verticale

A Palermo un centro di sterilizzazione marchiato Aermec

Il progetto della nuova centrale di sterilizzazione dell'Ospedale Civico di Palermo è stato curato dallo studio Ediltecnoclima (nelle persone dell'ingegner Gian Vincenzo Licata e dell'ing. Calogero Ciancimino) che ha trovato in Aermec e nell'agenzia palermitana seguita dall'ing. Salvatore Inzerillo l'interlocutore ideale, in grado di rispondere a tutte le necessità tecniche.

Scarica il PDF Scarica il PDF
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
La Termotecnica settembre 2011

Pubblicato
da Alessio Rampini




Settori: 

Parole chiave: 


Estratto del testo
a cura di Paola Mezzalira aziende & dintorni Aziende & Dintorni a cura di Aermec SpA A&D 48 lA termotecnicA settembre 2011 Tre piani, 15 dipendenti e sessantamila prestazioni an-
nue. Sono questi i numeri della centrale di sterilizzazione
dell''Ospedale Civico di Palermo, inaugurata a fine 2010.
Di fatto il più grande impianto di sterilizzazione di tutta
la Sicilia per gli strumenti chirurgici e per il materiale da
sala operatoria. I lavori sono durati quattro anni e alla
fine hanno consegnato ai cittadini un edificio in grado di
curare il processo di sterilizzazione degli arnesi chirurgici
come bisturi e pinze, di camici, teli e di tutta la biancheria
utilizzata in sala operatoria. l''intervento L''edificio che ospita la centrale di sterilizzazione si com-
pone di tre piani: il piano terra dove sono ubicati i locali
di sterilizzazione e i servizi, il primo piano destinato al
confezionamento e al deposito dei prodotti sterili e un
secondo piano adibito a sale didattiche e conferenze con
servizi annessi.
Gli impianti progettati e previsti hanno lo scopo di man-
tenere le condizioni microclimatiche interne di benessere,
i ricambi d''aria di rinnovo e i differenziali di pressione
tra i vari ambienti, come previsto dalle normative vigenti. Gli impianti Cinque le sezioni di impianto previste che possono così
essere suddivise: impianti a servizio dei locali di steri-
lizzazione ed annessi al piano terra e primo, impianti a
servizio dei locali al secondo piano, centrale frigorifera
e centrale termica. l''impianto a servizio dei locali di sterilizzazio-
ne ed annessi al piano terra e primo
è del tipo
a tutt''aria esterna trattata da unità a sezioni componibili
dotate di batterie di scambio ad acqua calda e refrigerata
poste in copertura del piano secondo. In considerazione
della tipologia strutturale dell''edificio, al fine di limitare
le sovrapposizioni di canalizzazioni e sfruttare al meglio
le possibilità di creare i montanti di mandata e ripresa
dell''aria, si è previsto l''utilizzo di un''unità a servizio dei
piani terra e primo, lato destro dell''edificio, con la se-
conda unità a servizio del lato sinistro. Ciascuna unità
di trattamento è del tipo adatto per installazione in set-
tore ospedaliero con interno sanificabile in acciaio AISI
304 e provvede alle seguenti funzioni: recupero di calore
dell''aria in espulsione a mezzo di recuperatore statico a
flussi incrociati; pre-filtrazione a mezzo filtro classe F7;
raffreddamento con deumidificazione a mezzo di batteria
ad acqua refrigerata; riscaldamento a mezzo di batteria
ad acqua calda; umidificazione a mezzo di vapore sterile
di rete; filtrazione di secondo stadio a mezzo filtri classe
F8. Ciascuna unità è dotata di ventilatori tipo ''plug fan'
che consentono, oltre ad una maggiore affidabilità, una
facile pulizia delle giranti, dei supporti e del vano di con-
tenimento e garantiscono, con accoppiamento a sistema
di comando con tecnologia inverter, un controllo accurato
delle portate di aria.
l''impianto a servizio dei locali al secondo pia-
no
si basa sull''installazione, nei vari ambienti, di mobiletti
ventilconvettori dotati di batterie ad acqua, con l''integra-
zione di un impianto di aria primaria dimensionato per
garantire i necessari ricambi aria di progetto. In funzio-
namento estivo l''aria primaria ha il compito di assicurare
il rinnovo dell''aria, il controllo dell''umidità relativa e la
neutralizzazione dei carichi estivi dovuti alla trasmissione.
I ventilconvettori forniscono le calorie per compensare le Aermec SPA - www.aermec.com Il progetto della nuova centrale di sterilizzazione dell''Ospedale
Civico di Palermo è stato curato dallo studio Ediltecnoclima (nelle
persone dell''ingegner Gian Vincenzo Licata e dell''ing. Calogero
Ciancimino) che ha trovato in Aermec e nell''agenzia palermitana
seguita dall''ing. Salvatore Inzerillo l''interlocutore ideale, in grado
di rispondere a tutte le necessità tecniche. A Palermo un centro di
sterilizzazione marchiato
Aermec
dispersioni e riscaldare l''aria primaria dalla temperatura
di immissione fino a quella ambiente; le macchine sono
dimensionate, al fine di limitare i quantitativi di aria in
circolazione negli ambienti ed evitare correnti fastidiose,
con riferimento alla bassa velocità dei ventilatori e sono
per installazione incassata in controsoffitto dotate di co-
mando per la scelta della velocità del ventilatore e della
temperatura.
In considerazione della disponibilità contemporanea di
acqua calda e refrigerata e della particolare destinazione
degli ambienti (sale riunioni ecc.) i mobiletti ventilconvetto-
ri sono stati dotati di batteria di riscaldamento e di batteria
di raffreddamento. Pertanto il sistema di regolazione delle
condizioni termo igrometriche ambiente, in considerazio-
ne delle esigenze variabili e non strettamente dipendenti
dalle condizioni esterne, è totalmente automatico e senza
cambio stagionale.
centrale frigorifera: l''acqua refrigerata necessaria
agli impianti per i processi di raffreddamento e deumidi-
ficazione viene prodotta da n. 2 gruppi refrigeratori con
condensazione ad aria posti nello spazio reso disponibile
sopra l''attuale centrale termica (NRL 1800 E 02). I due
gruppi sono del tipo con condensazione ad aria ad alto
rendimento, in versione super-silenziata e con compres-
sori ''scroll' funzionanti con gas ecologico R 410 A. In
particolare ciascun gruppo è dotato di 6 compressori
con un totale di 6 gradini di parzializzazione, dal 18 al
100% della potenzialità. I due gruppi consentono così,
con un funzionamento dal 9% al 100% della potenzialità
totale installata, una risposta lineare alle richieste variabili
degli impianti e sensibili risparmi nei costi di esercizio ai
carichi ridotti.
I gruppi contengono, cablati a bordo macchina, tutti gli
accessori idronici di funzionamento: elettropompe di cir-
colazione per circuiti primari, volano termico inerziale,
filtro di linea per acqua, vaso di espansione e gruppo di
riempimento impianto. Sono posti in parallelo e collegati,
a mezzo reti di tubazioni in acciaio nero s.s. correnti lungo
la facciata interna dell''edificio, ai collettori di spillamento
posti in copertura. Dai collettori partono i circuiti secondari, dotati di proprie
pompe di circolazione, per l''alimentazione del e varie
utenze. Sono stati realizzati 4 circuiti secondari così di-
stribuiti: -batteria di raffreddamento e deumidificazione dell''unità di trattamento a servizio dei locali sterilizzazione '' piano
terra e primo lato destro dell''edificio; -batteria di raffreddamento e deumidificazione dell''unità di trattamento a servizio dei locali sterilizzazione '' piano
terra e primo lato sinistro dell''edificio; -batteria di raffreddamento e deumidificazione dell''unità di trattamento aria primaria a servizio dei locali di piano
secondo; -circuito ventilconvettori di piano secondo. centrale termica: l''acqua calda necessaria agli im-
pianti per i trattamenti di riscaldamento e postriscalda-
mento è prodotta da un gruppo termico modulare, dotato
di bruciatori a premiscelazione funzionanti a gas metano,
posto in copertura nelle immediate vicinanze delle appa-
recchiature principali da servire.
Il gruppo è costituito da 3 moduli termici, di uguale po-
tenzialità posti in cascata e da un modulo con funzione di
compensatore idraulico del tipo a condensazione, a bassa
emissione di NOx, adatto per installazione all''esterno.
Detta scelta è motivata dalla esigenza di garantire una
necessaria indipendenza da altri impianti a servizio dell''e-
dificio ed una conseguente affidabilità di servizio, gestione
e controllo. A&D Aziende & Dintorni 49 lA termotecnicA settembre 2011 AERMEC SpA, fondata nel 1961 da Giordano Riello, è tra i leader mondiali nel set-
tore della climatizzazione. I suoi ventilconvettori, considerati di assoluta eccellenza
per il design, la qualità, le esclusive soluzioni tecniche, la silenziosità e la fruibilità
in ogni situazione ambientale, coprono quasi il 30% del mercato nazionale.
Oltre ai ventilconvettori, l''azienda ha più di 300 prodotti a catalogo, coprendo
ogni esigenza della moderna climatizzazione abitativa, commerciale e industriale,
spaziando dai deumidificatori portatili ai climatizzatori d''ambiente split system,
dai refrigeratori, alle macchine per impianti centralizzati di piccola, media e
grande potenza. In Italia i prodotti sono distribuiti da oltre 60 agenzie in esclusiva;
in Francia, Germania, Inghilterra, Olanda e Spagna Aermec distribuisce attra-
verso società partecipate o gestite direttamente, in Russia è presente un ufficio di
rappresentanza. Aermec ha ottenuto le certificazioni ISO 9001 e Vision 2000. a cura di Paola Mezzalira aziende & dintorni Aziende & Dintorni A&D 50 lA termotecnicA settembre 2011 Questa installazione presenta i seguenti vantaggi: -sensibile economia di gestione, in relazione alle esi- genze variali dell''impianto, sia per gli alti rendimenti
dovuti alle caratteristiche costruttive (gruppi a con-
densazione - rendimenti superiori al 98%) sia per la
modularità di funzionamento (dal 3% al 100 % della
potenzialità totale installata); -basse emissioni di inquinanti (classe 5 UNI EN 676);
-facilità ed economie di gestione per la tipologia di installazione dal momento che non è necessario rea-
lizzare una nuova canna fumaria fino alla copertura
e limitando le dispersioni termiche in considerazione
della vicinanza degli apparecchi utilizzatori. le macchine usate Gruppo frigorifero: Gruppo refrigeratore d''acqua
condensato ad aria con ventilatori assiali funzionante con
gas refrigerante ecologico R410A. Versione silenziata ad
alta efficienza (EER 2,44), dotata di 2 circuiti frigoriferi, 6
compressori tipo ''scroll' e 8 ventilatori a ridotta emissione
sonora. Tipologia di riferimento: AERMEC mod. NRL 1800
E 02.
Gruppo termico: è del tipo modulare a condensazione
adatto per un''installazione all''esterno.
I bruciatori, funzionanti a gas metano, sono ad aria soffiata
a premiscelazione con un rapporto aria-gas costante e
bassa emissione di NOx. Il vano di contenimento dei com-
ponenti è in acciaio inox, a tenuta con grado di protezione
elettrica IPX4D. Il gruppo termico, adatto per funziona-
mento in cascata, deve garantire una parzializzazione
dal 3% al 100% della potenza totale installata. Tipologia
di riferimento: Beretta mod. Power Plus Box 200 (3 elem.
+ modulo compensatore).
Unità di trattamento aria locali sterilizzazione:
la centrale di trattamento dell''aria a servizio delle zone
sterilizzazione è a sezioni componibili, adatta per instal-
lazione all''esterno, con telaio portante, esternamente ed
internamente arrotondato e chiuso a doppia camera, in estruso di lega di alluminio. I pannelli di tamponamento
sono fissati senza viti, con profili ferma pannello e con por-
tine apribili su cerniera dotate di maniglie auto serranti con
chiusura a chiave. Le prestazioni termiche, la resistenza
meccanica, il trafilamento dell''aria e l''isolamento acustico
devono rispecchiare quanto richiesto dalla norma EN 1886
e sono essere certificate Eurovent.
La superficie esterna è in acciaio zincato e pre-verniciato,
quella interna in acciaio inox AISI 304. I pannelli, dello
spessore minimo di 50 mm, sono isolati con poliuretano
iniettato 45 kg/m3.
La centrale è dotata di basamento in robusto profilato di
acciaio zincato e dovrà rispondere ai principi di sicurezza
espressi dalla direttiva macchine 98/37 CE.
Tipologia di riferimento: Aermec mod. NCT 16
Unità di trattamento aria primaria: l''unità di tratta-
mento dell''aria primaria a servizio degli impianti di piano
secondo è a sezioni componibili, adatta per installazione
all''esterno, con telaio portante, esternamente ed interna-
mente arrotondato e chiuso a doppia camera, in estruso
di lega di alluminio.
I pannelli di tamponamento sono fissati senza viti, con
profili ferma pannello, e con portine apribili su cerniera
dotate di maniglie auto serranti con chiusura a chiave.
Tipologia di riferimento: Aermec mod. NCT 04.
mobiletti ventilconvettori: sono a ''cassette' per in-
stallazione a incasso su controsoffitto modulare standard
600x600 mm, dotati di batteria di raffreddamento a 3
ranghi e batteria di riscaldamento ad 1 rango, per versione
a 4 tubi, di valvola di regolazione a 3 vie sulle batterie di
scambio, di bacinella di raccolta e pompa di sollevamento
condensa e filtro rigenerabile.
La ventola, costruita per bassa emissione sonora, è di tipo
assialcentrifugo a 3 velocità. Il funzionamento standard di
ciascuno degli apparecchi, per limitare l''emissione sonora
e la portata d''aria in circolazione, è stato settato alla mini-
ma velocità di rotazione.
Tipologia di riferimento: Costruzione Aermec mod. FCL -
gr. 34/gr. 38.


© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186