiti sia di configurazione impiantistica. Alcuni benefici riconosciuti alla CAR sono:

' esonero dall''obbligo di acquisto dei certificati verdi previsto per i produttori e gli importatori di energia elettrica con produzioni e importazioni annue da fonti non
rinnovabili; ' priorità di dispacciamento per l''energia elettrica riconosciuta di CAR rispetto alle fonti convenzionali; ' possibilità di accedere al servizio di scambio sul posto dell''energia elettrica prodotta da impianti con potenza nominale fino a 200 kW (TISP); ' condizioni tecnico-economiche semplificate per la connessione alla rete elettrica (TICA); ' accesso al meccanismo dei Certificati Bianchi. - 4 - Il Risparmio di Energia Primaria (PES)
Sulla base del DM 4 agosto 2011, il procedimento per il calcolo del PES può essere sintetizzato nei
seguenti passaggi: Individuare l''unità di cogenerazione e riconoscerne i confini. 1 Calcolare l''energia elettrica da cogenerazione. 3 Determinare il rendimento globale dell''unità. 2 Calcolare il risparmio di energia primaria. 4 Il parametro per la valutazione delle condizioni di Alto Rendimento per una data unità di cogenerazione e
un dato periodo di riferimento è il Risparmio di Energia Primaria (PES).
In particolare, la condizione da rispettare è:

PES ' 0.1 (10%)
oppure

PES > 0
Per unità con capacità di generazione inferiore a 1 MW (piccola e micro cogenerazione)
- 5 - impianto elettricità
prodotta
dall''impianto
calore
prodotto
dall''impianto
energia di alimentazione consumata dall''impianto unità di cogenerazione elettricità
prodotta
dall''unità
calore
prodotto
dall''unità
energia di alimentazione consumata dall''unità Individuare l''unità di cogenerazione e riconoscerne i confini Prima di procedere ai calcoli, l''impianto di cogenerazione va suddiviso secondo lo schema presente nell''Allegato II caldaia esclusivamente termica energia di alimentazione caldaia calore Parte non CHP energia di alimentazione non CHP elettricità
non CHP
Parte CHP energia di alimentazione CHP elettricità
CHP
calore utile 1 ' l''Operatore deve conoscere il valore effettivo di tutti i flussi di energia in ingresso e in uscita dal sistema
rilevati attraverso sistemi di misura installati sui confini individuati; ' la suddivisione dell''impianto deve consentire anche la determinazione dell''energia elettrica e del calore
non prodotti in regime di cogenerazione. A tal fine, nello stesso Allegato II, vengono forniti alcuni esempi e
indicazioni di base.
Nel caso di unità di microcogenerazione (capacità di generazione inferiore a 50 kW e) le misure possono essere sostituite da valori certificati, precedentemente approvati dal Gestore dei Servizi Energetici, fatto salvo la misura del calore in
impianti dotati di sistemi di dissipazione e situazioni di funzionamento modulabile. calore - 6 - Energia di alimentazione consumata ' F UNIT' 1 Ambito di analisi Combustibile consumato da un post-combustore che,
posto a valle di un gruppo TG facente parte dell''unità
di cogenerazione, partecipa all''incremento della
produzione di vapore destinato alla produzione
combinata di energia elettrica/meccanica e calore utile
Combustibile consumato da un post-combustore che,
posto a valle di un gruppo TG facente parte dell''unità
di cogenerazione, partecipa all''incremento della
produzione di vapore destinato alla produzione di solo
calore utile
Combustibile proveniente da processi esterni al
confine dell''unità di cogenerazione, finalizzato alla
produzione combinata di energia elettrica/meccanica e
calore utile
Energia di alimentazione di impianti «esclusivamente
termici» (es. caldaie di integrazione, caldaie di
riserva')
Reflui di un processo industriale esterno, finalizzati alla
produzione combinata di energia elettrica/meccanica e
calore utile (es. vapore, acqua calda surriscaldata, gas
caldi)
Combustibile utilizzato per la produzione di vapore
vivo estratto a monte di una turbina a vapore e
destinato all''area di consumo, ad eccezione della
tecnologia turbina a gas a ciclo combinato con
recupero di calore
Acqua calda destinata al processo di attemperamento e
proveniente dall''esterno dell''unità cogenerativa (es.
acqua di pozzo)
Reflui di scarico di un motore primo che produce
energia elettrica/meccanica, finalizzati all''alimentazione
di un motore primo di valle che produce in maniera
combinata energia elettrica/meccanica e calore utile
Si No IMPIANTO unità di cogenerazione caldaia F UNIT' E UNIT' H CHP F IMP. E IMP. H IMP. F nonCHP,H H nonCHP - 7 - Energia elettrica/meccanica prodotta ' E UNIT' 1 Energia elettrica prodotta da due generatori accoppiati
a motori primi tra loro collegati «in serie» (cioè energia
termica dei gas di scarico del motore primo ''topping''
alimenta il motore primo ''bottoming'') anche se
collocati in siti giuridicamente o geograficamente
differenti
Energia elettrica prodotta da gruppi elettrogeni di
riserva (non partecipano alla produzione combinata)
Energia elettrica/meccanica prodotta da un motore
primo appartenente all''unità di cogenerazione durante i
transitori
Energia meccanica usata da dispositivi direttamente
connessi con le prestazioni del motore primo
appartenente all''unità di cogenerazione (es.
compressore della turbina a gas)
Energia elettrica prodotta da una turbina a vapore
«secondaria» posta a valle della turbina «principale»
Si No IMPIANTO unità di cogenerazione caldaia F UNIT' E UNIT' H CHP F IMP. E IMP. H IMP. F nonCHP,H H nonCHP Ambito di analisi - 8 - Calore utile prodotto ' H CHP 1 Due principi (contemporaneamente validi)
per poter qualificare l''energia termica prodotta nel periodo di rendicontazione
come H CHP: 1. H CHP fornita a scopi utili all''utenza 2. H CHP prodotto dall''unità di cogenerazione (in combinazione con
produzione di E.E.) Calore totale prodotto dall''impianto di cogenerazione CALORE UTILE prodotto dall''impianto di cogenerazione Calore NON Utile (es. disperso nell''ambiente) prodotto dall''impianto di cogenerazione H CHP Calore utile prodotto dall''unità di cogenerazione Calore utile non prodotto dall''unità di cogenerazione Ambito di analisi IMPIANTO unità di cogenerazione caldaia F UNIT' E UNIT' H CHP F IMP. E IMP. H IMP. F nonCHP,H H nonCHP - 9 - Calore utile prodotto ' H CHP 1 MODALIT' DI UTILIZZO DELL'ENERGIA TERMICA Utilizzo del calore in processi industriali Dispersione del calore nell'ambiente senza alcun
impiego
Utilizzo del calore per il riscaldamento o
raffrescamento degli ambienti (anche mediante rete di
distribuzione del calore)
Calore utilizzato per consumi interni dell'unità di
cogenerazione
Utilizzo diretto di gas esausti, provenienti da un motore
primo appartenente all'unità di cogenerazione, ai fini di
un processo di essiccazione ovvero ai fini di
riscaldamento diretto
Energia termica utilizzata da un dispositivo posto a
valle dell'unità di cogenerazione, ai soli fini della
produzione di energia elettrica
Energia termica contenuta nell'acqua prelevata dal
generatore di vapore e utilizzata in qualità di acqua di
attemperamento
Utilizzo del calore prodotto dall'unità di cogenerazione
per la produzione presso l'area di consumo di frigorie,
per il raffreddamento dell'aria di ingresso di una
turbina a gas
Energia termica contenuta nell'acqua prelevata
dall'esterno (es. acqua di pozzo) e utilizzata in qualità
di acqua di attemperamento
Vapore prodotto da una turbina "principale" e inviato a
una turbina "secondaria" per la produzione combinata
di energia elettrica/meccanica e calore utile
Si No MODALIT' DI PRODUZIONE DELL''ENERGIA TERMICA Prelievo di acqua degassata dal degassatore (con
degassatore alimentato dal corpo cilindrico del
generatore di vapore) di un impianto a vapore,
destinata all'area di consumo
Calore prodotto da impianti "esclusivamente termici"
(es. caldaie di integrazione, caldaie di riserva)
Prelievo di acqua degassata dal degassatore (con
degassatore alimentato da una corrente di estrazione
della turbina a vapore) di un impianto a vapore,
destinata all'area di consumo
Estrazione di vapore vivo, a monte di una turbina a
vapore, destinato all''area di consumo (destinazione
diretta ovvero a seguito di by-pass della turbina a
vapore; ad eccezione della tecnologia "Turbina a gas a
ciclo combinato con recupero di calore")
Si No - 10 - Determinare il rendimento globale dell''unità Come indicato nell''Allegato II del DM 4 agosto 2011, sulla base della quantificazione del valore dei parametri relativi all''unità di cogenerazione (F UNIT', EUNIT', HCHP), valutati in relazione ad un periodo di riferimento (anno solare), è possibile calcolare il rendimento globale dell''unità di cogenerazione, pari al rapporto tra l''energia complessivamente prodotta e l''energia di alimentazione consumata: energia elettrica + energia meccanica + calore utile energia di alimentazione rendimento globale = ' l''energia elettrica da considerare ai fini del calcolo del rendimento, è quella misurata ai morsetti del
generatore;
' per calore utile si intende quello utilizzato nei processi industriali, per il riscaldamento o il raffrescamento di ambienti o come uso diretto dei gas di scarico. Se l''energia termica viene fornita all''utenza sotto forma di vapore, si assume che il calore utile sia pari al prodotto della portata di vapore per la differenza tra
l''entalpia del vapore in mandata e l''entalpia dell''acqua alla temperatura di 15°C e 1,013 bar;
' l''energia di alimentazione è quella associata al combustibile che l''unità di cogenerazione ha consumato
nel periodo di riferimento per produrre energia elettrica e calore (sia cogenerati sia non cogenerati) 2 = E UNIT' + HCHP F UNIT' - 11 - Nell''Allegato II vengono indicati due diversi valori di soglia per il rendimento globale: ' se l''unità di cogenerazione ha un rendimento globale maggiore o uguale al valore di soglia, ai fini del
calcolo del PES, tutta l''energia elettrica prodotta nel periodo di riferimento viene considerata da cogenerazione;
' se l''unità di cogenerazione ha un rendimento globale minore del valore di soglia, l''Operatore dovrà
determinare il RAPPORTO ENERGIA/CALORE (C) dell''unità e, noto il calore utile prodotto (H CHP), procedere al seguente calcolo: ' 80% per unità con turbina a gas a ciclo combinato con recupero di calore e unità con
turbina a condensazione con estrazione di vapore;
' 75% per le altre tipologie. E CHP = HCHP x C prog C default C eff Rapporto energia/calore di progetto, utilizzabile per impianti in esercizio
da meno di un anno, per i quali non sono disponibili valori misurati. Rapporto energia/calore di default. Rapporto energia/calore effettivo. Da calcolare secondo quanto descritto
nelle «Linee Guida per l''applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 5 settembre 2011 '' Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)» Il valore ottenuto va confrontato con l''energia elettrica prodotta nel periodo di riferimento. Il minore tra i due è assunto pari all''energia elettrica da cogenerazione. Calcolare l''energia elettrica da cogenerazione 3 - 12 - '''' + '''' '''' = ' ''''''''''','''''''''' '''''''
''''''' = ' '''''',' Calcolare l''energia elettrica da cogenerazione η globale, unità < ηglobale, soglia 3 noto E CHP + EnonCHP = E UNITA'' F CHP + FnonCHP,E = F UNITA'' incognita (1) (2) Valore «IMPOSTO»
(2 procedure diverse a seconda del tipo d''impianto) parte CHP Unità di cogenerazione EUNIT' HCHP FUNIT' parte NON CHP Unità di cogenerazione FCHP FnonCHP,E ECHP EnonCHP CONFINI DELL''UNIT' DI COGENERAZIONE incognita noto noto Il sistema è costituito da 2 «incognite», richiede 2 «equazioni»: - 13 - '''' + '''' '''' = ' ''''''''''','''''''''' = ''''% '''''''
''''''' = ' '''''',' = ''''''
'''''' (1) (2) Calcolare l''energia elettrica da cogenerazione Coefficiente β ' (NO) 3 AMBITO DI ANALISI CAPITOLO 6 80% nel caso di CCC con TV a contropressione '''' = ' '''''',' ' ''''''''''','''''''''' '' ' '''''',' '''' = '''' '' '''' - 14 - AMBITO DI ANALISI CAPITOLO 7 '''' + '''' '''' = ' ''''''''''','''''''''' = ''''% '''''''
''''''' = ' '''''',' = '''''' + ' '' '''' '''''' (1) (2) Calcolare l''energia elettrica da cogenerazione Coefficiente β ' (SI) 3 '''' = ' '''''',' '' ' '' ' ''''''''''','''''''''' ' ''''''''''','''''''''' '' ' '''''',' '''' = '''' '' '''' - 15 - il PES è definito come: Calcolo del Primary Energy Saving (PES) PES = x 100 1 - CHPHη RefHη CHPEη RefEη + 1 ' IL RENDIMENTO TERMICO DELLA PRODUZIONE MEDIANTE COGENERAZIONE CHPHη ' IL RENDIMENTO ELETTRICO DELLA PRODUZIONE MEDIANTE COGENERAZIONE CHPEη ' IL RENDIMENTO DI RIFERIMENTO PER LA PRODUZIONE SEPARATA DI CALORE RefH η ' IL RENDIMENTO DI RIFERIMENTO PER LA PRODUZIONE SEPARATA DI ELETTRICIT' RefE η 4 - 16 - Rendimenti di produzione mediante cogenerazione 4 è definito come rapporto tra: ' energia elettrica/meccanica prodotta da cogenerazione, calcolata come specificato nell''Allegato II; ' energia contenuta nell''intero combustibile di alimentazione impiegato per produrre il calore utile e l''energia elettrica da cogenerazione. CHPEη Sono dati specifici dell''unità di cogenerazione, vanno calcolati sulla base dei valori di energia reali (misurati o eventualmente certificati nel caso della micro-cogenerazione), per un dato periodo di
riferimento: è definito come rapporto tra: ' quantità di calore utile prodotto dall''unità; ' energia contenuta nell''intero combustibile di alimentazione impiegato per produrre il calore utile e l''energia elettrica da cogenerazione. CHPHη CHPEη CHPHη - 17 - Rendimenti di riferimento 4 RefE η i valori di rendimento di riferimento per la produzione separata di energia elettrica sono indicati
nell''Allegato IV del DM 4 agosto 2011 e variano in funzione di:
' tipo di combustibile impiegato; ' anno di entrata in esercizio dell''unità di cogenerazione. Combustibile (allegato IV, d.lgs. 4 Agosto 2011) 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006
2011 Carbone fossile/coke 39,7% 40,5% 41,2% 41,8% 42,3% 42,7% 43,1% 43,5% 43,8% 44,0% 44,2% Lignite/mattonelle di lignite 37,3% 38,1% 38,8% 39,4% 39,9% 40,3% 40,7% 41,1% 41,4% 41,6% 41,8% Torba/mattonelle di torba 36,5% 36,9% 37,2% 37,5% 37,8% 38,1% 38,4% 38,6% 38,8% 38,9% 39,0% Combustibile a base di LEGNO 25,0% 26,3% 27,5% 28,5% 29,6% 30,4% 31,1% 31,7% 32,2% 32,6% 33,0% Biomasse di origine agricola 20,0% 21,0% 21,6% 22,1% 22,6% 23,1% 23,5% 24,0% 24,4% 24,7% 25,0% Rifiuti (urbani) biodegradabili 20,0% 21,0% 21,6% 22,1% 22,6% 23,1% 23,5% 24,0% 24,4% 24,7% 25,0% Rifiuti (urbani/industriali) non rinnovabili 20,0% 21,0% 21,6% 22,1% 22,6% 23,1% 23,5% 24,0% 24,4% 24,7% 25,0% Scisti bituminosi 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 38,9% 39,0% Petrolio (gasolio + olio combustibile residuo), GPL 39,7% 40,5% 41,2% 41,8% 42,3% 42,7% 43,1% 43,5% 43,8% 44,0% 44,2% Biocarburanti 39,7% 40,5% 41,2% 41,8% 42,3% 42,7% 43,1% 43,5% 43,8% 44,0% 44,2% Rifiuti biodegradabili 20,0% 21,0% 21,6% 22,1% 22,6% 23,1% 23,5% 24,0% 24,4% 24,7% 25,0% Rifiuti non rinnovabili 20,0% 21,0% 21,6% 22,1% 22,6% 23,1% 23,5% 24,0% 24,4% 24,7% 25,0% Gas naturale 50,0% 50,4% 50,8% 51,1% 51,4% 51,7% 51,9% 52,1% 52,3% 52,4% 52,5% gas raffineria/idrogeno 39,7% 40,5% 41,2% 41,8% 42,3% 42,7% 43,1% 43,5% 43,8% 44,0% 44,2% Biogas 36,7% 37,5% 38,3% 39,0% 39,6% 40,1% 40,6% 41,0% 41,4% 41,7% 42,0% Gas di cokeria, gas di altoforno, altri rifiuti gassosi, calore residuo recuperato 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% 35,0% So li d o Liq u id o Gasso so 0% 50% 0 10 20 30 0% 50% 0 50 100 150 0% 50% 0 50 100 150 0% 50 % 10 0% 0 1000 RefE η - 18 - Rendimenti di riferimento 4 RefE η Il rendimento ottenuto va corretto con appositi fattori legati: ' alla zona climatica, secondo quanto prescritto dall''Allegato VI del DM 4 agosto 2011, per tener conto della diversa temperatura media annuale rispetto al valore di riferimento che è di 15°C. ' alle perdite evitate sulla rete, secondo quanto prescritto dall''Allegato VII del DM 4 agosto 2011. Il fattore correttivo varia in funzione della tensione di collegamento alla rete e a seconda che l''energia prodotta venga immessa in rete o consumata in loco. Questa correzione non si applica agli impianti che utilizzano
combustibili a base di legno o biogas.
Considerando i fattori correttivi, rispetto al valore iniziale: RefE η se la tensione di collegamento alla rete quota di energia elettrica immessa in rete la temperatura media della località d''installazione Zona climatica temperatura media Fattore di correzione in punti percentuali Valle d'Aosta 11,315 0,369% Trentino Alto Adige 11,315 0,369% Piemonte 11,315 0,369% Friuli Venezia Giulia 11,315 0,369% Lombardia 11,315 0,369% Veneto 11,315 0,369% Abruzzo 11,315 0,369% Emilia Romagna 11,315 0,369% Liguria 11,315 0,369% Umbria 11,315 0,369% Marche 11,315 0,369% Molise 11,315 0,369% Toscana 11,315 0,369% Lazio 16,043 -0,104% Campania 16,043 -0,104% Basilicata 16,043 -0,104% Puglia 16,043 -0,104% Calabria 16,043 -0,104% Sardegna 16,043 -0,104% Sicilia 16,043 -0,104% Tensione di collegamento
alla rete [kV]
Coeff. Energia immessa Coeff. Energia auto-consumata > 200 kV 1,000 0,985 100 - 200 kV 0,985 0,965 50 - 100 kV 0,965 0,945 0,4 - 50 kV 0,945 0,925 < 0,4 kV 0,925 0,860 RefE η - 19 - Rendimenti di riferimento 4 i valori di rendimento di riferimento per la produzione separata di calore
sono indicati nell''Allegato V del DM 4 agosto 2011, in funzione di: ' tipo di combustibile impiegato ' utilizzo che viene fatto del calore ' produzione di acqua calda o vapore, uso diretto dei gas di scarico a T < 250°C,
' uso diretto dei gas di scarico a T ' 250°C a parità di combustibile utilizzato, il rendimento di riferimento è minore quando è previsto l''uso diretto dei gas di scarico a T ' 250°C. RefH η Nel caso in cui l''unità di cogenerazione venga alimentata con più combustibili, entrambi i
rendimenti di riferimento vanno calcolati come
media pesata di quelli relativi ai singoli
combustibili, utilizzando come peso i rispettivi
contenuti energetici. N.B. Combustibile (allegato V, d.lgs. 4 Agosto 2011) Vapore/ acqua gas di scarico Carbone fossile/coke 88,0% 80,0% Lignite/mattonelle di lignite 86,0% 78,0% Torba/mattonelle di torba 86,0% 78,0% Combustibile a base di LEGNO 86,0% 78,0% Biomasse di origine agricola 80,0% 72,0% Rifiuti (urbani) biodegradabili 80,0% 72,0% Rifiuti (urbani/industriali) non rinnovabili 80,0% 72,0% Scisti bituminosi 86,0% 78,0% Petrolio (gasolio + olio combustibile residuo), GPL 89,0% 81,0% Biocarburanti 89,0% 81,0% Rifiuti biodegradabili 80,0% 72,0% Rifiuti non rinnovabili 80,0% 72,0% Gas naturale 90,0% 82,0% gas raffineria/idrogeno 89,0% 81,0% Biogas 70,0% 62,0% Gas di cokeria, gas di altoforno, altri rifiuti gassosi, calore residuo recuperato 80,0% 72,0% So lid o Liq u id o Gasso so RefH η - 20 -
Indice ' La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) ' Regime di sostegno alla CAR ' Presentazione delle richieste al GSE
- 21 -
Regime di sostegno alla CAR Ai sensi del DM 5 settembre 2011, le unità di cogenerazione riconosciute come funzionanti in regime di
CAR hanno diritto al rilascio di Certificati Bianchi di tipologia II:

' per 10 anni, a partire dal 1° gennaio dell''anno solare successivo all''entrata in esercizio (anche a seguito di rifacimento); ' per 15 anni, a partire dal 1° gennaio dell''anno solare successivo all''entrata in esercizio (anche a seguito di rifacimento), per unità abbinate a rete di teleriscaldamento; ' per 5 anni* a partire dal 1° gennaio 2012 se sono entrate in esercizio tra il 1° aprile 1999 e il 6 marzo
2007
Il numero dei certificati rilasciati è commisurato al risparmio di energia primaria conseguito, secondo la
seguente formula: dove: RISP è il risparmio di energia primaria in MWh K è il coefficiente di armonizzazione che dipende dalla potenza dell''unità in
cogenerazione, calcolato secondo quanto indicato nelle « Linee Guida per l''applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 5 settembre 2011 '' Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)» K RISP B C * 086 . 0 * . . ' *Per queste unità il numero di Certificati Bianchi rilasciati è pari al 30% di quelli previsti negli altri casi. N.B. Fermo restando il periodo di incentivazione, sono esclusi gli anni in cui l''unità di cogenerazione non soddisfa i requisiti di alto rendimento. - 22 -
Calcolo del risparmio di energia primaria (RISP) Per ogni unità di cogenerazione e per ogni anno solare, il risparmio di energia primaria va
calcolato utilizzando la seguente formula: CHP T CHP E CHP F H E RISP ' ' '  ' dove: E CHP è l''energia elettrica prodotta in cogenerazione espressa in MWh, calcolata secondo quanto previsto dall''allegato II del Decreto 4 agosto 2011 . H CHP è l''energia termica utile prodotta in cogenerazione espressa in MWh. η'' E è il rendimento medio convenzionale del parco di produzione elettrica italiano, corretto secondo quanto disposto dal DM 5 settembre 2011 e dalle Linee Guida per
l''applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 5 settembre 2011 ''
Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR). η T è il rendimento medio convenzionale del parco di produzione termico italiano. Il valore si assume pari a 0.82 nel caso di uso diretto dei gas di scarico e pari a 0.9 nel
caso di produzione di acqua calda o vapore.
F CHP è l''energia del combustibile che l''unità di cogenerazione ha consumato durante l''anno considerato per produrre in cogenerazione. - 23 -
Requisiti per l''accesso agli incentivi successiva al 31/12/2010 funzionamento in regime di CAR secondo i criteri
del DM 4 agosto 2011 tra il 7/3/2007 e il 31/12/2010 funzionamento in regime di cogenerazione ai sensi
della Delibera AEEG 42/02, solo se non sono
rispettati i criteri del DM 4 agosto 2011 tra il 5/4/2002 e il 6/3/2007 funzionamento in regime di cogenerazione ai sensi
della Delibera AEEG 42/02 tra l''1/4/1999 e il 4/4/2002 funzionamento in regime di cogenerazione ai sensi
del provvedimento CIP 6/92 Ai soli fini dell''accesso al meccanismo dei Certificati Bianchi secondo quanto previsto dal DM 5 settembre 2011, le unità di cogenerazione sono tenute al rispetto dei requisiti descritti
in tabella. Data di entrata in esercizio Requisiti - 24 -
Requisiti per l''accesso agli incentivi (Cumulabilità) Gli incentivi previsti dal DM 5 settembre 2011 non sono cumulabili con altri incentivi
pubblici o regimi di sostegno comunque denominati, fatto salvo:















Accesso a fondi di garanzia o fondi di rotazione Incentivi pubblici in conto capitale inferiori al 40% del costo dell''investimento Fino a 200 kW di potenza installata Incentivi pubblici in conto capitale inferiori al 30% del costo dell''investimento Fino a 1 MW
Incentivi pubblici in conto capitale inferiori al 20% del costo dell''investimento Superiore a 1 MW Accesso alla detassazione dal reddito di impresa
degli investimenti in macchinari e apparecchiature
Tipologia di incentivo Requisiti Gli operatori che hanno avuto accesso ai Certificati Bianchi ai sensi del DM 20 luglio 2004 e s.m.i. possono accedere ai benefici previsti dal DM 5 settembre 2011 previa rinuncia al godimento dell''intero quantitativo di CB ottenuti. - 25 -
Modalità di utilizzo dei Certificati Bianchi '' Il DM 5 settembre 2011 prevede che i CB siano utilizzati ; ' per assolvere la quota d''obbligo da parte dei soggetti obbligati; ' per essere scambiati tra gli operatori che li detengo e i soggetti obbligati stessi. '' In alternativa, il decreto specifica che l''operatore può richiedere al GSE il ritiro dei Certificati cui ha diritto. '' Il prezzo di ritiro è quello vigente al momento dell''entrata in esercizio dell''unità di cogenerazione e rimane costante per tutta la durata del periodo di incentivazione. '' I CB acquistati dal GSE non possono essere oggetto di successive contrattazioni con i soggetti obbligati. - 26 -
Indice ' La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) ' Regime di sostegno alla CAR ' Presentazione delle richieste al GSE
- 27 -
Presentazione delle richieste al GSE L''invio dei dati e della richiesta avviene esclusivamente per via telematica utilizzando il
portale RICOGE messo a disposizione dal GSE. Le richieste che si possono presentare sono:

' riconoscimento del funzionamento in regime di CAR (a preventivo e a consuntivo); ' accesso ai Certificati Bianchi per la produzione dell''anno precedente alla presentazione della richiesta; ' riconoscimento del funzionamento in cogenerazione ai sensi della Delibera 42/02 ai fini dell''accesso ai Certificati Verdi per la cogenerazione abbinata al teleriscaldamento.(CHP/TLR) ai sensi del DM 24
ottobre 2005 - 28 -
Riconoscimento CAR Chi pu ò fare richiesta a preventivo:
' unità di cogenerazione non in esercizio ' unità di cogenerazione entrate in esercizio nello stesso anno solare in cui si presenta la
richiesta a consuntivo:
' unità entrate in esercizio almeno nell''anno solare precedente a quello in cui si presenta richiesta Quando pre se ntare ric hies ta a preventivo:
in qualunque periodo dell''anno
a consuntivo:
dal 1° gennaio al 31 marzo di ogni anno (30 aprile solo per le produzioni dell''anno 2011)

A lcun i do cum ent i necessari per entrambe le richieste:
' relazione tecnica di riconoscimento; ' schema generale di funzionamento; ' schema elettrico completo; ' schema termico completo; ' allegati generati da RICOGE* *firmati e, se necessario, corredati di fotocopia del documento d''identità. solo a consuntivo:
alla presentazione della prima richiesta
' denuncia di officina elettrica; ' verbale di verifica redatto dall''UTF
oppure l''apposito allegato nel caso di soggetto esente - 29 -
Accesso ai CB (produzione anno precedente) Chi pu ò fare richiesta a partire dal 1° gennaio 2012
unità di cogenerazione entrate in esercizio entro il 31 dicembre dell''anno N-2 (con N=anno di presentazione della richiesta) N.B. la prima richiesta CB deve essere presentata entro il quarto anno solare dal ''entrata in esercizio, pena la decadenza del diritto di accesso. a partire dal 1° gennaio 2013
unità di cogenerazione entrate in esercizio tra il 1° aprile 1999 e il 6 marzo 2007 Q uan do presentare richiesta dal 1° gennaio al 31 marzo di ogni anno (30 aprile solo per le produzioni dell''anno 2011)


A lcun i do cum ent i necessari ' relazione tecnica di riconoscimento; ' schema generale di funzionamento; ' schema elettrico completo; ' schema termico completo; ' allegati generati da RICOGE* *firmati e, se necessario, corredati di fotocopia del documento d''identità. ' denuncia di officina elettrica; ' verbale di verifica redatto dall''UTF (oppure l''apposito allegato nel caso di soggetto esente) - 30 -
Richiesta CHP/TLR Chi pu ò fare richiesta a preventivo:
unità di cogenerazione abbinate al teleriscaldamento ai sensi del DM 24 ottobre 2005 e
connesse ad ambienti agricoli (Legge 102/09)

a consuntivo:
unità di cogenerazione abbinate al teleriscaldamento ai sensi del DM 24 ottobre 2005 che
abbiano già ottenuto la qualifica IAFR Q uan do presentare richiesta dal 1° gennaio al 31 marzo di ogni anno



A lcun i do cum ent i necessari ' relazione tecnica di riconoscimento; ' schema generale di funzionamento; ' schema elettrico completo; ' schema termico completo; ' allegati generati da RICOGE*



*firmati e, se necessario, corredati di fotocopia del documento d''identità. - 31 - Grazie per l''attenzione


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186