verticale

Apertura dei lavori

TPM®vs 4.0: rivoluzione o evoluzione.
L’Ingegneria di Manutenzione (IdM) agisce e decide su basi oggettive (analitiche).
Il «learningby doing» può essere uno strumento prezioso.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
MCM ottobre 2017 Ingegneria di Manutenzione: diagnostica avanzata e decisioni operative in ambiente caratterizzato da flusso elevato di informazioni e SW evoluti

Pubblicato
da Benedetta Rampini
MCM 2017Segui aziendaSegui




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
Veronafiere 18-19 ottobre 2017 Gli atti dei convegni e pi di 8.000 contenuti su www.verticale.net Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore 27 ottobre Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Alimentare Alimentare Petrolchimico Alimentare 28 ottobre Alimentare Petrolchimico Alimentare Alimentare Petrolchimico Visione e Tracciabilit 28 ottobre Luce Energia Domotica LED Luce Energia Domotica LED Ingegneria di Manutenzione: diagnostica avanzata e decisioni operative in ambiente caratterizzato da flusso elevato di informazioni e SW evoluti. MCM ' 19 ottobre 2017 Verona Fiere
Relatore Ing. Francesco Cominoli
Maintenance Engineering Senior Consultant Riprendiamo le Conclusioni dell'edizione 2016 '.Non azzardato affermare che, molto spesso prodotti, servizi, strumenti di diagnostica precoce dei SW gestionali si sono tecnologicamente evoluti prima di un'analoga evoluzione organizzativa da parte degli utenti, rendendo nel contempo evidente ai medesimi la necessit di sistematizzarne l'uso'..
Di fatto si intuiva quel o che si poi rivelato ci su cui indispensabile lavorare da subito per poter impostare la Manutenzione secondo i principi del a Manutenzione 4.0.
Riflessione: si tratta effettivamente di nuovi principi o non, piuttosto di crescita esponenziale di risorse/potenzialit ' I TPM vs 4.0: rivoluzione o evoluzione ' Riflessione: si tratta effettivamente di nuovi principi o non, piuttosto di crescita esponenziale di risorse/potenzialit '
Nel 'ambito del 'evento
Workshop dell'Osservatorio TeSeM Digitalizzazione della gestione degli asset industriali e della manutenzione tenutosi il 12 ottobre 2017 presso lo Scalo Intercontinentale di Milano Malpensa, emerso con grande chiarezza che la maggioranza dei manutentori che intendono entrare nel mondo 4.0 prevede di farlo con approccio elaborativo e decisionale comunque presidiato dal 'Ingegneria di Manutenzione.
Tale approccio da ritenersi un'evoluzione del a TPM. I principi del a TPM rimangono validi in toto mentre quantit e qualit del e informazioni disponibili, letteralmente, esplodono.
Le tecniche di selezione, filtrazione ed elaborazione dei dati salgono di livel o. Segue un esempio tratto da un contesto maturo. . ~13% ~35% ~10% ~10% ~35% ~4 Months *Normalized impact = impact divided by number of variables in category Actionable levers Lever impact Oxygen to oil ratio Steam to oil ratio Density Oil flow Metal content Fe ed st oc k qua lit y Mg m t p ar ame te r Impact simulated adding the temperature impact ' as proxy of internal deposit Impact of each actionable lever on gasifier lifecycle duration (Per gentile concessione di Saras SpA) 2 Methodology Actionable variable estimation impact
running regression
analysis through
: ' estimation of single variable impact per
different cycle
period... ' ...adding the std deviation from the
mean value Formazione: pi che mai condizione necessaria L'Ingegneria di Manutenzione (IdM), per sua missione specifica, agisce e decide su basi oggettive (analitiche). Alle origini (dal a prima met degli anni '70 al primo decennio del secolo), il reperimento di informazioni realmente utilizzabili per un 'Progetto Manutenzione' fondato su basi analitiche costituiva forse la prima criticit.
Elemento rilevante: la ridotta disponibilit di dati non permetteva il ricorso ad elaborazioni statistiche sufficientemente attendibili. La Trend Analysis era lo strumento statistico pi diffuso.
Negli ultimi sette anni la quantit e la qualit del e informazioni disponibili (tecniche e gestionali), in crescita veramente esponenziale, sta di fatto ribaltando il problema.
Elemento rilevante: la gestione di flussi di dati massicci, di SW sofisticati, in grado di filtrarli, correlarli etc. richiede un aggiornamento professionale del 'IdM adeguato. La formazione in Statistica applicata al a Manutenzione dovr sistematicamente essere inserita nei programmi di Master e Corsi dedicati al a IdM. Conclusioni Le logiche TPM mantengono intatto il loro valore:
' Le relazioni tra le varie Funzioni Aziendali tipiche del a TPM rimangono validissime come principi, ma si realizzano sempre di pi come scambio di informazioni su cui decidere. ' Lo stesso vale per la validit degli strumenti di elezione del a TPM: FMECA e CMMS Nello scenario italiano in particolare permangono forti GAP di maturit aziendale e manutentiva. Per colmare o ridurre apprezzabilmente i GAP:
' La formazione teorica indispensabile, ma non basta. ' Non accessibile a tutti, in quanto richiede il possesso di basi matematiche avanzate ' Il tempo e la disponibilit dedicabili al o scopo sono di norma ridotti. Il learning by doing pu essere uno strumento prezioso Ancora una volta la partnership tra utenti e produttori di strumenti, sensoristica e SW costituisce un approccio vincente affinch la decisione vera sia comunque prerogativa dei Professionisti del a Manutenzione. Quando decideranno (effettivamente) l'automazione e/o i sistemi esperti, allora potremo effettivamente parlare di Rivoluzione.


In evidenza

ExxonMobil
Grassi Mobil™ - Formulati per fornire elevate prestazioni anche in condizioni operative estreme
SD Project
SPAC : Il Software per la progettazione Elettrica
2G Italia
Cogenerazione e trigenerazione dal leader tecnologico mondiale
select * from VERT_CONTENUTI as con left join VERT_UTENTI_AZIENDE as azi on con.iduteazienda = azi.iduteazienda where testataurl like '%%' or eventourl like '%'%' or testataurl like '%'eiomfiere.it%' or eventourl like '%'eiomfiere.it'%'
Array ( ) Array ( [0] => Array ( [0] => 42000 [SQLSTATE] => 42000 [1] => 102 [code] => 102 [2] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Incorrect syntax near 'eiomfiere'. [message] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Incorrect syntax near 'eiomfiere'. ) [1] => Array ( [0] => 01000 [SQLSTATE] => 01000 [1] => 16954 [code] => 16954 [2] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Executing SQL directly; no cursor. [message] => [Microsoft][ODBC Driver 13 for SQL Server][SQL Server]Executing SQL directly; no cursor. ) )
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186