verticale

Centrali a biomasse: 3 diverse realizzazioni, un'unica turbina a vapore

31 Dicembre 2012: ultimo giorno utile per produrre in rete il primo kW elettrico per i nuovi impianti, pena la perdita della tariffa omnicomprensiva dei certificati verdi. Tre impianti a biomasse da far partire, praticamente in contemporanea, una sfida non facile.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
La Termotecnica giugno 2013

Pubblicato
da Alessio Rampini
La TermotecnicaSegui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
in Vetrina 46 la termotecnica Vetrina nMe
Centrali a biomasse: 3 diverse realizzazioni,
unâ''unica turbina a vapore 31 Dicembre 2012: ultimo giorno utile per produrre in rete il primo
kW elettrico per i nuovi impianti, pena la perdita della tariffa omni-
comprensiva dei certificati verdi. Tre impianti a biomasse da far
partire, praticamente in contemporanea, una sfida non facile. Tre
turbine a vapore da mettere in parallelo con la rete, da regolare e
consegnare ai proprietari degli impianti. Tutto questo è stato possibi-
le da un lato grazie alla professionalità dei tecnici della Società STE
(ex KK&K) ma dallâ''altra dalla semplicità di realizzazione delle turbi-
ne STE che consente di avere tempi di commissioning e avviamento
molto brevi. Le turbine a vapore STE, infatti, sono realizzate come
singolo package preassemblato in cui turbina, riduttore, ausiliari e
impianto olio di controllo e comando sono un tuttâ''uno, realizzato e
pre-testato nello stabilimento di Frankenthal.
Quando una turbina arriva al sito di installazione la possibilità che ci
siano problemi e ritardi durante il commissioning e lâ''avviamento sono ridotti al minimo. Il fatto che la macchina sia testata in casa madre
garantisce il cliente contro difetti che possano ritardare lâ''entrata in
produzione del proprio impianto. Questa elevata affidabilità poi si
ripercuote anche e soprattutto durante il funzionamento delle turbine
a vapore, che hanno ridottissime necessità di manutenzione e quindi
elevata disponibilità di esercizio.
Questo particolare vantaggio delle turbine a vapore STE ha fatto sì
che non ci siano stati ritardi nella messa in marcia dei 3 impianti che
hanno prodotto così il loro primo kWe entro fine 2012 e che quindi
beneficeranno della tariffa omnicomprensiva per i prossimi 15 anni.
I 3 impianti realizzati si differenziano per tipologia di biomassa
(due a cippato di legno e uno a lolla di riso) e per ciclo termico: il
primo impianto ha optato per produrre energia mediante vapore a
bassa pressione e temperatura, per poter utilizzare una più econo-
mica caldaia a tubo di fumo. Il secondo, invece, ha ottimizzato il
rendimento di ciclo con pressione e temperatura del vapore elevate
e con la possibilità di spillare il vapore fra prima e seconda girante
per teleriscaldamento. Il terzo, infine, prevede il ri-surriscaldamento
fra primo e secondo stadio di turbina. Ma un solo componente è
rimasto costante: la turbina a vapore STE, che grazie alla sua estrema
flessibilità, si è adattata al meglio alle diverse esigenze dei clienti.
Impianti diversi, biomassa diversa, condizioni vapore e cicli termici
diversi, ma sempre unâ''unica turbina, la turbina a vapore STE.
Affidabilità, flessibilità, tempi rapidi di commissioning e avviamento,
minima manutenzione: in poche parole una turbina a vapore STE.
NME è rappresentante commerciale di STE GmbH (ex KK&K) fin
dal dopoguerra e mette a disposizione la propria professionalità
sviluppata in diversi decenni per supportare i clienti nelle fattibilità
tecnico/economiche delle loro installazioni industriali. nme Srl www.nmesrl.it giugno 2013


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186